Le schede di B/=\S: Liam HENDERSON

Pubblicato da Smarso lunedì 5 novembre 2018 10:13, vedi , , , , , , , , , , , , , | Nessun commento

Nato a/il:Livingston (Scozia) il 25/04/1996
Nazionalità:Scozzese
Contratto:Definitivo fino a Giugno 2022
Ruolo:Centrocampista
Altezza:183 Cm
Peso:77 Kg
Posizione:
CARRIERA DA GIOCATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Hellas Verona2018 - 2019B23 (+5PO +2CI)3 (+0 +0) 
BariGen. 2018 - 2018B18 (+1PO)2 (+0) 
Celtic2017 - Gen. 2018SP10 
Celtic2016 - 2017SP10 (+1SC +1SLC + 1CL)1 (+0 +0 +0) 
HibernianAgo. 2015 - Ago. 2016SCS32 (+7SC +5SLC)5 (+0 +0) 
CelticLug. 2015 - Ago. 2015SP10 
RosenborgMar. 2015 - 2015ES9 (+4NK)3 (+1) 
Celtic2014 - Mar. 2015SP9 (+1SC +1SLC + 3CL)1 (+0 +0 +0) 
Celtic2013 - 2014SP81 
Giovanili Celtic2008 - 2013--- 
LEGENDA: SP=Scottish Premiership (Serie A Scozzese), SC=Scottish Cup (Torneo Calcistico Ccozzese), SLC=Scottish League Cup (Coppa di Lega Scozzese), CL=Champions League, ES=Eliteserien (Serie A Norvegese), NK=Norgesmesterskapet (Coppa di Lega Norvegese), PO=Play Off, CI=Coppa Italia

NEWS E CURIOSITÀ +   -   = 5 Novembre 2018
Raccontato come uno dei migliori prospetti scozzesi della sua generazione, il giovane HENDERSON è arrivato in gialloblù in seguito alla non ammissione in Serie B del BARI (che nel frattempo lo valutava un paio di milioni e lo proponeva a PARMA e FIORENTINA in Serie A) e grazie all'influenza di mister GROSSO anche lui strappato ai Galletti insieme al prezzo (gonfiato) di CISSÉ.
...E che Liam ci sappia fare è fuor di dubbio così come il non adeguarsi, nonostante la giovane età, a fare da secondo a qualcuno anche se questo ha significato trasferirsi armi e bagagli in Norvegia abbandonando amici e affetti pur di inseguire il suo sogno di crescere come uomo e come calciatore.
Portato al BARI dall'ex diesse scaligero SOGLIANO, che spesso ci ha visto lungo, è stato da Gennaio 2018 tra gli uomini più determinanti per il raggiungimento dei playoff ed ora è pronto a dare grinta, tecnica e sostanza anche al centrocampo gialloblù.


SCOZIA-NORVEGIA-SCOZIA
Cresciuto tra i Bhoys del CELTIC, squadra che con i RANGERS combatte non solo per la supremazia calcistica di Glasgow e della Scottish Premiership, ma anche e soprattutto per ragioni storiche, politiche e religiose (che se avrete voglia approfondirete da soli considerata la vastità e complessità della materia magari cominciando da questo articolo su Tempi.it), esordì non ancora 18enne in prima squadra a Dicembre 2013 per poi collezionare 17 presenze e mettere a segno pure un paio di gol prima di trasferirsi in prestito al ROSENBORG a Marzo 2014.
Tornato in patria dopo tre mesi viene ancora girato in prestito all'HIBERNIAN nella B scozzese per trovare finalmente continuità ed effettivamente con gli Hibs diviene presto titolare e conclude l'annata con 32 presenze e 5 gol in campionato.

...CON GROSSO AL BARI E AL VERONA
Tornato al CELTIC con tante speranze per la stagione 2016-17, Liam trova poco spazio in quella squadra che vincerà la Premiership scozzese, la Coppa di Lega e pure la Scottish Cup per due stagioni consecutive con mister RODGERS così a Gennaio 2018, dopo un breve periodo di prova con GROSSO al BARI, si aggrega definitivamente ai pugliesi che lo ingaggiano per 120mila Euro.
Divenuto presto un perno del centrocampo biancorosso, HENDERSON è fra quelli che trascina i Galletti ai playoff ma al termine della stagione rimane svincolato a causa del fallimento della società di GIANCASPRO dopo 110 anni di storia, così decide di continuare a lavorare con lo stesso tecnico e firma un quadriennale con l'HELLAS divenendo il secondo calciatore scozzese gialloblù nella storia dopo Jaw JORDAN.

Qui trovate la pagina Twitter ufficiale del calciatore, questo invece il profilo Facebook usato da Liam.

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.it]


ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =
  • Primo gol in maglia gialloblù il 22 Settembre nella vittoriosa trasferta di Crotone.
  • Secondo scozzese a vestire la maglia scaligera dopo Joe 'Lo Squalo' JORDAN che nel 1983-84, proveniente dal MILAN, giocò 12 volte coi gialloblù mettendo a segno un gol...
  • Quadriennale col VERONA dopo lunga attesa a causa dei ricorsi del presidente del BARI che in tutti i modi ha cercato di evitare il fallimento della società calcistica pugliese ed il conseguente svincolo di tutti i tesserati.

Liam Henderson
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Liam Henderson (Livingston, 25 aprile 1996) è un calciatore scozzese, centrocampista del Verona e della nazionale Under-21 scozzese.

Carriera
- Club
Gli esordi al Celtic
Ha esordito nella massima serie scozzese il 6 dicembre 2013 entrando nei minuti finali al posto di Scott Brown, nella vittoriosa trasferta contro il Motherwell; in seguito ha vinto il campionato con il Celtic, collezionando in tutto 8 presenze e mettendo a segno una rete nella gara vinta contro il Partick Thistle.
Ha disputato i minuti della partita dei preliminari di Champions League contro il KR Reykjavik nella stagione 2014-2015. In seguito ha giocato da titolare la partita contro la Dinamo Zagabria valida per l'Europa League 2014-2015.

Rosenborg
Il 31 marzo 2015, ultimo giorno della finestra di trasferimento invernale in Norvegia, Henderson è passato al Rosenborg con la formula del prestito, fino all'estate. Ha esordito nell'Eliteserien in data 12 aprile, subentrando a Fredrik Midtsjø nella vittoria per 0-6 sul campo dell'Haugesund. Il 22 aprile ha segnato la prima rete in squadra, nel successo per 0-3 sul Vuku, in una sfida valida per il primo turno del Norgesmesterskapet. Il 25 aprile ha siglato i primi gol nella massima divisione locale, contribuendo con una doppietta alla vittoria per 1-4 in casa del Viking. Nel trimestre con la maglia del Rosenborg, ha disputato 13 partite e ha messo a segno 4 reti, tra campionato e coppa nazionale.

Il ritorno in Scozia
Terminato il prestito in Norvegia, Henderson ha fatto ritorno al Celtic in vista del campionato 2015-2016. Il 14 agosto 2015 è stato ceduto in prestito all'Hibernian.

Bari
Il 17 gennaio 2018, dopo un periodo di prova, il Bari comunica di aver acquistato a titolo definitivo dal Celtic il cartellino del calciatore per 120.000 euro. Segna il suo primo gol con la maglia del Bari nel match del 24 febbraio 2018 contro la Ternana terminato con il risultato di 1-2 a favore dei biancorossi. A fine stagione rimane svincolato dopo il fallimento del Bari.

Hellas Verona
Il 3 agosto 2018 viene acquistato a titolo definitivo dal Verona, neo-retrocesso in Serie B insieme al compagno di squadra Jure Balkovec. Henderson diventa il secondo calciatore scozzese a vestire la maglia della società scaligera dopo Joe Jordan.

- Nazionale
Vanta presenze in tutte le nazionali giovanili scozzesi dal novembre 2015 milita per la Scozia Under-21.

- Palmarès
Club
Competizioni nazionali
Campionato scozzese: 2 Celtic: 2013-2014, 2016-2017
Coppa di Lega scozzese: 3 Celtic: 2014-2015, 2016-2017, 2017-2018
Coppa di Scozia: 2 Hibernian: 2015-2016 e Celtic: 2016-2017

FONTE: Wikipedia.org


STAGIONE 2019-20 +   -   =
HENDERSON: «SIAMO STATI LEONI, GRAZIE AI TIFOSI PER L'AFFETTO»
25/AGOSTO/2019 - 23:30
Verona - Le principali dichiarazioni del centrocampista gialloblù Liam Henderson, rilasciate al termine di Hellas Verona-Bologna, 1a giornata della Serie A TIM 2019/20.

«Che partita è stata? Oggi è stata una gara difficile, contro una squadra fortissima, ma noi in campo siamo stati dei leoni. Dieci contro undici? Quando siamo stati in ritiro abbiamo corso tanto: questo è servito e servirà in partite come questo, in spogliatoio eravamo molto contenti. Sono contento per come è andata, ora però la testa è già al Lecce per la prossima giornata. Affetto dei tifosi? Lo sento tantissimo e li ringrazio, la curva e la tifoseria sono splendide»

HENDERSON: «QUESTA SQUADRA MI PIACE. PER ME SARÀ UNA STAGIONE IMPORTANTE»
14/LUGLIO/2019 - 19:30
Mezzano (Trento) - Le principali dichiarazioni del centrocampista gialloblù Liam Henderson, rilasciate al termine di Hellas Verona-Primiero, prima amichevole dal ritiro di #Primiero2019.

«Prima partita? Secondo me è andata molto bene per tutti, è un tipo di partita molto utile per il lavoro fisico di questi giorni. Serve dopo questi giorni di fatica dove siamo sempre al lavoro per prepararci al meglio. Juric? Con lui cerchiamo tantissimo la profondità per Pazzini o per Di Carmine o per chi gioca in attacco, ma stiamo andando bene con lui e cerchiamo di applicare sul campo. Serie A? Credo che sarebbe importante iniziare bene e fare subito punti, che sia uno o che siano tre, ma è importante andare forte alle prime partite. A livello personale e di squadra sarà una stagione tanto importante, perché dovremo dare tutto per i compagni quando scenderemo in campo così come lo facciamo in allenamento. Nazionale? Mi piacerebbe e ci penso perché è un obiettivo importante, spero che Steve Clarke venga a visionare qualche gara a Verona. Concorrenza dei nuovi centrocampisti? È importante per la squadra perché Badu e Veloso sono due giocatori forti che possono dare una mano. Il ritiro? Siamo un bel gruppo, mi piace stare in questa squadra perché siamo tutti bravi ragazzi anche fuori dal campo e stiamo bene insieme»

FONTE: HellasVerona.it


Nuova stagione 🤙😀

Un post condiviso da Hellas Verona FC (@hellasveronafc) in data:



STAGIONE 2018-19 +   -   =
NEWS
Henderson al Daily Mail: “Io, scozzese atipico in Italia”
Il centrocampista gialloblù, intervistato dal quotidiano britannico, ha raccontato, impressioni, sogni e anche qualche simpatico retroscena

di Tommaso Badia giugno 22, 2019 - 16:20

Un highlander trapiantato in Italia, che della sua terra rimpiange i soft-drink e… la pioggia!

Stiamo parlando di Liam Henderson, centrocampista classe ’96 che quest’anno, pur vivendo una stagione di alti e bassi, è riuscito a ritagliarsi il suo spazio e a dare il suo importante contributo al raggiungimento della Serie A del Verona.

Raggiunto dai colleghi britannici del Daily Mail, lo scozzesino ha raccontato la sua vita nel Belpaese, spendendo poi due parole sul prossimo campionato che lo aspetta, sulla nazionale e su tanti altri argomenti.

Di seguito, dunque, le principali dichiarazioni da lui rilasciate al quotidiano d’oltremanica.

L’ARRIVO A VERONA. «Dopo l’annata a Bari con Grosso, avevo qualche offerta dalla Serie A, ma ho parlato con lui come fosse un membro della mia famiglia e alla fine ho deciso di seguirlo. Da calciatore ha giocato in grandissimi club e nel 2006 ha vinto un Mondiale da protagonista: imparare da uno come lui è stato fantastico!».

IL TIFO VERONESE. «Gli ultras sono interessanti: in Scozia i giocatori sono protetti dai fan, ma qui non è così. Quando abbiamo giocato a Lecce, all’aeroporto abbiamo trovato i tifosi ad aspettarci: non erano minacciosi, ma ci hanno detto di metterci qualcosa in più. Avevano fatto un lungo viaggio, era un loro diritto».

LA SCOZIA. «Della Scozia mi mancano l’Irn-Bru (una bevanda gasata analcolica molto diffusa da quelle parti, ndr), che mia madre ogni tanto mi porta, e la pioggia, soprattutto quando non piove per giorni e giorni…».

UNO SCOZZESE “ATIPICO”. «I miei compagni pensano che siccome sono scozzese mi piaccia bere e abbia problemi con la rabbia, ma non è così! Comunque mi hanno accolto come uno di loro, anche se in pullman non abbiamo ancora guardato “Braveheart”…»

LA SERIE A. «Per un ragazzetto che arriva da un piccolo villaggio della Scozia, giocare in un campionato come la Serie A è qualcosa di speciale. Qui ci sono squadre forti, grandi stadi e tanta storia: non vedo l’ora di cominciare!»

LA NAZIONALE. «Andrei a piedi dall’Italia alla Scozia per vestire la maglia della nazionale. Magari Steve Clarke (il CT scozzese, ndr) potrebbe venire a fare una piccola vacanza qui… Comunque per il momento sono concentrato sul Verona: vogliamo assestarci in Serie A per cercare di conquistarci l’Europa!».

ESCLUSIVE
Ag. Henderson a CH: “Liam interpreta lo spirito del club. In patria è un esempio”
Intervista al procuratore del centrocampista scozzese dopo la prima stagione in gialloblù coincisa con la promozione in Serie A

di Mattia Zupo giugno 13, 2019 - 18:00

Arrivato la scorsa estate dal Bari, Liam Henderson è stato uno dei protagonisti della promozione dell’Hellas Verona in Serie A e nelle ultime settimane è stato anche elogiato pubblicamente da una leggenda gialloblù come Joe Jordan. Per questo la nostra redazione ha contattato il suo procuratore, Emiliano Salvarezza. Queste le sue dichiarazioni:

Come valuta la stagione del suo assistito?
“Ha fatto bene anche se la stagione dell’Hellas non è stata uniforme e quindi magari anche il suo rendimento ne ha un po’ risentito. Però considerando che è un ragazzo di 23 anni compiuti da pochissimo, che in Italia aveva giocato solo sei mesi al Bari, secondo me è una stagione positiva. Lui interpreta un po’ lo stile del Verona: un combattente che non rinuncia mai e sta sempre sul pezzo”.

Gli elogi di Joe Jordan?
“Di Jordan non ho letto ma so che in Inghilterra e Scozia stanno parlando molto bene di lui. È finito anche sul Daily Mail. Ha grande risonanza nel suo Paese perché è considerato come uno che ha affrontato una sfida importante: ha lasciato molto giovane una squadra come il Celtic, una società storica per il calcio europeo, per venire al Bari. Aveva già giocato anche in Champions League a Milano e comunque gli anglosassoni hanno nelle loro corde questo senso di sfida, di mettersi alla prova. È considerato come un esempio da imitare nei limiti del possibile. Gli scozzesi sono un popolo fiero poi anche il fatto di aver festeggiato la promozione con la bandiera scozzese rende l’idea veramente di grande orgoglio e soddisfazione. È un personaggio importante Henderson per la Scozia in questo momento”.

Si aspetta la convocazione in Nazionale?
“Non lo so, queste non sono scelte che competono a me. Sicuramente è un calciatore su cui faranno molta attenzione dato che la Serie A è uno dei campionati più importanti in Europa. E voglio aggiungere che suo fratello minore gioca nel Celtic, è un 2000 che ha già giocato diverse volte da titolare”.

Magari lo raggiungerà al Verona…
“Chi lo sa (ride ndr). Comunque non è da tutti giocare nel Celtic a quell’età lì. Ripeto, anche il fratello è molto considerato”.

FONTE: CalcioHellas.it


🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿 🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿 pic.twitter.com/BQqbCUuDo7

— Liam Henderson (@liam53henderson) 3 giugno 2019


Serie A baby!!!!!!! What a day, what a team, God bless 💛💙 @HellasVeronaFC pic.twitter.com/trOedq0NYc

— Liam Henderson (@liam53henderson) 2 giugno 2019


IL CENTROCAMPISTA SCOZZESE
Il mistero di Henderson "Braveheart" ignorato
12/04/2019 13:01
Dopo la brutta sconfitta di Palermo, l'Hellas dice virtualmente addio alla Serie A diretta. Grosso ha usato ancora la sua logica mettendo giocatori fuori ruolo: Bianchetti terzino e Faraoni in mezzo al campo. Mentre Henderson è stato accantonato ancora una volta in panchina.

Lo scozzese, preso a parametro zero in estate, è passato da essere titolare inamovibile ad oggetto misterioso, diventando la riserva delle riserve. Grosso continua a mettere giocatori fuori ruolo in mezzo al campo piuttosto che dare continuità al "Braveheart" ex Celtic.

Henderson era tornato per alcune partite e “casualmente” il Verona stava incamerando punti. Ma poi lo scozzese è stato messo di nuovo in panchina. Poteva essere il perno del centrocampo gialloblù: rinunciare ancora lui, per mettere giocatori fuori ruolo sembra l'ennesima follia "tattica" di Fabio Grosso.

FONTE: TGGialloBlu.it


NEWS
Henderson: “Non conta se gioco o no, conta il Verona. Joe Jordan un idolo. I nostri tifosi…”
Parla il centrocampista scozzese, che nelle ultime partite è tornato a prendere in mano il centrocampo di Grosso

di Redazione marzo 20, 2019 - 12:42

L’approdo al Verona con tante aspettative da parte di tutti. L’inizio importante e poi la lunga attesa. Liam Henderson sembra essersi ripreso definitivamente la maglia da titolare. Dopo il flop nella prima di ritorno col Padova, la grande serata di Perugia. «C’è stato dell’altro in mezzo» dichiara il ventitreenne scozzese, «adesso, dopo il gol e il salto di Perugia, voglio guardare avanti». Oggi, sulle pagine sportive de L’Arena, troviamo una sua lunga intervista. Eccone alcune parti salienti

Sul fatto di aver giocato poco: “Il mio pensiero è che non conti chi scende in campo, ma che a farlo siano i ragazzi che stanno meglio e che in quel momento possono dare di più per la causa del Verona. L’importante è che la squadra giochi bene e vinca le partite, per questo il periodo in cui ho giocato meno è stato ugualmente importante per me, mi ha permesso di arrivare in forma in questa fase della stagione. Tutti devono essere pronti a dare il proprio contributo“.

Su Joe Jordan: “Qui è un mito fra i tifosi…È una assoluta leggenda anche in Scozia, non solo a Verona! Ho parlato con lui per una ventina di minuti e mi ha dato tanti consigli preziosi sul calcio italiano e su quello che i tifosi dell’Hellas si aspettano da noi. È stato fantastico potergli parlare così“.

Sui tifosi del Verona: “Per me la loro è solo passione, e a me dà una grande carica. Ho giocato ormai in diversi stadi italiani e posso dire che i tifosi del Verona sono unici, per il modo “British” che hanno di vivere la partita, cantando dall’inizio alla fine cori che sento anche in Scozia e diversi dalle altre tifoserie italiane“.

Sui compagni: “Ho un ottimo rapporto con tutti, davvero, ma mi piace uscire con Dawidowicz, Gustafson e Balkovec”.

FONTE: CalcioHellas.it


What a night 🙌🏼Great win boys 🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿💛💙 #goalno3 pic.twitter.com/JANDkabtuv

— Liam Henderson (@liam53henderson) 8 marzo 2019


HENDERSON: «GOL? UNA GRANDE AZIONE CORALE, PERÒ PIÙ FELICE PER I 3 PUNTI. ORA TESTA ALL’ASCOLI»
08/MARZO/2019 - 23:45
Perugia - Le principali dichiarazioni del centrocampista gialloblù Liam Henderson, rilasciate al termine di Perugia-Hellas Verona, 28a giornata della Serie BKT 2018/19.

«La vittoria di questa sera? Oggi siamo stati molto bravi e sono molto contento di aver trovato il gol. Abbiamo fatto un ottimo lavoro e una grande partita. Una delle migliori prestazioni in queste stagioni? A maggior ragione perché contro il Perugia in casa loro non è facile, ma oggi si è visto il lavoro di squadra. Determinante con il gol? Io cerco di lavorare sempre al meglio in allenamento e quando si fa questo arrivano momenti come questi, con il gol, una grande partita e la vittoria, che è la cosa più importante. L'azione della rete? È stata molto bella, quando il pallone è arrivato vicino a Di Carmine io gli ho urlato 'Lascia! Lascia!' e lo stesso quando è passata vicina a Lee, poi un tocco e gol: abbiamo fatto veramente una bella azione. Il momento in cui ho giocato meno? Io cerco di impegnarmi sempre in allenamento, se rimango in panchina rispetto le scelte del mister, è una persona che stimo molto così come tutto lo staff, ma se gioco cerco di dare sempre il massimo. Il Verona si è rimesso in corsa? Abbiamo fatto bene nell'ultimo periodo, ma la testa deve andare solo alla prossima contro l'Ascoli ora».

FONTE: HellasVerona.it


IL CENTROCAMPISTA GIALLOBLU'
Henderson, lo scozzese trascurato
04/03/2019 12:38
Il Verona torna a vincere dopo la brutta sconfitta di Lecce. Contro il mediocre Venezia (che era senza tutta la difesa titolare) è servito un gol Di Gaudio per portare a casa i tre punti. L'Hellas ha vinto ma non ha convinto: i lagunari potevano anche pareggiare nel finale. Troppe le occasioni sprecate dal Verona sotto porta, soprattutto con Lee, oltre al rigore sbagliato da Pazzini.

A centrocampo, questa volta, Grosso ha usato la logica mettendo i giocatori al loro posto: Faraoni terzino ed Henderson in mezzo al campo. Lo scozzese ha offerto una buona prestazione dopo settimane accantonato in panchina.

Henderson, preso a parametro zero in estate, è passato da essere titolare inamovibile ad oggetto misterioso, diventando la riserva delle riserve: Grosso addirittura preferiva mettere giocatori fuori ruolo in mezzo al campo.

Ora lo scozzese si è ripreso la scena e vuole essere il perno del centrocampo gialloblù: viste le tante assenze, rinunciare ancora lui, nelle prossime partite, sarebbe una follia.

FONTE: TGGialloBlu.it


Hellas Verona legend Joe #Jordan meets @liam53henderson 🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿 pic.twitter.com/kethjqrcNW

— Hellas Verona FC (@HellasVeronaFC) 22 febbraio 2019


RASSEGNA
CdV - Henderson, le statistiche parlano chiaro
07.02.2019 12:30 di Stefano Bentivogli Twitter: @sbentivogli10
Fonte: Corriere di Verona
CdV - Henderson, le statistiche parlano chiaro
Per gli scettici, è più che sufficiente ricorrere alle statistiche. Henderson, per iniziare: nelle prime undici partite disputate dal Verona, aveva messo insieme nove presenze, 707’ totali, con due gol e due assist. Di lì in poi è sceso, in nove giornate, a soli quattro caps, per complessivi 157’, senza segnare né tantomeno far segnare.

RASSEGNA
CdV - Dov'è finito il vero Henderson?
07.02.2019 10:00 di Stefano Bentivogli Twitter: @sbentivogli10
Fonte: Corriere di Verona
Henderson, a dire il vero, era tornato titolare già nella trasferta chiusa sul 2-2 a Foggia. La sua era stata una prestazione dignitosa e combattiva, ma distante da quelle che aveva saputo garantire in avvio di campionato. Dov’è finito il giocatore che aveva distillato calcio prelibato nel 4-1 al Carpi, nella vittoria di Crotone e squisito esecutore, col Perugia, di un piazzato su punizione che aveva spinto il Verona verso la rimonta da tre punti? Hendo, prima della gara di Foggia, era stato schierato per l’ultima volta da titolare da Fabio Grosso nella partita persa per 4-2 a Brescia, in un pomeriggio cupo — non l’unico di questa controversa stagione gialloblù — che aveva condotto l’allenatore sul filo dell’esonero, ipotesi cancellata dopo un summit tra Maurizio Setti e il diesse Tony D’Amico.

FONTE: TuttoHellasVerona.it


2018, first year in Italy. What a wonderful year playing for two of Italy’s most historical clubs, here’s too many more years. Happy New Year when it comes troops, have a good one 💛💙⚪️🔴 pic.twitter.com/QsFQYS646w

— Liam Henderson (@liam53henderson) 31 dicembre 2018


HENDERSON SCALPITA
Il "Braveheart" accantonato
14/12/2018 12:41
Piedi educati, dinamismo e lotta su ogni contrasto. Il "Braveheart" del centrocampo dell'Hellas aveva convinto tutti nelle sue prime uscite stagionali. Ma il William Wallace, che mangiava le orecchiette con le cime di rapa, si è "appesantito" nel tempo mostrando prestazioni anonime: pagando dazio anche per le scadenti prove collettive della squadra.

Liam Henderson scalpita. Il centrocampista, prelevato a parametro a zero dal Bari, vuole tornare protagonista con la maglia dell'Hellas. Lunedì sera contro il Pescara di Pillon potrebbe tornare titolare, complice Zaccagni non al top per problemi fisici e la non affidabilità al 100% di Gustafson. Lo scozzese ha saltato, per scelta tecnica, tre delle ultime quattro partite: ora vuole tornare al centro del Verona.

FONTE: TGGialloBlu.it


CdV - Henderson, da indispensabile a riserva
28.11.2018 10:00 Stefano Bentivogli Twitter @sbentivogli10
Fonte: Corriere di Verona
Da indispensabile a riserva. All'Hellas c'è bisogno di recuperare il miglior Liam Henderson. Per dieci giornate lo scozzese era stato un punto fermo dello schieramento di Fabio Grosso. Unica gara saltata, quella con il Lecce: Hendo era rimasto in panchina, il Verona aveva perso per 2-0.Non che l'equazione, nel caso, abbia un valore specifico, ma tantè. C'erano stati, nello stesso lasso di tempo, i gol, ambedue decisivi, con il Crotone e il Perugia. Sempre con il Perugia, suo l'assist per la rete della vittoria di Samuel Di Carmine. Una squisitezza di tacco, nella gara con il Carpi, aveva mandato a segno Karim Laribi. L'antipasto si era visto in Coppa Italia, con la Juve Stabia: due passaggi smarcanti per Giampaolo Pazzini e Di Carmine, il Verona che vince sul velluto. Tutto cadenzato da quanto Henderson aveva già mostrato nei suoi mesi a Bari, sotto la direzione di Grosso. Ritmo, tecnica, fantasia latina e atletismo scottish: un mix che aveva attirato su di lui i riflettori della Serie A, con la Fiorentina in prima fila per metterlo sotto contratto, dopo il crac finanziario del Bari. Invece è stato l'Hellas a bruciare la concorrenza e a sottoporre a Hendeson un accordo con scadenza fissata al 30 giugno 2022. Un investimento per il presente e per il futuro, un pupillo di Grosso, una certezza agonistica per rincorrere l'immediato ritorno in A.

FONTE: TuttoB.com


RASSEGNA
Liam Henderson, l'uomo indispensabile nel centrocampo del Verona
29.10.2018 12:00 di Enrico Lamonea
Fonte: Gazzetta dello Sport
Liam Henderson sembra essere diventato l'uomo indispensabile del centrocampo del Verona. Sabato contro il Perugia gol (su punizione) e assist per lui. Si ispira a Steven Gerrard ma molti vedono in lui Gary McAllister, centrocampista del Leed campione d'Inghilterra 92 e del Liverpool del triplete 2001. Paragoni impegnativi, ma chissà che con una giusta maturazione Liam non possa arrivare ad avvcinarsi e questi campioni.

FONTE: TuttoHellasVerona.it


#HELLASINSTORE: CHE SERATA CON DI CARMINE ED HENDERSON
16/OTTOBRE/2018 - 20:00
Verona - All'Hellas Store con Di Carmine ed Henderson. I due calciatori dell'Hellas Verona sono stati i protagonisti dell'incontro con i tifosi allo Store di via Cattaneo, nel cuore di Verona, firmando autografi e scattando foto durante il secondo appuntamento di #HellasInStore. Non solo i calciatori della prima squadra, ma era presente anche la calciatrice dell'Hellas Verona Women Laura Rus, che ha festeggiato insieme ai gialloblù il gol vittoria realizzato domenica contro la Roma.

FONTE: HellasVerona.it


Sognando la Serie A – Liam Henderson, centrocampista di talento
Liam Henderson, centrocampista di talento dell'Hellas Verona pronto a diventare sempre più protagonista, l'obiettivo è la Serie A

Cafaro/LaPresse

Liam Henderson è un calciatore scozzese, centrocampista del Verona e della nazionale Under-21 scozzese. Inizio nella massima serie scozzese con la maglia del Celtic, ha disputato i minuti della partita dei preliminari di Champions League contro il KR Reykjavik nella stagione 2014-2015. Il 31 marzo 2015, ultimo giorno della finestra di trasferimento invernale in Norvegia, Henderson è passato al Rosenborg con la formula del prestito, poi fa ritorno al Celtic. Il 17 gennaio 2018, dopo un periodo di prova, il Bari comunica di aver acquistato a titolo definitivo dal Celtic il cartellino del calciatore. Il 3 agosto 2018 viene acquistato a titolo definitivo dal Verona, sembra già pronto per essere protagonista nel campionato di Serie A.

di Stefano Vitetta 06:16 06.10.18

FONTE: CalcioWeb.eu


VISTO DA NOI
23 settembre 2018 - 23:52
Vento di Scozia
Così Henderson è diventato irrinunciabile per l’Hellas di Grosso

di Matteo Fontana, @teofontana

Dopo gli assist, il gol. Suonano le cornamuse, insieme alle campane, a Verona, per la vittoria dell’Hellas con il Crotone. Liam Henderson, in questo caldo debutto d’autunno, porta il vento di Scozia in una squadra che non ha neppure il tempo per gustarsi il primo posto in classifica. Domani, al Bentegodi, c’è lo Spezia, ed Hendo, come tutto il Verona, non ha rifiatato. Avanti tutta: dalle Lowlands con furore.

PROFESSIONISTA Dicono di lui che sia un professionista talmente radicale da toccare punte d’integralismo. Alla battuta, inviata per messaggio da un amico dopo la rete di sabato, che gli chiedeva se si sarebbe concesso perlomeno una birra per festeggiare, ha risposto senza lasciare dubbi: martedì si gioca, non è il momento per le celebrazioni, vietato sedersi. Al limite del monacale nella preparazione, Henderson vive per il calcio. Grande il legame con la famiglia, svaghi contenuti, minime concessioni ai social network, perché, appunto, è il pallone che comanda. Questione di passion. Ed è questa la grande affinità con Fabio Grosso, un altro che si è conquistato la gloria nel pallone grazie alla dedizione che gli ha permesso di salire dalle categorie inferiori fino a diventare campione del mondo, da protagonista, in Germania, nel 2006. Proprio Grosso ha saputo esaltare le caratteristiche di Henderson, assecondando un feeling naturale.

RAPPORTO L’intuizione, a gennaio scorso, fu di Sean Sogliano, d.s. del Bari che, per tre anni, è stato l’uomo-mercato del Verona, nelle stagioni della scalata e del consolidamento in Serie A. Un periodo in prova in biancorosso, in arrivo dal Celtic, l’okay al trasferimento, l’esperienza italiana partita subito al meglio. Henderson ha incontrato Grosso e l’intesa è scattata al primo sguardo. Si sono capiti, i due, che hanno un temperamento analogo. Ossia, poche parole e molti fatti, giù di buzzo buono, senza permettere a se stessi di fare sconti. Ancor di più, una comune tendenza a mettersi in discussione, indirizzata verso l’autocritica: “Con il Padova non ho fatto quel volevo”, ha detto Henderson dopo l’esordio in campionato con il Verona. In effetti, nell’1-1 del derby, lo scozzese ha vagato senza bussola, e per chi lo segue con attenzione lo stupore ha prevalso: uno così difficilmente sbaglia più di una partita. E, infatti, la risposta è stata immediata.

NATO PRONTO Con la Juve Stabia, in Coppa Italia, Henderson ha fornito i passaggi decisivi per i gol di Pazzini e Di Carmine. Con il Carpi, in campionato, il suo colpo di tacco per la pennellata di Karim Laribi che ha aperto il tabellino ha meritato una speciale nomination. Poi, ecco la trasferta di Crotone. Un tocco di destrezza ha dato il via al successo del Verona, propellente essenziale per lo scatto verso la vetta. Tutto questo, abbinando nel gioco la sostanza e la forma. Pura Scozia, già: il paese di Sean Connery e di Arthur Conan Doyle, di Walter Scott e Alex Ferguson, di Bon Scott e Gordon Ramsay. Talento, irruenza, classe. Il servizio è completo. Devi essere nato pronto, per essere così. Oppure, meglio ancora, totalmente scottish. Ed Hendo, in questo senso, è una certezza.

FONTE: Hellas1903.it


HENDERSON: «VERONA? PASSIONE, GROSSO E...»
28/AGOSTO/2018 - 15:00
Verona - Le dichiarazioni del centrocampista gialloblù Liam Henderson, rilasciate durante il media event di presentazione.

«Perché ho scelto di venire qui? Per me è stata una decisione facile, perché qui c'è Fabio Grosso con cui ho già lavorato a Bari e perché l'Hellas è un club storico in Italia. Ho parlato con il direttore sportivo Tony D'Amico e mi ha convinto subito, ho accolto il progetto del Verona che penso possa darmi tante possibilità e perché credo che la squadra sia forte. Che tipo di giocatore sono? Mi piace giocare palla al piede e schierarmi in mezzo al campo, ma ovunque l'allenatore mi chieda di giocare io sono disponibile. Sono cresciuto ispirandomi a Steven Gerrard, ma in realtà mio padre e la mia famiglia sono stati veramente importanti per farmi diventare il giocatore che sono oggi. Il pareggio contro il Padova? Abbiamo incontrato avversari molto fisici e noi non abbiamo fatto la gara che volevamo. In Serie B non ci sono partite facili ma non vogliamo perdere tempo, siamo una squadra nuova ma compatta nello spogliatoio e forte, e credo che presto arriveranno prestazioni importanti. Contro il Padova non è mancata la grinta e non mancherà neanche contro il Cosenza, giochiamo tutti per lo stesso obiettivo e più lavoreremo insieme, più i risultati potranno essere positivi».

FONTE: HellasVerona.it


I Diez talenti da tenere d'occhio in Serie B
agosto 23, 2018 Giuseppe Pio di Cianno
Si comincia oppure no? Sì, forse sì, si comincia. Un’estate intera tra mancate iscrizioni, comunicati a mezzo stampa, calendari rinviati e tante polemiche sta per lasciare la parola, si spera, al campo. La Serie B è pronta a ripartire, anzi no, meglio dire partire. Perchè le ultime calde settimane hanno portato alla rivoluzione, forzata, illegale, sbagliata nelle tempistiche, forse però anche utile.

Niente ripescaggi in modo da occupare i posti lasciati vuoti dalle “fallite” Avellino, Bari e Cesena. Rimane solo chi ha superato l’esame di maturità: l’iscrizione al campionato, appunto. La classe, dunque, scala dai tradizionali ventidue “alunni” ai diciannove. Inevitabile, allora, vedere qualcuno, ad ogni giornata, gustarsi lo spettacolo sul divano di casa per rispettare l’obbligo del riposo.

Ci si abituerà o no, il dado è tratto. Dicianove è stato dichiarato, dicianove probabilmente sarà. E allora non resta che giocarci con questo numero diventato l’incubo, o il sogno, a seconda dei punti di vista, dell’estate. Diciannove, uno e nove, la somma tra i due numeri fa dieci. Diez, come i talenti che vi consigliamo di seguire nella cadetteria che prenderà il via venerdì.

Leggete, segnate i nomi sul taccuino e poi con il (b)inocolo tra le mani si va allo stadio a misurare la loro crescita.
[...]

LIAM HENDERSON, Hellas Verona (centrocampista, classe ’96)
Liam Henderson nella sessione estiva di calciomercato è stato il centrocampista più ambito nel calcio italiano, superando nella scala degli interessamenti un certo Milinkovic-Savic. Il fallimento del Bari lo ha messo sul mercato a costo zero scatenando un’asta pazzesca. Fiorentina, Udinese, Sampdoria, Juventus B hanno messo gli occhi sullo scozzese che sembrava essere sulla via di Parma. Poi, l’inserimento decisivo dell’Hellas Verona, spinto da Fabio Grosso, che lo ha rivoluto con sè per (ri)tentare insieme la caccia alla Serie A.

[...]

FONTE: Numero-Diez.com


Henderson, il Braveheart dai piedi brasiliani
agosto 6, 2018

Era da tempo che allo stadio Bentegodi non si ammirava un giocatore del genere. I tifosi dell’Hellas Verona l’hanno notato subito in mezzo al campo e sono già stati conquistati a suon di giocate, agonismo ed assist al bacio. Classe 1996, Liam Henderson ha già attirato tutte le attenzioni su di lui. “Ma chi è il 4? Che forte!” il commento dei più al termine della sfida di Coppa contro la Juve Stabia. E non è certo colpa del torrido caldo patito dai circa 6000 spettatori presenti (69 tifosi ospiti, ndr) ieri sera. Lo scozzese Henderson ha subito confermato quanto vi avevamo già raccontato in merito alle sue qualità e la cosa più bella è che siamo solo al 6 agosto ed il ragazzo solo da pochi giorni si è inserito nel nuovo gruppo. Ma è già un leader. L’ordine di Fabio Grosso è chiaro: da lui devono passare tutti i palloni e le trame di gioco. Una garanzia nonostante la giovane età per il Braveheart dai piedi brasiliani. Henderson-Hellas Verona non può che essere un binomio vincente!

FONTE: HellasLive.it


UFFICIALE: BALKOVEC E HENDERSON IN GIALLOBLÙ
03/AGOSTO/2018 - 14:15


Verona - L'Hellas Verona FC comunica di aver acquisito, a titolo definitivo, le prestazioni sportive dei calciatori Jure Balkovec e Liam Henderson. Il difensore sloveno, classe 1994, ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2021. Il centrocampista scozzese, classe 1996, ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2022.

#Welcome Liam e #Dobrodošli Jure

FONTE: HellasVerona.it


Liam Henderson: What a player and a legend this boy was for the hibs

PRIMA DI VERONA +   -   =
SVINCOLATI DAL FALLIMENTO
SVINCOLATI BARI: IL 31 LA RISPOSTA DEL CONI
26/07/2018 16:10
Il Verona dovrà attendere il 31 luglio per tesserare i giocatori del Bari che si svincoleranno dal fallimento.

E' attesa per quella data, infatti, la risposta del Coni dopo che il presidente Giancaspro ha chiesto la riammissione dei pugliesi alla serie B.

Il Verona ha messo gli occhi su Henderson, Balkovec e Somma, che in caso di fallimento arriverebbero tutti e tre senza esborso di denaro.

FONTE: TGGialloBlu.it


Di Carmine, Balkovec e Henderson, i perchè delle ufficialità mancanti
By Redazione - 24 luglio 2018
[...]

Anche per Henderson e Balkovec sembrava tutto fatto, ma ieri si è aperto un piccolo giallo. Infatti il Coni ha reso noto di aver ricevuto un ricorso del Bari contro l’esclusione dal prossimo campionato di Serie B deciso dalla Figc. Si parla di qualcosa di straordinario, o, come scritto dal comunicato barese, “di inaudito”, ma Giancaspro sta provando a salvare la barca che affonda. Oggi il sindaco di Bari ha dichiarato che stamattina ha ricevuto dalla Figc la lettera con la quale il titolo sportivo del Bari Calcio passa ufficialmente nelle sue mani, in quanto sindaco della città, ma questo colpo di coda della società potrebbe bloccare per qualche giorno tutte le trattative. Gli accordi tra il Verona e i due giocatori già ci sono, mancano gli svincoli. D’Amico e Grosso aspettano fiduciosi per una situazione al limite del paradossale.
D.C.

FONTE: HellasNews.it


NEWS
19 luglio 2018 - 09:13
Liam Henderson, chi è il talento scozzese preso dal Verona
22 anni, nazionale Under 21, centrocampista, Verona ha stracciato la concorrenza per lui. (LE IMMAGINI)

di Redazione Hellas1903
Getty Images

Fiorentina, Udinese, Sampdoria, Parma e Juventus per la squadra B. Sono solo alcune delle squadre la cui attenzione è stata altissima per Liam Henderson. Il Verona è riuscito a sparigliare la concorrenza. Trattativa serratissima conclusa ieri ma iniziata da tempo, quella per il giovane scozzese. Grosso l’ha fortemente voluto, l’Hellas lo ha accontentato e si è assicurato un talento tra i più seguiti dal mercato. Per lui un quadriennale.


Henderson, nato a Livingstone il 25 aprile 1996, nazionale Under 21, è Cresciuto nel Celtic, dal quale il Bari lo ha prelevato lo scorso gennaio. Due reti coi galletti e ottime prestazioni che hanno attirato su di lui l’interesse di molti club.

Uno scozzese non segnava in un campionato professionistico italiano dal 1986. Graeme Souness, maglietta della Sampdoria. A gara appena iniziata, Ternana-Bari, il centrocampista ha sferrato un destro da fuori area e ha aggiornato l’almanacco. Viaggia sempre a testa alta e senza paura di rischiare la giocata. In carriera ha collezionato esperienze con l’Hibernian (32 presenze in campionato nella stagione 2015/2016) e Rosenborg, oltre a 13 presenze con la Nazionale Under 21 della Scozia. I paragoni con Wayne Rooney paiono al momento eccessivi, ma qualcuno si è già azzardato a farli. 183 centimetri di altezza, nasce centrale in mezzo al campo, è un polivalente, può giocare anche a destra nel centrocampo a tre.

Qui alcune immagini di Liam Henderson da Youtube


FONTE: Hellas1903.it


Dopo Balkovec, dal Bari arriva anche Henderson
By Redazione - 19 luglio 2018

Saranno ufficializzati entrambi dopo il 20 luglio, cioè dopo che si svincoleranno, ma, com’era prevedibile, il Verona si aggiudica i due migliori elementi del Bari a parametro zero.

Troppo forte l’influenza di Mister Grosso, più delle sirene del Sassuolo, da tempo sul terzino sloveno, e di più anche di quelle di Fiorentina e Parma, che volevano il centrocampista scozzese.

D’Amico ha convinto Henderson con un contratto di 4 anni. Il ragazzo è un classe 1996, quindi non occupa slot in lista e ha giocato in tutte le nazionali giovanili del suo paese, compresa l’Under 21 dove milita attualmente. Può giocare in tutti i ruoli della mediana, anche se Grosso l’ha spesso utilizzato interno sinistro in un centrocampo a tre, nonostante sia un destro di piede.

Henderson è stata la scoperta di gennaio di Sogliano. Centrocampista completo, con grande tecnica, fisico importante e molto abile sui calci piazzati. Seppur in regime di svincolo, Grosso e D’Amico sono riusciti a convincere una delle migliori mezz’ali dell’ultima Serie B.
D.C.

FONTE: HellasNews.it


CALCIOMERCATO
Lo manda Sogliano
Arriva Henderson

19/07/2018 08:58
Lo manda Sogliano ed è già una garanzia. Il Verona ingaggia Henderson, scozzese del Bari, un colpo low cost che l'ex ds del Verona fece l'anno scorso in Puglia. Diventato pupillo di Grosso, Henderson è uno degli svincolati dopo il fallimento della società di Giancaspro. Sogliano avrebbe voluto cederlo per sistemare i disastrati conti baresi ma la mancata ricapitalizzazione del presidente ha impedito al Bari di mettere Henderson sul mercato.

Lo scozzese arriva a Verona quindi a costo zero: un colpaccio.

Per lui è pronto un contratto quinquennale.

Il Verona avrebbe superato la concorrenza della Fiorentina e della Sampdoria e a fare la differenza proprio la presenza di Grosso.

Sogliano lo prese dal Celtic per 120 mila euro.

Liam Henderson è del 1996, ha grinta, visione di gioco, lucidità. Per gli addetti ai lavori è un talento di grande avvenire.

FONTE: TGGialloBlu.it


Verona
Verona, in arrivo lo svincolato ex Bari Henderson
Per il centrocampista scozzese contratto quadriennale


19/07/18 00:06| Calciomercato | Autore: Redazione
Continua a muoversi con grande attività il nuovo Hellas Verona del ds Tony D'Amico, pronto a regalare a Fabio Grosso i rinforzi giusti per tentare l'immediata risalita in Serie A. Dopo l'arrivo di Jure Balkovec, terzino classe 1994, anche un altro calciatore svincolatosi dal Bari vestirà infatti gialloblu: è fatta per l'arrivo di Liam Henderson, centrocampista scozzese classe '96 autore di un'ottima stagione in biancorosso, strappato alla concorrenza di tanti club di A e pronto a firmare un contratto

FONTE: GianlucaDiMarzio.com


Chi si libera da Cesena e Bari
By Redazione - 17 luglio 2018

È stata messa la parola fine sulla storia professionistica di Cesena e Bari.
[...]

Se da Cesena si può pescare poco per la prima squadra gialloblù, molto di più può arrivare da Bari, visto anche l’influenza di Fabio Grosso sui giocatori pugliesi che ha allenato nell’ultima stagione.

A Bari non è stata fatta la ricapitalizzazione del club ed è saltata l’iscrizione al campionato cadetto. Sean Sogliano si sta recando nel ritiro in Trentino per comunicare alla squadra il sciogliete le righe. L’addio del Bari alla Serie B causerà lo svincolo di tutti i giocatori, primo tra tutti il miglior giocatore biancorosso: lo scozzese Henderson, pupillo di Grosso, centrocampista centrale del 1996 che farebbe davvero al caso del Verona.

[...]

FONTE: HellasNews.it


Il Bari cerca di fare cassa vendendo Henderson: richieste dall'estero
Filtra un certo ottimismo dagli ambienti del Bari, circa la possibilità di onorare entro martedì il pagamento degli stipendi. Un passaggio importante ai fini dell'iscrizione al prossimo campionato di serie B. Ma che resta ancora in bilico con tutte le conseguenze possibili anche in vista della ricapitalizzazione della società. Nel frattempo, proprio le difficoltà del club biancorosso, hanno alimentato il mercato in uscite. Nelle ultime ore, il Lecce avrebbe chiesto informazioni su Cristian Galano, quindici gol nell'ultima stagione, e sul laterale sinistro Salvatore D'Elia. Ma il pezzo pregiato che il Bari punta a vendere nel migliore dei modi, per migliorare i suoi conti, è lo scozzese Liam Henderson, valutato due milioni. Oltre a Parma e Fiorentina, si registra l'interessamento di qualche società estera. Soluzione che il Bari accoglierebbe in modo assai favorevole. Il Verona, dopo avere ingaggiato il tecnico Fabio Grosso e l'attaccante Karamoko Cissè, ci prova anche per l'olandese Djavan Anderson. Per la costruzione del nuovo Bari, si attende la risoluzione della crisi societaria.

Di seguito, il primo tassello sarà la scelta del nuovo allenatore: i nomi più prestigiosi sono quelli di Baroni e Juric, ma non è escluso che si punti su un tecnico giovane e di prospettiva.

– e.tamb.

24 giugno 2018

FONTE: Ricerca.Repubblica.it


SERIE B
Hellas, Grosso può portare in dote tre calciatori del Bari
14.06.2018 23:38 di Michele Pavese Twitter: @7mp84
L'ormai imminente arrivo di Fabio Grosso sulla panchina dell'Hellas Verona potrebbe portare in dote al club scaligero tre giocatori che il campione del Mondo del 2006 conosce bene, avendoli allenati nell'ultima stagione a Bari: si tratta del difensore olandese Djavan Anderson, del centrocampista scozzese Liam Henderson e dell'attaccante guineano Karamoko Cissé. Lo riporta Sportitalia.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


DOPO UN PERIODO DI PROVA
Calcio, il Bari ingaggia Henderson dal Celtic
18 Gennaio 2018
Liam Henderson

BARI CALCIO - Colpo del Bari: il club, dopo averlo testato in un periodo di prova, ha ingaggiato lo scozzese Liam Henderson, classe 1996.
Il centrocampista arriva a titolo definitivo dal Celtic e sarà disponibile nella prossima gara di campionato sabato sera a Cesena.

[...]

FONTE: LaGazzettaDelMezzogiorno.it


LIAM HENDERSON JOINS HIBERNIAN ON LOAN
By: Hibernian Media on 14 Aug, 2015 22:39

Hibernian FC today confirmed that Liam Henderson is to join the Club for the season.

The talented Scotland under-19 midfielder will be at Easter Road on a one-year loan deal.

At the same time, the Club confirmed that Scott Allan has been transferred to Celtic for an undisclosed fee.

Speaking exclusively to hibernianfc.co.uk, Head Coach Alan Stubbs said: “Liam is one of the best and most talented young players in Scotland.

“He’s a good, modern midfielder who can score goals, and he has played first team football for both Celtic and Rosenborg. He’s an exciting player I rate really highly and I am delighted that he is coming.

“While we were prepared to allow Scott to run down his contract and play his part in an important season for us, this opportunity provides a really good outcome for everyone.

“Scott gets a move as he wanted, while we bring in a high quality player who is motivated to join us as we push for promotion.

"I’d like to say I am delighted with the support I’ve had from Rod, Leeann and the Board, and I’d also like to record that Scott has been a pleasure to work with. We wish him all the best for the future.”

Chief Executive Leeann Dempster said: “Scott goes with our best wishes. Alan is happy with the outcome. We have brought in a talented player on a loan for this vital season, plus a fee which will help us strengthen the squad for the challenging and exciting season that lies ahead.”

[...]

FONTE: HibernianFC.Co.uk


Henderson: Rosenborg experience a valuable learning curve
By: Mark Henderson on 08 Jul, 2015 14:51

LIAM Henderson believes his three-month spell at Rosenborg saw him develop as a person and a footballer.

The 19-year-old returned to Celtic for the start of pre-season after a profitable temporary move with the Trondheim-based team, where he made nine league appearances and scored three goals.

Playing in a country at such a young age was a steep learning curve for the midfielder but an enjoyable one.

And now he’s full of confidence and vigour as he prepares for the challenge of forcing his way into the Hoops starting XI over the coming campaign.

“It’s really good being back in and seeing all the boys,” said the teenager. “I really enjoyed it in Norway but it’s good to be back. It has made me a better player and better person.

“I’ve learned a lot in such a short space of time. I have really grown up and become more mature so I’m sure that will really help me in the future.

“They wanted to keep me but the gaffer wanted me back here so that was a great confidence-booster for me, and I was really looking forward to coming back in.

“The goal is to come back in training, try to do well and catch the eye. I have been working hard in training, and hopefully I can try to continue that and impress in the friendly matches.

“Living by myself, I realised what I had back here and maybe I took it for granted. But out there, I realised how much it means to play for Celtic and how much I want to do well here.

“Missing my friends and family was a big part of it as well, but I’m delighted to be back and I’m enjoying training which is good.

“It was the first time living myself, so I had to cook and clean and you do grow up a lot. One of the main things for me was to go out there and become a better person and get more life experience, along with the football side, so that really helped me.

“My all-round game knowledge, thinking more about the game, was the most I learned out there, though I am only 19 and that comes with age as well.

“Rosenborg were very similar to what we do here. The training was very similar and all the boys were brand new, along with the coaching staff, so it was pretty easy to fit in. It’s a great club and hopefully they can win the league.

“The main thing is doing well in training, working hard and keeping my head down, and if I do that then hopefully my opportunity will come again. I will just wait for it and then hopefully I can take it with both hands.”

The Celtic Youth Academy graduate knows he faces a fight to break into the side with the likes of Scott Brown and Nir Bitton forming a formidable central-midfield partnership in the second half of last season.

However, he knows that working alongside these established international players on a daily basis can only accelerate his development.

“It’s tough but you’re learning off international players like Scott Brown and Nir, which is priceless experience and I just take so much stuff from them,” he said.

“I’m learning from them every day which can only be good for me. I have always had confidence but that’s partly down to the manager and the players I play with, they make you feel confident, so that’s something I never lacked."

Henderson was speaking ahead of Friday’s meeting with David Moyes’ Real Sociedad. The last remaining tickets for the match, which kicks-off at 7.45pm, are available now ONLY from the Celtic Park Ticket Office ahead of Friday night’s match priced at £12 for adults and £5 for concessions.

FONTE: CelticFC.net


EUROPA
Celtic, Henderson vuole prolungare la sua permanenza al Rosenborg
29.04.2015 22:03 di Raimondo De Magistris Twitter: @RaimondoDM
"Mi piace questa squadra e sto cercando di imparare il più possibile". A parlare è Liam Henderson, calciatore scozzese classe '96 attualmente in prestito al Rosenborg. Il giovane centrocampista vorrebbe prolungare la sua permanenza nel club norvegese oltre il 30 giugno. "C'è un fantastico spirito di squadra e questo mi piace - prosegue -. Futuro? Non si sa ancora, vedremo cosa accadrà".

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Henderson relishing Rosenborg opportunity
By: Mark Henderson on 31 Mar, 2015 18:22

LIAM Henderson’s determination to become an established first-team player at Celtic persuaded him to agree a loan move to Rosenborg until the summer.

The 18-year-old will join the Norwegian side in time for the start of their domestic season which gets underway next Monday.

And the young midfielder believes the opportunity to develop his game abroad at this stage in his career was something he simply couldn’t turn down.

Explaining his decision to the official website, the Celtic Youth Academy graduate said: “I have always wanted to go away and play. I believe I can learn a lot in a short space of time and it will be great for my development. Going on my own will help me grow up a bit, so I’m really looking forward to it.

"It can do nothing but help me at Celtic, learning another culture, getting another football experience. The manager has reiterated to me that he wants me to do well come back and hopefully push for a starting place, and that’s what I will be looking to do.

“I’m going for three months and then I will be back for pre-season, when I will be looking to kick on and try and get more first-team experience for Celtic under my belt.

“I was satisfied with what I was doing here, but you can’t turn down a chance like this. It’s a once-in-a-lifetime opportunity, and the manager wants me to go there, get games and learn a new style of football and come back more experienced and I’m all for that.”

Henderson enjoyed a meteoric rise last season, breaking into the first first-team at 17, quickly following up his first start for the club by scoring in the title-clinching win away to Partick Thistle.

He has gone on to make 15 appearances this season, scoring once in the 2-0 victory over Hamilton in January.

Manager Ronny Deila and Henderson’s family were fully supportive of his choice to head overseas, with the Hoops boss highlighting the benefits of further first-team exposure at a club, playing a progressive, pressing system similar to the Scottish champions.

“The gaffer says I should go and it would be good for me to go and play games and I’m looking forward to doing that,” said Henderson

“The manager was really positive about it when he spoke to me and I felt exactly the same when he told me about it. I’m delighted it’s been finalised and I’m excited about going over and playing.

“The manager says they look to play the same style as us – passing and pressing - and I can’t wait to get over there and start training with Rosenborg and see where it takes me.

“My family are all backing me, and my dad is coming over on Friday to help me settle in so that will be good," he added.

Based in Trondheim, Rosenborg are Norway’s most successful football club, having lifted 22 league titles and nine national cups.

Boss Kare Ingebrigtsen sounded out his Celtic counterpart Ronny Deila and countryman Stefan Johansen about Henderson and heard glowing reviews.

And the Hoops youngster, who has been starring for Scotland U19s in Austria in recent days, knows he will be joining a team which shares Celtic’s winning mentality and attacking philosophy.

“I found out after a couple of days here in Austria and I was buzzing,” he said. “I know that Rosenborg are the biggest club in Norway and I’m going there to play as many games as I can to try and help them do well.

"They play a nice, attacking style similar to us and I’m going there to learn, and it will be another great experience for me.

"The manager is a former midfielder who played for Man City and they will be pushing for the league title. Obviously Celtic are pushing for leagues and trophies as well so it will be great for me. The main objective is go there, play games and perform well, and I can’t wait to get started.”

The young Celt came on a substitute in the League Cup final success against Dundee United last month and he believes his team-mates can go on to win the treble.

“They will hopefully achieve that and if all goes well then I can be part of treble-winning sides in the future,” he added. “I am still only 18 and can still play youth football but now I’m going out to play for Rosenborg which will be a great experience for me.”

FONTE: CelticFC.net

0 commenti:

Posta un commento

Supporta il blog BONDOLA/=\SMARSA!

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


#VeronaTorino Pazzini

#AtalantaVerona highlights


Archivio