Subscribe Us

Le schede B/=\S: Emilov Craj Valeri BOJINOV


Data di nascita:15/02/1986
Luogo di nascita:Gorna Ortijovah (Bulgaria)
Nazionalità:Bulgara
Ruolo:Attaccante
Altezza:180 Cm
Peso:72 Kg
Posizione:
Carriera da giocatore +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Hellas Verona2012 - Gen. 2013B131
LecceGen. 2012 - 2012A81
Sporting Lisbona2011 - Gen. 2012Premeira Liga82
Parma2010 - 2011A313
Parma2009 - 2010A298
Manchester City2008 - 2009Premier League81
Manchester City2007 - 2008Premier League30
Juventus2006 - 2007B185
Fiorentina2005 - 2006A276
FiorentinaGen. 2005 - 2005A92
Lecce2004 - Gen. 2005A2011
Lecce2003 - 2004A283
Lecce2002 - 2003B152
Lecce2001 - 2002A20
Lecce2000 - 2001Giovanili--
Pietà Hotspurs1999 - 2000Giovanili--

Verona 1-0 Bari: Il goal vittoria di Valeri Bojinov!

News e curiosità +   -   =
L'occhio lunghissimo di Pantaleo CORVINO, a quel tempo diesse del LECCE, lo andò a scovare 12enne in un torneo a Malta dove giovane campioncino Valeri nella formazione del PIETÀ HOTSPURS (nientemeno!) e, intuendone le grandissime potenzialità, lo portò nella città salentina dove il ragazzino frequentò prima le scuole medie e poi le superiori.
Esordendo in Serie A nemmeno quattro anni dopo diventò (ed è tutt'ora) il più giovane giocatore straniero ad aver debuttato nella massima serie calcistica italiana e, seguendo coerentemente il suo precocissimo cammino, realizzò il suo primo gol nella massima divisione non ancora 18enne!

Con i pugliesi rimane per tre stagioni fino a che non 'esplode', con ZEMAN in panchina che ne esalta le qulità offensive, mettendo a segno in mezza stagione 11 gol in 20 gare; la FIORENTINA dei DELLA VALLE non bada a spese e lo prende a Gennaio 2005 pagandolo (quasi) a peso d'oro: 15 Milioni di Euro per raddrizzare una stagione nata male e finita peggio (i viola arriveranno al 16° posto dopo aver cambiato tre allenatori!) nonostante i forti investimenti.
Nella stagione successiva, complice anche l'esplosione di TONI, soffre forse il dover lottare per un posto in squadra e al mercato d'inverno viene messo fuori rosa a causa di alcune dichiarazioni (poi smentite) contro l'allenatore e la dirigenza viola; in ogni caso BOJINOV non trova appeal e rimane in viola fino a fine stagione.

Nel 2006-2007 l'attaccante bulgaro passa in prestito alla JUVE in B (nel giro di scambi che porta Adrian MUTU alla FIORENTINA) ma gioca pochissimo e, tornato a Firenze dopo un anno, rifiuta il rinnovo e viene ingaggiato nella PREMIER LEAGUE dal MANCHESTER CITY ma la stagione inglese si rivelerà sfortunatissima ed Emilov, infortunatosi quasi subito molto gravemente al ginocchio, rivede il campo solo al termine del campionato ma ad Agosto 2008 si fa (molto) male al tendine d'Achille: rivedrà il campo solo a Marzo del 2009!

Nell'estate successiva viene prestato al PARMA dove il nostro si riprende e, dopo 30 presenze e 8 reti, i ducali decidono di riscattare il suo cartellino ma nella stagione 2010-2011 delude quindi viene girato in Portogallo allo SPORTING LISBONA che a Gennaio lo presta a sua volta in Serie A al LECCE (a 11 anni dal suo debutto con i salentini); il resto è storia recente: Valeri non convince, i pugliesi vengono spediti in C1 causa cacioscommesse e non riscattano il bulgaro, poi la chiamata del VERONA e l'ennesima scommessa di SOGLIANO che ha conquistato rivelandogli che voleva subito avere una maglia scaligera riconoscendo come assolutamente prestigiose squadra e tifoseria...

Insomma le premesse perchè il bulgaro, che può giocare da seconda punta, sulla trequarti e anche come esterno d'attacco, faccia bene ci sono tutte ma, come per la scommessa-FATIC, moltissimo dipenderà dall'effettiva voglia dei calciatori di tornare ai propri livelli in una categoria dove conta si la tecnica ma anche la tenuta atletica durante una stagione lunghissima!
Fidandosi delle prime parole del calciatore in conferenza stampa «A me basta essere qui: sono arrivato dove volevo. Ora sta solo a me dimostrare le mie qualità con questa maglia. E poter vincere» vien proprio da da dire... 'Speriamo che il buongiorno si veda dal mattino!'


Aneddoti&Altro da ricordare... +   -   =
  • Buon sangue non mente! E infatti anche la mamma di Valeri è un'ex atleta: Pepa giocava a pallavolo nella nazionale bulgara...
  • Quel bacio a ZEMAN... Del 22 Settembre 2004 dopo un gol stupendo all'Olimpico contro a ROMA (questo il video) «Me lo sono inventato così, senza pensare...»
  • La fidanzata esigente che ha lasciato nel 2004 perchè «Io volevo stare un po' tranquillo, lei non accettava che io avessi due obiettivi più importanti dell'amore: la salvezza con il Lecce e la mia nazionale»
  • Da fenomeno a fenomeno «Bojinov è un autentico fenomeno. Si tratta di un campione vero, nonostante sia ancora molto giovane. Ha numeri straordinari: è veloce, è potente, ha dribbling e tecnica da fuoriclasse» il giudizio era di Hristo STOICHKOV, Pallone d'oro nel 1994 ed ex commissario tecnico della Bulgaria quando Valeri era appena 18enne e cresceva sotto la guida di ZEMAN al LECCE...
  • Rissa in allenamento tra Bojinov e Giandonato che sono venuti alle mani: Partitella in famiglia per il LECCE con i due giocatori schierati da avversari nelle opposte squadre. A seguito di una decisione arbitrale, i due hanno cominciato a beccarsi, con Giandonato che ha rivolto degli apprezzamenti verso il bulgaro, che non ha gradito. Sono dovuti intervenire i compagni per sedare la zuffa tra i due...

[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]


Valeri Božinov
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Emilov Craj Valeri Božinov (in bulgaro Eмилов Bлeри Божинов[?], traslitterato anche Bojinov o Bozhinov; Gorna Ortijovah, 15 febbraio 1986) è un calciatore bulgaro, attaccante dell'Hellas Verona in prestito dallo Sporting Lisbona e della Nazionale bulgara.

Caratteristiche tecniche
Il ruolo principale di Cacia è la prima punta, tuttavia può giocare anche come attaccante esterno.

Carriera
- Club
Inizi e Lecce
Arriva in Italia nel 2000 grazie a una felice intuizione di Pantaleo Corvino, ai tempi direttore sportivo del Lecce, che lo scopre ad appena 12 anni in un torneo a Malta, dove Božinov gioca nel Pietà Hotspurs, e lo porta in giallorosso[1]. A Lecce il ragazzo frequenta la scuola media Paolo Stomeo. Poi continua gli studi secondari presso l'istituto tecnico industriale Enrico Fermi e poi l'istituto professionale Antonietta De Pace del capoluogo salentino, mentre gioca con le formazioni giovanili del Lecce. Risiede presso la casa Pastor Bonus insieme agli altri ragazzi fuori sede dell'US Lecce.
Debutta in Serie A il 27 gennaio 2002, non ancora sedicenne, contro il Brescia, diventando così il più giovane calciatore straniero ad aver esordito in Serie A[1][2]. Realizza il primo gol nella massima divisione l' 11 gennaio 2004, non ancora maggiorenne, in Lecce-Bologna 1-2[3]. Resta in Puglia tre anni. Si afferma nella stagione 2004-2005 grazie al gioco offensivo di Zdenek Zeman[4].

Fiorentina
Nella sessione invernale di calciomercato, a gennaio 2005, passa poi alla Fiorentina, che decide di scommettere su di lui e lo acquista per una cifra ragguardevole[5], 15 milioni di euro. A Firenze mette in mostra le sue grandi doti, sebbene venga un po' frenato da un infortunio rimediato in aprile e da un periodo di adattamento. Nell'estate 2005 la Fiorentina acquista Luca Toni[6] e, complice l'esplosione di quest'ultimo, nella stagione 2005/2006 il bulgaro trova poco spazio in squadra[7].
Il 16 gennaio 2006 viene ufficialmente messo fuori rosa dalla Fiorentina per alcune dichiarazioni rilasciate a una radio bulgara (smentite in seguito) contro l'allenatore e la dirigenza[8]. Viene messo sul mercato per un possibile scambio con l'Inter per il ritorno di Francesco Toldo, ma le voci lo vogliono anche al Bayern Monaco e all'Amburgo[8]. Ciononostante, conclusasi la sessione invernale del calciomercato, Božinov resta a Firenze e viene reintegrato nella rosa della prima squadra.

Juventus
Nel luglio 2006 passa alla Juventus, in Serie B per la prima volta per le vicende di calciopoli, con la formula del prestito con diritto di riscatto[9] per la metà del cartellino, come parziale contropartita tecnica nella trattativa conclusasi con la cessione dell'attaccante rumeno Adrian Mutu alla Fiorentina. Coi bianconeri trova però pochissimo spazio, e un anno più tardi torna alla Fiorentina. Dopo aver rifiutato la proposta di rinnovo per altri due anni viene nuovamente messo sul mercato e in attesa della cessione gli viene permesso di allenarsi. Ad agosto 2007 viene data ufficialmente la notizia della sua cessione per 8 milioni e mezzo di euro al Manchester City, che fa sottoscrivere al giocatore un contratto quadriennale[10].

Manchester City
Durante il derby con il Manchester United del 19 agosto 2007, valido per la terza giornata della Premier League 2007-2008, si infortuna gravemente ad un ginocchio[11] ed è costretto a restare inattivo per tutta la stagione. Rientrato nella stagione successiva dopo alcune amichevoli, il 17 agosto 2008, nel pre-partita del primo incontro di campionato con l'Aston Villa, subisce un altro grave infortunio al tendine d'Achille[11] che lo tiene fermo per altri 6 mesi. Ritorna a giocare in prima squadra il 1º marzo 2009 contro il West Ham United. Torna a segnare il 16 maggio 2009, nella partita persa per 2-1 dal Manchester City sul campo del Tottenham, firmando il gol del momentaneo pareggio cinque minuti dopo il suo ingresso in campo[12].

Parma
Il 29 luglio 2009 il Parma raggiunge l'accordo con il Manchester City per il prestito di un anno[13]. Torna a segnare in Serie A il 23 settembre 2009, contro la Lazio allo Stadio Olimpico di Roma nella partita vinta 1-2 dai ducali. Chiude la stagione con 30 presenze in campionato e 8 reti.
Il 4 luglio 2010 il Parma riscatta ufficialmente il suo cartellino.[14] La prima rete del campionato 2010-2011 arriva contro la neo-promossa Brescia[15]. Conclude la stagione siglando altre due reti contro la Sampdoria e contro il Cagliari l'ultima giornata di campionato.

Sporting Lisbona e prestiti a Lecce ed Hellas Verona
Il 6 luglio 2011 viene acquistato a titolo definitivo dallo Sporting Lisbona. Nell'ambito della stessa trattativa Jaime Valdes passa dai portoghesi al Parma.[16]
Dopo l'esperienza portoghese, il 30 gennaio 2012 torna dopo sette anni al Lecce in prestito con diritto di riscatto[17] dopo una trattativa durata appena una settimana.[18] Al termine della stagione il giocatore non viene riscattato dai pugliesi e fa così quindi il suo ritorno in Portogallo.
Il 31 agosto seguente passa in prestito all'Hellas Verona, in Serie B.[19]

- Nazionale
Quando arrivò nel Salento aveva già militato con le selezioni giovanili del suo paese[senza fonte]. Con la Nazionale Under-21 vanta 3 presenze e 3 gol. Con la nazionale maggiore fece parte della spedizione bulgara al campionato d'Europa 2004, dove debuttò in Nazionale nella partita contro l'Italia da subentrante[20]. Nell'agosto di quell'anno realizzò la sua prima marcatura con la maglia della rappresentativa bulgara contro l'Irlanda[senza fonte].

Palmarès
- Club
Attualmente milita nel Hellas Verona, formazione della serie B italiana.

- Competizioni giovanili
Coppa Italia Primavera: 1
Lecce: 2001-2002

- Competizioni nazionali
Campionato italiano di Serie B: 1
Juventus: 2006-2007

FONTE: Wikipedia.org