Le schede di B/=\S: Antonio DI GAUDIO

Pubblicato da Smarso lunedì 11 febbraio 2019 20:38, vedi , , , , , , , , , | Nessun commento

Nato a/il:Palermo (PA) il 16/08/1989
Nazionalità:Italiana
Contratto:Definitivo fino a Giugno 2021
Ruolo:Attaccante esterno
Altezza:169 Cm
Peso:63 Kg
Posizione:
CARRIERA DA GIOCATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Hellas VeronaGen. 2019 - 2019B14 (+2PO)1 (+0) 
Parma2018 - Gen. 2019A12 (+1CI)0 (+0) 
Parma2017 - 2018B365 
Carpi2016 - 2017B30 (+5PO +1CI)4 (+0 +0) 
Carpi2015 - 2016A29 (+2CI)3 (+1) 
Carpi2014 - 2015B36 (+1CI)8 (+0) 
Carpi2013 - 2014B36 (+1CI)3 (+0) 
Carpi2012 - 2013LP129 (+4PO +2CI)3 (+1 +2) 
Carpi2011 - 2012LP110 (+3PO +1CI)1 (+0 +0) 
Carpi2010 - 2011LP221 (+1CI)0 (+0) 
Virtus Castelfranco2009 - 2010D3810 
Virtus Castelfranco2008 - 2009D323 
Virtus Castelfranco2007 - 2008D258 
Palermo2006 - 2007Primavera-- 
LEGENDA: LP2=Lega Pro Seconda Divisione, CI=Coppa Italia, LP1=Lega Pro Prima Divisione, PO=Play Off

NEWS E CURIOSITÀ +   -   = 11 Febbraio 2019
Una vita a calcare i campetti di periferia ma qualche volta la vita premia la costanza e il lavoro portandoti a giocare in palcoscenici ben più importanti che solo pochi mesi prima parevano irraggiungibili... Questa è in estrema sintesi la storia del buon DI GAUDIO, partito da Palermo con la classica valigia di sogni destinazione Castelfranco Emilia: Tre stagioni in Serie D e poi l'approdo al CARPI protagonista di un'inarrestabile ascesa dalla Seconda Divisione di Lega Pro alla Serie A!
Il resto è storia recente col nostro al PARMA per un'altra pomozione e ora al VERONA in cerca di ulteriore gloria.
Antonio era già stato seguito quest'estate poi la scelta di D'AMICO era caduta su RAGUSA, ora a causa del brutto infortunio capitato a Tonino quella porta si è riaperta e l'esterno d'attacco ha colto al volo l'opportunità di tornare protagonista in una piazza che ha avuto modo di 'apprezzarlo' da avversario...

DI GAUDIO è un ala sinistra veloce e scattante, dotato di ottima tecnica sa creare superiorità numerica grazie al rapido dribbling e può destreggiarsi anche sulla destra per fornire assist dalle estreme oppure accentrarsi e provare il tiro.


DALLA SICILIA CON FURORE
Nato e cresciuto in un quartiere della popolosa Palermo, Antonio frequenta da piccolo l'A.S.D. CANTÈRA RIBOLLA per poi approdare alle giovanili rosanero dove rimarrà fino alla formazione Primavera e, appena maggiorenne, parte per il nord Italia, destinazione Castelfranco Emilia da dove inizierà la sua gratificante carriera da calciatore nella VIRTUS CASTELFRANCO in Serie D.

L'IRRESISTIBILE CAVALCATA AL CARPI
Nel 2010 l'arrivo all'ambizioso CARPI che macinerà promozioni in serie quasi matematica dalla Seconda Divisione di Lega Pro alla Serie A in cinque stagioni! L'approccio e l'impatto di Antonio sono sempre quelli: Lavoro e metodologia e nessun traguardo gli è precluso.
In un paio di stagioni diventa titolare inamovibile al Chèrp e dopo altre tre ecco il meritato sogno di ogni calciatore professionista: L'arrivo in Serie A!
A 26 anni Antonio debutta nel massimo palcoscenico calcistico il 23 Agosto 2015 in SAMPDORIA-CARPI e una settimana dopo, 6 minuti dopo il suo ingresso in campo, trova pure la via del gol per il momentaneo pareggio con l'INTER allo stadio di Modena dove gli emiliani giocano le gare casalinghe a causa dell'indisponibilità del Cabassi.
Lascia il CARPI al termine della stagione 2016-17 dopo 222 presenze e le vittorie di due campionati professionistici con i biancorossi.

PARMA E ORA VERONA
Stagione da protagonista anche quella del 2017-18 col PARMA dove DI GAUDIO trascina i ducali alla seconda promozione consecutiva con 5 gol ed è di nuovo Serie A ma l'esterno d'attacco non è tipo da mezze misure, dopo sole 12 presenze con i gialloblù emiliani preferisce tornare ad essere protagonista con l'HELLAS e scende di nuovo di categoria per compiere un'altra, l'ennesima impresa...

Qui trovate la pagina Instgram ufficiale del calciatore che però ha anche un profilo pubblico diverso sul popolare social.

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.it]

ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =

Antonio Di Gaudio
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Di Gaudio (Palermo, 16 agosto 1989) è un calciatore italiano, centrocampista o ala del Verona in prestito dal Parma.

Caratteristiche tecniche
Gioca prevalentemente da ala sinistra, ma può giocare sulla fascia opposta d'attacco, dotato di buonissima tecnica individuale, possiede buona abilità nel convergere per andare al tiro, rapido nei dribbling sa fornire molti assist ai compagni.

Carriera
Ha giocato nel settore giovanile del Palermo, fino alla squadra Primavera. Inizia la carriera calcistica nelle serie minori del campionato italiano, giocando per tre anni in Serie D con la maglia della Virtus Castelfranco.

Nel 2010 debutta in Lega Pro Seconda Divisione con il Carpi e nel 2013 ottiene la promozione in Serie B. L'annata seguente esordisce in Serie B il 24 agosto 2013 a Terni (Ternana-Carpi 1-0). Il 30 novembre segna il suo primo gol nella serie cadetta in Pescara-Carpi 4-2. Alla fine della sua prima stagione in Serie B, ottiene 36 presenze in campionato e 3 gol. Segna infatti in Carpi-Trapani 3-2 e nuovamente in Carpi-Pescara 2-0. Nella stagione successiva è tra i protagonisti della trionfale cavalcata del Carpi verso la Serie A. Il primo gol arriva alla quarta giornata in Carpi-Trapani 2-2. Successivamente è decisivo in Carpi-Pro Vercelli 1-0, Catania-Carpi 0-2 (realizza il vantaggio), Latina-Carpi 0-1 e Cittadella-Carpi 0-1. Chiude la stagione con 36 presenze e 8 reti, stabilendo il suo record da professionista.

Il 23 agosto 2015, all'età di 26 anni, debutta in Serie A in Sampdoria-Carpi 5-2, sostituendo Gagliolo al 60'. Il 30 agosto 2015, 6' dopo il suo ingresso in campo, sigla il suo primo gol in Serie A in Carpi-Inter 1-2, segnando il momentaneo pareggio nonché il primo gol realizzato in casa in Serie A nella storia della società carpigiana. Il 16 dicembre 2015 decide l'Ottavo di Finale di Coppa Italia 2015-2016 tra Fiorentina e Carpi (0-1), permettendo alla sua squadra di sbancare l'Artemio Franchi e di approdare ai Quarti di Finale. Il 20 marzo 2016 torna al gol nella vittoria per 1-2 in trasferta contro il Verona e segna in rovesciata nella vittoria casalinga per 4-1 contro il Genoa. Il Carpi, nonostante una grande rimonta, finisce al terzultimo posto, a -1 dal Palermo (39 punti contro 38), e ritorna in Serie B.

Il 15 ottobre 2016 Di Gaudio realizza la sua prima doppietta da professionista nella vittoria per 2-0 contro il Latina, nel giorno del tanto atteso ritorno allo Stadio Cabassi dopo oltre un anno passato al Braglia di Modena. Una serie di infortuni nei primi mesi del 2017 gli impedisce di giocare con continuità. Il 4 marzo, al Cabassi e dopo solo 44 secondi, trova la rete della vittoria contro lo Spezia. Torna disponibile nelle ultime fasi della stagione, mancando la promozione in Serie A solo dopo le due Finali Play-off contro il Benevento (0-0 al Cabassi e KO per 1-0 al Vigorito). Con il Carpi ha raccolto 222 presenze (undicesimo di sempre); inoltre lui, Pasciuti e Poli sono gli unici tre giocatori nella storia del Carpi ad aver vinto due campionati professionistici ovvero la Lega Pro Seconda Divisione nel 2011 e la Serie B nel 2015.

Il 26 luglio 2017 Di Gaudio si trasferisce al Parma, appena tornato in Serie B, e firma un contratto fino al 2020. Con 36 presenze e 5 gol contribuisce alla promozione dei ducali. La stagione seguente in Serie A fa solo 12 apparizioni.

Il 23 gennaio 2019 si trasferisce al Verona in B con la formula del prestito con obbligo di riscatto condizionato.

Palmarès
- Club
Competizioni nazionali
Lega Pro Seconda Divisione: 1 Carpi: 2010-2011 (girone B)
Campionato italiano di Serie B: 1 Carpi: 2014-2015

FONTE: Wikipedia.org


STAGIONE 2019-20 +   -   =
CALCIOMERCATO
Lista Hellas, fuori Di Gaudio, Badu e Crescenzi
06/09/2019 13:54
E’ stata ufficializzata la lista dell’Hellas per il campionato. Sono tre i giocatori esclusi (e non inizialmente due come nelle previsioni), questo perché Zaccagni in realtà non può essere considerato un giocatore cresciuto nel vivaio dell’Hellas. Così anche il centrocampista romagnolo va ad occupare la casella dei 21 over. Illimitati gli under 22. Esclusi tre giocatori, almeno fino a gennaio perché i posti erano tutti occupati: Di Gaudio, Crescenzi e Badu.

Ecco la lista ufficiale per la stagione 2019-2020. I calciatori sono 21, ma non essendoci il limite per gli under 22 la ‘rosa’ a disposizione di mister Juric è composta da altri 7 elementi, per un totale di 28 effettivi.

Giocatori formati nel vivaio di altro club nazionale (12): Marco Silvestri, Alessandro Berardi, Davide Faraoni, Mattia Zaccagni, Salvatore Bocchetti, Alan Empereur, Luigi Vitale, Daniel Bessa, Valerio Verre, Gennaro Tutino, Samuel Di Carmine, Giampaolo Pazzini

Altri elementi della ‘rosa’ (9): Boris Radunovic, Pawel Dawidowicz, Amir Rrahmani, Koray Gunter, Miguel Veloso, Liam Henderson, Darko Lazovic, Sofyan Amrabat, Mariusz Stepinski

Under 22 (7): Matteo Pessina, Claud Adjapong, Marash Kumbulla, Andrea Danzi, Lubomir Tupta, Eddie Salcedo, Wesley "Gasolina".

Fuori lista (almeno fino a gennaio): Alessandro Crescenzi, Antonio Di Gaudio, Emmanuel Badu.

Altri giocatori, inizialmente aggregati con la Primavera: Lucas, Jocic.
L.VAL.

FONTE: TGGialloBlu.it


PESCARA
03 settembre 2019 - 17:51
Pescara, Sebastiani: “Abbiamo fatto un buon mercato. Di Gaudio? Lo volevamo ma….”
Le parole del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, al termine del mercato estivo. Il numero uno dei delfini parla delle operazioni effettuate


[...] Il giocatore che abbiamo cercato è stato Di Gaudio, ho parlato con il Ds del Verona fino all’ultimo ma il giocatore non è voluto andare via e ha preferito provare a giocarsela là. Era il profilo che volevamo, non è stato possibile e abbiamo deciso di continuare con quello che abbiamo che è di qualità.

[...]

FONTE: MediaGol.it


Pescara tra Di Gaudio e Matos
agosto 27, 2019

Il club abruzzese sta trattando da giorni con l’Hellas Verona l’attaccante Di Gaudio. L’ingaggio importante dell’ex Parma non ha permesso però di chiudere la trattativa e per questo il Pescara ha chiesto informazioni all’Udinese su Matos, ex esterno d’attacco gialloblù.

FONTE: HellasLive.it


Pescara, Di Gaudio l’obiettivo principale per l’attacco
Di Patrizio Annunziata - 19 Agosto 2019

Il Pescara cerca in questi ultimi giorni di calciomercato di mettere a disposizione di Zauri qualche altra pedina utile a rinforzare il reparto offensivo e il nome che farebbe felice il tecnico è quello di Antonio Di Gaudio fresco di promozione con il Verona, ma che non rientra nei piani del tecnico Juric.

L’attaccante esterno classe ’89 ha una grande esperienza in cadetteria ma anche un ingaggio non alla portata del Pescara, che comunque non molla la presa e sta cercando di trovare un’intesa sia con il calciatore, sia con la società scaligera.

Questa è un’operazione che potrebbe chiudersi anche negli ultimi giorni di mercato, ma resta in piedi anche il ritorno di Cristian Pasquato attualmente svincolato e quindi molto più accessibile per il “Delfino“.

FONTE: CalcioNewsWeb.it


CALCIOMERCATO
06 agosto 2019 - 09:55
Di Gaudio, settimana decisiva per la cessione
Frosinone ma soprattutto Pescara sull’esterno del Verona

di Redazione Hellas1903

L’edizione odierna della Gazzetta dello Sport fa il punto riguardo la situazione di Antonio Di Gaudio.
L’attaccante, riscattato dal Parma in seguito alla promozione in Serie A, è in uscita dal club gialloblù: i due club che si sono fatti avanti sono stati il Frosinone e il Pescara.
Come riporta il quotidiano sportivo, questa sarà la settimana decisiva per la cessione di Di Gaudio: il Pescara è in vantaggio, ma il nodo decisivo è lo stipendio del giocatore, ritenuto troppo alto dal club abruzzese.

FONTE: HellasLive.it


Di Gaudio interessa al Pescara
agosto 1, 2019

Antonio Di Gaudio è uno di quelli candidati a cambiare maglia in questa sessione di mercato. Dopo l’interesse del Frosinone, si registra anche quello del Pescara come conferma il Corriere dello Sport per l’ex Parma.

Di Gaudio in uscita
luglio 23, 2019

L’attaccante dell’Hellas Verona, Antonio Di Gaudio, in questa sessione di mercato con tutta probabilità cambierà casacca. Le offerte non mancano per l’ex Parma dalla serie cadetta.

FONTE: HellasLive.it


Ecco perché D’Amico è in pressing su Ciano
By Redazione - 22 Luglio 2019
Camillo Ciano vuole la Serie A [...]

Il Parma ha fatto un sondaggio, il Lecce ha chiesto informazioni, l’Hellas è andato sul concreto: prima ha offerto uno scambio alla pari con Di Gaudio (rifiutato dai ciociari), poi ha rilanciato con un’offerta economica importante (si parla di 1,8 milioni di euro), ma il Frosinone resiste.
Ciano verrebbe a Verona di corsa, proprio per questo la trattativa potrebbe concludersi con il lieto fine, magari con un’offerta mista: Di Gaudio più consistente conguaglio.

[...]
Damiano Conati

Di Gaudio in uscita. Due gialloblù alla finestra
By Redazione - 18 Luglio 2019

Non ha giocato le prime due amichevoli e non è un’ala adatta al gioco di Juric che predilige maggiormente esterni che vadano sul fondo a crossare che mezzepunte adattate in fascia. Totò Di Gaudio è in uscita e su di lui ci sono Juve Stabia e Frosinone. Le due gialloblù offrono proposte allettanti: la prima è una neopromossa che permetterebbe a Di Gaudio di tornare a giocare al sud, lui che è cresciuto nel Palermo, e che farebbe di lui la punta di diamante dell’intera squadra. La seconda invece concorre per la Serie A e potrebbe offrire a Di Gaudio l’opportunità di centrare la promozione per tre anni consecutivi con tre maglie diverse. Tutte e tre ovviamente del colore gialloblù.

Damiano Conati

FONTE: HellasNews.it


STAGIONE 2018-19 +   -   =
NEWS
18 giugno 2019 - 14:13
Verona, conferma per Di Gaudio
Il giocatore, riscattato per 300mila euro, resta all’Hellas

di Redazione Hellas1903

Resterà al Verona, Antonio Di Gaudio.
Questa è la linea del club, dopo che il cartellino del giocatore, ingaggiato a gennaio, è stato riscattato per 300mila euro dal Parma, dopo la promozione in Serie A.

FONTE: Hellas1903.it


MERCATO
L'Hellas Verona riscatta Di Gaudio: 300mila euro al Parma
08.06.2019 16:01 di Alessandro Tedeschi Twitter: @tedo95
Il riscatto di Antonio Di Gaudio da parte dell'Hellas Verona era ormai cosa nota da tempo, dalla certezza della promozione in Serie A degli scaligeri.

Ma oggi il Corriere del Veneto, nella sua edizione veronese, ha reso note le cifre del riscatto: circa 300mila euro la cifra versata nelle casse dei crociati.

Il Parma si libera così di un ingaggio pesante come quello di Antonio Di Gaudio che era arrivato a Parma per una cifra vicina al milione di euro dal Carpi.

FONTE: ParmaLive.com


CALCIOMERCATO
Di Gaudio, niente Bari: pronto un biennale con l’Hellas
L’esterno offensivo è stato riscattato dal Verona dopo la promozione in Serie A e adesso prolungherà il suo contratto fino al 2021

di Redazione giugno 7, 2019 - 11:17

Come riportato da Il Corriere dello Sport, con la promozione in Serie A dell’Hellas Verona è tramontata l’idea Antonio Di Gaudio per il Bari. La società gialloblù ha riscattato il classe 1989 dal Parma e adesso offrirà al giocatore un biennale da mezzo milione di euro a stagione. In questa seconda parte di stagione l’ex Carpi ha collezionato 16 presenze e 1 gol nel campionato cadetto.

FONTE: CalcioHellas.it




🅰️ 💛💙 #hellasverona #3promozione #folli🅰️ #vita

Un post condiviso da Antonio Di Gaudio (@totodigaudio) in data:



SERIE C
Bari, per il mercato pronti 10 milioni: Poli e Di Gaudio i primi colpi?
31.05.2019 15:19 di Tommaso Maschio
Il Bari è pronto a investire pesantemente sul mercato per rinforzare la rosa e puntare subito alla promozione in Serie B.
Come scrive l’edizione pugliese de La Gazzetta dello Sport il club di De Laurentiis avrebbe pronti da investire 7-10 milioni di euro per allestire un organico di primo livello con i primi colpi che potrebbero arrivare dalla Serie B: si tratta dell’esterno offensivo Antonio Di Gaudio dell’Hellas Verona e del difensore Fabrizio Poli del Carpi.

SERIE C
Bari, il club sogna un doppio colpo dal Parma: Di Gaudio e Machin
26.05.2019 23:44 di Dimitri Conti Twitter: @dimitri_conti
Il Bari si sta preparando a tornare tra i professionisti per disputare il prossimo campionato di Serie C, che i pugliesi vorrebbero condurre già ai vertici della categoria. Per farlo, si legge su metropolitanmagazine.it, sogna un doppio colpo dal Parma: l'attaccante esterno Antonio Di Gaudio, prestato al Verona in B nella seconda parte di questa stagione, e il centrocampista Jose Machin, arrivato a gennaio dal Pescara.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Serie B
Di Gaudio e "papà" Zammitti: "Quel pianto al muretto segnò la sua strada"
04/04/19 22:15 | Interviste | Autore: Redazione

Palermo-Verona sarà una partita con tanti doppi ex in campo, ma in questo gruppo non rientra colui che sentirà più di tutti questo incontro: Antonio Di Gaudio. Classe 1989, nativo di Borgo Nuovo, l'esterno ha soltanto sfiorato il rosanero da giovane, quando - come raccontato da lui - scavalcava le recinzioni della vecchia Favorita per andare a vedere i suoi idoli Cappioli e La Grotteria. Una maglia indossata anche da calciatore da parte di Di Gaudio, sedotto e abbandonato da quei colori che rappresentano adesso soltanto la squadra della sua città e non più la sua squadra del cuore.


A 17 anni, infatti, il Palermo decise di "scartare" Di Gaudio a pochi giorni dal ritiro con la Primavera. Una notizia che portò l'esterno palermitano a piangere seduto su un muretto del centro sportivo Louis Ribolla, lì dove tutto iniziò con quello che lo stesso Di Gaudio definisce un suo secondo padre: Salvatore Zammitti. "Senza quell'evento magari non sarebbe diventato il giocatore che è oggi - racconta Zammitti a Gianlucadimarzio.com - Quel muretto si è rivelato il suo trampolino di lancio dopo un anno dove lo vidi piangere tante volte. Lì promise che avrebbe giocato almeno una partita in Serie A, quello che ha promesso l'ha mantenuto".

Oggi allenatore del settore giovanile del Palermo, Zammitti è stato definito in una recente intervista da parte di Di Gaudio il padre che non ha mai avuto: "Ancora oggi sono l'unico che lo chiama Antonio e non Totò - aggiunge - Il fatto che mi abbia definito così è un qualcosa che mi inorgoglisce, sto raccogliendo queste piccole soddisfazioni che possono essere di un papà, che materialmente non sono, che vede raggiungere da parte del proprio figlio l'obiettivo che aveva sin da piccolo e che non ha mai smesso di credere in questo suo progetto".


Un progetto iniziato da bambino, quando viene adocchiato tra le strade di Borgo Nuovo per essere portato all'interno della scuola calcio di Totò Schillaci: "In quel periodo non c'erano tante scuole calcio - racconta Zammitti - Lì non ha mai pagato per allenarsi e giocare". Le qualità di Di Gaudio sono subito emerse, un crescendo dai pulcini fino alla vittoria del campionato regionale allievi con la maglia della U.S. Palermo, proprio con Zammitti allenatore: "Lui era la ciliegina sulla torta di quella squadra - ammette - Vincemmo il titolo regionale grazie ad una sua doppietta in finale, fino ad arrivare alle semifinali per lo scudetto. Di Gaudio aveva qualcosa in più degli altri grazie alla fantasia e alla destrezza nel saltare l'avversario".

Dal Ribolla al Palermo, un fallimento che lo porta verso l'Emilia Romagna dove trova la sua seconda casa. La prima tappa a Castelfranco Emilia in Serie D, poi Carpi con il quale corona il sogno della Serie A. "Voleva fare calcio ed era convinto - prosegue Zammitti - Lui dovrebbe giocare ancora oggi in Serie A, ha fatto una scelta andando a Verona e va rispettata. Secondo me giocherà fino a 40 anni, ha la qualità, forza mentale e cultura dell'allenamento. In estate mi manda i video dei suoi allenamenti". Un simbolo della perseveranza, quella che ha portato Di Gaudio ad essere il giocatore che è oggi alla vigilia del suo ritorno a Palermo da avversario (imbattuto contro i rosanero), a caccia del primo gol esterno con la maglia del Verona.
di Giovanni Mazzola


FONTE: GianlucaDiMarzio.com


Di Gaudio: «Palermo, perché? In rosanero mi dissero “smetti”: mi sentii morire. Quando ci gioco contro…»
6 MARZO 2019 di Redazione Ilovepalermocalcio

L’edizione odierna della “Gazzetta dello Sport” riporta un’intervista ad Antonio Di Gaudio, attaccante palermitano dell’Hellas Verona. Ecco quanto affermato: «Vittoria contro il Venezia? Tre punti fondamentali dopo Lecce: una sconfitta che ci aveva tagliato le gambe. Non era facile ripartire subito».

Però lei, che è di Palermo, ha segnato anche a Catania… «Sì, l’anno della promozione in A col Carpi. Avevo fatto 62 accrediti per i miei amici di Palermo, sono venuti a Catania con un pullman e allo stadio hanno fatto un settore tutto per loro. Ho segnato e sono corso da loro, emozione unica».

Tutto cominciò a Palermo. «Sono nato a Borgonuovo, in mezzo a quattro quartieri, in una periferia non tanto bella,nelle case della Posta. Lì mi conoscono tutti». La prima squadra è stata la Ribolla, quella di Schillaci.
«Mister Salvatore Zammitti, oggi al Palermo, è il padre che non ho mai avuto. Giocavo per strada, mi ha visto ed è stato una guida per me. Ha scoperto tanti talenti, è un fenomeno».

E poi la prese il Palermo. «Giocavo poco, non ho mai capito i motivi, mi davano spiegazioni strane. Poi, prima di andare in ritiro con la Primavera, mi hanno detto che era meglio se smettevo. Avevo 17 anni, mi hanno ammazzato, ho pianto come quando è morta mia nonna. Mi avevano voluto a tutti i costi. Incredibile».

Del Palermo era anche tifoso? «Come no. Scavalcavo al Barbera con mio fratello, eravamo matti. Tifavo per Cappioli e La Grotteria. Ma dopo essere stato scartato, basta. E’ la mia città, ci abitano i miei cari, ma quando ci gioco contro…».

Succederà ancora l’8 aprile: Palermo-Verona. «L’anno scorso ho vinto col Parma. Non vedo l’ora: certo, mi serviranno un po’ di accrediti… Ma ancora c’è tempo».

Lei giocava a Carpi e la sua fidanzata era a Palermo. Una storia d’amore d’altri tempi… «Siamo stati fidanzati a distanza per otto anni. Le famiglie sono all’antica. Maria è venuta a Carpi quando ci siamo sposati».

Poi è nato Emanuel. «Ho un tatuaggio per lui, con una frase di mia madre, la A di Carpi e di Parma. C’è spazio per la terza. Se Dio vuole…».

FONTE: ILovePalermoCalcio.com


DI GAUDIO: «VITTORIA IMPORTANTISSIMA, A PERUGIA UN’ALTRA BATTAGLIA»
03/MARZO/2019 - 23:45
Verona - Le principali dichiarazioni dell'attaccante gialloblù Antonio Di Gaudio, rilasciate al termine di Hellas Verona-Venezia, 27a giornata della Serie BKT 2018/19.

«Il gol e la vittoria? Sono contento di essermi sbloccato, ma soprattutto perché abbiamo portato a casa tre punti fondamentali. Era un derby, ci tenevamo a vincere per noi stessi e per la città, dobbiamo continuare a mettere insieme più punti possibili per continuare a scalare. I punti fanno classifica? Quest'anno non ci sono partite scontate, ci sono tanti organici forti e venerdì ne affronteremo uno dei migliori come il Perugia. Non sarà facile perché anche loro arrivano da una bella vittoria, dobbiamo pensare subito a questa partita. Il vero Di Gaudio? Per noi è un'opportunità poter ricoprire un ruolo da protagonisti in questo campionato, per i più grandi e per i più piccoli. Dobbiamo cercare di mettere subito in cascina questi tre punti e pensare subito alla prossima senza pensare all'obiettivo finale: andiamo avanti una per una. Il Verona deve rimanere aggrappato? Noi pensiamo a noi stessi, cercando di rimanere vicini alle prime posizioni, ma ripeto: pensando partita dopo partita. Le difficoltà nella ricerca della continuità? Dobbiamo cercarla in settimana con il lavoro e l'allenamento, poi è chiaro che il giorno gara ci vuole qualcosa in più. Con grandi prestazioni e fiducia poi emerge anche la qualità dei ragazzi della nostra rosa, come oggi per Balkovec ed Henderson, che hanno fatto una grandissima prova e ci hanno dato una mano rispondendo presente. Questo gruppo ce la farà? Dalla mia esperienza mi sento di dire che non si vince solo con il grande organico, ma con qualcosa in più che ho trovato anche qui a Verona: lo staff è importante, il mister è veramente bravo e il gruppo è ottimo, ma non dobbiamo pensare all'obiettivo finale bensì a fare bene giorno dopo giorno».

FONTE: HellasVerona.it


Grande vittoria! 💛💙 #hellasverona #hellasveronasalernitana #3punti

Un post condiviso da Antonio Di Gaudio (@totodigaudio) in data:





Di Gaudio all’Hellas Verona: le cifre
gennaio 25, 2019

L’Hellas Verona, per mettere a disposizione di Fabio Grosso l’attaccante Antonio Di Gaudio, da quanto appreso da Hellas Live, ha chiuso l’operazione col Parma sulla base del prestito oneroso, con obbligo di riscatto in caso di Serie A. Un’operazione vicina ai 600.000 euro totali.

FONTE: HellasLive.it


SERIE A
TMW - Hellas, si avvicina l'arrivo di Di Gaudio
22.01.2019 00:32 di Marco Frattino Twitter: @MFrattino
Fonte: Michele Criscitiello
Antonio Di Gaudio è vicino all'approdo all'Hellas Verona. Secondo quanto raccolto da TMW, il centrocampista ex Carpi è pronto a salutare il Parma per tornare in Serie B. In questa stagione il classe '89 ha collezionato dodici presenze in Serie A per un totale di 705' trascorsi in campo.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


15.01.2019 | 11:09
Esclusiva: Di Gaudio-Verona, trattativa in stato avanzato

Antonio Di Gaudio al Verona: siamo entrati nel vivo. La trattativa con il Parma è in uno stato avanzato e si può arrivare rapidamente alla definizione. Non a caso il Parma si è mosso per un esterno (El Kaddouri) e prenderà un altro attaccante (piace molto Stepinski del Chievo) quando sbloccherà la vicenda Ceravolo. Intanto, Di Gaudio si avvicina sempre più al Verona.

FONTE: AlfredoPedulla.com


DI GAUDIO: «VERONA, CHE OPPORTUNITÀ. TUTTO ME STESSO PER L'OBIETTIVO DELL'HELLAS»
25/GENNAIO/2019 - 13:30
Verona - Le principali dichiarazioni di Antonio Di Gaudio, rilasciate durante il Media Event dedicato alla presentazione ufficiale.

«Perché ho scelto il Verona? È una piazza pazzesca, già quest’estate c’era stato un interessamento ma il Parma mi aveva voluto tenere e così ho giocato le mie 12 partite in Serie A. Adesso ho fatto di tutto per venire, e da lunedì sarò lì davanti coi compagni a combattere per raggiungere l’obiettivo. Io sono venuto qui per dare tutto me stesso, dalla testa ai piedi, per portare a casa l’obiettivo e potermi quindi giocare la Serie A in una piazza così importante. La prima impressione? Del mister me ne avevano parlato molto bene, mi è piaciuto il discorso che ha fatto a tutta la squadra perché è stato molto diretto. Oltre a questo, ho visto in lui idee di gioco importanti, degne di grandi categorie. Ora bisogna pensare già a lunedì, il gruppo è valido e abbiamo tutto per fare bene. Cosa manca al Verona? In un campionato i blackout sono normali, li hanno tutti. Io l’ho vissuto col Parma, la scorsa stagione: abbiamo attraversato un momento molto duro all'inizio del girone di ritorno, ma siamo stati bravi a restare compatti. Bisogna rimanere lucidi, il gruppo è abbastanza giovane e i ragazzi con più esperienza dovranno essere bravi a trascinare gli altri. Il mio ruolo? Io sono un esterno d’attacco, solitamente gioco a sinistra perché mi piace rientrare col destro, ma ho fatto anche l’esterno di centrocampo. Le qualità per fare il salto? Non posso dire come si vince il campionato, ma sicuramente servono motivazione e cattiveria che vanno allenate quotidianamente. Bisogna stare concentrati e uniti, soprattutto nei momenti di difficoltà. Io sono venuto qui per tutto, per la fame che ti porta avanti nel calcio come nella vita. Ho visto la partita col Padova, è stata brutta, ma sono abituato a pensare subito a quella successiva».

UFFICIALE: DI GAUDIO È GIALLOBLÙ
23/GENNAIO/2019 - 18:00

Verona - L'Hellas Verona FC comunica di aver acquisito, a titolo temporaneo con obbligo di riscatto, le prestazioni sportive del calciatore Antonio Di Gaudio dal Parma Calcio 1913. L'attaccante ha scelto la maglia numero 23.

FONTE: HellasVerona.it

Antonio Di Gaudio - Goals, Skills & Assists (Carpi 2015/16)Verona-Carpi Eurogol Di Gaudio

PRIMA DI VERONA +   -   =
ALTRE NEWS
26 dicembre 2018 - 08:42
Il Parma dell’incubo Di Gaudio: ha già fatto male ai viola nel mese di dicembre…
L’attaccante parte dietro a Gervinho e Biabiany nel ballottaggio per un posto al ‘Franchi’

di Alessandro Nepi
Correva l’anno 2015, la Fiorentina ospitava il Carpi nel bel mezzo della lotta per il titolo di “campione dell’anno solare”. I viola di Sousa, al secondo posto in campionato, avrebbero potuto agganciare matematicamente la Juventus per punti conquistati nei dodici mesi. Tra la Coppa Italia e la formazione del tecnico lusitano si frappose Antonio Di Gaudio, che con il proprio zampino eliminò Firenze dalla competizione, bloccandone i sogni di gloria. E proprio Di Gaudio sarà al ‘Franchi’ per Fiorentina-Parma: dovrebbe partire dalla panchina, e i più scaramantici fanno gli scongiuri.

FONTE: ViolaNews.com


6 Aprile 2018
ANTONIO DI GAUDIO…CONOSCIAMOLO MEGLIO

È uno che nasce tra terra, sassi, sole e pallone. È uno di quelli che calciando qua e là nelle più strette strade di Palermo arriva sui più prestigiosi campi di Serie A. È uno di quelli, Antonio Di Gaudio, che sogna in grande e da grande, a 26 anni, realizza uno dei suoi sogni, si uno dei tanti.

Nato il 16 agosto del 1989, non doveva far poi così fresco quel giorno a Palermo, Totò come lo chiamano a casa ha una passione irrefrenabile: la palla, e non il pallone. Sembra una cosa da poco conto, ma la palla, come la chiamano i bambini a 3-4 anni, per lui è tutto. Corre, cade, segna e sogna di arrivare a giocare contro la Juventus. Muove i suoi primi passi nel calcio vero indossando la maglia del Ribolla con in panchina uno che i giovani li conosce bene e forse, rappresenta per molti, più di un allenatore: Salvatore Zammitti. Cresce e arriva ad indossare la maglia rosanero nella categoria Giovanissimi insieme ad Emanuele Terranova e Davis Curiale. Da qui in avanti poche maglie ma tutte importanti per la sua crescita umana e calcistica. Va a farsi le ossa in Serie D indossando per 3 stagioni la maglia della Virtus Castelfranco, per un palermitano l’umidità della pianura Padana è già di per se un bel sacrificio. A giugno del 2010 arriva la chiamata del Carpi e nei sette anni in bianco rosso diventa una bandiera vera e propria. 222 presenze 22 gol e uno degli unici 3 giocatori ad ottenere la doppia promozione tra i professionisti, prima la Lega Pro e poi nel 2015 la vittoria nel campionato di Serie B. Per Totò si avvera un sogno!

La festa promozione per lui significa molto. Il palco della premiazione infatti diventerà lo scenario perfetto per coronare nel giugno dello stesso anno il suo secondo sogno, si proprio sul palco dei vincitori Antonio sposa sua moglie Maria che qualche mese più tardi gli regalerà il suo terzo sogno: Emanuel. I sogni in quei mesi sembrano non finire più e così il 23 agosto del 2015 Totò scende in campo a Marassi in una gara di Serie A. Direte be’ è finita qui, e invece no. Dopo appena una settimana, il Carpi è chiamato ad ospitare l’Inter e Antonio che sognava nelle stradine afose di Palermo, realizza il primo gol in Serie A del Carpi. Uno di quei gol che rimangono nella storia, negli occhi e nella mente di tanta gente che come lui sogna e vive di sogni.

Il 26 luglio del 2017 arriva la chiamata del Parma e dopo la lunga ed importante parentesi in biancorosso, la città ducale ha la meglio. Qui 28 presenze, 2 reti e tanti attestati di stima da godere insieme alla sua famiglia. Insieme a Maria ed Emanuel. Lui che prova il destro, poi il sinistro e sogna come il papà, di giocare, un giorno, in Serie A.
Jacopo Gismondi

FONTE: FrosinoneCalcio.com


Mercato: Di Gaudio al Parma

CARPI – Il Carpi FC 1909 comunica la cessione a titolo definitivo del diritto alle prestazioni sportive di Antonio Di Gaudio al Parma Calcio.

A Totò, bandiera biancorossa con 26 gol in 222 partite e tre promozioni conquistate dalla C2 alla A, va l’augurio di ottenere le migliori soddisfazioni nel prosieguo di carriera.

FONTE: CarpiFC.com


Parma, arriva Di Gaudio
Altro rinforzo in attacco per i crociati: l'esterno offensivo saluta Carpi dopo sette stagioni.


[...] Intanto, ecco un altro rinforzo per l’attacco, il terzo considerando l'acquisto di Siligardi: a disposizione di D’Aversa arriva Antonio Di Gaudio.

L’esterno offensivo siciliano classe ’89, destro naturale, lascia il Carpi dopo 7 stagioni durante le quali ha vissuto la scalata dalla Seconda Divisione della Lega Pro alla Serie A e ha firmato con il Parma fino al 2020.

Dopo le visite mediche Di Gaudio raggiungerà i compagni nel ritiro trentino.

[...]

FONTE: SPortal.it


Carpi-Spezia 1-0 | Al Carpi basta il gol lampo di Di Gaudio
Spezia battuto di misura al Cabassi con una rete dopo 44 secondi. Biancorossi in sofferenza solo nel finale

Stefano Castellitto
04 marzo 2017 17:11

Quanto pesi questo successo ai danni dello Spezia lo sanno bene i tifosi del Carpi, che hanno salutato l’1-0 con un urlo liberatorio, quello dei bei tempi. Seconda vittoria di fila al Cabassi per il Carpi che ottiene i tre punti con un gol del rientrante Di Gaudio che da due mesi non giocava titolare. Per la squadra di Castori si tratta di un successo dal valore inestimabile, perché consente ad una squadra che aveva vinto una sola volta nelle precedenti dieci, di tornare a sorridere ed a guardare la classifica con un pizzico di ottimismo, forte di una difesa che si è di nuovo ricompattata dopo gli errori di Chiavari, senza reti al passivo nelle ultime due gare.

La “crescita” intravista da Castori a Pisa ha trovato conferma sul campo. Quota 40 permette poi al Carpi di guardare di nuovo davanti in classifica (a 42 inizia la zona play-off). A Latina, sabato prossimo, l’occasione per chiudere quasi del tutto il discorso relativo alla tranquillità: i pontini, in zona play-out, hanno nove punti di meno.

Castori ritrova per intero la coppia centrale titolare, perde Bianco (mal di schiena, neanche in panchina), ma ritrova Di Gaudio sull’out sinistro a supportare la coppia-gol Mbakogu Lasagna. E non è poco, perché Totò imprime subito il suo marchio di fabbrica sul match, sfruttando un’intelligente “spizzata” di Mbakogu e infilandosi a tutta velocità sulla fascia di competenza, trovando quindi il destro giusto che buca Chichizola. E’ il gol n.22 per l’estrerno palermitano in 191 presenze, il quarto quest’anno dopo la doppietta al Latina e quello a Salerno. Il gol a freddo sortisce il duplice effetto di irrobustire l’autostima dei biancorossi e disorienta gli uomini di Di Carlo, costretti a fare tutta un’altra gara rispetto a quella preparata in settimana. I biancorossi hanno energie da vendere per pressare altissimo e non far ragionare lo Spezia.

[...]

FONTE: ModenaToday.it


CARPI-LATINA 2-0: GIOIA AL CABASSI E MAGIE DI DI GAUDIO PER IL TERZO POSTO
15 OTT 2016 POSTED BY SANTIAGO FAVILLA

Il Carpi ha battuto 2-0 il Latina ed è tornato ad esultare dopo oltre un anno con tutto il suo Stadio Cabassi grazie alla doppietta di Di Gaudio (5′ e 53′ con uno splendido destro a giro dal limite). Gara senza particolari problemi per i biancorossi che hanno controllato e colpito nei momenti giusti, agli inizi dei due tempi. “Bentornati al Sandro Cabassi” è stato uno dei tanti cori urlati da una festante Curva Ovest. Non si poteva sperare in un ritorno migliore. Ora il Carpi, alla seconda vittoria consecutiva dopo l’1-0 a La Spezia, è terzo in classifica, ha 16 punti (a -4 dalla nuova capolista Verona) e sabato prossimo andrà a Ferrara contro la SPAL che ne ha 12 e sta affrontando un campionato molto equilibrato.

93′ FINITA!!!!! FINISCE 2-0 PER IL CARPI CONTRO IL LATINA E INAUGURA ALLA GRANDE IL NUOVO CABASSI.

[...]

CARPI-GENOA 4-1: POKER STORICO PER SOGNARE ANCORA
16 APR 2016 POSTED BY SANTIAGO ROQUE FAVILLA

Il Carpi si sblocca come non mai in questa Serie A battendo il Genoa per 4-1, ancora in rimonta come nel 2-1 dell’andata al Ferraris. Una vittoria da record perché non solo è la settima in campionato ma è soprattutto la prima e la più larga visto che non registra sul tabellino il 2-1. Una prestazione maiuscola quella dei biancorossi, aggressivi e determinati dal primo minuto. Incredibilmente il primo gol lo aveva trovato il Genoa con Pavoletti al 36′. Il Carpi non si è arreso e al 46′ Izzo, già ammonito, ha visto il secondo giallo e il rosso per un fallo su Letizia diretto in porta. Qui è cominciata una rimonta da urlo: nei minuti finali di recupero Di Gaudio in rovesciata e Lollo hanno cambiato la rotta e fatto esplodere il Braglia. Al 49′ Pasciuti ha stampato il 3-1 dando maggiore sicurezza. Il Genoa ha caricato a testa alta senza trovare un altro gol. Il poker, fallito in due occasioni da Lasagna, lo ha trovato Sabelli all’88’ (primo gol in A per l’ex Bari). Un giorno di gloria per il Carpi che, dopo due sconfitte tristi contro Sassuolo e Chievo, ha rialzato la testa con cattiveria e ora sale a 31 punti, resta quartultimo (il Palermo, 28, giocherà domani in casa della Juventus) giovedì sera farà visita al Milan al Meazza. Il sogno continua e bisogna crederci sempre di più.

92′ FINITAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!! IL CARPI HA VINTO PER 4-1 CONTRO IL GENOA!!!!!!!!!!

[...]

FIORENTINA-CARPI 0-1: DI GAUDIO APRE LE PORTE DEI QUARTI DI FINALE
16 DIC 2015 POSTED BY SANTIAGO ROQUE FAVILLA

Il Carpi segue le orme di Alessandria e Spezia e agli Ottavi di Finale butta fuori dalla Coppa Italia la Fiorentina, battuta al Franchi per 1-0 da un gol in contropiede di Di Gaudio al 76′, bravo a puntare Tomovic a sinistra dopo un passaggio di Lollo e a beffare Sepe con un destro a giro perfetto. Nei Quarti di Finale i biancorossi giocheranno contro la vincente di Sampdoria-Milan. Tante le occasioni per le due squadre (palo di Gagliolo, traversa di Badelj), ma l’altra grande figura del match è stato Brkic con almeno quattro parate decisive. Grande la prova dei ragazzi di mister Castori, mai andati così lontano in questa competizione e che si presentano con un buon biglietto da visita contro la Juventus.

TABELLINO
FIORENTINA-CARPI 0-1 (Coppa Italia 2015-2016 – Ottavi di Finale)
Reti: 76′ Di Gaudio (C).

FIORENTINA (4-2-4): Sepe; Tomovic, G. Rodriguez, Astori, Pasqual (55′ Alonso); Badelj, Vecino (79′ Rossi); Bernardeschi, Kalinic, Babacar, Rebic (46′ Ilicic). A disp.: Tatarusanu, Lezzerini, Gilberto, Roncaglia, Verdu. All.: Sousa.

CARPI (4-4-2): Brkic; Zaccardo, Romagnoli, Gagliolo (83′ Spolli), Gabriel Silva (73′ Cofie); Letizia, Lollo, Marrone, Di Gaudio; Matos, Borriello (66′ Mbakogu). A disp.: Belec, Bianco, Lazzari, Pasciuti, Martinho, Lasagna. All.: Castori.

Arbitro: Andrea Gervasoni di Mantova.
Ammoniti: Badelj (F), Tomovic (F), Gabriel Silva (C), Marrone (C), G. Rodriguez (F), Matos (C), Mbakogu (C).
Espulsi: 94′ G. Rodriguez (F) e Mbakogu (C) per doppia ammonizione.
Recupero: 1′ p.t.; 4′ s.t.

95′ FINITAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!! IL CARPI VOLA AI QUARTI DI FINALE DELLA COPPIA ITALIA!!!!!!!!!!!!!!!!!! FIORENTINA BATTUTA AL FRANCHI PER 1-0 CON GOL DI DI GAUDIO!!!!!!!!!!!!!!!! GRANDIOSI I RAGAZZI DI MISTER CASTORI!!!!!!!!!!

[...]

FONTE: IlMostardino.it


04 agosto 2015 - 09:27
Benvenuti in A – Antonio Di Gaudio, l’attaccante aggiunto
Alla scoperta dell’ala del Carpi, una delle possibili sorprese di questo campionato.

di Andrea Riefolo, @Andrea_Rie2

Eccoci al nuovo appuntamento della rubrica “Benvenuti in A”, la redazione di fantamagazine.com vi vuole presentare l’ala del Carpi: Antonio Di Gaudio.

Titolarità: Buono
Salute: Ottimo
Bonus: Buono
No Malus: Buono
Lega a 8: 8° slot
Lega a 10: 6/7° slot

La storia di Di Gaudio
Antonio Di Gaudio, nato a Palermo il 16 Agosto del 1989, muove i suoi primi passi da calciatore nel settore giovanile del Palermo. Finiti i due anni di Primavera, non viene riconfermato in prima squadra, così riparte dal Virtus Castelfranco in serie D. Con la squadra emiliana disputa tre anni a buoni livelli che gli permettono di arrivare in doppia cifra nell’ultima stagione. Nel 2010 viene acquistato dal Carpi, appena promosso dalla serie D, e di qui inizia il suo percorso di crescita personale e professionale. In 5 anni conquista tre promozioni, e nell’ultima, nonché la più importante, lui è uno degli artefici principali con 8 gol e 2 assist. Quest’anno disputerà il primo campionato in serie A.

Il ruolo e le caratteristiche di Di Gaudio
Totò Di Gaudio è un giocatore piccolo e veloce, bravissimo nello stretto grazie ai suoi dribbling brucianti, che gli permettono di saltare l’uomo la maggior parte delle volte. Nel 433 di Castori preferisce giocare come ala sinistra, in modo da rientrare sul destro e colpire con i suoi tiri a giro. Può giocare anche ala destra o come centrocampista di fascia in un centrocampo a quattro.

Di Gaudio al fantacalcio
Di Gaudio è uno dei calciatori fantacalcisticamente più appetibili del Carpi, infatti, un giocatore listato centrocampista che gioca in attacco, è un’occasione rara, da non lasciarsi sfuggire. Solitamente i giocatori tecnici come lui lasciano il segno in serie A, magari non farà 8 gol come l’anno scorso, ma un 4/5 gol sono alla sua portata. Non mancano, però, i fattori negativi da prendere in considerazione: l’anno scorso Di Gaudio è stato il giocatore più sostituito del Carpi; il suo, infatti, è un ruolo dispendioso e Castori è solito cambiare le ali dopo 60-70 minuti. Sappiamo tutti che in termini di voti questo gli costerà un’insufficienza, anche non meritata. Concludendo, possiamo dire che Di Gaudio entra di diritto tra le possibili sorprese del Carpi, se si confermerà sui livelli dell’anno scorso vi ritroverete un’arma in più nel vostro centrocampo.

FONTE: FantaMagazine.com


01 novembre 2013 - 12:33
Di Gaudio:”Io palermitano verace emigrato a Carpi”
“Parte della mia infanzia lho trascorsa per strada. Da piccolo sono entrato nel Ribolla, allenato da Salvatore Zammitti: mi ha insegnato tantissimo, nel calcio e per la vita. Per me ancora oggi è più di un allenatore, gli devo tanto e adesso sono felice che guidi i Giovanissimi Nazionali del Palermo. Io, invece, arrivai sino alla Primavera rosanero”. Ripercorre le tappe della sua giovinezza il palermitanissimo Antonio Di Gaudio, ala sinistra in forza al Carpi, nel corso di una nostalgica intervista rilasciata alla redazione del Giornale di Sicilia.

FONTE: MediaGol.it


Di Gaudio: "Carpi, è il mio momento"
L'attaccante biancorosso tifosissimo del Palermo: "Trapani è un derby, mi vengono i brividi: dopo il Latina serve un'impresa"

di Enrico Ballotti
28 OTTOBRE 2013
E’ uno dei veterani della formazione, a dispetto dei suoi 24 anni. Da quando il ds Cristiano Giuntoli lo rubò al Castelfranco di Paolo Chezzi, splendido stratega del calcio di periferia. Da allora due promozioni, dalla Seconda divisione alla Serie B, 75 presenze in campionato (con 5 reti). Se si sommano a quelli delle coppe, Antonio Di Gaudio arriva a quota 91, a un passo dall’ingresso nel club dei centenari biancorossi. Contro il Latina ha ritrovato la maglia da titolare dopo oltre un mese. E si è riscoperto determinante: «Non mi sono mai risparmiato durante la settimana di allenamento, chi mi conosce lo sa. Ho sempre cercato di dare il massimo per mettere in difficoltà il mister. Contro il Latina dovevo concretizzare tutto il lavoro svolto, penso di esserci riuscito anche se resta un grande rammarico…». Rammarico dettato, ovviamente, dal risultato finale che ha inchiodato il Carpi sull’1-1: «Speravo di vincere. I tre punti sarebbero stati assolutamente meritati per quello che abbiamo fatto vedere in campo. Dal “Cabassi” passa la nostra salvezza e forse si poteva osare di più». Alcuni mesi di ambientamento e finalmente ecco il Di Gaudio che mieteva “vittime” tra i terzini della Lega Pro: «Arrivare in serie B è stata davvero una grande emozione. Il campionato è difficile, il livello si è alzato decisamente. Penso comunque di aver trovato la condizione migliore e di potermi candidare seriamente ad un posto tra i titolari. Come dicevo il mio compito è creare “problemi” di scelta a mister Vecchi». Contro il Latina, Totò, ha sfiorato il gol in almeno un paio di circostanze: «Mannaggia! Due occasioni davvero invitanti. In una è stato bravo il portiere, nell’altra ho calciato benissimo ma il loro difensore mi ha murato la conclusione, peccato». Per il primo centro in serie B bisognerà aspettare ancora un po’. Magari l’attesa sarà breve, venerdì c’è la gara di Trapani. Per Di Gaudio, palermitano doc e tifoso del Palermo, non può essere una partita come tutte le altre: «E’ il mio derby. Una partita che i tifosi rosanero sentono particolarmente, anche se la rivalità principale resta con il Catania. Al “Provinciale”, oltre alla mia famiglia, ci saranno molti amici che arriveranno da Palermo. Andare in gol? Non ci voglio neanche pensare. Sarebbe una gioia incredibile, il coronamento di un sogno. In gol, in serie B, contro il Trapani… mi vengono i brividi solo ad immaginarlo».

FONTE: GazzettaDiModena.Gelocal.it


Il MostardinoTV - Un caffè con... Antonio Di Gaudio

Enrico Bonzanini ha intervistato per voi l'attaccante del Carpi F.C. Antonio Di Gaudio. Puoi trovare tutti i nostri articoli su http://www.ilmostardino.it/

FONTE: MediaGol.it

0 commenti:

Posta un commento

Supporta il blog BONDOLA/=\SMARSA!

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


#VeronaTorino Juric

#AtalantaVerona highlights


Archivio