FOGGIA-HELLAS VERONA ANTEPRIMA: Le ultime news, i commenti, le statistiche ed i protagonisti...

Pubblicato da andrea smarso sabato 19 dicembre 2009 18:41, vedi , , , , , , , , | Nessun commento

FOGGIA-VERONA: Grande attesa in Puglia per la prima di ritorno contro l'HELLAS VERONA capolista. Fabio PECCHIA, tecnico dei rossoneri con un passato abbastanza glorioso con JUVE e NAPOLI, ha annullato il importante triangolare che la sua squadra avrebbe dovuto avere a Campobasso con la locale squadra che milita in Eccellenza: troppo importante la sfida contro i gialloblù per rischiare gli effettivi peraltro ridotti all'osso tra infortuni, squalifiche ed influenza. Il VERONA dal canto suo deve vincere: troppi pareggi (5 gli 0 a 0 consecutivi in trasferta) non portano da nessuna parte meglio perdere rischiando di vincere che non subire gol e rimanere sempre in alto ma 'tra color che son sospesi'... L'HELLAS 2009/2010 ha le capacità tecniche e mentali per centrare l'obiettivo Serie B, bisogna solo che se ne renda conto e non s'accontenti mai, come predica spesso REMONDINA. Il FOGGIA si trova ora al quart'ultimo posto con 18 punti insieme a MARCIANISE e SPAL; invischiatissimo nei playout ha subito 22 gol (+17 rispetto all'HELLAS) e ne ha realizzato 15 (di cui un terzo segnate dall'ex scaligero SALGADO che Domenica sarà assente per squalifica). Nettamente sfavorevole ai colori gialloblù la statistica degli incontri in Puglia: su 19 gare il VERONA ha perso 11 volte e vinto 2. L'ultima vittoria scaligera risale nientemeno che al 1936!


FOGGIA-VERONA: Grande attesa in Puglia per la prima di ritorno contro l'HELLAS VERONA capolista. Fabio PECCHIA, tecnico dei rossoneri con un passato abbastanza glorioso con JUVE e NAPOLI, ha annullato l'importante triangolare che la sua squadra avrebbe dovuto avere a Campobasso con la locale squadra che milita in Eccellenza: troppo importante la sfida contro i gialloblù per rischiare gli effettivi peraltro ridotti all'osso tra infortuni, squalifiche ed influenza. Il VERONA dal canto suo deve vincere: troppi pareggi (5 gli 0 a 0 consecutivi in trasferta) non portano da nessuna parte meglio perdere rischiando di vincere che non subire gol e rimanere sempre in alto ma 'tra color che son sospesi'... L'HELLAS 2009/2010 ha le capacità tecniche e mentali per centrare l'obiettivo Serie B, bisogna solo che se ne renda conto e non s'accontenti mai, come predica spesso REMONDINA. Il FOGGIA si trova ora al quart'ultimo posto con 18 punti insieme a MARCIANISE e SPAL; invischiatissimo nei playout ha subito 22 gol (+17 rispetto all'HELLAS) e ne ha realizzato 15 (di cui un terzo segnate dall'ex scaligero SALGADO che Domenica sarà assente per squalifica). Nettamente sfavorevole ai colori gialloblù la statistica degli incontri in Puglia: su 19 gare il VERONA ha perso 11 volte e vinto 2. L'ultima vittoria scaligera risale nientemeno che al 1936! [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]

Intervista a Filippo PensalfiniVerona 0-0 Foggia del 23 Agosto scorso al 'Binti'Intervista a Gian Marco Remondina

QUI FOGGIA: Squalificato per due giornate, Mario SALGADO ex gialloblù che giovanissimo gioco nell'HELLAS di MALESANI, non giocherà allo 'Zaccheria'; si tratta di un'assenza 'pesante' visto che il cileno è comunque il capocannoniere (con 5 gol ma in due sole partite e fra l'altro vincenti) di una squadra che segna poco. Rientrano il difensore CUOMO ed il centrocampista VELARDI dopo aver scontato un turno di squalifica per somma di ammonizioni ma PECCHIA, il tecnico dei 'satanelli' con un passato juventino, avrà comunque problemi di formazione: TREZZI, appena rientrato da un infortunio, si è allenato a parte così come il centrocampista laterale QUADRINI (bloccato invece dall’influenza) e anche se la loro presenza contro il VERONA non appare in dubbio i due non potranno certo essere al meglio. Sono tornati in gruppo anche il difensore TORTA ed il terzino D’AGOSTINO ma difficilmente giocheranno la 1^ di ritorno. Problemi anche per gli attaccanti COMPIERCHIO e MATTIOLI. [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]

Da USFoggia.it i 'satanelli' convocati; restano a casa gli infortunati BASTA, COMPIERCHIO, D´AGOSTINO, MATTIOLI e PERDONÒ, mentre per scelta tecnica non è stato convocato LICCARDI.

PORTIERI: Bindi, Milan;
DIFENSORI: Burzigotti, Carbone, Cuomo, Goretti, Micco, Sgambato, Torta;
CENTROCAMPISTI: Colomba, D´Amico, Mancino, Quadrini, Tarantino, Trezzi, Velardi;
ATTACCANTI: Caraccio, Di Roberto, Ferrari, Salgado.

Da Verona allo stadio 'Pino Zaccheria' di FOGGIA (FG)
(695 km – circa 6 ore e 22 min. Tempo previsto: Variabile 5°C)


Visualizzazione ingrandita della mappa

QUI VERONA:Giovedì lieve problema per il giovane granatiere della difesa gialloblù MASSONI che non ha potuto allenarsi, il resto del gruppo è ok e l'infermeria scaligera è finalmente sgombra... Squadra anti-FOGGIA che pare così già anticipata e che non dovrebbe avere grossi cambiamenti ripetto all'11 che ha pareggiato a PORTOGRUARO; anche i 'dubbi di REMONDINA' dovrebbero essere i soliti: il 'malmesso' ANSELMI oppure il 'rinnegato' COMAZZI? L'esperienza ed il fosforo di PENSALFINI o l'animus pugandi di capitan GARZON? E davanti ancora il vivace FARIAS, l'incognita CIOTOLA o lo spento RANTIER degli ultimi tempi? Parliamo dei centravanti: ritorno all'antico con 'La belva' SELVA o meglio il più fisicamente 'rodato' COLOMBO? Come al solito le riserve verranno sciolte poco prima della gara... [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]

Questi ad ogni modo, da HellasVerona.it, i convocati per la sfida di domani:
PORTIERI: Ingrassia, Rafael;
DIFENSORI: Anselmi, Campagna, Cangi, Ceccarelli, Comazzi, Pugliese;
CENTROCAMPISTI: Burato, Esposito, Garzon, Pensalfini, Russo;
ATTACCANTI: Berrettoni, Ciotola, Colombo, Farias, Gomez, Rantier, Selva.



El vècio Willy: un butèl de un po' de tempo fa...Buon Natale Gialloblù!Un mastìn personalizzà BONDOLA/=\SMARSA...

DICONO:
MARTINELLI sulla prima metà del campionato «Sono soddisfatto. Molto soddisfatto. Il lavoro che abbiamo fatto finora è stato eccezionale. E’ quasi Natale. E’ giusto che ci godiamo il nostro primato che è comunque un importante obiettivo». e BONATO: «Credo che questo gruppo abbia ancora valori inespressi. Ma è un gruppo di valore. Lo ha dimostrato e sono sicuro che lo dimostrerà ancora di più nella seconda parte del campionato» (Leggo.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]
REMONDINA si aspetta di più dalla squadra e dagli attaccanti «Non è stato un bel periodo anche se siamo riusciti a mantenere il primato. Questa squadra ha sempre mostrato la giusta mentalità e vogliamo riprendere il nostro cammino a partire da domenica. Selva, Colombo e Rantier sono grandi giocatori. Da loro mi aspetto qualcosa in più» (TGGialloblu.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]
PECCHIA (allenatore del FOGGIA) «Non sarà una gara facile, giocheremo contro una squadra completa in ogni reparto, con giocatori esperti che fanno delle ripartenze l´arma in più; per questo dobbiamo restare concentrati fino alla fine e senza frenesie. Sappiamo che il Verona fino a questo momento non ha mai subito reti in trasferta: ecco, speriamo di sfatare questo loro tabù e regalargli il primo dispiacere! Fare risultato domani sarebbe fondamentale sia per noi stessi che per l´intera tifoseria, un´iniezione di fiducia in vista del riposo natalizio e del girone di ritorno» (USFoggia.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]
REMONDINA «A Foggia una partita gagliarda. Senza prestazioni non si vince. Per centrare i tre punti servono attenzione e capacità di sviluppare gioco» (HellasVerona.it)
'FILOSOFIA' MALESANI: «Io vengo da un mondo dove devi rimboccarti le maniche, dove ogni mattina devi portare a casa un raccolto. Ho sempre lavorato perché mi piace farlo. Ho sempre faticato perché senza non so stare. Nel pallone ogni domenica devi portare a casa un raccolto: se sarà buono avremo vinto la nostra sfida» (IlFoglio.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]



AnselmiPensalfiniSelva

REMONDINA «E’ la gara di Foggia quella che più mi sta a cuore. Dobbiamo finire l’anno solare bene per poi ricaricare le pile. Non abbiamo fatto ancora nulla, lo sappiamo bene, ma abbiamo costruito un gruppo molto forte, molto unito e questo è importante e non è così scontato come può sembrare» (Leggo.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]
PENSALFINI «E' ora di tornare a vincere. Proveremo in tutti i modi a far nostra la partita di domenica. In questo momento la differenza la fa l'approccio mentale» (HellasVerona.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]
ANSELMI felice del primo esordio da titolare e... Sincero! «Sono davvero contento, finalmente è arrivato anche il mio momento. Non me l'aspettavo perchè comunque finora i miei compagni hanno fatto davvero bene ma spero vivamente che il mister continui a darmi fiducia. Sarei un ipocrita a dire che mi aspettavo di venire a Verona e stare in panchina ma poi sono stati trovati alcuni equilibri di squadra e capisco che per il mister era difficile cambiare. Se sarò titolare a Foggia? Non lo so, Io continuo ad allenarmi con dedizione perchè voglio essere al cento per cento, poi le scelte le farà il mister» (TGGialloblu.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]
SELVA infastidito dalle voci di mercato «Leggo sui giornali che ora deve arrivare Di Gennaro, chissà, forse anche Inzaghi? Se abbiamo bisogno noi di attaccanti figuriamoci quelle che stanno dietro quanti ne acquisteranno!» ... Poi analizza freddamente il girone d'andata: «Da fuori tifosi e giornalisti vorrebbero si vincessero tutte le partite ma non è possibile. Qualche punto l'abbiamo lasciato indietro, a volte la troppa voglia di vincere ci ha messo fretta nelle giocate e non abbiamo avuto la tranquillità necessaria per dispiegare il nostro gioco. Siamo però anche quelli che non hanno mai preso gol in trasferta e che hanno perso una sola volta in un girore difficile come il nostro. È un campionato aperto, pieno di squadre attrezzate, ma abbiamo il girone di ritorno a disposizione per vincerlo» (DNews.eu) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]


[ALTRE NEWS]
LEGA PRO: Il maltempo imperversa e le partite vengono rinviate, in particolare, per il Girone B di prima Divisione è saltata RAVENNA-PORTOGRUARO.
LEGA PRO 1^ DIV. B: Il punto sulla 17ª giornata e la presentazione della 18^ e prima di ritorno.
4 GIORNATE DI SQUALIFICA A BIANCOLINO, bomber del COSENZA, salterà anche la gara contro l'HELLAS...
AMARCORD: DOMENGHINI il doppio-ex di VERONA e FOGGIA a cavallo degli anni '70
GIOVANISSIMI NAZIONALI: Il gialloblù ALBA convocato da ROCCA per il "Torneo Giovanile di Natale"! Vai butèl...
EUROPEI 2016: Ci sarà anche il Bentegodi, ora è ufficiale, il Comune si impegna a ristrutturare lo stadio "Bentegodi", secondo gli standard previsti dalla Uefa, per un importo complessivo di circa 40 milioni di euro (Delibera n. 447 Dello scorso 2 dicembre) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]


[IN BREVE]
BOXE: GRIFFITH campione malato e dimenticato... Lo aiuta BENVENUTI suo storico avversario sul ring.
CALCIOPOLI: CARRARO ha raccontato la sua versione respingendo ogni addebito...
CHIEVO-FIORENTINA il Questore 'viola' vuole vederci chiaro.
HOCKEY SU GHIACCIO: Infartuato salvato in extremis dall'arbitro.
'EL CHINO' RECOBA lascia il PANIONIOS e forse, a 33 anni suonati e 'piagato' dagli infortuni, smette.
COPPA INTERCONTINENTALE: Il BARÇA batte l'ATLANTE e raggiunge in finale l'ESTUDIANTES.
VUELTA 2010: Presentata la nuova corsa, il leader cambierà maglia dall'oro al 'Rosso Spagna'.
BASKET NBA: I KNICKS sbattono contro gli HORNETS, i RAPTORS battuti a MIAMI. In West Division intanto BRYANT è devastante e trascina i LAKERS alla vittoria su MILWAUKEE; rispondono SPURS e MAVERICKS in trasferta.
IL PRESIDENTE DEL CONI non vede di buon'occhio la scelta di un 'cittì part-time' per la Nazionale di basket ma, nonostante ciò, per PIANIGIANI è stato stilato un biennale... Nel frattempo si allarga lo scandalo arbitri ma la FederBasket tace.
CICLISMO&DOPING: Beccato anche DI LUCA, 3 anni di squalifica.
FORMULA 1: KOBAYASHI dice si alla SAUBER.
BLATTER RIBADISCE: No alla moviola in campo.
PREMIER LEAGUE: Il tecnico dell'ARSENAL contro l'omologo del WOLVES che ha schierato una squadra imbottita di giovani e riserve contro il MANCHESTER UNITED per preservare i titolari contro il BURNLEY nella partita successiva! La FederCalcio inglese apre un'inchiesta a proposito...
VITA DA EX: Da poche settimane al SIENA 'Sandokan' ha già convinto tutti. GUARENTE deludente a Bergamo, il centrocampista dell'ATALANTA verrà ceduto?
SPALLETTI 'BUSINESS-MAN' A 360°: In Russia aprirà negozi d'abbigliamento.
PALLAVOLO SERIE A1: Grande campionato della neopromossa MARMI LANZA VERONA, i playoff sono alla portata! Ma purtroppo i gialloblù incappano a CUNEO nella seconda sconfitta di fila...
LEGA PRO: Salta anche la panchina della TERNANA (e sono 8). DOMENICALI sostituisce il dimissionario BALDASSARRI.
SORTEGGI EUROPEI: È grande sfida Italia-Inghilterra con INTER-CHELSEA e MILAN-MANCHESTER UTD! La FIORENTINA se la vedrà col BAYERN. In Europa League JUVE-AJAX e ROMA-PANATHINAIKOS.
SCI SUPER G: L'azzurro STAUDACHER è 3° in Val Gardena.
SNAKE BOXING: È un nuovo 'sport' nato in India e si combatte a morsi fra un uomo ed un cobra! L'anno scorso 3 morti accertati!
FOOTBALL NFL: Il receiver dei BENGALS litiga con la compagna, cade dal pickup e muore!
SERIE B: TORINO ed EMPOLI cadono in campo, le altre squadre 'sotto la neve'...
RUGBY: Cade un altro 'muro' nello sport da duri per eccellenza, THOMAS leggenda del GALLES, è gay! [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]

HOCKEY SU GHIACCIO: Infartuato salvato in extremis dall'arbitroInter 1-0 Livorno Highlights

GIOCO PRONOSTICI:
Mister Loyal mette in riga tutti ed è Campione di Giornata con ben 8 punti! Bravo anche Gede che si ferma a 7. A 6 troviamo (quasi) tutti gli altri, Bridget e RobRoy segnano solo 3 ma lo Sfigadòn di Giornata è Gabri con 2 punti.

In classifica generale conducono ancora Bruni e Martino con 4 punti su Bridget a sua volta raggiunta da Ale90HVr. Al terzo posto sale Mister Loyal che con il risultato di oggi ha scavalcato Pose. [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]

CLASSIFICA DI GIORNATA
8 - Mister Loyal
7 - Gede
6 - Ale90hvr, Black, Bruni, Lucky, Martino, Pose, Smarso
3 - Bridget, Robroy
2 - Gabri

CLASSIFICA GENERALE
75 - Bruni, Martino
71 - Ale90hvr, Bridget
70 - Mister Loyal
69 - Pose
66 - Lucky
62 - Black
61 - Robroy
57 - Gabri
55 - Smarso
53 - Gede

CLASSIFICA PRECEDENTE
69 - Bruni, Martino
68 - Bridget
65 - Ale90hvr
63 - Pose
62 - Mister Loyal
60 - Lucky
58 - Robroy
56 - Black
55 - Gabri
49 - Smarso
46 - Gede

RECORD DI STAGIONE
Punteggio massimo in una giocata: Ale90hvr, Bruni (11)
Max. numero di pronostici azzeccati: Ale90HVr (8)
Max. numero di risultati azzeccati: Bruni (5)
Punteggio minimo in una giocata: Bridget, Federico Montresor, Gabri, Lucky, Mister Loyal, Robroy, Smarso, VALE/=\VALES (1)

ALBO D'ORO CAMPIONI
2008/2009 RobRoy
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)



domenica 20 dicembre 2009
ON THE ROAD: Alla ricerca del gol perduto
L’ annus horribilis 2009 si chiude con la gara più difficile tra tutte. Foggia – Verona non è un semplice duello tra nobili decadute del calcio nostrano, bensì un incrocio di paure e tensioni alla vigilia di un Natale che tutti vorrebbero trascorrere nel modo più sereno possibile. Il Verona è reduce da un periodo poco brillante, la vittoria manca da cinque giornate, ed i gol arrivano con il contagocce. Nonostante ciò gli scaligeri si dimostrano squadra quadrata e rocciosa, soprattutto in difesa, dove fino ad oggi mai nessuno è riuscito a passare lontano dal Bentegodi. Oggi l’impresa la proverà il Foggia ma i numeri sono impietosi. I rossoneri non segnano da tre giornate e dovranno fare a meno del loro capocannoniere per eccellenza: Mario Salgado. I suoi cinque gol risultano essere un terzo di quelli messi a segno da tutta la squadra nel girone di andata, un terzo come i punti che lo stesso cileno ha portato da solo alla causa rossonera con le splendide prestazioni contro Reggiana e Rimini, belle come fiori sbocciati nel deserto. Per quantificare il potenziale offensivo del Foggia che scenderà in campo oggi basta pensare che l’attacco sarà guidato da un assist-man come Mancino (3 reti), seguito da Di Roberto (1 gol). Non ancora pervenuti Ferrari e Caraccio. Di solito le punte centrali del Foggia si sbloccano a dicembre. Il Verona non sarà l’avversario più semplice per sbloccarsi ma i tifosi ci credono (come sempre) e partono con il Foggia alla ricerca del gol perduto.

METEO – Giornata tutt’altro che ideale per una partita di calcio allo Zaccheria. Nelle prime ore di questa mattina è prevista una lieve pioggerellina, ulteriore flagello per il manto erboso del vecchio “Zac”, in condizioni non perfette ed allentato dalla piovosa settimana che si è appena conclusa. Sembra facile ipotizzare un terreno sconnesso con erba alta. Farà molto freddo con tre - quattro gradi sulla colonnina di mercurio. Gli spettatori ed i calciatori non li percepiranno neanche in quanto grazie al vento moderato (23 km/h) ed all’umidità (65%) la temperatura che sentiranno si attesterà attorno ai -2°.

FOGGIA – Una settimana di esperimenti e rotazioni. Porta e Pecchia hanno alternato un undici diverso per ogni giorno di allenamento senza lasciar trasparire molte indicazioni agli osservatori. Il modulo rimarrà il 4-4-1-1 ma i dubbi sono tutti in attacco. Caraccio, Ferrari, Mancino, Quadrini e Trezzi (nessun giorno di allenamento alle spalle) si giocano due maglie. Nel corso della rifinitura è emersa prepotentemente la candidatura di Ferrari e Mancino che dovrebbero avere la meglio sui colleghi salvo clamorosi dietrofront. In tal caso si tratterebbe della sesta formazione “nuova” della settimana. Questo il probabile undici: Bindi; Carbone, Burzigotti, Goretti, Micco; Di Roberto, Velardi, D’Amico, Colomba; Mancino; Ferrari.

BALLOTTAGGI: Colomba 50% - Quadrini 40% - Trezzi 10%; Ferrari 70% - Caraccio 30%;

VERONA – Tutti a disposizione per il tecnico Remondina che baserà tutta la sua tattica sulle ripartente organizzate e gli inserimenti dei centrocampisti. Curioso dejavù per Andy Selva, due anni fa al Sassuolo (capolista) perse la partita pre – natalizia allo Zaccheria contro il Foggia di Campilongo grazie alla rete del giovane Agostinone. Anselmi dovrebbe essere preferito a Comazzi al centro della difesa. Questo l’undici: Rafael; Cangi, Ceccarelli, Anselmi, Pugliese; Esposito, Russo, Pensalfini; Berrettoni, Colombo, Rantier

BALLOTTAGGI: Anselmi 70% - Comazzi 30%

DIRETTA – Calciofoggia.it seguirà per voi la diretta scritta dell’incontro direttamente dalla tribuna stampa dello stadio Pino Zaccheria. Ricordiamo a tutti gli utenti che sul pannello della nostra diretta potrete trovare classifica, live score delle partite del nostro girone, schieramenti e distinte analitiche delle squadre in campo. Per accedervi basta cliccare sul banner verde presente in home page sotto la foto d’apertura.

Nel simpatico fotomontaggio Porta e Pecchia alla ricerca del gol.
Domenico Carella
[ d.carella@calciofoggia.it ]

FONTE: CalcioFoggia.it


19/12/2009 - h. 11:49
Foggia: rivoluzione in attacco. Verona: ancora fuori Comazzi
Nel Foggia la squalifica di Salgado comporta una rivoluzione in attacco. Ferrari dovrebbe giocare al centro, affiancato dal favorito Quadrini o dall´outsider Caraccio. A centrocampo Di Roberto e Mancino esterni, D´Amico e Velardi in mezzo. Restano a casa gli infortunati Basta, Compierchio, D´Agostino, Mattioli e Perdonò, mentre per scelta tecnica non è stato convocato Liccardi.

Tutti a disposizione per il Verona di Mister Remondina, anche Massoni: confermati gli undici di Portogruaro con Farias in attacco e Anselmi in difesa. Ancora fuori Comazzi: è in scadenza di contratto e potrebbe partire nella finestra di mercato di gennaio. (Risultato dell´andata: 0-0)

FONTE: TuttoLegaPro.com


18/dic/2009 23.21.39
Tutti in campo in Lega Pro, Gir. B - La capolista Verona nella tana dello Zaccheria
Portogruaro a Ravenna in una sfida play off.

Cavese-Pescina: Chi avrebbe pronosticato la Cavese fanalino di coda al termine del girone di andata alzi una mano. Eppure i campani sono in grande difficoltà e la sconfitta interna con il Lanciano ha lasciato il segno. La Cavese ha l'opportunità di un secondo turno casalingo al Simonetta Lamberti e la sfida con il Pescina è di quelle da vincere assolutamente, anche se tra il dire ed il fare c'è di mezzo la matricola abruzzese, formazione temibile anche in trasferta.

Cosenza-Spal: Tre punti gettati al vento dal Cosenza nella trasferta di Taranto. Gli uomini di Toscano hanno perso l'occasione di entrare in zona play off, ma non hanno perso le speranze e la Spal è avvertita. Gli estensi stanno viaggiando nelle parti basse della classifica e cercheranno di uscire imbattuti dal terreno cosentino, anche se l'impresa sembra ardua.

Foggia-Verona: Zaccheria vestito a festa per l'arrivo della capolista Verona che si presenterà in Puglia con un biglietto da visita pieno di record; primo posto in classifica, miglior difesa del campionato, la squadra di Remondina è imbattuta fuori casa dove non ha mai subìto una rete. Compito arduo quello del Foggia di contrastrare i veneti, ma l'assoluto bisogno di punti per conquistare la salvezza moltiplicherà l'impegno dei rossoneri sospinti dal pubblico di casa.

Lanciano-Regginana: La vittoria esterna contro la Cavese ha rilanciato le ambizioni del Lanciano che vede a soli tre punti la quinta posizione. Gli abruzzesi sembrano a loro agio nelle trasferte, mentre soffrono quando devono giocare sul terreno amico. La Reggiana è uno dei peggiori avversari che i rossoneri potessero incontrare perchè la squadra emiliana appare in ottime condizioni ed è reduce dallaprestigiosa vittoria ottenuta a Terni che l'ha ulteriormente avvicinata alla quinta posizione.

Potenza-Giulianova: Il Potenza affronterà il Giulianova con l'obiettivo di raggiungerlo a quota diciannove e risalire dalla penultima posizione in classifica. Per gli uomini di Eziolino Capuano la vittoria è d'obbligo, anche se gli abruzzesi faranno di tutto per mantenere il distacco dai rossoblu e rimanere lontani dalle zone calde

Real Marcianise-Taranto: Due squadre che si daranno battaglia per conquistare una vittoria che servirebbe al Marcianise per togliersi dall zona play out, ma che il Taranto insegue nella speranza di poter ancora ambire ad un piazzamento play off. Di solito queste partite finiscono in parità... scommettiamo?

Ravenna-Portogruaro: La sfida piu' interessante di questa prima giornata del girone di ritorno; Ravenna e Portogruaro sono appaiate a quota 27 al quarto posto in classifica per cui si tratta di uno spareggio. Romagnoli e veneti giocano un calcio offensivo, per cui al Benelli lo spettacolo sarà l'ospite d'onore; tripla e via...

Rimini-Pescara: Derby dell'Adriatico quello che si disputerà al Neri tra un Rimini che sta risalendo la classifica dopo un inizio non proprio esaltante ed un Pescara che si presenterà in Romagna da seconda in classifica ad un solo punto dalla capolista Verona. Per Melotti e Cuccureddu, i due tecnici, un test importante per verificare le rispettive ambizioni.

Ternana-Andria: L'inattesa sconfitta interna contro la Reggiana ha precluso alla Ternana la possibilità di balzare in testa alla classifica. La delusione in terra umbra è stata tanta e tale che la società ha mandato tutti in ritiro in vista del secondo turno casalingo di domenica contro l'Andria. Per i rossoverdi secondo match ball per tentare l'assalto al primato, occasione da non lasciarsi sfuggire anche se l'Andria, nonostante la posizione in classifica, è squadra che pratica un buon calcio e che ha fino ad ora raccolto meno di quanto meritasse.

Riccardo Bonelli

FONTE: Goal.com


15:13 del 19 dicembre
Lega Pro Maltempo, sei partite rinviate
Sei partite della Lega Pro sono state rinviate per l'impraticabilità dei campi. Nel Girone A di Prima divisione slittano Arezzo-Lumezzane e Pergocrema-Pro Patria. Nel Girone B, rinviata Ravenna-Portogruaro. Nel Girone A di seconda divisione posticipate Pavia-Valenzana, Pro Belvedere-Crociati Noceto e Sambonifacese-Pro Vercelli

FONTE: Calciomercato.com


Venerdì 18 Dicembre 2009
L’Hellas vuole chiudere l’anno primo, Foggia permettendo
di Gianluca Vighini
VERONA - «Sono soddisfatto. Molto soddisfatto. Il lavoro che abbiamo fatto finora è stato eccezionale. E’ quasi Natale. E’ giusto che ci godiamo il nostro primato che è comunque un importante obiettivo». Il presidente dell’Hellas Giovanni Martinelli ha voluto in questo modo dire grazie alla squadra e allo staff tecnico del Verona nel discorso che ha tenuto l’altra sera durante la cena sociale della squadra scaligera. «Credo che questo gruppo abbia ancora valori inespressi. Ma è un gruppo di valore. Lo ha dimostrato e sono sicuro che lo dimostrerà ancora di più nella seconda parte del campionato», gli ha fatto eco Nereo Bonato, diesse gialloblù. «Sapete meglio di me cosa si aspetta la città da voi», ha invece detto il sindaco Tosi (seduto a fianco di Martinelli...) senza scaramanticamente pronunciare la parola promozione.

Più concreto Remondina. «E’ la gara di Foggia quella che più mi sta a cuore. Dobbiamo finire l’anno solare bene per poi ricaricare le pile. Non abbiamo fatto ancora nulla, lo sappiamo bene, ma abbiamo costruito un gruppo molto forte, molto unito e questo è importante e non è così scontato come può sembrare». Ieri intanto la squadra scaligera ha continuato la preparazione. Un piccolo problema ha fermato Massoni. Il resto del gruppo è a disposizione per la trasferta di dopodomani in Puglia. (ass)

Giovedì 17 Dicembre 2009
Il difensore ha fatto la prima da titolare a Portogruaro: «Credevo di giocare di più»
Verona, Anselmi spera di fare il bis a Foggia
di Gianluca Vighini
VERONA - «Sono sincero. Quando sono venuto all’Hellas non pensavo di fare tanta panchina. Ma capisco che la squadra aveva già un suo impianto, la difesa è stato uno dei reparti migliori, abbiamo preso pochissimi gol». Fabrizio Anselmi ha giocato domenica scorsa a Portogruaro la sua prima vera gara da titolare nel Verona. Remondina lo ha preferito a Comazzi («Scelta che mi ha sorpreso...»), ed ora è pronto a ripetersi con il Foggia. «Sono qui, sono pronto. Ma tocca al mister decidere».
Anselmi non è preoccupato per il calo di rendimento dei gialloblù finale del girone d’andata. «Ci sono partite e momenti del campionato in cui è meglio portare a casa un pareggio. Credetemi, lo dico per esperienza. A Taranto, come a Portogruaro abbiamo guadagnato punti preziosi».
Certo, ma resta il rammarico per partite che il Verona poteva e doveva vincere al Bentegodi, come quella con la Spal o quella con il Rimini. «Gare incredibili in cui ci è girato tutto storto. Ma non parlo solo di sfortuna, ci sono anche i nostri demeriti. Comunque è andata così, inutile continuare a piangere sul latte versato, le cose si metteranno meglio tra un po’ e l’Hellas tornerà a volare».

Martinelli e i tifosi. Martedì sera intanto, il presidente Giovanni Martinelli è stato invitato a Zevio per l’annuale cena dei tifosi organizzati nel Nuovo Centro di Coordinamento. Parlando della squadra Martinelli ha spiegato. «Non dobbiamo più pensare in prospettiva lontana. Il campionato è duro e difficile, oggi è meglio solo pensare al prossimo impegno contro il Foggia. Dobbiamo ragionare di partita in partita». Festeggiatissima la squadra e anche mister Remondina. «Come voi - ha detto il tecnico ai tifosi - anche noi coltiviamo questo sogno di salire di categoria. Speriamo di riuscirci tutti assieme».

Tutti a disposizione. Finalmente sembra finita l’emergenza. Ieri l’allenatore scaligero ha avuto tutta la squadra a disposizione. Non accadeva da parecchio. (ass)

Mercoledì 16 Dicembre 2009
Il bomber: «Torneremo presto a vincere»
Selva: «Hellas primo anche il 9 maggio»
di Gianluca Vighini
VERONA - Silenzio, parla la Belva. E come ogni volta che Andy Selva (nella foto Novelli), leader dell’Hellas, decide di parlare, le interviste escono dal banalese ed entrano nel campo dell’interessante. Prima considerazione del bomber. «Siamo primi. Mi pare che questo sia un grande risultato. Il gruppo è vincente. Abbiamo preso zero gol fuori casa, abbiamo subìto una sola sconfitta. Non c’è da preoccuparsi». Seconda considerazione. «Attaccanti in crisi? Ma ora arriveranno Di Gennaro e Inzaghi, così risolveremo tutti i problemi...». Ironia evidente, giusto per chiudere la porta in faccia al mercato, alle voci, alle richieste dei tifosi per risolvere il problema del gol. «Dico - spiega Selva - che se il Verona è primo e deve acquistare tutta questa gente, chissà cosa devono fare le altre che ci inseguono (a proposito: ieri Balsassarri ha rassegnato le dimissioni a Terni, sostituito da Domenicali, ex mister del Portogruaro, ndr). Dovranno prendere almeno 15 giocatori per starci dietro...».

Il tentativo, evidente, è di difendere gruppo e lavoro svolto finora. «Noi sappiamo cosa valiamo. Sappiamo anche che ci mancano dei punti. Ma siamo primi, le vittorie arriveranno ancora, alla fine, il 9 maggio, la spunteremo noi, ne sono sicuro». La Belva è pronta ad azzannare ancora. «Per l’andata mi do una sufficienza piena. Per il ritorno spero di poter giocare con continuità ed essere al cento per cento». A Foggia il conto è aperto. Selva all’andata segnò un gol (regolare) annullato per fuorigioco. «Non m’interessa chi segna. Vogliamo vincere. Spero che si sblocchi anche Corrado (Colombo, ndr): se lo merita».

I tifosi gialloblù per Foggia avranno a disposizione 400 biglietti. Ne potranno acquistare solamente uno a testa per disposizione del Casms. Nella seduta di ieri Esposito ha lavorato a parte. (ass)

FONTE: Leggo.it


17.12.2009 20.58 di Raimondo De Magistris
Verona, giunta da ok a ristrutturazione Bentegodi
Anche Verona conferma ed ufficializza la volontà di far parte della candidatura italiana per gli Europei 2016 con una delibera della giunta comunale, con la quale il comune scaligero, riferisce un comunicato Figc, si impegna a ristrutturare lo stadio "Bentegodi", secondo gli standard previsti dalla Uefa, per un importo complessivo di circa 40 milioni di euro. L'intervento è stato deciso dalla delibera n. 447 Del 2 dicembre, con oggetto "edilizia pubblica/sportiva - adeguamento dello stadio Bentegodi alle prescrizioni della commissione Uefa in vista dei campionati Europei di calcio 2016 - approvazione in progetto preliminare", attraverso la quale la giunta comunale di Verona, presieduta dal sindaco Flavio Tosi ha garantito il proprio impegno nella corsa ad Euro 2016.

Sulla base dell'indicazione della Figc, che ha individuato la città di Verona tra le città da candidare ad Euro 2016, e la premessa che, ai fini di tale candidatura, è necessario garantire "la conformità agli standard prestazionali e alle caratteristiche di capienza dello stadio ai requisiti prescritti dalla Uefa", è stato approvato all'unanimità il progetto preliminare dei lavori di adeguamento del Bentegodi e tutti gli adempimenti necessari.

FONTE: Repubblica.it


Foggia, col Verona senza Salgado
FOGGIA - La conta degli squalificati e degli infortunati. Inizia così la settimana di lavoro per il duo Porta Pecchia in vista dell’arrivo della capolista Verona, per la prima giornata del girone di ritorno.
di Filippo Santigliano

Se da una parte si recuperano il difensore Cuomo ed il centrocampista Velardi, che hanno smaltito la squalifica dopo la somma di ammonizioni rimediata nelle precedenti diciotto giornate di campionato, dall’altra si perde Mario Salgado bloccato per due giornate. Il cileno, espulso con rosso diretto per presunte frasi irriguardose pronunciate nei confronti dell’arbitro dopo un calcio di punizione assegnato a favore del Foggia (ed è questo che lascia tutti più che interdetti), non ci sarà contro gli scaligeri e neanche alla ripresa del campionato, il 10 gennaio, per la trasferta di Giulianova. Al di là del suo rendimento altalenante, quella di Salgado è comunque un’assenza «pesante» perché il Foggia non è che può fare a meno con disinvoltura di quei giocatori più esperti, soprattutto sottorete, dove ha segnato pochi gol (in tutto quindici): Salgado peraltro è il capocannoniere con cinque reti, segnate però in due partite (contro Reggiana e Rimini) che hanno tuttavia fruttato la bellezza di sei punti, e cioè un terzo dei punti conquistati dal Foggia nell’intero girone di andata, anche se la società rossonera attende sempre la restituzione del punto di penalizzazione (l’Agenzia delle entrate regionali ha dato ragione al Foggia, la restituzione dovrebbe quindi essere automatica) per presunte irregolarità amministrative.

Alla ripresa degli allenamenti, Pecchia e Porta hanno utilizzato tutti gli elementi a disposizione ed ovviamente verificato il registro degli infortunati: Trezzi, rientrato a Ferrara, si è allenato a parte al pari del centrocampista laterale Quadrini (per una settimana è stato bloccato dall’influenza ma anche lui ha stretto i denti ed ha giocato uno spezzone di gara a Ferrara), mentre è tornato a muoversi con il gruppo il difensore Torta rimasto a lungo fuori per infortunio. Si sono allenati a parte il terzino D’Agostino, gli attaccanti Compierchio e Mattioli. Se per D’Agostino, al pari di Torta, il rientro in squadra sin da domenica prossima appare improbabile, i tecnici Pecchia e Porta contano invece di poter recuperare Mattioli, anche per avere qualche alternativa in più nel reparto avanzato.

FONTE: LaGazzettaDelMezzogiorno.it


15 Dicembre 2009
Calcio Iª Div. B - 17ª giornata: il punto
di Marco Magli
Si chiude il Girone d’andata e al giro di boa il Verona si conferma in testa alla classifica, soprattutto grazie ai continui passi falsi delle inseguitrici, Ternana e Pescara in primis. La corsa verso la Serie B è quanto mai aperta. La squadra di Remondina convive con il suo periodo di appannamento, dovuto probabilmente al grande sforzo psicofisico che i gialloblu hanno tenuto per gran parte del cammino, nelle ultime cinque gare nessuna vittoria, quattro punti conquistati e solo una rete realizzata!

Questi dati rispecchiano, di fatto, il brusco rallentamento delle squadre di testa, ben sette in quattro punti. Gli scaligeri possono ritenersi soddisfatti del punto strappato a Portogruaro, i granata guidati da Calori hanno messo a dura prova i veronesi, creando in più occasioni grattacapi alla retroguardia gialloblu, non è un caso che il portiere brasiliano Rafael (che ha difeso l’imbattibilità in campo esterno) sia stato il migliore dei suoi.

Nell’altro match di cartello, la Ternana cade al cospetto di una Reggiana in grande salute, dieci punti nelle ultime quattro gare, è Rossi, al 15’pt (quinto centro in campionato), il mattatore della partita. Per gli emiliani si tratta del primo successo fuori casa, un colpo importante, mentre per gli uomini di Baldassarri, che ha rimesso il proprio mandato nelle mani della Società, è la seconda sconfitta di fila al’Liberati’, che coincide con la perdita della seconda posizione a favore del Pescara, che ritrova il sorriso, e i tre punti, dopo sei turni!

La squadra di Cuccureddu regola un volenteroso Real Marcianise, che veniva da due successi consecutivi, e riprende fiato dopo un periodo in apnea che comunque, sul piano del gioco, non è risolto. Vincono le romagnole sfruttando il fattore casa, il Ravenna (quinta vittoria consecutiva al ‘Benelli’) sull’Andria e il Rimini sul Giulianova. Ai bizantini c’è voluta una doppietta di Piovaccari, al 34’st e al 48’st, (nuovo capocannoniere con otto reti) per avere la meglio sulla squadra di Papagni, in un incontro equilibrato che ha visto i pugliesi, dal 22’st, restare in inferiorità numerica per l’espulsione di Pierotti. Di Scappini al 3’st la rete del vantaggio giallorosso e al 33’st il momentaneo pareggio di Mastrolilli. Il Rimini conquista il secondo successo consecutivo e non perde il passo per restare incollato alle zone nobili della classifica, una vittoria in rimonta quella dei biancorossi che mette fine alla striscia positiva di sei risultati utili del Giulianova. Non è bastato un buon Giulianova per fare punti al ‘Neri’contro un Rimini convincente che, grazie alle gemme di Nolè e di Tulli (ancora in rete dopo Verona), può preparare con serenità la delicata sfida di domenica contro il Pescara, di nuovo tra le mura amiche.

Nel posticipo del lunedi il Taranto ritrova il successo contro un Cosenza poco concreto, che si era portato in vantaggio (Bernardi al 39’pt) e non ha saputo addirittura sfruttare un calcio di rigore nel finale del primo tempo, fallito dal ‘Pitone’Biancolino che poi a dieci minuti dal termine si farà anche espellere. La rimonta del Taranto nasce con il pareggio di Felci al 17’st e la rete che vale tre punti porta la firma di Quadri al 40’st, una vittoria tutta cuore per gli uomini di Brucato, un successo che potrebbe ridare serenità ad un ambiente da sempre sotto pressione. Conferma di trovarsi a proprio agio lontano dal’ Biondi’ il Lanciano, ancora imbattuto, che supera due a zero la Cavese, inguaiandola notevolmente soprattutto sotto l’aspetto morale, perché per quello che concerne la zona calda della classifica poco è mutato. Prima sconfitta per la gestione Stringara, gli ‘aquilotti’ subiscono la supremazia dei frentani che meritatamente portano a casa tre punti, allungando a cinque la striscia positiva dove sono stati raccolti ben undici punti.

Deludente pareggio a reti inviolate al ‘Mazza’ tra Spal e Foggia. Due compagini che confermano, semmai ce ne fosse bisogno, i propri problemi. Ci si attendeva una reazione da parte degli estensi, soprattutto dopo la sfuriata della Società e la contestazione dei tifosi in settimana, ma la squadra è apparsa troppo timorosa e contro un Foggia, con diverse assenze e con l’uomo in meno negli ultimi ventiquattro minuti (espulso l’uomo simbolo Salgado), non è stata in grado di creare pericoli ai ‘satanelli’. Per il club dauno si tratta del terzo pareggio di fila senza reti. Preziosa vittoria del Pescina nello scontro salvezza contro il Potenza. Un passo in avanti davvero significativo che consente ai marsicani di superare Real Marcianise e Giulianova. Invece è una battuta d’arresto pesante per il club lucano, che deve portarsi sul groppone le vicissitudini societarie, ma è importante che la squadra, come ha dimostrato allo ‘Stadio dei Marsi’, continui a lottare e a credere nel lavoro del tecnico Capuano, mai domo.

FONTE: RealSports.it


BONATO SI FIDA DEL SUO GRUPPO «RINFORZI? SOLO SE SERVIRANNO»
Hellas>> Il ds nel complesso è soddisfatto e rinvia la decisione sul mercato di gennaio. Bilancio positivo. Il calo dell’ultimo mese «Ci sono mancati sia Selva che Colombo e purtroppo si è visto»
Andrea Spiazzi Verona
Siamo campioni d'inverno. Godiamoci questo momento». Le parole di Giovanni Martinelli alla cena sociale natalizia testimoniano la soddisfazione del presidente per il momento che sta vivendo il suo Hellas Verona. Pochi e misurati concetti i suoi. Sa che il cammino è solo a metà, ma vuole giustamente riconoscere i meriti per essere arrivati al giro di boa da primi della classe. I grazie vanno a squadra, allenatore, tifosi, collaboratori, in particolare «al mio mastino Benito Siciliano e al magnifico lavoro svolto da Nereo Bonato». E il ds gialloblù risponde che se le cose stanno andando bene «è perchè tutti abbiamo sinora remato nella stessa direzione. Adesso stateci vicini - dice rivolgendosi alla stampa - e sono sicuro che potremo lottare fino in fondo per il grande obbiettivo finale».

La Serie B, per chi non l'avesse capito, ma, si sa, nel calcio vige quella sana scaramanzia o buon senso che dir si voglia che non vuole che mai si nomini fino in fondo la grande meta. Anche perché il recente cammino dell’Hellas qualche intoppo l'ha avuto, e su questo Bonato dice: «Dopo Pescina abbiamo perso prima Selva e poi Colombo, il quale è ancora debilitato dopo la brutta tonsillite che ha avuto e deve ritrovare la piena forma. Non a caso, quindi, abbiamo faticato maggiormente per andare a rete. Certe squadre poi ci affrontano come fosse la partita della vita. A fine gara il ds del Potrogruaro mi ha detto che i suoi contro di noi si erano spremuti come non mai dall’inizio del campionato. Non nascondo, tuttavia, che se dopo Pescara mi avessero detto che avremmo chiuso solo a 29 punti il girone non ci avrei creduto, ma possiamo tornare ai livelli di un mese e mezzo fa». Tra poco si aprirà il mercato e anche qui Bonato è chiaro: «Non compreremo tanto per fare acquisti. Per prima cosa daremo fiducia a questo gruppo. Credo che se ci saranno movimenti li vedrete verso la fine della compravendita invernale».

Verso Foggia Ieri la squadra di Remondina ha disputato una Bilancio positivo partitella in famiglia con la Berretti. A riposo è rimasto il solo Massoni. Per la trasferta di Foggia vi è più di un’incognita sulla formazione: dietro dovrebbe esserci la conferma di Fabrizio Anselmi al fianco di Ceccarelli. Poche sono le perplessità in mezzo al campo, dove Russo, Esposito e Pensalfini partiranno titolari. Più difficile sbilanciarsi per il trio d’attacco. Farias ha fatto bene al posto di Rantier ma i due resteranno in balllottaggio fino all'ultimo. Scontato l’impiego di Berrettoni, meno quello di Selva dal 1’. Il Foggia non disporrà del talento numero uno in avanti Mario Salgado, squalificato. Rientra, invece, dopo un mese e mezzo, il difensore D'Agostino.

HELLAS
Anselmi ci crede «Non ero venuto per fare la riserva, ora me la gioco»
Andrea Spiazzi Verona
Arrivato in estate da Sassuolo con la certezza di un posto da titolare, Fabrizio Anselmi ha aspettato, paziente, il suo momento e domenica scorsa ha giocato dal primominuto nel ruolo di centrale difensivo accanto a Ceccarelli. A Portogruaro Comazzi si è seduto in panchina, subentrando negli ultimi venti minuti. Impuntatosi ad agosto nel voler restare, a Comazzi scadrà il contratto a giugno e pare vi sia una discussione in corso con via Torricelli che non sarebbe intenzianata a rinnovarglielo. «Se dicessi che sapevo di venire a Verona per fare il ruolo di comprimario sarei un ipocrita - spiegaAnselmi- mamisono adeguato, la squadra era forte. Ora spero di avere continuità ».

L'ex Sassuolo prosegue: «Nelle ultime gare abbiamo pagato un po' di stanchezza. Non abbiamo tuttavia mai mollato, ottenendo punti che ora sembrano pochi ma che in avanti acquisiranno importanza. Con l'esperienza di molti di noi e la qualità dei nostri giovani, supereremo questo momento e torneremo quelli delle prime dieci gare». Martedì sera, intanto, alla cena del Nuovo Coordinalmento Club Hellas Verona 2003, il presidente Martinelli ha detto: «Adesso è il momento di pensare di partita in partita senza guardare troppo in là, per trovare la miglior concentrazione».

SELVA: «PER I GOL CI SONO IO»
Hellas>> Il ruggito della “B e l va ”. Il bomber respinge le voci di mercato che vorrebbero Di Gennaro in gialloblù. No alle critiche eccessive «Il nostro è un girone difficile non possiamo vincere sempre ma saremo campioni d’e st a te»
Andrea Spiazzi Verona
Siamo campioni d'inverno, siamo forti e io voglio arrivare ad essere campione d’e st a t e » . Andy Selva adotta le contromosse rispetto ad alcune critiche arrivate alla squadra rispetto alle ultime prestazioni non esaltanti della formazione gialloblù. Ribatte e difende il suo territorio: «Leggo sui giornali che ora deve arrivare Di Gennaro, chissà, forse anche Inzaghi?». L'ironia si mischia al fastidio per le voci di mercato. Selva ha sempre parlato così, in maniera schietta. «Se abbiamo bisogno noi di attaccanti figuriamoci quelle che stanno dietro quanti ne acquisteranno!».

Ha una voglia matta di tornare a segnare, dopo il lungo stop dovuto ad una distrazione al polpaccio, per essere nuovamente il fulcro dell'attacco, come quando stava bene e la squadra girava a mille e faceva quei gol che nelle ultime sette gare sono stati solo tre, col Verona che non vince da cinque turni e sente il fiato sul collo delle altre. «Da fuori tifosi e giornalisti vorrebbero si vincessero tutte le partite - prosegue l'attaccante - ma non è possibile. Qualche punto l'abbiamo lasciato indietro, a volte la troppa voglia di vincere ci ha messo fretta nelle giocate e non abbiamo avuto la tranquillità necessaria per dispiegare il nostro gioco. Siamo però anche quelli che non hanno mai preso gol in trasferta e che hanno perso una sola volta in un girore difficile come il nostro».

Resta il fatto che, non essendo riuscita la squadra gialloblù ad allungare, ora sono in molte a contendersi i primissimi posti. «È un campionato aperto, pieno di squadre attrezzate, ma abbiamo il girone di ritorno a disposizione per vincerlo». A partire da Foggia, contro una squadra di bassa classifica, a digiuno dal gol da tre turni e senza il miglior attaccante, Salgado, squalificato. Selva ci sarà, la sua condizione sta crescendo e vorrà battere nuovamente un colpo per tornare la “Belva” già conosciuta, e scacciare così le inseguitrici e i fantasmi di nuovi arrivi a gennaio nel reparto d'attacco del suo Verona.

IERI LA RIPRESA
Esposito lavora a parte per un dolore alla tibia nel Foggia squalificato l’attaccante Salgado
>> Ieri a Sandrà Garzon e compagni hanno affrontato la prima seduta settimanale di allenamento invista dell'impegno col Foggia. Per gli uomini di Remondina riscaldamento tecnico, possesso palla, potenza aerobica e partitelle a tema. Lavoro individuale a scopo precauzionale perGennaro Esposito a causa di una contusione tibiale. Oggi doppia seduta.

Il giudice sportivo ha intanto squalificato per due giornate l'attaccante del Foggia Mario Salgado “per comportamento offensivo verso l'arbitro”. Il Verona lancia il concorso “Miss Hellas Verona”. Tra le a b b o n a t e a l l a stagione 2009/2010 saranno selezionate dal pubblico on-line le iscritte al concorso in tre diverse categorie: Junior (18- 28 anni), Lady (28-45) e Senior (over 45). Ci si può iscrivere fino al 15 gennaio 2010. Dopo la selezione del pubblico vi sarà quella di una giuria interna alla società. Il presidente premierà le vincitrici sul campo di gioco del Bentegodi. Info su hellasverona. it. A.S.

FONTE: DNews.eu


1^ Divisione. Cosenza, punito il bomber Biancolino
Toscano: «Alcuni miei giocatori troppo superficiali». Quattro giornate di squalifica per Biancolino dopo il rigore sbagliato e l’espulsione
Una gara non facile da mandare già per il Cosenza, in particolare dopo la decisione del giudice sportivo che ha usato la mano pesante con il calciatore del Cosenza 1914 Raffaele Biancolino. Per l’espulsione nel match perso a Taranto, l’attaccante è stato punito con quattro turni di squalifica.

Un fardello pesante che lo terrà fuori in un momento cruciale del torneo, nelle prossime esibizioni con la Spal al San Vito, fuori casa contro il Pescina, ancora in casa con il Giulianova e poi nella trasferta al Bentegodi di Verona.

Un incubo anche il calcio di rigore cmpletamente sbagliato dell’attaccante del Cosenza 1914, allo scadere del primo tempo, nel fango dello Jacovone e con il Cosenza già in vantaggio per una rete a zero.
Per la società rossoblù,c' anche il problema della multa salata in arrivo.
Il Cosenza visto a Taranto comunque ha mantenuto il controllo della gara nei primi 45 minuti, fino all’inizio della ripresa quando la squadra doveva e poteva insistere e non rintanarsi all’indietro, consentendo al Taranto di creare condizioni di pericolosità.

FONTE: Il QuotidianoWeb.it


Calcio Iª Div. B - 17ª giornata: il punto
di Marco Magli
Si chiude il Girone d’andata e al giro di boa il Verona si conferma in testa alla classifica, soprattutto grazie ai continui passi falsi delle inseguitrici, Ternana e Pescara in primis. La corsa verso la Serie B è quanto mai aperta. La squadra di Remondina convive con il suo periodo di appannamento, dovuto probabilmente al grande sforzo psicofisico che i gialloblu hanno tenuto per gran parte del cammino, nelle ultime cinque gare nessuna vittoria, quattro punti conquistati e solo una rete realizzata!

Questi dati rispecchiano, di fatto, il brusco rallentamento delle squadre di testa, ben sette in quattro punti. Gli scaligeri possono ritenersi soddisfatti del punto strappato a Portogruaro, i granata guidati da Calori hanno messo a dura prova i veronesi, creando in più occasioni grattacapi alla retroguardia gialloblu, non è un caso che il portiere brasiliano Rafael (che ha difeso l’imbattibilità in campo esterno) sia stato il migliore dei suoi.

Nell’altro match di cartello, la Ternana cade al cospetto di una Reggiana in grande salute, dieci punti nelle ultime quattro gare, è Rossi, al 15’pt (quinto centro in campionato), il mattatore della partita. Per gli emiliani si tratta del primo successo fuori casa, un colpo importante, mentre per gli uomini di Baldassarri, che ha rimesso il proprio mandato nelle mani della Società, è la seconda sconfitta di fila al’Liberati’, che coincide con la perdita della seconda posizione a favore del Pescara, che ritrova il sorriso, e i tre punti, dopo sei turni!

La squadra di Cuccureddu regola un volenteroso Real Marcianise, che veniva da due successi consecutivi, e riprende fiato dopo un periodo in apnea che comunque, sul piano del gioco, non è risolto. Vincono le romagnole sfruttando il fattore casa, il Ravenna (quinta vittoria consecutiva al ‘Benelli’) sull’Andria e il Rimini sul Giulianova. Ai bizantini c’è voluta una doppietta di Piovaccari, al 34’st e al 48’st, (nuovo capocannoniere con otto reti) per avere la meglio sulla squadra di Papagni, in un incontro equilibrato che ha visto i pugliesi, dal 22’st, restare in inferiorità numerica per l’espulsione di Pierotti. Di Scappini al 3’st la rete del vantaggio giallorosso e al 33’st il momentaneo pareggio di Mastrolilli. Il Rimini conquista il secondo successo consecutivo e non perde il passo per restare incollato alle zone nobili della classifica, una vittoria in rimonta quella dei biancorossi che mette fine alla striscia positiva di sei risultati utili del Giulianova. Non è bastato un buon Giulianova per fare punti al ‘Neri’contro un Rimini convincente che, grazie alle gemme di Nolè e di Tulli (ancora in rete dopo Verona), può preparare con serenità la delicata sfida di domenica contro il Pescara, di nuovo tra le mura amiche.

Nel posticipo del lunedi il Taranto ritrova il successo contro un Cosenza poco concreto, che si era portato in vantaggio (Bernardi al 39’pt) e non ha saputo addirittura sfruttare un calcio di rigore nel finale del primo tempo, fallito dal ‘Pitone’Biancolino che poi a dieci minuti dal termine si farà anche espellere. La rimonta del Taranto nasce con il pareggio di Felci al 17’st e la rete che vale tre punti porta la firma di Quadri al 40’st, una vittoria tutta cuore per gli uomini di Brucato, un successo che potrebbe ridare serenità ad un ambiente da sempre sotto pressione. Conferma di trovarsi a proprio agio lontano dal’ Biondi’ il Lanciano, ancora imbattuto, che supera due a zero la Cavese, inguaiandola notevolmente soprattutto sotto l’aspetto morale, perché per quello che concerne la zona calda della classifica poco è mutato. Prima sconfitta per la gestione Stringara, gli ‘aquilotti’ subiscono la supremazia dei frentani che meritatamente portano a casa tre punti, allungando a cinque la striscia positiva dove sono stati raccolti ben undici punti.

Deludente pareggio a reti inviolate al ‘Mazza’ tra Spal e Foggia. Due compagini che confermano, semmai ce ne fosse bisogno, i propri problemi. Ci si attendeva una reazione da parte degli estensi, soprattutto dopo la sfuriata della Società e la contestazione dei tifosi in settimana, ma la squadra è apparsa troppo timorosa e contro un Foggia, con diverse assenze e con l’uomo in meno negli ultimi ventiquattro minuti (espulso l’uomo simbolo Salgado), non è stata in grado di creare pericoli ai ‘satanelli’. Per il club dauno si tratta del terzo pareggio di fila senza reti. Preziosa vittoria del Pescina nello scontro salvezza contro il Potenza. Un passo in avanti davvero significativo che consente ai marsicani di superare Real Marcianise e Giulianova. Invece è una battuta d’arresto pesante per il club lucano, che deve portarsi sul groppone le vicissitudini societarie, ma è importante che la squadra, come ha dimostrato allo ‘Stadio dei Marsi’, continui a lottare e a credere nel lavoro del tecnico Capuano, mai domo.

FONTE: RealSports.it


sabato 19 dicembre 2009 - 12:46
Sono 20 i convocati per l´Hellas. Porta: "Chiudere il 2009 in bellezza"
ORDONA (FG) - Ultimo allenamento per i rossoneri, che questa mattina hanno rifinito sul sintetico ordonese il lavoro svolto durante l´intera settimana. Riscaldamento tecnico, esercitazioni sulla finalizzazione a rete e sulle fasi di gioco inattive per ottanta minuti di training. "Non sarà una gara facile, giocheremo contro una squadra completa in ogni reparto, con giocatori esperti che fanno delle ripartenze l´arma in più; per questo dobbiamo restare concentrati fino alla fine e senza frenesie. Sappiamo - prosegue il tecnico rossonero - che il Verona fino a questo momento non ha mai subito reti in trasferta: ecco, speriamo di sfatare questo loro tabù e regalargli il primo dispiacere! Fare risultato domani sarebbe fondamentale sia per noi stessi che per l´intera tifoseria, un´iniezione di fiducia in vista del riposo natalizio e del girone di ritorno".

Sono venti i calciatori convocati per la gara di domani: tra questi rientra anche Mario Salgado che, nonostante la squalifica, sarà al seguito della squadra sin dal ritiro di oggi pomeriggio. Restano a casa gli infortunati Basta, Compierchio, D´Agostino, Mattioli e Perdonò, mentre per scelta tecnica non è stato convocato Liccardi.


PORTIERI: Bindi, Milan;
DIFENSORI: Burzigotti, Carbone, Cuomo, Goretti, Micco, Sgambato, Torta;
CENTROCAMPISTI: Colomba, D´Amico, Mancino, Quadrini, Tarantino, Trezzi, Velardi;
ATTACCANTI: Caraccio, Di Roberto, Ferrari, Salgado.

venerdì 18 dicembre 2009 - 17:17
Tecnica e partitella, out Trezzi e Mattioli
ORDONA (FG) - Penultimo allenamento per i rossoneri sul sintetico del centro sportivo ordonese, dove anche domattina D´Amico e company si ritroveranno per la rifinitura del sabato.
Torello iniziale, riscaldamento tecnico, esercitazioni sulle conclusioni a rete e partitella finale a campo ridotto alla quale non ha partecipato Andrea Torta, rimasto precauzionalmente ai bordi del campo.
Sono rimasti fermi Carlo Trezzi e Italo Mattioli: per loro, mattinata trascorsa in piscina e doppia razione di fisioterapia, mentre ha lavorato a parte Antonio Compierchio, che prosegue nel suo programma personalizzato di recupero.

16/12/2009
Annullata la partecipazione al triangolare di Campobasso
Il Foggia nel pomeriggio di oggi avrebbe dovuto partecipare al triangolare di Campobasso con l´U.S. Campobasso 1919 (Eccellenza molisana) e la Rappresentativa Regionale Juniores del Molise per festeggiare il novantennale della società rossoblu.
Ma poi le avverse condizioni meteorologiche (in Molise nelle ultime ore la temperatura si è notevolmente abbassata), il pericolo influenza sempre dietro l´angolo e la lista più o meno lunga di infortunati ha spinto all´ultimo istante il Foggia a declinare l´invito.

A Campobasso, ovviamente ci sono rimasti male: per l´arrivo del Foggia la macchina organizzativa aveva messo a punto un bel programma che prevedeva, fra l´altro, il calcio d´inizio affidato al presidente della regione Molise. Ci ha provato anche il presidente dell´U.S. Campobasso Anna Caracozzi (originaria del capoluogo dauno) a far ritornare sui propri passi lo staff tecnico rossonero, che però è rimasto fermo sulle sue posizioni: domenica prossima il Foggia allo Zaccheria affronta la capolista Hellas Verona, e nell´immediata vigilia del match non può concedersi errori di valutazione di sorta. Alla volta di Campobasso, così, in mattinata è partita la formazione Berretti di Belisario Masi. Accompagnata dalle scuse ufficiali del club dauno, che comunque ha dato la propria disponibilità per una gara amichevole da disputarsi ai primi dell´anno.

FONTE: USFoggia.it


19/12/2009
Inizia il ritorno, la strada per la B passa da Verona
APPUNTAMENTO A MAGGIO. Si comincia con il Foggia, poi la sosta
I gialloblù giocheranno nove partite al Bentegodi e otto in trasferta, in casa gli scontri più importanti con Ravenna, Reggiana, Pescara e Taranto

Parte l'ultima volata, un girone di ritorno da vivere tutto d'un fiato. Il Verona ricomincia domani pomerigio, a Foggia. Poi la sosta per le vacanze di Natale. Due settimane di riposo per ricaricare la testa e il fisico. Si riprende il 10 gennaio, l'Hellas ospiterà in casa il Lanciano, l'ultima gara del campionato si giocherà il 9 maggio al Bentegodi, con il Portogruaro. Sedici partite in quattro mesi per decidere chi salirà direttamente in B e chi ci andrà passando dai play off.

HELLAS IN POLE POSITION. Il Verona comincia il girone di ritorno in una situazione favorevole. Ha frenato nelle ultime gare, questo è vero, ma è primo in classifica con un punto sul Pescara, due sulla Ternana, tre su Ravenna e Portogruaro. Adesso però il gruppo delle favorite si è ricompattato, sono tornate sotto anche Rimini e Reggiana, Cosenza eTaranto non si può più sbagliare.

BENTEGODI AMICO. Una cosa è chiara, per salire in B l'Hellas deve fare meglio in casa, la promozione passa proprio dal Bentegodi. Nel girone d'andata i gialloblù hanno fatto bene in trasferta dove hanno raccolto 15 punti in 9 partite e non hanno mai subito un gol, così così in casa dove hanno messo insieme 15 punti in 8 gare e hanno incassato l'unica sconfitta della stagione contro il Rimini. Il Verona non può permettersi un cammino così davanti al pubblico amico anche perchè - unica squadra in tutta la Lega Pro - può contare sul'aiuto di diecimila abbonati, una cifra da record.

BIG MATCH IN CASA Senza dimenticare che l'Hellas ha già affrontato in trasferta nel girone d'andata le grandi favorite per la serie B: dal Ravenna alla Reggiana, dal Pescara al Taranto, adesso avrà la fortuna di affrontare tutti questi big match al Bentegodi. Anche queste sono occasioni da non fallire davanti a migliaia di tifosi gialloblù. L'unico impegno «tosto», lontano dal Bentegodi, la sfida con la Ternana in programma il 31 gennaio al Liberati di Terni.

INFLUSSI AMBIENTALI. Il diesse Bonato e il tecnico Remondina hanno sempre giudicato favorevolmente anche la «dislocazione» delle trasferte. In effetti, nelle ultime settimane di campionato, i gialloblù dovranno affrontare la Spal a Ferrara o il Rimini, piazze dove non si fa sentire più di tanto l'influsso ambientale. L'ultimo viaggio a rischio? Sabato 3 aprile, alla vigilia di Pasqua, a Marcianise per affrontare il Real in uno stadio che può ospitare al massimo 1500 persone.

TANTE BATTAGLIE. «Non voglio più fare programmi a lunga gittata - ha detto il presidente Giovanni Martinelli alla cena natalizia dei club del Nuovo Coordinamento - affrontiamo una partita alla volta, alla fine faremo i conti».
Sulla stessa lunghezza d'onda anche il tecnico Gian Marco Remondina. «Saranno tutte battaglie - taglia corto il mister - con l'Hellas tutti danno il massimo. Adesso pensiamo al Foggia, serve una prova gagliarda per iniziare bene».
Luca Mantovani

19/12/2009
Pensalfini sprona la squadra «Si va a Foggia per vincere»
A TU PER TU. Il centrocampista non vuole rimandare l'appuntamento
Pippo Pensalfini non vuole più rimandare l'appuntamento con la vittoria. «Ci manca da tanto. Manca da troppo. E quella di Foggia è la partita giusta per tornare a vincere. È arrivata l'ora, non dobbiamo rimandare ancora l'appuntamento con i tre punti».

Già. Il Verona vuole ritrovarsi, e lo deve fare in fretta. L'ultima partita del 2009 potrebbe servire per ritrovare quel pizzico di serenità venuta meno nelle ultime uscite di campionato. «Battere il Foggia ci permetterebbe di vivere il periodo di sosta con grande tranquillità - ammette il centrocampista gialloblù -. Sono convinto che ci troveremo di fronte ad un avversario battagliero, che farà di tutto per metterci in difficoltà. Ma il Verona non ha paura di nessuno».

All'andata finì senza reti e con qualche mugugno in tribuna. «Ma era un altro Hellas - aggiunge Pensalfini -. Era la prima giornata di campionato. Il gruppo si stava conoscendo. Oggi abbiamo piena consapevolezza della nostra forza e delle nostre potenzialità».

E allora, a che cosa è dovuto questo calo di rendimento? «Penso sia fisiologioco accusare un po' di stanchezza - ammette Pensalfini -. Ma questo è un problema comune a tutti. Anche chi ci insegue deve fare i conti con periodi di flessione. Io penso che in momenti come questi sia la testa, l'atteggiamento mentale a fare la differenza. Dobbiamo stringere i denti, andare in campo lucidi e concentrati e Foggia, e poi potremo permetterci di tirare il fiato durante la sosta».

Serve allora una nuova consapevolezza di squadra: «Dobbiamo ricordare - spiega Pensalfini - che il nostro gruppo ha dimostrato di essere molto forte e ben assortito. La fame di vittorie è tornata. Contro il Rimini non meritavamo di perdere, mentre a Portogruaro siamo riusciti ad essere incisivi solo nella prima parte di gara. Anch'io non mi sono piaciuto, ma esistono i margini per ripartire e tornare a muovere la classifica in maniera importante».
Il Foggia dovrà fare a meno di Salgado, autentico faro dell'attacco rossonero. «Credo - sottolinea il centrocampista -, comunque, che chi affronta il Verona si senta sempre in dovere di dare qualcosa in più».

E un nemico in più potrebbe essere il Generale Inverno. Ghiaccio, gelo, neve. «Ma ci dovremmo abituare, visto che a gennaio potrebbe andare anche peggio - conclude Pensalfini -. Il Verona deve essere pronto a tutto. E soprattutto dev'essere pronto a ritrovare la via della vittoria».
Simone Antolini

19/12/2009
La Berretti va a Bellaria per difendere il primato
Oggi il Verona va a Bellaria non per una gita al mare, ma per conquistare i tre punti in palio. L'obiettivo è palese. Se la Berretti di Zarattoni, infatti, riuscisse a vincere anche in terra romagnola, centrerebbe come minimo un paio di traguardi importanti: allungherebbe la serie di risultati utili consecutivi portandola a tredici e allo stesso tempo chiuderebbe il girone di andata con sette vittorie su sette trasferte. Eventi questi che darebbero ancor più lustro al titolo di campioni d'inverno che i gialloblù hanno già messo in tasca otto giorni fa. Anche se il pronostico indica come favorito il Verona, sarà opportuno che i boys di Zarattoni non diano troppo peso ai numeri e alla classifica del Bellaria (quintultima con 20 punti in meno e a -12 in media inglese), ma entrino in campo determinati e con la mentalità giusta. «La squadra ha lavorato sodo anche in questi giorni. I presupposti di far bene quindi ci sono tutti. Sono convinto che i miei ragazzi affronteranno la gara con la convinzione adeguata e con la voglia di chiudere in bellezza il girone di andata». Oggi contro il Bellaria - si gioca al comunale di Gatteo Mare alle 14,30 - il Verona dovrebbe scendere in campo con questo schieramento: Da Vià, Pederzini (Cacciatori), Cacciola, Iorginho, Recchia, Tebaldi, Herrera, Testini (Emerson), Filippini, Guccione, Kassum (Nervo).

ARBITRA GALLO. Sarà Michele Gallo l'arbitro della partita tra Foggia e Verona che si disputerà domani allo stadio «Zaccheria». La giacchetta nera di Barcellona Pozzo di Gotto sarà coadiuvato dagli assistenti Antonio Parisse di Avezzano e Emiliano Mascherano di Latina.

ALBA IN NAZIONALE. Il centrocampista dei Giovanissimi Nazionali del Verona, Fabio Alba, è stato convocato dal Tecnico Federale Francesco Rocca per il Torneo Giovanile di Natale, in programma dal 28 al 30 dicembre a Coverciano. Il 28 dicembre, alle 15: Nazionale Under 16 - Selezione Under 15 A. 29 dicembre, alle 15, Nazionale U. 16 - Selezione U. 15 B. 30 dicembre, alle 10,30: Selezione U. 15 A - Selezione U. 15 B. F. L.

18/12/2009
La rivincita di Domingo «Quel gol a zio Uccio...»
AMARCORD. Angelo Domenghini, doppio ex, rivive un Foggia-Verona di molti anni fa «Il Verona mi aveva dato per finito, lo ritrovai in maglia rossonera. Feci gol, vincemmo noi, nettamente. E dopo lanciai la palla a Valcareggi...»
Il vecchio Domingo ha memoria lunga. «Lunghissima» dice. «Certe cose non si dimenticano». Il vecchio Domingo non ha dimenticato Verona. «Eh no, un anno solo e magari avevo pensato di chiudere lì la carriera. Un anno solo, in serie B tra l'altro, quand'ero venuto per giocare in serie A». Già, correva l' estate 1974, quella della sentenza Caf e della retrocessione a tavolino per via della telefonata di Garonzi a Clerici. Don Saverio aveva fatto, come sempre, le cose in grande. Ciliegina sulla torta di una squadra collaudata, il «messicano» Domenghini. Classe ed esperienza al servizio della causa. «Io in B non ci gioco. Voglio due milioni in più per restare...» fece sapere Domingo. Tra i due si mise di mezzo Cadè, l'allenatore. Uomo saggio: «Vieni e gioca, vedrai che il presidente te li darà. E' un uomo di parola...» lo pregava Cadè. «Io ho ascoltato il mister che era una brava persona» ricorda oggi Domenghini. «Ma i due milioni li sto ancora aspettando, eh...». Cosa vuoi che siano 2 milioni, rispetto alla felicità di un campionato (quasi) trionfale. «Sì, quasi, perchè nel finale rischiammo di perderlo e sarebbe stato un disastro con la squadra che avevamo».

Il messicano gioca 28 partite, quasi sempre alla sua altezza, nonostante un infortunio al tendine d'Achille. L'anno dopo arriva zio Uccio Valcareggi, altro messicano. Domingo lavora durante l'estate, per essere pronto al raduno. «Con Valcareggi mi sentivo in una botte di ferro...». In realtà, succede il patatrac. «Ero guarito, avevo l'idoneità da Coverciano, ma il Verona non mi credette. "Ti diamo la lista gratuita" mi dissero. Per me, fu uno schiaffo duro da accettare, soprattutto per via di Valcareggi. Pensavo che nel calcio ci fosse riconoscenza, mi ero sbagliato. Mi ritrovai a spasso". Non ci rimase a lungo. «Il mondo è piccolo, anche quello del calcio. Mi prese il Foggia, tornavo in A». Foggia-Verona, proprio come domenica. E che ti combina il vecchio Domingo? «Vincemmo 4-0 o 4-1, adesso non ricordo bene. Quello che mi ricordo è che feci una partita strepitosa. Segnai uno dei quattro gol, il secondo o il terzo. E dopo il gol, presi la palla in rete e la portai alla panchina del Verona, guardando valcareggi. "Questa è per lei" gli dissi. Non ero finito, quella era la mia rivincita».R.T.

18/12/2009
Venti partite, zero rigori: è record Difesa al top, attacco giù dal podio
LE CIFRE. La fotografia del Verona dopo le prime diciassette giornate
I numeri dicono tanto, non sempre tutto, ma spesso la verità. E allora al giro di boa del campionato di Prima Divisione, vale la pena fotografare quanto successo proprio attraverso le cifre. L'Hellas di oggi nelle diciassette partite di andata ha raccolto sette punti in più rispetto alla scorsa stagione. In attivo anche la differenza reti: venti i gol realizzati in questo campionato contro i diciotto della scorsa stagione. Nettamente in attivo anche il saldo di reti al passivo: dodici in meno rispetto alla scorsa stagione.

MAI UN RIGORE. Venti partite senza un fischio a favore del Verona, se non è un primato poco ci manca. La capolista quest'anno non ha mai favorito di un tiro dal dischetto. L'ultimo penalty assegnato ai gialloblù è stato assegnato alla terz'ultima giornata dello scorso campionato: Verona-Venezia 2-2, sul dischetto Rantier.

TERNANA DAVANTI A TUTTI. La squadra umbra è riuscita a vincere più della metà degli incontri giocate: ben nove. Va detto, però, che i rossoverdi hanno incassato anche sette sconfitte. Sul podio a otto Ravenna e Portogruaro. Il Verona si ferma a sette con Pescara e Reggina.

UN SOLO PARI. E sempre la Ternana è la squadra che pareggia meno: un solo pari. A due il Rimini, a tre Marcianise, Porto e Ravenna. La Cavese è invece la squadra che vince meno: due i successi per i campani. A tre ci sono invece Giulianova e Spal.

HELLAS FUORI DAL PODIO. Il miglior attacco è della Reggiana con 24 reti. A 22 Cosenza e Ravenna, a 21 Porto e Pescara. Il Verona è quindi fuori dal podio a 20.

DIFESA AL TOP. Il dato che consola è quello dei gol subiti. Il Verona è saldamente al comando con solo 5 gol al passivi. A seguire a 13 Pescara, Taranto e curiosamente la Cavese, che nonostante l'ultimo posto in classifica, vanta una difesa da podio.

BIGLIETTI. Sono 400 i biglietti messi a disposizione dal Foggia per i tifosi dell'Hellas per la partita con i rossoneri, ma potranno esserne venduti solo uno per persona. Il costo è di 13 euro più i diritti di agenzia al Box Office di via Pallone 12/A a Verona e a Tuttamusica in corso Italia 35 a San Bonifacio.

PARTITELLA CON LA BERRETTI. Ieri il Verona ha disputato una partitella in famiglia con la Berretti di Stefano Zarattoni a Sandrà. L'unico giocatore a riposo è stato Leonardo Massoni. Oggi la penultima seduta di lavoro in vista della gara di domenica allo stadio Zaccheria (ore 14.30)S.A.


17/12/2009
Pecchia non concede tregua Salta l'amichevole in Molise
QUI FOGGIA. Un piccolo caso diplomatico in casa dei rossoneri
Piccolo caso diplomatico in casa Foggia. Ieri pomeriggio il club rossonero avrebbe dovuto partecipare al triangolare di Campobasso con il Campobasso 1919, squadra di Eccellenza molisana, e la Rappresentativa Regionale Juniores del Molise per festeggiare il novantennale della società rossoblù. Ma poi le avverse condizioni meteorologiche (in Molise nelle ultime ore la temperatura si è notevolmente abbassata), il pericolo influenza sempre dietro l'angolo e la lista più o meno lunga di infortunati e squalificati ha spinto all'ultimo istante il Foggia a declinare l'invito.

A Campobasso, ovviamente ci sono rimasti male: per l'arrivo del Foggia la macchina organizzativa aveva messo a punto un bel programma che prevedeva, fra l'altro, il calcio d'inizio affidato al presidente della regione Molise. Ci ha provato anche il presidente del Campobasso, Anna Caracozzi, originaria del capoluogo dauno, a far ritornare sui propri passi Fabio Pecchia, l'ex giocatore juventino che guida lo staff tecnico rossonero, che però è rimasto fermo sulle sue posizioni: domenica prossima il Foggia allo Zaccheria affronta l'Hellas capolista e, nell'immediata vigilia della sfida non può concedersi errori di valutazione di sorta.

TUTTI AL LAVORO. Doppia seduta di allenamento a Sandrà per la squadra gialloblù. Ieri mattina lavoro di forza, tasformazione sul campo e tattica, partitelle a tema e su spazio ridotto nel pomeriggio. Oggi seduta pomeridiana a Sandrà.

I BIGLIETTI. Sono disponibili i biglietti per la partita tra Foggia e Verona in programma domenica 20 dicembre . Si possono trovare, al costo di 13 euro più diritti di agenzia al Verona Box Office in via Pallone 12, da Tuttamusica in Corso Italia 35 a San Bonifacio oppure sul sul circuito Bookingshow (www.bookingshow.com). I tagliandi riservati al settore ospiti sono quattrocento. Il Casms ha definito la vendita di un solo biglietto per spettatore.

LA TRASFERTA. Il calcio club «Da Nicolas» organizza la trasferta di Foggia. Per informazioni e iscrizioni telefonare al 347. 4249627 (Barbara) o 347. 8371382 (Bazza).

LA CLASSIFICA. Ecco la classifica finale del girone d'andata dopo il posticipo vinto due a uno dal Taranto sul Cosenza. Verona 30 punti. Pescara 29. Ternana 28. Ravenna, Portogruaro 27. Rimini, Reggiana 26. Lanciano, Cosenza 24. Taranto 23. Pescina 20. Giulianova 19. Spal, Foggia, Marcianise 18. Andria 17. Potenza 16. Cavese 15.

16/12/2009
Selva alza la voce «Macché rinforzi, bastiamo noi»
LA GRINTA DELLA «BELVA». Il bomber difende la squadra e l'allenatore
«Siamo primi in classifica alla fine dell'andata, non capisco le critiche. Cosa dovrebbe fare la società? Prendere tutti gli attaccanti che si sono in giro...»

La Belva è ancora viva. Mezz'ora con il Rimini, mezz'ora con il Portogruaro, Andy Selva è tornato, non è al cento per cento dopo il problema al polpaccio che lo ha frenato per un paio di mesi ma la grinta è sempre la stessa. Lui parte all'attacco, non cambia mai

«Non capisco tutte queste critiche - sbotta - siamo primi in classifica alla fine dell'andata, abbiamo un punto di vantaggio sul Pescara, due sulla Ternana, gli altri sono tutti più indietro. Cosa dovrebbero dire loro? Anche le altre società hanno investito tanto per arrivare in serie B, non solo l'Hellas. Se siamo davanti a tutti vuol dire che stiamo meglio degli altri, che abbiamo fatto meglio. Il campo è sovrano e i punti che abbiamo raccolto confermano la bontà del nostro gruppo».

La solidità difensiva è uno dei punti di forza del Verona. Sette partite si sono chiuse sullo zero a zero, i gialloblù hanno incassato solo cinque gol, non hanno mai perso in trasferta. «E vi sembra poco? Se una squadra non prende gol vuol dire che ha dei difensori bravi e che i compagni danno una mano importante - aggiunge Selva - all'inizio tutti temevano l'inserimento della nostra squadra nel girone B, si parlava di problemi ambientali. Se non abbiamo mai perso in nove trasferte vuol dire che questo gruppo è forte non solo tecnicamente ma anche psicologicamente, giocatori che hanno grande personalità, che non si fanno mettere sotto anche in campi caldi. Senza dimenticare che prendere solo cinque gol in diciassette partite, se non è un record poco ci manca».

La fase difensiva è praticamente perfetta, da qualche partita si è inceppato l'attacco. Una flessione che ha portato quattro pareggi e una sconfitta nelle ultime cinque gare, tre retu all'attivo nelle ultime sei partite. «Non c'è problema - replica ironicamente Selva - perchè a gennaio arrivano Di Gennaro e Inzaghi. Ma vi rendete conto? Il Verona è primo in classifica e già si parla di rinforzi, cosa dovrebbero fare gli altri, quelli che stanno dietro? E poi, se il Verona prende tutti gli attaccanti che ci sono in giro è sicuro di vincere il campionato? Credetemi, non servono rinforzi, bastiamo noi».

Anche se gli attaccanti gialloblù non hanno ancora fatto la differenza. Colombo e Rantier, Selva e Ciotola, sono giocatori che dovrebbero incidere di più nella gara. «Frenati da tanti problemi fisici - sottolinea Selva - io ho perso quasi due mesi, Rantier è stato frenato dalla pubalgia, Colombo viene da qualche mese di inattività. Però adesso siamo tutti a posto, dobbiamo fare bene a Foggia e poi approfittare del riposo per recuperare energie psicofisiche e preparare bene il girone di ritorno». Respinte al mittente anche le critiche a Remondina. «Il mister è un grande professionista - continua Selva - un tecnico preparato che sa dove vuole arrivare. Se siamo primi il merito è anche suo». Adesso il Foggia «Siamo pronti - conclude - all'andata mi hanno annullato un gol, devo rifarmi. E vedrete che segna anche Colombo».
Luca Mantovani

16/12/2009
Il grande ex salta la sfida Due giornate a Salgado
Il grande ex salta la sfida dello Zaccheria. Il giudice sportivo ha squalificato per due giornate l'attaccante del Foggia, Mario Salgado, ex punta nell'Hellas di Alberto Malesani. Il bomber rossonero, è stato espulso al 22' della ripresa nella gara con la Spal per «comportamento offensivo verso l'arbitro». Da rilevare anche le quattro giornate di squalifica a Raffaele Biancolino del Cosenza «perchè, a gioco fermo, correva verso l'arbitro e dopo averlo spinto con una manata sulla spalla, che lo faceva indietreggiare, rivolgeva allo stesso una frase offensiva». La punta calabrese non potrà quindi disputare la partita con il Verona in programma il 24 gennaio al Bentegodi.

I BIGLIETTI. Sono disponibili i biglietti per la partita tra Foggia e Verona in programma domenica 20 dicembre alle 14,30. Si possono trovare, al costo di 13 euro più diritti di agenzia al Verona Box Office in via Pallone 12, da Tuttamusica in Corso Italia 35 a San Bonifacio oppure sul sul circuito Bookingshow (www.bookingshow.com). I tagliandi riservati al settore ospiti sono quattrocento. Il Casms, Comitato di Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive, ha definito la vendita di un solo biglietto per spettatore.
LA TRASFERTA. Il calcio club «Da Nicolas» organizza la trasferta di Foggia. Per informazioni e iscrizioni telefonare al 347. 4249627 (Barbara) o 347. 8371382 (Bazza).

ESPOSITO A RIPOSO. Archiviato il pari di Portogruaro, i gialloblù sono tornati al lavoro. Ieri pomeriggio, a Sandrà, Garzon e compagni hanno affrontato la prima seduta settimanale di allenamento in vista dell'impegno col Foggia. Per gli uomini di Remondina riscaldamento tecnico, possesso palla, potenza aerobica e partitelle a tema. Lavoro individuale a scopo precauzionale per Gennaro Esposito, a causa di una contusione tibiale. Oggi è in programma una doppia seduta sempre a Sandrà.S. A.

FONTE: LArena.it


19/12/2009 - 12:30
Foggia-Hellas Verona: 20 convocati
Due portieri, sei difensori, cinque centrocampisti e sette attaccanti per la 18a gara di campionato
SANDRA' - Nella tarda mattinata di sabato, al termine della seduta di rifinitura svolta a Sandrà (VR), il tecnico Gian Marco Remondina ha reso noti i nomi dei convocati per la 18a giornata di campionato, in programma domenica 20 dicembre alle ore 14:30. Ecco la lista completa in vista del match Foggia-Hellas Verona:

PORTIERI: Ingrassia, Rafael;
DIFENSORI: Anselmi, Campagna, Cangi, Ceccarelli, Comazzi, Pugliese;
CENTROCAMPISTI: Burato, Esposito, Garzon, Pensalfini, Russo;
ATTACCANTI: Berrettoni, Ciotola, Colombo, Farias, Gomez, Rantier, Selva.

18/12/2009 - 15:39
Remondina: "A Foggia una partita gagliarda" - VIDEO
"Senza prestazioni non si vince. Per centrare i tre punti servono attenzione e capacità di sviluppare gioco"

18/12/2009 - 15:41
Pensalfini: "E' ora di tornare a vincere" - VIDEO
"Proveremo in tutti i modi a far nostra la partita di domenica. In questo momento la differenza la fa l'approccio mentale"

18/12/2009 - 15:50
Giovanili: Alba convocato dal Tecnico Federale Rocca
Il centrocampista dei Giovanissimi Nazionali parteciperà al "Torneo Giovanile di Natale", in programma dal 28 al 30 dicembre a Coverciano (FI)

18/12/2009 - 15:25
Foggia-Hellas Verona, arbitra Gallo di Barcellona P.d.G.
Il direttore di gara sarà coadiuvato dagli assistenti Parisse (Avezzano) e Mascherano (Latina)

17/12/2009 - 17:23
Giovedì a Sandrà partitella con la Berretti
Terzo giorno di lavoro per la formazione di Remondina in vista della gara di campionato col Foggia. A riposo Massoni

18/12/2009
Nuova Nordauto Zero45 sponsorizza Miss Hellas Verona

17/12/2009 - 15:28
Spazio interviste venerdì alle ore 13:45
A disposizione degli organi d'informazione il tecnico Gian Marco Remondina ed il centrocampista Filippo Pensalfini

17/12/2009 - 11:15
Giovanili: nel weekend in programma 5 gare
Derby col Padova per i Giovanissimi Nazionali, la Berretti chiude col Bellaria il girone d'andata. A riposo quattro rappresentative

17/12/2009 - 11:28
Foggia-Hellas Verona, le disposizioni del Prefetto
Per l'incontro in programma domenica 20 dicembre 2009 è prevista la vendita di un solo tagliando per ciascuno spettatore ed incedibilità dello stesso

16/12/2009 - 10:57
Per l'Hellas 19 precedenti in trasferta col Foggia
Nella stagione 2007/08 l'ultima sfida, 2-0 il risultato finale per i satanelli nella seconda gara di Pellegrini sulla panchina della Prima Squadra
VERONA - Domenica 20 dicembre inizia il girone di ritorno, gli uomini di Remondina affronteranno in trasferta il Foggia.

19 i precedenti totali tra le due compagini in Puglia: il bilancio per l'Hellas parla di 2 successi, 6 pareggi ed 11 sconfitte. Nella stagione 2007/08 l'ultima sfida, 2-0 il risultato finale per i satanelli nella seconda gara di Pellegrini sulla panchina della Prima Squadra. Contro la squadra rossonera gli scaligeri non vincono a domicilio dal 16 febbraio 1936, 2-1 firmato Antonini (in foto) e Grolli. L'ultimo pari risale al 5 aprile 1998 (0-0).

8 i punti conquistati dalla squadra guidata da Porta e Pecchia nelle ultime 5 gare casalinghe di campionato, frutto di 2 affermazioni (3-0 al Rimini e 2-1 al Portogruaro), 2 pareggi (0-0 con Taranto e Cavese) ed un ko (1-3 col Real Marcianise).

16/12/2009 - 16:56
Mercoledì doppia seduta di lavoro per la squadra scaligera
Presso gli impianti sportivi di Sandrà (VR) lavoro di forza, tasformazione sul campo e tattica al mattino, partitelle a tema e su spazio ridotto nel pomeriggio
SANDRA' - Doppia seduta di allenamento per la squadra gialloblù nella giornata di mercoledì. Presso gli impianti sportivi di Sandrà (VR) lavoro di forza, tasformazione sul campo e tattica al mattino, partitelle a tema e su spazio ridotto nel pomeriggio. Giovedì seduta pomeridiana, sempre a Sandrà (VR).

FONTE: HellasVerona.it


19/12/2009 15:29
Remondina punta ancora su Farias e Anselmi
Foggia stessa formazione che ha giocato a Portogruaro. Conferme per l'esterno brasiliano e per il difensore. Comazzi e Rantier in panchina. E' l'ultima gara del 2010, la prima del girone di ritorno.

18/12/2009 18:38
Remondina: Mi aspetto di più da Selva, Colombo e Rantier
Il tecnico dell'Hellas GIanmarco Remondina fa il punto della situazione al termine del girone d'andata e a pochi giorni dalla sfida di Foggia: "Non è stato un bel periodo anche se siamo riusciti a mantenere il primato. Questa squadra ha sempre mostrato la giusta mentalità e vogliamo riprendere il nostro cammino a partire da domenica". Poi sugli attaccanti: "Selva, Colombo e Rantier sono grandi giocatori. Da loro mi aspetto qualcosa in più".

18/12/2009 16:32
Foggia, contro l'Hellas senza bomber Salgado
Dopo il pareggio di Portogruaro il Verona affronta nell'ultima partita dell'anno il Foggia allo stadio Zaccheria. La formazione pugliese occupa attualmente la quart'ultima posizione con 18 punti. L'ultima vittoria rossonera in casa risale al 22 novembre quando la squadra di Porta vinse 2-1 contro il Portogruaro. Il tecnico Antonio Porta dovrà fare a meno di Mario Salgado che il Giudice Sportivo ha fermato per due turni.

16/12/2009 16:14
Grazie presidente. L'abbraccio dei tifosi a Martinelli
Le immagini della cena natalizia del Nuovo Coordinamento dei calcio club a cui hanno partecipato Remondina e il presidente del Verona Giovanni Martinelli che al microfono ha ricordato che "da ora in poi è meglio pensare partita dopo partita".

16/12/2009 17:26
Anselmi: "Sono sincero, non mi aspettavo tanta panchina"
Il difensore del Verona Fabrizio Anselmi è stato schierato dal primo minuto domenica contro il Portogruaro: “Francamente non me l'aspettavo però devo dire che sono davvero contento. Spero che il mister continui a darmi fiducia”.
Finalmente Anselmi. Il difensore dell'Hellas, giunto a Verona dal Sassuolo nel corso del mercato estivo doveva formare con Ceccarelli la coppia titolare della difesa per il campionato dato che Comazzi era sul piede di partenza. Poi l'ex difensore dell'Ancona è stato confermato e Anselmi ha dovuto sedersi spesso in panchina. Le uniche opportunità di giocare le ha avute in Coppa Italia. Domenica a Portogruaro invece Remondina ha deciso di puntare su di lui dal primo minuto: "Sono davvero contento, finalmente è arrivato anche il mio momento. Non me l'aspettavo perchè comunque finora i miei compagni hanno fatto davvero bene ma spero vivamente che il mister continui a darmi fiducia".

Anselmi in questa stagione è stato fermato anche da qualche infortunio: "E' vero ma adesso voglio guardare avanti. Sto bene fisicamente e domenica sono uscito per crampi per cui nulla di preoccupante. Non è facile giocare una volta ogni tanto, perchè si perde la condizione e quando si rientra manca il ritmo partita". Sebbene sia stato acquistato per giocare titolare non ha mai sollevato polemiche: "Sarei un ipocrita a dire che mi aspettavo di venire a Verona e stare in panchina ma poi sono stati trovati alcuni equilibri di squadra e capisco che per il mister era difficile cambiare. Se sarò titolare a Foggia? Non lo so, Io continuo ad allenarmi con dedizione perchè voglio essere al cento per cento, poi le scelte le farà il mister". (A.B).

FONTE: TGGialloblu.it




[OFFTOPIC]
Tiberio GUARENTE con la maglia dell'HELLAS (FotoExpress)
BOXE: GRIFFITH campione malato e dimenticato... Lo aiuta BENVENUTI suo storico avversario sul ring. CALCIOPOLI: CARRARO ha raccontato la sua versione respingendo ogni addebito... CHIEVO-FIORENTINA il Questore 'viola' vuole vederci chiaro. HOCKEY SU GHIACCIO: Infartuato salvato in extremis dall'arbitro. 'EL CHINO' RECOBA lascia il PANIONIOS e forse, a 33 anni suonati e 'piagato' dagli infortuni, smette. COPPA INTERCONTINENTALE: Il BARÇA batte l'ATLANTE e raggiunge in finale l'ESTUDIANTES. VUELTA 2010: Presentata la nuova corsa, il leader cambierà maglia dall'oro al 'Rosso Spagna'. BASKET NBA: I KNICKS sbattono contro gli HORNETS, i RAPTORS battuti a MIAMI. In West Division intanto BRYANT è devastante e trascina i LAKERS alla vittoria su MILWAUKEE; rispondono SPURS e MAVERICKS in trasferta. IL PRESIDENTE DEL CONI non vede di buon'occhio la scelta di un 'cittì part-time' per la Nazionale di basket ma, nonostante ciò, per PIANIGIANI è stato stilato un biennale... Nel frattempo si allarga lo scandalo arbitri ma la FederBasket tace. CICLISMO&DOPING: Beccato anche DI LUCA, 3 anni di squalifica. FORMULA 1: KOBAYASHI dice si alla SAUBER. BLATTER RIBADISCE: No alla moviola in campo. PREMIER LEAGUE: Il tecnico dell'ARSENAL contro l'omologo del WOLVES che ha schierato una squadra imbottita di giovani e riserve contro il MANCHESTER UNITED per preservare i titolari contro il BURNLEY nella partita successiva! La FederCalcio inglese apre un'inchiesta a proposito... VITA DA EX: Da poche settimane al SIENA 'Sandokan' ha già convinto tutti. GUARENTE deludente a Bergamo, il centrocampista dell'ATALANTA verrà ceduto? SPALLETTI 'BUSINESS-MAN' A 360°: In Russia aprirà negozi d'abbigliamento. PALLAVOLO SERIE A1: Grande campionato della neopromossa MARMI LANZA VERONA, i playoff sono alla portata! Ma purtroppo i gialloblù incappano a CUNEO nella seconda sconfitta di fila... LEGA PRO: Salta anche la panchina della TERNANA (e sono 8). DOMENICALI sostituisce il dimissionario BALDASSARRI. SORTEGGI EUROPEI: È grande sfida Italia-Inghilterra con INTER-CHELSEA e MILAN-MANCHESTER UTD! La FIORENTINA se la vedrà col BAYERN. In Europa League JUVE-AJAX e ROMA-PANATHINAIKOS. SCI SUPER G: L'azzurro STAUDACHER è 3° in Val Gardena. SNAKE BOXING: È un nuovo 'sport' nato in India e si combatte a morsi fra un uomo ed un cobra! L'anno scorso 3 morti accertati! FOOTBALL NFL: Il receiver dei BENGALS litiga con la compagna, cade dal pickup e muore! SERIE B: TORINO ed EMPOLI cadono in campo, le altre squadre 'sotto la neve'... RUGBY: Cade un altro 'muro' nello sport da duri per eccellenza, THOMAS leggenda del GALLES, è gay!
17/12/2009
Panchine «caldissime» Sono già otto i cambi
IL CASO. Domenicali alla guida della Ternana

16/12/2009
«Marmi Lanza ai play off? La meta non ci spaventa»
VOLLEY/SERIE A1. Dopodomani i gialloblù inaugurano il girone di ritorno al Palaolimpia. Kromm: «Il calendario ci aiuta e in questo campionato tutto è possibile Cuneo è più forte di noi, ma con l'aiuto dei nostri tifosi vincere si può»

FONTE: LArena.it


19/12/2009 09:55
Marmi Lanza, Cuneo troppo forte. I piemontesi vincono 1-3
Seconda sconfitta consecutiva per la Marmi Lanza che dopo la battuta d'arresto di Macerata cede in casa alla Brebanca Lanutti Cuneo dell'ex tecnico Giuliani. Sottile e compagni si erano aggiudicati il primo set ma la forza dei piemontesi è emersa nei tre parziali successivi che non hanno dato scampo alla squadra di Bagnoli. Prossimo appuntamento mercoledì 23 dicembre alle ore 20:30 contro Modena al Palapanini.

FONTE: TGGialloblu.it


16-12-2009 16:20:00
Atalanta: ag. Guarente "A Bergamo fino a giugno"
Giovanni Bia: "La Fiorentina? Per ora a me non hanno chiesto nulla" -
Tiberio Guarente non si muoverà da Bergamo. Il centrocampista è il simbolo di della stagione deludente dell’Atalanta: dopo un’estate con la valigia in mano, l’ex Verona ha firmato il rinnovo con i nerazzurri, ma qualcosa sembra essersi inceppato...

FONTE: DataSport.it


CADE DAL PICKUP, MUORE HENRY, STAR DEL FOOTBALL
Chris Henry, ricevitore dei Cincinnati Bengals, è morto per le lesioni riportate ieri cadendo da un pickup dopo una lite con la sua compagna. Come si legge sul sito della NFL, il giocatore 26enne è deceduto alle 6.36 di oggi. Henry, fuori dalla squadra per una frattura all'avambraccio, ieri era stato trasportato in ospedale dopo essere stato trovato in gravi condizioni su una strada in una zona residenziale di Charlotte, in North Carolina. Secondo la ricostruzione della polizia, dopo una lite domestica il giocatore è balzato sul vano posteriore del pickup guidato dalla fidanzata ed è caduto.

LOTTA A MORSI COL COBRA SPORT CHOC IN THAILANDIA
Nel mondo ormai si vede di tutto. Vedere un uomo che lotta con un cobra azzannandolo e tenendolo in bocca, però, non è cosa da tutti i giorni. Il coraggioso è un campione di uno strano sport, lo snake boxing, che vede dei veri e propri wrestler lottare contro i pericolosissimi serpenti velenosi, cercando di scansare i loro attacchi mortali. Uno sport pericolosissimo, tant'è che sono stati in tre, lo scorso anno, a morire dopo essere stati morsicati (il veleno del cobra può uccidere un uomo in meno di 15 minuti) nel solo villaggio di Ban Khok Sa-Nga, in Thailandia: lui, però, è un campione, e come vediamo in queste foto, pubblicate dal Sun, è il cobra ad avere quasi paura di lui.

INFARTO MENTRE GIOCA: L'ARBITRO LO SALVA - VIDEO
La partita è del campionato sevdese di hockey: Niklas Lihagen ha un durissimo scontro di gioco con un avversario e finisce a terra. Il gioco va avanti, perché tutti pensano a un normale infortunio. E invece il giocatore resta immobile. L'arbitro, che nella vita fa l'infermiere, si accorge della gravità delle condizioni dell'atleta e interviene prontamente praticando il massaggio cardiaco e salvandogli la vita. Il giocatore era stato colpito da infarto.

SPALLETTI A SAN PIETROBURGO APRIRÀ NEGOZI DI MODA ITALIANA
Luciano Spalletti, che nei giorni scorsi ha firmato un contratto di tre anni come allenatore dello Zenit di San Pietroburgo, intenderebbe aprire alcuni negozi di abbigliamento nella metropoli baltica. A riferirlo è il tabloid moscovita Tvoi Den (Il tuo giorno), secondo il quale tale attività commerciale sarebbe stata una delle condizioni poste dal tecnico italiano per il suo trasferimento a San Pietroburgo. «Nel corso della sua prima visita nella città sulla Nevà, Spalletti accanto ai termini del nuovo contratto ha esaminato anche seriamente tale questione», scrive il giornale, ricordando che quando era ancora tecnico della Roma, Luciano Spalletti aveva investito parte dei suoi capitali in una «rete di negozi di abbigliamento a Milano, capitale della moda italiana». Secondo Tvoi Den non è escluso che sia la moglie di Spalletti a occuparsi della gestione dei nuovi negozi a San Pietroburgo.

FONTE: Leggo.it


15 dicembre 2009
Alberto Malesani
Ha girato l’Europa, è tornato in Italia, è arrivato a Siena e ora ha iniziato a vincere. Ecco chi è l’allenatore che ha trasformato l’arte contadina in una vera strategia pallonara

FONTE: IlFoglio.it


Il rugby abbatte un tabù. La star gallese: "Sono gay"
Gareth Thomas, leggenda della Nazionale gallese in forza ai Cardiff Blues, fa outing: "Sono omosessuale. E' il momento giusto per rivelarlo. Ma non avrei mai potuto dirlo senza prima essermi guadagnato il rispetto sul campo"

Scivoloni Torino ed Empoli. La neve stravolge la serie B
Un gol di Sgrigna condanna i granata di Beretta mentre i toscani contro l'Albinoleffe mancano l'aggancio al vertice. Partite rinviate a Padova, Mantova, Modena e Trieste

Val Gardena, Staudacher 3°. Trionfa Svindal, Heel cade
Nel superG l'azzurro si piazza dietro al norvegese e a Janka festeggiando il primo podio in carriera in Coppa del Mondo. Fuori Heel e Innerhofer. In Val d'Isere la Vonn è al comando della supercombinata dopo la prova di discesa

Sorteggi Champions. Ancora Italia-Inghilterra
Ecco gli ottavi sorteggiati a Nyon: Inter-Chelsea, Milan-Manchester United, Bayern-Fiorentina, Stoccarda-Barcellona, Olympiacos-Bordeaux, Cska Mosca-Siviglia, Lione-Real Madrid, Porto-Arsenal

Sorteggio Europa League. La Juventus trova l'Ajax
Gli accoppiamenti per i sedicesimi: i bianconeri affronteranno la squadra olandese, incrociata tante volte in passato. La Roma se la dovrà vedere con i greci del Panathinaikos. Tra le altre sfide spiccano Amburgo-Psv e Atletico Bilbao-Anderlecht

Ufficiale: Pianigiani c.t. Part time per due anni
Il tecnico della Montepaschi Siena è il successore di Carlo Recalcati sulla panchina azzurra. Per lui doppio incarico club-Nazionale

Wenger contro i Wolves "Premier non più credibile"
Così l'allenatore dell'Arsenal dopo che McCarthy ha schierato molte riserve contro lo United per preservare i migliori in vista del più abbordabile Burnley domenica prossima. Il club dovrà ora rispondere alla FA e rischia sanzioni, i tifosi vogliono essere risarciti

Blatter ribadisce il suo no "Niente moviola in campo"
"Il giorno in cui una partita verrà interrotta perché l’arbitro vuole rivedere un’azione - spiega ad Abu Dhabi il presidente della Fifa in occasione del Mondiale per club - sarà quello in cui il calcio morirà. Sì invece ai sensori che 'vedono' un gol"

Bryant arma letale: L.A. vola. Nowitzki trascina Dallas
I Lakers battono Milwaukee al supplementare grazie a 7 decisivi punti di Kobe nel finale. Per Los Angeles è la 13ª vittoria in 14 partite. Spurs e Mavericks vincono in trasferta con due grandi prove di Duncan e Nowitzki (35 punti, 13 negli ultimi 8 minuti)

Kobayashi alla Sauber. Schumi pronto per i test
Il pilota giapponese, brillante nelle ultime due gare della stagione 2009, è stato scelto dal team rinato dalle ceneri della Bmw. Intanto Schumacher, secondo la Bild, proverà entro due settimane la Mercedes sul circuito di Abu Dhabi

Doping, stangata Di Luca. Chiesti tre anni di squalifica
Il corridore era stato trovato positivo all'ultimo Giro d'Italia. Ad agosto in sua difesa aveva prodotto contestazioni sul metodo francese di test del Cera e l'ipotesi di un complotto

S'allarga lo scandalo arbitri. Ma la Federbasket tace
Designazioni pilotate, spinte per favorire la promozione di un arbitro, fischietti che chiedono favori per conoscenti. Il sistema malato del basket, svelato dalle intercettazioni, inquieta il nuovo designatore Tola: "Cose da fantascienza". Ma non la Fip, che non risponde alle richieste di chiarezza

Petrucci contro Meneghin "Non plaudo al c.t. part-time"
Il presidente del Coni a dir poco perplesso per la scelta di Pianigiani c.t. oltre che tecnico della Montepaschi: "La Nazionale è in crisi e avrebbe bisogno di un lavoro costante e duraturo. Eravamo d'accordo così, poi qualcuno ha cambiato parere"

Knicks e Raptors al tappeto. Fra gli italiani si salva Bargnani
Dopo quattro successi si interrompe a Charlotte la striscia vincente di New York, che perde la testa nel finalee incassa una sconfitta evitabile (94-87). Toronto cede invece a Miami. Il Mago, dopo un eccellente primo quarto, non riesce più a trovare ritmo in attacco e chiude con 14 punti

Dall'oro al rosso. La Vuelta cambia colore
Presentata a Siviglia la corsa a tappe spagnola del 2010. Si parte con una cronosquadre, arrivo a Madrid dopo 3352 km. Novità: la maglia del leader sarà rossa come quelle delle nazionali iberiche

Barcellona, finale Mondiale. Entra Messi, Atlante battuto 3-1
I messicani vanno in vantaggio dopo 5' con Rojas, pareggia Busquets. Nella ripresa il Pallone d'oro si alza dalla panchina e dopo 1' ha già fissato il 2-1. Chiude Pedro, sabato la finale con l'Estudiantes: si punta al sesto trofeo del 2009

Recoba lascia il Panionios. Carriera finita per il "Chino"?
A 33 anni, bersagliato dagli infortuni, l'ex attaccante dell'Inter ha rescisso consensualmente il contratto che lo legava al club greco. Dopo una prima stagione discreta, l'uruguaiano quest'anno ha giocato pochissimo. Al momento, non ha ancora annunciato se intende continuare a giocare

FONTE: Gazzetta.it


13:23 del 15 dicembre
Questore Firenze 'A Verona episodi da chiarire'
'Sono stati portati alla mia attenzione episodi accaduti a Verona che hanno visto coinvolta la tifoseria viola che, ad esempio, non ha potuto esporre dei semplici vessilli o striscioni a sostegno della squadra, e su cui mi riservo approfondimenti nei prossimi giorni'. Il questore di Firenze, Francesco Tagliente, premiato ieri sera alla cena natalizia dell'Ussi Toscana, ha espresso tutti i suoi dubbi su una gestione dell'ordine pubblico e della sicurezza non particolarmente gradita ai tifosi della Fiorentina, in occasione del match fra il Chievo e la squadra allenata da Cesare Prandelli.

'Il modello Fiorentina a livello di sicurezza e ordine pubblico è un qualcosa che esce anche al di fuori dei confini italiani, visto l'eccellente comportamento dei supporters viola anche nelle trasferte europee della squadra gigliata - ha aggiunto il questore di Firenze -. Sentire elogiare la piazza di Firenze per il suo eccellente comportamento a livello di sicurezza nelle manifestazioni sportive, tanto dal ministro degli Interni Maroni, quanto dal presidente della Uefa Michael Platini, significa che il lavoro svolto dalla mia questura, in collaborazione con la società viola, la tifoseria della Fiorentina e tutta la piazza, è sulla strada giusta. E' mio dovere però non abbassare la guardia e crescere ancora, perché i margini di miglioramento su questo fronte sono ancora ampissimi'.
Luca Cellini

FONTE: Calciomercato.com


Accorre Benvenuti
POLVERE DI STELLE L’EX PUGILE GRIFFITH RIDOTTO IN POVERTÀ
Emile Griffith è stato uno dei pugili più forti del mondo negli anni ‘60 e ‘70, ora non ha più soldi per mangiare e pagarsi le medicine per curare l’A l z h e i m e r, di cui soffre da anni. Benvenuti, rivale storico, ha già detto di voler ‘co m b a t te re ’ per aiutarlo.

CALCIOPOLI IN AULA L’EX PRESIDENTE FIGC
Carraro ai magistrati «Volevo garantire arbitraggi regolari» I colloqui con Bergamo: «C’erano stati errori contro
la Lazio, a Roma situazione pesante». Cellino ancora assente, il giudice manderà le forze dell’ordine.

FONTE: DNews.eu


15.12.2009 13.45 di Andrea Losapio
Ternana, Baldassarri si dimette
Il tecnico della Ternana, Gabriele Baldassarri, a seguito dei risultati negativi della squadra, ha deciso di consegnare le proprie dimissioni e rimandare il proprio mandato all'amministratore Stefano Dominicis. La società rossoverde è comunque terza in classifica a due soli punti dal Verona capolista.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com
Vota questo articolo:
Vota su WikioVota su Fai InformazioneVota su ziczacVota questa notizia su Cronaca24Vota questa notizia su SurfPeopleVota su OkNOtizieVota questa notizia su PubblicaNewsVota questa news su Faves.com

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#VeronaMilan Caracciolo

#VeronaMilan Bessa


Wallpapers gallery