Header ADS

Antonio DI GENNARO, il 'Bell'Antonio' o più semplicemente il 'DiGe': All'HELLAS dal 1981 conquisto subito la promozione in Serie A con mister BAGNOLI poi il tricolore ed il Mondiale in Argentina nell'86! 7 stagioni con la maglia scaligera, 182 presenze e 18 gol da geniale regista del gioco...

Antonio Di Gennaro

Data di nascita:5/10/1958
Luogo di nascita:Firenze (FI)
Nazionalità:Italiana
Ruolo:Centrocampista
Altezza:177 Cm
Peso:72 Kg
Posizione:
CARRIERA DA ALLENATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteRuolo 
Milan2001 - Nov. 2001A-Allenatore 
Fiorentina2000 - 2001A-Vice all. 

CARRIERA DA GIOCATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Barletta1991 - 1992C1283 
Bari1990 - 1991A170 
Bari1989 - 1990A151 
Bari1988 - 1989B323 
Hellas Verona1987 - 1988A201 
Hellas Verona1986 - 1987A233 
Hellas Verona1985 - 1986A253 
Hellas Verona1984 - 1985A294 
Hellas Verona1983 - 1984A264 
Hellas Verona1982 - 1983A261 
Hellas Verona1981 - 1982B332 
Perugia1980 - 1981A243 
Fiorentina1979 - 1980A112 
Fiorentina1978 - 1979A213 
Fiorentina1977 - 1978A80 
Fiorentina1976 - 1977A40 
FiorentinaFino al 1976Giovanili-- 

Pareggio d'astuzia col TORINOTerra-Aria dal limite dritto nel sette!

NEWS E CURIOSITÀ +   -   =
Antonio DI GENNARO, per i tifosi scaligeri più semplicemente il DiGe o il Bell'Antonio, era il vero e proprio direttore d'orchestra di quelle trame di gioco efficacissime che portarono il VERONA in cima alla classifica del 'Campionato più Bello del Mondo'.
Ogni palla passava dai suoi piedi, ogni movimento di gioco regolato dalla sua testa, ogni schema suggerito dalle sue geometrie... Insomma DI GENNARO era un po' quello che oggi verrebbe detto l'allenatore in campo.

SCUOLA VIOLA
Nato è cresciuto a Firenze esordì appena 18enne con la FIORENTINA in Serie A e fin da subito dimostrò quanto il suo talento di playmaker a centrocampo fosse da tenere in considerazione ma in quegli anni calcava i campi con la maglia gigliata anche un altro 'mostro sacro' del calcio italiano ed internazionale, quel Giancarlo ANTOGNONI che fu tra i migliori interpreti di sempre nel ruolo di regista: Era chiaro che, per 'sbocciare' completamente, Antonio avrebbe dovuto emigrare in cerca di onori e gloria in un'altra squadra dove fosse possibile giocare stabilmente e crescere.
Così, dopo quattro stagioni (alla media di 11 presenze a stagione) e 5 gol in viola con apparizioni e convocazioni nelle nazionali giovainili, DI GENNARO fu ceduto al PERUGIA che in quegli anni disputava ottime stagioni nella massima serie di calcio italiana.
L'avventura del DiGe con i Grifoni si chiude però dopo una sola stagione al termine della quale la squadra biancorossa arriva al 15° posto e deve abbandonare la Serie A conquistata sei anni prima.

RICOMINCIARE A 23 ANNI NEL VERONA...
A 23 anni il giovane talento fiorentino ritrova frustrate ancora una volta le proprie aspirazioni ma il fato, che da una parte gli ha appena tolto la Serie A, dall'altra gli concede la possibilità di ricominciare con una squadra nella quale arrivava proprio nella stagione 1981-1982 dal CESENA Osvaldo BAGNOLI: l'HELLAS VERONA!
Sotto la guida del tecnico milanese, la squadra gialloblù che solo un anno prima aveva rischiato la C1, vince il campionato cadetto e conquista la promozione in Serie A: Il Bell'Antonio è tra i protagonisti, gioca da 'faro del centrocampo' e contribuisce all'esaltante risultato finale con due gol.
Con gli scaligeri il regista avrà le più grandi soddisfazioni della sua carriera conquistando il campionato italiano e la Nazionale italiana con la quale disputò i Mondiali in Argentina nell'86, dopo 7 stagioni, 182 presenze e 18 gol l'addio e l'approdo al BARI a 30 anni.
Con i pugliesi ancora una promozione in Serie A nella stagione 1988-1989 ed il ruolo di playmaker della mediana per altre due stagioni nella massima serie di calcio italiana per poi terminare la carriera in C1 col BARLETTA...

ALLENATORE POCO FORTUNATO
Non particolarmente fortunata la sua carriera da allenatore: Nel 2000-2001 fa da secondo al tecnico Fatih TERIM alla FIORENTINA ma si dimette insieme al suo mentore dopo che la dirigenza viola esonera il capo coach.
Poco dopo i due si trasferiscono al MILAN e DI GENNARO esordisce in panchina in Europa con i rossoneri a causa della squalifica dell'allenatore turco: Porterà a casa due vittorie contro il BATE BORISOV ma a Novembre i due vennero di nuovo esonerati...

Attualmente è commentatore televisivo di partite di calcio per Sky; questo è il suo profilo Facebook ufficiale.

[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =
  • Hanno ucciso il VERONA! Il VERONA è morto! Così esordiva il 'DiGe' intervistato da De Pietro su Radio Verona: L'HELLAS arrivava dall'imbarazzante caduta interna contro il LEGNANO (che non aveva infierito oltre al 'Bentegodi' dopo un incredibile 3 a 0 facendosi recuperare due gol negli ultimi minuti) con SARRI in panchina che non sapeva più che pesci prendere ed il diesse GALLI che lo difendeva a spada tratta...
    Qui trovate l'intervista completa con l'ex direttore del centrocampo scaligero che se la prende un po' con tutti (ed un mio sfogo personale per delle parole che erano destinate a rimanere solo parole...)
  • Marzo 1988: Quelli sono forti... Molto forti! L'HELLAS aveva perso di misura al 'Binti' contro il WERDER BREMA (a quel tempo capoclassifica in Bundesliga) la partita di andata dei quarti di finale di Coppa UEFA e io ero andato a vedere un allenamento poco prima del ritorno che si sarebbe disuptato il 15 (1 a 1 in Germania, per gli scaligeri pareggiò VOLPECINA): Avrei dovuto compiere 17 anni a giorni e al 'DiGe' feci una domanda che mi uscì più come una preghiera 'Con i tedeschi ce la facciamo vero?'.
    Mi aspettavo una risposta secca e convinta ma nei pochi secondi in cui Antonio decise se 'condirmi' la realtà o prepararmi ad una grossa delusione con del sano realismo già intuii la risposta 'Non lo so... Quelli sono forti... Molto forti...'
    Me lo ricordo ancora che si allontana verso l'allenamento all'antistadio senza darmi possibilità di replica: Ci rimasi malissimo!
  • 28 Ottobre 1984: Prima convocazione azzurra! Dopo la vittoria sui viola in campionato, il 'Bell'Antonio' viene chiamato a vestire la maglia azzurra dal cittì Bearzot per l'amichevole che la Nazionale avrebbe disputato a Losanna contro la Svizzera sei giorni più tardi; finì 1 a 1 (per l'ITALIA segnò CABRINI) ed il 'play' diresse le operazioni per tutta la gara...

Antonio Di Gennaro
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Di Gennaro (Firenze, 5 ottobre 1958) è un ex calciatore e commentatore televisivo italiano, opinionista televisivo per Sky Sport.

Preben Elkjær Larsen (Copenaghen, 11 settembre 1957) è un ex calciatore danese, di ruolo attaccante.
Ha sfiorato la vittoria del pallone d'oro nel 1985 arrivando secondo dietro al solo Michel Platini, e l'anno prima, nel 1984, arrivò terzo dietro al duo francese Platini-Tigana.

Carriera
- Gli esordi
Centrocampista con caratteristiche da regista, esordì a 18 anni con la Fiorentina, squadra nella quale militò dal 1976 al 1980: fra i viola Di Gennaro era anche "chiuso" da Giancarlo Antognoni, che gli impediva di fatto di giocare e quindi rimase spesso in panchina [1]. Durante il periodo fiorentino, Di Gennaro raccoglie le prime convocazioni in Nazionale per le selezioni Under-21 e Olimpica[senza fonte], senza però mai scendere in campo (aveva collezionato 12 presenze con la Nazionale Juniores).[senza fonte] Fu ceduto al Perugia. In Umbria restò una sola stagione, l'anno 1980-1981, che si concluse con la retrocessione del Perugia.

- Gli anni a Verona
L'anno successivo passò all'Hellas Verona, squadra nella quale militò dal 1981 al 1988. Sulla panchina scaligera, quell'anno, era arrivato Osvaldo Bagnoli, che portò la squadra in Serie A ed ebbe un importante influsso sulla maturazione del giocatore[2]. Dopo lo scudetto conquistato dai veneti nel 1984-1985, Di Gennaro fu convocato in Nazionale per la partita di Losanna contro la Svizzera. Quella per il match contro gli elvetici fu la prima di quindici convocazioni, che videro il centrocampista toscano segnare quattro gol. In azzurro fu convocato per i Mondiali in Messico del 1986.

- Gli anni a Bari
Nel 1988 l'Hellas cedette, anche per problemi finanziari, quella che i tifosi consideravano una bandiera[1] e così Di Gennaro passò al Bari, restandovi fino al 1991 e diventando capitano della squadra biancorossa. A fine carriera, nel 1991-1992, giocò una stagione nel Barletta.

Dopo il ritiro
Nel 2000-2001 diventò secondo allenatore della Fiorentina di Therim, ma viene licenziato durante la stagione 2000-2001, dopo la crisi che portò alle dimissioni di Fatih Terim. Successivamente è diventato un commentatore televisivo per SKY Sport, spesso al fianco di Maurizio Compagnoni.

Palmarès
- Club
Campionato italiano di Serie B: 1 Verona: 1981-1982
Campionato italiano: 1 Verona: 1984-1985

Antonio Di Gennaro
From Wikipedia, the free encyclopedia
Antonio di Gennaro (born 5 October 1958 in Florence) is a former Italian footballer.
During his career, the midfielder played for Fiorentina (1976–80), Perugia (1980–81), Hellas Verona (1981–88) and Bari (1988–91). Whilst at Verona he was a member of the side that won the Serie A title in 1984-85.
Di Gennaro earned 15 caps and scored 4 goals for the Italy national football team between 1984 and 1986,[1] including playing in all four Italian matches at the 1986 FIFA World Cup. He made his international debut on 3 November 1984, and all 15 of his caps were won whilst he was playing his club football with Verona

FONTE: Wikipedia.org