Le schede di B/=\S: Luigi VITALE

Nato a/il:Castellammare di Stabia (NA) il 5/10/1987
Nazionalità:Italiana
Contratto:Definitivo fino a Giugno 2021
Ruolo:Difensore esterno
Altezza:180 Cm
Peso:71 Kg
Posizione:
CARRIERA DA GIOCATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Hellas VeronaGen. 2019 - 2019B11 (+5PO)0 (+0) 
Salernitana2018 - Gen. 2019B14 (+2CI)2 (+0) 
Salernitana2017 - 2018B34 (+1CI)2 (+0) 
Salernitana2016 - 2017B38 (+2CI)2 (+0) 
Ternana2015 - 2016B30 (+2CI)1 (+0) 
Ternana2014 - 2015B37 (+1CI)0 (+0) 
Juve Stabia2013 - 2014B19 (+1CI)4 (+0) 
Ternana2012 - 2013B39 (+2CI)10 (+0) 
Bologna2011 - 2012A00 
Napoli2010 - 2011A6 (+1CI +3EL)0 (+0 +1) 
Livorno2009 - 2010A220 
Napoli2008 - 2009A18 (+1CI +2I +3CU)1 (+0 +0 +1) 
Lanciano2007 - 2008C128 (+1CI)0 (+0) 
Napoli2006 - 2007B1 (+1CI)0 (+0) 
Napoli2005 - 2006C13 (+1CI +2CIC +SC1)0 (+0 +1 + 0) 
Giovanili Napoli2004 - 2005Primavera-- 
Giovanili Avellino2002 - 2004--- 
Giovanili Juve Stabia1996 - 2002--- 
LEGENDA: CI=Coppa Italia, CIC=Coppa Italia Serie C, SC1=Supercoppa C1, I=Coppa Intertoto, CU=Coppa UEFA, EL=Europa League, PO=Play Off

NEWS E CURIOSITÀ +   -   = 9 Marzo 2019
Terzino sinistro esperto della cadetteria, gran tiro dalla distanza, Luigi arriva al VERONA a caccia di una Serie A a lungo inseguita, assaggiata e tanto rimpianta dai tempi del NAPOLI...


Dallo STABIA al NAPOLI
Cresciuto nelle giovanili della sua città di nascita dai Pulcini agli Allievi, a 15 anni si sposta nelle giovanili dell'AVELLINO e dopo un paio d'anni passa alla Primavera del NAPOLI a quel tempo in C1 senza tuttavia esordire in prima squadra.
Nel 2005-06 l'esordio in C1 con gli azzurri (proprio contro la 'sua' JUVE STABIA) ed un mese più tardi segna il primo gol nei professionisti collezionando, a fine campionato, 7 presenze con la squadra allenata da REJA che verrà promossa in Serie B da vincitrice del torneo.
In cadetteria non trova spazio e dopo un'annata ai margini della squadra viene mandato in prestito al LANCIANO per il 2007-08 ancora in C1; con i Frentani gioca più o meno da titolare e mette insieme 29 presenze tra Campionato e Coppa Italia ma al termine del torneo, con i rossoneri di MORIERO retrocessi, Luigi torna alla base trovando gli ex compagni nel frattempo promossi in Serie A.
L'annata 2008-09 per il ventenne Luigi potrebbe essere quella del definitivo decollo: Gioca nei preliminari e nel torneo di Coppa UEFA andando pure a rete, esordisce in Serie A da titolare all'Olimpico contro la ROMA e a Gennaio realizza anche il suo primo gol nella massima Serie ma la tribolata annata partenopea col cambio in panchina da REJA a DONADONI lo penalizza e nonostante 18 presenze e qualche prestazione di rilievo, ricomincia per il terzino un'altra stagione di prestito col LIVORNO in Serie A.
Tornato al NAPOLI per il 2010-11 viene schierato poco (10 presenze tra campionato, Coppa Italia ed Europa League) e al termine della stagione viene mandato al BOLOGNA nell'ambito dell'operazione che porterà BRITOS in azzurro ma con i Felsinei qualcosa non va e il giocatore passa tutta la stagione ai margini sia con BISOLI che con PIOLI.

TERNANA-JUVE STABIA-TERNANA
Per il 2012-13 Luigi scende di categoria per ritrovare continuità e con le Fere fa sfracelli in Serie B: 39 presenze e ben 10 gol a suggellarne il titolo di capocannoniere dei rossoverdi al termine del campionato.
Nella stagione successiva arriva per il terzino un altro prestito ed il gradito ritorno a casa allo JUVE STABIA ma con le Vespe qualche infortunio di troppo ne pregiudica il rendimento, la squadra cade in C e VITALE torna al NAPOLI.
A quel punto per Luigi si rifà viva la TERNANA e questa volta per un ingaggio definitivo che il terzino accetta di buon grado: A Terni VITALE ha trascorso la stagione più importante della sua carriera ed è fortemente convinto che la stagione 2014-15 sarà quella del riscatto ma purtroppo sarà invece ricca di alti e bassi col calciatore a giocare titolare fisso ma non bucare mai la porta e fallendo pure un calcio di rigore; nonostante ciò l'esterno mancino si piazza al 4° posto nella top 15 dei difensori della Lega di B.
La stagione successiva alle Fere non va molto meglio dal punto di vista realizzativo (anche se Luigi torna al gol dopo due anni) così decide di cambiare aria e, per il 2016-17, sceglie la SALERNITANA.

SALERNITANA e VERONA
Anche con i granata campani il terzino è un titolare fisso e torna al gol realizzandone altri sei (uno proprio alla TERNANA con relativa esultanza pare a causa di vecchie 'ruggini') fino a Gennaio 2019 quando, a 31 anni compiuti ed in scadenza di contratto, tenta la scalata alla Serie A con l'HELLAS VERONA.

Qui trovate la pagina Instagram ufficiale del calciatore

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.it]

ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =
  • I rimpianti di Luigi... Aver solo assaggiato la Serie A ma non averla vissuta da protagonista è il più grande rimpianto professionale del terzino che a Novembre 2016 onestamente ammetteva 'La mia esperienza al Napoli? Devo ammettere che lì non facevo il professionista fino in fondo. Non ero mai il primo ad arrivare al campo di allenamento, ma ero il primo ad andare via. Mi illudevo di essere arrivato, dicevo “tanto gioco nel Napoli. Ora tutto è cambiato, per fortuna nella vita si cresce. Sono il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via, e mangio quello che devo mangiare. Finalmente ho capito che per rimanere a quei livelli bisogna condurre una vita regolare soprattutto fuori dal campo. La Serie A mi è rimasta in gola, sarà sempre un mio grande rimpianto non aver dato il massimo.'.
Luigi Vitale
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Vitale (Castellammare di Stabia, 5 ottobre 1987) è un calciatore italiano, difensore o centrocampista del Verona.

Caratteristiche tecniche
Mancino, gioca sulla fascia sinistra nel ruolo di esterno di centrocampo o terzino.

Carriera
- Club
Il passaggio al Napoli e i vari prestiti
Completate le giovanili con l'Avellino, viene acquistato dal Napoli di Aurelio De Laurentiis nella stagione 2004/2005 di Serie C1, ma non colleziona presenze, venendo inserito nel settore giovanile.
Nella stagione 2005/2006 colleziona 7 presenze tra Coppa Italia, Coppa Italia di C, Supercoppa di Serie C1 2006 e campionato di Serie C1, segnando una rete. Fa il suo esordio ufficiale in serie C, nella gara contro la Juve Stabia del 2 ottobre 2005. Un mese dopo, il 9 novembre, segna il suo primo goal in maglia azzurra in Napoli-Foggia 3-1, gara valevole per i sedicesimi di andata di Coppa Italia di C.
L'anno dopo viene integrato definitivamente in prima squadra ma riesce a collezionare due sole presenze, una in Coppa Italia e l'altra in B al San Paolo contro il Bologna. Nella stagione 2007/08 viene girato in prestito dal Napoli al Lanciano in C1, dove gioca 28 partite senza segnare reti.
A giugno del 2008 torna al Napoli, che lo conferma in rosa: ottiene la maglia numero 3 ed esordisce subito nelle gare di Coppa Intertoto contro il Panionios e dei preliminari di Coppa UEFA contro il Vllaznia. Esordisce in Serie A il 31 agosto 2008 alla prima di campionato all'Olimpico contro la Roma. Il 18 settembre 2008 segna il primo gol del Napoli contro il Benfica, nell'andata del primo turno di Coppa UEFA. Il 28 gennaio 2009 realizza il suo primo gol in Serie A, contro la Fiorentina. Nella sua prima stagione nella massima serie colleziona 18 presenze, di cui 17 dal primo minuto.
Il 21 agosto 2009 viene ceduto al Livorno in prestito. In campionato colleziona 22 presenze.
Tornato al Napoli, nella stagione successiva colleziona la prima presenza il 30 settembre 2010 nella partita di Europa League giocata in Romania contro la Steaua Bucarest (3-3), in cui mette a segno la rete del momentaneo 3-1.
Il 12 luglio 2011 passa in prestito al Bologna nell'ambito dell'operazione che porta Miguel Ángel Britos al Napoli., ma nell'arco del campionato non verrà mai schierato né dal tecnico Bisoli prima né dal sostituto Pioli poi.
Il 4 agosto 2012 si trasferisce alla Ternana, neopromossa in Serie B, con la formula del prestito con diritto di riscatto della metà. Il 6 ottobre 2012 segna la sua prima doppietta in carriera al Cittadella e si ripete alla sedicesima giornata,su calcio di rigore contro la Virtus Lanciano.Realizza anche un gol contro la squadra della sua città,la Juve Stabia ma dopo la rete non esulta,in segno di rispetto per i tifosi della città in cui è nato e cresciuto. Realizza un'altra doppietta (la seconda in carriera) nella prima giornata di ritorno contro la Pro Vercelli e poi torna a segnare contro il Crotone realizzando il suo settimo gol stagionale. Conclude la stagione in rossoverde con 39 presenze e 10 reti realizzate, rivelandosi il miglior marcatore della sua squadra.
L'opzione d'acquisto non viene esercitata e il calciatore rientra al Napoli, per poi essere ceduto, con la medesima formula, alla Juve Stabia, sempre in Serie B dove complice anche vari infortuni disputa 19 presenze e realizzando 4 reti. A fine anno la squadra retrocede in Serie C.


Il trasferimento alla Ternana
Il 14 agosto 2014, torna a titolo definitivo alla Ternana con la quale firma un contratto biennale.
La stagione è altalenante, e molto al di sotto delle aspettative e al di sotto di quella precedente in rossoverde, il giocatore concluderà la stagione con 39 presenze e 0 reti realizzate, con un rigore sbagliato contro la Virtus Entella, piazzandosi 4º nella Top 15 dei difensori di Serie B secondo una classifica stilata dalla Lega Serie B.
Nella seconda stagione del ritorno in verderosso sigla un gol su rigore, il 19 aprile 2016, nel 2-2 contro la Pro Vercelli, tornando al gol dopo due anni (doppietta al Varese con la maglia della Juve Stabia).

Salernitana e Hellas Verona
Nell'estate 2016, passa alla Salernitana, siglando il primo gol in granata il 24 settembre contro il Trapani. Si ripete il 13 novembre contro la Ternana. Conclude la sua prima stagione disputando tutte le partite da titolare tranne contro il Cesena, dove subentra comunque a Tuia al 34esimo.
La seconda stagione sigla 2 rigori in 34 partite, contro Parma e di nuovo Ternana. Segnerà 2 gol anche nella stagione 2018/2019.
Il 31 gennaio 2019, dopo 91 presenze e 6 reti in maglia granata, viene ceduto a titolo definitivo al Verona, con cui firma un contratto fino al giugno 2021.

Nazionale
Nel 2017 viene convocato dalla Nazionale Under-20 argentina per il Mondiale di categoria in Corea del Sud. Il 20 maggio debutta nella prima gara, persa per 3-0 a Jeonju contro l'Inghilterra, sfida nella quale gioca titolare e viene sostituito al 74'. Gioca dal primo minuto anche le due partite successive, ottenendo un'altra sconfitta contro la Corea del Sud ed una vittoria con la Guinea, che si rivela però inutile, con la sua squadra che chiude terza, non riuscendo però ad entrare nel novero delle quattro migliori terze, e viene così eliminata.

Palmarès
- Club
Competizioni nazionali
Campionato italiano di Serie B: 1 Cagliari: 2015-2016

FONTE: Wikipedia.org


STAGIONE 2019-20 +   -   =
Calciomercato Reggina, la bomba: “ecco il primo innesto per gennaio”
Calciomercato Reggina, novità importanti in casa amaranto in vista della sessione di gennaio, gli ultimi aggiornamenti

27 Novembre 2019 12:34 | Stefano Vitetta
Claudio Martinelli/LaPresse

La Reggina continua la preparazione per la sfida di campionato contro il Teramo, il club amaranto è reduce dal netto successo nella sfida contro il Rende, ottava vittoria consecutiva per la squadra di Toscano che ha sempre più intenzione di consolidare il primo posto ed allungare già dalle prossime partite. Il club amaranto ha già conquistato una serie di record, non ha ancora perso in campionato ed in casa ha sempre vinto, uscire indenni dal campo del Teramo vorrebbe dire mandare un ulteriore messaggio alle dirette concorrenti. La Reggina ha annunciato possibili innesti per il mercato di gennaio con l’intenzione di rinforzare una squadra già fortissima, durante la trasmissione ‘Buongiorno Reggina’ da alcuni tifosi è stato fatto il nome di un possibile innesto, una trattativa che sarebbe in stato avanzato, una voce che sarebbe ancora tutta da valutare, il possibile arrivo di Luigi Vitale, vecchio pupillo di Mimmo Toscano, un calciatore in grado di fare la differenza e che non ha bisogno di presentazioni.

Chi è Luigi Vitale
Luigi Vitale attualmente gioca nel Verona, si tratta di un terzino sinistro classe 1987, un calciatore dunque di grande esperienza e bravissimo anche dal punto di vista qualitativo. Inizia la carriera al Napoli ma la prima esperienza da segnalare è quella con il Lanciano, si mette subito in mostra. Torna al Napoli e gioca anche da titolare, si dimostra un calciatore in grado di ben figurare anche in Serie A, nel 2009 viene ceduto in prestito al Livorno. Torna al Napoli e gioca anche in Europa League, passa al Bologna ma non viene mai schierato, poi l’esperienza con la Juve Stabia. Torna alla Ternana ed è protagonista proprio con l’allenatore Mimmo Toscano, Vitale può essere considerato dunque un pupillo dell’allenatore amaranto. Molto buone le stagioni con la Salernitana, viene ceduto infine all’Hellas Verona. Sarà la Reggina la prossima destinazione? In alto la fotogallery con tutte le immagini di Luigi Vitale.

FONTE: StrettoWeb.com


VITALE: «MISTER JURIC DEVE FARE LE SUE SCELTE, MA CI FA SENTIRE TUTTI IMPORTANTI»
16/NOVEMBRE/2019 - 16:35
Verona - Le principali dichiarazioni del difensore gialloblù Luigi Vitale, rilasciate al termine di Hellas Verona-NK Tabor, amichevole disputata a Villafranca.

«È stato un test utile e tutti quanti abbiamo disputato una grande partita. Il mister ha avuto la possibilità di provare quei giocatori che sono stati sin qui meno utilizzati in campionato. Juric deve fare le sue scelte, che sinora stanno pagando alla grande, ma ci fa sentire tutti importanti, tutti utili alla causa. È per questo motivo che quando veniamo utilizzati rispondiamo sempre con buone prestazioni. La forza del Verona è il gruppo, e non è una frase fatta. La preparazione in vista della Fiorentina? Tutte le partite nascondono delle insidie, ovviamente anche quella contro la Viola. Ma noi ci prepareremo come abbiamo sempre fatto, vale a dire lavorando sodo durante la settimana, con tanta intesità ma anche con pari serenità mentale. Come mi sento? Fisicamente sto bene. Evidentemente mi mancano minuti nelle gambe, ma queste amichevoli mi aiutano a acquisirli. Se mi manca la continuità di utilizzo che avevo nelle scorse stagioni? Diciamo che non ci penso, perché il mio lavoro settimanale è finalizzato, così come quello dei miei compagni, a farmi trovare nelle migliori condizioni possibili nel momento in cui il mister dovesse affidarsi a me, dall'inizio o a partita in corso».

VITALE: «BUONA PARTITA E TANTA INTENSITÀ, STIAMO LAVORANDO PER FARCI TROVARE PRONTI»
04/AGOSTO/2019 - 21:45
Trento - Le principali dichiarazioni del difensore gialloblù Luigi Vitale, rilasciate al termine di SPAL-Hellas Verona, test match disputato allo stadio 'Briamasco' di Trento.

«Test di livello con una squadra rivale? Abbiamo fatto un'ottima partita, questi test servono per vedere a che punto siamo. Stiamo facendo bene e dobbiamo continuare così, perché i carichi di lavoro sono stati alti ma è tutta energia che ritroveremo durante la stagione. Calati nel finale? Noi partiamo forte, sempre uomo contro uomo, e quindi negli ultimi minuti è mancata un po' di lucidità, ma abbiamo ancora qualche giorno prima di partire. Il ruolo di Vitale con Juric? È un gioco molto diverso dall'anno scorso, il mister vuole tantissima intensità e duelli a tutto campo: ci stiamo abituando alle sue idee e comunque stiamo ottenendo buoni risultati in queste amichevoli. Pronto per la Serie A? Questo campionato l'ho fatto a 19 anni, poi nella vita si fanno alcune scelte e io in certe ho sbagliato. A gennaio c'è stata la possibilità di venire a Verona per giocarmi qualcosa di importante e alla fine ci siamo riusciti tutti insieme».

FONTE: HellasVerona.it


STAGIONE 2018-19 +   -   =
Vitale richiesto dal Perugia ma l’Hellas Verona lo vuole confermare
giugno 24, 2019

Il difensore Luigi Vitale ha richieste dalla Serie B: il Perugia ha fatto un sondaggio per l’ex Salernitana ma da quanto appreso da Hellas Live, il club gialloblù non ha intenzione di privarsi del terzino sinistro.

FONTE: HellasLive.it


MeritAtAAAAAAAAAAAAA😝😝😝😝😝😝😝😝😝😝

Un post condiviso da ⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️ (@gigivitale3) in data:



SERIE AAAAAAAAAAAAA💣💣💣

Un post condiviso da ⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️ (@gigivitale3) in data:



VITALE: «PRONTI A DARE TUTTO PER RAGGIUNGERE IL NOSTRO OBIETTIVO»
22/MAGGIO/2019 - 23:45
Verona - Le principali dichiarazioni del difensore gialloblù Luigi Vitale, rilasciate al termine di Hellas Verona-Pescara, Semifinale di andata della Serie BKT 2018/19.

«Abbiamo fatto la partita che volevamo, costruendo tanto e, in generale, facendo una buona gara. Ci è davvero mancato solo il gol, ora ci sono altri 90 minuti a Pescara per ottenere questa qualificazione, la vogliamo. Siamo due ottime squadre, entrambe giochiamo bene a calcio, ma noi ce la metteremo tutta per raggiungere l'obiettivo che ci siamo prefissati. E' una semifinale, andiamo là con la stessa mentalità di oggi per fare risultato. Se potessi mi cambierei e tornerei subito in campo, abbiamo speso tanto ma sono sicuro che a Pescara faremo una grande partita, non so come finirà ma so che faremo bene».

FONTE: HellasVerona.it


PRIMO PIANO
ESCLUSIVA TB - Juve Stabia, il primo colpo può essere Vitale
07.05.2019 00:30 di Attilio Malena Twitter: @AttilioMalena
Fresca di promozione in B con progetti ambiziosi in vista della prossima stagione: secondo quanto ci risulta, le Vespe starebbero pensando di riportare a casa Gigi Vitale. Un colpo ad effetto per il ritorno in an, Vitale nome caldo, a volte ritornano...

FONTE: TuttoB.com


NEWS
Vitale: “Salernitana capitolo bello ma chiuso. Vogliamo vincere”
Le parole del grande ex alla vigilia della partita con i campani

di Redazione febbraio 21, 2019 - 09:50

Luigi Vitale, terzino sinistro dell’Hellas Verona ha parlato a L’Arena della partita di domani contro la Salernitana:
“La Salernitana è un capitolo bello, ma chiuso. Domani vogliamo vincere. Ho fatto due passi in città. È meravigliosa. C’ero stato da piccolo. A casa ho una foto con l’Arena alle spalle. Con i miei genitori, eravamo venuti a trovare mio zio Catello, che oggi non c’è più. Lui lavorava qui e me ne ha sempre parlato in termini positivi, aveva ragione. Appena termineranno la scuola porterò a Verona anche i miei figli: Francesco di sette anni e Rosa di sei”.

GOL. “Se mi manca il gol? Non è compito mio. Certo fa piacere a tutti segnare. L’importante è che segnino Di Carmine, Pazzini o Tupta. Insomma compagni molto bravi e pronti a farlo”.

CARRIERA. “Sono stato bene ovunque. Anche a Terni per esempio ma non mi piace guardare al passato. Sono proiettato verso il futuro e quando mi si è presentata l’occasione del Verona, non potevo farmela scappare”.

CONTESTAZIONE. “I tifosi sono una grande risorsa ed ora tocca a noi portarli dalla nostra parte. L’Hellas deve giocare bene e dare tutto. Così arriveranno anche le vittorie come è successo a La Spezia”.

SPEZIA. “Il mister è votato all’attacco, ma qualcuno doveva comunque restare a presidiare. Nelle ripresa ho spinto di più. Abbiamo meritato quella vittoria. Il singolo fa poco nel calcio. Grosso ci aiuta in ogni momento. Si è vero era in discussione ma se fosse giunto l’esonero sarebbe stata una sconfitta di noi calciatori”.

ANDATA. “Quella fu un partita fortunata per la Salernitana, l’Hellas giocò e noi con un colpo di testa, vincemmo l’incontro. Ci fu molta tensione ma ci fronteggiammo soprattutto a metà campo. Quale Salernitana troveremo domani? La solita. Loro sono una squadra fisica, dovremo essere bravi e veloci nella lettura delle situazioni. E poi per noi c’è un’unica strada. Quella di vincere perché il nostro obiettivo dev’essere la promozione in Serie A. Bisogna guardare avanti. È un campionato tosto, però qui c’è tutto per raggiungere il traguardo”.

FONTE: CalcioHellas.it


VITALE: «QUI CI GIOCHIAMO QUALCOSA DI IMPORTANTE, MI SERVIVA QUESTO STIMOLO»
07/FEBBRAIO/2019 - 14:50
Verona - Le principali dichiarazioni del nuovo difensore gialloblù Luigi Vitale, rilasciate in occasione del media event dedicato alla sua presentazione.

«La trattativa? Appena mi è stato comunicato l’interesse del Verona ho accettato subito, la cosa non si sbloccava semplicemente perché la Salernitana cercava prima il sostituto. Il mio ruolo? Sono più un giocatore di spinta che di copertura, ma come in tutte le cose ci vuole equilibrio. Il trasferimento? A Salerno sono stato bene per 3 anni, abito lì vicino, ma nel momento in cui arriva un’offerta del genere dall’Hellas non si può rifiutare. Qui ci giochiamo qualcosa di importante ed è uno stimolo che a me serviva. L’intesa con Di Gaudio? Quando si fanno le cose che si provano in allenamento viene tutto più facile, non bisogna inventare nulla».


Verona - L'Hellas Verona FC comunica di aver acquisito, a titolo definitivo, le prestazioni sportive del calciatore Luigi Vitale dalla società US Salernitana 1919. Il difensore ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2021.

FONTE: HellasVerona.it


PRIMA DI VERONA +   -   =
CALCIOMERCATO
Hellas, cercasi terzino Vitale nuova idea
06/01/2019 11:19
Balkovec non convince da titolare ed Eguelfi tornerà a Bergamo (dopo un prestito di 6 mesi): il Verona è alla ricerca di un terzino sinistro.

Difficile la trattativa con la Spal per Filippo Costa (ingaggio elevato per la società di via Francia): così D'Amico ha chiesto alla Salernitana Luigi Vitale, esterno sinistro più adatto ad un 3-5-2 che a giocare terzino in una difesa a quattro.

Il calciatore campano è in scadenza di contratto e su di lui c'è il forte interessamento del Perugia.

FONTE: TGGialloBlu.it


SALERNITANA: LUIGI VITALE DA TITOLARE INAMOVIBILE DIVENTA POSSIBILE PARTENTE
GIUGNO 13, 2018 MICHELE MASTURZO

Da stakanovista intoccabile a possibile partente il passo non è così breve. Eppure, nel giro di poche settimane, la posizione di Luigi Vitale è mutata radicalmente. Nel suo primo anno in granata, il mancino prelevato dalla Ternana ha giocato 38 delle 42 gare stagionali, impreziosendo le sue apparizioni con 2 gol e con diversi assist. In questa stagione, in assenza di possibili rivali per la corsia mancina, la storia si è ripetuta. Almeno in parte. Fino alla 16esima giornata, quando è stato costretto a mordere il freno, il prodotto del vivaio del Napoli è stato sempre in campo e non è mai stato sostituito da Bollini. La prima sostituzione a gara in corso è arrivata per Vitale il 28 dicembre, nella partita persa a Palermo, con Colantuono che nel frattempo era subentrato in panchina da due settimane al collega. Costretto a saltare il successivo match (il primo del 2018 dopo la lunga sosta natalizia) col Venezia per squalifica, Vitale ha avuto modo di ricaricare le batterie. Ma il mancino napoletano ha vissuto un girone di ritorno tra alti e bassi. E soprattutto non da titolare inamovibile. Colantuono, infatti, in più di una circostanza gli ha preferito Pucino (un destro naturale adattato a sinistra). Vitale è così scivolato nelle retrovie tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo.

Tornato tra i titolari contro il Novara, l’ex del Bologna in più di una circostanza si è segnalato per qualche sintomo di nervosismo, fino al litigio con Rosina per la battuta di un calcio di punizione nel terzultimo match della stagione con la Virtus Entella. Non convocato per motivi disciplinari per la successiva trasferta di Foggia, Vitale è stato poi “rispolverato” per la partita conclusiva del campionato 2017/18 contro il Palermo (in cui ha giocato 45 minuti). In totale, il mancino granata ha raccolto 34 presenze (trascorrendo in campo 2839 minuti, 500 in meno rispetto all’anno precedente).

Anche in questa stagione il napoletano ha timbrato 2 volte il cartellino ed ha dispensato assist per i compagni. Ma le sue prestazioni non sono risultate continue come quelle della scorsa stagione. Alla luce di tutto ciò, Vitale, nonostante il contratto in essere, non è considerato incedibile dalla società di Lotito e Mezzaroma. Per lui si è fatto avanti il Lecce di mister Liverani (con cui ha già avuto modo di lavorare) e la sua ex squadra, la Ternana (con cui pure non s’era lasciato benissimo). Prima di lasciarlo partire, chiaramente, la Salernitana valuterà attentamente il da farsi, vista la penuria di mancini affidabili. Ma la sensazione è che, alla fine, Vitale potrebbe effettivamente andar via.

FONTE: LiraTV.com


IL PROTAGONISTA
Ecco la vendetta di Gigi Vitale. Alla Salernitana come a casa
Il terzino aveva un conto in sospeso e ha chiesto di battere il rigore contro la Ternana


di Giuseppe Ficari 07 settembre 2017
SALERNO - L’ex che esulta e che gode nel segnare alla sua vecchia squadra, cancellando tre cam pionati di ricordi tra addii e ritrovi. Luigi Vitale quando trova la Ternana sulla sua strada si scatena e lunedi scorso, oltre ad una grandissima prestazione, si è tolto anche lo sfizio di segnare su rigore agli umbri. Perché si è lasciato male, malissimo con le Fere. E quando è così gli ex fanno i dispetti. Se in una relazione finita male si mettono foto su Facebook m ostrando allegria (finta o vera che sia), Vitale sa che nel calcio la cosa peggiore è vedere il nome dell’odiato ex nel tabellino alla voce marcatori.

I tempi di quando in maglia rossoverde, in prestito dal Napoli, segnò ben 10 reti in campionato diventando idolo delle Fere sono lontani. In Umbria Vitale negli anni successivi ha indossato anche la fascia da capitano, ma in una stagione nera. Quando è passato alla Salernitana, segnando nella partita d’andata nella passata stagione all’Arechi, al ritorno al “Libero Liberati” è stato fìschiatissimo dai suoi ex sostenitori. Un assordante boato lo ha accompagnato lo scorso aprile in occasione della sconfitta per 1-0 della Salernitana, nonostante avesse chiarito che l’esultanza di qualche mese prima non era per mancanza di rispetto alla sua ex squadra.

Stavolta, il dente avvelento Vitale lo aveva davvero e ha escluso le formalità. E’ stato lui a chiedere di diventare rigorista nella partita di lunedì scorso, quando dal dischetto ci sarebbe dovuto andare Pucino secondo le gerarchie stabilite da Bollini. Al fallo di mani di il rigore calciato da Luigi vitale Paolucci, su azione d ’angolo, Vitale si è subito fiondato sul pallone e il suo sinistro rabbioso è stato potentissimo. Non voleva sbagliare, non ha sbagliato. Poi l’esultanza, l’urlo liberatorio. Un grido di risposta ai fischi, alla sua voglia di riscatto.

Vitale a Salerno ormai è di casa. “Giggino” ha trovato a Salerno la sua stabilità, a pochi chilometri dalla sua Castellammare di Stabia, città alla quale è legatissimo. Una carriera trascorsa nella speranza di diventare il terzino sinistro che il Napoli della prima era De Laurentiis ha sempre cercato disperatamente, ritrovandosi ad adattare gente come Savini o a strapagare calciatori come Dossena arrivati in un freddo inverno da Liverpool senza lasciare mai il segno. Intanto, Vitale dalla serie C alla serie A alternava il Napoli alle altre squadre: in prestito a Lanciano, a Livorno, poi inutilmente a Bologna, alla Ternana e alla Juve Stabia per poi ritornare a Terni. Un giro immenso, aspettando quella chiamata dal club di De Laurentiis che non è più arrivata, se non per comunicargli che l’ex diesse Bigon lo aveva ceduto a titolo definitivo alle Fere.

Ora è alla sua seconda stagione in granata, per Bollini è un intoccabile, un calciatore a cui il tecnico affida entrambe le fasi e che lunedì sera ha anche mostrato la sua grande capacità di ripiegamento quando si spinge in avanti. Vitale, per questa Salernitana è una risorsa incredibile e gli si può concedere anche di chiedere il privilegio e la responsabilità di battere un rigore per fare un dispetto da ex, perché certi amori finiscono e quella tra la Ternana è Vitale forse è stata una bella storia, ma l’amore nonostante tre anni in rossoverde chissà se sia mai sbocciato veramente.

FONTE: LiraTV.com


I rimorsi di Luigi Vitale: “A Napoli non facevo il professionista, mi illudevo di essere arrivato. Ora vorrei realizzare un sogno”

12 NOVEMBRE 2016 - 17:54
SCRITTO DA PASQUALE GIACOMETTI
L’ex calciatore del Napoli, oggi alla Salernitana, Luigi Vitale, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni de Il Corriere dello Sport in cui parla anche della sua esperienza in azzurro. Ecco quanto evidenziato dalla nostra redazione:

“La mia esperienza al Napoli? Devo ammettere che lì non facevo il professionista fino in fondo. Non ero mai il primo ad arrivare al campo di allenamento, ma ero il primo ad andare via. Mi illudevo di essere arrivato, dicevo “tanto gioco nel Napoli”.

Ora tutto è cambiato, per fortuna nella vita si cresce. Sono il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via, e mangio quello che devo mangiare. Finalmente ho capito che per rimanere a quei livelli bisogna condurre una vita regolare soprattutto fuori dal campo. La Serie A mi è rimasta in gola, sarà sempre un mio grande rimpianto non aver dato il massimo. Sarebbe un sogno tornare a giocarla con la Salernitana e giocare con questa maglia al San Paolo“.

FONTE: SpazioNapoli.it


UFFICIALE – Salernitana: ingaggiati Vitale, Laverone e Caccavallo
Pubblicato il 6 Luglio 2016 di Pietro Giunti

Nonostante le perplessità sul mancato annuncio del nuovo allenatore, la Salernitana si conferma tra i club più attivi sul mercato di serie B. La società dei patron Lotito-Mezzaroma ha anticipato la concorrenza assicurandosi i primi tasselli che andranno a colmare quelle lacune in organico, già emerse nel corso dello scorso e tribolato campionato chiuso con i playout contro il Lanciano. Si tratta di Luigi Vitale (classe 1987), Lorenzo Laverone (classe 1989) e Giuseppe Caccavallo (classe 1987), che hanno sottoscritto un contratto fino al 2019. Tre rinforzi di qualità per la Salernitana, dunque, che intanto ha comunicato la sede del ritiro estivo: Sarnano (Macerata).

Di poche presentazioni ha bisogno Luigi Vitale: lo stantuffo nativo di Castellamare di Stabia approda in granata dopo aver vestito le casacche di Avellino, Napoli, Lanciano, Livorno, Bologna, Ternana e Juve Stabia. Un mancino educato e personalità da vendere, ne hanno fatto uno dei migliori prospetti del calcio italiano nel suo ruolo. Il suo difetto che gli ha fatto mancare la definitiva consacrazione: la discontinuità di rendimento.

[...]

FONTE: BZona.it


CALCIOMERCATO
02 luglio 2016 - 18:28
Salernitana, offerta per Vitale
La società granata pronta a offrire un contratto al giocatore appena svincolatosi dalla Ternana.

di Redazione ITASportPress
Svincolatosi oggi dalla Ternana, Luigi Vitale potrebbe diventare un nuovo calciatore della Salernitatana. Il ds granata Angelo Fabiani, infatti, è pronto ad offrire un contratto biennale con possibile opzione al giocatore.

FONTE: ItaSportPress.it


SERIE B
TMW - Salernitana, sul terzino Vitale ci sono Perugia e Pescara
30.12.2018 23:55 di Dimitri Conti Twitter: @dimitri_conti
Fonte: dal nostro direttore, Michele Criscitiello
Circolano voci di mercato su Luigi Vitale, esperto terzino sinistro classe '87 in forza alla Salernitana. Il calciatore ha un contratto fino al 2021 con la società campana, ma sul suo conto - in vista del mercato di gennaio - si sarebbero già posati gli occhi di Perugia e Pescara, in cerca di rinforzi per il mercato di gennaio.

SERIE A
UFFICIALE: Napoli, Vitale passa alla Ternana
14.08.2014 15:10 di Alessio Calfapietra
Dopo dieci anni e cinque prestiti in giro per l'Italia, Luigi Vitale (27) lascia definitivamente il Napoli.

La Ternana si è assicurata l'esterno sinistro che ha già avuto due anni or sono, nella stagione forse migliore di Vitale che lo ha portato a segnare dieci reti in serie B.

Con la maglia del Napoli Vitale ha siglato due goal in Europa League, rispettivamente contro Benfica (Coppa Uefa) e Steaua Bucarest.

Il contratto è stato appena depositato nei registri della Lega Serie B.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


NEWS
Vitale: "Ho preferito la Juve Stabia al Bari perchè..."
05.08.2013 17:45 di Redazione TuttoBari Twitter: @TuttoBariCalcio
Inseguito a lungo dal diesse Guido Angelozzi in questo primo mese di calciomercato estivo, Luigi Vitale ha scelto la Juve Stabia. Una scelta dettata dal cuore quella dell'ex fluidificante del Napoli, che proprio nelle Vespe iniziò il suo cammino da giocatore: "Per me si apre una nuova parentesi della mia vita, ho preferito i gialloblù al Bari per una questione di cuore. Ho sempre sognato di vestire la maglia della squadra della mia città, ora dovrò dimostrare di meritarla confermandomi sui livelli della scorsa stagione” si legge sul quotidiano Il Mattino.

FONTE: TuttoBari.com


Notizie | 04/08/2013
L'esterno ceduto in prestito
Il Napoli ha ceduto Luigi Vitale alla Juve Stabia con la formula del prestito e diritto di riscatto della metà.

FONTE: SSCNapoli.it


CALCIOMERCATO
UFFICIALE - Vitale alla Ternana
Lo annuncia la società su Twitter

04.08.2012 17:00 di Tommaso Maschio
Con un messaggio apparso sul profilo ufficiale di Twitter il Napoli ha annunciato la cessione del laterale Vitale alla Ternana. "Il centrocampista Luigi Vitale passa in prestito alla Ternana - si legge nel comunicato - con diritto di riscatto della metà da parte del club umbro".

FONTE: TuttoNapoli.net


martedì 12 luglio 2011 - h 00:00
Vitale al Bologna

Il Bologna Fc 1909 comunica di aver trovato l'accordo con il Napoli per il prestito del difensore Luigi Vitale.

FONTE: BolognaFC.it


SERIE A
UFFICIALE: Luigi Vitale al Livorno
21.08.2009 18:08 di Antonio Gaito
E' arrivata l'ufficialità del trasferimento di Luigi Vitale (22) dal Napoli al Livorno. Lo rende noto il club partenopeo con una nota sul proprio sito ufficiale. L'esterno sinistro di Castellammare di Stabia passa al club del presidente Spinelli in prestito con diritto di riscatto della metà.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Domenica 02/10/2005 – Sesta giornata -
Napoli, tre punti d'oro
Reja sbatte contro la Juve Stabia, poi vince con Grava. Espulso Avallone.


NAPOLI – JUVE STABIA 1 – 0 (28386 spettatori)

Arbitro: Salati di Trento.
Guardalinee: Longhi e Manzini.

NAPOLI (4-2-3-1): Iezzo, Grava, Romito, Maldonado, Savini, Montervino, Fontana (47st Montesanto), Capparella (37'st Amodio), Pià, Bogliacino (1'st Vitale), Calaiò (24'st Grieco).
Panchina: Gianello, Briotti, Grieco. All. Reja.
JUVE STABIA (4-4-2): Armellini, Taccucci, Avallone, Di Napoli (20'st A. Esposito), Vanacore (41'st Ferrigno), Sibilli, Agnelli, Andreulli, Dalle Vedove (13'st Dionisio), Ambrosi, Castaldo.
Panchina: Petrazzuolo, Scoponi, Arigò, Molino. All. Vullo.

MARCATORI: 27'st Grava.

Attacco del Napoli galattico solo sulla carta, il derby con la Juve Stabia lo firma un difensore. Gianluca Grava con la punta del piede destro, in fondo ad una fatica estrema. Un classico gesto da giocatore di calcetto a capitalizzare in mischia l'involontario assist di un difensore, Esposito. Il pezzo aggiunto da Vullo alla contraerea stabiese, mutilata dall'espulsione di Avallone, in abbrivo di ripresa. Undici contro dieci vince il Napoli, dopo un suo primo tempo inespressivo. Dieci della Juve Stabia dietro alla linea del pallone, una difesa a oltranza del fortino. Dicono gli anti-puristi: così si gioca in C lontano da casa, in un grande stadio abitato da striscioni stavolta senza destinatario, peraltro facilmente individuabile, e da 16 striscioncini e un'unica parola: "infame". Siamo messi davvero male: il San Paolo è sotto diffida.

Come complicarsi la vita. Al Napoli l'impresa è riuscita solo in parte. Ignorante e ripetitiva la sua fase d'attacco, sempre un tocco in più. L'overdose di retropassaggi e il giropalla, ancorché eseguito da piedi non sgrammaticati, a denunciare impacci non nuovi, davanti alla difesa stabiese super accessoriata nella maniera sopra evidenziata. Le vaghe ipotesi di ripartenze affidate a Sibili. Fase d'attacco napoletana ottusa e nervosa, nel primo tempo. Grava e Savini ali quasi in pianta stabile. Bogliacino sovente in posizione centrale alle spalle di Calaiò, con scarsi esiti. Pià lungo la corsia mancina: un gran numero al 28', due avversari bevuti in un'unica sorsata, non raccolto il cross breve. armellini messo in allarme da Calaiò e Fontana, però mai impegnato seriamente fino all'intervallo. Raddoppi stabiesi sui portatori napoletani e 48' di sola difesa.

Almeno tremila tifosi a lungo euforici, inesauribili nei canti e nello sventolio di bandiere giallorosse. Ma la partita? Litigiosa, piena di scontri, attraversate da intollerabili perdite di tempo permesse dall'arbitro salati, un mediocre. La Juve Stabia s'è lamentata del suo operato: il Napoli avrebbe rubato la vittoria. Un'esagerazione. generosi, applicati, combattivi al limite, quelli di Vullo dovrebbero prendersela innanzitutto con Avallone, destinatario di due cartellini gialli per interventi fallosi. La sua cacciata dal campo ha regalato al Napoli evidenti vantaggi, grazie anche all'innesto del giovane mancino Luigi Vitale, 18 anni, al debutto. Uno stabiese purosangue come Iezzo, pensate.

Come da sua ripetitiva regola il Napoli ha mal giocato, ma i tre punti non li ha rubati, proprio no. Undici contro dieci s'è potuto regalare alcune fiammate capaci di minare gli avversari, non più vestiti d'amianto, con un uomo in meno. Armellini costretto al super lavoro da Montervino, Vitale, Calaiò (non onorato l'assist del suo capitano), e minacciato da Fontana. Botta del regista da venticinque metri, la traversa centrata in pieno ad annunciare il gol che consegna al Napoli tre punti già pesanti e condanna la Juve Stabia alla terza sconfitta consecutiva. La volata di Pià, un avversario lasciato letteralmente sul posto, il cross breve a rientrare, il pasticcio difensivo, la punta vincente di Grava. Dovrebbe prendersela, la Juve Stabia, anche con il portierone del Napoli, che ha sventato il compimento di un paradosso. Sensazionale intervento, 7'st, ad intercettare la conclusione a colpo sicuro di Castaldo. Il Napoli ha tentato ripetutamente di complicarsi la vita, ma il popolo è tornato a casa comunque non insoddisfatto. In serie C, raccomandano gli esperti, conta vincere, non come si gioca. Un'opinione non del tutto condivisibile, se parliamo del Napoli. senza gioco, a lungo andare, non si va da nessuna parte.

IEZZO 7
GRAVA 7
ROMITO 6.5
MALDONADO 6
SAVINI 6
MONTERVINO 6.5
FONTANA 5 (47'st Montesanto sv)
CAPPARELLA 5 (37'st Amodio sv)
PIA' 6
BOGLIACINO 5 (1'st Vitale 6)
CALAIO' 5

FONTE: TuttoMercatoWeb.com

0 commenti:

Posta un commento

Supporta il blog BONDOLA/=\SMARSA!

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


#AtalantaVerona Di Carmine

#AtalantaVerona highlights


Archivio