Subscribe Us

Dello stop alla trasferta a Napoli e della Curva Sud chiusa per i tifosi scaligeri...


Stop trasferta e curva chiusa... +   -   =

1. TRASFERTA BLOCCATA PER I TIFOSI VERONESI e veneti a Napoli in occasione della prossima giornata di campionato, anche per chi è in possesso della Tessera del Tifoso; così ha deciso l'organo nazionale per il controllo della sicurezza nelle manifestazioni sportive e se da una parte la domanda che sorge spontanea è a che cosa serva schedare (di fatto) i tifosi con la Tessera se poi le trasferte vengono bloccate, dall'altra, facendo un po' l'avvocato del diavolo, non posso non osservare che una frangia fuori controllo di tifosi scaligeri che non perde occasione di rendersi simpatica agli occhi dell'opinione pubblica c'è eccome: Offese a DI BARTOLOMEI a fine gara a Roma nonchè aggressione ai tifosi siciliani in occasione di VERONA-PALERMO per sottacere dei casini successi a Torino e dei fermi su alcuni tifosi gialloblù prima di VERONA-MILAN... E se i problemi strutturali del 'San Paolo' riguardassero proprio questo?
E cioè in realtà l'impossibilità di assicurare ai tifosi ospiti un sufficiente grado di sicurezza? Vero... Magari un po' di chiarezza in più da parte del CASMS non guasterebbe ma per quanto riguarda noi tifosi, prima di gridare al lupo al lupo, e nella beata speranza che per il ritorno valga la stessa regola per i tifosi partenopei, sarebbe meglio per alcuni guardare alla gigantesca trave nei propri occhi prima delle pagliuzze in quegli degli altri e farsi un bell'esame di coscienza...

2. COME NON BASTASSE ARRIVA ANCHE LA SQUALIFICA PER UN TURNO DELLA CURVA SUD a causa degli ululati (veri o presunti tali) contro il giocatore di colore del MILAN MUNTARI.
Che siano state 3mila, cento o una decina le persone che si sono macchiate di tale infamia, punita grazie alle nuove regole con la squalifica a seguito di una diffida ricevuta nella passata stagione per quanto riguarda i tifosi gialloblù quando al posto di MUNTARI il target fu ARMERO del NAPOLI, l'infrazione è stata certificata da chi fa questo per mestiere (i 3 giudici federali sotto la Sud) e lascia basiti la reazione della società di Via Belgio che, sul proprio sito, attacca direttamente e duramente la Lega (che ha pure inflitto Euro 50mila di multa) e termina con uno slogan da sempre molto caro ai teorici del complotto SOLI CONTRO TUTTI!...

È che finchè tale slogan viene sciorinato al bar o allo stadio da gente che comunica con frasi fatte è un discorso, quando invece la frase fatta diventa posizione ufficiale la faccenda si fa più seria e di conseguenza pone interrogativi altrettanto pesanti:

  • Esiste davvero una crociata contro l'HELLAS?
  • Ed il VERONA è davvero solo contro tutti? Oppure è in 'buona' compagnia con JUVE, INTER, CAGLIARI, LAZIO, MILAN (e altre) le cui tifoserie hanno subito il medesimo trattamento nella passata stagione?
  • E cosa ci fa un TAVECCHIO qualunque, che s'è le presa coi 'PONBÀ mangiabane', ai vertici del calcio italiano? È il caso di prendersela con la FIFA che l'ha squalificato per mesi? Pure lui è... Solo contro tutti?
Su butèi... Recuperiamo un po' di serenità e sana autocritica!

3. DANNO D'IMMAGINE ALLA CITTÀ, la Giunta comunale di Verona ha denunciato i tre procuratori federali che avrebbero inventato (secondo la società di Via Belgio e a quanto pare tutti i presenti al match) i buh razzisti a MUNTARI! Difficile che questa storia sfoci in qualcosa di concreto a livello penale ma, comunque vada, la mossa si rivelerà comunque un ottimo spot elettorale e personale per il primo cittadino di Verona invitato dalla maggioranza dei tifosi, anche in occasione della presentazione dell'HELLAS 2014-15 in Via Sogare, a tenersi alla larga dai colori scaligeri...

4. IL RE E' NUDO? Non proprio... Anzi, col tipico 'cerchiobottismo' all'italiana, la FIGC ha risposto al reclamo del VERONA con una non decisione e la situazione più probabile è che si vada verso una diminuzione della pena perché altrimenti dovrebbero sconfessare l'una o l'altra parte infilandosi in uno spinoso 'cul de sac' che non conviene a nessuno: Tradotto significa che qualcosa è successo ma che invece di 3000 i rei saranno stati 30... Magra consolazione!
Comunque andrà, a perderci saranno ancora una volta quei poveretti che vorrebbero andare allo stadio al mero scopo di assistere ad uno spettacolo sportivo e invece dovranno continuare a sorbirsi razzismo e politica fino alla prossima volta perché in Italia gira così...

Di seguito la (non) decisione della FIGC:
ORDINANZA INTERLOCUTORIA

1. RICORSO CON RICHIESTA DI PROCEDIMENTO D’URGENZA EX ART. 36 BIS, COMMA 7, C.G.S., HELLAS VERONA F.C. S.P.A.
AVVERSO LE SANZIONI:
- AMMENDA DI EURO 50.000,00;
- OBBLIGO DI DISPUTARE UNA GARA CON IL SETTORE DENOMINATO
“CURVA SUD” PRIVO DI SPETTATORI CON REVOCA DELLA SOSPENSIONE DELLA SANZIONE DI CUI AL COM. UFF. N. 104 DEL 14.1.2014, AI SENSI DELL’ART. 16, COMMA 2 BIS, C.G.S.,
INFLITTE SEGUITO GARA HELLAS VERONA/MILAN DEL 19.10.2014 (Delibera del Giudice Sportivo presso la Lega Nazionale Professionisti Serie A – Com. Uff. n. 65 del 21.10.2014)

La C.S.A. impregiudicata ogni valutazione del reclamo in punto di fatto e di diritto, manda alla Procura Federale di disporre un supplemento di indagini in ordine alla dimensione ed effettiva percepibilità dei presunti cori razzisti contestati nella fattispecie in esame, tenuto conto delle allegazioni della reclamante – che si trasmettono – e dell’effettivo posizionamento, nel caso di specie, dei rappresentanti della Procura refertanti, acquisendo ogni ulteriore elemento utile anche dai rappresentanti delle Forze dell’Ordine preposti alla tutela dell’Ordine Pubblico.
Sospende, nelle more, l’applicazione delle sanzioni inflitte.


5. CORI RAZZISTI VERONA-MILAN, la Procura di Verona apre un'inchiesta per falso in merito alla relazione dei commissari della Procura federale sui cori razzisti degli ultrà scaligeri nei confronti del milanista MUNTARI

6. CHIESTO IL SEQUESTRO DEGLI ATTI, NON ESISTE NESSUN DOCUMENTO! La relazione degli ispettori federali che rivelava almeno 3000 'uh uh' razzisti verso il mediano del MILAN MUNTARI... Non esiste! Ci sarebbero solo delle mail intercorse tra gli ispettori stessi e l'organo di disciplina federale: Controllo all'italiana! Ma vedrete che prima o poi ci si metterà d'accordo in maniera che nessuno si faccia male... A parte la verità!

7. LA PROCURA DI VERONA CHIEDEREBBE L'ARCHIVIAZIONE dell'indagine sugli ispettori dal momento che non sono pubblici ufficiali ed i cori incriminati non erano distinguibili da altre grida, applausi e cori...

8. CORI RAZZISTI A MUNTARI, altra smentita: Non solo manca la relazione degli 007 federali ma lo stesso giorno della partita del 19 ottobre scorso il sostituto procuratore federale confermava, dopo aver visto la gara su Sky calcio, che non si erano verificati fatti di condotta violenta o antisportiva!

9. IL VERONA VINCE IL RICORSO presentato a seguito della gara al Binti contro il MILAN nella quale 3 ispettori federali, mandati allo stadio appositamente per controllare e registrare eventuali cori di stampo razzista, avrebbero indicato almeno in 3mila i buhatori contro il colored MUNTARI.
Fin da subito i tesserati rossoneri avevano negato di aver sentito ululati e pure il sostituto procuratore di Verona aveva fatto sentire la sua voce a difesa dell'HELLAS e dei suoi tifosi eppure fino a ieri, giorno di conclusione delle ulteriori indagini e del verdetto finale, la presenza del pubblico in Curva Sud era a rischio...
Una sentenza che crea un precedente ed un fatto nel suo piccolo storico che dimostra che ogni tanto anche la ragione prevale, la giustizia? No, quella è ben altra cosa, perchè se giustizia fosse stata fatta i 3 cialtroni che si sono coperti le spalle dichiarando il falso (3000 ululati che sarebbero circa metà Curva, contro i 30-50 che avran sentito) dovrebbero in qualche modo pagare e invece niente...
La soddisfazione della società scaligera espressa in questo post sul sito ufficiale scaligero.

[Commenta qui sotto o sulla pagina Facebook di BONDOLA/=\SMARSA, condividi a piè di pagina, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =

L'avvocato Fanini ha assistito legalmente la società di Via Belgio che per ora è riuscita ad ottenere la sospensione della pena... «Cosa succederà adesso? Di tempistiche non si può parlare, ma probabilmente ci vorrà qualche mese visti anche dei casi precedenti che, comunque, non trattavano di discriminazione razziale. Siamo pronti ad affrontare il secondo tempo di questa partita, vogliamo portare fino alla fine le nostre ragioni, di cui siamo assolutamente convinti. Abbiamo delle speranze riposte in un risultato finale positivo. Sarebbe un grande orgoglio, si tratterebbe del primo caso in Italia dove, in materia di giurisprudenza sportiva, si assisterebbe alla revoca della sanzione. Siamo una società ambiziosa, a cominciare dal presidente Setti, e vogliamo ottenere il massimo. Questo, comunque, è un risultato importante, che consentirà ai tifosi di essere presenti in due partite molto sentite contro Lazio e Fiorentina» HellasVerona.it

Il diggì GARDINI letteralmente imbufalito contro i procuratori che federali che, a detta sua e di molti altri tra tifosi e media, avrebbero letteralmente inventato gli ululati razzisti verso MUNTARI del MILAN «Noi tutti stiamo vivendo un momento di grandissima tristezza e incazzatura. Abbiamo iniziato un percorso difficile, pieno di insidie e complicazioni. Piano piano siamo arrivati dove altri non sono riusciti. Un obiettivo l'abbiamo subito raggiunto, e qui colgo l'occasione per ringraziare il Milan. Nel calcio che divide, in un'occasione di questo tipo che si parla di un argomento serio, profondo e sentito ma che non deve essere demagogico, due società che hanno avuto in passato battaglie sportive, dialettiche e di campo si sono unite per dimostrare di volere la verità. Noi pretendiamo la verità, non vogliamo che venga insabbiato qualcosa che non è esistito. Allo stadio, domenica, sono entrate 27.125 persone, e pensare che nessuno, eccetto i tre ispettori della Procura Federale, abbia sentito che in quattro occasioni, considerando anche altri rapporti, 3.000 persone abbiano proferito parole di contenuto discriminatorio, non è ammissibile. Ci sono di mezzo una società, una tifoseria, oltre 220 operatori degli organi d'informazione e 600 steward per una sfida che in campo è stata uno spettacolo. In 4 occasioni, per 4 comportamenti di questo tipo, è stato accusato indebitamente chi fa il proprio lavoro e chi ci mette la faccia quotidianamente, cosa che noi abbiamo sempre fatto in questi anni quando sbagliavamo, come nel caso di Piermario Morosini. Non pretendiamo le scuse, ma la verità. Pensate, 3.000 persone fanno un gesto e nessuno si sente in dovere, tra gli ispettori della Procura Federale, di avvisare le Forze dell'Ordine. E noi non ci possiamo difendere, nel 2014 non possiamo utilizzare il contraddittorio per niente. Non abbiamo armi. Questo è successo a noi, ma potrebbe succedere ad altre squadre. E poi chiediamo a investitori e tifosi di venire allo stadio? Chi mi ripaga del danno? Pensiamo anche alle altre occasioni che hanno coinvolto il Milan, come nelle partite con Pro Patria e Sassuolo. Per i cori di 50 persone i calciatori si sono fermati. Qui no. Questo qualcuno me lo deve spiegare. Serve la verità, tutti noi sbagliamo ma condannare in maniera inesorabile chi fa il proprio lavoro mettendoci passione e professionalità non lo accetto. Basta luoghi comuni, guardiamo presente e futuro, e il presente dice che 3 persone hanno descritto qualcosa che non è stato sentito. Ringraziamo tutti per aiutarci in questa ricerca della verità, ora assumiamoci responsabilmente delle responsabilità. Il rafforzativo è doveroso, perché sono persone che vanno in giro e devono svolgere il lavoro in maniera professionale. Sfido chiunque a trovare un comportamento discriminatorio in 3.000 persone. Quando sbagliamo abbiamo sempre chiesto scusa, in questa circostanza io sono avvelenato prima come uomo, poi come dirigente e come direttore generale dell'Hellas Verona» HellasVerona.it

Nessuna comunicazione di cori a sfondo razziale23 ottobre 2014 - Giovanni Gardini

Il questore di Verona Gagliardi «Nessuno mi ha informato sui cori. Non mi è pervenuta nessuna informazione in questo senso i miei dirigenti hanno il dovere di intervenire e il diritto di essere informati, nell'eventualità in cui non avessero percepito i cori razzisti, dai funzionari della federazione. In questo modo, avrebbero parlato con il quarto uomo e con l'arbitro per lanciare gli avvisi con gli altoparlanti dello stadio, ripetuti più volte, mirati a far cessare i cori. Poi si sarebbe deciso insieme se continuare la gara o sospenderla. Ripeto: non abbiamo sentito nulla nè, tantomeno, siamo stati informati» LArena.it

Patròn SETTI «I presunti cori discriminatori non ci sono mai stati. Aiutatemi a comprendere, nel mentre confido nella giustizia sportiva» TuttoMercatoweb.com

...Ma qualcosa deve essere successo se ESSIEN poco dopo rilascia queste parole a MilanChannel «Il razzismo? Sono molto triste per quello che é accaduto a Verona. Siamo nel 2014 e ci sono degli stupidi che fanno questo cose. Sono situazioni brutte a prescindere, per noi che giochiamo, ma anche per il calcio in generale»


Muntari al 29'30'' ptMuntari al 29'53'' ptMuntari al 40'08'' pt

IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

VITA DA EX: Giovanni GALLI nuovo diesse della LUCCHESE...

MEA CULPA DI ROCCHI IN JUVE-ROMA, 'Ecco cosa ho sbagliato...'

CALCIO INGLESE: Già finita la luna di miele tra BALOTELLI ed i tifosi del LIVERPOOL?



RASSEGNA STAMPA +   -   =