Header ADS

#GenoaVerona in anteprima: Dopo il disastro di Cagliari e lo scivolone interno col BOLOGNA il VERONA è chiamato a confermare la buona prova di Reggio Emilia e la tigna ammirata nel derby di Coppa Italia in uno dei prossimi scontri salvezza che vedrà la SPAL la prossima settimana e l'UDINESE tra due...


#VeronaGenoa +   -   =

...Dopo la disastrosa sconfitta di Cagliari (nell'atteggiamento in campo prima che nel risultato), la parziale ripresa col BOLOGNA al Bentegodi dove i ragazzi di PECCHIA sono andati in vantaggio per due volte ma anche a farsi superare alla fine senza riuscire a difendere il risultato, il buon successo a Reggio Emilia col SASSUOLO seguito dal superamento del turno in Coppa Italia col CHIEVO che ha fatto tanto morale, il VERONA è chiamato ancora una volta a confermarsi nella crescita contro un'altra delle pericolanti in fondo alla classifica, quel GENOA passato in gestione a mister BALLARDINI (dopo l'esonero di JURIC) che fin'ora ha vinto sul difficile campo di Crotone ed ha ottenuto un importante pareggio interno con la ROMA attualmente quarta nel torneo con una gara da recuperare.
A dividere le due compagini una sola lunghezza ma dei 10 punti conquistati dal Grifone l'80% sono stati ottenuti in trasferta: I gialloblù dovranno essere molto accorti...


Curiosità Opta
  • Il GENOA ha vinto a Verona il primo match tra le due compagini in Serie A nell'Aprile del '58 poi sono seguite 10 gare in cui il Grifone ha perso o pareggiato
  • Da Aprile 2015 il VERONA non vince due partite consecutive in Serie A e, prima della gara al Mapei Stadium, arrivava da 5 sconfitte di fila
  • Score negativo al Binti in questa stagione per l'HELLAS con 5 ko, 1 pari (a reti bianche con la SAMP) ed 1 vittoria (sudatissima di misura col BENEVENTO): Sarà perchè quella scaligera è la squadra che attualmente ha concesso più tiri in totale (249) e nello specchio (89)?. Il GENOA dal canto suo ha vinto 2 delle ultime 4 trasferte in A, (tante quante ne aveva vinte nelle precedenti 21 gare esterne)
  • GENOA pericoloso nel primo quarto d'ora con 5 gol segnati, dietro solo alla LAZIO con 6
  • I singoli: CERCI segno il fatale 2 a 1 in TORINO-GENOA del 13 Aprile 2014, RIGONI con 2 gol e 1 assist ha partecipato in maniera attiva a 3 dei 4 gol segnati dal GENOA in trasferta sin qui, Bruno ZUCULINI a quota 38 è primo in Serie A per contrasti vinti

Precedenti
Campo tradizionalmente molto difficile quello del Bentegodi: Tra Serie A e B i rossoblù di Genova hanno vinto soltanto 2 volte in 28 match disputati a Verona, la prima in cadetteria nel 1952-53 e la seconda nel 1957-58 all'esordio del match in massima Serie.
12 i successi scaligeri l'ultimo dei quali nella stagione 2013-14 col rotondo 3 a 0 aperto da DONADEL e chiuso dalla doppietta di TONI.
La sfida più recente datata 24 Gennaio 2016 è invece terminata in parità grazie ai gol di SUSO (rimbalzata sul palo e la schiena di COPPOLA) e di PAZZINI.
Pareggio anche nel 2014-15: Finì 2 a 2 con la doppietta di MATRI ribaltata dai gol di TACHTSIDIS e IONITA.

30 Marzo 2014: VERONA 3-0 GENOA, gli highlights & le immagini

QUI VERONA
Fuori per squalifica FARES e HEURTAUX mister PECCHIA deve reinventare la difesa col possibile scalo di RÔMULO a terzino destro o la soluzione BEARZOTTI.
CÁCERES in coppia con CARACCIOLO al centro mentre sulla fascia sinistra ritornerà SOUPRAYEN.
PAZZINI è ancora in dubbio ma potrebbero rientrare sia KEAN che FERRARI.

Convocati
CÁCERES recupera, PAZZINI no... Si rivedono KEAN e FERRARI.

1. Nicolas, 2. Romulo, 5. Zuculini B., 7. Verde, 8. Fossati, 9. Kean, 10. Cerci, 12. Caracciolo, 14. Zuculini F., 17. Silvestri, 21. Lee, 23. Calvano, 24. Bessa, 26. Caceres, 27. Valoti, 28. Ferrari, 29. Tupta, 37. Bearzotti, 40. Coppola, 69. Souprayen, 77. Buchel, 97. Felicioli

Probabile formazione
4-4-1-1 con Nicolas; Bearzotti-Caceres-Caracciolo-Souprayen; Romulo-Zuculini-Buchel-Verde; Bessa; Cerci


QUI GENOVA
Out GALABINOV e PELLEGRI e PALLADINO ha recuperato ma dal mercato svincolati arriva Pepito ROSSI che potrebbe anche esordire al Binti.
BALLARDINI non dovrebbe cambiare nulla rispetto all'11 che ha pareggiato contro la ROMA nel 3-5-2 che vedrà l'esperto SPOLLI al centro della difesa, ROSI esterno preferito a LAZOVIC mentre davanti sarà ballottagio fino all'ultimo tra PANDEV e LAPADULA.

Convocati
Pepito ROSSI rimane a Genova...

1 Perin, 2 Spolli, 3 Gentiletti, 4 Cofie, 5 Izzo, 8 Bertolacci, 9 Centurion, 10 Lapadula, 11 Taarabt, 13 Rossettini 14 Biraschi, 17 Palladino, 18 Migliore, 19 Pandev, 20 Rosi, 21 Brlek, 22 Lazovic, 23 Lamanna, 27 Ricci, 30 Rigoni, 38 Zima, 40 Omeonga, 44 Veloso, 87 Zukanovic, 93 Laxalt

Probabile formazione
Ballottaggio per una maglia in attacco al fianco di TAARABT con PANDEV favorito su LAPADULA...

3-5-2 con Perin; Izzo-Spolli-Zukanovic; Rosi-Bertolacci-Veloso-Rigoni-Laxalt; Taarabt, Pandev


[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

DICONO +   -   =

Mister PECCHIA «Genoa? Nella loro rosa ci sono giocatori che hanno poco a che vedere con la lotta per la salvezza, ma io devo pensare solo alla mia squadra, noi dobbiamo avere una forza d'animo superiore ai valori tecnici e di esperienza di qualunque avversario. Dovremo essere in grado di fare tutte le fasi, adeguandoci alle situazioni e agli avversari, abbiamo le qualità per palleggiare quando possibile, ma anche per saper attendere l'avversario e ripartire. Valuterò se far giocare Ferrari da subito o a gara in corso, l'abbiamo recuperato da poco così come Kean, hanno bisogno di mettere benzina nelle gambe. Pazzini? Sta svolgendo un lavoro differenziato, valutiamo giorno dopo giorno. Spero di averlo a disposizione» GenoaCFC.it

Mister BALLARDINI tecnico del GENOA ha preso il posto dell'esonerato JURIC «Andiamo ad affrontare una squadra in crescita, in salute e in fiducia come si è notato nell’ultimo periodo. Hanno una base solida, un’umiltà che li contraddistingue e una rosa di giocatori di spessore come Caceres, Romulo, Cerci, Pazzini. Il nostro processo di autostima? I giocatori sanno che è sufficiente un attimo per perdere il buono che è stato fatto e lasciare la strada intrapresa. Non possiamo permetterci di sbagliare nulla» GenoaCFC.it

Il doppio ex Sasa BJELANOVIC «Cosa ricordo dell’esperienza di Verona? È uno dei posti dove sono stato che ricordo più volentieri, certe emozioni non potrò mai dimenticarle. La città è splendida e ogni volta che torno in Italia cerco di passare, e anche la squadra e quei tifosi mi sono entrati nel cuore. Al Genoa invece fu un anno turbolento, la prima stagione con Preziosi, c’era stato il ripescaggio all’ultimo minuto in B e abbiamo fatto fatica, ma sono riuscito a segnare diversi gol. Sono entrambi ambienti caldi e dove si vive il calcio all’ennesima potenza, quello che piace a me. Tanta pressione all’Hellas? Abbastanza, e qualcuno magari la soffre. A me invece è sempre piaciuta, mi trovavo bene a vivere la settimana così intensamente. Se mi aspettavo un Verona così in difficoltà dopo la vittoria del torneo cadetto? Sinceramente per me era un punto interrogativo, ho seguito il mercato estivo e non mi aveva convinto del tutto, ho avuto l’impressione che mancasse qualcosa...» TuttoHellasVerona.it

Giorgio PERINETTI diesse del GENOA racconta a Radio Sportiva l'ingaggio di Giuseppe ROSSI «Abbiamo deciso di dare una possibilita' a questo ragazzo che e' un campione e che ha dovuto sempre combattere contro la sfortuna. Se riusciremo a concludere l'iter di visite non vedremo l'ora di scoprirlo sul campo. Credo che sia un recupero importante per il Genoa e anche per il calcio italiano: e' un bravo ragazzo e piace per la sua spontaneita'. Lunedi'abbiamo un appuntamento importante col Verona, che nel frattempo ha ritrovato punti e morale, per questo non dobbiamo assolutamente sottovalutarlo. Sara' difficile affrontare la squadra di Pecchia, come sara' difficile tirarsi fuori dalla zona retrocessione in cui purtroppo ci siamo impantanati. Ma piano piano ci riusciremo. Se passiamo questo ostacolo di Verona, acquisiamo ancora piu' fiducia nei nostri mezzi che sono importanti. Onestamente mi sento di dire che abbiamo valori piu' alti delle squadre che stanno in fondo alla classifica e quindi dobbiamo crearci immediatamente quella mentalita' che serve per uscire da questa situazione. Occorre essere responsabili e consapevoli» LaRepubblica.it

Lorenzo MINOTTI ex calciatore attuale opinionista Sky «Ho parlato con Pecchia dopo la vittoria con il Sassuolo perchè lo conosco bene, avendoci giocato insieme. Gli ho detto che nel suo Verona anche se veniva da 5 sconfitte consecutive, tutti coglievano degli aspetti positivi, allo stesso modo dopo quella vittoria gli ho detto di aver visto due segnali negativi: mi riferisco al comportamento di Pazzini e Cerci. Il Verona è allenato bene, giocata bene e sta crescendo, rispetto alle altre neo promesse ha mantenuto 6-7 calciatori dell’anno scorso aggiungendo dei giovani interessanti e calciatori di esperienza come Caceres, Heurtaux e Cerci. Questi calciatori hanno faticato alll’inizio per vari problemi, ma adesso stanno carburando e stanno facendo la differenza. Pecchia però è preso un po’ in mezzo a questi fuochi rappresentati dal malumore di Pazzini e Cerci che possono complicargli il lavoro» PianetaGenoa1893.net



ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

La Primavera scaligera impatta col NAPOLI, 0 a 0 il risultato finale davanti al diesse FUSCO...

Coppa Italia: Gli ottavi di finale tra MILAN e VERONA si giocheranno a San Siro Mercoledì 13 Dicembre alle 21.00



IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

VITA DA EX: TOTTI non ha dubbi Damiano TOMMASI? Lo vedrei a capo della FIGC oltre che dell'AIC. Copa Libertadores al GREMIO e FERNANDINHO segna il primo gol!



RASSEGNA STAMPA +   -   =


Posta un commento

0 Commenti