Header ADS

EMPOLI 0-0 VERONA: I toscani ci provano un pizzico di più ma un HELLAS quadrato dietro e con TONI come unica a predicare nel deserto gli spazi diventano rari. Un punto guadagnato in attesa di tempi migliori, esordio grigio per GRECO, buon ritorno di SALA uscito comunque anzitempo con MORAS, espulso HALLFREDSSON...


EMPOLI 0-0 VERONA +   -   =

Bella giornata di sole al 'Carlo Castellani' di Empoli dove riparte col nuovo anno anche il campionato di Serie A con mister SARRI che conferma il 4-3-1-2 per il suo EMPOLI, davanti a SEPE la coppia imprescindibile di centrali TONELLI-RUGANI, mediana a 3 col play VALDIFIORI al centro e il talentuoso VERDI qualche metro più avanti ma dietro agli attaccanti TAVANO-MACCARONE.
Sorprende un po' tutti MANDORLINI confermando per la terza volta consecutiva BENUSSI tra i pali, difesa a 4 col rientro di MARQUES al fianco di MORAS, SALA al rientro e GRECO subito titolare!
Capitan TONI stringe i denti e parte dall'inizio, panchina iniziale per LÓPEZ...

Curiosità: HELLAS mai così 'italiano' con ben 5 giocatori su 11 di nazionalità tricolore! Cosa abbastanza singolare in un VERONA spessissimo inflazionato da giocatori stranieri da lungo tempo ad oggi...

LA GARA
Partita lenta con due squadre che si stimano e si temono vicendevolmente con un paio di buone azioni da parte dei padroni di casa con un'azione centrale del talentuoso VERDI ed un colpo di testa di TONELLI che finisce di poco sopra la traversa ma l'occasione più ghiotta si presenta sui piedi di TONI al 13°: HALLFREDSSON scambia veloce a sinistra poi traversa in mezzo rasoterra, la difesa dell'EMPOLI liscia e la palla finisce a Luca che accentrato in area a non più di un paio di metri da SEPE prova a sorprenderlo con un tiro che non è però potente e finisce in bocca al portiere!
Rispondono al 17° i toscani: 1-2 velocissimo TAVANO-VERDI con 'Ciccio' che dal limite prova la botta ma la palla finisce alta di poco...
Al 23° MORAS stende lo sgusciante VERDI sulla mezzaluna dell'area scaligera, batte MACCARONE alzando troppo la sfera.
Passano quattro minuti e BENUSSI compie una sorta di miracolo su TAVANO rubandogli la palla dai piedi ma il signor Giacomelli di Trieste ferma tutto a causa di un offside...
Al 28° TAVANO per VERDI che dal limite impegna BENUSSI che si tuffa e smanaccia in angolo, alla mezz'ora MORAS abbandona il campo mimando una sorta di elungazione del muscolo ai medici gialloblù (speriamo bene) entra al suo posto SORENSEN.
Sugli sviluppi di un calcio d'angolo al 39° TONELLI mette in rete ma l'arbitro aveva già fischiato per un fallo di MACCARONE su HALLFREDSSON.
Al 44° ancora sugli sviluppi di un corner TAVANO si destreggia in area poi mette in mezzo dove BENUSSI intercetta e allontana, due minuti dopo leggermente spostato sul centrosinistra esterno dell'area empolese TACHTSIDIS si aggiusta palla e spara una bordata a mezz'altezza bloccata da SEPE.
Dopo due minuti di recupero il signor Giacomelli di Trieste termina il primo tempo.

Empoli 0-0 Verona gli highlights

Parte veemente l'EMPOLI rendendosi pericoloso gia al 3° con MACCARONE che spizza un corner, TAVANO si fionda sulla palla anticipato all'ultimo da MARTIĆ! Reagisce l'HELLAS tre minuti dopo con CHRISTODOULOPOULOS che dal fondo mette una palla deliziosa a centro area ma proprio tra TONI e HALLFREDSSON che si ostacolano a vicenda annullando il pericolo per i padroni di casa...
Al 7° SALA rimane a terra dopo un contrasto ma reagisce sorridendo nonostante il cambio chiamato da MANDORLINI che preferisce non rischiare il convalescente ex CHELSEA e AMBURGO: Non dovrebbe essere nulla di grave comunque spazio a CAMPANHARO e secondo cambio obbligato per l'HELLAS.
PUCCIARELLI da il cambio a TAVANO al 16° ed un minuto dopo è subito pericolosissimo in area sul passaggio smarcante di VERDI ma SORENSEN mura la sua conclusione col piattone sinistro!
Al 19° TONELLI già ammonito, ferma una ripartenza di TONI guadagnando il secondo cartellino giallo e la doccia anticipata, SARRI riequilibria gli schemi inserendo BARBA al posto dell'ottimo VERDI.
Ancora pericoloso PUCCIARELLI al 24° con un'incornata a seguito del corner che BENUSSI blocca peraltro facilmente, quattro minuti pù tardi l'unico lampo di GRECO che traversa da sinistra per la testa di TONI che incorna debole e SEPE para facile...
Al 31° è HALLFREDSSON già ammonito a beccare il secondo giallo con un fallo abbastanza gratuito su VALDIFIORI: MANDORLINI accusa di protagonismo il direttore di gara ma il provvedimento del signor Giacomelli appare giustissimo!
SARRI a questo punto provoca a vincerla inserendo il gigante georgiano MCHELIDZE al posto di uno stanco MACCARONE, al 35° ci prova CHRISTODOULOPOULOS con un tiro pretestuoso dalla distanza: Palla comoda fra le braccia di SEPE.
Al 38° MCHELIDZE, dal vertice sinistro dell'area gialloblù, conclude a mezza altezza trovando la parata a terra di BENUSSI...
Finisce dopo 4 minuti di recupero ed un paio di vani tentativi da parte dei padroni di casa

Empoli 0-0 Verona le immagini

LE IMPRESSIONI
Gara noiosa, lenta e con pochi spunti interessanti anche se forse è per il VERONA un punto guadagnato: L'EMPOLI non ha fatto molto ma, sopratutto da calcio piazzato, si è avvicinato al vantaggio più degli avversari...
Bene così dunque anche se col senno di poi MANDORLINI avrebbe forse potuto osare un po' di più con LOPEZ ma il mister ha dovuto per forza tenere conto delle uscite non previste di MORAS e SALA.
Quota 20 (e metà salvezza) è potenzialmente ancora agganciabile anche se, con PARMA e JUVENTUS ancora da incontrare, bisognerà a tutti i costi vincere lo scontro diretto coi ducali il prossimo 11 Gennaio al 'Binti' dato che sarà impresa praticamente proibitiva portar via punti allo 'Juventus Stadium'...

Radiografia del Gol gialloblù 2014/2015
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
TONI156
LÓPEZ044
IONITA022
TACHTSIDIS022
MORAS112
CHRISTODOULOPOULOS112
HALLFREDSSON011
GOMEZ TALEB011
SAVIOLA101

I VOTI
  • BENUSSI Terza gara consecutiva per il portiere che a questo punto sembra destinato a sostituire RAFAEL in scadenza a Giugno 2016, Francesco da sempre l'impressione di avere tutto sotto controllo, dialoga bene coi compagni di piede ed è pure autorvole nelle uscite... Voto 6,5
  • MARTIĆ Sulla destra da corre come un matto, recupera in difesa e spinge in attacco all'occorrenza... Non è uno dei migliori terzini di sempre per l'HELLAS ma attualmente è imprescindibile in questa squadra senza fare peraltro nulla di straordinario, voto 6
  • MORAS chiama i compagni in copertura e randella VERDI quando è il caso, deve arrendersi dopo un terzo di gara probabilmente per una noia muscolare, voto 6 (gli subentra al 31° SØRENSEN che mura una conclusione pericolosissima di PUCCIARELLI e duella di fisico col granatiere MCHELIDZE, sicuramente da centrale sembra molto più a suo agio, voto 6)
  • MARQUES Praticamente invisibile ma fa il suo... voto 6
  • AGOSTINI Vedi MARQUES... Fa il suo compitino senza rischiare mai l'affondo forse per 'ordini di scuderia' guadagnando una sufficienza stiracchiata: Voto 6
  • SALA quasi un'ora di gioco dopo mesi di sofferenze e dubbi gli ridanno il sorriso ed un pizzico di fiducia nei suoi mezzi, prova il cambio di passo in un paio di occasioni e lascia intravedere una buona verve, per il momento va bene anche cosi voto 6 (gli subentra al 53° CAMPANHARO che si distingue per una sportellata ed una conclusione sballata ma probabilmente è ciò che gli è stato chiesto: Zero fioretto e tutta sciabola! Voto 5,5)
  • TACHTSIDIS Non sbaglia quasi nulla e quando è il caso lavora di fisico per interdire gli avversari, prova anche il tiro con buona intuizione... Si vede che è in un momento d'ansia e gioca costantemente preoccupato e questo non gli giova di certo, voto 6
  • HALLFREDSSON Sulla sinistra punge più di GRECO poi va a guadagnare una prima banale ammonizione per replicare con un fallo gratuito ad un quarto d'ora dalla fine beccandosi il secondo giallo! Il suo modo di giocare attira i cartellini ma anche per Emil deve esserci un limite... Voto 5 (anche per il gesto tecnico con cui si protegge le orecchie dal fischietto di Giacomelli)
  • GRECO Schierato teoricamente da esterno sinistro d'attacco nel 4-3-3 mandorliniano si posiziona sulla trquarti incespicando a volte sui piedi di HALLFREDSSON... Non è un attaccante e da trequartista non fa vedere nulla a parte un cross sprecato da TONI ma questa era la prima gara con compagni totalmente nuovi per lui: Crescerà ma molto dipenderà dalle scelte tattiche del mister, voto 5
  • TONI Meno incisivo di altre volte spreca un'occasione collosale al 13° ed almeno altre due che poteva sfruttare diversamente, a sua discolpa va detto che è stato lasciato completamente solo la davanti e che non gli si può chiedere sempre la luna... Voto 5,5
  • CHRISTODOULOPOULOS A luci alterne come esterno d'attacco ma sicuramente meglio dell'evanescente GRECO, lui è più centrocampista ma ad ogni modo procura qualche pallone pericoloso che i suoi compagni non riescono a sfruttare al meglio... Voto 6
  • MANDORLINI Una volta in superiorità numerica mi sarebbe piaciuto vedere una mossa d'attacco da parte del mister che un punto voleva ed un punto ha preso (ed in questo momento è tutto grasso che cola) ma continuo a non capire certe scelte e quella che a mio avviso è una prudenza eccessiva sopratutto negli scontri diretti, voto 5,5
[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =

Mister MANDORLINI «Il pareggio è giusto, giocavamo su un campo difficile e abbiamo creato tanti problemi all'Empoli. Dispiace per l'espulsione nel momento in cui dovevamo sfruttare la superiorità numerica, ma abbiamo creato tante occasioni per portarci in vantaggio. Toni? Ha avuto le sue occasioni, le ha sbagliate ma è stato già tanto averlo recuperato per questa gara. Speriamo che non le sbagli domenica prossima. Non pensiamo al mercato, concentriamoci sulle partite, domenica avremo un altro scontro diretto. Cerchiamo di recuperare i giocatori infortunati, saranno loro i nostri acquisti» TuttoMercatoWeb.com

Mister SARRI tecnico dell'EMPOLI «Ci abbiamo provato per tutta la partita, forse solo all'inizio abbiamo faticato dopo la sosta a trovare le giuste sensazioni. Abbiamo creato tanto, purtroppo ultimamente in casa non riusciamo a concretizzare questa superiorità. Siamo stati penalizzati da un terreno di gioco in brutte condizioni, siamo una squadra tecnica e questo ci penalizza. Problema del gol? Qualcosa è mancato in avanti, un gol lo avevamo fatto ma ci è stato annullato. Non capisco ancora il motivo. Se non riusciamo a concretizzare questa superiorità, vuol dire che qualcosa ci manca» TuttoMercatoWeb.com

SorensenMandorliniMartic

MARTIĆ «Il pareggio conquistato a Empoli? E' ottimo, siamo venuti qui per fare punti e questo è un risultato molto importante per noi. Il gol annullato a Tonelli? Sinceramente non ho visto, stavo marcando il mio uomo. Credo fosse comunque fallo, è stata una fortuna per noi. Se potevamo vincere? Quello sì, ma siamo ugualmente contenti. Siamo stati bravi, soprattutto nel primo tempo, mentre nella ripresa l'Empoli ha fatto meglio. Loro sono forti, soprattutto in casa, ecco perché dobbiamo essere felici di questo risultato. Abbiamo avuto le nostre occasioni, come loro, ma alla fine credo che il pareggio sia giusto. Se non siamo tranquilli in difesa? E' molto difficile difendere, ma ci siamo preparati bene in settimana e siamo riusciti a non prendere gol. Il nostro spirito? Corriamo insieme e siamo tutti uniti, facciamo le cose bene e dobbiamo continuare così» HellasVerona.it

SØRENSEN «Il punto di oggi è molto importante, l’Empoli è un avversario del nostro livello, un avversario diretto. Un punto fuori casa è sempre molto bello, questo risultato ci soddisfa. Noi poco bravi a fruttare il vantaggio di un uomo in più? Non sono d’accordo, è arrivata subito la seconda espulsione. Forse potevamo gestire meglio la palla, far correre di più gli avversari. Siamo stati bravi a resistere. Quel gol annullato all’Empoli? Dalla mia posizione ho visto chiaramente che Maccarone ha abbracciato Hallfredsson, l’arbitro ha fatto bene a fischiare il fallo. Sull’espulsione del mio compagno ho sbagliato il passaggio, di conseguenza è arrivato il rosso per Hallfredsson. Un commento su Greco? Conoscevamo le sue caratteristiche: è un giocatore tecnico, sa gestire palla. Ha fatto la sua partita ed è stato molto bravo perché è con noi soltanto da cinque giorni» HellasVerona.it

MACCARONE attaccante dell'EMPOLI «Ci dispiace perché non riusciamo a le prestazioni che facciamo. Dobbiamo continuare così, riusciremo a sbloccarci. Ci stiamo provando in tutti i modi. Ultimamente non riusciamo a sfruttare le occasioni che ci capitano, oggi c'era anche il campo in pessimo stato che non ha contribuito a migliorare il nostro rendimento» TuttoMercatoWeb.com

VALDIFIORI centrocampista dell'EMPOLI «C'è un po' di amarezza, questo è il terzo pareggio consecutivo in casa, sempre negli scontri diretti. Abbiamo creato tanto, peccato per il gol del primo tempo che secondo me era valido. La strada comunque è quella giusta, con questa voglia, questa fame e questo ritmo arrivermo lontano. Abbiamo preparato bene la partita, dovevamo stare corti e alti per non permettere agli avversari di cercare Toni con i cross. Buona partita, dispiace solo per l'ennesimo zero a zero, ma abbiamo dimostrato una grande solidità difensiva. Bisogna continuare così, prima o poi arriveranno i punti pesanti» TuttoMercatoWeb.com



LE ALTRE DI A +   -   =

Ieri secco 3 a 0 della LAZIO alla SAMP con un Felipe ANDERSON da urlo! Un gol e due assist che bbattono per la seconda volta in questo campionato i blucerchiati.
Colpaccio esterno del SASSUOLO che sbanca il MILAN con una prestazione superlativa di ZAZA, vittoria con gol fantasma a Udine dove ad ASTORI è stato assegnato un gol molto molto dubbio ma decisivo per la vittoria della ROMA...
Il PALERMO distrugge il CAGLIARI al 'La Barbera': Un 5 a 0 che annichilisce ZOLA all'esordio sulla panchina dei sardi, vittoria di misura del PARMA sulla FIORENTINA che ha fallito un rigore con Mario GOMEZ.
Emozionante 2 a 2 tra GENOA e ATALANTA coi padroni di casa che riprendono per due volte gli avversari, pareggio senza gol fra CHIEVO e TORINO.
Alle 18.00 è iniziata CESENA-NAPOLI, alle 21.00 il derby d'Italia tra JUVE ed INTER.



ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

DAL 6 GENNAIO NUOVO MANTO ERBOSO AL 'BINTI', La sostituzione si è resa necessaria in seguito al forte deterioramento subito dal campo del Bentegodi, causato da usura e da un malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento. I lavori, eseguiti sul campo dello stadio veronese, si sono sviluppati in più fasi: dallo smaltimento del vecchio tappeto erboso al ripristino dell’impianto di riscaldamento, dal riposizionamento delle quote del sottofondo in sabbia al posizionamento del nuovo manto erboso HellasVerona.it

VIAREGGIO CUP-COPPA CARNEVALE, al torneo la Primavera dell'HELLAS sorteggiata nel Girone 3 con NAPOLI, PAKHTAKOR (squadra uzbeka) e NEW YORK

MERCATO: Il centrocampista 25enne SÁNCHEZ MIÑO, argentino naturalizzato italiano, è in uscita dal TORINO e valuterebbe le magli di FIORENTINA e VERONA con i gialloblù dati al momento per favoriti...
Intanto alla FIORENTINA cercano un nuovo diesse e tra i vari nomi pronti a rimpiazzare la coppia PRADÈ-MACIA spunta anche quello di Sean SOGLIANO.
Scambio GONZÁLEZ-MENDES tra VERONA e PARMA? Sportmediaset rilancia invece l'idea CAGLIARI che avrebbe risposto con un no secco alla richiesta della disponibilità da parte scaligera del terzino AVELAR ritenuto incedibile dai sardi...
COLANTUONO pensa al ritorno (improbabile) di BRIVIO, il nome nuovo per l'HELLAS è Jhon Eduard MURILLO Romaña, 19enne ala sinistra venezuelana dello ZAMORA in Spagna.
Il BARNSLEY dall'Inghilterra cerca un portiere e avrebbe messo gli occhi su NICOLAS, di proprietà VERONA ma in prestito al LANCIANO in Serie B, per la prossima stagione...



IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

VITA DA EX: Anche mister GIANNINI fra i 104 imputati rinviati a giudizio nell'inchiesta napoletana chiamata Aracne, deve rispondere di frode nelle competizioni sportive legata al campionato 2008-2009 di Lega Pro quando allenava il GALLIPOLI... ROMULO al rientro in bianconero e il suo agente lo rilancia anche in chiave azzurra

CALCIOMERCATO SERIE A:Lukas PODOLSKI all'INTER! Grande accoglienza all'aeroporto per il centravanti tedesco come per GABBIADINI a Napoli...



RASSEGNA STAMPA +   -   =
Empoli-Hellas Verona 0-0
06-01-2015 18:31 - serie a tim

EMPOLI: Sepe; Hysaj, Tonelli, Rugani, Mario Rui; Vecino, Valdifiori, Croce; Verdi (67´ Barba); Tavano (61´ Pucciarelli), Maccarone (79´ Mchedlidze)
A disposizione: Pugliesi, Bassi, Perticone, Bianchetti, Moro, Laxalt, Zielisnki, Aguirre All. Sarri

HELLAS VERONA: Benussi; Martic, Moras (31´ Sorensen), Marques, Agostini; Sala (53´ Campanharo), Tachtsidis, Hallfredsson; Christodoulopoulos, Toni, Greco .
A disposizione: Rafael, Gollini, Brivio, Boni, Luna, Valoti, Fares, Nico Lopez, Saviola, Nenè All. Mandorlini.

Arbitro: Giacomelli di Trieste (Assistenti: Marrazzo e Schenone; Arbitri di porta: Mariani e Candussio; Iv uomo Longo)

Ammoniti: Sala, Toni, Campanharo
Espulsi: Tonelli, Hallfredsson; Sarri (allenatore Empoli)

Terzo 0-0 consecutivo tra le mura amiche per l´Empoli di Sarri che non riesce a superare un Verona arrivato al Castellani con l´obiettivo di non perdere. Parte meglio il Verona, ma sono gli azzurri i primi ad essere pericolosi, quando sugli sviluppi di un corner prima Tonelli tocca di testa e poi Tavano non riesce a mettere dentro da buona posizione. Un minuto dopo occasione anche per il Verona, con Toni che da centro area calcia centrale, trovando la parata di Sepe. Ancora Empoli che ci prova, ma al 18´ la conclusione di Tavano finisce alta e, cinque minuti dopo, è la punizione di Maccarone a finire a lato. Al 28´ ancora Empoli che ci prova: Tavano serve Verdi, la cui conclusione è deviata da Benussi in angolo. Primo cambio alla mezz´ora per il Verona, con mandolini che sostituisce l´infortunati Moras con Sorensen. Al 39´ primo dubbio episodio della gara: corner ancora di Valdifiori, Tonelli mette in rete, ma l´arbitro ravvisa un precedente fallo su Hallfredsson annullando il gol del 24 azzurro. Si chiude così la prima frazione, cn gli azzurri che nel finale chiudono in avanti alla ricerca del vantaggio.

Nella ripresa si riparte con i soliti effettivi e nei primi minuti il direttore di gara ammonisce prima Tonelli poi il neo entrato Campanharo. Sarri sceglie Pucciareli (per Tavano), e appena entrato, dopo una bell´azione di Verdi, sfiora il vantaggio. Al 65´ Empoli in dieci: Doppio giallo per Tonelli, con l´arbitro che estrae il secondo giallo per un leggerissimo fallo su Toni. Sarri mette dentro Barba per Verdi, ma l´inferiorità numerica non pesa agli azzurri: Pucciarelli ci prova in due occasioni ma prima è Benussi ad opporsi e poi la conclusione del 20 azzurro finisce a lato. Al 77´ si ristabilisce la parità numerica, quando Hallfredsson riceve il secondo giallo per fallo su Maccarone, che poco dopo lascia il posto a Mchedlidze. Negli ultimi minuti l´Empoli preme, ma non crea mai pericoli per la porta di Benussi. Dopo 4 minuti di recupero Giacomelli dice che può bastare: al Castellani Empoli-Verona finisce 0-0.

FONTE: EmpoliCalcio.net


Serie A: pareggite Empoli, 0-0 col Verona
La squadra di Sarri centra un altro risultato utile ed è il quinto segno 'X' consecutivo. Punto esterno che fa morale per gli scaligeri
6 Gennaio 2015
Si conclude in parità, senza gol, e con un espulso per parte, Tonelli e Halfredsson nella ripresa, la sfida tra Empoli e Verona, valida per la 17esima giornata di serie A, la prima del 2015. La squadra di Sarri tiene il pallino del gioco ma non riesce a violare la porta di Benussi e centra il quinto pareggio consecutivo (settimo risultato utile) mentre gli scaligeri conquistano un punto esterno che fa morale. In classifica le due squadre a 18 punti.

Sarri si affida al solito 4-3-1-2 con la collaudata coppia Tavano-Maccarone in attacco, mentre il Verona schiera il 4-3-3 con Greco e Christodoulopoulos al fianco di Toni. Primo tempo che stenta a decollare e che vede gli ospiti più aggressivi. La prima vera occasione è infatti del Verona: al 13’ Hallfredsson prova il cross basso in area e trova Toni che colpisce debolmente col sinistro.
La risposta empolese arriva al 17’ con un gran tiro di Tavano che termina di poco alto e che sveglia i padroni di casa che da qui in avanti faranno la partita. Le occasioni più ghiotte arrivano al 23’ con la punizione violenta di Maccarone che finisce fuori, e al 28’ grazie alla conclusione in area di Verdi servito molto bene da Tavano. L’Empoli protesta al 39’ per un gol di Tonelli annullato da Giacomelli per un precedente fallo di Maccarone, mentre l’ultima occasione è del Verona al 45’ con il gran sinistro di Tachtsidis dal limite dell'area parato in due tempi da Sepe.

Nella ripresa il copione non cambia e l’Empoli la fa da padrone: passano solo 3 minuti e Maccarone spizza bene di testa l’angolo battuto da Valdifiori ma nessun compagno riesce a battere in rete. Al 61’ torna a farsi vedere il Verona con la conclusione fuori misura di Hallfredsson, mentre un minuto dopo è ancora l’Empoli a rendersi pericoloso con il tiro di Pucciarelli respinto da Sorensen. Passano 4 minuti e arriva l’episodio che potrebbe cambiare il match: Tonelli trattiene Toni e viene espulso per somma di ammonizioni.
Il Verona potrebbe quindi approfittare ma al 77’ pareggiano il conto degli espulsi dopo il brutto intervento di Hallfredsson, e continuano a subire il gioco empolese; sono infatti due le occasioni principali nel finale di partita e sono entrambe per Mchedlidze: all’83’ prova un bel sinistro dal limite e Benussi para in tuffo, mentre al 93’ impatta bene di testa il cross di Valdifiori ma trova ancora le mani dell'estremo difensore. Uno 0-0 che sta stretto all’Empoli vista la compattezza dimostrata in campo, i punti ora sono 18 (gli stessi del Verona) e la posizione in classifica è sempre la 13esima; nel prossimo match con la Samp ci sarà da lavorare in fase di finalizzazione.
Per i veneti invece è un punto prezioso che interrompe la striscia di sconfitte consecutive che ha concluso il 2014: nel prossimo match ci sarà il Parma.

PAGELLE E TABELLINO
EMPOLI-VERONA 0-0
Empoli (4-3-2-1): Sepe 6,5, Hysaj 6, Tonelli 6,5, Rugani 6, Mario Rui 6,5, Vecino 6, Valdifiori 6,5, Croce 6, Verdi 7,5 (20' st Barba 6), Tavano 6 (16' st Pucciarelli 6,5), Maccarone 7 (33' st Mchedlidze 6,5). A disp.: Pugliesi, Bassi, Perticone, Laurini, Bianchetti, Signorelli, Laxalt, ZIelienski, Aguirre. All.: Sarri 6,5.

Verona (4-3-3): Benussi 7, Martic 6, Moras 5,5 (31' st Sorensen 5,5), Marques 6, Agostini 6, Sala 5,5 (8' st Campanharo 5,5), Tachtsidis 6, Hallfredsson 6, Christodoupoloulos 6, Toni 5,5, Greco 6,5. A disp.: Rafael, Gollini, Luna, Brivio, Boni, Valoti, Campanharo, Saviola, 17 Nico Lopez, Fares, Nenè. All.: Mandorlini 6.

Arbitro: Giacomelli
Ammoniti: Sala, Toni, Campanharo (V)
Espulsi: 21' st Tonelli (E), per doppia ammonizione; 31' st Hallfredsson (V), per doppia ammonizione

FONTE: SportMediaset.Mediaset.it


Empoli-Verona 0-0: le pagelle di Calcioweb
Gara ruvida e poco spettacolare

6 gennaio 2015 16:56 - Francesco Gregorace

EMPOLI (4-3-1-2): Sepe 6; Hysaj 6, Tonelli 4.5, Rugani 6, Mario Rui 6; Croce 6, Valdifiori 6, Vecino 6; Verdi 6 (22′ st Barba 6); Tavano 5.5 (16′ st Pucciarelli 6), Maccarone 5.5 (34′ st Mchedlidze 6). In panchina: Pugliesi, Bassi, Laurini, Perticone, Signorelli, Laxalt, Bianchetti, Zielinski, Aguirre. Allenatore: Sarri 6.

HELLAS VERONA (4-3-3): Benussi 6; Martic 6, Moras sv (31′ pt Sorensen 6.5), Marques 6, Agostini 6; Sala 5.5 (8′ st Campanharo 5), Tachtsidis, Greco 6; Lazaros 5.5, Toni 5, Hallfredsson 4.5. In panchina: Rafael, Gollini, Saviola, Luna, Lopez, Valoti, Brivio, Boni, Fares, Nene’. Allenatore: Mandorlini 6.

ARBITRO: Giacomelli di Trieste 5.5. NOTE: giornata soleggiata ma fredda, terreno in buone condizioni. Espulso al 20′ st Tonelli ed al 32′ Hallfredsson entrambi per doppia ammonizione. Ammoniti: Sala, Toni, Campanharo. Angoli: 7-2. Recupero: 2′,4′.

FONTE: CalcioWeb.eu


Calcio: Empoli-Verona 0-0, pari lascia entrambe in zona sicurezza
18:56 06 GEN 2015
(AGI) - Empoli, 6 gen. - Pari e patta per Empoli e Chievo che si dividono la posta nel primo match del 2015, muovendo la classifica che li vede ancora a braccetto a quota 18, rimanendo in una posizione di sicurezza rispetto alla zona calda della classifica. Il Verona si fa vedere al 14' con il solito Toni che, su cross basso di Hallfredsson, si coordina e tira in porta. Ma Sepe c'e'. L'Empoli risponde al 17' con una combinazione Verdi-Tavano, ma la conclusione e' alta sopra la traversa. Al 23' ci prova Maccarone su calcio di punizione dal limite. La palla fa la barba al palo. Al 28' Verdi prova a sorprendere la difesa scaligera con una conclusione dal limite, ma Benussi respinge in calcio d'angolo.

Al 31' e' costretto ad uscire Moras per infortunio, al suo posto Sorensen. Al 38', sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Tonelli devia in gol, ma l'arbitro aveva gia' fischiato per un fallo in attacco di Maccarone su Hallfredsson. Al 43', ancora su azione dalla bandierina, ma questa volta dalla destra, ci prova Rugani, ma la sua deviazione di testa e' alta sopra la traversa. Il primo tempo si chiude sullo 0-0. Al rientro in campo la musica non cambia, con l'Empoli che prova a fare la partita ed il Verona che cerca di sfruttare le ripartenze. Al 6' azione di Lazaros sulla fascia, ma il suo cross al centro non e' sfruttato da Hallfredsson. Mandorlini all'8' deve effettuare la seconda sostituzione. Si fa male anche Sala ed al suo posto entra Campanharo.

Al 10' Verdi prova la conclusione in rovesciata dopo assist dalla sinistra, ma la palla si alza a candela e finisce facile preda nelle mani di Benussi. Il Verona ci prova al 16' con un tiro cross dalla sinistra di Hallfredsson che esce di poco. Sarri toglie uno stanco Tavano e manda dentro Pucciarelli che subito ha una buona occasione, ma Sorensen ribatte.
Al 20' secondo giallo per Tonelli per un fallo su Toni, ed Empoli in dieci. Sarri ricorre ai ripari mettendo dentro il giovane Barba per Verde, passando al 4-3-2. Al 23' punizione di Maccarone e deviazione di Mario Rui, respinto in angolo. Al 25', Luca Toni, da solo davanti a Sepe, disturbato da Rugani, devia di petto nelle mani del portiere. Risponde l'Empoli con Pucciarelli, ma chiude bene la difesa gialloblu'. Al 29' Cross di Greco per la testa di Toni, ma Sepe para. Al 32' si riequilibrano le forze in campo. Fallo di Hallfredsson su Maccarrone e seconda giallo anche per lui. Due minuti piu' tardi fuori Maccarone e dentro Mchedlidze. Il georgiano al 38' si destreggia tra piu' uomini e conclude, ma il suo tiro e' parato a terra da Benussi. L'ultimo brivido lo da proprio il portiere veronese. Al 48', infatti, appare un po' indeciso sugli sviluppi di un calcio di punizione dal limite, ma alla fine para a terra sul colpo di testa di Mchedlidze.
(AGI)

FONTE: AGI.it


Calcio, Empoli-Verona termina 0-0
martedì 06 gennaio 2015 ore 17:27
La zona retrocessione resta a 6 lunghezze di distanza e alle spalle degli azzurri ci sono 5 squadre mentre Verona e Torino hanno gli stessi punti dei toscani.

EMPOLI — Un punto per uno non fa male a nessuno, soprattutto se la zona retrocessione resta a 6 punti di distanza e alle spalle degli azzurri ci sono 5 squadre e altre 2 hanno gli stessi punti.

Finisce 0-0 Empoli-Hellas Verona.
Inizia bene il Verona che al minuto 13 va vicino al gol con un rasoterra di Toni controllato in due tempi da Sepe. L’Empoli ci mette qualche minuto a prendere le misure agli avversari in maglia bianca, così il primo pericolo alla porta di Benussi lo crea soltanto al 17’ quando Tavano dopo un controllo approssimativo prova il tiro a spiovere che sorvola di poco la traversa. Poi, al minuto 22, è Maccarone su punizione a cercare di schiodare il risultato dallo 0-0: palla poco distante dall’incrocio dei pali. Prima della fine del tempo giallo in area veronese: angolo di Valdifiori, Maccarone ed un paio di difensori ospiti si trattengono vicendevolmente, Tonelli è più rapido di tutti e insacca di controbalzo. Giacomelli opta per il fallo in attacco ed annulla l’1-0 per l’Empoli.

In avvio di ripresa gli azzurri si fanno più intraprendenti e nei primi tre minuti si affacciano dalle parti di Benussi per un paio di volte. Ma l’occasione più ghiotta capita a Pucciarelli al minuto 63, qualche secondo dopo il suo ingresso in campo al posto di Tavano. Il tiro del 20 azzurro è ribattuto dai difensori ospiti a pochi passi dal portiere.

Al 65’ espulso Tonelli per un fallo a centrocampo, ma ancora nella parte di campo veronese, su Toni. Una decisione forse affrettata, perché giudicare chiara occasione da rete un’azione a circa 60 metri dalla porta sembra davvero eccessivo. Sarri corre ai ripari togliendo Verdi e inserendo Barba. Al 77’ anche l’Hellas Verona resta in dieci. Hallfredsson, già ammonito, abbatte Hysaj guadagnandosi così il secondo giallo e la successiva espulsione.

Empoli: Sepe; Hysaj, Tonelli, Rugani, Mario Rui; Vecino, Valdifiori, Croce; Verdi (Barba dal 67’); Tavano (Pucciarelli dal 62’), Maccarone (Mchedlidze dal 79’)
All.: Sarri

Hellas Verona: Benussi; Martic, Moras (Sorensen dal 29’), Marques, Agostini; Hallfredsson, Tachtsidis, Greco; Christodoulopoulos, Toni, Sala (Campanharo dal 53’)
All.: Mandolini

Arbitro: Giacomelli

Stefano Romagnoli

FONTE: Nove.Firenze.it


Futebol/Mercado - (03/01/2015 15h48min - Atualizado 03/01/2015 15h54min34)
Sem espaço no Grêmio, Fernandinho será emprestado ao Verona

Porto Alegre (RS)
Fernandinho está próximo de ser emprestado ao Verona da Itália. A informação foi confirmada pelo presidente do Grêmio, Romildo Bolzan Júnior, na tarde deste sábado. Se a negociação for confirmada, o Tricolor Gaúcho terá um custo a menos, já que o time não precisará pagar o salário do jogador enquanto ele estiver atuando na Europa.
Fernandinho foi contratado por 2 milhões de euros do Al-Jazira, do Emirados Árabes. Nos seis meses em que vestiu a camisa do Grêmio, Fernandinho não conseguiu se firmar como um dos principais atletas e foi titular em apenas três jogos. “O empréstimo está praticamente consolidado”, disse o mandatário do Tricolor Gaúcho em entrevista à Rádio Gre-Nal.
Com a saída do jogador, a comissão técnica deverá oferecer mais oportunidades a alguns jogadores da base, como o jovem Everton, que vem se destacando. O outro ponto é a economia financeira, já que o Grêmio pretende ter um corte de 30% em relação ao capital gasto na temporada de 2014.

FONTE: GazetaEsportiva.net


di Alessio Morra
4 gennaio 201520:19
Calciomercato Cagliari, ufficiale: preso Alejandro Gonzalez
Il Cagliari ha preso in prestito dal Verona il difensore uruguaiano Alejandro Gonzalez.


Primo colpo di mercato da parte del Cagliari. I sardi hanno infatti trovato l’accordo con il Verona per l’acquisto del difensore Alejandro Gonzalez, che arriva in rossoblu in prestito gratuito con diritto di riscatto. La trattativa è stata lunghissima, ma non estenuante. Perché le due squadre già la scorsa estate avevano parlato di Gonzalez, finito ai margini con Mandorlini. Dopo l’esonero di Zeman il nome del difensore sudamericano è tornato in auge ed oggi l’affare si è concluso. Questo di sicuro non sarà l’unico acquisto di Giulini nel mercato invernale. Zola pretende almeno altri tre giocatori.

Penarol e Verona - Alejandro Gonzalez è un difensore che può giocare sia da centrale che da esterno destro. Il nuovo difensore di Zola, classe 1988, arriva diciassettenne al Penarol, ma solo nel 2008 fa il suo esordio nel campionato uruguaiano. Dopo aver disputato una stagione in Perù, Gonzalez torna alla base. Con il Penarol gioca tanto e pure bene, ma non vince nulla. Nell’estate 2013 arriva in Serie A. Con il Verona complessivamente ha giocato diciotto partite (solo cinque in questa stagione).

FONTE: Calcio.Fanpage.it


17:43 | martedì 06 gennaio 2015
Mandorlini alla Rai: «Calciomercato? Pensiamo a recuperare»
Le parole di Mandorlini alla fine di Empoli - Hellas Verona

di Gianmarco Lotti © www.imagephotoagency.it

EMPOLI VERONA MANDORLINI SERIE A - Qualche istante fa è giunta al termine la partita dello stadio Carlo Castellani di Empoli tra i padroni di casa dell'Empoli e il Verona. Alla fine del match, valevole per la giornata numero diciassette del campionato 2014-15 di Serie A, è intervenuto in zona mista poco dopo il triplice fischio l'allenatore dei veronesi Andrea Mandorlini, di seguito trovate le sue dichiarazioni.

LE PAROLE NEL DOPO GARA - «Empoli è un campo difficile, ne abbiamo create anche a loro di difficoltà ma in superiorità numerica abbiamo fatto una sciocchezza rimanendo anche noi in dieci. Abbiamo avuto molte occasioni per andare in vantaggio ma non siamo stati bravi a sfruttarle. Si fanno sempre paragoni con gli anni scorsi, il calciomercato deve girare parallelo. Dal mercato se arriva qualcosa, bene, altrimenti pensiamo a recuperare gli infortunati» ha dichiarato l'allenatore del club ospite Mandorlini a Rai Sport.

17:04 | martedì 06 gennaio 2015
Valdifiori a Sky: «Rammarico ma il progetto è ottimo»
Le dichiarazioni del regista empolese nel post partita del Castellani tra Empoli e Verona

di Massimiliano Bruno - twitter: @massi_bruno © www.imagephotoagency.it

SERIE A EMPOLI HELLAS VERONA - Ecco le dichiarazioni rilasciate ai microfoni di Sky dal calciatore dell’Empoli Mirko Valdifiori al termine del primo tempo della sfida del Castellani: «C’è tanta amarezza perché siamo al terzo 0-0 casalingo consecutivo, dispiace anche per il gol annullato nel primo tempo ma questa è la strada giusta, continuando a giocare così arriveremo lontano. Abbiamo preparato la partita bene, volevamo restare corti e concedere poco e ci siamo riusciti, buona partita anche oggi ma dobbiamo ritrovare la via del gol. Settimo risultato utile consecutivo? Sì, il progetto Empoli funziona ma possiamo ulteriormente crescere e migliorare».

16:59 | martedì 06 gennaio 2015
Serie A: Empoli – Verona, pagelle
Verdi il migliore in campo, nell'Hellas Verona benissimo Benussi

di Massimiliano Bruno - twitter: @massi_bruno © www.imagephotoagency.it

PAGELLE EMPOLI HELLAS VERONA - Due espulsioni, quelle di Tonelli ed Hallfredsson, ma zero il numero delle reti: terzo 0-0 consecutivo casalingo per l’Empoli, l’Hellas Verona riesce così a portare via un buon pareggio. Si muovono le due classifiche: ora sono entrambe a diciotto punti.
Empoli (4-3-1-2): Sepe 6; Hysaj 5.5, Tonelli 5, Rugani 6.5, Mario Rui 6.5; Croce 6, Valdifiori 6, Vecino 6.5; Verdi 7 (al 67’ Barba 6); Tavano 6 (al 60’ Pucciarelli 6.5), Maccarone 6 (al 79’ Mchedlidze 6)

Hellas Verona (4-5-1): Benussi 6.5; Martic 6.5, Moras 6 (al 31’ Sorensen 6.5), Marques 6.5, Agostini 5.5; Lazaros 5.5, Greco 5.5, Tachtsidis 6, Sala 5.5 (al 53’ Campanharo 5.5), Hallfredsson 5; Toni 6

EMPOLI – IL MIGLIORE
Verdi 7: Rispetto ad altre occasioni va forse a sprazzi ma quando si illumina non ce n’è per nessuno: salta sempre il primo avversario ed è poi lucido nel servire l’assist, ogni azione pericolosa dell’Empoli passa inevitabilmente per i suoi piedi. Sacrificato in occasione dell’espulsione di Tonelli: Sarri ha biosgno di innestare un centrale e a sorpresa sceglie di richiamare il suo ottimo trequartista.

EMPOLI – IL PEGGIORE
Rugani 5: Lascia i suoi in momentanea inferiorità numerica e, seppur probabilmente il direttore di gara si sia rivelato un tantino severo nell’occasione, commette un fallo tutt’altro che indispensabile: Toni gli prende il tempo ma lui avrebbe un’intera metà campo per recuperare, sceglie l’opzione del fallo ed è castigato dall’arbitro.

HELLAS VERONA – IL MIGLIORE
Benussi 6.5: Regala un punto prezioso alla sua squadra: nessun intervento miracoloso ma tanti impegnativi, amministra con grande sicurezza sia tra i pali che in uscita alta e bassa. Prestazione assolutamente convincente, Mandorlini può contare su due portieri affidabili.

HELLAS VERONA – IL PEGGIORE
Hallfredsson 5: Espulsione davvero sciocca ed assolutamente evitabile: con il Verona in superiorità numerica dopo il rosso inflitto a Tonelli, la squadra avrebbe potuto dominare il finale con un vero e proprio forcing. Ci ha pensato l’islandese – solitamente freddo ed esperto – a rovinare tutto procurandosi la seconda ammonizione con un fallo difficilmente spiegabile.

TABELLINO – EMPOLI – HELLAS VERONA 0-0
Marcatori:
Ammoniti: Empoli – ; Hellas Verona – Sala, Toni, Campanharo
Espulsi: Empoli – Tonelli (per doppia ammonizione); Hellas Verona – Hallfredsson (per doppia ammonizione)

Empoli (4-3-1-2): Sepe; Hysaj, Tonelli, Rugani, Mario Rui; Croce, Valdifiori, Vecino; Verdi (al 67’ Barba); Tavano (al 60’ Pucciarelli), Maccarone (al 79’ Mchedlidze). In panchina: Pugliesi, Bassi, Bianchetti, Laurini, Moro, Signorelli, Zielinski, Aguirre. Allenatore: Maurizio Sarri

Hellas Verona (4-5-1): Benussi; Martic, Moras (al 31’ Sorensen), Marques, Agostini; Lazaros, Sala (al 53’ Campanharo), Tachtsidis, Greco, Hallfredsson; Toni. In panchina: Rafael, Gollini, Luna, Valoti, Brivio, Boni, Fares, Nenè, Saviola, Lopez. Allenatore: Andrea Mandorlini

13:52 | domenica 04 gennaio 2015
Ufficiale: Verona, Greco ha scelto il numero
La prima foto ufficiale arriva da Twitter


UFFICIALE TWITTER VERONA GRECO - In attesa di avere l'ufficialità del suo passaggio dal Genoa al Verona (con molta probabilità già da domani si saprà il tutto vista l'apertura del calciomercato), Leandro Greco intanto ha già scelto il suo numero di maglia in gialloblu. L'ex giallorosso ha optato per il 19 e il Verona ha mostrato la prima foto ufficiale della maglia sul proprio profilo Twitter.

16:44 | sabato 03 gennaio 2015
Cagliari, ancora un "no" per Avelar
Il terzino ritenuto incedibile dalla dirigenza sarda

di Giuseppe Carotenuto - twitter:@GiuCarotenuto Foto: © www.imagephotoagency.it

CALCIOMERCATO CAGLIARI AVELAR - Il conto alla rovescia in vista della prima giornata di Serie A di questo 2015 è ormai iniziato. C'è tanta attesa per ciò che riguarda il Cagliari di Zola, neo tecnico subentrato pochi giorni fa a Zeman dopo l'inizio di stagione poco convincente sotto la guida dell'allenatore boemo. Ma a tenere banco in questi giorni, anche in casa dei rossoblu, è naturalmente il calciomercato.

NIENTE CESSIONE - Uno dei giocatori in forza ai sardi più colpiti dalle voci di mercato resta Danilo Fernando Avelar, terzino corteggiato da diversi club di massima serie. Dopo le avances del Napoli, infatti, la dirigenza guidata da Giulini ha dovuto fare i conti anche con l'assalto dell'Hellas Verona. Ma, stando a quanto riportato da Gianluca Di Marzio, ci sarebbe stato un secco "no" da parte dei rossoblu. Il difensore è quindi destinato a rimanere in Sardegna per dare man forte alla squadra in vista dell'obiettivo salvezza.

08:50 | sabato 03 gennaio 2015
Ts: Verona, novità di calciomercato
Doria, Cacciatore e Murillo per Sogliano

di Gianmarco Lotti © www.imagephotoagency.it

CALCIOMERCATO VERONA ULTIMISSIME - Il Verona si sta dando da fare per rinforzare la squadra in questa finestra invernale di calciomercato. Sean Sogliano è al lavoro e sta vagliando come sempre il mercato sudamericano, tanto che il difensore Doria (riguardo cui ieri vi abbiamo riportato una succosa esclusiva in ottica Lazio) del San Paolo è diventato uno degli obiettivi numero uno per rinforzare il reparto difensivo, un po' in calo quest'anno.

ALTRI NOMI - Su Doria non pare nemmeno esserci più la concorrenza di altre compagini mentre per quanto riguarda la difesa si pensa ancora a Fabrizio Cacciatore. Potrebbe essere un ritorno quello all'Hellas per l'attuale terzino della Sampdoria. Possibile che, come scrive Tuttosport, le due parti possano riabbracciarsi nei prossimi giorni. Infine si parla per il Verona di Jhon Eduard Murillo Romaña, 19enne ala sinistra venezuelana dello Zamora.

FONTE: CalcioNews24.com


ALTRE NOTIZIE
Empoli, Maccarone: "Siamo sulla strada giusta per ritrovare il gol"
07.01.2015 13.11 di Pietro Lazzerini
L'attaccante dell'Empoli Massimo Maccarone ha parlato al termine del pareggio contro il Verona ai microfoni di PianetaEmpoli.it: "Ci dispiace perché non riusciamo a le prestazioni che facciamo. Dobbiamo continuare così, riusciremo a sbloccarci. Ci stiamo provando in tutti i modi. Ultimamente non riusciamo a sfruttare le occasioni che ci capitano, oggi c'era anche il campo in pessimo stato che non ha contribuito a migliorare il nostro rendimento".

RASSEGNA STAMPA
Hellas, Corriere di Verona: "Per Mandorlini pari e rimpianto"
07.01.2015 08.43 di Marco Frattino
Finisce 0-0 il match tra Empoli e Verona, con Il Corriere di Verona in edicola questa mattina che titola "Hellas, pari e rimpianto". Il quotidiano scrive che il pareggio permette alla formazione di Andrea Mandorlini un leggero allungo su chi insegue, nelle zone torbide della Serie A. Qualche rimpianto invece per non aver sfruttato i minuti di gioco in superiorità numerica, a causa dell'espulsione del toscano Tonelli, prima del rosso sventolato successivamente anche ad Hallfredsson. Il 2015 comincia con un pareggio a reti inviolate, squilli zero e rischi ridotti.

ALTRE NOTIZIE
Empoli, Sarri: "Avremmo meritato la vittoria"
"Non riusciamo a concretizzare superiorità"

06.01.2015 17.53 di Arturo Minervini
"Ci abbiamo provato per tutta la partita, forse solo all'inizio abbiamo faticato dopo la sosta a trovare le giuste sensazioni. Abbiamo creato tanto, purtroppo ultimamente in casa non riusciamo a concretizzare questa superiorità. Siamo stati penalizzati da un terreno di gioco in brutte condizioni, siamo una squadra tecnica e questo ci penalizza". Così Maurizio Sarri, ai microfoni di Radio Rai, commenta il pareggio dei suo contro il Verona.

Problema del gol "Qualcosa è mancato in avanti, un gol lo avevamo fatto ma ci è stato annullato. Non capisco ancora il motivo. Se non riusciamo a concretizzare questa superiorità, vuol dire che qualcosa ci manca".

Obiettivo salvezza "Siamo convintissimi di poter arrivare alla salvezza, chiaramente quelli di oggi sono punti che riteniamo persi perchè il campo aveva detto che siamo stati superiori. Vincere queste gare ci darebbe sicuramente più serenità per proseguire il nostro campionato".

ALTRE NOTIZIE
Hellas, Mandorlini: "Pari giusto, abbiamo avuto occasioni per vincerla"
"Errori Toni? E' stato già tanto recuperarlo per questa gara"

06.01.2015 17.51 di Arturo Minervini
Risultato giusto. Questo il pensiero di Andrea Mandorlini, tecnico del Verona, che analizza il pareggio di Empoli: "Siamo contenti, abbiamo avuto le nostre occasioni e loro hanno avuto le loro. Credo risultato sia giusto. Abbiamo avuto tante occasioni per andare in vantaggio. Arrivavamo a questa gara con tante assenze ed anche in gara abbiamo avuto dei problemi. Toni ha avuto le sue occasioni, le ha sbagliate ma è stato già tanto averlo recuperato per questa gara. Speriamo che non le sbagli domenica prossima". Queste le parole del tecnico ai microfoni di Radio Rai.

ALTRE NOTIZIE
Verona, Mandorlini: "Buon punto su un campo difficile"
Empoli-Verona 0-0

06.01.2015 17.47 di Michele Pavese Twitter: @@mister_pavese
Intervenuto ai microfoni di Rai Sport nel post-partita, l'allenatore del Verona Andrea Mandorlini commenta il pareggio a reti bianche degli scaligeri sul difficile campo di Empoli: "Il pareggio è giusto, giocavamo su un campo difficile e abbiamo creato tanti problemi all'Empoli. Dispiace per l'espulsione nel momento in cui dovevamo sfruttare la superiorità numerica, ma abbiamo creato tante occasioni per portarci in vantaggio. Non pensiamo al mercato, concentriamoci sulle partite, domenica avremo un altro scontro diretto. Cerchiamo di recuperare i giocatori infortunati, saranno loro i nostri acquisti".

ALTRE NOTIZIE
Empoli, imbattibilità e pareggite: quinto X consecutivo
06.01.2015 17.26 di Gaetano Mocciaro Twitter: @gaemocc
Lo 0-0 contro il Verona allunga la striscia positiva dell'Empoli. I ragazzi di Maurizio Sarri sono arrivati a 7 gare senza sconfitte. L'ultimo ko risale al 1° novembre, 0-2 contro la Juventus. Curioso il dato relativo ai pareggi: quello contro l'Hellas è il quinto consecutivo (dopo Atalanta, Napoli, Torino e Fiorentina). L'ultimo successo dei toscani risale al 23 novembre, 2-0 al Tardini contro il Parma mentre l'ultima gioia al Castellani è datata 9 novembre, 2-1 alla Lazio.

ALTRE NOTIZIE
Le pagelle del Verona - Toni spreca e non incide, bene la difesa
Empoli-Verona 0-0

06.01.2015 17.05 di Michele Pavese Twitter: @@mister_pavese
Benussi 6,5 - Regala qualche brivido ai suoi tifosi con un paio di interventi non proprio precisi, ma è sempre attento.

Martic 6,5 - Molto propositivo sulla sua corsia di competenza, crea qualche grattacapo alla difesa avversaria con le sue continue sovrapposizioni.

Marques 6 - Gli inserimenti di Verdi sono difficili da leggere, fa fatica a stare dietro agli attaccanti avversari ma nell'uno contro uno è sempre determinato.

Moras 6 - Sbroglia bene alcune situazioni pericolose, poi si arrende ad un problema muscolare ed è costretto ad uscire dal campo. Dal 31' Sorensen 6,5 - Entra a freddo e non commette nessun errore. Buon impatto con la partita.

Agostini 5,5 - Si nasconde un po', preoccupato dalle incursioni di Verdi e Tavano, che staziona dalle sue parti in cerca di palloni giocabili

Greco 6 - Non ancora perfettamente integrato negli schemi della sua nuova squadra, cerca di aiutare i compagni di squadra con la consueta carica agonistica

Tatchsidis 6 - Gioca una partita di grande sostanza. Con il passare dei minuti perde di lucidità, il contropiede sprecato a 3 minuti dal 90' è l'emblema.

Hallfredsson 6 - Uno dei migliori della squadra di Mandorlini. Come al solito si sdoppia, rendendosi utile sia in fase di costruzione che di ripiegamento. Il rosso macchia una buona prestazione

Sala 5,5 - Torna titolare dopo un lungo infortunio, giocando con grande intensità, ma è costretto ad uscire ad inizio ripresa. Dal 53' Campanharo 5,5 - Non fa valere la sua maggiore freschezza in un momento in cui potrebbe essere determinante.

Toni 5,5 - Perde il duello con i centrali empolesi ma fa espellere Tonelli. Si divora il gol del vantaggio sia nel primo tempo che nel secondo.

Christodoulopoulos 6,5 - Martic lo aiuta parecchio in fase offensiva, ma in generale sembra il più in palla dei veronesi.

ALTRE NOTIZIE
Empoli, Valdifiori al 90': "Peccato per l'ennesimo pareggio"
Empoli-Hellas Verona 0-0

06.01.2015 16.53 di Michele Pavese Twitter: @@mister_pavese
Mirko Valdifiori interviene ai microfoni di Sky al termine della partita tra Empoli e Verona, terminata zero a zero: " C'è un po' di amarezza, questo è il terzo pareggio consecutivo in casa, sempre negli scontri diretti. Abbiamo creato tanto, peccato per il gol del primo tempo che secondo me era valido. La strada comunque è quella giusta, con questa voglia, questa fame e questo ritmo arrivermo lontano. Abbiamo preparato bene la partita, dovevamo stare corti e alti per non permettere agli avversari di cercare Toni con i cross. Buona partita, dispiace solo per l'ennesimo zero a zero, ma abbiamo dimostrato una grande solidità difensiva. Bisogna continuare così, prima o poi arriveranno i punti pesanti".

SERIE A
ESCLUSIVA TMW - La Fiorentina del futuro: c'è l'idea Sogliano. E Berta...
04.01.2015 22.34 di Alessio Alaimo Twitter: @alaimotmw
La Fiorentina cerca un direttore sportivo per la prossima stagione, quando potrebbero andar via sia Daniele Pradè che Edoardo Macia. Vi abbiamo già raccontato dell'interesse concreto per Pierpaolo Marino, ma non è l'unico profilo al vaglio della società viola. Piace molto Sean Sogliano del Verona ed è un'idea concreta, come lui anche Andrea Berta, direttore sportivo dell'Atletico Madrid che già in passato aveva detto no a Milan e Inter. Berta è uno dei punti di riferimento dei Colchoneros, una pedina importante del club spagnolo e un dirigente molto apprezzato dalla proprietà e dal Presidente Cerezo, difficile possa muoversi. E sullo sfondo un'altra idea, un profilo di spessore che fa pensare a Giorgio Perinetti. La Fiorentina riflette e studia le mosse. Tra Marino, Sogliano, Berta e non solo...

SERIE A
Hellas, il Cagliari lavora per Alejandro González
04.01.2015 22.23 di Marco Frattino
Futuro al Cagliari per Alejandro González (26), difensore centrale in arrivo dall'Hellas Verona. Sportmediaset.it scrive che il sodalizio sardo ha concluso l'accordo con il club scaligero per il trasferimento dell'uruguagio mediante la formula del prestito gratuito con diritto di riscatto.

SERIE A
Torino, Sánchez Miño verso il Verona
04.01.2015 21.27 di Ivan Cardia
Più Verona che Firenze nel futuro di Juan Sánchez Miño (25): secondo Tuttosport, l'argentino del Torino sarebbe infatti molto vicino all'Hellas, nonostante il recente corteggiamento della Fiorentina. Antonio Nocerino sempre più in orbita Parma.

SERIE A
TMW - Hellas Verona, in arrivo l'attaccante brasiliano Fernandinho
04.01.2015 15.53 di Simone Lorini Twitter: @Simone_Lorini
Sovente fuori dalle scelte di Scolari, l'attaccante Luiz Fernando Pereira Da Silva, chiamato Fernandinho si appresta a diventare un nuovo giocatore dell'Hellas Verona. Sogliano è vicnissimo all'accordo col Gremio Porto Alegre per un prestito semestrale del giocatore, che arriverà in Serie A a caccia di riscatto dopo tanti panchina. Alla base della cessione i problemi economici del club, che sta cercando di dimezzare il proprio monte stipendi.

SERIE A
ESCLUSIVA TMW - Verona, c'è l'offerta per Doria
04.01.2015 13.05 di Gaetano Mocciaro Twitter: @gaemocc
Il Verona formula la prima offerta per Matheus Doria Macedo, noto semplicemente come Doria. Il difensore brasiliano, in uscita dal Marsiglia, ha dato la priorità al club scaligero, la cui proposta iniziale, secondo quanto raccolto da Tuttomercatoweb. è quella di un prestito oneroso con diritto di riscatto a 10 milioni. La palla passa all'OM.

SERIE A
Parma, spunta l'idea Alejandro Gonzalez
04.01.2015 11.09 di Lorenzo Marucci
Non c'è solo Alvaro Gonzalez nel mirino del Parma. Oggi la Gazzetta di Parma ha raccontato che in Emilia potrebbe arrivare pure un altro Gonzalez, Alejandr, difensore dell'Hellas Verona. L'idea sarebbe quella di uno scambio tra il centrale di Montevideo e Pedro Mendes (24), che Donadoni sembra non vedere nello schieramento a tre impostato anche nelle ultime due amichevoli contro Correggese e San Secondo.

SERIE A
Verona, per la corsia sinistra il nome nuovo è Avelar
03.01.2015 21.52 di Gaetano Mocciaro Twitter: @gaemocc
Secondo quanto riportato da Sky il Verona prova a rinforzare la corsia sinistra di difesa. Chiesto il brasiliano Danilo Fernando Avelar. I sardi, al momento, non sembrano intenzionati a privarsi del giocatore, autore in questo campionato di 3 reti.

SERIE B
ESCLUSIVA TMW - Lanciano, il Barnsley pensa a Nicolas
03.01.2015 10.00 di Alessio Alaimo Twitter: @alaimotmw
Il Barnsley guarda in Italia. La società inglese cerca un portiere, contatti per Nicolas David Andrade del Lanciano, di proprietà del Verona. Un'idea concreta, che può svilupparsi nei prossimi mesi. Il Barnsley pensa a Nicolas.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


sabato 03 gennaio 2015
Calciomercato Verona: Motta o Rosi i nomi per la difesa
In uscita dagli scaligeri ci sono invece Rafael Marquez e Antonio Luna


VERONA - Con l'arrivo di Leandro Greco, il Verona ha chiuso il mercato relativo al settore di centrocampo. In difesa arriverà uno tra Aleandro Rosi e Marco Motta. Noi ai greci del Panathinaikos per Guillermo Rodriguez. In uscita invece ci sono Rafael Marquez, il quale tornerà in Brasile, mentre Antonio Luna, via Aston Villa, passerà all'Elche.

FONTE: CorriereDelloSport.it


Empoli - Hellas Verona 0-0 | Solamente due espulsioni nella noia del Castellani
Giacomelli caccia dal terreno di gioco prima Tonelli e poi Hallfreddson, entrambi per doppia ammonizione, per il resto la sfida tra Sarri e Mandorlini termina senza vere emozioni
Luca Stoppele 6 gennaio 2015
La prima partita del 2015 dell'Hellas Verona termina con un pareggio a reti inviolate sul terreno di gioco dell'Empoli.
Una partita che non ha riservato grandi emozioni quella dello stadio Castellani: i ritmi di gioco sono sempre stati piuttosto bassi, con le due formazioni molto attente a non scoprirsi. Qualcosa di più sul piano dello spettacolo lo ha dato la formazione guidata da Sarri, che ha provato qualche azione in velocità che però si è sempre infranta sulla rocca scaligera.
Poco coraggiosa la squadra di Mandorlini, per una parte di gara in superiorità numerica ma con poche idee in zona offensiva. Colpisce inoltre le incredibili difficoltà che incontrano i gialloblu ogni qual volta si devono lanciare in contropiede: le ripartenze infatti vengono sempre rallentate dalle scelte sbagliate fatte dai gialloblu che vedono così sfumare ogni volta una buona occasione per fare male agli avversari.
Ma la vera nota negativa della giornata di Mandorlini sono due nuovi infortuni: quelli di Sala e Moras. Entrambi i giocatori sono stati costretti ad uscire dal terreno di gioco anzitempo e ora si attende il bollettino medico.

PRIMO TEMPO - Gli ospiti provano a prendere in mano le redini del gioco e l'Empoli, con ordine, chiude gli spazi. Ritmi piuttosto bassi nei primi dieci minuti e nessuna occasione. Al 13' la spizzata di testa di Tonelli non inquadra la porta. Hallfredsson al 14' pesca Toni in area con un traversone rasoterra ma il numero 9 calcia sul portiere e sfuma una ghiotta occasione. Tavano al 18' prova lo stop e tiro al volo dal limite: palla di poco sopra la traversa. Esce di pochissimo la punizione di Maccarone al 23'. Bella aziome dell'Empoli al 28' con Tavano che fa da sponda per Verdi ma sul tiro arriva la grande risposta di Benussi. La sfortuna continua a colpire la formazione di Mandorlini: alla mezzora Moras è costretto ad uscire per infortunio, al suo posto Sorensen. Minuti di stallo quelli finali del primo tempo. Rugani salta più alto di tutti al 43' ma la sua incornata non trova la porta. Sepe al 46' blocca senza problemi il sinistro di Tachtsidis.

SECONDO TEMPO - L'Empoli parte con il piede sull'acceleratore ma la difesa scaligera respinge l'attacco iniziale di Vecino. Al 48' Martic in acrobazia libera dal colpo di testa di Maccarone che stava per servire sotto porta Tavano. Al 51' Christodoulopoulos se ne va sulla destra e la mette in mezzo ma Hallfredsson e Toni si scontrano e la palla termina sul fondo. Al 53' dopo, uno scontro di gioco, Sala esce e viene sostituito da Campanharo: da verificare le sue condizioni. Termina alto il colpo di testa di Toni al 57'. Hallfredsson al 61' tenta la soluzione dal limite ma la mira è difettosa. Verdi se ne va sulla sinistra al 62', serve Pucciarelli che calcia ma la difesa si oppone. Tonelli al 65' trattiene Toni che aveva eluso il suo anticipo: Giacomelli gli rifila il secondo giallo e l'Empoli resta in dieci. Pucciarelli al 69' in mischia prova a sorprendere Benussi che però blocca. Un minuto dopo Campanharo pesca in area Toni che viene ingannato dal movimento di Rugani e sfuma una clamorosa occasione. Al 72' Pucciarelli viene lanciato in contropiede, aggancia bene la sfera ma il tiro è fuori misura. Ancora Toni di testa, stavolta su traversone dalla sinistra: conclusione debole. Al 78' Giacomelli decide di ripristinare la parità numerica e rifila il secondo giallo ad Hallfredsson per un'entra in scivolata. Sepe al 81' blocca a terra la conclusione di Christodoulopoulos. Al 83' il tiro di Mchedlidze diventa facile preda per Benussi. Mchedlidze al 93' viene pescato in area con una punizione ma il suo colpo di testa termina tra le braccia del portiere di Mandorlini.

EMPOLI - HELLAS VERONA 0-0
EMPOLI (4-3-1-2): 33 Sepe; 23 Hysaj, 26 Tonelli, 24 Rugani, 21 Mário Rui, 88 Vecino, 6 Valdifiori, 11 Croce; 18 Verdi (dal 68' 19 Barba); 7 Maccarone (dal 79' 9 Mchedlidze), 10 Tavano (dal 61' 20 Pucciarelli).

A disposizione: 1 Pugliesi, 99 Aguirre, 8 Signorelli, 28 Bassi, 22 Bianchetti, 4 Perticone, 2 Laurini, 27 Zielinski, 13 Laxalt. Allenatore: Maurizio Sarri.

HELLAS VERONA (4-3-3): 22 Benussi; 71 Martic, 25 Rafael Marques, 18 Moras (dal 31' 5 Sorensen), 33 Agostini; 19 Greco, 77 Tachtsidis, 10 Hallfredsson; 26 Sala (dal 53' 30 Campanharo), 9 Toni, 20 Christodoulopoulos.

A disposizione: 93 Fares, 7 Saviola, 36 Boni, 1 Rafael, 16 Luna, 28 Brivio, 27 Valoti, 17 Nico López, 99 Nenê, 95 Gollini. Allenatore: Andrea Mandorlini.

ARBITRO: Piero Giacomelli di Trieste

AMMONITI: Sala, Toni, Tonelli, Campanharo, Hallfredsson

​ESPULSI: Tonelli al 65' e Hallfredsson al 78' per doppia ammonizione

Dopo Greco l'Hellas ci prova con Fernandinho e il Panathinaikos insiste per Rodriguez
Il centrocampista torna nella città di Romeo e Giulietta e sempre da Genova potrebbe rientrare anche un'altra vecchia conoscenza: Non trovando spazio alla Samp, Cacciatore vorrebbe tornare a vestire la casacca gialloblu
La Redazione 4 gennaio 2015
Il calciomercato è iniziato ufficialmente solo da pochi giorni ma l'Hellas Verona ha già messo a segno il primo colpo.
Leandro Greco è di nuovo un giocatore scaligero. Il centrocampista classe 1986 arriva dal Genoa con la formula del prestito diritto di riscatto obbligato, legato all'eventuale salvezza del club di via Belgio. Ma Sogliano non si ferma qui e continua a sondare il mercato alla ricerca di rinforzi per la rosa di Mandorlini.
Dal Brasile giungono notizie su un possibile accordo con il Gremio Porto Alegre per Fernandinho, attaccante di 29 anni che non è riuscito ad entrare nelle grazie dell'allenatore Felipe Scolari. La trattativa sembra essere vicina alla chiusura sulla base di un prestito semestrale.
Per la difesa invece si guarda al campionato francese, in particolar modo in casa del Marsiglia. L'obiettivo si chiama Matheus Doria Macedo, noto come Doria, difensore brasiliano classe 1994. La proposta lanciata dal club scaligero è quella di un prestito oneroso con il riscatto fissato a 10 milioni di euro e ora si attende la risposta dall'OM.

Più complessa invece la trattativa che porta ad Avelar del Cagliari. I gialloblu sono interessati al laterale e hanno provato a sondare il terreno ma il club sardo non sembra disposto a privarsi del giocatore sudamericano.
Ma questa sessione di mercato potrebbe vedere un altro ritorno nella città di Romeo e Giulietta. Chiuso alla Sampdoria da De Silvestri, Fabrizio Cacciatore vorrebbe tornare alla corte di Mandorlini, dove l'anno scorso disputò un'ottima annata. I blucerchiati però non vorrebbero liberarsi del terzino, che però spinge per avere più spazio. Gli scaligeri intanto restano alla finestra e attendono sviluppi.

La dirigenza scaligera lavora ovviamente anche sul fronte delle uscite. Da Cagliari è arrivata un'offerta per Rafael, alla quale la società non ha detto si ma neppure no. Prima di cederlo infatti, Sogliano e soci devono trovare un valido sostituto. Il primo nome era quello di Berisha della Lazio ma dal club romano è arrivato un secco no.
Nonostante abbia giocato poche partite, Guillermo Rodriguez è riuscito ad attirare su di se le attenzioni di qualche club. In particolar modo per l'ex Torino si è mosso il Panathinaikos che insiste per avere il giocatore ma il club veronese non sembra molto convinto di volersene liberare, in quanto considerato una pedina importante per la difesa di Mandorlini.
Il Barnsley invece sembra essere interessato a Nicolas David Andrade, portiere di proprietà scaligera ma attualmente in forza al Lanciano. Un'ipotesi concreta per rimpinguare le casse scaligere.

FONTE: VeronaSera.it


07.01.2015
Sorensen, il vice Moras «Se c'è da lottare, eccomi»
«È un buon punto, soprattutto perché non abbiamo mai mollato Il gol annullato? L'arbitro ha fischiato prima, il fallo c'era...»

Gianluca Tavellin
EMPOLI
L'ultima volta del vichingo era stata a Cesena lo scorso 3 novembre. Un fallaccio l'aveva costretto ad uscire e poi ad un lungo stop. Non doveva giocare ma l'ennesimo “problema muscolare collettivo” della stagione era in agguato. Vittima stavolta Moras. Ed allora rieccolo il vichingo: Frederik Sorensen.
“E' stato tutto molto caotico - racconta in un italiano quasi perfetto - si è fatto male Moras ed il mister mi ha gettato nella mischia. Ho toccato subito bene il primo pallone e credo di aver dato il mio contributo alla squadra. L'Empoli ha corso tanto, ha lottato pallone su pallone. Per certi versi mi ha ricordato la gara di Cesena. Però siamo riusciti a ribattere colpo su colpo. E' stato un buon punto”.
Lungagnone per lungagnone, il Verona ci ha guadagnato. Lo sa anche Moras, che ha lasciato il posto a Sorensen, quanto dura sia giocare sulla fascia e non là in mezzo. “ Lo sapete - entra duro il danese - a me piace giocare in mezzo da centrale. Però capisco le esigenze del mister che poi sono quelle della squadra. Gioco dove serve, punto e basta.”

L'Empoli una rete l'aveva pure segnata. D'altronde il “calcio secondo Sarri” prevede un'infinita di ingaggi sotto porta, stile hockey su ghiaccio. Delle sedici reti segnate, dodici sono arrivate da situazioni di palla inattiva. Ed anche ieri sono stati ben undici i calci d'angolo battuti dall'Empoli. A seguito di uno di essi, calciato da Valdifiori, la squadra di casa era pure andata in gol.
“ Sì, ma l'arbitro aveva fischiato prima -racconta Sorensen -i blocchi nel gioco del calcio ci sono, ma sono vietati dal regolamento. Giusto annullarlo. Maccarone ha abbracciato Emil, quindi era giusto non convalidare la rete”.

A proposito di Hallfredsson, forse l'unico errore di Sorensen è stato proprio nell'appoggio sbagliato al compagno poi espulso in seguito. ” Si è vero-ammette Sorensen - però non mi sembrava un fallo così grave”. Già la difesa gialloblù che palla per aria regge, ma soffre terribilmente le giocate a terra e soprattutto i disimpegni. E' sembrata tesa più del dovuto.” Non credo sia questo. Personalmente sono rientro dopo oltre due mesi ed devo trovare ancora le giuste misure. Ci vuole un po' di tempo. L'importante è recuperare tutti e poter dare al mister maggiori soluzioni.”
Sorensen e il Verona sono comunque soddisfatti. E' arrivato il primo punto dell'anno e quindi siamo contenti. Abbiamo avuto molti infortuni e siamo stati poco fortunati. Dobbiamo lottare come abbiamo fatto con l'Empoli per muovere sempre la classifica. Adesso la nostra testa è già al Parma. Una squadra che non si è ancora arresa, anzi. Ha battuto la Fiorentina ed è tornata in corsa per la salvezza. La gara di domenica sarà importantissima per noi”.

07.01.2015
Mandorlini è sicuro «Punto guadagnato»
«Quando loro sono rimasti in 10, ho pensato di poter vincere, ma l'espulsione di Emil ha ristabilito la parità Il mercato? Penso a recuperare tutti gli infortunati»

Un'azione di Lazaros, contrastato da Mario Rui

Bruno Fabris
EMPOLI
"Un punto guadagnato. Anche considerando i tanti problemi che ci portavamo dietro". Andrea Mandorlini non ha dubbi su quanto la calza della Befana ha destinato ai gialloblù contro l'Empoli. Eppure la sensazione di un'occasione non colta resta. Anche dopo la prova non certo eccelsa della squadra in quel di Empoli. Anzi: proprio perché, "primo quarto d'ora a parte quando abbiamo messo in difficoltà gli avversari", come ha sottolineato lo stesso tecnico, forse quella superiorità maturata attorno alla metà della ripresa poteva essere sfruttata meglio. "Colpo rimasto in canna": la giustificazione venatoria di Mandorlini è questa. "In effetti ho pensato subito ad una sostituzione", ammette l'allenatore dell'Hellas. "Ma a breve giro di posta l'arbitro ha ristabilito la parità numerica e non c'è stata più l'occasione. Anzi: i crampi di Sala mi hanno costretto ad altre scelte. Ma forse potevo essere più veloce. Stavo pensando di schierarmi con due attaccanti ed uno alle spalle ma l'arbitro non mi ha dato il tempo di prendere una decisione".

"In ogni caso potevamo perdere o vincere: accontentiamoci del pareggio", aggiunge Mandorlini. "Empoli è un campo difficile: lo dimostra che dal Castellani sono uscite con una sconfitta squadre che hanno una classifica migliore della nostra". L'approccio del Verona, in effetti, è sembrato quello giusto. "Siamo partiti con due giocatori larghi, Christodoulopoulos a destra ed Hallfredsson a sinistra, e qualche pericolo lo abbiamo portato. Alla fine è venuta fuori una partita di sostanza, che ci ha permesso di muovere la classifica. Era uno scontro diretto: ne avremo un altro domenica prossima e cercheremo di sfruttarlo meglio".

Le buone notizie per il Verona arrivano dalle prova senza dubbio positive di Sala, al suo esordio stagionale, e di Greco, arrivato fresco fresco dal Genoa e buttato subito in campo. "Il nostro obiettivo vero di mercato è quello di recuperare tutti i giocatori infortunati che abbiamo", ribadisce Mandorlini. "A Jacopo faccio i complimenti. E' un giocatore che conosce benissimo tutti i movimenti del centrocampista, sa cosa deve fare e per la prima mezzora con Lazaros poteva veramente spaccare la partita. E' uno dei giocatori ritrovati: bentornato. Greco non giocava con grande continuità però ha dimostrato di poter essere utile in molti ruoli regalandoci anche una maggiore esperienza".

Buone nuove anche per la difesa. "Loro hanno fatto 12 gol su 16 da calci fermo: con noi sono rimasti a secco. Non posso che rallegrarmi", ammette Mandorlini. "Certo: qualcosa abbiamo rischiato: ma grossissimi pericoli non ne abbiamo vissuti. Loro utilizzano il fallo sistematico ed in certe situazioni hanno un sistema di blocchi non consentiti che spesso sfruttano al meglio. Certe volte gli arbitri non vedono ma stavolta è stato bravo Giacomelli ha vedere ed a fischiare il fallo".
Empoli addio, per quest'anno. La testa è già alla sfida con il Parma? "No, per niente. La testa è al recupero più rapido possibile. Soprattutto dal punto di vista nervoso. Abbiamo giocatori fuori da sei mesi (Sala), altra da tre e forse abbiamo perso Moras (sospetto stiramento muscolare: gli esami di oggi diranno qualcosa di sicuro. ndr): quindi è il recupero di tutti il pensiero più immediato. Anche perché domenica non ci saranno di certo né Campanharo né Hallfredsson che saranno squalificati".

07.01.2015
Hellas ancora convalescente: il punto è d'oro
Un passo in avanti, per ritrovare quella mentalità guerriera che ancora non c'è. Un gol annullato alla squadra di Sarri e due "rossi", Tonelli e Hallfredsson

L' Hellas ancora convalescente: il punto è d'oro

EMPOLI. Non è stato un grande spettacolo, questo è vero, ma il pareggio con l'Empoli può essere il modo migliore per salutare il nuovo anno. L'Hellas non è guarito, anzi. C'è ancora tanto da lavorare non solo per tutelare i muscoli dei giocatori – a proposito si è infortunato anche Vangelis Moras e l'infermeria gialllobù è sempre più affollata – ma per ritrovare quella mentalità guerriera che accompagna da sempre la truppa di Mandorlini. Anche in terra toscana il Verona ha mostrato buone geometrie di gioco, schemi interessanti da centrocampo in su, dinamismo e qualità grazie all'inserimento in mezzo al campo di Greco e Sala.
Purtroppo si balla troppo quando l'avversario, senza forzare più di tanto, si presenta dalle parti di Benussi, quando batte un corner, quando mettono in mezzo traversoni “innocenti”. Strano parlarne dopo uno zero a zero ma le sensazioni non cambiano. La cura? Ritrovare fin da domenica prossima grande solidità in difesa e recuperare al più presto giocatori importanti che sono da tanto tempo ai margini della squadra.

EMERGENZA PIENA. Un Verona sempre in emergenza. Basta ripensare alla formazione iniziale. Benussi tra i pali – e questa è una scelta tecnica – dopo il forfait in extremis di Rodriguez mister Mandorlini decide di tornare alla difesa a quattro, vista anche l'assenza di Marquez per squalifica – con Martic e Agostini sulle fasce, Moras e Marques centrali. In regia Tachtsidis, Sala e Greco giocano da mezzali, Toni punto di riferimento in avanti con Lazaros e Hallfredsson sulle corsie esterne, pronti a trasformare il tradizionale 4-3-3 in un 4-5-1 molto coperto.
L'Empoli non trova sbocchi, Tavano e Maccarone si dannano l'anima ma questa volta il flipper dei toscani non produce effetti, cercano il tocco al volo, il fraseggio stretto, l'uno due che può mettere l'attaccante davanti al portiere ma la fase difensiva del Verona funziona grazie soprattutto ai tre di centrocampo che sono molto bravi a coprire e ripartire. Hallfredsson sulla sinistra è sempre molto attivo, Lazaros si accende e si spegne sulla destra, Toni gioca incerottato, stringe i denti e ingaggia un duello molto fisico con Rugani e Tonelli.

LA TEGOLA. Alla mezzora un'altra tegola sulla testa di Mandorlini, Moras s'infortuna e il tecnico deve gettare nella mischia Sorensen che torna in campo dopo due mesi ai margini della squadra per infortunio.
L'Hellas traballa, rischia sulla conclusione di Maccarone, va anche sotto sulla conclusione di Tonelli, sul solito corner di Valdifiori, ma l'arbitro annulla per un fallo precedente di Maccarone su Hallfredsson. Il Verona cerca di reagire e chiude il primo tempo in avanti: la botta di Tachtsidis si spegne tra le braccia di Sepe.

L'ARREMBAGGIO. All'inizio della ripresa l'Empoli parte all'arrembaggio, va alla caccia di una vittoria che manca da quattro partite, crea pericoli soprattutto su calci piazzati ma dopo una manciata di minuti arriva l'episodio che potrebbe cambiare la gara. Entrata dura di Tonelli su Toni in mezzo al campo, secondo giallo, padroni di casa in dieci. Il rosso al difensore toscano ha un “effetto cloroformio” su Toni e compagni che subiscono la manovra dei toscani e regalano troppo campo agli attaccanti di Sarri.
Tutto si complica con l'uscita di Sala, che deve lasciare al posto a Campanharo dopo un'ora, e l'espulsione di Hallfredsson che entra duro su Hysaj a meta campo. Seconda ammonizione per l'islandese e Giacomelli ristabilisce la parità numerica. L'Empoli è più vivo, Sarri toglie Tavano e Maccarone e manda in campo Mchedlidze e Pucciarelli per dare più forza all'attacco. La difesa gialloblù soffre ma resiste. Si torna a casa con un punto, va bene così.
Luca Mantovani

06.01.2015
Hellas-Empoli, battaglia ma il finale è di 0 - 0
Una fase di Empoli-Verona (Ansa/Claudio Giovannini)

VERONA. In cerca di punti nella prima sfida del 2015. L'Hellas Verona va ad Empoli in cerca di punti per ridare slancio alla stagione. Mandorlini chiede prudenza, soprattutto sui calci piazzati.

Al 13°Empoli pericoloso: sul corner di Valdifiori a centro area Tonelli anticipa tutti, ma non colpisce pieno di testa e la sfera sfila a fil di palo senza che Tavano possa deviarla. Al 14°risposta del Verona: traversone basso di Greco dalla sinistra, che arriva a Toni, appostato all'altezza del dischetto, il centravanti gira di prima col sinistro e Sepe si trova palla in mano. Al 23° il destro teso di Maccarone aggira la barriera e esce di pochissimo sfiorando la traversa, con Benussi immobile.
Al 27°Benussi si supera salvando due volte sui tiri ravvicinati di Tavano, ma il gioco viene fermato per fuorigioco della punta empolese. Al 24° era stato ammonito Sala un'entrata troppo dura a centrocampo su Vecino. Altre occasioni ma il primo tempo si chiude sullo 0 - 0. Ancora battaglia negli ultimi minuti, con un Empoli volitivo e l'ingresso di Greco nel Verona che mostra segnali incoraggianti. Si chiude con un punto a testa. Le prossime gare spiegheranno di più.
Al 31°Sorensen rileva Moras, il quale non ce la fa e deve lasciare il campo.

SECONDO TEMPO: Doccia fredda al 23°: c'è il giallo per Hallfredsson. Al 26°Per l'Empoli ci prova Pucciarelli, il più fresco dei suoi, ma il suo tentativo non è fortunato; al 25° c'era stata l'occasione per il Verona: sullo spiovnte di Campanharo la palla arriva a Toni che, disorientato da un mancato intervento di Rugani, riesce solo a colpire di petto e Sepe può neutralizzare.

Al 35° comincia a farsi sentire la stanchezza in campo, squadre più allungate ora e c'è la giocata di rimessa del Verona, con conclusione dalla distanza di Campanharo, attento alla parata Sepe. Al 33°nell'Empoli era entrato Mchedlidze, prendendo il posto di Maccarone.

04.01.2015
Anno nuovo, campo nuovo per il «vecchio» Bentegodi
Tifosi al Bentegodi (foto di archivio)

VERONA. Un nuovo restyling per il Bentegodi, negli ultimi tempi sempre in cattive condizioni e sofferente in ogni angolo del campo. La sostituzione del manto erboso utilizzato fino al derby fra Verona e Chievo dello scorso 21 dicembre si è resa necessaria in seguito ad un forte deterioramento, causato da usura e da un malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento. I lavori si sono sviluppati in più fasi: dallo smaltimento del vecchio tappeto erboso, al ripristino dell’impianto di riscaldamento, dal riposizionamento delle quote del sottofondo in sabbia al posizionamento del nuovo manto erboso. È stato necessario attendere la sosta natalizia del campionato di serie A per intervenire sul campo. I lavori sono stati appaltati alla ditta Indalgo di Milano e controllati e vigilati, oltre che dal ChievoVerona e dall’Hellas Verona, dall'agronomo Fabrizio Salto della ditta Stadia di Milano e dal dottor agronomo della Lega Calcio Giovanni Castelli. Il nuovo manto del Bentegodi sarà sperimentato per la prima volta martedì in occasione di Chievo-Torino.
Alessandro De Pietro

03.01.2015
Da Napoli a... New York
Hellas giovane al "Viareggio"

La formazione dell'Hellas Verona primavera 2014-2015

Saranno il Napoli, gli uzbeki del Pakhtakor ed il LIAC New York gli avversari del Verona nella fase preliminare della 67a edizione del Torneo di Viareggio, riservato alla categoria Primavera, i cui gironi eliminatori sono stati sorteggiati oggi nella sala di rappresentanza del Comune di Viareggio.

La manifestazione, che vedrà la partecipazione di 32 squadre, inizierà lunedì 2 febbraio e si concluderà con la finalissima in programma lunedì 16 febbraio. L'esordio per il Verona è fissato per lunedì 2 febbraio, le altre due gare verranno giocate mercoledì 4 e venerdì 6 febbraio. Il calendario completo, con gli orari delle partite e i relativi campi di gioco, verrà comunicato durante la presentazione ufficiale del torneo, in programma lunedì 26 gennaio al Gran Teatro Puccini di Torre del Lago, in provincia di Lucca.
Alessandro De Pietro

03.01.2015
Sogliano aggiusta la difesa Riecco Doria e Cacciatore
Il brasiliano, inseguito due anni fa, e il terzino, adesso alla Sampdoria, nomi caldissimi per il maquillàge In uscita c'è Brivio, che fino ad ora non ha convinto

Fabrizio Cacciatore - a sinistra - danza dopo il gol segnato al Parma, al Bentegodi, nel campionato scorso FOTOEXPRESS

Due estati fa si mise di mezzo la Juventus, altrimenti Mathues Doria sarebbe diventato un giocatore del Verona.
Sogliano bussò alle porte del Botafogo, un milione e mezzo poteva anche bastare per prendersi tutto il cartellino.
La telefonata della Juve gonfiò invece a dismisura la trattativa, deformandola del tutto.
Bastò una chiamata per veder impennare a dieci milioni la valutazione di uno dei prospetti più interessanti del calcio brasiliano. Doria all'epoca non aveva nemmeno 19 anni, adesso ne ha appena compiuti 20 e da agosto gioca nel Marsiglia. Si fa per dire, perché il campo finora non l'ha mai visto in campionato.
Il Marsiglia di Marcelo Bielsa è primo in classifica in Francia davanti anche al multimilionario Paris Saint Germain, senza alcuna intenzione di voler cambiare quindi un giocattolo finora perfetto.
Doria però è rimasto un pallino di Sogliano, incrociato più volte con la maglia del Botafogo ma anche la scorsa primavera da capitano dell'Under 20 del Brasile al Torneo di Tolone quando il Verona era andato a vedere soprattutto Lucas Evangelista, passato poi all'Udinese. Per prendere Doria serve un colpo da maestro. L'unica via percorribile è tentare un prestito oneroso, anche se Sogliano malvolentieri digerisce operazioni senza riscatto. Non sarà facile arrivare a Doria ma nemmeno impossibile, per sistemare una difesa che a gennaio cambierà un bel po'.

PRIMA SCELTA. L'Hellas gode di una corsia preferenziale in Italia, campionato che Doria preferisce anche alla Liga spagnola e alla corte del Siviglia.
Per il momento non rappresenta un'insidia la Lazio, che per il ragazzo ha solo sondato il terreno attraverso alcuni intermediari, com'è nello stile del presidente Claudio Lotito, fermandosi molto presto perché la preferenza del diesse Igli Tare è per Wesley Hoedt dell'AZ Alkmaar. La Lazio potrebbe tornare su Doria solo in un secondo momento nel caso dovesse sfumare la sua vera priorità. Quando potrebbe essere però troppo tardi. Il Verona ci sta pensando concretamente, anche considerando i grandi margini di crescita di uno che a poco più di vent'anni ha già respirato l'aria della nazionale maggiore.

SMS DA DESTRA. Fabrizio Cacciatore vuole tornare al Verona. L'ha detto e ripetuto più volte, l'ha lasciato intendere anche all'Hellas con cui s'era lasciato a maggio dopo una stagione contraddittoria fra un grande girone di andata ed un ritorno balbettante come quello del resto di tutta la squadra. Cacciatore alla Samp non è la prima idea di Mihajlovic sulla fascia destra, titolare solo con Fiorentina e Juventus nelle ultime nove giornate.
L'operazione si può fare, il Verona ha bisogno a destra di un'alternativa più di ruolo rispetto a Sorensen e Cacciatore ha per di più la giusta versatilità per ricoprire più ruoli, anche a centrocampo ma pure dietro dove alla Doria è stato impiegato come centrale in una difesa a cinque e terzino nella linea a quattro.
Al Verona non dispiacerebbe riavere Cacciatore, ma prima va trovato l'accordo con la Sampdoria.

SINISTRA IN SOSPESO. Davide Brivio dovrebbe lasciare il Verona, dopo una prima parte di stagione contraddittoria ed un utilizzo a singhiozzo che certo non l'ha aiutato.
La convinzione di avere in casa un terzino sinistro di sicuro affidamento fino al 2018, grazie all'obbligo di riscatto dopo il prestito firmato con l'Atalanta e ad un contratto a unga gittata, è andato a scontrarsi con una realtà in cui il ragazzo non ha avuto quella continuità di impiego che gli avrebbe fatto acquisire abitudine al ruolo e consapevolezza nei suoi mezzi. Titolare a singhiozzo, in tutto cinque volte in 16 giornate, comunque riserva di Agostini. Il giudizio resta sospeso, ma la prospettiva di un Brivio subito lontano da Verona è bella concreta anche se per adesso un ritorno all'Atalanta non è un pensiero così ricorrente.
A sinistra esclusa la pista che porta a Ermir Lenjani, nazionale albanese che non vuole rinnovare col San Gallo.
Alessandro De Pietro

FONTE: LArena.it


Mandorlini: "Spirito giusto, pensavo di vincere"
Postata il 06/01/2015 alle ore 19:00
Empoli (Firenze) - Le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù, Andrea Mandorlini, rilasciate al termine della partita contro l'Empoli (0-0).

CONTENTI DI QUESTO PAREGGIO
"Siamo contenti, abbiamo avuto le nostre occasioni, come l'Empoli. Credo sia stata una partita combattuta, il risultato è giusto, ma le occasioni più clamorose sono state le nostre. C'è stato qualche problema anche durante la partita, abbiamo avuto altri infortuni, ma l'atteggiamento è stato quello giusto. Nel primo tempo abbiamo fatto meglio dell'Empoli, riuscivamo a stare larghi con gli esterni e potevamo fare molto di più. A volte però ci si fa prendere dalla foga della partita, in superiorità numerica pensavamo di poter pareggiare subito e invece abbiamo perso un calciatore, però sono stato contento e sono stati bravi tutti. Volevo fare subito la sostituzione, inserire un attaccante in più, ma la parità numerica si è subito ristabilita. E' un pareggio importante, colto in un campo difficile per tutti. Toni? Già averlo recuperato è stato un successo, ma da uno come lui si pretenderebbe sempre il meglio. Poteva fare gol, ma mi auguro che non sbagli domenica con il Parma. I cambi nella formazione iniziale? Qualcuno era un po' forzato, volevamo allargare l'Empoli e abbiamo creato delle ottime premesse. In Serie A nulla è facile, abbiamo visto anche gli altri risultati, dovevamo muovere la classifica. Bisogna fare punti, come fatto con l'Empoli".

GRECO? BUONA PROVA
"Greco? E' un calciatore che non giocava con grande continuità, è duttile, ha esperienza e sa gestire le situazioni in determinati momenti. Sono contento, ha fatto una buona gara. Il mercato? deve essere parallelo al campo. Credo che un allenatore debba pensare alle partite. Se arriverà qualcosa bene, altrimenti il nostro mercato principale sarà quello di recupeare i calciatori che sono fuori. Abbiamo più bisogno di quello che del mercato vero".

ATTEGGIAMENTO GIUSTO, AVANTI COSI'
"Domenica ci sarà un'altra partita, altro scontro diretto contro il Parma. Il nostro atteggiamento è quello di una squadra che dovrà lottare partita dopo partita, punto su punto, metro su metro. Con l'Empoli ho visto tutto questo, e voglio vederlo in ogni partita".
Ufficio Stampa

Martic: "Ottimo pareggio, continuiamo così"
Postata il 06/01/2015 alle ore 18:20
Empoli (Firenze) - Le dichiarazioni del difensore gialloblù, Ivan Martic, rilasciate al termine della sfida contro l'Empoli (0-0).

OTTIMO PUNTO, SIAMO UNITI
"Il pareggio conquistato a Empoli? E' ottimo, siamo venuti qui per fare punti e questo è un risultato molto importante per noi. Il gol annullato a Tonelli? Sinceramente non ho visto, stavo marcando il mio uomo. Credo fosse comunque fallo, è stata una fortuna per noi. Se potevamo vincere? Quello sì, ma siamo ugualmente contenti. Siamo stati bravi, soprattutto nel primo tempo, mentre nella ripresa l'Empoli ha fatto meglio. Loro sono forti, soprattutto in casa, ecco perché dobbiamo essere felici di questo risultato. Abbiamo avuto le nostre occasioni, come loro, ma alla fine credo che il pareggio sia giusto. Se non siamo tranquilli in difesa? E' molto difficile difendere, ma ci siamo preparati bene in settimana e siamo riusciti a non prendere gol. Il nostro spirito? Corriamo insieme e siamo tutti uniti, facciamo le cose bene e dobbiamo continuare così".

VOGLIO SEMPRE AIUTARE LA SQUADRA
"Sono pronto, io voglio sempre aiutare la squadra, è molto importante. Ho avuto qualche infortunio, nei primi 6 mesi ho fatto un lavoro molto diverso rispetto a quanto fatto in Svizzera e il mio corpo ha dovuto abituarsi. Ora sto bene, speriamo di non avere più ricadute. Con che modulo mi trovo meglio? Decide sempre l'allenatore, per me è meglio fare l'esterno in un centrocampo a 5, ma sono abituato anche a fare il terzino destro in una difesa a 4. Nel primo tempo ho fatto dei cross, per cercare Luca Toni in mezzo all'area di rigore".

PARMA? REGALIAMO UNA GIOIA AI TIFOSI
"Ora dobbiamo continuare così, ci aspetta il Parma in casa e dobbiamo fare punti, per regalare una gioia a tifosi e società. Continuiamo così, a ragionare partita dopo partita, poi vedremo".
Ufficio Stampa

Sorensen: "Siamo stati bravi a batterci"
Postata il 06/01/2015 alle ore 18:00
Empoli (Firenze) - Le dichiarazioni del difensore gialloblù, Frederik Sorensen, rilasciate al termine della sfida contro l'Empoli (0-0).

PUNTO IMPORTANTE
"Il punto di oggi è molto importante, l’Empoli è un avversario del nostro livello, un avversario diretto. Un punto fuori casa è sempre molto bello, questo risultato ci soddisfa. Noi poco bravi a fruttare il vantaggio di un uomo in più? Non sono d’accordo, è arrivata subito la seconda espulsione. Forse potevamo gestire meglio la palla, far correre di più gli avversari. Siamo stati bravi a resistere. Quel gol annullato all’Empoli? Dalla mia posizione ho visto chiaramente che Maccarone ha abbracciato Hallfredsson, l’arbitro ha fatto bene a fischiare il fallo. Sull’espulsione del mio compagno ho sbagliato il passaggio, di conseguenza è arrivato il rosso per Hallfredsson. Un commento su Greco? Conoscevamo le sue caratteristiche: è un giocatore tecnico, sa gestire palla. Ha fatto la sua partita ed è stato molto bravo perché è con noi soltanto da cinque giorni".

STO SEMPRE MEGLIO
"Il mio rientro? E’ stato un po’ caotico, sono dovuto subentrare quando Moras si è fatto male. Sono entrato con tranquillità, ho cercato di dare il meglio. Se è stata una gara dura? Sicuramente, ci siamo battuti, siamo stati bravi oggi. La mia posizione? Nasco centrale, ma gioco dove mi vuole l’allenatore. Certo, giocare nel mio ruolo naturale è ottimo, adesso cercherò continuità. Problemi nel reparto difensivo? No, non credo. Io torno da due mesi di stop, devo fare sempre di più e cercare i miei equilibri. Come mi sento? Ogni giorno che passa, sto sempre meglio, sono molto contento".

IL 2015 INIZIA BENE
"L’anno inizia bene, adesso dobbiamo cercare di cavalcare il momento. Poi tocca al Parma, che secondo noi è un altro avversario importante. Hanno battuto la Fiorentina, saranno sicuramente agguerriti. Noi dobbiamo fare la nostra partita e cercare di prepararla, bene dato che abbiamo a disposizione poco tempo, ma cercheremo di fare bene".
Ufficio Stampa

Comunicato medico - Evangelos Moras
Postata il 06/01/2015 alle ore 17:10
Empoli (Firenze) - In seguito all'infortunio subito durante la partita contro l'Empoli, lo staff medico dell'Hellas Verona FC comunica che "Evangelos Moras ha riportato un risentimento muscolare al flessore destro che sarà valutato nelle prossime ore".
Ufficio Stampa

Serie A TIM: Empoli-Hellas Verona 0-0
Postata il 06/01/2015 alle ore 15:00
Empoli - Il Verona inaugura il 2015 con un punto prezioso in trasferta con l’Empoli. Partita molto difficile ed equilibrata tra due formazioni che non intendono cedere. I gialloblù lottano con grinta e cuore, ma non riescono a gestire il momentaneo vantaggio dato dall’espulsione per doppia ammonizione di Tonelli al 20’ del secondo tempo. Dodici minuti dopo, Giacomelli espelle anche Hallfredsson, ristabilendo la parità numerica. Il verdetto del campo è un pareggio, da segnalare il ritorno in gialloblù di Leandro Greco che gioca tutti i 90’.

EMPOLI-HELLAS VERONA 0-0

Primo tempo
1' Partiti
14' Cross basso di Hallfredsson, Toni si coordina e tira in porta. Sepe c'è
17' Combinazione Verdi-Tavano, la conclusione è alta sopra la traversa
23' Calcio di punizione al limite dell'area affidato a Maccarone, tiro fuori di poco
28' Verdi prova a sorprendere la difesa dal limite dell'area, Benussi respinge in calcio d'angolo
45' Sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Tavano mette in mezzo un pallone insidioso che Benussi allontana
46' Pericoloso tiro di Tachtsidis, Sepe para
47' Termina qui il primo tempo

Secondo tempo
1' Partiti
6' Splendida azione di Lazaros sulla fascia, cross al centro non sfruttato da Hallfredsson
16' Hallfredsson si coordina e tenta la conclusione, palla a lato
17' Occasione per Pucciarelli, tiro rimpallato dalla difesa
24' Sugli sviluppi di un calcio d'angolo la palla arriva a Pucciarelli, Benussi c'è
25' Cross di Lazaros per Toni che svetta alto ma non riesce a coordinarsi
26' Pucciarelli di nuovo pericoloso, chiude bene la difesa gialloblù
29' Cross di Greco, Toni stacca di testa. Sepe para
38' Tiro di Mchedlidze parato a terra da Benussi
48' Calcio di punizione di Valdifiori, Mchedlidze ci arriva di testa. Miracolo di Benussi
49' Termina qui la partita

EMPOLI (4-3-1-2): Sepe; Hysaj, Tonelli, Rugani, Mario Rui; Croce, Valdifiori, Vecino; Verdi (dal 22' st Barba); Tavano (dal 16' st Pucciarelli), Maccarone (dal 34' st Mchedlidze).
A disposizione: Pugliesi, Bassi, Laurini, Perticone, Signorelli, Laxalt, Bianchetti, Zielinski, Aguirre.
All.: Sarri.

HELLAS VERONA (4-3-3): Benussi; Martic, Moras (dal 31' pt Sorensen), Marques, Agostini; Sala (dal 8' st Campanharo), Tachtsidis, Greco; Lazaros, Toni, Hallfredsson.
A disposizione: Rafael, Gollini, Saviola, Luna, Lopez, Valoti, Brivio, Boni, Fares, Nenè.
All.: Mandorlini.

Arbitro: Giacomelli di Trieste.
Assistenti: Marrazzo e Schenone.

NOTE. Espulsi: Tonelli al 20' e Hallfredsson al 32' st per doppia ammonizione, Sarri al 32' st. Ammoniti: Sala, Toni, Campanharo. Spettatori: 7.705 (paganti: 1.504; abbonati: 6.201)
Ufficio Stampa

Peschiera: seduta pomeriggio
Postata il 04/01/2015 alle ore 17:23
Peschiera - Allenamento pomeridiano per i gialloblù sul campo dello Sporting Center "Il Paradiso" di Peschiera. La squadra, agli ordini dell'allenatore Andrea Mandorlini, ha svolto riscaldamento, torelli, esercitazioni per reparti, oltre a una serie di tiri e cross.

Fisioterapia, palestra e piscina per Artur Ionita, Mounir Obbadi e Juanito Gomez Taleb. Luca Toni ha svolto sedute fisioterapiche e lavoro differenziato sul campo. Fisioterapia per Bosko Jankovic.

PESCHIERA - PROGRAMMA ALLENAMENTI*

Lunedì 5 gennaio: seduta mattutina (ore 11) a porte chiuse
Martedì 6 gennaio: Empoli-Hellas Verona (ore 15)

*L'orario delle sedute può subire variazioni all'inizio dell'allenamento in base ad esigenze di squadra, stabilite dallo staff tecnico.
Ufficio Stampa

Comunicato - Nuovo manto erboso stadio Bentegodi
Postata il 04/01/2015 alle ore 17:16
Verona - L'Hellas Verona FC, congiuntamente alla società A.C. ChievoVerona, annuncia che si giocherà su un manto erboso completamente nuovo la partita ChievoVerona-Torino, in programma allo stadio Bentegodi il 6 gennaio 2015. La sostituzione del manto erboso utilizzato fino all’ultima partita giocata nel 2014 (Hellas Verona-ChievoVerona, domenica 21 dicembre), si è resa necessaria in seguito al forte deterioramento subito dal campo del Bentegodi, causato da usura e da un malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento.

I lavori, eseguiti sul campo dello stadio veronese, si sono sviluppati in più fasi: dallo smaltimento del vecchio tappeto erboso al ripristino dell’impianto di riscaldamento, dal riposizionamento delle quote del sottofondo in sabbia al posizionamento del nuovo manto erboso.

E' stato necessario attendere la sosta natalizia del campionato di Serie A per intervenire sul campo. I lavori sono stati appaltati alla ditta Indalgo di Milano e controllati e vigilati, oltre che dall’Hellas Verona FC e dall'A.C. ChievoVerona, dal dottor agronomo Fabrizio Salto della ditta Stadia di Milano e dal dottor agronomo della Lega Calcio Giovanni Castelli.
Ufficio Stampa

Peschiera: seduta pomeriggio
Postata il 03/01/2015 alle ore 17:00
Peschiera - Allenamento pomeridiano per i gialloblù sul campo dello Sporting Center "Il Paradiso" di Peschiera. La squadra, agli ordini dell'allenatore Andrea Mandorlini, ha svolto riscaldamento, torelli, esercitazioni tattiche e partita.

Fisioterapia, palestra e piscina per Artur Ionita, Mounir Obbadi e Juanito Gomez Taleb. Luca Toni ha svolto sedute fisioterapiche e lavoro differenziato sul campo. Fisioterapia per Bosko Jankovic.

Variazione di programma: nella giornata di domenica 4 gennaio verrà sostenuta una seduta pomeridiana con inizio alle ore 15 (porte chiuse).

PESCHIERA - PROGRAMMA ALLENAMENTI*

Domenica 4 gennaio: seduta pomeridiana (ore 15) a porte chiuse
Lunedì 5 gennaio: seduta mattutina (ore 11) a porte chiuse
Martedì 6 gennaio: Empoli-Hellas Verona (ore 15)

*L'orario delle sedute può subire variazioni all'inizio dell'allenamento in base ad esigenze di squadra, stabilite dallo staff tecnico.
Ufficio Stampa

Viareggio Cup: Verona con Napoli, Pakhtakor e New York
Postata il 03/01/2015 alle ore 12:10
Viareggio (Lucca) - Sorteggiati, presso la sala di rappresentanza del Comune di Viareggio, i gironi della 67a edizione della prestigiosa "Viareggio Cup-Coppa Carnevale". La Primavera gialloblù, allenata da Massimo Pavanel, è stata inserita nel girone 3 con Napoli, Pakhtakor (Uzbekistan), e LIAC New York (USA). La manifestazione, che vedrà coinvolte 32 squadre, inizierà lunedì 2 febbraio e si concluderà con la finalissima in programma lunedì 16 febbraio.

L'esordio per i gialloblù è fissato per lunedì 2 febbraio, le altre due gare verranno giocate mercoledì 4 e venerdì 6 febbraio. Il calendario completo, con gli orari delle partite e i relativi campi di gioco, verrà comunicato durante la presentazione ufficiale del torneo, in programma lunedì 26 gennaio al "Gran Teatro Puccini" di Torre del Lago (Lucca).

GRUPPO A - GIRONE 3
Hellas Verona, Napoli, Pakhtakor (Uzbekistan), LIAC New York (USA).

VIAREGGIO CUP - CLICCA QUI PER IL TABELLONE COMPLETO
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it



[OFFTOPIC] +   -   =
VITA DA EX: Anche mister GIANNINI fra i 104 imputati rinviati a giudizio nell'inchiesta napoletana chiamata Aracne, deve rispondere di frode nelle competizioni sportive legata al campionato 2008-2009 di Lega Pro quando allenava il GALLIPOLI... ROMULO al rientro in bianconero e il suo agente lo rilancia anche in chiave azzurra

CALCIOMERCATO SERIE A:Lukas PODOLSKI all'INTER! Grande accoglienza all'aeroporto per il centravanti tedesco come per GABBIADINI a Napoli...

Gabbiadini, Napoli in delirio. Samp, ore decisive per Muriel
4 gennaio 2015
Oltre 1000 tifosi a Capodichino per l'arrivo dell'attaccante: "Non mi aspettavo tutto questo entusiasmo". Il suo sostituto potrebbe essere il colombiano: le due società sono in continuo contatto. Juve sempre su Sneijder ma l'agente frena
Napoli, finalmente Gabbiadini - Manolo Gabbiadini è arrivato a Napoli. L'attaccante ha lasciato in mattinata il ritiro della Sampdoria dopo aver salutato gli oramai ex compagni di squadra e si è imbarcato verso Capodichino dove, fin dal primo pomeriggio, centinaia di tifosi hanno atteso il suo arrivo. Oltre 1000 supporters del Napoli sono infatti accorsi per accogliere il nuovo attaccante azzurro. Gabbiadini però, per motivi di ordine pubblico, è stato costretto ad uscire da una porta secondaria. "Non mi aspettavo tutto questo entusiasmo, ringrazio tutti i tifosi, spero di salutarli in campo. Un gol alla Juve? Mi piacerebbe, ma conta di più vincere. Nazionale? Penso prima al Napoli. Champions e scudetto? Parlerà il campo", sono state queste le prime parole di Gabbiadini da calciatore del Napoli. L'ex Samp ha subito effettuato e superato le visite mediche.

Ore decisive per Muriel - La trattativa tra Samp e Udinese per l'attaccante colombiano è in continua evoluzione. Le due società sono in continuo contatto. Il presidente Ferrero è a Londra per incontrare Gino Pozzo. L'ultima offerta della Samp è di 10 milioni. L'Udinese è scesa da 15 a 12 milioni nella richiesta. Muriel che spinge molto per l'esito positivo di questa trattativa, potrebbe essere il sostituto di Manolo Gabbiadini.

La Juve aspetta Sneijder, l'agente frena - L'olandese resta il principale, forse unico, obiettivo di mercato della Juventus. C'è un'offerta per il giocatore ma l'agente dell’olandese, Guido Albers, ai microfoni di una tv turca, però, frena: "Chi vuole Wesley Sneijder deve pagare la clausola rescissoria di 20 milioni di euro. Non andrà via nè per 2, 5, 10 o 12 milioni. Ho parlato con la società e il Galatasaray non intende vendere Sneijder, tra l'altro Wesley e la moglie si trovano bene a Istanbul - ha aggiunto Albers - Se qualcuno vuole ingaggiare Sneijder, comunque, non deve parlare con me ma
con il club turco".

Per la difesa - La pista più battuta resta quella di Rolando, centrale del Porto attualmente fuori rosa. Contatti ci sono stati e ce ne saranno anche nelle prossime ore. Rolando ha giocato nell'Inter e ancor prima nel Napoli.

Il transfer di Podolski - L'attaccante tedesco non si è potuto allenare con l'Inter per il mancato arrivo del transfer da Londra. Per il centrocampo, invece, Lassana Diarra resta la prima scelta del club.

La Fiorentina ci spera - Il club viola insiste per riportare Diamanti in Italia. Il giocatore è un obiettivo concreto dei toscani che potrebbero riportarlo in Serie A dopo il trasferimento, un anno fa, ai cinesi del Guangzhou.

Cagliari, ecco Alejandro Gonzalez - Il difensore uruguaiano, classe '88, arriva dal Verona in prestito (gratuito) con diritto di riscatto.

Se Sorrentino parte... - Al Palermo potrebbe arrivare Antonio Rosati, portiere classe '83 del Napoli, in caso di partenza di Stefano Sorrentino, alla sua seconda stagione con i rosanero.

Verona, preso Fernandinho - L'attaccante brasiliano, classe '85, arriva all'Hellas in prestito (per i prossimi sei mesi), con diritto di riscatto.

Cesena a caccia di un centrocampista - Il club romagnolo segue Matteo Brighi e Davide Biondini, attualmente entrambi al Sassuolo.

Sulla panca del Latina - La società nerazzurra, penultima in Serie B, ha esonerato l'allenatore Roberto Breda, a sua volta subentrato a Beretta lo scorso ottobre, e affidato la guida della prima squadra all'ex juventino Mark Iuliano, tecnico della Primavera.

CR7? Al massimo negli Usa - L'agente di Cristiano Ronaldo, il portoghese Jorge Mendes, ha chiuso le porte a un ipotetico approdo del suo assistito al Paris Saint Germain. "E 'impossibile - ha assicurato a Telefoot - Finirà la sua carriera al Real Madrid, o dopo, lo farà forse negli Stati Uniti. Cristiano Ronaldo ha un contratto fino al 2018 con il Real e con Messi e Neuer è candidato nuovamente per il pallone d'oro di cui è detentore.

Torres, andata e ritorno - L'attaccante, dopo la parentesi al Milan, è tornato all'Atlético Madrid, dove ha giocato dal 2000 al 2007. Il giocatore è stato presentato allo stadio Caldéron davanti a 45mila spettatori.

Psg, multati Lavezzi e Cavani – Dopo essere tornati in ritardo a Parigi alla ripresa degli allenamenti, Ezequiel Lavezzi e Edinson Cavani sono stati sanzionati dal club: multa e fuori squadra per una settimana. I due sudamericani, attesi venerdì scorso, sono atterrati a Parigi in ritardo, tanto da perdere la sessione di allenamento e alimentare le voci che li vogliono in via di uscita. Un comportamento che non è piaciuto al club transalpino che ha deciso per le maniere forti: "Si alleneranno per conto loro per una settimana e non parteciperanno alle prossime due partite", ha annunciato l’allenatore del Psg Blanc, che ha definito "inaccettabile" il comportamento dei due giocatori.

Mendez è a Roma, andrà al Perugia - Il 18enne talento uruguaiano Kevin Mendez è arrivato a Roma. L'ex giocatore del Penarol, riserva nella nazionale under 20 del suo paese, è in procinto di essere acquistato dalla Roma che poi dovrebbe girarlo al Perugia. Intanto è sbarcato all'aeroporto di Fiumicino con un volo proveniente da Buenos Aires. Mendez ha detto "di essere molto felice di poter giocare in Italia; ancora non so se nelle prossime ore mi fermerò a Roma o andrò a Perugia. Il ruolo in cui preferisco giocare è quello di seconda punta".

Bari-Caputo, vicini al rinnovo – Il Bari ha raggiunto l'accordo con l'attaccante Francesco Caputo per il prolungamento del contratto fino al 2018. La firma arriverà nei prossimi giorni. Nella stagione in corso Caputo ha segnato 7 gol in 19 partite.

FONTE: Sport.Sky.it


La caduta del Principe
Giannini indagato

Giannini sulla panchina del Verona

03/01/2015 17:10
C’è anche il nome dell’ex allenatore dell’Hellas Verona, Giuseppe Giannini nell'elenco dei 104 imputati rinviati a giudizio nell'inchiesta napoletana chiamata Aracne. Giannini deve rispondere di frode nelle competizioni sportive, ipotesi di reato legata al campionato 2008-2009 di Lega Pro, quando allenava il Gallipoli. A parere dei pm, per agevolare la promozione della squadra, il Principe, assieme a Salvatore Righi - ritenuto legato ai Contini - e al direttore sportivo Luigi Dimitri, avrebbero versato 50 mila euro ad alcuni giocatori del Real Marcianise, formazione che perse la partita con il Gallipoli per 3 a 2 nell'ultima di campionato, vittoria che consentì alla squadra allenata da Giannini di essere promossa in serie B.

FONTE: TGVerona.it


Inter, Podolski l’ottavo tedesco della storia
Arriva Podolski, l'ottavo tedesco della storia dell'inter. Da Szymaniak a Sammer, ripercorriamo le loro avventure nerazzurre.

Lukas Podolski è il primo grande rinforzo della nuova Inter di Roberto Mancini. Il ventinovenne, neo campione del mondo, arriva con la formula del prestito a 600 mila euro, che potrebbe però aggirarsi intorno al milione in caso di qualificazione in Champions League. Grandissimo entusiasmo di tutta la piazza nerazzurra per questo ottimo acquisto che può veramente riportare in alto questa squadra visto l’indiscutibile valore tecnico del giocatore. Podolski che inoltre va ad arricchire una buona tradizione di tedeschi in maglia interista; infatti lui risulta essere l’ottavo germanico ad indossare questa maglia. Andiamo quindi a vedere tutti gli acquisti tedeschi della storia nerazzurra.

[...]

FONTE: SportCafe24.com


ESCLUSIVA SJ – Romulo, parla l’agente: “Tornerà a febbraio. Può essere titolare anche in Nazionale”
4 gennaio 2015 16:00 Felice Lanzaro

L’avventura di Romulo in bianconero era iniziata ad agosto 2014. L’ottima stagione vissuta con la maglia dell’Hellas Verona aveva convinto Marotta e Paratici a portare in quel di Torino il centrocampista italo-brasiliano, che aveva saltato il Mondiale a causa di alcuni problemi fisici.

Probabilmente, si pensava che tali problemi fossero risolti. In realtà, fino ad oggi, l’esperienza juventina del ragazzo si è rivelata un calvario. Solo due presenze per lui quest’anno e ora la dirigenza vuole valutare attentamente un ipotetico riscatto.

SpazioJuve ha contattato in esclusiva l’agente di Romulo, Alex Firmino, che ha detto: “Il recupero procede benissimo. Penso che già all’inizio di febbraio potremmo rivederlo in campo“.

Riguardo al futuro, l’intenzione è chiara: “Romulo vuole giocare nella Juve, anche per ripagare i bianconeri per tutto quello che gli hanno dato. La dirigenza ha fiducia in Romulo e lui vuole aiutare la squadra a vincere”. Inoltre, l’agente ha ricordato: “Attualmente, è alla Juve in prestito con diritto di riscatto. Confermo, però, che tale diritto diventerebbe obbligo in caso di un certo numero di presenze”.

Per ora, il classe ’87 ha disputato una sola partita da titolare, quella contro il Parma: “Ha giocato solo una volta per 90 minuti e con tanti fastidi ma anche così ha corso più di tutti in campo” – Firmino ha poi aggiunto - “Il rapporto con mister Allegri è buono, sicuramente gli darà più possibilità quando sarà pronto. Credo che Romulo possa essere titolare nella Juve e in Nazionale”.

Felice Lanzaro (@FeliceLanzaro)

FONTE: TGVerona.it

Posta un commento

0 Commenti