Subscribe Us

Le schede di B/=\S: Luca MARRONE

Luca Marrone

Nato a/il:Torino il 28/03/1990
Nazionalità:Italiana
Contratto:Definitivo fino a Giugno 2021
Ruolo:Centrocampista
Altezza:186 Cm
Peso:75 Kg
Posizione:
CARRIERA DA GIOCATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Crotone2019 - 2020B263 
Hellas Verona2018 - 2019B23 (+2CI)0 (+0) 
Bari2017 - 2018B33 (+1PO)1 (+0) 
Zulte Waregem2016 - 2017JPL15 (+10PO + 3CB)0 (+0 +1) 
Hellas VeronaGen. 2016 - 2016A120 
Carpi2015 - Gen. 2016A9 (+4CI)1 (+0) 
Juventus2014 - 2015A00 
Sassuolo2013 - 2014A150 
Juventus2012 - 2013A10 (+4CI +1CL)1 (+0 +0) 
Juventus2011 - 2012A3 (+3CI)1 (+0) 
Siena2010 - 2011B18 (+1CI)1 (+0) 
Juventus2009 - 2010A20 
Giovanili Juventus1998 - 2010--- 
Giovanili Lascaris1995 - 1998--- 
LEGENDA: CI=Coppa Italia, CL=Champions League, JPL=Jupiler Pro League (Serie A Belga), PO=Play off, CB=Coppa del Belgio

NEWS E CURIOSITÀ +   -   = 4 Agosto 2018
...Dove eravamo rimasti? Per quanto riguarda ero rimasto con l'amaro in bocca e quella retrocessione del 2016 alla quale mi ero rassegnato già a Novembre nonostante l'allontanamento di mister MANDORLINI e l'arrivo a Dicembre di Gigiao DELNERI: Troppe magagne in quella squadra per pensare a qualcosa di diverso nonostante l'allenatore di Aquileia avesse dato ad un certo punto l'impressione di poter raddrizzare una barca che faceva acqua da tutte le parti... Ecco, tra quelli arrivati a Gennaio, Luca e SAMIR (il REBIĆ ammirato ai mondiali il mese scorso era ancora davvero poca cosa) furono gli unici che mi dispiacque non poter vedere nella successiva B.
Immaginate quindi la mia soddisfazione nel poter ammirare ancora MARRONE in maglia gialloblù! E stavolta il VERONA ha pure l'obbligo di riscatto: Auguro il meglio al regista di scuola JUVE per questa sua nuova avventura in maglia scaligera sperando ovviamente che trovi un po' di pace ed una sua dimensione visto che dal 2012 cambia mediamente più di una squadra l'anno...

Di seguito la sua scheda dell'1 Febbraio 2016 data del suo primo approdo in gialloblù:
Cresciuto nelle giovanili juventine ed individuato forse troppo precipitosamente come il nuovo PIRLO, Luca MARRONE regista 'vecchio stampo' da piazzare davanti alla difesa per rubare palloni e rilanciare velocemente l'azione, si è un po' perso e non ha saputo ritrovarsi ne al SASSUOLO (dov'era in comproprietà) ne durante i 6 mesi del recentissimo prestito al CARPI dove peraltro ha avuto anche qualche problema con lo staff tecnico emiliano.
Ora un'altra occasione nell'HELLAS praticamente condannato alla retrocessione dove potrà mettere a disposizione i suoi talenti con un tecnico bravo ma molto esigente come DELNERI: Saprà finalmente imporsi? I bianconeri proprietari del cartellino e la carriera apparentemente già in fase calante di un giocatore forse troppo lento persino per il calcio italiano lo sperano tanto, Verona potrebbe essere una delle ultime possibilità di livello...


ALLA JUVE DAI PULCINI ALLA PRIMAVERA
Dopo l'iniziale parentesi fra i bimbi della LASCARIS, Luca viene notato a 8 anni dagli emissari bianconeri che lo portano alla JUVE dove il ragazzino trascorrerà tutte le giovanili a partire dalla categoria dei Pulcini sino ad arrivare alla Primavera.
Dopo due vittorie al Torneo di Viareggio per lui si aprono le porte della prima squadra dall'annata 2009-10 dove esordisce in Serie A e fa in tempo a mettere a segno un'altra presenza prima di essere mandato in cadetteria a 'farsi le ossa'.

AL SIENA CON CONTE
Nella stagione 2010-11 Luca affronta l'infinito ed impegnativo torneo della Serie B in prestito al SIENA col compagno di squadra IMMOBILE: Nessuno dei due è una prima scelta per mister CONTE che però lo utilizza nemmeno di rado e con 18 presenze ed un gol contribuisce alla promozione in Serie A dei toscani retrocessi solo l'annata prima (in quella rosa anche MARCONE e COPPOLA).

RITORNO ALLA JUVE
Tornato in bianconero per fine prestito Luca ritrova CONTE e forse spera di giocare molto di più di quanto il mister non gli conceda: 3 sole presenze nel 2011-12 con il primo gol in Serie A a mitigare molto parzialmente l'annata a vuoto di un giovane in cerca di opportunità in una big dove anche gente più esperta di lui fa fatica a farsi largo.
Nella stagione successiva l'allenatore lo vuole impostare come difensore centrale e MARRONE in quel ruolo mette a segno qualche presenza in più (compresa quella in Champions League contro il CELTIC) ma alla fine conterà solo 10 gettoni: Troppo pochi per quanto il talentuoso centrocampista della cantera zebrata che vorrebbe emulare MARCHISIO.

AL SASSUOLO IN (PESANTE) COMPROPRIETÀ
Nella stagione 2013-14 passa in comproprietà al neopromosso SASSUOLO nell'affare che coinvolge BERARDI il cui cartellino viene diviso a metà coi bianconeri: Il valore di MARRONE è fissato a 9 milioni! Non male per uno che fin'ora ha mantenuto poco di quanto promesso...

AMARO SECONDO RITORNO IN BIANCONERO
A fine stagione la JUVENTUS riprende in mano la completa proprietà del calciatore per 5 milioni pagabili in 3 anni ma per Luca sarà una sfortunatissima stagione nella quale, a causa di vari infortuni, non gioca mai e conclude l'annata senza nemmeno una presenza ne in campionato ne negli altri tornei in cui la JUVE è chiamata a concorrere.

PRESTITO AL CARPI E ORA ALL'HELLAS
Per ritrovare forma e spirito Luca viene mandato in prestito ancora da una neopromossa emiliana: Il CARPI di SANNINO e del diesse SOGLIANO coppia che si scioglierà in breve tempo dopo l'esonero di entrambi...
Anche l'avventura del centrocampista non sarà da ricordare perchè, tra incomprensioni con lo staf tecnico e prestazioni non all'altezza, il giocatore fino a Gennaio gioca solo 9 gare (ma trova comunque il gol a fine Ottobre nella sconfitta col FROSINONE).
Poi la Mission Impossible al VERONA ormai condannato alla retrocessione: Ultima chiamata per MARRONE?

LA COPPA IN BELGIO ED I PLAYOFF AL BARI: A VERONA LA VOLTA BUONA?
Certo che no! Il centrocampista viene mandato in Belgio in cerca di riscatto: Nonostante la corte di BOLOGNA, CAGLIARI e GENOA vuole essere protagonista in una squadra che può vincere qualcosa ed in effetti con lo ZULTE WAREGEM, giocando perlopiù da difensore centrale, è primo in campionato dopo otto giornate e a Marzo vince la Coppa di Lega disputando quella che lui stesso definisce la sua miglior stagione.
Tornato in Italia sceglie GROSSO ed il suo progetto al BARI dove il mister lo impiega ancora da difensore centrale (quale in effetti Luca si sente ormai a tutti gli effetti): Con i Galletti è titolare inamovibile e, al termine di una lunga rincorsa, raggiunge il sesto posto in classifica (prima della penalizzazione di due inflitta dalla Lega) ed i playoff dai quali verranno poi eliminati dal CITTADELLA proprio a causa della penalità.
Col BARI in piena crisi finanziaria (ed il successivo crack) Luca deve tornare suo malgrado alla base e, non appena il mercato gli offre la possibilità di tornare a collaborare con mister GROSSO, nel frattempo passato alla guida dell'HELLAS, non ci pensa due volte...

Qui trovate la pagina Facebook ufficiale del calciatore, questo invece il profilo Twitter e qui quello su Instagram.

[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =
  • Dopo una stagione in affanno nella squadra scarsamente organizzata di GROSSO, Luca non vede più il campo con AGLIETTI e, a (miracolosa) promozione ottenuta anche JURIĆ in Serie A ritiene di poterne fare tranquillamente a meno così il giocatore viene mandato in prestito secco al CROTONE.
  • Ormai sono un difensore... Dopo l'annata belga passata da difensore centrale Luca viene impiegato da mister GROSSO al BARI ancora al centro della retroguardia e a Marzo scorso il giocatore di scuola JUVE ammette di sentirsi ormai più difensore che centrocampista 'Al Bari è come in serie A, mi piacerebbe restare. I siti mi definiscono ancora un mediano, ma ora mi sento difensore. Ai bianconeri sarò grato tutta la vita, ma a 27 anni mi sento pronto per una carriera lontano dalla Juve'
  • Abibi è un po' orso, ama la pasta alla carbonara e per preparare il terreno alla sua proposta di matrimonio riempì la casa di Torino di fiori e palloncini di ritorno da una partita giocata proprio a Verona: In questa gustosa intervista Astrid Prete, moglie di Luca ex commessa di un negozio dove i due si sono conosciuti grazie alla mamma di lui, ci racconta un MARRONE inedito.
  • Papà dal 6 Marzo scorso della dolcissima Diletta! Luca e la moglie Astrid sono diventati genitori per la prima volta pochi mesi fa e ovviamente hanno condiviso via social questa gioia immensa...
  • Allo ZULTE la sua miglior stagione In Belgio Luca trova una squadra in grado di lottare per vincere qualcosa e dopo otto giornate di Jupiler Pro la sua squadra è al vertice a +4 dall'ANDERLECHT: A Marzo 2017 la vittoria della Coppa di Lega Belga, al termine del campionato il piazzamento in Europa League, a 27 anni giunto al BARI il giocatore ha le idee piuttosto chiare 'L'anno passato ho vissuto la mia miglior stagione, punto a migliorarmi ancora. Dopo Carpi e Verona voglio togliermi l’etichetta del giocatore che in Italia ha subito troppi infortuni e non all'altezza'
  • Tre assist e tanta qualità per Luca alla seconda apparizione in gialloblù, a farne le spese l'INTER di MANCINI che al Bentegodi rischia più volte di lasciare i 3 punti in una gara bellissima e sempre in bilico...
  • Esordio in gialloblù rimandato... A confermare l'andazzo-infortuni stagionale scaligero Luca deve rinunciare al derby personale contro il TORINO al Comunale a causa di una sindrome influenzale e, dato per titolare nelle previsioni pregara, annuncia via Twitter che è costretto a rientrare a Verona...
  • Stage in Nazionale col cittì PRANDELLI che a 100 giorni dal mondiale vuole esaminare più da vicino i papabili candidati ad una maglia azzurra nel torneo iridato in Brasile: C'è anche MARRONE
  • Titolare con l'Under 21 di MANGIA agli Europei in ISRAELE, Luca debutta nella vittoriosa gara contro l'INGHILTERRA
  • Primo gol in Serie A il 13 maggio 2012 nell'ultima giornata di campionato contro l'ATALANTA: Tacco all'indietro di BORRIELLO e missile terra aria che sbatte sul primo palo prima di entrare imparabilmente nel sacco!
  • Difensore se serve... Nell'estate del 2012 CONTE lo prova come difensore centrale al posto di BONUCCI poi in campionato sostituirà l'infortunato CHIELLINI dal momento che il mister ne è convinto 'In quella posizione Luca ha un grande futuro...'
  • Esordio in Serie A a 19 anni il 23 agosto 2009 contro il CHIEVO nella gara interna vinta di misura dalla JUVENTUS; il giovane MARRONE rimedierà pure un cartellino giallo per un fallo su YEPES a due minuti dal suo ingresso in campo

Luca Marrone
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luca Marrone (Torino, 28 marzo 1990) è un calciatore italiano, difensore o centrocampista del Crotone, in prestito dal Verona.

Caratteristiche tecniche
Centrocampista centrale abile nel recuperare palloni e nel reimpostare l'azione, è anche dotato di un buon tiro. Predilige il ruolo di regista basso davanti alla difesa, tuttavia può essere utilizzato all'occorrenza con buoni risultati anche come difensore centrale.

Carriera
- Club
Juventus
Inizia giocare a calcio dall'età di 5 anni nel Lascaris, per poi passare al settore giovanile della Juventus. Fa tutta la trafila nelle squadre giovanili, iniziando dai Pulcini fino alla Primavera.
Nel febbraio 2009 vince, con la formazione Primavera, il Torneo di Viareggio, ripetendosi nell'annata successiva.
Nella stagione 2009-2010 viene aggregato alla prima squadra. Il 23 agosto 2009, a 19 anni, esordisce in Serie A allo Stadio Olimpico in Juventus-Chievo (1-0), dove rimedia anche il suo primo cartellino giallo dopo pochi secondi. La sua seconda presenza arriva il 19 settembre contro il Livorno (2-0).

Siena
Il 1º luglio 2010 passa in prestito al Siena, in Serie B, in uno scambio che porta in Toscana anche il compagno di squadra Ciro Immobile. Esordisce con la maglia del Siena il 18 settembre 2010 contro l'Atalanta, venendo sostituito al 76º minuto di gioco, partita vinta 1-0 con gol di Salvatore Mastronunzio. Una settimana dopo gioca tutti i novanta minuti contro il Piacenza, sfida vinta 1-0. Segna il suo primo gol in Serie B l'8 dicembre 2010 nel recupero della 14ª giornata contro il Vicenza, gara terminata 2-2. Ottiene 18 presenze e contribuisce alla promozione del Siena in Serie A, grazie al secondo posto in campionato.

Il ritorno alla Juventus
Terminato il prestito ritorna alla Juventus per la stagione 2011-2012, dove ritrova Conte come allenatore. Il 21 gennaio 2012, nella partita contro l'Atalanta, subentra a Simone Pepe nella ripresa e fornisce l'assist per il gol del 2-0 di Giaccherini, che dà alla Juventus il titolo di campione d'inverno. Il 6 maggio 2012 conquista lo scudetto con la maglia bianconera con una giornata d'anticipo, nella partita giocata sul campo neutro di Trieste contro il Cagliari e vinta 2 a 0, in concomitanza con la vittoria dell'Inter contro il Milan per 4 a 2. Il 13 maggio, nell'ultima partita di campionato, giocata in casa contro l'Atalanta, mette a segno il suo primo gol in Serie A, con un tiro potente scagliato all'incrocio dei pali, grazie ad un assist di tacco da parte di Marco Borriello.
La stagione 2012-2013 inizia con la vittoria della Supercoppa italiana allo Stadio Nazionale di Pechino, grazie al punteggio di 4-2 sul Napoli. Durante la preparazione estiva, il tecnico Antonio Conte lo prova spesso nel ruolo di vice-Bonucci come difensore centrale. In questo ruolo, data l'assenza di Chiellini per un infortunio avvenuto durante gli Europei, esordisce durante la prima giornata di campionato, contro il Parma (vinta 2-0). Il 6 marzo 2013 colleziona la sua prima presenza in Champions League, giocando da titolare il ritorno degli ottavi di finale contro il Celtic allo Juventus Stadium (2-0). Il 5 maggio successivo, grazie al successo interno della Juventus sul Palermo per 1-0, vince – con tre giornate d'anticipo – il secondo scudetto consecutivo.

Sassuolo
Il 2 settembre 2013 la Juventus e il Sassuolo stipulano un accordo per il trasferimento del calciatore alla società neroverde in comproprietà (per la metà del cartellino di Domenico Berardi). Il Sassuolo acquisisce la metà del cartellino del calciatore, valutato complessivamente 9 milioni di euro. Esordisce il 20 ottobre, nella partita casalinga contro il Bologna, dove i neroverdi raccolgono anche il loro primo successo assoluto in massima serie.
Il 20 giugno 2014 Juventus e Sassuolo rinnovano la partecipazione del cartellino.

Il secondo ritorno alla Juventus
Il 3 luglio 2014 la Juventus comunica di aver riscattato l'intero cartellino per 5 milioni di euro, pagabili in tre anni. A causa di vari problemi fisici, Marrone è tuttavia costretto a saltare praticamente tutta la stagione, nella quale non ottiene nessuna presenza in gare ufficiali.

Prestito al Carpi
L'8 luglio 2015 passa in prestito fino a fine stagione al Carpi. Segna il suo primo gol con la sua nuova maglia il 28 ottobre 2015 nella sconfitta contro il Frosinone.

Prestito all'Hellas Verona
Dopo diversi problemi con i tecnici del Carpi, decide di cambiare e passa ancora in prestito fino a fine stagione all'Hellas Verona. Nella partita di campionato del 7 febbraio 2016 contro l'Inter, finita 3 a 3, Marrone è l'unico giocatore negli ultimi 10 anni ad aver fornito tre assist da palla ferma (due corner e una punizione) in una singola partita.

Prestito allo Zulte Waregem
Il 30 agosto 2016 viene ufficializzato dalla Juventus il trasferimento in prestito annuale allo SV Zulte Waregem, squadra che milita nella massima serie belga. Il 18 marzo 2017 vince la Coppa di Belgio.

Prestito al Bari
Il 26 agosto 2017 il Bari comunica il trasferimento in prestito del giocatore. Segna il suo primo gol con la maglia del Bari il 24 febbraio 2018 nella trasferta vittoriosa di Terni per 1-2.

Ritorno al Verona
Il 4 agosto 2018 viene ufficializzato il suo trasferimento al Verona, in prestito oneroso con obbligo di riscatto, facendo così ritorno dopo due anni nella società scaligera.

Crotone
Il 29 agosto 2019 viene ceduto in prestito al Crotone. Il 30 novembre segna il suo primo gol con i pitagorici, nella partita col Cittadella, finita 1-1.

- Nazionale
Tra le nazionali giovanili ha giocato con l'Under-17 e l'Under-19.
Il 13 ottobre 2009 esordisce nella Nazionale Under-21, con il tecnico Casiraghi, entrando nel secondo tempo della partita Italia-Bosnia ed Erzegovina (1-1), valida per le qualificazioni all'Europeo 2011. Il 3 marzo 2010 segna il suo primo gol con l'Under-21 nella partita Italia-Ungheria (2-0) disputata a Rieti.
Dopo la mancata qualificazione per l'Europeo 2011, causa l'eliminazione nel play-off contro la Bielorussia, Marrone diventa uno dei giocatori più esperti del centrocampo nel nuovo ciclo guidato inizialmente da Ciro Ferrara e poi da Devis Mangia, tanto da indossare la fascia di capitano della Nazionale Under-21.
Il 27 maggio 2013 viene incluso dal tecnico Devis Mangia tra i 23 convocati che prenderanno parte all'Europeo Under-21 in Israele. poi perso in finale contro la Spagna per 2-4.
Dal 10 al 12 marzo 2014 è stato convocato dal CT della Nazionale maggiore Cesare Prandelli per uno stage organizzato allo scopo di visionare giovani giocatori in vista dei Mondiali 2014.

Palmarès
- Club
Competizioni giovanili
Torneo di Viareggio: 2 Juventus: 2009, 2010

Competizioni nazionali
Campionato italiano: 3 Juventus: 2011-2012, 2012-2013, 2014-2015
Supercoppa italiana: 2 Juventus: 2012, 2013
Coppa Italia: 1 Juventus: 2014-2015

FONTE: Wikipedia.org