Subscribe Us

#VeronaAtalanta in anteprima: Dopo due vittorie consecutive gli uomini di PECCHIA arrivano con un certo slancio sull'ATALANTA che ha perso allo Stadium e al Binti e reduce da tre sconfitte negli ultimi tre match contro l'HELLAS, a decidere l'ultimo nel 2015-16 fu PAZZINI al termine di una splendida rimonta...


#VeronaAtalanta +   -   =

29esima giornata, dopo due vittorie che hanno risollevato di parecchio gli animi di tutti si ricomincia a vedere una debole fiammella in fondo al tunnel e si capisce che pur rimanendo un'impresa sportiva (fino ad ora il VERONA ha sempre fatto un paio di passi indietro dopo ogni passo avanti) la salvezza è possibile perchè le altre concorrenti, pur apparendo più attrezzate, cominciano a dare qualche segno di cedimento soprattutto nel SASSUOLO e nel CHIEVO.
Dopo la vittoria al Dall'Ara l'ATALANTA ha perso il recupero della 26esima giornata disputatosi Mercoledì allo Juve Stadium e la speranza (piuttosto vana a dire il vero) del popolo gialloblù è di trovare i prossimi avversari leggermente infiacchiti, per il resto ci si affida un po' a tutto compreso il fatto che l'HELLAS arriva da tre successi di fila, di cui due di rimonta, sulla Dea in Serie A e che gli avversari bergamaschi a Verona hanno spesso trovato difficoltà...

Statistiche Opta (It.EuroSport.com)

  • L’Atalanta ha vinto l’ultima sfida con il Verona in Serie A, dopo una serie di sette partite in cui i bergamaschi avevano ottenuto due soli punti.
  • Il Verona ha vinto tutte le ultime cinque partite casalinghe in Serie A contro l’Atalanta: nelle precedenti 13 sfide interne i gialloblu avevano ottenuto solo tre successi (6N, 4P).
  • Il Verona ha vinto le ultime due partite di campionato e non arriva a tre successi consecutivi in Serie A da ottobre 2013.
  • Entrambi questi successi per gli scaligeri sono arrivati al Bentegodi: per il Verona è lo stesso numero di vittorie che aveva ottenuto nelle precedenti 12 gare interne in Serie A (1N, 9P).
  • L’Atalanta ha perso l’ultima partita, dopo una serie di cinque gare in cui aveva trovato tre vittorie e due pari.
  • Inoltre prima della sconfitta con la Juventus l’Atalanta era imbattuta da sette trasferte consecutive (5V, 2N).
  • Il 20% dei gol del Verona in campionato è arrivato su calcio di rigore (cinque su 25), percentuale record in questa stagione in Serie A.
  • L’Atalanta è la squadra che in media recupera più palloni a partita in questo campionato (72 a match).
  • Dal suo esordio in gialloblu Ryder Matos è il giocatore del Verona con più conclusioni (nove): nemmeno un gol per lui.
  • Solo Douglas Costa (70) conta più dribbling riusciti di Alejandro Gomez (69) in questo campionato.

Precedenti
Gli annali parlano di 18 incontri in Serie A fra VERONA e ATALANTA al Bentegodi con i gialloblù in vantaggio nel computo delle vittorie per 8 a 4 a fronte di 6 pareggi.
Nell'ultimo precedente, risalente al 3 Febbraio 2016, arrivava proprio contro la Dea il primo successo nel campionato 2015-16 per i gialloblù passati dalla gestione MANDORLINI a quella DELNERI: 2 a 1 il risultato finale con i gialloblù a vincere di rimonta grazie ai gol griffati SILIGARDI-PAZZINI.
Vittoria anche nel 2014-15 grazie all'unico gol in Serie A di SAVIOLA e l'8 Dicembre 2013 con un'altra rimonta partita al minuto 75 grazie all'inzuccata di GOMEZ prima e al rigore trasformato da JORGINHO poi.
Nella stagione 2003-04 la partita si gioca in Serie B e sono gli ospiti a spuntarla per 2 a 1 grazie ai gol di GAUTIERI e BUDAN mentre a rendere meno amaro il pomeriggio gialloblù fu MYRTAJ al 91esimo, quindi risale a ben 15 anni fa l'ultimo successo ospite al Binti (mentre nel massimo campionato i nerazzurri non vincono a Verona dal 3 a 1 del 1991-92 quando GHIRARDELLO all'87esimo realizzò il gol della bandiera dopo le segnature di Caio CANIGGIA, BIANCHEZI e PASCIULLO).
L'ultimo pari tra scaligeri e bergamaschi risale alla stagione 1996-97 quando, ben 21 anni fa, terminò 1 a 1 con i gol di Leo COLUCCI e Pippo INZAGHI.

A dirigere il prossimo incontro è stato designato il signor Marco Di Bello della sezione AIA di Brindisi.

Il presidente Setti3 Febbraio 2016 vittoria di rimonta dei gialloblù sulla Dea

QUI VERONA
Lesione distrattiva di 3° grado del tendine dell’adduttore lungo della coscia destra per KEAN che rimarrà fuori un mese nel periodo topico del campionato! Il guaio (per cambiare) è che non ci sono sostituti in rosa a meno di utilizzare il falso nueve e fare di necessità virtù (chè Moise starà fuori almeno un mese)...
Con l'ATALANTA rientra capitan RÔMULO dopo la squalifica e finalmente dovrebbe rivedere il campo, almeno dalla panchina, anche Alessio CERCI.
VUCKOVIĆ pur non in perfette condizioni fisiche è comunque atteso da titolare al centro della difesa e sembrano aver recuperato anche BÜCHEL e VALOTI che lavorano in gruppo da Mercoledì.

Convocati
CERCI non ce la fa ma recupera VALOTI che sarà in ballottaggio fino all'ultimo con BÜCHEL.

1. Nicolas, 2. Romulo , 4. Laner, 7. Verde, 8. Fossati, 12. Caracciolo, 14. Zuculini, 16. Aarons, 17. Silvestri, 21. Lee, 22. Bianchetti, 23. Calvano, 25. Boldor, 26. Vukovic, 27. Valoti, 28. Ferrari, 30. Matos, 37. Bearzotti, 40. Coppola, 69. Souprayen, 70. Petkovic, 75. Heurtaux, 77. Buchel, 93. Fares, 97. Felicioli

Probabile formazione
4-4-1-1 Nicolas; Ferrari-Caracciolo-Vukovic-Fares; Romulo-Buchel-Calvano-Verde; Petkovic; Matos


QUI BERGAMO
Allo Stadium nella sconfitta dell'ATALANTA è stato espulso nel finale il difensore nerazzurro MANCINI che non sarà quindi convocabile al Bentegodi ma mister GASPERINI potrà probabilmente contare sul pieno recupero del Papu GOMEZ vero mattatore del fronte d'attacco ospite...

Convocati
È emergenza in difesa per la Dea che oltre a MANCINI dovrà rinunciare anche a CALDARA, BASTONI e RIZZO mentre sono da verificare le condizioni di GOMEZ, PETAGNA e SPINAZZOLA.

Portieri: Berisha, Gollini, Rossi.
Difensori: Masiello, Palomino, Toloi.
Centrocampisti: Castagne, Cristante, De Roon, Freuler, Gosens, Haas, Hateboer, Melegoni, Spinazzola.
Attaccanti: Cornelius, Gomez, Ilicic, Petagna.

Probabile formazione
3-4-1-2 con Berisha; Toloi-Palomino-Masiello; Hateboer-Cristante-Freuler-Spinazzola; Ilicic; Gomez-Petagna.


[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

DICONO +   -   =

Mister PECCHIA nella conferenza stampa prepartita «La nostra posizione in classifica non è cambiata, ma ci troviamo in un momento positivo a livello psicologico. E' tutta benzina per la squadra, bisogna alimentare questa positività con il giusto atteggiamento su ogni palla. Quello che conta, a prescindere dal modulo o dagli interpreti, è continuare a fare risultato. Tutti devono essere pronti e a disposizione, e di volta in volta sceglierò chi sta meglio fisicamente. Un esempio è Felicioli, che non ha giocato per diverse gare ma che ha fatto un'ottima prestazione nel derby, facendosi trovare pronto. Le vittorie fanno piacere ma ormai sono il passato, l'unica partita oggi è quella contro l'Atalanta: quello che dirà il campo lo vedremo, ma noi giochiamo per il massimo risultato. Il Verona è un patrimonio dei veronesi, della città, dei tifosi, e va tutelato stando vicino a questi ragazzi, che vogliono offrire sempre prestazioni all'altezza. L'Atalanta? All'andata abbiamo fatto un grandissimo primo tempo, la sconfitta mi aveva lasciato l'amaro in bocca. Vogliamo ripetere quel tipo di prestazione, facendo entrambe le fasi con attenzione. Sono una squadra quadrata, con un'idea di calcio ben definita, che spinge molto e ha interpreti di qualità, soprattutto sulle fasce. Sta a noi giocare con grinta, attenzione e tanta voglia di vincere» HellasVerona.it

Mister GASPERINI tecnico dell'ATALANTA «Affrontiamo una squadra che di recente ha battuto Chievo, Fiorentina e Torino e che sta rivedendo la possibilità di salvarsi. Il Verona fa parte di quelle formazioni che pian pianino stanno cambiando passo e quando vi dicevo che questa è la fase più calda del campionato sapevo bene cosa stavo dicendo, in base alla mia esperienza del campionato italiano. Veniamo da due buone gare pur essendo gli unici che hanno fatto l'infrasettimanale. E non solo è stato dispendioso mercoledì con la Juventus, ma anche quella prima col Bologna che abbiamo risolto solo verso la fine e domani è la terza gara. Certamente non è un vantaggio per noi e anche il meteo non promette molto bene» FantaGazzetta.it

L'ex GOLLINI, 23 anni Domenica, ai microfoni del sito della società nerazzurra «Sappiamo quanto possa essere importante questa partita e quanto potrebberlo fare i tre punti. Siamo molto determinati e nonostante la sconfitta di Torino, il morale è buono. Affrontare il Verona sul suo campo è sempre difficile per chiunque. Lo stadio è molto caldo, hanno un tifo che li spinge molto, per cui sappiamo che non sarà una partita per niente facile. Ma l'Atalanta quest'anno ha già giocato in grandi palcoscenici anche in Europa facendo delle belle partite e sicuramente andremo anche a Verona per ottenere il massimo» TuttoMercatoWeb.com

Mattia VALOTI a 'La Gazzetta dello Sport' «Battere il Chievo ci ha permesso di avere continuità, cosa che prima non era accaduta. Ero fuori e ho visto il modo in cui i miei compagni hanno giocato, con tanto agonismo. Di occasioni non ce ne sono state molte per noi, ma ancor di meno ne abbiamo concesse a loro. Questo è lo spirito con cui ci possiamo salvare. E la spinta del nostro pubblico sarà fondamentale. Con L'Atalanta? Ce la giochiamo con l’entusiasmo. Certo, davanti c’è una squadra che è una delle grandi della Serie A, se consideriamo il percorso che ha fatto. Sono fortissimi, ma se cogliessimo la terza vittoria consecutiva potremmo respirare, prima della sosta» Hellas1903.it

Il doppio ex PRYTZ al quotidiano L'Arena «Mi manca Verona, città bellissima e poi tifosi fantastici. Mi facevano sempre bere dell’ottima birra. Mamma mia che bei campionati che sta facendo l’Atalanta. Grande società, bella piazza. Quando sono tornato da avversario mi hanno fatto sempre grandi feste. Un ricordo? Il primo anno da avversario il mio amico Stromberg mi diede un calcio molto forte. L’ho rincorso per tutto il campo dicendogli in svedese se era matto. Anzi gli ho dato pure dello str…. Grande campione e amico Stromberg. L’eliminazione dell’Italia dai Mondiali? Si è eliminata da sola. Il calcio è semplice e poi conta la forma. Prendiamo il Verona. Ho visto gare brutte con gente sfiduciata. Adesso tutti si aiutano e si danno da fare. Lo stesso la Svezia contro gli azzurri. Immobile si era bloccato e poi non si aiutavano fra loro. Normale perdere perchè il calcio è un gioco di squadra. Un giudizio sul Verona? Mi piace lo stopper là dietro il serbo e poi il terzino sinistro Fares. Finirà in una grande squadra. Oggi, a parte i top club, contano molto le gambe. Adesso mi devo informare se riesco a vedere Verona-Atalanta, la mia partita. Credo che possa finire in parità così nessuno, come dite voi… Già nessuno si fa male» HellasLive.it

Il doppio ex MAGRIN al 'Corriere di Verona' «L'Atalanta è una squadra che ha qualità tattiche e tecniche in tutte le zone del campo. Gasperini le fa praticare un gioco d’attacco, ma senza squilibrare l’assetto sul campo. L’Hellas non potrà permettersi errori. Il Verona? L’ho visto nel derby con il Chievo: temperamento, spirito di sacrificio, corsa, questo è quel che ha dimostrato di avere. Sono segnali incoraggianti per seguire la via che porta alla salvezza. Fare punti con l’Atalanta sarebbe un’eccezionale conferma» Hellas1903.it

Fernando CHIAMPAN patròn dello scudetto gialloblù «Sono ormai novantenne, è cambiato tutto, ma rimangono le gratificazioni per quanto quel Verona seppe fare. Pensavamo di poterla vincere, la coppa Uefa. Non sarebbe stato come conquistare di nuovo lo scudetto, ma avrebbe rappresentato una tappa storica per il club. La dimensione del Verona, nel calcio di oggi, è quello di una squadra che deve lottare per restare in A. I miracoli non appartengono più al pallone, perlomeno in Italia. Il divario di risorse tra i grandi club e medio-piccoli è troppo ampio. Se è solo una questione di soldi? Se si vuole rendere più vivo il campionato servono norme che consentono di spartire con equità i proventi. Altrimenti allo stadio ci andrà sempre meno gente. Mi delude molto vedere spesso gli spalti vuoti. E le tv hanno rovinato tutto. Se l’Hellas si salverà? Contro il Chievo ho visto dei segnali importanti. Temevo che ci avrebbero battuto: loro hanno sempre avuto una squadra aggressiva, ma stavolta lo siamo stati di più noi. Ora il campionato è riaperto e mi pare che l’Hellas abbia trovato lo spirito che serve per stare in A» HellasLive.it

Capitan TRICELLA «Il rientro del Verona in zona salvezza è favorito dal fatto che le squadre davanti hanno rallentato fortemente. Questo fa bene sperare, in questo momento far punti ed essere lì è un buon segnale perché l'Hellas può raggiungere un risultato che fino a due mesi fa era impensabile. A gennaio hanno acquistato qualche giovane che sta facendo bene e, inoltre, non prende più gol come prima. L'addio di Pazzini a gennaio ha spento anche le polemiche? Le polemiche interne non fanno mai bene e spero che Pecchia a fine campionato possa dire di avere avuto ragione. Hanno fatto tanto, ma tutto è ancora da conquistare perché in questo momento sono ancora penultimi. Ad oggi sono ancora retrocessi, ma vedere tante squadre a pochi punti fa sicuramente ben sperare. Se ha avuto ragione la società che ha sempre difeso Pecchia? La società secondo me ha fatto la scelta migliore perché s'è resta conto che i giocatori sono quelli che sono. Se il materiale umano non è all'altezza non si possono fare miracoli. Inoltre, l'aver difeso l'allenatore ha dato a Pecchia anche ulteriori stimoli» TuttoMercatoWeb.com

Il presidente SETTI «Molte delle cose che sento oggi tra tifosi e addetti ai lavori le sentivo già negli scorsi mesi dette dal mister. Stiamo portando avanti un percorso di crescita che si deve concludere all'ultima giornata di campionato con la salvezza del Verona. Gli ultimi risultati non sono frutto della fortuna ma del lavoro svolto in precedenza, così come gli ultimi protagonisti sono figli di scelte fortemente volute e portate avanti, oltre che di un lavoro quotidiano in cui persone preparate valutano il momento adatto di inserire gli elementi. Arriviamo a questa parte finale di stagione con la consapevolezza di potercela giocare con tutti, e questa secondo me è la cosa più importante. Aprile sarà un mese decisivo, in tutte le zone della classifica, dobbiamo pensare a fare il nostro in ogni gara» HellasVerona.it



IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

VITA DA EX: Bruno ZUCULINI Conquista la super copa col RIVER PLATE. Juani GOMEZ ancora in gol ad un anno di distanza dall'ultimo messo a segno con la maglia scaligera...

BASKET SCALIGERO, la pallacanestro veronese (e non solo) ricorda e piange la scomparsa del 47enne Henry WILLIAMS che da 1993 al 1995 regalò fantastiche emozioni al PalaOlimpia...

PARALIMPIADI KOREA DEL SUD, argento per il veronese POZZERLE nell Snowboard Cross (categoria 'Upper Limb')


Il presidente Setti

RASSEGNA STAMPA +   -   =


Posta un commento

0 Commenti