#EntellaVerona in anteprima: Allo stadio di Chiavari contro i locali che ancora inseguono i playoff l'HELLAS si gioca una buona fetta di promozione diretta tra la SPAL ormai imprendibile ed un FROSINONE che giustamente non molla più nulla! A fare la differenza saranno le motivazioni come sempre nelle gare di fine campionato...

Pubblicato da andrea smarso giovedì 4 maggio 2017 19:57, vedi , , , , , , , , , | Nessun commento


#EntellaVerona +   -   =

La situazione in Liguria non è delle più tranquille vista la frenata dei Diavoli Neri che non vincono da 5 gare consecutive e hanno allontanato mister BREDA dalla guida tecnica dell'ENTELLA chiamando al suo posto l'allenatore della Primavera CASTORINA.
Però, a salvezza ormai ampiamente raggiunta e playoff quasi andati, a Chiavari tutto quello che ci si aspetta è più o meno la fine del campionato anche se contro l'HELLAS tutti tengono a fare una bella figura, soprattutto tra le mura amiche, ecco perchè la prossima trasferta non sarà facile per gli scaligeri ma n190emmeno così impossibile dopo la grandissima iniezione di fiducia derivante dalla rocambolesca (quanto esaltante) vittoria nel derby.
A fare la differenza potranno essere proprio le motivazioni in un senso o nell'altro come sempre negli ultimi match di stagione, motivazioni che di sicuro non mancheranno agli oltre 1000 butei attesi al Comunale di Chiavari.

Precedenti
Gara giovanissima quella tra scaligeri e Diavoli Neri che consta in un unico match precedente a quello di Lunedì: Era infatti il 12 agosto 2012 e nello stadio ligure l'HELLAS affrontava l'ENTELLA in un turno di Coppa Italia, la squadra di Chiavari andò in vantaggio per prima ma venne poi rimontata grazie alle reti di RIVAS e GOMEZ (doppietta)...
All'andata al Binti non fu certo il miglior VERONA della stagione ma gli scaligeri riuscirono ad aver ragione degli avversari grazie al gol di PISANO e tornare momentaneamente in testa alla classifica a +2 sul FROSINONE.

Ad arbitrare il prossimo match è stato designato il signor Ivano Pezzuto della sezione Aia di Lecce.


QUI CHIAVARI
Il nuovo tecnico CASTORINA lavorerà al massimo su tattica, 4-3-1-2 il modulo previsto per il 'nuovo' ENTELLA, e motivazioni ma non è che potrà trasformare la squadra che ha a disposizione visto il poco tempo che ha avuto a disposizione per preparare la gara contro i gialloblù.
Capitano degli avversari sarà il centrale Luca CECCARELLI che ricoprì lo stesso incarico anche all'HELLAS dopo il suo arrivo nel 2008 e fino al 2013.

Probabile formazione
4-3-1-2 con Iacobucci; Ceccarelli-Benedetti-Pellizzer-Sini; Palermo-Ardizzone_Moscati; Tremolada; Caputo-Catellani


QUI VERONA
Con GOMEZ e BIANCHETTI ai box anche BOLDOR a causa di una contusione all'alluce destro, sicuramente fuori VALOTI, espulso nel concitato finale di VERONA-VICENZA, insieme a SOUPRAYEN e ZUCULINI che, già diffidati, hanno ricevuto nel derby l'ammonizione che li escluderà dalla trasferta a Chiavari.

Convocati
BIANCHETTI recupera, BOLDOR no. Ancora fuori GOMEZ.

Portieri: 12. Coppola, 31. Ferrari L., 1. Nicolas
Difensori: 4. Bianchetti, 30. Caracciolo, 32. Casale, 28. Ferrari A., 3. Pisano
Centrocampisti: 24. Bessa, 8. Fossati, 2. Romulo, 20. Zaccagni
Attaccanti: 25. Cappelluzzo, 23. Fares, 9. Ganz, 10. Luppi, 11. Pazzini, 26. Siligardi, 7. Troianiello, 29. Tupta

Probabile formazione
Come sempre quando manca il terzino francese, sulla fascia sinistra della difesa si apre un dilemma: Chi è il 'meno peggio' a sostituirlo visto che non ci sono altri esterni sinistri di ruolo? A giocarsela sono i soliti tre: PISANO, RÔMULO e Alex FERRARI (sperando di non vedere i ZACCAGNI e i FARES completamente fuori ruolo e logica) ma, considerato il probabile rientro di Eros e le non perfette condizioni fisiche di BIANCHETTI, è probabile che l'incombenza tocchi al brasiliano...

4-3-3 con Nicolas; Pisano-Ferrari-Caracciolo-Romulo; Zaccagni-Fossati-Bessa; Siligardi-Pazzini-Luppi

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =

Mister CASTORINA tecnico dell'ENTELLA «Verona? Una delle partite che a condizioni normali avrebbe caricato i ragazzi all'ennesima potenza. Tutti quanti siamo chiamati ad un'ulteriore prova di maturità per smentire tutto quello che ha portato al cambio di allenatore. Credo che meglio del Verona non poteva capitarci in questo momento ma son convinto che la partita sarà affrontata nel modo giusto. Mi aspetto una squadra che lotti su ogni pallone, motivata e soprattutto vogliosa come gruppo di dimostrare qualcosa. Noi comunque abbiamo preparato la partita con la consapevolezza del fatto che abbiamo delle armi per fare male. Abbiamo lavorato tantissimo su quello che ci interessa fare. Il Verona ha la capacità di fare qualsiasi partita qui da noi. Ha la qualità per fare la partita e giocherà a viso aperto. Tre nomi sicuri per domani? Caputo, Ceccarelli, Catellani» TGGialloblu.it

Mister PECCHIA «Devo stare concentrato sul campo e anche la squadra deve fare altrettanto, davanti a noi ci sono tre step fondamentali per raggiungere il nostro obiettivo, dobbiamo triplicare gli sforzi e buttare tutto quello che abbiamo sul rettangolo di gioco. L’Entella? In casa hanno ottenuto risultati importanti, il nuovo allenatore Castorina è stato prima calciatore poi allenatore delle giovanili dell'Entella e ha fatto molto bene, dovremmo essere più determinati di loro. A Chiavari dovremo giocare con voglia, forza, entusiasmo e anche un pizzico di follia. Arrivati a questo punto del torneo, i valori contano relativamente, le motivazioni possono fare la differenza. Come ho sempre sostenuto, in questo finale di campionato deve emergere la forza di un grande gruppo, unito fin dal primo giorno. Come giocare sul sintetico? Ci adatteremo a tutto, anche a giocare sui sassi o sull’asfalto. Tante assenze? So che gli undici che scenderanno in campo daranno tutto, mi aspetto una grande prestazione. Il tiro da fuori? È una delle nostre opzioni, così come il fraseggio. Dobbiamo saper alternare entrambe le soluzioni a seconda dell’atteggiamento difensivo gli avversari» HellasVerona.it

Il presidente SETTI «Prima di tutto voglio ringraziare i nostri tifosi. La partita contro il Vicenza è stata un esempio degno di grande stima e fiducia, nella quale abbiamo dimostrato ancora una volta quanto sia significativo questo pubblico. Volevo richiamare l'attenzione sul fatto che faremo tutto il possibile per quanto riguarda la decisione di chiudere la Curva Sud nella gara contro il Carpi, perché è una cosa ingiusta. Lottiamo da tempo, abbiamo fatto molte volte il nostro dovere negli uffici competenti. Dei 63 giornalisti accreditati, nessuno ha sentito niente. Così tra le Forze dell'Ordine e tra i miei collaboratori, compreso Luca Toni. E' una di quelle situazioni difficili da capire, ci piacerebbe ci fosse, in questo finale di campionato, un comportamento a 360° il più corretto possibile. Ora andiamo a Chiavari, che definirei una partita chiave. Voglio chiedere ai nostri tifosi di venire in massa, di riempire lo stadio, di dare l'opportunità a questi ragazzi di sentire il loro calore. Ci stiamo giocando tutti tanto, la società sta valutando qualche riconoscimento per tutti i tifosi che vorranno seguirci a Chiavari. Nelle prossime ore comunicheremo queste iniziative, ma il mio appello è: tutti, in massa, allo stadio di Chiavari. A questo punto non ci si nasconde più, puntiamo ad andare in Serie A, puntiamo ad andarci direttamente. E chiediamo questo ulteriore sacrificio ai nostri tifosi, che già fanno tantissimo. Chiedo alla stampa di sostenerci, di dare la carica a questa squadra giovane e forte. Tutto può aiutare. Ci stiamo comportando bene, ci stiamo adoperando in modo che tutte le nostre forze siano indirizzate verso l'obiettivo. Ci auguriamo che sia da parte degli enti preposti alla gestione delle gare un comportamento professionalmente perfetto perché, in questo momento, tutti hanno qualcosa da giocarsi di importante» HellasVerona.it

Nanu GALDERISI alla Gazzetta dello Sport sulla prossima gara a Chiavari «Hellas favorito? Sì, a patto che non abbassi la guardia. La trasferta sul campo dell’Entella sarà difficilissima. La pressione sarà tutta quanta addosso all’Hellas, che deve mantenere intatta la fame vista con il Vicenza» Hellas1903.it

Gianpaolo CASTORINA succede all'esonerato BREDA sulla panchina dell'ENTELLA proprio nella prossima gara contro l'HELLAS «Come prima tappa non sarà semplice, ma la Primavera mi ha insegnato che partite scritte non ce ne sono e che gli stimoli sono importanti. Lavoreremo per dare il massimo. Quello che penso è che ho bisogno di vedere i giocatori motivati al di là della carta d'identità. Ho una mia idea tattica: anche noi abbiamo lavorato su questo tipo di modulo, il 4-3-1-2, ma se tocchiamo i tasti giusti il modulo può fare la differenza oppure no. Quando c'è poco tempo a disposizione la parola chiave è semplicità. So di giocarmi molto per quanto riguarda la mia carriera ma se metto davanti ai ragazzi il mio obiettivo personale, sono caduto nel posto sbagliato. L'obiettivo si chiama Verona» Sport.Sky.it


SettiPecchia

ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

CURVA SUD SUD SQUALIFICATA Per i cori razzisti nei confronti dei calciatori del Vicenza ADEJO ed EBAGUA, la sanzione sarà da scontare nella sfida contro il CARPI del 13 maggio. Anche l'ultima a Cesena è 'a rischio' secondo l'Osservatorio anzi si 'sospende il giudizio al fine di approfondire l’analisi, attraverso l’acquisizione di ulteriori elementi di valutazione' sulla gara in questione.

CALCIOMERCATO: Secondo un'indiscrezione della Gazzetta di Modena il VERONA sarebbe sulle tracce di Gianluca PEGOLO per la prossima stagione! Per il portiere si tratterebbe di un ritorno in maglia scaligera visto che vanta già sei stagioni con la stessa. Antonio CASSANO all'HELLAS nella prossima stagione? Lo danno a due e mezzo...



IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

SEMIFINALI CHAMPIONS: La doppietta del Pipita HIGUAIN sbanca il Parco dei Principi, JUVE con un piede e mezzo in finale! Nell'altro spareggio tutto madrileno ha impazzato la stella di Cristiano RONALDO: 3 a 0 delle Merengues ai Colchoneros del 'Cholo' SIMEONE...



RASSEGNA STAMPA +   -   =
Virtus Entella - Hellas Verona Probabili formazioni | Pecchia: "Forza e follia"
Al di là dell'aspetto tattico, l'allenatore dell'Hellas vuole vedere in campo una squadra determinata: "A questo punto della stagione, le motivazioni possono fare la differenza"

La Redazione
05 maggio 2017 17:23

Domani, 6 maggio, alle ore 15, l'Hellas Verona giocherà la partita di campionato numero 40. Dopo quella ne resteranno soltanto due per raggiungere l'obiettivo della promozione in Serie A. Non rimangono dunque tante occasioni ai gialloblu per consolidare il secondo posto e tornare così nel massimo campionato italiano. Il primato sembrà ormai saldamente in mano alla Spal, e quindi rimane un solo posto a disposizione per la promozione diretta, senza passare dai playoff. A contendere questa posizione al Verona ci sono i ciociari del Frosinone che sempre domani ospitano il Trapani.

Questo è il contesto, la cornice in cui è inserita la sfida di domani che l'Hellas giocherà allo stadio Comunale di Chiavari contro la Virtus Entella. Le due squadre stanno attraversando periodi diversi. I gialloblu hanno infilato una serie felice di risultati utili, impreziositi dalla vittoria nel derby con il Vicenza arrivata all'ultimo respiro. L'Entella invece è un mese che non vince, ha appena esonerato Breda chiamando in panchina Castorina e sogna un difficile accesso ai playoff promozione per dare un senso a questo finale di campionato. "Ho trovato un gruppo valido, che non stravolgerò per la partita con il Verona - ha detto alla vigilia della sfida Gianpaolo Castorina, neo tecnico dei liguri - Abbiamo lavorato sul possesso palla, sul movimento senza palla e sull'attaccare e difendere insieme. Abbiamo provato un paio di situazioni che spero i ragazzi mi facciano subito vedere in campo".

E il modulo su cui il mister dell'Entella si è detto più orientato per l'inizio della partita pare sia il 4-3-1-2. A questo il tecnico dell'Hellas Fabio Pecchia risponderà con un 4-3-3, ma al di là dell'aspetto tattico, Pecchia vorrebbe vedere in campo uno squadra con determinata. "Dovremo giocare con voglia, forza, entusiasmo e anche un pizzico di follia - ha detto Pecchia - Le motivazioni possono fare la differenza".

Per centrare la vittoria, la società gialloblu ha chiesto l'aiuto di tutti. Anche il presidente Setti si è unito al grido "Tutti a Chiavari" ed è stata pensato un incentivo per spingere i tifosi in trasferta. Mostrando il biglietto della partita tra Virtus Entella e Hellas Verona si otterrà un ingresso gratuito valido per la sfida Hellas Verona-Carpi del 13 maggio.

Arbitro della partita di Chiavari, Ivano Pezzuto di Lecce. Queste le probabili formazioni:

Squalifica curva dell'Hellas, Miglioranzi: "Invito i cittadini ad esprimere il loro dissenso"
Dura presa di posizione da parte del Presidente di Amia sul caso squalifica curva dell'Hellas per presunti cori razzisti durante il derby col Vicenza: "Basta accanimenti contro l'Hellas, è il simbolo della nostra città. Il sindaco Flavio Tosi intervenga per risolvere questa situazione"

La Redazione
05 maggio 2017 11:13
Il Presidente di AMIA Andrea Miglioranzi

Il presidente di Amia Andrea Miglioranzi interviene sul caso della squalifica della curva Sud per l'accusa di presunti cori a sfondo razzista. Hellas, Setti spinge i tifosi a Chiavari ma rischia di saltare la trasferta di Cesena
„La Lega di Serie B ha, infatti, rilevato durante l'ultma sfida contro il Vicenza alcuni sostenitori scaligeri che avrebbero intonato dei cori razzisiti all'indirizzo dei giocatori Adejo ed Ebagua. Nel frattempo la società scaligera ha già annunciato che presenterà "ricorso d'urgenza presso gli organi competenti" contro tale decisione. “

«L'Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive ha inserito la partita tra Cesena e Verona (ultima di campionato per i gialloblù di Pecchia) tra le gare a rischio. - afferma il Presidente Miglioranzi - Dopo Carpi quindi, anche la trasferta in terra romagnola è a forte rischio per i nostri tifosi gialloblù. Tutto quello che sta succedendo contro l' Hellas Verona FC è semplicemente vergognoso».

Sono parole nette e senza tanti margini lasciati alla libera interpretazione, quelle espresse dal Presidente di Amia Andrea Miglioranzi, nella veste anzitutto di cittadino veronese e tifoso dei colori Gialloblu: «Invito tutti i cittadini ad esprimere il loro dissenso e il sindaco Flavio Tosi ad intervenire per risolvere questa situazione che sa più di polemica che di verità. L'Hellas rappresenta il simbolo della nostra amata città ed è motivo di orgoglio per tutti i cittadini veronesi».

FONTE: VeronaSera.it


Serie B, Verona e Frosinone in lotta per il secondo posto: e se arrivano a pari punti? I dettagli
Serie B, Verona e Frosinone in lotta per il secondo posto - La prima discriminante riguarda i punti ottenuti negli scontri diretti, ed in questo Verona e Frosinone sono pari

Di Vincenzo Nappo 22:50 04.05.17
LaPresse/Spada

Serie B, Verona e Frosinone in lotta per il secondo posto – Anche in Serie B la stagione è ormai agli sgoccioli, alla fine del campionato mancano solo tre giornate, e al vertice della classifica stiamo assistendo ad un duello sull’asse Verona-Frosinone. Se da un lato alla capolista Spal manca solo la matematica per avere la certezza della promozione diretta in A, le due compagini sono in piena lotta per la seconda posizione. Solo un punto divide la squadra di Pecchia da quella di Marino, e in caso di arrivo a pari punti, ci sono una serie di criteri che stabiliranno chi verrà promossa e chi sarà costretta a disputare i play-off. La prima discriminante riguarda i punti ottenuti negli scontri diretti, ed in questo Verona e Frosinone sono pari.

Serie B, Verona e Frosinone in lotta per il secondo posto – Il secondo criterio invece stabilisce che chi ha segnato più reti nelle due sfide alla fine ha la meglio sull’altra. E in questo caso a vincere sarebbe il Verona, visto che ha segnato più goal negli scontri diretti grazie al 2-0 dello scorso settembre, mentre il Frosinone ha superato i veneti soltanto 1-0. Infine non va dimenticato che resta in piedi la possibilità della tripla promozione diretta, ma dovranno esserci almeno dieci punti tra la terza e la quarta in classifica. E in questo caso tutto dipenderà dalla tenuta di squadre come Perugia, Benevento e Cittadella. In caso contrario, Verona e Frosinone a braccetto in Serie A.

FONTE: CalcioWeb.eu


03 MAG 2017
CAMPIONATO AD HANDICAP
Nella settimana in cui un giocatore esce dal terreno di gioco perché esacerbato dagli insulti, lo stesso giocatore che nel 2014 vestiva la maglia del Milan e che grazie anche alla sua testimonianza contribuì a far togliere un’analoga quanto scandalosa decisione di chiusura della curva Sud, il giudice sportivo condanna l’Hellas a giocare la gara più importante del campionato senza la propria tifoseria più calda.

Un timing perfetto che fa seguito alle “strane” sensazioni che ormai accompagnano l’ambiente gialloblù da qualche mese.

Come una sorta di assurda compensazione per il paracadute finanziario ricevuto dalla società, il Verona viene penalizzato praticamente ogni domenica attraverso decisioni arbitrali che lasciano sempre più perplessi e che ora arrivano persino a toccare la squadra nel suo cuore pulsante, la tifoseria, spesso dodicesimo uomo in campo.

Siamo perfettamente abituati alla giustizia ad orologeria di questi signori. Sappiamo perfettamente che le loro orecchie dentro uno stadio da oltre ventimila spettattori riescono a captare ogni piccolo gemito, tramutandolo poi in pena esemplare e nella vetusta etichetta di città razzista.

Toccherà alla società smontare ancora una volta tramite i filmati queste accuse, ma stasera quella strana sensazione sta diventando una vomitevole certezza: dopo l’espulsione e la squalifica a Pazzini, i rigori non dati, i cartellini mirati, i tempi di recupero che confermano che Einstein aveva ragione nella teoria della relatività, questo è un campionato ad handicap. Per vincerlo bisognerà essere più forti di loro, più forti di tutti, di tutto.
Gianluca Vighini

FONTE: Blog.Telenuovo.it


Serie B Hellas Verona: stop di un turno alla Curva Sud per razzismo
Il giudice sportivo, su segnalazione della procura federale, ha sanzionato il club scaligero. Tra i calciatori 18 squalificati

© LaPresse

mercoledì 3 maggio 2017
ROMA - Il giudice sportivo della Lega di Serie B, l'avvocato Emilio Battaglia, ha reso note le sanzioni relative all'ultimo turno di campionato. Verrà squalificata, per una gara, la "Curva Sud" dell'Hellas Verona. Il motivo? I cori razzisti nei confronti dei calciatori del Vicenza Adejo ed Ebagua che sarebbero provenuti proprio da quel settore nel derby veneto. Tale curva era sotto condizionale (un anno) dopo la decisione del Giudice del 10 maggio dello scorso anno per identica motivazione a seguito di Verona-Juventus e sconterà la sanzione nella sfida contro il Carpi di sabato 13 maggio.

I GIOCATORI SANZIONATI - Molto lungo l'elenco dei calciatori squalificati, tutti per un turno: Gigliotti (Ascoli), D'Angelo (Avellino), Basha (Bari), Sabbione (Carpi), Ciano, Falasco (Cesena), Casarini, Dickmann (Novara), Brighi, Dezi, Di Chiara (Perugia), Minala, Vitale (Salernitana), Sciaudone (Spezia), Souprayen, Valoti, Zuculini (Verona), Pucino (Vicenza).

FONTE: TuttoSport.com


Porte chiuse al Comunale, domani parla il mister
04 maggio 2017

Due giorni alla sfida con il Verona. Come da tradizione, l'allenamento di antivigilia si è svolto a porte chiuse: mister Castorina ha potuto provare schemi e movimenti nella riservatezza di un Comunale chiuso al pubblico. Cancelli sbarrati anche per la rifinitura di domani mattina, al termine della quale (ore 12,15) il tecnico biancoceleste incontrerà i giornalisti per la conferenza stampa di presentazione al match con gli scaligeri.

Tanto pallone nel pomeridiano
03 maggio 2017

Terzo giorno di lavoro con la squadra per mister Castorina. La seduta pomeridiana di oggi ha visto Ceccarelli e compagni impegnati nuovamente con robuste dosi di tattica in vista della sfida di sabato contro il Verona. L'intenzione del tecnico biancoceleste è quella di velocizzare l'assimilazione del proprio credo calcistico da parte della rosa. La tabella di marcia prevede per domani un nuovo allenamento pomeridiano - a porte chiuse -. Entella in campo alle ore 15.

Seduta tattica al Comunale, domani in campo al pomeriggio
02 maggio 2017

Secondo giorno di lavoro sul campo per mister Castorina in vista della sfida di sabato contro il Verona. La seduta pomeridiana ha visto i biancocelesti impegnati con esercitazioni tattiche, alle quali non ha preso parte Francesco Belli. Il terzino ha riportato una lesione di I grado al flessore della gamba destra. La preparazione dell'Entella prevede per domani una seduta pomeridiana, Ceccarelli e compagni scenderanno in campo alle ore 15.

FONTE: Entella.it


Calciomercato: Cassano-Verona, l'affare vale 2,50
Gialloblù favoriti per Fantantonio, poi l'Entella

© www.imagephotoagency.it

ROMA - Verona meta perfetta. Antonio Cassano, disoccupato di lusso del calcio italiano, indica con chiarezza quale potrebbe essere il suo futuro. Fantantonio vuole tornare protagonista in Serie A dalla prossima stagione, il Verona è in lotta per la promozione e il fantasista barese ha già trovato il feeling con il presidente gialloblù. I bookmaker hanno fiutato l’affare e nelle scommesse sul futuro di Cassano il Verona è l’opzione favorita: su Snai l’accordo è ritenuto assai probabile, e vale 2,50.

OPZIONE ENTELLA L’ex romanista sarebbe disposto ad accettare la Serie B solo per «portare l’Entella in A», ha spiegato in una recente intervista. La soluzione biancoceleste è la seconda in tabellone, data a 5 volte la scommessa. Stessa quota per Cassano ancora disoccupato, mentre Udinese, Bologna e Sassuolo (pure menzionate da Fantantonio) salgono rispettivamente a 8, 9 e 10 volte la giocata. Assolutamente da scartare - salvo clamorosi ripensamenti - la pista estera (ha già rifiutato offerte da Cina ed Emirati Arabi) data a 30,00, così come a 30,00 si gioca un ritorno al Parma.

FONTE: TuttoSport.com


02 maggio 2017
Serie B, Entella. Castorina: "Voglio una squadra motivata"
Il nuovo allenatore dell'Entella si presenta: "Sono in questa casa di 10 anni, ora ho le farfalle nello stomaco per quest'opportunità. Devo trasferire la mia voglia alla squadra, l'obiettivo è invertire la rotta. Verona? Come inizio non sarà semplice"

Gianpaolo Castorina, allenatore dell'Entella (fonte Twitter Entella)

Entella, esonerato Breda: squadra a Castorina Serie B, 39^ giornata: risultati, gol e highights
Cinque partite senza vittorie, con quattro pareggi e una sconfitta. La corsa dell’Entella si è fermata nelle ultime settimana, con i play-off ora distanti quattro punti. Ci sono tre partite da giocare e la società ha deciso di farlo con Gianpaolo Castorina in panchina. Fatale per Breda l’ultima sconfitta a Trapani, ora l’Entella volta pagina e proverà a ripartire già dalla prossima partita in casa contro l’Hellas Verona.

E, dopo aver diretto ieri il primo allenamento con la squadra, Castorina è stato presentato oggi. "Sono in questa casa da dieci anni: conosco ogni aspetto di questa società – ha dichiarato il nuovo allenatore dell’Entella - Quando domenica mi hanno riferito questa possibilità ho avuto le farfalle nello stomaco, anche se questa maglia ce l'ho addosso da tanto tempo. Ho tanta voglia di dimostrare a questa società che in dieci anni mi ha dato emozioni forti e da parte mia il motore va a tremila e questa mia voglia cercherò di trasmetterla alla squadra. Questo gruppo ha grandi valori. Vi garantisco che per uno che vive come me di sensazioni e collegamenti fra vita esterna e calcio è una cosa che si odora nello spogliatoio. Ci sono basi importanti, ma ciò che conta è essere tutti ai posti di blocco per dimostrare alla società che forse nell'ultimo periodo abbiamo imboccato la strada sbagliata. Quello che ho chiesto ai ragazzi è di guardarsi allo specchio e chiedersi se abbiamo dato tutto in questi 15 giorni. Se tutti ci rispondiamo affermativamente allora siamo sulla buona strada".

"A Verona non sarà semplice"
Ed ora testa al primo appuntamento di sabato contro il Verona: "Come prima tappa non sarà semplice, ma la Primavera mi ha insegnato che partite scritte non ce ne sono e che gli stimoli sono importanti. Lavoreremo per dare il massimo. Quello che penso è che ho bisogno di vedere i giocatori motivati al di là della carta d'identità. Ho una mia idea tattica: anche noi abbiamo lavorato su questo tipo di modulo, il 4-3-1-2, ma se tocchiamo i tasti giusti il modulo può fare la differenza oppure no. Quando c'è poco tempo a disposizione la parola chiave è semplicità. So di giocarmi molto per quanto riguarda la mia carriera ma se metto davanti ai ragazzi il mio obiettivo personale, sono caduto nel posto sbagliato. L'obiettivo si chiama Verona".

FONTE: Sport.Sky.it


VISTO DA NOI
Il Soviet Supremo delle Manifestazioni Sportive
L’assurdità del divieto di trasferta per i tifosi del Verona a Cesena dopo la chiusura della Curva Sud col Carpi

di Lorenzo Fabiano, @lollofab 04/05/2017, 21:37

Eh no…se permettete ci girano un po’ le balle. Il Soviet Supremo dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive ha mostrato il pollice verso. In politichese stretto, che da comprendere è più difficile di un dialetto degli Urali, ha emesso un verdetto di condanna nei confronti del Verona e dei suoi tifosi. Dopo aver sancito la chiusura della Curva Sud per la partita al Bentegodi contro il Carpi, ha rincarato la dose con la sospensione della vendita dei biglietti per il settore ospiti in occasione della trasferta di Cesena all’ultimo atto del campionato.
Abbiamo provato a leggere il comunicato ma Demetrio Volcic, l’ex corrispondente da Mosca ai tempi di Breznev e Gromiko, ci ha affettuosamente consigliato di attendere le motivazioni in un articolo di prossima pubblicazione sulla Pravda. In una laconica nota il Soviet così “sospende il giudizio al fine di approfondire l’analisi, attraverso l’acquisizione di ulteriori elementi di valutazione”. Ecco…bene. Forse una piccola speranza di uscire in fretta dalla sfera del ridicolo e di ritrovare la ragione perduta, c’è. Mancano tre partite alla fine di un campionato avvincente, bellissimo, le cui emozioni stanno racchiuse negli ultimi, palpitanti minuti dell’indimenticabile derby di lunedì pomeriggio. Già…la magia di Bessa…il piattone di Romulo. “Tu chiamale se vuoi emozioni”, cantava un riccioluto genio introverso. Le abbiamo ancora addosso sulla pelle. Ci domandiamo però basiti perché rovinare tutto questo.
Da tempo il gioco della dietrologia manda in onda il refrain dei “Playoff a ogni costo”, perché così vorrebbe SKY, il grande burattinaio. Come se non bastassero gli aiutini al Frosinone (ma noi dobbiamo essere più forti anche di quelle cose lì) ora ci si mette pure il Ministero degli Interni. Già c’è il caso della curva chiusa per la partita con il Carpi, ma perché negare a prescindere un esodo di passione e amore di popolo a Cesena? Non vorremmo che a pensar male ci si azzecca. La società ha il dovere di farsi sentire e difendere il diritto della propria gente, il suo primo patrimonio.
Apprendiamo con piacere che ha già iniziato a farlo con il presidente Setti impegnato in prima persona. Ci auguriamo allora che il Soviet rinsavisca e torni sui suoi passi. Il comunicato è uscito nello stesso giorno in cui la Camera dei Deputati ha coniato la legittima difesa a fasce orarie, una geniale invenzione italiota. Sì di notte, no di giorno. Guardiamola dal lato buono: visto che a Cesena si gioca in notturna, andiamoci anche in caso di divieto. Nessuno potrà punirci. Di fronte agli strali del Soviet potremo sempre difenderci appellandoci all’inviolabile diritto di legittima difesa. O no…?

NEWS
Incredibile, ora vogliono bloccare la trasferta a Cesena
L’Osservatorio ha disposto che non vengano venduti i biglietti ai tifosi dell’Hellas per l’ultima gara di campionato

di Redazione Hellas1903, 04/05/2017, 18:07

Ora è a rischio anche la trasferta per i tifosi del Verona a Cesena, in programma il 18 maggio, alle 20.30, gara che chiuderà il campionato di Serie B.
Nella sua ultima determinazione, l’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazione Sportive incarica: “La Lega di Serie B di dare comunicazione alla società Associazione Calcio Cesena di non avviare ovvero sospendere la vendita dei tagliandi ai residenti nella Regione Veneto, con contestuale, momentanea sospensione del programma di fidelizzazione del Verona Hellas F.C.”.
L’Osservatorio scrive di “comportamento deprecabile” della tifoseria del Verona e “sospende il giudizio al fine di approfondire l’analisi, attraverso l’acquisizione di ulteriori elementi di valutazione”.

NEWS
Per chi va a Chiavari biglietto omaggio per Hellas-Carpi
La promozione del Verona per incentivare la trasferta in Liguria

di Redazione Hellas1903, 04/05/2017, 19:20

Questa la promozione riservata ai tifosi gialloblù.
Tutti coloro che presenteranno agli sportelli dello stadio ‘Bentegodi’ o degli Hellas Store di via Cattaneo e del C.C. Adigeo il biglietto della gara Virtus Entella-Hellas Verona, potranno ottenere un ingresso gratuito valido per Hellas Verona-Carpi del 13 maggio. Per coloro che sono già in possesso di un abbonamento è possibile cedere il biglietto ad una terza persona.
INFO E MODALITA’ RITIRO INGRESSO GRATUITO
Per ottenere il tagliando si dovrà presentare, oltre al biglietto in originale della trasferta, anche un documento d’identità in originale riportante i dati della persona alla quale verrà intestato il biglietto per la gara contro il Carpi. Qualora l’intestatario del biglietto per la gara di Chiavari sia già in possesso di un abbonamento per le gare casalinghe di Hellas Verona può cedere il biglietto ad una terza persona che potrà recarsi, alle condizioni precedentemente indicate, a ritirare il biglietto. Il biglietto valido per un settore a scelta tra Poltrone Est, Tribuna Superiore Ovest, Parterre Est (fino ad esaurimento dei settori) si potrà ottenere recandosi già nei giorni di prevendita presso gli Hellas Store di via Cattaneo o del C.C. Adigeo o in alternativa, il giorno della gara, presso la biglietteria posta nel park A sarà a disposizione di tutti i tifosi a partire dalle ore 11.00. In caso si rendesse disponibile il settore di Curva Sud si potrà richiedere il biglietto anche in tale settore.

Qualora il tagliando venisse smarrito non sarà possibile procedere all’emissione di uno sostitutivo.

fonte: hellasverona.it

NEWS
Galderisi: “Hellas, guardia alta con l’Entella”
Nanu: “Partita difficilissima, serve lo spirito visto con il Vicenza”

di Redazione Hellas1903, 03/05/2017, 10:42

Giuseppe Galderisi, ex gialloblù, centravanti dell’Hellas dal 1983 al 1986 e nel 1988-89, parla della corsa alla A del Verona, intervistato da “La Gazzetta dello Sport” oggi in edicola.
Dice il popolare Nanu: “Hellas favorito? Sì, a patto che non abbassi la guardia. La trasferta sul campo dell’Entella sarà difficilissima. La pressione sarà tutta quanta addosso all’Hellas, che deve mantenere intatta la fame vista con il Vicenza”.

NEWS
Curva Sud chiusa, il Verona: “Siamo increduli, noi danneggiati”
Il club gialloblù: “Nessun coro rilevato da stampa e forze dell’ordine, i nostri tifosi sempre corretti”

di Redazione Hellas1903, 04/05/2017, 11:54
Foto legab.it

Il Verona ha pubblicato un comunicato per esprimere la propria posizione dopo la chiusura della Curva Sud e in attesa del ricorso contro il provvedimento, che sarà discusso all’inizio delle prossima settimana.
“L’Hellas Verona FC appresa con estrema incredulità la delibera del Comunicato Ufficiale n. 111 riguardante la chiusura del settore Curva Sud, oltre a presentare ricorso presso le autorità competenti, comunica che si tutelerà in tutte le sedi possibili per difendere l’immagine della Società, dei tifosi e di tutta la città di Verona. Riteniamo ingiusti questi provvedimenti che colpiscono il settore Curva Sud in quanto: nessuno degli organi di informazione presenti (63 giornalisti accreditati) ne ha dato notizia, gli Ufficiali di Gara non hanno riportato nulla nel referto e tantomeno le Forze dell’Ordine hanno avvertito o avuto segnalazioni di questi presunti “cori espressivi di discriminazione razziale stante la loro dimensione e conseguentemente la loro reale percettibilità” che, invece, ci privano in questo momento cruciale della stagione di un elemento fondamentale per noi e che vanno a ledere l’immagine di una società da sempre in lotta contro ogni forma di discriminazione e inciviltà, oltre a punire una tifoseria che in questo campionato si è distinta solamente per il grande sostegno e calore verso la propria squadra”.

VISTO DA NOI
Colpiti al cuore!
La chiusura della Sud arriva nel momento clou del campionato del Verona

di Andrea Spiazzi, @AndreaSpiazzi 03/05/2017, 19:37

Non c’è nemmeno da discutere sul fatto che i “buh” non vadano bene, non si devono fare, non sono ammissibili né allo stadio né in qualsiasi altro posto.
Ho da poco rivisto senza telecronaca, solo coi rumori di fondo, la partita nei minuti incriminati. I “buh” ci sono stati, d’accordo. In altre occasioni furono inventati, con multe ridicolmente comminate all’Hellas e poi tolte. In altri ci fu la condizionale. Ma allo stadio lunedì, sono sincero, io non li ho sentiti. In completa trance per l’importanza della posta in palio, ero concentrato a seguire ogni singolo movimento del pallone. Gli ispettori invece li hanno avvertirti e hanno deciso di registrarli.
La chiusura della Sud arriva nel momento chiave per la promozione del Verona che, se andassero bene le cose a Chiavari, si troverebbe, col Carpi, a potersi giocare la gara-promozione, Frosinone permettendo.

Il primo pensiero, quello che stiamo facendo, credo, tutti, è che la sanzione arrivi non a caso, nel momento clou della stagione, per danneggiare il Verona. La Sud è il cuore pulsante del tifo, è parte integrante dei gialloblù in campo, ed è fondamentale, ora più che mai, nello spingere la squadra a centrare il grande obbiettivo.

Ciò detto, questo sistema, fatto probabilmente di abili segnalatori e di puntualissimi esecutori, in ogni caso si rassegni: i tifosi troveranno qualche altro modo per esserci comunque, col Carpi, fosse anche facendosi sentire da fuori. Il Verona non camminerà mai solo.

NEWS
Trasferta con l’Entella, è pronto l’esodo
Già alcune centinaia i biglietti venduti per la gara di sabato. Ma i tifosi gialloblù saranno oltre 1000

di Redazione Hellas1903, 03/05/2017, 15:57

Più di 1000, ma potrebbero arrivare a 1500, i tifosi gialloblù che saranno al seguito dell’Hellas sabato a Chiavari, per la sfida con l’Entella.
Uno snodo determinante per centrare la promozione in Serie A.
Sono già centinaia i biglietti staccati in prevendita per il settore ospiti dello stadio Comunale, che ha una capienza contenuta, pari a poche migliaia di posti. Un esodo per sostenere il Verona nella corsa verso un traguardo che è ancora tutto da conquistare.

NEWS
Squalifiche in arrivo, in tre del Verona saltano l’Entella
Souprayen e Zuculini era diffidati, Valoti espulso nel finale

di Redazione Hellas1903, 01/05/2017, 18:35

Il Verona vince il derby con il Vicenza grazie al gol di Romulo al 96′ minuto, ma deve fare i conti con i cartellini estratti dall’arbitro Abbattista.
Souprayen e Zuculini, infatti, sono stati ammoniti durante la partita: i due giocatori erano diffidati e quindi salteranno la prossima trasferta contro la Virtus Entella.
Lo stesso si può dire per Valoti, espulso dal direttore di gara dopo la rissa che si è scatenata a fine partita. In questo caso bisogna attendere la decisione del giudice sportivo prima di poter sapere il numero di giornare di squalifica.

FONTE: Hellas1903.it


LA CONFERENZA
Castorina: Abbiamo armi per far male al Verona
05/05/2017 17:07
"Verona? Una delle partite che a condizioni normali avrebbe caricato i ragazzi all'ennesima potenza. Tutti quanti siamo chiamati ad un'ulteriore prova di maturità per smentire tutto quello che ha portato al cambio di allenatore. Credo che meglio del Verona non poteva capitarci in questo momento ma son convinto che la partita sarà affrontata nel modo giusto. Mi aspetto una squadra che lotti su ogni pallone, motivata e soprattutto vogliosa come gruppo di dimostrare qualcosa". Così Castorina, tecnico dell'Entella, alla vigilia della partita con l'Hellas.

L'ex tecnico della Primavera dei diavoli neri è alla sua prima panchina in campionato dopo l'esonero di Breda: "Noi comunque abbiamo preparato la partita con la consapevolezza del fatto che abbiamo delle armi per fare male. Abbiamo lavorato tantissimo su quello che ci interessa fare. Il Verona ha la capacità di fare qualsiasi partita qui da noi. Ha la qualità per fare la partita e giocherà a viso aperto. Tre nomi sicuri per domani? Caputo, Ceccarelli, Catellani".
L.VAL.

DECISIONE OSSERVATORIO
Tifosi Hellas, anche Cesena è a rischio!
04/05/2017 19:52
Dopo la stangata della chiusura della Curva Sud per Verona-Carpi, i tifosi dell'Hellas rischiano anche di non vedere la partita col Cesena in Emilia-Romagna, ultima partita di campionato. La partita è considerata a rischio dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive.

La vendita dei biglietti ai residenti della regione Veneto, che deve ancor partire ufficialmente, potrebbe essere sospesa.

L’Osservatorio, nel comunicato che ha rilasciato, non si è ancora espresso e deciderà solo settimana prossima. I tifosi del Verona, ad oggi, non sanno ancora se potranno assistere all'ultima (e probabilmente decisiva) partita di campionato.
L.VAL.

V.ENTELLA-VERONA, I PRECEDENTI
Unica gara a Chiavari 2-3 in Tim Cup 2012/13
04/05/2017 15:08
Un solo precedente tra Virtus Entella e Verona che sabato 6 maggio (ore 15) si affronteranno al Comunale di Chiavari per la 40^ giornata di Serie B. Quella gara, valida per la Coppa Italia 2012/13, si sarebbe dovuta giocare in riva all’Adige, ma per indisponibilità dello stadio veronese, si disputò in Liguria il 12 agosto 2012. Il vincitore fu l’Hellas per 2-3. A sorpresa passò in vantaggio la formazione di casa con Rosso al 12’, ma i gialloblù di Mandorlini, prima pareggiarono con Rivas al 25’ e poi misero la freccia con Gomez al 45’. Nella ripresa, lo stesso argentino al 50’ calò il tris, ma dopo 3’ a mettere nuovamente apprensione agli scaligeri ci pensò ancora Rosso che siglò il gol del 2-3 finale. E’ la prima volta invece, che le due squadre si affrontano in cadetteria, in terra ligure.

L’Hellas (2° in classifica a quota 69) è reduce dalla bella vittoria nel derby contro il Vicenza e deve provare ad inseguire per forza un nuovo successo, poiché è insidiato dal Frosinone (3° a 68). La Serie A è vicina, ma per conquistarla Chiavari è una tappa fondamentale. Per i padroni di casa, a -4 dalla zona playoff, l’incontro coi veneti rappresenta l’ultima spiaggia per tentare un aggancio al treno degli spareggi promozione.
ANDREA FAEDDA

LA CONFERENZA
Pecchia: Sintetico? Zero alibi, voglio follia
04/05/2017 14:47
"Noi dobbiamo pensare a fare del meglio sul campo. Vorrei che la mia squadra sia ancor più "folle", dopo la rimonta col Vicenza. Il gol di Esposito ci aveva sorpreso ma siamo stati bravi a ribaltarla nel finale. Nel derby siamo un po' mancati dopo il loro vantaggio: l'importante alla fine però è sempre vincere". Così Fabio Pecchia in conferenza stampa in vista della sfida di Chiavari contro la Virtus Entella.

L'allenatore del Verona ha continuato: "Bessa? Adesso è un giocatore di B, con il tempo dovrà dimostrare di essere ancor più di alto livello e pronto per la A. Di sicuro lui ha ancora tanti margini di miglioramento. Moltissime assenze? Preferisco sempre avere tutti disponibili ma gli undici che scenderanno in campo metteranno tutto di loro stessi. Bruno Zuculini è stato molto importante per noi per le sue caratteristiche ma non mi piace parlare dei singoli: la differenza la deve fare il gruppo. Noi soli contro tutti? Dopo Benevento ho "sbroccato" e perso la testa, adesso dobbiamo pensare solo al campo e gettare il cuore oltre l'ostacolo in queste tre finali con Entella, Carpi e Cesena".

Il tecnico pontino ha concluso: "Breda non c'è più ma Castorina ha fatto grandi cose con l'Entella a livello giovanile. La differenza la farà la voglia di vincere. Sintetico a Chiavari? Nessun problema, ci adegueremo: possiamo giocare anche sulle pietre e sull'asfalto. Zero abili: le porte sono uguali anche su un campo normale. Frosinone? Noi dobbiamo guardare avanti alla Spal, dobbiamo correre e tenere il piede sull'acceleratore: non mi pace guardare indietro".
L.VAL.

PARLA IL PRESIDENTE
Setti: Tutti in massa contro l'Entella
04/05/2017 13:48
"Voglio ringraziare i tifosi per il grande affetto e la stima per la squadra dimostrata contro il Vicenza: il Verona è una grande piazza che c'entra poco con la B. La chiusura della Curva Sud è ingiusta: ci sono sempre delle difficoltà perchè ci sono persone, non so per quale motivo, che prendono determinate posizioni anche se i carabinieri e i giornalisti non hanno sentito niente. Sono situazioni difficili da capire: possono non darti la piena serenità, anche ai giocatori stessi che scendono in campo". Maurizio Setti interviene in conferenza stampa dopo la squalifica della Curva Sud.

Il presidente del Verona ha continuato: "Questa è una squadra giovane e forte. Con l'Entella è una partita chiave: dico ai nostri tifosi di venire in massa a Chiavari. E' una partita importantissima. Ci auguriamo che ci sia un comportamento perfetto da chi gestisce le gare, speriamo in un comportamento professionalmente perfetto".
L.VAL.

CURVA CHIUSA
Ma quali cori razzisti? Pronto a testimoniare
04/05/2017 13:19
"Confermo la versione della società gialloblù e sono pronto a testimoniarla qualora servisse: nella partita contro il Vicenza ero in curva e non ho sentito alcun coro razzista. Il provvedimento del giudice sportivo sembra quasi un tentativo di danneggiare la squadra nel momento più importante della stagione". Così l'europarlamentare e vicesegretario federale della Lega Nord Lorenzo Fontana dopo che l’organo della Figc ha deciso di squalificare, su segnalazione della Procura federale, per una gara, la Curva Sud per presunti cori razzisti nei confronti di due calciatori del Vicenza.

"Il Verona sembra preso di mira con provvedimenti insensati in un momento cruciale del campionato - scrive Fontana. Non vorremmo che dietro a certe accuse ci fosse il tentativo di silenziare la nostra curva per favorire altre squadre".

CONTRO IL CARPI
Chiusura Curva Sud Hellas:"Siamo increduli"
04/05/2017 11:52
Il Verona risponde, con un comunicato ufficiale rilasciato sul proprio sito, dopo la decisione del Giudice Sportivo di chiudere la Curva Sud per l'ultima partita casalinga della stagione contro il Carpi.

Questo il comunicato della società di via Francia: "L'Hellas Verona FC appresa con estrema incredulità la delibera del Comunicato Ufficiale n. 111 riguardante la chiusura del settore Curva Sud, oltre a presentare ricorso presso le autorità competenti, comunica che si tutelerà in tutte le sedi possibili per difendere l'immagine della Società, dei tifosi e di tutta la città di Verona. Riteniamo ingiusti questi provvedimenti che colpiscono il settore Curva Sud in quanto: nessuno degli organi di informazione presenti (63 giornalisti accreditati) ne ha dato notizia, gli Ufficiali di Gara non hanno riportato nulla nel referto e tantomeno le Forze dell'Ordine hanno avvertito o avuto segnalazioni di questi presunti "cori espressivi di discriminazione razziale stante la loro dimensione e conseguentemente la loro reale percettibilità" che, invece, ci privano in questo momento cruciale della stagione di un elemento fondamentale per noi e che vanno a ledere l'immagine di una società da sempre in lotta contro ogni forma di discriminazione e inciviltà, oltre a punire una tifoseria che in questo campionato si è distinta solamente per il grande sostegno e calore verso la propria squadra".
L.VAL.

I 5 GOL PIù BELLI
Quella goduria immensa: vincere a ultimo secondo
04/05/2017 09:32
Cosa ci può essere di più bello che vincere un derby all'ultimo secondo? Il calcio difficilmente regala qualcosa di meglio: una goduria immensa, qualcosa che è impossibile descrivere solo a parole. Tra i tanti dolori del nuovo millennio, per il Verona, spiccano 5 gol nei minuti di recupero che hanno regalato una gioia immensa a tutto il popolo dell'Hellas. Ecco la classifica:

5° POSTO: Akagunduz il 25 marzo 2007. Era l'anno del Verona di Ventura (subentrato a Ficcadenti). L'attuale CT dell'Italia rimontò molte posizioni ma alla fine arrivò comunque la retrocessione in Serie C nella doppia sfida con lo Spezia di Soda. In quella stagione, a fine marzo in una giornata di pioggia, al Bentegodi arrivò il Vicenza di Gregucci. Un derby ruvido: il greco Nastos rispose a Sibilano e il risultato apparve già incanalato sulla X ma dal nulla spuntò lo "sconosciuto" (con poche nozioni di italiano) Akagunduz che al 94' stese i biancorossi. Proprio come Romulo tre giorni fa.

4° POSTO: Juanito Gomez il 30 maggio 2015. Ultima giornata di campionato: la Juve Campione d'Italia è ospite a Verona pochi giorni prima della finale di Champions col Barcellona. Toni e Tevez si contendono lo scettro di capocannoniere della A. Tra i gol di Pereyra e Llorente segnò proprio il capitano gialloblù (che vincerà il titolo di bomber insieme con Icardi). Ma è nei minuti di recupero che avviene il "miracolo": Rafa Marquez lancia la palla in area senza troppa convinzione e Juanito Gomez beffa Buffon con un colpo di testa sorprendendo tutti. Finisce 2-2: è un pareggio che vale come una vittoria. Alla fine il pubblico di Verona intona cori a favore del Barcellona (che poi vincerà la Champions...)

3° POSTO: Cammarata il 12 marzo 2000. Anche qui non fu vittoria ma è come se lo fosse, anche perchè l'Hellas non ha mai vinto a San Siro (Inter e Milan che sia). Contro i rossoneri al 93' il tabellone stava segnando ancora 3-2 per la squadra di Zaccheroni ma il tecnico romagnolo non aveva fatto i conti con Fabrizio Cammarata (assist di Marasco) che con un colpo di testa siglò il 3-3 finale.

2° POSTO: Zeytulaev il 18 maggio 2008. E' il peggior momento dell'intera storia dell'Hellas: il Verona è ad un passo dal baratro. In campionato è arrivato penultimo in C1 e si gioca la salvezza per non sprofondare in C2 nella doppia sfida play-out con la Pro Patria. All'andata segnò Lele Morante (unico gol importante che fece a Verona) mentre nel ritorno a Busto Arsizio il Verona stava perdendo 1-0: con questo risultato sarebbe retrocesso. Ma un lampo accende il cielo di gialloblù: al 90' l'uzbeko Zeytulaev parte dalla destra, entra in area e con un bellissimo tiro supera Anania. il Verona incredibilmente, si salva.

1° POSTO: Romulo il 1 maggio 2017. Meno di 70 ore fa. Il Verona vuole la A, il Vicenza vuole evitare la C: Bellomo ed Esposito ribaltano il match inaugurato da Siligardi. Bessa pareggia con un gran gol a pochi secondi dal 90' e poi ci pensa Romulo a "far venire giù" il Bentegodi con il meraviglioso ed epico 3-2 finale.

Questi sono i 5 gol più belli ma ci sarebbero tantissime altre gioie in zona cesarini da raccontare negli ultimi 20 anni. Da Supermike Cossato eroe di Reggio Calabria nello spareggio salvezza per la A (anche se il gol arrivò al 85' non proprio alla fine) e poi Maniero e la punizione di Manetti nel 1996/1997 con Udinese e Fiorentina. Senza dimenticare il giovanissimo Vriz contro la Ternana o la rovesciata di Giuseppe Russo all'andata della finale play-off col Pescara (Vavassori in panchina) in Lega Pro. O anche, in anni più recenti, Maietta col Crotone e l'austriaco Pichlmann contro il Brescia. Emozioni gialloblù tutte da ricordare e incorniciare.
LUCA VALENTINOTTI

CONTRO L'ENTELLA
L'Hellas in Liguria per mini-ritiro
03/05/2017 17:39
Anche i dettagli adesso fanno la differenza. L'Hellas si gioca tutta la stagione in queste ultime tre partite di campionato (Virtus Entella, Carpi e Cesena). La squadra di Pecchia si trasferirà già domani in Liguria (dopo la seduta mattutina e il pranzo insieme) per un mini-ritiro in vista della sfida di sabato a Chiavari con la Virtus Entella.

SERIE B
Invadere l'Entella per la serie A
02/05/2017 22:55
Il tam tam è già iniziato. Sabato i tifosi del Verona saranno tanti, tantissimi a Chiavari. Sono 1700 i biglietti disponibili e si prevede una di quelle trasferte di massa che hanno reso celebre la tifoseria scaligera.

In uno stadio così piccolo il Verona potrebbe giocare "in casa" una partita che sarà decisiva per la serie A.

L'entusiasmo per il derby vinto è altissimo ma è adesso che viene il difficile. Mentre il "Palazzo" spinge il Frosinone a suon di aiuti arbitrali, il Verona può solo contare sul suo pubblico.

Per questo in Liguria sarà necessario avere il sostegno in massa dei tifosi gialloblù.

FONTE: TGGialloBlu.it


SERIE B
Hellas Verona, offerta per Pegolo in vista del ritorno in massima serie
04.05.2017 11.19 di Simone Lorini Twitter: @Simone_Lorini
Gianluca Pegolo obiettivo per la porta dell'Hellas Verona, che potrebbe cercare un'alternativa concreta a Nicolas in vista del ritorno in Serie A: secondo quanto riferisce la Gazzetta di Modena, ci sarebbe già una offerta per il giocatore, peraltro una vecchia conoscenza gialloblù. In sei anni di militanza ha infatti già raccolto quasi 200 presenze con gli scaligeri.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Chiavari: report seduta pomeridiana
05/MAGGIO/2017 - 16:50
Chiavari - Rifinitura per i gialloblù presso lo stadio 'Comunale' di Chiavari, alla vigilia di Virtus Entella-Hellas Verona. La squadra, agli ordini dell'allenatore Fabio Pecchia, ha svolto riscaldamento, lavoro di rapidità, possesso palla ed esercitazioni tattiche e sui calci piazzati. Domani il fischio d'inizio della sfida è in programma alle ore 15.

Setti: «Tutti a Chiavari»
04/MAGGIO/2017 - 16:45
Verona - Le dichiarazioni del Presidente gialloblù Maurizio Setti, rilasciate prima della conferenza stampa dell'allenatore Fabio Pecchia.

«Prima di tutto voglio ringraziare i nostri tifosi. La partita contro il Vicenza è stata un esempio degno di grande stima e fiducia, nella quale abbiamo dimostrato ancora una volta quanto sia significativo questo pubblico. Volevo richiamare l'attenzione sul fatto che faremo tutto il possibile per quanto riguarda la decisione di chiudere la Curva Sud nella gara contro il Carpi, perché è una cosa ingiusta. Lottiamo da tempo, abbiamo fatto molte volte il nostro dovere negli uffici competenti. Dei 63 giornalisti accreditati, nessuno ha sentito niente. Così tra le Forze dell'Ordine e tra i miei collaboratori, compreso Luca Toni. E' una di quelle situazioni difficili da capire, ci piacerebbe ci fosse, in questo finale di campionato, un comportamento a 360° il più corretto possibile. Ora andiamo a Chiavari, che definirei una partita chiave. Voglio chiedere ai nostri tifosi di venire in massa, di riempire lo stadio, di dare l'opportunità a questi ragazzi di sentire il loro calore. Ci stiamo giocando tutti tanto, la società sta valutando qualche riconoscimento per tutti i tifosi che vorranno seguirci a Chiavari. Nelle prossime ore comunicheremo queste iniziative, ma il mio appello è: tutti, in massa, allo stadio di Chiavari. A questo punto non ci si nasconde più, puntiamo ad andare in Serie A, puntiamo ad andarci direttamente. E chiediamo questo ulteriore sacrificio ai nostri tifosi, che già fanno tantissimo. Chiedo alla stampa di sostenerci, di dare la carica a questa squadra giovane e forte. Tutto può aiutare. Ci stiamo comportando bene, ci stiamo adoperando in modo che tutte le nostre forze siano indirizzate verso l'obiettivo. Ci auguriamo che sia da parte degli enti preposti alla gestione delle gare un comportamento professionalmente perfetto perché, in questo momento, tutti hanno qualcosa da giocarsi di importante».

Pecchia: «Castorina bravo e preparato. Con l'Entella forza e un pizzico di follia»
04/MAGGIO/2017 - 13:00
Peschiera - Le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù Fabio Pecchia, rilasciate in vista di Virtus Entella-Hellas Verona, 40a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

CON L’ENTELLA VOGLIO UN VERONA CON UN PIZZICO DI FOLLIA
«Devo stare concentrato sul campo e anche la squadra deve fare altrettanto, davanti a noi ci sono tre step fondamentali per raggiungere il nostro obiettivo, dobbiamo triplicare gli sforzi e buttare tutto quello che abbiamo sul rettangolo di gioco. L’Entella? In casa hanno ottenuto risultati importanti, il nuovo allenatore Castorina è stato prima calciatore poi allenatore delle giovanili dell'Entella e ha fatto molto bene, dovremmo essere più determinati di loro. A Chiavari dovremo giocare con voglia, forza, entusiasmo e anche un pizzico di follia. Arrivati a questo punto del torneo, i valori contano relativamente, le motivazioni possono fare la differenza. Come ho sempre sostenuto, in questo finale di campionato deve emergere la forza di un grande gruppo, unito fin dal primo giorno. Come giocare sul sintetico? Ci adatteremo a tutto, anche a giocare sui sassi o sull’asfalto. Tante assenze? So che gli undici che scenderanno in campo daranno tutto, mi aspetto una grande prestazione. Il tiro da fuori? È una delle nostre opzioni, così come il fraseggio. Dobbiamo saper alternare entrambe le soluzioni a seconda dell’atteggiamento difensivo gli avversari».

L’ANALISI DEL DERBY
«Vorrei vedere ancora più follia nella mia squadra, grazie a quella siamo riusciti a ribaltare una gara che sembrava ci stesse scivolando di mano. Siamo rimasti aggrappati al risultato e con grande determinazione siamo riusciti a portare a casa il derby. Il Vicenza ha fatto la gara che doveva fare, difendendosi bene e ripartendo, noi ad un certo punto siamo stati costretti a spingere molto, concedendo qualche spazio. La squadra si è dimostrata più forte degli episodi negativi, dobbiamo riuscire ad esaltare questa caratteristica e di diventare ancora più forti. Abbiamo avuto un buon approccio, non è stato semplice ma abbiamo reagito con voglia. Il secondo tempo è stato straordinario, abbiamo raggiunto picchi molto alti. Siamo stati bravi a gestire la situazione critica, sapendo anche soffrire quando necessario. L’unica nota negativa è sull’1-2: in quel momento avrei voluto vedere la squadra spingere di più».

#EntellaVerona: ecco i 20 gialloblù
04/MAGGIO/2017 - 12:50
Peschiera - Dopo l'allenamento in cui la squadra ha svolto riscaldamento, esercitazioni tattiche ed esercitazioni sui calci piazzati, è stata diramata la lista dei 20 convocati per la sfida contro l'Entella, 40a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17, in programma sabato 6 maggio allo stadio 'Comunale' (ore 15). La squadra partirà per il ritiro in Liguria dopo pranzo, dove domani svolgerà la rifinitura.

#ENTELLAVERONA
CONVOCATI

Portieri

12. Coppola
31. Ferrari L.
1. Nicolas

Difensori

4. Bianchetti
30. Caracciolo
32. Casale
28. Ferrari A.
3. Pisano

Centrocampisti

24. Bessa
8. Fossati
2. Romulo
20. Zaccagni

Attaccanti

25. Cappelluzzo
23. Fares
9. Ganz
10. Luppi
11. Pazzini
26. Siligardi
7. Troianiello
29. Tupta

Hellas Verona FC - Comunicato chiusura Curva Sud
04/MAGGIO/2017 - 11:49
Verona - L'Hellas Verona FC appresa con estrema incredulità la delibera del Comunicato Ufficiale n. 111 riguardante la chiusura del settore Curva Sud, oltre a presentare ricorso presso le autorità competenti, comunica che si tutelerà in tutte le sedi possibili per difendere l'immagine della Società, dei tifosi e di tutta la città di Verona. Riteniamo ingiusti questi provvedimenti che colpiscono il settore Curva Sud in quanto: nessuno degli organi di informazione presenti (63 giornalisti accreditati) ne ha dato notizia, gli Ufficiali di Gara non hanno riportato nulla nel referto e tantomeno le Forze dell'Ordine hanno avvertito o avuto segnalazioni di questi presunti "cori espressivi di discriminazione razziale stante la loro dimensione e conseguentemente la loro reale percettibilità" che, invece, ci privano in questo momento cruciale della stagione di un elemento fondamentale per noi e che vanno a ledere l'immagine di una società da sempre in lotta contro ogni forma di discriminazione e inciviltà, oltre a punire una tifoseria che in questo campionato si è distinta solamente per il grande sostegno e calore verso la propria squadra.

Giudice sportivo: chiusura Curva Sud, la Società farà ricorso
03/MAGGIO/2017 - 19:40
Verona - L'Hellas Verona FC comunica che, in merito al Comunicato ufficiale n. 111 del 3 maggio 2017, si procederà con un ricorso d'urgenza presso gli organi competenti riguardo la seguente delibera.

«Il Giudice sportivo, letta la relazione dei collaboratori della Procura federale nella quale, tra l’altro, si attesta che i sostenitori della società Hellas Verona, occupanti il settore “Curva Sud”, al 30° del primo tempo ed al 30° del secondo tempo, indirizzavano un coro di discriminazione razziale nei confronti rispettivamente dei calciatori Vicenza Adejo Daniel nel corso del primo episodio e di Ebagua Osarimen, al momento del suo ingresso sul terreno di giuoco relativamente al secondo episodio; con riferimento a quest’ultimo episodio, valutata l’evidente rilevanza disciplinare ex art. 11, n. 3 CGS di tali cori espressivi di discriminazione razziale stante la loro “dimensione” e, conseguentemente, la loro “reale percettibilità”, per come peraltro evidenziato dai collaboratori della Procura federale, opportunamente posizionati; considerato che la società Hellas Verona risponde a titolo di responsabilità oggettiva della condotta dei propri sostenitori; considerato, altresì, che per identica violazione era stata disposta la sospensione condizionale dell’esecuzione della relativa sanzione (gara Hellas Verona-Juventus CU LNPA n. 225 del 10 maggio 2016); visti gli art. 11 nn 1 e 3, 18 comma 1 lett. e) e 16 n. 3 CGS; per questo motivo previa revoca della sospensione dell’esecuzione della sanzione inflitta in occasione della gara Hellas Verona-Juventus del 8 maggio 2016 (CU LNPA n. 225 del 10 maggio 2016), per mancata decorrenza dell’annuale “periodo di prova”, delibera di sanzionare la Soc. Hellas Verona con l’obbligo di disputare una gara con il settore denominato “Curva Sud” privo di spettatori».

Peschiera: report seduta mattino
03/MAGGIO/2017 - 12:30

Peschiera - Allenamento mattutino per i gialloblù presso lo Sporting Center 'Il Paradiso' di Peschiera. La squadra, agli ordini dell'allenatore Fabio Pecchia, ha svolto riscaldamento, lavoro atletico, possesso palla e partitella. Lavoro differenziato per Matteo Bianchetti, Juanito Gomez e Deian Boldor, quest'ultimo a causa di una contusione all'alluce destro. Lavoro differenziato programmato per Daniel Bessa. Terapie per Simone Andrea Ganz.

Hanno assistito alla seduta circa 50 bambini di una scuola media della provincia di Modena.

Giovedì 4 maggio i gialloblù torneranno in campo per una seduta mattutina (porte chiuse) alle ore 11.

PESCHIERA - PROGRAMMA ALLENAMENTI*
Giovedì 4 maggio: allenamento mattutino (ore 11) a porte chiuse
Venerdì 5 maggio: allenamento mattutino (ore 11) a porte chiuse
Sabato 6 maggio: Virtus Entella-Hellas Verona (ore 15)

*Gli orari degli allenamenti potrebbero subire variazioni a seconda delle esigenze dello staff tecnico. Per eventuali cambiamenti si prega di consultare il report giornaliero su hellasverona.it

Peschiera: report seduta mattino
02/MAGGIO/2017 - 14:00
Peschiera - Allenamento mattutino per i gialloblù presso lo Sporting Center 'Il Paradiso' di Peschiera. La squadra, agli ordini dell'allenatore Fabio Pecchia, è stata divisa in due gruppi: chi ha giocato contro il Vicenza ha svolto lavoro defaticante, mentre chi non è sceso in campo ha effettuato riscaldamento, possesso palla, lavoro atletico e partita. Lavoro differenziato per Matteo Bianchetti e Juanito Gomez. Ha lasciato anzitempo l'allenamento Simone Andrea Ganz, a causa di una forte contusione alla tibia destra: il percorso di recupero sarà valutato nei prossimi giorni.

Mercoledì 5 maggio i gialloblù torneranno in campo per una seduta mattutina (porte aperte) alle ore 11.

PESCHIERA - PROGRAMMA ALLENAMENTI*

Mercoledì 3 maggio: allenamento mattutino (ore 11)
Giovedì 4 maggio: allenamento mattutino (ore 11) a porte chiuse
Venerdì 5 maggio: allenamento mattutino (ore 11) a porte chiuse
Sabato 6 maggio: Virtus Entella-Hellas Verona (ore 15)

*Gli orari degli allenamenti potrebbero subire variazioni a seconda delle esigenze dello staff tecnico. Per eventuali cambiamenti si prega di consultare il report giornaliero su hellasverona.it

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC] +   -   =
SEMIFINALI CHAMPIONS: La doppietta del Pipita HIGUAIN sbanca il Parco dei Principi, JUVE con un piede e mezzo in finale! Nell'altro spareggio tutto madrileno ha impazzato la stella di Cristiano RONALDO: 3 a 0 delle Merengues ai Colchoneros del 'Cholo' SIMEONE...
Dani Alves rimpianto e Barcellona tifa Juventus: «Batti il Real Madrid»
I tifosi catalani omaggiano, come tutti, la grande prestazione dell'ex blaugrana, e sperano di vederlo battere i rivali di Spagna in finale di Champions League

© LaPresse
TORINO - Dani Alves, co-protagonista indiscusso insieme a Higuain di Monaco-Juventus, grazie ai due assist decisivi che hanno permesso al Pipita di firmare il 2-0 che ipoteca buona parte della qualificazione alla finalissima di Champions League, dopo la partita di Montecarlo ha ricevuto gli omaggi non solo del popolo juventino, ma anche degli sportivi in generale e di tutta la stampa di settore, che ha riconosciuto quanto sia cresciuto il livello delle prestazioni del brasiliano man mano che è salita l'importanza della posta in palio. Livello che conoscono bene a Barcellona, dove Dani Alves la Champions l'ha vinta 3 volte, un numero di rilievo ma piccolo se rapportato agli oltre 30 trofei (tra club e Nazionale) conquistati in carriera dal giocatore quasi 34enne.


UN RIMPIANTO "REAL" - E se molti ad inizio stagione avevano storto il naso sull'arrivo dal Barça di un calciatore considerato "scarico" e senza stimoli, ora i più critici hanno dovuto rimangiarsi il giudizio, e i tifosi catalani sono stati costretti ad ammirare e rimpiangere le grandi giocate dell'esterno destro, al quale lo stesso Messi deve molti assist al bacio durante gli 8 anni giocati insieme dai due in maglia blaugrana. Un rimpianto, quello dei fan del Barcellona al loro ex calciatore, trasformatosi però subito in vero e proprio tifo per lui e per la Juventus in vista della probabile finale contro gli odiati rivali del duello Clasico di Spagna: "Ti voglio bene Dani Alves, e spero tu vinca col Real Madrid", scrive un tifoso del Barcellona su Twitter; "Annotazione innocente: Dani Alves è il calciatore che ha vinto più partite contro il Real Madrid", si legge scherzosamente in un altro tweet; "Il barcelonismo si aggrappa a Dani Alves per evitare che il Real Madrid non vinca la dodicesima", fa sapere chiaramenti un altro utente.


Champions League, Mijatovic pensa già a Cardiff: «Juve forte ma perde le finali»
L'ex attaccante del Real Madrid è sicuro: «I Blancos quando arrivano all'ultimo atto vincono sempre»

© AG ALDO LIVERANI SAS

TORINO - In attesa di conoscere quali saranno le due squadre che si contenderanno la Champions League a Cardiff, Pedrag Mijatovic, ex attaccante del Real Madrid ha rilasciato una battuta su un'eventuale finale tra i Blancos e la Juventus: «La squadra di Allegri - dice il centravanti, decisivo nell’ultima finale di Champions giocata tra le Merengues e i bianconeri nel 1998, ai microfoni del programma El Larguero - è una squadra molto forte e per alcuni aspetti perfetta e così come il Real Madrid vive un ottimo momento. La storia della Juventus, però, dice che spesso in finale perde, mentre il Real quando arriva all’ultimo atto vince sempre».

FONTE: TuttoSport.com


CHAMPIONS LEAGUE
Champions League: l'ironia dei tifosi della Juventus dopo la vittoria
I tifosi bianconeri si sono scatenati contro i gufi: la doppietta di Higuain lancia la Juve verso la finale
MERCOLEDÌ 3 MAGGIO 2017 23:11

FONTE: CorriereDelloSport.it



Champions League: Real Madrid-Atletico 3-0, tripletta di Ronaldo
CR7 affonda i Colchoneros nella semifinale d'andata, per il Cholo si fa dura


di CESARE ZANOTTO 2 Maggio 2017
Nell'andata della prima semifinale di Champions, il Real Madrid supera 3-0 l'Atletico e si avvicina alla finale di Cardiff. Al Bernabeu decide una tripletta dello scatenato Cristiano Ronaldo, che sblocca il risultato nel primo tempo con un colpo di testa (10') e poi mette in ginocchio i Colchoneros nella ripresa. Il bis arriva al 73' con un gran destro, poi all'86' c'è spazio anche per il 3-0 da pochi passi.

LA PARTITA
Contro un marziano del genere è impossibile per chiunque. Cinque gol al Bayern nei quarti di finale, tripletta all'Atletico nell'andata del penultimo atto di questa Champions e il Real vede già la finale di Cardiff del 3 giugno. La notte del Bernabeu ha un unico protagonista, che quando conta si fa sempre trovare pronto: Ronaldo si abbatte sui Colchoneros con tre gol che sono poesia, meraviglia, magia. Un risultato che non fa una piega, con i blancos a comandare per l'intero match e la banda di Simeone sorprendentemente spaventata, stanca, confusa.

Il copione previsto alla vigilia viene rispettato sin dall'avvio: il Real, che in questo finale di stagione è ogni settimana più brillante, è subito padrone del campo e macina occasioni. Benzema potrebbe sbloccarla già al 7' ma l'onore spetta poco dopo a Cristiano Ronaldo, a segno con un gran colpo di testa dopo un tiro-cross di Casemiro: il portoghese sovrasta Savic e fa secco Oblak al 10'. I Merengues, schierati col consueto 4-3-3, palleggiano bene a centrocampo con la coppia Modric-Kroos e, soprattutto nel primo tempo, sfruttano a sinistra le discese di Marcelo. Isco, titolare al posto dell'infortunato Bale, parte largo a destra ma è spesso sulla trequarti per favorire le galoppate di Carvajal, sfortunato sul finire del primo tempo (infortunio muscolare) e costretto a lasciare il campo (al suo posto Nacho).

L'Atletico, aggredito furiosamente dal Real, nella prima parte di gara rischia di cedere in altre tre occasioni (Varane, Modric e Benzema) e soprattutto non riesce mai a ripartire. E se un atteggiamento difensivo era prevedibile, quello che nessuno si aspettava è un doppio crollo - fisico e mentale - che sostanzialmente porta i Colchoneros alla totale rinuncia. L'unica chance dell'intera partita, infatti, per gli ospiti arriva al 17' e capita a Gameiro, servito bene da Koke in seguito a un errato posizionamento della difesa di Zidane.

Nel secondo tempo, dopo un primo quarto d'ora d'attesa, il Real Madrid cambia di nuovo marcia e va a chiudere il match o, più probabilmente, l'intera semifinale. Cristiano Ronaldo, dopo un ottimo spunto di Benzema, al 73' trova il raddoppio con un destro terrificante (male Filipe Luis nell'occasione) e poi, non ancora sazio, buca Oblak per la terza volta al minuto 86, con un colpo d'astuzia da pochi passi. E' il 3-0 che fa impazzire il Bernabeu e fa piangere di nuovo Simeone, per il quarto anno consecutivo - salvo miracoli al Calderon - in ginocchio di fronte al Real Madrid.

LE PAGELLE

Ronaldo 9 - Parte largo a sinistra, poi lo trovi a destra e talvolta anche al centro dove chiude la partita. Dicono che non sia più ai livelli di qualche anno fa, anche dal punto di vista fisico: così scatta come una gazzella fino al minuto 93, ne infila altri tre in semifinale (dopo i cinque al Bayern) e domina la scena con una forza mentale devastante.

Marcelo 7,5 - A sinistra è spesso un attaccante aggiunto. Primo tempo perfetto, nella ripresa - scusatelo - ogni tanto si permette anche di respirare.

Kroos 7,5 - E' una gioia vedere come si esprime con la palla tra i piedi. Elegante, preciso, concreto: con Modric forma una coppia straordinaria.

Griezmann 4 - Solo corse a vuoto. Il grande assente del match è lui.

Carrasco 4,5 - Svolge il compitino in fase di non possesso, delude ogni aspettativa con la palla tra i piedi.

IL TABELLINO

REAL MADRID-ATLETICO MADRID 3-0

Real Madrid (4-3-3): Navas 6,5; Carvajal 7 (1' st Nacho 6,5), Varane 7, Ramos 7, Marcelo 7,5; Modric 7,5, Casemiro 7, Kroos 7,5; Isco 6,5 (23' st Asensio 6), Benzema 6,5 (32' st Lucas Vazquez 6,5), Ronaldo 9.
A disp.: Casilla, Kovacic, J. Rodriguez, Morata. All.: Zidane 7,5

Atletico Madrid (4-4-2): Oblak 5; L. Hernandez 4, Godin 5, Savic 4, Filipe Luis 4,5; Carrasco 4,5 (23' st Correa 5), Saul 4,5 (13' st Gaitan 5), Gabi 5,5, Koke 5; Griezmann 4, Gameiro 5 (13' st Torres 5).
A disp.: Moya, Tiago, Thomas, A. Rodriguez. All. Simeone 4

Arbitro: Atkinson (Inghilterra)
Marcatori: 10', 28' st e 41' st Ronaldo (R)
Ammoniti: Koke, Saul (A); Isco (R)
Espulsi: -

FONTE: Sportmediaset.Mediaset.it

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#VeronaBenevento Romulo

#VeronaBenevento Caracciolo


Wallpapers gallery