#CrotoneVerona in anteprima: Campo ostico lo Scida per i colori gialloblu, una solo successo nei 5 confronti (tutti in cadetteria) ma i tre punti regalati da TURATI nel 2006-07 rappresentarono purtroppo la classica vittoria di Pirro...

Pubblicato da andrea smarso venerdì 25 agosto 2017 09:00, vedi , , , , , , , , , , , | Nessun commento


#CrotoneVerona +   -   =

...Il bello è che, come spesso accade nel calcio, se una partita va male c'è subito l'occasione per rifarsi e la prossima sfida allo Scida, in questo senso, capita proprio a fagiolo contro una diretta concorrente alla salvezza assolutamente molto più alla portata del fantasmagorico NAPOLI, il brutto è che il ragionamento capovolto vale in egual misura anche per il CROTONE di NICOLA, partito male a San Siro col MILAN e voglioso di mettere subito le cose in chiaro soprattutto fra le mura amiche al cospetto di una neopromossa.
Partita molto interessante sulla carta, rovinata parzialmente dallo sfogo di PAZZINI dopo il gol-bandiera col NAPOLI: Probabilmente mister PECCHIA ha sbagliato ma, dal momento che oonori ed oneri delle decisioni tecnico-tattiche spettano a lui, il capitano del'HELLAS (a maggior ragione per il ruolo che interpreta nella squadra dentro e soprattutto fuori dal campo) dovrebbe rispettarle e farle rispettare ai compagni.
Ciò premesso, lo sfogo di Gianpaolo è umano... Chissà che un po' di quella sana rabbia, per essere stato escluso a priori dalla battaglia, condita magari ad una buona dose di rivalsa, non faccia decollare la sua prossima prestazione a casa degli Squali.


Precedenti
Tutti in cadetteria i 5 precedenti tra CROTONE e VERONA dato che le squadre s'incrociarono anche in C1/Lega Pro nei campionati dal 2007 al 2009 ma in gironi diversi.
Campo tradizionalmente ostico lo Scida per i colori scaligeri: L'unica vittoria rimane quella del 2006-07 nell'occasione in cui TURATI regalò 3 punti preziosissimi in casa dei diretti concorrenti alla squadra guidata dall'attuale cittì della nazionale azzurra Gianpiero VENTURA.
Al termine di quel campionato nessuna delle due compagini brindò comunque alla salvezza.
Per il resto 2 pareggi (per 2 a 2 nel 2004-05 dove CROTONE e VERONA giocarono ufficialmente la prima gara e per 3 a 3 nell'ultimo confronto in assoluto datato 30 Ottobre 2012) e 2 sconfitte nel (2 a 1 nel 2005-06 e 3 a 1 nel 2011-12)

Arbitro della gara sarà il signor Marco Guida della sezione AIA di Torre Annunziata.

30 Ottobre 2012: 3 a 3 allo Scida nell'ultimo confronto tra CROTONE e VERONA

QUI CROTONE
Out il difensore centrale Federico CECCHERINI espulso all'esordio in campionato a San Siro e TONEV ancora alle prese con un infortunio.

Convocati
Prima chiamata per il giovane classe '99 GIANNOTTI.

1 Cordaz, 3 Festa, 5 Stoian, 10 Barberis, 11 Kragl, 13 Izco, 14 Suljic, 15 Giannotti, 17 Budimir, 21 Cuomo, 28 Borello, 29 Trotta, 31 Sampirisi, 37 Faraoni, 38 Mandragora, 44 Cabrera, 78 Viscovo, 87 Martella, 89 Crociata, 93 Ajeti, 99 Simy

Probabile formazione
4-4-2 con Cordaz; Sampirisi-Ajeti-Cabrera-Martella; Izco-Mandragora-Barberis-Stoian; Trotta-Budimir.


QUI VERONA
In dubbio FERRARI che si è allenato a parte negli ultimi giorni.

Convocati
FERRARI c'è nonostante la tribolata settimana...

Portieri: 40. Coppola, 1. Nicolas, 17. Silvestri
Difensori: 26. Caceres, 12. Caracciolo, 97. Felicioli, 28. Ferrari, 75. Heurtaux, 69. Souprayen
Centrocampisti: 37. Bearzotti, 24. Bessa, 77. Buchel, 8. Fossati, 4. Laner, 2. Romulo, 27. Valoti, 20. Zaccagni, 5. Zuculini B.
Attaccanti: 10. Cerci, 93. Fares, 11. Pazzini, 98. Stefanec, 7. Verde

Probabile formazione
4-3-3 con Nicolas; Caceres, A. Ferrari, Heurtaux, Souprayen; Romulo, B. Zuculini, Bessa; Cerci, Pazzini, Verde


[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]

COMUNICATO UFFICIALE HELLAS VERONA +   -   =
L'Hellas Verona FC, in merito ad alcuni episodi accaduti in occasione della sfida con il Napoli, è rammaricata per aver visto ingiustamente lesa l'immagine di una intera Città, patrimonio culturale che accoglie milioni di turisti, e di una Società che da sempre lotta in favore di un tifo sano e del fair-play sportivo. Nel caso venissero reiterati tali comportamenti, dai quali ci dissociamo, sin dalla prossima partita a Crotone si rischiano provvedimenti ancor più drastici quali la chiusura di alcuni settori del 'Bentegodi', conseguenze che andrebbero non solo a danneggiare ulteriormente la Società bensì anche la squadra, che verrebbe privata di un elemento fondamentale come i propri tifosi. Pertanto il Club, nell'auspicarsi che i collaboratori preposti a vigilare sui campi e, conseguentemente, la Giustizia Sportiva adottino sempre equità di giudizio condannando altrettanto fermamente anche le gravi espressioni ingiuriose e diffamatorie udibili nei confronti della nostra città, della nostra tifoseria e dei nostri tesserati, invita i propri sostenitori a mantenere un comportamento volto al caloroso incitamento della nostra squadra, tifo che per caratteristiche ed attaccamento lo rende unico nel panorama calcistico.

Radiografia del Gol gialloblù 2017/2018
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
PAZZINI011
VERDE202
ZUCULINI B.101

DICONO +   -   =
Mister NICOLA tecnico del CROTONE «Verona? Mi aspetto una squadra che non è una neopromossa, per storia e potenzialità. Hanno fatto degli acquisti importanti, con esperienza, come Caceres, Cerci, Heurtaux. Pazzini non è un novello in A. E' una squadra che ha un preciso modo di stare in campo, che ha la possibilità di giocarsi i suoi obiettivi così come possiamo farlo noi. Non vi dico cose diverse come lo scorso anno. Non c'è una partita che ti fa raggiungere la salvezza, ogni partita contribuisce al totale. Non faccio voli pindarici: dalla società a me siamo consapevoli che solo attraverso un grandissimo lavoro, scoprendo le potenzialità nel tempo, si può arrivare all'obiettivo. Concorriamo con consapevolezza e voglia per arrivare alla salvezza. Ed è estremamente gratificante» TGGialloBlu.it

Mister PECCHIA nelle conferenza stampa prima di CROTONE-VERONA «Al di là del risultato, la partita con Napoli ci ha dato indicazioni importanti, ma col Crotone sarà una sfida diversa. Troveremo un ambiente particolare, simile ai campi che abbiamo affrontato lo scorso anno. Dobbiamo pensare sempre a proporre la nostra idea di calcio, davanti avremo una squadra che ha costruito la sua salvezza tra le mura amiche dello Scida. La partita d’esordio col Milan non deve ingannare, il Crotone è una realtà compatta tra squadra, Società e ambiente, conosco bene il loro allenatore, Nicola, che ha fatto grandi cose. Per vincere dovremo fare bene le due fasi, con consapevolezza e forza, aggiungendo sempre qualcosa in termini di energia. Stiamo costruendo la squadra e dobbiamo crescere sempre di più» HellasVerona.it

MANDRAGORA, centrocampista del CROTONE di scuola JUVE che il VERONA ha conteso a lungo ai calabresi «Sono contentissimo e' orgoglioso della chiamata in Nazionale. Ho gia' 10 presenze all'attivo con la maglia Azzurra collezionate prima dell'infortunio. Ora pero' la mia concentrazione e' rivolta solo al Verona e da domenica sera pensero' alla Nazionale. In Serie A sono tutte gare difficili e non esistono assolutamente partite facili, noi stiamo preparando al meglio la partita contro il Verona e siamo concentrati al massimo sul prossimo match, vogliamo subito voltare pagina» Sport.Repubblica.it

Il diesse FUSCO sul mercato «Siamo completi in due reparti su tre, davanti bisogna integrare con due o tre calciatori. Verde sta facendo bene, Fares è in crescita, Cerci è molto importante e Pazzini ha dimostrato di essere fondamentale, detto questo numericamente nel reparto offensivo siamo in pochi. Il mercato in corso di campionato può far cambiare da un momento all’altro le strategie, ma di questo siamo consapevoli e agiremo di conseguenza» HellasVerona.it

CORDAZ portiere del CROTONE «Ci sono state cose buone e cose meno buone contro il Milan, ma ormai è passato e ora tutte le nostre energie, fisiche e mentali, sono rivolte al Verona, il nostro prossimo avversario. Sulla carta è una diretta rivale ma sarà il campo poi a dire se sarà così o meno. Speriamo di ottenere i primi punti in campionato, sono fiducioso, stiamo preparando al meglio la gara. È importantissimo giocare in casa perché i nostri tifosi ci danno sempre una spinta in più e sarà così per tutta la stagione, dobbiamo cercare di ottenere il massimo» FCCrotone.it

Il diesse FUSCO sul mercato «Siamo completi in due reparti su tre, davanti bisogna integrare con due o tre calciatori. Verde sta facendo bene, Fares è in crescita, Cerci è molto importante e Pazzini ha dimostrato di essere fondamentale, detto questo numericamente nel reparto offensivo siamo in pochi. Il mercato in corso di campionato può far cambiare da un momento all’altro le strategie, ma di questo siamo consapevoli e agiremo di conseguenza» HellasVerona.it

Daniel BESSA felice per il prolungamento di contratto «Sono contentissimo, per questo traguardo devo ringraziare la società, il direttore e i compagni, sono felice di vedere che la società crede in me e che me lo abbia dimostrato con un contratto lungo. Il mio rinnovo non è mai stato in dubbio, la firma è stata una formalità, adesso non vedo l’ora di fare bene e continuare il mio percorso col Verona» HellasVerona.it

ROHDÉN centrocampista svedese del CROTONE «Sarà una partita importante contro il Verona. Sappiamo che sono saliti in Serie A quest’anno, sarà una gara difficile ma cercheremo di fare un buon risultato. I gialloblù ono appena saliti in serie A e sicuramente il loro obiettivo è quello di rimanere in questa categoria, sarà una gara tra noi, loro e certamente tante altre squadre ma se riusciamo a fare tre punti in questa partita sarebbe già un grande risultato a nostro favore. Contro il Verona lo scorso anno è stata la mia prima partita in serie A, in Italia, ed è un bel ricordo. Mi ricordo il mio debutto, ma abbiamo perso e siamo stati eliminati dalla coppa Italia. Comunque alla fine mi porta buone sensazioni perchè è stato il mio esordio con la casacca del Crotone...» FCCrotone.it

Gianfranco ZIGONI al 'Corriere di Verona' difende le scelte del mister e condanna PAZZINI «Pecchia prende le decisioni, questo è il suo ruolo, quello dell’allenatore. Possono essere giuste o sbagliate, ma le responsabilità competono a lui. Ovvio che abbia fatto discutere la scelta di non impiegare un leader come Pazzini dall’inizio, tanto più perché il Verona non ha schierato un centravanti per rimpiazzarlo, ma ha adattato in attacco Bessa. Pazzini è un ragazzo perbene, su questo non nutro il minimo dubbio. È il capitano, nonché un giocatore d’esperienza. Sa bene come funzionano certe cose e non dovrebbe cadere nella trappola del nervosismo. Non penso che Pecchia gli abbia detto da un istante all’altro che se ne sarebbe andato in panchina. E di certo l’intento dell’allenatore era dare una quadratura differente al Verona, che sfidava una corazzata come il Napoli. Mica l’ha fatto per far perdere l’Hellas, eh! Pazzini ha reagito male e non doveva. L’errore è suo, non di Pecchia» Hellas1903.it

NicolaBudimirPecchia

ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =
DOPO IL VAR ALTRA MODIFICA AL REGOLAMENTO per avere due tempi effettivi da 30 minuti almeno. Basta con le sceneggiate per perdere tempo e le lunghe camminate da un alto alla'altro del campo per perdere qualche prezioso secondo in più durante le sostituzioni...

RINNOVO BIENNALE PER IL CONTRATTO DI FARES che era in scadenza a Giugno 2019, ora Momo è legato all'HELLAS fino a Giugno 2021...

NAZIONALI GIALLOBLÙ FELICIOLI e VERDE convocati nell'UNDER 21 azzurra per le gare contro SPAGNA e SLOVENIA. Due gare da titolare per Darrell AGBUGUI contro SCOZIA e TURCHIA, chiamata nella LETTONIA UNDER 19 per l'ultimo arrivato in primavera SAVELJEVS... Marcel BÜCHEL convocato nel LIECHTENSTEIN per le partite di qualificazione ai mondiali di Russia 2018 contro ALBANIA e SPAGNA

IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =
VITA DA EX: Manca solo l'ufficialità per Samuele LONGO al TENERIFE in Spagna. MARRONE al BARI, la JUVE pagherà parte dell'ingaggio... FODERARO alla CITTANOVESE in Serie D, crebbe nel vivaio gialloblù per andarsene definitivamente nel 2007 (totale di 10 presenze in B con l'HELLAS). BARI: Per la porta ecco Alessandro BERARDI (fece da secondo a RAFAEL nell'annata 2012-13). Ufficiale Juan Manuel ITURBE al XOLO di Tijuana


RASSEGNA STAMPA +   -   =
Casa Verona: Pazzini titolare, in dubbio A. Ferrari
Sembra rientrato il caso Pazzini dopo l’esclusione contro il Napoli. Dubbio in difesa per Pecchia, viste le condizioni non perfette di A. Ferrari.

di Francesco Spadano, @francespadano 24/08/2017, 22:45

Paolo Bona / Shutterstock.com

La stagione dell’Hellas Verona ha avuto inizio con la brutta sconfitta interna contro il Napoli. Il Verona è sembrato troppo timido di fronte alla squadra di Sarri e la scelta di Pecchia di lasciare fuori Pazzini dall’undici titolare ha creato molte polemiche. Il modulo più accorto, con Bessa riferimento offensivo, non ha convinto e per la trasferta di Benevento ci saranno novità rispetto all’esordio stagionale di sabato scorso.
VERONA: REPORT INFORTUNATI E SQUALIFICATI
– CHERUBIN: in recupero dall’intervento allo scafoide destro. Rientro previsto dopo la sosta.
– BIANCHETTI: rimozione di un ematoma sottodurale del midollo sacrale. Prima della 7a giornata impossibile rivederlo.

– F. ZUCULINI: in recupero dalla rottura del legamento crociato del ginocchio destro.

– BROSCO: in recupero dalla rottura del legamento crociato anteriore e del menisco mediale del ginocchio destro.

– A. FERRARI: lavoro differenziato, in dubbio per la prossima giornata.

Squalificati: nessuno.

VERONA: REPORT FORMAZIONE E BALLOTTAGGI
Il modulo con il quale Fabio Pecchia affronterà la trasferta di Benevento sarà un 4-3-3 con Nicolas confermato in porta. In difesa ci sarà la coppia centrale formata da Herteaux e Caceres, sull’out di destra da verificare le condizioni di Ferrari (se non recupera spazio a Romulo), mentre sulla sinistra ci sarà Souprayen. In mediana oltre a Romulo (Zuculini titolare in caso A. Ferrari non recuperasse), probabile conferma per Buchel con Bessa che torna nel suo ruolo naturale. Pochi dubbi in avanti, con Pazzini che dovrebbe riprendersi il posto da titolare, a guidare il reparto, supportato da Verde (convocato in Under 21) e Cerci.

Probabile formazione Hellas Verona (4-3-3): Nicolas; Ferrari A., Caceres, Heurtaux, Sopurayen; Romulo, Buchel, Bessa; Verde, Pazzini, Cerci.
Francesco Spadano

FONTE: FantaMagazine.com


ULTIM’ORA
CROTONE, 20:32
CALCIO, CROTONE; MANDRAGORA: VOLTARE SUBITO PAGINA
"Sono contentissimo e' orgoglioso della chiamata in Nazionale. Ho gia' 10 presenze all'attivo con la maglia Azzurra collezionate prima dell'infortunio. Ora pero' la mia concentrazione e' rivolta solo al Verona e da domenica sera pensero' alla Nazionale". Cosi' Rolando Mandragora, su Fctv, la Tv ufficiale del Crotone, parla dell'impegno degli squali, domenica prossima allo Scida contro il Verona. Mondiali Under 20 e Primavera a parte, Rolando non giocava una partita intera in gara ufficiale da circa un anno e mezzo a causa dell'infortunio subito col Pescara ad Aprile del 2016: "Il campo mi mancava tanto, e' stata davvero una grande emozione ritornare a giocare per 90 minuti interi". Contro il Verona si gioca di nuovo allo Scida, e questa volta gli squali vogliono ottenere il massimo risultato, contro una diretta concorrente: "In Serie A sono tutte gare difficili e non esistono assolutamente partite facili, noi stiamo preparando al meglio la partita contro il Verona e siamo concentrati al massimo sul prossimo match, vogliamo subito voltare pagina".

FONTE: Sport.Repubblica.it


SERIE A
CROTONE-VERONA: PROBABILI FORMAZIONI, ORARIO E DOVE VEDERLA IN TV E STREAMING
Seconda gara casalinga per il Crotone (decisione maturata per consentire al Cagliari di ultimare i lavori di costruzione del nuovo stadio, giocando ancora in trasferta), primo viaggio per il Verona. Con una missione comune: togliere quello 0 dalla classifica derivante dai ko della prima giornata.

DOVE E QUANDO
Il match si giocherà domenica 27 agosto allo Scida di Crotone. Calcio d'inizio alle ore 20.45, in contemporanea con altre 5 partite della seconda giornata.

DOVE VEDERLA IN TV E STREAMING
Crotone-Verona sarà visibile unicamente su Sky, più precisamente sul canale Sky Calcio 5. Niente trasmissione, invece, per Premium.

PROBABILI FORMAZIONI
La novità più importante è il rientro dal 1' di Giampaolo Pazzini, clamorosamente in panchina contro il Napoli: l'ex rossonero andrà al centro dell'attacco veronese, supportato da Cerci e Verde. Bessa tornerà dunque a centrocampo. Confermato Caceres in difesa.
In casa Crotone, Nicola deve rimpiazzare lo squalificato Ceccherini: pronto juno tra Ajeti e Dussenne, con l'ex granata favorito. In avanti la coppia Budimir-Trotta.
CROTONE (4-4-2): Cordaz; Faraoni, Ajeti, Cabrera, Martella; Rohden, Mandragora, Barberis, Stoian; Trotta, Budimir
VERONA (4-3-3): Nicolas; Caceres, A. Ferrari, Heurtaux, Souprayen; Romulo, Buchel, Bessa; Cerci, Pazzini, Verde

FONTE: Goal.com


Crotone-Hellas Verona: precedenti, statistiche e curiosità
Di Lorenzo David Salvadori -25 agosto 2017

Paolo Bona / Shutterstock.com

Una sconfitta a testa, contro avversari nettamente più forti: è ora che Crotone e Verona devono racimolare punti, farlo sarebbe importantissimo per entrambe.

I PRECEDENTI – Sono 11 i precedenti fra le due squadre, l’ultimo risale appena all’anno scorso: il terzo turno di Coppa Italia permise infatti ai gialloblù di buttare fuori i calabresi per 2-1, grazie ai gol di Fossati e Franco Zuculini. Gli altri sono meno recenti, riferiti a soprattutto ai trascorsi in B delle due squadre. Del 2013 il meraviglioso 3-3 allo Scida: avanti un ubriacante Martinho per il Verona, poi agganciato dal rigore rossoblù di Gabionetta; nuovo vantaggio veneto di Cocco, su invenzione di Hallfreðsson, e nuovo pareggio, questa volta di Pettinari; Juanito sigla l’entusiasmante terzo vantaggio, ma passano appena due minuti dal definitivo pareggio di Maiello e dal triplice fischio di fine gara.

LE STATISTICHE – Il racconto di come andò l’ultima volta in Calabria fra Crotone e Verona vuole essere solo un esempio di quanto possano rivelarsi spettacolari gare come queste. Nelle 11 volte che le due compagini si sono affrontate sui due rispettivi campi, solo in 3 occasioni si è verificato quello che nel gergo del betting viene chiamato NoGoal. Un dato interessante. Sarà la sesta volta che i gialloblù scenderanno allo Scida rossoblù, dove sono riusciti a vincere una sola volta, nel 2007. Per il resto sono 2 vittorie dei padroni di casa e 2 pareggi.

Ci affidiamo a quelle 8 volte su 11 per il nostro consiglio settimanale. Crotone-Hellas Verona sembra una sfida salvezza già solo alla seconda giornata, e noi la carichiamo con un Goal.

FONTE: MondoSportivo.it


FOCUS
TMW: "Hellas, tra Cassano e Pazzini spunta la luce Verde"

23.08.2017 10:00 di Giorgia Segala
Fonte: tuttomercatoweb.com
Dopo un’estate particolarmente travagliata, e con l’indispensabile ausilio del campo, anche in casa Hellas Verona inizia a fare capolino il sole. E’ evidente che gli strascichi del caso Cassano siano stati complicati da smaltire, ma ad ogni modo l’esordio nel campionato, nonostante la sconfitta contro il Napoli, ha messo in luce la buona predisposizione offensiva di una squadra particolarmente ricca di interpreti di livello in quella zona del campo.

Daniel Bessa si è manifestato lo scorso anno alla stregua di uno dei giocatori più talentuosi del panorama italiano e sembra pronto a compiere il grande salto anche nella massima categoria, così come l’investimento estivo su Daniele Verde potrebbe presto generare i suoi frutti.

Il talento scuola Roma si è messo in luce nella prima giornata come la nota più lieta della squadra di Pecchia, meritandosi i galloni di migliore in campo nelle pagelle del giorno dopo: un aspetto che testimonia l’impatto delle sue qualità anche nella massima serie dopo la grande stagione disputata ad Avellino lo scorso campionato.

Il tridente con Cerci e (presumibilmente) Pazzini sembra ben assortito per qualità tecniche, esperienza ed affidabilità e potrebbe riservare ottime sorprese per la stagione degli scaligeri una volta che Pecchia sarà stato in grado di mettere a tacere le polemiche e garantire equilibrio ad una squadra che nel suo habitat promette di stupire in positivo.

FOCUS
GdS - Contro il Crotone si punta su Verde
22.08.2017 12:00 di Stefano Bentivogli Twitter: @sbentivogli10
Molte scelte restano obbligate. Il Verona attende che Cerci migliori sul piano della condizione atletica: c’è da scontare un anno d’inattività e lo staff dell’Hellas lavora per avere l’ala a pieno servizio entro poche settimane. A Crotone sarà un Verona a trazione anteriore che punterà su Daniele Verde, che è stato il più brillante sabato. Grande corsa e un cambio di passo che ha creato delle difficoltà a Hysaj, costretto spesso a indietreggiare per stopparlo. C’è voluta una parata decisiva di Reina per togliere a Verde un gol che, ancora sul 2­0 per il Napoli, a inizio secondo tempo, avrebbe rimesso in dubbio la partita.

FONTE: TuttoHellasVerona.it


Probabili Formazioni 2° Giornata Serie A 2017/2018: tornano Chiesa e Fazio, out Hysaj e Felipe Anderson
Pubblicato Da: Benito Letizia- Il: 24-08-2017 11:00 Aggiornato Il: 22-08-2017 19:20

[...]

Probabili formazioni CROTONE-HELLAS VERONA ore 20:45

Primo scontro diretto per la salvezza tra Crotone e Hellas Verona. Non ci saranno Ceccherini e Tonev per Davide Nicola, che schiererà Ajeti in difesa. Solite assenze quelle di Brosco, Zuculini e Bianchetti per Fabio Pecchia, che confermerà la squadra dell'ultimo turno.

Crotone (4-4-2): Cordaz; Faraoni, Ajeti, Cabrera, Martella; Rohden, Izco, Barberis, Stoian; Trotta, Budimir.

Hellas Verona (4-3-3): Nicolas; Caceres, Ferrari, Heurtaux, Souprayen; Romulo, Buchel, Bessa; Cerci, Pazzini, Verde.

[...]

FONTE: StadioSport.it


Pronostico Crotone-Hellas Verona 27 Agosto: 2ª Giornata di Serie A
Dario Marchetti
Il Crotone visto domenica contro il Milan è praticamente ingiudicabile. L’immediata espulsione di Ceccherini e il rigore che ha sancito lo svantaggio dopo appena cinque minuti, hanno in pratica inabissato le poche speranze iniziali dei calabresi, costretti a giocare in dieci tutta la gara. Considerato il dislivello tecnico esistente in partenza, il 3-0 finale sembra essere la normale conseguenza della condotta sconsiderata di Cordaz e compagni. Ora il Crotone è chiamato all’immediata riscossa, considerato che il Verona, almeno nelle previsioni di partenza dovrebbe essere una delle dirette concorrenti nella lotta tesa ad evitare la cadetteria. Occorre però maggiore concentrazione e limitare al minimo gli errori.

Il Verona si presenterà allo Scida dopo la prevedibile sconfitta con il Napoli al Bentegodi, in una gara che del resto si sapeva essere proibitiva in partenza. Gli scaligeri hanno cercato di frenare i partenopei in avvio, asserragliandosi nella propria metà campo e confidando sulle difficoltà di palleggio provocate da un terreno disastroso. Il piano di Pecchia è però saltato a metà del primo tempo, quando Souprayen ha infilato involontariamente la sua porta su un corner. Da quel momento per il Napoli la gara si è messa in discesa e soltanto nel finale Pazzini, appena entrato, ha segnato la rete della bandiera. Proprio la scomposta esultanza dell’attaccante ha contribuito a rendere ancora peggiore la serata del tecnico veneto.

Pronostico Crotone-Hellas Verona
La partita che andrà in onda allo Scida può essere considerata alla stregua di una prima sfida salvezza, nonostante si tratti soltanto della seconda giornata. Le due squadre dovranno perciò fare molta attenzione per non prestare il fianco a polemiche anticipate. Le quote di Goldbet sembrano prefigurare una gara equilibrata, dando il Crotone a 2,40, il pareggio a 3,15 e la vittoria degli scaligeri a 3,14. Da parte nostra consigliamo di puntare su un 1 + Under 2,5 che potrebbe scaturire al termine di una gara molto combattuta. Se volete scegliere una soluzione più semplice, c’è l’Under 3,5 a quota 1,25 su GoldBet.

Il miglior bonus del momento (SENZA RIGIOCO!)
Se vuoi scommettere sul miglior bookmaker in assoluto, abbiamo la soluzione che fa per te. È GoldBet, che garantisce un palinsesto senza eguali, le quote più alte e in più un bonus SENZA RIGIOCO del 100% della prima scommessa fino a 50€. In più per chi scommette tramite l’App, c’è un ulteriore bonus di 5€.

[...]

FONTE: BottaDiCulo.it


26 AGOSTO 2017
#CROTONEVERONA, I CONVOCATI ROSSOBLÙ

Scritto da Ufficio Stampa
Mister Nicola, al termine della rifinitura svolta nel tardo pomeriggio, ha convocato 21 squali per la gara di campionato contro l’Hellas Verona, in programma domani all’Ezio Scida alle ore 20:45 e valevole per la 2ª giornata della Serie A Tim.
Prima convocazione per un altro interessante prodotto del settore giovanile rossoblù: si tratta di Pasquale Giannotti, classe 1999, che avrà la maglia numero 15.

Ecco l’elenco:
1 Cordaz

3 Festa

5 Stoian

10 Barberis

11 Kragl

13 Izco

14 Suljic

15 Giannotti

17 Budimir

21 Cuomo

28 Borello

29 Trotta

31 Sampirisi

37 Faraoni

38 Mandragora

44 Cabrera

78 Viscovo

87 Martella

89 Crociata

93 Ajeti

99 Simy

Squalificato: Ceccherini

26/08/2017
La vigilia di #CrotoneVerona

26/08/2017
Meno uno a #CrotoneVerona, Ante Budimir in conferenza

25/08/2017
Mister Nicola presenta #CrotoneVerona

24/08/2017
Meno tre al #Verona, lavoro tattico e l’intervista a Mandragora


Si avvicina sempre di più la gara contro l’Hellas Verona, in programma domenica allo Scida alle ore 20:45. Gli squali, a tre giorni dalla gara, hanno sostenuto dopo il riscaldamento un lavoro tattico seguito da una sgambata a tutto campo della durata complessiva di 30 minuti. A parte hanno lavorato Nalini e Tonev.

Il match contro i gialloblù dunque si avvicina, e su Fctv, la Tv ufficiale del Crotone, abbiamo raccolto le dichiarazioni di Rolando Mandragora, fresco di convocazione con l’Under 21: “Sono contentissimo è orgoglioso della chiamata in Nazionale. Ho già 10 presenze all’attivo con la maglia Azzurra collezionate prima dell’infortunio. Ora però la mia concentrazione è rivolta solo al Verona e da domenica sera penserò alla Nazionale”.

Mondiali Under 20 e Primavera a parte, Rolando non giocava una partita intera in gara ufficiale da circa un anno e mezzo a causa dell’infortunio subito col Pescara ad Aprile del 2016: “Il campo mi mancava tanto, è stata davvero una grande emozione ritornare a giocare per 90 minuti interi”.

Dinamico, ottimo sinistro, grande forza fisica e personalità che tradisce l’età anagrafica, Mandragora è uno dei migliori giovani italiani, ma sa bene che la strada è ancora lunga e pensa già da veterano mettendo al primo posto la squadra:

Contro il Verona si gioca di nuovo allo Scida, e questa volta gli squali vogliono ottenere il massimo risultato, contro una diretta concorrente: ” In Serie A sono tutte gare difficili e non esistono assolutamente partite facili, noi stiamo preparando al meglio la partita contro il Verona e siamo concentrati al massimo sul prossimo match, vogliamo subito voltare pagina”.

23/08/2017
Cordaz?: “Ripartire dal match contro il Verona”

Il Crotone arriva dalla sconfitta contro il Milan, anche se ha giocato quasi tutta la gara in 10, ma Alex Cordaz non è tipo da guardarsi indietro: “Ci sono state cose buone e cose meno buone contro il Milan, ma ormai è passato e ora tutte le nostre energie, fisiche e mentali, sono rivolte al Verona, il nostro prossimo avversario”, dice il numero 1 rossoblù ai microfoni di Fctv.
Proiettandoci dunque verso la gara contro l’Hellas, ecco il pensiero di Cordaz: “Sulla carta è una diretta rivale ma sarà il campo poi a dire se sarà così o meno. Speriamo di ottenere i primi punti in campionato, sono fiducioso, stiamo preparando al meglio la gara”.
L’APPORT, Associazione sportiva italiana preparatori dei portieri di calcio, dopo le votazioni ha stilato la classifica dei migliori portieri della scorsa stagione e il nostro portierone è arrivato al 4° posto alle spalle, in ordine di piazzamento, di Szczesny, Donnarumma e Buffon, un grande orgoglio per Alex perché il riconoscimento arriva proprio dai preparatori: “Fa enormemente piacere, sono cose che magari qualche anno fa non mi sarei mai aspettato, gratifica molto”.
Si gioca di nuovo in casa, per la seconda volta consecutiva: “È importantissimo giocare in casa perché i nostri tifosi ci danno sempre una spinta in più e sarà così per tutta la stagione, dobbiamo cercare di ottenere il massimo”.
Clicca sul video per l’intervista a Cordaz

22 AGOSTO 2017
TESTA AL VERONA, IL PRIMO ALLENAMENTO SETTIMANALE DEGLI SQUALI

Inizia sul campo la settimana che porterà il Crotone a sfidare l’Hellas Verona, gara valevole per la 2ª giornata della Serie A Tim in programma domenica sera allo Scida alle 20:45.
La squadra si è ritrovata nel tardo pomeriggio di oggi sul campo di Margherita per sostenere la prima seduta in vista dell’impegno contro gli scaligeri. Terapie per Tonev.
La testa dei rossoblù è rivolta solo al Verona e prima dell’inizio dei lavori abbiamo raccolto le dichiarazioni di Rohden: “Sarà una partita importante contro il Verona. Sappiamo che sono saliti in Serie A quest’anno, sarà una gara difficile ma cercheremo di fare un buon risultato”. I gialloblù, anche se siamo solo all’inizio del campionato, sono diretti avversari per la salvezza: “Certamente sono appena saliti in serie A e sicuramente il loro obiettivo è quello di rimanere in questa categoria, sarà una gara tra noi, loro e certamente tante altre squadre ma se riusciamo a fare tre punti in questa partita sarebbe già un grande risultato a nostro favore”. Contro il Verona lo scorso anno Marcus esordì in Italia: “L’anno scorso è stata la mia prima partita in serie A, in Italia, ed è un bel ricordo. Mi ricordo il mio debutto, ma abbiamo perso e siamo stati eliminati dalla coppa Italia. Comunque alla fine mi porta buone sensazioni perchè è stato il mio esordio con la casacca del Crotone”. Anche contro il Milan, Rohden ha messo in campo tanta corsa e sacrificio, le sue migliori caratteristiche: “Una delle mie caratteristiche in campo è che corro molto, sono un lottatore, mi piace recuperare molti palloni a centrocampo e giocare palla sui compagni. Corro molto ed è una delle cose che mi vengono meglio, corro anche dietro i difensori della squadra avversaria e spero di segnare anche qualche gol quest’anno”.

FONTE: FCCrotone.it


PROFESSIONISTI
SERIE A PREVIEW - Crotone-Hellas Verona: le probabili formazioni
27.08.2017 12:48 di Danilo Bencar
Entrambi le squadre vogliono la prima vittoria stagionale. Dopo aver concluso una prima giornata male, Pecchia torna a dar fiducia a Pazzini, Nicola con Trotta-Budimir.

QUI CROTONE - In casa Crotone, Nicola deve rimpiazzare lo squalificato Ceccherini: è duello tra Sampirisi e Faraoni. A centrocampo possibile chance per Izco, in avanti la coppia Trotta-Budimir.

QUI HELLAS VERONA - La novità più importante è il rientro dal 1' di Pazzini, clamorosamente in panchina contro il Napoli: l'ex rossonero andrà al centro dell'attacco veronese, supportato da Cerci e Verde. Bessa tornerà dunque a centrocampo, in difesa opzione Romulo a destra.

LE PROBABILI FORMAZIONI:
CROTONE (4-4-2): Cordaz; Sampirisi, Ajeti, Cabrera, Martella; Izco, Mandragora, Barberis, Stoian; Trotta, Budimir.

VERONA (4-3-3): Nicolas; Romulo, Caceres, Heurtaux, Souprayen; Buchel, B. Zuculini, Bessa; Cerci, Pazzini, Verde.

PARLA BUDIMIR - Le dichiarazioni di Ante Budimir alla vigilia della sfida contro l'Hellas Verona duranta la conferenza stampa: "Sarà una gara molto difficile contro l'Hellas Verona. Sappiamo benissimo quello che dobbiamo fare in campo. La sfida con il Milan, nonostante il risultato, è stata molto importante: non avevo mai visto lo stadio così pieno. La gara con l'Hellas sarà complicata, è un club storico che lo scorso anno ha fatto benissimo in serie B. I ritmi in serie A sono diversi, le squadre sono più preparate ed hanno giocatori di alto livello. Per noi tutte le gare saranno uguali, ogni gara vale tre punti. Dobbiamo dare il massimo per fare risultato contro il Verona. Sarebbe bello festeggiare tre punti domenica. Sulla carta è una sfida alla nostra portata, ma non dobbiamo sbagliere niente. Non è importante se si tratta di Milan o Hellas, noi dobbiamo fare sempre un metro in più rispetto ai nostri avversari".

PROFESSIONISTI
SERIE A - Verso Crotone-Hellas Verona, secondo allenamento per gli squali
23.08.2017 23:18 di Danilo Bencar


Martedì di lavoro per i ragazzi di mister Nicola che nel pomeriggio, dopo l’analisi video, hanno sostenuto un allenamento sul campo di località Margherita in vista della sfida contro il Verona, in programma domenica allo Scida alle ore 20:45.
La seduta odierna ha visto gli squali impegnati nel riscaldamento per reparti, forza e partite a pressione. Tonev ha proseguito con le terapie.
Per domani è in programma un’altra sessione di lavoro pomeridiana.

FONTE: CalabriaGol.it


21 AGO 2017
PAZZINI ANDREBBE MESSO IN CASTIGO, COME I BAMBINI
Pazzini andava preso a sculacciate, metaforicamente parlando. O messo in castigo, dietro la lavagna. O in ginocchio sui ceci, come si usava fare una volta coi bambini disobbedienti. Altro che critiche all’allenatore. Troppo facile da fuori sparare sul pianista. O sulla croce rossa. Gli allenatori possono preparare partite, non fare miracoli. E il Verona era stato più che dignitoso fino al gol preso per limiti individuali e casualitá. E subito dopo per follia di un suo singolo (Romulo). Chiunque stava pensando “eppure teniamo”! E nessuno in quel momento pensava a Pazzini. La partita era stata preparata bene e la squadra si stava applicando. La realtá è che il Napoli era di un altro pianeta. Fine dei discorsi. Invece di chiedersi se Pecchia è impazzito bisognerebbe arrivare a capire come abbia lavorato Pazzini nell’ultimo periodo. Si pensa davvero che un aziendalista come il mister non si sia confrontato con la societá prima di fare la scelta? Ma per favore…

Pazzini è entrato in un momento in cui il Verona ha avuto un sussulto (ma la squadra non ha mai mollato sul piano atletico). E tale sussulto non è certo dipeso da lui. Ha tirato un rigore procurato da altri. Lo ha tirato pure male e… cosa ha fatto? Si è permesso di fare polemica con l’allenatore. Almeno a Novara aveva avuto la decenza di farlo dopo aver determinato qualcosa (gol del 2 a 2). Ma col Napoli??? Legittimato da cosa ti permetti un simile atteggiamento? (Strano non abbia smentito anche stavolta che fosse indirizzato a Pecchia).

Nessuno è masochista. Fidatevi. E per arrivare a lasciar fuori Pazzini bisogna che il suddetto “bambino” ci abbia messo del suo… Velocitá davanti? Forse semplicemente serviva uno che corresse e fosse disposto al sacrificio come la partita richiedeva.

Non voglio nemmeno pensare che ci sia un seppur minimo nesso tra l’addio di Toni e la vicenda. Tra l’amicizia tra il Pazzo e l’ex “consigliere” e la crescente ostilitá verso la guida tecnica. Tra attriti di scuderia (vecchie e nuove) e la guerra sotterranea al duo Fusco-Pecchia. Non lo penso. Assolutamente.

Cominciamo a chiarire che l’allenatore va rispettato. Specie quello che ti ha appena condotto in A. Che alla prima giornata col Napoli ci sta di perdere. Che probabilmente quasi tutte le squadre partecipanti a questo campionato ci avrebbero lasciato le penne. Che la squadra è incompleta e va terminata sul mercato e che se non passa l’idea che la parte sportiva è forte e legittimata dalla proprietá ci si castra da soli e si fa la fine del Pescara dell’anno scorso.

Altro che Pazzini.
Marco Gaburro

20 AGO 2017
SURVIVAL
Siamo piccoli. Fusco lo aveva anticipato in tempi non sospetti, a maggio, con il Verona fresco di promozione. “In A il nostro modello sarà il Crotone di quest’anno”. Dunque una salvezza, se è il caso, da raggiungere all’ultima giornata e, perché no?, all’ultimo minuto.

Una dichiarazione che per molti sfiorò il grottesco, se non il ridicolo, eppure rivelatrice: il Verona – pur avendo una storia calcistica differente dal club calabrese, autore l’anno scorso di una mirabile impresa – nel quadro attuale è per mezzi economici una società dell’ultimissima fascia in serie A. Una fascia non media (come nel biennio 2013-15) e neppure medio-bassa, ma bassa.

E sulla falsariga delle dichiarazioni del suo direttore sportivo il Verona si è mosso: un mercato minimalista, povero, a costo quasi a zero (anche se i contratti di Romulo e Pazzini pesano sulle casse del club), da completarsi con le offerte last minute e alimentato da una mediocre speranza: trovare tre squadre più scarse da mettersi alle spalle. Sopravvivere, questa è la parola d’ordine.

C’è, dunque, una malinconica coerenza in tutto questo. Una malinconica coerenza che parte da Maurizio Setti (domanda che pongo da anni in beata solitudine: il Verona in questo calcio business dai grandi introiti non meriterebbe una società economicamente più strutturata? Senza pensare ai mecenati, agli arabi o ai cinesi, guardiamo agli altri club medio-piccoli). Una malinconica coerenza che ci conduce alla squadra e al suo allenatore, arrivato in serie A dopo un solo anno di B tra alti e bassi, un anno in cui è sembrato involversi più che evolversi, e una promozione acciuffata per i capelli. Un Pecchia “sfanculato” in diretta tv dal suo capitano e contento (“La reazione di Pazzini? Mi fa piacere”). Un Pecchia che, in questo rabberciato Verona, ieri sera è riuscito in un sol colpo a rinunciare non solo al centravanti simbolo della promozione, ma anche al suo miglior mediano (Zuculini) e al suo giocatore più forte (Bessa, fuori ruolo).

Una malinconica coerenza che passa per il mercato. Una sola vera intuizione (Verde), due arrivi di rilievo (Caceres ed Heurtaux), tre ottime conferme (Ferrari, Bruno Zuculini e Bessa) e una scommessa accattivante (Cerci). Non male, ma troppo poco per una neopromossa non futuribile, cioè costruita un anno fa solo per l’immediato, la promozione. Il resto (dunque il molto) è un grande e grosso punto di domanda. Leggo che arriveranno un esterno d’attacco e un vice Pazzini. Ma a parte che di esterni ne occorrono due (Fares lo aspettiamo in eterno?), il nuovo centravanti sarà davvero un vice Pazzini, o sarà Pazzini a diventare il vice del “vice Pazzini”? Domanda lecita dopo la “scelta tecnica” di ieri. E ancora: abbiamo un portiere all’altezza? Il Nicolas di ieri è il Nicolas di sempre, ottime parate e sbandate clamorose. Malinconicamente coerente anche lui. Il rapporto qualità/prezzo (leggi ingaggio) di Romulo, pure lui il solito Romulo, è sostenibile? Infine, in difesa, passi per il grintoso Caracciolo, è lecito pensare che Cherubin, Brosco e l’ahimè incompiuto Bianchetti non siano neanche lontanamente all’altezza dei titolari?

Siamo poveri, ci hanno detto. Aspettiamoci dunque saldi al mercato e sofferenza in campionato. E poi, chissà, forse alla fine è davvero tutto relativo, vedi mai che tre più scarse dietro le mettiamo. Ma è fare calcio questo? E’ giusto ridursi in partenza a giocare a un mortificante ciapa no? Siamo questi e va accettato, o il Verona meriterebbe anche solo un gradino in più? E’ il momentaneo dazio che ‘Setti II’ paga a ‘Setti I’ (quello dei primi tre anni) e resistendo il futuro sarà più radioso, o tireremo a campare in eterno? Ecco, è una questione di prospettiva: esiste un vero progetto di consolidamento? Deve essere Setti, e non Fusco, nella tradizionale conferenza stampa post-mercato a rispondere a queste domande.
Francesco Barana

20 AGO 2017
BOMBA PAZZINI
Tutti abbiamo pensato a un infortunio dell’ultimo minuto, magari durante il riscaldamento o qualche ora prima durante l’ultima rifinitura. Invece abbiamo saputo che Pazzini è finito in panchina per scelta tecnica. Pecchia ha spiegato l’esclusione con teorie che personalmente mi hanno convinto poco, ma che possono anche avere un senso.

Il problema è un altro. Lasciare fuori alla prima di campionato il tuo capitano, il capocannoniere della B che ti ha permesso di acciuffare la promozione, il trascinatore e guida dello spogliatoio, significa minare l’unità del gruppo e creare inutili malumori, soprattutto se le cose (com’era prevedibile) non vanno per il verso giusto. E contro questo Napoli tutti sapevano che sarebbe andata così.Un’esclusione del genere poteva essere digerita solo in caso di vittoria gialloblù.

Quando prendi decisioni forti, accetti il rischio. Se ti va a male, devi essere pronto a parare critiche e polemiche. Con Pazzini in campo dall’inizio sarebbe cambiato qualcosa? No. Proprio per questo tenerlo fuori ha provocato nuovi e pericolosi problemi per una squadra che deve affrontare già tante difficoltà per centrare l’obiettivo salvezza.

La reazione del Pazzo dopo il gol ci ha detto tantissimo dell’assurda situazione creata dall’allenatore, che avrebbe potuto limitare i danni facendo entrare il Capitano all’inizio del secondo tempo, quando l’Hellas era sotto 2-0. Invece Giampaolo è rimasto a guardare anche nel secondo tempo, fino al terzo gol partenopeo. Solo a partita chiusissima Pecchia lo ha fatto entrare. Altra assurdità.

Iniziare il campionato con una sconfitta contro il Napoli ci sta. Farsi scoppiare addosso una bomba del genere, significa complicarsi la vita. E’ autolesionismo.
Luca Fioravanti

FONTE: Blog.Telenuovo.it


Cerci, il possibile jolly spacca-partita
By Federico Messini - 27 agosto 2017

Panchina cortissima. Pazzini che per forza di cose deve partire titolare. Verde in un ottimo periodo di forma.

Viste le premesse, c’è la possibilità che e Alessio Cerci a Crotone possa partire dalla panchina.

D’altronde giocare dall’inizio con gli unici tre attaccanti disponibili significa che nel secondo tempo, quando il fiato verrà a mancare e la scarsa condizione atletica, soprattutto dell’ex Atletico Madrid, si farà sentire, Pecchia non avrà grandi cambi a disposizione, anche perché Fares e Bearzotti al momento non offrono garanzie.

Senza contare la malaugurata ipotesi di un Verona costretto a rincorrere all’intervallo: nel secondo tempo Pecchia potrebbe ritrovarsi con un attacco stanco e spuntato.

Ecco che allora si fa largo l’ipotesi di un Cerci che partirà dalla panchina, pronto a subentrare, stavolta senza polemiche, nella ripresa.
D. Conati

Probabile formazione
By Federico Messini - 27 agosto 2017

(4-3-3)

Nicolas;

Caceres, Ferrari, Heurtaux, Souprayen;

Romulo, B. Zuculini, Valoti;

Verde, Pazzini, Bessa;

Hellas, a Crotone gara da non sbagliare


By Federico Messini - 22 agosto 2017
Dopo la debacle interna contro il Napoli, l’Hellas Verona di Fabio Pecchia è chiamato all’immediata riscossa e la sfida col Crotone capita a pennello.

Perdere con i partenopei ci sta, troppo grande il divario tecnico, non ci stanno però tutte le polemiche relative al caso-non caso Pazzini, che è d’obbligo chiudere in fretta, magari attraverso le parole dei diretti interessati.

Alle porte c’è una sfida che, nonostante cada solo al secondo turno, sarà indicativa, dal momento che si affronteranno due dirette concorrenti per la lotta salvezza.

Portare a casa un risultato positivo dallo ‘Scida’ sarebbe importantissimo, soprattutto dal punto di vista mentale, per dare entusiasmo all’ambiente e alla squadra. Entusiasmo che deve essere l’arma in più di questo neo promosso Verona.

L’imperativo è mettere da parte ogni frizione e concentrarsi sul lavoro, magari aspettando qualche arrivo dal mercato, che darebbe un po’ di ossigeno soprattutto al reparto avanzato.

L’Hellas è tornato in serie A, ora tutti devono remare nella stessa direzione da qui alla fine del campionato per mantenere la categoria. Tutto il resto non conta.

FONTE: HellasNews.it


Un minuto di raccoglimento su tutti i campi per ricordare le vittime del terremoto di Ischia
agosto 24, 2017


Il presidente della FIGC Carlo Tavecchio ha disposto l’effettuazione di un minuto di silenzio e raccoglimento in occasione di tutte le gare calcistiche della prossima giornata dei campionati in programma nel fine settimana in memoria delle vittime del terremoto che ha colpito l’isola di Ischia. Fonte: figc.it

FONTE: HellasLive.it


NEWS
Veronesi a Crotone, 92 in trasferta
Tifosi gialloblù in partenza per la trasferta allo “Scida”

di Redazione Hellas1903, 26/08/2017, 20:27

Sono 92 i biglietti venduti per il settore ospiti dello stadio “Scida” di Crotone.
Questo il numero dei tifosi dell’Hellas che raggiungeranno l’impianto della squadra calabrese per la gara di domani, valida per la seconda giornata del campionato di Serie A.

NEWS
Verona a Crotone, la probabile formazione
Torna Pazzini, Bruno Zuculini pronto al rientro a centrocampo

di Redazione Hellas1903, 26/08/2017, 18:24

Questa la probabile formazione del Verona in vista della gara di domani alle 20.45 allo stadio Scida con il Crotone.
(4-3-3): NICOLAS; FERRARI, CACERES, HEURTAUX, SOUPRAYEN; ROMULO, B. ZUCULINI, BESSA; CERCI, PAZZINI, VERDE.

NEWS
Crotone, un turno di stop a Ceccherini
Il difensore salterà la partita col Verona

di Redazione Hellas1903, 22/08/2017, 17:25

CROTONE, ITALY - AUGUST 20: THe referee Maurizio Mariani shows the yellow card to Federico Ceccherini of Crotone during the Serie A match between FC Crotone and AC Milan on August 20, 2017 in Crotone, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Un turno di stop per Federico Ceccherini. Il difensore centrale del Crotone è stato fermato dal giudice sportivo in seguito all’espulsione rimediata durante la gara interna dei calabresi col Milan.
Ceccherini, dunque, salterà la partita col Verona di domenica prossima.

INVITATO SPECIALE
Zigoni: “Pazzini, il nervosismo è un errore. E Pecchia…”
L’ex gialloblù: “L’allenatore fa le scelte. Nel bene e nel male, il capitano le accetti”

di Redazione Hellas1903, 22/08/2017, 08:30

Gianfranco Zigoni, grande campione gialloblù negli anni ’70, commenta il caso Pazzini, intervistato dal “Corriere di Verona” oggi in edicola.
Dice, tra l’altro, Zigo: “Pecchia prende le decisioni, questo è il suo ruolo, quello dell’allenatore. Possono essere giuste o sbagliate, ma le responsabilità competono a lui. Ovvio che abbia fatto discutere la scelta di non impiegare un leader come Pazzini dall’inizio, tanto più perché il Verona non ha schierato un centravanti per rimpiazzarlo, ma ha adattato in attacco Bessa”.

Prosegue Zigoni: “Pazzini è un ragazzo perbene, su questo non nutro il minimo dubbio. È il capitano, nonché un giocatore d’esperienza. Sa bene come funzionano certe cose e non dovrebbe cadere nella trappola del nervosismo. Non penso che Pecchia gli abbia detto da un istante all’altro che se ne sarebbe andato in panchina. E di certo l’intento dell’allenatore era dare una quadratura differente al Verona, che sfidava una corazzata come il Napoli. Mica l’ha fatto per far perdere l’Hellas, eh! Pazzini ha reagito male e non doveva. L’errore è suo, non di Pecchia”.

VISTO DA NOI
Le risposte devono arrivare dal mercato
Le scelte di Pecchia non convincono, ma per migliorarle serve completare la rosa

di Matteo Fontana, @teofontana 21/08/2017, 10:03

Il guaio della partita persa dal Verona con il Napoli è che ci si è fermati a guardare il dito e non la luna. Comprensibilmente, sia chiaro. La scelta di Fabio Pecchia di lasciare fuori Giampaolo Pazzini è stata discutibile. Più che sul piano tattico – legittima l’idea del tecnico di avere maggiore velocità davanti, teorema comunque indimostrabile –, l’errore è stato emotivo. Escludere il capitano, il leader della squadra, il simbolo del riscatto gialloblù, significa esporsi al vento della critica. Cosa che fa parte del ruolo dell’allenatore (che per questo viene pagato, anche) ma che non giova agli equilibri che spesso determinano l’umore di un ambiente, sia all’interno che all’esterno.
Non ci interessa entrare nel merito degli attacchi via social. Ieri c’è toccato vedere persino una schermata con una presunta dichiarazione di Pecchia che avrebbe sostenuto di aver rischiato di esultare al primo gol del Napoli: di fake news è pieno il mondo, ed è per questo che, al di là del calcio, si va di male in peggio. Il problema è che c’è chi ci abbocca e offende non soltanto gli altri, ma pure se stesso. Piuttosto, parliamo di pallone. Lo sbaglio di Pecchia è stato, ancor più che non far partire titolare Pazzini, rimpiazzarlo con Bessa, tolto dalla naturale posizione di mezz’ala. Bessa deve essere il fulcro del gioco del Verona. Gettato là davanti, a inseguire traiettorie aeree impossibili, non serve a nulla.
Detto questo, togliamo gli occhi dal dito e guardiamo la luna. Ossia: perché Pecchia ha preso certe decisioni? Metti in panchina il Pazzo e lo sostituisci con un talentuoso centrocampista adattato a compiti per lui indecifrabili: un pastrocchio. La luna da scrutare è un mercato che deve dare delle risposte al Verona e al suo allenatore (che non ha mancato di sollecitarne spesso, con il suo ripetuto “Siamo corti in attacco”) e farlo alla svelta. Sadiq è perso, Cutrone quasi, visto che salvo sorprese resterà al Milan, e comunque su di lui era già in vantaggio il Crotone. Kishna, che sembrava dovesse rientrare nel “pacchetto Caceres” con la Lazio, è vicinissimo al Torino.

Tocca a Filippo Fusco trovare le soluzioni al rebus. Ma, più che al direttore sportivo, le domande vanno rivolte alla proprietà. Occorrono investimenti. Al tavolo verde della Serie A non sono ammessi giocatori che non facciano delle puntate accettabili. Maurizio Setti, adesso, ha la necessità di intervenire per allungare nella qualità e nella quantità la rosa dell’Hellas, ad ora incompleta.

Per fortuna manca ancora qualche giorno al momento in cui il croupier pronuncerà il fatidico “Rien ne va plus”.

FONTE: Hellas1903.it


FORMAZIONE VERONA
Il ritorno di Pazzini
26/08/2017 16:35
Il Verona vuole conquistare i primi punti della stagione a Crotone dopo la sconfitta col Napoli. Pecchia punterà ancora sul 4-3-3 ma questa volta ci sarà Pazzini al centro dell'attacco. Nicolas sarà difeso da Caceres, Alex Ferrari (che dovrebbe giocare dopo i problemi fisici in settimana, altrimenti c'è Caracciolo), Heurtaux e Souprayen. A centrocampo con Romulo e Bessa c'è il ballottaggio tra Buchel e Bruno Zuculini con l'ex Empoli favorito per giocare dal primo minuto. Davanti ci sarà il ritorno di Pazzini con Verde e Cerci ai suoi lati.

VERONA (4-3-3): Nicolas; Caceres, Ferrari, Heurtaux, Souprayen; Rómulo, Buchel, Bessa; Cerci, Pazzini, Verde. All: Pecchia.

LE SCELTE DI NICOLA
Crotone, le mosse per fermare l'Hellas
26/08/2017 16:16
Per la sfida con il Verona, Davide Nicola, nel suo consolidato 4-4-2 non avrà a disposizione Ceccherini: l'ex Livorno dovrebbe essere sostituito dall'albanese Ajeti che farà coppia con Cabrera. Sulle fasce laterali spazio a Martella sulla sinistra e Sampirisi sulla destra. A centrocampo ci saranno Mandragora e Barberis, mentre sulle fasce agiranno Stoian e Faraoni. Davanti spazio alla coppia Trotta-Budimir.

Crotone (4-4-2): Cordaz; Sampirisi, Cabrera, Ajeti, Martella; Faraoni, Barberis, Mandragora, Stoian; Trotta, Budimir. All: Nicola.
L.VAL.

L'ALLENATORE DEL CROTONE
Nicola: Il Verona non vale una neopromossa
26/08/2017 10:33
"Verona? Mi aspetto una squadra che non è una neopromossa, per storia e potenzialità. Hanno fatto degli acquisti importanti, con esperienza, come Caceres, Cerci, Heurtaux. Pazzini non è un novello in A. E' una squadra che ha un preciso modo di stare in campo, che ha la possibilità di giocarsi i suoi obiettivi così come possiamo farlo noi. Non vi dico cose diverse come lo scorso anno. Non c'è una partita che ti fa raggiungere la salvezza, ogni partita contribuisce al totale". Davide Nicola interviene in conferenza stampa in vista della sfida col Verona.

L'allenatore del Crotone ha concluso: "Non faccio voli pindarici: dalla società a me siamo consapevoli che solo attraverso un grandissimo lavoro, scoprendo le potenzialità nel tempo, si può arrivare all'obiettivo. Concorriamo con consapevolezza e voglia per arrivare alla salvezza. Ed è estremamente gratificante".
L.VAL.

VERSO CROTONE
Alex Ferrari in dubbio
Romulo terzino?

25/08/2017 16:58
Alex Ferrari si è allenato a parte ed è in dubbio per Crotone. Ma Pecchia è fiducioso di recuperarlo. "Lo stiamo gestendo" ha spiegato il mister.

Se il nazionale Under 21 non ce la facesse, Pecchia sposterebbe Romulo a destra, con Caceres centrale al fianco di Heurtaux. Sicuro il ritorno di Pazzini al centro dell'attacco.

CROTONE-VERONA, I PRECEDENTI
Verona a Crotone, match inedito in A
25/08/2017 16:34
La gara dell’Hellas a Crotone valida per la 2^ giornata di Campionato (27 agosto ore 20.45), è uno scontro inedito per la Serie A. Le due squadre si sono affrontate solo in Serie B ed in Coppa Italia.

Nel campionato cadetto, ci sono 5 precedenti allo Scida col bilancio che vede i padroni di casa in vantaggio con 2 vittorie, 2 pareggi e un successo scaligero.

La prima volta che si sono scontrate, Crotone e Verona hanno pareggiato 2-2 (torneo 2004/05). Per i gialloblù segnarono Italiano al 25’ e Bogdani al 45’, mentre per i calabresi, accorciò le distanze Gastaldello al 70’ e poi pareggiò definitivamente i conti Guzman al 90’+3’.

L’anno successivo (2005/06), vittoria degli “squali” per 2-1: per i gialloblù realizzò Iunco al 17’ e per il Crotone rimontarono Jeda al 38’ su rigore e Sedivec al 71’.

Prima vittoria veneta nel 2006/07: 0-1 grazie alla rete di Turati all’88’.

Dopo 4 anni ecco Crotone e Verona nuovamente di fronte (Campionato 2011/12) e fu vittoria calabrese per 3-1 (5' Ciano, 24' Florenzi, 45' Calil per i rossoblù e N. Galli al 65’ per i gialloblù).

Nel 2012/13, pirotecnico 3-3 per effetto dei gol siglati da Martinho (17’) per il Verona, Gabionetta (22’) per il Crotone, Cocco (39’) per i veneti che rimisero la freccia, Pettinari (78’) per gli uomini di Drago, Gomez (90’+1’) ancora per l’Hellas ed infine Maiello (90’+3’) a chiudere i conti e a pareggiare definitivamente il match.

Crotone e Hellas furono di fronte persino nella Tim Cup 2016/17. Il 14 agosto 2016, per indisponibilità dello stadio Scida, il match venne giocato al Bentegodi ed il Verona vinse 2-1: 11’ Fossati (Vr), 63’ Nwankwo (Kr) e 79’ F. Zuculini (Vr).

Domenica 27 agosto (ore 20.45), le squadre incroceranno per la prima volta i guantoni nella massima categoria. Al 1° turno, Hellas sconfitto in casa dal Napoli per 1-3 e Crotone battuto allo Scida dal Milan per 0-3.
ANDREA FAEDDA

AVVERSARIO HELLAS
Crotone, quella voglia di rifare la storia
25/08/2017 09:49
E' già una sfida molto importante anche se siamo solo ad agosto: Crotone-Verona è un'inedita sfida salvezza per la massima serie. La squadra di Nicola viene da un'incredibile annata: una salvezza storica conquistata all'ultimo giornata dopo una pazzesca rincorsa. Sempre ultimo per tutta la stagione, la squadra di Vrenna è riuscita a salvarsi grazie anche all'Harakiri di Martusciello e dell'Empoli: anche se la squadra del presidente Corsi si è consolata con i 25 milioni del paracadute.

I pitagorici puntano anche quest'anno alla salvezza guidati da Davide Nicola. Durante il calciomercato è stato rinforzato il centrocampo con gli arrivi dei talentuosi giovani Crociata e Mandragora (inseguito anche dal Verona) ed Izco. In difesa invece sono stati acquistati Ajeti, Faraoni e l'uruguagio Leandro Cabrera dal Real Saragozza (quando era più giovane giocava nell'Atletico Madrid). Mentre in attacco è tornato Budimir, uno degli "eroi" della promozione.

Il Crotone vuole ripetere l'impresa dell'anno scorso quando si è salvato grazie alla doppietta del veronese Nalini contro la Lazio: ci si vuole salvare a tutti i costi, anche all'ultima giornata, all'ultimo secondo. Il Verona è atteso da una altra partita difficile in un campo "caldo". L'Hellas non può sbagliare dopo la sconfitta col Napoli: il calendario è impietoso, dopo la pausa ci sono Fiorentina e Roma. Servono punti e magari rinforzi visto che il mercato chiude il 31 agosto...
LUCA VALENTINOTTI

SERIE A
VERONA, IL CAMPIONATO INIZIA ADESSO

22/08/2017 16:04
Dovrà essere diverso, perchè col Napoli ci può stare, ma contro il Crotone il Verona gioca il primo spareggio del campionato.

Vincere vorrebbe dare un significato diverso anche alla gara con il Napoli, sarebbe utilissimo alla classifica, servirebbe per il morale e per rafforzare il gruppo.

Un gruppo scosso, volenti o nolenti dal gesto di Giampaolo Pazzini. Tenuto in panchina da Pecchia, l’attaccante ha sbottato dopo il gol su calcio di rigore, incrinando la legittimazione del tecnico davanti ai tifosi ma ancora prima davanti al gruppo, ostentando di non essere stato d’accordo con la scelta dell’allenatore.

Giusto che se ne parli all’interno dello spogliatoio dove sicuramente qualcosa è già avvenuto. Di certo c’è che proprio a Crotone il Verona deve far ritornare il sereno.

Pazzini giocherà sicuramente, contro una squadra che ha trovato enorme autostima dall’impresa della scorsa stagione, in cui ha ottenuto una salvezza miracolosa dopo un girone d’andata pessimo.

Contro il Milan, il Crotone ha retto pochissimo, la gara è praticamente finita con l’espulsione di Ceccherini e la prima rete di Kessie su rigore. Ma proprio per questo la squadra di Nicola aspetta il Verona come un’occasione da non perdere. Il campionato inizia adesso.
GIANLUCA VIGHINI

HELLAS VERONA
Multa da 30mila euro per cori contro Napoli
22/08/2017 13:17
Dopo la multa con l'Avellino, arriva un'altra stangata per il Verona dopo la partita col Napoli. Queste le motivazioni del Giudice Sportivo: "Ammenda di 30.000 euro con diffida alla Società Hellas Verona per avere la maggior parte dei suoi sostenitori (80% circa) sistemati nella tribuna superiore est – riconducibili alla tifoseria normalmente occupante la Curva sud, settore nell’occasione rimasto chiuso in esecuzione di precedente provvedimento del Giudice sportivo della LNPB (C.U. 111 del 3 maggio 2017) – intonato, all’8° ed al 23° del primo tempo, cori comportanti offesa, denigrazione ed insulto per motivi di origine territoriale nei confronti dei sostenitori della societa` Napoli, e per avere, durante il corso dell’intera gara, ripetutamente rivolto cori beceri nei confronti di un calciatore della squadra avversaria".

DOPO L'ESCLUSIONE
Pecchia ora deve gestire il caso Pazzini
21/08/2017 08:34
L'esclusione di Pazzini contro il Napoli ha aperto un caso.

L'attaccante è sbottato platealmente (com'era successo a Novara l'anno scorso) dimostrando di non aver per nulla gradito la panchina.

Ha sconfessato Pecchia davanti al pubblico, ma soprattutto davanti ai compagni.

Una situazione spinosa che ora il Verona deve affrontare.

Pecchia ha scelto di giocare senza Pazzini per cercare di fare densità a centrocampo e non dare profondità al Napoli. Un tentativo di arginare la corazzata di Sarri.

Non c'è scampo per chi si mette a giocare contro il Napoli a viso aperto e Pecchia ha ritenuto di cambiare strategia. Il tecnico forse non ha valutato i rischi di una scelta così impopolare. Tutto vano. Il Verona ha perso lo stesso e in più Pecchia ora si ritrova con il mal di pancia di Pazzini e le contestazioni della piazza che ritiene che il Verona non abbia giocato al meglio delle proprie potenzialità questa partita.

Fusco e il presidente Setti dovranno intervenire. O mediando tra Pazzini e l'allenatore, o punendo il giocatore per quel gesto, per dare un segnale allo spogliatoio. La via "morbida" pare quella più concreta.

Anche perchè la scelta di Pecchia è stata solo ed esclusivamente tattica e non "ad personam".

Pecchia continua a ritenere Pazzini indispensabile per il Verona. Anche perchè nel frattempo dal mercato non arriva nulla e tutti gli obiettivi (Sadiq, Cutrone) sono svaniti o stanno svanendo. Una punta arriverà comunque, Fusco è al lavoro. Ma di certo questo Verona che dovrà lottare e soffrire per riuscire a salvarsi, non può rinunciare a Giampaolo Pazzini.
GIANLUCA VIGHINI

MANTO ERBOSO
Bentegodi "al limite" in vista nuovi lavori
20/08/2017 17:44
Che il manto del Bentegodi avesse bisogno di un ulteriore intervento, era già stato detto durante i primi lavori. Quelli che rizollando la parte di campo verso la curva sud hanno consentito a Verona e Chievo di far fronte agli impegni di Coppa Italia.

Non a caso, il sindaco Sboarina durante il sopralluogo di prima di ferragosto aveva già annunciato che a settimane ci sarebbe stato un nuovo, necessario, intervento.

Ma il secondo step del rifacimento del campo, rovinato dal concerto di Robbie Williams, dovrà per forza essere anticipato. Ieri, infatti, il delegato della Lega presente al Bentegodi avrebbe definito "al limite" le condizioni del manto erboso della parte verso la curva nord, quella non rovinata dal grande palco allestito per il concerto ma comunque danneggiata dall'evento. E oggi chiaramente in condizioni diverse da quella appena rifatta.

Ieri a seguire Verona-Napoli, non solo in veste privata di tifosi, c'erano anche il sindaco Sboarina e il vice Fontana, che hanno effettuato due sopralluoghi prima e all'intervallo della partita, parlando anche col delegato della Lega.

Non è escluso che i lavori possano già iniziare nei prossimi giorni, con conseguente apertura di una nuova partita per stabilire chi dovrà assorbire i costi non solo della prima ma anche della seconda rizollatura.

FONTE: TGGialloBlu.it


Dopo il Var, altra modifica in arrivo: due tempi effettivi da 30 minuti
del 24 agosto 2017 alle 15:00


Il calcio cambia e continuerà a cambiare. L'avvento del Var sui campi di Serie A costituisce già una importante novità, in grado di cambiare il modo di percepire questo sport; ma questo può essere solo l'inizio di una rivoluzione ben più ampia. Il prossimo passo è l'introduzione del tempo effettivo, che l'IFAB, l'organo guardiano del regolamente del calcio, discuterà nella riunione che si terrà a marzo 2018.

LA NOVITA' - Nello scorso turno di campionato "a causa" del Var si sono persi circa 10 minuti di partita in totale, quasi un minuto a partita. Non tantissimo, ma la gestione del recupero può creare più di qualche problema, come è successo a Bologna, dove ci sono state polemiche per i 4 minuti di recupero assegnati da Valeri. L'idea quindi è quella di cambiare il regolamento, passando a due tempi effettivi da 30 minuti. Ogni volta che il pallone esce, c'è un cambio o si ferma il gioco, il tempo si stoppa, esattamente come succede nel Basket. Un totale di 60 minuti, nella realtà non lontano dagli attuali 53 e 57 minuti di gioco effettivo, ma che andrebbe a cambiare totalmente il calcio che conosciamo. L'IFAB discuterà a marzo della possibilità di portare il Var anche al Mondiale di Russia e introdurre poi il tempo effettivo. Molte federazioni, tra cui l'Italia, è pronta a offrirsi come sperimentazione. Una modifica che sarebbe epocale per il calcio.

ALTRI TEMI - Già all'Europeo Under 21 e a quelli femminili è stata introdotto la quarta sostituzione nei tempi supplementari, mentre in Serie D sarà possibile fare 5 cambi (con 3 interruzioni di gioco). Oltre a questi discorsi, verrà portata avanti anche la nuova formula per calciare i rigori: non più la classica ABAB ma la nuova ABBA, già vista in qualche occasione anche ufficiale. Il calcio cambia, meglio stare aggiornati.

FONTE: CalcioMercato.com


Pazzini-Pecchia, patto per la salvezza
Dopo gli screzi in Hellas Verona-Napoli, si riparte insieme per la salvezza: Pazzini sarà titolare a Crotone, Pecchia ci conta

Di Gabriele Anello -22 agosto 2017
Il Crotone come prima vittima nella nuova risalita in A: l’Hellas Verona deve immediatamente ripartire dopo la sconfitta nella gara d’apertura contro il Napoli. Anche perché il 3-1 subito dagli azzurri verrà ricordato soprattutto per il gesto di Giampaolo Pazzini, in polemica aperta con il suo allenatore Fabio Pecchia. L’esclusione dall’undici titolare – decisa per limitare il giro-palla del Napoli (piano fallito immediatamente) – non è stata ben digerita dal capitano dell’Hellas. Come riportato da “La Gazzetta dello Sport”, a Crotone si ripartirà invece dal bomber numero 11 per prendersi tre punti che sarebbero fondamentali nel percorso per la salvezza. Accanto a Pazzini, Pecchia dovrebbe affidarsi nuovamente a Bessa e Cerci, stavolta qualche metro più indietro rispetto al centravanti di Pescia. Insieme a loro, anche Simone Verde, che sta facendo bene in questo primo scorcio di stagione con l’Hellas (doppietta all’Avellino in Coppa Italia e uno dei pochi salvabili contro il Napoli).

Pazzini-Hellas, confronto con Pecchia alla ripresa
Giampaolo Pazzini non ha gradito la panchina contro il Napoli: ci sarà un confronto con il tecnico dell’Hellas in vista del Crotone

Di Gabriele Anello -21 agosto 2017
La rete su rigore dopo esser entrato tardi, l’esultanza polemica nei confronti del proprio tecnico. Non è stata una prima facile quella di Fabio Pecchia in Serie A: oltre a un Napoli stellare, l’Hellas ha fatto i conti con un gioco che sembra indietro nei meccanismi e con la rabbia del suo capitano. Pazzini è partito in panchina, è stato l’ultimo cambio e ha trasformato il rigore dell’1-3, esultando polemicamente verso la panchina gialloblu. Il chiaro riferimento della rabbia era Pecchia, con il quale il rapporto è buono, ma la soluzione presa alla prima di campionato non è piaciuta. Alla piazza, soprattutto, che sta con Pazzini. Eppure l’idea di Pecchia era quella di limitare Diawara con il “falso nueve” Bessa: è andata male e il tecnico se n’è assunto la responsabilità. Ora però c’è la trasferta di Crotone, un primo test salvezza in cui bisogna vincere: secondo “La Gazzetta dello Sport”, ci sarà un confronto tra i due alla ripresa degli allenamenti. Anche perché l’Hellas visto sabato sera – in attesa di qualche soluzione del mercato – ha bisogno di tutta l’unità possibile.

FONTE: CalcioNews24.com


ULTIMA SGAMBATA PRIMA DI #CROTONEVERONA
27/AGOSTO/2017 - 11:35


Crotone - Ultima sgambata per i gialloblù prima di Crotone-Hellas Verona. La squadra, agli ordini di mister Fabio Pecchia, ha svolto riscaldamento, risveglio musolare, torelli e lavoro di rapidità, in vista della sfida in programma questa sera (ore 20.45) allo stadio 'Scida'.

#CROTONEVERONA: SEGUILA CON NOI E SCOPRI NUMERI E CURIOSITÀ
26/AGOSTO/2017 - 16:40

NUMERI & CURIOSITA'
Scopri i numeri, le statistiche e le curiosità fornite da Opta Sports di Crotone-Hellas Verona, 2a giornata della Serie A TIM 2017/18, in programma domenica 27 agosto (ore 20.45) allo stadio 'Scida'.

- Sfida numero 11, in tutte le categorie, tra il Crotone e il Verona. Per 4 volte ha vinto l'Hellas, 5 i pareggi, 2 le vittorie dei calabresi.

- Rendimenti a confronto: nella scorsa stagione, l’Hellas Verona ha fatto il 41% dei propri punti in trasferta (record della Serie B), mentre il Crotone ha conquistato il 65% dei propri punti in casa.

- Un record: il Verona non pareggia in Serie A da 10 gare consecutive, più di ogni altra squadra.

- Una curiosità: i due tecnici, Fabio Pecchia e Davide Nicola, hanno giocato insieme, nel Siena 2004/05.

- Il portiere gialloblù Nicolas è, finora, il secondo con più parate di tutta la Serie A: ben 9. Prima di lui solo Gomis, della SPAL.

26/AGOSTO/2017 - 12:15
I CONVOCATI GIALLOBLU'
Peschiera - Dopo la rifinitura, in cui la squadra ha svolto riscaldamento, esercitazioni tattiche e sui calci piazzati, è stata diramata la lista dei 23 convocati per la sfida contro il Crotone, 2a giornata della Serie A TIM 2017/18, in programma domenica 27 agosto (ore 20.45) allo stadio 'Scida'.

#CROTONEVERONA
CONVOCATI

Portieri
40. Coppola
1. Nicolas
17. Silvestri

Difensori
26. Caceres
12. Caracciolo
97. Felicioli
28. Ferrari
75. Heurtaux
69. Souprayen

Centrocampisti
37. Bearzotti
24. Bessa
77. Buchel
8. Fossati
4. Laner
2. Romulo
27. Valoti
20. Zaccagni
5. Zuculini B.

Attaccanti
10. Cerci
93. Fares
11. Pazzini
98. Stefanec
7. Verde

PECCHIA: «SETTIMANA POSITIVA, STIAMO CRESCENDO. A CROTONE CON LE NOSTRE IDEE»
25/AGOSTO/2017 - 12:30
Verona - Le principali dichiarazioni dell'allenatore gialloblù Fabio Pecchia in vista di Crotone-Hellas Verona, 2a giornata della Serie A TIM 2017/18.

VERSO CROTONE, CONTINUANDO A CRESCERE
«Al di là del risultato, la partita con Napoli ci ha dato indicazioni importanti, ma col Crotone sarà una sfida diversa. Troveremo un ambiente particolare, simile ai campi che abbiamo affrontato lo scorso anno. Dobbiamo pensare sempre a proporre la nostra idea di calcio, davanti avremo una squadra che ha costruito la sua salvezza tra le mura amiche dello Scida. La partita d’esordio col Milan non deve ingannare, il Crotone è una realtà compatta tra squadra, Società e ambiente, conosco bene il loro allenatore, Nicola, che ha fatto grandi cose. Per vincere dovremo fare bene le due fasi, con consapevolezza e forza, aggiungendo sempre qualcosa in termini di energia. Stiamo costruendo la squadra e dobbiamo crescere sempre di più».

I CALCIATORI A DISPOSIZIONE
«Pazzini? Molto rumore fuori, dentro una settimana molto normale. Le voci ci stanno quando si parla di un calciatore forte, lui è il nostro capitano ed è importante per questa squadra. Ferrari? In settimana abbiamo gestito i suoi carichi di lavoro, valuteremo domani la sua condizione. Abbiamo diverse alternative, come Romulo e Caceres, che hanno caratteristiche diverse ma mi danno delle garanzie. Bruno Zuculini e Buchel? In questo momento devo dare continuità al lavoro e cambiare poco, c’è possibilità che giochino insieme. Le convocazioni di Felicioli e Verde? Fanno piacere, sia a me che a loro, perché danno fiducia. Se la squadra crescere possiamo rendere dei calciatori appetibili anche per Ventura. Kumbulla? E' nel giro della nazionale albanese, è un giovane che sta a contatto con calciatori importanti, un patrimonio per la Società».

PESCHIERA: REPORT SEDUTA MATTINO
25/AGOSTO/2017 - 12:00
Peschiera - Allenamento mattutino per i gialloblù presso lo Sporting Center 'Il Paradiso' di Peschiera del Garda. La squadra, agli ordini dell'allenatore Fabio Pecchia, ha svolto riscaldamento, esercitazioni tattiche e partitella.

Alex Ferrari prosegue con il lavoro differenziato.

Domani la squadra tornerà in campo per la seduta di rifinitura (ore 10) a porte chiuse.

NAZIONALI: FELICIOLI E VERDE CONVOCATI DALL'ITALIA UNDER 21
24/AGOSTO/2017 - 17:15
Verona - Convocazione con la Nazionale Italiana Under 21 per il difensore Gian Filippo Felicioli e l'attaccante Daniele Verde, selezionati dal CT Luigi Di Biagio per prendere parte, tra il 28 agosto al 4 settembre, alle prossime amichevoli degli 'azzurrini' contro Spagna e Slovenia. Di seguito il programma delle gare.

1 settembre, ore 19.30
Estadio 'Salto del Caballo', Toledo (Spagna)
SPAGNA U21-ITALIA U21

4 settembre, ore 19.30
Stadio 'Tombolato', Cittadella (PD)
ITALIA U21-SLOVENIA U21

HELLAS VERONA FC - COMUNICATO UFFICIALE
24/AGOSTO/2017 - 16:15
Verona - L'Hellas Verona FC, in merito ad alcuni episodi accaduti in occasione della sfida con il Napoli, è rammaricata per aver visto ingiustamente lesa l'immagine di una intera Città, patrimonio culturale che accoglie milioni di turisti, e di una Società che da sempre lotta in favore di un tifo sano e del fair-play sportivo. Nel caso venissero reiterati tali comportamenti, dai quali ci dissociamo, sin dalla prossima partita a Crotone si rischiano provvedimenti ancor più drastici quali la chiusura di alcuni settori del 'Bentegodi', conseguenze che andrebbero non solo a danneggiare ulteriormente la Società bensì anche la squadra, che verrebbe privata di un elemento fondamentale come i propri tifosi. Pertanto il Club, nell'auspicarsi che i collaboratori preposti a vigilare sui campi e, conseguentemente, la Giustizia Sportiva adottino sempre equità di giudizio condannando altrettanto fermamente anche le gravi espressioni ingiuriose e diffamatorie udibili nei confronti della nostra città, della nostra tifoseria e dei nostri tesserati, invita i propri sostenitori a mantenere un comportamento volto al caloroso incitamento della nostra squadra, tifo che per caratteristiche ed attaccamento lo rende unico nel panorama calcistico.

PESCHIERA: REPORT SEDUTA MATTINO
24/AGOSTO/2017 - 12:00
Peschiera - Allenamento mattutino per i gialloblù presso lo Sporting Center 'Il Paradiso' di Peschiera del Garda. La squadra, agli ordini dell'allenatore Fabio Pecchia, ha svolto riscaldamento, lavoro di rapidità e reattività, esercitazioni tattiche e partitella.

Alex Ferrari prosegue con il lavoro differenziato.

Domani la squadra tornerà in campo per una seduta mattutina (ore 10) a porte chiuse.

[...]

FUSCO: «FELICE PER BESSA. TUTTI UNITI VERSO CROTONE»
23/AGOSTO/2017 - 19:00
Verona - Le dichiarazioni del direttore sportivo gialloblù Filippo Fusco, rilasciate a margine della conferenza stampa di Daniel Bessa.


IL RINNOVO DI BESSA
«Siamo molto contenti del rinnovo di Daniel Bessa, un giocatore giovane e di qualità che ha creduto nel Verona in un momento di difficoltà come quello della retrocessione. In questi anni ha dimostrato attaccamento alla maglia e dedizione, per questo siamo particolarmente felici del prolungamento del contratto».

SU PAZZINI
«Quanto accaduto non deve far passare in secondo piano l’ottima prestazione del Verona contro il Napoli. A detta loro siamo stati la squadra che li ha messi più in difficoltà tra precampionato e Champions. Per quanto riguarda la scelta della prima punta, il mister aveva pensato che le caratteristiche di Bessa fossero più adatte per iniziare la partita, dando più profondità alla squadra. Giampaolo ha quasi sempre giocato titolare, l’anno scorso ha fatto una delle migliori stagioni della sua carriera grazie al supporto della società, del mister e dei compagni. Ci sta che un calciatore della sua caratura abbia un momento di nervosismo, ora deve trasformare questa rabbia in una forza positiva. Sappiamo che un calciatore così esperto può vivere in maniera meno tranquilla non partire dal primo minuto, ma la scelta è stata ragionata ed esplicitata. Nel secondo tempo per alcuni tratti siamo riusciti a tenere il Napoli nella propria metà campo, e le caratteristiche di Pazzini sono state fondamentali. Ora però è il momento di guardare avanti tutti insieme e pensare al Crotone».

SUL MERCATO
«Siamo completi in due reparti su tre, davanti bisogna integrare con due o tre calciatori. Verde sta facendo bene, Fares è in crescita, Cerci è molto importante e Pazzini ha dimostrato di essere fondamentale, detto questo numericamente nel reparto offensivo siamo in pochi. Il mercato in corso di campionato può far cambiare da un momento all’altro le strategie, ma di questo siamo consapevoli e agiremo di conseguenza».

#BESSA2021: «SONO FELICE, LA MIA STORIA IN GIALLOBLÙ CONTINUA. E SUL CAMPIONATO...»
23/AGOSTO/2017 - 16:00
Verona - L'Hellas Verona FC comunica di aver prolungato il contratto del calciatore classe 1993 Daniel Bessa fino al 30 giugno 2021. Di seguito, la sua conferenza stampa a commento del rinnovo e in vista di Crotone-Hellas Verona.

SUL RINNOVO
«Sono contentissimo, per questo traguardo devo ringraziare la società, il direttore e i compagni, sono felice di vedere che la società crede in me e che me lo abbia dimostrato con un contratto lungo. Il mio rinnovo non è mai stato in dubbio, la firma è stata una formalità, adesso non vedo l’ora di fare bene e continuare il mio percorso col Verona».

SUL NAPOLI E SULLA STAGIONE
«È stato un risultato negativo, ma le cose positive sono state molte, abbiamo giocato con coraggio e personalità contro una delle squadre più forti in Italia e in Europa, nel complesso la prestazione è stata positiva. Ora dobbiamo pensare alle prossime partite, ma io sono fiducioso e tranquillo sia per me che per i miei compagni. La Serie A è sicuramente un altro campionato rispetto alla B, il livello tecnico è più alto, così come l’agonismo. Dobbiamo subito adattarci, affronteremo tutta la stagione con la massima concentrazione a partire dalla partita contro il Crotone. Il debutto in Sere A? È stato bellissimo, esordire con la fascia da capitano mi ha fatto emozionare, peccato solo per il risultato».

SU PAZZINI
«Con Giampaolo non c’è nessun problema, è sempre stato sereno nei giorni dopo la partita. Lui è il nostro capitano, per noi è importantissimo. È normale non essere contenti di non giocare, neanche io lo sarei stato. Da parte mia, ho cercato di dare il mio contributo alla squadra a prescindere dalla posizione in campo, che è sempre una scelta tecnica».


NAZIONALI: BUCHEL CON IL LIECHTENSTEIN CONTRO ALBANIA E SPAGNA
23/AGOSTO/2017 - 14:45
Verona - Convocazione con la Nazionale del Liechtenstein per il centrocampista Marcel Buchel, selezionato dal CT Rene Pauritsch per prendere parte alle prossime sfide valide per le qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. In particolare, i rossoblù saranno impegnati contro l'Albania (2 settembre) e contro la Spagna (5 settembre). Di seguito i dettagli delle gare.

Sabato 2 settembre, ore 18
Elbasan Arena - Elbasan (Albania)
ALBANIA-LIECHTENSTEIN

Martedì 5 settembre, ore 20.45
Rheinpark Stadion - Vaduz (Liechtenstein)
LIECHTENSTEIN-SPAGNA

PESCHIERA: REPORT SEDUTA MATTINO
23/AGOSTO/2017 - 13:10

Peschiera - Allenamento mattutino per i gialloblù presso lo Sporting Center 'Il Paradiso' di Peschiera. La squadra, agli ordini di mister Fabio Pecchia, ha svolto riscaldamento in palestra, circuiti di forza e trasformazione sul campo, lavoro tattico per reparti, possesso palla, lavoro atletico e partitella.

Allenamento differenziato per Alex Ferrari

Domani mattina la squadra tornerà in campo alle ore 10 per una seduta a porte aperte.

Verona - L'Hellas Verona FC comunica di aver prolungato il contratto del calciatore Mohamed Fares fino al 30 giugno 2021.
Ecco alcuni numeri e statistiche riguardanti la carriera di Fares in gialloblù.

- Vincitore con gli Allievi Nazionali del 'Trofeo di Arco' 2013.

- Nella stagione 2016/17, Mohamed Fares è stato il più giovane gialloblù (insieme a Cappelluzzo) con almeno 10 presenze.

- Nell'ultimo campionato di Serie B, Fares è sceso in campo in 17 occasioni, con 610 minuti giocati. E' il calciatore gialloblù più giovane ad aver disputato questo numero di gare.


NAZIONALI: AGBUGUI SEMPRE TITOLARE, SAVELJEVS CONVOCATO DALLA LETTONIA U19
21/AGOSTO/2017 - 12:20
Verona - Due partite e altrettante presenze da titolare, finora, per il difensore degli Under 17 dell'Hellas Verona Darrel Agbugui. Convocato per prendere parte al St. George's Park, un torneo internazionale organizzato dalla Football Association in terra inglese, il giovane gialloblù è partito dal primo minuto nelle due gare vittoriose contro la Scozia (2-1) e la Turchia (2-0). Stasera l'ultima gara in programma, contro l'Inghilterra.

Convocazione con la Nazionale Under 19 della Lettonia, invece, per l'ultimo arrivato in casa della Primavera gialloblù, Aleksejs Saveljevs. Il classe 1999 volerà in Grecia dal 29 agosto al 6 settembre, dove la Lettonia sfiderà i pari età ellenici in una doppia amichevole ad Agrinio, il 2 e il 4 settembre.

CAMPAGNA ABBONAMENTI: SI RIPARTE DA 11.097!
21/AGOSTO/2017 - 10:15
Verona - Si riparte da 11.097 cuori gialloblù, pronti a sostenere il Verona in Serie A. Tanti sono gli abbonamenti staccati finora dai tifosi dell'Hellas per la stagione sportiva 2017/18, con la campagna 'Un solo grido' che torna oggi, lunedì 21 agosto, e prosegue fino al 1 settembre. Sempre in vigore i nuovi orari della biglietteria n.1 del 'Bentegodi', invariati anche gli orari degli altri canali di vendita.

[...]

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC] +   -   =
VITA DA EX: Manca solo l'ufficialità per Samuele LONGO al TENERIFE in Spagna. MARRONE al BARI, la JUVE pagherà parte dell'ingaggio... FODERARO alla CITTANOVESE in Serie D, crebbe nel vivaio gialloblù per andarsene definitivamente nel 2007 (totale di 10 presenze in B con l'HELLAS). BARI: Per la porta ecco Alessandro BERARDI (fece da secondo a RAFAEL nell'annata 2012-13). Ufficiale Juan Manuel ITURBE al XOLO di Tijuana




FONTE: Sky.it


Calciomercato Inter, Longo passa al Tenerife
Il club spagnolo annuncia l'intesa coi nerazzurri: a breve la firma, dopo le visite mediche


© Massimiliano Vitez/Ag. Aldo Live

mercoledì 23 agosto 2017
TENERIFE - "Principio di accordo per la cessione di Samuele Longo". Questo l'annuncio del Tenerife, sul proprio sito ufficiale, a proposito dell'attaccante dell'Inter, ad un passo dal passaggio al club delle Canarie. Il giocatore classe 1992, come annuncia il sito degli spagnoli, sarà un nuovo elemento del Tenerife una volta espletate le formalità amministrative e dopo il superamento delle visite mediche. Si tratterà di una nuova avventura spagnola per Longo, che ha già militato nel Girona, nell'Espanyol e nel Rayo Vallecano. In Italia ha indossato le casacche di Hellas Verona, Cagliari e Frosinone.

FONTE: TuttoSport.com


IN PRIMO PIANO
Bari, Marrone ha sciolto le riserve: la Juve pagherà una parte dell'ingaggio
22.08.2017 09:10 di Davide Abrescia
Ormai sembra fatta. Luca Marrone è ad un passo dal vestire la maglia biancorossa: stando a quanto riporta la Gazzetta del Mezzogiorno, il giocatore bianconero avrebbe sciolto le riserve ed avrebbe ceduto alle avances biancorosse. A far la differenza, però, è il contributo della Juve, la società bianconera pagherà una parte del lauto ingaggio dell'ex Hellas Verona. L'annuncio potrebbe arrivare già in settimana.

FONTE: TuttoCalcioPuglia.com


SERIE D
MERCATO SERIE D - GRAN COLPO CITTANOVESE! Ecco Giovanni Foderaro

22.08.2017 17:34 di CG Redazione
Grandissimo colpo di mercato della Cittanovese. Giovanni Foderaro indosserà la maglia della squadra giallorossa. Un calciatore di assoluto livello, anche in serie D, reduce dall'esperienza assai positiva a Isola Capo Rizzuto.

Ecco il comunicato del club della Piana:
Qualità e sostanza per il reparto avanzato giallorosso. Con l'ingaggio di Giovanni Foderaro la Calcio Cittanovese aumenta sensibilmente il proprio potenziale offensivo, mettendo a disposizione del progetto tecnico di mister Domenico Zito un pezzo pregiato dell'attuale finestra di mercato.
La firma del calciatore è arrivata nel primo pomeriggio di oggi. Dopo il disbrigo delle formalità, Foderaro si è unito al gruppo per la prima seduta d'allenamento con i nuovi compagni.
Il giocatore, classe '84, è un attaccante esterno, molto abile nel creare superiorità e nel saltare l'uomo. La scorsa stagione è stato uno dei protagonisti della cavalcata in Eccellenza dell'Isola Capo Rizzuto. Nel suo palmares, tra gli altri, i campionati in Serie B con l'Hellas Verona, e poi quelli in C2 e D con Vigor Lamezia, Aprilia, Poggibonsi, Sicula Leonzio e Cosenza.
"Mi metto a disposizione di un collettivo e di un progetto importante - ha affermato il neo attaccante giallorosso- e sono certo che la stagione appena iniziata riserverà belle soddisfazioni per noi quanto per i nostri tifosi. Con il lavoro e la giusta concentrazione raggiungeremo i nostri obiettivi".
Soddisfazione per l'esito positivo dell'operazione è stata espressa dalla Società Calcio Cittanovese.
"Inseriamo in organico già importante un calciatore dal valore assoluto - è stato spiegato - e siamo sicuri del fatto che Giovanni Foderaro saprà contribuire fattivamente al raggiungimento complessivo degli obiettivi individuati per la stagione prossima. Il Campionato di serie D è una sfida inedita per questa Società, ed intendiamo farci trovare pronti. Le motivazioni ci sono e c'è anche la voglia di fare bene. Con questo nuovo innesto riteniamo di essere pronti per giocarcela contro chiunque".

FONTE: CalabriaGol.it


Calciomercato
FC Bari: in porta arriva l'ex laziale Alessandro Berardi
Dopo la cessione in prestito al Trapani di Jacopo Furlan, il club biancorosso ufficializza subito un nuovo estremo difensore di riserva


Redazione
22 agosto 2017 20:15
La casella lasciata sguarnita dal portiere di riserva Jacopo Furlan, ceduto ieri in prestito al Trapani, è stata subito riempita dalla dirigenza del Bari. Il club biancorosso, infatti, in serata ha ufficializzato l'acquisto di Alessandro Berardi, 26enne nato a Roma e cresciuto nel vivaio della Lazio.

Sebbene non abbia mai debuttato con la maglia biancoceleste, Berardi ha comunque acquisito esperienza tra i pro, indossando le maglie di Hellas Verona, Salernitana, Grosseto e Messina. Il classe '91, come si apprende dal sito dei galletti, ha firmato un contratto annuale.

FONTE: BariToday.it


UFFICIALE. Juan Manuel Iturbe al Club Tijuana
agosto 21, 2017


Iturbe riparte dal Messico. L’ex attaccante dell’Hellas Verona si trasferisce al Club Tijuana. Il comunicato ufficiale dell’operazione: "Il contratto prevede il prestito del giocatore al club messicano fino al 30 giugno 2018 e l’obbligo di acquisto dei diritti a titolo definitivo condizionato al verificarsi di determinate situazioni sportive. Iturbe, arrivato alla Roma nell’estate del 2014, ha collezionato 68 presenze e 5 reti in giallorosso".

FONTE: HellasLive.it

0 commenti:

Posta un commento

Supporta il blog BONDOLA/=\SMARSA!

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Dona 2 € chiamando il 45500 oppure usa il conto corrente denominato "REGIONE VENETO – VENETO IN GINOCCHIO PER MALTEMPO OTT. – NOV. 2018". Codice IBAN: IT 75 C 02008 02017 000105442360. Causale: "VENETO IN GINOCCHIO PER MALTEMPO OTTOBRE-NOVEMBRE 2018"

#BeneventoVerona GROSSO

#BeneventoVerona Matos


Archivio