HELLAS VERONA 1-2 CREMONESE: Il VERONA aggressivo del primo tempo non basta quando si sbagliano gol da fare, gli ospiti agguantano il pari a tempo scaduto e nei supplementari beffano i gialloblù


#VeronaCremonese +   -   =

...Il VERONA esce subito dalla Coppa Italia: EMPEREUR porta avanti i gialloblù ma CASTAGNETTI pareggia a tempo scaduto e nei supplementari DELI giustizia l'HELLAS.

JURIĆ 'Gran primo tempo ma abbiamo sbagliato un sacco di occasioni, inacettabile il calo nel secondo. Tupta? Giovane interessante, volevo vederlo contro una squadra forte. Pazzini? Lo vedo in allenamento, ho scelto per il meglio. Bessa? Non è cambiato niente, Kumbulla? Ha pontenzialità adatte alla Serie A...'

RASTELLI 'Il VERONA è calato nettamente nella ripresa'

VELOSO 'Abbiamo giocato bene nel primo tempo, nel secondo siamo calati fisicamente...'


[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =

Mister JURIĆ «Nel primo tempo ho visto quello che volevo, potevamo chiuderlo con diversi gol di scarto e l'unico neo è proprio non averli fatti. Nel secondo tempo invece no, ci siamo abbassati, abbiamo perso aggressitività e ritmo, pur rischiando poco. Abbiamo poca esperienza in certe situazioni, certe partite vanno portate a casa e non si può prendere gol così all'ultimo minuto. Abbiamo raccolto quindi tante indicazioni, sia positive che negative. Si può migliorare molto, anche fisicamente, in molti elementi specie tra quelli che hanno iniziato da poco ad allenarsi con noi. Stiamo facendo un percorso e voglio che alziamo ancora il livello fisico in questa ulteriore settimana di lavoro verso il Bologna. Il calcio è così, quando le cose ti riescono devi essere bravo a capitalizzare e quando soffri devi essere tosto e portarla comunque a casa: serve un altro atteggiamento. Sono arrabbiato, accetto il calo fisico ma non accetto gli errori banali del secondo tempo» HellasVerona.it

Mister RASTELLI tecnico della CREMONESE «Sono felicissimo per la vittoria. Dispiace aver iniziato in quel modo. Abbiamo aspettato e preso il primo schiaffo ma poi siamo saliti di livello. Nel finale il Verona è calato tantissimo e noi abbiamo colto l’occasione. I ragazzi sono stati bravissimi. Ma il nostro vero campionato inizia il prossimo week-end. Il Verona rispetto all’anno scorso? Hanno inserito giocatori importanti, chiaro che il lavoro in ritiro, con un mese di duri allenamenti, si è fatto sentire. Pazzini in panchina? Le scelte le fa l’allenatore avversario, non entro nel merito di certe scelte» TGGialloblu.it

VELOSO «La partita? Penso che abbiamo fatto un gran primo tempo, su cui possiamo ancora migliorare e in cui abbiamo avuto tantissime palle gol non sfruttate, mentre nella ripresa non siamo stati in grado di gestire il gioco e siamo calati fisicamente. A che punto è il Verona? Il nostro grande obiettivo è la salvezza e vogliamo imparare dai nostri errori, guarderemo con il mister questa partita e ciò che non abbiamo fatto bene. Da domenica inizia la nostra grande avventura per la salvezza. Badu? Dispiace a tutto il gruppo, è un grande giocatore e una grande persona: speriamo possa recuperare in fretta per darci una mano» HellasVerona.it


VelosoJuric

IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

VITA DA EX: Nanu GALDERISI si rilassa al sole di Amalfi...



RASSEGNA STAMPA +   -   =
COPPA ITALIA
LA CREMO ESPUGNA VERONA E AVANZA IN COPPA
18 AGOSTO, 2019

Hellas Verona-Cremonese 1-2 dts

Hellas Verona (3-4-1-2): Silvestri; Rrhamani, Kumbulla, Empereur; Faraoni (42’ st Gunter), Henderson, Veloso, Lazovic (22’ st Vitale); Verre (21’ st Zaccagni); Tutino, Tupta (15’ pts Pazzini).:All.: Juric.

Cremonese (3-5-2): Agazzi; Ravanelli, Claiton, Migliore; Mogos, Arini (31’ st Boultam), Castagnetti, Deli (1’ sts Zortea), Renzetti; Ciofani (16’ st Soddimo), Palombi (36’ st Montalto). All.: Rastelli.

Arbitro: Manganiello di Pinerolo (assistenti: Vivenzi di Brescia, Lo Cicero di Brescia. IV Ufficiale: Ros di Pordenone).

Note – Ammoniti: Ravanelli (C), Veloso (V), Soddimo (C), Claiton (C)

Reti: 6’ pt Empereur (V), 46’ st Castagnetti (C), 12’ pts Deli (C)

Impresa della Cremonese che supera in rimonta il Verona e guadagna l’accesso al terzo turno di Coppa Italia. Castagnetti nelle fasi di recupero del tempo regolamentare e Deli nei supplementari ribaltano il risultato dopo che Empereur, in avvio, era riuscito ad andare in gol.

Preme dall’inizio il Verona che colleziona due angoli in apertura. Sul secondo Empereur arriva con un sinistro potente e batte Agazzi.

Verona vicino al raddoppio al 17’ con Rrhamani che di testa alza sopra la traversa. Al 32’ Veloso pesca Tupta, la rovesciata dell’attaccante sorvola la traversa.

Azione in velocità del Verona al 39’ con Lazovic che da pochi passi mette palla sul fondo.

La ripresa si apre con una rimessa laterale di Mogos prolungata da Ciofani per Palombi, che non riesce per un soffio nella deviazione.

Al 19’ Deli ci prova dalla distanza con palla a lato non di molto. Al 25’ Silvestri blocca sicuro una punizione di Castagnetti. Al 33’ veloce ripartenza dei grigiorossi che arrivano alla conclusione con Boultam senza che il centrocampista riesca però inquadrare lo specchio della porta. I grigiorossi provano l’assalto finale e raggiungono il pareggio nel recupero con una conclusione di giustezza di Castagnetti.

Prima occasione dei supplementari ancora per Castagnetti che si vede rimpallare il tiro a botta sicura da un difensore (2’). Cremo in vantaggio al 12’ quando Deli insacca di testa un corner guadagnato da Boultam. Un minuto dopo Agazzi è prodigioso su Henderson e con l’aiuto del palo salva il vantaggio. La prima frazione dell’overtime si chiude con il destro di Mogos che sfiora il palo.

Al 3’ del secondo tempo supplementare Agazzi con un gran balzo nega il pareggio a Zaccagni.

Il duello si ripete al 13’ ed è ancora il portiere grigiorosso ad avere la meglio su Zaccagni. La Cremo controlla gli ultimi assalti ed espugna il Bentegodi.

FONTE: USCremonese.it


RASSEGNA
Gds: Hellas Verona - Cremonese 1 - 2 Le pagelle dei gialloblu
19.08.2019 09:00 di Enrico Brigi Twitter: @enrico_brigi
Fonte: La Gazzetta dello Sport

Qualche insufficienza nelle pagelle assegnate dal quotidiano "La Gazzetta dello Sport" ai gialloblu, al termine dell'incontro perso contro la Cremonese: Silvestri 5,5 Rrhamani 6 Kumbulla 6 Empereur 6 Faraoni 6,5 Henderson 5,5 Veloso 6,5 Lazovic 5,5 Verre 6 Tutino 6 Tupta 5,5 Zaccagni 6 Gunter 5,5 Pazzini sv Jurix 5,5

FONTE: TuttoHellasVerona.it


NEWS
Verona-Cremonese: sono 8211 i tifosi presenti
Buona affluenza per la prima partita di Coppa Italia dell’Hellas

di Tommaso Badia Agosto 18, 2019 - 21:40

Sono 8211 i tifosi presenti al Bentegodi per il match di Coppa Italia tra Hellas e Cremonese: visto il periodo, si tratta tutto sommato di un buon dato per quanto riguarda l’affluenza.

Domenica prossima, visti gli oltre 9000 abbonati e l’inizio del campionato, ci aspettiamo però qualcosa di più!

FONTE: CalcioHellas.it


L’Hellas sconfitto dalla Cremonese viene eliminato dalla Coppa Italia
By Redazione - 18 Agosto 2019

Inizia con un passo falso la prima gara ufficiale dell’Hellas Verona di mister Juric in questa stagione 2019/2020.
Gli Scaligeri sconfitti al Bentegodi dalla Cremonese terminano subito l’esperienza in Coppa Italia.
Al gol di Empereur a soli 7 minuti dall’inizio del match risponde in pieno recupero dopo il novantesimo Castagneti; nei tempi supplementari i grigiorossi conquistano il passaggio del turno con la rete di Deli.
Ora testa alla prima di campionato in programma domenica prossima al Bentegodi.

FONTE: HellasNews.it


Urgono rinforzi a quindici giorni dalla chiusura del calciomercato
agosto 19, 2019

Gli 8211 paganti presenti ieri sera al Bentegodi, hanno purtroppo visto festeggiare la Cremonese il passaggio del turno in coppa Italia dopo i tempi supplementari. Una squadra, quella gialloblù, partita bene per poi sciogliersi come neve al sole. Assente a lunghi tratti specie nella ripresa. Ad una settimana dall’inizio del campionato, più di qualche campanello d’allarme è scattato in casa scaligera. Per tanti, è già tutto finito, prima ancora di cominciare. L’Hellas Verona è già condannato alla retrocessione.

Sui social se ne leggono di ogni, specie da chi ieri non era presente alla stadio (nessuna diretta televisiva o radiofonica, ndr) e quindi non ha visto nemmeno 1’ di partita. Ma l’importante è sempre e solo criticare ed insultare. Nessuno può essere felice oggi, il risultato finale contro la Cremonese è chiaro ed evidente e non lascia spazio a tante interpretazioni. Il campo ha dimostrato che ai gialloblù di Juric, anche lui non certo impeccabile ieri sera specie nei cambi, manca ancora molto per diventare una squadra.

Specie quando la condizione atletica viene meno nel momento clou della partita ed alcuni attori “protagonisti” in campo, dimostrano ancora una volta evidenti limiti. Salutata in malo modo la coppa Italia, ora bisogna solo pensare al campionato, al via domenica prossima quando al Bentegodi si presenterà il Bologna. Sperando che la società, in sede di mercato, riesca e voglia irrobustire una rosa parsa troppo sterile, specie in attacco.

Pagelle
agosto 18, 2019

Silvestri 5.5, Rrahmani 6.5, Kumbulla 6.5, Empereur 6.5; Faraoni 6 (Gunter 5), Veloso 5.5, Henderson 6, Lazovic 5.5; Tutino 5.5, Verre 5.5 (Vitale 5), (Zaccagni 6); Tupta 5 (Pazzini sv). Juric: 5.5

Finale, Hellas Verona-Cremonese 1-2, gialloblù eliminati dalla Coppa Italia
agosto 18, 2019

Prima da dimenticare per i gialloblù di Ivan Juric. A distanza di settantasette giorni, i tifosi gialloblù tornano allo stadio Bentegodi. Primo impegno ufficiale per l’Hellas Verona nel terzo turno eliminatorio di coppa Italia, contro la Cremonese. Davanti a 8211 spettatori, i gialloblù si presentano col 3-4-2-1 con Silvestri, Rrahmani, Kumbulla, Empereur; Faraoni, Veloso, Henderson, Lazovic; Tutino, Verre; Tupta. La prima occasione arriva al 4’ col corner di Veloso, sfiora solo di testa Kumbulla. Due minuti dopo ci prova anche Verre, ma al 7’ arriva il primo gol ufficiale dell’Hellas Verona 2019/20: Empereur, sugli sviluppi di un calcio d’angolo di Veloso, di sinistro non dà scampo a Agazzi. Dieci minuti dopo vola in cielo Rrahmani ma sbagli i tempi e arriva male sul pallone su invito di Veloso. Timida la replica della Cremonese con Dezi al 19’, pallone facile per Silvestri. Tupta non ci arriva al 27’ sull’ottimo invito da destra di Faraoni, imbeccato da Verre, attaccante gialloblù che ci prova in rovesciata al 32’ senza fortuna, pallone alto di poco sopra la traversa. Rrahmani ci prova ancora di testa nell’azione dopo ma Agazzi è attento e blocca, portiere ospite graziato al 39’ da Lazovic che calcia sull’esterno della rete alla sua destra su invito di Tutino — Juric conferma ad inizio ripresa la formazione iniziale, gialloblù che al 4’ subiscono la prima ammonizione con Veloso e dieci minuti dopo Mogos spara in curva. Brividi al 19’ sul destro di Deli dalla distanza a lato di poco. Doppio cambio per i gialloblù al 21’, con Zaccagni al posto di Verre e Vitale per Lazovic. Castagnetti ci prova direttamente da calcio di punizione ma Silvestri non si fa sorprendere dalla conclusione centrale, come dalla conclusione dalla distanza di Soddimo. Al 33’ Boultam si gira bene ma calcio alto, Hellas Verona a corto di fiato come al 39’ quando Tupta spara alle stelle da comoda posizione. Terzo cambio per i gialloblù al 42’ con Gunter per Faraoni, con Rrahmani spostato a destra. Ma in pieno recupero arriva la beffa per i gialloblù, col gol di Castagnetti che manda le due squadre ai supplementari. All’11’ del primo tempo supplementare, prima azione degna di nota con lo scambio Vitale-Henderson che non porta a nulla. Ma è la Cremonese a ribaltare il risultato al Bentegodi col gol di Deli al 12’ che gela il Bentegodi. Henderson subito dopo colpisce il palo, mentre Juric al 15’ manda in campo Pazzini per Tupta. Mini break con la squadra di Rastelli in vantaggio. Nel secondo tempo supplementare, l’Hellas Verona deve trovare in tutti i modi la via del gol per portare la Cremonese ai rigori, ci prova al 3’ col colpo di testa di Zaccagni ma Agazzi smanaccia in corner. Ci prova invano anche Rrahmani di testa al 12’ e nuovamente Zaccagni subito dopo, ma oramai non c’è più tempo ed al IV turno di coppa Italia, in programma il 4 dicembre, sarà la Cremonese ad affrontare l’Empoli.

FONTE: HellasLive.it


NEWS
19 agosto 2019 - 00:10
Pagelle Verona: attacco scarico, l’Hellas dura un tempo
Tupta e Tutino non colpiscono, Silvestri incerto. Lazovic in ritardo di condizione. Bravo Kumbulla

di Matteo Fontana, @teofontana

SILVESTRI 5,5
Pone rimedio ad alcune punzecchiature della Cremonese, ma non è impeccabile sul gol del pareggio e, soprattutto, sul raddoppio di Deli.

RRAHMANI 6
Grande spessore atletico, non si perde mai l’uomo. Spostato per ragioni tattiche sulla fascia destra, non ha la medesima incisività in fase di spinta.

KUMBULLA 6,5
Dimostra (anzi, conferma) di avere le qualità per essere titolare. Tempismo, concentrazione, forza fisica: ci siamo. Poi, quando il Verona si scioglie, fatica anche lui, ma è nettamente il migliore dell’Hellas.

EMPEREUR 6
Segna un gran gol: dovrebbe essere lo squillo della vittoria dell’Hellas, ma il finale è tutto diverso, ma le sue responsabilità sono ridotte.

FARAONI 6
Corre veloce e si fa sentire davanti e dietro. Uscito lui, l’Hellas perde parecchio sprint.

HENDERSON 6
Si adatta al ruolo di maratoneta di centrocampo, dà supporto a Veloso, sbuffa e va a intermittenza. Non ha fortuna sulla palla che potrebbe portare al 2-2.

VELOSO 5,5
Comincia bene, propone calcio fino e disegna buone traiettorie. Dopo si sgonfia.

LAZOVIC 5,5
Pare chiaro che sia in ritardo di condizione (e Juric l’aveva annunciato in prepartita). Dura quel che può e spreca l’occasione del possibile raddoppio.

VERRE 5,5
Non entra mai nel vivo dell’azione. Come altri giocatori, appare non al meglio sul lato fisico.

TUTINO 5
Parte frizzando, ma si sgasa in poco. Nel secondo tempo si incaponisce in giocate che non servono e getta via delle buone opportunità in contropiede.

TUPTA 5
Tocca bocciarlo, e spiace, perché il ragazzo ha delle doti, ma se poi non la butti dentro diventa tutto più complicato.

VITALE 5,5
Ingresso a ritmo lento.

ZACCAGNI 6
Nei supplementari va vicino per due volte alla rete del pari.

GÜNTER 5
Troppi pasticci.

PAZZINI ng

JURIC 5,5
Un tempo a tavoletta, l’altro con i pistoni che cedono: la macchina del Verona ha bisogno di essere aggiustata. Il mercato può dare delle risposte.

NEWS
18 agosto 2019 - 23:28
Verona eliminato dalla Cremonese, flop in Coppa Italia per l’Hellas
Troppi errori in avanti e i grigiorossi passano in rimonta per 1-2

di Andrea Spiazzi, @AndreaSpiazzi

Gol fallito (in questo caso falliti), gol subiti. La legge del calcio punisce il Verona che esce dalla Coppa Italia dopo essere passato in vantaggio con Empereur e aver sprecato varie occasioni per il raddoppio. la Cremonese, nullafacente nel primo tempo, capisce che l’occasione è ghiotta quando anche nella ripresa l’Hellas spreca e rallenta. Castagnetti pareggia, Deli castiga nei supplementari.


Sono in sette i “vecchi” del Verona, rispetto allo scorso anno cinque nuovi in campo. Juric schiera Silvestri, difesa con Rrahmani, Kumbulla ed Empereur, i quattro di centrocampo sono Faraoni, Henderson, Veloso e Lazovic, mentre Tutino e Verre agiscono dietro a Tupta, preferito a Pazzini.

Rastelli non vuole scherzare e getta dentro i nuovi attaccanti Palombi e Ciofani. In porta Agazzi, difesa a tre con Migliore (out all’ultimo Caracciolo) , Claiton e Ravanelli, cinque a centrocampo con Mogos e Renzetti esterni anche a scendere per comporre lo sbarramento dietro, ci sono Arini, Castagnetti e Deli.


Ottima la cornice di pubblico, i tifosi gialloblù seguono con passione il nuovo Hellas di Juric e sono in 8.211 sugli spalti coi nuovi seggiolini verdoni (sempre quelli, un po’ di fantasia? ) in mostra. Non pochi anche i grigiorossi, in circa 300 al seguito. Serata calda, 27 gradi ad inizio gara.

Il Verona attacca subito, la Cremonese va in difficoltà. Lazovic semina avversari a sinistra. Al 7’ Empereur gira al volo di sinistro su cross da corner e insacca un gran gol mettendo la gara in discesa. Verre e il pallone vanno decisamente d’accordo, lazovic martella a sinistra. Il Verona è veloce e strappa applausi. Al 16’ Faraoni crossa, Rrahmani giganteggia in area ma il colpo di testa va alto. La Cremonese mette la testa fuori al 19’ con uno schema su punizione che trova Silvestri pronto all’anticipo. Il pressing sul portatore di palla, già nella metà campo avvesaria, è continuo, ed è Henderson il chiamato alla bisogna, assieme a Faraoni.

E’ il 27’ quando Faraoni, imprendibile, va sul fondo e mette rasoterra per Tupta che in corsa non ci arriva di un soffio travolgendo Agazzi. E’ un bell’Hellas, ma le occasioni vengono gettate all’aria, una su tutte quella di Lazovic che sul finire del tempo calcia alle stelle sul secondo palo dopo un assist di Faraoni (il migliore fra i gialloblù).

Secondo tempo di marca grigiorossa con gli ospiti che ringraziano il calo fisico e la mira guasta dei ragazzi di Juric. Agazzi non corre rischi mentre Castagnetti, dopo un crescendo della Cremonese, trafigge al 45 più 2 Silvestri ringraziando la molle difesa. I grigiorossi , poi sul finire del primo tempo supplementare passano con Deli che infila da due passi di testa mentre Silvestri esce a vuoto e Gunter si addormenta. Sterile la reazione dell’Hellas. Urge urgentemente un centravanti.

Foto: Hellas Verona

FONTE: Hellas1903.it


Hellas Verona, le pagelle di CM: attacco inesistente e poche idee. Si salva solo Kumbulla
del 18 agosto 2019 alle 23:10
di dall'inviato Alessandro Righelli

Hellas Verona-Cremonese 1-2

Silvestri 5,5: poco impegnato nella prima parte di gara, fa il suo nel tracollo dei suoi. Poche colpe nei due gol subiti.

Rrahmani 5: la cremonese attacca spesso dalle sue parti, cercando un uno contro uno soprattutto in velocità.

Kumbulla 5,5: poco convinto nei contrasti, spesso non accorcia come dovrebbe.

Empereur 6: migliore in campo non solo per il gol di testa, ma soprattutto perché non perde mai la calma anche nei momenti peggiori.

Faraoni 5: alterna la fase difensiva con quella offensiva a volte bene a volte male, con passaggi calibrati male e idee sbagliate.

(42' s.t. Gunter: sv)

Henderson 5,5: inizia bene ma nella ripresa, come il resto dei compagni, si concede troppe distrazioni a ridosso dell'area di rigore.

Veloso 6: sicuramente anche lui meglio nella prima frazione di gara, più reattivo e al centro del gioco.

Lazovic 5,5: si fa spesso anticipare in posizioni rischiose per la sua squadra, fino a sparire dal gioco.

(21' s.t. Vitali 5,5: fa qualcosina in più rispetto al compagno ma può essere più incisivo, evitando passaggi troppo elementari e giocate troppo rischiose in fase difensiva.)

Verre 6: meglio nelle ripartenze veloci, quando capitano, anche se manca quasi sempre la precisione tempistica nell'ultimo passaggio.

(20' s.t. Zaccagni: s.v.)

Tutino 5: ci mette tanta corsa e fisico, ma non riesce a trovare la via del gol, vanificando tutto il lavoro creato.

Tupta 5: gioca spesso sulla linea del fuorigioco cercando di sbucare dietro la linea avversaria negli spazi stretti. Manca solo più cattiveria sotto porta.


All. Juric 5: Verona che parte bene poi, quando la Cremonese si fa più combattiva nella ripresa, tracolla su se stessa. Attacco troppo poco pericoloso e idee confuse. Serve sicuramente cambiare immediatamente atteggiamento per l'inizio del campionato.

FONTE: CalcioMercato.com


L'HELLAS DI JURIC ELIMINATO DALLA COPPA ITALIA
Partire malissimo e i cori contro Setti
19/08/2019 01:35
Come a Catania un anno fa con Fabio Grosso: l'Hellas viene eliminato subito, col caldo di agosto, dalla Coppa Italia, da un avversario di categoria inferiore. "Bene, è solo un impiccio" dirà qualcuno. "L'importante è il campionato" direbbe un altro. Certamente la Coppa Italia non è l'obiettivo primario del Verona (anche se lo stesso presidente Setti aveva detto in un'intervista che sognava di vincerla) ma iniziare la stagione ufficiale con una sconfitta, e con una squadra di categoria inferiore, brucia parecchio.

I fischi del Bentegodi (8 mila presenze) non sono passati inosservati. Accettato il gol di Castagnetti (all'ultimo minuto) i primi malumori sono partiti quando Pazzini è stato fatto entrare solamente alla fine del primo tempo supplementare, al 105'. Dopo il crollo nei supplementari, il pubblico ha perso la pazienza e al triplice fischio sono partiti, non solo i fischi, ma anche i vibranti cori contro Maurizio Setti.

LA PARTITA. Il Verona parte bene, la Cremonese fatica molto. Sembra una normale partita di Coppa Italia tra una squadra di Serie A e una di Serie B. Una comanda il gioco e attacca, l'altra si difende e poi riparte. Il gol arriva subito (al 6' con una bella girata di Empereur) e nella ripresa il match viene controllato dai gialloblù. Ma l'Hellas pian piano si scioglie come neve al sole nei minuti finali. Concede troppo e all'ultimo minuto viene punito dall'ex Spal Castagnetti. I tempi supplementari sono una Waterloo per il generale Juric. La Cremonese passa da vittima a carnefice: affonda il coltello nella piaga e con Deli trova il gol che vale la vittoria. La squadra della città di Mina legittima il vantaggio nei minuti finali quando non smette di attaccare e non abbassa il baricentro contro un Verona asfittico. Fischia l'arbitro, tre volte, e poi partono i cori.

Cori che non erano certi indirizzati principalmente verso Juric e la sua squadra (ancora in fase di rodaggio) ma verso una proprietà che non ha sfruttato il leggero riavvicinamento della piazza dopo la (fortunata) promozione: traguardo raggiunto soprattutto grazie ad Alfredo Aglietti, poi non confermato. La società sta temporeggiando più del dovuto in questo calciomercato fatto di parametri zero e prestiti (spesso secchi). Una squadra che, con gli 11 titolari schierati contro i grigiorossi, non appariva minimamente adatta alla Serie A.

Non si vede un progetto, non si avverte la possibilità di avere una società capace di portare alla salvezza (come dimostrano le ultime due imbarazzanti retrocessioni). E il distacco dalla piazza aumenta. Questa volta i malumori e i cori espliciti cominciano già ad agosto. Serve un grande segnale dalla società: arriverà entro il 2 settembre?
L.VAL.

CREMONESE PASSA IL TURNO
Rastelli: Il Verona è calato tantissimo
18/08/2019 00:02
“Sono felicissimo per la vittoria. Dispiace aver iniziato in quel modo. Abbiamo aspettato e preso il primo schiaffo ma poi siamo saliti di livello. Nel finale il Verona è calato tantissimo e noi abbiamo colto l’occasione. I ragazzi sono stati bravissimi. Ma il nostro vero campionato inizia il prossimo week-end”. Massimo Rastelli parla così alla fine della partita di Coppa Italia, vinta col Verona 2-1 al Bentegodi, dopo i tempi supplementari.

Il tecnico della Cremonese ha concluso: “Il Verona rispetto all’anno scorso? Hanno inserito giocatori importanti, chiaro che il lavoro in ritiro, con un mese di duri allenamenti, si è fatto sentire. Pazzini in panchina? Le scelte le fa l’allenatore avversario, non entro nel merito di certe scelte”.

VINCE CREMONESE 2-1
Delusione Hellas, subito eliminato in Coppa
18/08/2019 20:29
Finisce qui: vince la Cremonese 2-1

13’ Assalti finali Hellas. Tentativo di Zaccagni, la conclusione viene bloccata da Agazzi.

11’ L’Hellas cerca il pari ma sotto porta non è incisivo. Il pubblico rumoreggia, il tempo stringe.

4', il Verona si porta avanti alla ricerca del pari, ma al momento non impensierisce Agazzi.

2° tempo supplementare

Fine Primo tempo supplementare. Il Verona accusa il colpo e la Cremonese ne approfitta impegnando Silvestri più volte. Poi i lombardi trovano il gol con Deli al 13’. Pazzini entra solamente alla fine del primo tempo supplementare. Il pubblico fischia.

15', Juric getta nella mischia Pazzini.

13' rete di Deli per la Cremonese, con un colpo di testa nell'area piccola.
1° tempo supplementare

91’ Beffa nel finale per il Verona: la Cremonese trova il gol con una conclusione dal limite dell’area di Castagnetti.

Tre minuti di recupero

89’ Bella chiusura di Kumbulla su Boultam. Applausi per il giovane albanese.

87’ Entra Gunter, fuori Faraoni. Juric si copre. La Cremonese però non si è resa ancora realmente pericolosa a parte un tiro di Deli.

85’ Tupta si libera in area ma la sua conclusione è da dimenticare (altissima). Volenteroso ma ancora poco preciso sotto porta il giovane slovacco.

82’ Nuovi tentativi della Cremonese. Soddimo calcia alle stelle. Il Verona sta controllando il match ma sta concedendo qualcosa di troppo alla Cremonese e il parziale è sempre solo 1-0.

78’ Il nuovo entrato Boultam mette paura alla retroguardia gialloblù: la sua girata finisce alta sopra la traversa.

76’ Entra Boultam ed esce Arini.

73’ Migliore ci prova dalla distanza, nessun problema per Silvestri che blocca la palla. Ma la Cremonese ora ci crede. 8 mila le presenze allo stadio Bentegodi. Più di 200 i tifosi da Cremona

70’ Il Verona ha calato leggermente il ritmo e la Cremonese ci prova. Una punizione potente, ma centrale, di Castagnetti viene parata da un attento Silvestri.

66’ Doppio cambio per Juric: dentro Vitale e Zaccagni, fuori Lazovic e Verre.

64’ Deli prova una magia da 30 metri, brividi al Bentegodi (e per Silvestri): la palla sfiora il palo. Cremonese vicina al pari nonostante una partita giocata con difficoltà.

62’ Primo cambio per Rastelli: entra Soddimo per Ciofani.

60’ La Cremonese entra per la prima volta in area. Ciofani serve Mogos ma l’ex Ascoli calcia alto.

56’ Bel contropiede orchestrato da Verre ma Lazovic non riesce a concludere in porta per l’intervento col corpo di Claiton che devia in corner.

52’ Tentativo di Palombi dalla distanza. La conclusione, velleitaria, dell’ex Lecce, non crea problemi a Silvestri.

48’ Il Verona, schierato sempre col 3421 con Verre e Tutino “trequartisti mobili”, dietro a Tupta, continua a tenere in mano la partita.

Parte la ripresa. Nessun cambio per entrambi gli allenatori.

Finisce qui il primo tempo: 1-0 per il Verona, partita a senso unico. Decide un gol di Empereur che con una bella girata (azione partita da corner) decide questa partita in attesa della ripresa.

Un minuto di recupero

43’ Hellas sempre in controllo. Cremonese mai pericolosa fino ad ora.

38’ Bellissima azione del Verona, ancora una volta sulla destra, dove si aprono sempre voragini grigiorosse. Tupta e Tutino duettano ad occhi chiusi e l’ex Cosenza mette su un piatto d’argento una palla d’oro per Lazovic in area. L’esterno serbo fallisce il raddoppio, calciando malamente sull’esterno della rete. Sfiorato il 2-0.

33’ Buona occasione ancora per Tupta. L’attaccante slovacco non centra la porta a pochi metri da Agazzi. Il pubblico applaude la volontà del giovane attaccante ex Catania.

28’ Faraoni continua a far male alla fascia sinistra lombarda (Renzetti e Migliore sembrano statue). Il bel cross dell’ex Crotone però non viene raccolto da Tupta, che manca l’appuntamento col gol (era nell’area piccola) per un soffio.

25’ Match ancora nelle mani del Verona. Cremonese in grande difficoltà.

20’ Primo timido tentativo della Cremonese con Deli: conclusione debole che finisce tra le braccia di Silvestri.

17’ Bella azione del Verona che scende pericolosamente a destra con Faraoni. Il cross del terzino destro viene raccolto in area (incredibilmente) da Rrahmani che s’improvvisa punta centrale e (tutto solo) si spinge fino in area piccola. Il colpo di testa del kosovaro però non inquadra la porta. Palla sopra la traversa. Si rimane 1-0.

15’ L’Hellas controlla la partita: ora i ritmi si sono abbassati. La Cremonese fatica anche ad oltrepassare il campo.

10’ Cremonese in difficoltà: il Verona sta facendo la partita. Centrocampo gialloblù reattivo e dinamico. Conquista palloni e verticalizza velocemente per gli attaccanti.

6’ GOL VERONA! Il Verona parte bene ed è subito aggressivo e pericoloso. Con Tutino conquista un altro corner. La palla in area viene raccolta da Empereur, che con una girata da vero bomber (lui è un difensore) trafigge Agazzi: 1-0.

4’ Nulla di fatto dal corner. La palla “danza” in area piccola per due volte ma nessun attaccante riesce a spingere la palla in rete.

3’ Punizione per il Verona. Sulla palla ci va lo specialista Veloso. Il tiro del portoghese s’infrange sulla barriera: è corner.

Live

Parte ufficialmente la nuova stagione del Verona. Il primo avversario dell’Hellas di Juric è la Cremonese di Rastelli, per il terzo turno di Coppa Italia. Il tecnico croato lascia Pazzini in panchina e preferisce Tupta come prima punta, mettendo alle sue spalle i nuovi arrivati Tutino e Verre. A centrocampo c’è Henderson con Veloso mentre sulle fasce spazio a Lazovic e Faraoni. In difesa confermato il trio delle amichevoli del ritiro con Empereur, Rrahmani e Kumbulla. Nella Cremonese si fa male in riscaldamento l’ex Caracciolo, quindi gioca Migliore. Davanti coppia d’attacco formata da Palombi e Ciofani.


TABELLINO
VERONA-CREMONESE 1-0 (6’ Empereur)

VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Kumbulla, Empereur; Faraoni (87’ Gunter), Henderson, Veloso, Lazovic (dal 66’ Vitale); Verre (dal 66’ Zaccagni) Tutino; Tupta. A disposizione: Berardi, Radunovic, Vitale, Marrone, Lee, Pazzini, Bocchetti, Zaccagni, Gunter, Danzi, Dawidowicz, Almici. All.: Juric.

CREMONESE (3-5-2): Agazzi; Claiton, Ravanelli, Migliore; Mogos, Arini (dal 76’ Boultam) Deli, Castagnetti, Renzetti; Palombi, Ciofani (Dal 62’ Soddimo) A disposizione: Ravaglia, Volpe, Boultam, Soddimo, Zortea, Hoxha, Cella, Girelli, Montalto. All.: Rastelli.

Arbitro: Gianluca Manganiello (sez. AIA di Pinerolo)
Assistenti: Mauro Vivenzi (sez. AIA Brescia) e Alessandro Lo Cicero (sez. AIA Brescia).

L. VAL.

FONTE: TGGialloBlu.it


RASSEGNA STAMPA
L'Arena sulla Coppa Italia: "Hellas Verona, che beffa al Bentegodi"
19.08.2019 09:57 di Sebastian Donzella
Una giornata storta che costa l'eliminazione precoce dalla Coppa Italia. L'Hellas Verona cade in casa all'esordio contro la Cremonese, facendosi rimontare dai grigiorossi, e L'Arena titola così, ricordando anche il Ko, questo maggiormente pronosticabile, del Chievo in terra sarda: "Hellas, che beffa al Bentegodi. Il Chievo si ferma a Cagliari. Due sconfitte eliminano le veronesi dalla Coppa Italia".

RASSEGNA STAMPA
GdS: "Il Verona paga gli errori, Cremonese in forma campionato"
19.08.2019 09:22 di Claudia Marrone Twitter: @claudilyn87
"Il Verona paga gli errori, Cremonese in forma campionato": una Cremonese già in forma è quella di cui racconta quest'oggi La Gazzetta dello Sport, dopo la vittoria dei grigiorossi in Coppa contro l'Hellas. "La Cremonese attutisce l’impatto del Verona, lo assorbe e ribalta la serata vincendo 2-1": questo il commento.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


COPPA ITALIA: HELLAS VERONA-CREMONESE 1-2
18/AGOSTO/2019 - 20:30
Verona - Il Verona saluta al III turno la Coppa Italia 2019/20 cedendo alla Cremonese al termine dei supplementari. Il pari dei grigiorossi arriva a tempo scaduto con Castagnetti, a pochi secondi dal termine dei tempi regolamentari dopo che Empereur aveva portato avanti in gialloblù in apertura di un primo tempo molto ben giocato dai ragazzi di Juric. Nel primo tempo supplementare Deli firma l'1-2 finale. Prossimo impegno tra una settimana al Bentegodi, dove arriverà il Bologna per la prima di campionato di Serie A.


HELLAS VERONA-CREMONESE 1-2
Marcatori: 7' pt Empereur, 47' st Castagnetti, 13' pts Deli.

Incontro terminato, Verona 1, Cremonese 2.
120' Secondo tempo supplementare terminato, Verona 1, Cremonese 2.
106' Sostituzione, Cremonese. Nadir Zortea sostituisce Francesco Deli.

Inizia il Secondo tempo supplementare Verona 1, Cremonese 2.
105+1' Primo tempo supplementare terminato, Verona 1, Cremonese 2.
105' Sostituzione, Verona. Giampaolo Pazzini sostituisce Lubomir Tupta.
102' Gol! Verona 1, Cremonese 2. Francesco Deli (Cremonese).

Inizia il Primo tempo supplementare Verona 1, Cremonese 1.
90+4' Secondo tempo terminato, Verona 1, Cremonese 1.
90+3' Gol! Verona 1, Cremonese 1. Michele Castagnetti (Cremonese).
88' Sostituzione, Verona. Koray Günter sostituisce Marco Faraoni.
81' Sostituzione, Cremonese. Adriano Montalto sostituisce Simone Palombi.
79' Sostituzione, Cremonese. Reda Boultam sostituisce Mariano Arini.
77' Francesco Renzetti (Cremonese) e' ammonito.
76' Danilo Soddimo (Cremonese) e' ammonito.
67' Sostituzione, Verona. Luigi Vitale sostituisce Valerio Verre.
67' Sostituzione, Verona. Mattia Zaccagni sostituisce Darko Lazovic.
61' Sostituzione, Cremonese. Danilo Soddimo sostituisce Daniel Ciofani.
49' Miguel Veloso (Verona) e' ammonito.

Inizia il Secondo tempo Verona 1, Cremonese 0.
45' Primo tempo terminato, Verona 1, Cremonese 0.
7' Gol! Verona 1, Cremonese 0. Alan Empereur (Verona).

Inizia il Primo tempo.

Le formazioni sono state annunciate e i giocatori stanno effettuando il riscaldamento


HELLAS VERONA: Silvestri, Rrahmani, Kumbulla, Empereur, Faraoni (dal 42' st Gunter), Henderson, Veloso, Lazovic (dal 21' st Vitale), Verre (dal 21' st Zaccagni), Tutino, Tupta (dal 15' pts Pazzini).
A disposizione: Berardi, Radunovic, Marrone, Lee, Bocchetti, Danzi, Dawidowicz, Almici.
All.: Juric.

CREMONESE: Agazzi, Caracciolo, Claiton, Ravanelli, Mogos, Arini (dal 31' st Boultam), Castagnetti, Deli (dal 1' sts Zortea), Renzetti, Ciofani (dal 20' st Soddimo), Palombi (dal 36' st Montalto).
A disposizione: Ravaglia, Volpe, Migliore, Hoxha, Cella, Girelli.
All.: Rastelli.


Arbitro: Gianluca Manganiello (sez. AIA di Pinerolo)
Assistenti: Mauro Vivenzi (sez. AIA Brescia) e Alessandro Lo Cicero (sez. AIA Brescia)

NOTE. Ammoniti: Veloso, Soddimo. Spettatori: 8.211.

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC] +   -   =
VITA DA EX: Nanu GALDERISI si rilassa al sole di Amalfi...
Nanu Galderisi ad Amalfi: l’ex calciatore si rilassa in Spiaggia Grande
Di Ramona Buonocore - 18 Ago 2019

C’era anche l’ex calciatore Giuseppe Galderisi ieri pomeriggio ad Amalfi a concedersi qualche ora di relax in Spiaggia Grande.

Galderisi, soprannominato Nanu dai tifosi della Juve, è stato avvistato nel primo pomeriggio tra un tuffo e l’altro in mare ad Amalfi in questi caldi giorni a cavallo di Ferragosto. Riconosciuto da un gruppo di persone, l’ex calciatore salernitano ed attuale allenatore, ha posato per qualche foto ricordo.

A riconoscerlo il “padrone” di casa della spiaggia del Beach, Tonino De Vita, con cui Nanu si è fatto ritrarre sorridente in qualche scatto.

Cresciuto a Trecasali, provincia di Parma, Galderisi ha iniziato a giocare nelle giovanili della Vietri-Raito. A quattordici anni e mezzo è acquistato dalla Juventus, entrando nel vivaio torinese e nel 1980 esordisce in prima squadra della Juventus. Coi piemontesi gioca altri due campionati e nel 1983 va all’Hellas Verona. Nella stagione successiva, 1984-1985, contribuisce alla vittoria dello storico scudetto da parte della squadra scaligera, di cui è capocannoniere.

Gioca un altro campionato a Verona prima di trasferirsi, per cinque miliardi di lire più il cartellino di Paolo Rossi al Milan.

Per il torneo 1987-1988 scende in Serie B alla Lazio guidata da Eugenio Fascetti, centrando la promozione in Serie A. Nell’annata seguente torna in serie A a Verona segnando 4 gol. Nel 1996 chiude la carriera negli Stati Uniti. Nel 2006-2007 è allenatore dell’Avellino, in Serie C1 e a giugno 2008 diventa allenatore del Pescara in Serie C1. Allena anche il Benevento, la Triestina e la Salernitana.

FONTE: AmalfiNotizie.it

0 commenti:

Posta un commento

Supporta il blog BONDOLA/=\SMARSA!

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


#AtalantaVerona Di Carmine

#AtalantaVerona highlights


Archivio