Fabio MARANGON: Tre presenze, uno scudetto!

Fabio Marangon
Data di nascita:04/01/1962
Luogo di nascita:Quinto di Treviso (TV)
Nazionalità:Italiana
Ruolo:Difensore
Altezza:170 Cm
Peso:65 Kg
Posizione:
CARRIERA DA GIOCATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Triestina1989-1990B20 
Hellas Verona1989-Ott. 1989A00 
Hellas Verona1988-1989A22 (+8CI)0 (+2) 
Sambenedettese1987-1988B352 
Hellas Verona1986-1987A16 (+3CI)0 (+0) 
Hellas Verona1985-1986A60 
Hellas Verona1984-1985A3 (+7CI)0 (+0) 
Alessandria1983-1984C2261 
Sanremese1982-1983C1262 
Lanerossi Vicenza1981-1982C1250 
Prato1980-1981C1182 
Juventus1979-1980A10 
Giovanili JuventusFino al 1979--- 
LEGENDA: CI=Coppa Italia

NEWS E CURIOSITÀ +   -   =
Se il fratello Luciano (che lo consigliò a BAGNOLI) era il classico festaiolo sempre allegro e caciarone, Fabio di 6 anni più giovane era proprio all'opposto timido e riservato ma fu tenuto comunque in gran considerazione dal mister che nell'anno dello scudetto lo fece esordire proprio contro quella JUVE dalla cui scuola proveniva: Leggenda vuole - ad ulteriore riprova dell'estrema fiducia riposta nel ragazzo dal tecnico scaligero - che proprio il difensore, non ancora 22enne, scelse chi marcare tra la temutissima coppia di attaccanti bianconera formata da 'Pablito' ROSSI (su cui cadde la preferenza di MARANGON II che quel giorno giocò una gran partita) e Massimo BRIASCHI.

Alla fine furono 3 le presenze in gialloblù nel 1984-85 per Fabio che, esordiente in Serie A a soli 18 anni, probabilmente non sviluppò mai appieno le grandi potenzialità che sembrava avere... Poche le presenze anche nell'86-'87, qualcuna in più nell'annata successiva in cui comunque il giocatore non convince del tutto, poi i prestiti e la chiusura di carriera alla TRIESTINA a soli 28 anni.

ALLA JUVE PROMETTE TANTISSIMO MA POI NON MANTIENE...
A soli 18 anni Fabio esordisce in Serie A in JUVENTUS 3-0 FIORENTINA dell'11 Maggio 1980 ma quella rimane l'unica presenza coi bianconeri per il giocatore che successivamente viene mandato a farsi le ossa nei campetti della C con PRATO, LANEROSSI VICENZA, SANREMESE ed ALESSANDRIA.

Nella stagione 1984-1985 la grande opportunità al rampantissimo HELLAS VERONA di quegli anni agli ordini del maestro BAGNOLI ma, a parte l'esordio contro la JUVE (in cui annullò Paolo ROSSI centravanti dei bianconeri protagonista in azzurro ai Mondiali in Spagna due anni prima) e la gioia finale per il tricolore, MARANGON II ha ben poco da ricordare di quella stagione.

Poco meglio nelle stagioni successive fino al prestito alla SANBENEDETTESE in cadetteria nella stagione 1987-1988: 35 presenze, 2 gol ed una verve che sembra ritrovata ma al ritorno in gialloblù, nella stagione successiva, il difensore parte sempre come seconda scelta fino alla chiusura di carriera a Trieste nell'annata di Serie B 1989-1990.

Questa la pagina Facebook creata dai tifosi di Fabio.

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =
  • Mi manda Luciano Fabio fu sponsorizzato all'HELLAS da suo fratello Luciano che parlò bene di lui al mister come confida il calciatore in questa intervista a LArena.it Mio fratello Luciano parlò molto bene di me a Bagnoli. Sapevo che venendo a Verona non ci sarebbe stato tanto spazio, ma feci in tempo a vincere lo scudetto e quella fu una grandissima soddisfazione. L'importante era esserci
  • Marangon II questa la dicitura ufficiale per i giocatori di calcio 'fratelli minori di' per distinguerli tramite cognome dagli altri
  • Chi vuoi marcare tra ROSSI e BRIASCHI? Questa fu la domanda che mister BAGNOLI, a corto di alternative in difesa, rivolse al giovane calciatore che non si tirò certo indietrò: Scelse Pablito e vinse alla grande la singolar tenzone...
  • Esordio in Serie A a soli 18 anni in JUVENTUS 3-0 FIORENTINA dell'11 Maggio 1980 ma quella rimase l'unica presenza coi bianconeri per Fabio che probabilmente non sviluppò mai appieno le grandi potenzialità che sembrava avere...

Fabio Marangon
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fabio Marangon (Quinto di Treviso, 4 gennaio 1962) è un ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera
Fratello minore di Luciano, anche lui calciatore, crebbe nelle giovanili della Juventus, con la cui maglia esordì in Serie A l'11 maggio 1980; successivamente giocò con Prato, Lanerossi Vicenza, Sanremese e Alessandria in Serie C.

Tra il 1984 e il 1990, con l'eccezione di un campionato alla Sambenedettese, giocò nel Verona, con cui vinse lo storico scudetto della stagione 1984-1985. Chiuse la sua carriera con la Triestina nel 1990.

Palmarès
- Competizioni nazionali
   Campionato italiano: 1 Verona: 1984-1985
   Coppa Italia Serie C: 1 L.R. Vicenza: 1981-1982

Fabio Marangon
From Wikipedia, the free encyclopedia

Fabio Marangon (born January 4, 1962 in Quinto di Treviso) is a retired Italian professional football player.
His older brother Luciano Marangon played for the Italy national football team. To distinguish them, Luciano was referred to as Marangon I and Fabio as Marangon II.

Honours
- Serie A champion: 1984/85

FONTE: Wikipedia.org

🎂 Tanti auguri Fabio! 🎂
Oggi l'ex difensore gialloblù Fabio #Marangon compie 56 anni! pic.twitter.com/WprRVUIMF5

— Hellas Verona FC (@HellasVeronaFC) 4 gennaio 2018

05.11.2011
Luciano disse a Bagnoli «Prenda mio fratello...»
Primo e secondo. Quando vanno in campo, ci si affida ai numeri per classificarli. E loro due ebbero la grande fortuna di vivere l'anno magico del Verona di Bagnoli. Eccoli in un piccolo ritratto dell'epoca. Poche parole. Maragon I°: difensore squadrato, a tratti elegante, macina chilometri e ama l'affondo. Marangon II°: difensore di prospettiva, sa leggere l'avversario, il tempo dirà. Luciano e Fabio Marangon sono diventati i fratelli dello scudetto. Bella storia la loro. Legata al Verona dell'Osvaldo. Perchè non capita a molti di condividere nel nucleo familiare, così da vicino, uno storico evento come quello della stagione '84-'85.

Luciano, più vecchio di sei anni rispetto al fratello, condusse un campionato da protagonista. Per lui 29 presenze e due reti. La più importante a Torino contro i granata. Sempre presente, sempre titolare. Fabio, in quel Verona, assunse il ruolo del comprimario. Era giovane il ragazzo. Ventitre anni, e tanti campioni davanti. Tuttavia, anche sul suo petto si cucì lo scudetto della grande sorpresa veronese. Fabio raccolse appena tre presenze. Quanto basta, però, per dire: c'ero anch'io. E poi quelli erano tempi in cui il turnover non esisteva. E in campo stavano in undici, al massimo dodici. Prima di lui, tra l'altro, s'alzavano dalla panchina Bruni, Turchetta e Donà.

L'esordio fu contro la Lazio all'Olimpico. Autorete di Podavini, su conclusione di Nanu Galderisi. Quasi trent'anno dopo la confessione.
"Mio fratello Luciano – confida Fabio – parlò molto bene di me a Bagnoli. Sapevo che venendo a Verona non ci sarebbe stato tanto spazio, ma feci in tempo a vincere lo scudetto e quella fu una grandissima soddisfazione. L'importante era esserci".
E da quel 12 maggio '85 i Marangon posso vantarsi dell'appellativo di fratelli scudetto. Per pochi, per quelli che se lo meritano. Aiutati dal destino e da una buona stella. S.A.

FONTE: LArena.it


L'altra Juve
Gli anonimi della Juve: Fabio Marangon
Pubblicato il 9 luglio 2008
Fabio Marangon è nato a Quinto (Trevlso) il 4 gennaio 1962; è alto 1,70 e pesa 65 kg.; ha esordlto in serie A 1’11 maggio 1980 (Juventus-Fiorentina 3-0); come Il fratello Luciano ha iniziato la carriera nelle giovanili della Juventus, per poi essere dirottato nella stagione 1980-81 (con la maglia blanconera l’anno prima aveva disputato soltanto la partita d’esordio) nella serie C; in questa serie ha disputato quattro campionati, cambiando quattro società, Prato, Vlcenza, Sanremese e Alessandria, per 95 partite e 5 gol; il Verona l’ha acquistato all’inizio della stagione.

Bagnoli l’ha fatto esordire a Torino, proprio contro quella Juventus con cui cinque anni prima Fabio Marangon, fratello di Luciano, aveva vissuto la sua prima presenza in serie A. E, a testimonianza della sua stima, il tecnico aveva detto al ragazzino: «Scegli tu se preferisci marcare Rossi o Briaschi». E lui scelse, annullandolo, Rossi. Il tutto può testimoniare il carattere, l’equilibrio di Fabio Marangon che, a parte la classe, sembra essere l’esatto contrario del fratello come mentalità e carattere. Ma appare avviato a ripercorrerne la brillante carriera.

FONTE: LAltraJuve.MyBlog.it

0 commenti:

Posta un commento

Supporta il blog BONDOLA/=\SMARSA!

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


#AtalantaVerona Di Carmine

#AtalantaVerona highlights


Archivio