Subscribe Us

Avvocato di origini napoletane ed esperto di contrattualistica sportiva, Filippo FUSCO è il nuovo Direttore Sportivo scelto dal patròn SETTI: Dopo la retrocessione al BOLOGNA lavorò molto bene in una situazione molto simile a quella in cui si troverà a Verona ma forse con risorse ancor più limitate...

Filippo FUSCO, nome non di certo tra i più conosciuti tra i suoi omologhi italiani, sarà il nuovo Direttore Sportivo scaligero.
Dopo la fuoriuscita per certi versi clamorosa solo pochi mesi fa di Riccardo BIGON, il presidente SETTI non sembra aver avuto molti dubbi nell'affidare all'ex procuratore di importanti calciatori la risoluzione dei casi più spinosi nella squadra gialloblù e allo stesso tempo allestire una rosa competitiva per la nuova stagione in cadetteria dopo la sciagurata retrocessione dell'annata appena trascorsa.
Certo che con 15 milioni, cifra buttata sul piatto almeno a parole dal patròn scaligero, le cose non dovrebbero essere granchè complicate ma attenzione perchè tra l'ingaggio di MANDORLINI in scadenza il prossimo anno ed i compensi dovuti comunque alle 'superstar' RÔMULO e PAZZINI la cifra a disposizione del nuovo DS potrebbe abbassarsi non di poco...
Bravo dovrà essere FUSCO (di cui a Bologna si è sempre parlato un gran bene) a gestire le cose con un occhio a contratti comunque da rispettare e le ambizioni dell'HELLAS e della sua gente di ritornare al più presto nel calcio che conta.

ORIGINI NAPOLETANE UOMO D'ORDINE AL BOLOGNA
Avvocato di origini napoletane ed esperto di contrattualistica sportiva, Filippo FUSCO negli ultimi anni ha lavorato tanto all’estero facendo da ponte tra calciatori stranieri e società italiane, per l'ex presidente del BOLOGNA GUARALDI si occupava non solo della normale attività di un DS ma anche e più sostanzialmente di far quadrare i conti del club cercando di coniugare le pretese di una piazza dallo storico blasone ma appena retrocessa con ingaggi pluriennali dal peso potenzialmente insostenibile (in quel caso i 'problemi' erano BIANCHI e ACQUAFRESCA ma la situazione molto simile a quella che si troverà ad affrontare a Verona).
E almeno a sentire lui fu fatto un gran lavoro a livello di spese ingaggi 'Ho ceduto giocatori per 12 milioni e risparmiato quasi altri 12 milioni di ingaggi, spendendo zero. Praticamente non abbiamo pagato un euro ai procuratori. E prima del cambio di proprietà alcuni calciatori erano disponibili a rinegoziare o a spalmare i contratti con un possibile risparmio di altri 2,5 milioni al club'.
L'arrivo dei nuovi proprietari americani sciolse in itinere il suo contratto coi felsinei che ora potrebbero avere una sorta di linea-diretta con la dirigenza scaligera grazie agli uffici dell'ex diesse BIGON che conosce e segue per i suoi nuovi datori di lavoro HELANDER, VIVIANI e IONITA sapendo a sua volta l'occhio lungo per parte gialloblù su ZUCULINI e soprattutto l'ex capitano Mimmo MAIETTA andatosene due annate fa per mai meglio precisati problemi di spogliatoio che al momento potrebbero non aver più ragione d'essere.

SCELTO DA SETTI AL VERONA
...Come suscritto la 'mission' di FUSCO all'HELLAS appare abbastanza chiara: Tagliare i costi ed allestire una rosa adeguata alla piazza scaligera; per far questo il presidente della società di via Belgio s'è affidato totalmente al nuovo diesse che a sua volta ha puntato dritto su mister PECCHIA che come allenatore conosce dal 2009 ai tempi del FOGGIA.
Il contratto sarà annuale con possibilità di continuazione del rapporto qual'ora le cose dovessero girare per il verso giusto.
Bomber CACIA ai tempi di Bologna ma anche Totò DE VITIS nelle ultime ore si sono schierati con la scelta di SETTI: 'Fidatevi del nuovo diesse! E l'uomo giusto per riportare in alto il VERONA'

COSÌ ALLA PRESENTAZIONE UFFICIALE
Il neo Direttore Sportivo scaligero ha risposto con parlantina sciolta e svelta (da abilissimo principe del foro qual'è) al fuoco di fila di domande poste dai vari giornalisti presenti, di seguito l'elenco dei punti più interessanti sviscerati dall'avvocato napoletano:

  • 'Non sono mai stato agente FIFA e', per eliminare (almeno parzialmente) potenziali conflitti di interesse, il diesse ha aggiunto 'non seguo personalmente gli interessi di nessun giocatore dal 2010'
  • 'Se Pazzini sarà felice e convinto nel rimanere a Verona come pensiamo, la società sarà altrettanto contenta nel puntare su di lui per l'attacco scaligero futuro: Un giocatore come Gianpaolo non può essere messo in discussione dopo un'annata particolarmente sfortunata come quella appena passata ed è un centravanti che molte squadre in cadetteria possono solo sognare ed è molto appetito anche in Serie A'
  • 'Romulo ha dimostrato di essere completamente guarito, ci dovremo vedere col suo procuratore per capire le sue ambizioni dopodichè vedremo se tenerlo o cercare una soluzione alternativa...' L'impressione è che in società si cerchi di convincere il brasiliano ad allungare il contratto (in scadenza a Giugno 2017) per spalmare l'ingaggio rendendolo più accessibile alla nuova realtà cadetta, se non sarà possibile si cercherà un prestito con diritto di riscatto dell'aquirente o in casi estremi la rescissione consensuale (personalmente ricordando il circo messo in piedi da Firmino, agente del calciatore, due stagioni fa in occasione del riscatto dalla FIORENTINA, sono molto pessimista)
  • 'Rescissione consensuale per Mandorlini? Anche qui dipenderà dalle ambizioni del vecchio mister ma in quel caso, per rescindere consensualmente, bisognerà essere in due...' Al momento non sembrano esserci 'sbocchi' lavorativi per il tecnico ravennate ed il suo staff (anche se oggi è stato dato in corsa per la panchina del BARI), difficilmente il mister accetterà la rescissione consensuale con buona uscita
  • 'Ionita e Gollini? Niente di concreto al momento ma il mercato vero non è ancora partito... Vedremo, di certo i due suscitano un certo interesse' Sul centrocampista che ha chiesto di essere ceduto la JUVENTUS sembra non mollare la presa (il che ne alzerebbe il prezzo) ma a ruota dei bianconeri vengono il BOLOGNA e forse ancora il NAPOLI mentre sul portiere, soprattutto dopo l'esordio da titolare nell'Under 21 azzurra, sembra alto l'interesse della FIORENTINA
  • 'Nicolas? Ha fatto molto bene al Trapani e potrebbe essere uno di quei giocatori su cui puntare in futuro'
  • 'Quando venni ingaggiato dal Bologna la situazione nella società felsinea non era affatto rosea, qui in via Belgio le cose vanno nettamente meglio in ogni caso si punterà su gente motivata, giovani di proprietà come Cappelluzzo, Fares, Zaccagni e lo stesso Checchin e qualche innesto di spessore...'
  • 'Mister Pecchia non è stato scelto dal sottoscritto ma venne vagliato già da Bigon, vero è che fra i 3/4 papabili per guidare il Verona quest'anno era quello del quale conoscevo meglio i metodi d'allenamento e le qualità umane'
  • 'Il mio staff verrà completato da Tony D'Amico che conosco dai tempi del Bologna e che si occuperà dell'area scouting mentre Antonio Porta studierà gli avversari... Emanuele Righi? Ha già collaborato col Verona come osservatore lo scorso anno e proseguirà in questo ruolo'


[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =
  • ...Che rabbia contro il BENEVENTO! Ad inizio Febbraio il VERONA è primo in Serie B e al Bentegodi contro i sanniti in forma smagliante soffre ed è sotto alla fine del primo tempo, a metà ripresa il direttore di gara fa il protagonista espellendo prima il l'ex Karamoko CISSÈ (dopo averlo ammonito) poi il tecnico dei campani BARONI e qualche minuto dopo, forse per ristabilire un'inferiorità numerica troppo affrettata dallo stesso signor Abisso, capitan PAZZINI che per una presunta carica sul portiere non meritava nemmeno il giallo! Alla fine l'HELLAS giungerà ad un buon pari ma la prossima squalifica dell'uomo-gol dell'HELLAS per motivi totalmente inventati, sommata ai soli cinque minuti di recupero concessi a fronte di almeno otto/nove persi nel secondo tempo (orologio alla mano), sommati all'episodio di Latina (primo vantaggio avversario a seguito di plateale fallo di mano in area), nonché quelli subiti anche nella pesante disfatta interna col NOVARA (due gol in fuorigioco netto) fanno infuriare il diesse e mister PECCHIA nelle interviste a fine partita 'Probabilmente vogliono rendere il campionato più avvincente ma la misura è colma!'
  • 'Caso BESEA' al termine del mercato... Nella conferenza stampa di fine mercato il diesse FUSCO ha voluto concludere con una piccola polemica sul giovane del MODENA prelazionato quest'estate tramite un gentlemen agreement in cui il VERONA aveva permesso agli emiliani l'iscrizione al campionato di Lega Pro (grazie ai soldi incamerati dalla cessione di LUPPI) ed i Canarini avevano assicurato di parlare con i dirigenti scaligeri, prima che con chiunque altro, a proposito del futuro del classe '97 centrocampista di origini ghanesi.
    In barba a questo accordo BESEA è stato invece ceduto al FROSINONE senza che il MODENA nemmeno avesse avvertito Via Belgio e questo ha deluso non poco sia il Direttore che il presidente SETTI.
    Diametralmente opposta è ovviamente la visione da parte della dirigenza modenese che accusa quella scaligera di non aver rispettato appieno le cifre concordate nell'operazione LUPPI e da li in poi i rapporti si sarebbero deteriorati.
  • Quel sobbalzo di troppo a Latina Dopo l'iniziale svantaggio viziato da netto fallo di mano nel primo tempo, il signor Abbattista della sezione AIA di Molfetta mette a dura prova i nervi di tifosi e panchina scaligera anche nel secondo quando, il diesse scatta in piedi all'improvviso (senza peraltro urlare in alcun modo) a seguito di un fallo non ravvisato su SOUPRAYEN. L'episodio non piace al direttore di gara che lo invita immediatamente ad allontanarsi dal terreno di gioco.
  • Le mosse al mercato di Gennaio nella conferenza stampa di inizio mercato il diesse fa il punto 'Serve un centrocampista di rottura ed un terzino magari giovane ed in grado di giocare su entrambe le fasce. Per la zona centrale della difesa attendiamo sviluppi sulla situazione di CHERUBIN che forse si dovrà operare ed in quel caso punteremo su ALBERTAZZI...'
  • Tonfo casalingo col NOVARA che arriva al Bentegodi a metà Novembre senza aver mai vinto in trasferta e trionfa al Bentegodi con un 4 a 0 che fa molto rumore! Solo il diesse parla a fine gara 'Solo un episodio' - rassicura tutti FUSCO - 'Ora arriva una gara stimolante contro un CITTADELLA che sta stupendo un po' tutti, giriamo subito pagina' ma anche su quel campo l'HELLAS viene asfaltato con un 5 a 1!
  • Il primo Settembre termina il mercato, ecco il bilancio di FUSCO 'I giocatori nazionali Helander e Wszolek sono andati in Serie A e in Championship. Viviani in maniera sincera ha detto fin dall'inizio di voler andare a giocare in Serie A e si è comportato sempre in maniera corretta in questi due mesi di lavoro. E' arrivata un'offerta ed è stata una scelta intelligente farlo andare in prestito con diritto di riscatto in un ambiente adeguato nel quale può essere protagonista, è stata una soluzione che assecondi le esigenze del calciatore e del Verona... Tutti quelli che sono arrivati - da Bessa a Caracciolo passando per Cherubin e Fossati - sono ragazzi che sono o saranno di proprietà del Verona con i quale si può continuare un percorso insieme, sperando che sia positivo per tutti. Se manca qualcosa in difesa? L'infortunio di Albertazzi ha un po' squilibrato i piani, ma l'acquisto di Boldor è stato fatto in quest'ottica, poi ci sono anche Fares e Romulo che possono essere impiegati in questo ruolo. Bianchetti? Vale lo stesso discorso di prima: chi vuole restare a Verona non può che farci contenti, il Verona non ha l’obbligo di vendere e Matteo può essere considerato alla stregua di un acquisto. Romulo? Ringrazio il ragazzo e il suo agente per la disponibilità dimostrata. La lista dei 18? Ci sono ancora alcuni mercati aperti – come Portogallo, Romania e Slovacchia - e stiamo valutando possibili soluzioni. La scelta è capire se ci possono essere delle possibilità per alcuni giocatori attualmente in lista. Uno di questi può essere Greco... Ionita? Era in scadenza di contratto, quindi andava ceduto. Gollini? Era desideroso di confrontarsi con nuove realtà ed è arrivata questa opportunità, per lui unica'