Header ADS

FUSCO E L'HELLAS...


INTERVISTA AL CORRIERE DI VERONA 'Cosa ho sbagliato? Ammetto che tante cose le farei in modo diverso. L’operazione Caceres, intanto, e poi chiuderei per Cutrone. Consegnerei all’allenatore una rosa più completa già in ritiro. Su Cassano mi assumo la responsabilità. Non ho capito che Antonio, fuoriclasse formidabile, non faceva al caso nostro. Ho ceduto a una suggestione. Pazzini? Mi dispiace che abbia frainteso. Ho detto che in A non poteva essere decisivo come in B, tutto qua. Non lo ritengo finito, anzi. Con lui sono sempre stato trasparente. All'esordio il Verona giocò una buona gara, perse con un Napoli in gran forma. Fu negativo per tutti vedere il Pazzo, il capitano, indicare con un gesto polemico Pecchia dopo l’1-3 su rigore. Da lì in poi è venuta meno la compattezza ambientale e si è creata una frattura mai più ricomposta con il giocatore'

LA CONFESSIONE A RADIO SPORTIVA 'Credo che il Verona poteva salvarsi fino alla fine del campionato; a gennaio le altre si sono rinforzate, noi invece no. Il presidente Setti è sempre stato molto franco nel dire che gli investimenti dovevano andare di pari passo con le possibilità per non fare la fine del Parma di qualche anno fa. Noi non potevamo fare acquisti come Pavoletti o Borriello, per raggiungere l’obiettivo serviva la compattezza e invece eravamo sempre sul filo del rasoio, anche se le responsabilità maggiori sono nostre e ce le assumiamo'

...ERA NELL'ARIA DA TEMPO ma, dopo la sconcertante prestazione di un VERONA rassegnato e timoroso nella gara più importante della stagione a Benevento, il diesse rassegna le sue irrevocabili dimissioni al presidente 'La prestazione di oggi non lascia spazio ad alcun commento. Solo dispiacere e mortificazione. Nella vita mi sono sempre assunto le mie responsabilità, ho costruito questa squadra e ho avuto dall'inizio la fiducia del Presidente Setti. Per questo rassegno le mie dimissioni in maniera irrevocabile. Non è una fuga ma una piena assunzione di responsabilità rispetto alla fiducia che ho avuto in questi 18 mesi. Sono ancora convinto che questa squadra possa salvarsi, ma servirà un moto d'orgoglio nelle prossime gare. Oggi questo orgoglio non si è visto'

DOPO IL BARI SI FA VIVO BENEVENTO: Dopo il BARI anche il BENEVENTO guarda a FUSCO come papabile nuovo diesse in caso (molto probabile) di uscita dal VERONA...

IL DIESSE SCALIGERO CONFERMA 'VIA A FINE STAGIONE' Filippo confida alla Gazzetta dello Sport di aver rifiutato il rinnovo offerto dal presidente prima di Natale e che a fine stagione se ne andrà probabilmente anche in caso di salvezza...

FUSCO al BARI?: Nei giorni scorsi il presidente SETTI aveva rivelato che, a prescindere di come sarebbe finita la stagione, il diesse FUSCO se ne sarebbe andato. Di ieri l'indiscrezione rivelata da TuttoB.com secondo la quale l'attuale dirigente scaligero avrebbe contatti col BARI per un'eventuale collaborazione nel 2018-19. Filippo andrebbe a sostituire l'ex Direttore Sportivo scaligero SOGLIANO chiamato nella massima serie...

FUSCO NON RIMARRÀ... Il 10 Febbraio, dopo mesi di silenzio, il presidente SETTI scrive tutta la sua amarezza in una lettera aperta ai tifosi e alla stampa che a suo dire rema contro in una situazione già di per sé molto difficile. Fra le tante cose che scrive colpisce anche quel 'Fusco non resterà a Verona come direttore sportivo ma resterà una persona che, come pochissime altre, ha fatto il bene di questa società' che anticipa il futuro più prossimo del VERONA, almeno per quanto concerne la direzione sportiva...


MERCATO INVERNALE 2017-18 bis, il diesse intervistato da Sportitalia confida 'Bessa ha chiesto la cessione? Assolutamente no. Per noi è un calciatore importante, lo è da quando è arrivato e l'abbiamo messo nelle migliori condizioni per poter esprimere il suo talento. Se dovessero arrivare delle offerte le valuteremo ma non abbiamo intenzione di cederlo, si è espresso in maniera eccellente in questi due anni al di là di qualche breve periodo di appannamento ed è un patrimonio da recuperare per il calcio italiano. Caceres? Abbiamo preso il calciatore facendogli firmare un contratto di un anno, si è messo a disposizione del Verona e ha dimostrato di essere un campione ritrovato. La Lazio ha fatto un'offerta al calciatore, la decisione finale spettava a lui. Con molto rispetto, essendo in scadenza, ci ha riferito di aver preso in considerazione la destinazione e la Lazio ci ha contattati per perfezionare il trasferimento il giorno dopo. Se fosse rimasto fino alla fine del campionato ci avrebbe fatto piacere. Pazzini? E' stato un protagonista assoluto lo scorso anno, ha fatto più di cento gol in carriera in Serie A. E' uno straordinario marcatore, i suoi gol hanno avuto un valore. Per noi è importante, se arriveranno offerte saranno prese in considerazione, questo vale per lui così come per gli altri calciatori, altrimenti sono sicuro che ci darà il suo contributo per raggiungere la salvezza. Obiettivi di mercato? Stiamo cercando di definire le situazioni di Petkovic e Matos in queste ore, sono contento. Stiamo trattando anche un ritorno gradito come quello di Boldor. Per D'Alessandro la situazione è più complicata, Boye è un profilo che seguiamo, ha caratteristiche che possono dare una mano al Verona e il Verona può cercare di dargli un minutaggio maggiore rispetto al Torino, i granata decideranno quale sarà la strategia migliore per valorizzare il suo talento».'

MERCATO INVERNALE 2017-18, il diesse fa il punto 'Questa squadra può e deve essere migliorata, cercheremo di muoverci per completare quanto non siamo riusciti a fare nel mercato estivo. Cerchiamo calciatori che possano essere utili nel girone di ritorno, l'idea è quella di rafforzare la squadra con elementi pronti e che conoscano già il campionato italiano. Vogliamo anche continuare a dare spazio ai nostri giovani, anche quelli con richieste come Fares e Verde. Dobbiamo completare la rosa, alcuni profili li stiamo seguendo da un po', vogliamo calciatori motivati e vogliosi di essere decisivi. Abbiamo degli obiettivi già definiti in mente, che possano venire a darci una mano, a prescindere dall'età e dal minutaggio che potranno trovare, speriamo di averli a nostra disposizione già per la partita contro il Crotone. Proveremo a prendere una punta centrale e un esterno offensivo, in tutti cercheremo la motivazione e la voglia di mettersi in discussione. Da tutti voglio determinazione e umiltà, caratteristiche fondamentali per i calciatori che ho scelto per vestire la maglia del Verona, già nella scorsa stagione'

DOPO LO 0 A 5 INTERNO CONTRO LA FIORENTINA alla terza giornata di campionato troppa negatività attorno all'HELLAS, il diesse precisa il suo punto di vista e si scaglia contro i media 'Sembra che il campionato sia già finito, che il Verona sia già retrocesso, e questo fa male all’Hellas. Questa è una squadra giovane, che ha bisogno del sostegno e dell’appoggio di tutto l’ambiente. Drammatizzare in maniera eccessiva, soprattutto quando il campionato è appena iniziato, non fa il bene di nessuno. Tutti insieme dobbiamo lottare fino alla fine per raggiungere il nostro obiettivo, la salvezza. L’anno scorso abbiamo conquistato la Serie A tutti insieme, anche quest’anno avremo bisogno che tutte le componenti vadano nella stessa direzione. La salvezza passa dalla gestione dei momenti di difficoltà, soprattutto con una squadra giovane come questa, e dal sostegno dei nostri tifosi. Come già detto appena dopo la promozione in Serie A, il nostro sarà un campionato di sofferenza, il ‘Bentegodi’ deve diventare il nostro fortino. Ci saranno delle squadre con cui dovremo giocarcela fino alla fine, e dovremo saper approfittare dei passaggi a vuoto dei grandi club. Per far questo non dobbiamo cambiare la nostra mentalità, ma avremo bisogno della coesione mentale fra tutte le componenti'


INSULTI VIA FACEBOOK al diesse FUSCO da parte di un consigliere regionale, l'HELLAS potrebbe agire per vie legali. Secondo quanto riportato da TGGialloBlu.it Andrea Bassi avrebbe tra l'altro scritto 'Spero che Pazzini faccia 15 gol per sputtanare quello str... di direttore sportivo dell'Hellas... Prega il tuo dio di non trascinarci in B altrimenti veniamo a prenderti a casa e ti facciamo mangiare mozzarelle scadute prodotte in Campania'

LA CONFERENZA STAMPA DEL DIESSE ALLA CHIUSURA DI MERCATO 'Le scelte di mercato che abbiamo effettuato sono state sempre coerenti con la linea intrapresa dall’inizio di questo percorso, ovvero quella di costruire una squadra coraggiosa, con giovani di qualità e giocatori di esperienza da mettere a disposizione dell’allenatore, con un equilibrio fondamentale per poter raggiungere il nostro obiettivo. Penso che ci siamo riusciti, sono arrivati giovani di prospettiva e calciatori che potenzialmente potranno far parte della squadra anche nei prossimi anni. Sono convinto che le squadre non si facciano con i nomi, ma con idee e coerenza. La squadra ha qualità, e sono soddisfatto da questo punto di vista. Lee e Kean? Sono sempre stati nostri obiettivi e crediamo che siano pronti per la Serie A, sono giovani talentuosi che hanno scelto il Verona. Abbiamo preso giocatori fermamente convinti di venire qua per mettersi a completa disposizione della nostra causa, la prerogativa è il gruppo. Ci sono stati giocatori che non avevano la giusta convinzione di venire qui come Djordjevic, ma chi non ha entusiasmo a vestire questa maglia non ci interessa, Perché questa squadra deve essere la prima scelta. Svincolati? La squadra è al completo, ma se dovesse esserci un’occasione la prenderemmo in considerazione'

PRONTI-VIA E ARRIVA LA PRIMA CASSANATA! Poco prima delle 14.00 la Gazzetta dello Sport spara sul proprio portale web una notizia scioccante per i tifosi scaligeri (e non solo) 'A otto giorni dalla firma del contratto col Verona Antonio Cassano decide di chiudere col Calcio! Il motivo? Sembra che alla base della decisione ci sia la nostalgia verso la famiglia'. Passano poco più di due ore e alla conferenza stampa lo stesso giocatore ritira tutto 'È stato un momento di debolezza, ho fatto una cazzata, ringrazio la società per avermi fatto incontrare mia moglie ed i miei figli, ora ho le idee più chiare e voglio vincere questa sfida! Chiedo scusa ai tifosi se si sono sentiti offesi...'
Il diesse accompagna il giocatore durante la conferenza stampa e cerca di abbozzare anche quando, fuori onda, si sentono chiaramente le grida di qualche tifoso che, più di altri, si è sentito tradito dalla piazzata di 'FantAntonio'; ecco le parole di FUSCO in merito alla vicenda 'Siamo contenti che Antonio abbia cambiato idea. E' stato accolto benissimo da tutti, sono convinto che possa vincere la sua scommessa. Il calcio italiano recupera un grande giocatore. Un giocatore da solo senza squadra non serve a nulla, insieme possiamo fare molto bene. I test fisici di Antonio sono ottimi, adesso deve ritrovare il sorriso e avere il piacere di tornare a giocare calcio. Cassano può tornare ad essere uno dei principali interpreti del nostro calcio, che è sempre volto ad un gioco propositivo'.

IN RITIRO CON L'80% DI SQUADRA FATTA, una promessa pressochè mantenuta dal buon Filippo che anche quest'anno mette a segno due grossi colpi (sulla carta) come CASSANO e CERCI, ma non è da sottovalutare anche l'arrivo di HEURTAUX roccioso difensore centrale dell'UDINESE che va sicuramente a rinforzare un reparto quasi cronicamente debole, per non parlare dei giovani VERDE (interessantissimo prospetto di scuola ROMA) e FELICIOLI terzino sinistro 20enne di sicuro valore, ottima poi la conferma definitiva di Bruno ZUCULINI dal MANCHESTER CITY e l'ottenimento di Alex FERRARI dal BOLOGNA in prestito con obbligo di riscatto... Grandi mosse che il diesse spiega ai microfoni di HellasChannel.

NEWS E CURIOSITÀ DALLA PASSATA STAGIONE +   -   =
  • 2016-2017 Dopo la retrocessione patita nell'ultima stagione e l'addio della 'meteora' BIGON, patròn SETTI si affida ad un avvocato conosciuto ai tempi della dirigenza a Bologna per ripartire dalla cadetteria puntando all'immediato ritorno in Serie A, il suo nome (sconosciuto ai più) è Filippo FUSCO un uomo di poche parole che coi fatti fa vedere di che pasta è fatto: Di concerto col nuovo allenatore mister PECCHIA trattiene PAZZINI e RÔMULO, mette a segno il colpo BESSA (talentuoso fantasista di scuola INTER in cerca di rivincite) e assembla una squadra ottima per la categoria...


[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]