Subscribe Us

#PescaraVerona #Playoff ...All'Adriatico-Cornacchia il VERONA ha un unico risultato ma l'mpresa è possibile perchè anche se i biancazzurri, per rendimento casalingo, arrivano subito dietro LECCE e BRESCIA, i gialloblù hanno ritrovato verticalità è certezze ma sarà necessario non sbagliare nulla dietro ed essere concreti davanti, magari con PAZZINI e DI CARMINE dall'inizio?


#PescaraVerona +   -   =

...All'Adriatico-Cornacchia di Pescara sarà record stagionale di presenze e non poteva essere altrimenti per il DELFINO che, partito in sordina, ha saputo riaccendere l'entusiasmo dei propri sostenitori; allo svantaggio ambientale si sommerà poi quello, senz'altro più pesante, dell'unico risultato a disposizione del VERONA, quella vittoria esterna in Abruzzo assente da poco meno di 23 anni per i gialloblù.

Impresa possibile? Anche sì perchè se è vero che i biancazzurri, per rendimento casalingo, arrivano subito dietro LECCE e BRESCIA avendo conquistato quasi il 70% dei 55 punti finali sul campo amico, è anche vero che i gialloblù hanno ritrovato con AGLIETTI verticalità è qualche certezza in più ma sarà necessario non sbagliare nulla dietro ed essere concreti davanti, magari con PAZZINI e DI CARMINE dall'inizio?
Per quanto c'è da perdere spero che il mister la veda così.

Precedenti
20esimo PESCARA-VERONA della storia con bilancio nettamente favorevole ai padroni di casa che hanno vinto in 7 delle 18 partite disputatesi all'Adriatico contro il DELFINO.
Recentissimo l'ultimo match finito 1 a 1 meno di un mese fa e prima d'allora, il 14 Gennaio 2012, i biancazzurri vincevano per 3 a 1 con ZEMAN in panchina a condurre i vari VERRATTI, IMMOBILE e INSIGNE alla meritatissima promozione finale.
Amari anche i playoff per la B del 2010 dopo un campionato condotto per quasi tutta la stagione dal VERONA di REMONDINA superato dal PORTOGRUARO nell'ultima partita della stagione regolare al Bentegodi e, con VAVASSORI in panchina, sconfitto nella finale all'Adriatico dopo il 2 a 2 dell'andata.
Solo 2 le vittorie dei gialloblù, l'ultima è del 10 Ottobre 1993 con Bortolo MUTTI a guidare i gialloblù e il giovane Pippo INZAGHI a firmare una doppietta, 9 i pareggi l'ultimo, a reti inviolate, il 30 Settembre 2006.

Prossimo match affidato alle cure del signor Eugenio Abbattista della sezione AIA di Molfetta.

Highlights dal pareggio dello scorso 27 Aprile griffato SOTTIL-FARAONI


QUI PESCARA
L'esterno d'attacco MARRAS sembra aver recuperato appieno dalla contusione al ginocchio mentre il difensore CAMPAGNARO ha lavorato a parte a causa di un affaticamento all'adduttore.

Probabile formazione
4-3-3 con Fiorillo; Balzano-Bettella-Scognamiglio-Del Grosso; Memushaj-Brugman-Crecco; Sottil-Mancuso-Marras.


QUI VERONA
AGLIETTI conta di recuperare DI GAUDIO mentre ZACCAGNI sarà ancora fuori per infortunio.

Convocati
Ancora fuori DI GAUDIO.

1. Silvestri, 2. Munari, 3. Vitale, 4. Henderson, 5. Faraoni, 6. Marrone, 7. Matos , 8. Gustafson, 10. Di Carmine, 11. Pazzini, 12. Ferrari, 14. Colombatto, 15. Balkovec, 16. Lee, 18. Lucas, 21. Laribi, 25. Danzi, 26. Berardi, 27. Dawidowicz, 28. Tupta, 29. Almici, 30. Bianchetti, 33. Empereur

Probabile formazione
4-4-2 con Silvestri; Faraoni-Dawidowicz-Empereur-Balkovec; Danzi-Henderson-Gustafson-Vitale; Pazzini-Di Carmine.

[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =

Mister PILLON tecnico del PESCARA «Tutti a disposizione, anche Campagnaro. Oggi ha lavorato e sarà con noi. Stanno tutti bene a livello fisico e mentale, è solo una questione di scelta e valutazioni. C'è dubbio tra Pinto e Del Grosso, il primo è in condizione e il secondo ha grande esperienza. Ma chiunque scelgo sto tranquillo. Non dobbiamo commettere l'errore di gestire la partita, dobbiamo fare gol perché sarebbe importantissimo. A Verona, in una partita molto bella sul piano agonistico e tattico, è mancato solo il gol ad entrambe. Il Verona è una squadra molto forte e costruita per vincere, ma se siamo là anche noi abbiamo qualche merito... Non mi aspetto un Verona diverso, con Aglietti si ha meno possesso palla e più rapidità. Il clima che si respira è buono, vedo tranquillità. Dobbiamo fare il 101%. L'affetto e la spinta del pubblico non è mai cambiata, domani più che mai sarà il dodicesimo uomo in campo. Aglietti avrà anche Di Gaudio? È un giocatore che cinsoco bene, punta l'uomo è ha grande qualità. Laribi ha altre caratteristiche. La finale? Guardo solo la nostra partita di domani, sono concentrato solo su quella e non voglio distrazioni. Dobbiamo chiudere meglio sui loro tiratori da fuori, noi siamo uniti e convinti delle nostre possibilità. Dobbiamo essere uniti. E dovremo capire i momenti della gara e come interpretarli. Due risultati su tre a disposizione? Dobbiamo giocarci la nostra partita senza fare barricate» PescaraSport24.it

Mister AGLIETTI «Il ritorno con il Pescara? Arriviamo con fiducia e con la consapevolezza della prestazione fatta all'andata, in cui purtroppo ci è mancato solo il gol. L'importante però è che abbiamo dimostrato di esserci a livello fisico, mentale e di gioco. Ora affronteremo una partita da dentro fuori, sappiamo quello che dobbiamo fare e andiamo dunque a Pescara per vincere. Indisponibili? Non riesco a recuperare né Di Gaudio né Zaccagni, perciò siamo gli stessi della scorsa partita, ma dobbiamo stringere i denti perché non si può stravolgere una squadra che comunque sta facendo bene. Si può valutare qualche cambiamento a centrocampo o davanti, considerato che iniziano a farsi sentire le quattro partite disputate finora, ma se vogliamo andare avanti non dobbiamo pensare a queste cose bensì arrivare freschi mentalmente alla partita di domani. Verona in credito con la fortuna? Fiorillo all'andata è stato il migliore in campo, anche se forse anche noi avremmo potuto fare meglio sugli ultimi passaggi, magari con un pizzico di fortuna in più per raccogliere ciò che purtroppo non siamo ci è riuscito al 'Bentegodi'» HellasVerona.it

Il presidente SETTI chiama tutti a raccolta «C'è un'altra battaglia da combattere, insieme. Certo, direte voi, cosa ce ne facciamo dell'appello del presidente contestato da oltre un anno? Niente, sicuramente. Ma ci tenevo comunque a scrivere queste poche righe, perché penso di essere una persona con dei difetti, come tutti, ma anche un uomo pronto a riconoscerli. Ho imparato nel tempo che per voi, che il Verona lo avete seguito su "campacci" incredibili, non è mai stato un problema di categoria. A, B o C, il tifoso gialloblù va allo stadio a vedere l'Hellas, non a guardare gli avversari. In fondo, era proprio questa passione viscerale, questa fede, che mi aveva fatto avvicinare a questo Club, fino a comprarlo 7 anni fa. E la fede nasce dall'identificazione con la squadra e il suo modo di essere e giocare, qualcosa che spesso è mancato negli ultimi tempi, ma che invece ho rivisto, forte e vivo, nelle ultime partite al Bentegodi contro Foggia, Perugia e Pescara. E adesso, appunto, c'è un'altra battaglia da combattere insieme. Insieme ai ragazzi, insieme al mister, insieme allo staff. La mia testa, il mio impegno, sono tutti qui, al Verona. Non certo al Carpi, come qualcuno si è divertito a scrivere in settimana. E adesso penso solo a questa partita, che può essere decisiva per il nostro futuro. Perché il Verona io lo voglio dove ho sempre voluto che fosse, in Serie A, dove siamo stati per 4 stagioni, dove questa piazza mancava da troppo. E' giusto che il mio operato venga giudicato di giorno in giorno, di dichiarazione (ne faccio poche) in dichiarazione, non mi sono mai sottratto alle critiche. Ma posso assicurare che la mia volontà è e resta quella di costruire un Verona vincente, sul campo e in società. A partire dalla decisiva trasferta di Pescara» HellasVerona.it

MANCUSO attaccante del PESCARA a 'Il Messaggero' «Non possiamo fare calcoli, difficile gestire la partita. C’è da giocarsela alla grande, dando tutto come abbiamo fatto al Bentegodi» Hellas1903.it

Alan EMPEREUR a La Gazzetta dello Sport «Il Messaggero”: “Non possiamo fare calcoli, difficile gestire la partita. C’è da giocarsela alla grande, dando tutto come abbiamo fatto al Bentegodi» Hellas1903.it



ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

CalcioMercato: La clamorosa trattativa per riportare il diesse SOGLIANO all'HELLAS si sarebbe fermata (e nel frattempo, dopo i contatti col VENEZIA, Sean sarebbe stato interpellato anche dal PADOVA) mentre, stando a quanto scrive TGGialloBlu.it, avrebbe preso maggiore forza quella di PERINETTI attuale Direttore Sportivo del GENOA; il motivo? Mister INZAGHI, presente al Binti anche nella prima semifinale playoff col PESCARA, sarebbe il prossimo tecnico scaligero che, guardacaso, con PERINETTI ha già ottimamente collaborato e il diesse dei Grifoni avrebbe messo il VERONA in cima alla sua lista dei desideri dopo che a fine stagione avrà abbandonato la squadra ligure...



IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

CAOS SERIE B: Contrordine, i playout si giocheranno! In attesa della sentenza sul PALERMO (il 29 Maggio) i giudici del TAR accolgono il ricorso del FOGGIA.



RASSEGNA STAMPA +   -   =