Subscribe Us

Le schede di B/=\S: Javier Pedro SAVIOLA Fernández

Javier Pedro Saviola Fernández (Photocredits HellasVerona.it)

Nato a/il:Buenos Aires (Argentina)
il 11/12/1981
Nazionalità:Argentina
Contratto:Definitivo fino a Giugno 2015
Ruolo:Attaccante
Altezza:169 Cm
Peso:61 Kg
Posizione:
CARRIERA DA GIOCATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Hellas Verona2014 - 2015A15 (+1CI)1 (+1) 
Olympiacos2014 - Set. 2014SLE10 
Olympiacos2013 - 2014SLE25 (+5CL)12 (+2) 
Malaga2012 - 2013PDS27 (+4CR +6CL)8 (+0 +1) 
Benfica2011 - 2012PL18 (+2CdP +5TL +6CL)4 (+1 +1 +0) 
Benfica2010 - 2011PL24 (+6CdP +4TL +6CL +6EL)9 (+3 +1 +0 +1) 
Benfica2009 - 2010PL27 (+2CdP +4TL +11CL)11 (+1 +1 +6) 
Real Madrid2008 - 2009PDS8 (+2CR +4CL)1 (+1 +0) 
Real Madrid2007 - 2008PDS9 (+6CR +2CL)3 (+0 +0) 
Barcellona2006 - 2007PDS18 (+5CR +1CL)5 (+5 +0) 
Siviglia2005 - 2006PDS29 (+12CL)9 (+5) 
Monaco2004 - 2005L129 (+5CF +1CdL +7CL)7 (+6 +0 +4) 
Barcellona2003 - 2004PDS33 (+5CR +7CL)14 (+2 +3) 
Barcellona2002 - 2003PDS36 (+1CR +14CL)13 (+0 +7) 
Barcellona2001 - 2002PDS36 (+1CR +12CL)17 (+0 +4) 
River Plate2000 - 2001PDA3420 
River Plate1999 - 2000PDA3319 
River Plate1998 - 1999PDA196 
Giovanili River Plate1990 - 1998--- 
LEGENDA: PDA=Primera División Argentina (Serie A Argentina), PDS=Primera División Spagnola (Serie A Spagnola), CR=Copa del Rey (Coppa Nazionale Spagnola), CL=Champions League, L1=Ligue 1 (Serie A Francese), CF=Coupe de France (Coppa Nazionale Francese), CdL=Coupe de la Ligue (Coppa di Lega Francese), PL=Primeira Liga (Serie A Portoghese), CdP=Taça de Portugal (Coppa Nazionale Portoghese), TL=Taça da Liga (Coppa di Lega Portoghese), SLE=Souper Ligka Ellada (Serie A Greca), CI=Coppa Italia

NEWS E CURIOSITÀ +   -   = 5 Settembre 2014
...Serviva talento e fantasia la davanti dopo l'inevitabile partenza di ITURBE e SOGLIANO (con l'avvallo di MANDORLINI) ha portato in gialloblù questo fuoriclasse un po' datato che ha suscitato differenti impressioni nell'esigente piazza scaligera: Chi dice che l'argentino ha già speso altrove i migliori anni della sua carriera, chi si esalta e prefigura una grande stagione per l'HELLAS e pure chi non è mai rimasto particolarmente abbagliato dalla classe del giocatore (leggi Gigi SACCHETTI centrocampista con 5 stagioni di VERONA alle spalle ed attuale allenatore dello ZEVIO)...
La verità? Starà probabilmente nel mezzo... Nessuno ha la boccia di vetro certo però è che fino alla passata stagione l'attaccante ha giocato in quasi tutte le gare dell'OLYMPIACOS (in campionato ed in Champions League) segnando e facendo segnare: Se a questo dato uniamo la fantastica stagione appena conclusa da 'Nonno' TONI e la verve mostrata dal 35enne MÁRQUEZ all'esordio in campionato con l'ATALANTA, i motivi per sperare in questo autentico fuoriclasse non ancora 33enne ci sono tutti!

GIOVANILI E PRIMI ALLORI AL RIVER...
Tale Adolfo Pedernera, talent scout sudamericano dall'occhio evidentemente lungo, lo nota ad appena 9 anni giocare con gli amichetti e lo porta al RIVER PLATE dove 'El Conejo' cresce tra pane, scuola e gol ed esordisce in prima squadra 7 anni dopo.
A 18 anni il suo talento esplode in tutta la sua irrefrenabile grandezza: Javier trascina i Millonarios alla conquista della temporada di apertura 1999, diventa capocannoniere del campionato argentino di quell'anno ed inevitabilmente anche il calciatore sudamericano dell'anno! È nato un fuoriclasse: Gol a ripetizione anche nel 2000 quando, ad Agosto, il BAÇA chiama dall'Europa mettendo sul piatto 22 milioni di dollari (circa 45 miliardi di lire) ma per il CdA del RIVER non bastano...
I Blaugrana ci riprovano l'anno successivo e stavolta, anche grazie all'appello sui giornali del giocatore che ad un anno dalla scadenza chiede di essere lasciato partire anche per far curare in Spagna il genitore malato (che morirà poco dopo), ci riescono riproponendo la stessa cifra: Quinquennale al giocatore con la benedizione del 'dio del calcio' MARADONA che lo indica come suo erede sul campo...

BARÇA, MONACO, SIVIGLIA E REAL MADRID
I primi 3 anni con il BARCELLONA volano: 105 partite e 44 gol ma gli spagnoli non vincono niente e per una squadra di quel calibro è una sentenza; si susseguono in panchina gli olandesi VAN GAAL e RIJKAARD e SAVIOLA viene poco considerato, tanto che nella stagione 2004-2005 viene spedito in prestito al MONACO nel principato poi al SIVIGLIA dove contribuisce con 5 reti in 12 incontri alla conquista della Coppa UEFA.
Tornato alla base nel 2006-2007 gioca con i Blaugrana per l'ultima stagione prima di trasferirsi (a parametro zero!) agli odiati rivali del REAL MADRID firmando un quadriennale da 2,5 milioni di Euro a stagione ma il nuovo tecnico delle Merengues Bernd SCHUSTER praticamente non lo vede mai e così il suo successore Juande RAMOS; così dopo 31 gare in due stagioni (tra campionato e coppe) Javier chiede di andar via...

PORTOGALLO E RITORNO IN SPAGNA
A Giugno 2009 l'ex idolo del Monumental, relegato a soli 28 anni al ruolo di 'giocatore quasi normale', passa al BENFICA per la miseria di 5 milioni di Euro (ma con l'ingaggio raddoppiato rispetto a quanto guadagnato al REAL) e conquista subito campionato e coppa di lega riacciuffando quest'ultimo trofeo anche nel 2010-11 e 2011-12 ultima stagione per El Pibito in Portogallo: Rescissione e ritorno per la terza volta in terra iberica, stavolta col MÁLAGA con il quale firma un contratto annuale...

PRIMA L'HELLAS POI... IL VERONA
Svincolatosi dagli spagnoli nell'estate 2013 SAVIOLA si rimette in gioco nella Souper Ligka Ellada dove vince il campionato greco alla media di un gol ogni due partite ma dall'Hellas al VERONA la strada è praticamente segnata! Javier accetta in 5 minuti il contratto annuale propostogli dal diesse SOGLIANO e sbarca in riva all'Adige dove ad aspettarlo trova i 'vecchietti' TONI e MÁRQUEZ (peraltro già suo compagno al BAÇA per due stagioni)

Qui trovate una pagina Facebook dedicata al calciatore ma sono numerosissime anche le sue pagine su Twitter...

[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]


ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =
  • Al giro di boa arriva il primo gol in campionato per Javier che titolare nel 5-3-2 contro l'ATLANTA mette a segno il primo gol in Serie A! Un gol pesante che vale 3 punti contro una diretta concorrente, il 230esimo in 6 campionati differenti segnato dal fuoriclasse argentino...
  • SAVIOLA è ancora papà! A Peschiera il 7 Gennaio 2015 è nato Fabricio il secondogenito di Javier e la compagna Romanela...
  • ...Che assist a casa dell'INTER! Javier non età giocando in attesa di trovare condizione e tatticismi per entrare negli schemi di MANDORLINI ma nei 10 minuti giocati al 'Meazza' consegna al LOPEZ un assist fantastico di tacco nel 2 a 2 realizzato da LOPEZ...
  • Impressionante il palmarès di uno che ha vinto tutto e che ancora non ha smesso! Da quando, appena 18enne, SAVIOLA vinceva il campionato di apertura del 1999 (diventando pure il capocannoniere con 15 gol in 19 gare!) con il RIVER PLATE e diventando il calciatore sudamericano dell'anno, il calciatore ha inanellato una sequenza record di allori personali e di squadra: Un campionato ed una supercoppa in Spagna col REAL MADRID, un campionato e tre coppe di lega in Portogallo col BENFICA, un campionato greco la scorsa stagione con l'OLYMPIACOS e poi una Coppa UEFA col SIVIGLIA, un campionato del mondo Under 20 con l'Argentina nel 2001 ed un oro olimpico ancora con gli albiceleste nel 2004! A ruota seguono un sacco di premi a livello individuale...
  • Un altro 'conejo' per l'HELLAS dopo LÓPEZ... Fortuna che non c'è più CACCIATORE! Scherzi a parte un altro (e sicuramente migliore) nomignolo con cui è conosciuto SAVIOLA è 'El Pibito' in riferimento al Pibe de oro MARADONA tanto per avere un'idea di quali sono i paragoni per questo autentico fuoriclasse...
  • Tra i migliori per Pelè e la FIFA (che qualcosina se ne intende), dal 2004 fa parte della FIFA 100 la lista dei 125 migliori calciatori stilata da Pelé...
  • A Marzo 2011 viene fermato dalla polizia portoghese, mentre era al volante della sua macchina rincasando dopo aver festeggiato il compleanno della moglie, con un tasso di alcool superiore al limite consentito: Il BENFICA non punirà il giocatore, considerato esemplare nel comportamento, che ha fatto un errore che non si ripeterà...
  • Esordio col RIVER PLATE a soli 16 anni! Il 18 ottobre 1998 Ramon DIAZ, allora tecnico dei Millonarios capisce che quel ragazzino diventerà un fenomeno e lo lancia in prima squadra

Javier Saviola - The LegendBIOGRAFÍA - Javier Saviola

Javier Saviola
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Javier Pedro Saviola Fernández (Buenos Aires, 11 dicembre 1981) è un calciatore argentino, attaccante dell'Hellas Verona.
Fa parte della FIFA 100, la lista dei 125 migliori calciatori viventi stilata da Pelé nel 2004. È soprannominato El conejo (in italiano il coniglio). Nel 2001 la stampa lo ribattezza el pibito, in riferimento al Pibe.

Caratteristiche tecniche
Centrocampista offensivo, fantasista, o attaccante, Saviola è un calciatore prolifico, di talento, con un'ottimo dribbling, molto veloce e rapido.

Carriera
- Club
All'età di 9 anni, Adolfo Pedernera lo nota in un campo di calcio e ne caldeggia l'acquisto ai dirigenti del River Plate. Entra nelle giovanili del club nel 1990, ma nella capitale argentina deve anche continuare a studiare per poter giocare a calcio. Il 18 ottobre 1998, a 16 anni, Ramon Diaz lo fa esordire in campionato.

Capocannoniere del River Plate nel torneo di apertura 1999 (15 gol in 19 incontri), a fine stagione è premiato da El Clarin come rivelazione dell'anno e della stagione 1999 con 19 gol, lo diventa anche l'anno successivo nel 2000 con 20 reti. Nel 1999 il River lo costringe a saltare il Mondiale Under-20. Nell'agosto 2000 il Barcellona tenta una prima offerta di 22 milioni di dollari (circa 45 miliardi di lire) ma il CdA del River Plate, riunitosi più volte, rifiuta l'offerta. Nell'annata seguente, dopo essersi fatto notare ai Mondiali U-20, alla fine dei quali diviene internazionalmente noto come un fuoriclasse, e il cui cartellino vale 70 miliardi di lire, anche in seguito a una lettera aperta inviata da Saviola ai giornali nazionali, nella quale chiede di essere lasciato partire, i Blaugrana tentano una seconda offerta per la stessa cifra che il River Plate accetta e il 6 luglio 2001 passa al Barcellona firmando un quinquennale e lo stesso Diego Armando Maradona lo elegge a suo erede. Il contratto con il River sarebbe scaduto il 30 giugno 2002. Inoltre il suo trasferimento in Spagna potrebbe favorire le cure di un genitore malato.

A Barcellona disputa in tre anni 105 partite, arricchite da 44 centri in campionato. Con l'arrivo in panchina di allenatori come l'olandese Louis van Gaal e il suo successore Frank Rijkaard, viene relegato spesso in panchina non trovando spazio come prima.

Il 30 agosto 2004 viene ceduto in prestito ai francesi del Monaco, con cui gioca in campionato 29 volte realizzando 7 reti. Il 13 agosto 2005 viene ceduto nuovamente in prestito, al Siviglia, dove colleziona 29 partite e 9 gol in campionato e con cui vinse la Coppa UEFA 2005-2006. Il 12 settembre 2005 s'infortuna al ginocchio sinistro. Nel corso degli anni il contratto con il Barcellona è prolungato fino al giugno 2007.

Nella stagione 2006-2007 torna al Barcellona e ci rimane fino al termine del suo contratto nel giugno 2007. Al termine del suo contratto con il Barça, firma un contratto quadriennale a € 2,5 milioni a stagione con il Real Madrid dove si trasferisce a parametro zero il 10 luglio. Bernd Schuster non lo fa praticamente mai giocare e Saviola chiede di essere ceduto.

Il 26 giugno 2009 passa al Benfica in cambio di € 5 milioni e firmando un triennale da 5 milioni di euro a stagione più opzione per un altro anno. Conquista il campionato 2009-2010 e la Coppa di Lega 2009-2010. A marzo 2011 viene fermato dalla polizia portoghese, mentre era al volante della sua macchina, con un tasso di alcool superiore al limite consentito. Nonostante Saviola prolunghi il contratto fino al 30 giugno 2013, il 31 agosto 2012, dopo aver rescisso il contratto con il Benfica, passa al Málaga firmando un contratto annuale e ritornando così a giocare nuovamente nella Liga per la terza volta. Svincolatosi dal Málaga, il 25 luglio 2013 passa ai greci dell'Olympiakos.

Il primo settembre 2014, nell'ultimo giorno di calciomercato, firma un contratto annuale con la società italiana dell'Hellas Verona. Il 24 settembre fa il suo debutto nella gara interna contro il Genoa, partita terminata 2 a 2. Il 2 dicembre, durante il match di Coppa Italia contro il Perugia segna su rigore la rete del successo per gli scaligeri che consente ai gialloblù di passare al turno successivo della competizione. Il 25 gennaio 2015 realizza il suo primo gol all'Hellas segnando l'unico gol di Verona-Atalanta.

- Nazionale
Nel 2001 vince con la Nazionale Under-20 argentina i Mondiali giovanili, di cui fu anche capocannoniere. Nel 1999 vince il Calciatore sudamericano dell'anno.
Con la Nazionale maggiore ha collezionato 40 presenze sengando 11 reti nel periodo che va dal 2000 al 2007.
Nel 2004 conquistò la medaglia d'oro ai Giochi olimpici di Atene e viene inserito da Pelé nella lista dei FIFA 100.

Palmarès
- Club
Competizioni nazionali
Campionato argentino: 2 River Plate: Apertura 1999, Clausura 2000
Campionato spagnolo: 1 Real Madrid: 2007-2008
Supercoppa di Spagna: 1 Real Madrid: 2008
Campionato portoghese: 1 Benfica: 2009-2010
Coppa di Lega portoghese: 3 Benfica: 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012
Campionato greco: 1 Olympiakos: 2013-2014

Competizioni internazionali
Coppa UEFA: 1 Siviglia: 2005-2006

- Nazionale
Campionato del mondo Under-20: 1 2001
Oro olimpico: 1 Atene 2004

- Individuale
Capocannoniere del campionato argentino: 1 Apertura 1999
Calciatore sudamericano dell'anno: 1 1999
Capocannoniere del campionato del mondo Under-20 : 1 2001
Miglior giocatore del campionato del mondo Under-20 : 1 2001
Incluso nel FIFA 100


Javier Saviola
From Wikipedia, the free encyclopedia

  • This name uses Spanish naming customs: the first or paternal family name is Saviola and the second or maternal family name is Fernández.

Javier Pedro Saviola Fernández (born 11 December 1981) is an Argentine professional footballer who plays for Italian club Hellas Verona F.C. as a forward.

Known for his speed, dribbling and ability to score from almost any attacking position on the field, he represented both Barcelona and Real Madrid throughout his career, and was named as the youngest player, on Pelé's FIFA 100 list of the 125 greatest living footballers in 2004. Due to his ancestry he also holds Spanish nationality since 2004, and he amassed La Liga totals of 196 games and 70 goals over the course of eight seasons.

An Argentine international for seven years, Saviola represented his country at the 2006 World Cup and the 2004 Copa América, where his team reached the final. He also won a gold medal at the 2004 Olympics.

Club career
River Plate
Nicknamed El Conejo (The Rabbit), Buenos Aires-born Saviola made his debut for Club Atlético River Plate at the age of 16, and went on to be a prolific goalscorer for the club.
He helped River to the 1999 Apertura and 2000 Clausura championships, and earned the 1999 South American Footballer of the Year award. Still only 18, he gained a reputation as a phenomenal prospect, and was even regarded as a potential heir to Diego Maradona, in particular after he broke the latter's 1978 record by becoming the youngest player to win the Golden Boot award.

Barcelona
In 2001, aged 19, Saviola moved abroad to play for FC Barcelona in a £15 million transfer. He obtained Spanish citizenship shortly after, thereby not being restricted by the Spanish league maximum on the number of non-European Union citizens allowed in each club. Under coach Carles Rexach, he scored 17 goals in his first season, finishing joint-fourth top scorer in La Liga.
Saviola's second year at the club did not start well, as he only scored two goals in the first half of the season. When Van Gaal was fired and Radomir Antić became the new Barcelona manager, he went on to net 11 goals in the latter half of the campaign; at the start of the following season Frank Rijkaard was appointed as new manager, and the player scored 14 times in the league alone, but was deemed surplus at the club as longtime offensive partner Patrick Kluivert.
Saviola was sent on loan in the summer of 2004, moving to AS Monaco FC in Ligue 1. As he did not fit into Rijkaard's plans he was again loaned out the following year, this time to Spanish club Sevilla FC, in order to replace Real Madrid-bound Júlio Baptista; with his new club he won his first title in Europe, conquering the UEFA Cup — he also scored nine times in the league, good enough for fifth.
Saviola returned to Barcelona for the 2006–07 season, playing in 18 league games, six as a starter, and netting five goals. He benefited greatly from injuries to teammates, most notably to Samuel Eto'o, and added five in as many matches in that season's Copa del Rey, notably a hat-trick against Deportivo Alavés (3–2 win at home, 5–2 aggregate).

Real Madrid
On 10 July 2007 Real Madrid signed Saviola after his Barcelona contract expired, on a three-year deal. Although on a financially lucrative contract, he endured a difficult time at Real, being mainly restricted to cup matches and sporadic appearances (mainly as a substitute) in the league and the UEFA Champions League.
The arrival of Klaas-Jan Huntelaar limited Saviola's opportunities even more, and he finished his Real Madrid spell with five goals in 28 overall appearances.

Benfica
On 26 June 2009, S.L. Benfica and Real Madrid agreed on a €5 million deal that would see Saviola play in Portugal for the next three years, with an option for one more; a €30 million clause was added. He scored his first goal for the club on a penalty in a friendly match against FC Sion and, on 16 July, netted twice to send his team into the Guadiana Trophy finals.

On 22 October 2009 Saviola scored two goals for Benfica, guiding them to a 5–0 victory over Everton for the UEFA Europa League (he would also score in the club's 2–0 win in Liverpool in the second match), adding another brace four days later as the Eagles hammered C.D. Nacional 6–1 in the domestic league.

On 6 December Saviola scored through a chip shot against Académica de Coimbra, in a 4–0 home win. On 20 December he netted the game's only goal as Benfica defeated rivals FC Porto at home; during the victorious campaign, he formed a deadly offensive partnership with Paraguayan Óscar Cardozo, with the pair combining for more than 50 goals overall.

On 3 January 2010, after receiving the Portuguese Liga Player of the Month award, Saviola scored another winning goal against Nacional, again being the game's only scorer in an away defeat of Rio Ave FC, netting in the 46th minute. He netted his 19th goal overall in a 3–1 home triumph against F.C. Paços de Ferreira on 7 March, and the Reds were eventually crowned league champions after a five-year wait.

Málaga
In the last hours of the 2012–13 summer transfer window, Saviola agreed on a move to Málaga CF. He played 45 minutes in his first appearance, a 1–0 win at Real Zaragoza on 1 September.

On 15 September 2012, Saviola scored once and provided one assist in a 3−1 home win against Levante UD. He continued with his streak the following game, Málaga's first-ever in the Champions League group stage, netting in a 3–0 home win over FC Zenit Saint Petersburg.

Olympiacos
On 25 July 2013, Saviola signed a two-year contract with Greek champions Olympiacos FC. He scored his first goal in the Superleague on 25 August, coming in at half-time and helping his team come from behind to win it 2–1 against Atromitos F.C. at home. On 10 December he netted a brace – and also missed a penalty – in a 3–1 success over R.S.C. Anderlecht also at the Karaiskakis Stadium for the group stage's last round, which helped the Piraeus outfit to the second position and the subsequent qualification, at the expense of former side Benfica.

Verona
On 2 September 2014, Saviola joined Serie A club Hellas Verona FC. He made his official debut on 22 September, starting in a 2–2 home draw against Genoa CFC, and scored his first goal on 2 December, netting the only in a home win over Perugia Calcio for the Coppa Italia.

International career
Saviola starred in the 2001 edition of the FIFA U-20 World Cup, held in Argentina. He was top scorer and was voted player of the tournament, as the national team won the competition; with 11 goals in seven games, he became the record goal-scorer in the tournament's history.

Two years later, Saviola played in the 2004 Olympic Games and won the gold medal. Under coach Marcelo Bielsa he was given few playing opportunities for the senior team but, after the former's resignation in 2004, new manager José Pekerman, who also worked with him at youth level, turned the tide in the player's favour; he was also a member of the squads that reached final of the 2004 Copa América and the 2005 FIFA Confederations Cup, netting three times in the former tournament and one in the latter.

Saviola was called up to represent Argentina at the 2006 World Cup – Luciano Figueroa and Luciano Galletti were also in contention for a place on the roster, but his excellent form for Sevilla secured his place in the squad. He scored against Côte d'Ivoire in the country's opening game, and made two assists in the 6–0 victory over Serbia and Montenegro also in the group phase.

Saviola retired from international football on 5 December 2009, although not yet 28. He stated that he felt his career as an Argentina player had come to an end, and that he wanted to concentrate on club football.

FONTE: Wikipedia.org