Subscribe Us

HELLAS VERONA 1-2 INTER: Stavolta i gialloblù, messi ancora in campo da PECCHIA con un equilibrato e compatto 4-4-2, non demeritano contro un avversario tecnicamente e fisicamente più forte ma vengono puniti alla prima occasione da un INTER quasi svogliata... A niente serve il pari di PAZZINI ribaltato otto minuti più tardi da una staffilata di PERISIC dal limite


#VeronaInter +   -   =

RECAP & IMPRESSIONI
...Siamo alle solite: Il VERONA non gioca male e il 4-4-1-1 riproposto da PECCHIA dopo la trasferta di Bergamo funziona con sovrapposizioni veloci che ogni tanto preoccupano un INTER parsa per lunghi tratti svogliata, come ad attendere un vantaggio che prima o poi scenda dall'alto ed è in effetti questo che succede al 36° quando CANDREVA crossa dall'estrema in mezzo sul secondo palo mentre CARACCIOLO e HEURTAUX coprono entrambi su ICARDI lasciando completamente libero BORJA VALERO che infatti insacca facile.
La ripresa si apre con un HELLAS più intraprendente e in una delle sue proiezioni offensive CERCI, che cerca di controllare palla in area, viene travolto dall'uscita di HANDANOVIC: Dopo due minuti di proteste il signor Gavillucci va personalmente a vedere l'azione e decide di concedere la massima punizione.
KEAN viene richiamato in panchina e PAZZINI va a battere il calcio di rigore: Palla nell'angolino a destra del portiere interista e gialloblù che ottengono il pari al 58° ma la gioia dura poco perchè 8 minuti più tardi è PERISIC a riportare avanti i suoi su una palla ribattuta dalla difesa scaligera e scagliata in porta con un destro micidiale del croato.
Il VERONA non ci stà e si ribalta nella metacampo avversaria ma la stanchezza si fa sentire, la lucidità scarseggia e gli errori si moltiplicano: Inutile cercare di impensierire il Biscione con palloni lunghi... E la gara viene chiusa dal signor Gavillucci dopo 5 minuti di overtime.

Clicka qui per vedere l'album di Verona 1-2 Inter

Forse l'HELLAS meritava almeno un punto oggi ma d'altra parte l'INTER ha giocato con pazienza e ha colpito duro punendo praticamente gli unici due errori (gravi) commessi dalla squadra di PECCHIA stasera.
Il 4-4-1-1 compatto e veloce nelle ripartenze è equilibrato e gira bene ma anche oggi non basta: Due gol e terza sconfitta di fila nonostante le tante recriminazioni...
Intanto CROTONE, SPAL e UDINESE vincono e il VERONA si ritrova penultimo alla pari col GENOA (ma con una differenza reti imbarazzante in negativo rispetto ai liguri) a -2 da SASSUOLO e dai ferraresi e a -3 da CROTONE e CAGLIARI prossimi avversari degli scaligeri in Sardegna: La situazione non è disperata (ancora) ma poco ci manca.


LA GARA
Senza CÁCERES e FERRARI ancora in recupero dai rispettivi infortuni, mister PECCHIA è costretto ancora ad agire in emergenza in difesa: con RÔMULO che scala ancora a fare il terzino a destra con SOUPRAYEN dalla parte opposta e la coppia HEURTAUX-CARACCIOLO in mezzo nel 4-4-1-1 in cui è FOSSATI ad agire in mezzo accanto a BESSA e VERDE con FARES a presidiare le fasce.
In attacco PAZZINI parte un'altra volta dalla panchina mentre CERCI agirà in coppia con KEAN partendo però qualche metro dietro a Moise.
Nessun turn-over in casa INTER dove mister SPALLETTI conferma in toto il 4-2-3-1 atteso alla vigilia con VECINO e GAGLIARDINI a fare da filtro dietro ai tre trequartisti CANDREVA, BORJA VALERO e PERISIC e a capitan ICARDI unica (ma pericolosissima) punta centrale.
Partirà dalla panchina il rientrante BROZOVIC dopo le tre settimane di stop per infortunio.

Record stagionale di presenze al Bentegodi con quasi 27mila spettatori sugli spalti (circa 3000 i tifosi ospiti) è record stagionale di presenze, si parte agli ordini del signor Claudio Gavillucci della sezione AIA di Latina.

 4° PERISIC ci prova dalla distanza: Palla altissima...
 5° CANDREVA al tiro in area, HEURTAUX lo mura.
 7° Dalla distanza tocca a VECINO ma anche stavolta fortunatamente la precisione latita.
 9° Ottima azione che nasce dalla catena di destra scaligera: RÔMULO si sovrappone a VERDE che la rida al brasiliano sulla fascia, NAGATOMO casca nel dribbling a rientrare del gialloblù che la mette al centro dove CERCI conclude di prima incocciando su un avversario!
14° VERDE dal limite con un destro debole, raccoglie facile HANDANOVIC.
17° PERISIC da destra appoggia al limite per l'interno destro di ICARDI che schiaccia la palla e non impatta al meglio sparacchiando a lato...
22° VECINO pericoloso dall'interno dell'area scaligera, tiro debole che NICOLAS neutralizza tuffandosi a destra.
36° INTER IN VANTAGGIO: CANDREVA crossa dall'estrema in mezzo sul secondo palo mentre CARACCIOLO e HEURTAUX coprono entrambi su ICARDI lasciando completamente libero BORJA VALERO che infatti insacca facile!
38° FARES è falloso su BORJA VALERO prima e sgambetta poi CANDREVA, il signor Gavillucci estrae il cartellino giallo in faccia a Momo.
46° Dopo un minuto di recupero il signor Gavillucci termina il primo tempo.


 3° ICARDI s'inserisce all'improvviso su una palla che arriva dalle retrovie, HEURTAUX cerca di limitare l'argentino col corpo per quanto può ma Maurito è più veloce e riesce a concludere fortunatamente sopra la traversa.
 5° VECINO di poco fuori area cerca l'incrocio ma non lo trova e la palla vola di poco sopra i legni...
 8° CANDREVA da destra la da a in mezzo a PERISIC che schiaccia palla a terra favorendo il facile intervento di NICOLAS.
 9° CERCI va al tiro dal limite da posizione di poco decentrata a destra, palla che non va lontano dall'incrocio.
11° In una delle sue proiezioni offensive CERCI, che cerca di controllare palla in area, viene travolto dall'uscita di HANDANOVIC: Dopo due minuti di proteste il signor Gavillucci va personalmente a vedere l'azione e decide di concedere la massima punizione.
13° PARI HELLAS: KEAN viene richiamato in panchina e PAZZINI va a battere il calcio di rigore: Palla nell'angolino a destra del portiere interista e gialloblù che ottengono il pari!
17° Da calcio d'angolo CANDREVA va ad impattare di testa: La palla sbatte sulla parte superiore della traversa prima di scivolare sul fuondo.
18° Altro cambio VERONA: BESSA lascia il posto a Bruno ZUCULINI.
21° INTER DI NUOVO AVANTI: Con un tiro-cross da destra CANDREVA trova la deviazione sul fondo di NICOLAS, sulla successiva battuta del corner la difesa scaligera rinvia fuori dove PERISIC, completamente libero di battere, spara un siluro micidiale che fa secco NICOLAS...
26° CANDREVA va alla conclusione dal limite, palla alta.
28° Primo cambio INTER: BROZOVIC rileva CANDREVA.
30° FARES da sinistra si fionda su una palla vagante, entra in area e cerca PAZZINI sul secondo palo: Gianpaolo in spaccata arriva con un pizzico di ritardo a porta vuota!
33° Nelle fila interiste BORJA VALERO lascia il posto a CANCELO.
34° Ultimo cambio HELLAS: Dentro LEE per CERCI che è vittima di una forte contusione.
40° Ultimo cambio anche per l'INTER: EDER rileva ICARDI.
43° PAZZINI salta col gomito largo su GAGLIARDINI, il signor Gavillucci vede e provvede: Cartellino giallo al Pazzo.
47° Fallo tattico di BROZOVIC per evitare la ripartenza del guizzante LEE, ammonito il croato.
49° Intervento da tergo di HEURTAUX su D'AMBROSIO terza ammonizione di fila, stavolta tocca al francese.
50° LEE vola sul lato esterno dell'area grande, SKRINIAR lo fa volare con uno sgambetto abbastanza evidente ma il signor Gavillucci incredibilmente punisce col cartellino giallo l'incolpevole coreano dell'HELLAS. Si chiude qui dopo 5 minuti di recupero.

Radiografia del Gol gialloblù 2017/2018
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
PAZZINI044
VERDE213
KEAN011
RÔMULO011
ZUCULINI B.101

I VOTI
  • NICOLAS Oggi non deve sudare più che tanto e capitola piuttosto sui gravi errori dei compagni anche se sul primo gol subito magari poteva uscire ma... L'errore più grande è quello di CARACCIOLO: Voto 6
  • RÔMULO Anche oggi corre per tutti e sulla destra con VERDE si intende al meglio, peccato che per lunghi tratti il VERONA giochi di più a sinistra ma quando parte in velocità SPALLETTI suda freddo... Voto: 6,5
  • CARACCIOLO Gravissima la mancanza di copertura su BORJA VALERO che porta al primo vantaggio degli ospiti, per il resto non commette errori ma quell'errata marcatura segna in negativo una gara che fino a quel punto sembrava equilibrata: Voto 4
  • HEURTAUX Un paio di grandi interventi in tackle scivolato e poco più, sempre concentrato e preciso mette in campo oggi forse la miglior prestazione da quando veste il gialloblù: Voto 6,5
  • SOUPRAYEN Senza infamia e senza lode stasera anche se il cross del primo gol arriva dalla sua fascia, quasi nullo in proieziona offensiva ma probabilmente a causa di ordini tattici, voto 5,5
  • VERDE Doma spesso la palla con tocchi sopraffini ma talvolta è lento nel liberarsi della stessa, vecchio difetto di Daniele che comunque gioca saggiamente la maggior parte dei palloni che gestisce: Voto 6
  • FOSSATI Come centrocampista di rottura è meno irruente di ZUCULINI, più compassato magari ma più affidabile dell'argentino nei momenti caldi della gara: Voto 6
  • BESSA Un tempo e mezzo che gioca come al solito in queste prime 11 gare, mai uno spunto sulla trequarti, mai una copertura difensiva (che non è nelle sue maggiori caratteristiche)... Perchè gioca tutte le partite? Chiedere a PECCHIA! Voto 5 (gli da il cambio al 64° Bruno ZUCULINI che oggi sta ben attento a non esagerare, null'altro ha il tempo di far vedere: Voto 6)
  • FARES Un'ora di buona personalita e gamba anche se certe scelte potevano essere più ponderate dal franco-algerino che cala vistosamente nell'ultima mezz'ora sbagliando palloni importanti in ripartenza, voto 6
  • CERCI È sicuramente tra i più positivi anche se lo smalto non è quello dei tempi migliori ma in questa squadra gioca un ruolo importante sia tecnicamente che di dal punto di vista dell'esperienza. Si guadagna un calcio di rigore e va al tiro in maniera pericolosa in un paio di occasioni, esce dopo una botta... Voto 6,5 (gli da il cambio al 79° LEE: Troppo poco il tempo che PECCHIA gli concede per dare un giudizio serio sul coreano che però sembra avere l'entusiasmo e la voglia per emergere, assolutamente ingiusta l'ammonizione che prende nel finale per una presunta simulazione, voto 6)
  • KEAN La velocità c'è, la voglia e l'entusiamo pure ma a 17 anni non potrebbe che essere così, ciò che ancora gli manca è l'andare incontro alla palla e il non buttarsi nello spazio chiamando il passaggio del compagno quando ne ha la possibilità, imparerà prima o poi? Il tempo è dalla sua... Voto 5,5 (gli da il cambio al 58° PAZZINI che entra in tutta fretta per battere il calcio di rigore togliendo la palla dalle mani di CERCI e nonostante una pressione gigantesca non sbaglia! Poi fa quel che può arrivando con un pizzico di ritardo in spaccata su quel cross in cui FARES forse poteva fare un paio di passi in più... Voto 6,5)
  • PECCHIA Come già anticipato il 4-4-1-1 che propone per la seconda volta consecutiva non delude contro una squadra tecnicamente e fisicamente più forte, qualche perplessità desta l'esclusione di PAZZINI anche stasera e l'insistenza su un BESSA evidentemente scarico: Voto 6


[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

HeurtauxPecchiaCerci

DICONO +   -   =

Mister PECCHIA «Contro una squadra di alto livello, abbiamo saputo tenere bene il campo e rimettere in piedi la gara. Il gol di Perisic ci ha tolto quella soddisfazione che i ragazzi meritavano, ma ho visto una Verona vivo e con animo, e questo mi dà fiducia per il futuro. Pazzini e Kean? Hanno caratteristiche diverse, l'Hellas mi è piaciuto sia con l'uno che con l'altro in campo, anche grazie alle diverse qualità di ciascuno. Ho fatto delle scelte di continuità rispetto alla gara di Bergamo, dove per un'ora avevamo espresso un ottimo calcio. Al di là degli episodi e dei singoli, però, sono molto dispiaciuto perché nelle ultime tre gare la squadra non ha raccolto nulla nonostante abbia seminato tanto. Nelle ultime partite veniamo puniti ad ogni minimo errore, mentre noi non riusciamo ad approfittare di quelli altrui. Su questo bisogna sicuramente migliorare. Io in discussione? Lo sono da 15 mesi, ad ogni risultato negativo. Ho un grande rapporto con il presidente e sono legato a Verona, fino a quando avrà fiducia in me io continuerò a lavorare. L'anno scorso ci è stato chiesto di tornare in Serie A e lo abbiamo fatto, questa stagione l'obiettivo è mantenere la categoria e lotteremo per farlo» HellasVerona.it

Mister SPALLETTI sull'amico Fabio «Conosco bene Pecchia come uomo, come calciatore e come allenatore, se non vi piace allenerà da qualche altra parte, se gli date tempo rimetterà a posto le cose» HellasNews.it

Mister SPALLETTI tecnico dell'INTER «La nostra classifica non è altro che il frutto del lavoro di professionisti di qualità. Il merito di ciò che portano a casa è solo loro. La gara non è stata facile, ma siamo riusciti a vincerla pur attraversando dei momenti di difficoltà. Cosa è andato male? Potevamo tenere palla di più in certe situazioni e fare delle giocate diverse in alcune circostanze. Quando poi subisci un gol su rigore come in quella maniera, la paura un po' si fa sentire ed il Verona ci ha intimorito. Abbiamo vinto soffrendo, ma l'idea di gioco comunque c'è sempre stata. Non volevamo buttare via la palla, ma giocarla partendo dal portiere» TGGialloBlu.it

Beppe BERGOMI, ex terzino interista e campione del mondo nell'82 sul VERONA «Avevo visto il Verona nella trasferta dell’Olimpico con la Roma e mi era sembrato inadeguato, in certi momenti imbarazzante. Sono trascorse alcune settimane e con l’Inter molto è cambiato. Adesso l’Hellas sta diventando una squadra: in questo modo può salvarsi» Hellas1903.it

CERCI «Oggi abbiamo fatto una buona prestazione, ci è mancato il risultato ed è un peccato perché abbiamo fatto la nostra partita lottando con spirito di sacrificio contro un avversario molto forte, che compete per altri obiettivi. Dispiace aver concluso con zero punti, ma noi noi andiamo avanti con il lavoro sul campo. Il rigore? L'arbitro ha consultato il VAR ma il penalty era sacrosanto, il contatto c'è stato eccome, è importante avere l'aiuto della tecnologia per episodi delicati come quello. Non mi ha pesato non calciarlo, Pazzini me lo aveva chiesto, era giusto lo calciasse lui. Lavoriamo insieme quotidianamente, ci siamo stretti tutti quanti attorno al mister, che sta dando tutto se stesso. Il mio rapporto con il Pecchia? Mi chiede di essere decisivo, cerco di dare una mano alla squadra con personalità ed assist. Il gol? La strada è quella giusta ma con questo atteggiamento conto di segnare il prima possibile. Abbiamo la forza di salvarci, credo nella Società e dobbiamo lavorare perché i risultati arriveranno» HellasVerona.it

BORJA VALERO autore del primo gol nerazzurro a TMW Radio «Il Verona ci ha messo in difficoltà, sapevamo che potevano far male nelle ripartenze. Sul gol ho sfruttato il movimento dei due difensori che sono andati verso Icardi. Il gioco dell’Hellas? Fanno un bel gioco, peccato che non stiano facendo punti. Quella dell’Hellas però secondo me è la strada giusta perché ha giocatori forti davanti. Secondo me ha tutto per salvarsi» Hellas1903.it

HEURTAUX «Siamo molto dispiaciuti, con quanto visto in campo avremmo meritato sicuramente di più. Nel primo tempo con l'Atalanta abbiamo fatto molto bene, stasera abbiamo giocato un'ottima gara dal primo all'ultimo, ma le prestazioni non bastano. Abbiamo concesso veramente poco, mettendo in difficoltà una grande squadra, purtroppo non abbiamo portato a casa punti, ma questo è l'atteggiamento giusto sul quale continuare. Ci abbiamo provato fino alla fine, ma dobbiamo sbagliare meno. Se continuiamo con questa voglia di lottare su ogni pallone diremo la nostra nel campionato, il mister ci dice che dobbiamo insistere su questa strada, ripartire da quello che abbiamo messo di buono in campo» HellasVerona.it

Il difensore SKRINIAR a SkySport «Record di punti? Avevamo parlato prima della partita di questo e siamo contenti che abbiamo fatto una piccola riga nella storia dell’Inter. Scudetto? Pensiamo partita dopo partita. Oggi ci attendeva una gara molto difficile ma abbiamo vinto, abbiamo fatto altri tre punti e siamo contenti. Partite come queste sono sempre difficili perché ogni squadra che gioca contro l’Inter vuole vincere, ha fiducia, vuole dare il massimo e per questo la vittoria è importante. Spalletti manda in campo gli stessi? Sì ma abbiamo tanti giocatori molto forti e non è importante chi gioca perché siamo un grande gruppo» CalcioNews24.com


SpallettiBorja Valero

LE ALTRE DI A +   -   =

Negli anticipi di Sabato la doppiette di HIGUAIN ha abbattuto il MILAN a San Siro mentre la ROMA ha ottenuto il massimo contro il BOLOGNA segnando peraltro un solo gol.
Domenica dura lezione della LAZIO a domicilio del BENEVENTO in un 5 a 1 a favore dei biancazzurri che non ha certo aiutato all'esordio di DE ZERBI subentrato a mister BARONI.
4 a 1 della SAMPDORIA al 'Marassi' sul CHIEVO mentre con 3 gol il NAPOLI è tornato da solo in testa alla classifica in cui era stato appaiato dalla JUVENTUS.
2 a 1 del CROTONE sulla FIORENTINA e dell'UDINESE sull'ATALANTA, mentre la SPAL ha battuto di misura il GENOA al 'Paolo Mazza' di Ferrara.



ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

Sconfitta interna per la Primavera scaligera che a Vigasio va sotto dopo 6 minuti e non riesce più a recuperare...

...E tra i fan della Formula 1 nelle prove al GP del Messico spunta una bandiera dell'HELLAS!


HeurtauxPecchiaCerci

IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

VITA DA EX: Per IONITA rinnovo fino al 2021 col CAGLIARI. Continuano le fortune di Roberto BORDIN (secondo di mister MANDORLINI al VERONA) in Moldavia 'Le cose stanno andando bene, abbiamo staccato la seconda in classifica di sette lunghezze', Damiano TOMMASI sfoggia sui social la maglia numero 9 del Sant'Anna e l'ex compagno di squadra DE ROSSI lo sfotte Il famoso scarso nueve'

FORMULA 1: In messico VERSTAPPEN brucia VETTEL in partenza, HAMILTON s'infila e incoccia sulla rossa del tedesco forando la posteriore destra. Mentre i due contendenti al mondiale s'attardano ai box l'olandese della RED BULL guadagna terreno e alla fine risulterà imprendibile per tutti e arriverà davanti a BOTTAS, a RAIKKONEN e al rimontante VETTEL. Il britannico della MERCEDES arriva soltanto nono ma i punti sono sufficienti per laurearlo nuovamente Campione del Mondo.

MOTOGP: Doppietta DUCATI a Sepang con DOVIZIOSO che sul traguardo precede il compagno di squadra LORENZO e uno staccatissimo ZARKO. Mondiale che si giocherà nell'ultima gara a Valencia dove MARQUEZ, quarto oggi, porta in dote 21 punti sul Dovi secondo in classifica generale...



RASSEGNA STAMPA +   -   =


Posta un commento

0 Commenti