Subscribe Us

HELLAS VERONA - SORRENTO in anteprima: Domenica via agli spareggi, gialloblù col 4-3-3 'perfetto', solo RUSSO in dubbio. Rossoneri senza PAULINHO ma lo stesso molto molto pericolosi...


HELLAS VERONA-SORRENTO
Dopo tanto attendere eccoci dunque al via: non ci sono più ciance, tattiche e pretattiche, si va in campo per vincere...
In teoria tutto lo 'spettacolo' ne dovrebbe guadagnare sperando che le tensioni che sempre accompagnano queste gare rimangano limitate alla (sacrosanta) 'febbre' agonistica e non sfocino in disordini fuori dal campo.
Da questo punto di vista, sfottò più o meno civili a parte, non ci dovrebbero essere grossi problemi al 'Binti' super sicuro e controllato come (quasi) tutti gli stadi di Serie A con recinzioni e adeguate protezioni per permettere ai tifosi di entrambe le fazioni di defluire dallo stadio...

Qualche perplessità in più esiste sulla gara di ritorno se solo pensiamo alla partita di Regular Season il 18 Aprile scorso quando i padroni di casa del SORRENTO vinsero meritatamente (e grazie ad una strepitosa doppietta del bomber PAULINHO): persino i commentatori di TeleArena, nel regolare svolgimento delle loro funzioni di giornalisti, furono aggrediti e presi a male parole!
Speriamo (vanamente) che una volta tanto che i bassi istinti e la violenza che accompagniano questo triste calcio moderno lascino per una volta il posto al buon senso e all'educazione (o siano perlomeno severamente censurati i comportamenti non consoni)

[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

Le immagini della gara al 'Binti' durante la regular season del 1° Dicembre scorso...

QUI VERONA
L'HELLAS si presenta ai play-off nella migliore delle condizioni psicologiche: dopo un campionato di rincorsa l'obiettivo (minimo) è stato raggiunto, tutto quello che viene in più, per assurdo, potrebbe essere grasso che cola ma attenzione perchè il 'rischio' che gli uomini di MANDORLINI corrono è quello di sentirsi 'appagati' pur non avendo ancora conquistato niente!
Bravo è stato il tecnico subentrato a GIANNINI a tenere sempre la squadra 'sulla corda' e a dosare alla perfezione 'bastone e carota' mantenendo l'equilibrio psicologico fondamentale in una squadra dal carattere debole e proprio qui stà il punto cardine: sarà riuscito mister MANDORLINI a trasmettere ai suoi un po' di quella grinta, di quella voglia di fare e sopratutto di tenere un risultato che in molte partite di questa stagione è parso mancare all'11 scaligero? Speriamo di si, altrimenti ci dovremo rassegnare ad un'altra stagione tra i 'reietti' del calcio...

Allenamento a porte chiuse per il VERONA col mister che 'blinda' tutti i possibili spifferi che potrebbero in qualche modo favorire l'avversario ma aldilà delle pretattiche l'unico vero dubbio riguarda forse RUSSO che non è al massimo e che potrebbe essere sostituito da MARTINA RINI (che in tal caso troverebbe lo stesso arbitro che lo espulse, peraltro giustamente, all'Italia di Sorrento).
Il modulo tattico dovrebbe ricalcare il 4-3-3 composto da RAFAEL in porta, SCAGLIA ed ABBATE (al rientro) ai lati della difesa che sarà completata dall'inamovibile coppia centrale CECCARELLI-MAIETTA; a centrocampo ESPOSITO agirà da regista sorretto a sinistra da HALLFREDSSON e a destra da MARTINA RINI.
Tridente con BERRETTONI a sinistra e LE NOCI a destra, FERRARI a sorreggere l'attacco al centro.

Le immagini del 2 a 0 a Sorrento nella Regular Season...

QUI SORRENTO
Squadra che ha frequentato le zone alte della classifica fin da subito il SORRENTO non è da considerarsi del tutto una sorpresa dato che aveva speso molto al mercato; certo da qui ad immaginare che alla fine della Regular Season i campani sarebbero finiti secondi (dietro al sorprendente, quello si, GUBBIO) ce ne passa e tuttavia i tifosi della squadra rossonera hanno pure trovato il modo di contestare i loro beniamini verso la fine della stagione quando, approfittando di un momento di calo della capolista, potevano tentare il colpaccio ed arrivare primi al traguardo (dimenticando che pochi fra loro non avrebbero firmato per occupare ora il secondo posto)...
Acqua passata! Da Domenica inizia un altro campionato che dopo quattro partite deciderà la seconda squadra da promuovere in serie cadetta ed il SORRENTO, che per inciso non è solo PAULINHO e ha fin'ora proposto un calcio 'brillante', ha tutte le carte in regola per essere quella squadra, dovrà solo stare un po' più attento in difesa: 43 gol subiti sono tanti (solo il PAVIA ha fatto peggio) e potrebbero pesare tantissimo se presi in questi spareggi...

SIMONELLI nell'amichevole settimanale contro il POTENZA (eccellenza lucana) ha fatto girare, come al solito, tutti i giocatori della sua rosa tranne PAULINHO che rimane (ovviamente) ai box ma la domanda è giocherà il bomber brasiliano al 'Bentegodi'? Difficile pensare che il capocannoniere del Girone A riuscirà a scendere in campo ma, anche così fosse, non sarà lo stesso giocatore visto (anche) contro il VERONA ad Aprile; personalmente ritengo che il tecnico campano 'risparmierà' l'attaccante per la gara di ritorno (come minimo)...


DICONO
CECCARELLI 'Non vediamo l'ora!': «Abbiamo lavorato bene, manca poco a questa sfida che è molto importante per il nostro futuro, non vediamo l'ora di scendere in campo. Tutte le squadre piazzatesi tra il secondo ed il quinto posto hanno valori importanti, incontrare una o l'altra non fa grande differenza. Ci aspetta il Sorrento, una formazione tosta e che ha fatto bene per tutto l'arco del campionato. Noi arriviamo in buone condizioni, dopo una rincorsa che ha scaturito entusiasmo. Vogliamo continuare così».
Tiene banco tra i rossoneri la condizione del capocannoniere del torneo: «Quella di Simonelli è una squadra forte, abile ad ottenere i tre punti soprattutto in casa. All'andata abbiamo dimostrato di saper condurre la manovra per lunghi tratti, al ritorno due giocate di Paulinho si sono rivelate decisive. Non abbiamo paura, devono temerci anche loro. La presenza del brasiliano avrebbe garantito più qualità, ma prepariamo la partita per affrontare un collettivo, non un singolo giocatore».
Scontato fare paragoni con un anno fa: «Allora era tutto diverso, ritrovarsi terzi dopo l'ultima di campionato fu una vera e propria mazzata. Nel girone di ritorno abbiamo dimostrato di essere all'altezza, la gara di domenica è fondamentale per continuare col nostro trend positivo. Il successo interno permetterebbe di affrontare meglio le incognite che ci attendono in Campania» (HellasVerona.it)
Generoso ROSSI 'spinge' il SORRENTO: «La doppia sfida col Verona è solo quella che le due squadre disputeranno l’una contro l’altra e non voglio parlare nemmeno delle dichiarazioni di Mandorlini sulle dimensioni del Campo Italia»
Alle sue cinque promozioni fanno da pendant i casi di esperienze meno fortunate nelle sfide dei playoff da parte di vari compagni di squadra, del tecnico Gianni Simonelli e del patron Mario Gambardella. Rossi sorride, scherza e dice la verità: «Se mi mettessi a guardare come sono finite in passato le esperienze playoff per gli altri giocatori del nostro spogliatoio, mi dovrei preoccupare. Ne abbiamo parlato assieme in maniera scherzosa e alla fine tutti hanno detto la stessa cosa: avranno il forte stimolo di cogliere un’occasione difficile da ripetersi. Dunque, sono fiducioso alla vigilia della prima sfida».
Paulinho promette un recupero lampo dopo l’esito ok della radiografia eseguita ad un mese di distanza dall’infortunio di Bolzano. È clinicamente guarito dalla frattura all’omero sinistro, si sta allenando e potrebbe essere arruolabile per il match di ritorno del prossimo 5 giugno. «Ma noi siamo felici, innanzitutto, perché l’infortunio non compromette la sua carriera nelle categoria superiori che merita ampiamente. Se potrà giocare, farà piacere a tutti. Ma siamo pronti alla doppia sfida contro il Verona anche senza di lui. Paulinho ha già dato molto al club e alla squadra con i suoi 24 gol che sono stati importanti per meritare il secondo posto. Con la sua voglia di recuperare, comunque, ha confermato di essere anche un grande giocatore sul piano umano» (Il Mattino)


MARTINA RINI concentrato sui playoff: «E' una sensazione bellissima, ho vissuto l'anno scorso gli spareggi anche se non da protagonista, ormai il campionato non conta più. Partiamo tutti alla pari».
Queste le parole di Marco Martina Rini, che domenica ritroverà Mariani di Aprilia, che espulse il centrocampista in occasione della sfida disputata in Campania: «Non mi fa nessun effetto, ho commesso una sciocchezza io. Avrei potuto lasciare la palla a Scaglia, invece l'ho colpita istintivamente con la mano».
In rialzo le quotazioni dell'atleta bresciano, in virtù della non ottimale condizione di Russo: «Spero che il mio compagni rientri, avere tutti a disposizione è importante. Chi scende in campo deve dare tutto per cercare di vincere, io lavoro con impegno tentando di evidenziare le mie qualità».
Con la retrocessione del Brescia ci sono possibilità che il gialloblù torni alla base a fine stagione: «Non ho ancora sentito nessuno, voglio concentrarmi su ciò che ci aspetta tra pochi giorni. Disputare la cadetteria con questa maglia sarebbe più emozionante visto il valore della piazza, dei tifosi e della storia del club» (HellasVerona.it)
Fiducioso GAMBARDELLA, il patròn dei campani vuole una partita d'attacco: «Con Simonelli ne abbiamo discusso proprio l’altro giorno. Andare lì, a Verona, ad alzare le barricate significherebbe solo farsi del male. Su questo siamo d’accordo. Perché? Il Sorrento è una squadra nata per attaccare. E che non può stravolgere la propria inclinazione. Bisogna giocarsela a viso aperto, con attenzione».
Il presidente non vede l’ora di giocare i playoff perché, in fondo, sa che il suo Sorrento può tramutare da fantasia a realtà la promozione in serie B: «Per noi è un sogno vero e proprio. Sorrento è una piazza piccola, genuina, che con una squadra così bella da vedere ed una dirigenza accorta al bilancio può davvero fare lo scherzetto alle grandi. Sì, sono convinto che abbiamo buone possibilità seppur ci siano da affrontare club del calibro di Verona, Salernitana ed Alessandria, che hanno una sorta di obbligo morale a dover conquistare la serie B. Il campionato ha detto che siamo arrivati secondi, ma i playoff sono un’altra storia. Mi auguro che faremo bene: ho fiducia».
Gambardella, più che un presidente, a tratti sembra un tifoso della curva: «In effetti è così. Si possono fare tanti discorsi, si può dire che domenica troveremo 30mila spettatori o giù di lì, ma questo Sorrento ha gli attributi per tenere con carattere il campo e mettere in difficoltà il Verona. La nostra è una squadra esperta, che sa gestire emozioni e vigilie importanti. Che così come le avversarie, ha il 25 per cento di chance di vincere i playoff» (SorentoCalcio.net)

ALTRE NEWS IN ALLEGATO
HALLFREDSSON MASTINO DELL'ANNO: L'islandese eletto migliore in campo della stagione nelle partite al 'Binti'.

NBA TV Top 5 Plays: May 24thMiami Heat vs Chicago Bulls complete Highlights and RECAP Game 5 Playoffs

IN BREVE A PIÉ PAGINA
VITA DA EX: Dopo la salvezza e la rescissione di comune accordo col CESENA, FICCADENTI si racconta in un intervista de 'Il Tirreno'.
LIGA SPAGNOLA: Zizou ZIDANE nuovo diesse dei 'blancos' di Madrid.
SERIE A: Il BOLOGNA si affida a BISOLI per il dopo MALESANI, CHIEVO-PIOI è addio...
NBA: I MAVERICKS vincono nella Confederazione Ovest e vanno in finale mentre ad Est Miami si porta sul 4 a 1 ed elimina Chicago. La finale sarà quindi fra MAVERICKS e HEAT come cinque anni fa! LAKERS, il nuovo coach è BROWN.
TENNIS: Al Roland Garros bene SCHIAVONE e FOGNINI, a casa ERRANI e SEPPI...
ATLETICA LEGGERA: BOLT 'stecca' al Golden Gala di Roma, 'solo' 9"91!
FIFA: BLATTER indagato per tangenti!
CHAMPIONS LEAGUE: Domani la finale per stabilire la più forte d'Europa tra BARCELLONA e MANCHESTER, una vera 'chicca' per gli amanti del calcio...

RASSEGNA STAMPA