Header ADS

Anteprima TORINO-VERONA: A Salvezza ormai andata ed in piena smobilitazione i gialloblù sono attesi all'Olimpico dai granata che veleggiando nella mediocrità della metà classifica stanno deludendo i tifosi, IMMOBILE-BELOTTI coppia temibile in attacco ma chissà che... Il leone ferito non azzanni prima di cedere!


#TorinoVerona +   -   =

...A 13 punti dalla quart'ultima ed in piena smobilitazione di mercato con SALA, HALLFREDSSON e IONITA che Lunedì potrebbero non essere più nella rosa scaligera, il VERONA virtualmente retrocesso da più di 2 mesi è atteso all'Olimpico da un TORINO che veleggiando nella mediocrità della metà classifica sta deludendo i tifosi granata.
Nei 23 precedenti in Piemonte l'HELLAS ha vinto solo in 3 occasioni (nella stagione tricolore 1984-85 grazie ai gol di BRIEGEL e MARANGON, nel 1999-00 col gol di MELIS a cui seguì la doppietta di CAMMARATA e nella stagione scorsa grazie al gol vincente di IONITA e alle paratissime di un RAFAEL in vena di miracoli) contro le 10 dei padroni di casa ma alle volte il leone ferito (a morte nel caso della squadra gialloblù) è più pericoloso ed il Toro potrebbe incontrare qualche difficoltà nonostante il ritorno di IMMOBILE e dei tanti talenti in rosa da BELOTTI a BASELLI allo stesso BENASSI.
Il primo match in Serie A finì a reti inviolate nella stagione 1957-58, l'ultima vittoria dei padroni di casa risale invece all'annata 2001-02 quando i granata asfaltarono gli scaligeri con 5 gol!

Arbitrerà il signor Maurizio Mariani della sezione Aia di Aprilia.

AlbertazziDelneri

QUI TORINO
Capitan GLIK non ci sarà: L'autorevole difensore centrale polacco ormai bandiera dei granata, è stato fermato dal giudice sportivo dopo la quinta sanzione, squalificato anche Giuseppe VIVES al suo posto è pronto il mediano GAZZI.
Nel 3-5-2 di mister VENTURA ballottaggio in porta tra ICHAZO e PADELLI mentre BOVO appare in vantaggio su JANSSON nella retroguardia completata ai lati da MAKSIMOVIC e MORETTI, BRUNO PERES torna disponibile per la mediana ma difficilmente partirà dall'inizio, in attacco il tandem dovrebbe essere formato da BELOTTI ed IMMOBILE.

Convocati
LOPEZ ancora fuori ma rientra AVELAR...

Portieri: Luca Castellazzi, Salvador Ichazo, Daniele Padelli
Difensori: Danilo Avelar, Cesare Bovo, Pontus Jansson, Nikola Maksimovic, Cristian Molinaro, Emiliano Moretti, Bruno Peres, Gaston Silva, Davide Zappacosta
Centrocampisti: Afriyie Acquah, Daniele Baselli, Marco Benassi, Alexander Farnerud, Alessandro Gazzi, Sanjin Prcic
Attaccanti: Andrea Belotti, Ciro Immobile, Josef Martinez, Fabio Quagliarella

Probabile formazione
3-5-2 con Ichazo; Maksimovic-Bovo-Moretti; Zappacosta-Benassi-Baselli-Gazzi-Molinaro; Immobile-Belotti


QUI VERONA
Tornano disponibili GOLLINI che ha recuperato dall'infortunio alla spalla, ALBERTAZZI e capitan TONI che vorrebbe essere della gara.
REBIĆ già ai box (tanto per non sbagliare e adeguarsi al maledetto andazzo di questa stagione), RÔMULO ha ricominciato a correre (ma poco altro), VIVIANI avrà bisogno di un paio di mesi come SOUPRAYEN operato alla caviglia all'ospedale di Negrar.
Prima chiamata per i nuovi arrivati SAMIR, MARRONE e MARCONE.

Convocati
Con SALA e HALLFREDSSON già 'al passato', prima chiamata per SAMIR, MARCONE e MARRONE, torna finalmente anche RÔMULO dopo la lunghissima degenza (sperando che sia finita per davvero), c'è anche IONITA apparente tolto dal mercato dal mister nella conferenza stampa pregara.

Portieri: 37. Coppola, 95. Gollini, 88. Marcone
Difensori: 6. Albertazzi, 22. Bianchetti, 5. Helander, 18. Moras, 3. Pisano, 4. Samir, 41. Winck
Centrocampisti: 97. Checchin, 28. Emanuelson, 19. Greco, 23. Ionita, 8. Marrone, 2. Romulo, 13. Wszolek
Attaccanti: 93. Fares, 21. Gomez Taleb, 7. Jankovic, 11. Pazzini, 9. Toni

Probabile formazione
4-4-1-1 con Gollini; Pisano-Moras-Helander-Albertazzi; Wszolek-Ionita-Greco-Gomez; Toni; Pazzini


[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

DICONO +   -   =

Mister DELNERI «Non saranno della partita Rebic e Siligardi, oltre a Souprayen e Viviani. Abbiamo recuperato Romulo, ci aspettano delle partite fondamentali per il nostro futuro. Con serenità e convinzione andremo in campo per dare il massimo. Il ritorno di Romulo? Ha un cambio di passo fantastico ed è bravo nell'1 contro 1. Può giocare come esterno alto, ma nel calcio moderno tutti devono correre e sacrificarsi. Chi giocherà come terzino sinistro? Albertazzi. Marrone? E' pronto per scendere in campo, ha delle qualità importanti. Noi dovremo giocare da squadra e sfruttare le qualità di tutti i nostri calciatori. Chi giocherà in attacco? Luca Toni ci sarà, per il resto valuteremo cercando di tenere un'idea di squadra aggressiva. Come abbiamo preparato questa sfida? I calciatori sono abituati ad allenarsi durante il periodo di mercato, siamo tutti ad affrontare questo tipo di situazioni. La squadra non si discosterà molto da quello che avete visto in queste ultime partite, sarà fondamentale l'atteggiamento. I ragazzi stanno rispettano la maglia, danno tutto sul campo e questo non deve mai mancare, anche per i tifosi, sperando di raggiungere insieme un risultato importante. Eventuale turn-over? Penso ad una gara per volta, sperando di avere tutti i calciatori disponibili. Il Torino? Rispetto agli obiettivi che si erano preposti non stanno attraversano un bel momento, ma sono una squadra di carattere e lotteranno sul campo» HellasVerona.it

Ciro IMMOBILE attaccante 'figliol prodigo' del TORINO «Il Verona in questo momento è una posizione di classifica che non merita. Quest'anno i gialloblu sono partiti male e sono in difficoltà, ma vengono da alcuni risultati positivi e dovremo stare attenti. Giochiamo in casa, il nostro pubblico di aiuterà. Abbiamo bisogno della vittoria e grazie ai nostri tifosi cercheremo di portare a casa i tre punti» TuttoMercatoWeb.com

SAMIR alla presentazione «Il mio arrivo a Verona? Ho deciso di venire qui di comune accordo con mia famiglia, abbiamo scelto Verona perché è una buona squadra e rappresenta un’ottima opportunità di giocare in Italia. Le mie caratteristiche? Sono molto veloce, qualità che ho sviluppato quando giocavo nel Flamengo. Me la cavo con i piedi, per questo ho fatto anche il centrocampista. Ieri sono riuscito a confezionare l’assist per il gol di Juanito Gomez durante l’amichevole. Il mio momento? Non sono al top della forma, ho giocato l’ultima partita a dicembre perché in Brasile la stagione è ferma ed ero in vacanza. Mi sono messo subito a lavorare, voglio dare il meglio per la squadra. Giocherò in un campionato complicato, con l'opportunità di indossare la storica maglia dell'Hellas» HellasVerona.it

21 Settembre 2014: Torino 0-1 Verona

MARCONE alla presentazione «Sono venuto qui pieno di umiltà per lavorare e mettermi a confronto con calciatori che giocano in Serie A da una vita. Non ho mai fatto la Serie A, tranne per una breve parentesi nel Siena quando ero un giovane, quando è arrivata la chiamata del Verona è stato difficile dire di no, indipendentemente dalla posizione in classifica. Un commento sullo spogliatoio? Sono tutti ragazzi bravissimi che mi hanno accolto bene, ho trovato un gruppo tutt’altro che morto che crede nella salvezza e che sta lavorando molto bene. Ho la fortuna di avere in squadra un compagno di reparto come Nando Coppola che ha tanta esperienza e Gollini che è molto stravagante (ride, ndr). Entrambi mi stanno dando una grande mano e anche io voglio contribuire a questa salvezza. Le mie caratteristiche? Mi piace giocare coi piedi, all’inizio della carriera ero centrocampista, in campo ho un discreto dialogo con la difesa e ho avuto la fortuna di lavorare con preparatori che mi hanno insegnato un’ottima tecnica. Arrivo in prestito, il mio obiettivo è di far bene e dare mio contributo e sarà possibile restare almeno per l’anno prossimo. Non sono arrivato al posto di Rafael, lui qui è stato una bandiera, non posso assolutamente mettermi a paragone con lui» HellasVerona.it

Il doppio ex MANDORLINI esordi coi granata in Serie A «Cosa si è rotto nel giocattolo Verona? Purtroppo l’unica cosa che si è rotta in questa stagione sono stati i giocatori. Tanti, troppi infortunati e tutti nello stesso momento. Diventa difficile così essere competitivi, ma abbiamo anche avuto sfortuna: in molte partite meritavamo di raccogliere più di quanto poi il campo ci ha dato. Con la massima serenità posso dire che a Verona è stato l’unico problema, non ne avevamo altri. Si usa spesso dire che un ciclo arriva al termine, ma io credo che non sia stato così in questo caso: eravamo anche più forti degli scorsi anni e c’erano tutte le possibilità per continuare il percorso intrapreso. Quando sono andato via la distanza dalla quart’ultima era di 8 punti. Adesso è quasi raddoppiata. Io sapevo che c’era questo pericolo, ma la società ha pensato che il cambio di gestione potesse servire a recuperare. Una scelta giusta, legittima. Non avevamo mai vinto una partita e quindi non mi sento di criticare la scelta, però stavamo recuperando dei giocatori importanti e arrivavano partite più abbordabili, che in passato avevamo sempre vinto: sono dell’idea che ci fossero le possibilità per risollevarci. Sono però discorsi soggettivi. Mi dispiace, però restano i 5 magnifici campionati fatti insieme, galoppando forte insieme. I rapporti sono rimasti ottimi, ma non ho mai pensato all’eventualità di un ritorno. Non lo so se accetterei, mi devo ancora rendere bene conto di essere stato mandato via dopo tanto tempo. Sono molto legato e attaccato alla piazza veronese, questo ambiente merita il meglio e non la situazione attuale di classifica. Se guarderò la partita? Sarò sincero, faccio fatica a vedere la mia ex squadra, ci sto troppo male. Ti faccio una confessione: in diretta non l’ho mai vista. Mi informo chiaramente sul risultato, ma è ancora troppo presto per guardarla serenamente» TorinoGranata.it

Capitan TONI «Le mie condizioni? In settimana sarò a pieno regime con la squadra, credo di poter essere già a disposizione per domenica contro il Torino ma deciderà il mister se impegarmi o meno. Il momento della squadra? Purtroppo non riusciamo a vincere, e questa è la cosa più brutta. Le prestazioni ci sono, mancano ancora tante partite e ora dobbiamo provare a vincere il più possibile, già a partire da domenica. Servono solo i 3 punti. Pazzini? Sono contento abbia fatto gol su azione, questo farà bene a lui e a tutta la squadra. Il mio futuro? Ora ho altri pensieri. Farò il possibile per aiutare il Verona, per finire alla grande. Poi deciderò con calma. Favorite per il campionato? La Juventus sta facendo una bella risalita, il Napoli va forte e le altre dietro non mollano. Dopo tanti anni la Serie A è tornata ad essere un campionato molto bello. Dybala è giovane e in prospettiva può diventare un campione, mentre di Higuain parla di lui il suo passato» HellasVerona.it




IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

VITA DA EX: CIRIGLIANO si aggrega al TIGRE, club guidato da Mauro German CAMORANESI, Francesco BENUSSI lascia il CARPI: Giocherà col VICENZA in cadetteria. Emanuele BERRETTONI ex capitano dell'ASCOLI ricomincia a 35 anni dal PORDENONE... Attilio GREGORI nei guai per debiti di gioco: Difese la porta scaligera tra il 1990 ed il 1995 e sarebbe stato addirittura minacciato di morte per fatti risalenti a quando allenava la Lupa Frascati.

FINALE SUPERBOWL 2016: Il prossimo 7 Febbraio gli USA si fermeranno per il 50° Superbowl! Di fronte i DENVER BRONCOS ed i CAROLINA PANTHERS per una finale planetaria tutta da godere...

BASKET NBA: NETS ko nonostante il ritorno di 'Mago' BARGNANI, KINGS sconfitti sul campo di Portland...

COPPA ITALIA SEMIFINALE DI ANDATA: La JUVE prenota la finale dopo il secco 3 a 0 all'INTER! Un MILAN dimesso batte l'ALESSANDRIA solo su rigore...

'OPERAZIONE FUORIGIOCO': L'ennesima inchiesta che sembra squassare il calcio italiano dalle fondamenta! Tantissimi i trasferimenti di calciatori finiti nel mirino dei PM, 64 indagati tra A e B ma... Tranquilli finirà più o meno a Taralucci & Vino come al solito...



RASSEGNA STAMPA +   -   =


Posta un commento

0 Commenti