Subscribe Us

VERONA 2-2 GENOA: Gara sempre in bilico tra due squadre che hanno cercato di superarsi fin da subito! Ne ha guadagnato lo spettacolo in campo con continui ribaltamenti di fronte e quando sullo 0 a 2 cominci a prepararti al peggio ecco che salta fuori il carattere d'acciaio di questo HELLAS che non si arrende mai...


VERONA 2-2 GENOA +   -   =

HELLAS rivoluzionato un po' a sorpresa da mister MANDORLINI a partire dal modulo 5-3-2 e poi negli uomini a partire dalla porta dove non l'atteso BENUSSI giocherà ma bensì il promettente GOLLINI al posto dell'infortunato RAFAEL; difesa a 3 con MARQUES ad aiutare MORAS e MÁRQUEZ al centro della difesa ed i rientranti MARTIĆ e AGOSTINI a spingere sulle rispettive fasce.
In mediana, vicino al pilastro TACHTSIDIS, esordio dal primo minuto per CAMPANHARO e IONITA, attacco con l'oggetto del desiderio SAVIOLA a far coppia con TONI!
Novità anche per il 4-3-3 di GASPERINI che ritrova RONCAGLIA in difesa dopo la squalifica e tiene in ghiaccio bomber PINILLA forse pensando al derby di Domenica prossima con la SAMP e conferma MATRI al centro dell'attacco...

Gialloblù con il lutto al braccio per solidarietà ad HALLFREDSSON che negli ultimi giorni ha perso il padre.

LA GARA
Partita subito interessante tra due squadre che evidentemente vogliono superarsi, al 3° è il GENOA a dare inizio alle numerose occasioni da gol con BERTOLACCI che libera MATRI a centroarea ma il centravanti, forse pensando di essere in off-side, colpisce debolmente favorendo il recupero palla di GOLLINI.
Passno 3 minuti appena e risponde il VERONA con MARTIĆ che, sugli sviluppi di un corner, dal limite dell'area schiaccia una palla a terra: La sefra rimbalza con violenza a terra poi si alza sopra la traversa della porta genoana...
Dopo più di un quarto d'ora confuso con molti errori di impostazione da una parte e dall'altra la gara si riaccende: Al 23° LESTIENNE entra in area sul corridoio di sinistra e spara una bordata micidiale che GOLLINI repinge bravamente in corner, due minuti dopo è TONI che riceve un traversone spizza per SAVIOLA, 'El Conejo' si fa trovare pronto e prova il gol di rapina ma è bravissimo PERIN a sigillare la sua porta!
Al 26° è MATRI a provarci dai 16 metri con con GOLLINI che si distende e respinge in tuffo ripetendosi poco dopo sul tentativo di RONCAGLIA da destra!
Al 32° TONI vede IONITA e lo invita al tiro da posizione favorevolissima ma il moldavo trova ancora la respinta di un PERIN in forma strepitosa e due minuti più tardi il GENOA rompe l'equilibrio: BERTOLACCI traversa in area dalla fascia sinistra, MATRI salta fra due difensori gialloblù anticipandoli ed incorna con un colpo di testa perfetto facendo sbattere la palla prima sul palo interno alla destra di GOLLINI per poi carambolare in porta: Traiettoria imprendibile per l'esordiente ex MANCHESTER UNITED...
Gli scaligeri reagisono immediatamente col doppio tentativo di SAVIOLA prima e IONITA sulla ribattuta poi dove PERIN si esalta ancora una volta...
Palla profonda sulla quale il giovane spagnolo FALQUE sfugge a MORAS e scarica in porta ma GOLLINI fa buona guardia.
Sul finire del primo tempo scontro fortuito tra MARTIĆ ed un difensore genoano che saltando verso una palla gli rifila una testata in pieno viso: Lo svizzero esce in barella col viso sanguinante.
La gara si chiude al 49° col colpo di testa di TONI facilmente raccolto da PERIN...

MARTIĆ non ce la fa e rimane negli spogliatoi sostituito da GOMEZ, MORAS farà il terzino destro e il VERONA tornerà al consueto 4-3-3.
Squadre che tornano in campo decise a darsi battaglia e al 1° minuto è LESTIENNE dal vertice sinistro dell'area a chiamare in causa GOLLINI, sul ribaltamento di fronte rapido uno-due tra Juanito e SAVIOLA con PERIN che para facile...
Al 2° minuto MÁRQUEZ si concede un dribbling di troppo su MATRI in pressing, perde palla, e non riesce più a prendere l'attaccante avversario che s'invola verso il portiere scaligero bruciandolo sul primo palo: Un gioco da ragazzi il raddoppio rossoblù!
L'HELLAS reagisce al 7° con l'indemoniato IONITA che ruba palla di prepotenza in attacco e dopo due passi verso l'area genoana vede l'accorrente TACHTSIDIS, palla al greco che scatica una rasoiata dai 20 metri: PERIN coperto è sorpreso e non riesce a raggiungere la sfera che gonfia la rete e dimezza lo svantaggio scaligero!
GASPERINI chiama FALQUE in panca inserendo il più arcigno RINCON ma il VERONA carica a testa bassa: Al 13° GOMEZ a tutta velocità da destra mette al centro dove TONI è anticipato a mezzo metro dalla porta!
Il tecnico del Grifone si spaventa e si copre con KUCKA al posto di LESTIENNE ma il VERONA è scatenato e al 19° ecco il meritato pari con IONITA bomber al secondo gol consecutivo: TONI difende palla in area, vede il moldavo e lo serve con una palla alta, Artur salta più alto di tutti colpendo di testa e infilando la palla la sotto vicino al palo dove anche super-PERIN non può arrivare...
MANDORLINI vuole vincerla: Dentro CHRISTODOULOPOULOS per SAVIOLA e OBBADI per CAMPANHARO ma GASPERINI non si fa impressionare, toglie rosa e inserisce PINILLA di fianco a MATRI!
Al 30° STURARO spunta alle spalle della difesa gialloblù che applica male il fuorigioco, il genoano fa sedere GOLLINI ma poi fortunatamente non trova la porta...
Risponde subito l'HELLAS con OBBADI che tira dalla distanza trovando la deviazione di GOMEZ che per poco non inganna PERIN!
Al 38° è MORAS nell'inedita posizione da terzino destro che prova a tirare dal corridoio destro dell'area ma i piedi del colosoo greco sono quelli che sono...
Quattro minuti dopo ripartenza del GENOA con KUCKA che tira cercando il palo lontano ma la palla esce ampiamente a sinistra di GOLLINI.
Al 43° CHRISTODOULOPOULOS libera male con BERTOLACCI che ci prova con un tiro a lunga gittata: La palla non va fuori di molto...
Partita che si chiude al 44° con MATRI che si libera di tutti in area ma all'ultimo spreca la palla della tripletta, dopo 5 minuti di recupero il signor Tommasi cala il sipario su questa bellissima partita.

VERONA 2-2 GENOA, gli highlights...

LE IMPRESSIONI
Partita spettacolare e avvincente fino all'ultimo con un GENOA brillante ed un VERONA spesso distratto nei momenti topici che però ha un carattere di ferro e anche stavolta riesce a raddrizzare una situazione semidisperata dopo il doppio svantaggio.
L'HELLAS poteva vincere ma poteva anche perdere e alla fine ha ottenuto un punto tutto sommato d'oro per come s'era messa: Fortunatamente dall'altra parte non ci sarà più PERIN per le prossime 33 partite, particolare da non sottovalutare dati i miracoli su almeno 5 palle gol!
Interessante il 5-3-2 a sorpresa di MANDORLINI, esperimento coraggioso che probabilmente sarà riproposto a seconda di calendario e avversario, del resto il mister non vede SAVIOLA come esterno d'attacco (e di sacrificio) ma più come una seconda punta che giri attorno a TONI e s'infili negli spazi aperti dal Campione del Mondo; situazione che s'è venuta creare in almeno un paio di occasioni stasera e che senza la suprema vena del guardiapali avversario avrebbe potuto essere molto più felice per i colori scaligeri...

VERONA 2-2 GENOA: Le immagini...

I VOTI
GOLLINI: Esordio in Serie A abbastanza incoraggiante per il portiere estense in attesa che torni RAFAEL ma bene ha fatto il mister a dare la possibilità di mettersi in mostra al giovane talento ex FIORENTINA e MANCHESTER davanti agli occhi del cittì azzurro, voto 6
MARTIĆ: Corsa, cross, qualità e quantità a destra! Una bellissima scoperta questo terzino che cresce di partita in partita... Peccato per quella testata che lo mette ko al termine del primo tempo ma il campo lo regge molto bene! Voto 6,5 (nel secondo tempo gli da il cambio GOMEZ TALEB che si batte come un leone, va in velocità su tutti i palloni e crea pericoli in continuazione: Questo è il 'Juani' che il pubblico scaligero apprezza... Avanti così e diventerà insostituibile nello scacchiere mandorliniano! Voto 7)
MORAS: Un paio di distrazioni in una gara tutto sommato buona del difensore greco che nel secondo tempo si deve inventare terzino destro facendo il suo... Voto 6
MÁRQUEZ: Un monumento al calcio mondiale che viene da un rigore provocato nell'ultima gara ed una rete regalata in questa... Non è un bel momento per Rafa che per il resto non commette errori ma becca pure il secondo giallo in quattro partite: Speriamo che impari in fretta da queste 'magre', nel frattempo non può che beccare un 4!
MARQUES: Tanto lavoro oscuro la dietro... Il classico giocatore che si vede poco ma è efficace, voto 6
AGOSTINI: La solita spinta sulla mancina e la solita affidabilità in fase difensiva ma il fiato cala presto e Alessandro termina col fiatone... Voto 6
CAMPANHARO: Fa il compitino cercando di sbagliare il meno possibile ma con il freno a mano tirato è un giocatore normale... Deve avere il coraggio di mettersi totalmente in gioco e a quel punto, ne sono convinto, potrà trovare un posto fisso in mediana, voto 6 (al 70° gli subentra OBBADI che fa in tempo a fare un paio di affondo, sbagliare una palla e subire un paio di falli: Ingiudicabile)
TACHTSIDIS: Tocca 100 palloni e ne sbaglia 99 a volte per passaggi difficili dai compagni altre e più numerose volte perchè non controlla a dovere... Segna il gol che da inizio alla carica scaligera e che gli vale la sufficienza ma rispetto alla gara contro il TORINO fa un paio di passi indietro, voto 6
IONITA: Secondo me il migliore in campo insieme a Juani! Il moldavo è ammirabile per impegno e tenacia... Nel primo tempo solo un miracoloso PERIN gli nega la gioia del gol in due occasioni poi nella ripresa serve a Taxi l'assist del primo gol gialloblù marcando poco dopo il pareggio (ed il secondo gol consecutivo), voto 7
TONI: Combatte e fa a sportellate come al solito, in ritardo su un paio di palloni molto invitanti ma mette sulla testa di IONITA l'assist del pareggio, voto 6,5
SAVIOLA: Buon esordio del 'Conejo' con la maglia scaligera, si avvicina al gol ma sbaglia un paio di stop che forse nei tempi migliori avrebbe controllato meglio... Rivedremo Javier in altre occasioni e magari farà pure meglio, voto 5,5 (gli subentra CHRISTODOULOPOULOS al 68° ma si distingue solo per un paio di appoggi sbagliati e un passaggio-tiro ignobile che spreca una buona occasione... Si può dare di più! Voto 5

MANDORLINI: Una bella pernacchia a chi (come chi scrive) pensa al mister come ad un talebano del 4-3-3! Il 5-3-2 che spiazza un po' tutti dimostra che il tecnico ravennate valuta tutte le soluzioni senza paura e con un MÁRQUEZ ed un SAVIOLA in più si può pure rischiare... Bella anche la scelta di dare fiducia a GOLLINI e di provare a vincere con gli inserimenti a gara in corso, voto 7

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]



DICONO +   -   =

Alessandro MATRI autore di una doppietta stasera «Ero alla ricerca di risposte, questa doppietta è molto importante. Peccato non aver vinto, meritavamo qualcosa di più» TuttoMercatoWeb.com

Mister MANDORLINI «Abbiamo avuto due occasioni importanti, decisive, e dopo quel momento il Genoa ha trovato il gol del vantaggio con Matri. E' stata una botta, la squadra non ha mai mollato, abbiamo fatto un errore sul 2-0 ma ci abbiamo sempre creduto. Devo ringraziare anche la spinta del pubblico, che ci ha aiutato a ribaltare una partita difficile. Poi volevamo vincerla, anche oltre ogni cosa, perché ho visto il gruppo crederci con Moras in attacco a cercare di colpire di testa ogni palla, in 10 minuti abbiamo creato situazioni importanti. Avremmo meritato i tre punti, ma abbiamo rischiato anche di perderla. C'è ancora poco equlibrio, il Genoa ha sfruttato dei contropiedi pericolosi, ma il Verona ha grande cuore e grande spinta, quindi sono contento. L'errore di Marquez? Nel calcio ci sta, ma i ragazzi non hanno mai mollato. Siamo andati sotto con un grandissimo gol di Matri, la classifica è comunque buona e va bene così» HellasVerona.it

MARQUES la roccia «Sicuramente i due gol si potevano evitare, ma non è stata colpa né mia né di Rafa Maequez. E' un concetto più generale, anche se Matri è stato molto bravo perché ci ha anticipati. La difesa a tre? Non è stato facile, abbiamo avuto qualche difficoltà. Non abbiamo avuto molto tempo per assimilare il concetto, pochi giorni per lavorarci su. Perché con tutte queste partite ravvicinate è sempre difficile. A mio avviso la squadra ha disputato una buona partita, dopo i loro gol abbiamo reagito e trovato il pareggio. C'è stata una grande pressione collettiva. Quando giochi in casa è giusto esporsi un po' di più, ma noi grazie al carattere siamo riusciti a pareggiare. Volevamo vincerla e capovolgere la situazione. Desideravamo farlo anche per Emil. Ma il Genoa ha giocato davvero bene» HellasVerona.it

Gustavo CampanharoAndrea MandorliniMarques

CAMPANHARO all'esordio in Serie A dal primo minuto «E' stata una partita molto difficile, ricca di occasioni da gol. Ne abbiamo subiti due in avvio, però la squadra è rimasta tranquilla. Proprio come ci dice sempre l'allenatore. Un aiuto in più per trovare la via del pareggio. E' stata una partita complicata, entrambe le squadre volevano vincere. Il Genoa manteneva spesso il possesso del pallone, e l'allenatore inizialmente ci ha chiesto di restare bassi. Siamo consapevoli della nostra forza, ma quando andiamo in svantaggio dobbiamo sempre mantenere la calma e continuare a fare il nostro lavoro. Contro il Genoa siamo stati bravi, ci siamo aiutati a vicenda e conquistato il pareggio. La mia prestazione? Sono soddisfatto, era la mia prima da titolare in Serie A. Ma posso crescere, anche grazie alla fiducia della squadra e dell'allenatore. Sono giovane. Oggi un pareggio positivo, dobbiamo continuare su questa strada. L'arbitro ha rallentato un po' il gioco. Ho sentito subito la fiducia di Mandorlini, sin dal primo giorno in cui sono arrivato qui. Posso e voglio aiutare la squadra, piano piano posso dimostrare tutto il mio valore. Ruolo? Contro il Genoa mi sono trovato molto bene, mi è piaciuto. Sul centro-destra, ma con vocazione offensiva. Nella mia carriera ho giocato anche davanti alla difesa, posso farlo. Dovunque mi metta l'allenatore io cercherò di dare il massimo per aiutare la squadra. Piano piano posso dimostrare le mie qualità. Se mi manca il gol? Avvicinandomi di più all'area, posso essere pericoloso anche in zona gol. Lavoro per questo, per migliorarmi» HellasVerona.it

Mister GASPERINI «E' stata una partita molto bella, soprattutto nel secondo tempo. Il gol del 2-1 aveva dato lo slancio al Verona, poi siamo stati bravi e siamo riusciti a pareggiare. Adesso possiamo pensare al derby» TuttoMercatoWeb.com

IONITA 'Gol dedicato a Hallfredsson' «Sono felice per questo gol, ma sarebbe stato più importante vincere e fare i tre punti. Anche il pareggio va bene, ora prepariamo la partita di sabato. Noi comunque non molliamo mai, nel secondo tempo siamo stati una grande squadra davvero perché non era facile recuperare i due gol. Possiamo fare bene. Il gol? Non c'è lingua nel gol, l'importante è avere sempre la voglia di fare bene. Abbiamo giocato anche per Hallfredsson, il gol è per lui» TuttoMercatoWeb.com

ROSI attaccante del GENOA «Stiamo crescendo. Abbiamo fatto una bella partita contro il Napoli, poi c'è stata la beffa all'ultimo. Finora le gare sono state sofferte ma abbiamo dimostrato di poter far bene. Oggi è una partita importantissima, cerchiamo di fare risultato qui e poi penseremo al derby» TuttoMercatoWeb.com


Radiografia del Gol gialloblù 2014/2015
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
IONITA022
TONI112
TACHTSIDIS011
MORAS101
CHRISTODOULOPOULOS101

LE ALTRE DI A +   -   =

Nell'anticipo di ieri il MILAN ha salvato la pelle ad Empoli: Finisce 2 a 2 con un'altra espulsione per SARRI...
TORINO corsaro a Cagliari, ZEMAN nei guai... Colpo esterno anche per la ROMA al 'Tardini': Il PARMA si deve inchinare.
Secco 3 a 0 per la JUVE col CESENA, l'INTER batte l'ATALANTA 2 a 0 e la SAMP 2 a 1 il CHIEVO.
Rocambolesco 3 a 3 tra un deludente NAPOLI ed un PALERMO sempre più sorprendente, pari anche tra FIORENTINA e SASSUOLO.
Domani alle 20.45 LAZIO-UDINESE



ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

NEL PREPARTITA sequestrati tubi ai genoani...

INFORTUNI IN GARA... MARTIĆ è stato trasportato in osservazione a B.go Trento dopo la testata, fortuita ma violentissima, ricevuta dall'avversario mentre BENUSSI, che forse doveva giocare al posto di GOLLINI, ha avuto un problem muscolare in fase di riscaldamento



ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

VANGELIS TESTIMONIAL per l'associazione 'EHI, TU! Hai midollo?' in collaborazione con Centro Nazionale Trapianti, ADMO e Vip Italia Onlus il 27 Settembre in oltre 60 piazze italiane...


EHI, TU! Hai midollo?

IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

CALCIO INGHILTERRA: 16esimi di finale in Coppa di Lega inglese, gara infinita tra LIVERPOOL e MIDDLESBROUGH! Per deciderla ci sono voluti i supplementari e ben 30 rigori dove a spuntarla sono stati i 'Reds'...



RASSEGNA STAMPA +   -   =
SERIE A
Gol, parate ed emozioni: Hellas Verona-Genoa finisce 2-2
Non mancano le emozioni in Hellas Verona-Genoa: la gara finisce 2-2 con la doppietta di Alessandro Matri nel primo tempo e la rimonta di Tachtsidis e Ionita

di Ilaria Macchi
Verona – E’ una gara dove non sono mancate le emozioni quella che si è disputata allo stadio Bentegodi di Verona tra la formazione di Mandorlini, reduce dalla brillante vittoria di pochi giorni fa in trasferta a Torino, e il Genoa che Gasperini ha voluto schierare con un atteggiamento offensivo grazie a uomini come Matri, Falque e Lestienne. Entrambi gli allenatori sono quindi stati premiati per la volontà di non giocare una gara difensiva visto che non sono mancati gol ed emozioni su emtrambi i fronti e quindi il 2-2 finale può essere considerato un risultato giusto, anche se il punteggio avrebbe potuto essere ben più ampio.

Verona-Genoa, primo tempo targato Matri - La gara inizia però subito in salita per il Verona che si trova a subire un doppio svantaggio targato Matri: l’ex attaccante del Milan va così a segno prima con un colpo di testa al 34' e poi con una rete di rapina al 48' approfittando di un errore in disimpegno di Marquez. Nel corso del periodo in cui i liguri si trovavano in vantaggio, però, il Verona non è rimasto certamente a guardare e si è reso pericoloso in più occasioni soprattutto con Toni, Tachtsidis e Ionita, ma praticamente in tutte le occasioni è stato il tempismo di Perin a impedire il grido di gioia per il gol.

Verona-Genoa, nella ripresa la rimonta dei veneti - Le emozioni non sono però finite qui e così proprio nel secondo tempo il risultato torna in parità grazie alle reti di Tachtsidis al 52' e di Ionita al 65' alla seconda rete consecutiva dopo quella decisiva per la vittoria contro il Torino di domenica scorsa. Ora i padroni di casa arrivano al terzo posto a quota 8 insieme a Inter e Sampdoria, mentre il Genoa al secondo pareggio consecutivo e si ferma a quota 5.

Il tabellino di Verona-Genoa:
VERONA-GENOA 2 – 2

HELLAS VERONA (5-3-2): 95 GoLlini; 71 Martic (dal 46' 21 Gomez Taleb), 18 Moras, 4 Marquez, 25 Marques, 33 Agostini; 23 Ionita, 30 Campanharo (dal 70' 8 Obbadi), 77 Tachtsidis; 7 Saviola (dal 68' 20 Lazaros), 9 Toni. All. Mandorlini

GENOA (3-4-3): 1 Perin; 14 Roncaglia, 4 De Maio, 3 Antonini; 87 Rosi (dal 73' 9 Pinilla), 69 Sturaro, 91 Bertolacci, 15 Marchese; 24 Falque (dal 56' 88 Rincón), 32 Matri, 16 Lestienne (dal 64' 33 Kucka). All. Gasperini
MARCATORI: Matri (G) al 34', Matri (G) al 48', Tachtsidis (HV) al 52', Ionita (HV) al 64'

ARBITRO: Tommasi di Bassano del Grappa
AMMONITI: Falque, Tachtsidis, Sturaro, Marquez

FONTE: SportInTV.com


PRIMO PIANO
Hellas Verona - Genoa, 2-2 Doppio Matri poi rimonta con Tachtsidis e Ionita
24.09.2014 20:06 di Giovanni Bucciano
90 + 5 Fine secondo tempo

90 - Contropiede del Genoa che arriva con Matri davanti a Gollini ma tira alto

88 - Lazaros regala palla al Genoa che riarriva al tiro che va a lato

87 - Azione prima del Verona da dove parte un contropiede del Genoa che finisce con Kucka che tira fuori

81 - Tiro da fuori di Kucka ma blocca sicuro Gollini

77 - Perin salva su un tiro da fuori deviato dove poi arriva Lazaros ma non riesce a ripassarla in mezzo a Toni

76 - Vicino al goal Sturaro che sul limite del fuorigioco a tu per tu con Gollini colpisce l'esterno della rete

73 - Entra Pinilla per Rosi

70 - Esce Campanharo ed entra Obbadi

69 - Esce Saviola ed entra Lazaros

65 - Goal del Verona!!!!!!! Toni crossa in area per Ionita che spiazza Perin!! Secondo goal consecutivo per il moldavo. 2a2

64 - Entra Kucka per Lestienne

58 - Grande Occasione per Toni che liberato davanti la porta vuota da Gomez non arriva in tempo sulla palla anticipato in scivolata

57 - Cambio nel Genoa. Entra Rincon ed esce Falque

55 - Ammonito Marquez per fallo su Matri

54 - Ammonito Sturaro che ferma Tachtsidis

53 - Goal del Verona!!!!! Ionita sulla sinistra supera un avversario e passa la palla fuori area dove arriva al volo Tachtsidis che tira e batte Perin che aveva toccato

51 Cross dalla sinistra dove arriva Gomez ma facile per Perin

50 - Cross di Lestienne per Matri ma salva Marquez

48 - Goal Genoa. Errore di Marquez che si fa prendere la palla da Matri che si invola verso la rete e batte Gollini

46 - Inizia la ripresa. Entrato Gomez per Martic infortunato e portato in ospedale

45 +4 Fine primo tempo

45 - Martic si scontra con un avversario e deve entrare la barella. Tachtsidis ammonito per proteste

36 - Ancora Perin salva il risultato su tiri di Toni e di Ionita

35 - Goal del Genoa! Cross dalla destra per Matri che di testa insacca colpendo il palo.

33 - Toni libera in area Ionita al tiro che però viene deviato in angolo da Perin

30 - Toni vicino al goal ma palla fuori di poco ma sembrava lo stesso fermo il gioco

27 - Tiro a giro di Matri ma Gollini salva in angolo

26 - Tiro di Saviola dove devia Perin

25 - Ammonito Iago Falque

24 - Lestienne tira ma Gollini devia in angolo

19 - Toni cerca l'ingresso in area superando un avversario ma poi viene fermato

13 - Si scalda Obbadi precauzionalmente perchè Tachtsidis ha subito uno scontro

10 - Toni tenta il tiro ma viene fermato da De Maio

6 - Prima occasione per il Verona. Dopo un angolo la palla arriva a Martic che tira a volo ma la palla va di poco alta dopo aver colpito il terreno

4 - Primo tiro di Matri ma Gollini para facile

1 - Partita iniziata

Verona in maglia gialloblu mentre il Genoa con la bianca.

Infortunio nel riscaldamento per Francesco Benussi e quindi al suo posto giocherà Pierluigi Gollini al suo debutto. In panchina andrà il giovane Salvetti.

Ecco le formazioni ufficiali:

HELLAS VERONA: 22 Benussi, 4 Marquez, 7 Saviola, 9 Toni, 18 Moras, 23 Ionita, 25 Marques, 30 Campanharo, 33 Agostini, 71 Martic, 77 Tachtsidis.
A disposizione: 95 Gollini, 2 Rodriguez, 5 Sorensen, 8 Obbadi, 11 Jankovic, 17 Lopez, 20 Lazaros, 21 Gomez Taleb, 27 Valoti, 28 Brivio, 40 Gonzalez, 99 Nenè.
All.: Andrea Mandorlini.

GENOA: 1 Perin, 3 Antonini, 4 De Maio, 14 Roncaglia, 15 Marchese, 16 Lestienne, 24 Falque, 32 Matri, 69 Sturaro, 87 Rosi, 91 Bertolacci.
A disposizione: 23 Lamanna, 39 Sommariva, 5 Izzo, 9 Pinilla, 10 Perotti, 13 Antonelli, 19 Greco, 21 Edenilson, 33 Kucka, 88 Rincon, 92 Mussis.
All.: Gian Piero Gasperini

Il Verona arriva al match da terza classificata dopo la vittoria esterna col Torino mentre il Genoa ha sconfitto la Lazio in casa.
Benvenuti alla webcronaca di Verona-Genoa, quarta partita della stagione e seconda in casa per i gialloblù.

FONTE: TuttoHellasVerona.it


22:50 | mercoledì 24 settembre 2014
Ionita a Sky: «Anche il pareggio va bene»
Le parole del centrocampista dopo il match col Genoa

di Alessandro Naimo - twitter:@AleNai13
IONITA HELLAS VERONA GENOA SERIE A - Ha segnato il gol che è valso il pari al Verona contro il Genoa: Ionitaè alla seconda rete consecutiva in due gare di Serie A. Ecco le parole del centrocampista a Sky al termine del match: «Sono felice per questo gol, ma era più importante vincere oggi, fare i tre punti. Alla fine abbiamo pareggiato, e va bene. Adesso prepariamo la partita di sabato. Dopo il primo tempo siamo entrati in campo con più forza, siamo stati bravi a trovare il pareggio, questa cosa è importante. Per il gol non c’è lingua, l’importante è segnare»

22:46 | mercoledì 24 settembre 2014
Serie A: Hellas Verona - Genoa, pagelle
Bene i reparti offensivi, male le difese

di Alessandro Naimo - twitter:@AleNai13
PAGELLE HELLAS VERONA GENOA – Verona e Genoa pareggiano due a due al Bentegodi. Il match è stato molto vivace, con diverse occasioni per parte, grazie alle difese ballerine. Bene il centrocampo del Genoa in fase di costruzione, meno in fase di copertura. Alla lunga sono venuti fuori anche i talenti del Verona, soprattutto quello di Ionita. Buona prestazione anche di Luca Toni, malgrado il gol non sia arrivato. Infine da sottolineare le prestazioni dei due portieri, che hanno sventato diverse occasioni da gol.

Verona (3-5-2): Gollini 7.5; Moras 6.5, Marquez 5, Marques 5.5; Martic 6 (dal 1’ del st, Gomez 5.5), Campanharo 6 (dal 25’ del st, Obbadi 6), Tachtsidis 6.5, Ionita 7, Agostini 6.5; Saviola 6.5 (dal 23’ del st, Lazaros 5.5), Toni 7. In panchina: Benussi, Rodriguez, Sorensen, Brivio, Valoti, Jankovic, Lopez, Nenè. Allenatore: Mandorlini.

Genoa (3-4-3): Perin 7.5; Roncaglia 5, De Maio 6.5, Marchese 6; Rosi 6 (dal 28’ del st, Pinilla, 6), Sturaro 6.5, Bertolacci 6, Antonini 5; Iago Falque 6.5 (dall’11’ del st, Rincon 6), Matri 8, Lestienne 7 (dal 19’ del st, Kucka 6). In panchina: Lamanna, Izzo, Sommariva, Edenilson, Burdisso, Antonelli, Greco, Perotti, Mussis. Allenatore: Gasperini.

HELLAS VERONA – IL MIGLIORE
Ionita 7: il giovane moldavo è sicuramente il migliore degli scaligeri, non tanto per il gol, quanto per la prestazione. Ionida si sente a suo agio in mezzo al campo, i suoi inserimenti vengono premiati dai compagni, ed il centrocampista si trova anche un paio di volte contro Perin. Le occasioni palla a terra vengono però sprecate dal moldavo, che segna su colpo di testa, non certo la sua specialità. Il gol è il secondo in campionato, in due partite. Mandorlini ha trovato sicuramente un altro buon giocatore.

HELLAS VERONA – IL PEGGIORE
Marquez 5: il messicano ha la sua età, e si vede. I 35 anni pesano sulla schiena del difensore: al di là del dribbling azzardato da ultimo uomo, le chiusure del centrale sono mancate alla difesa dell’Hellas. Marquez è stato beffato da Matri anche nell’occasione del primo gol: l’attaccante prende posizione sul messicano, che non riesce a contrastarlo. Una serata no per lui, che è costata due gol alla sua squadra.

GENOA – IL MIGLIORE
Matri 7.5: la punta di Sant’Angelo Lodigiano vista questa sera non sembrava provenire da un periodo di crisi. Il Genoa e Gasperini contavano su di lui, e Matri ha risposto con due reti. Bello il colpo di testa nel primo tempo, con lo stacco tra Moras e Marquez; rapace sul secondo gol, quando ruba palla ad un distratto Marquez e fredda Gollini con un sinistro che non lascia scampo. Oltre le reti, però, Matri ha saputo battersi per la squadra, riuscendo a conquistare calci di punizione importanti e aiutando la squadra a salire quando ce n’è stato di bisogno.

GENOA – IL PEGGIORE
Roncaglia 5: anche Roncaglia, come Marquez, ha lasciato a desiderare in difesa. Il centrale effettua un salvataggio su un tiro nel secondo tempo, ma della sua partita si ricordano le troppe disattenzioni del primo tempo, che hanno permesso più volte a Saviola e Ionita di ritrovarsi a tu per tu con Perin. Il portiere e le chiusure di De Maio hanno evitato il peggio al Genoa, che stasera ha giocato con due centrali e mezzo.

TABELLINO – Hellas Verona – Genoa 2-2
Marcatori: Matri (G), Tachtsidis, Ionita (H)
Ammoniti: Falque, Sturaro (G), Tachtsidis, Marquez (H)
Espulsi: -
Verona (3-5-2): Gollini; Moras, Marquez, Marques; Martic (dal 1’ del st, Gomez), Campanharo (dal 25’ del st, Obbadi), Tachtsidis, Ionita, Agostini; Saviola (dal 23’ del st, Lazaros), Toni. In panchina: Benussi, Rodriguez, Sorensen, Brivio, Valoti, Jankovic, Lopez, Nenè. Allenatore: Mandorlini.
Genoa (3-4-3): Perin; Roncaglia, De Maio, Marchese; Rosi (dal 28’ del st, Pinilla), Sturaro, Bertolacci, Antonini; Iago Falque (dall’11’ del st, Rincon), Matri, Lestienne (dal 19’ del st, Kucka). In panchina: Lamanna, Izzo, Sommariva, Edenilson, Burdisso, Antonelli, Greco, Perotti, Mussis. Allenatore: Gasperini.


22:44 | mercoledì 24 settembre 2014
Tante occasioni sprecate: Verona e Genoa pareggiano
Gli scaligeri annullano il doppio vantaggio del Grifone

di Alessandro Naimo - twitter:@AleNai13
SINTESI TABELLINO HELLAS VERONA GENOA – Hellas Verona e Genoa hanno dato vita ad una bella partita al Bentegodi. Le due squadre pareggiano due a due, ma sono tante le occasioni sprecate da entrambe le squadre, soprattutto nel primo tempo, dove i due portieri si sono esaltati grazie a belle parate.

PRIMO TEMPO – I primi minuti di gioco mostrano un Genoa messo bene in campo. Al 3’ Matri si libera bene al limite dell’area e lascia andare un destro potente ma centrale: Gollini, all’esordio in A, non si lascia beffare. La prima metà del primo tempo scorre senza troppe emozioni: le due squadre si studiano, la squadra di Gasperini marca stretto Tachtsidis, geometra del centrocampo gialloblù, mentre il Grifone cerca di sfruttare la velocità di Falque e Lestienne sulle fasce, ma senza successo. Da sottolineare la prestazione di De Maio: il centrale del Grifone chiude tutto su Saviola e Toni, che non hanno vita facile. Bella azione rossoblù al 24’: Matri fa sponda per Lestienne, che arriva in corsa e calcia di sinistro. Bella parata di Gollini, che manda in angolo. Due minuti dopo azione simile per gli scaligeri: Toni appoggia per Saviola che potrebbe segnare il primo gol in Serie A, ma Perin si oppone e devia sopra la traversa. Il Genoa sembra poter contare su Matri, per il match del Bentegodi: la punta ci prova a giro, dal vertice sinistro dell’area, al 28’, ma è sempre Gollini a dir di no alla punta. La squadra di Gasperini sembra comunque aver preso in mano le redini del match, a questo punto: al 29’ ci prova anche Roncaglia, che con una percussione arriva al tiro dal limite dell’area; è sempre Gollini a salvare il Verona. Verona che ci prova però: un minuto dopo Toni ha l’opportunità di siglare il vantaggio scaligero, ma il diagonale sinistro dell’attaccante esce di un soffio a lato. Al 33’ occasione simile per Ionita: Toni imbuca il moldavo sulla sinistra, ma il tiro è centrale, Perin evita il gol. Proprio quando l’Hellas sembra essersi ripreso, ecco che il Genoa colpisce: al 34’ Marchese pennella un bel cross dalla sinistra per Matri, che colpisce forte di testa e manda in rete con l’aiuto del palo. La seconda metà del primo tempo è però frizzante: Perin riesce a salvare due volte il Genoa, prima su Antonini che rischia l’autorete, e poi su Ionita, che tenta il tapin. Le occasioni fioccano: al 38’ Matri fa una sponda per la profondità di Iago, che però spreca tutto calciando addosso a Gollini. Il primo tempo si chiude col Genoa in vantaggio sul Verona, anche se, sul finire, gli scaligeri sembravano essersi ripresi.

SECONDO TEMPO – Il secondo tempo si apre con la sostituzione di Martic: il centrocampista viene rilevato da Gomez a causa di una botta alla testa subita sul finire del primo tempo. L’Hellas si mostra subito agguerrito per cercare il pareggio, ma al 2’ Matri raddoppia per il Genoa: Rafa Marquez tenta un dribbling da ultimo uomo, Matri ruba palla al messicano e trafigge Gollini. Due a zero Genoa. Il Grifone continua a spingere: Lestienne e Iago si scambiano continuamente le corsie e questo mette in difficoltà la difesa degli scaligeri. Il Verona però non si arrende e all’ottavo minuto accorcia le distanze grazie a Tachtsidis: Ionita, dalla sinistra, mette un cross rasoterra all’indietro su cui si avventa il greco, che trafigge Perin col il destro. Dopo pochi minuti Toni potrebbe firmare il gol del pari, ma l’attaccante è anticipato nell’area piccola da Roncaglia. Gli scaligeri continuano a crederci: sono tanti i cross che arrivano dentro l’area del Genoa, e al 20’ Toni mette quello giusto. Per una volta i ruoli si invertono: il numero 9 dell’Hellas pesca Ionita con un cross dalla destra, il moldavo gira di testa e insacca Perin, partito un po’ in ritardo. È pareggio. Le squadre continuano a provarci, ma senza crearsi pericoli reali. Al 31’ Sturaro è imbucato in area: il centrocampista salta Gollini ma è costretto a defilarsi, il pallonetto tentato si spegne sull’esterno della rete. Bertolacci al 43’ tenta il gran gol dalla distanza, ma il sinistro esce di un soffio alla destra di Gollini. Sul finire Matri ha una grande occasione: l’attaccante è servito da Pinilla dentro l’area, ma colpisce di punta e non riesce ad indirizzare bene la palla.

COMMENTO FINALE – Alla fine, il pareggio appare giusto. Il Genoa è sembrato messo meglio in campo, ma la squadra di Mandorlini ha avuto diverse occasioni in un quarto d’ora, nel quale la partita sarebbe potuta cambiare. Alla lunga è venuta fuori la qualità di Ionita e Tachtsidis, che ha permesso agli scaligeri di pareggiare. D’altro canto, Gasperini può stare tranquillo con un Matri così: la doppietta dell’attaccante è sicuramente un buon segno.

TABELLINO – Hellas Verona – Genoa 2-2
Marcatori: Matri (G), Tachtsidis, Ionita (H)
Ammoniti: Falque, Sturaro (G), Tachtsidis, Marquez (H)
Espulsi: -
Verona (3-5-2): Gollini; Moras, Marquez, Marques; Martic (dal 1’ del st, Gomez), Campanharo (dal 25’ del st, Obbadi), Tachtsidis, Ionita, Agostini; Saviola (dal 23’ del st, Lazaros), Toni. In panchina: Benussi, Rodriguez, Sorensen, Brivio, Valoti, Jankovic, Lopez, Nenè. Allenatore: Mandorlini.
Genoa (3-4-3): Perin; Roncaglia, De Maio, Marchese; Rosi (dal 28’ del st, Pinilla), Sturaro, Bertolacci, Antonini; Iago Falque (dall’11’ del st, Rincon), Matri, Lestienne (dal 19’ del st, Kucka). In panchina: Lamanna, Izzo, Sommariva, Edenilson, Burdisso, Antonelli, Greco, Perotti, Mussis. Allenatore: Gasperini.

16:19 | mercoledì 24 settembre 2014
Moras: «Donare è salvare una vita»
Le parole del difensore del Verona, che ha donato il midollo al fratello malato

MORAS VERONA - La storia di Vangelis Moras del Verona ha colpito tutti. Il difensore dopo il Mondiale ha donato il suo midollo al fratello, malato di leucemia. Lo stesso Moras ha raccontato questa esperienza: «Quando ho fatto il prelievo sapevo già di essere compatibile con mio fratello, quella cosa me la sentivo. Ed è stato così, i medici mi hanno dato il tempo di terminare campionato e mondiali e poi sono rientrato in Australia direttamente dal Brasile. Non mi sono mai fermato in pratica».

PAROLE TOCCANTI - Moras ha poi proseguito lanciando anche un messaggio per tutti coloro che hanno intenzione di fare donazioni: «Sono rimasto cinque ore attaccato alla macchina che mi ha prelevato le cellule staminali e in un quarto dora hanno preso le cellule e le hanno reinfuse in mio fratello. Donare è una cavolata, tutti devono sapere questa cosa. Tutti devono conoscere come è facile salvare una vita». Le parole di Moras sono riportate dal profilo Twitter della Serie A Tim.

FONTE: CalcioNews24.com


ALTRE NOTIZIE
Genoa, Matri: "Cercavo risposte, doppietta importante per me"
25.09.2014 12.10 di Simone Lorini Twitter: @Simone_Lorini
Nuova vita a Genova per Alessandro Matri, che ieri si è sbloccato contro l'Hellas Verona. Al Secolo XIX, il centravanti ex Milan e Fiorentina ha parlato della convivenza con Pinilla, possibile a suo dire, e delle proprie sensazioni post-gara: "Ero alla ricerca di risposte, questa doppietta è molto importante. Peccato non aver vinto, meritavamo qualcosa di più".

SERIE A
Genoa, Matri torna al gol: giusto in tempo per il derby
25.09.2014 11.09 di Luca Bargellini Twitter: @barge82
Torna a gol Alessandro Matri. Con il Genoa così come con la Fiorentina lo scorso gennaio, il bomber è tornato protagonista del tabellino marcatori con una doppietta. A Catania otto mesi fa finì con la vittoria dei viola, ieri invece solo con un pari in casa di un Verona mai domo. Non solo le reti, però, per l'attaccante di proprietà del Milan, ma anche una prestazione convincente, sempre nel vivo della manovra del Grifone. Una rinascita importante. Soprattutto il vista del derby della Lanterna. Non c'è momento migliore.

ALTRE NOTIZIE
Genoa, Gasperini: "Bravi ad acciuffare il pareggio"
25.09.2014 00.05 di Alberto Forestieri Twitter: @albforest ort
Dopo il pareggio per 2-2 del suo Genoa nella difficile trasferta veronese, il tecnico del Grifone Gian Piero Gasperini è intervenuto ai microfoni di Sky Sport. Di seguito, le sue dichiarazioni: "E' stata una partita molto bella, soprattutto nel secondo tempo. Il gol del 2-1 aveva dato lo slancio al Verona, poi siamo stati bravi e siamo riusciti a pareggiare. Adesso possiamo pensare al derby".

ALTRE NOTIZIE
Le pagelle del Genoa - Matri letale, Perin fa i miracoli
Risultato finale: Hellas Verona-Genoa 2-2

24.09.2014 23.37 di Riccardo Gatto Twitter: @@RiccardoGatto1
Perin 7 - Subisce due gol ma poco importa. La prestazione di Perin è straordinaria, perché compie almeno tre miracoli.

Roncaglia 6 - Nel primo tempo è perfetto, sfiora anche il gol del vantaggio. Dopo il gol di Matri invece soffre, quando l'Hellas inizia ad alzare i ritmi.

De Maio 5,5 - Va in tilt dopo il secondo gol di Matri. L'Hellas Verona inizia a premere, lui soffre la fisicità di Toni.

Antonini 6 - Prestazione positiva per lui, che non soffre praticamente mai a sinistra. E' protagonista - involontariamente - dell'episodio che porta all'uscita dal campo di Martic.

Rosi 6 - Spinge bene sulla destra, e in fase difensiva non rischia quasi mai. Quasi. Sì, perché l'azione di Ionita sulla sinistra per il gol di Tachtsidis lo vede tra i protagonisti. Dal 73' Pinilla s.v.-

Sturaro 6,5 - Ammonito sì, ma corre per due. E nel finale sfiora anche il gol del vantaggio, ma decide di scartare Gollini.

Bertolacci 6,5 - Se nel finale avesse segnato con quel sinistro, la partita sarebbe stata perfetta. Una garanzia.

Marchese 6 - Spinge, crossa, sulla sinistra è sempre presente. Una costante per il gioco di Gasperini.

Falqué 6,5 - Corre, inventa, si fa vede. Insieme a Lestienne mette in difficoltà la difesa del Verona. Un talento assicurato. Dal 57' Rincon 6 - Mette legna al centrocampo, gioca bene a calcio e non subisce quasi mai l'iniziativa avversaria.

Lestienne 6,5 - Un gioiello. Inventa, crossa, dribbla. Mette in apprensione la difesa dell'Hellas on continuità. Poi perde lo smalto e viene sostituito. Dal 64' Kucka 6,5 - Crea, in contropiede mette in difficoltà il Verona. E rischia di segnare.

Matri 7,5 - Letale. Segna di testa prima e poi sfrutta l'errore di Rafa Marquez. Ritrova lo spunto dei tempi migliori.

ALTRE NOTIZIE
Le pagelle dell'Hellas Verona - Ionita goleador. Marquez e quell'errore...
24.09.2014 23.10 di Riccardo Gatto Twitter: @@RiccardoGatto1
Gollini 6 - Tre gol subiti, ma poco importa. L'esordio in Serie A è più che positivo, e alcuni interventi fanno intravedere buona stoffa. Nulla può sui tre gol subiti.

Martic 5,5 - Spinge poco sulla destra, subisce le folate offensive del duo Falqué-Lestienne. Esce per infortunio nel finale del primo tempo. Dal 46' Juanito 5,5 - Non riesce a trovare la sua posizione in campo, fatica nel trovare spazi.

Marquez 5 - Errore clamoroso che permette a Matri di realizzare il gol del 0-2. Imperdonabile per un calciatore con la sua esperienza.

Moras 5,5 - Subisce le folate offensive del Genoa, e perde il duello aereo con Matri in occasione dello 0-1.

Agostini 6 - Dopo il secondo gol si sveglia ed inizia a spingere come lui sa fare. Diventa la spina nel fianco del Genoa.

Campanharo 5,5 - Non convince a centrocampo, fatica a trovare la posizione sulle continue incursioni di Marchese sulla sinistra. Dal 70' Obbadi s.v. -

Tachtsidis 6,5 - Gol che riapre la partita, e prestazione positiva in fase offensiva molto importante. In fase difensiva, invece, sbaglia e non poco.

Ionita 7 - Gol, assist. Mandorlini non poteva chiedere di più. Si fa vedere, i compagni hanno sempre una soluzione.

Marques 5 - Inesistente. Si vede poco o nulla, fatica e non poco contro il duo Sturaro-Bertolacci.

Toni 6,5 - In attacco è decisivo. Se c'è lui, l'Hellas Verona svolta. Assist per Ionita, lotta e sbraccia. E' impreciso, poteva segnare anche lui.

Saviola 6 - Buona la prima. Esce tra gli applausi del Bentegodi, fatica a trovare la posizione in campo. Poi però fa emergere la sua esperienza. Dal 68' Lazaros 6,5 - E' sempre nel vivo del gioco. L'impatto con la partita è ottimo.

ALTRE NOTIZIE
Hellas Verona, Ionita: "Reazione importante. Il gol è per Hallfredsson"
24.09.2014 22.47 di Riccardo Gatto Twitter: @@RiccardoGatto1
Intervistato da Sky Sport, il centrocampista dell'Hellas Verona Ionita commenta così il pareggio di questa sera contro il Genoa: "Sono felice per questo gol, ma sarebbe stato più importante vincere e fare i tre punti. Anche il pareggio va bene, ora prepariamo la partita di sabato. Noi comunque non molliamo mai, nel secondo tempo siamo stati una grande squadra davvero perché non era facile recuperare i due gol. Possiamo fare bene. Il gol? Non c'è lingua nel gol, l'importante è avere sempre la voglia di fare bene. Abbiamo giocato anche per Hallfredsson, il gol è per lui".

ALTRE NOTIZIE
Genoa, Rosi: "Gara difficile, poi penseremo al derby"
24.09.2014 20.38 di Alberto Forestieri Twitter: @albforest
Aleandro Rosi del Genoa ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel prepartita della trasferta del Grifone a Verona. Ecco le sue parole: "Stiamo crescendo. Abbiamo fatto una bella partita contro il Napoli, poi c'è stata la beffa all'ultimo. Finora le gare sono state sofferte ma abbiamo dimostrato di poter far bene. Oggi è una partita importantissima, cerchiamo di fare risultato qui e poi penseremo al derby".

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


25.09.2014
Il Grifo vola via, l'Hellas reagisce e strappa il pari
Matri regala il vantaggio alla squadra di Gasperini poi sfrutta un errore di Marquez e firma la doppietta Nella ripresa arrivano i gol di Tachtsidis e Ionita



Una cosa ormai è chiara, quando gioca l'Hellas non c'è niente di scontato. Anche con il Genoa Toni e compagni fanno sussultare il cuore dei tifosi gialloblù. Partono male, soffrono, vanno sotto di due gol ma poi trovano la forza di reagire, di recuperare, di pareggiare. Finisce due a due ma poteva diventare un tre a tre o un quattro a quattro... Mandorlini rivede la formazione titolare e cambia il modulo, dal solito 4-3-3 si passa al 3-5-2, una scelta obbligata per far giocare Javier Saviola in avanti accanto a Luca Toni. Tutto nuovo il centrocampo con Ionita e Campanharo a fianco di Tachtsidsis, larghi sulle fasce Martic e Agostini.

25.09.2014
Controlli pre-partita: sequestrati tubi ai genoani
VERONA. La linea dura contro chi cerca lo scontro allo Stadio passa anche attraverso l’attività di prevenzione dei servizi di ordine pubblico. Infatti, ieri sera i controlli preventivi disposti dal Questore al casello autostradale di Verona Nord nei confronti dei tifosi della squadra ospite, qui giunti a bordo di due pullman, ha sortito i suoi buoni frutti: 32 sono, infatti, i tubi in pvc pesante, di quelli ad uso idraulico, rinvenuti dalla Polizia al piano superiore di uno dei due pullman dei 150 tifosi genoani.
E’ probabile che questi ultimi non si aspettassero che i controlli fossero estesi anche al loro mezzo di trasporto ma che si sarebbero limitati esclusivamente alle loro persone. Erano camuffate come aste da bandiera, i 32 tubi, ad uso idraulico, spessi e rigidi, della lunghezza minima di 75 centimetri e massima di 1 metro che gli agenti hanno scovato nel vano cappelliera e sotto i sedili di coda.
Una bonifica che ha permesso di eliminare ogni proposito bellicoso da parte dei tifosi ospiti, parimenti dicasi per l’equilibrio e l’organizzazione con cui il servizio è stato svolto. Ed è questa l’unica nota da segnalare di una serata calcistica che, in verità, si è svolta all’insegna dello sport, come dovrebbe essere sempre.

FONTE: LArena.it


Mandorlini: "Non abbiamo mai mollato" / VIDEO
Postata il 25/09/2014 alle ore 01:15
Verona - Le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù, Andrea Mandorlini, rilasciate al termine della partita contro il Genoa (2-2).

CHE RIMONTA, GRAZIE BENTEGODI
"Abbiamo avuto due occasioni importanti, decisive, e dopo quel momento il Genoa ha trovato il gol del vantaggio con Matri. E' stata una botta, la squadra non ha mai mollato, abbiamo fatto un errore sul 2-0 ma ci abbiamo sempre creduto. Devo ringraziare anche la spinta del pubblico, che ci ha aiutato a ribaltare una partita difficile. Poi volevamo vincerla, anche oltre ogni cosa, perché ho visto il gruppo crederci con Moras in attacco a cercare di colpire di testa ogni palla, in 10 minuti abbiamo creato situazioni importanti. Avremmo meritato i tre punti, ma abbiamo rischiato anche di perderla. C'è ancora poco equlibrio, il Genoa ha sfruttato dei contropiedi pericolosi, ma il Verona ha grande cuore e grande spinta, quindi sono contento. L'errore di Marquez? Nel calcio ci sta, ma i ragazzi non hanno mai mollato. Siamo andati sotto con un grandissimo gol di Matri, la classifica è comunque buona e va bene così".

LE PROVE DEI SINGOLI
"Saviola? Non era facile, ha fatto la partita che doveva fare. Non ha neanche molta autonomia. Ionita? E' stato fantastico, si è creato delle palle gol favolose. Ha fatto segnato poi una grandissima gol di testa. Al momento siamo molto contenti di lui, forse deve imparare un po' a stare in campo, vuole attaccare in ogni occasione. Tachtsidis? Gli errori che fa sembrano grossolani, a volte si perde nel dribbling, ma fa delle giocate fantastiche. Credo che contro il Genoa abbia corso tantissimo, unendo forza a giocate di qualità. Per noi è fondamentale, è un ragazzo giovane e fa piacere vederlo giocare a questi livelli. In generale sono molto contento di quello che ha fatto la squadra, abbiamo anche cambiato modo di giocare per sfruttare meglio le caratteristiche di certi calciatori e ci sono stati dei vantaggi. Lazaros? E' nuovo, deve capire ancora alcune cose. Ho grande fiducia in lui, secondo me ha delle qualità importanti deve avere ancora pazienza. Lo aspetto, come credo debbano farlo tutti i tifosi. Toni? Poteva avere qualche gol in più, ma sono importanti i punti della squadra, che vengono prima di tutto. Poi verrà anche il gol. Deve crescere anche lui, durante la sfida contro il Genoa era un po' stanco, ma starà sempre meglio e sarà decisivo anche quest'anno".

VOLEVAMO VINCERE PER EMIL
"Tutta la squadra, dopo il doppio svantaggio, si è unita. Volevamo dedicare la vittoria a Emil, che un po' ci è mancato. Il gruppo voleva dare i tre punti a Hallfredsson".

DESTINAZIONE ROMA
"La sfida alla Roma? Non ci ho ancora pensato, siamo presi dall'entusiasmo di questo risultato e alla ripresa degli allenamenti dovremo valutare delle situazioni. Martic rimarrà all'ospedale, difficilmente potrà essere della partita quindi vedremo. Rafael non credo ci sarà per Roma, a causa di una piccola elongazione muscolare, mentre Benussi farà gli accertamenti ma un suo recupero appare difficile. In porta ci sarà Gollini, siamo in buone mani e sono molto contento. Contro il Genoa ha fatto bene, si è fatto trovare pronto. Se dovessi dargli un voto gli darei 7".
Ufficio Stampa

Marques: "I tifosi ci hanno aiutato" / VIDEO
Postata il 25/09/2014 alle ore 01:00
Verona - Le dichiarazioni del difensore gialloblù, Rafael Marques, rilasciate al termine della partita contro il Genoa (2-2).

CARATTERE E VOGLIA DI VINCERE
"Sicuramente i due gol si potevano evitare, ma non è stata colpa né mia né di Rafa Maequez. E' un concetto più generale, anche se Matri è stato molto bravo perché ci ha anticipati. La difesa a tre? Non è stato facile, abbiamo avuto qualche difficoltà. Non abbiamo avuto molto tempo per assimilare il concetto, pochi giorni per lavorarci su. Perché con tutte queste partite ravvicinate è sempre difficile. A mio avviso la squadra ha disputato una buona partita, dopo i loro gol abbiamo reagito e trovato il pareggio. C'è stata una grande pressione collettiva. Quando giochi in casa è giusto esporsi un po' di più, ma noi grazie al carattere siamo riusciti a pareggiare. Volevamo vincerla e capovolgere la situazione. Desideravamo farlo anche per Emil. Ma il Genoa ha giocato davvero bene".

CONTRO LA ROMA GRANDE GARA
"Ora c'è la Roma, possiamo fare una grande gara però dobbiamo riuscire a trovare il tempo per riposare un po' in vista di sabato".
Ufficio Stampa

Campanharo: "Sento fiducia, voglio crescere" / VIDEO
Postata il 25/09/2014 alle ore 00:45
Verona - Le dichiarazioni del centrocampista gialloblù, Gustavo Campanharo, rilasciate al termine della partita contro il Genoa (2-2).

PAREGGIO POSITIVO. LAVORO PER AIUTARE LA SQUADRA
"E' stata una partita molto difficile, ricca di occasioni da gol. Ne abbiamo subiti due in avvio, però la squadra è rimasta tranquilla. Proprio come ci dice sempre l'allenatore. Un aiuto in più per trovare la via del pareggio. E' stata una partita complicata, entrambe le squadre volevano vincere. Il Genoa manteneva spesso il possesso del pallone, e l'allenatore inizialmente ci ha chiesto di restare bassi. Siamo consapevoli della nostra forza, ma quando andiamo in svantaggio dobbiamo sempre mantenere la calma e continuare a fare il nostro lavoro. Contro il Genoa siamo stati bravi, ci siamo aiutati a vicenda e conquistato il pareggio. La mia prestazione? Sono soddisfatto, era la mia prima da titolare in Serie A. Ma posso crescere, anche grazie alla fiducia della squadra e dell'allenatore. Sono giovane. Oggi un pareggio positivo, dobbiamo continuare su questa strada. L'arbitro ha rallentato un po' il gioco. Ho sentito subito la fiducia di Mandorlini, sin dal primo giorno in cui sono arrivato qui. Posso e voglio aiutare la squadra, piano piano posso dimostrare tutto il mio valore. Ruolo? Contro il Genoa mi sono trovato molto bene, mi è piaciuto. Sul centro-destra, ma con vocazione offensiva. Nella mia carriera ho giocato anche davanti alla difesa, posso farlo. Dovunque mi metta l'allenatore io cercherò di dare il massimo per aiutare la squadra. Piano piano posso dimostrare le mie qualità. Se mi manca il gol? Avvicinandomi di più all'area, posso essere pericoloso anche in zona gol. Lavoro per questo, per migliorarmi".

ROMA, PARTITA AFFASCINANTE
"Adesso dobbiamo pensare alla Roma. Conosciamo la loro forza, ma possiamo fare bene. Abbiamo le nostre qualità. Sarà una partita affascinante, e difficile".

FATTORE BENTEGODI
"I tifosi li abbiamo sempre sentiti vicini, sono uno stimolo per noi. Insieme possiamo arrivare in alto. L'errore di Rafa Marquez? Sappiamo che quando entriamo in campo si può sbagliare oppure fare grandi cose. Lui resta un campione. L'infortunio di Martic? Ero lì vicino, ho visto subito che aveva ferite sia in testa che in bocca. Ho richiamato subito l'attenzione dei nostri magazzinieri perché si era fatto molto male. Magari non è nulla, speriamo".

EMIL CI HA DATO LA CARICA
"Un pensiero per Emil? Dedichiamo questa partita a lui e alla sua famiglia. Prima della partita ci ha mandato un messaggino per caricarci".
Ufficio Stampa

Comunicato medico - Ivan Martic e Francesco Benussi
Postata il 25/09/2014 alle ore 00:20
VERONA - In seguito agli infortuni subiti durante la partita contro il Genoa, lo staff medico dell'Hellas Verona FC comunica che Francesco Benussi ha riportato una sospetta lesione muscolare durante il riscaldamento della partita, mentre Ivan Martic è stato trasportato all'ospedale di Borgo Trento e resterà in osservazione a causa di un trauma contusivo subito in uno scontro di gioco. Per entrambi l'accertamento diagnostico sarà comunicato nelle prossime ore.
Ufficio Stampa

Ionita: "Dimostrato grande carattere"
Postata il 24/09/2014 alle ore 23:30
Verona - Le dichiarazioni del centrocampista gialloblù, Artur Ionita, rilasciate ai microfoni di Sky Sport al termine della partita contro il Genoa (2-2).

DIMOSTRATO GRANDE CARATTERE. DEDICA SPECIALE? GIOCATO PER EMIL
"Sono felice per questo gol ma la cosa più importante era la vittoria. E' stato fondamentale aver comunque conquistato un punto, ora però dobbiamo pensare alla prossima partita contro la Roma. Verona squadra di carattere? Assolutamente, nel secondo tempo siamo rientrati in campo con più determinazione, abbiamo dimostrato di essere un grande team capace di raggiungere il pareggio. E' stato importante, inoltre continuiamo a mantenere l'imbattibilità. Se io parlo la lingua del gol? Non c'è quel tipo di lingua, la cosa più importante è mantenere questa voglia sempre. Una dedica speciale? Abbiamo giocato anche per Emil, è per lui".
Ufficio Stampa

Serie A TIM: Verona-Genoa 2-2
Postata il 24/09/2014 alle ore 20:45
Verona - Cuore e determinazione, fino all'ultimo respiro. L'Hellas Verona pareggia in rimonta contro un Genoa vivace e pungente: al Bentegodi finisce 2-2. Prestazione di grande carattere dei gialloblù, che subiscono il doppio svantaggio di Matri. E reagiscono, con qualità. Prima Tachtsidis dalla distanza, poi Ionita con una grande incursione centrale. Prova eccellente del moldavo, uno dei più propositivi. Buon debutto per Gollini, attento e sempre concentrato. Ragazzi di Mandorlini ancora imbattuti in questo campionato. Ora, a quota 8 punti in classifica. Pronti a stupire ancora, grazie alla passione dei propri tifosi.

HELLAS VERONA-GENOA 2-2
Marcatori: 34' pt e 3' st Matri, 7' st Tachtsidis, 19' st Ionita.

Primo tempo
1' Partiti
3' Matri riceve dentro l'area di rigore e calcia di prima intenzione: palla debole che finisce tra le braccia di Gollini
6' Sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Martic prova la conclusione: palla alta di poco
24' Lestienne si libera con agilità sulla sinistra, e calcia verso Gollini. Conclusione potente, respinge il portiere gialloblù
26' Cross di Agostini, spizza Toni per Saviola che non riesce a superare Perin. Palla deviata in angolo
27' Contropiede rapido del Genoa. Bertolacci verticalizza per Matri: l'attaccante sterza e tira a giro, Gollini in angolo
29' Dopo una combinazione in velocità, Roncaglia calcia in porta: Gollini sempre attento
33' Gran palla filtrante di Toni per Ionita, il centrocampista gialloblù si fa parare la conclusione da Perin
34' GOL Cross tagliato di Marchese dalla sinistra, Matri svetta su tutti e sblocca il risultato
36' Palla filtrante di Tachtsidis, nel tentativo di anticipare Saviola Antonini rischia l'autogol: salva Perin. Portiere rossoblù che si supera anche sulla successiva conclusione di Ionita
37' Falque s'invola verso la porta gialloblù, Gollini dice no
38' Tachtsidis prova la botta da fuori: De Maio devia sopra la traversa
49' Finisce il primo tempo

Secondo tempo
1' Partiti
2' Lestienne si gira in area di rigore con grande velocità e conclude: Gollini respinge
3' Saviola prova il destro dal limite, para Perin
3' GOL Matri ruba palla alla difesa gialloblù e s'invola verso Gollini: l'attacante è freddo e segna il raddoppio
7' GOL Azione personale di Ionita che se ne va con forza sulla fascia sinistra. Palla arretrata per Tachtsidis, che da fuori area calcia e supera Perin
13' Gomez scatta in velocità e mette in mezzo per Toni: Roncaglia anticipa tutto e sventa la minaccia
19' GOL Toni si libera e crossa in area: svetta di testa Ionita che trova il gol del pareggio
31' Sturaro si libera bene in area e calcia, palla che esce di poco
32' Tiro dalla distanza di Obbadi deviato di testa da Gomez. Perin respinge in corner
37' Kucka vince un contrasto al limite dell'area e conclude verso Gollini. Il portiere controlla facilmente
38' Fuga sulla destra di Moras che calcia potente, palla di poco a lato
42' Contropiede del Genoa con Kucka, il centrocampista punta la porta e calcia: conclusione che si perde alla sinistra di Gollini
43' Tiro dalla distanza di Bertolacci, fuori d'un soffio
45' Matri punta la porta con decisione, il suo tiro è alto
50' Finisce qui la partita

HELLAS VERONA (3-5-2): Gollini; Marques, Moras, Marquez; Martic (dal 1' st Gomez Taleb), Ionita, Tachtsidis, Campanharo (dal 25' st Obbadi), Agostini; Saviola (dal 23' st Lazaros), Toni.
A disposizione: Salvetti, Rodriguez, Sorensen, Jankovic, Lopez, Valoti, Brivio, Gonzalez, Nenè.
All.: Mandorlini.

GENOA (4-3-3): Perin; Roncaglia, De Maio, Marchese, Antonini; Rosi (dal 28' st Pinilla), Sturaro, Bertolacci; Falque (dall'11' st Rincon), Matri, Lestienne (dal 19' st Kucka).
A disposizione: Lamanna, Sommariva, Izzo, Perotti, Antonelli, Greco, Edenilson, Mussis.
All.: Gasperini.

Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa.
Assistenti: Stefani e Lo Cicero.
NOTE. Ammoniti: Falque, Tachtsidis, Sturaro, Marquez. Spettatori: 16.785 (paganti: 2.678; abbonati 14.107).
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it



[OFFTOPIC] +   -   =
CALCIO INGHILTERRA: 16esimi di finale in Coppa di Lega inglese, gara infinita tra LIVERPOOL e MIDDLESBROUGH! Per deciderla ci sono voluti i supplementari e ben 30 rigori dove a spuntarla sono stati i 'Reds'...
Liverpool-Middlesbrough, match eterno: tempi supplementari e 30 rigori
LIVERPOOL - Una lotteria durata quanto un concorso pubblico, una partita infinita quella tra Liverpool e Middlesbrough, squadra che milita nella seconda divisione inglese. Lo scenari è stato quello dei 16/i di finale di coppa di lega, in teoria uno match senza storia e che in vece ha riservato un finale interminabile ai rigori. Non la classica dose , ma ben 30 tiri dal dischetto. A spuntarla è stato il Liverpool, che dopo essere stato raggiunto sul 2-2 allo scadere dei supplementari è riuscito ad avere la meglio ai rigori 14-13 (16-15 il risultato finale) con Mario Balotelli a segno due volte dal dischetto. Decisivo l'errore dal dischetto di Adomah.

FONTE: Leggo.it