#VeronaPescara in anteprima: Gialloblù alla ricerca della seconda vittoria consecutiva per trovare continuità e risalire la china, parecchie le assenze in entrambi gli schieramenti, i precedenti dicono HELLAS ma gli ospiti sono secondi in classifica anche se in trasferta faticano molto...

Pubblicato da Smarso sabato 15 dicembre 2018 15:38, vedi , , , , , , , , , , , | Nessun commento


#VeronaPescara +   -   =

...Impresa gialloblù al Vigorito de che? Siamo seri! L'impresa semmai (quella sì) è stata di calciare un rigore a quel modo da parte di CODA non la vittoria dell'HELLAS in trasferta dopo due mesi e mezzo.
Vabbè che ormai ci stanno abituando al peggio ma chi (suo malgrado) ha una certa età ricorda bene le imprese scaligere come vincere lo scudetto ad esempio (quello fu più un miracolo forse!) ma anche battere lo strapotente MILAN del '73 e del '90 facendogli perdere due tricolori...
Quelle sono state imprese di sport, eventi difficilmente ripetibili che hanno risolto la storia, una volta di più, a favore di Davide contro Golia e non certo, come qualche giornalista smaccatamente schierato, ha cercato di farci credere.
Ora subito la prova del 9 col PESCARA reduce dal 2 a 0 al CARPI che però non vinceva da 4 turni e che in trasferta ha ragranellato solo 7 degli attuali 26 punti in classifica con cui gli abruzzesi guardano quasi tutti dall'alto a pari punti con il sorprendente LECCE a -3 dalla capolista PALERMO...
E l'HELLAS? Gli scaligeri sono al sesto posto a -4 dal Delfino nel gruppone playoff sempre sospesi tra l'essere una potenziale corazzata (sulla carta) e dimostrare scarsa attitudine sul campo in relazione alla 'tigna' della B ma soprattutto, cosa gravissima alla 16esima di campionato, non avere ancora un'identità di gioco; ma non c'è da preoccuparsi datosi che il 'buon' SETTI l'ha già assicurato 'Non ripeterò gli errori fatti in passato' (speremo ben).

Precedenti
Tra A, B e C non c'è storia al Binti dove l'HELLAS ha vinto ben 13 dei 20 match disputati mentre 6 sono stati i pareggi e l'unica vittoria ospite è anche l'ultimo incontro in assoluto fra le due compagini: Era l'esordio nel torneo cadetto 2011-12, il VERONA neopromosso di MANDORLINI aveva portato rinnovato vigore ed entusiasmo in città dopo 4 anni tra i campetti della C, ed il PESCARA di ZEMAN, sulle prestazioni sempre più convincenti dei giovani Lorenzo INSIGNE e Ciro IMMOBILE, avrebbe conquistato una meritatissima promozione a fine torneo (peccato per quei cori assolutamente gratuiti cantati dai due succitati per festeggiare negli spogliatoi 'VERONESE NON TI ARRABBIARE L'IMPORTANTE È PARTECIPARE' ma in fondo... Ci stava e paradossalmente rendevano omaggio ad un VERONA, arrivato comunque ai playoff salvo essere poi spedito fuori alla prima gara, che in quel momento non c'entrava nulla con la comprensibile gioia del Delfino): Finì 2 a 1 per gli ospiti in quella che rimane appunto l'unica vittoria degli abruzzesi a Verona.
Due annate precedenti il VERONA era stato beffato dagli avversari in finale play-off di Lega Pro col 2 a 2 al Binti che non bastò agli scaligeri per venire promossi a causa della sconfitta per 1 a 0 subita all'Adriatico-Cornacchia.
Da ricordare poi il 4 a 3 del 2003-04 (nel pt, 23' Myrtaj, 27' Adailton, 36' Calaiò, 43' Mazzola; nel st, 7' Russo, 18' Agnelli, 28' Calaiò), il 4 a 1 del 1998-99 con PRANDELLI in panca (21' Cammarata, 45' De Vitis, 46' Esposito M., 65' De Vitis, 90+2' Aglietti), ma anche il 3 a 0 del 1995-96 (gol di Zanini e doppietta di De Vitis) e soprattutto il 5 a 2 del 1994-95 (41' e 50' Cammarata, 52' Di Giannatale, 75' Fermanelli, 77' Margiotta, 85' autogol di G. Loseto, 86' Fermanelli)!
Il primo confronto in assoluto tra le due compagini avvenne però nel torneo di Serie B del 1948-49 ed i gialloblù ebbero la meglio anche allora per 2 a 1.

Ad arbitrare il prossimo match sarà il signor Daniele Minelli della sezione AIA di Varese.

Playoff Lega Pro 2011: 2 a 2 all'andataPlayoff Lega Pro 2011: 1 a 0 PESCARA al ritorno

QUI VERONA
Fuori BALKOVEC a causa del doppio cartellino giallo rimediato poco furbescamente al Vigorito e COLOMBATTO ancora alle prese con l'infortunio.
Problemi accusati in allenamento anche per CALVANO (fastidio al ginocchio) e CRESCENZI (trauma distorsivo alla caviglia) che saranno difficilmente recuperabili per lunedì.

Convocati
1. Silvestri, 2. Caracciolo, 3. Eguelfi, 4. Henderson, 6. Marrone, 7. Matos, 8. Gustafson, 9. Ragusa, 10. Di Carmine, 11. Pazzini, 12. Ferrari, 14. Colombatto, 16. Lee, 19. Cissé, 20. Zaccagni, 21. Laribi, 24. Kumbulla, 25. Danzi, 26. Berardi, 27. Dawidowicz, 28. Tupta, 29. Almici, 32. Chiesa, 33. Empereur

Probabile formazione
4-3-3 con Silvestri; Almici-Marrone-Dawidowicz-Empereur; Danzi-Gustafson-Zaccagni; Matos-Di Carmine-Lee.


QUI PESCARA
Il portiere titolare FIORILLO, il difensore CAMPAGNARO, il centrocampista KANOUTÈ e l'attaccante CAPONE non dovrebbero recuperare in tempo per il posticipo di Lunedì al Bentegodi mentre MELEGONI e ANTONUCCI potrebbero tornare in extremis a disposizione di mister PILLON.
Rivedremo, anche se non da titolare, Andrea COCCO.

Convocati
FORNASIER e ANTONUCCI recuperano e sono regolarmente a disposizione, niente da fare per MELEGONI che rimarrà ai box con FIORILLO, CAMPAGNARO,KANOUTÈ e CAPONE

12 KASTRATI Elhan, 21 FARELLI Simone, 14 BALZANO Antonio, 31 CIOFANI Matteo, 3 DEL GROSSO Cristiano, 15 ELIZALDE Edgard, 13 FORNASIER Michele, 5 GRAVILLON Andrew, 23 PERROTTA Marco, 27 SCALERA Giuseppe, 6 SCOGNAMIGLIO Gennaro, 16 BRUGMAN Gaston, 25 CRECCO Luca, 10 MACHIN Josè, 8 MEMUSHAJ Ledian, 20 PALAZZI Andrea, 26 ANTONUCCI Mirko, 17 COCCO Andrea, 29 DEL SOLE Ferdinando, 7 MANCUSO Leonardo, 19 MARRAS Manuel, 9 MONACHELLO Gaetano, 33 SCUCCIMARRA Roberto, PALMUCCI Stefano

Probabile formazione
Dubbio ANTONUCCI-MONACHELLO per mister PILLON con MANCUSO al centro o a destra a seconda dell'assetto tattico...

4-3-3 con Kastrati; Balzano-Gravillon-Perrotta-Del Grosso; Memushaj-Brugman-Machin; Marras-Monachello-Mancuso.

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =

Mister GROSSO «Anche questa settimana ci siamo allenati bene, a Benevento abbiamo preso una boccata d’aria: era importantissimo fare una grandissima partita. Ora lo step successivo è quello di continuare, e per farlo dobbiamo pretendere tutti qualcosa in più da noi stessi perché è fondamentale riuscire a ripetere una gara ad altissima intensità. La contestazione sugli spalti? Non mi piace fare gli appelli perché ho tanto rispetto della gente che viene a vederci. Ma credo che questi ragazzi meritino sostegno. A Benevento abbiamo fatto una bella prova, ma non può e non deve bastare. L’infortunio di Crescenzi? Peccato perché ci teneva tanto a giocare lunedì. Ma il gruppo nella sua pienezza si sta allenando bene e questo è determinante per alzare la competitività così che chi è in campo senta la responsabilità di avere fuori dei ragazzi altrettanto importanti. Avere tanta qualità dev’essere un punto a favore. Proprio prima di questo allenamento ho detto che per me è fondamentale che tutti mi mostrino il desiderio di essere protagonisti e che però, quando arriva la partita, dobbiamo riconoscere che abbiamo tutti quanti la stessa maglia. Una maglia molto prestigiosa che ha un tifo importante e quindi insieme dobbiamo essere bravi a rendere orgogliosa la gente che ci viene a vedere. I ragazzi, giovani e nuovi, se vengono sostenuti possono rendere ancora meglio» HellasVerona.it

Mister PILLON tecnico del PESCARA «In settimana ho rivisto la squadra frizzante di qualche tempo fa. A priori non firmo per il pari. Ce la giocheremo a viso aperto. Ho il dubbio Monachello – Antonucci. Stanno bene entrambi. Mercato? Non ne abbiamo ancora parlato. Sarà importantissimo l’approccio. Mi aspetto una partenza aggressiva del Verona. Se così fosse dovremmo essere capaci di approfittarne in contropiede. Ancora assente Fiorillo. Monachello deve stare tranquillo e sereno, soprattutto giocare come sa. Avrà sempre la mia fiducia a prescindere dalla scelta che farò domani. Il mercato ? Non ne abbiamo ancora parlato. Lo faremo quando sarà il momento» Rete8.it

Comunicato 'Curva Sud' «Dopo aver scelto tutti insieme di lasciare uno stadio deserto durante Verona-Palermo, lunedì abbiamo deciso di tornare sugli spalti del Bentegodi e di continuare la contestazione da dentro lo stadio. Nessuna tregua per chi non perde mai occasione di mancare di rispetto ad ogni tifoso del Verona. Dentro o fuori, la linea rimane la stessa di sempre: FARE QUADRATO, PER IL VERONA!»

Mister PILLON tecnico del Delfino a 'L'Arena' «A Pescara vogliono la salvezza. Ma ‘sti ragazzi non si montano la testa. Ci salviamo. E poi magari voliamo. Non so dove. Ma oggi non conta. Al Chievo? Non ho dimenticato. Rimasi sorpreso. Dopo sei giornate, dopo tutto quello che sui era fatto insieme. Venne venduto anche Amauri quando ci giocammo i preliminari di Champions. Forse non eravamo pronti. Io, comunque, pensavo di vantare qualche credito in più. ma non cerco alibi... Con l'Hellas non ci siamo mai incrociati. La mia Verona è stata l’altra. Grosso? Propositivo. Ama il bel gioco. Ama giocare. Fa parte di quella corrente di pensiero in cui il pallone non rappresenta fastidio. Va tenuto, giocato. E Grosso parte sempre da quel concetto. Al Verona prenderei subito Matos. Velocissimo. Sa spaccare le partite. Nell’uno contro uno è una vera e propria arma letale. Ma non c’è solo lui. Al Verona c’è solo l’imbarazzo della scelta. Mi riporterei a casa Crescenzi. Bravo ragazzo, ottimo giocatore. Ma la scelta di lasciare Pescara è stata sua. Ci avrebbe dato una grossa mano. Al Bentegodi Lunedì vogliamo capire fino a dove possiamo arrivare» CalcioHellas.it

DAWIDOWICZ a 'L'Arena' «Il mio ruolo? Gioco dove mi dice il mister. Mi piace proteggere la nostra porta. Siamo un buon gruppo che ha trovato delle difficoltà ma a Benevento abbiamo fatto un’ottima partita. Dobbiamo solo credere di più in noi. Per me il Verona può andare in Serie A diretto insieme al Palermo. Sarebbe bellissimo. Palermo? Mi hanno accolto bene. È una città stupenda, come del resto Verona ma i tifosi sono un po’ più invadenti. Meglio qui. La contestazione? Brutto giocare senza pubblico. Cosa ci manca per la promozione? Nulla. Siamo una squadra completa. Ora abbiamo una partita molto importante con il Pescara. Se dovessimo vincerla le cose si metterebbero per il verso giusto. Il mister e noi tutti ci crediamo» HellasLive.it

GUSTAFSON «Benevento? Vittoria fondamentale, risultato che ci dà tanto morale e che anche per noi giocatori è davvero importante. Ora vogliamo continuare così. Pescara? Altra squadra di livello, ma anche noi siamo forti e possiamo giocarcela con chiunque. Verona? Sto molto bene qui, sono felice di essere un calciatore del Verona e abbiamo il grande obiettivo di riportare l'Hellas dove merita» HellasVerona.it

Emanuele PESOLI vice allenatore del PESCARA che da giocatore fu ad un passo dall'HELLAS, poi la brutta vicenda del calcioscommesse risoltosi in una bolla di sapone in 11 brutti mesi «Arrivai a Verona dopo la stagione di Siena con Sannino. Firmai un biennale, ero entusiasta di giocare in una piazza importante come Verona, in una società che aveva grandi ambizioni. In quindici giorni però, dopo la firma del contratto, arrivò come un fulmine a ciel sereno la notizia del calcioscommesse. Fu il direttore Sogliano in ritiro a darmela. Io poi decisi di fare il mio percorso, rimettendoci 11 mesi, perdendo così una stagione importante per la mia carriera. Ero quasi in depressione, ma grazie all’affetto della gente di Verona, della società Hellas che mi è stata vicina in tutto e per tutto e dei miei compagni sono riuscito a superare questo momento difficile. Ho dovuto aspettare i vari gradi di giudizio ed ho quindi deciso di incidere a Verona in altro modo. Negli allenamenti e nello spogliatoio mi sono sempre fatto sentire grazie alla mia esperienza, con grande autorità. Mandorlini si fidava ciecamente di me ed avevo grande stima da parte di tutti i miei compagni. Ho un ricordo pazzesco di dimostrazione quotidiana di affetto nei miei confronti e della mia famiglia. Emozioni davvero forti. Il vostro contributo e presenza è stata davvero importante per me. Nel momento più buio, il mondo del calcio mi ha girato invece le spalle, mi sono ritrovato da solo, ma ringraziando Dio ho risolto tutto nel migliore dei modi. Dopo il processo sportivo e penale sono stato assolto perché i fatti non sussistevano, ma resta comunque una macchia nella mi carriera... Adesso vivo a Pescara, città e società che mi hanno aiutato tanto e che mi hanno permesso di tornare nel mondo del calcio. Lunedì a Verona sarà una grossa emozione, mi aspetto un partitone dove si affronteranno due squadre attrezzate. I gialloblù tentennano un po’ ma alla fine usciranno le qualità che ha la rosa gialloblù. Noi stiamo bene, in salute, siamo organizzati e stiamo cercando di plasmare ai ragazzi la mentalità del mister. La Serie B è un campionato bello e con valori tecnici importanti. Crescenzi? È stato mio ex compagno ai tempi di Pescara, l’anno scorso l’ho anche allenato, il suo rendimento è importante ed uno così lo vorrei sempre in campo. Cocco? Anche lui è stato un mio compagno di squadra mentre oggi lo alleno. Andrea ha poca continuità di gioco, ma lavora con grande entusiasmo e voglia e qualora sarà chiamato in causa, sono sicuro che darà il suo contributo» HellasLive.it

Intervistato da 'Il Centro' parla KASTRATI, portiere del PESCARA che per un soffio ha mancato il gialloblù «Per me (col Verona n.d.S.) sarà una gara speciale visto che nel 2012 potevo andare a giocare lì, svolsi un provino che andò bene, ma poi non venni tesserato a causa di problemi burocratici e l’anno dopo arrivai qui in Abruzzo. Spero di disputare una buona gara al Bentegodi e di portare a casa un risultato positivo. Serie A? Non è un assillo, prima pensiamo a raggiungere la salvezza e poi ce la giocheremo contro tutte. L’unica superiore alle altre è il Palermo, poi c’è grande equilibrio e possiamo lottare contro chiunque» TuttoMercatoWeb.com


GrossoPillon

ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

#CalcioMercatoHellas Dal mercato svincolati arriva il portiere BERARDI destinato a fare da vice SILVESTRI dato l'infortunio che ha messo ko TOZZO



IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

VITA DA EX: Rescissione alla VIRTUS per i due ex Primavera scaligeri ALBA e SPERI. Nuova avventura in Giappone per mister PECCHIA, allenerà l'AVISPA di Fukuoka nella Serie B giapponese (e sul web l'ironia gialloblù impazza).

SERIE B: GRASSADONIA sollevato dall'incarico a FOGGIA, al suo posto per il momento il tecnico della Primavera PAVONE.



RASSEGNA STAMPA +   -   =
I convocati #BiancAzzurri per #VeronaPescara @lega_B
15 Dicembre 2018

I #BiancAzzurri convocati dall’allenatore Giuseppe Pillon per la partita #VeronaPescara#SerieBKT @Lega_B in programma allo Stadio Bentegodi di Verona lunedì 17 Dicembre, alle ore 21,00.

12 KASTRATI Elhan
21 FARELLI Simone
14 BALZANO Antonio
31 CIOFANI Matteo
3 DEL GROSSO Cristiano
15 ELIZALDE Edgard
13 FORNASIER Michele
5 GRAVILLON Andrew
23 PERROTTA Marco
27 SCALERA Giuseppe
6 SCOGNAMIGLIO Gennaro
16 BRUGMAN Gaston
25 CRECCO Luca
10 MACHIN Josè
8 MEMUSHAJ Ledian
20 PALAZZI Andrea
26 ANTONUCCI Mirko
17 COCCO Andrea
29 DEL SOLE Ferdinando
7 MANCUSO Leonardo
19 MARRAS Manuel
9 MONACHELLO Gaetano
33 SCUCCIMARRA Roberto
PALMUCCI Stefano

FONTE: PescaraCalcio.com


Pillon “A Verona per vincere. Non firmo per il pari”
Pillon “In settimana ho rivisto la squadra frizzante di qualche tempo fa. A priori non firmo per il pari. Ce la giocheremo a viso aperto. Ho il dubbio Monachello – Antonucci. Stanno bene entrambi. Mercato ? Non ne abbiamo ancora parlato”.

PUBBLICATO DA MASSIMO PROFETA 15/12/2018

“Sarà importantissimo l’approccio. Mi aspetto una partenza aggressiva del Verona. Se così fosse dovremmo essere capaci di approfittarne in contropiede. Ancora assente Fiorillo. Monachello deve stare tranquillo e sereno, soprattutto giocare come sa. Avrà sempre la mia fiducia a prescindere dalla scelta che farò domani. Il mercato ? Non ne abbiamo ancora parlato. Lo faremo quando sarà il momento”.

Nel video, le ultime dal “Poggio” con alcune dichiarazioni rilasciate da Pillon in conferenza stampa. Lunedì sera alle ore 21 il posticipo Verona – Pescara

FONTE: Rete8.it


NEWS
Ferrari: “Il mio Verona aveva più certezze. Di Carmine fortissimo”
Le parole del centravanti in forza al Crema in Serie D

di Redazione dicembre 17, 2018 - 09:00

Ha parlato in un’intervista a L’Arena, l’ex attaccante gialloblù, Nicola Ferrari. Queste le sue dichiarazioni:

“Il nostro Verona aveva più certezze. Basta guardare a gente come Jorginho, Hallfredsson, Rafael, Cacciatore o lo stesso Cacia. Tutti trasferibili nella categoria superiore, in un gruppo già cementato. Questa è una versione diversa, magari non ancora in grado di dare certezze fino in fondo ma certamente di grande talento e con margini notevoli”.

DA MIGLIORARE.”Tutti si sono concentrati sulla finalizzazione, ma per me prima di tutto il Verona deve imparare a costruire meglio il suo gioco. A sveltirlo e cercare in fretta le punte. Di Carmine è fortissimo, Pazzini è un lusso per il campionato, attorno a loro tutti hanno doti superiori alla media. I centrocampisti però devono accelerare i pensieri”.

PROMOZIONE. “Facile credere che il Palermo abbia la promozione già in tasca. A me però piace molto pure il Benevento, al di là della sconfitta col Verona. È stata una partita dai tanti volti, aperta ad ogni risultato. Io al Benevento farei molta attenzione. Ma se il Verona batte anche il Pescara diventa pericolosissimo per tutti”.

TIFOSI.”Loro ragionano con il cuore, loro amano il Verona. La società ha un’angolazione diversa, il presidente Setti è un uomo di calcio ma è soprattutto un imprenditore. E agisce in maniera fredda. Non sarà facile trovare un punto d’incontro”.

PRESENTE.”Avevo bisogno di questo calcio ormai. Dove divertirmi prima di tutto. Il Crema è una società seria, ha progetti interessanti e mi ha offerto esattamente le condizioni che desideravo. Il mio cuore resta del Verona, sia chiaro“.

NEWS
Pescara, Pillon: “A Verona per capire dove possiamo arrivare”
Le dichiarazioni dell’ex allenatore del Chievo che torna al Bentegodi al secondo posto in classifica

di Redazione dicembre 14, 2018 - 09:14

Questa l’intervista rilasciata a L’Arena dal tecnico del Pescara, Giuseppe Pillon::

PESCARA. “Vogliono la salvezza. Ma ‘sti ragazzi non si montano la testa. Ci salviamo. E poi magari voliamo. Non so dove. Ma oggi non conta”.

CHIEVO. “Non ho dimenticato. Rimasi sorpreso. Dopo sei giornate, dopo tutto quello che sui era fatto insieme. Venne venduto anche Amauri quando ci giocammo i preliminari di Champions. Forse non eravamo pronti. Io, comunque, pensavo di vantare qualche credito in più. ma non cerco alibi“.

HELLAS. “Non ci siamo mai incrociati. La mia Verona è stata l’altra. E l’immagine più bella è quella della notte di Champions con il Levski, con lo stadio pieno”.

SIMBOLI. “Bagnoli e i suoi tifosi. Il Bentegodi è sempre stato campo di tifo e passione. Osvaldo sarà per sempre la faccia dell’Hellas. Non solo per lo scudetto. Credo che Bagnoli resti immagine più bella di ciò che ha significato per molti il Verona. Lo considero l’essenza dell’Hellas. Persone che passano e sono destinate a restare per sempre nel ricordo di tutti. Il mister aveva grande levatura morale”.

GROSSO. “Propositivo. Ama il bel gioco. Ama giocare. Fa parte di quella corrente di pensiero in cui il pallone non rappresenta fastidio. Va tenuto, giocato. E Grosso parte sempre da quel concetto“.

SECONDO POSTO. “Siamo quelli della vecchia scuola. Io, Castori, Colantuono, altri. Abbiamo ancora tanto da dire. Sappiamo come si resta a galla. Non è facile, non è semplice. Ma la fame non ci manca. Pescara mi offre tanti stimoli. E c’è un mondo di cose da fare. Che non vanno lasciate a metà. Poi, il campo dice sempre la sua verità. Che è l’ultima. Che è la più importante. Perché segna il tuo lavoro”.

GIOIELLINI. “Gravillon, Melegoni, Machin. Si divertono. Ci divertiamo. E abbiamo imparato a non darci limiti. Ma, ragazzi: è lunga”.

CHI PRENDEREBBE AL VERONA. “Mi prendo subito Matos. Velocissimo. Sa spaccare le partite. Nell’uno contro uno è una vera e propria arma letale. Ma non c’è solo lui. Al Verona c’è solo l’imbarazzo della scelta.Mi riporterei a casa Crescenzi. Bravo ragazzo, ottimo giocatore. Ma la scelta di lasciare Pescara è stata sua. Ci avrebbe dato una grossa mano “

CRISTIANO RONALDO DI SERIE B. “Penso a Donnarumma del Brescia. Segna valanghe di gol. Cambia faccia alle partite. Lui è proprio quello che riesce a fare la differenza. Ma i giocatori interessanti non mancano. A me piace anche Ninkovic dell’Ascoli. Ragazzo da seguire in prospettiva“.

PALERMO. “Il Palermo sa vincere quando arriva il momento di vincere. Non ti ammazza. Ma usa il talento per assestare i colpi che ti lasciano confuso. Poi la vince. E conta molto essere così in serie B”.

VERONA. “Vogliamo capire fino a dove possiamo arrivare”.

FONTE: CalcioHellas.it


PROBABILI FORMAZIONI SERIE B 2018/2019: 16° GIORNATA
scritto da Jacopo Napoli 11 Dic 2018

Probabili formazioni Serie B – Al via la sedicesima giornata della Serie BKT, che inizierà con il match tra Foggia e Cromonese, in programma venerdì 14 dicembre alle 21.00. Sabato pomeriggio quattro i match in programma: tre alle 15.00 con la sfida più interessante che mette di fronte Perugia e Spezia. Il posticipo delle 18.00, invece, vedrà il Cosenza ospitare il Benevento. Domenica pomeriggio Carpi-Salernitana e Crotone-Venezia si giocheranno alle 15:00, mentre alle 21:00 ci sarà il match Brescia-Lecce. A chiudere questa ricca giornata il classico monday night che vedrà opporsi Hellas Verona e Pescara. Andiamo ora a vedere le probabili formazioni della 16° giornata di Serie B.

Probabili formazioni Serie B: 16° giornata
...

Hellas Verona-Pescara, lunedì 17 dicembre ore 21.00
Probabile formazione Hellas Verona (4-3-3): Silvestri; Crescenzi, Marrone, Dawidowicz, Empereur; Gustafson, Danzi, Zaccagni; Matos, Di Carmine, Lee.

Probabile formazione Pescara (4-3-3): Kastrati; Balzano, Scognamiglio, Gravillon, Del Grosso; Memushaj, Brugman, Machin; Mancuso, Monachello, Marras.

FONTE: RadioGoal24.it


RASSEGNA
CdV - Verona, ora serve continuità
11.12.2018 13:00 di Stefano Bentivogli Twitter: @sbentivogli10
Il tecnico dell’Hellas non lascia, ma raddoppia, però adesso va alla ricerca della continuità che il Verona ha perso di vista troppo spesso. Da qui alla fine del girone d’andata ci sono quattro partite. Dal Pescara al Livorno, dal Cittadella al Foggia. Dunque, due sfide a formazioni che stanno in alto e due a chi, invece, si trova nella fascia a rischio del torneo.

FONTE: TuttoHellasVerona.it


Il Presidente Setti a Peschiera per caricare la squadra
By Redazione - 15 dicembre 2018

Il presidente Maurizio Setti era presente stamane a Peschiera in occasione dell’allenamento della squadra di mister Grosso. Ha avuto un colloquio con i giocatori per caricarli in vista del match di lunedì sera contro il Pescara.

“Abbiamo deciso di tornare sugli spalti “e di continuare la contestazione da dentro
By Redazione - 13 dicembre 2018

La tifoseria gialloblù ha deciso di tornare allo stadio, ma la protesta continuerà. Questo il comunicato della Curva Sud:

“Dopo aver scelto tutti insieme di lasciare uno stadio deserto durante Verona-Palermo, lunedì abbiamo deciso di tornare sugli spalti del Bentegodi e di continuare la contestazione da dentro lo stadio. Nessuna tregua per chi non perde mai occasione di mancare di rispetto ad ogni tifoso del Verona. Dentro o fuori, la linea rimane la stessa di sempre:

FARE QUADRATO, PER IL VERONA!“

Curva Sud

FONTE: HellasNews.it


Comunicato Curva Sud. “Abbiamo deciso di tornare sugli spalti del Bentegodi e di continuare la contestazione da dentro lo stadio”
dicembre 13, 2018

Dopo aver scelto tutti insieme di lasciare uno stadio deserto durante Verona-Palermo, lunedì abbiamo deciso di tornare sugli spalti del Bentegodi e di continuare la contestazione da dentro lo stadio. Nessuna tregua per chi non perde mai occasione di mancare di rispetto ad ogni tifoso del Verona. Dentro o fuori, la linea rimane la stessa di sempre: FARE QUADRATO, PER IL VERONA! Curva Sud

Hellas Verona-Pescara, la partita speciale di Emanuele Pesoli. “Ricordi indelebili mi legano alla città scaligera”
dicembre 13, 2018

Con la maglia gialloblù non è mai potuto scendere in campo, ma il ricordo che lo lega a Verona è ricco di emozioni e significati. Il contratto biennale da firmare era già pronto per Emanuele Pesoli, poi il calcioscommesse purtroppo ha fatto tutto il resto. Una stagione, quella del ritorno in Serie A dell’Hellas Verona di Andrea Mandorlini, che è stato costretto a seguirla solo dalla tribuna. Ma il suo contributo ha saputo darlo, eccome, tra le mura dello spogliatoio scaligero, luogo sacro dove si sono costruiti successi importanti. Una città che ha accolto lui e la sua famiglia a braccia aperte. In uno dei momenti più difficili della sua vita. “Arrivai a Verona dopo la stagione di Siena con Sannino. Firmai un biennale, ero entusiasta di giocare in una piazza importante come Verona, in una società che aveva grandi ambizioni. In quindici giorni però, dopo la firma del contratto, arrivò come un fulmine a ciel sereno la notizia del calcioscommesse. Fu il direttore Sogliano in ritiro a darmela. Io poi decisi di fare il mio percorso, rimettendoci 11 mesi, perdendo così una stagione importante per la mia carriera. Ero quasi in depressione, ma grazie all’affetto della gente di Verona, della società Hellas che mi è stata vicina in tutto e per tutto e dei miei compagni sono riuscito a superare questo momento difficile. Ho dovuto aspettare i vari gradi di giudizio ed ho quindi deciso di incidere a Verona in altro modo – ha dichiarato Emanuele Pesoli a Hellas Live – Negli allenamenti e nello spogliatoio mi sono sempre fatto sentire grazie alla mia esperienza, con grande autorità. Mandorlini si fidava ciecamente di me ed avevo grande stima da parte di tutti i miei compagni. Ho un ricordo pazzesco di dimostrazione quotidiana di affetto nei miei confronti e della mia famiglia. Emozioni davvero forti. Il vostro contributo e presenza è stata davvero importante per me. Nel momento più buio, il mondo del calcio mi ha girato invece le spalle, mi sono ritrovato da solo, ma ringraziando Dio ho risolto tutto nel migliore dei modi. Dopo il processo sportivo e penale sono stato assolto perché i fatti non sussistevano, ma resta comunque una macchia nella mi carriera – ricorda Pesoli – A Verona ho dato il massimo per quello che potevo, ripagando così la fiducia di tutti. Sono stato poi premiato dalla promozione in Serie A, traguardo conquistato grazie ad uno dei più bei gruppi che l’Hellas ha avuto. Impossibile poi dimenticare l’ultima partita, Hellas Verona-Empoli, il Bentegodi in festa, il pullman scoperto… Quante emozioni! Una giornata eccezionale, unica. Ricordo che arrivai al campo qualche ora prima e la gente era in estasi. Mandorlini mi mise la parrucca in testa e mi portò a festeggiare coi compagni. Una grande festa, sono rientrato a casa dopo due-tre giorni (ride, ndr)”. Emanuele Pesoli lunedì tornerà da avversario al Bentegodi. Vice Pillon a Pescara, l’ex difensore classe 1980 sta preparando la sfida contro l’Hellas Verona di Grosso. “Adesso vivo a Pescara, città e società che mi hanno aiutato tanto e che mi hanno permesso di tornare nel mondo del calcio. Lunedì a Verona sarà una grossa emozione, mi aspetto un partitone dove si affronteranno due squadre attrezzate. I gialloblù tentennano un po’ ma alla fine usciranno le qualità che ha la rosa gialloblù. Noi stiamo bene, in salute, siamo organizzati e stiamo cercando di plasmare ai ragazzi la mentalità del mister. La Serie B è un campionato bello e con valori tecnici importanti. Crescenzi? È stato mio ex compagno ai tempi di Pescara, l’anno scorso l’ho anche allenato, il suo rendimento è importante ed uno così lo vorrei sempre in campo. Cocco? Anche lui è stato un mio compagno di squadra mentre oggi lo alleno. Andrea ha poca continuità di gioco, ma lavora con grande entusiasmo e voglia e qualora sarà chiamato in causa, sono sicuro che darà il suo contributo”.

Dawidowicz: “L’Hellas Verona può andare diretto in Serie A, insieme al Palermo. Sarebbe bellissimo”
dicembre 13, 2018

“Il mio ruolo? Gioco dove mi dice il mister. Mi piace proteggere la nostra porta. Siamo un buon gruppo che ha trovato delle difficoltà ma a Benevento abbiamo fatto un’ottima partita. Dobbiamo solo credere di più in noi. Per me il Verona può andare in Serie A diretto insieme al Palermo. Sarebbe bellissimo – ha dichiarato Pawel Dawidowicz a L’Arena – Palermo? Mi hanno accolto bene. È una città stupenda, come del resto Verona ma i tifosi sono un po’ più invadenti. Meglio qui. La contestazione? Brutto giocare senza pubblico. Cosa ci manca per la promozione? Nulla. Siamo una squadra completa. Ora abbiamo una partita molto importante con il Pescara. Se dovessimo vincerla le cose si metterebbero per il verso giusto. Il mister e noi tutti ci crediamo".

Giudice Sportivo, squalificato per una giornata Balkovec
dicembre 11, 2018

Il difensore dell’Hellas Verona, Jure Balkovec, è stato fermato dal Giudice Sportivo per una giornata per “doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario”. Balkovec non sarà quindi a disposizione di Grosso lunedì sera al Bentegodi contro il Pescara

Colombatto indisponibile anche contro il Pescara
dicembre 11, 2018

Il centrocampista dell’Hellas Verona, Santiago Colombatto, non sarà della partita lunedì sera al Bentegodi contro il Pescara. L’infortunio alla spalla non è ancora stato superato ed il suo recupero è previsto per la trasferta di Livorno

FONTE: HellasLive.it


NEWS
14 dicembre 2018 - 11:44
Verona col Pescara, Lee pronto per una nuova chance
Il giocatore sudcoreano, titolare con Palermo e Benevento, si prepara a un’altra gara dal via

di Redazione Hellas1903

Con il Palermo ha costruito l’azione che ha portato al gol di Di Carmine, mentre a Benevento è stato tra i giocatori dell’Hellas più insidiosi.

Seung-woo Lee si candida così ad un maglia da titolare per la terza partita consecutiva. Lunedì il Verona sfida il Pescara in un delicato incrocio, essenziale per rilanciare le quotazioni gialloblù.

Il sudcoreano è in condizione crescente e potrebbe essere lui a completare il tridente di Grosso, imperniato su Di Carmine e Matos.

NEWS
13 dicembre 2018 - 08:01
L’avversario: il Pescara di Pillon
Mancuso e Gravillon i pilastri dei biancazzurri, secondi in classifica

di Jacopo Michele Bellomi, @jjbellomi

Il Verona lunedì sera tornerà al Bentegodi, questa volta per affrontare il Pescara, seconda forza del campionato, al momento quattro punti davanti ai gialloblù – ma con una partita in più.

La squadra allenata dall’esperto tecnico Pillon ha appena superato un mese difficile: alla sconfitta in trasferta a Palermo, che l’aveva scalzata dalla testa della classifica, sono seguite un pareggio casalingo con l’Ascoli e un altro risultato negativo, stavolta con il Perugia. Dalla scorsa settimana, però, le cose sono cambiate e il Pescara è tornato al successo, vincendo 2-0 sul Carpi.

I pilastri dei biancazzurri sono due, uno in attacco e uno in difesa. Il primo risponde al nome di Leonardo Mancuso, classe ’92 di proprietà della Juventus e già autore di otto gol nel campionato di Serie B, mentre il secondo è Andrew Gravillon, difensore centrale ventenne, scuola Inter, che è entrato nel mirino di alcuni club di Serie A per le sue prestazioni in campo.

Oltre a questi due giocatori bisogna sommare quelli più esperti per la categoria: il capitano e regista Brugman su tutti, Memushaj, i terzini Ciofani, Balzano e Del Grosso, l’ex Napoli Campagnaro.

Pillon deve fare i conti con gli infortuni, però, in vista della gara con il Verona. Il portiere Fiorillo è alle prese con un problema muscolare e si dovrebbe rivedere il suo secondo, Kastrati, tra i pali; lo stesso vale per Campagnaro, è assente dal campo da inizio novembre; il giovane Melegoni, in prestito dall’Atalanta, ha rimediato un brutto infortunio la scorsa partita e sarà fuori per il match al Bentegodi.

Piccola curiosità: il Pescara ha in rosa anche Andrea Cocco, attaccante passato da Verona nella stagione 2012/13, quando contribuì alla promozione in Serie A con 2 gol in 19 partite vestendo la maglia gialloblù

Probabile formazione:
Pescara (4-3-3): Kastrati; Balzano, Gravillon, Perrotta, Del Grosso; Memushaj, Brugman, Machin; Marras, Monachello, Mancuso.

NEWS
12 dicembre 2018 - 16:01
Verona col Pescara, nuova chance possibile per Danzi
Primi minuti in campo a Benevento, il talento dell’Hellas si candida per un’altra maglia da titolare

di Redazione Hellas1903
Foto Grigolini-Fotoexpress

Ha debuttato in questa stagione domenica a Benevento, Andrea Danzi.
Il talento cresciuto nel vivaio del Verona ha giocato per 79', schierato da mezz’ala da Fabio Grosso. La sua è stata una prova concreta, senza fronzoli e molto pratica.
Lunedì, con il Pescara, Danzi si candida per una nuova chance da titolare. Restano da capire le condizioni fisiche di Mattia Zaccagni e Santiago Colombatto: una volta definita la lista dei disponibili sarà più comprensibile se per Danzi ci sarà o meno un’altra maglia dal 1'.

NEWS
12 dicembre 2018 - 14:01
Centrocampo Verona, Henderson è pronto
Lo scozzese, fuori negli ultimi turni, può rientrare con il Pescara

di Redazione Hellas1903

Liam Henderson ha saltato per scelta tecnica tre delle ultime quattro partite, giocando soltanto 45' nella gara persa per 4-2 col Brescia.
Lo scozzese potrebbe tornare in campo per la sfida di lunedì con il Pescara.
Con Colombatto che resta in dubbio e Zaccagni da valutare, le sue quotazioni sono in rialzo. Finora, in questa stagione, Henderson ha realizzato due gol: il primo a Crotone, il secondo col Perugia. Entrambi sono stati decisivi.

NEWS
11 dicembre 2018 - 18:45
Pescara, quattro assenti col Verona
Si cerca il recupero di Antonucci

di Redazione Hellas1903

Il Pescara fa il conto degli assenti in vista del Verona. Per Melegoni si prospetta un recupero più veloce del previsto, mentre è sicura l’assenza di Fiorillo, Campagnaro, Kanoutè e Capone.
Lavora per tornare a disposizione di mister Pillon Mirko Antonucci. L’esterno ha saltato gli ultimi due match, ma potrebbe farcela per la partita del Bentegodi.

FONTE: Hellas1903.it


PROBABILE FORMAZIONE VERONA
Di Carmine titolare e Pazzini in panchina
16/12/2018 22:31
Il Verona cerca punti importanti contro il Pescara, lunedì alle 21 al Bentegodi. Grosso punterà ancora sul 4-3-3. Al centro dell'attacco confermatissimo Di Carmine, nonostante abbia saltato una seduta per febbre. Si prospetta ancora panchina per il capitano Pazzini. Nel tridente spazio a Matos e Lee (favorito su Ragusa) sulle fasce. A centrocampo c'è Danzi in cabina di regia con Henderson che dovrebbe tornare dal primo minuto. A completare il terzetto Gustafson (in vantaggio su Laribi). Colombatto e Zaccagni saranno convocati ma non sono al 100%. Davanti a Silvestri, in difesa, confermata la coppia Marrone-Dawidowicz. A sinistra Empereur è in vantaggio su Eguelfi, mentre a destra ci dovrebbe essere Almici, o in alternativa Caracciolo adattato terzino.

Verona (4-3-3): Silvestri; Almici, Dawidowicz, Marrone, Empereur; Danzi, Henderson, Gustafson; Matos, Di Carmine, Lee. All: Grosso.

FORMAZIONE PESCARA
Pillon punta tutto sul fenomeno Mancuso
16/12/2018 22:20
La sorpresa del campionato, il Pescara di Pillon, è di scena al Bentegodi (lunedì alle 21). L'ex allenatore del Chievo punterà ancora sul 4-3-3. Kastrati tra i pali, Balzano e Del Grosso terzini mentre la coppia centrale sarà formata da Fornasier e Gravillon. A centrocampo spazio a Brugman con Memushaj e Machin. In attacco la punta centrale sarà Monachello, assistito da Mancuso (giocatore di proprietà della Juventus "esploso" quest'anno: 8 gol in campionato fino ad ora) e Marras.

Pescara (4-3-3): Kastrati; Balzano, Fornasier, Gravillon, Del Grosso; Memushaj, Brugman, Machin; Marras, Monachello, Mancuso. All: Pillon

ASSENTI CRESCENZI E BALKOVEC
Emergenza terzini: due posti per cinque
16/12/2018 10:40
Crescenzi infortunato, Balkovec squalificato. I terzini titolari (almeno a Benevento) non saranno disponibili per la sfida di lunedì sera contro il Pescara, al Bentegodi (alle 21). Grosso sfoglia la margherita e valuta le opzioni: a sinistra sarà ballottaggio Empereur-Eguelfi mentre a destra ci sarà Almici.
Ma l'ex tecnico del Bari potrebbe anche adattare un centrale sulla fascia destra: Caracciolo o addirittura il rientrante Bianchetti. La coppia Dawidowicz-Marrone, molto probabilmente, verrà riconfermata al centro della difesa.

VERONA-PESCARA, I PRECEDENTI IN B
In B, 11 successi del Verona sul Pescara
15/12/2018 12:22
Verona e Pescara saranno di fronte per la 16^ giornata di Serie B, lunedì 17 dicembre alle ore 21 al Bentegodi. La storia di questo match, in cadetteria vanta ben 15 precedenti in riva all’Adige così suddivisi: 11 vittorie scaligere, tre pareggi e un solo successo abruzzese. La prima volta che le due formazioni furono di fronte risale al torneo cadetto 1948/49 (10 aprile 1949) ed il Verona vinse 2-1 grazie ad una doppietta di Sega. Dopo un salto di 26 anni ecco Hellas e Pescara nuovamente di fronte in B nel 1974/75 (25 maggio 1975) ed il match terminò a reti inviolate. Negli anni ‘80 (9 novembre 1980 - stagione 1980/81), successo gialloblù per 2-0 (Scaini e Oddi) e nel 1981/82 (17 gennaio 1982), altra vittoria veneta per 2-1 (Di Gennaro e Odorizzi). La maggior parte delle gare si disputarono dagli anni ’90 in poi. Il quarto successo del Verona, arrivò nel 1990/91 (23 settembre 1990): 1-0 per effetto della rete firmata da Davide Pellegrini; mentre nel 1993/94 (5 marzo 1994), il successo scaligero fu di 3-1 grazie ad una tripletta di Filippo Inzaghi. Pirotecnico 5-2 per l’Hellas nel 1994/95 (19 febbraio 1995) ed i marcatori furono Cammarata e Fermanelli con una doppietta ciascuno, più un’autorete pescarese di Loseto. La settima vittoria appartiene al torneo 1995/96 (12 maggio 1996): 3-0 (Zanini e doppietta di Totò De Vitis); e l’ottava è del 1997/98 (1 marzo 1998): 2-0 (Giunta e Ghirardello). L’anno della promozione in A (1998/99) con Cesare Prandelli in panchina, la gara terminò con un roboante 4-1 (Cammarata, Aglietti e doppietta De Vitis). Negli anni 2000 (5 giugno 2004), arrivò il 10° successo per 4-3 grazie alle reti siglate da Myrtaj, Adailton, Mazzola e Agnelli; ed infine, l’ultimo successo è datato 3 marzo 2007 per 2-1 (gol di William Da Silva e Turati). Nell’ultimo scontro disputatosi il 26 agosto 2011 (Serie B 2011/12), si verificò il primo ed unico successo biancoceleste: 1-2 . A portare in vantaggio il Pescara fu Immobile al 12’, al quale seguì il raddoppio su autorete di Ceccarelli (60’). Sempre Ceccarelli per il Verona, riaprì la gara all’87’, ma il risultato non cambiò più. Per quanto riguarda il computo delle reti realizzate, Hellas in vantaggio 33 a 14.

Lunedì prossimo 17 dicembre le due squadre incroceranno nuovamente i guantoni per la 16^ volta in B. Per il Verona a quota 22 punti in classifica, l’occasione è importantissima per dar seguito al successo di Benevento (0-1) e per avvicinarsi in graduatoria proprio ai “delfini” che sono a quota 26 (insieme al Lecce), alle spalle del Palermo capolista (29 punti).

VERONA-PESCARA, I PRECEDENTI IN B:
PARTITE GIOCATE: 15
VITTORIE VERONA: 11
PAREGGI: 3
VITTORIE PESCARA: 1
GOL FATTI VERONA: 33
GOL FATTI PESCARA: 14
ANDREA FAEDDA

HENDERSON SCALPITA
Il "Braveheart" accantonato
14/12/2018 12:41
Piedi educati, dinamismo e lotta su ogni contrasto. Il "Braveheart" del centrocampo dell'Hellas aveva convinto tutti nelle sue prime uscite stagionali. Ma il William Wallace, che mangiava le orecchiette con le cime di rapa, si è "appesantito" nel tempo mostrando prestazioni anonime: pagando dazio anche per le scadenti prove collettive della squadra.

Liam Henderson scalpita. Il centrocampista, prelevato a parametro a zero dal Bari, vuole tornare protagonista con la maglia dell'Hellas. Lunedì sera contro il Pescara di Pillon potrebbe tornare titolare, complice Zaccagni non al top per problemi fisici e la non affidabilità al 100% di Gustafson. Lo scozzese ha saltato, per scelta tecnica, tre delle ultime quattro partite: ora vuole tornare al centro del Verona.

SERIE B
VERONA, E' BANALE...
MA PRIMO NON PRENDERLE

13/12/2018 11:41
Prima di Benevento, c’era stata solo un’altra volta in questo campionato in cui il Verona di Fabio Grosso non aveva preso gol: contro il Cosenza, quando la gara non si giocò e il Verona vinse 3-0 a tavolino. Per il resto sono sempre arrivati reti. Frutto di una fase difensiva approssimativa e una difesa con troppi uomini fuori ruolo. A Benevento, anche grazie ad un avversario che ha fatto di tutto per perdere la partita, il Verona ha tenuto la propria porta inviolata. E guarda caso è arrivata una vittoria che è un toccasana per il morale e per il campionato. Restano però sul tappeto tanti problemi: il Verona continua a difendere in maniera approssimativa, il centrocampo fa pochissimo filtro quando non è in possesso di palla e quando gli avversari alzano il ritmo gli imbarazzi sono evidenti. Troppe sbavature anche sui calci piazzati, la pressione sul portatore di palla è spesso un optional, nell’uno contro uno i difensori sono lenti e poco reattivi. Lavorare su questi aspetti, ancor prima dello stucchevole e lentissimo tiqui taqua, porterebbe notevoli vantaggi anche alla classifica in un campionato così mediocre in cui basta partire dalle cose elementari (come non prendere gol) per vincere le partite.

REGISTA A CENTROCAMPO
Colombatto non c'è: chiavi affidate a Danzi
12/12/2018 12:43
Il ritorno di Colombatto è sempre più lontano: il centrocampista argentino non ha ancora recuperato dall'infortunio alla clavicola e difficilmente sarà in campo, contro il Pescara, lunedì sera al Bentegodi.

Grosso sfoglia ancora la margherita per il ruolo di regista: Marrone è stato schierato nuovamente difensore a Benevento e difficilmente tornerà a centrocampo. Calvano, dopo la punizione disciplinare, potrebbe essere convocato ma di sicuro non partirà titolare. Così come appaiono forzate le opzioni Gustafson (o Henderson, sempre più messo da parte) davanti alla difesa.

Il giovane Danzi, quindi, è destinato ad essere ancora titolare nel match contro gli abruzzesi.

DOPO ESPULSIONE A BENEVENTO
Balkovec squalificato,
sfida Empereur-Eguelfi
11/12/2018 17:30
Come era prevedibile, il terzino sinistro dell’Hellas, Jure Balkovec, è stato squalificato dal Giudice Sportivo una giornata per “doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario” a Benevento.

Balkovec non potrà essere convocato da Grosso lunedì sera al Bentegodi contro il Pescara. Si apre così il ballottaggio Empereur-Eguelfi, anche se c'è l'opzione Almici a destra con Crescenzi spostato a sinistra.

L'ATTACCANTE CHE NON FA LA DIFFERENZA
Di Carmine, il "bomber" che non segna quasi mai
11/12/2018 12:22
E' stato il "grande" acquisto (a detta di molti ma non tutti...LEGGI ARTICOLO TGGIALLOBLU A LUGLIO) del mercato estivo, l'uomo che doveva fare la differenza e trascinare il Verona, a suon di gol, ma purtroppo finora ha deluso. Samuel Di Carmine ha segnato solamente 2 reti in 9 partite.

Due gol neanche indimenticabili: un colpo di testa "fortunoso" che si trasforma in pallonetto vincente contro il Perugia e una rete, da solo contro il portiere, per l'1-1 col Palermo di fronte al deserto del Bentegodi.

I tifosi si ricordano molto di più gli errori dell'attaccante toscano: il palo, ad un metro dalla porta, col Venezia e gli errori di Benevento: gol fallito a porta libera nel primo tempo, e rete mancata sulla ribattuta di Montipò nella ripresa (ci ha pensato poi Matos a ribadire in rete).

Di Carmine non sta facendo la differenza: ma, nonostante tutto, Grosso punta deciso sull'ex Perugia, sacrificando perennemente in panchina il capitano Pazzini, il capocannoniere della squadra con 4 reti. Vederli giocare insieme per il tecnico pescarese è quasi impossibile.

Il Verona, che tra le cessioni e gli acquisti dell'estate ha riempito le casse con un bilancio finanziario col segno + (LEGGI ARTICOLO TGGIALLOBLU AD AGOSTO), dovrà pagare 2,5 milioni al Perugia a fine anno per il 30enne (riscatto obbligatorio). La società, evidentemente, ha bisogno di valorizzarlo al massimo e punta forte sull'attaccante che nella sua carriera ha dimostrato di essere un bomber implacabile solamente l'anno scorso (22 reti con la maglia degli umbri, le altre stagioni sempre piuttosto anonimo).

Se si potesse tornare indietro nel tempo, il "silenzioso" Ds Tony D'Amico, magari, cambierebbe obiettivo puntando su Alfredo Donnarumma, più giovane e più continuo in zona gol. L'ex attaccante della Salernitana sta trascinando il Brescia di Corini (13 reti in 12 giornate per lui). E pensare che Cellino ha sborsato molto meno: 1,7 milioni per comprarlo...

Leggi anche:
7 milioni in cassa
Bomber ma solo a Perugia

HELLAS VERONA
Tre uomini per tentare la risalita al vertice
11/12/2018 10:47
Tre uomini e una gamba (Fabio Grosso): un italiano, un brasiliano e un sud coreano. Capaci di tenere a galla il Verona nel momento più difficile. Matos e Lee rappresentano una delle poche note positive del Verona. A loro aggiungeteci pure Zaccagni, il giovane centrocampista, scovato da Claudio Calvetti e lanciato qualche anno fa da Massimo Pavanel e avrete il quadro della situazione e anche un motivo per sorridere dopo la gara con il Benevento. Lee e Matos hanno un sacco di limiti, ma anche tante doti. Soprattutto quello dell’intraprendenza e della corsa. Creano superiorità numerica e regalano al Verona un po’ di verticalità. In una squadra leziosa, lenta e orizzontale sono un booster imprescindibile. E’ vero che entrambi hanno anche un sacco di limiti. Matos non vede la porta, sbaglia occasione limpide, segna gol sempre su ribattuta. Ma sulla fascia in questa serie B è un giocatore indispensabile. Lee è un peperino pieno di grinta e buona volontà. Tatticamente un disastro, assolutamente ignorante in fase difensiva che non conosce. Ma è sempre disponibile e imprevedibile. Anche lui regala sorprese ed è l’unico che sputa sangue per la squadra. Zaccagni è assolutamente il migliore centrocampista del Verona. Resta incredibile che Grosso non l’abbia sempre schierato titolare, limitandolo in un assurdo turno over. Ha grinta, corsa verticalità e senso del gol. Deve giocare sempre. In mezzo all’anonimato tre giocatori a cui aggrapparsi per risalire.

L'HELLAS VINCE A BENEVENTO MA...
Una squadra che ancora non convince
10/12/2018 17:01
Tre punti che sono una boccata d'ossigeno. Il Verona vince a Benevento anche se non convince, ma quello che serviva è arrivato: una vittoria che mancava da troppo tempo (era arrivata solo una volta negli ultimi otto turni, col Perugia, prima della sfida del Vigorito).

Ancora non si è visto un convincente gioco di squadra, le azioni offensive si sono sviluppate da iniziative isolate dei singoli: soprattutto dalle incursioni di Matos e Zaccagni. Di Carmine ha sprecato troppo sotto porta e in difesa si è concesso tanto agli attaccanti giallorossi nonostante la superiorità numerica.

Serve ben altro per cambiare passo. Almeno a Benevento si è vista un po' di grinta e dinamismo in campo. Per la prima volta in campionato non si è subito gol: anche se bisogna ringraziare il ridicolo cucchiaio di Coda che non ha sfruttato il rigore...

FONTE: TGGialloBlu.it


SERIE B
Pescara, Kastrati: "Per la A possiamo giocarcela con tutti"
13.12.2018 17:26 di Tommaso Maschio
Intervistato da Il Centro sulla propria pagina Facebook il portiere del Pescara Elhan Kastrati ha parlato del proprio rendimento e del momento della squadra: “Sono soddisfatto delle mie tre gare anche se ho commesso un errore contro il Perugia. Devo crescere e lavorare ancora per migliorarmi. Con Fiorillo il rapporto è ottimo, mi insegna e mi aiuta tantissimo fin dal primo giorno e poi c’è Memushaj che per me è un fratello maggiore e un punto di riferimento. - continua Kastrati parlando del Verona – Per me sarà una gara speciale visto che nel 2012 potevo andare a giocare lì, svolsi un provino che andò bene, ma poi non venni tesserato a causa di problemi burocratici e l’anno dopo arrivai qui in Abruzzo. Spero di disputare una buona gara al Bentegodi e di portare a casa un risultato positivo. Serie A? Non è un assillo, prima pensiamo a raggiungere la salvezza e poi ce la giocheremo contro tutte. L’unica superiore alle altre è il Palermo, poi c’è grande equilibrio e possiamo lottare contro chiunque”.

SERIE B
Il Messaggero, Pescara: "Mancuso, caccia a un gol storico"
13.12.2018 10:41 di Luca Bargellini Twitter: @BargelliniLuca
Si parla del big match contro l'Hellas Verona in programma lunedì prossimo sulle colonne de Il Messaggero per quanto riguarda il Pescara. Particolare attenzione viene riservata a Leonardo Mancuso, non a caso il titolo di apertura delle pagine sul Delfino è "Mancuso, caccia a un gol storico". Il riferimento per l'attaccante sono le reti del recente passato del Pescara realizzate da Sansovini e Ganci nella finale di Serie C del 2010 che permisero la vittoria al Bentegodi e il primo centro in maglia biancoazzurra di Ciro Immobile nel 2011.

Sul fronte della formazione in vista di lunedì permane un unico dubbio, legato alla presenza di Ledian Memushaj.

LE STATISTICHE
Hellas-Pescara, l'ultima è stata anche la prima volta ospite
13.12.2018 09:33 di Redazione Footstats Twitter: @FootStatsCalcio
Solo in 1 occasione il Pescara ha sbancato la Verona città dell’Hellas: stagione di cadetteria 2011-2012, esordio in campionato per entrambi i club, al Bentegodi finisce 1-2 con rete di Immobile, gol e autogol di Ceccarelli.
Quarantuno giornate più tardi sarebbe arrivata una trionfale promozione in Serie A per il Delfino.
Gli scaligeri chiusero in quarta piazza, ma nei play-off furono eliminati al primo giro da un sorprendente Varese, che si sarebbe poi inchinato soltanto alla Sampdoria nella doppia finale.
Quella appena citata è anche l’ultima, in ordine di tempo, sfida fra i due club in campionato.
Prima è un monologo gialloblù fra A, 3 precedenti, B, 14, e quella che è tornata a chiamarsi Serie C, 2. I padroni di casa vantano, difatti, 13 trionfi e 6 segni X.
Il squadra di Grosso nello scorso weekend ha ritrovato quel successo che le mancava dalla 9a giornata.
Anche il team di Pillon ha centrato i tre punti, ma il digiuno era scattato solo dopo l’11esimo turno.
Fra le compagini di vertice il Pescara è quella che ha fatto meno punti in trasferta, 7.
L’Hellas al Bentegodi ne conta, invece, 12.
Chiusura con la graduatoria costruita con i clean sheet, vale adire le gare a rete inviolata. Abruzzesi e veneti ne contano solo 2 in questo torneo, peggio solo Crotone e Foggia con 1. Difficile quindi aspettarsi un pareggio ad occhiali al termine dei novanta minuti di gioco. Pareggio che fra l’altro faciliterebbe la vita a chi sta davanti in classifica.

CONFRONTI DIRETTI A VERONA (SERIE A, SERIE B E SERIE C)
20 incontri disputati
13 vittorie Hellas Verona
6 pareggi
1 vittoria Pescara
38 gol fatti Hellas Verona
16 gol fatti Pescara

PRIMA SFIDA A VERONA (SERIE B)
Hellas Verona-Pescara 2-1, 31° giornata 1948/1949

ULTIMA SFIDA A VERONA (SERIE B)
Hellas Verona-Pescara 1-2, 1° giornata 2011/2012

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


#VERONAPESCARA I CONVOCATI
17/DICEMBRE/2018 - 13:00
Peschiera - Al termine della rifinitura, mister Fabio Grosso ha diramato l'elenco dei convocati per #VeronaPescara, 16a giornata della Serie BKT 2018/19.

#VERONAPESCARA

I CONVOCATI

1. Silvestri
2. Caracciolo
3. Eguelfi
4. Henderson
6. Marrone
7. Matos
8. Gustafson
9. Ragusa
10. Di Carmine
11. Pazzini
12. Ferrari
14. Colombatto
16. Lee
19. Cissé
20. Zaccagni
21. Laribi
24. Kumbulla
25. Danzi
26. Berardi
27. Dawidowicz
28. Tupta
29. Almici
32. Chiesa
33. Empereur

#VERONAPESCARA: SEGUILA CON NOI E SCOPRI NUMERI E CURIOSITÀ
16/DICEMBRE/2018 - 17:00

NUMERI & CURIOSITA'
Scopri i numeri, le statistiche e le curiosità fornite da Opta Sports di Hellas Verona-Pescara, 16a giornata della Serie BKT 2018/19, in programma lunedì 17 dicembre (ore 21) allo stadio 'Bentegodi'.

- PRECEDENTI: Da ben 7 anni manca Hellas Verona-Pescara, l'ultima volta l'1-2 dell'agosto 2011. In generale si contano 13 vittorie del Verona, 10 pareggi e 7 vittorie del Pescara in 30 confronti

- RIMONTE: Il Verona è riuscito, in casa, a recuperare 6 punti da situazioni di svantaggio: nessuno ha fatto meglio in B

- LEGNI COLPITI: Verona e Pescara sono appaiate al terzo posto in B per pali e traverse colpite in stagione, 4 a testa

- PALLONI GIOCATI: Alessandro Crescenzi è nettamente il difensore gialloblù ad aver giocato più palloni in questo campionato, ben 797. Insegue Caracciolo a 697

PESCHIERA: REPORT ALLENAMENTO
16/DICEMBRE/2018 - 15:30
Peschiera - Proseguono gli allenamenti dell'Hellas Verona in vista della gara di campionato contro il Pescara. La squadra, allenata da mister Fabio Grosso, ha svolto riscaldamento, esercizi di rapidità, esercitazioni tattiche e partitella finale. Terapie per Alessandro Crescenzi. Domani è in programma la rifinitura.

PESCHIERA: REPORT ALLENAMENTO
15/DICEMBRE/2018 - 16:00
Peschiera - Proseguono gli allenamenti dell'Hellas Verona in vista della gara di campionato contro il Pescara. La squadra allenata da mister Fabio Grosso ha iniziato la seduta odierna con il riscaldamento per poi dedicarsi alle esercitazioni tattiche. Santiago Colombatto ha svolto l'intera seduta con il gruppo. Terapie per Alessandro Crescenzi. Domani proseguiranno gli allenamenti in vista della sfida del Bentegodi di lunedì.

GROSSO: «IMPORTANTE TROVARE CONTINUITÀ DOPO BENEVENTO, QUESTI RAGAZZI MERITANO IL SOSTEGNO DEI TIFOSI»
15/DICEMBRE/2018 - 15:30

Peschiera - Le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù Fabio Grosso, rilasciate durante la conferenza stampa in vista di Hellas Verona-Pescara, 16a giornata della Serie BKT 2018/19.

LA STRADA GIUSTA
«Anche questa settimana ci siamo allenati bene, a Benevento abbiamo preso una boccata d’aria: era importantissimo fare una grandissima partita. Ora lo step successivo è quello di continuare, e per farlo dobbiamo pretendere tutti qualcosa in più da noi stessi perché è fondamentale riuscire a ripetere una gara ad altissima intensità».

LE PAROLE DEL PRESIDENTE
«Il presidente al termine della seduta ci ha radunato tutti al centro del campo per dirci di credere nelle nostre qualità e di continuare su questa strada».

IL SOSTEGNO DEI TIFOSI E LA CONTINUITA'
«Non mi piace fare gli appelli perché ho tanto rispetto della gente che viene a vederci. Ma credo che questi ragazzi meritino sostegno. A Benevento abbiamo fatto una bella prova, ma non può e non deve bastare. L’infortunio di Crescenzi? Peccato perché ci teneva tanto a giocare lunedì. Ma il gruppo nella sua pienezza si sta allenando bene e questo è determinante per alzare la competitività così che chi è in campo senta la responsabilità di avere fuori dei ragazzi altrettanto importanti. Avere tanta qualità dev’essere un punto a favore. Proprio prima di questo allenamento ho detto che per me è fondamentale che tutti mi mostrino il desiderio di essere protagonisti e che però, quando arriva la partita, dobbiamo riconoscere che abbiamo tutti quanti la stessa maglia. Una maglia molto prestigiosa che ha un tifo importante e quindi insieme dobbiamo essere bravi a rendere orgogliosa la gente che ci viene a vedere. I ragazzi, giovani e nuovi, se vengono sostenuti possono rendere ancora meglio».

IL DEBUTTO DI DANZI E PESCARA
«Non c’è chi mettendolo in campo ci risolleva le partite e questo lo credo da sempre, perché se ci fosse le giocherebbe tutte. Danzi è un ragazzo molto intelligente e ha uno spirito importante. All’inizio ha avuto poche occasioni, ma ci ho sempre parlato perché aveva tutte le qualità per dimostrare le sue doti. Il legame con Pescara? Sono nato a Roma, lì ho vissuto l’infanzia e ci torno volentieri ma per me non cambia niente, perché li ho già affrontati e lunedì voglio i 3 punti con i miei ragazzi».

UFFICIALE: ALESSANDRO BERARDI TORNA IN GIALLOBLÙ
14/DICEMBRE/2018 - 18:30
Verona - L'Hellas Verona FC comunica di aver acquisito le prestazioni sportive del calciatore Alessandro Berardi. Il portiere classe 1991, in gialloblù anche nella stagione 2012/13, ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2019 e ha scelto la maglia numero 26.

PESCHIERA: REPORT ALLENAMENTO
14/DICEMBRE/2018 - 18:00
Peschiera - Proseguono gli allenamenti dell'Hellas Verona in vista della gara di campionato contro il Pescara. La squadra allenata da mister Fabio Grosso ha iniziato la seduta odierna con il riscaldamento tecnico, per poi dedicarsi al lavoro sulle palle inattive e alle partitelle finali. Simone Calvano e Alessandro Crescenzi hanno interrotto anzitempo la seduta, rispettivamente per un fastidio al ginocchio sinistro e per un trauma contusivo-distorsivo alla caviglia sinistra, che saranno valutati nei prossimi giorni. Domani proseguiranno gli allenamenti in vista della sfida del Bentegodi di lunedì.

PESCHIERA: REPORT ALLENAMENTO
13/DICEMBRE/2018 - 18:00
Peschiera - Proseguono gli allenamenti dell'Hellas Verona in vista della gara di campionato contro il Pescara. La squadra allenata da mister Fabio Grosso ha iniziato la seduta odierna con il riscaldamento di rito, per poi dedicarsi al lavoro di forza in palestra e alle esercitazioni tattiche. In chiusura, una partitella. Mattia Zaccagni e Samuel Di Carmine hanno svolto l'intera seduta con il gruppo. Domani proseguiranno gli allenamenti in vista della sfida del Bentegodi di lunedì.

GUSTAFSON: «BELLO POTER REGALARE SORRISI AI BAMBINI. PESCARA? CE LA GIOCHIAMO CON TUTTE»
13/DICEMBRE/2018 - 13:30
Verona - Le principali dichiarazioni del centrocampista gialloblù Samuel Gustafson, rilasciate in occasione della visita all'Hellas Store per la serata di Santa Lucia.

«Bello essere qui in un giorno così speciale per i bambini veronesi, mi piace poter regalare loro qualche caramella e tanti sorrisi. Benevento? Vittoria fondamentale, risultato che ci dà tanto morale e che anche per noi giocatori è davvero importante. Ora vogliamo continuare così. Pescara? Altra squadra di livello, ma anche noi siamo forti e possiamo giocarcela con chiunque. Verona? Sto molto bene qui, sono felice di essere un calciatore del Verona e abbiamo il grande obiettivo di riportare l'Hellas dove merita».

L'HELLAS VERONA AL NATALE DELLO SPORTIVO 2018
12/DICEMBRE/2018 - 10:30

Verona - Anche l'Hellas Verona al gran completo ha preso parte al Natale dello Sportivo, ormai tradizionale evento a ridosso delle festività organizzato dal Comitato Regionale del CONI e dalla Curia Diocesana di Verona. La squadra gialloblù si è infatti recata al Palazzetto Masprone, a due passi dal Bentegodi, per prendere parte allo scambio di doni e auguri tra tutte le società professionistiche veronesi e il vescovo di Verona, Giuseppe Zenti. Presenti anche molte istituzioni cittadine, come il sindaco Federico Sboarina e l'assessore allo sport Filippo Rando, oltre al delegato provinciale del CONI Stefano Gnesato e al direttore ufficio sport e turismo della Curia di Verona Don Gabriele Vrech. Tutta la squadra, accompagnata dallo staff tecnico e dal direttore sportivo Tony D'Amico, è scesa in platea per la foto di rito, regalando una maglia personalizzata al Vescovo. Presenti anche le ragazze della prima squadra dell'Hellas Verona Women.

PESCHIERA: REPORT ALLENAMENTO
11/DICEMBRE/2018 - 17:30
Peschiera - Sono ripresi gli allenamenti dell'Hellas Verona, in vista della gara di campionato contro il Pescara. La squadra allenata da mister Fabio Grosso si è divisa in due gruppi: lavoro in palestra, lavoro atletico ed esercitazioni tecniche per chi è sceso in campo contro il Benevento; riscaldamento e partitella a tutto campo insieme alla Primavera per gli altri. Terapie per Mattia Zaccagni, in seguito ad un trauma distorsivo rimediato durante la gara contro il Benevento. Assente Samuel Di Carmine, alle prese con un lieve attacco influenzale.

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC] +   -   =
VITA DA EX: Rescissione alla VIRTUS per i due ex Primavera scaligeri ALBA e SPERI. Nuova avventura in Giappone per mister PECCHIA, allenerà l'AVISPA di Fukuoka nella Serie B giapponese (e sul web l'ironia gialloblù impazza).

SERIE B: GRASSADONIA sollevato dall'incarico a FOGGIA, al suo posto per il momento il tecnico della Primavera PAVONE.



Non si placa l’ironia gialloblù su Pecchia
By Redazione - 14 dicembre 2018

Non trova pace l’ironia gialloblù sul nuovo incarico dell’ex allenatore Fabio Pecchia.
Sul web un continuo susseguirsi di commenti con qualche “pezzo” veramente simpatico.
In questa immagine l’ormai (purtroppo) celebre “Siamo in crescita”.

Pecchia in Giappone? L’ironia gialloblù
By Redazione - 14 dicembre 2018

Dopo la notizia del nuovo ruolo di allenatore per Fabio Pecchia in Giappone alla guida dell’Avispa Fukuok , sui social è scoppiata l’ormai consueta ironia gialloblù.

Pecchia è il nuovo allenatore dell’Avispa Fukuoka
By Redazione - 14 dicembre 2018

Fabio Pecchia è ufficialmente diventato il nuovo allenatore dell’Avispa Fukuoka, club militante nella Meiji Yasuda J2 League, l’equivalente della nostra Serie B.

Queste le prime dichiarazioni dell’ex allenatore gialloblù: “Sono molto entusiasta di questa nuova sfida in Giappone. Dato che quest’anno la squadra nazionale giapponese ha raggiunto ottimi risultati nella Coppa del Mondo, il calcio giapponese è in pieno sviluppo. Ho esperienza come capo-allenatore e assistente allenatore in Spagna, Inghilterra e Italia. Vorrei ringraziare Avispa Fukuoka per avermi dato l’opportunità di migliorare me stesso come allenatore e come persona imparando la cultura giapponese”

FONTE: HellasNews.it


Comunicato Stampa
11-12-2018 | Area Comunicazione Foggia Calcio

Il Foggia Calcio comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra il tecnico Gianluca Grassadonia ed il suo staff. Al tecnico e ai suoi collaboratori un sentito ringraziamento per l’impegno profuso in questi mesi e l’augurio per il prosieguo della carriera. Si comunica, inoltre, che l'allenamento odierno verrà diretto dal tecnico della Primavera Gaetano Pavone.

Area Comunicazione Foggia Calcio

FONTE: FoggiaCalcio1920.it

0 commenti:

Posta un commento

Supporta il blog BONDOLA/=\SMARSA!

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


#AtalantaVerona Di Carmine

#AtalantaVerona highlights


Archivio