#BeneventoVerona in anteprima: Al 'Vigorito' ci sarà senz'altro da soffrire ma, soprattutto dopo le tante occasioni perse, Domenica più che mai sarà per gli scaligeri la gara (l'ennesima) dall'unico risultato: Vincere o morire!

Pubblicato da Smarso giovedì 1 marzo 2018 22:28, vedi , , , , , , , , , , , | Nessun commento


#BeneventoVerona +   -   =

...Certo la vittoria contro il TORINO ha ridato entusiasmo e riacceso speranze mettendo SPAL e CAGLIARI a portata direbbe chi vede il bicchiere mezzo pieno ma il VERONA rimane comunque al penultimo posto e per rimanere in Serie A sarà comunque necessario sorpassare sia i ferraresi che i sardi ribatterebbe chi invece osserva un bicchiere quasi vuoto.
Di certo c'è che l'HELLAS ha finalmente (ri)espugnato il Binti dopo più di due mesi di sconfitte interne consecutive (quanto brucia ancora quella col CROTONE che ora è avanti anche per la classifica avulsa) come in occasione dell'insperato 3 a 0 al MILAN a cui seguì ahinoi l'indegna partita al 'Dacia Arena' di Udine; ma dopotutto è proprio quest'altalena di emozioni a caratterizzare da sempre chi tifa gialloblù: Sempre in bilico tra gioie e dolori!
Al 'Vigorito' ci sarà senz'altro da soffrire ma, soprattutto dopo le tante occasioni perse, Domenica più che mai sarà per gli scaligeri la gara (l'ennesima) dall'unico risultato: Vincere o morire!

Statistiche Opta (It.EuroSport.com)

  • L’unico precedente in Serie A tra queste due squadre è la partita di andata, vinta 1-0 dal Verona: due sfide anche in Serie B con una vittoria del Benevento e un pareggio.
  • Tutte le tre vittorie del Benevento in questo campionato sono arrivate nelle ultime otto partite.
  • Il Benevento ha conquistato 10 punti in questo campionato, tutti in casa e nelle sei gare interne più recenti.
  • Era dal 1955/56 (Pro Patria) che una squadra di Serie A non concedeva almeno 60 gol nelle prime 26 partite di campionato.
  • Nemmeno un pareggio per il Verona nelle ultime 10 partite di campionato: tre successi e sette sconfitte per i gialloblu.
  • Il Verona ha perso quattro delle ultime cinque trasferte in campionato: nel mezzo una vittoria per 4-1 sulla Fiorentina.
  • Il Benevento è la squadra che ha segnato meno gol di testa (due, primato condiviso con SPAL e Crotone) e concesso più reti con questo fondamentale (12) nel campionato in corso.
  • Benevento (56%) e Verona (42%) sono due delle tre squadre che in percentuale hanno segnato di più sugli sviluppi di calcio piazzato in questo campionato (42% anche per la SPAL).
  • Il Benevento è la squadra che ha utilizzato più giocatori diversi in questo campionato (37).
  • Mattia Valoti ha segnato due gol nell’ultima partita: tutte le sue tre reti in Serie A sono però arrivate al Bentegodi.

Precedenti
Unico precedente tra le Streghe e i Mastini al Vigorito di Benevento è quello della stagione scorsa in cadetteria quando mister BARONI punì l'HELLAS di PECCHIA forse troppo lezioso (benchè in inferiorità numerica): Era il 10 Settembre 2016 e i campani vincevano per 2 a 0.

Ad arbitrare la partita è stato designato il signor Valeri della sezione AIA di Roma 2.

BENEVENTO 2-0 VERONA highlights del 10 Settembre 2016 in Serie B


QUI BENEVENTO
Tifosi di casa pronti alla pañolada stile Liga contro alcune decisioni arbitrali ritenute penalizzanti per il BENEVENTO a San Siro nell'ultimo turno di campionato.
Qualche problemino in mezzo al campo per mister DE ZERBI che dovrà rinunciare allo squalificato VIOLA e utilizzare probabilmente CATALDI tra GUILHERME e SANDRO (non al meglio). Fuori per infortunio ANTEI e l'ex gialloblù D'ALESSANDRO.
Al centro dell'attacco sarà ballottaggio fino all'ultimo tra CODA e DIABATÉ mentre ai lati sono confermatissi DJURICIC ed il giovane BRIGNOLA.

Convocati
C'è anche SANDRO ma mister DE ZERBI dice che non lo rischierà...

PORTIERI: 81 Puggioni, 22 Brignoli, 12 Piscitelli;
DIFENSORI: 18 Gyamfi, 23 Venuti, 83 Sagna, 29 Billong, 3 Letizia, 21 Costa, 6 Djimsiti, 16 Tosca;
CENTROCAMPISTI: 8 Cataldi, 4 Del Pinto, 20 Memushaj, 30 Sandro, 31 Djuricic;
ATTACCANTI: 26 Parigini, 87 Lombardi, 66 Guilherme, 33 Iemmello, 99 Brignola, 25 Diabate, 11 Coda.

Probabile formazione
4-2-3-1 con Puggioni; Sagna, Djimsiti, Tosca, Letizia; Cataldi, Del Pinto; Guilherme, Djuricic, Brignola; Coda


QUI VERONA
RÔMULO squalificato salterà la gara al Vigorito, hanno recuperato e sono partiti in ritiro con la squadra BÜCHEL e HEURTAUX mentre VALOTI, vittima di un trauma distrattivo al polpaccio sinistro, è rimasto a curarsi a Verona.
Finalmente è tornato a disposizione anche BIANCHETTI che ha scelto la 22.

Convocati
1. Nicolas , 4. Laner, 7. Verde, 8. Fossati, 9. Kean, 12. Caracciolo, 14. Zuculini, 16. Aarons, 17. Silvestri, 21. Lee, 22. Bianchetti, 23. Calvano, 25. Boldor, 26. Vukovic, 28. Ferrari, 30. Matos, 37. Bearzotti, 40. Coppola, 69. Souprayen, 70. Petkovic, 75. Heurtaux, 77. Buchel, 93. Fares, 97. Felicioli

Probabile formazione
4-4-1-1: Nicolas; Ferrari-Caracciolo-Vukovic-Fares; Matos-Calvano-Buchel-Verde; Petkovic; Kean

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =

Mister DE ZERBI tecnico del BENEVENTO «È una partita importante un po’ più delle altre. Proveremo a fare una buona gara, al di là della disposizione tattica e di chi gioca. Il presidente? Cerchiamo sempre di dargli una soddisfazione e domani ancora di più, perché averlo vicino negli allenamenti e in ritiro è sempre meglio. Conoscendolo, sono certo che tornerà presto con noi. Non dobbiamo pensare che sia una passeggiata dopo le prestazioni positive contro Napoli, Crotone e Inter. Hanno il doppio dei nostri punti, quindi dobbiamo rispettarli. Abbiamo l’obbligo e la voglia di vincerla assalendoli dal primo minuto. Domani abbiamo bisogno del Benevento al massimo, così come la gente che deve spingere al cento per cento. Se riusciamo a fare punti in queste tre partite ne mancheranno nove e arrivare con uno svantaggio minore permetterebbe di iniziare ciò che abbiamo rincorso fino a oggi. Per arrivare a quella distanza bisogna fare una partita come se fosse l’ultima spiaggia. Voglio che le mie squadre abbiano sempre la cattiveria e il coraggio di osare, attaccando e difendendo secondo le nostre caratteristiche. Sandro viene in panchina, ma non lo rischio. Non si è mai allenato. Chi lo sostituirà avrà le giuste motivazioni per non farlo rimpiangere. Così come per Viola. Abbiamo due assenze pesanti, ma dobbiamo comunque giocare con la giusta mentalità, con cattiveria, personalità e col coraggio di osare» HellasLive.it

Mister PECCHIA «L'obiettivo di questo ritiro era quello di poterci allenare con le condizioni climatiche migliori per permetterci di preparare la sfida di domenica e siamo soddisfatti di come abbiamo lavorato, anche grazie alla professionalità, alla serietà e alle strutture di altissimo livello che il Centro di Preparazione Olimpica del CONI ci ha messo a disposizione. Il Benevento? Partita importante, come lo sono quelle che che andremo ad affrontare da qui alla fine. Loro stanno facendo buone cose, anche a Milano contro l'Inter hanno fatto una grande prestazione di qualità e personalità, noi dovremo affrontarli rispondendo colpo su colpo. Dobbiamo scendere in campo cercando di fare la partita e di ottenere il massimo, giocando a calcio con la giusta voglia e determinazione. L'ambiente del Vigorito? Ci sarà uno stadio caldo, ma si gioca in campo, alla fine conterà quello che dirà il terreno di gioco. Le assenze di Valoti e Romulo? E' un peccato, Mattia veniva dalla grande prestazione contro il Torino e aveva molto entusiasmo, ma sono sicuro che chi scenderà in campo al posto loro avrà la stessa voglia di fare risultato e darà il massimo per la squadra. Come arriva il Verona a questa sfida? Credo che la partita con il Torino, al di là della vittoria, abbia dato alla squadra quella maturità che ci ha permesso di affrontare al meglio i momenti difficili della sfida. Di partita in partita questi ragazzi acquisiscono gli aspetti positivi dalle prestazioni che mettono in campo, con una maggior consapevolezza nelle proprie capacità» HellasVerona.it

Davide PELLEGRINI a Hellas Channel «Contro il Benevento partita non dico decisiva ma quasi.Come tutti i tifosi del Verona mi auguro che riesca a fare risultato e soprattutto a salvarsi» HellasLive.it

Nanu GALDERISI a L'Arena «De Zerbi fa giocare molto bene la squadra e a momenti se non proprio il colpaccio escono da San Siro contro l’Inter con un pari. È chiaro per loro è une delle ultime chance. Non vedo una partita da tripla. Per me o vince il Benevento o, come mi auguro, l’Hellas. È una tappa fondamentale. Spetta a Pecchia ed ai suoi ragazzi il compito di studiare l’avversario di turno ma loro devono giocare ogni gara alla morte. Che sia a Benevento, a Torino con la Juve o in casa con la Spal, i gialloblù non devono fare calcoli e ottenere il massimo da ogni gara da qui alla fine del campionato. Dico che la vittoria sui granata è stata fondamentale. Ho fatto un saltino sulla sedia quando Valoti ha fatto il secondo gol. Giuro. Adesso la squadra è cambiata, meno tecnica ma più fisica ed ora il tempo stringe, quindi avanti alla morte senza troppi calcoli.» HellasLive.it

Bomber PENZO a 'La Gazzetta dello Sport' «De Zerbi fa giocare molto bene la squadra e a momenti se non proprio il colpaccio escono da San Siro contro l’Inter con un pari. È chiaro per loro è une delle ultime chance. Non vedo una partita da tripla. Per me o vince il Benevento o, come mi auguro, l’Hellas. È una tappa fondamentale. Spetta a Pecchia ed ai suoi ragazzi il compito di studiare l’avversario di turno ma loro devono giocare ogni gara alla morte. Che sia a Benevento, a Torino con la Juve o in casa con la Spal, i gialloblù non devono fare calcoli e ottenere il massimo da ogni gara da qui alla fine del campionato. Dico che la vittoria sui granata è stata fondamentale. Ho fatto un saltino sulla sedia quando Valoti ha fatto il secondo gol. Giuro – ha dichiarato Giuseppe “Nanu” Galderisi a larena – Adesso la squadra è cambiata, meno tecnica ma più fisica ed ora il tempo stringe, quindi avanti alla morte senza troppi calcoli.» HellasLive.it

Il diesse FUSCO al 'Corriere di Verona' «Le vittorie danno entusiasmo e dopo la grande prestazione con il Torino serve confermarsi. Il Benevento è in forma. Hanno ingaggiato giocatori di caratura internazionale, come Sandro e Sagna. Mi aspetto una partita aperta, combattuta e un Verona sempre all'altezza, che prosegua lungo la strada intrapresa. Noi non ci arrendiamo mai» CalcioMercato.com

Graziano BATTISTINI parla di DANZI centrocampista della Primavera scaligera suo assitito «E' un centrocampista che può ricoprire più ruoli, dall'esterno basso alla mezza'ala. Ha forza, gamba e un cambio di passo importante grazie a una resistenza organica fuori dal comune: riesce a coprire più zone del campo. E adesso sta tirando anche fuori la personalità e vede sempre di più la porta. La conclusione è un'arma in suo possesso che sta scoprendo sempre di più. Il suo futuro? A fine stagione faremo il punto con la dirigenza del Verona per capire se fargli fare un passaggio esterno nella prossima stagione o se il Verona vorrà valorizzarlo internamente. E' sicuramente un patrimonio importante della società scaligera» TuttoMercatoWeb.com

Nico PENZO «La salvezza, a parer mio, passa per due fattori: la spinta del Bentegodi e gli scontri diretti. Con il Toro ho visto uno stadio meno arrabbiato e, finalmente, capace di supportare la squadra, al di là delle difficoltà. Restare uniti, adesso, è determinante. Ricordiamoci che i tifosi hanno seguito il Verona in momenti più duri di questo: non lo lasceranno solo proprio ora. Quanto alla partite con le concorrenti per rimanere in A, ovviamente non sono ammessi sbagli» Hellas1903.it

GUILHERME esterno d'attacco del BENEVENTO «A Milano abbiamo fatto una grande partita in uno stadio davvero importante. Il primo tempo è stato più che positivo: potevamo ottenere un risultato diverso. Contro il Verona sarà molto difficile, ma giochiamo in casa e avremo una spinta in più. Daremo il massimo. Personalmente credo ancora nella salvezza e lo farò sempre.» TuttoMercatoWeb.com

Dopo aver visionato i bilanci dell'Hellas Verona, i rappresentanti dell'associazione "Verona col Cuore" intervengono ai microfoni di Telenuovo 'Volpi dentro il Verona? Fisicamente non possiamo dire questo, sicuramente c'è la presenza di soldi che arrivano da persone terze. Aver creato una struttura societaria di questo tipo può essere stato causato da queste necessità. Le dichiarazioni di Setti sulla società "Falco" trasferita dal Lussemburgo all'Italia? Vogliamo leggerla in positivo, il primo bilancio disponibile sarà quella del 30 giugno 2018. Avremo più strumenti per analizzare facilmente la situazione. Abbiamo visionato i documenti e abbiamo trovato una gestione economica in equilibrio, dove si pareggia il bilancio con la cessione di giocatori per creare plusvalenze. Non ci sono debiti con le banche e con l'erario ma da quello che abbiamo capito che non ci sono fondi per investire, era facile da intuire: basta vedere il mercato di gennaio fatto di prestiti secchi. La figura dell'osservatore albanese come amministratore unico della Falco? Non abbiamo nessun dato per comprendere per qualche motivo a capo ci sia questo signore albanese. Comunque un socio può decidere liberamente chi possa amministrare la società'

SAGNA terzino del BENEVENTO «Con l’Inter abbiamo giocato molto bene e penso che c’erano tutte le possibilità per andare via da San Siro con un sorriso. Questa gara deve farci pensare che se giochiamo sempre così tutto è possibile. Quello che è successo è passato. Pensiamo alla prossima contro il Verona: sarà molto importante vincere a casa nostra» Hellas1903.it


Radiografia del Gol gialloblù 2017/2018
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
PAZZINI044
KEAN044
CÁCERES033
ZUCULINI B.123
VERDE213
VALOTI022
CERCI022
RÔMULO011
VERDI011
CARACCIOLO011
BESSA011
VUCKOVIĆ011
FERRARI011
FARES101

ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

Che disdetta per RICCARDI! Stagione finita per il difensore classe '96 di proprietà HELLAS in prestito al LECCE ma già rientrato a Verona per le cure del caso...

Bentornato Matteo! Dopo mesi ai margini ad allenarsi BIANCHETTI torna abile e arruolabile anche per la prima squadra alla 27 giornata



IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

VITA DA EX: Aladino VALOTI, ex mediano all'HELLAS e papà di Mattia, è il nuovo diesse del PALERMO dopo l'addio di Fabio LUPO...

COPPA ITALIA: La JUVE elimina l'ATALANTA grazie ad un rigore... Generoso? Palo clamoroso del Papu GOMEZ. Il MILAN batte ai rigori la strafavorita LAZIO, la finale sarà tra bianconeri (alla terza vittoria consecutiva) e rossoneri galvanizzati dal 'metodo GATTUSO'...

BIGLIETTI TAROCCATI PER ENTRARE ALLO STADIO: A Palermo arrestate 9 persone ma lo scandalo si allarga, nell'ultimo PALERMO-VERONA presente sugli spalti anche una vecchietta di 95 anni e mezzo? Mmmh no magari era il nipote...



RASSEGNA STAMPA +   -   =
Benevento-Verona: probabili formazioni e statistiche
Enrico Turcato

Tutte le tre vittorie del Benevento in questo campionato sono arrivate nelle ultime otto partite.

Probabili formazioni
Benevento (4-2-3-1): Puggioni; Sagna, Tosca, Djimsiti, Letizia; Memushaj, Cataldi; Djuricic, Guilherme, Brignola; Coda. Allenatore: De Zerbi
Indisponibili: Antei, D’Alessandro, Sandro
Squalificati: Viola

Verona (4-4-2): Nicolas; Ferrari, Caracciolo, Vukovic, Fares; Verde, Calvano, Buchel, Matos; Petkovic, Kean. Allenatore: Pecchia
Indisponibili: Valoti, Cerci
Squalificati: Romulo

Statistiche Opta
L’unico precedente in Serie A tra queste due squadre è la partita di andata, vinta 1-0 dal Verona: due sfide anche in Serie B con una vittoria del Benevento e un pareggio.

Tutte le tre vittorie del Benevento in questo campionato sono arrivate nelle ultime otto partite.

Il Benevento ha conquistato 10 punti in questo campionato, tutti in casa e nelle sei gare interne più recenti.

Era dal 1955/56 (Pro Patria) che una squadra di Serie A non concedeva almeno 60 gol nelle prime 26 partite di campionato.

Nemmeno un pareggio per il Verona nelle ultime 10 partite di campionato: tre successi e sette sconfitte per i gialloblu.

Il Verona ha perso quattro delle ultime cinque trasferte in campionato: nel mezzo una vittoria per 4-1 sulla Fiorentina.

Il Benevento è la squadra che ha segnato meno gol di testa (due, primato condiviso con SPAL e Crotone) e concesso più reti con questo fondamentale (12) nel campionato in corso.

Benevento (56%) e Verona (42%) sono due delle tre squadre che in percentuale hanno segnato di più sugli sviluppi di calcio piazzato in questo campionato (42% anche per la SPAL).

Il Benevento è la squadra che ha utilizzato più giocatori diversi in questo campionato (37).

Mattia Valoti ha segnato due gol nell’ultima partita: tutte le sue tre reti in Serie A sono però arrivate al Bentegodi.

FONTE: It.EuroSport.com

03 MAR
LIEVE MALORE PER IL PRESIDENTE. I MEDICI CONSIGLIANO RIPOSO.

Il presidente Oreste Vigorito, questa mattina, ha accusato un lieve malore. Al momento, la situazione clinica è stabile e sotto controllo. I medici, in via cautelativa, hanno consigliato un breve periodo di riposo. Pertanto, domani, il Presidente non potrà assistere alla partita del Benevento contro l'Hellas Verona ma, come sempre, sarà vicino alla squadra e alla Città tutta.

03 MAR
#BENEVENTOHELLASVERONA: SONO 23 I CONVOCATI DI MISTER DE ZERBI

Paduli - Al termine dell'odierna seduta di rifinitura, il tecnico Roberto De Zerbi ha diramato l’elenco dei 23 calciatori convocati per la gara di domani 4 marzo, ore 15:00, presso lo stadio "C. Vigorito", contro l’Hellas Verona:

PORTIERI: 81 Puggioni, 22 Brignoli, 12 Piscitelli;
DIFENSORI: 18 Gyamfi, 23 Venuti, 83 Sagna, 29 Billong, 3 Letizia, 21 Costa, 6 Djimsiti, 16 Tosca;
CENTROCAMPISTI: 8 Cataldi, 4 Del Pinto, 20 Memushaj, 30 Sandro, 31 Djuricic;
ATTACCANTI: 26 Parigini, 87 Lombardi, 66 Guilherme, 33 Iemmello, 99 Brignola, 25 Diabate, 11 Coda.

02 MAR
#BENEVENTOHELLASVERONA: LAVORO TATTICO PER GLI STREGONI

Intensa sessione di allenamento per il Benevento, ritrovatosi questa mattina al centro sportivo di Paduli per continuare la preparazione in vista della gara di domenica contro gli scaligeri. Svolto inizialmente lavoro di riscaldamento muscolare poi esercitazioni tecniche e focus tattico. La sessione si è conclusa con una partita a campo ridotto. Hanno proseguito il programma personalizzato D’Alessandro e Sandro. Gli stregoni torneranno in campo nella mattinata di domani. Appuntamento al “C. Vigorito” per la rifinitura. Nel tardo pomeriggio (ore 18.30), mister De Zerbi incontrerà gli operatori dell’informazione presso la sala stampa “Marco Santamaria”.

FONTE: BeneventoCalcio.club


Serie A, tutto su Benevento-Verona: orario, probabili formazioni e dove vederla
Tutto quello che c’è da sapere su Benevento-Verona, match decisivo per la salvezza. Come arrivano le squadre, i precedenti e le statistiche


Niccolò Bambini 1 marzo 2018
Affascinante sfida per la salvezza quella che andrà in scena al Vigorito tra Benevento e Verona. I sanniti vengono dalla sconfitta di San Siro, ma potranno contare sull’aiuto dei tifosi. I gialloblu, invece, arrivano dal fondamentale successo contro il Torino.

Come arriva il Benevento
Nell’ultima gara di campionato il Benevento è stato sconfitto a San Siro contro l’Inter. In casa, però, sono tre le vittorie nelle ultime quattro partite. Negli ultimi quattro match i campani hanno subito 12 gol, dato che non può passare inosservato. Il quartultimo posto è distante 11 punti, quindi i ragazzi di De Zerbi devono portare a casa i tre punti per continuare a sperare nella salvezza.

Come arriva il Verona
Gli scaligeri sono reduci dal fondamentale successo contro il Torino, vittoria che mancava da tre partite. Ma nelle ultime sette trasferte i veronesi hanno ottenuto solo due successi a fronte di quattro sconfitte e un pari. Il quartultimo posto è distante solo due lunghezze.

Orario e come vederla in tv
Benevento-Verona sarà trasmessa sulla piattaforma satellitare Sky, sul canale Sky Calcio 5 (255). Per gli abbonati sarà possibile la visione in streaming su SkyGo. Fischio d’inizio domenica 4 marzo alle ore 15:00.

Probabili formazioni
De Zerbi dovrà fare a meno di Viola squalificato. In dubbio anche Sandro. Al loro posto spazio a Cataldi e Del Pinto, con Djuricic a completare il reparto. Davanti ancora out D’Alessandro, con Brignola a sinistra e Guilherme a destra. Coda unica punta.

Nel Verona non ci sarà lo squalificato Romulo. A centrocampo potrebbe ritornare Buchel ma si deciderà solo all’ultimo, ballottaggio con Verde e Matos per due maglie da titolari.

Benevento (4-3-3): Puggioni; Sagna, Djimsiti, Costa, Letizia; Cataldi, Del Pinto, Djuricic; Guilherme, Coda, Brignola. All. De Zerbi

Verona (4-4-2): Nicolas; Ferrari, Caracciolo, Vukovic, Fares; Verde, Calvano, Valoti, Matos; Petkovic, Kean. All. Pecchia

Precedenti e statistiche
Non ci sono precedenti in A tra queste due squadre al Vigorito. Le due squadre si sono incrociate 4 volte in passato. È successo due volte in B, lo scorso anno, con le streghe vincenti all’andata ma fermate sul pari al ritorno. All’andata vittoria per il Verona con un gol di Romulo.

FONTE: CalcioDAngolo.com


01-03-2018
Benevento: De Zerbi prepara il match-salvezza contro l'Hellas Verona
De Zerbi dovrà fare a meno di Sandro e D'Alessandro, speranze campane affidate al giovaner Brignola. Contro l'Hellas Verona sarà comunque 4-3-3: l'obiettivo è quello di vincere


ANTONIO ABATE
Non c'è pace per il Benevento di Roberto De Zerbi. Al di là di una situazione di classifica disperata, infatti, i giallorossi dovranno fare i conti con numerosi forfait in vista della prossima sfida di campionato contro l'Hellas Verona. Una specie di incrocio-salvezza in cui i sanniti dovranno necessariamente vincere per continuare a sognare una permanenza in A più impossibile che difficile, il match di domenica, a cui sicuramente non parteciperà il centrocampista Sandro, infortunatosi al soleo della gamba destra. L'ex Tottenham ha cominciato il personale recupero, costringendo De Zerbi a cambiare gli iniziali piani tattici. Forfait anche per Marco D'Alessandro, che continua con il programma di recupero.

Le due assenze pesanti non dovrebbero portare, comunque, ad un cambio tattico, con il tecnico dei sanniti intenzionato a confermare un offensivo 4-3-3. Nella zona mediana del campo spazio dunque a Del Pinto, incaricato di sostituire Sandro ma comunque in ballottaggio con Memushaj. Chiavi del gioco affidate a Cataldi, affiancato anche da Guilherme. Davanti al confermatissimo portiere Puggioni, la retroguardia a quattro dovrebbe prevedere la presenza di Sagna e Letizia ai lati, mentre per il centro è ballottaggio tra Djimsiti e Costa al fianco di Tosca. In attacco nessun problema per Djuricic e Brignola, Coda rischia visto il positivo stato di forma di Diabatè.

Al di là degli schematismi tattici, contro l'Hellas Verona il Benevento dovrà dare prova di coraggio, riprendendo il discorso interrotto dopo le due vittorie contro Chievo e Sampdoria. Soprattutto nel 3-2 doriano, i ragazzi di De Zerbi dietro prova di grande condizione atletica, andando ad aggredire il centrocampo e limitando il gioco di Torreira. I sanniti dovranno fare lo stesso nel prossimo match, costringendo gli esterni scaligeri a retrocedere a centrocampo ed isolando il tandem offensivo formato da Kean e Petkovic. Difficile, ma non impossibile.

FONTE: Vavel.com


SERIE A
Benevento-Verona: probabili formazioni, orario e dove vederla in Tv e streaming
Spareggio salvezza tra Benevento e Verona: per i sanniti uno degli ultimi treni da prendere, scaligeri in piena corsa dopo la vittoria sul Torino.

Redazione Goal Italia
06:10
La salvezza chiama, Benevento e Verona obbligate a rispondere. Spareggio salvezza tra sanniti e scaligeri, con gli uomini di Pecchia tornati in piena corsa dopo il successo sul Torino. Per le Streghe, invece, dopo i complimenti è il momento di macinare punti per tentare una missione ai limiti del possibile.

DOVE E QUANDO
Benevento-Verona si giocherà domenica 4 marzo alle ore 15:00 allo stadio Ciro Vigorito.

DOVE VEDERLA IN TV E STREAMING
La sfida tra Benevento e Verona sarà trasmessa in esclusiva sulla piattaforma satellitare Sky, sul canale Sky Calcio 5. Il match, inoltre, sarà visibile anche attraverso il servizio streaming SkyGo.

PROBABILI FORMAZIONI
De Zerbi dovrebbe riproporre quasi gli stessi uomini che tanto bene hanno fatto per un'ora a San Siro contro l'Inter proponendo il 4-2-3-1: lo squalificato Viola rimpiazzato da Cataldi, a centrocampo entra anche Del Pinto al posto dell'infortunato Sandro. Sagna titolare ormai inamovibile, in attacco Coda supportato da Guilherme, Djuricic e Brignola.
Pecchia dovrà fare i conti con l'assenza di Romulo, appiedato dal giudice sportivo: sarà sostituito da Matos. Nel 4-4-2, l'ex Udinese e Verde giostreranno da esterni di centrocampo, davanti il tandem Kean-Petkovic. Out anche uno dei giocatori più in forma degli scaligeri, Valoti, ko per un trauma distrattivo al polpaccio sinistro. Da valutare l'eventuale recupero di Buchel, pronto ancora Calvano a sostituirlo.

BENEVENTO (4-2-3-1): Puggioni; Sagna, Djimsiti, Tosca, Letizia; Cataldi, Del Pinto; Guilherme, Djuricic, Brignola; Coda.
VERONA (4-4-2): Nicolas; A. Ferrari, Caracciolo, Vukovic, Fares; Verde, Calvano, Fossati, Matos; Kean, Petkovic.

FONTE: Goal.com


Hellas Verona, out Romulo, a rischio Buchel. Con il Benevento Matos o Aarons
PROBLEMI DI FORMAZIONE PER PECCHIA, CHE NON POTRÀ CONTARE NEMMENO SU CERCI, ZACCAGNI ED HEURTAUX
Redazione Fantagazzetta | 28/02/2018 22:14 1'
Buchel (Getty Images)

Problemi per l’Hellas Verona, che contro il Benevento dovrà fare a meno di un giocatore chiave, Romulo, fermato dal Giudice Sportivo. A rischio anche Buchel, fermo a causa di un trauma contusivo alla coscia: il centrocampista è in dubbio, al suo posto potrebbe esserci Calvano. Sicuramente out Cerci, Zaccagni ed Heurtaux.

Ballottaggio tra Matos e Aarons in vista della sfida contro i sanniti, con il primo favorito per un posto sulla fascia; sull’altro lato del 4-4-2 di Pecchia ci sarà Verde.

FONTE: FantaGazzetta.com


Calcio Serie A: contro il Verona il Benevento è pronto a ripartire
27/02/2018

Il tempo deve permettere di far evaporare tutti i giusti veleni e rimpianti e soprattutto deve far dimenticare le ingiustizie subite sabato scorso al “Meazza” di Milano.
Soprattutto bisogna dimenticare, ed anche subito, l’infelice arbitraggio di Pairetto e degli addetti al VAR, ricordando soltanto la prestazione convincente del “Meazza”, anche perché alcuni risultati hanno permesso alla “strega” di non arrendersi e di continuare a puntare ad una miracolosa salvezza.

Questo anche perché nelle parti basse della classifica la situazione è diventata un po’ più possibilista, con Crotone e Sassuolo che si sono avvicinate.
Inoltre, bisogna considerare che domenica ci sarà al “Vigorito” una vera e propria sfida salvezza contro l’Hellas Verona che i giallorossi devono assolutamente da vincere per poter continuare a sperare, puntando anche a qualche altro risultato che potrebbe far sorridere i giallorossi.

Intanto, per la gara contro l’Hellas Verona certamente De Zerbi dovrà rinunciare a Viola, ingiustamente espulso sabato sera da Pairetto, mentre devono essere vagliate bene le condizioni di Sandro, diventato il vero e proprio uomo squadra.
Per il resto De Zerbi dovrebbe avere tutti gli uomini a disposizione, con il solo D’Alessandro che difficilmente riuscirà a recuperare.
GINO PESCITELLI


PARTITE


CLASSIFICA


PROSSIMO TURNO


Bologna - Genoa 2-0


Napoli 69


Atalanta - Sampdoria


Cagliari - Napoli 0-5


Juventus 65


Benevento - H. Verona


Crotone - Spal 2-3


Lazio 52


Chievo - Sassuolo


Fiorentina - Chievo1-0


Inter 51


Genoa - Cagliari


Inter - Benevento 2-0


Roma 50


Lazio - Juventus


Juventus - Atalanta  rin.


Sampdoria 44


Milan - Inter


Roma - Milan 0-2


Milan 44


Napoli - Roma


Sampdoria - Udinese 2-1


Atalanta 38


Spal - Bologna


Sassuolo - Lazio 0-3


Torino 36


Torino - Crotone


H. Verona - Torino 2-1


Fiorentina 36


Udinese - Fiorentina


 


Udinese 33


 


 


Bologna 33


 


 


Genoa 30


 


 


Cagliari 25


 


 


Chievo 25


 


 


Sassuolo 23


 


 


Crotone 21


 


 


Spal 20


 


 


Hellas Verona 19


 


 


Benevento 10


  


FONTE: RealtaSannita.it


Hellas Verona, una fiammella di speranza che non accenna a spegnersi
di: Mattia Cagalli - 1 marzo 2018
Si dice che la speranza è l’ultima a morire ma l’illusione è un’arma pericolosissima.

Dopo le vittorie sul Sassuolo, il Milan e la Fiorentina, quella di domenica sul Torino non mi farà cambiare idea. L’Hellas Verona ha pochissime cianche di salvezza a causa della rosa e della poca cattiveria messa in campo fino ad ora.

Alla mancanza di qualità, bisogna sopperire con la volontà e nelle partite fondamentali, tale aspetto è mancato totalmente; emblema la partita casalinga con il Crotone. Vincere con i rossoneri e poi fare imbarazzanti débâcle con le dirette concorrenti alla salvezza, è totalmente inutile.

Prima di gridare a una nuova speranza (Star Wars cit.), attendo le due partite che in caso di vittoria, daranno davvero nuovo senso al campionato gialloblù: a Benevento e il derby con il Chievo.

Sei punti per un miracolo ancora possibile dalla mediocrità delle squadre in lotta. Difficilmente infatti la quota salvezza, supererà il trentacinque punti.

La continuità di risultati è però un aspetto fondamentale per ridare entusiasmo a una piazza che ormai non ci crede più. una piazza che ha dovuto sorbirsi un presidente che ha scoperto l’uso del video per rispondere alle domande e a una discussione epistolare, su eventi vecchi di anni.

Sinceramente rinvangare ancora la gestione “economica” del periodo Sogliano, da parte del presidente Setti, è un colpo basso e totalmente inutile. Si sarà speso di più ma si è fatto cento punti e le plusvalenze che ancora la società fa, sono basate sui giocatori portati dall’ex direttore sportivo.

Come detto però, si tratta di storie vecchie, assolutamente inutili alla realtà odierna del Verona. Meglio pensare all’oggi e al domani, il Ds Fusco e mister Pecchia lasceranno a fine campionato, qualunque sia il risultato finale.

Per ottenere punti da qui alla fine, Pecchia dovrebbe decidere finalmente una formazione base definitiva. Invece, continua a cambiare nella speranza dia azzeccare gli uomini giusti nella partita giusta. Così non si va da nessuna parte e ci si affida solamente al caso.

Invece, il mister sembra proprio puntare su questa “confusione” apparentemente ragionata. L’exploit di Valoti e di Calvano sembrano più casuali che voluti, il primo finalmente utilizzato nel suo ruolo naturale (ci voleva tanto?), il secondo eletto a titolare per disperazione e mancanza di alternative.

Ora quindi, per una prestazione accettabile, non trasformiamoli nell’Iniesta e lo Xavi di turno. Il primo era riserva in serie B, l’altro ha militato nelle serie ancora minori fino a pochi mesi fa. Calvano comunque, ennesimo giocatore voluto e portato da Sogliano.

Ci sono almeno sedici punti da fare per salvarsi.

Il calendario lo permetterebbe, ora dipende tutto dagli uomini, non solo dai giocatori.

FONTE: LaVoceDiVenezia.it


EDITORIALE
Fiammata Hellas: ora due scontri diretti da non fallire
27.02.2018 15:30 di Stefano Bentivogli Twitter: @sbentivogli10
Vittoria vitale per il Verona anche alla luce degli altri risultati delle dirette concorrenti per la salvezza. Tre punti che danno ossigeno all'Hellas, come accade anche in occasione della trasferta di Firenze. Quindi, prima di parlare di svolta bisogna attendere la partita contro il Benevento, uno scontro diretto che il Verona non deve fallire e che dirà realmente quali e quante sono le possibilità di salvezza.

Di certo si è visto un netto miglioramento rispetto alle precedenti partite. Approccio giusto, capacità di soffrire, voglia di recuperare dopo il pareggio subito e grande reazione trovando di nuovo il gol che è valso i tre punti. Il Verona deve ripartire da qui, dalla voglia, dalla prestazione e dall'atteggiamento mostrato in campo contro il Toro. Il Verona ha squillato, per la salvezza ci sono anche i gialloblu.

Ora serve continuità. Le altre non stanno a guardare e il Verona non può permettersi di sbagliare in particolare negli scontri diretti. Prima il Benevento, poi il Chievo anche lui risucchiato nelle zone basse della classifica. Il Verona deve fare il suo, provare a fare bottino pieno in entrambe le gare che saranno da crocevia della stagione dell'Hellas.

FOCUS
Il Mattino di Benevento: "Benevento-Verona assalto al treno salvezza"
27.02.2018 12:00 di Ilaria Lauria
Fonte: Il Mattino
La ridda di polemiche per le discutibili scelte arbitrali di Milano non accenna a placarsi,ma De Zerbi (ieri sera ospite alla trasmissione sportiva «TikiTaka» su Italia 1) ha già la testa rivolta al Verona. Il tecnico lombardo sa bene che nessuno gli restituirà il maltolto e che i punti lasciati al «Meazza» dovrà ora andare a cercarseli nello scontro diretto con l’Hellas, ovvero un’altra partita da dentro o fuori. Gli scaligeri sono reduci dall’incoraggiante successo sul Torino che ha restituito fiducia all’ambiente e ne ha rilanciato le ambizioni in chiave salvezza. Tre punti che nonostante rendano il Benevento sempre più ultimo, non cambiano nella sostanza la mission dei giallorossi, che restano sempre a 11 punti dal Crotone (battuto in casa dalla Spal), anche se con un turno in meno a disposizione per tentare la miracolosa rimonta. Che passa necessariamente dal match contro il Verona: la situazione è più o meno la stessa della sfida con il Crotonee una vittoria è l’unica alternativa che hanno i sanniti per poter rimanere aggrappati al treno salvezza. In più, su De Zerbi, che già dovrà rinunciare a Viola e D’Alessandro, incombe il pericolo del forfait di Sandro. Il Verona (oggi sarà squalificato Romulo) invece, al pari dei calabresi dieci giorni fa,avrà a disposizione due risultati su tre, perché anche un pari potrebbe rivelarsi più che sufficiente considerato che il Crotone sarà impegnato sul difficile campo del Torino. Per questo De Zerbi, a cui nulla sfugge neppure sotto l’aspetto motivazionale, caricherà di significato la partita perché è,soprattutto,in condizioni disperate, come già ampiamente dimostrato, che riesce a tirar fuori dai suoi il massimo del potenziale.Stavolta,però, l’allenatore bresciano dovrà dedicarsi anche ad un’altra non trascurabile sfumatura: quella di ridurre al minimo il margine d’errore, perché quando il Benevento, come sta accadendo spesso, viene punito al primo errore, poi rischia di compromettere anche la restante parte di gara, costretto com’è a provare a capovolgerla prendendosi rischi eccessivi o forzando giocate che altrimenti avrebbero ben altra gestione. I calci piazzati in favore degli avversari si stanno rivelando un problema più serio del previsto. All’Olimpico come a San Siro,il Benevento si è fatto infilare più volte su azioni da palla inattiva. Oltre a pagare un gap in termini di fisicità, i giallorossi stanno incontrando diverse difficoltà nella marcatura a zona, anche se molti gol incassati sono anche frutto di distrazioni fatali dei singoli oinconcorso. De Zerbi ha ammesso le difficoltà e garantito che correrà ai ripari lavorando sodo per correggere eventuali disfunzioni e non è detto che non prenda in considerazione l’ipotesi della marcatura a uomo sulle palle da fermo.

Il tecnico è stanco di ricevere complimenti per il bel gioco ma di non raccogliere punti in trasferta. Contro l’Inter ci sono stati momenti in cui i giallorossi grazie al palleggio hanno chiuso i nerazzurri di Spalletti nella propria metà campo esponendoli a una magra figura. Sono mancate però le conclusioni, come la giusta cattiveria in zona-gol. La squadra deve essere più cinica sottoporta, tirare con maggiore frequenza, curare in maniera ancora più scrupolosa la fase dell’ultimo passaggio. Per il resto, vederla giocare è piacere per gli occhi come per i più fini palati calciofili. La quota salvezza è ancora lontana ma non irraggiungibile. Le opportunità per diminuire lo svantaggio da Sassuolo, Crotone, Spal e Verona si vanno assottigliando. Oltre a battere il Verona, il Benevento sarà obbligato a far punti a Firenze l’11 marzo e poi a superare anche il Cagliari al «Vigorito» la settimana successiva. Il ruolino di marcia è incontrovertibile: almeno 7 punti, se non 9, nelle prossime tre gare per poter alimentare la speranza, tenerla quanto meno viva.Perchépoici saranno, una dietro l’altra, Lazio e Juve. E il Benevento dovrà evitare di arrivarci con l’acqua alla gola e la scure della matematica penzolante sulla testa.

FONTE: TuttoHellasVerona.it


Verso Benevento-H. Verona: entrambe avranno un'assenza certa
N. Viola, Benevento

26 Febbraio 2018 alle 15:20
In vista di Benevento-Hellas Verona di domenica pomeriggio al "Vigorito" gli allenatori delle due squadre dovranno lavorare avendo già la certezza di una assenza certa, in ambedue i casi dovuta al Giudice Sportivo. Nel Benevento, a causa dell'espulsione per doppio giallo rimediata sabato sera al "Meazza" contro l'Inter, mancherà Nicholas Viola, mentre nell'Hellas Verona l'assente sarà il brasiliano Romulo, giustiziere dei giallorossi all'andata, appiedato dal G.s. per un turno perché, già diffidato, ha rimediato il quinto giallo che gli costerà un turno di stop. Nel Benevento saranno da monitorare, inoltre, le condizioni di Sandro: il brasiliano, tra i migliori dei suoi nelle tre partite nelle quali è stato impiegato, è uscito anzitempo dal campo nel match contro i nerazzurri e bisognerà valutarne le condizioni alla ripresa degli allenamenti.
Maurizio Morante

FONTE: IAmCalcio.it


Di Stefano Vitetta 15:27 01.03.18
Benevento-Verona, è la partita ‘della vita’: De Zerbi può tornare definitivamente in corsa
Benevento-Verona, si avvicina la gara di campionato, le due squadre pronte ad affrontarsi in una partita che vale una stagione, gli aggiornamenti

Benevento-Verona, la partita della vita. Si avvicina l’inizio della 27^ giornata del campionato di Serie A, in particolar modo turno che può risultare decisivo per le zone alte della classifica ma anche per la salvezza scontri da brividi. Su tutti quello tra Benevento e Verona, partita che vale una stagione e per entrambe le squadre. Il Benevento è stato grande protagonista dell’ultima sessione di mercato, crede alla salvezza, contro il Crotone ha conquistato tre punti preziosi, ha perso contro l’Inter ma ha disputato una partita di grande livello. Adesso il Verona davanti al pubblico con l’intenzione di conquistare tre punti e tornare definitivamente in corsa per la salvezza. La squadra di Pecchia però non ha nessuna intenzione di essere la vittima sacrificale, il Verona ha la chance anche di allontanarsi dalla zona rossa.
Per approfondire http://www.calcioweb.eu/2018/03/benevento-verona/10186733/#jdiBYXqKSYmx12Vl.99

Di Francesco Gregorace 11:15 27.02.18
Pañolada a Benevento: i tifosi organizzano una protesta al Vigorito
Pañolada a Benevento, i tifosi organizzano una protesta in vista della gara contro l'Hellas Verona che si giocherà al Vigorito

LaPresse/Gerardo Cafaro

Pañolada a Benevento, tifosi campani furiosi. Dopo le recenti gare della squadra di De Zerbi, i supporters beneventani hanno deciso di agire contro alcune decisioni arbitrali ritenute penalizzanti per il Benevento, sopratutto dopo la trasferta di Milano contro l’Inter. Secondo quanto rivelato stamane dalla Gazzetta dello sport, i tifosi che si apprestano a recarsi allo stadio Vigorito nel prossimo weekend per la gara contro il Verona, insceneranno una pañolada in perfetto stile spagnolo per far sentire la loro voce. Si tratta di un gesto simbolico e certamente “pacifico” per manifestare, sarà anche uno spettacolo da guardare sugli spalti stracolmi del Vigorito, anche se alla fine dei conti ciò che conterà maggiormente sarà vincere col Verona, gara fondamentale.

FONTE: CalcioWeb.eu


SPORT
SERIE A | Lotta salvezza: tutto riaperto. E anche quest’anno, per il Crotone, ci sarà da soffrire
Dopo le sconfitte con Benevento e Spal la formazione di Walter Zenga è stata risucchiata dalle ultime della classe. Ed il calendario non aiuta

di Alessio Bompasso martedì 27 febbraio 2018

C’è chi lotta per lo scudetto, chi per le competizioni europee e chi, invece, battaglia per restare in Serie A. La “guerra” degli ultimi della classe che appassiona quasi come quella tra i “secchioni” della massima competizione italiana di calcio. Ne sanno qualcosa i tifosi del Crotone che nell’ultima stagione hanno dovuto trattenere il respiro fino alla fine prima di poter esultare per la permanenza. Condizione evitabile in questa annata, almeno fino ad un paio di settimane fa. E, invece, adesso tutto è tornato come l’anno scorso. O quasi.

Lotta salvezza: 4 squadre invischiate
Togliendo dall’insieme il Benevento che, salvo clamorosi sviluppi, saluterà la Serie A, le squadre invischiate nella lotta per non retrocedere sono quattro. Racchiuse in quattro punti. Praticamente nulla. Dal Sassuolo (23 punti) al Verona (19 punti), dalla Spal (20 punti) al Crotone (21 punti) rischiano tutti. Chi si salverà?

La situazione del Sassuolo
Le gloriose stagioni vissute ai vertici della classifica sono solo un ricordo. 23 i punti raccolti quest’anno in campionato e un attacco che fatica terribilmente a segnare. Berardi è sparito. Gli altri non sono mai apparsi. Ed il club del patron Squinzi è ultimo per gol infilati: 15. Tre in meno del Benevento.

La situazione del Crotone
L’addio sofferto di Davide Nicola dimenticato solo grazie al filotto positivo inanellato dal suo successore. Quel Walter Zenga che in un paio di mesi sembrava aver chiuso il discorso salvezza. Riaperto dopo la debacle di Benevento e quella casalinga contro la Spal. Due scontri diretti che potrebbero pesare tantissimo alla fine dei giochi. E’ bene ricordare che lo scorso anno una grossa mano agli squali la diede proprio il cammino sulle avversarie dirette per la salvezza. Il calendario è difficilissimo. Forse il più difficile. Non resta che provare a fare risultato con le grandi. Qualcosa che quest’anno il Crotone ha già fatto.

La situazione della Spal
Tra le neopromosse è quella che ha dato più continuità di rendimento e al suo interno ha un uomo che “spacca” letteralmente le partite: l’attaccante Mirco Antenucci. E’ lui il punto forte della squadra di Semplici. L’ex Leeds si è fatto sentire sotto rete (7 gol) ma anche come rifinitore (5 assist vincenti). Ma, in generale, è tutta la manovra offensiva che funziona: 26 gol fatti e migliore attacco tra le squadre che lottano per non retrocedere.

La situazione dell’Hellas Verona
E’ la squadra che. Forse, ha più deluso le aspettative. Costruito per un campionato di metà classifica, il gruppo di Pecchia ha toccato più bassi che alti in questa stagione. Manca un riferimento in campo. Un trascinatore. Agli scaligeri non resta che affidarsi al talento scuola Juve, Kean, e al calendario. Il meno difficile, almeno sulla carta, rispetto alle altre squadre che lottano per non retrocedere.

FONTE: LaCNews24.it


Verso Benevento. Calvano ancora titolare
By Redazione - 1 marzo 2018

Contro una squadra che non ha nulla da perdere e che si riverserà tutta in attacco, il consueto schema di mister Pecchia di difendersi per poi ripartire in contropiede troverà sicuramente terreno fertile.

Se il reparto arretrato non subirà alcuna modifica e resterà il classico e rodato Nicolas, Ferrari, Caracciolo, Vukovic e Fares, non si può dire lo stesso degli altri due settori.

A centrocampo il Verona dovrà fare i conti con l’assenza di Mattia Valoti, il match winner della sfida con il Torino. Da lui ci si aspettava continuità di rendimento dopo un mese negativo, quindi la sua assenza è senza dubbio pesante visto il suo stato di forma attuale, ma, considerato che a Benevento ci sarà più da difendere per poi ripartire, forse una mediana composta da Calvano e Büchel renderà più equilibrato lo schema tattico di Pecchia.

Sicuramente più pesante risulta la squalifica di Romulo perché il laterale italo-brasiliano è il giocatore che meglio interpreta la fase di passaggio da difensiva ad offensiva e viceversa. Anche qui comunque c’è da dire che era in leggera flessione e che forse una partita di riposo può fargli bene. Al suo posto giocherà Matos, affiancato da Petkovic e da uno tra Verde e Aarons, con il giamaicano favorito viste le sue doti di contropiedista veloce. Unica punta il confermatissimo neo-maggiorenne Kean.
D.Con.

FONTE: HellasNews.it


De Zerbi: “Vogliamo dare una soddisfazione al presidente. Obbligo e voglia di vincerla. Sandro viene in panchina, non lo rischio”
marzo 3, 2018

“È una partita importante un po’ più delle altre. Proveremo a fare una buona gara, al di là della disposizione tattica e di chi gioca. Il presidente? Cerchiamo sempre di dargli una soddisfazione e domani ancora di più, perché averlo vicino negli allenamenti e in ritiro è sempre meglio. Conoscendolo, sono certo che tornerà presto con noi – ha dichiarato De Zerbi in conferenza stampa alla vigilia di Benevento-Hellas Verona – Non dobbiamo pensare che sia una passeggiata dopo le prestazioni positive contro Napoli, Crotone e Inter. Hanno il doppio dei nostri punti, quindi dobbiamo rispettarli. Abbiamo l’obbligo e la voglia di vincerla assalendoli dal primo minuto. Domani abbiamo bisogno del Benevento al massimo, così come la gente che deve spingere al cento per cento. Se riusciamo a fare punti in queste tre partite ne mancheranno nove e arrivare con uno svantaggio minore permetterebbe di iniziare ciò che abbiamo rincorso fino a oggi. Per arrivare a quella distanza bisogna fare una partita come se fosse l’ultima spiaggia. Voglio che le mie squadre abbiano sempre la cattiveria e il coraggio di osare, attaccando e difendendo secondo le nostre caratteristiche. Sandro viene in panchina, ma non lo rischio. Non si è mai allenato. Chi lo sostituirà avrà le giuste motivazioni per non farlo rimpiangere. Così come per Viola. Abbiamo due assenze pesanti, ma dobbiamo comunque giocare con la giusta mentalità, con cattiveria, personalità e col coraggio di osare”.

Romulo: “Insieme possiamo puntare a un altro risultato fondamentale per la nostra classifica!”
marzo 3, 2018

Al vostro fianco, anche se per questa volta dalla tribuna. Insieme possiamo puntare a un altro risultato fondamentale per la nostra classifica! Questo il messaggio e la foto pubblicati sui social da Romulo alla vigilia di Benevento-Hellas Verona.

Galderisi: “Allo stadio Vigorito vince il Benevento o il Verona. L’Hellas è tornato in corsa per la salvezza”
marzo 3, 2018

“De Zerbi fa giocare molto bene la squadra e a momenti se non proprio il colpaccio escono da San Siro contro l’Inter con un pari. È chiaro per loro è une delle ultime chance. Non vedo una partita da tripla. Per me o vince il Benevento o, come mi auguro, l’Hellas. È una tappa fondamentale. Spetta a Pecchia ed ai suoi ragazzi il compito di studiare l’avversario di turno ma loro devono giocare ogni gara alla morte. Che sia a Benevento, a Torino con la Juve o in casa con la Spal, i gialloblù non devono fare calcoli e ottenere il massimo da ogni gara da qui alla fine del campionato. Dico che la vittoria sui granata è stata fondamentale. Ho fatto un saltino sulla sedia quando Valoti ha fatto il secondo gol. Giuro – ha dichiarato Giuseppe “Nanu” Galderisi a larena – Adesso la squadra è cambiata, meno tecnica ma più fisica ed ora il tempo stringe, quindi avanti alla morte senza troppi calcoli. Vukovic? A me piace quel ragazzo lì, è un giocatore che ha quelle caratteristiche che sono mancate al Verona. La squadra deve andare sul concreto, questo ha pensato la società a mio avviso a gennaio. Ci vuole gente che pedala e concreta, soprattutto, Vukovic è perfetto. Giocatori che si applicano e che alla domenica eseguano quello che hanno preparato col mister durante la settimana. Kean? Lui è anche più precoce di me. È un ragazzo che ha fatto anche delle cose interessanti. Certo che per arrivare là e finalizzare, c’è bisogno di tutta la squadra. Mi sembra che tutto sommato Kean a parte, il Verona ha le possibilità di uscirne da questa brutta situazione. Deve solo dare un po’ di continuità e giocarsela con lo spirito di chi deve portare a casa a tutti i costi il risultato, perchè il tempo stringe e non ci sono alternative. Ai tifosi non devo insegnare nulla perchè sono fantastici come ai miei tempi. Però dico loro una cosa. Giusto farsi sentire per l’annata certo non esaltante, però adesso è il momento di stare uniti. I gialloblù con la vittoria sul Torino sono tornati in corsa perchè la Spal è andata a vincere a Crotone. Si deve cercare di far risultato a Benevento anche se non sarà facile, però se non dovessero arrivare i tre punti, mi raccomando, ancora più compatti di prima. So cosa vuole dire”.

Davide Pellegrini: “A Benevento partita non decisiva ma quasi”
marzo 3, 2018

“Contro il Benevento partita non dico decisiva ma quasi – ha dichiarato Davide Pellegrini a Hellas Channel – Come tutti i tifosi del Verona mi auguro che riesca a fare risultato e soprattutto a salvarsi”

Penzo: “Benevento prova di maturità per l’Hellas Verona. Se l’atteggiamento sarà timido, la vedo dura”
marzo 3, 2018

“L’Hellas Verona a Benevento dovrà dimostrare di saper fare quanto non gli è mai riuscito finora: dare continuità ad una vittoria ottenendo un nuovo risultato positivo. Già in precedenza l’Hellas, dopo aver acceso la fiducia, si è perso. Il caso più evidente è stato il 4-0 subito a Udine la settimana successiva il 3-0 rifilato al Milan. Se andrà a Benevento con un atteggiamento timido, la vedo dura. Non parlo di un vero arrogante, ma convinto dei propri mezzi, e che non rinunci mai a giocare. E serve tanta attenzione, perché di fronte avrà una squadra in forma – ha dichiarato il doppio ex, Nico Penzo, a La Gazzetta dello Sport – Assenze più pesanti quelle di Romulo e Valoti o Viola e Sandro? Contano molto sia le une che le altre, ma per l’Hellas sarà difficile rinunciare a un giocatore come Valoti, carico dopo la doppietta con il Torino, e a un contropiedista qual è Romulo. Chi la decide Benevento-Verona? Brignola e Kean. Se per il Benevento la salvezza sarebbe un miracolo, per il Verona? La prossima gara darà indicazioni più precise. Con il Torino i segnali sono stati ottimi, e non soltanto per il risultato. Aggressivo, compatto, pronto a ribaltare l’azione con efficacia: questo è il Verona che si merita la Serie A. Benevento sarà una prova di maturità”.

Serie A, domenica allo stadio Vigorito ultima contro penultima
marzo 2, 2018

Domenica allo stadio Vigorito si affronteranno l’ultima e la penultima forza della Serie A TIM, Benevento-Hellas Verona. Una sfida dove la squadra di Fabio Pecchia si giocherà una fetta importante dell’ambita salvezza. Davanti al pubblico amico, la squadra di De Zerbi ha collezionato tre vittorie (Chievo, Sampdoria e Crotone, ndr) un pareggio (2-2 contro il Milan) e ben 11 sconfitte. Sono 18 le reti realizzate dal Benevento e 60 quelle incassate, peggior difesa ed attacco del massimo campionato italiano. Sono 10 i punti collezionati in 26 giornate, +9 in classifica per l’Hellas Verona di Pecchia. I gialloblù hanno invece raccolto 5 vittorie (tre al Bentegodi e due in trasferta, ndr) 4 pareggi e 17 sconfitte in campionato, gialloblù che hanno realizzato 24 reti in 26 giornate, subendone 51, seconda peggior difesa del torneo. Lontano da Verona, 2 vittorie (Sassuolo e Fiorentina, ndr) 3 pareggi e 8 sconfitte, con 13 gol realizzati e 26 subiti. L’obiettivo salvezza dell’Hellas Verona passa dallo stadio Vigorito di Benevento.

Pupazzo di neve gialloblù
marzo 2, 2018

Un piccolo tifoso dell’Hellas Verona, grazie all’aiuto del papà, ha creato questo pupazzo di neve con tanto di sciarpa e bandiera gialloblù.

Calvano confermato dal 1’. A Benevento ballottaggio Buchel-Fossati al posto dell’infortunato Valoti
marzo 2, 2018

Allo stadio Vigorito di Benevento, Fabio Pecchia non avrà a disposizione l’infortunato Valoti ma recupera Buchel in mezzo al campo. Ballottaggio per l’ex Empoli con Fossati: il mediano centrale del Liechtenstein ha recuperato dal problema muscolare, mentre l’ex Milan non gioca una partita dal 1’ dallo scorso 23 dicembre a Udine e domenica contro il Torino è tornato a calcare il manto verde dopo sette gare consecutive tra panchina e tribuna. Ancora due allenamenti a disposizione dell’allenatore gialloblù per la decisione finale.

Benevento-Hellas Verona, venduti ad ora 102 biglietti del Settore Ospiti
marzo 1, 2018

Per Benevento-Hellas Verona, in programma domenica ore 15 allo stadio Vigorito, sono stati venduti ad ora 102 biglietti del Settore Ospiti. La prevendita chiude sabato alle ore 19.

La neve non ferma l’Hellas Verona
marzo 1, 2018

Tanta neve anche allo Sporting Center di Peschiera, ma grazie al lavoro preventivo di Parco Hotels e del suo staff, l’Hellas Verona ha potuto svolgere regolarmente l’allenamento in vista della partenza per il ritiro di Formia, in programma questo pomeriggio. Foto Instagram Romulo

Riccardi, rottura legamento crociato anteriore. Stagione finita per il difensore in prestito al Lecce
febbraio 28, 2018

Il difensore classe 1996, Davide Riccardi, in prestito con diritto di opzione e contro opzione al Lecce, ha riportato in allenamento la lesione del legamento crociato anteriore. Il calciatore, come riporta il sito del club pugliese, è rientrato a Verona dove la società titolare dei diritti patrimoniali del cartellino gestirà il caso clinico.

I numeri di Benevento-Hellas Verona
febbraio 28, 2018

Domenica allo stadio Vigorito si affronteranno l’ultima e la penultima forza della Serie A TIM, Benevento-Hellas Verona. Una sfida dove la squadra di Fabio Pecchia si giocherà una fetta importante dell’ambita salvezza. Davanti al pubblico amico, la squadra di De Zerbi ha collezionato tre vittorie (Chievo, Sampdoria e Crotone, ndr) un pareggio (2-2 contro il Milan) e ben 11 sconfitte. Sono 18 le reti realizzate dal Benevento e 60 quelle incassate, peggior difesa ed attacco del massimo campionato italiano. Sono 10 i punti collezionati in 26 giornate, +9 in classifica per l’Hellas Verona di Pecchia. I gialloblù hanno invece raccolto 5 vittorie (tre al Bentegodi e due in trasferta, ndr) 4 pareggi e 17 sconfitte in campionato, gialloblù che hanno realizzato 24 reti in 26 giornate, subendone 51, seconda peggior difesa del torneo. Lontano da Verona, 2 vittorie (Sassuolo e Fiorentina, ndr) 3 pareggi e 8 sconfitte, con 13 gol realizzati e 26 subiti. L’obiettivo salvezza dell’Hellas Verona passa dallo stadio Vigorito di Benevento.

Ritiro a Formia per l’Hellas Verona
febbraio 27, 2018

La preparazione dell’Hellas Verona riprenderà domani a Peschiera in vista della sfida salvezza in programma domenica allo stadio Vigorito di Benevento. Per preparare nel migliore dei modi la gara valida per la 27ª giornata della Serie A, da giovedì i gialloblù saranno a Formia in ritiro.

Neve a Benevento
febbraio 27, 2018

Lo stato attuale dello stadio Vigorito di Benevento, teatro della sfida salvezza in programma domenica contro l’Hellas Verona. Foto Instagram

Vukovic, 1 gol e 1 assist in 450’
febbraio 27, 2018

Dal suo arrivo all’Hellas Verona nel mercato di riparazione a gennaio, è diventato in poco tempo un pilastro della difesa gialloblù. Mandato subito in campo da Fabio Pecchia lo scorso 28 gennaio, il suo esordio al Franchi di Firenze è stato battezzato col gol del momentaneo 0-1 che ha poi spianato la strada agli scaligeri per il successo contro la Fiorentina. Cinque presenze arricchite da quella personalità che mancava, oltre che dal gol e dall’assist contro il Torino. Pecchia gli ha consegnato le chiavi della difesa e lui ha risposto con prestazioni di spessore, formando con Caracciolo una coppia più solida rispetto alle precedenti. Cinque su cinque, per un totale di 450’ giocati. La salvezza dell’Hellas Verona passerà anche dal carisma del difensore serbo classe 1988.

Domenica sfida salvezza, Benevento-Hellas Verona
febbraio 26, 2018

La salvezza dell’Hellas Verona passa dallo stadio Vigorito. I gialloblù di Fabio Pecchia domenica saranno di scena in casa della cenerentola del campionato, il Benevento di De Zerbi. Per continuare a tenere vive le speranze di salvezza, c’è un solo risultato a disposizione dei gialloblù. Un’altra sfida che interessa da vicino Valoti e compagni, è Chievo-Sassuolo, rispettivamente ferme a quota 25 e 23 punti. Info grafica La Gazzetta dello Sport

FONTE: HellasLive.it


NEWS
Il Verona e quel tabù da infrangere dopo la vittoria
Gialloblù mai a punti dopo un successo, è ora di cambiare rotta

di Redazione Hellas1903, 02/03/2018, 20:47
Getty Images

Alle quattro vittorie ottenute prima di quella col Torino, in questo campionato hanno sempre fatto seguito delle sconfitte. Non ci sono vie di mezzo per il Verona, che non ha mai trovato continuità dopo le boccate di ossigeno da tre punti.
Dopo la vittoria col Benevento la sconfitta col Chievo, dopo quella a Sassuolo l’insuccesso interno col Genoa, dopo il 3-0 al Milan lo 0-4 a Udine. Al 4-1 alla Fiorentina ha fatto seguito la sconfitta interna con la Roma.

È arrivato il momento di infrangere il tabù, dunque, per i ragazzi di Pecchia. Dovranno farlo in uno spareggio salvezza che si preannuncia da battaglia.

Gli stregoni andranno all’assalto alla baionetta, giocando per l’orgoglio e per le residue speranze di salvezza. Dovrà esserne consapevole l’Hellas. La possibilità di fare punti dei gialloblù tanto dipenderà, infatti, dal sapersi calare in un clima carico di adrenalina, sfoderando una dose massiccia di personalità. Altrimenti potrebbero essere guai seri.
A.S.

NEWS
Verona, attento a Brignola, la freccia del Benevento
Il talento mancino è il più imprevedibile degli attaccanti di De Zerbi

di Redazione Hellas1903, 02/03/2018, 15:01

Attenzione ad Enrico Brignola.
Il Verona dovrà curare con grande puntualità il controllo del talento del Benevento, per tornare con dei punti dallo stadio “Vigorito”.
Brignola, diciannove anni da compiere a luglio, è la scoperta stagionale dei giallorossi. Veloce e tecnico, mancino naturale, è imprevedibile, segna e fa segnare.
Per limitarlo occorrerà massima concentrazione da parte della difesa gialloblù.

NEWS
Centrocampo Verona, in tre per sostituire Valoti
Fossati, Zuculini e Büchel si candidano per affiancare Calvano a Benevento

di Redazione Hellas1903, 01/03/2018, 17:08

Mattia Valoti salta la trasferta di Benevento e Fabio Pecchia studia le alternative a centrocampo.
La certezza è la conferma di Simone Calvano, di nuovo titolare dopo la buona prova con il Torino. Poi ci sono tre nomi in corsa per una maglia nel 4-4-2 dell’Hellas.
Marco Fossati, Franco Zuculini e il rientrante Marcel Büchel sono le alternative che Pecchia sta considerando. I prossimi allenamenti determineranno le scelte del tecnico del Verona.

NEWS
Büchel-Heurtaux, rientro più vicino
I due giocatori oggi hanno svolto parte dell’allenamento col gruppo

di Redazione Hellas1903, 28/02/2018, 18:16

Si avvicina il rientro di Marcel Büchel e Thomas Heurtaux.
I due giocatori del Verona si sono in parte allenati con il gruppo gialloblù, oggi a Peschiera del Garda.
Da valutare il loro pieno recupero per la trasferta di Benevento.
Domani, dopo la seduta mattutina a Peschiera del Garda, la squadra partirà per il ritiro di Formia.

NEWS
Penzo: “Bentegodi e scontri diretti: così il Verona si può salvare”
L’ex attaccante: “Fondamentale il fattore campo. E con le concorrenti è vietato sbagliare”

di Redazione Hellas1903, 28/02/2018, 11:11

Domenico Penzo, ex attaccante dell’Hellas, parla della lotta per la salvezza e delle possibilità di farcela per i gialloblù, intervistato dal “Corriere di Verona” oggi in edicola.
Dice Penzo: “La salvezza, a parer mio, passa per due fattori: la spinta del Bentegodi e gli scontri diretti. Con il Toro ho visto uno stadio meno arrabbiato e, finalmente, capace di supportare la squadra, al di là delle difficoltà. Restare uniti, adesso, è determinante. Ricordiamoci che i tifosi hanno seguito il Verona in momenti più duri di questo: non lo lasceranno solo proprio ora. Quanto alla partite con le concorrenti per rimanere in A, ovviamente non sono ammessi sbagli“

NEWS
Media spettatori, il Verona è dodicesimo
Gialloblù dietro il Torino, ultimi Chievo, Sassuolo e Crotone

di Redazione Hellas1903, 27/02/2018, 15:54

Il Verona si posiziona dodicesimo nella particolare classifica relativa agli spettatori, stilata da numericalcio.it.
Le persone presenti, in media, alle gare casalinge dell’Hellas sono 17.896. Una cifra che posiziona i gialloblù subito dietro il Torino e davanti all’Atalanta, staccando di parecchio le altre due neopromosse Benevento e Spal.

Classifica degli spettatori medi per gara dopo la 26° giornata:
1. Inter (55.769)
2. Milan (50.892)
3. Napoli (43.032)
4. Juventus (38.401)
5. Roma (36.721)
6. Lazio (26.333)
7. Fiorentina (24.932)
8. Genoa (21.450)
9. Bologna (21.187)
10. Sampdoria (19.582)
11. Torino (18.132)
12. Hellas Verona (17.896)
13. Atalanta (17.567)
14. Udinese (17.478)
15. Cagliari (14.461)
16. Benevento (12.305)
17. SPAL (11.826)
18. Chievo (11.708)
19. Sassuolo (10.948)
20. Crotone (9.794)

NEWS
Benevento, Sandro verso il recupero
Il centrocampista dovrebbe farcela per il Verona

di Redazione Hellas1903, 27/02/2018, 09:54

Uscito dolorante al 67′ della sfida di sabato contro l’Inter, Sandro, mediano del Benevento arrivato a gennaio dall’Antalyaspor, dovrebbe recuperare per la gara tra i campani e il Verona.
Come riporta il quotidiano locale “Il Sannio”, nella giornata di ieri il giocatore si è sottoposto a risonanza magnetica e ad altri esami che hanno escluso infortuni gravi.
Salvo sorprese, Roberto De Zerbi potrà dunque contare su di lui.

NEWS
Benevento-Verona, si va verso il pienone
Il club giallorosso ha previsto prezzi speciali, i tifosi annunciano proteste contro gli arbitri

di Redazione Hellas1903, 27/02/2018, 08:14

Sarà uno stadio “Vigorito” pieno quello che vedrà sfidarsi il Benevento e il Verona, domenica.
La società giallorossa ha infatti previsto prezzi speciali e agevolazioni per garantire una presenza massiccia di pubblico per la gara in programma con l’Hellas.
Inoltre, dopo la partita con l’Inter, in cui il Benevento ha protestato per i torti arbitrali subiti, è prevista una protesta organizzata dalla tifoseria contro gli errori commessi dai direttori di gara.

NEWS
Benevento, problemi a centrocampo
Viola squalificato e Sandro in dubbio per il Verona

di Redazione Hellas1903, 26/02/2018, 11:55
Foto Getty Images

Il Benevento, dopo la sconfitta con l’Inter, deve fare i conti con i problemi a centrocampo in vista del Verona.
I due titolari nella mediana di De Zerbi sono Sandro e Viola, ma il primo è stato sostituito per infortunio e il secondo ha lasciato il campo a causa di una doppia ammonizione e sarà squalificato per il match con i gialloblù.
Il tecnico sarà costretto a rimaneggiare il reparto, con l’inseriemento quasi sicuro di Cataldi e, se Sandro non dovesse farcela, uno tra Memushaj e Del Pinto.

NEWS
Sagna: “Ora dobbiamo battere il Verona”
Il terzino del Benevento: “Potevamo prendere punti a San Siro. Domenica fondamentale vincere”

di Redazione Hellas1903, 26/02/2018, 11:14

Bacary Sagna, terzino del Benevento, parla della situazione della squadra giallorossa dopo la sconfitta con l’Inter e in vista della gara con l’Hellas di domenica prossima allo stadio “Vigorito”.

Dice Sagna, come riportato dal sito www.ottopagine.it: “Con l’Inter abbiamo giocato molto bene e penso che c’erano tutte le possibilità per andare via da San Siro con un sorriso. Questa gara deve farci pensare che se giochiamo sempre così tutto è possibile. Quello che è successo è passato. Pensiamo alla prossima contro il Verona: sarà molto importante vincere a casa nostra“.

FONTE: Hellas1903.it


BENEVENTO-HELLAS
Le scelte di Pecchia per la sfida decisiva

03/03/2018 17:39
Senza Romulo, Valoti e Cerci, Fabio Pecchia punta su Calvano e Buchel (non al meglio, in alternativa Fossati e Franco Zuculini in mezzo) per la sfida salvezza decisiva di Benevento. In difesa spazio a Caracciolo e Vukovic con Alex Ferrari e Fares terzini. Davanti Matos, Petkovic e Verde (l'ex Avellino favorito su Aarons). Unica punta Kean, da poco diventato maggiorenne.

Verona (4-2-3-1): Nicolas; Ferrari, Caracciolo, Vukovic, Fares; Buchel, Calvano; Matos, Petkovic, Verde; Kean. All: Pecchia.

FORMAZIONE BENEVENTO
Coda e Brignola davanti, Cataldi torna in regia
03/03/2018 15:25
Emergenza a centrocampo anche per De Zerbi in vista della sfida col Verona: non c'è Viola (squalificato) e Sandro (convocato ma non è al 100%). Ai box anche D'Alessandro. In mezzo al campo ci saranno quindi Cataldi e Del Pinto con Guilherme. In difesa spazio a Sagna, Djimsiti, Tosca, Letizia. Davanti ci saranno Brignola e Djuricic a supporto della punta Coda.

Benevento (4-3-3): Puggioni; Sagna, Djimsiti, Tosca, Letizia; Del Pinto, Cataldi, Guilherme; Djuricic, Coda, Brignola. All: De Zerbi.

BENEVENTO-VERONA, I PRECEDENTI IN A
Al "Vigorito" in A è match inedito
02/03/2018 17:44

Scontro inedito al “Vigorito” per quanto riguarda la Serie A, tra Benevento e Verona (di fronte domenica 4 marzo, ore 15, per la 27^ giornata della massima serie). La gara d’andata era terminata 1-0 per gli scaligeri grazie al gol di Romulo al 75’ (16 ottobre 2017). Il match in terra campana è importantissimo soprattutto per l’Hellas che vincendo, potrebbe portarsi fuori dalla zona retrocessione, se la Spal pareggiasse o perdesse con il Bologna ed il Crotone perdesse a Torino coi granata di Mazzarri. Al Vigorito esiste un unico precedente in Serie B: il 10 settembre 2016, i gialloblù vennero sconfitti per 2-0 dai giallorossi (reti di Falco al 38’ e Ciciretti 82’).
ANDREA FAEDDA

I PROBLEMI DI PECCHIA
Emergenza a centrocampo continua a Benevento...
02/03/2018 16:18
Emergenza a centrocampo per Pecchia in vista della delicatissima sfida di Benevento. Dopo la squalifica di Romulo e l'infortunio di Buchel si è fermato anche Valoti, non convocato per il ritiro di Formia a causa di un fastidio muscolare.
Il mediano del Liechtenstein è stato convocato e anche se non è al 100% partirà titolare insieme a Calvano, reduce dalla prova convincente con il Torino (come alternative ci sono Franco Zuculini e Fossati, più Laner) Al posto di Romulo, come esterno alto a destra ci sarà Matos, favorito su Aarons.

SALVEZZA
Lotta per la salvezza
Sette squadre in bilico

01/03/2018 16:44
Dodici partite ancora da giocare, trentasei punti in palio e sette squadre in lotta per non retrocedere. Tutto può ancora accadere anche se il Benevento, 10 punti in classifica e undici in meno rispetto al quart'ultimo posto sembra oggettivamente vicino al baratro. Le altre e quindi Verona (19), Spal (20), Crotone (21), Sassuolo (23), Chievo (25), Cagliari (25) dovranno e potranno lottare fino alla fine. Da questa corsa abbiamo escluso il Genoa che con i suoi trenta punti e un margine di dieci sulla retrocessione pare davvero fuori dai giochi. La permanenza in Serie A quest'anno ha una valenza duplice: oltre al blasone, gli introiti derivanti dai diritti televisivi cresceranno di molto e perdere la categoria, per qualcuno, potrebbe essere fatale.

L'ANNUNCIO
Fusco alla Gazzetta
"Lascio a fine anno"

01/03/2018 16:36
Una lunga intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport per decretare una separazione. Il direttore sportivo del Verona Fusco lascerà il suo incarico alla fine dell'anno. E' stato lui stesso a confermarlo dopo aver rifiutato, prima di Natale, il rinnovo di contratto. Secondo Fusco non ci sarebbero in questo momento i presupposti per una permanenza a Verona. E in caso di salvezza? Non è dato sapere se le parti potranno ritrovarsi e discutere nuovamente la questione. A oggi però, la porta sembra essersi chiusa. In ogni caso Fusco ha ribadito che il suo obiettivo primario è la salvezza della squadra.

BENEVENTO-VERONA
La partita della vita o della morte...
28/02/2018 16:01
La partita della vita o della morte. Il Benevento si gioca tutta una stagione in 90 minuti. Una vittoria contro il Verona riaccenderebbe le speranze di salvezza, una sconfitta segnerebbe definitivamente la parola "retrocessione" già ai primi di marzo.

De Zerbi ha molti problemi a centrocampo: Viola è squalificato, mentre Sandro deve ancora riprendersi dall'infortunio subito a San Siro. L'ex allenatore del Foggia punta molto su Cataldi, che rientra dallo stage con l'Italia.

L'ambiente sarà carico al massimo: l'Hellas dovrà fare i conti con il "fattore Vigorito" per cecare di vincere una gara delicatissima a questo punto della stagione.

PARLA "VERONA COL CUORE"
"Setti, la Falco e il capo albanese"

27/02/2018 16:24
"Volpi dentro il Verona? Fisicamente non possiamo dire questo, sicuramente c'è la presenza di soldi che arrivano da persone terze. Aver creato una struttura societaria di questo tipo può essere stato causato da queste necessità. Le dichiarazioni di Setti sulla società "Falco" trasferita dal Lussemburgo all'Italia? Vogliamo leggerla in positivo, il primo bilancio disponibile sarà quella del 30 giugno 2018. Avremo più strumenti per analizzare facilmente la situazione". Così i rappresentati dell'associazione "Verona col Cuore" intervengono ai microfoni di Telenuovo dopo aver visionato i bilanci dell'Hellas Verona.

"Abbiamo visionato i documenti e abbiamo trovato una gestione economica in equilibrio, dove si pareggia il bilancio con la cessione di giocatori per creare plusvalenze - hanno continuato i rappresentati dell'associazione, Alex Sometti e Giampaolo Marcolini -. Non ci sono debiti con le banche e con l'erario ma da quello che abbiamo capito che non ci sono fondi per investire, era facile da intuire: basta vedere il mercato di gennaio fatto di prestiti secchi".

In conclusione si è parlato anche di Dritan Derwishi, l'osservatore albanese che risulta a capo della Falco, come emerso nei giorni scorsi anche sulla stampa nazionale: "La figura dell'osservatore albanese come amministratore unico della Falco? Non abbiamo nessun dato per comprendere per qualche motivo a capo ci sia questo signore albanese. Comunque un socio può decidere liberamente chi possa amministrare la società".


FONTE: TGGialloBlu.it


Verona, il ds Fusco: 'Benevento in forma, ma noi non ci arrendiamo mai'
del 01 marzo 2018 alle 15:09

Filippo Fusco, direttore sportivo del Verona, parla al Corriere di Verona in vista della prossima gara col Benevento: "Le vittorie danno entusiasmo e dopo la grande prestazione con il Torino serve confermarsi. Il Benevento è in forma. Hanno ingaggiato giocatori di caratura internazionale, come Sandro e Sagna. Mi aspetto una partita aperta, combattuta e un Verona sempre all'altezza, che prosegua lungo la strada intrapresa. Noi non ci arrendiamo mai".

Lotta salvezza: rischiano Sassuolo e Cagliari, Benevento come il Crotone?
del 27 febbraio 2018 alle 16:30
di Furio Zara
L’anomalia quest’anno è la lotta per non retrocedere. Sempre più intricata, sempre più avvincente. A dodici giornate dalla fine, ci sono - realisticamente - 6 squadre in 6 punti per evitare due biglietti per la B. Consideriamo il Benevento una variabile impazzita: la squadra di De Zerbi gioca (molto) bene, si è ridata speranza, è encomiabile per l’orgoglio con cui affronta una stagione compromessa fin dall’inizio, ha vinto 3 partite nelle ultime dieci giocate ma i 10 punti e il -11 dal quartultimo posto costituiscono un distacco notevole e molto complicato da recuperare, anche volendo affidarsi al ricordo del Crotone che l’anno scorso - però - a questo punto della stagione di punti da recuperare sull’Empoli ne aveva 9.

Ecco allora che oggi dai 19 punti del Verona ai 25 di Cagliari e Chievo si balla sul serio. Nella bolla ci stanno anche la Spal (20), il Crotone (21) e il Sassuolo (23). Sei squadre in 6 punti. Si sta stretti. Spal (capace di sbancare Crotone) e Verona (ha superato il Torino) si sono rimesse in gioco con vittorie pesantissime nell’ultimo turno. Il Crotone - dopo due ottimi pareggi con Inter e Atalanta - ha perso due spareggi-salvezza negli ultimi due turni, contro Benevento e Spal. Il Sassuolo è in caduta libera. Non vince dal 23 dicembre: 1-0 all’Inter. Nel 2018 il Sassuolo ha raccolto 2 punti in sette turni. E’ la squadra che ha il peggior rendimento. Con 15 reti quello di Iachini non è solo il peggior attacco della Serie A, ma addirittura dei primi cinque campionati d’Europa. E’ in calo il Cagliari, una sola vittoria (con la Spal) nelle ultime sette partite. Il Chievo ne ha vinte due nelle ultime tredici giornate e sta vivendo di rendita dopo il buon inizio di campionato.

Diamo un’occhiata a quanto è successo l’anno scorso. L’Empoli retrocesse con 32 punti, al Crotone ne servirono 34 per salvarsi. A queste medie - oggi - la salvezza si raggiunge con 29-30 punti, ma l’impennata di Spal e Verona lascia pensare che la quota possa alzarsi. La fotografia degli ultimi tre posti della classifica, alla 7ª giornata di ritorno, l’anno scorso era questa: Palermo 15, Crotone 13, Pescara 12. Il quartultimo posto - occupato dall’Empoli a 22 punti - era a -7 dal Palermo. Le differenze sono evidenti: l’anno scorso lotta molto più ristretta (solo quattro squadre in corsa, oggi sono sei, sette se consideriamo il Benevento), distanze più larghe tra terzultimo e quartultimo posto (l’anno scorso 7 punti, oggi 1). A ribaltare sentenze e statistiche fu il Crotone di Nicola, capace di recuperare - in dodici partite - 9 punti all’Empoli, che nel finale si consegnò alla retrocessione. Nelle ultime dieci giornate l’Empoli fece 10 punti, il Crotone più del doppio: 21. Si parlò di miracolo.

Data (quasi) per scontata l’impossibilità di «grattare» punti alle grandi della A, il focus va necessariamente fatto sugli scontri diretti. Saranno quelli a decidere chi resta in A e chi va giù. Occhio alle sfide incrociate da qua alla fine: Chievo-Sassuolo (27ª), Sassuolo-Spal (28ª), Benevento-Cagliari (29ª), Sassuolo-Benevento (32ª), Spal-Chievo e Verona-Sassuolo (33ª), Verona-Spal e Crotone-Sassuolo (35ª), Chievo-Crotone e Spal-Benevento (36ª), Chievo-Benevento (ultima giornata). Ricapitolando: il Sassuolo ha cinque scontri diretti (3 in casa), la Spal ha quattro scontri diretti (2 in casa), il Chievo ne ha quattro (ma 3 al Bentegodi), il Benevento ne ha quattro (uno solo in casa), il Verona ne ha due (tutti e due in casa) e il Crotone pure due (uno solo in casa). Resta il Cagliari: uno scontro diretto, in trasferta, a Benevento. I punti, Diego Lopez, dovrà trovarli altrove. Oggi può contare su un +5 dalla zona rossa. Basterà? L’unica certezza oggi è che nessuno può sentirsi al sicuro.

FONTE: CalcioMercato.com


SERIE A
Le ultime su Benevento-Hellas: Sandro ko. Petkovic-Kean dal 1'
02.03.2018 19:00 di Marco Conterio Twitter: @marcoconterio
Sfida diretta per la lotta salvezza quella di domenica pomeriggio tra il Benevento di Roberto De Zerbi e l'Hellas Verona di Fabio Pecchia. I campani affrontano una nuova tegola ed è quella dell'infortunio del fresco leader di centrocampo, Sandro, out per un problema al soleo. E' squalificato Viola e così potrebbe giocare Del Pinto al fianco di Cataldi nel 4-3-3 dell'ex tecnico del Foggia per completare il pacchetto insieme a Djuricic. L'alternativa è Memushaj. Davanti Coda o Diabatè, out D'Alessandro ci saranno ancora Guilherme e Brignola a fare da esterni offensivi. L'Hellas è senza lo squalificato Romulo, preziosissimo jolly della formazione di Pecchia: è pronto Verde per prendere il suo posto nel 4-4-2 del centrocampo con Matos sull'altro esterno. In mezzo, Buchel o Fossati per una maglia al fianco di Valoti. Davanti conferme per il tandem Petkovic-Kean.

Benevento (4-3-3): Puggioni; Sagna, Costa, Tosca, Letizia; Del Pinto (Memushaj), Cataldi, Djuricic; Guilherme, Diabatè (Coda), Brignola.
Hellas Verona (4-4-2): Nicolas; Ferrari, Caracciolo, Vukovic, Fares; Verde (Aarons), Fossati (Buchel), Calvano, Matos; Petkovic, Kean.

PROBABILI FORMAZIONI
Le probabili formazioni di Benevento-Verona - Out Sandro e Romulo
Fischio d'inizio domani alle 15:00. Diretta testuale, pagelle e voci dei protagonisti su TMW!

03.03.2018 06:17 di Luca Esposito Twitter: @lucesp75
Sarà una autentica sfida salvezza quella che andrà in scena al "Ciro Vigorito" per la ventisettesima giornata del campionato di Serie A tra Benevento ed Hellas Verona. In terra campana si affrontano le ultime due squadre in classifica, con i sanniti a quota 10 punti e gli scaligeri a 19; vincere per i giallorossi vorrebbe dire riaccendere ulteriormetne le speranze di una salvezza sempre più lontana. La gara sarà arbitrata dal signor Paolo Valeri della sezione di Roma 2. Il fischietto laziale sarà coadiuvato dagli assistenti Riccardo Di Fiore di Aosta e Luca Mondin di Treviso. Quarto uomo ufficiale Daniele Martinelli di Roma. Al VAR Maurizio Mariani di Aprilia e Fabrizio Posado di Bari. .

COME ARRIVA IL BENEVENTO- Emergenza in mediana per De Zerbi che dovrà fare a meno sia di Sandro per una lesione muscolare che di Viola, fermato dal Giudice Sportivo. Ai box anche D'Alessandro con Cataldi e Del Pinto che scalpitano per una maglia da titolare al pari di Costa, in ballottaggio con Djimsiti, leggermente favorito.

COME ARRIVA IL VERONA- Pecchia recupera Heurtaux e Buchel ma contestualmente perde Romulo per squalifica. Ancora noie muscolari per Valoti e dunque ancora una chance in mediana per Calvano. Sulla destra invece, con Cerci e Zaccagni ancora ai box, dovrebbe giocare nuovamente Matos. In avanti fiducia alla coppia Petkovic-Kean.

LE PROBABILI FORMAZIONI

BENEVENTO (4-3-3) : Puggioni; Sagna, Djimsiti, Tosca, Letizia; Del Pinto, Cataldi, Guilherme; Djuricic, Coda, Brignola . A disposizione: Brignoli, Piscitelli, Venuti, Billong, Gyamfi, Costa, Memushaj, Diabatè, Parigini, Lombardi, Iemmello. Allenatore: Roberto De Zerbi.

HELLAS VERONA (4-4-2) : Nicolas, Ferrari, Caracciolo, Vukovic, Fares; Verde, Buchel, Calvano, Fares; Petkovic, Kean. A disposizione: Silvestri, Heurtaux, Bearzotti, Souprayen, Boldor, Felicioli, Bianchetti, Zuculini, Aarons, Fossati, Laner, Lee. Allenatore: Fabio Pecchia.

LE STATISTICHE
In Benevento-Verona... non ci sono più i marcatori di una volta
Uno veste la maglia del Pescara, l’altro quella del Parma.

02.03.2018 13:53 di Redazione Footstats Twitter: @FootStatsCalcio
Gli artefici del 2-0 con cui il Benevento alla terza giornata della Serie B 2016-2017 ebbe la meglio sul più quotato Hellas Verona non sono più a disposizione di mister De Zerbi.
Falco ha salutato i compagni dopo la trionfale passata stagione. Ciciretti ha detto addio nel mercato invernale.
E così chi vorrà avere la meglio in questo scontro salvezza dovrà trovare (o trovarne di nuovi) marcatori.

CONFRONTI DIRETTI A BENEVENTO (SERIE B)
1 incontro disputato
1 vittoria Benevento
0 pareggi
0 vittorie Hellas Verona
2 gol fatti Benevento
0 gol fatti Hellas Verona

RASSEGNA STAMPA
Il Mattino sul Benevento: "La missione"
02.03.2018 09:28 di Andrea Losapio Twitter: @losapiotmw
Ultima spiaggia per il Benevento, che in casa contro l'Hellas Verona vede il baratro della discesa agli inferi della Serie B. "La missione", il titolo del dorso de Il Mattino, con una tabella che conduce alla salvezza: le streghe devono affrontare Verona, Fiorentina, Cagliari nelle prossime tre.

RASSEGNA STAMPA
Il Sannio Quotidiano sul Benevento: "Col Verona out D'Alessandro"
01.03.2018 08:58 di Lorenzo Di Benedetto Twitter: @Lore_Dibe88
Il Sannio Quotidiano oggi in edicola dedica spazio in prima pagina al Benevento, con il titolo: "Col Verona out D'Alessandro. Sandro ancora fermo ai box". Venuti e Cataldi reduci dallo stage in azzurro, oggi si riaggregheranno al gruppo.

SERIE A
ESCLUSIVA TMW - Ag.Danzi: "Regista di grande passo. Patrimonio del Verona"
28.02.2018 15:41 di Raimondo De Magistris Twitter: @RaimondoDM
Al numero 77 della nostra graduatoria c'è Andrea Danzi, centrocampista classe '99 attualmente in forza alll'Hellas Verona. Di questo giovane e promettente regista ne abbiamo parlato col suo procuratore, Graziano Battistini: E' un centrocampista che può ricoprire più ruoli, dall'esterno basso alla mezza'ala. Ha forza, gamba e un cambio di passo importante grazie a una resistenza organica fuori dal comune: riesce a coprire più zone del campo. E adesso sta tirando anche fuori la personalità".

E vede sempre di più la porta.
"E' vero, la conclusione è un'arma in suo possesso che sta scoprendo sempre di più".

Quale sarà il suo futuro?
"A fine stagione faremo il punto con la dirigenza del Verona per capire se fargli fare un passaggio esterno nella prossima stagione o se il Verona vorrà valorizzarlo internamente. E' sicuramente un patrimonio importante della società scaligera".

RASSEGNA STAMPA
Benevento, Il Mattino: "Il gioco delle punte"
28.02.2018 08:18 di Simone Lorini Twitter: @Simone_Lorini
La nevicata di ieri e il freddo intenso continuano a cambiare i programmi delle squadre di Serie A: non fa eccezione il Benevento, che intanto studia come fare male al Verona, prossimo avversario in campionato. Salgono le quotazioni di Diabaté, ma spinge per una maglia anche Iemmello.

SERIE A
Benevento, Guilherme: "Non ho problemi a restare anche in B"
28.02.2018 00:30 di Michele Pavese Twitter: @7mp84
Fonte: ottopagine.it
Ospite negli studi di Ottochannel, l'esterno d'attacco del Benevento Guilherme ha commentato il momento della compagine giallorossa, presentando le ambizioni in vista della sfida di domenica contro il Verona: "A Milano abbiamo fatto una grande partita in uno stadio davvero importante. Il primo tempo è stato più che positivo: potevamo ottenere un risultato diverso. Contro il Verona sarà molto difficile, ma giochiamo in casa e avremo una spinta in più. Daremo il massimo. Personalmente credo ancora nella salvezza e lo farò sempre. Il mio futuro? Ovviamente punto sempre al massimo e spero che il Benevento resti in serie A. Ho un contratto che mi lega al club sannita e non ho problemi a restare tra i cadetti. De Zerbi? È un grande allenatore. Non è facile andare a San Siro e giocare in quel modo. Lui guarda il calcio in maniera diversa: prepara molto bene le partite ed è molto intelligente. Mi sto trovando molto bene in Italia. In serie A c'è molta qualità. Posso mettere in mostra tutte le mie potenzialità nel migliore dei modi".

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


#BENEVENTOVERONA: SEGUILA CON NOI E SCOPRI NUMERI E CURIOSITÀ
03/MARZO/2018 - 20:00

NUMERI & CURIOSITA'
Scopri i numeri, le statistiche e le curiosità fornite da Opta Sports di Benevento-Hellas Verona, 27a giornata della Serie A TIM 2017/18, in programma domenica 4 marzo (ore 15) allo stadio 'Vigorito'.

- Solo uno il precedente in Serie A tra le due squadre, col Benevento che è alla prima partecipazione assoluta nella massima serie. Si tratta dell'1-0 per i gialloblù firmato da Romulo all'andata, che domenica non ci sarà per squalifica.

- Verona e Benevento sono le due squadre che non pareggiano da più gare in Serie A: ben 11 consecutive.

- Le due squadre condividono anche un altro primato nel massimo campionato: sono le due formazioni che hanno segnato la maggior percentuale dei propri gol sugli sviluppi dei calci piazzati. Nel dettaglio, il 56% delle reti il Benevento e il 42% il Verona.

- Due statistiche difensive relative a singoli giocatori: Antonio Caracciolo è attualmente il terzo calciatore della Serie A 2017/18 per numero di respinte difensive effetuate. Nicolas, invece, si conferma il primo portiere per numero di parate.

PECCHIA: «BENEVENTO IN SALUTE. NOI IN CAMPO CON VOGLIA E DETERMINAZIONE»
03/MARZO/2018 - 18:00
Formia - Le parole di mister Fabio Pecchia, rilasciate a hellasverona.it, alla vigilia di Benevento-Hellas Verona, 27a giornata della Serie A TIM 2017/18.

«L'obiettivo di questo ritiro era quello di poterci allenare con le condizioni climatiche migliori per permetterci di preparare la sfida di domenica e siamo soddisfatti di come abbiamo lavorato, anche grazie alla professionalità, alla serietà e alle strutture di altissimo livello che il Centro di Preparazione Olimpica del CONI ci ha messo a disposizione. Il Benevento? Partita importante, come lo sono quelle che che andremo ad affrontare da qui alla fine. Loro stanno facendo buone cose, anche a Milano contro l'Inter hanno fatto una grande prestazione di qualità e personalità, noi dovremo affrontarli rispondendo colpo su colpo. Dobbiamo scendere in campo cercando di fare la partita e di ottenere il massimo, giocando a calcio con la giusta voglia e determinazione. L'ambiente del Vigorito? Ci sarà uno stadio caldo, ma si gioca in campo, alla fine conterà quello che dirà il terreno di gioco. Le assenze di Valoti e Romulo? E' un peccato, Mattia veniva dalla grande prestazione contro il Torino e aveva molto entusiasmo, ma sono sicuro che chi scenderà in campo al posto loro avrà la stessa voglia di fare risultato e darà il massimo per la squadra. Come arriva il Verona a questa sfida? Credo che la partita con il Torino, al di là della vittoria, abbia dato alla squadra quella maturità che ci ha permesso di affrontare al meglio i momenti difficili della sfida. Di partita in partita questi ragazzi acquisiscono gli aspetti positivi dalle prestazioni che mettono in campo, con una maggior consapevolezza nelle proprie capacità».

FORMIA: REPORT ALLENAMENTO
03/MARZO/2018 - 14:00
Formia (Latina) - Rifinitura sotto la pioggia per i gialloblù, alla vigilia di Benevento-Hellas Verona. La squadra, agli ordini di mister Fabio Pecchia, ha iniziato la seduta con torelli, riscaldamento ed esercizi di rapidità, prima di intensificare il lavoro tattico e concludere l'allenamento con esercitazioni sulle palle inattive offensive e difensive.

FORMIA: REPORT ALLENAMENTO
02/MARZO/2018 - 15:30
Formia (Latina) - Primo allenamento per i gialloblù nel ritiro di Formia. Bel tempo e clima mite nella località in provincia di Latina, dove la squadra, agli ordini di mister Fabio Pecchia, svolgerà gli ultimi allenamenti prima di Benevento-Hellas Verona. Una seduta cominciata con il riscaldamento, poi proseguita con lavoro di rapidità ed esercitazioni tattiche prima di essere conclusa con la partitella ed esercitazioni sui calci piazzati.

PESCHIERA: REPORT ALLENAMENTO E CONVOCATI RITIRO
01/MARZO/2018 - 15:30
Peschiera - Squadra in campo questa mattina allo Sporting Center 'Il Paradiso' di Peschiera. I gialloblù nonostante la neve caduta nelle ultime ore, sono riusciti a svolgere regolarmente la seduta di allenamento grazie al lavoro preventivo di Parc Hotels con Giorgio Marcolongo e il suo staff. La squadra ha svolto un lavoro di forza in palestra prima di passare ad esercizi di trasformazione sul campo. La seduta si è poi conclusa con una partitella finale.

Tornano in gruppo Marcel Buchel e Thomas Heurtaux. Mattia Valoti, in seguito ad un fastidio muscolare, è stato sottoposto ad esami diagnostici che hanno evidenziato un trauma distrattivo al polpaccio sinistro. Il calciatore pertanto non prenderà parte al ritiro di Formia.

Al termine della seduta mister Fabio Pecchia ha diramato l'elenco dei 24 convocati in vista del ritiro di Formia, località che la squadra raggiungerà in serata.

CONVOCATI

1. Nicolas
4. Laner
7. Verde
8. Fossati
9. Kean
12. Caracciolo
14. Zuculini
16. Aarons
17. Silvestri
21. Lee
22. Bianchetti
23. Calvano
25. Boldor
26. Vukovic
28. Ferrari
30. Matos
37. Bearzotti
40. Coppola
69. Souprayen
70. Petkovic
75. Heurtaux
77. Buchel
93. Fares
97. Felicioli


PESCHIERA: REPORT ALLENAMENTO
28/FEBBRAIO/2018 - 17:30
Peschiera - Ripresa degli allenamenti per i gialloblù allo Sporting Center 'Il Paradiso' di Peschiera. La squadra, agli ordini di mister Fabio Pecchia, ha cominciato la seduta con il riscaldamento prima di dividersi in due gruppi: attaccanti e centrocampisti hanno svolto esercizi sulla tecnica, mentre i difensori sono stati impegnati in una serie di esercitazioni tattiche. In seguito la squadra ha svolto una fase di lavoro atletico, prima di terminare la seduta con esercizi sul possesso palla e una partitella finale.

Marcel Buchel e Thomas Heurtaux hanno svolto parte del lavoro con i compagni.

MATTEO BIANCHETTI TORNA IN LISTA
27/FEBBRAIO/2018 - 10:15
Verona - L'Hellas Verona FC comunica che il difensore gialloblù Bianchetti è stato inserito nella lista dei calciatori utilizzabili depositata presso la Lega Serie A, con il numero di maglia 22.

Matteo, durante i mesi difficili che sono seguiti al brutto infortunio arrivato a luglio, non ha mai perso la voglia di lottare e tornare in campo con la maglia gialloblù, e giorno dopo giorno ha lavorato per essere a disposizione dell'Hellas. A gennaio il rientro in gruppo a Peschiera, a febbraio la bella parentesi con la Primavera, con due presenze da titolare che hanno aiutato i giovani gialloblù a raccogliere altrettanti importanti pareggi contro Atalanta e Chievo, gare durante le quali Bianchetti ha messo in evidenza una condizione fisica crescente, giocando sia da centrale che da terzino destro. Ora, finalmente, il rientro in lista e la piena disponibilità, agli ordini di mister Pecchia, sia per il ritiro in Lazio che per la gara di Benevento.

Bentornato Matteo!

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC] +   -   =
VITA DA EX: Aladino VALOTI, ex mediano all'HELLAS e papà di Mattia, è il nuovo diesse del PALERMO dopo l'addio di Fabio LUPO...

COPPA ITALIA: La JUVE elimina l'ATALANTA grazie ad un rigore... Generoso? Palo clamoroso del Papu GOMEZ. Il MILAN batte ai rigori la strafavorita LAZIO, la finale sarà tra bianconeri (alla terza vittoria consecutiva) e rossoneri galvanizzati dal 'metodo GATTUSO'...

BIGLIETTI TAROCCATI PER ENTRARE ALLO STADIO: A Palermo arrestate 9 persone ma lo scandalo si allarga, nell'ultimo PALERMO-VERONA presente sugli spalti anche una vecchietta di 95 anni e mezzo? Mmmh no magari era il nipote...

EX HELLAS VERONA
ALADINO VALOTI NUOVO DS DEL PALERMO
28/02/2018 12:31
Aladino Valoti, ex giocatore dell'Hellas Verona e papà di Mattia, è il nuovo direttore sportivo del Palermo. Valoti, che in passato ha lavorato come ds dell'Albinoleffe, sostituirà Fabio Lupo.

FONTE: TGGialloBlu.it


Cronaca
Biglietti taroccati: a 95 anni a tifare Palermo, ma la nonna Gina non è mai esistita
E' uno dei retroscena che affiora dalla vicenda della maxi truffa sui tagliandi "modificati" per entrare al Barbera che ha portato all'arresto di nove persone. L'inchiesta si allarga: indagati i titolari di altre due ricevitorie. Le tabaccherie coinvolte

Alessandro Bisconti 26 febbraio 2018 11:22

Tra gli spettatori di Palermo-Verona, partita decisiva per la salvezza, sulla carta c'era anche un'arzilla tifosa di 95 anni e mezzo. Ma l'intestataria del biglietto, la signora Gina Pitra, nata nel febbraio del 1921, in realtà era solo frutto della fantasia di una ricevitoria che vendeva tagliandi per le partite del Palermo. E' uno dei retroscena che affiora dalla maxi truffa sui biglietti taroccati per entrare al Barbera che ha portato all'arresto di nove persone. La ricevitoria in questione è quella in cui lavorava Michele Fiaschetto, 40 anni, dipendente della rivendita Spinelli di via Garibaldi a Termini Imerese, e uno dei 9 arrestati. Tra i coinvolti nell'indagine risulta la titolare, Rosalia Spinelli, "autorizzata all'emissione dei biglietti che metteva a disposizione di Fiaschetto le credenziali di accesso al sistema informatico e ometteva qualsiasi controllo successivo", scrive il gip Claudia Rosini nell’ordinanza di custodia.

In particolare, in occasione di Palermo-Verona, match del 2016 poi vinto 3-2 dai rosanero che così festeggiarono la salvezza, Fiaschetto ha emesso 6 biglietti intestate a donne inesistenti aventi diritto a un prezzo ridotto. Tra loro una certa Elena Pitra, nata nel 2002, e Gina Pitra, di 81 anni più anziana. Era l'ultima partita del 2015-16: il meccanismo fraudolento là inizia ad accusare i primi cedimenti. Scattano i primi sequestri di biglietti fasulli, risultati intestati a ragazzini sotto i 14 anni, ad anziani e donne inesistenti o ignari della emissione dei titoli a loro nome. Tutti godevano di una riduzione del 50 per cento rispetto al prezzo intero. Ma questi biglietti poi andavano a finire a maggiorenni - perfino una giovane coppia arrivata dall'Olanda con la passione per il calcio - e anche a tifosi che non avrebbero dovuto nemmeno varcare i cancelli dello stadio dato che erano destinatari dei "Daspo" della questura.

E l'inchiesta adesso si allarga: nel mirino degli investigatori della guardia di finanza, stando a quanto emerge, sono finite altre rivendite, a Palermo. E' stato accertato che in cinque tabaccherie, solo per la stagione 2015-2016, sono stati emessi 2849 biglietti intestati a minori under 14 che dopo una consultazione all’anagrafe tributaria sono poi risultati inesistenti (il riferimento è alle partite contro Carpi, Inter, Sassuolo, Roma, Juventus, Udinese, Fiorentina, Milan, Lazio e Napoli).

Le ricevitorie coinvolte sono: la Di Lorenzo di piazza Leoni 42, la Santangelo di via Oreto 467, un bar di via Messina Marine (sul quale però ci sono ancora accertamenti in corso), il punto vendita già citato di Termini Imerese e la tabaccheria Campisi di viale Piemonte 58. Proprio questa ricevitoria ha il record dei biglietti falsi con 2186 titoli. L’anno successivo, il 2016-2017, quello della retrocessione in serie B solo da questi cinque punti vendita sono stati staccati 1184 biglietti a favore di minori sotto i 14 anni, tutti inesistenti. Risultano indagati a piede libero i titolari della rivendita di piazza Leoni, Francesco Paolo Di Lorenzo, 65 anni e quelli della Santangelo, Claudio Santangelo, 66 anni, il figlio Vito di 35 e Angelo Oliveri, anche lui di 35 anni. L'accusa è di associazione a delinquere finalizzata all'accesso abusivo al sistema informatico per l'emissione di biglietti intestati a soggetti inesistenti.

Un sistema che garantiva vantaggi a tutti. Perché le ricevitorie si assicuravano la vendita di un certo quantitativo di biglietti per ogni partita mentre i bagarini grazie alla rivendita a prezzo maggiorato incassavano i conseguenti profitti, mentre i clienti finali ai quali i titoli erano rivenduti si assicuravano comunque uno sconto rispetto al pagamento del prezzo intero che altrimenti avrebbero dovuto versare attraverso i canali ufficiali.

FONTE: PalermoToday.it

0 commenti:

Posta un commento

Supporta il blog BONDOLA/=\SMARSA!

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


#AtalantaVerona Di Carmine

#AtalantaVerona highlights


Archivio