RAVENNA-VERONA in anteprima: Campo ostico e romagnoli che in casa ben difficilmente mollano punti... Ma i gialloblù (e GIANNINI) DEVONO vincere!

Pubblicato da andrea smarso venerdì 8 ottobre 2010 18:50, vedi , , , , , , , , , | Nessun commento

Leggendo il post ti sorge spontaneo un dubbio?
O vuoi fare un'osservazione, un commento o una domanda? Niente di più immediato: seleziona col mouse il posto dove inserire le tue considerazioni e poi scrivi ciò che vuoi! Semplice ed efficace: buon divertimento ;o)
DeliciousDelicia



LE ULTIME
Il centrocampista CAZZOLA, dal sito ufficiale del RAVENNA, valuta l'HELLAS temibile in trasferta "Domenica dobbiamo fare ancora maggiore attenzione perchè il Verona è più temibile quando gioca in trasferta. Per loro giocare al Bentegodi è diventato difficile perchè il pubblico finisce per condizionarli".
Non ce la fanno i centrocampisti FABBRI e FARABEGOLI e gli attaccanti GERBINO POLO e ROSSO, fuori anche MAGGIOLINI per squalifica mentre ha recuperato CATURANO, RAVENNA col 4-4-2 per la prima volta in questa stagione?
Questi i convocati da RavennaCalcio.com:
Portieri: Pellegrino e Gian Maria Rossi
Difensori: Ciuffetelli, Fasano, Gardella, Grea, Rosini, Sabato, Tagliani e Varoli
Centrocampisti: Cazzola, Fonjock, Guitto, Rossetti, Sciaccaluga, Sebartoli e Visone
Attaccanti: Caturano e Paolo Rossi

3-5-2 o 4-3-3? Di sicuro SELVA non sarà della partita al 'Benelli' a causa del riacutizzarsi di vecchi fastidi. Convocati anche PAGHERA e MARTINA RINI anche se non saranno al meglio.
Questi i convocati dell'HELLAS da HellasVerona.it
Portieri: Caroppo, Rafael;
Difensori: Abbate, Campagna, Cangi, Ceccarelli, Maietta;
Centrocampisti: Esposito, Garzon, Hallfredsson, Mancini, Martina Rini, Paghera, Russo, Scaglia;
Attaccanti: Ferrari, Le Noci, Pichlmann, Vriz.

Prima del fischio d'inizio verrà osservato un minuto di silenzio per onorare la memoria del primo caporal maggiore Gianmarco Manca, del primo caporal maggiore Francesco Vannozzi, del primo caporal maggiore Sebastiano Ville e del caporal maggiore Marco Pedone, i 4 alpini morti in Afghanistan nell'adempimento del proprio dovere.


RAVENNA-HELLAS VERONA
Squadra costruita 'al risparmio' per arrivare ad una salvezza tranquilla il RAVENNA attuale non è certo quello che nelle ultime stagioni, dopo la retrocessione dalla Serie B, ha lottato per i playoff ed ESPOSITO, tecnico dei giallorossi dall'estate del 2009, dopo aver impostato la sua squadra sul 5-3-2 ha via via cambiato idea spostandosi sul 4-3-1-2 e sul 4-3-3 ma Domenica, data anche l'assenza dell'esterno MAGGIOLINI (all'ultima delle tre giornate di squalifica) insostituibile per giocare a 5 dietro, probabilmente i romagnoli si schiereranno con un 4-4-2.

Brutta gatta per gli 'abulici' gialloblù visti ultimamente: il RAVENNA non molla punti in casa (ha perso solo con il SUDTIROL a causa di un unico errore difensivo) e GIANNINI, out BERRETTONI, potrebbe 'scommettere' ancora su LE NOCI esterno d'attacco che si è ben disimpegnato in quella posizione nel secondo tempo contro la CREMONESE e schierare i suoi con il 4-3-3 con il rientro di ESPOSITO (speriamo) in mezzo ad HALLFREDSSON e RUSSO e due terzini di ruolo (ancora CAMPAGNA o CANGI? Ancora SCAGLIA o ANDERSON?), le alternative non mancano! Solo FERRARI a destra di PICHLMANN pare un azzardo dato che nemmeno schierato nel suo ruolo naturale l'ex PERGO ha fin qui brillato... Alternative? Ancora il 5-3-2 visto contro la CREMONESE (possibilmente con il rientro di ESPOSITO facilitato anche dai 'guai' fisici patiti in settimana da PAGHERA e MARTINA RINI) ma più di tutto conterà scendere in campo mentalmente predisposti fin dal primo minuto e cercare da lì in poi la posta piena accantonando definitivamente paure e pressioni [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]


Sondaggio a risposta multipla

HELLAS ultimo dopo 7 giornate 3 sconfitte e 3 pareggi...
GIANNINI va esonerato? E chi va messo al suo posto?



Salvo il Principe: basta una vittoria e la squadra finalmente spicchera' il volo...
Dipende dall'esito della gara contro il RAVENNA e sopratutto da come la squadra giochera'!
Via Giannini voglio Vavassori, Novellino o Cosmi.
Basta chiacchiere! Meglio proseguire con un ex per ritrovare il rapporto con i tifosi, voto Galderisi, Pellegrini o Corini...
Io dico Vanoli: servono novita' (e poi conosce bene l'ambiente essendo un ex)
Per me e' meglio la sicurezza, non c'e' piu' tempo, mi piace Cavasin!
Punto su Acori, Giannini ha gia' fatto il suo tempo.
...E perchè non Michele Serena?


QUI RAVENNA
L'infermeria giallorossa deve contare altri due elementi; al centrocampista FARABEGOLI e all'attaccante ROSSO si sono infatti aggiunti altri due componenti dell'attacco: CATURANO (influenza) e GERBINO POLO (trauma alla caviglia). Dei 3 l'unico che pare in grado di recuperare è al momento CAURANO con GERBINO POLO che in extremis potrebbe essere aggiunto in panchina ma appare chiaro che è emergenza per il reparto offensivo romagnolo. Sicuramente fuori, ed è un'assenza pesante sul piano tattico, anche l'esterno difensivo MAGGIOLINI fermato dal giudice sportivo. L'ex gialloblù SCIACCALUGA, capitano 39enne al RAVENNA ormai da 4 stagioni, non è partito titolare per la prima volta in questo campionato ma Domenica scorsa ha giocato dall'inizio e tutto lascia presagire che lo si vedrà in campo anche contro l'HELLAS [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]



Da Verona allo stadio 'Benelli' di Ravenna (RA)
(221 km – 2 ore e 12 min. circa - Tempo previsto: Sereno o poco nuvoloso 17/18°C)


Visualizzazione ingrandita della mappa

QUI VERONA
Se il RAVENNA 'piange' al pensiero di potersi presentare al 'Benelli' quasi spuntato, il VERONA non ride e registra problemi per SELVA che ha lavorato a parte rispetto alla squadra e per i giovani centrocampisti PAGHERA e MARTINA RINI che sono rimasti ai blocchi durante la settimana e sono stati tenuti a riposo nella partitella in famiglia contro la Beretti... [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]

[DICONO]
SCAGLIA s'interroga sull'atteggiamento mentale dei gialloblù: «La classifica è forse il minor problema. Dobbiamo capire perchè abbiamo raccolto pochissimo e trovare risultati positivi che forniscano uno slancio in graduatoria. Difficile trovare una spiegazione, soprattutto nel momento in cui si stenta nella ricerca del motivo vero e proprio. Il secondo tempo di lunedì è incoraggiante, ma forse figlio della situazione in cui eravamo: sotto di un gol, con l'acqua alla gola e dopo una prima frazione pessima. Abbiamo dimostrato di avere la forza di reagire, non dimentichiamo di aver mostrato grande timore anche nel fare le cose più semplici». Il gruppo resta compatto in vista del futuro immediato: «Mai come ora all'interno dello spogliatoio c'è consapevolezza di voler fare di più per cambiare l'andamento delle cose. Le aspettative erano diverse, non ci sono problemi alla base, forse manca una scintilla per dare autostima e serenità» (HellasVerona.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]
Emanuele BERRETTONI parla del suo infortunio ed incoraggia i compagni «Dopo vari campionati sono costretto a prendermi un riposo forzato. Quello attuale è un momento delicato ed un pò particolare, tuttavia sono convinto che i miei compagni ce la metteranno tutta per incanalare i risultati verso la giusta direzione. Ora mi aspetta il percorso di riabilitazione, affronterò fisioterapia e ritmi di lavoro più intensi rispetto alle mie abitudini, sia fisicamente che psicologicamente. Probabilmente lo sforzo sarà superiore, nel corso della mia carriera non sono mai incappato in problemi di questa entità». L’attaccante ha capito immediatamente che l’infortunio sarebbe stato grave «L’avversario entrò in scivolata, io cercai di evitarlo. Il dolore fu subito forte, qualcosa si ruppe, purtroppo interessando i legamenti. In tribuna, dietro le panchine, c’erano i miei genitori. Mi è dispiaciuto che una cosa così accadesse proprio di fronte a loro» (IlGiornaleDelloSport.net) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]
Anche il tecnico GIANNINI storce il naso pensando al posticipo di Lunedì: «Non sono rimasto molto contento dell'ultima gara, forse solo i primi 10' sono stati all'altezza. Dovevamo continuare ad insistere con aggressività, invece dopo il loro palo ci siamo allungati. Nella ripresa c'è stata una reazione positiva, per i miei gusti è comunque poco». Lo schieramento dovrebbe essere quasi totalmente confermato: «L'intenzione è di non stravolgere molto, anche se il momento inviterebbe a fare il contrario. Ovviamente tenendo d'occhio la situazione dell'infermeria. Il Ravenna? Squadra partita benino, che ha perso un pò di smalto per strada pur giocando un buon calcio. Conosco diversi loro elementi, dovremo essere attenti. Il Ravenna va tenuto in considerazione, l'approccio è fondamentale. Speriamo di non regalare un tempo alla squadra avversaria» (HellasVerona.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]



L'album fotografico dell'ultimo Ravenna 0-1 Verona disputatosi il 27 Settembre 2009

[ALTRE NEWS IN ALLEGATO]
SETTE GOL CONTRO LA BERETTI: Doppietta per Mancini e Le Noci e gol di Russo, Anderson e Pichlmann [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]

GIOCO PRONOSTICI:
A ridere per ultimo è Bruni dopo la 7^ Giornata: il Campione 2007/2008 mette a segno 8 punti ed è Campione! Si prospetta una bella lotta quest'anno fra lui ed il quadricampione Ark (Ex Alberto) giunto comunque al secondo posto insieme a me. Terzi a 6 punti troviamo Mister Loyal e Pose.

Male Bridget ma lo sfigadòn è Gede con 2 soli punti realizzati.

In Classifica Generale tiene duro Pose ma viene agganciato da Bruni; scivola al secondo posto la bravissima Bridget inseguita ancora da Ark.

Seconda ammonizione per Gex che non ha giocato... [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]

Postate qui: http://www.facebook.com/topic.php?topic=15476&uid=126058830858 le giocate della 8^ di campionato e al solito buona fortuna ;o)

CLASSIFICA DI GIORNATA
8 - Bruni
7 - Ark, Smarso
6 - Mister Loyal, Pose
5 - Ciri, Sandro
4 - Bridget
2 - Gede

CLASSIFICA GENERALE
38 - Bruni, Pose
36 - Bridget
32 - Ark
29 - Mister Loyal
27 - Sandro
26 - Gede
25 - Smarso
24 - Ciri
16 - Gex

CLASSIFICA PRECEDENTE
32 - Bridget, Pose
30 - Bruni
25 - Ark
24 - Gede
23 - Mister Loyal
22 - Sandro
19 - Ciri
18 - Smarso
16 - Gex

AMMONITI
Gex (2)

CAMPIONI DI GIORNATA
Bruni (3)
Bridget (2)

SFIGADONI DI GIORNATA
Sandro (3)
Gex, Gede (2)

RECORD DI STAGIONE
Punteggio massimo in una giocata: Bridget, Bruni, Pose (9)
Max. numero di pronostici azzeccati: Ark, Mister Loyal (7)
Max. numero di risultati azzeccati: Pose (4)
Punteggio minimo in una giocata: Ark, Bruni (0)




ALBO D'ORO CAMPIONI
2009/2010 Martino
2008/2009 RobRoy
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)




Japan vs Argentina ( 1-0 ) Shinji Okazaki goalGlentoran 1-0 Portadown BURROWS GOAL

[IN BREVE A PIÉ PAGINA]
AMICHEVOLI MONDIALI: Buon esordio di ZACCHERONI sulla panchina nipponica! Il 'suo' GIAPPONE ha battuto l'ARGENTINA.
IRLANDA DEL NORD: Gran gol di tacco in GLENDORAN-PORTADOWN [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]


[RASSEGNA STAMPA]
L’attacco è in emergenza, le tre punte con i cerotti
Meno tre al big match col Verona, e Polo Rosso e Caturano scricchiolano un po'. Tra contusioni, distorsioni e qualche linea di febbre l'attacco giallorosso corre ai ripari. I particolari su Carlino Ravenna
Ravenna, 7 ottobre 2010 - IL RAVENNA è in emergenza. A tre giorni dal big match di domenica contro il Verona, l’attacco giallorosso è in alto mare. Gerbino Polo, Rosso e Caturano ieri pomeriggio non si sono allenati. Una contusione al polpaccio ha messo ko Rosso, che è quasi impossibile possa recuperare.

Anche Gerbino Polo, che si è ritrovato con una caviglia messa male, è in forte dubbio. Solo Caturano, che ieri aveva la febbre, potrebbe rientrare nei ranghi in extremis. Considerando che Paolo Rossi è reduce dalla prima gara disputata dopo cinque mesi di stop per infortunio, si può ben capire come mister Esposito sia in pieno allarme...offensivo.

In pratica, nessuno dei quattro attaccanti di ruolo della rosa giallorossa, è al meglio della condizione e difficilmente l’allarme potrà rientrare in tempo utile. Senza dimenticare che, proprio il reparto avanzato, è quello che ha evidenziato le problematiche più significative, risultando peraltro il peggiore (solo 5 le reti messe a segno) del girone A di Prima divisione.

FONTE: IlRestoDelCarlino.it


Diciannove convocati anti Verona
09/10/2010 [12:13]
Due attaccanti, otto difensori, sette centrocampisti e due attaccanti: sono i convocati di mister Esposito per la sfida con il Verona, in programma domani al Benelli (ore 15). Come previsto, il tecnico del Ravenna deve fare a meno di Gerbino, Rosso, Farabegoli e Fabbri (infortunati) e di Maggiolini (squalificato). Ecco il dettaglio dei giallorossi che da questa sera saranno in ritiro all’Holiday Inn:

Portieri: Pellegrino e Gian Maria Rossi
Difensori: Ciuffetelli, Fasano, Gardella, Grea, Rosini, Sabato, Tagliani e Varoli
Centrocampisti: Cazzola, Fonjock, Guitto, Rossetti, Sciaccaluga, Sebartoli e Visone
Attaccanti: Caturano e Paolo Rossi
Enrico Marinò - Ufficio stampa

FONTE: RavennaCalcio.com


9 Ottobre 2010
Calcio Iª Div. A - 8ª giornata: la presentazione
di Marco Magli
Giornata molto importante per i piani alti della classifica, l’ottava di campionato prevede, infatti, l’atteso scontro tra le prime quattro in classifica: Spal- Salernitana e Alessandria- Sorrento.

La squadra estense, che domenica a Crema ha visto sfuggire all’ultimo minuto i tre punti causa un patatrac difensivo, ospita una Salernitana che viene da due vittorie consecutive, raccolte all’Arechi. Entrambe le compagini vivono un momento positivo, partita da non perdere e aperta a tutti i risultati.

L’Alessandria di Sarri ospiterà invece il Sorrento che è la squadra che ha segnato di più, quattordici reti, di cui ben dodici tra le mura amiche: lo Stadio ‘Italia’ è un valore aggiunto per i costieri (terreno in erba sintetica e di piccole proporzioni ). Il cammino della squadra di Simonelli però è ben diverso lontano da casa dove non ha ancora vinto ed è andata a rete solo in due occasioni. I valori tecnici dei rossoneri sono alti, una squadra che gira bene intorno ai sudamericani, elementi che possono fare la differenza in questa categoria, ci riferiamo ai vari Erpen, Togni e Paulinho. Per la squadra piemontese, che domenica ha conquistato il primo successo esterno sul campo ( l’altra vittoria in trasferta a tavolino, ai danni del Lumezzane, per il ‘Caso Ferrari’), un avversario davvero duro, gara molto interessante dove il pronostico resta in bilico.

La Cremonese, che attualmente chiude la zona play off, dopo l’umiliante sconfitta patita in casa contro la Spal per 1-4 alla terza giornata, ha ritrovato solidità difensiva. Nelle successive quattro gare ha conquistato otto punti subendo l’unica rete dal viennese Pichlmann del Verona. Per il Sud Tirol, che domenica ha visto interrompersi la striscia positiva che durava tre gare, un compito arduo tornare in Alto Adige con un risultato positivo.

Reggiana e Paganese a pari punti si sfideranno al’ Giglio’. Per i campani un test molto significativo: affrontare una squadra tecnicamente superiore e soprattutto lontano dal ‘Marcello Torre’, dove non ha ancora racimolato nemmeno un punto. Emiliani in serie positiva da quattro turni, dove ha colto otto punti, e col favore del pronostico. Per quello che riguarda la Società granata, dopo l’accordo che sarebbe stato raggiunto fra le Coop e il dott. Alessandro Barilli si attende l’approvazione definitiva del bilancio di gestione che deve avvenire in Consiglio.

Essendo stato fissato per martedi 12 ottobre, è probabile che la firma non possa avvenire prima del 14 o 15. Oltre a vedere finalmente conclusa la telenovela e il tiramolla delle Coop, c’è curiosità per conoscere i soci che porterà il dottor Barilli. Si vocifera di un possibile arrivo di un industriale veneto, e precisamente di Treviso, ma non ci sono conferme a tale proposito.

Il Bassano di Jaconi, reduce dal buon pareggio di Pavia, al ‘Rino Mercante’riceverà il Lumezzane di Nicola, compagine ostica, difficile d’affrontare per tutti. Buone notizie in casa giallorossa per la retroguardia difensiva, i difensori Pellizzer e Porchia saranno a disposizione dopo la squalifica mentre scatta la diffida per Baido e Lorenzini, ammoniti domenica scorsa; mentre per l’attacco La Grotteria è ancora indisponibile e non andrà neppure in panchina e si è fermato pure Crocetti, in forte dubbio. Davide Nicola dovrà invece fare a meno del giovane centrocampista ghanese Dadson Papa, appiedato dal Giudice Sportivo per un turno. Gara che si prospetta equilibrata.

A chiudere la classifica, ben quattro squadre a sei punti, ovvero Monza, Verona, Como e Spezia che giocheranno rispettivamente contro Pavia, Ravenna, Gubbio e Pergocrema.

Scontro delicato il derby lombardo che si giocherà al ‘Brianteo’ tra Monza e Pavia, una gara speciale per il tecnico dei ticinesi Gianluca Andrissi che è stato alla guida della Berretti del Monza. Il tecnico però è stato fermato per due giornate per comportamento offensivo verso l'arbitro durante la gara contro il Bassano. Il Pavia dovrà fare a meno anche dell’esperto difensore Andrea Preite, appiedato per quattro turni, è emergenza in difesa considerato anche l’infortunio di Blanchard, che potrebbe rientrare a fine Novembre. Fondamentale per l’allenatore del Monza De Petrillo questa sfida, la sua panchina è sotto esame, un solo risultato a disposizione. Il difensore ex Reggiana Luca Fiuzzi fermo per squalifica.

Il Verona sarà ospite di un Ravenna che è uscito indenne dall’insidiosa trasferta di Pagani, al ‘Benelli’ si prospetta una gara vibrante tra due squadre in cerca di continuità. Da non escludere che il tecnico degli scaligeri Giannini riproponga l’assetto offensivo del secondo tempo presentato contro la Cremonese composto dal trio Pichlmann- Ferrari- Le Noci (dove l’ex cremasco ha giostrato a sinistra con buoni frutti) in un 4-3-3. In casa romagnola l’attaccante Paolo Rossi dovrebbe avere più spazio, proprio l’ex punta della Reggiana ha affermato che per questo momento può assicurare quarantacinque minuti di qualità. Al ‘Benelli’ i bizantini non vincono dal 17 Gennaio, 20°giornata della scorsa stagione, Ravenna- Potenza 2-1.

In riva al Lario salirà il Gubbio di Torrente che dovrebbe confermare quello vincente contro il Monza, ‘i lupi’ non hanno ancora raccolto nemmeno un punto fuori casa. Il Como davanti al proprio pubblico non ha ancora assaporato il gusto della vittoria, i ragazzi di Garavaglia costretti ad inseguire un solo risultato; Gubbio che si può giovare di una classifica più tranquilla.

Lo Spezia cerca la prima vittoria dell’era Pane contro un Pergocrema che sarà carico di motivazioni per cercare di strappare un risultato positivo dal ‘Picco’. In casa ligure squalificato Padoin, Pane sembra orientato a presentare un 4-3-3, in questo caso potrebbero giocare Cesarini, Colombo e Lazzaro, ma non è da escludere l'inserimento di Chianese o Casoli.

Nei lombardi non saranno disponibili gli infortunati Pambianchi e Pellegrini, oltre l’ex cosentino Scotto, squalificato. Novità nel reparto offensivo dove l’ex alessandrino Rodriguez è candidato a prendere il posto di Maccan. A centrocampo ballottaggio tra Antonino Profeta e Basile. Spezia coi favori del pronostico.

FONTE: RealSports.it


ALTRE NEWS
Nazionale U20, i convocati di Lega Pro per il "Quattro Nazioni"
07.10.2010 22:45 di Corrado Della Bruna
Fonte: FC Sudtirol
Martedì 12 ottobre la Nazionale U20 sarà impegnata a Cervia (ore 15,00) nel match contro la Svizzera, valido per il torneo “Quattro Nazioni”.

Di seguito i giocatori militanti in formazioni di Lega Pro convocati dal Commissario Tecnico, Francesco Rocca:
Manuel Fischnaller del Sudtirol;
Valerio Frasca della Villacidrese;
Cristian Galano ed Emanuele Testardi del Gubbio;
Alessandro Malomo dell'Hellas Verona;
Vasco Regini del Foggia;
Marco Tattini del Pavia.

FONTE: TuttoLegaPro.com


La difesa fa acqua e l'Hellas scivola sempre più giù
L'ANALISI. Ceccarelli e compagni hanno già subìto nove gol
Lo scorso campionato il Verona aveva incassato cinque reti in tutto il girone d'andata, quest'anno solo a Reggio Emilia Rafael non ha incassato gol

08/10/2010
Difesa a tre o difesa a quattro? Qui sta il dilemma del Verona. Sembrava tutto risolto dopo la partita di Reggio Emilia ma quella che doveva essere una scelta definitiva è diventata solo un esperimento. Un ritorno ai tempi della preparazione per mister Giannini con tre «granatieri» in mezzo all'area - Ceccarelli centrale, Abbate a destra e Maietta a sinistra - un reparto più solido pronto a respingere gli assalti avversari. Lo zero a zero in terra emiliana aveva risollevato il morale della truppa, solo contro la Reggiana il povero Rafael non ha raccolto palloni in fondo al sacco, ma il primo tempo del Bentegodi con la Cremonese ha riaperto interrogativi inquietanti. Tanti errori in fase di disimpegno, poca concentrazione al momento di chiudere sugli attaccanti avversari, troppo «pressapochismo» nel fuorigioco. Grigiorossi in vantaggio con un bel gol di Musetti e almeno due o tre occasioni per raddoppiare e chiudere la partita. La buona reazione del secondo tempo e il pareggio di Pichlmann hanno attenuato, almeno in parte, la delusione ma i problemi restano.

Nelle prime sette partite il Verona ha già incassato nove gol e proprio questa fragilità difensiva ha fatto affondare la squadra di Giannini nei bassifondi della classifica. Solo a Reggio Emilia se l'è cavata poi ha sempre incassato gol, in casa e in trasferta. Due a Pagani, uno a Monza, due a Gubbio, due con il Como, uno con il Sud Tirol, uno con la Cremonese. Solo il Monza ha fatto peggio - già quindici le reti subite, cinque proprio con l'Hellas - ma non stanno molto meglio Bassano, Reggiana, Gubbio e Sorrento che si sono fermate a quota dieci. Non si può nemmeno paragonare il reparto arretrato di questo campionato con quello di un anno fa. allora i gialloblù vantavano la difesa meno battuta tra tutti i campionati professionistici europei con solo cinque reti al passivo nell'intero girone d'andata, adesso deve assolutamente trovare un equilibrio davanti a Rafael per cercare di risalire la corrente e lasciare l'ultimo posto della graduatoria. Un test importante arriverà proprio a Ravenna.

In settimana Giannini ha rivisto alcune situazioni, ha blindato la squadra che sosterrà gli ultimi allenamenti a porte chiuse e ha cercato di dare solidità soprattutto dietro. Potrebbe tornare alla difesa a tre ma potrebbero cambiare gli interpreti, la prima sorpresa potrebbe arrivare proprio da Santiago Vergini che non è ancora sceso in campo dopo l'infortunio alla mano. Lui potrebbe essere la novità al centro della difesa con Ceccarelli da una parte e Maietta dall'altra ma non si può escludere la scelta di Abbate al posto del capitano. Se non ci sarà il difensore argentino si dovrebbe rivedere il terzetto che ha ben figurato contro la Reggiana, una prova d'appello per tre giocatori molto esperti dopo la brutta figura con la Cremonese. Da valutare anche la situazione in mezzo al campo. Fabrizio Paghera non si è allenato per una forma influenzale, una botta ha bloccato anche Martina Rini, il tecnico gialloblù potrebbe riproporre Gennaro Esposito in regia dopo averlo mandato una volta in tribuna e un'altra in panchina. Scontate le scelte di Pichlmann e Le Noci in avanti, altrimenti si dovrebbe sconvolgere tutto lo schieramento tattico per giocare con il tridente, restano i dubbi sugli altri centrocampisti con l'alternativa Garzon sulla destra e Mancini sulla sinistra al posto di Russo e Hallfredsson. Tutti sulla corsa, dunque, per una sfida da non sbagliare.

FONTE: LArena.it


Venerdì 08 Ottobre 2010
Hellas in ansia: Paghera e Martina Rini non stanno bene, Esposito potrebbe rientrare
Giannini rischia, ma non s’arrende
Domenica a Ravenna si gioca la panchina: «Credo in questo gruppo»

di Gianluca Vighini
VERONA - «Credo in questa squadra e nelle sue potenzialità. Ne verremo fuori, ne sono sicuro». Giannini ripete come un mantra le parole che dovrebbero portare l’Hellas fuori dalla crisi. Anche se i numeri restano impietosi e la trasferta di domenica a Ravenna uno scoglio che non può non essere superato a piedi pari. Solo una vittoria riporterebbe aria fresca in casa gialloblù. Un pareggio sarebbe un prolungamento dell’agonia. Una sconfitta, il capolinea di Giannini. Tanti nomi fuori dalla porta. Sulla panchina dell’Hellas aleggiano tanti nomi. Ma per il momento restano fuori dalle stanze di via Torricelli.

Gibellini e Siciliano hanno costruito un fortino attorno al proprio allenatore, scelto in estate come base di un progetto di rilancio che dovrebbe riportare il Verona in B e poi in A. Niente premio promozione. «Non ho nemmeno messo il premio promozione - dice Giannini a testimoniare la sua buona fede - perché a me queste cose non piacciono. Credo nel mio lavoro, credo nella squadre e non ho bisogno di stimoli economici per fare bene». Discorsi che oggi contano poco o nulla. Il Verona deve guadagnare i tre punti che servono come il pane all’asfittica classifica.

Modulo che cambia. Giannini non vuole svelare nulla sulla formazione questa settimana. Ha blindato la squadra. Nessuno ha visto la partitella di ieri, nessuno vedrà l’allenamento di oggi, sempre a porte chiuse sempre al centro sportivo Manuel Fiorito. Forse il Principe presenterà delle ulteriori novità, di certo ci sono le condizioni precarie di Paghera e Martina Rini che fanno presagire un ritorno in squadra a tempo pieno di Esposito. Il modulo non dovrebbe cambiare, almeno inizialmente.
Semmai la carta del 4-3-3 il Verona se la giocherà in corsa, se dovesse servire più spinta in avanti. Perché stavolta nessun errore sarà consentito. A Ravenna è proprio la partita della vita.

Venerdì 08 Ottobre 2010
Sette gol alla Berretti: doppiette di Mancini e Le Noci
VERONA - L’Hellas ha vinto 7-0 nell’amichevole (a porte chiuse) giocata ieri pomeriggio con la Berretti. In copertina è salito Mancini (accantonato dal mister nelle ultime due gare, per costruire un centrocampo più muscolare) che che ha segnato una doppietta.
Due gol anche per Le Noci, mentre Pichlmann, Russo e Anderson hanno segnato una rete a testa. Selva ha svolto un lavoro differenziato. Il bomber di San Marino sembra aver imboccato lo stesso tunnel di un anno fa, quando il fastidioso infortunio al ginocchio ne condizionò l’intera stagione.

Biglietti per Ravenna. Per la gara del Benelli sono stati messi messi a disposizione dei tifosi gialloblù 2.250 tagliandi al prezzo di 13 euro (più 1,5 euro di prevendita). I biglietti sono reperibili dai possessori della tessera del tifoso nei tradizionali punti vendita autorizzati della rete Bookingshow. (G.Vig./ass)

FONTE: Leggo.it


HELLAS VERONA. BERRETTONI: "GRANDE FIDUCIA NEI MEI COMPAGNI"
Prima divisione girone A
Giovedì 07 Ottobre 2010 16:53
L'attaccante romano si è raccontato ad Hellas Verona Magazine dopo l'infortunio di Gubbio, che lo terrà fuori per diversi mesi
VERONA - In un'intervista pubblicata sul magazine ufficiale dell'Hellas Verona, distribuito in occasione della gara con la Cremonese, Emanuele Berrettoni ha reso note le sensazioni che caratterizzano il suo periodo attuale.

Per un atleta che ha collezionato 131 presenze nelle ultime 4 stagioni, stare lontano dal terreno di gioco per diverso tempo non è sicuramente semplice. Questo è quanto accade a seguito dell'infortunio di Gubbio, dello scorso 19 settembre. Il ritorno in campo è previsto tra 4-6 mesi: “Dopo vari campionati sono costretto a prendermi un riposo forzato. “Mi dispiace, quello attuale è un momento delicato ed un pò particolare, tuttavia sono convinto che i miei compagni ce la metteranno tutta per incanalare i risultati verso la giusta direzione”.

La vita di un calciatore è fatta di giornate ben definite dal punto di vista degli impegni: “Ora mi aspetta il percorso di riabilitazione, affronterò fisioterapia e ritmi di lavoro più intensi rispetto alle mie abitudini, sia fisicamente che psicologicamente. Probabilmente lo sforzo sarà superiore, nel corso della mia carriera non sono mai incappato in problemi di questa entità”.

L’attaccante ha capito immediatamente che l’infortunio sarebbe stato grave, per lui trauma contusivo distorsivo al ginocchio destro con distrazione del legamento collaterale laterale ed una lesione parziale del crociato anteriore: “L’avversario entrò in scivolata, io cercai di evitarlo. Il dolore fu subito forte, qualcosa si ruppe, purtroppo interessando i legamenti. In tribuna, dietro le panchine, c’erano i miei genitori. Mi è dispiaciuto che una cosa così accadesse proprio di fronte a loro”.

Diversi i messaggi di pronta guarigione inviati da amici, colleghi e tifosi, ma tra tutti Berrettoni tiene a sottolineare un fatto in particolare: “Nell’ambiente calcistico certi gesti sono rari. Ho apprezzato davvero la visita del presidente Martinelli, venuto in ospedale a trovarmi per farmi sentire la sua vicinanza. Mi ha fatto particolarmente piacere, non è una cosa da tutti”.

FONTE: IlGiornaleDelloSport.net


Scaglia: "Molto dipende da noi"
08/10/2010 - 12:51
"Le aspettative erano diverse, non ci sono problemi alla base, forse manca una scintilla per dare autostima e serenità"
VERONA - La trasferta di Ravenna fornisce ai gialloblù l'opportunità per scrollarsi di dosso il ruolo di fanalino di coda, ma per Massimiliano Scaglia i riflettori vanno puntati anche su altri aspetti: "La classifica è forse il minor problema. Dobbiamo capire perchè abbiamo raccolto pochissimo e trovare risultati positivi che forniscano uno slancio in graduatoria".

Contro la Cremonese la prestazione non è stata delle migliori in virtù dei due volti messi in luce dalla squadra: "Difficile trovare una spiegazione, soprattutto nel momento in cui si stenta nella ricerca del motivo vero e proprio. Il secondo tempo di lunedì è incoraggiante, ma forse figlio della situazione in cui eravamo: sotto di un gol, con l'acqua alla gola e dopo una prima frazione pessima. Abbiamo dimostrato di avere la forza di reagire, non dimentichiamo di aver mostrato grande timore anche nel fare le cose più semplici".

Il gruppo resta compatto in vista del futuro immediato: "Mai come ora all'interno dello spogliatoio c'è consapevolezza di voler fare di più per cambiare l'andamento delle cose. Le aspettative erano diverse, non ci sono problemi alla base, forse manca una scintilla per dare autostima e serenità".

La formazione di Esposito è reduce dal buon pari ottenuto sul campo della Paganese: "Non è un avversario paragonabile a Cremonese e Reggiana, ma contro di noi tutti si sentono maggiormente stimolati. Il campionato è equilibrato, la differenza è frutto dei dettagli. Tanto dipende da noi, poi ogni avversario è da rispettare".
Ufficio Stampa

Giannini: "Il Ravenna va tenuto in considerazione"
08/10/2010 - 11:17
"Si tratta di una squadra partita benino, che ha perso un pò di smalto per strada pur giocando un buon calcio. Speriamo di non regalare un tempo"
VERONA - L'imperativo in casa gialloblù è invertire la tendenza rispetto al match con la Cremonese. Di questo avviso Giuseppe Giannini, che ha introdotto alla stampa locale la sfida col Ravenna: "Non sono rimasto molto contento dell'ultima gara, forse solo i primi 10' sono stati all'altezza. Dovevamo continuare ad insistere con aggressività, invece dopo il loro palo ci siamo allungati. Nella ripresa c'è stata una reazione positiva, per i miei gusti è comunque poco".

Lo schieramento dovrebbe essere quasi totalmente confermato: "L'intenzione è di non stravolgere molto, anche se il momento inviterebbe a fare il contrario. Ovviamente tenendo d'occhio la situazione dell'infermeria".

Il tecnico giallorosso Esposito è alla ricerca della prima vittoria contro l'Hellas: "Guida una squadra partita benino, che ha perso un pò di smalto per strada pur giocando un buon calcio. Conosco diversi loro elementi, dovremo essere attenti. Il Ravenna va tenuto in considerazione, l'approccio è fondamentale. Speriamo di non regalare un tempo alla squadra avversaria".

Nessuna tabella di marcia sul taccuino dell'allenatore romano: "Non sono uno che fa calcoli, anche perchè puntualmente vengono smentiti. Vivo alla giornata pensando ad un turno alla volta".
Ufficio Stampa

Berrettoni: "Grande fiducia nei miei compagni"
07/10/2010 - 12:31
L'attaccante romano si è raccontato ad Hellas Verona Magazine dopo l'infortunio di Gubbio, che lo terrà fuori per diversi mesi
VERONA - In un'intervista pubblicata sul magazine ufficiale dell'Hellas Verona, distribuito in occasione della gara con la Cremonese, Emanuele Berrettoni ha reso note le sensazioni che caratterizzano il suo periodo attuale.

Per un atleta che ha collezionato 131 presenze nelle ultime 4 stagioni, stare lontano dal terreno di gioco per diverso tempo non è sicuramente semplice. Questo è quanto accade a seguito dell'infortunio di Gubbio, dello scorso 19 settembre. Il ritorno in campo è previsto tra 4-6 mesi: “Dopo vari campionati sono costretto a prendermi un riposo forzato. “Mi dispiace, quello attuale è un momento delicato ed un pò particolare, tuttavia sono convinto che i miei compagni ce la metteranno tutta per incanalare i risultati verso la giusta direzione”.

La vita di un calciatore è fatta di giornate ben definite dal punto di vista degli impegni: “Ora mi aspetta il percorso di riabilitazione, affronterò fisioterapia e ritmi di lavoro più intensi rispetto alle mie abitudini, sia fisicamente che psicologicamente. Probabilmente lo sforzo sarà superiore, nel corso della mia carriera non sono mai incappato in problemi di questa entità”.

L’attaccante ha capito immediatamente che l’infortunio sarebbe stato grave, per lui trauma contusivo distorsivo al ginocchio destro con distrazione del legamento collaterale laterale ed una lesione parziale del crociato anteriore: “L’avversario entrò in scivolata, io cercai di evitarlo. Il dolore fu subito forte, qualcosa si ruppe, purtroppo interessando i legamenti. In tribuna, dietro le panchine, c’erano i miei genitori. Mi è dispiaciuto che una cosa così accadesse proprio di fronte a loro”.

Diversi i messaggi di pronta guarigione inviati da amici, colleghi e tifosi, ma tra tutti Berrettoni tiene a sottolineare un fatto in particolare: “Nell’ambiente calcistico certi gesti sono rari. Ho apprezzato davvero la visita del presidente Martinelli, venuto in ospedale a trovarmi per farmi sentire la sua vicinanza. Mi ha fatto particolarmente piacere, non è una cosa da tutti”.

Venerdì seduta pomeridiana al centro "Manuel Fiorito"
08/10/2010 - 12:51
Per i gialloblù riscaldamento, esercitazione tattica, rapidità e partitella. Assente Malomo, differenziato per Selva
VERONA - Penultima seduta di allenamento per la formazione scaligera in preparazione al match col Ravenna, in programma domenica al "Benelli". Venerdì pomeriggio, presso il centro sportivo "Manuel Fiorito", i gialloblù hanno affrontato riscaldamento, esercitazione tattica, rapidità e partitella. Assente Malomo, differenziato per Selva.
Ufficio Stampa

8/10/2010 - 09:48
Ravenna-Hellas Verona, arbitra Intagliata di Siracusa
In occasione dell'8a di campionato il direttore di gara avrà come assistenti Orlandi e Carmignani

07/10/2010 - 16:48
Settore Giovanile: la Berretti fa visita al Pergocrema
Nel weekend gli Allievi Nazionali ospitano il Cittadella, per i Giovanissimi Professionisti '98 sfida col Portogruarosummaga. A riposo i Pulcini 2002

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC]

AMICHEVOLI MONDIALI: Buon esordio di ZACCHERONI sulla panchina nipponica! Il 'suo' GIAPPONE ha battuto l'ARGENTINA. IRLANDA DEL NORD: Gran gol di tacco in GLENDORAN-PORTADOWN
GIAPPONE BATTE ARGENTINA, ZAC: "SONO FELICE" -VIDEO
Il Giappone ha battuto l'Argentina 1-0 in un'amichevole disputata a Saitama. La selezione nipponica, allenata da Alberto Zaccheroni, si è imposta grazie al gol realizzato da Shinji Okazaki al 19'. «Sono molto felice -ha commentato il ct-. Era una partita molto importante, soprattutto visto l'avversario che affrontavamo. Prima del match, ho detto ai miei giocatori che avrebbero potuto vincere se ci avessero creduto». Il Giappone ha conquistato il primo successo della storia contro l'Argentina: gli asiatici, prima della gara odierna, avevano perso tutti i 6 precedenti confronti diretti.

SUPER GOL DI TACCO IN IRLANDA DEL NORD -VIDEO
Un gol di tacco dal limite dell'area, che a confronto le storiche prodezze di Zola e Mancini sembrano delle sciocchezze. Questo gol fantastico è stato messo a segno nel match di campionato nordirlandese tra Glendoran e Portadown, due squadre di modesta caratura. A compiere la prodezza è stato l'attaccante del Glendoran, Mattew Burrows, che in piena zona Cesarini, ha chiuso la partita con questo gol. Su un cross dalla trequarti di un compagno, si coordina ed esegue un colpo da manuale del calcio, spedendo la palla sotto l'incrocio dei pali, trafiggendo l'incolpevole portiere avversario.

FONTE: Leggo.it
Vota questo articolo:
Vota su WikioVota su Fai InformazioneVota su ziczacVota questa notizia su Cronaca24Vota questa notizia su SurfPeopleVota su OkNOtizieVota questa notizia su PubblicaNewsVota questa news su Faves.com

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#DerbyChievoVerona Bessa

#DerbyChievoVerona Caceres


Wallpapers gallery