Le schede di B/=\S: Marco SILVESTRI

Nato a/il:Castelnovo ne' Monti (RE) il 02/03/1991
Nazionalità:Italiana
Contratto:Definitivo fino a Giugno 2021
Ruolo:Portiere
Altezza:191 Cm
Peso:80 Kg
Posizione:
CARRIERA DA GIOCATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal Sub. 
Hellas Verona2018 - 2019B35 (+5PO +1CI)-46 (-3 -1) 
Hellas Verona2017 - 2018A2 (+2CI)-7 (-4) 
Leeds United2016 - 2017FLC0 (+2FAC +4CdL)0 (-2 -4) 
Leeds United2015 - 2016FLC45 (+3FAC)-56 (-2) 
Leeds United2014 - 2015FLC43 (+1FAC)-58 (-1) 
CagliariGen. 2014 - 2014A3-5 
Chievo2013 - Gen. 2014A0 (+2CI)0 (-3) 
Padova2012 - 2013B25-26 
Reggiana2011 - 2012LP127 (+2CI)-36 (-4) 
Chievo2010 - 2011A00 
Modena2009 - 2010B0 (+1CI)0 (-2) 
Giovanili Modena2006 - 2010--- 
LEGENDA: CI=Coppa Italia, LP1=Lega Pro Prima Divisione, FLC=Football League Championship (Serie B Inglese), FAC=Football Association Challenge Cup (Torneo Nazionale Inglese), CdL=Football League Cup (Coppa di Lega Inglese), PO=Play Off
NEWS E CURIOSITÀ +   -   = 5 Agosto 2017
Marco parte inizialmente dietro NICOLAS ma, da quello che s'è visto in queste prime amichevoli, il buon Marco da Reggio Emilia ha sicuramente dei buoni numeri! Il numero uno brasiliano non dovrà abbassare mai la guardia (e in ogni caso un po' di sana concorrenza non fa mai male)...


Dall'Emilia al CHIEVO...
Nato in provincia di Reggio Emilia, Marco comincia a giocare nelle giovanili del MODENA a 15 anni e poco più di tre anni dopo si allena come terzo portiere con la prima squadra dei Canarini in Serie B.
Alla fine di quella stagione viene ingaggiato dal CHIEVO dove, ancora senza mai scendere in campo ufficialmente, trascorre un'altra stagione da terzo in Serie A.

...Ma per giocare torna a Reggio Emilia
Per 'assaggiare il campo' il portiere è costretto a scendere di categoria ma l'opportunità è ghiotta: Gioca in prestito nella squadra della sua città natale anche se in Prima Divisione.

Ritorno in Veneto, poi al CAGLIARI
SILVESTRI disputa una buona stagione in Emilia e, riscattata interamente la sua comproprietà dal MODENA, il CHIEVO per l'annata successiva lo gira in prestito al PADOVA in cadetteria dove il portiere è titolare fisso in campionato prima di rientrare alla base clivense per rimanere mezza stagione e mettere a segno un paio di presenze in Coppa Italia.
A Gennaio la società della diga gira in prestito Marco in Serie A al CAGLIARI dove fa da secondo ad AVRAMOV e, quando quest'ultimo è squalificato, riesce ad esordire a fine stagione risultando determinante per la salvezza dei sardi.

La Championship con CELLINO e il VERONA
Dal 2014-15 il presidente CELLINO, ex patròn del CAGLIARI che nel frattempo ha acquistato il LEEDS UNITED nella SERIE B inglese, porta con sé Marco ai Peacocks squadra con la quale è stato titolare indiscusso per due stagioni prima di fare da vice al veterano Robert GREEN, trascinare i suoi ai quarti di finale nella coppa di Lega inglese (dopo aver parato tre rigori!) e poi tornare in Serie A col VERONA.

Qui trovate la pagina Twitter ufficiale del portiere, questo invece l'account su Instagram.

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]


ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =
  • SILVESTRI si racconta al quotidiano L'Arena: 'Verona è una città meravigliosa. Il centro storico è eccezionale, l’Arena è qualcosa di unico come piazza delle Erbe che sono i miei due posti preferiti. E la cucina? Il risotto all’amarone è il mio preferito! Con il Leeds mi sono tolto le mie soddisfazioni, ho 98 partite all’attivo e i primi due anni sono andati alla grande: ho giocato sempre, ho vinto riconoscimenti personali, ho giocato ad Anfield contro il Liverpool... Sono tornato in Italia perché c’era il Verona, altrimenti sarei rimasto là'
  • Nella disfatta di Benevento SILVESTRI è l'unico a salvarsi! Anzi... È proprio per merito del portiere (peraltro all'esordio in campionato coi gialloblù) se L'HELLAS non esce dal Vigorito con un passivo ancora più pesante e infatti è il miglior portiere in Serie A nel recupero della 27esima giornata.
  • Il VERONA supera il quarto turno di Coppa Italia ai danni del CHIEVO anche grazie a Marco che ferma il penalty di PELLISSIER!
  • Eroe dei Pavoni! Dopo due stagioni da titolare in campionato nel LEEDS di CELLINO, nel 2016-17 Marco deve fare da vice al veterano Robert GREEN: Si rifarà nella English Football League Cup (la Coppa di Lega inglese) trascindando i suoi ai quarti di finale dopo aver parato tre rigori contro il NORWICH agli ottavi! Determinante, secondo TheSun.co.uk, l'aiutino della moglie del giocatore Sofia Jamal (modella nata in Italia ma di origini marocchine) che prima della gara aveva 'spiato' la battuta dei penalties degli avversari...
  • Prima al MODENA, poi al CHIEVO ma per fare il titolare SILVESTRI è dovuto tornare alla natale Reggio Emilia e ripartire dalla Lega Pro, esordio in cadetteria col PADOVA nel 2012-13 mentre per la Serie A Marco dovrà attendere l'Aprile del 2014 col CAGLIARI nella gara vinta col PARMA che volle dire salvezza per i sardi anche grazie a due interventi prodigiosi dell'allora 23enne portiere emiliano...
  • La famiglia SILVESTRI:Papà avvocato, mamma Fabrizia casalinga, il fratello Filippo di 5 anni più grande giocava da difensore centrale in Prima Categoria, Marco frequentava l'istituto tecnico per geometri e, appena 18enne, era nell'obiettivo di squadre altisonanti...

Marco Silvestri
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Silvestri (Castelnovo ne' Monti, 2 marzo 1991) è un calciatore italiano, portiere del Verona.

Carriera
- Club
Inizi a Modena e Chievo
Nato a Castelnovo ne' Monti, in provincia di Reggio Emilia, Silvestri inizia la sua carriera col Modena di cui, nella stagione 2009-2010, diventa terzo portiere come sostituto di Enrico Alfonso e Antonio Narciso.

Nell'agosto del 2010 Silvestri viene acquistato dal Chievo, dove gioca da terzo portiere esordendo in Serie A.

I prestiti alla Reggiana e al Padova
La stagione successiva, il portiere passa alla Reggiana.
Nel luglio del 2012 viene acquistato dal Padova Calcio di cui diventa primo portiere.

In prestito al Cagliari
Nel mercato invernale del 2014 il Chievo, società a cui appartiene il cartellino del giocatore, lo cede in prestito al Cagliari e Silvestri esordisce in Serie A il 27 aprile contro il Parma in una partita fondamentale per la stagione dei sardi (il titolare Avramov era squalificato). Le parate di Silvestri in quella partita (finirà 1-0 per i rossoblù) saranno decisive per il raggiungimento della salvezza da parte dei cagliaritani.

Leeds United
Il 9 luglio 2014 passa al Leeds United, squadra partecipante alla Football League Championship, esordisce il 9 agosto 2014 nella sconfitta per 2-0 contro il Millwall

Hellas Verona
Il 19 luglio 2017 torna a giocare in riva all'Adige, firmando un contratto quadriennale con il Verona. Esordisce con l'Hellas il 29 novembre del 2017 nella derby di Coppa Italia contro il Chievo, la quale finisce 1-1 e durante i calci di rigore Silvestri para il tiro del suo ex-compagno di squadra Sergio Pellissier, contribuendo così alla vittoria per 5-4 ai rigori contro il Chievo.

FONTE: Wikipedia.org


STAGIONE 2019-20 +   -   =
Silvestri: “I 25 punti sono un buon margine che ci permette di essere più tranquilli. L’entusiasmo fa il resto”
gennaio 16, 2020

“Ho parlato con Amrabat e Rrhamani, li vedo concentrati sul lavoro. Noi siamo un gruppo molto unito. Entrambi devono moltissimo al Verona e lo hanno ricordato più volte, quindi non ci nessun problema. Fra poco finisce il mercato e sino a giugno daranno il massimo come è già successo col Genoa. Nello spogliatoio pensavo che al massimo avremmo potuto pareggiare ed invece… 25 punti? Abbiamo un buon margine che ci permette di essere più tranquilli. L’entusiasmo fa il resto – ha dichiarato il portiere dell’Hellas Verona, Marco Silvestri, a l’arena – Ce la giocheremo contro tutti come è sempre stato, figurarsi ora. Sapevamo che gennaio sarebbe stato un mese importante, vincere a Ferrara e col Genoa non è stato semplice. Sono soddisfatto del mio rendimento e oltre allo staff tecnico devi ringraziare un bel po’ di persone. Sono tutti i miei compagni, da chi gioca a chi sta in panchina. Gli attaccanti sono i nostri primi difensori”.

FONTE: HellasLive.it


Ottimo per iniziare il 2020 💪🏼#hellasverona

Un post condiviso da Marco Silvestri (@marco_silvestrigk) in data:



VISTO DA NOI
02 gennaio 2020 - 19:05
Caro Verona, quanto conta Silvestri
Il portiere tra gli uomini determinanti nell’Hellas di Juric

di Michele Tossani, @MicheleTossani

Della fin qui positiva stagione del Verona di Juric si sono messe in evidenza le qualità dell’allenatore nel preparare le partite, la combattività della squadra, la capacità di farsi trovare pronti anche degli elementi meno utilizzati (come Pazzini) e il rendimento difensivo.

Proprio a proposito di quest’ultimo punto, mentre molto si è detto e scritto della indovinata campagna acquisti effettuata dalla società scaligera (che ha portato in gialloblù giocatori come Rrahmani, Amrabat e Kumbulla) e dell’organizzazione tattica installata dal tecnico croato, poco è stato sottolineato il contributo dato alla causa dal no.1 Silvestri.

Ex riserva di Nicolas, il portiere dell’Hellas è stato infatti protagonista di una buona prima metà di stagione. Se qualche dubbio esisteva, prima dell’inizio del campionato, per la poca esperienza in massima serie del portiere emiliano (5 presenze in totale fra Cagliari e la stagione 2017/18 del Verona), questo è stato spazzato via dalle prestazioni offerte da Silvestri.

Sicuro negli intercetti (col 100% di riuscita secondo i dati InStat), l’estremo difensore dell’Hellas è riuscito a respingere il 76% dei tiri subiti. Ma sono soprattutto le statistiche avanzate a confermare quanto di buono fatto finora da Silvestri. Infatti, grazie ai dati prodotti da fbref e StatsBomb, combinati nel grafico generato da Gabriele Gatti del podcast Il Terzo Uomo, possiamo vedere come il 28enne gialloblù si collochi fra i più efficaci portieri della serie A di quest’anno.

FONTE: Hellas1903.it


Grazie 2019 🙏🏽 Benvenuto 2020 ✨

Un post condiviso da Marco Silvestri (@marco_silvestrigk) in data:



HELLAS VERONA
2019 di Silvestri? Non ha perso neanche un minuto
01/01/2020 12:01
Non ha saltato nemmeno una partita: non ha perso neppure un minuto.
E' stato un 2019 da protagonista per Marco Silvestri.
Il portiere del Verona, infatti, ha giocato tutte le 40 partite ufficiali dell’Hellas nello scorso anno senza mai essere stato sostituito (3600 minuti in campo per lui, senza contare i minuti di recupero).
Un punto fermo di questo Hellas: le sue parate spesso si sono rivelate decisive.

FONTE: TGGialloBlu.it


#Silvestri
SAVES COLLECTION HELLAS VERONA 2019/20


NEWS
31 dicembre 2019 - 09:28
Silvestri sempre presente: 40 su 40, un 2019 da big
Il portiere ha giocato tutte le gare ufficiali dell’Hellas nell’anno che si chiude

di Redazione Hellas1903

Un 2019 da protagonista per Marco Silvestri.
Il portiere del Verona ha giocato tutte le 40 partite ufficiali disputate dall’Hellas nell’anno che che si chiude. Inoltre, non ha saltato neppure un minuto: 3600′ in campo per lui.

Presenza fissa, la sua, dalla B alla A. È il personaggio-simbolo di questi dodici mesi, in cui ha mantenuto sempre un buonissimo livello sul piano del rendimento e spesso è stato decisivo con le sue parate.

FONTE: Hellas1903.it




IL PORTIERE DELL'HELLAS
Silvestri, record di parate contro l'Atalanta
10/12/2019 12:45
Marco Silvestri sta dimostrando ogni partita di essere un portiere importante per la massima serie. A parte l'errore sul gol di Kluivert con la Roma, l'ex portiere del Leeds sta mostrando tutto il suo valore anche in Serie A, che per la prima volta lo vede titolare.
Prestazioni certificate dai numeri. L'estremo difensore dell’Hellas è stato il portiere con più interventi nella quindicesima giornata: Silvestri, a Bergamo contro l'Atalanta, ha fatto più parate decisive di tutti (7), battendo gli altri 19 portieri della Serie A.

FONTE: TGGialloBlu.it




Il bellissimo gesto di Silvestri prima del calcio d’inizio di Hellas Verona-Roma
dicembre 3, 2019

Il portiere dell’Hellas Verona, Marco Silvestri, prima del calcio d’inizio della sfida di domenica sera al Bentegodi contro la Roma, si è reso protagonista di un bellissimo gesto verso Tommy, un bambino speciale, diventato grande amico del N.1 gialloblù. In tanti mi avete scritto e condiviso questo bellissimo scatto che ritrae Silvestri con in mano la felpa gialloblù per coprire da vento e acqua il piccolo accompagnatore. Un piccolo, grande gesto! Foto Francesco Grigolini

FONTE: HellasLive.it


Ale ale bum bum bum #RobertoPuliero 🙏🏽 +3 #HellasVerona

Un post condiviso da Marco Silvestri (@marco_silvestrigk) in data:



NEWS
21 novembre 2019 - 11:21
Serie A, Silvestri terzo re della porta inviolata
Clean sheets delle prime dodici giornate: il portiere del Verona sul podio, dietro a Szczęsny e Musso

di Redazione Hellas1903
Getty Images

La Lega Serie A, tramite un post su Instagram, ha pubblicato la classifica dei migliori tre portieri per porta inviolata, i cosiddetti “kings of clean sheets”.

Anche Marco Silvestri, estremo difensore gialloblù, è presente sul podio. L’ex Leeds è terzo, con 12 presenze e 4 clean sheets. Davanti a lui ci sono Szczęsny della Juventus (8 apparizioni e 4 clean sheets) e Musso dell’Udinese (12 apparizioni e 5 clean sheets).

Più che portieri, veri Door Selector: e non fanno entrare nessuno. ❌⚽️ // #SerieATIM’s own Door Selectors: nobody gets in. ❌⚽️ #WeAreCalcio

Un post condiviso da Lega Serie A (@seriea) in data:


FONTE: Hellas1903.it


IL PORTIERE GIALLOBLU' PROTAGONISTA
Con Silvestri la porta è blindata
12/11/2019 11:30
E' la sua prima stagione da titolare in Serie A e fino ad ora il bilancio è positivo. Se qualcuno aveva dubbi sulla affidabilità di Marco Silvestri si sarà presto ricreduto. L'ex Leeds è il portiere titolare meno battuto della massima serie con 11 gol incassati (dopo Szczęsny della Juventus).

Silvestri, complice anche il sistema difensivo di ferro di Juric, sta superando l'esame della massima serie a pieni voti, da esordiente, a 28 anni. Le sue parate spesso sono decisive: contro l'Inter sono state 10, risultando l'estremo difensore della Serie A che ne ha fatte di più in tutta la dodicesima giornata.

Silvestri la massima serie l'aveva solo assaggiata nella stagione 2013-2014 col Cagliari (3 presenze) per poi tornare ad assaporarla col Verona dopo essere emigrato in Inghilterra al Leeds. Ma Pecchia non gli aveva concesso molto spazio (solamente 2 presenze): inspiegabilmente il tecnico pontino gli preferiva Nicolas, nonostante qualche errore di troppo del brasiliano.

Dopo un campionato da assoluto protagonista in B, Silvestri sta dimostrando di essere un ottimo portiere anche per la Serie A. Tra i suoi guantoni la porta del Verona è al sicuro.

Anche Gigi Buffon, dopo Juventus-Verona, si è complimentato con lui: “Sempre bello vedere portieri italiani protagonisti. Bravo Marco Silvestri, continua così!” aveva scritto su Instagram il Campione del Mondo, uno dei portieri più forti di sempre. E se i complimenti arrivano da lui...

FONTE: TGGialloBlu.it


GALÀ DEL CALCIO TRIVENETO: MARCO SILVESTRI PREMIATO COME MIGLIOR GIOCATORE DELL'HELLAS VERONA 2018/19
04/NOVEMBRE/2019 - 17:00

Vicenza - Un riconoscimento prestigioso, a sottolineare un grande percorso di crescita nella famiglia dell'Hellas Verona. E' Marco Silvestri il gialloblù scelto da Associazione Italiana Calciatori e Unione Stampa Sportiva Italiana come miglior calciatore della stagione 2018/19, in occasione della 19a edizione del Galà del Calcio Triveneto, rassegna che da 19 anni elegge il giocatore più rappresentativo di tutte le squadre di Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia.

Una stagione, quella 2018/19, nella quale Silvestri si è preso il posto da titolare ed è stato autore di grandi parate (tre delle quali su calcio di rigore) decisive per la conquista della Serie A al termine dei Playoff. Accompagnato al Teatro Comunale di Vicenza dal preparatore dei portieri del Verona Massimo Cataldi, Marco ha ricevuto il premio da grandi personalità come Damiano Tommasi (Presidente AIC), Paolo Nicolato (CT Italia Under 21) e Alberto Nuvolari (Presidente USSI Veneto).

Il commento di Marco Silvestri a Hellas Verona Channel, a margine della premiazione: «Ricevere questo premio mi riempie di orgoglio, specie in una stagione conclusa con un traguardo così prestigioso. La parata più bella? Penso quella di Pescara su Mancuso, ha permesso a tutto il gruppo di essere oggi a giocarsi un campionato importante. Quest'anno stiamo lavorando molto bene, in fase difensiva siamo tosti e compatti. Il preparatore Cataldi? Gli devo molto in questo mio percorso, sia in campo che fuori, e abbiamo creato davvero un bel gruppo di portieri».

Quello di Massimo Cataldi, preparatore dei portieri dell'Hellas Verona: «La miglior caratteristica di Marco penso sia la dedizione, ama questo lavoro e ci mette tutto sé stesso, così come fanno quotidianamente tutti i nostri portieri. Il suo percorso? Anche gli anni da riserva, per un portiere, sono fondamentali per la crescita personale. Se è riuscito a fare una stagione così è perché alle spalle ha colleghi che sono una spinta quotidiana a migliorarsi, giorno dopo giorno. Viviamo pensando solo a dare il massimo, partita dopo partita. Verona miglior difesa? Merito non solo della squadra, ma di un modo di lavorare che parte da società, dipendenti, staff sanitario... Tutti, in questo Club, danno il massimo per il risultato finale».

FONTE: HellasVerona.it




Grande Vittoria di carattere in un campo difficile +3 ????

Un post condiviso da Marco Silvestri (@marco_silvestrigk) in data:



PARLA ERMES FULGONI
"Marco Silvestri mi ricorda Gigi Buffon"
11/10/2019 12:30
"Marco l’ho allenato a Modena quando aveva 17 anni: l’ho visto quando muoveva i primi passi tra i professionisti. Abbiamo un bellissimo rapporto, lo sento spesso, pressoché prima di ogni partita parliamo, ci confrontiamo. E sono da sempre convinto che sia un grande portiere. Sta facendo ottime cose. Mi stupisco che sia arrivato ad avere questo spazio in A solo adesso, ma in precedenza non aveva avuto fortuna. Gli serve continuità: all’Hellas la sta avendo ed i risultati si vedono". Parola di Ermes Fulgoni, ex preparatore dei portieri dell’Hellas quando c'era Ficcadenti.

Fulgoni, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha aggiunto: "Chi mi ricorda dei campioni che ho allenato? Non voglio fare paragoni forzati, parlo di aspetti tecnici: ha dei tratti simili a Buffon. Nelle uscite basse, Marco ha il suo stesso tempismo e coraggio. E anche fisicamente si somigliano. Inoltre, Silvestri é un ragazzo tranquillo molto sereno sul piano interiore, ma altrettanto determinato, come Buffon. Se si fissa un obiettivo, state sicuri che lo raggiunge. Per un portiere, avere questo genere di personalità è una risorsa preziosa“.

FONTE: TGGialloBlu.it


ESCLUSIVE
Ag. Silvestri a CH: “Soddisfazione enorme. Rinnovo? Nei tempi e nei modi sistemeremo tutto”
Intervista all’agente dell’estremo difensore gialloblù, autore di un inizio di campionato positivo
di Mattia Zupo Ottobre 11, 2019 - 12:23

Marco Silvestri è sicuramente uno degli uomini copertina del Verona di Juric. Secondo portiere ad aver subito meno gol nelle prime sette giornate di campionato dopo Handanovic, con tre clean sheets, e riguardo ai 4 gol subiti, 3 sono stati su calcio di rigore. Tutto ciò la dice lunga sul classe 1991, protagonista anche lo scorso nella promozione dei gialloblù con parate decisive e un rendimento sempre molto alto e costante. Per commentare il suo presente e quello dell’Hellas, la nostra redazione ha contattato il suo agente, Francesco Romano:

Come ha visto il Verona in questo inizio di stagione?
“Non mi ha sorpreso. Il lavoro che stanno facendo da inizio stagione sta portando i risultati che loro speravano ed effettivamente va dato grande merito a chi conduce questa squadra. Devono continuare in questo modo perché la Serie A è un campionato difficile per tutti”.

Cosa ne pensa dell’avvio di campionato di Silvestri?
“La soddisfazione è enorme. Marco sa benissimo che questa per lui è una grande opportunità e una grande vetrina. Deve lavorare sempre di più per acquisire maggiori soddisfazioni, perché il lavoro paga sempre alla fine. Ha parlato Fulgoni, Buffon gli ha fatto i complimenti, e io posso dire solamente che sono soddisfatto: è un ragazzo che merita e sta conquistando tutto con il lavoro e i sacrifici. Deve continuare così e lo sa, questa è la strada”.

Il suo contratto con l’Hellas scade nel 2021, ci sono delle novità?
“Col tempo e con i modi giusti sistemeremo tutto”.

FONTE: CalcioHellas.it


NEWS
08 ottobre 2019 - 11:18
Hellas, Silvestri secondo per clean sheets
Il portiere gialloblù ha mantenuto la porta inviolata per tre gare, una in meno di Handanovic

di Redazione Hellas1903

Il Verona è la seconda migliore difesa della Serie A, dietro all’Inter e davanti alla Juventus, con 5 gol subiti in 7 gare di campionato. Questa solidità difensiva si deve all’impostazione data dal tecnico Juric, fatta di tanta corsa e pressione costate sui giocatori avversari in fase di non possesso del pallone.

Chi ne beneficia è il portiere gialloblù. Marco Silvestri, in questo avvio di campionato, è riuscito a mantenere inviolata la porta del Verona per tre partite. Contro Lecce, Udinese e Sampdoria, l’estremo difensore non ha subito reti e nella classifica dei clean sheets si posiziona secondo, dietro ad Handanovic e alla pari dei colleghi Strakosha (Lazio) e Musso (Udinese).

Un rendimento, analizzato dalla Gazzetta dello Sport, che ha i suoi riflessi anche sul fantacalcio. Il portiere, nelle liste del campionato Magic della Rosea, risulta alle spalle di Sirigu e Handanovic, come media voto, al pari di Musso e Strakosha. Dalla diffidenza di inizio stagione, data dalle incertezze difensive legate a una neopromossa, Silvestri si sta imponendo come grande sorpresa tra i pali della squadra gialloblù.

FONTE: Hellas1903.it




Silvestri: “Partita fondamentale contro la Sampdoria”
ottobre 2, 2019

“A Cagliari è andata bene. Mi dispiace aver subito gol. Davvero una rete strana. Quel pallone di Castro era davvero complicato. Joao Pedro non l’ha toccata ma la sua finta mi ha ingannato. Non mi sento di avere particolari responsabilità. Sono palle molto complicate quelle. È molto bravo Suso, di solito a tagliare cross così. La parata più bella? Credo quella su Simeone. Cos’è successo all’intervallo? Il mister è entrato nello spogliatoio ed ha fatto una sfuriata, poi è ritornato sul campo. Abbiamo parlato tra di noi. Ci è servito, perchè nella ripresa abbiamo pressato meglio, preso più seconde palle e fatto meno errori. C’è davvero un bel gruppo – ha dichiarato Silvestri a L’Arena – Il miglior collega del campionato? Sono in molti. Mi piace molto Musso dell’Udinese, Szczesny e Strakosha della Lazio. Ora come ora però il più forte è Handanovic. Veloso come calcia? Benissimo, anche se sulle punizioni c’è sempre Berardi. I rigori? Quest’anno ne facciamo un po’ meno, però di solito mi fermo con Pazzini. Lui è bravo ma qualcuno lo paro. Già tre contro l’Hellas? A parte quello di Ronaldo, gli altri due li avevo intuiti. Speravo di pararne almeno uno su tre, niente non ci sono arrivato. Con il nuovo regolamento – (il portiere deve tenere almeno un piede sulla riga prima che l’attaccante tiri ndr)- è più difficile sventare un rigore. Quando ne pari uno, nel 99% dei casi è perchè ti sei mosso prima. Dovremo lavorarci su. Chi mi ha impressionato dei giovani? Kumbulla lo conoscevo già e sta facendo grandi cose. E poi Salcedo. Lui ha grandi numeri ed è nato per giocare al calcio. Bisogna avere pazienza, perchè ha solo diciott’anni. Che cosa ha detto il campionato finora? Mancano forse due punti alla nostra classifica. Tra Milan e Juve avrebbero potuto arrivare. La vittoria di Lecce è stata fondamentale. Siamo stati molti bravi, secondo me, a prendere un punto col Bologna in dieci contro undici e a non perdere a Cagliari. La Sardegna Arena è un campo molto difficile. La serie A di quest’anno è molto bella perchè incerta anche nel basso della classifica. A mio parere non esiste una squadra materasso o un’altra già spacciata. Noi, il Lecce e il Brescia, da neo promosse ci stiamo difendendo alla grande. La sfida contro la Sampdoria? Incontro fondamentale. Loro sono in un momento difficile. Noi abbiamo un altro spirito ed un altro atteggiamento. Vincere significherebbe andare a nove punti dopo sette partite. La Samp è in difficoltà di testa. Hanno una rosa per stare almeno a metà classifica. Noi proveremo a vincere l’incontro. Adesso guardiamo avanti con fiducia”.

FONTE: HellasLive.it


Meritavamo di più !! Continuiamo così, uniti verso il nostro obbiettivo #hellasverona

Un post condiviso da Marco Silvestri (@marco_silvestrigk) in data:



Buffon: “Sempre bello vedere portieri italiani protagonisti”. Silvestri: “Sei e resterai il N.1”
settembre 22, 2019

Gigi Buffon su Instagram si complimenta così col portiere dell’Hellas Verona, Marco Silvestri, estremo difensore gialloblù che ringrazia l’eterno N.1 nazionale.

FONTE: HellasLive.it


SILVESTRI: «ORGOGLIOSO DELLA SQUADRA E DELLE MIE 50 PRESENZE. MA C’È ANCHE TANTA RABBIA...»
21/SETTEMBRE/2019 - 21:20
Torino - Le principali dichiarazioni del portiere gialloblù, Marco Silvestri, rilasciate al termine di Juventus-Hellas Verona, 4a giornata di Serie A TIM.

«Sconfitta? Peccato, abbiamo fatto una partita ad alto livello subendo un gol su rigore e su un tiro deviato. Meritavamo almeno un punto. I due gol? Nella prima occasione ho visto l'attimo in cui è partita la palla. Poi con la deviazione la palla ha preso un effetto strano ed è entrata. Il rigore non me lo sarei aspettato centrale da Ronaldo. Conclusioni dopo Milan e Juve? Ce la siamo giocata dando del filo da torcere a due grandi formazioni. Possiamo dire la nostra contro tutte le squadre. Tifosi? Anche stasera sembrava di essere al Bentegodi, erano tantissimi e penso siano orgogliosi di quello che stiamo mettendo in campo ogni gara».

SILVESTRI: «STIAMO FORMANDO UN GRANDE GRUPPO, ABBIAMO CARATTERE E ATTRIBUTI: AI NOSTRI TIFOSI PIACCIAMO COSÌ»
01/SETTEMBRE/2019 - 23:25
Lecce - Le principali dichiarazioni del portiere gialloblù Marco Silvestri, rilasciate al termine di Lecce-Hellas Verona, 2a giornata della Serie A Tim 2019/20.

«Punti importanti? Oggi mi è piaciuta la voglia di portarla a casa, era tanto importante per noi e abbiamo spinto tutti verso il gol. Il carattere delle prime partite? Abbiamo iniziato fin da subito a creare gruppo con tutti i ragazzi nuovi che sono arrivati, penso che questo faccia la differenza perché in partite come oggi e quella con il Bologna, in cui siamo rimasti in dieci per quasi 80', riesci a strappare punti e risultati positivi solo se c'è qualcosa di importante dietro. La parata su Mancosu? Un bell'intervento anche per il momento in cui l'ho fatta, non è mai facile rimanere sempre concentrati quando non sei impegnato per tanti minuti. Voglio rivederla perché secondo me lui avrebbe voluto calciare alla mia destra, è stato Faraoni a smorzarla. In un attimo mi sono disteso e ci sono arrivato, meno male altrimenti sarebbe stata una beffa. Tre punti che valgono di più? Abbiamo fatto indubbiamente una buona partita, se fossimo stati avanti dopo il primo tempo nessuno avrebbe potuto dire nulla, mentre nelle ripresa abbiamo un po' sofferto ma penso sia giusto perché loro sono una squadra tosta e giocavano in casa. Anche se è solo la seconda era già una gara importante, ora c'è la sosta e possiamo pensare che abbiamo fatto 4 punti importanti, lavorando per fare ancora meglio e crescere a livello di gruppo. Subiamo meno? In difesa abbiamo lavorato molto bene, abbiamo carattere e si è visto anche contro il Bologna in inferiorità numerica. Zaccagni? Lui ha qualità impressionanti, deve continuare così e dimostrare a tutti di cosa è capace. Lo avrebbe già fatto se solo non si fosse fatto male due anni fa, ma è importantissimo per noi e deve continuare in questo modo. I tifosi qui? Loro sono così e li conosciamo bene e penso che oggi come nella scorsa partita possano dirsi orgogliosi: c'era in campo una squadra con gli attributi. Juric? Il Mister è una persona carismatica e ci trasmette tanto ogni giorno, vuole che lavoriamo sempre al massimo perché ogni allenamento è fondamentale per crescere tutti assime e ha ragione. Dopo la sosta? Abbiamo Milan e Juve e sarà dura, ma vogliamo vendere cara la pelle».

FONTE: HellasVerona.it


Silvestri: “Questa è l’occasione della vita. Sarebbe bellissimo salvarci. Verona è la mia città ideale”
agosto 8, 2019

“Stavolta me la gioco. Questa è l’occasione della vita. E ci tengo particolarmente perché la A me la sono guadagnata sul campo col Verona. Anzi, ce la siamo guadagnata. Ed è ancora più bello quando succede così. Che ricordo la spiaggia del Poetto, ma quando esordii, col Parma, fui il migliore in campo, due partite, le ultime, contro Benevento e Milan, ero il vice di Nicolas. E non vedo l’ora che arrivi la prima partita. Ci stiamo preparando al meglio, è un gruppo ottimo, abbiamo un solo obiettivo, la salvezza, lotteremo fino alla fine. Differenza tra Serie A e B? Tanto. Innanzitutto in A c’è maggior qualità, quindi gli attaccanti sono più scaltri, i cross che arrivano sono fatti molto meglio, i calciatori che ci sono, vista la qualità, possono sorprenderti maggiormente. E i palloni vanno più forte perché sono calciati meglio – ha dichiarato il portiere dell’Hellas Verona, Marco Silvestri, a La Gazzetta dello Sport – Innanzitutto serve coraggio. E bisogna uscire. Perché tutti a questo livello più o meno sanno parare. Ma la differenza la fa chi sa uscire bene. Modello? Da ognuno si può e si deve prendere qualcosa, ma credo che Gigi resti l’esempio. Dove sono migliorato? Nella gestione della palla con i piedi e della difesa, del reparto da guidare, dei rapporto in campo con i compagni. Verona? La mia città ideale. La trovo meravigliosa. Ci abito con mia moglie Sofia e nostra figlia Chloe che ha quattro anni. È una città a misura d’uomo in cui ci troviamo benissimo e sono proprio felice di essere potuto rimanere in questo club anche in questa stagione. Il contratto? Fino a giugno 2021. Speriamo di salvarci, sarebbe bellissimo. L’ambiente è buono, lo spogliatoio pure, la squadra è top come le persone”.

Silvestri: “Buon impatto con Juric. Sarà la stagione di Di Carmine. Punto anche su Zaccagni e Bessa, un top player!”
luglio 19, 2019

“La A è tornata. E me la voglio giocare fino in fondo. Per dimostrare che ci sto, che me la merito, che è giusto essere qui. Per me ma anche per il Verona. Non vedo l’ora che inizi la stagione. Il portiere più forte? Handanovic. Per il valore tecnico, per la responsabilità che porta con sé. Non è facile parare quando sai di avere in mano un grande club, una grande squadra, una grande tifoseria ed una grande piazza. Il segreto di Handa? La costanza. Una preziosa virtù. Il futuro di chi è? Penso sarà di Cragno. Grande forza, grande stile, grandi margini. Le qualità, con lui, sono uscite al momento giusto. Ha voglia di arrivare. E… arriverà dove vuole lui. Il “vecchio“ da ascoltare? Meglio: il portiere che l’ha ispirata? Dida da sempre. E poi torno sempre da Gigi. Buffon è stato fonte di ispirazione per tanti giovani che sognavano una carriera come la sua – ha dichiarato il portiere dell’Hellas Verona, Marco Silvestri, a L’Arena – La mia parata che vorrei rivedere all’infinito? Su Mancuso, la scorsa stagione, parata bassa sulla destra. Eravamo zero a zero. Ci ho messo del mio per tenerci in corsa. Rimanere a galla, si sa, è fondamentale La parata del secolo? Buffon su colpo di testa di Zidane, finale di Coppa del Mondo tra Italia e Francia. Un gesto perfetto. La parata perfetta. Chi vorrei vedere in Italia tra i colleghi che giocano altrove? Alisson (il brasiliano del Liverpool, passato dalla Roma ndr). Credo che lui in questo momento possa essere considerato il miglior portiere al mondo. Juric che cosa ha trasmesso in questi primi giorni di ritiro? La salvezza passa dalla corsa, dalla difesa, dalla voglia di sacrificarci. Sappiamo che sarà molto dura. Ma proprio per questo dovremo dare tutti qualcosa in più. Mi pare che il primo impatto sia stato buono. Sarà la stagione di… Di Samuel Di Carmine. Mi auguro possa trascinarci, spero possa essere il suo anno. Ma anche quello di Zac e di Bessa. Daniel può fare la differenza, perchè lo considero un top player. E domani? Domani? Mi piacerebbe veder laurearsi mia figlia Chloe. Ma siamo lontani da quel tempo. Adesso c’è la serie A, c’è il Verona”.

FONTE: HellasLive.it


STAGIONE 2018-19 +   -   =
18.06.2019
«Gatto Silvestri, sei unico» Parola di chi lo ha allenato
Marco Silvestri con Massimo Cataldi l’attuale preparatore dei portieri gialloblù

È il minuto numero diciassette di Verona-Foggia. L’Hellas di Aglietti deve ancora prendere corpo. La squadra sconcertata dai continui cambi di Grosso, era ancora smarrita. Le tre reti di Cittadella l’avevano gettata fuori dai play off. Il Foggia con tremila tifosi doveva vincere per salvarsi. Gara sullo zero a zero e Kragl che si presenta tutto solo davanti a Silvestri. Quegli istanti sembrano eterni. La disorganizzazione difensiva davanti al portiere gialloblù è stata un marchio di fabbrica del Verona di Grosso. Ma «Gatto Silvestri» annulla Kragl come avrebbe fatto Rafael con Paulinho, acerrimo «nemico» dei gialloblù di Mandorlini fin dai tempi del Sorrento. Uno contro uno. Una parata storica perché contribuisce a scuotere il Verona. Sì, arriverà la rete di Iemmello ma sarà un capolavoro, come quella di Di Carmine del resto. Poi il resto è storia recente. «Silvestri è un ottimo portiere e credo che farà bene anche in serie A». A sostenerlo è Fabrizio «Bicio» Paese, l’allenatore che ha forgiato Pegolo e Buffon con un anno anche ad allenare un certo Toldo.

«CATTIVO TRA I PALI». Paese da sempre nello staff di Malesani. «Marco è cattivo in porta. Lo richiede il ruolo attuale. Bisogna giocare insieme alla squadra non bisogna attendere la palla come ai miei tempi. Lui ha fatto un grandissima stagione». Sulla stessa lunghezza d’onda del collega, un altro preparatore storico dei portieri gialloblù: Ermes Fulgoni. Anch’egli incrociava i guanti dal martedì al sabato con Gigi Buffon. A proposito che bello che era il calcio alla domenica. «Era un ragazzino, ma si vedeva subito che aveva talento» racconta Fulgoni, già preparatore dei portieri gialloblù ai tempi di Ficcadenti nel Verona. PAROLA DI ERMES. «Marco avrebbe meritato di giocare titolare in serie A già due anni fa. L’avevo detto alla Juve, poteva diventare un altro Buffon. Silvestri ha qualità e fisicità. Era un po’ mollo all’inizio quand’era giovane. Ora l’ho ritrovato uomo maturo nonostante la giovane età. Vi racconto due cose. Era a Modena con me e il mister su mia indicazione, lo fece esordire a 17 anni. Poi me lo sono ritrovato a Cagliari con Cellino. Il presidente è uno che ne capisce di calcio e si portò Silvestri al Leeds». Così uno dei grandi preparatori dei portieri italiani. Fu lui a scoprire Buffon e allungare la carriera ad Antonioli. «Buffon era velocissimo di testa. Da ragazzino ho iniziato ad allenarlo al Parma quando aveva 13 anni. Prima di stare in porta giocava in mezzo al campo. Un fenomeno, mentre Antonioli a Cesena lavorava con me ore ed ore. Faccio il contadino da sempre e so cosa significa stare sul campo. Silvestri ha qualcosa di entrambi». Ride Ermes che rimanda il suo ritorno ad allenare. «Ho girato parecchie squadre ed ogni volta che ho accettato per passione ho dovuto assumere qualcuno che mandasse avanti la mia azienda agricola. Avrei già dato. Salutatemi tutti i veronesi, tifosi unici e tenetevi stretto Silvestri ragazzo d’oro e portiere eccezionale».

CON CATALDI IN A. E nell’ottima annata di Marco Silvestri, portiere spesso lasciato al proprio destino, c’è senza dubbio la mano di Massimo Cataldi, preparatore dei portieri sia con Grosso, che con Aglietti. «La parata più? Quella che ha sentito di più, interiormente. Non conta il canone estetico delle parate ma quelle che aiutano la squadra. Quelle che trasmettono coraggio ai compagni». Cataldi lo ricordiamo appena terminata la gara con il Benevento in casa. Uno zero a tre che aveva di fatto tolto il Verona dai giochi promozione. Lui andò dritto verso Silvestri, che aveva esternato il suo dissenso. Un rapporto franco tra i due e fra tutti i portieri gialloblù. D’altronde 46 gol presi erano troppi. «Marco è un ragazzo di temperamento e umanamente eccezionale. Più ci si dedica, più cresce il rispetto per la maglia che si indossa, per il club, i tifosi ed i compagni. Lui è un dedicato. Ecco la sua grande qualità». Silvestri è un portiere che studia molto gli avversari anche a video. Sotto la lente di ingrandimento punizioni e rigori. «I gol su calci da fermo in A» spiega Cataldi, «hanno costituito poco più del 10% delle reti totali. Lo studio avviene in allenamento. All’interno del lavoro quotidiano c’è tutto quello che serve». Cataldi cura molto anche la parte emotiva di Silvestri e degli altri portieri gialloblù. «Al di là degli interpreti diversi con maggior classe che Silvestri troverà in A» conclude, «influirà giocare in stadi con più spettatori, con più rumore di sottofondo, più pressione mediatica scava dentro. Occorre avere un cuore che batte nella roccia». E già e quel cuore a tinte gialloblù Silvestri ce l’ha davvero. Il portierone si è speso e continua a farlo anche in privato per Tommy, bambino affetto da ittiosi lamellare, una malattia rara che richiede una costante idratazione della pelle. Il bimbo, portato in braccio in campo da Silvestri, è stato subito adottato da tutti, anche dalla Curva Sud che gli ha dedicato lo striscione “Forza Tommy“, che ha poi assistito agli incontri del Verona. «Abbiamo fatto qualcosa di incredibile» ha detto Silvestri dopo la promozione, «devo ringraziare Grosso e Cataldi che hanno creduto in me e mister Aglietti. Ci ha ridato un’anima». Nel prossimo campionato le sue parate avranno ancora più valore. C’è da conquistare una salvezza. •

Gianluca Tavellin

FONTE: LArena.it


SILVESTRI: «SEMBRAVA IMPENSABILE MA CI ABBIAMO SEMPRE CREDUTO»
03/GIUGNO/2019 - 14:10
Verona - Le principali dichiarazioni del portiere gialloblù Marco Silvestri, rilasciate al termine di Hellas Verona-Cittadella, Finale di ritorno dei Playoff di Serie BKT 2018/19.

«Verona in Serie A? Fino a un mese fa sembrava impensabile, però con la qualificazione ai Playoff abbiamo iniziato a credere che si poteva ancora fare. Personalmente dopo il 2-0 dell'andata avevo avvertito il colpo, ma ho reagito come tutti e come era giusto che fosse: abbiamo fatto veramente qualcosa di eccezionale, perché andare in Serie A in questo modo penso sia ancora più bello. La partita perfetta? Non si poteva fare meglio di così stasera, 3-0 davanti a 25 mila tifosi ed è stato tutto perfetto, un sogno, forse era il nostro destino. Abbiamo fatto soffrire i tifosi, ma adesso siamo riusciti a riportarli in A, dove è giusto che siano, con la gioia più grande che potessimo dargli. Mi auguro di rivedere lo stadio così pieno tante altre volte il prossimo anno. La promozione anche di Silvestri? Sono contento della mia stagione, ma sono stato anche molto fortunato a trovare un gruppo di colleghi portieri eccezionali perché Chiesa, Tozzo, Berardi e Ferrari sono stati molto importanti per me. Mister Cataldi, il preparatore dei portieri, è stato fondamentale, dopo due anni in cui ho giocato poco, lui e Fabio Grosso mi hanno dato massima fiducia. Sono felice perché è qui che voglio restare l'anno prossimo e volevamo assolutamente andare in Serie A. Chiesa? Mattia è un bravo ragazzo, ha molte qualità quindi se continua come ha fatto quest'anno potrà fare bene».

FONTE: HellasVerona.it


PARLA IL PORTIERE
Silvestri: Spero di fare il titolare in Serie A
03/06/2019 09:35
“Abbiamo coronato un sogno. Sono state due partite straordinarie, meglio di così non si poteva fare. Dopo la gara d’andata ci ero rimasto male, era la prima volta che giocavo i play-off. E' stato un risultato epico. Lo stadio era già pieno durante il riscaldamento, i nostri tifosi sono di un’altra categoria, siamo felici di averli portati di nuovo in Serie A”. Marco Silvestri parla così dopo la promozione in Serie A.

Il portiere del Verona, grande protagonista della stagione, ha proseguito: “Non ho mai avuto l’occasione di giocare titolare in Serie A, spero di farlo l’anno prossimo. Io voglio fare la A col Verona. Non vedo già l’ora che inizi il campionato. Spero che il prossimo anno mi diano la possibilità di giocare titolare in A. L'anno scorso non sono mai stato preso in considerazione. Spero di afre il titolare. Aglietti? Ci ha dato tanto".

Guarda anche:
Silvestri: Voglio restare

FONTE: TGGialloBlu.it


NEWS
03 giugno 2019 - 00:52
Silvestri: “Risultato epico, i nostri tifosi sono di un’altra categoria”
Il portiere del Verona: “Ora spero di giocare titolare in Serie A”

di Redazione Hellas1903

Il portiere del Verona Marco Silvestri ha parlato a “Radio Verona” al termine del trionfo della squadra di Aglietti sul Cittadella.

Queste le sue dichiarazioni: “A Cittadella eravamo stati sfortunati sul loro primo gol. sul quale avevamo dormito. Sono state due partite straordinarie, meglio di così non si poteva fare. Dopo la gara d’andata ci ero rimasto male, era la prima volta che giocavo i play-off. Mi sognavo sempre questa partita, addirittura che avrei segnato io in caso di 1-0. Abbiamo tirato fuori tutto quello che avevamo, è stato un risultato epico. Lo stadio era già pieno durante il riscaldamento, i nostri tifosi sono di un’altra categoria, siamo felici di averli portati di nuovo in Serie A”.

Di seguito: “Non ho mai avuto l’occasione di giocare titolare in Serie A, spero di farlo l’anno prossimo. Non vedo già l’ora che inizi il campionato. Personalmente ho commesso qualche errore, ma ne sono sempre uscito a testa alta. Abbiamo un gruppo imporante, siamo tanti giovani e ce la siamo cavati alla grande nei momenti difficili”.

FONTE: Hellas1903.it






Grandi ragazzi!!! Ancora 2 battaglie per il nostro sogno! #forzahellas

Un post condiviso da Marco Silvestri (@marco_silvestrigk) in data:



Vittoria fantastica! Noi non molliamo, tutti uniti per il nostro sogno! #forzahellas

Un post condiviso da Marco Silvestri (@marco_silvestrigk) in data:



LE UNICHE NOTE POSITIVE DEL VERONA
COSA SALVARE? ZAC, SILVESTRI E...
04/04/2019 11:43
Senza di loro la notte sarebbe ancora più buia. per fortuna, spesso, hanno acceso la luce, con giocate individuali, cantando fuori dal coro stonato. Sono gli unici tre gialloblù che quest'anno hanno fatto veramente la differenza. Chi sono? Beh, il primo è senza dubbio Zaccagni, talento purissimo scoperto da Claudio Calvetti e lanciato da mister Pavanel, quando la Primavera del Verona era un gioiello.

Il secondo è Marco Silvestri, detto San Silvestri, per la qualità miracolosa delle sue parate. Silvestri è stato più volte decisivo nell'evitare delusioni ancora più cocenti nel Verona. A fronte di questo campionato resta ancora più inspiegabile la scelta di Pecchia nella scorsa stagione che continuava a preferirgli Nicolas.

Infine c'è Faraoni: da quando è arrivato ha sicuramente dimostrato grandi qualità sia atletiche sia di personalità. Incredibile che il Crotone se lo sia fatto sfuggire. L'operazione migliore del Verona di quest'anno.

FONTE: TGGialloBlu.it


'VERONA BLU': L'HELLAS SCENDE IN CAMPO CON SILVESTRI
25/MARZO/2019 - 16:25
Verona - Si è tenuta questa mattina presso la Sala Arazzi del Comune di Verona la conferenza di presentazione dell'iniziativa 'Verona Blu', la rassegna di eventi in programma fino al 13 aprile promossa con l'intento di alzare lo sguardo su una condizione come quella dell'autismo, che al giorno d'oggi riguarda 2 bambini ogni 100 nati. E proprio lo slogan 'alza lo sguardo' sarà stampato sulle magliette che i giocatori dell'Hellas Verona indosseranno durante il riscaldamento prima della gara casalinga contro il Brescia, martedì 2 aprile alle 21, per manifestare la propria partecipazione all'iniziativa.

Alla conferenza - assieme al sindaco Federico Sboarina, all’assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco e al direttore del Centro regionale per l’autismo Leonardo Zoccante - è intervenuto in rappresentanza della squadra gialloblù Marco Silvestri. Queste le sue dichiarazioni: «Sono orgoglioso di rappresentare qui, oggi, l'Hellas Verona. Io sono stato fortunato perché i miei genitori mi hanno insegnato ad avere sempre un occhio di riguardo verso il prossimo. Adesso sono papà di una bimba di 4 anni, non so se sarò mai abbastanza bravo, ma di una cosa sono sicuro: queste sono le iniziative che mi aiuteranno ad esserlo. E' importante partecipare a questi progetti, a noi non costa davvero nulla e possiamo invece dare un grosso aiuto in termini di visibilità. Verona è una città molto sensibile a queste tematiche e questo rende onore sia alla società che ai tifosi».

FONTE: HellasVerona.it


Buon punto stasera! Andiamo avanti insieme verso un unico obbiettivo! #forzahellas

Un post condiviso da Marco Silvestri (@marco_silvestrigk) in data:



SILVESTRI: «VITTORIA MERITATA CONTRO UN AVVERSARIO TOSTO»
03/MARZO/2019 - 23:30
Verona - Le principali dichiarazioni del portiere gialloblù Marco Silvestri, rilasciate a DAZN al termine di Hellas Verona-Venezia, 27a giornata della Serie BKT 2018/19.

«La vittoria passa anche dalla parata su Lombardi? Quella è stata una buona parata, lui ha calciato fortissimo. Meno male perché altrimenti sarebbe stata una parità complicata, perché loro a mio avviso hanno fatto una bella partita, hanno giocato bene e sono una squadra tosta. Però meritavamo di vincere e potevamo anche fare più gol. Difficoltà a chiudere le partite? Quando si vince bisogna essere un po' più cattivi sotto porta, quando inizieremo a segnare di più faremo meno fatica a vincere. I miei compagni, che hanno fatto una grandissima partita, meritavamo di fare almeno tre gol. L'importante però è aver fatto i tre punti, la prossima adesso sarà dura come tutte le altre che ci aspettano: se vogliamo fare il salto di qualità che ci serve dobbiamo dare costanza alle vittorie».

FONTE: HellasVerona.it


Never give up!

Un post condiviso da Marco Silvestri (@marco_silvestrigk) in data:



Silvestri: “I tifosi del Verona vivono l’Hellas come una religione”
gennaio 18, 2019

“Tommy m’ha portato fortuna: ho parato il primo rigore della stagione. Impossibile non creare un rapporto speciale con lui. Tommy è di una simpatia unica, è sempre sorridente. Mi ha insegnato una cosa: a noi giocatori basta poco per fare tanto. Il mio segreto dei rigori? Ad aiutarmi è la capacità di non buttarmi in anticipo. Tolgo qualche riferimento al tiratore, anche se muovermi in anticipo è difficile. Quando ho iniziato a parare i rigori? In Inghilterra, al Leeds. Il club inglese manca dai livelli più alti da tempo, ma è una società con una storia immensa. Ad Elland Road lo stadio è sempre esaurito. Dal punto di vista personale, l’esperienza è stata formativa: ho conosciuto un altro mondo, un’altra cultura – ha dichiarato il portiere dell’Hellas Verona, Marco Silvestri, a La Gazzetta dello Sport – Come me la cavo con l’inglese? Mi ha aiutato la mia compagna Sofia. Lei è di origine marocchina, parla correttamente l’italiano, il francese, l’arabo e appunto l’inglese. Non ci fosse stata lei, sarebbe stata dura. Al Leeds, in Coppa di Lega, ne avevo respinti tre al Norwich e c’eravamo qualificati per i quarti. Siamo andati a giocare ad Anfield con il Liverpool, che brividi. Quanto al Chievo, ho uno splendido ricordo: è una famiglia. Mi hanno permesso di maturare, finché non sono stato ceduto al Cagliari. Chiaro che rispetto all’Hellas è tutto diverso: la pressione qui è forte, la città ti segue visceralmente, i tifosi sono esigenti, ed è giusto che sia così. Vivono il Verona come una religione. Sono cose che mi caricano. Il Padova? Domenica affrontiamo una squadra che è stata ribaltata dal mercato. Hanno migliorato la rosa, ci aspetta una battaglia simile a quella di Foggia. Servirà aggiungere parecchio temperamento alla qualità tecnica. Se era il lato caratteriale a difettarci in passato? Dovevamo assemblarci. Un organico tanto rinnovato un prezzo non poteva non pagarlo, a prescindere dal valore che abbiamo, che è fuori discussione. C’era bisogno di tempo. Ora siamo pronti, la svolta nei risultati lo dimostra. La Serie B chiama la lotta, andare in A è roba tosta, e noi ci siamo. Se ho mai parato un rigore a Pazzini? Qualche volta ce l’ho fatta (ride, ndr) ma in allenamento… In partita, il Pazzo è micidiale. Calcia forte e angolato: la sua statistica non mente. In caso di Serie A, che regalo farò al piccolo Tommy? Lo porto dove gli va, potrà scegliere quello che vorrà. Dopo la maglia, magari, gli darò pure i guanti, ma gli ho spiegato che fare il portiere è una cosa complicata: uno come lui deve giocare in attacco”.

FONTE: HellasLive.it


NEWS
Il Silvestri privato: “Verona è meravigliosa. Tommy, mio grande amico!
Il portiere gialloblù non nasconde il grande amore per Verona e l’affetto per il piccolo Tommy

di Redazione gennaio 8, 2019 - 11:49

A margine dell’intervista rilasciata a L’Arena, Marco Silvestri ha svelato anche il suo lato privato. A partire dai gusti culinari: “Il risotto all’amarone è il mio preferito“.
Anche la passione per Verona è forte: “È una città meravigliosa. Il centro storico è eccezionale, l’Arena è qualcosa di unico come piazza delle Erbe che sono i miei due posti preferiti“.

Silvestri rivolge anche un saluto al piccolo Tommy, il bimbo affetto da una rara malattia genetica che ha avuto modo di incontrare lo scorso anno “Grande Tommy! Mi ha portato fortuna, è eccezionale. Conoscevo già Massimo, il suo papà, perché allenava le giovanili del Chievo. A casa ho conosciuto anche la mamma e l’altro fratellino: sono persone fantastiche, che devono tornare allo stadio con noi“.
Fonte: hellasverona.it

NEWS
Silvestri: “Andremo in A col Palermo. Sono tornato in Italia solo perché mi ha chiamato l’Hellas”
Il portiere gialloblù, uno tra i migliori in questa prima parte di stagione, si racconta in un’intervista a L’Arena

di Redazione gennaio 8, 2019 - 10:59

Marco Silvestri è indubbiamente uno dei migliori tra i gialloblù in questo girone d’andata. Il rendimento del portierone è costante crescita: a sottolinearlo ci sono anche i tre rigori parati in questa prima parte di stagione.
Così Silvestri è diventato un pilastro della formazione di Grosso, nonché uno dei più amati dal pubblico gialloblù. “È un bel momento personale e di tutto il gruppo – sottolinea in un’intervista a L’Arena – . Deve durare a lungo perché noi vogliamo raggiungere l’obiettivo“.
Il numero 1 dell’Hellas sa che sta disputando un campionato importante per la sua carriera: “A 27 anni bisogna iniziare a fare le cose sul serio. Ho l’età giusta per poter dire la mia, soprattutto perché sono in una piazza importante. L’anno scorso ho giocato solo quattro gare ma quest’anno sento la fiducia di tutti“.

IDOLI. Silvestri parla anche dei suoi modelli: “Il più forte che ho conosciuto è Buffon, un vero numero uno. Ho sempre apprezzato Casillas, ma alla fine mi sarebbe piaciuto conoscere Dida perché era il mio idolo da piccolo“.

INGHILTERRA. Prima di approdare al Verona, il portiere gialloblù ha vissuto un’esperienza importante in Inghilterra: “Con il Leeds mi sono tolto le mie soddisfazioni, ho 98 partite all’attivo e i primi due anni sono andati alla grande: ho giocato sempre, ho vinto riconoscimenti personali, ho giocato ad Anfield contro il Liverpool…. Sono tornato in Italia perché c’era il Verona, altrimenti sarei rimasto là“.

PROMOZIONE. “Le squadre favorite per la promozione? Noi e il Palermo, Pescara, Benevento e Brescia. Quanti punti occorreranno? Minimo 60…“.

GIOIE E DOLORI. Silvestri parla anche della parata più difficile di questa stagione e del gol che avrebbe potuto evitare: “Il gol che avrei voluto evitare è quello di Crotone, perché era un pallone che avevo in mano e non sono riuscito a tenerlo fuori. La parata più difficile è stata quella su Mancosu, in casa contro il Pescara dopo 2′, perché è stata una parata atipica: ero fuori dalla porta e mi sono dovuto tuffare a coprire lo specchio il più possibile. Ma anche quella su Galano a Foggia è stata difficile“.

FOGGIA. Il pareggio con il Foggia ancora non va giù: “Ci sono state delle decisioni arbitrali che ci hanno penalizzato molto. Il Foggia ha giocato una gara “sporca” in cui l’arbitro non ha avuto polso“.

FONTE: CalcioHellas.it


Nessuna trattativa di rinnovo per Silvestri
gennaio 3, 2019

Il portiere Marco Silvestri è legato all’Hellas Verona da un contratto sino al 30 giugno 2021 e da quanto appreso da Hellas Live, il club gialloblù ad ora non sta trattando il prolungamento del contratto con l’agente dell’estremo difensore scaligero. Le priorità del ds D’Amico ad oggi sono ben altre.

FONTE: HellasLive.it


ESCLUSIVE
Ag. Silvestri a CH: “Non si ferma e vuole migliorarsi ancora. Rinnovo? Non è il momento”
Le parole dell’agente dell’estremo difensore gialloblù rilasciate in esclusiva ai nostri microfoni.

di Mattia Zupo gennaio 3, 2019 - 18:54

Autore di una buona prima parte di stagione, con tre rigori parati, l’ultimo dei quali a Iemmello nel 2-2 dello Zaccheria, Marco Silvestri è diventato una delle certezze di Fabio Grosso. Per questo motivo la nostra redazione ha deciso di contattare il suo entourage per fare una valutazione di questo girone d’andata:

“Un campionato esemplare in cui ha mostrato le sue grandi qualità, ma quello che vuole ancora dimostrare lo vuole ottenere attraverso il lavoro sul campo e non si sofferma su quanto fatto di buono sino a questo momento. Vuole migliorarsi ancora, questa è la mentalità del ragazzo“.

Arriva da una stagione in cui aveva collezionato pochi minuti, anche se aveva risposto sempre presente quando chiamato in causa…
“A Benevento, a San Siro col Milan e nel derby con il Chievo in Coppa Italia ha fatto molto bene, però il titolare era Nicolas. Ha pazientato, ha lavorato e non ha mai mollato di un centimetro perché crede nel lavoro quotidiano: così si toglierà grandi soddisfazioni. Assolutamente felice di questo avvio, ma c’è ancora tanto da lavorare come sta facendo con il preparatore dei portieri tutti i giorni”.

Rinnovo? “Ora non è il momento ed è giusto che sia così. Adesso ci sono altre priorità e vedremo in futuro”.

CALCIOMERCATO
Nei prossimi giorni incontro per il rinnovo di Silvestri
Dopo le ultime prestazioni positive, la dirigenza e l’agente del giocatore starebbero pensando a un prolungamento del contratto.

di Redazione gennaio 2, 2019 - 19:28

Secondo Tuttomercatoweb, l’Hellas Verona starebbe pensando di prolungare il contratto del portiere Marco Silvestri. L’estremo difensore, autore di un’ottima prima parte di stagione, potrebbe allungare il proprio vincolo con la società gialloblù, attualmente con scadenza 2021. La dirigenza potrebbe incontrare l’entourage del giocatore nei prossimi giorni.

FONTE: CalcioHellas.it


31 dicembre San Silvestro...
30 dicembre San Silvestri 😁
E sono 3️⃣ rigori parati @MarcoSilver1991 👏#DaiVerona pic.twitter.com/YnM6i7qUGA

— Hellas Verona FC (@HellasVeronaFC) 30 dicembre 2018


NEWS
31 dicembre 2018 - 16:34
Silvestri para-rigori: a Foggia ha preso l’ottavo in carriera
Terzo penalty fermato in questa stagione dal portiere gialloblù

di Redazione Hellas1903

Migliora sempre di più la statistica di Marco Silvestri di fronte ai rigoristi.
Sono otto i tiri dal dischetto parati dal portiere del Verona in carriera. Cinque li ha presi al Leeds United, nella Championship inglese, tre durante la stagione di Serie B in corso.
L’ultimo l’ha parato a Iemmello, a Foggia. In precedenza aveva bloccato il “cucchiaio” di Coda a Benevento e respinto la conclusione di Vido col Perugia.
Questo, naturalmente, tenendo conto soltanto dei rigori durante la partita. Silvestri, infatti, parò anche il tiro dal dischetto di Pellissier, nel turno di Coppa Italia di un anno fa, con il Verona che proprio nella lotteria finale prevalse sul Chievo.

FONTE: Hellas1903.it


SILVESTRI: «VOLEVO LA PORTA INVIOLATA AD OGNI COSTO. CONTINUIAMO CON QUESTO ATTEGGIAMENTO, SIAMO UN GRUPPO AFFIATATO»
27/DICEMBRE/2018 - 23:15
Verona - Le principali dichiarazioni del portiere gialloblù Marco Silvestri rilasciate a DAZN al termine di Hellas Verona-Cittadella, 18a giornata della Serie BKT 2018/19.

«La prestazione? Ho fatto tanti interventi, ma la squadra ha fatto benissimo oggi. Loro avevano subito pochi gol finora e quattro sono tanti, ma sono anche contento di aver tenuto la porta inviolata: è la prima volta in casa, dobbiamo continuare così, con questo atteggiamento. Importante anche la gara di Bianchetti? Ha fatto una grandissima partita ed è un ragazzo fantastico, ha avuto un momento difficile ma è stato bravissimo a uscirne come ha fatto stasera. Oggi non volevo prendere gol, a tutti i costi. Richiamare gli altri sull'attenti? Oggi non volevo prendere gol, a tutti i costi. È normale calare un po' sul 4-0, ma non abbiamo abbassato la guardia. Abbiamo fatto una buona partita e adesso andiamo a Foggia. Come affronteremo la sosta? Ora la testa è tutta a Foggia perché è quella la cosa importante in questo momento, il resto arriverà dopo. Quattro esultanze e un bel segnale di gruppo? Noi stiamo crescendo, all'inizio abbiamo fatto un po' fatica perché eravamo tanti nuovi ma ora le cose vanno bene e siamo davvero affiatati».

FONTE: HellasVerona.it






SILVESTRI: «COL BENEVENTO PER DIMOSTRARE DI ESSERE ALL'ALTEZZA. RISULTATI E TIFOSI? È TUTTO NELLE NOSTRE MANI»
04/DICEMBRE/2018 - 17:30
Verona - Le principali dichirazioni del portiere gialloblù Marco Silvestri, rilasciate a margine dell'incontro del Progetto Scuola con gli studenti dell'Accademia Dante Alighieri in vista di Benevento-Hellas Verona, 15a giornata della Serie BKT 2018/19.

«Vogliamo iniziare a vincere una partita dopo l'altra per riprenderci la posizione di classifica che ci spetta. La partita con il Benevento? Affrontiamo una delle squadre più forti della Serie B, come penso siamo anche noi. Dal mio punto di vista siamo alla loro altezza, ma dobbiamo dimostrarlo e vogliamo farlo domenica. Perché questo periodo negativo? Nostra responsabilità unita a un pizzico di sfortuna, in varie partite abbiamo costruito tanto subendo però gol nelle uniche azioni avversarie, ma abbiamo però le carte in regola per invertire la rotta. Siamo partiti con l'entusiasmo di una squadra giovane e in gran parte nuova, ma ora dobbiamo accelerare i tempi e bruciare le tappe. Lo stadio vuoto? Momento che fa male, perché quella curva sempre piena è il nostro orgoglio e la nostra forza. La colpa è dei risultati, ma tornando a fare bene possiamo riportare i nostri tifosi allo stadio. Credo che loro per primi non vedano l'ora di tornare a cantare per l'Hellas, perché questo hanno nel cuore e penso sia stata una grossa sofferenza stare fuori. Spero possano tornare già dalla prossima partita, perché il nostro obiettivo è tornare ai vertici e, pur avendone le potenzialità, avremo bisogno di loro e della loro forza. I gol subiti nonostante le buone prestazioni? Questo è un punto importante, dobbiamo iniziare a chiudere la porta. Senza alcune situazioni evitabili avremmo potuto finire diverse partite senza subire reti, ma dobbiamo iniziare già da domenica a non subirne più e quella deve diventare la nostra forza».

PROGETTO SCUOLA: SILVESTRI E GIUBILATO ALL'ACCADEMIA DANTE ALIGHIERI
04/DICEMBRE/2018 - 16:30

Verona - Il Progetto Scuola dell'Hellas Verona fa tappa all'Accademia Dante Alighieri, una tappa speciale perché l'istituito veronese è (anche) Educational Parter del Club gialloblù, ovvero collabora attivamente sia con il Settore Giovanile che con l'Hellas Verona Women per offire la migliore offerta educativa ai giovani atleti che ancora vanno a scuola. Come Margherita Giubilato, che è al quinto anno delle superiori proprio all'Alighieri, e che per un giorno si è spostata alla cattedra per offrire la propria testimonianza sulla scuola, lo sport e il movimento del calcio femminile. Insieme a lei anche Zaccaria Tommasi e Alessandro Salvoro, che organizzano gli incontri del Progetto, e soprattutto il portiere gialloblù Marco Silvestri, che al termine dell'incontro con una trentina di studenti ha dichiarato:

«La nostra testimonianza? Non sempre si conoscono i sacrifici e le rinunce che devono fare le famiglie dei ragazzi che, giovanissimi, lasciano casa per rincorrere il sogno di diventare un calciatore. Io sono fiero di aver finito la scuola, l'ho fatto per mia madre che mi ha dato una mano enorme ad arrivare dove sono ora, le devo tutto. Oggi quindi sono venuto molto volentieri a parlare della mia esperienza. All'Accademia Dante Alighieri anche alcuni ragazzi delle giovanili gialloblù? Io quando ero in Primavera guardavo la prima squadra e volevo essere come loro, spero di poter essere d'esempio per questi giovani».

Ragazzi come i Primavera Prince Amayah, Giammarco Caon e Fabio Corradini, presenti in classe insieme alla direttrice dell'Accademia Valentina De Cata: «Essere Educational Partner dell'Hellas Verona per noi vuol dire supportare i giovani atleti che stanno investendo nello sport e accompagnare le famiglie in questo importante percorso. I corsi in aula sono personalizzati per ridurre l'impegno individuale a casa e permettere così una migliore concentrazione nell'attività agonistica».

FONTE: HellasVerona.it


NEWS
28 novembre 2018 - 15:55
Minutaggio Hellas: Silvestri e Marrone stakanovisti
Colombatto il più presente tra i centrocampisti, in attacco Laribi

di Jacopo Michele Bellomi, @jjbellomi
La giornata di riposo per il Verona, imposta dal format della Serie B a 19 squadre, permette di fare una panoramica sul minutaggio dei giocatori gialloblù.

In tredici turni di campionato l’Hellas è sceso in campo in dodici occasioni, in quanto si esclude la gara vinta a tavolino con il Cosenza (seconda giornata). Solo due giocatori possono dirsi davvero insostituibili per il tecnico Grosso: Silvestri e Marrone, infatti, sono sempre stati presenti dal primo all’ultimo minuto delle gare giocate dai gialloblù.

Seguono, in questa particolare classifica, altri due difensori – Caracciolo e Crescenzi – mentre il primo centrocampista è Colombatto con 869 minuti, in quarta posizione. Subito dietro si trova Laribi, il più utilizzato degli attaccanti, che precede lo scozzese Henderson.

PORTIERI:
Silvestri – 1080 minuti (12 presenze su 12 partite)
Tozzo – non utilizzato
Ferrari – non utilizzato
DIFENSORI:

Marrone – 1080 minuti (12 presenze su 12 partite)
Caracciolo – 990' (11 su 12)
Crescenzi – 977' (11 su 12)
Balkovec – 456' (6 su 12)
Almici – 360' (4 su 12)
Empereur – 360' (4 su 12)
Eguelfi – 74' (1 su 12)
Bianchetti – non utilizzato
Kumbulla – non utilizzato

CENTROCAMPISTI:
Colombatto – 869 minuti (10 presenze su 12 partite)
Henderson – 707' (9 su 12)
Dawidowicz – 605' (10 su 12)
Zaccagni – 517' (11 su 12)
Gustafson – 262' (5 su 12)
Calvano – 63' (2 su 12)
Danzi – non utilizzato

ATTACCANTI:
Laribi – 757 minuti (12 presenze su 12 partite)
Matos – 589' (9 su 12)
Di Carmine – 571' (7 su 12)
Ragusa – 547' (9 su 12)
Pazzini – 352' (7 su 12)
Tupta – 295' (6 su 12)
Cissé – 198' (5 su 12)
Lee – 170' (5 su 12)
Cappelluzzo – non utilizzato

FONTE: Hellas1903.it


PREMIO SANTE BEGALI: SILVESTRI E MARRONE IN TESTA DOPO 11 GIORNATE
07/NOVEMBRE/2018 - 16:30
Verona - Dopo 11 giornate di campionato sono Marco Silvestri e Luca Marrone occupare la prima posizione a pari merito della classifica provvisoria per il 'Premio Sante Begali', il riconoscimento dedicato alla memoria dello storico ex giocatore gialloblù, conferito al calciatore del Verona più corretto sul terreno di gioco in relazione ai minuti giocati. Sono 900, tutti quelli a disposizione, i minuti giocati dal portiere e dal difensore del Verona, durante i quali hanno ricevuto una sola ammonizione a testa. Alessandro Crescenzi, con una sola ammonizione ma in 802 minuti giocati, completa il podio. Nella top 5 anche Laribi (1 giallo in 691 minuti) e Matos (1 giallo in 488).

'PREMIO SANTE BEGALI' - REGOLAMENTO 2018/2019
Vince il calciatore che:
- non ha mai vinto nelle edizioni precedenti;
- ha giocato almeno metà delle partite;
- non ha mai ricevuto un'espulsione diretta (concorre invece chi è stato espulso per somma di ammonizioni).

'PREMIO SANTE BEGALI' - CLASSIFICA PROVVISORIA
1 - Silvestri
1 - Marrone
3 - Crescenzi
4 - Laribi
5 - Matos

'PREMIO SANTE BEGALI' - ALBO D'ORO
2009/2010 Pensalfini
2010/2011 Rafael
2011/2012 Rafael
2012/2013 Sgrigna
2013/2014 Agostini
2014/2015 Benussi
2015/2016 Siligardi
2016/2017 Bessa
2017/18 Romulo

FONTE: HellasVerona.it


Goliardia gialloblù: “San” Silvestri
By Redazione - 28 ottobre 2018

Dopo gli interventi decisivi, e almeno un paio di “miracoli” che hanno contraddistinto la buona prestazione del portiere gialloblù Marco Silvestri nel match casalingo vinto con il Perugia, sui social è scoppiata la goliardia gialloblù.
L’estremo difensore infatti è stato “inserito” in un opera raffigurante un santo della Chiesa Cattolica.
La prestazione del calciatore classe 1991 non è certo passata inosservata!

FONTE: HellasNews.it


NEWS
28 ottobre 2018 - 08:31
Silvestri il para-rigori: ecco lo specialista
Il portiere del Verona ha confermato con il Perugia di essere un esperto sui penalty

di Redazione Hellas1903

Il rigore parato a Vido (insieme ai successivi interventi compiuti per conservare il vantaggio gialloblù) ha spinto il Verona a battere il Perugia e ha confermato l’abilità di Marco Silvestri sui tiri dal dischetto.
Nella passata stagione il portiere ha avuto poche occasioni per scendere in campo, visto che il titolare, sempre confermato, era Nicolas.
In Coppa Italia, nel derby con il Chievo, Silvestri debuttò e fu decisivo. Nella lotteria dei rigori che decise la partita, ribatté il tiro di Pellissier e consentì all’Hellas di superare il turno.
Non una novità, per lui. In Inghilterra, nei tre anni trascorsi al Leeds United, Silvestri ha parato cinque rigori. E ieri ha ribadito di essere uno specialista.

FONTE: Hellas1903.it


SILVESTRI: «CONTENTO DI AVER AIUTATO LA SQUADRA A VINCERE, È LA VITTORIA DEL GRUPPO»
27/OTTOBRE/2018 - 21:00
Verona - Le principali dichirazioni del portiere gialloblù, Marco Silvestri, rilasciate al termine di Hellas Verona-Perugia, 9a giornata della Serie BKT 2018/19.

«Il rigore parato? Sul 2-1 quell'episodio ha dato una grossa mano alla squadra. Mi ero preparato, avevo già deciso da che parte buttarmi ed è andata bene. Questi tre punti sono importantissimi, ora dobbiamo dare continuità. La squadra sta lavorando benissimo, ora guardiamo già ad Ascoli. Sarà una partita tosta ed io sono qui proprio per aiutare la squadra con le mie parate, faccio parte di una squadra e questa è la vittoria del gruppo. Sono stati tre punti che abbiamo voluto con le unghie e con i denti».

FONTE: HellasVerona.it


Un passo alla volta!!! Avanti così ragazzi!!

Un post condiviso da Marco Silvestri (@marco_silvestrigk) in data:



Bravi ragazzi!! Avanti così!!

Un post condiviso da Marco Silvestri (@marco_silvestrigk) in data:



SILVESTRI: «AVEVAMO BISOGNO DI PARTITE COSÌ, SIAMO SULLA BUONA STRADA»
28/LUGLIO/2018 - 21:15
Heidenheim (Germania) - Le principali dichiarazioni del portiere gialloblù Marco Silvestri, rilasciate al termine di Heidenheim-Hellas Verona.

«E' stata una partita complicata, molto intensa a livello agonistico anche perchè loro iniziano la prossima settimana e sono più avanti nella preparazione. L'abbiamo affrontata nel modo giusto, ci serviva un'amichevole di questo tipo, siamo contenti di come è andata. Il Verona? Vedo una squadra che sta bene, siamo sulla strada buona, pensiamo a continuare a lavorare e migliorare. Le mie parate? I calci di rigore sono sempre particolari, è un terno al lotto, ma sono contento che sia andata bene»

SILVESTRI: «BUON TEST, LAVORIAMO SODO PER IL CAMPIONATO»
14/LUGLIO/2018 - 20:10
Mezzano (Trento) - Le principali dichiarazioni del portiere gialloblù Marco Silvestri, rilasciate al termine di Hellas Verona-La Fiorita, secondo test match del ritiro di #Primiero2018.

«Questi test sono importanti per migliorare la condizione fisica e soprattutto per il gruppo, andiamo avanti così. Sicuramente il prossimo, contro la Fiorentina, sarà più difficile, ma è giusto mettersi alla prova contro avversari di livello. Il ritiro? Questa settimana è andata molto bene, abbiamo lavorato sodo e in ritiro si sta bene. Ora aumenteranno i carici, e siamo sulla buona strada per far nascere un bel gruppo. Mister Grosso? Ha portato positività e un nuovo modo di intendere il gioco, sta cercando di trasmettercelo. La mia volontà? E' sempre stata quella di dimostrare a Verona chi sono e quanto valgo, sono qui per questo e lavoro per avere l'occasione di dimostrarlo. Non vedo l'ora che inizi il campionato, che sarà molto competitivo».

FONTE: HellasVerona.it


STAGIONE 2017-18 +   -   =
Silvestri rimane all’Hellas Verona
giugno 21, 2018

Con Nicolas sul mercato, il club gialloblù punta su Marco Silvestri. L’estremo difensore classe 1991 non si muoverà da Verona, contratto con la società di Maurizio Setti in scadenza il 30 giugno 2021. L’agente Francesco Romano non sta trattando il portiere con alcun club, quindi il futuro di Silvestri sarà ancora in riva all’Adige

Silvestri miglior portiere nel recupero della 27ª giornata
aprile 5, 2018

Il portiere dell’Hellas Verona, Marco Silvestri, all’esordio in Serie A con la maglia gialloblù, è risultato secondo whoscored.com il miglior estremo difensore del massimo campionato italiano nel recupero della 27ª giornata. Spiccano poi nell’undici ideale, ben tre giocatori del Benevento: Djuricic, Letizia e Viola.

FONTE: HellasLive.it


NEWS
02 aprile 2018 - 09:55
L’ora di gatto Silvestri
Il secondo portiere dell’Hellas chiamato a difendere la porta a Benevento

di Redazione Hellas1903

Il debutto in campionato per Marco Silvestri arriverà mercoledì a Benevento.
Il portiere classe ’91 dovrà difendere la porta in una delle gare più delicate della stagione, data l’assenza per squalifica di Nicolas, la cui titolarità non è mai stata messa in discussione fin dall’inizio della stagione.

L’ex Leeds United, impiegato in due gare ufficiali di Tim Cup contro Chievo e Milan, è pronto dunque a dare il suo apporto alla causa gialloblù. Osservatolo in allenamento, la grinta e la tecnica non gli mancano. Armi da sfoderare appieno mercoledì in una partita fondamentale per la squadra che è anche, per lui, una grande occasione per mettersi in evidenza. A.S.

Foto: Grigolini – Fotoexpress

FONTE: Hellas1903.it


BUON COMPLEANNO MARCO
02/MARZO/2018 - 00:01
Tanti auguri Marco!

La Società, lo staff tecnico e tutta la squadra
augurano buon compleanno a Marco Silvestri.
Il portiere gialloblù compie oggi 27 anni.

FONTE: HellasVerona.it


Marco Silvestri, il Mago Oronzo della porta gialloblú
By Federico Messini - 30 novembre 2017

A Verona erano tutti curiosi di vedere Silvestri in azione. Il portiere, arrivato in estate dalla Serie B inglese, era sconosciuto ai più, ma fino ad un mesetto fa c’era chi lo implorava titolare al posto di un indeciso Nicolas.

D’altronde il brasiliano l’anno scorso non ha brillato e nemmeno nelle prime uscite stagionali si può dire esente da colpe su alcuni gol. Era normale per un tifoso chiedere la sua panchina, in cambio anche di un semisconosciuto come Silvestri.

Poi Nicolas si è ripreso. Da oltre un mese offre prestazioni incoraggianti che hanno reso ancora più saldo il suo ruolo da titolare.

Però Marco Silvestri ha dimostrato nel derby di Coppa di essere assolutamente all’altezza. Anzi…Silvestri ha salvato il risultato con parate di normale amministrazione e con qualche “magia”.

Non si può non notare la sua incredibile somiglianza con il Mago Oronzo (fonte: Francesco Barana), al secolo Raul Cremona.

Il prestigiatore Silvestri contro il Chievo ipnotizza Inglese e paralizza il cecchino Pellissier nella lotteria dei calci di rigore.

Il tutto vale il viaggio a San Siro al prossimo turno di Coppa Italia, con eventuali prospettive di approdare ai quarti che he passano anche dai suoi guantoni.

In campionato Silvestri Oronzo difficilmente riuscirà a strappare il posto a Nicolas, soprattutto con Pecchia in panchina, ma dal giovane numero 17 gialloblù è lecito aspettarsi altre magie prestibirigiritazionali: con lui in campo,Mai dire gol!
Damiano Conati

FONTE: HellasNews.it


NEWS
Silvestri e i rigori: una specialità inglese
Il portiere gialloblù, decisivo con il Chievo, al Leeds ha respinto cinque tiri dal dischetto

di Redazione Hellas1903, 29/11/2017, 23:02

Marco Silvestri e i calci di rigore: un’affinità che non è nata con la parata sul tiro di Sergio Pellissier che il portiere dell’Hellas ha respinto, avvicinando il Verona al superamento del quarto turno di Coppa Italia.
In Inghilterra, nei suoi anni al Leeds United, Silvestri ha infatti ribattuto cinque conclusioni dagli undici metri.
Quattro di queste in una sola stagione, nel 2014-2015.

Dati che confermano che Silvestri, sui penalty, se la cava egregiamente.

FONTE: Hellas1903.it


THE FG-FILES: Marco Silvestri, Verona. Consigli fantacalcio, ruolo e caratteristiche
COME CAMBIA LA SERIE A: LA PRESENTAZIONE DI OGNI NUOVO ACQUISTO, LA SUA STORIA, LA FANTASCHEDA, LE STATISTICHE ED I FANTACONSIGLI INDISPENSABILI IN SEDE D'ASTA
Domenico Ruggiero |
14/08/2017 10:28





CHI È - Classe '91 originario di Castelnovo ne' Monti, piccolo paesino emiliano di poco più di 10mila abitanti, Marco Silvestri cresce calcisticamente nelle giovanili del Modena, diventandone il terzo portiere nella stagione 2009/2010, senza però mai riuscire ad esordire. Al termine della stagione viene acquistato dal Chievo Verona: l'esordio con i clivensi (nonché quello assoluto in Serie A) avviene il 6 gennaio 2011 nel match perso 2-0 in casa dell'Udinese, sebbene il Gatto - così soprannominato per il richiamo al celeberrimo felino animato antagonista di Titti - giochi solo la seconda frazione di gara, con il risultato già acquisito. L'azzurro necessita però di farsi le ossa, ragion per cui le successive due stagioni viene spedito in prestito prima alla Reggiana in Lega Pro, poi al Padova in Serie B. Tornato al Chievo, Silvestri non riesce a guadagnarsi nuove occasioni, salvo 2 presenze in Coppa Italia. Nella stagione 2013/2014 avviene il passaggio al Cagliari, ma anche in rossoblu le opportunità latitano.

La svolta arriva l'anno successivo: il Leeds United - all'epoca di proprietà di Cellino -, club militante nella Championship, il campionato cadetto inglese, decide di puntare sul giovane. L'esperienza oltremanica galvanizza Marco, che trova fiducia, continuità e, ovviamente, la titolarità. Almeno nelle prime due stagioni: durante il terzo anno i Whites lo relegano in panchina, facendogli disputare solo 4 presenze in EFL Cup, 2 in FA Cup e nessuna in campionato. Lo scorso 19 luglio il portiere torna in Italia e, soprattutto, torna a Verona, ma stavolta sul versante opposto: stavolta è l'Hellas a puntare sul ragazzo emiliano quale secondo di Nicolas.

IL RUOLO - Nulla da disquisire qui: portiere.CARATTERISTICHE TECNICHE - Nelle prime due stagioni al Leeds, Silvestri ha dimostrato di possedere la personalità del leader: forte personalità per guidare al meglio la propria difesa e grande sicurezza sia tra i pali che in uscita. Non solo, in Inghilterra ha acquisito la fama di pararigori grazie alla superba prestazione che fornì proprio nella stagione in cui scivolò indietro nelle gerarchie, diventando il secondo portiere: nel quinto turno della EFL contro Norwich, nella lotteria dei rigori il portiere parò non uno, non due, bensì la bellezza di tre rigori, facendo volare la squadra ai quarti di finale. Un record assoluto che lo ha immesso di diritto negli annali del club e che gli è valso i nuovi soprannomi di The Hero e The Wall.



FANTACONSIGLI - Come già anticipato, nonostante l'indubbio talento, arriva in maglia scaligera come secondo di Nicolas. Almeno questa è la situazione ai nastri di partenza, sebbene nulla esclude in un possibile ribaltamento di gerarchie a stagione in corso. Il buon Silvestri potrebbe essere consigliato solo in coppia con il brasiliano. Il condizionale è però d'obbligo, in quanto sappiamo tutti che affidarsi agli estremi difensori delle neopromosse - indipendentemente dal valore del giocatore - può assumere le sembianze di un autentico suicido fantacalcistico. Ragion per cui sarà di gran lunga più saggio investire altrove i propri fantamilioni.STATISTICHE - A 26 anni sono 193 i match ufficiali disputati, sebbene per la stragrande maggioranza in campionati inferiori. Solo 3 le presenze con il Chievo, 2 da titolare in Coppa Italia con 3 reti subite ed 1 da subentrato in Serie A. Durante i prestito a Reggiana e Padova, invece, ha totalizzato 28 presenze con gli emiliani (subendo 38 reti e lasciano appena 5 volte la porta inviolata) e 25 con i veneti (26 reti subite, 8 volte imbattuto). Appena 3, invece, le presenze con il Cagliari, condite da 5 gol subiti, una clean sheet ed un'espulsione. Con il Leeds, infine, sono 123 i palloni raccolti infondo al sacco in 98 partite in tutte le competizioni, 23 i match terminati inviolati.

LA FANTASCHEDA - Ogni valutazione è puramente indicativa, e va implementata con le informazioni che verranno aggiornate, in tempo reale, mediante 'La Guida per l'asta perfetta di Fantagazzetta'. I valori segnalati vanno da un minimo di 0 ✪ (negativa) ad un massimo di 5 ✪ (eccellente).

VALORE ASSOLUTO DEL CALCIATORE: ✪✪✪

VALORE FANTACALCISTICO DELL'ACQUISTO: ✪

CONTINUITÀ: ✪✪✪

POTENZIALE TITOLARITÀ: ✪

RESISTENZA AGLI INFORTUNI: ✪✪✪✪

TENDENZA AL BONUS IN PROPORZIONE AL RUOLO: ✪

FONTE: FantaGazzetta.com


NEWCASTLE-HELLAS VERONA 2-0: LE PAROLE DEI PROTAGONISTI
06/AGOSTO/2017 - 20:15
Newcastle upon Tyne - Ecco le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù Fabio Pecchia, del portiere Marco Silvestrie del difensore Alex Ferrari, rilasciate al termine di Newcastle-Hellas Verona 2-0, test match prestagionale giocato allo stadio 'St James' Park' di Newcastle.
[...]

Silvestri: «Prestazione che ci servirà per il futuro»

[...]

FONTE: HellasVerona.it


01 agosto 2017
Il derby di Silvestri: "A Verona c’è solo l’Hellas"
Il portiere classe 1991 'cancella' subito i suoi trascorsi al Chievo: "A Verona esiste solo l’Hellas. Essere qui è la scelta migliore, c’è un gruppo davvero fantastico. Io titolare? Non ho chiesto nulla, la competizione farà bene a tutti"

Silvestri, Hellas Verona (Ph Twitter @HellasVeronaFC)

Modena, Chievo, Reggiana, Padova, Cagliari, Leeds e adesso ancora Italia: una carriera con la valigia in mano quella di Marco Silvestri, nuovo portiere dell’Hellas Verona. “Arrivo dal Leeds, in cui ho giocato 92 partite in 2 anni. Poi, il terzo anno mi sono trovato ad essere il secondo e ho giocato solo le partite di Coppa. La situazione mi stava stretta, iniziavo a sentire nostalgia dell’Italia e non appena è arrivata la chiamata del Verona non ci ho pensato su due volte, ho capito subito che era la soluzione migliore. Ho accettato immediatamente e in un paio di giorni è stato deciso tutto. Ho parlato personalmente con il presidente e il direttore sportivo del Leeds per metterli al corrente della mia volontà e li ringrazio per questi 3 anni e per aver rispettato la mia scelta. Arrivato al Verona ho trovato un gruppo fantastico, mi sono subito trovato a mio agio: è un gruppo di qualità sia a livello calcistico sia a livello umano, mi piace molto”, le parole di Silvestri nel corso della conferenza stampa di presentazione.

"A Verona esiste solo l’Hellas"
Nonostante il suo cartellino sia stato per diverse stagioni di proprietà del Chievo (solo tre le presenze in gialloblù), Silvestri non ha nessun dubbio sulla sua scelta di legarsi all’Hellas: "La scelta di Verona? Con tutto il rispetto per il Chievo, dove ho sempre trovato grandi professionisti, a Verona c’è solo l’Hellas. I tifosi sono caldi e appassionati, amano la squadra e senza dubbio saranno un’arma in più, come sono sempre stati. Ci daranno una grossa mano e meritano di vederci dare tutto per l’obiettivo. La Serie A? E’ un torneo difficile, ma tutti se la possono giocare con tutti, a parte alcune squadre che faranno un campionato isolato", le parole del portiere classe 1991. Che ha poi aggiunto: "Mister Pecchia? Mi piace molto come lavora, in fase di impostazione il gioco passa dal portiere e questo permette ai difensori di allargarsi, questa è un’arma in più che potremmo sfruttare. Se sarà il primo portiere? Sono decisioni che non sta a me prendere, ma al mister. Quando sono arrivato non ho chiesto niente, Nicolas ha vinto il campionato disputando un’ottima stagione e giocando tutte le partite, questo fa senza dubbio di lui un portiere affidabile. Ad ogni modo, la competizione fa bene a tutti, sia a lui che a me", ha concluso Silvestri.

FONTE: Sport.Sky.it


SILVESTRI: «FELICE DI AVER SCELTO VERONA, A DISPOSIZIONE DI QUESTO GRUPPO»
01/AGOSTO/2017 - 14:30
Verona - Le principali dichiarazioni del portiere gialloblù Marco Silvestri, rilasciate durante la conferenza stampa di presentazione.

LA MIA SCELTA
«Arrivo dal Leeds, in cui ho giocato 92 partite in 2 anni. Poi, il terzo anno mi sono trovato ad essere il secondo e ho giocato solo le partite di Coppa. La situazione mi stava stretta, iniziavo a sentire nostalgia dell’Italia e non appena è arrivata la chiamata del Verona non ci ho pensato su due volte, ho capito subito che era la soluzione migliore. Ho accettato immediatamente e in un paio di giorni è stato deciso tutto. Ho parlato personalmente con il presidente e il direttore sportivo del Leeds per metterli al corrente della mia volontà e li ringrazio per questi 3 anni e per aver rispettato la mia scelta. Arrivato al Verona ho trovato un gruppo fantastico, mi sono subito trovato a mio agio, è un gruppo di qualità sia a livello calcistico sia a livello umano, mi piace molto».

IL MISTER E I COMPAGNI
«Mister Pecchia? Mi piace molto come lavora, in fase di impostazione il gioco passa dal portiere e questo permette ai difensori di allargarsi, questa è un’arma in più che potremmo sfruttare. Se sarà il primo portiere? Sono decisioni che non sta a me prendere, ma al mister. Quando sono arrivato non ho chiesto niente, Nicolas ha vinto il campionato disputando un’ottima stagione e giocando tutte le partite, questo fa senza dubbio di lui un portiere affidabile. Ad ogni modo, la competizione fa bene a tutti, sia a lui che a me. Vediamo cosa succederà, se verrò chiamato in causa mi farò trovare pronto. Ho la fortuna di allenarmi con Nando Coppola, posso imparare molto dalla sua esperienza, e inoltre con il preparatore dei portieri Visconti si lavora molto bene. Un giudizio sulla mia carriera? Ho 26 anni e ho già giocato più di 250 partite, tra cui 98 in Inghilterra, ho fatto la gavetta in C1 e in B, l’unico rimpianto degli anni al Chievo è di non aver trovato spazio e di essere dovuto andare al Cagliari, credo che per un portiere gli aspetti importanti siano continuità e fiducia. Sono cresciuto con il mito di Buffon, ma credo che sia importante prendere esempio un po’ da tutti. Dal calcio inglese torno con una grande esperienza, ho imparato soprattutto a farmi rispettare all’interno dell’area, dai compagni quanto dagli avversari».

IL VERONA E LA SERIE A
«La scelta di Verona? Con tutto il rispetto per il Chievo, dove ho sempre trovato grandi professionisti, a Verona c’è solo l’Hellas. I tifosi sono caldi e appassionati, amano la squadra e senza dubbio saranno un’arma in più, come sono sempre stati. Ci daranno una grossa mano e meritano di vederci dare tutto per l’obiettivo. La Serie A? E’ un torneo difficile, ma tutti se la possono giocare con tutti, a parte alcune squadre che faranno un campionato isolato».

COMUNICATO MEDICO: THOMAS HEURTAUX
31/LUGLIO/2017 - 14:45
Verona - L'Hellas Verona FC comunica che al calciatore Thomas Heurtaux, in seguito ad accertamenti clinico-diagnostici, è stata riscontrata una frattura del complesso orbito-maxillo-zigomatico sinistro per la quale è stato sottoposto ad intervento di riduzione chirurgica presso la clinica maxillofacciale dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona (ospedale di Borgo Roma), eseguita dal professor Pier Francesco Nocini. Per la ripresa dell'attività agonistica sarà necessaria circa una settimana.

FONTE: HellasVerona.it


NEWS
Video – Silvestri: “Appena avuta la chiamata sono corso qui”
Il portiere: “Sono molto contento, ora voglio conoscere compagni e mister”

di Redazione Hellas1903, 20/07/2017, 08:02
ONDON, ENGLAND - DECEMBER 12: Leeds United goalkeeper Marco Silvestri kicks in action during the Sky Bet Championship match between Charlton Athletic and Leeds United at The Valley on December 12, 2015 in London, United Kingdom. (Photo by Harry Engels/Getty Images)

Queste le prime dichiarazioni a Hellas Channel di Marco Silvestri al suo arrivo a Primiero.

FONTE: Hellas1903.it



Verona - L'Hellas Verona FC comunica di aver acquisito, a titolo definitivo, le prestazioni sportive del calciatore Marco Silvestri dalla società Leeds United. Il portiere, classe 1991, ha già sostenuto le visite mediche e ha sottoscritto un contratto fino al 30 giugno 2021. In serata raggiungerà il ritiro di Primiero per unirsi ai nuovi compagni di squadra.

#BenvenutoMarco

FONTE: HellasVerona.it


Marco Silvestri | Young Goalkeeping TalentMarco Silvestri - Amazing Saves Highlights

PRIMA DI VERONA +   -   =
Confirmed: Leeds United goalkeeper Marco Silvestri seals Verona move
Marco Silvestri (right) at Leeds United's training base in Austria on Tuesday.

PHIL HAY
Published: 15:39 Wednesday 19 July 2017 Updated: 08:20 Thursday 20 July 2017
Marco Silvestri has sealed a return to Serie A by signing for Hellas Verona on a four-year deal. Silvestri completed his move to Italy after leaving Leeds United's training camp in Austria yesterday and travelling to Verona to sign a four-year deal.

Verona have paid an undisclosed fee for the goalkeeper, bringing an end to his three-year stay at Elland Road. Silvestri was third in the selection order under Thomas Christiansen and saw his prospects of playing next season diminish further with the arrival of Felix Wiedwald from Werder Bremen. Christiansen took Silvestri to Austria along with Wiedwald and Rob Green and used the Italian in Monday’s 3-0 friendly defeat to Bursaspor but Leeds accepted an offer from Verona on Tuesday. Youngster Bailey Peacock-Farrell flew out to replace him in Jenbach last night having seen a mooted loan move to Oldham Athletic fall through.

Bring on Liverpool says Leeds United hero Marco Silvestri
SHOOTOUT hero Marco Silvestri is dreaming of an EFL Cup quarter-final at Liverpool after guiding Leeds United past Norwich City in the last 16.

Marco Silvestri in Austria.

Peacock-Farrell joined Oldham for training last Monday and played in a friendly against Salisbury City but was sent back to Leeds by Latics manager John Sheridan over the weekend. Silvestri - signed from Chievo on a four-year deal in 2014 - was first-choice in his first two seasons at United but lost his place to Rob Green last term, playing six times in the League Cup and FA Cup and failing to make a single league appearance. Wiedwald’s arrival for a fee of £500,000 last month also threatened Green’s involvement, leading to speculation that the former England international might also quit Elland Road before the end of the transfer window, and the exit of Silvestri would put the pair in a direct battle for a shirt.

Green, now 37, is likely to look for a transfer away from Elland Road if Wiedwald relegates him to the bench and while Leeds are not actively looking to move him on, they would be open to offers if Green asked to avoid spending next season as a substitute. Silvestri, meanwhile, has played 98 times during a spell at Leeds which was touched by controversy in 2015 when he and five other players withdrew injured at late notice before a 2-1 defeat at Charlton Athletic. The 26-year-old subsequently denied feigning injury or attempting to undermine then head coach Neil Redfearn. Leeds have already cut another of Cellino’s signings from their squad this week by agreeing to terminate the final 12 months of Giuseppe Bellusci’s contract by mutual consent. The centre-back is likely to sign for PAOK in Greece as a free agent having called time on a trouble period at Elland Road.

FONTE: YorkshireEveningPost.Co.uk


Trattativa lampo Hellas Verona-Leeds per Silvestri. Decisiva la volontà dei gialloblù e del portiere
luglio 19, 2017

La volontà della società di via Francia e di Marco Silvestri è stata determinante per il trasferimento a titolo definitivo del portiere classe 1991 all’Hellas Verona. Come vi avevamo raccontato, fino a ieri sera il Leeds era intenzionato a rinnovare il contratto dell’estremo difensore in scadenza a giugno 2018, ma grazie ai continui contatti in tarda mattinata e l’ottimo rapporto tra i ds Filippo Fusco e Victor Orta, hanno permesso al classe 1991 di diventare da questa sera a tutti gli effetti un giocatore dell’Hellas Verona. Il procuratore Francesco Romano questa mattina ha raggiunto in Austria Silvestri e ha definito col Leeds il trasferimento a titolo definitivo del nuovo portiere gialloblù. Un’operazione lampo quella dell’Hellas Verona che ha deciso di scommettere su un giovane portiere dalle indiscusse qualità, da affiancare a Nicolas.

FONTE: HellasLive.it


NEWS
Marco Silvestri, un italiano adottato dall’Inghilterra
Dopo alti e bassi tra A e B il portiere in arrivo al Verona si è affermato in Championship

di Raffaele Campo, 19/07/2017, 10:19

“Nemo propheta in patria”. Questo ormai celeberrimo brocardo latino è utilizzabile in un numero indefinito di contesti, tra cui il calcio. E la storia di Marco Silvestri, prossimo a vestire la maglia dell’Hellas, ne è un esempio.
Sì, perché l’estremo difensore, nato a Castelnuovo ne’ Monti (Reggio Emilia) il 2 marzo 1991, è dovuto emigrare in Inghilterra per trovare continuità ed affermarsi. Dopo le esperienze con alti e bassi tra Serie A e Serie B, rispettivamente tra le fila di Modena, Chievo, Reggiana, Padova e Cagliari, a luglio 2014 Silvestri viene acquistato dal Leeds.
Il club dello Yorkshire occidentale, la cui squadra disputa il campionato di Championship, è da poco passato in mano a Massimo Cellino, per molti anni presidente del Cagliari. Assieme a Silvestri, a Leeds arrivano anche gli altri italiani Giuseppe Bellusci e Mirco Antenucci. Durante le prime due stagioni è titolare inamovibile, e dimostra una notevole sicurezza. In due campionati di Championship raccoglie 88 presenze. E’ un vero e proprio leader all’ombra di “Elland Road”.

In quest’ultima stagione, invece, ha rivestito il ruolo di ‘secondo’, in quanto il titolare è stato il veterano Robert Green, arrivato un anno fa dal QPR.
Tuttavia, l’ex Cagliari, in una delle poche apparizioni, si è reso protagonista di un episodio che i tifosi del Leeds non hanno ancora dimenticato: alla fine dello scorso ottobre, in occasione della sfida di coppa di Lega inglese contro il Norwich, Silvestri, dopo il 2-2 al termine dei tempi regolamentari, ha parato ben tre rigori avversari, regalando alla squadra il pass per il turno successivo.

Ora il giocatore è pronto a ripartire da Verona.

NEWS
Video – Silvestri, le migliori parate nel Leeds
Le immagini del portiere che il Verona sta trattando con il club inglese

di Redazione Hellas1903, 18/07/2017, 19:31

SUTTON, GREATER LONDON - JANUARY 29: Marco Silvestri of Leeds United (C) fouls Maxime Biamou of Sutton United (R) leading to the penalty during The Emirates FA Cup Fourth Round match between Sutton United and Leeds United at Borough Sports Ground on January 29, 2017 in Sutton, Greater London. (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

Marco Silvestri potrebbe passare al Verona. Il portiere del Leeds nel 2014 gioca nella squadra inglese.
Qui un video delle sue migliori parate.

FONTE: Hellas1903.it


Il Leeds vuole rinnovare il contratto a Silvestri
luglio 18, 2017

Da quanto appreso da Hellas Live, non trovano conferma le voci del possibile arrivo all’Hellas Verona del portiere Marco Silvestri. Il classe 1991 di proprietà del Leeds, in scadenza di contratto il prossimo 30 giugno, nei prossimi giorni rinnoverà il contratto col club inglese. Ad oggi quindi il futuro di Silvestri non sarà a Verona.

FONTE: HellasLive.it


CALCIOMERCATO
Portiere Hellas, in arrivo Silvestri
Accordo vicino tra il Verona e il Leeds United

di Redazione Hellas1903, 18/07/2017, 17:29

Il Verona sta per chiudere per un nuovo portiere.
L’Hellas è vicino all’accordo con il Leeds United per l’ingaggio di Marco Silvestri, riporta Sky.
Silvestri, ventisei anni, dopo essere passato dalle giovanili del Chievo, ha giocato con Reggiana, Padova e Cagliari, trasferendosi poi in Inghilterra.

FONTE: Hellas1903.it


Calciomercato | Hellas Verona, in arrivo il portiere Silvestri dal Leeds
18/07/17 17:15| Calciomercato | Autore: Redazione
L'Hellas Verona blinda la porta e oltre a Ferdinando Coppola e Nicolas Andrade, in quel ruolo potrà contare molto probabilmente su Marco Silvestri, classe '91 ex tra le altre di Reggiana e Padova e attualmente al Leeds. Contatti già in corso per chiudere, si sta decidendo la formula: nuovo portiere in arrivo per l'Hellas.

FONTE: GianlucaDiMarzio.com


MERCATO
Bologna sul portiere Silvestri del Leeds
In caso di partenza di Mirante

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb 05/06/2017, 14:20 340

Secondo quanto riportato dal Carlino, il Bologna si sarebbe mosso per un secondo portiere in caso di uscita di Mirante.
I rossoblù seguirebbero la riserva del Leeds Marco Silvestri. Classe 1991, con un passato al Chievo, Silvestri ha giocato titolare 46 partite in Championship fino alla scorsa stagione, poi ha fatto posto a Green. Silvestri ha giocato anche 25 partite in B con il Padova e 4 in A con il Cagliari.

FONTE: TuttoBolognaWeb.it


Cagliari, in estate potrebbe tornare Silvestri
Il portiere del Leeds è un'opzione che potrebbe concretizzarsi al termine della stagione

© REUTERS

MERCOLEDÌ 11 GENNAIO 2017 11:32
ROMA - Dal possibile stop emerso durante la cena di lunedì alla chiusura sospirata dell’affare: il portiere del Cagliari da qui a giugno sarà dunque il 24enne Gabriel, in prestito dal Milan, ma il club sardo si sta già orientando sulle possibili scelte per la prossima stagione. E l’idea di riportare in Italia (e in rossoblù) Marco Silvestri (25), pure presa in considerazione nelle ultime ore, resta valida proprio per l’estate. Anche (e soprattutto) in considerazione del fatto che il portiere del Leeds (club che era di Cellino fino a pochi giorni fa) è sotto contratto fino al 2018 e dunque, in assenza di un rinnovo, potrebbe anche lasciare l’Inghilterra. E a giugno, oltretutto, il Cagliari dovrà anche sostituire Alessio Cragno (22), che in questa stagione sta facendo benissimo in prestito a Benevento ma che è destinato al Napoli.

FONTE: CorriereDelloSport.it


Marco Silvestri, da secondo portiere a eroe di Leeds parando tre rigori
Pubblicato il 27 Ott 2016 - 16:53 autore: Valerio Nisi

Made in Italy. È davvero curioso come noi italiani ci riferiamo costantemente ad un’espressione inglese per descrivere qualcosa di nostrano. D’altronde se non ci fossero queste contraddizioni in termini non esisterebbero i paradossi. Sia chiaro, lungi da me il pensiero di un purismo linguistico di nefaste memorie, la mia è solo una riflessione con il sorriso sulle labbra. Tre parole, non vi azzardate neanche a pensare a “sole, cuore e amore”, che staranno riempiendo di orgoglio uno dei tanti italiani che hanno scelto la via che porta fuori dai confini nazionali. Il protagonista in questione è Marco Silvestri.

Chi? Si, Marco Silvestri. Calciatore del Leeds United di proprietà di Massimo Cellino. Ruolo, portiere. Uno dei tanti ragazzi italiani partiti alle volte dello Yorkshire occidentale, da quando l’imprenditore cagliaritano Cellino ha deciso che del calcio italiano ne aveva le scatole piene e ha rilevato la società nel 2014. L’intento era quello di riportare il Leeds ai fasti di un tempo ma al momento il cagliaritano non è riuscito nel suo scopo. Anzi, il feeling con i tifosi non è mai nato e il club adesso milita in Championship, la Serie B inglese, occupando il decimo posto. Senza infamia né gloria. Ma questa è un’altra storia.

Oggi dobbiamo parlare dell’unico italiano superstite nella rosa dei Peacocks, i pavoni, come vengono chiamati i giocatori del Leeds. Marco Silvestri. I suoi amici italiani, come Mirco Antenucci e Giuseppe Bellusci, in forza oggi rispettivamente alla Spal e all’Empoli, hanno sentito da subito il richiamo a casa. Marco è rimasto l’unico italiano in rosa solo, con il presidente e con il direttore sportivo Nicola Salerno. E la beffa è che non è neanche il primo portiere. Numero 12 sulle spalle, pronto a sostituire il veterano Robert Green nei momenti del bisogno. Qualche apparizione in coppa quest’anno, anche se in due anni ha collezionato ben 88 presenze.

Il 25enne di Castelnuovo ne’ Monti (Reggio Emilia) è arrivato al Leeds dopo le esperienze con il Modena, con il Chievo e una fugace comparsa proprio nel Cagliari di Cellino. Nel mezzo anche Reggiana e Padova. L’esordio in A è datato 27 aprile 2014 con una grande partita contro il Parma, proprio tra i pali del Cagliari.

Ok, rischio di divagare. Marco Silvestri da ieri mattina si sveglia con una parola nella testa: Hero. Non difficile intuire che significa eroe nel suo idioma naturale. Cori allo stadio, titoli di giornale, servizi in tv. Tutti chiamano da un paio di giorni Marco Silvestri eroe. Perché? Perché è grazie a lui se il Leeds United ha raggiunto il quinto turno della EFL, la nuova coppa di Lega inglese. Quinto turno che tradotto in termini nostrani (mamma mia che fastidiosi ‘sti inglesi!) significa quarti di finale.

Marco Silvestri l’altro ieri sera ha parato tre rigori. Tre, mica uno! E guarda caso ricorda quel Dida già menzionato in precedenza nella finale di Coppa Campioni contro la Juventus nel 2003. A Manchester, a due passi da Leeds (Inghilterra sbruffona, sempre in mezzo!). La sfida tra i Pavoni e il Norwich si è conclusa 1-1 durante i tempi regolamentari. Poi altro pareggio nei supplementari, con il 2-2 raggiunto al 109’ proprio dalla squadra di Silvestri tra le mura amiche di Elland Road.

Fatto il possibile, i compagni del portiere emiliano gli hanno passato la patata bollente. Respiro profondo, occhi al cielo, guanti stretti ai polsi e 191 cm di altezza avrebbero dovuto fare il resto. E così è stato. Marco Silvestri ha parato tre rigori. Tre, mica uno! Da secondo portiere a eroe del Leeds, entrando prepotentemente nella storia del calcio inglese. Per la serie Italians do It better! Cioè, gli italiani sono i migliori, traducendo alla larga un più ambiguo “Gli italiani lo fanno meglio”. Mica male questo Made in Italy…ehm, chiedo scusa…come si dice in italiano?

FONTE: News.Superscommesse.it


COUPLE GOALS Leeds United’s EFL Cup hero goalkeeper Marco Silvestri reveals his wife helped him to save the Norwich penalties
Italian custodian saved three spot-kicks to help Yorkshire side through to the quarter-finals where they face Liverpool

by KEVIN MARKEY
27th October 2016, 3:55 pm Updated: 4th January 2017, 1:31 pm
LEEDS UNITED’S penalty-saving hero Marco Silvestri has revealed how his model wife helped him and Leeds United make their way into the quarter-finals of the EFL Cup.
REUTERS

The Whites defeated Norwich City 3-2 on penalties after the two sides were locked at 2-2 after extra-time. Silvestri saved three penalties.
Marco Silvestri was the hero for Leeds as he saved three Norwich penalties in the EFL Cup clash.


IMAGE FACEBOOK SOFIA JAMAL
Marco Silvestri had some helpful support from his wife, Sofia, who studied some of Norwich’s previous penalties with him

The Championship club now face Liverpool at Anfield – a dream tie for the Italian goalkeeper.
Silvestri’s wife Sofia watched some Norwich City penalties with the Whites’ No 2 goalkeeper before the game, and despite having only ten men after Lewis Coyle hobbled off after all three subs had been made, the Yorkshire triumphed.

Norwich had led in both normal time and extra time, through Alex Pritchard’s far-post header early on and Nelson Oliveira’s close-range nod-in after 99 minutes. But Leeds levelled each time, from Marcus Antonsson’s 43rd minute tap-in and substitute Chris Wood’s point-blank effort.

REUTERS
Silvestri has lost his place in the Leeds team to Rob Green this season, but shone in the EFL Cup triumph



IMAGE FACEBOOK SOFIA JAMAL
Model Sofia Jamal is now not only a fan of her husband Marco, but also of Leeds United

The Italian had an amazing shootout experience – keeping the Canaries out on three occasions from Alex Pritchard, Steven Naismith and Robbie Brady– with the goalkeeper’s tactics in denying Pritchard standing out.

It seemed appropriate that Silvestri should prove to be the hero on a night where Leeds United paid tribute to one of the best goalkeepers in their history.

Norwich City was the club’s first game at Elland Road since it was announced that Gary Sprake had passed away at the age of 71.


IMAGE FACEBOOK SOFIA JAMAL
Silvestri’s wife Sofia, pictured in her Leeds fan watching a game from the stands

Silvestri has found himself behind former England international Rob Green under head coach Garry Monk this season. In fact, Silvestri had been banished from the squad altogether during pre-season, training with the Under 23s before returning to sit on the bench for 11 straight Championship matches.

Silvestri has featured in nearly all the cup games however, only missing the Fleetwood tie, also won on penalties, and has since played against Luton, Blackburn and now Norwich.

FONTE: TheSun.Co.uk


Bring on Liverpool says Leeds United hero Marco Silvestri
SHOOTOUT hero Marco Silvestri is dreaming of an EFL Cup quarter-final at Liverpool after guiding Leeds United past Norwich City in the last 16.

Marco Silvestri looks away during the penalty shootout. Picture: Bruce Rollinson

Published: 07:36
Wednesday 26 October 2016
Silvestri produced a string of fine saves during Tuesday night’s fourth round epic at Elland Road which ended 1-1 after 90 minutes and 2-2 after extra-time.

But the Italian shot-stopper saved his best until last with the 25-year-old saving three penalties in the 3-2 shootout win over Norwich.

Spot-kicks from Alex Pritchard, Steven Naismith and Robbie Brady were all saved by Silvestri - who had a very clear idea of who he saw as the ultimate catch in tonight’s quarter-final draw.

Asked who or where he fancied most in the last eight, Silvestri replied: “Anfield. When I was in young in Italy, a lot of times Sky Sports showed Liverpool’s match and every time I watched it because I loved the atmosphere at Anfield which I think is one of the best stadiums in the world.

“I think the fans hope to go to Old Trafford against Manchester I think! But they are excited because we are in the quarter finals now so Tuesday night’s win was very important.”

Leeds are one of two Championship clubs left in the competition along with Newcastle United.

Liverpool, Arsenal and Hull City are also already through and they will be joined by the winners of tonight’s ties between Manchester United and Manchester City, West Ham United and Chelsea, and Southampton and Sunderland.

The draw will take place after the conclusion of the Manchester derby with the quarter-finals staged on either Tuesday, November 29 or Wednesday, November 30.

FONTE: YorkshireEveningPost.Co.uk


Leeds rely on Marco Silvestri heroics to send Norwich City crashing out
• Silvestri saves three penalties to earn Leeds a 3-2 shootout win
• Mike Phelan pleased with Hull’s 2-1 victory over Bristol City
Marco Silvestri saves Steven Naismith’s penalty, one of three in the shoot-out that were crucial to Leeds progressing. Photograph: ProSports/REX/Shutterstock

Marco Silvestri was the hero as Leeds beat Norwich 3-2 on penalties to reach the quarter-finals of the EFL Cup after a thrilling fourth-round tie at Elland Road. Silvestri saved spot-kicks from Alex Pritchard, Steven Naismith and Robbie Brady before Ronaldo Vieira scored the winner.

Leeds striker Marcus Antonsson had cancelled out Pritchard’s opener before the break and after Nelson Oliveira had put Norwich back in front in extra time, Chris Wood struck in the 109th minute as the game ended 2-2.

Garry Monk’s side, who had used all three substitutes, played the whole of extra time with 10 men after the defender Lewie Coyle limped off injured in the 90th minute. But they forced the shoot-out and, despite Kalvin Phillips seeing his effort saved by John Ruddy and Matt Grimes firing over, Vieira held his nerve to clinch Leeds a place in the quarter-finals.

There was a minute’s applause prior to kick-off for the former Leeds goalkeeper Gary Sprake, who died last week aged 71. The Welshman made more than 500 appearances for the club under Don Revie in the 1960s and 70s and his tribute was warmly observed.

Sprake would have approved when Silvestri prevented Norwich from taking the lead in the opening seconds as the Italian smothered Naismith’s shot.

Leeds were not so lucky the next time Norwich swept forward down the left as the unmarked Pritchard stooped low to head home in the 14th minute from Brady’s cross.

Leeds defender Kyle Bartley had a goal disallowed when he clearly handled Alex Mowatt’s corner into the net, but Monk’s side eventually found their equaliser in the 43rd minute. Kemar Roofe crossed to the far post and from Souleymane Doukara’s knock-back Antonsson turned the ball home.

Norwich seized back the initiative with the man advantage in extra time and after Pritchard’s shot flew narrowly wide, the visitors regained the lead in the 99th minute.

Pritchard was again pivotal, whipping in a brilliant cross from Brady’s short corner for Oliveira to head home unmarked at the far post, but Leeds were back on level terms again 10 minutes later. Ruddy could only parry Hadi Sacko’s low, angled shot and Wood swept home to take the tie to penalties.

Mike Phelan celebrated his first win since being handed the Hull City job on a full-time basis, with a 2-1 win at Bristol City, guiding his side into the quarter-finals for the second successive year.

Phelan hopes Hull’s EFL Cup run can lift the “gloomy” atmosphere caused by the club’s slide down the Premier League table. Five successive league defeats has dropped Hull into the relegation zone.

“It has been quite gloomy when you’re getting beaten week in and week out,” Phelan said. “But you can see in the dressing room that a win’s a win and it does mean a lot.

“It gives you confidence to start again, because we all know the Premier League is unforgiving at times. We showed that we can win football matches again so let’s move forward.”

Harry Maguire headed the Premier League side in front from a corner just before half-time. It was 2-0 only two minutes into the second half when Michael Dawson nodded in from another Hull corner.

The Championship side scored a late consolation through a fine individual effort from the substitute Lee Tomlin before Tammy Abraham saw an effort cleared off the line in the closing moments.

FONTE: TheGuardian.com


UFFICIALE: Silvestri firma con il Leeds
La notizia era ormai nell’aria da tempo e lo si era intuito già con il mancato riscatto da parte del Cagliari per il portiere che ha giocato le ultime partite dello scorso campionato rossoblù. Marco Silvestri è ufficialmente un giocatore del Leeds United, il club inglese acquistato da Cellino che punta sugli italiani per riportare Elland Road a palcoscenici importanti. L’ex rossoblù è arrivato in Inghilterra dal Chievo per una somma non rivelata e ha firmato un contratto per quattro anni. Il nuovo allenatore David Hockaday ha commentato l’acquisto sul sito ufficiale del Leeds: «Tutti in Italia ritengono che Marco sia destinato a cose molto grandi. Siamo lieti di dargli il benvenuto a Leeds. Si è allenato con noi per una settimana ed ha impressionato tutti. Non solo per le sue qualità sul campo, ma anche quelle fuori. Allora siamo lieti di accogliere una brava persona e un calciatore del Leeds United»

L’annuncio della firma è arrivato nella giornata di oggi sia sul sito ufficiale degli Whites sia sul profilo Twitter della società, che ha celebrato l’arrivo del portiere con una foto:


Leeds, Cellino sulle tracce di Silvestri
Da Redazione CagliariNews24 - 27 giugno 2014
Prove tecniche per collegare Cagliari a Leeds. A mettere le basi è l’ex presidente rossoblù Massimo Cellino che, dopo aver ceduto il club a Giulini, è intenzionato ad aprire un vero e proprio esse di mercato da il club dello Yorkshire e il capoluogo sardo. Secondo l’esperto di mercato Gianluca Di Marzio, Cellino sarebbe sulle tracce di Silvestri che vorrebbe come portiere dei pavoni. Un’operazione che, se andasse in porto, metterebbe in moto la girandola dei portieri.
Oltre al portiere rossoblù nella lista del presidente del Leeds ci sarebbero Viviani della Roma e Cacia dell’Hellas Verona. Due pedine che nella passata stagione sono state accostate al Cagliari.

FONTE: CagliariNews24.it


27/06/2014, 14:53 | Di Davide Zedda
Cellino strega Silvestri: il portiere dice no al Cagliari e firma per il Leeds
Il portiere del Chievo verso l'Inghilterra

Riportare Marco Silvestri al Cagliari: era questa una delle prime missioni di Francesco Marroccu. Missione che sembrava alla portata, per certi versi appariva come una formalità, e che invece nelle ultime ore, pare complicarsi e non poco. Il portiere sarebbe pronto a firmare un contratto di quattro anni con il Leeds di Cellino. Incredibile ma vero. La notizia arriva da La Gazzetta di Reggio, non senza dovizia di particolari.
"Giocare in Premier sarebbe una bella esperienza – ha detto Marco Silvestri da un paio di giorni in Francia a casa della sua fidanzata Sofia – ma prima di parlare preferisco firmare il contratto".

Insomma, Avramov in scadenza di contratto, Silvestri ad un passo dalla squadra di Cellino, il Cagliari senza portieri. Tre milioni di euro pronti per esser versati nelle casse del Chievo Verona: l’imprenditore sanlurese non vuole farsi scappare il talentuoso portiere entrato subito nelle simpatie e nel gradimento della tifoseria cagliaritana. Insomma, una trattativa più che avviata, addirittura ai titoli di coda, secondo la testata giornalistica emiliana, la firma sarebbe già arrivata in data 23 giugno. Una vera beffa in salsa britannica, insomma con tanto di accordo raggiunto anche dai due presidenti. Cellino da una parte, Campedelli dall’altra.

Si può dire che è tutto fatto - si legge - tanto che Marco ha già visionato la città, la struttura sportiva, lo stadio e anche trovato casa: una villa da duemila sterline al mese (duemila e cinquecento euro al mese). “E’ tutto bello – prosegue Silvestri – ho visto i tredici campi d’allenamento, la piscina coperta, lo stadio e anche la città è carina”.
In casa rossoblù è insomma allarme portieri. Le alternative ad Avramov e Silvestri si chiamano Bassi e Di Gennaro. Per Marroccu sono giorni di duro lavoro.

16/05/2014, 08:54 | Di Davide Zedda
Marco Silvestri: il portiere benedetto da Ermes Fulgoni. Un nome, una garanzia!
Fulgoni punta su Silvestri


“Marco Silvestri diventerà un grande portiere”. Sono le parole che pronunciò un anno fa il mago dei portieri” Ermes Fulgoni. Nome forse non certo noto al grande pubblico, ma per intenderci stiamo parlando di una persona che di calcio - e specie di estremi difensori - ne capisce e davvero tanto. Per intenderci è colui che scoprì e fece crescere un certo Gigi Buffon, che all’epoca aveva appena 13 anni. Fulgoni ha fatto il preparatore dei portieri al Parma per quasi 15 anni e ha avuto anche due esperienze a Cagliari sotto la gestione tecnica di Ficcadenti. In una recente intervista gli è stato chiesto su quale portiere punterebbe in questo momento. Senza esitare, ha detto Silvestri! Le grandi qualità del portiere rossoblù le abbiamo subito notate sia in occasione della gara contro il Parma che in quella meno fortunata a Napoli. Sarà ora interessante vederlo all’opera tra i pali dello Juventus Stadium proprio contro la Juventus di Gigi Buffon.
Davide Zedda

FONTE: BlogCagliariCalcio1920.net


27 aprile 2014
Cagliari: gatto Silvestri. Parma: non serve Acquah.
FANTA-ANALISI. Al Sant'Elia 1-0 firmato da Pinilla e blindato dal giovane portiere sardo, al suo esordio: i tre punti valgono la salvezza. Il centrocampista emiliano va vicino al pari, ma non basta


CAGLIARI-PARMA 1-0
35' Pinilla

LE PAGELLE
TOP – Marco Silvestri. Così giovane (è un 1991 ed è all’esordio in A), così decisivo. L’1-0 del suo Cagliari contro il Parma è in buona parte merito suo e delle sue parate. Continuasse così… Costa solo un fanta-milione. Ma entro breve la sua valutazione si potrebbe impennare.

FLOP – Felipe. Nervi a fior di pelle. Il brasiliano si fa buttare fuori per una manata a Rossettini e lascia i suoi in 10. In precedenza aveva sofferto senza mai riuscire a prendere le misure agli attaccanti del Cagliari. Costa 1 fanta-milione.

LA SORPRESA – Mauricio Pinilla. La certezza matematica della salvezza del Cagliari porta la sua firma. Il sudamericano realizza il rigore del definitivo 1-0 e regala un fine di campionato di tranquillità ai rossoblu. Al di la della rete, buona prova in avanti in coppia con Marco Sau.

DA TENERE D’OCCHIO - Afriyie Acquah. A centrocampo giganteggia. E anche sottoporta fa il suo. In due occasioni è andato vicino al pareggio. Se non c’è riuscito è stato solo grazie ad uno straordinario Marco Silvestri. Costa 1 fanta-milione.

FONTE: SportSky.it


Mercato Chievo – Ora è ufficiale: preso Agazzi
Di Luigi Maria Romano 21:50 30.01.14
Mancava solo l’ufficialità, che è arrivata in serata: Michael Agazzi è il nuovo portiere del Chievo. Al Cagliari va Silvestri. Ecco il comunicato del club scaligero:
“L’A.C. ChievoVerona comunica di aver acquisito a titolo definitivo dal Cagliari Calcio le prestazioni sportive di Michael Agazzi e di aver trasferito a titolo temporaneo (fino al 30/06/14) con diritto di riscatto della metà al Cagliari Calcio il portiere Marco Silvestri. Agazzi, nato a Ponte San Pietro il 3 luglio 1984, vanta 122 presenze in serie A con la maglia del Cagliari”

FONTE: CalcioWeb.eu


Marco Silvestri: “Io al Napoli? Speriamo si concretizzi”

ANDREA GAGLIOTTI
24 GIU 2013 - 16:30
SILVESTRI NAPOLI/ Marco Silvestri, portiere di proprietà del Chievo, l’anno scorso al Padova, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, parlando del suo possibile approdo al Napoli in comproprietà. Ecco quanto riportato dalla redazione di SpazioNapoli:

“Il Napoli? Ho letto di essere stato accostato agli azzurri, ma ne so quanto voi. Sicuramente l’accordo c’è e staranno stanno limando i dettagli della comproprietà, ma non mi è stato riferito ancora nulla di ufficiale. Certamente approdare al Napoli, restando ancora un anno a Padova, mi piacerebbe molto. Spero si concretizzi. Quella partenopea è una società fantastica e rimanere a Padova mi consentirebbe di acquisire maggiore esperienza.

La Serie B? L’esperienza di quest’anno in cadetteria mi ha formato tantissimo; inizialmente sono stato in panchina, ma mi sono sempre allenato tantissimo: in questo modo sono riuscito a diventare titolare. La serie B è un ottimo palcoscenico per i giovani, anche perchè in A non si ha molto spazio”

FONTE: SpazioNapoli.it


Chievo-Padova:| Sirene inglesi per il portiere Silvestri

07 marzo 2013 alle 10:24
A caccia di un portiere. Mentre la sfida contro l’Inter impegna il Tottenham in campo, gli Spurs restano attenti anche al mercato: piace il portiere classe ’91 del Padova, Marco Silvestri. Venerdì è previsto un incontro tra gli uomini del Tottenham e l’agente di Silvestri, Ciccio Romano, al torneo Premier Nike di Pescara. Un appuntamento importante per il futuro di Silvestri, migliore in campo con il Padova anche a Verona: la proprietà del cartellino è del Chievo, ma il Padova ha una promessa in pugno per prenderne la metà. Aspettando gli Spurs…
(GianlucaDiMarzio.com)

FONTE: CalcioMercato.com


Ufficiale: il nuovo portiere del Padova è Marco Silvestri
Posted by Dante Piotto 09/07/2012
Il Calcio Padova informa che è stato perfezionato il passaggio in biancoscudato del portiere classe 1991 Marco Silvestri. Il giocatore è stato trasferito al Padova dal Chievo con la formula del prestito con diritto di riscatto della comproprietà da parte del Padova e contro riscatto da parte del Chievo.

Nato il 2 marzo 1991 a Castelnovo ne’ Monti (Reggio Emilia), è cresciuto calcisticamente nel Modena per poi passare al Chievo nel 2011. La società clivense lo ha prestato lo scorso anno alla Reggiana dove ha disputato 27 gare. Può vantare 5 presenze nella nazionale under 20 e 1 presenza, nel 2011, nella selezione azzurra under 21.

Marco Silvestri è un giocatore nato a Castelnovo de’ Monti (provincia di Reggio Emilia) il 2 marzo 1991, e proviene dalla Reggiana, ma di proprietà del Chievo Verona, alto 191 cm.
Silvestri inizia la sua carriera in Emilia, nelle fila del Modena alle spalle di Enrico Alfonso e Antonio Narciso nel 2009-2010. Nell’Agosto 2010 firma un contratto con il Chievo, con compagni di reparto Stefano Sorrentino e Lorenzo Squinzi. Nella stessa stagione diventa la prima scelta nella Nazionale Under20 Italiana. La scorsa stagione Silvestri torna a casa e passa in prestito alla Reggiana in Prima Divisione per sostituire Niccolò Manfredini, partendo alle spalle di Niccolò Bellucci, ma diventando titolare già in inverno.
In Nazionale Silvestri inizia la sua esperienza nel dicembre 2009 con la Nazionale Italiana Under20 allenata da Francesco Rocca, sostituendo Antonio Piccolo. Nel giugno 2011, viene convocato da Ciro Ferrara nel torneo 2011 di Tolone come sostituto di Sergio Viotti e realizzando già una presenza con gli azzurrini.

CARRIERA
2009-2010 Modena
2010-2011 Chievo
2011-2012 Reggiana 27 presenze

NAZIONALE
2009-2010 Italia Under20 5 presenze
2011 Italia Under21 1 presenza

FONTE: SportSky.it


CALCIO MERCATO
Riscattato il portiere Marco Silvestri, classe 1991
22.06.2012 11:00 di Federico Vaccari
Fonte: ufficio stampa chievo verona

Riscattato il portiere Marco Silvestri, classe 1991
Risolta a favore della società gialloblu la comproprietà di Marco Silvestri. E’ stato riscattato dal Modena infatti il portiere classe 1991 l’anno scorso in forza alla Reggiana (27 presenze). Silvestri, a Verona nella stagione 2010/11, torna al Chievo dopo una stagione in prestito in Emilia.

FONTE: TuttoChievoVerona.it


Marco Silvestri difenderà la porta del Modena
Il Chievo Verona l’ha riscattato e poi girato in prestito ai canarini

22 giugno 2012
Il reggiano ed ex granata Marco Silvestri il prossimo anno difenderà la porta del Modena. Il Chievo Verona, dopo aver riscattato la comproprietà del portiere dal Modena lo ha poi girato in prestito ai canarini. In pratica l’avventura di Silvestri in serie A è durata lo spazio di poche ore anche se è un predestinato.
Il Chievo Verona ha deciso che anziché utilizzarlo come vice di Sorrentino ha preferito mandarlo a giocare e il Modena ha subito avanzato la sua candidatura. Silvestri, tra l’altro, ha già militato nel Modena anche se a livello giovanile e il prossimo anno vi tornerà nel ruolo di titolare.

FONTE: GazzettaDiReggio.Gelocal.it


Reggiana, arriva il portiere Silvestri
di Samuel 10 luglio 2011
A.C. Reggiana 1919 S.p.A. comunica che è stato depositato ufficialmente il contratto del portiere Marco Silvestri, nato a Castelnovo ne’ Monti (RE) il 2 marzo 1991, che approda in granata dall’A.C. Chievo Verona con la formula del prestito per la stagione sportiva 2011-12.

[...]

FONTE: LegaPro.it


IL CAMPIONCINO IN PROVA A MILANO
Marco, futuro portiere dell'Inter
Segnatevi questo nome: Marco Silvestri, professione portiere. Ha appena compiuto 18 anni ma presto avrà l’occasione di mettersi in vetrina. Attualmente Marco, studente dell’istituto per geometri di Castelnovo Monti, è in forza al Modena in serie B e ha già collezionato diverse presenze in panchina.
Però adesso è approdato alla corte dell’Inter. Proverà per i nerazzurri e questo potrebbe cambiargli la vita proiettandolo davvero nel grande calcio internazionale. Se gli chiedi per quale squadra tifa, lui ti risponde che è milanista ma ti dice anche che questo per lui è solo un particolare.

06 Maggio 2009
CASTELNOVO MONTI. E’ un anno strepitoso per la famiglia Silvestri. Il papà Claudio, noto avvocato di Castelnovo Monti, si coccola i due figli: Filippo, 23 anni, difensore centrale che ha appena festeggiato l’accesso del Castelnovo Monti in Promozione e di Marco, 18 anni, secondo portiere del Modena che sta per approdare alla corte dell’Inter. Papà Claudio e mamma Fabrizia seguono con assiduità le gesta di Claudio e Marco: il sabato seguono il Modena in serie B e la domenica il Castelnovo Monti di Prima categoria. Il calcio è entrato prepotentemente nella loro famiglia.

Filippo Silvestri ha già centrato un importante obiettivo con la promozione del Castelnovo Monti, ora tocca al fratellino più piccolo Marco spiccare il volo, con destinazione Milano, sponda Inter.

«Per noi è un anno meraviglioso - ammette papà Claudio - spero che dopo la promozione del Castelnovo Monti arrivi anche la salvezza del Modena e magari l’approdo della Reggiana in B. L’impresa del Castelnovo Monti assume un significato maggiore perché la squadra è composta da tutti ragazzi della nostra montagna. Noi siamo di Sologno e c’è tanto orgoglio montanaro nella vittoria del campionato di questi ragazzi».

La carrierà di Marco Silvestri è appena agli inizi anche se sono già sei anni che milita nel Modena.
«Dopo le giovanili nel Castelnovo Monti - prosegue papà Claudio - all’età di 12 anni è passato al Modena. A dire la verità lo voleva anche la Reggiana ma sono stato io a scegliere di oltrepassare il Secchia. Siamo più comodi a livello logistico e poi mi affascinava di più il club canarino di Romano Amadei. Era in serie A. Pentito? No anche se il club granata si era fatto avanti. Qualche mese fa, in occasione di un torneo contro il Parma, ho conosciuto il direttore sportivo granata Massimo Varini che era venuto per vedere Marco, poi non ho più sentito niente. Marco, però, è del Modena a tutti gli effetti e decideranno loro, assieme al nostro procuratore Francesco Romano, una brava persona, quale potrà essere la sua destinazione».
Marco Silvestri era un predestinato tanto che rientra nel gruppo dei giovani portieri che ogni sei mesi si ritrovano a Coverciano per una stage dei portieri azzurri.

«In uno di questi raduni - spiega il papà-avvocato - Marco è stato notato da Castellini, preparatore dell’Inter che l’ha voluto per un paio di giorni a Milano».
Un blitz che si è concretizzato proprio la scorsa settimana. «L’ho accompagnato io - rimarca con orgoglio il papà - a Interello dove ha svolto un allenamento con Castellini e poi il giorno dopo è andato alla Pinetina, con la prima squadra. Anche il giovedì si è nuovamente aggregato con Castellini a Interello per un lavoro specifico. Adesso aspettiamo ma ho avvertito molto interesse da parte di Castellini e dell’Inter».

Va detto che quest’anno Marco Silvestri ha già avuto modo di mettersi in mostra con la Primavera del Modena e anche con la prima squadra: per 13 volte è andato in panchina. «Non ha ancora avuto la fortuna di debuttare in B ma chissà che non accada prima della fine del campionato».
L’Inter lo vuole a tutti i costi ma anche altre prestigiose squadre si sono affacciate, in modo particolare la Juventus (su relazione di Fausto Cavallini), Sampdoria e Napoli. «Noi abbiamo fatto tanti sacrifici - conclude papà Claudio - perché dopo la scuola, mia moglie Fabrizia o io lo accompagnamo a Modena per l’allenamento. La scuola? Ci tengo che prenda il diploma di geometra ma ora Marco ha in testa solo il calcio. Da agosto si allena con la prima squadra e ha altri obiettivi. L’ha voluto Ferrari, ex portiere del Parma e Bruno Fantini (ex granata ndr) stravede per lui ma vorrei tanto che festeggi anche la maturità».

FONTE: GazzettaDiReggio.Gelocal.it

0 commenti:

Posta un commento

Supporta il blog BONDOLA/=\SMARSA!

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


#VeronaGenoa Juric

#VeronaGenoa highlights


Archivio