Header ADS

SASSUOLO 3-3 HELLAS VERONA: Una gara sonnacchiosa nel primo tempo si accende di botto ad inizio ripresa, Super SILVESTRI cade sul fil di lana...


#VeronaSassuolo +   -   =

RECAP & IMPRESSIONI
Primo tempo piuttosto tattico e noioso tra due squadre che si annullano a vicenda e badano più a non prenderle che a darle, HELLAS stranamente sottoritmo rispetto al solito: Merito delle trame difensive di DE ZERBI o voglia di badare al sodo per arrivare al più presto alla fatidica quota 40?
Alla fine dei primi 45 minuti sembra che il pari accontenti tutti: Molto deludente la prova di VELOSO che non incide e sbaglia di grosso tutti i calci piazzati che è chiamato a battere...

Gara che decolla al 51° con il golaso di LAZOVIĆ che s'infila sotto la traversa ma due minuti dopo i padroni di casa trovano il pari col neoentrato BOGA.
Segue un pasticcio difensivo dei neroverdi che lasciano via libera al 3 a 1 di PESSINA che pare chiudere la partita ma BOGA non è dello stesso parere e infatti la riapre al 76° con un piazzato a giro che elimina le ragnatele dal sette!
Il SASSUOLO preme, il VERONA non riesce più a uscire dall'area, JURIĆ ritarda il cambio di VERRE nonostante ZACCAGNI, AMRABAT e LAZOVIĆ siano evidentemente sulle gambe... Allora SILVESTRI si mette il mantello da superman e para di tutto ma nulla può fare all'ultimo giro di lancette al 96° quando ROGERIO estrae dal cilindro un destro magico che prende il palo interno e poi entra nel sacco!

In una gara dai due volti il rammarico di strappare agli avversari un solo punto è grande perchè è giunto sul fil di lana ma, considerata la precaria tenuta fisico-atletica dei ragazzi di JURIĆ al momento, è tutto grasso che cola.
Pari amaro ma giusto quindi, e ora speriamo che a 39 punti il mister non parli più di salvezza da conquistare e Via Olanda si concentri al massimo su un obiettivo assente da 32 anni!
Testa subito al PARMA dove oltre al mister (ammonito stasera una volta di troppo) sarà assente per squalifica anche KUMBULLA ma rientrerà FARAONI e, speriamo almeno per uno scampolo di gara, BORINI...



LA PARTITA
4-2-3-1 per i neroverdi di casa con BERARDI, DEFREL e HARASLIN sulla trequarti dietro al 'cecchino' CAPUTO.
un cambio per zona del campo per mister JURIĆ che riporta GÜNTER al centro della difesa, ADJAPONG sull'esterno di destra a dare il cambio allo squalificato FARAONI, PESSINA al fianco di ZACCAGNI sulla trequarti e l'ariete STĘPIŃSKI al centro dell'attacco.

Si parte agli ordini del signor Antonio Giua della sezione AIA di Olbia.

Clicka qui per vedere l'album di SASSUOLO 3-3 HELLAS VERONA

PRIMO TEMPO DA SBADIGLI
Dopo un lungo scambio tra ZACCAGNI e PESSINA che tambureggiano sul lato piccolo dell'area a sinistra, conclude VELOSO al 4°: Palla alta.
Percussione di LAZOVIĆ al 5°: MAGNANI devia sopra la traversa il traversone basso del serbo.
HARASLIN da sinistra punta RRAHMANI s'accentra in area lo supera e tira al 20°: La difesa scaligera devia sul fondo.

LA PARTITA S'ACCENDE: LAZOVIĆ, BOGA, STĘPIŃSKI!
Nella ripresa KUMBULLA rimane negli spogliatoi ed entra EMPEREUR mentre i padroni di casa cambiano KIRIAKOPOULOS con ROGERIO e HARASLIN con BOGA.
Calcio d'angolo da sinistra per il SASSUOLO al 47°, PELUSO di testa spara alto sopra la porta difesa da SILVESTRI.
PESSINA da destra s'accentra e la mette al limite dove STĘPIŃSKI incespica poi fa probabilmente la cosa migliore della partita lasciando a LAZOVIĆ che con una frustata di destro piega la mano di CONSIGLI e porta avanti l'HELLAS al 51°
Nemmeno il tempo di esultare che il fronte cambia, il SASSUOLO entra in area scaligera, palla che si sposta sulla destra dove ADJAPONG marca il neoentrato BOGA troppo blandamente: Palla dal vertice sinistro sull'angolino basso destro e gara nuovamente in pari al 53°.
Felicissimo di essermi sbagliato su STĘPIŃSKI che al 57° riporta avanti il VERONA ma gran parte del merito va a LAZOVIĆ che a sinistra parte come un razzo, salta netto MULDUR e serve il polacco che è solo ad un passo da CONSIGLI e insacca di petto!

PESSINA! TRIS VERONA
Al 60° dentro PAZZINI per STĘPIŃSKI.
Doppio dribbling di MULDUR che entra in area dal vertice sinistro dribbla tutti e scarica su SILVESTRI che con la mano aperta compie un autentico miracolo e devia sul fondo al 66°
Tris del VERONA al 68°: PAZZINI difende palla sulla trequarti ma sembra che il SASSUOLO riesca a recuperare invece PELUSO e BOURABIA si ostacolano a vicenda e lasciano campo libero allo stesso Gianpaolo che non riesce a recuperare ma favorisce comunque PESSINA; l'ex ATALANTA entra nell'area avversaria dal vertice destro e batte comodo CONSIGLI con un piazzato destro che non lascia scampo! VELOSO fa spazio a BADU: JURIĆ sceglie la dinamicità del ghanese al posto della (spenta) qualità del portoghese.

ANCORA BOGA
Al 72° cambia anche il SASSUOLO: TRAORÈ sostituisce un confusionario DEFREL.
BOGA accorcia le distanze al 76° con un piazzato a giro appena entrato in area che elimina le ragnatele dal sette!

ASSEDIO SASSUOLO, SILVESTRI SHOW
BERARDI serve LOCATELLI fuori area in zona centrale, pronto il rasoterra del centrocampista che SILVESTRI raccoglie accartocciandosi a terra all'80°.
Ancora LOCATELLI dalla distanza all'83°: Palla in curva...
BERARDI dalò limite all'87°: SILVESTRI si tuffa sulla destra e salva l'HELLAS ancora una volta!
CAPUTO a BERARDI che entra dal vertice sinistro e spara a rete ma SILVESTRI è insuperabile ancora una volta al 91°; ZACCAGNI esausto fa spazio a VERRE.
Imbucata per ROGERIO che al 93° scende a sinistra e la mette in mezzo dove CAPUTO manca l'aggancio! È un assedio alla porta di SILVESTRI che pochi secondi dopo si ripete sulla conclusione di OBIANG e gli rimbalza davanti diretta all'angolino! Marco insuperabile devia in tuffo...
Al 94° BERARDI suggerisce per il cross da destra di LOCATELLI sul secondo palo sfiorando il palo con CAPUTO che fortunatamente non ci arriva!

IL VERONA NON ESCE PIÙ, PARI DI ROGERIO SUL FIL DI LANA...
Pari SASSUOLO al 97° con ROGERIO che dal cilindro estrae un destro imparabile dal limite in zona centrale: SILVESTRI vola ancora una volta ma la palla è letale, sbatte sul palo e si accomoda lemme nel sacco!
Dopo 7 minuti di overtime il signor Giua fischia tre volte e sancisce il 3 a 3.


Radiografia del Gol gialloblù 2019/2020
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
DI CARMINE055
PAZZINI044
PESSINA044
VERRE033
FARAONI033
STĘPIŃSKI033
VELOSO022
BORINI022
LAZOVIĆ022
KUMBULLA011
SALCEDO011
DAWIDOWICZ011
ZACCAGNI011
EMPEREUR101

VOTI

  • SILVESTRI Un'autentica muraglia che cade solo nell'estrema picconata al 96esimo e rotti su una conclusione eccezionale (e fortunata) di ROGERIO: Se il VERONA porta a casa un punto oggi gran parte del merito va a lui che si produce in almeno tre interventi da urlo, 8
  • RRAHMANI Prova l'affondo anche oggi poi forse JURIĆ lo riduce a più miti consigli e allora Amir esegue. Qualcosa da rivedere nei due gol fotocopia di BOGA quando forse poteva essere più incisivo: 6
  • GÜNTER Non è il Koray dei tempi migliori ma anche così sa rendersi utile con dedizione e sacrificio dopo il lungo stop (che ha subito più di altri a livello fisico) e la difficile ripresa, 6
  • KUMBULLA Quel cartellino giallo per un fallo su DEFREL gli farà saltare la prossima al Bentegodi contro il PARMA, nella ripresa rimane negli spogliatoi a causa di un problema fisico che scombina ancor di più le carte a JURIĆ (gli da il cambio EMPEREUR al 46°: Subito una gran diagonale su BERARDI al 50° dove mette in mostra tutte le qualità che fino a prima della ripresa non gli venivano riconosciute, un'arma in più nello scacchiere del VERONA per questo finale di stagione, 6)
  • ADJAPONG Ricordando il suo esordio da titolare a Marassi nell'ultima gara prima del lock-down temevo un'altra partita timida del terzino modenese e invece dal 14° fa capire con quella discesa e quel cross in mezzo che stavolta andrà diversamente e infatti al 26° e al 32° effettua due grandi chiusure in diagonale ed in generale piazza una grande prestazione soprattutto dal punto di vista difensivo: Sempre puntuale, preciso e concentrato nel primo tempo mentre nel secondo la doppietta di BOGA arriva da una zona di sua competenza... 6
  • VELOSO Spreca almeno tre calci punizione in una caterva di appoggi imprecisi, altra gara da dimenticare per Miguel: 5 (gli da il cambio BADU al 68°: Purtroppo non ripete l'ottima prestazione fornita da titolare col CAGLIARI ma tampona come può in emergenza, 5,5)
  • AMRABAT Fa poco nel primo tempo e meno nel secondo quando invece il VERONA accende la gara, un passo falso per Sofyan che evidentemente aveva speso più di quanto aveva in queste prime tre gare dove aveva corso anche per i compagni, 5
  • LAZOVIĆ Un gol di pregevole fattura, un assist perfetto per STEP e tanta, tantissima qualità sulla mancina: 7,5
  • PESSINA Un gol che fa sembrare facilissimo anche se non è proprio così, sempre al posto giusto nel momento giusto e anche quando non ne ha più si aiuta alla grande col senso tattico che lo rende indispensabile nell'attuale VERONA: Un ragazzo dal grande futuro, un grande acquisto... Per l'ATALANTA, 7
  • ZACCAGNI Quanti falli subisce! Quante ripartenze al fulmicotone finchè la pompa gli regge, poi la benzina termina e fa quasi tenerezza vederlo combattere anche contro l'inevitabile stanchezza per una maglia a cui evidentemente tiene parecchio: 6,5 (gli da il cambio VERRE al 91°: Non giudicabile)
  • STĘPIŃSKI Assente ingiustificato nel primo tempo potrebbe pasticciare nel controllo per l'iniziale vantaggio di LAZOVIĆ nel secondo, oggi va pure a segno grazie al serbo che lo mette ad un passo dalla porta e per segnare basta deviare alle spalle di CONSIGLI... Prosegue nell'annata di sofferenza in un modulo e con un tecnico che non né asseconda le caratteristiche e l'ex Ceo sembra sempre un pesce fuor d'acqua anche se si sbatte non c'è che dire, 5,5 (gli da il cambio PAZZINI al 60°: Dalla sua caparbietà nasce il gol di PESSINA, spero tanto che metta a segno presto il 200esimo centro in carriera, 6)
  • JURIĆ Fa con quello che ha e anche oggi fa (molto) bene, personalmente non capivo perchè, con tanti giocatori tra mediana e trequarti evidentemente sulle gambe, non cambiasse ma il motivo l'ha rivelato lo stesso mister a fine gara: 'Gli infortunati o comunque non pronti sono più di qualcuno io stesso, anche se mi ha fatto schifo, ho impartito l'ordine di fare catenaccio fino alla fine'. Pane al pane e vino al vino in puro stile JURIĆ che personalmente apprezzo tanto, 7,5


[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

DICONO +   -   =

Mister DE ZERBI tecnico del SASSUOLO «A mio avviso nel primo tempo era giusto il pareggio. Qualcosa avevamo creato, ma i ritmi non erano veloci a causa del caldo. Non si era fatto molto né da una parte, né dall'altra. Nel secondo tempo le due squadre son venute fuori, anche perchè la temperatura si è abbassata leggermente. Noi abbiamo fatto molti più tiri del Verona ed anche le occasioni dei miei ragazzi sono state superiori rispetto a quelle create dagli avversari. Alla metà della ripresa comunque, loro conducevano con due gol di scarto, assolutamente evitabili. Dà parecchio fastidio aver preso quelle reti perchè erano evitabili. Se cali d'intensità, gli avversari ti puniscono subito. E' una cosa che non possiamo permetterci» TGGialloBlu.it

Mister JURIĆ «Rammarico per questa vittoria sfumata negli ultimi secondi? Abbiamo dato tutto quello che avevamo in questo momento. Purtroppo abbiamo preso dei grandissimi gol, tra cui l'ultimo di Rogerio da venticinque metri e con il piede debole, per cui c'è un po' di dispiacere. Però sono contento della prestazione dei ragazzi, di quello che hanno messo in campo e anche di come si sono comportati quelli che avevano meno allenamenti sulle gambe. Hanno dato tutto, il punto va benissimo. Se si cominciano a far sentire il caldo e gli impegni ravvicinati? Se c'è stato un calo fisico da parte nostra è dipeso anche dal fatto che alcuni dei nostri ragazzi avevano fatto solo 10 allenamenti ’veri’ negli ultimi mesi, ma è stata una scelta mia quella di arretrare un po' il baricentro della squadra. Non siamo più riusciti ad essere aggressivi: prima dello stop del campionato avremmo continuato a pressare alto come sempre, ma per i ragazzi non è facile reggere questi ritmi. In vantaggio avremmo dovuto essere più lucidi ma, seppur non mi piaccia difendermi ‘basso’, quella mi sembrava l'unica scelta. Il Verona può pagare più di altri la poca 'profondità' della rosa? La verità è che alcuni ragazzi in questo periodo hanno avuto problemi fisici e non sono riusciti ad allenarsi con la squadra. Alcuni hanno fatto tutta la preparazione, altri, invece, come Gunter, hanno fatto solo una settimana di allenamenti. Se penso all'Europa? In questo momento siamo molto, molto vicini al nostro obiettivo della salvezza. A me spiace ci sia stato lo stop del campionato, perché stavamo veramente bene come squadra. Ora vediamo come riusciremo a presentarci mercoledì con il Parma, ma daremo senz’altro il massimo» HellasVerona.it

Darko LAZOVIĆ, il migliore in campo stasera dopo SILVESTRI, con un gol e un assist «Amarezza per la vittoria sfumata? Certo, stavamo vincendo 3-1 e nel finale ci siamo abbassati troppo. Oltre a questo, va detto che il Sassuolo ha una buona squadra, con tanti giovani di qualità. Se c'è stato un calo fisico nel finale? Si, questo è dovuto al fatto che giochiamo ogni tre giorni. Ma stiamo lavorando sotto questo aspetto per migliorare. Una delle mie migliori stagioni? Sono contento in generale, ed oggi in particolare sia per il gol sia per l'assist. Ma prima viene la squadra, quella è la cosa che conta di più. Cosa si gioca il Verona in queste ultime gare? Dobbiamo pensare a vincere, partita dopo partita, con umiltà. Sicuramente, una volta raggiunta la salvezza, ce la metteremo tutta per portare a casa qualche risultato in più» HellasVerona.it



LE ALTRE DI A +   -   =

Dura batosta inflitta dalla JUVE al LECCE nell'anticipo di Venerdì: Poker servito e salentini a tappeto con DYBALA, RONALDO (doppietta) e HIGUAIN a segno insieme per la prima volta in campionato!
La LAZIO rimane a quattro lunghezza dalla capolista bianconera grazie alla rimonta sulla FIORENTINA che pure era passata in vantaggio all'Olimpico col gran gol di RIBERY, poi il pari di IMMOBILE su rigore e il gol di LUIS ALBERTO per i 3 punti.
Poker anche per il CAGLIARI che Sabato in Sardegna ha regolato i piemontesi per 4 a 2, pari e patta con 4 gol tra BRESCIA e GENOA.
Nel pomeriggio 2 a 0 del MILAN alla ROMA nell'inferno dantesco delle gare alle 17.30 di un tipico 28 Giugno italiano.
In serata vittorie esterne per INTER, ATALANTA e BOLOGNA rispettivamente su PARMA, UDINESE e SAMP, 3 a 1 del NAPOLI alla SPAL



RASSEGNA STAMPA +   -   =


Posta un commento

0 Commenti