Subscribe Us

#CalcioMercato A bocce ferme analizziamo il mercato scaligero e l'ossatura della squadra tra nuovi arrivi e veterani di valore; rimango tuttavia convinto che il miglior acquisto fatto sia stato quello in panchina...


#CalcioMercato +   -   =

...E a 10 minuti dalla fine, quando ormai in tanti non ci speravano più e si erano rassegnati ad affrontare i prossimi cinque mesi (almeno) con una squadra monca in attacco, ecco Gianluca Di Marzio annunciare la firma sul contratto di STĘPIŃSKI.
Habemus papam (e mi si perdoni il mix tra sacro e profano) il che non vuol dire salvezza sicura certo ma il potersela giocare ad armi pari con le altre... Spero proprio di sì! E in fondo questo, solo questo, si pretende dai gialloblù, non vincere tutte le partite ma fare il massimo per provarci, uscire dal campo avendo dato tutto e, nel peggiore dei casi, anche retrocedere ma con onore, senza calar le brache già a Novembre; un po' come è successo al VERONA nelle ultime due stagioni di Serie A (e se è per questo anche con GROSSO in panca nell'ultimo campionato di Serie B).

A bocce ferme in ogni caso, più ci penso e più credo che l'acquisto più importante sia stato fatto in panchina, perchè va bene i difensori forti per non subire più gol del consentito, va bene l'attaccante che la cacci dentro e non sbagli quand'è il momento giusto, va bene anche il centrocampo col ragionatore e i mediani a far legna ma se prima di tutto, al timone, non hai uno con le idee chiare non vai da nessuna parte come hanno evidentemente dimostrato GROSSO (nel male) e AGLIETTI (nel bene) nella passata stagione.

Vero è che serve anche un pizzico di fortuna, senza la quale ogni impresa umana è impossibile, però la fortuna va aiutata, o quanto meno non ostacolata soprattutto se le risorse economiche sono quelle e le dirette concorrenti sembrano potersi permettere quello che a te è precluso come il BRESCIA con BALOTELLI ma anche RÔMULO per dirne una ma anche il LECCE con MANCUSO e BABACAR per citarne un'altra e solo per ricordare le neopromosse senza analizzare i casi relativi a SPAL, PARMA e magari anche BOLOGNA, tutte squadre di città non così lontane dalla realtà calcistica di Verona che al momento sembrano però irraggiungibili quanto a organizzazione societaria e progetti di consolidamento...

Ma rimaniamo a noi e analizziamo quale HELLAS esce dal mercato:


DIFESA
È il reparto che è stato maggiormente ritoccato e quello che era evidentemente inadeguato per la Serie A visto che, anche in cadetteria, aveva palesato qualche difficoltà di troppo con i chiari di luna di MARRONE ma soprattutto con una fase difensiva di squadra praticamente inesistente.


  • ACQUISTO TOP: Sicuramente BOCCHETTI anche se in questo primo scorcio di stagione non è mai partito titolare è l'uomo di maggior prestigio ed esperienza del reparto, quando sarà pronto, dopo una preparazione difficoltosa, potrà fare di sicuro la differenza.
  • SORPRESA: Troppo facile indicare KUMBULLA, ho ricevuto invece sensazioni molto positive anche da RRAHMANI in attesa di vedere all'opera ADJAPONG
  • INCOGNITA: L'ultimo arrivato WESLEY che ricorda un po' troppo da vicino gli improbabili WINCK e GILBERTO (e non solo per la provenienza geografica) ma anche i 'veterani' EMPEREUR e DAWIDOWICZ sempre in bilico tra la buona prestazione e il disastro...


CENTROCAMPO
Mi è dispiaciuto non poco l'allontamento di CALVANO (rimango convinto che con un allenatore diverso in panca le cose sarebbero potuto andare ben diversamente) che come seconda/terza scelta sarebbe potuto tornare utile ma gli arrivi di BADU, AMRABAT, VELOSO e VERRE assicurano al mister una buona varietà di scelte senza contare l'apporto che potrebbe tornare a dare BESSA.


  • ACQUISTO TOP: Certamente VELOSO! Con lui in cabina di regia siamo tornati a vedere qualcuno in grado di prendere per mano la squadra e dettare i ritmi proponendo in campo le trame pensate da JURIĆ nella preparazione delle partite. Qualche volta le ciambelle riusciranno col buco, altre meno, ma in generale uno così è tanta roba che in più, su palla inattiva, sa pure far male come ha dimostrato al debutto in gialloblù. Dietro di lui metterei Ercolino BADU che sfortunatamente s'è fermato sul più bello: Gli auguriamo di tornare al più presto!
  • SORPRESA: Sicuramente AMRABAT saltato fuori quasi dal nulla in una situazione disperata col BOLOGNA è entrato in campo pieno di fervore agonistico esaltando il Bentegodi, e poi PESSINA il cui percorso di carriera è stato un po' accidentato ma, a mio modesto avviso, avrebbe avuto tutto per essere titolare nel centrocampo dell'ATALANTA. Accanto ai due nuovi arrivati metto però anche il 'vecchio' ZACCAGNI che mi piace da morire e la Serie A ancora non ha scoperto: Godiamocelo finchè ancora vestirà il gialloblù!
  • INCOGNITA: Tra i nuovi metto LAZOVIĆ e VERRE; il primo ha sicuramente caratura e doti adatte alla categoria ma la sensazione è che potrebbe fare di più e per una serie di motivi non ci riesce, il secondo rischia di rimanere un'eterna promessa a meno che non decida finalmente a prendersi il suo destino tra le mani ed imporsi anche in Serie A. Tra i vecchi BESSA, che è rimasto forse obtorto collo ma che meriterebbe finalmente chiarezza da parte della società e HENDERSON che comunque ha dato segnali di ripresa dopo la fase di letargo passata con GROSSO.


ATTACCO
PAZZINI guarda tutti dall'alto dei suoi 100 e più gol in carriera ma al momento, secondo JURIĆ e il suo staff, non ha una condizione in grado di sostenerlo in una media gara di Serie A: Attendiamo fiduciosi che il Capitano lavori al meglio e dimostri ancora a tutti il suo valore a 35 anni. Nel frattempo STĘPIŃSKI e TUTINO rappresentano rinforzi importanti sperando che DI CARMINE non ricada in vecchie paturnie...


  • ACQUISTO TOP: Per forza di cose STĘPIŃSKI, non certo un bomber (almeno non ancora), sicuramente non un top-player al momento fuori portatata per Via Olanda, ma uno che in Serie A ha dimostrato di saper lottare e giocarsela con i colleghi militanti nella metà di destra della classifica certamente sì.
  • SORPRESA: Attenzione a TUTINO, il ragazzo s'era un po' perso ma aveva e ha le doti tecniche per giocare in Serie A, BRAGLIA a Cosenza l'ha incanalato nella direzione giusta, con JURIĆ potrebbe esplodere definitivamente.
  • INCOGNITA: SALCEDO ha buoni numeri ma a 17 anni perdersi è più facile che sacrificarsi e affidarsi a chi ha maggiore esperienza di te. Tra i vecchi metto DI CARMINE, uno che caratterialmente potrebbe incappare di nuovo nel 'cunicolo depressivo' che l'aveva assorbito nella passata stagione: AGLIETTI l'aveva recuperato a nuova vita ma ora Alfredo non c'è più, Samuel ha iniziato con un infortunio e STĘPIŃSKI potrebbe rappresentare per lui un nuovo PAZZINI...


Complessivamente darei al diesse D'AMICO un 6 pieno perchè, di riffe o di raffe, conta l'essere arrivati all'obiettivo STĘPIŃSKI e chiedo scusa al presidente SETTI che per me sarebbe eternamente rimandato a Settembre visti i trascorsi, le incredibili uscite mediatiche e le toppe che sono state anche peggiori dei clamorosi buchi.

Come anticipato è secondo me fondamentale avere finalmente in panchina un uomo che da pane al pane e vino al vino, senza inutili fronzoli, che risponde alle domande dei media senza raccontare la rava e la fava ma andando dritto al punto, smontando in partenza potenziali casi spacca-spogliatoio che dalle nostre parti sembrano essere sempre dietro l'angolo.

Piena fiducia nel mister, ad esempio, per la rivalorizzazione di Daniel BESSA, uno che ha dimostrato di poterci stare in A e con un po' di chiarezza da parte della società può ancora disputare una grande stagione da qui a Giugno ma anche solo fino a Gennaio se così sarà, oppure per il recupero di Gianpoalo PAZZINI uno che potrà ancora dire la sua una volta riconquistata la forma migliore...

Il resto è, come sempre, nelle capricciose mani del dio del calcio.

L'evoluzione del mercato, dalla fine della stagione 2018-19

[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =

Il presidente SETTI intercettato da Sky Sport al termine del calciomercato «È stata una trattativa complicata per Stepinski perché passare da una sponda all’altra della città di Verona, è un discorso importante. Questa idea l’avevamo da tempo, abbiamo lavorato sottotraccia proprio per ottenere questo risultato e alla fine ce l’abbiamo fatta. Era il giocatore che volevamo e ci siamo riusciti. Ha grandi potenzialità. Per il futuro potrebbe anche essere una grande plusvalenza. Stepinski è la ciliegina sulla torta di questo mercato ed è quel tipo di giocatore che mancava nel nostro organico» HellasLive.it



IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

VITA DA EX: Nella prossima gara dopo la sosta il VERONA contro il MILAN rivedrà Ante REBIĆ nuovo acquisto rossonero.
Rolando AARONS in presto ai WYCOMBE WANDERERS fino a Gennaio. HEURTAUX riparte dalla SALERNITANA in Serie B, RÔMULO passa in prestito dal GENOA al BRESCIA. Prestito secco e ritorno in cadetteria per VIVIANI dalla SPAL al LIVORNO mentre i ferraresi si assicurano SALA dalla SAMPDORIA a titolo definitivo.