Header ADS

Le schede di B/=\S: Martín CÁCERES


Nato a/il:Montevideo (Uruguay)
il 07/04/1987
Nazionalità:Uruguayana
Contratto:Definitivo fino a Giugno 2018
Ruolo:Difensore
Altezza:180 Cm
Peso:78 Kg
Posizione:
CARRIERA DA GIOCATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Hellas Verona2017 - Gen. 2018A14 (+1CI)3 (+0) 
SothamptonFeb. 2017 - 2017PL10 
Juventus2015 - 2016A6 (+2CI)0 (+0) 
Juventus2014 - 2015A10 (+2CI +2CL)1 (+0 +0) 
Juventus2013 - 2014A17 (+1CI +3CL +8EL +1SI)0 (+1 +0 +0 +0) 
Juventus2012 - 2013A18 (+2CI +2CL)1 (+0 +0) 
JuventusGen. 2012 - 2012A11 (+3CI)1 (+2) 
Siviglia2011 - Gen. 2012PD14 (+4CR)1 (+0) 
Siviglia2010 - 2011PD25 (+5CR +7EL)1 (+0 +0) 
Juventus2009 - 2010A15 (+1CI +5CL)1 (+0 +0) 
Barcellona2008 - 2009PD14 (+7CR +3CL)0 (+0 +0) 
Recreativo Huelva2007 - 2008PD34 (+2CR)2 (+1) 
Defensor Sporting2006 - 2007PDU244 
Defensor Sporting2005 - 2006PDU20 
Giovanili Defensor SportingFino al 2005--- 
LEGENDA: PDU=Primera División Uruguaya (Serie A Uruguayana), PD=Primera División (Serie A Spagnola), CR=Copa del Rey (Coppa Nazionale Spagnola), CL=Champions League, CI=Coppa Italia, EL=Europa League, SI=Supercoppa Italiana, PL=Premier League

Barça's Martin CaceresGracias Martin - La Juventus saluta Martin Caceres

NEWS E CURIOSITÀ +   -   = 2 Settembre 2017
'Parcheggiato' quasi per caso dopo una chiacchiera tra LOTITO patròn della LAZIO e SETTI, l'ex JUVE è il colpo più importante di FUSCO nel reparto arretrato: Per l'uruguagio svincolatosi dal SOUTHAMPTON non c'era posto da extracomunitario in biancoceleste così si è scelta la temporanea soluzione scaligera con contratto annuale e zero spese per l'ingaggio.
In realtà l'affare prevedeva anche l'arrivo di KISHNA sulla corsia esterna d'attacco ma l'olandese ha rifiutato più o meno tutto fin'ora impuntadosi per rimanere a giocare nella capitale ma il vantaggio per il VERONA c'è stato comunque perchè PECCHIA s'è assicurato un ottimo incursore di fascia destra (se impiegato come terzino) ma al tempo stesso un baluardo difensivo centrale di tutto rispetto per la Serie A.
Peccato che la sua permanenza rischi di interrompersi anzitempo a Gennaio ma in fondo, come dice spesso un mio amico, Piuttosto di niente... È meglio piuttosto!

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, CÁCERES è ovviamente dotata della tipica garra charrúa ma, al contrario della rudezza che spesso contraddistingue i sudamericani, Martín possiede un ottimo piede ed un'eleganza tecnica che poche volte si vede nei difensori.
Può giocare da centrale sia in una difesa a 4 che a 3 ma è anche un temibile incursore sia da terzino destro che da esterno di centrocampo nel 3-5-2.
Per aumentare la concentrazione, prima delle gare si isola dai compagni per un'ora, un'ora e mezza pensando solo alla partita ma è dato come un ottimo elemento anche all'interno dello spogliatoio.
Peccato che qualche infortunio di troppo ne abbia limitato la carriera.


GIOVANILI URUGUAY POI LA SPAGNA E LA PRIMA ESPERIENZA ITALIANA
Cresciuto nelle giovanili del DEFENSOR SPORTING esordisce 18enne in prima squadra ed un anno dopo è già capitano dei Violeta.
A Febbraio 2007 il VILLAREAL si accaparra gratuitamente il difensore per la Liga e lo gira subito in prestito al RECREATIVO DE HUELVA sino al termine della stagione.
Per il 2008-09 CÁCERES viene inaggiato dal BARCELLONA per più di 16 milioni di Euro ma tra i blaugrana, pur partecipando al triplete Campionato, Coppa del Re e Coppa dei Campioni, non gioca molto così passa (in prestito con diritto di riscatto fissato a 12 milioni) alla JUVENTUS.

JUVENTUS-SIVIGLIA-JUVENTUS
Coi bianconeri va a segno all'esordio il 12 Settembre nel 2 a 0 alla LAZIO e piano piano sulla destra scalza la concorrenza di ZEBINA e GRYGERA prima che una pubalgia lo tenga fuori dal campo per qualche mese.
Al termine di una stagione in ogni caso positiva la JUVE non lo riscatta e Martín torna al BARÇA che lo gira in prestito al SIVIGLIA per la stagione 2010-11.

L'annata dei Rojiblancos non parte bene, la squadra viene eliminata dalla Champions League e l'allenatore viene esonerato ma alla fine CÁCERES ritrova continuità, trascina gli andalusi fino al quinto posto in Liga e viene riscattato definitivamente per una somma complessiva di circa 4,5 milioni.

A Gennaio 2012 la JUVENTUS lo ottiene ancora in prestito su espresso volere del giocatore e l'8 Febbraio la sua doppietta contro il MILAN, al nuovo debutto coi bianconeri, trascina i compagni in finale di Coppa Italia; dopo la conquista dello scudetto le Zebre esercitano l'obbligo di riscatto fissato col SIVIGLIA a 8 milioni e concedono un quadriennale al difensore.
Nell'estate del 2012 un altro problema fisico priva CONTE del giocatore sino a Ottobre e la cosa si ripete anche nella stagione successiva ed in quella dopo ancora sotto la guida di mister ALLEGRI.
A Gennaio 2015 CÁCERES rientra ma il suo apporto dura solo due mesi prima di dover rinunciare definitivamente al resto della stagione a causa dell'ennesimo grave infortunio.
Con lui in campo il 2015-16 dei bianconeri si apre con la conquista della Supercoppa Italia ma alcuni guai muscolari lo tengono ancora fuori per qualche settimana, ma al ritorno da una notte brava in discoteca nella notte fra il 28 e 29 settembre il difensore uruguagio ubriaco alla guida della sua Ferrari si schianta distruggendo la fuoriserie ma rimanendo fortunatamente incolume! La brutta avventura, oltre al biasimo della società torinese e all'esclusione dalla prima squadra, gli causa anche il ritiro della patente per 6 mesi oltre ad un migliaio di euro di multa.
Tra l'altro Martín non è nuovo a episodi del genere avendo già distrutto una Porsche nel suo primo anno a Torino in circostanze similari... Reintegrato in squadra a metà Ottobre 2015, a Febbraio 2016 la rottura del tendine d'Achille destro pone fine malamente e prima del tempo alla sua ultima stagione in bianconero.

APPARIZIONE AL SOUTHAMPTON, ORA VERONA
Poco più di un anno dopo (segnato anche dalla morte del fratello in patria) CÁCERES si accorda coi Saints ma riesce a vedere il campo in una sola occasione prima di rescindere con gli inglesi e accettare la corte della LAZIO che lo riporta in Italia ma, con la lista cortissima sugli extracomunitari, lo 'parcheggia' al VERONA assicurandogli lo stipendio almeno fino a Giugno 2018.

Qui trovate la pagina Instagram ufficiale del calciatore mentre questo è il suo profilo Twitter.

[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =


Martín Cáceres
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
José Martín Cáceres Silva (Montevideo, 7 aprile 1987) è un calciatore uruguaiano, difensore del Verona e della nazionale uruguaiana.

Nella sua carriera ha conseguito un treble con il Barcellona nella stagione 2008-2009, vincendo campionato spagnolo, Coppa del Re e UEFA Champions League, e conquistato 5 campionati italiani consecutivi (2012-2016), 2 Coppe Italia (2015 e 2016) e 3 Supercoppe di Lega (2012, 2013 e 2015) con la Juventus.

Con la nazionale ha vinto la Copa América di Argentina 2011, prendendo inoltre parte ai Mondiali di Sudafrica 2010 e Brasile 2014, e alla Confederations Cup di Brasile 2013. In ambito giovanile, con l'Uruguay Under-20 è stato terzo classificato al Sudamericano Sub-20 di Paraguay 2007, e ha preso parte al Mondiale Under-20 di Canada 2007.

Biografia
È soprannominato El Pelado, nomignolo derivante dal fatto che, da bambino, la madre gli rasò a zero i capelli. Ha due figli, nati rispettivamente nel 2007 e nel 2014.

Caratteristiche tecniche
È un difensore centrale, ma può rivestire ogni ruolo del reparto arretrato, sia nello schieramento a quattro che in quello a tre, ben comportandosi all'occasione anche come esterno in un centrocampo a cinque. Fa della grinta e della personalità i suoi punti forti.
Massimiliano Allegri, nel descrivere le sue caratteristiche, parlò di lui come un difensore che gode nel portare l'avversario al duello uno contro uno, oltre che essere dotato di un ottimo piede.
Calciatore affidabile, dotato di grande concentrazione che gli consente di sbagliare difficilmente l'approccio alle partite. È stato inoltre descritto dai suoi compagni della Juventus anche come un ottimo uomo spogliatoio.

Carriera
 - Club
Inizi e Barcellona
Inizia la sua carriera in patria con il Defensor Sporting, squadra della quale diventa capitano ad appena diciannove anni. In totale colleziona 26 presenze segnando 4 reti. Nel febbraio del 2007 firma per il Villarreal per cinque anni, con un trasferimento gratuito dal Defensor. Il Villarreal lo gira immediatamente al Recreativo de Huelva per la stagione 2007-2008. Il 9 gennaio 2008 segna una rete fondamentale contro lo stesso Villarreal, in una gara di Coppa del Re vinta dal Recreativo per 1-0. Nella stagione giocata a Huelva totalizza 34 presenze e due gol.

Il 4 giugno 2008 il Barcellona si assicura le sue prestazioni, pagando il cartellino 16,5 milioni di euro e inserendo una clausola rescissoria di 50 milioni di euro valida fino alla fine del 2012. Nella stagione 2008-2009 trova poco spazio in campo, concludendo la stagione in terra catalana con 14 presenze nella Liga, 7 in Coppa del Re e 3 in Champions League, vincendo tuttavia coi Blaugrana uno storico treble.

Juventus e Siviglia
Il 7 agosto 2009 viene ufficializzato il suo passaggio dal Barcellona alla Juventus, in prestito con diritto di riscatto fissato a 12 milioni. Il successivo 12 settembre, al suo esordio coi bianconeri segna il suo primo gol, sbloccando la partita poi vinta 2-0 contro la Lazio all'Olimpico. Col tempo riesce a ritagliarsi uno spazio da titolare sulla fascia destra, approfittando dei continui infortuni di Zebina e vincendo la concorrenza di Grygera; in seguito, una pubalgia lo costringe a stare a sua volta fuori dai campi per alcuni mesi. Al termine di una stagione comunque positiva sul piano personale, la Juventus decide tuttavia di non riscattarlo a causa dell'elevato prezzo, di conseguenza il giocatore torna nei ranghi della squadra catalana.

Il 30 agosto 2010 viene ceduto in prestito dal Barcellona al Siviglia. Martín riesce a giocare con continuità soprattutto nella seconda metà della stagione, dopo la cessione di Konko. La stagione per gli andalusi parte male, con l'eliminazione ai play-off di Champions League e con l'esonero già a settembre dell'allenatore. A fine stagione il Siviglia raggiunge il quinto posto e la qualificazione all'Europa League. Il 31 maggio 2011, il Siviglia ne riscatta il cartellino per 3 milioni di euro, più altri 1,5 milioni in base alle prestazioni della squadra nelle stagioni future. Nella sessione di mercato di gennaio 2012, torna alla Juventus con la formula del prestito.

Ritorno alla Juventus
Il 27 gennaio 2012, su spinta dello stesso giocatore, ritorna nuovamente alla Juventus con un prestito oneroso a 1,5 milioni di euro, con obbligo di riscatto fissato a 8 milioni nel caso il club si qualifichi nelle prime sei posizioni del campionato. Fa il suo secondo esordio coi colori juventini l'8 febbraio, nella semifinale d'andata di Coppa Italia in casa del Milan, e anche stavolta trova subito il gol siglando una doppietta decisiva nel 2-1 finale per i bianconeri. Il 25 marzo segna il suo secondo gol in Serie A, il primo nella sua seconda parentesi piemontese, siglando il vantaggio nella sfida poi vinta 2-0 contro l'Inter. Il 6 maggio seguente vince il suo primo trofeo con la maglia della Juventus aggiudicandosi lo scudetto, che arriva sul campo neutro di Trieste, a una giornata dal termine, grazie al 2-0 sul Cagliari e alla contemporanea sconfitta del Milan nel derby. Il 25 maggio 2012 la società torinese esercita quindi in proprio favore il diritto di riscatto su Cáceres.

Un infortunio rimediato nell'estate del 2012, durante il Trofeo TIM, costringe l'uruguaiano a saltare la vittoriosa trasferta cinese della Supercoppa italiana. Il 20 ottobre successivo realizza di testa la sua prima rete stagionale, nella vittoria casalinga in campionato per 2-0 contro il Napoli. Il 5 maggio 2013, grazie al successo interno della Juventus sul Palermo per 1-0, conquista con tre giornate d'anticipo il secondo scudetto consecutivo.

Il 2013-2014 non inizia nel migliore dei modi per Cáceres, che a causa di un infortunio è costretto a saltare la prima parte dell'annata, rientrando nei ranghi a fine ottobre in occasione della sfida di Champions League in casa del Real Madrid. Nel corso della stagione incrementa il suo minutaggio soprattutto nelle competizioni europee, trovando l'unica rete stagionale il 18 dicembre 2013, in Coppa Italia contro i cadetti dell'Avellino. Il 4 maggio 2014, dopo la vittoria del Catania sulla rivale Roma, con tre turni d'anticipo l'uruguaiano inanella il terzo scudetto di fila alla Juventus.

Come la precedente, anche la prima parte dell'annata 2014-2015 vede l'uruguaiano vittima di un infortunio, rimediato nel 3-2 interno alla Roma dei primi d'ottobre, che lo tiene fermo per tre mesi. L'11 gennaio 2015, al ritorno in campo, segna la seconda rete bianconera nel successo 3-1 in casa del Napoli; un paio di mesi dopo, tuttavia, incappa in un nuovo infortunio che pone fine anticipatamente alla sua stagione.

Il 2015-2016 lo vede giocare da titolare la sfida di apertura dell'annata, la Supercoppa italiana vinta 2-0 a Shanghai contro la Lazio. Tuttavia, ulteriori guai muscolari lo tengono lontano dai campi nelle successive settimane. Nella notte fra il 28 e 29 settembre 2015 il giocatore è inoltre protagonista di un incidente automobilistico a Torino, da cui esce incolume; ciò nonostante, il riscontro di un tasso alcolemico superiore ai limiti di legge porta la Juventus a escluderlo temporaneamente dalla prima squadra. Successivamente reintegrato in rosa, il 3 febbraio 2016 incappa in un ennesimo infortunio nella sfida casalinga di campionato contro il Genoa, rimediando una lesione del tendine d'achille destro che lo costringe a un intervento chirurgico e a chiudere anzitempo la sua ultima stagione a Torino; il successivo 30 giugno, dopo sei anni totali in maglia juventina, decide infatti di andare in scadenza di contratto svincolandosi così dal club piemontese.

Southampton e Verona
Dopo vari mesi d'inattività il 16 febbraio 2017 si accorda con gli inglesi del Southampton, con cui nello scorcio finale della stagione 2016-2017 scende tuttavia in campo in una sola occasione, debuttando in Premier League nella vittoria esterna del 13 maggio 2017 contro il Middlesbrough (2-1). Non essendo riuscito a convincere l'ambiente, il 25 dello stesso mese risolve il suo contratto con i Saints.

Il successivo 4 agosto torna quindi in Serie A, accordandosi col neopromosso Verona. Fa il suo esordio con la maglia dei veneti in Coppa Italia, nella vittoria del 13 agosto contro l'Avellino (3-1), quindi in campionato sei giorni dopo contro il Napoli. Segna il suo primo gol con gli scaligeri il 20 novembre, nella sconfitta interna contro il Bologna (2-3), tornando nell'occasione in rete nella massima serie italiana dall'11 gennaio 2015. Il giocatore rimane a Verona per un semestre, nel corso del quale ritrova continuità di rendimento e buone prestazioni.

L'8 gennaio 2018 viene acquistato dalla Lazio.

 - Nazionale
Cáceres ha giocato nell'Under-20 dell'Uruguay al Campionato mondiale Under-20, tenutosi in Canada. Con lui la squadra arrivò tra l'altro terza nel Campionato sudamericano Under-20 2007.

Dal 2008 è entrato nella nazionale maggiore del suo paese. Il 14 ottobre 2009 viene espulso durante la partita decisiva con l'Argentina per le Qualificazioni ai Mondiali in Sudafrica del 2010: la sua espulsione porta la sua squadra in 10 uomini e alla sua sconfitta (0-1). Alla competizione Mondiale dell'estate 2010 raggiunge con la nazionale un risultato storico, arrivando a giocare la semifinale contro i Paesi Bassi di Sneijder e Robben. Verranno poi eliminati perdendo quest'ultimo incontro per 3-2.

Il 17 luglio 2011, nei quarti di finale della Coppa America, calcia il rigore decisivo nella sfida contro l'Argentina determinando il passaggio alle semifinali per l'Uruguay che, alla fine, vincerà la competizione.

Dopo due anni di mancate convocazioni, ritorna a indossare la casacca della selezione nazionale nel 2017, in occasione delle due amichevoli europee contro Irlanda e Italia.

Palmarès
 - Club
Competizioni nazionali
Campionato spagnolo: 1 Barcellona: 2008-2009
Coppa di Spagna: 1 Barcellona: 2008-2009
Campionato italiano: 5 Juventus: 2011-2012, 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016
Supercoppa italiana: 3 Juventus: 2012, 2013, 2015
Coppa Italia: 2 Juventus: 2014-2015, 2015-2016

Competizioni internazionali
UEFA Champions League: 1 Barcellona: 2008-2009

 - Nazionale
Coppa America: 1 Argentina 2011


Martín Cáceres
From Wikipedia, the free encyclopedia

This name uses Spanish naming customs: the first or paternal family name is Cáceres and the second or maternal family name is Silva.

José Martín Cáceres Silva (Spanish pronunciation: [marˈtiŋ ˈkaseɾes]; born 7 April 1987) is a Uruguayan professional footballer who plays for Italian club Hellas Verona FC. Mainly a central defender, he can also play on either flank, mostly as a right-back.
After starting out at Defensor, he was bought by Spanish club Villarreal in 2007. In the following years he competed in Spain and Italy, notably winning five Serie A titles with Juventus and the 2009 Champions League with Barcelona; despite his ability, his career was limited by several injuries.
An Uruguayan international since the age of 20, Cáceres represented the country in two World Cups, the 2013 Confederations Cup and the 2011 Copa América, winning the latter tournament.

Club career
Early years
Born in Montevideo, Cáceres started his career with hometown's Defensor Sporting, becoming a first-team regular at a young age and competing in one full Primera División season with the team. In early February 2007 he had already signed for Spanish club Villarreal CF, with the deal being made effective in July.
Upon arriving at Villarreal, Cáceres was immediately sent on loan to fellow La Liga side Recreativo de Huelva, being one of the most used players during the season and often partnering Beto in central defence as the Andalusians managed to retain their division status, finishing in 16th position; on 9 January 2008 he scored against the club that owned his rights in the Copa del Rey (1–0 home win, but 1–2 loss on aggregate), and never appeared officially for the former.

Barcelona
Cáceres joined FC Barcelona on 4 June 2008, with a reported transfer fee of €16.5 million being paid to Villarreal. A buyout clause of €50 million was included in the deal, which ran until June 2012. During his only season at the Camp Nou he featured sparsely, due to both injury and technical decisions.
Even after his recovery, Cáceres only managed to be fourth-choice stopper behind Rafael Márquez, Gerard Piqué and Carles Puyol. He appeared in three games in the campaign's UEFA Champions League – two starts, 217 minutes – being an unused substitute in the final against Manchester United which completed the treble for the Catalans.

Loan to Juventus
On 6 August 2009, Barcelona loaned Cáceres to Juventus F.C. in Serie A, with the Turin team having an option to make his stay permanent at the end of the season for €11 million, plus €1 million in variables. He made his debut in a pre-season friendly against former team Villarreal the following day, replacing Jonathan Zebina at right-back at half-time.
The league season began well for Cáceres as he made a goal-scoring debut, netting the opener in a 2–0 away win against S.S. Lazio. He began as a regular under Ciro Ferrara, but his campaign would be ultimately disrupted by a number of injuries, including one in January 2010 that put him out of action for several months.

Sevilla
On 30 August 2010, Cáceres returned to Spain and joined Sevilla FC on a season-long loan, with an option to purchase. He featured regularly for the Gregorio Manzano-led team, especially at right back following the return of Abdoulay Konko to Genoa C.F.C. in January 2011.
On 1 May 2011, Cáceres was severely injured by Michael Jakobsen in a match against UD Almería, suffering a lacerated kidney following a dangerous challenge. The Dane was given a straight red card, and the South American was initially ruled out for the rest of the campaign, but unexpectedly recovered for the final two games, with Sevilla finishing fifth and qualifying to the UEFA Europa League.
On 31 May 2011, Sevilla agreed a €3 million deal plus €1.5 million in variables with Barcelona for the permanent move of Cáceres to the Ramón Sánchez Pizjuán Stadium. In late January 2012, however, he returned to Juventus, on loan.

Juventus return
At Juventus, Cáceres chose to wear the number 4 shirt, which had previously belonged to compatriot Paolo Montero. He made his debut for Juve in his second spell on 8 February 2012, playing the full 90 minutes in a 2–1 away win against A.C. Milan in the semi-finals of the Coppa Italia and scoring both of his team's goals. On 25 March he netted his first league goal, heading home an Andrea Pirlo corner kick in the 57th minute of a 2–0 home success over Inter Milan.
On 25 May 2012, Cáceres joined Juventus on a permanent basis, signing a four-year contract. He missed most of the first half of the 2014–15 campaign, after picking up an injury in a 3–2 home win over A.S. Roma in October 2014 which sidelined him for three months. He returned to the starting line-up on 11 January 2015, scoring in a 3–1 defeat of S.S.C. Napoli at the Stadio San Paolo. On 8 March, however, he fractured his ankle during a training session, requiring surgery; as a result, he was ruled out indefinitely.
Cáceres returned to the starting line-up on 8 August 2015, in Juventus's 2–0 victory over Lazio in the Supercoppa Italiana. In late September, however, he had his driving license revoked for six months and was suspended by the club after crashing his Ferrari into a bus stop in Turin following a wrong turn. He is alleged to have been over the legal alcohol limit for driving.
Cáceres returned to action on 6 January 2016, starting and playing 84 minutes in a 3–0 home triumph over Hellas Verona FC. On 4 February, it was confirmed that he would be sidelined for the rest of the season due to the rupture of his right Achilles tendon during the match the day before against Genoa. In May, Juventus' director of football Giuseppe Marotta announced that the player's contract would not be renewed, and that he would be leaving the club on 30 June.

Southampton
On 16 February 2017, Cáceres joined Premier League club Southampton as a free agent, signing an initial contract lasting until the end of the season. Ten days later he was included in a matchday squad for the first time, remaining an unused substitute in the final of the EFL Cup, a 2–3 loss to Manchester United.
After three months at St Mary's Stadium, Cáceres appeared in his first and only game for Southampton, starting in a 2–1 away win over Middlesbrough on 13 May. He was released on 25 May.

Verona
In early August 2017, Cáceres returned to Italy, signing for Hellas Verona on a deal running until 30 June 2018. However, it was reported that Lazio had already expressed an interest in acquiring his services, but were ultimately unable to as their quota of two non-EU signings from abroad had already been filled. He joined Verona instead as a result, although rumours circulated in the media linking him with a possible move to Lazio in January as there were no restrictions impeding the transfer of non-EU players between Italian clubs.

Lazio
On 8 January 2018, Cáceres joined Lazio on a one-year contract with the option for a renewal.

International career
Cáceres played with the Uruguayan under-20 team at the 2007 FIFA World Cup held in Canada, appearing in all the games in an eventual round-of-16 exit. Previously, he was named the Best Defender at the 2007 South American Youth Championship, helping his team to the third place.

Cáceres made his debut for the full side on 12 September of that year, in Johannesburg against South Africa. In 2010, he was selected by manager Óscar Tabárez for his list of 23 players for that year's FIFA World Cup, backing up FC Porto's Jorge Fucile at right-back and appearing in the semifinals against the Netherlands and the third-place match against Germany (both 2–3 losses).

With Fucile not being selected to the 2011 Copa América in Argentina, Cáceres appeared in five out of six games during the tournament – as right and left back – with the Charrúas winning their 15th continental tournament. He notably scored the decisive penalty in a penalty shootout victory over the hosts, in the quarter-finals.

Cáceres made four appearances for Uruguay in the 2013 FIFA Confederations Cup: in the third-place match against Italy, his penalty was saved by Juventus team-mate Gianluigi Buffon, as the opposition won the shootout by 3–2 after a 2–2 deadlock following extra time. He played four games in the 2014 World Cup, helping the nation reach the last-16 phase.

Due to an ankle injury suffered in March 2015, Cáceres was excluded from Uruguay's 2015 Copa América squad. A serious Achilles tendon ailment in February 2016 also prevented his participation in the Copa América Centenario the following summer.

Style of play
Cáceres's primary position is that of a central defender, but he can also operate as a left or right back, being noted for his pace, strength, tackling and aerial ability. During his time with Juventus, his tenacious approach drew comparisons to countryman Montero, who also played there.

Honours
 - Club
Barcelona
  • La Liga: 2008–09
  • Copa del Rey: 2008–09
  • UEFA Champions League: 2008–09

Juventus
  • Serie A: 2011–12, 2012–13, 2013–14, 2014–15, 2015–16
  • Coppa Italia: 2014–15, 2015–16; runners-up 2011–12
  • Supercoppa Italiana: 2012, 2013, 2015; runners-up 2014
  • UEFA Champions League: runners-up 2014–15

Southampton
  • EFL Cup: runners-up 2016–17

 - International
Uruguay
  • Copa América: 2011

FONTE: Wikipedia.org