#PerugiaVerona in anteprima: Gialloblù attesi dall'insidiosissima trasferta in Umbria dove i padroni di casa non vincono da inizio mese, il presidente SANTOPADRE chiama tutti a raccolta per trasformare il 'Curi' in una bolgia! Gialloblù senza gli squalificati FERRARI e SILIGARDI, FOSSATI in dubbio, CORRENT in panca al posto di PECCHIA...

Pubblicato da andrea smarso lunedì 24 aprile 2017 09:52, vedi , , , , , , , , | Nessun commento


#PerugiaVerona +   -   =

Seconda trasferta consecutiva in questo campionato senza tregua per l'HELLAS e le altre 21 squadre di un torneo massacrante che costringe a straordinari forzati i calciatori ma soprattutto non lascia scelta ai tifosi più accesi costretti a riprogrammare le giornate di festa in famiglia: Dopo aver giocato a Pasquetta ecco dunque la gara del 25 Aprile (72esima ricorrenza della liberazione dalla dittatura fascista e dall'occupazione nazista) ma il VERONA giocherà anche Lunedì 1 Maggio quindi... Non prendete impegni.
Dopo le fondamentali vittorie con CITTADELLA e BARI i gialloblù sono dunque attesi al 'Renato Curi' di Perugia dalla compagine del Grifone quinta in classifica a +1 dal BENEVENTO e a -1 dai granata padovani (ma anche a -9 dalla squadra di PECCHIA).
Trasferta umbra, manco a dirlo, insidiosissima aldilà del periodo concitato dell'ultima fase di campionato: I ragazzi di mister Cristian BUCCHI hanno giocato a lungo, a detta di molti, il miglior calcio della Serie B e arrivano dalla vittoria in trasferta sul difficile campo del Novara anche se i 3 punti nello stadio amico manca loro dall'1 di Aprile (1 a 0 al VICENZA) ed è stata seguita dal 2 a 2 col PISA e dallo 0 a 0 con l'ASCOLI.


Precedenti
19 in totale i precedenti al 'Curi' tra PERUGIA e VERONA tra Serie A, B e Coppa Italia; 9 quelli in cadetteria con 4 vittorie dei padroni di casa, 2 per l'HELLAS e 3 pareggi.
L'ultima partita tra le due compagini in Umbria risale alla stagione di Serie B 2004-05 e furono i gialloblù a gioire grazie al 2 a 0 frutto dell'autorete di DE VECCHIO e del gol di BOGDANI.
10 anni prima l'altra soddisfazione scaligera nello scoppiettante 4 a 3 finale con gol di FERMANELLI e tripletta di 'Sorriso' CAMMARATA che al 90° ammutoliva i tifosi del Grifo.
Il primo PERUGIA-VERONA nella storia si giocò addirittura nel 1933-34 con i padroni di casa a strapazzare i malcapitati Mastini per 5 a 0 ma domani speriamo sia tutt'altra storia...

Ad arbitrare la prossima sfida sarà il signor Juan Luca Sacchi della sezione Aia di Macerata.


QUI PERUGIA
Conscio dell'importanza del match è sceso in campo il numero uno della società umbra SANTOPADRE per chiamare a raccolta al 'Curi' i tifosi del Grifo In ogni posto, in ogni luogo, in ogni negozio, in ogni supermercato, in ogni piazza a qualunque persona, conoscente o meno, che incontriamo rivolgiamogli la frase 'Ci vediamo martedì sera alle 20.30'
Senza VOLTA e DI CARMINE infortunatisi durante la rifinitura mister BUCCHI ha scelto di cambiare modulo nella trasferta di Novara passando dall'usuale 4-3-3 al 3-5-2.
Problemi al polpaccio per il difensore che è in dubbio ma potrebbe forse recuperare contro i gialloblù mentre qualche perplessità i più destano le condizioni dell'attaccante costretto all'uso delle stampelle in tribuna al 'Piola'.
In forse anche DEL PRETE.

Convocati
DEL PRETE recupera in extremis, VOLTA e DI CARMINE fuori...

Portieri: Brignoli, Elezaj;
Difensori: Belmonte, Del Prete, Di Chiara, Dossena, Fazzi, Mancini, Monaco;
Centrocampisti: Acampora, Brighi, Dezi, Gnahore, Ricci;
Attaccanti: Di Nolfo, Forte, Guberti, Mustacchio, Nicastro, Terrani

Probabile formazione
3-5-2 con Brignoli; Monaco-Mancini-Di Chiara; Mustacchio-Acampora-Brighi-Acampora-Gnahorè-Fazzi; Forte-Dezi.


QUI VERONA (dal ritiro di Roma)
Ancora fuori PISANO, GOMEZ e ovviamente Franco ZUCULINI che ha virtualmente concluso la stagione dopo la terza operazione al crociato del martoriato ginocchio destro.
In dubbio FOSSATI uscito alla fine del primo tempo al 'San Nicola' a causa di una botta al quadricipite sinistro: Marco sta svolgendo lavoro differenziato rispetto a i compagni.
La gara di Bari ha sicuramente tolto dai giochi Alex FERRARI espulso ma anche Luca SILIGARDI squalificato dal giudice sportivo per somma di ammonizioni; per non parlare di mister PECCHIA reo di «avere, al 20° del secondo tempo, contestato platealmente l'operato arbitrale, rivolgendo agli Ufficiali di gara espressioni offensive».
In panchina esordio dunque come capo-coach per Nicola CORRENT vice del tecnico di Formia.

Probabile formazione
4-3-3 con Nicolas; Romulo-Bianchetti-Caracciolo-Souprayen; Zaccagni-B. Zuculini-Bessa; Fares-Pazzini-Luppi

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =

Mister BUCCHI tecnico del PERUGIA «L'Hellas è la squadra più forte, anche se come tutti ha avuto un momento difficile. Ha vinto a Bari non rischiando nulla e giocando con qualità. Hanno un grande allenatore e organico. Affronteremo un avversario tostissimo. Dobbiamo essere il miglior Perugia e giocare come sappiamo. Sono sicuro che possiamo fare molto bene. Perugia, usando il gergo delle bocce, che più 'accosta' o 'mena'? A me piace molto picchiare e non accostare ma in un campionato di 42 giornate devi anche accostare. Gli infortunati? Sarà difficile che Di Carmine possa essere della partita, ma domattina è in programma l’ultimo test. Volta e Del Prete vedremo oggi. Attualmente sono tutti in dubbio, una valutazione complessiva non potrà essere fatta prima di domattina. Ogni partita è decisiva ed è normale che si debba essere meno belli ma più pratici. Noi cerchiamo di coniugare le due cose ma non è facile. Siamo entrati nel momento decisivo e non ci tiriamo indietro. Abbiamo sbagliato due mezze cose e ci hanno fatto due gol. Poi abbiamo dominato sul piano del ritmo e del palleggio. Queste cose devono darci la consapevolezza di affrontare una squadra forte ma determinata a giocarsela» TGGialloBlu.it

Mister PECCHIA «Quella contro il Bari è una partita che deve rafforzare l'autostima del gruppo, perché è una vittoria arrivata contro una squadra forte, esperta, su un campo difficile. Ne usciamo con grande fiducia, ma va subito archiviata per pensare al Perugia. Il ritiro di Roma? Ci ha dato la possibilità di riassorbire qualche colpo subito nella gara contro il Bari e passare del tempo tutti insieme. Ora siamo pronti per un'altra partita importante. Abbiamo perso due calciatori per squalifica, ma dobbiamo riprenderci immediatamente, abbiamo le energie per farlo con tutto il gruppo, al di là delle assenze. La mia squalifica? Mi sembra eccessiva, è la prima volta che mi capita. Ho oltrepassato la linea dell'area tecnica, ma non ho offeso nessuno. Mi dispiace non esserci, ma la quadra è pronta e il mio vice Corrent è in grado di gestire tutte le operazioni, mi lascia tranquillo. Il Perugia? Ogni squadra ha qualcosa da giocarsi, così anche per umbri. Sono una squadra diversa rispetto al Bari, ci fa piacere che l'ambiente si preannunci caldo. In casa non perde da più di quattro mesi, ma questo non deve cambiare il nostro atteggiamento. Voglio vedere la stessa personalità, la stessa voglia di giocare, sappiamo essere una squadra con grande carattere e lo abbiamo dimostrato» HellasVerona.it

Nico PENZO a 'La Gazzetta dello Sport «C’è un’altra trasferta, stasera a Perugia, e se il Verona saprà ripetersi ai livelli di sabato potrà tornare a casa con un risultato positivo. Attenzione, però, a pensare che sia tutto facile. Fino a qualche settimana fa l’ambiente era in subbuglio. C’era chi reclamava il cambio di allenatore, ce la si prendeva con i giocatori e si lanciavano accuse contro la dirigenza. Non era un punto di vista equilibrato, erano sfoghi di pancia, e invece nel calcio, come nella vita, bisogna usare la testa e avere equilibrio, calibrare le parole, i giudizi e i comportamenti. Lo stesso equilibrio impone di non suonare le campane a festa in anticipo» Hellas1903.it

Matteo BRIGHI centrocampista del PERUGIA e compagno di PECCHIA al BOLOGNA nel 2002 «Pecchia? Mi rivedevo in lui come personaggio. Sta facendo bene a Verona, ma spero domani di dargli un dispiacere. All’andata c’è stata molta voglia di giocare. Abbiamo avuto una reazione importante imponendo quel che sappiamo fare. È proprio dal giocare che dobbiamo ripartire. Per la nostra filosofia siamo propensi a picchiare. Bisogna però essere bravi a capire i limiti delle partite e portare a casa un certo tipo di risultato, fa parte della maturità di una squadra. Manca un mese al termine e speriamo di raggiungere un determinato livello» TGGialloBlu.it

Massimiliano SANTOPADRE, presidente del PERUGIA, chiama la tifoseria umbra a raccolta dal sito web del Grifone «Abbonati e fedelissimi insieme a me fino a martedì sera abbiamo un compito importante da svolgere. In ogni posto, in ogni luogo, in ogni negozio, in ogni supermercato, in ogni piazza a qualunque persona, conoscente o meno, che incontriamo rivolgiamogli la frase 'Ci vediamo martedì sera alle 20.30' e se qualcuno ci chiederà 'Perché? Dove?' la risposta dovrà essere 'Perché gioca il Perugia, perché si sta giocando la Serie A perché ne va del nostro orgoglio, del nostro onore e tutti i perugini, quelli che hanno a cuore la propria terra, ci devono essere. Divulghiamo il messaggio. Se lo faremo lo stadio sarà una bolgia. Il Presidente Massimiliano Santopadre» TGGialloBlu.it

BIANCHETTI «La vittoria di Bari? Importantissima e di squadra. Restando uniti sono arrivati tre punti fondamentali su un campo molto difficile. Nonostante l'inferiorità numerica potevamo chiudere prima la gara, ripartivamo tutti insieme creando tante occasioni. Siamo padroni del nostro destino, dipende tutto da noi per raggiungere il nostro obiettivo. Le prestazioni della difesa? Merito di tutta la squadra. Se abbiamo l'atteggiamento giusto e giochiamo con umiltà tutto diventa più facile. Se ti difendi in 11 gli avversari fanno fatica a segnare, ma possiamo migliorare ancora perché certi gol presi erano evitabili. Tutti stanno dando il loro contributo, da qui alla fine manca poco e ognuno di noi si deve far trovare pronto. Siamo molto fiduciosi per la partita di martedì contro il Perugia» HellasVerona.it



RASSEGNA STAMPA +   -   =
Perugia - Hellas Verona, le probabili formazioni | Pecchia prepara l'assalto al Curi
Il tecnico non potrà sedere in panchina nel match contro gli umbri a causa della squalifica, così come non potrà disporre degli squalificati Siligardi e Ferrari

La Redazione
24 aprile 2017 16:11

Per la trentottesima giornata di Serie B, che si disputerà il 25 aprile, l'Hellas Verona sfida il Perugia allo stadio Renato Curi.

Con il successo ottenuto sabato sul campo del Novara, gli umbri si sono portati a ridosso del Cittadella, in piena zona playoff. La squadra di Bucchi inoltre deve impedire che il divario tra la terza e la quarta in classifica superi i 10 punti, oppure saranno tutte e tre le prime classificate ad andare direttamente in Serie A.
I tre punti ottenuti a Bari hanno permesso ai gialloblu di prendere le distanze dal Frosinone e di restare da soli al secondo posto in classifica, con la Spal lontana cinque lunghezze. Non c'è margine però per altri passi falsi e al club di via Belgio serve un risultato positivo per proseguire la propria rincorsa alla promozione.

QUI PERUGIA - "L'Hellas è la squadra la più forte, anche se ha avuto un momento difficile. Ha vinto a Bari non rischiando nulla e giocando con qualità. Hanno un grande allenatore e organico. Affronteremo un avversario tostissimo. Dobbiamo essere il miglior Perugia e giocare come sappiamo. Sono sicuro che possiamo fare molto bene. Perugia, usando il gergo delle bocce, che più 'accosta' o 'mena'? A me piace molto picchiare e non accostare ma in un campionato di 42 giornate devi anche accostare. Sarà difficile che Di Carmine possa essere della partita, ma domattina è in programma l’ultimo test. Volta e Del Prete vedremo oggi. Attualmente sono tutti in dubbio, una valutazione complessiva non potrà essere fatta prima di domattina. Ogni partita è decisiva ed è normale che si debba essere meno belli ma più pratici".
Per la delicata sfida contro i gialloblu, Bucchi potrebbe quindi essere costretto a rinunciare a Di Carmine, con Nicastro e Forte che comporrano quindi la coppia d'attacco. Di Chiara e Mancini saranno i due terzini, mentre Brighi e Acampora si muoveranno in mezzo al campo.

QUI HELLAS VERONA - "Quella contro il Bari è una partita che deve rafforzare l'autostima del gruppo, perché è una vittoria arrivata contro una squadra forte, esperta, su un campo difficile. Ne usciamo con grande fiducia, ma va subito archiviata per pensare al Perugia. Il ritiro di Roma? Ci ha dato la possibilità di riassorbire qualche colpo subito nella gara contro il Bari e passare del tempo tutti insieme. Ora siamo pronti per un'altra partita importante. Abbiamo perso due calciatori per squalifica, ma dobbiamo riprenderci immediatamente, abbiamo le energie per farlo con tutto il gruppo, al di là delle assenze. La mia squalifica? Mi sembra eccessiva, è la prima volta che mi capita. Ho oltrepassato la linea dell'area tecnica, ma non ho offeso nessuno. Mi dispiace non esserci, ma la quadra è pronta e il mio vice Corrent è in grado di gestire tutte le operazioni, mi lascia tranquillo. Il Perugia? Ogni squadra ha qualcosa da giocarsi, così anche per umbri. Sono una squadra diversa rispetto al Bari, ci fa piacere che l'ambiente si preannunci caldo. In casa non perde da più di quattro mesi, ma questo non deve cambiare il nostro atteggiamento. Voglio vedere la stessa personalità, la stessa voglia di giocare, sappiamo essere una squadra con grande carattere e lo abbiamo dimostrato".
Pecchia non sarà in panchina al Curi, a causa dell'espulsione rimediata contro il Cittadella, così come non saranno della partita gli squalificati Ferrari e Siligardi. Senza Pisano, il tecnico manderà probabilmente in campo Romulo sulla fascia destra, a meno che non decida di allargare Bianchetti, con il brasiliano spostato a centrocampo. Con Fossati in condizioni non ottimali per un trauma alla coscia sinistra, in mezzo dovrebbero esserci Bruno Zuculini e Bessa, e davanti il tridente composto da Luppi, Pazzini e Fares.

ARBITRO - Juan Luca Sacchi di Macerata.


FONTE: VeronaSera.it


22/04/2017 - 16:24
IL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE SANTOPADRE
Dopo l'importantissimo successo di ieri sera a Novara è tornato a parlare il presidente Massimiliano Santopadre, affidando al sito ufficiale le sue impressioni. Ecco di seguito il testo integrale del messaggio:

"Ieri sono andato via da Novara orgoglioso dei miei ragazzi, dell’allenatore e della società non solo per il risultato finale che ovviamente è importantissimo per il nostro cammino ma soprattutto per un motivo, aver riassaporato nello spogliatoio e durante la partita in tribuna quel sapore di convinzione, sacrificio, sudore, voglia di vincere che ci ha contraddistinto l’anno della promozione in Serie B.
Ho rivisto i giovani e gli esperti darsi una mano reciproca sia in campo che fuori. Ho visto negli occhi dell’allenatore la voglia di scrivere pagine importanti della storia del Perugia.
Qualcuno, incautamente oserei dire, ha pensato che da parte mia ci fosse poca voglia di Serie A e allora io oggi dico a quei 22 mila di Perugia-Frosinone del 4 maggio 2014 IO CREDO FORTEMENTE NEI MIEI GIOCATORI E NEL MIO ALLENATORE, CI HO SEMPRE CREDUTO, CI STO CREDENDO COME NON MAI IN QUESTO MOMENTO E URLO CON TUTTA LA FORZA CHE HO DENTRO DI ME AI 22 MILA DI QUEL GIORNO DI VENIRE AL CURI PERCHE È IL MOMENTO DI DIMOSTRARE CHE VOLERE È POTERE DA PARTE DI TUTTI NOI INSIEME A VOI.
Credemce. Tutti insieme. Martedì e fino alla fine deve essere una bolgia. Combattiamo con loro.

Il Presidente Massimiliano Santopadre"

Per Perugia2005news Enrico Fanelli

FONTE: AC-Perugia.com


Verona e Perugia ugualmente rinvigorite per una partita che non è da ultima spiaggia ma poco ci manca.
Scritto da Raffaele Garinella il 24/04/2017

Ferruccio Gard, telecronista della celebre trasmissione “90° minuto” commentando durante una delle sue tante telecronache, una partita dell’Hellas Verona ebbe a dire :
“Non possiamo dire che questa sia la partita dell’ultima spiaggia, perché a Verona il mare non c’è.”
In effetti non siamo ancora alla resa dei conti, specie sul fronte scaligero, ringalluzzito dai tre punti sul Bari; ma al Curi troveranno una situazione analoga in fatto di morale ed euforia: un Grifo desideroso di dare continuità alla vittoria di Novara. Con la Spal praticamente con un piede e mezzo in serie A e con un Frosinone ferito, ma non morto, il Verona che arriva in Umbria, di certo non alzerà le barricate e se vorrà puntare alla promozione diretta a poco gli servirà il pareggio. Un vantaggio per il Perugia, apparso spesso e volentieri in difficoltà contro squadre ermetiche e non dedite al palleggio e allo scontro vis a vis.

La gara disputata in terra pugliese ha messo in evidenza un Verona cinico, spietato, forse più che in altre occasioni, capace di mettere alle corde un avversario con ben altri progetti alla vigilia. Il demerito degli uomini di Colantuono, con assenze importanti, è forse quello di non aver pressato i palleggiatori di Pecchia. Rischio che non dovrá correre il Perugia, che possiede in Brighi, Gnahorè ed Acampora, frangiflutti in grado di bloccare qualsiasi avversario. Il Grifo visto a Novara ha saputo trarre vantaggio dagli errori del passato. Boscaglia non sarà d’accordo, ma la melina è parte integrante del gioco del calcio, e serve appunto ad impedire che gli avversari rubino palla e costruiscano pericoli, per di più su un terreno in erba non naturale, atto a favorire chi vi gioca con costanza, come appunto, il Novara. La melina, o fraseggio, che dir si voglia , rappresenta a tutti gli effetti una fase del gioco del calcio,che si sviluppa dal dilettantismo alla Serie A. In Spagna è nota come “tiqui taka” e trova nel Barcellona l’interprete più importante. Anche le critiche mosse al Perugia sul comportamento antisportivo, appaiono fantasiose, prive di riscontri oggettivi. Bucchi, non si è mai lamentato di alcuna decisione arbitrale e non si può certo dire che il suo Perugia non sia stato a volte penalizzato in questo campionato. La sportività, o fair play, consiste nel saper accettare un errore arbitrale, una decisione presa in un lasso di tempo minimo. Con le moviole e con la tecnologia siamo tutti bravi. A Novara hanno rifiatato Guberti, Di Carmine, Volta e Dezi, poi subentrato ed autore del gol vittoria, permettendo a Mancini, Forte, Terrani, Fazzi di dare un apporto significativo in un momento delicatissimo della stagione. Quanto a Forte, sono apparse ingenerose alcune critiche mosse alla sua prestazione: non ha segnato, ma se si guarda solo questo aspetto, trascurando la prestazione nell’insieme, si sottovaluta l’ottimo lavoro compiuto in fase di non possesso. E’ stato un punto di riferimento per i compagni, permettendo gli inserimenti a Terrani e Dezi , accettando i ruvidi contrasti contro avversari del calibro di Scognamiglio, che fisicamente, nulla ha da invidiare ai celebri Bronzi di Riace. La formazione che Bucchi manderà in campo martedì non dovrebbe discostarsi, per modulo ed interpreti, da quella di Novara. Il Verona non è solo Pazzini, e questo sarà bene tenerlo a mente per evitare sorprese.

Dante Alighieri, durante un suo soggiorno a Verona, rimase colpito dall’ospitalità di Cangrande I della Scala, tanto da donargli un posto nel suo paradiso. In questo il Grifo dovrà essere sportivo, ma meno ospitale.
Il paradiso del Perugia passa da questa partita e il Curi, per non tralasciare Dante, dovrà rammentare agli avversari una “bolgia infernale”, meglio se colorata di bianco e di rosso.
Raffaele Garinella – TifoGrifo.com

Perugia Verona i precedenti
Scritto da Redazione il 23/04/2017

Il Perugia ha vinto a Novara, mai successo nelle 8 sfide dalle due squadre giocate in Piemonte.
Dobbiamo ammetterlo, abbiamo avuto fortuna, cosa che in questo campionato quasi mai abbiamo avuto. Il gol del Novara pareva buono, un primo tempo, quasi inguardabile per la quasi inoperosa prestazione in fase offensiva. Molto meglio nel secondo tempo, con l’ingressi di Terrani e Dezi autori di una pregevolissima partita.
Nel prossimo turno a farci visita sarà la corazzata Verona.
Contro i veneti ci sono ben 19 precedenti.

Ecco in ordine cronologico, i risultati tra le due compagini:
” I P R E C E D E N T I ”
1933-34 SERIE B Perugia Verona 5-0
9′ Tiberti, 10′,49′ Vitalesta, 32′,42′ Preti

1934-45 SERIE B Perugia Verona 1-1
34′ Patuzzi, 36′ Isada (Pg)

1967-68 SERIE B Perugia Verona 3-1
6′ Turchetto (Pg), 22′ rig., 73′ Dugini (Pg), 81′ Burin rig.

Coppa Italia 1° turno girone C
Perugia Verona 1-3
32′ (Aut. Baiardo ) pro Verona, 37′ Urban (Pg), 77′ Zigoni, 84′ Busatta
Nel girone facevano parte anche: Bari, Fiorentina e Palermo

1974-75 SERIE B Perugia Verona 0-0

1975-76 SERIE A Perugia Verona 1-0
47′ Nappi

1976-77 SERIE A Perugia Verona 1-1
32′ Mascetti, 60′ Cinquett (Pg)

1977-78 SERIE A Perugia Verona 0-1
76′ Negrisolo

1978-79 SERIE A Perugia Verona 1-1
54′ Frosio (Pg), 88′ Bergamaschi

1981-82 SERIE B Perugia Verona 0-0

Coppa Italia 1° Turno eliminazione diretta
Perugia Verona 2-0
8′ Ferrante, 40′ Dondoni

1994-95 SERIE B Perugia Verona 3-4
13′,44′ Giunti (Pg), 28′,67′,90′ Cammarata, 61′ Fermanelli, 76′ Cornacchini rig. (Pg)

1995-96 SERIE B Perugia Verona 3-2
32′ Manetti, 43′,86′ Negri (Pg), 44′ Beghetto (Pg), 74′ Pisano

1996-97 SERIE A Perugia Verona 3-1
3′ Pizzi (Pg), 23′ Rapaijc (Pg), 68′ De Vitis, 74′ Artistico (Pg)

1997-98 SERIE B Perugia Verona 2-1
45′ Bernardini rig. (Pg), 56′ Italiano, 74′ Matrecano (Pg)

1999-00 SERIE A Perugia Verona 0-0

2000-01 SERIE A Perugia Verona 1-0
64′ Materazzi

2001-02 SERIE A Perugia Verona 3-1
17′ Frick, 58′ Rezaei (Pg), 67′ Ahn (Pg), 85′ Tedesco (Pg)

2004-05 SERIE B Perugia Verona 0-2
19′ (Aut. De Vecchio), 92′ Bogdani

PARTITE GIOCATE SERIE A
8 partite
4 vittorie Perugia
3 pareggi
1 vittoria Verona
10 reti Perugia
5 reti Verona

PARTITE GIOCATE SERIE B
9 partite
4 vittorie Perugia
3 pareggi
2 vittorie Verona
17 reti Perugia
11 reti Verona

PARTITE GIOCATE COPPA ITALIA
2 partite
1 vittoria per parte
3 reti per parte

PER UN TOTALE DI 19 PARTITE DISPUTATE
9 vittorie Perugia
6 pareggi
4 vittorie Verona
30 reti Perugia
19 reti Verona

Ecco il tabellino dell’ultimo incontro disputato a
Perugia dal Verona:

CAMPIONATO SERIE B 2004-05
17^ giornata Domenica 12 Dicembre 2004 Stadio “Renato Curi”
PERUGIA 0-2 VERONA

Perugia Kalac, Coly, Di Loreto, Alioui, Milanese, Del Vecchio, Baiocco,
Di Francesco (66′ Muntasser), Ferreira Pinto, Mascara ( 60′ Floro Flores),
Do Prado (46′ Scandurra)
A Disp. Squizzi, Nastos, Fusani, Di Liso. ALL. COLANTUONO

Verona Pegolo, Cassani, Comazzi, Blasi, Dossena, Guarente, Mazzola,
Italiano, Adailton (74′ Agnelli), Bogdani, Papa Waigo 95′ Pagliuca).
A Disp. Vanstrattan, Gervasoni, Angan, Iunco, Fummo. ALL. FICCADENTI

Arbitro Nucini di Bergamo
RETI 19′ (Aut. De Vecchio), 92′ Bogdani
Ammoniti Baiocco, Coly e Del Vecchio del Perugia – Blasi e Cassani del Verona
Espulsi al 82′ Coly e Alioui entrambi del Perugia
Recupero 2′ p.t. – 8′ s.t.
Spettatori circa 9.000

In questo campionato il Verona occupa la seconda posizione a quota 65 punti.
Nei turni fuori casa ha giocato 18 partite collezionando 26 punti frutto di 6 vittorie, 5 pareggi e 6 sconfitte.

7 vittorie
Con Ascoli e Spezia per 1-4, a Brescia per 0-1, Trapani e Bari per 0-2 con la Ternana per 0-3 e a Ferrara con la Spal per 1-3.

5 pareggi
A Pisa per 0-0, a Carpi, Vercelli e Salerno per 1-1, a Novara per 2-2

6 sconfitte
A Vicenza e Frosinone per 1-0, ad Avellino Benevento e Latina per 2-0, e a Cittadella per 5-1

Gol fatti 25
Gol subiti 21

miglior realizzatore degli scaligeri è Giampaolo Pazzini con 23 reti.
Pierluigi Corridori – TifoGrifo.com

FONTE: TifoGrifo.com


VISTO DA NOI
No agli schizzinosi: è un punto che vale
Il Verona torna con un pareggio da Perugia ed è un risultato che conta più del gioco

di Lorenzo Fabiano, @lollofab 26/04/2017, 11:19

L’altalena, una costante nella pazza stagione dell’Hellas. In tre giorni siamo passati dalle piacevolezze di Bari alle sofferenze di Perugia. E’ la serie B signori…! La chiamano enfaticamente il campionato degli italiani; mai espressione più azzeccata per un teatro di provincia dove vanno in scena commedie fatte di ribaltoni, baruffe, e palesi contraddizioni. Tutto secondo il più scontato dei copioni. Se queste cose accadono quotidianamente nella sede legislativa del paese, figuriamoci se un campo da pallone cadetto ne possa rimanere esente.
Detto questo, quello di Perugia è un buon punto: il Verona arrivava al Curi incerottato e con gli uomini contati dopo il colpo di Bari. Leggiamo in queste ore commenti critici di chi si aspettava un’altra prestazione di alto livello e una vittoria dopo quella in Puglia. Il Perugia di Bucchi non è nemmeno lontano parente dello spuntato Bari di Colantuono. Gli umbri sono organizzati, si fanno interpreti di un calcio fatto di aggressività e intensità, già visto peraltro nel secondo tempo della gara di andata al Bentegodi, quando la squadra di Pecchia ne subì la rimonta.
Ieri sera nel primo tempo il Verona, un po’ giù di catena, ha sofferto ma ha saputo stringere i denti e respingere l’assalto. Non sappiamo quante squadre sarebbero riuscite a fare altrettanto di fronte alle veementi fiammate del grifone indemoniato. Nel secondo, quando i padroni di casa hanno finalmente abbassato le vertiginose frequenze, l’Hellas alla prima occasione ha sferrato il morso letale di un cobra. Peccato non abbia fatto nemmeno in tempo a gestire il vantaggio, che Dezi ha rimesso subito a posto le cose. Fosse passato qualche minuto in più, chissà cosa leggeremmo stamattina…

Giusto così comunque. Tre punti ieri sera sarebbero stati oggettivamente troppi. Si discute molto in queste ore dei cambi in casa gialloblù. Luppi non era al meglio; Bessa aveva bisogno di rifiatare, Pazzini è alle prese con gli acciacchi. Spiace la reazione del bomber al momento dell’uscita dal campo: non va dimenticato che chi è leader e capitano ha precisi doveri di responsabilità nei confronti del gruppo. Meglio avesse calciato allo scadere del primo tempo un invitante pallone servitogli da Romulo, con la stessa rabbia, potenza e precisione con la quale ha indirizzato la bottiglietta verso la panchina mettendo rischio l’incolumità di Cappelluzzo (complimenti per la parata) e Fossati. Ventiquattr’ore prima Dzeko, aveva mandato Spalletti a farsi un giro dove il sole solitamente non batte. Cose cui ormai siamo avvezzi, ma che non vorremmo mai vedere e devono finire lì. Caso chiuso. Il pareggio va bene, ci tiene un punto sopra il Frosinone a quattro giornate dalla fine.

Da qui alla fine ce la giochiamo con i ciociari, ieri tenuti in vita dagli occhi distratti del signor Pinzani. Tutto può succedere: per noi, ma anche per loro, tranne che per la Spal, ormai con un piede in serie A. Intanto prepariamoci alla prossima battaglia: lunedì al Bentegodi c’è il derby con il Vicenza, scontro che ha scritto pagine di storia a tinte gialloblù. Sfida affascinante, un testa coda che forse mai come questa volta sarà importante e decisivo per entrambe le contendenti. Un allenamento alla vigilia all’antistadio non sarebbe una cattiva idea per caricare e cementare l’ambiente, anche quello più raffinato, esigente, e schizzinoso che rulla i tamburi sulle tastiere dei computer di casa.

NEWS
Penzo: “Bravo Verona, ma attenzione a pensare che ora sia facile”
L’ex attaccante: “Serve equilibrio, non è il momento di fare festa”

di Redazione Hellas1903, 25/04/2017, 10:57

Domenico Penzo, ex attaccante dell’Hellas e presidente dei veterani gialloblù, interviene su “La Gazzetta dello Sport” oggi in edicola.
Commenta Penzo: “C’è un’altra trasferta, stasera a Perugia, e se il Verona saprà ripetersi ai livelli di sabato potrà tornare a casa con un risultato positivo. Attenzione, però, a pensare che sia tutto facile”.
Continua il popolare Nico: “Fino a qualche settimana fa l’ambiente era in subbuglio. C’era chi reclamava il cambio di allenatore, ce la si prendeva con i giocatori e si lanciavano accuse contro la dirigenza. Non era un punto di vista equilibrato, erano sfoghi di pancia, e invece nel calcio, come nella vita, bisogna usare la testa e avere equilibrio, calibrare le parole, i giudizi e i comportamenti. Lo stesso equilibrio impone di non suonare le campane a festa in anticipo”.

NEWS
Fossati, botta da smaltire, in dubbio per Perugia
Allenamento in palestra per il centrocampista, domani verrà valutata la sua condizione

di Redazione Hellas1903, 23/04/2017, 15:23

Marco Fossati è in dubbio per la partita del Verona a Perugia, in programma martedì.
Il centrocampista è uscito alla fine del primo tempo della gara con il Bari per una botta subita alla coscia sinistra.
Oggi, a Roma, dove l’Hellas si sta allenando, ha svolto una seduta in palestra.

Le sue condizioni saranno verificate domani per capire se Fossati potrà essere a disposizione per la gara con la formazione umbra.

NEWS
Verso Perugia, Verona a Roma
Allenamento nella capitale per l’Hellas, poi il trasferimento in Umbria

di Redazione Hellas1903, 23/04/2017, 11:49

Il Verona si è trasferito a Roma dopo la partita con il Bari e in vista della gara di martedì con il Perugia.
Allenamento nella zona dell’EUR, nella capitale, per i gialloblù.
In seguito, domani, il gruppo dell’Hellas andrà in Umbria.

FONTE: Hellas1903.it


FORMAZIONE VERONA
Le scelte obbligate di Pecchia e Corrent
24/04/2017 20:25
Dopo il mini-ritiro di Roma il Verona è pronto alla sfida di Perugia. Rosa contata per Pecchia (squalificato, in panchina ci sarà Corrent) che sarà costretto a scelte obbligate visto che mancano gli infortunati Pisano, Juanito Gomez e Franco Zuculini, più gli squalificati Alex Ferrari e Siligardi. Mentre Fossati (e anche Caracciolo) non sono al meglio fisicamente. Nel 4-3-3 che vedrà Nicolas tra i pali ci saranno in difesa Romulo, Bianchetti, Boldor e Souprayen. A centrocampo confermato Bruno Zuculini con Bessa e Valoti (in vantaggio su Zaccagni). Davanti, sulle fasce, ci saranno Luppi e Fares a supportare capitan Pazzini. Degli altri in panchina, della rosa della prima squadra, ci saranno solo Troianiello, Cappelluzzo e Ganz.

Verona (4-3-3): Nicolas; Romulo, Bianchetti, Boldor, Souprayen; B.Zuculini, Valoti, Bessa; Luppi, Pazzini, Fares. All: Corrent

FORMAZIONE PERUGIA
La strategia di Bucchi per affossare l'Hellas
24/04/2017 20:22
Nel posticipo del 25 aprile il Perugia, che non perde in casa da parecchi mesi, ospita il Verona al Renato Curi. Bucchi, per fermare l'Hellas, dovrebbe confermare la stessa squadra che ha battuto il Novara. Quindi 3-4-1-2 con Brignoli in porta e la difesa a tre formata da Monaco, Mancini e Di Chiara. Sulle fasce spazio a Fazzi e Gnahoré (Guberti in panchina), mentre in mezzo agirà la coppia Brighi e Acampora. Dietro alle punte Nicastro e Forte dovrebbe esserci Mustacchio (in vantaggio su Dezi). Bomber Di Carmine nemmeno convocato (non sta bene).

Perugia (3-4-1-2): Brignoli; Monaco, Mancini, Di Chiara; Fazzi, Acampora, Brighi, Gnahoré; Mustacchio; Nicastro, Forte. All: Bucchi

LA CONFERENZA
Brighi: Fabio, amico mio voglio darti dispiacere
24/04/2017 17:26
“Pecchia? Mi rivedevo in lui come personaggio. Sta facendo bene a Verona, ma spero domani di dargli un dispiacere. All’andata c’è stata molta voglia di giocare. Abbiamo avuto una reazione importante imponendo quel che sappiamo fare. È proprio dal giocare che dobbiamo ripartire”. Così Matteo Brighi, centrocampista del Perugia, parla in conferenza stampa in vista della sfida col Verona. Lui e Fabio Pecchia sono stati compagni di squadra a Bologna nel 2002, sfiorando la Champions League con Guidolin in panchina.

Anche Brighi concorda con Bucchi sul Perugia che deve essere battagliero: “Per la nostra filosofia siamo propensi a picchiare. Bisogna però essere bravi a capire i limiti delle partite e portare a casa un certo tipo di risultato, fa parte della maturità di una squadra. Manca un mese al termine e speriamo di raggiungere un determinato livello”.
L.VAL.

LA CONFERENZA
Bucchi avvisa l'Hellas: "Ci piace picchiare"
24/04/2017 17:19
"L'Hellas è la squadra più forte, anche se come tutti ha avuto un momento difficile. Ha vinto a Bari non rischiando nulla e giocando con qualità. Hanno un grande allenatore e organico. Affronteremo un avversario tostissimo. Dobbiamo essere il miglior Perugia e giocare come sappiamo. Sono sicuro che possiamo fare molto bene. Perugia, usando il gergo delle bocce, che più 'accosta' o 'mena'? A me piace molto picchiare e non accostare ma in un campionato di 42 giornate devi anche accostare". Cristian Bucchi tecnico del Perugia interviene in conferenza stampa alla vigilia del match con l'Hellas.

L'ex bomber della Serie B ha continuato parlando dei suoi infortunati: “Sarà difficile che Di Carmine possa essere della partita, ma domattina è in programma l’ultimo test. Volta e Del Prete vedremo oggi. Attualmente sono tutti in dubbio, una valutazione complessiva non potrà essere fatta prima di domattina. Ogni partita è decisiva ed è normale che si debba essere meno belli ma più pratici. Noi cerchiamo di coniugare le due cose ma non è facile. Siamo entrati nel momento decisivo e non ci tiriamo indietro”.

Bucchi infine ha ricordato gara d'andata al Bentegodi: “Abbiamo sbagliato due mezze cose e ci hanno fatto due gol. Poi abbiamo dominato sul piano del ritmo e del palleggio. Queste cose devono darci la consapevolezza di affrontare una squadra forte ma determinata a giocarsela”.
L.VAL.

PARLA IL MISTER
Pecchia: A Perugia con la stessa voglia di Bari
24/04/2017 15:27
"Quella contro il Bari è una partita che deve rafforzare l'autostima del gruppo, perché è una vittoria arrivata contro una squadra forte, esperta, su un campo difficile. Ne usciamo con grande fiducia, ma va subito archiviata per pensare al Perugia. Il ritiro di Roma ci ha dato la possibilità di riassorbire qualche colpo subito nella gara contro il Bari e passare del tempo tutti insieme. Ora siamo pronti per un'altra partita importante. Abbiamo perso due calciatori per squalifica, ma dobbiamo riprenderci immediatamente, abbiamo le energie per farlo con tutto il gruppo, al di là delle assenze". Queste le dichiarazioni di Fabio Pecchia, rilasciate a Roma ad HV24 alla vigilia di Perugia-Hellas.

L'allenatore del Verona non potrà seguire la squadra dalla panchina: "La mia squalifica? Mi sembra eccessiva, è la prima volta che mi capita. Ho oltrepassato la linea dell'area tecnica, ma non ho offeso nessuno. Mi dispiace non esserci, ma la squadra è pronta e il mio vice Corrent è in grado di gestire tutte le operazioni, mi lascia tranquillo. Il Perugia? Ogni squadra ha qualcosa da giocarsi, così anche per umbri. Sono una squadra diversa rispetto al Bari, ci fa piacere che l'ambiente si preannunci caldo. In casa non perde da più di quattro mesi, ma questo non deve cambiare il nostro atteggiamento. Voglio vedere la stessa personalità, la stessa voglia di giocare, sappiamo essere una squadra con grande carattere e lo abbiamo dimostrato".
L.VAL.

PERUGIA-VERONA, I PRECEDENTI IN SERIE B
Verona, in Serie B 2 vittorie a Perugia
24/04/2017 13:41
L’Hellas a Perugia per la 38^ giornata di B. I gialloblù sono secondi in classifica a quota 65 punti (+3 dal Frosinone che è 3°) e vogliono dar seguito alle 2 vittorie contro Cittadella e Bari, anche per provare ad avvicinarsi alla capolista Spal (70 punti). Il Perugia arriva alla sfida, dopo aver battuto il Novara in trasferta per 0-1. Per gli umbri 5° posto e lotta per i playoff ancora aperta.

Le due squadre si sono affrontate in Serie B ben 9 volte ed il bilancio è di 4 vittorie dei padroni di casa, 3 pari e 2 affermazioni ospiti.

La prima volta che hanno incrociato i guantoni è avvenuta nel 1933/34 (19 novembre 1933). In quell’occasione i grifoni trionfarono con un sonoro 5-0. Il primo punto, l’Hellas l’ha conquistato nel 34/35 (17 marzo 1935): 1-1 e gol di Patuzzi.

Dopo una pausa di 33 anni, Perugia e Verona sono state nuovamente faccia a faccia in cadetteria nel 1967/68 (12 maggio 1968): 3-1 il risultato finale. Pari a reti inviolate invece nel 1974/75 (26 gennaio 1975) e nel 1981/82 (27 settembre 1981).

Il primo successo dei “mastini” è avvenuto nel 1994/95 (26 marzo 1995): pirotecnico 3-4 coi gol segnati da Cammarata (tripletta) e Fermanelli.

La stagione successiva (1995/96), i biancorossi s’imposero 3-2, mentre nel 1997/98 fu 2-1. Nel 2004/05 (12 dicembre 2004), la seconda e ultima vittoria gialloblù: 0-2 grazie ad un’autorete e a una rete segnata da Bogdani.

Nel computo delle reti realizzate, Perugia in vantaggio 17 a 11.

PERUGIA-VERONA, I PRECEDENTI IN SERIE B:
GARE GIOCATE: 9
VITTORIE PERUGIA: 4
PAREGGI: 3
VITTORIE VERONA: 2
GOL FATTI PERUGIA: 17
GOL FATTI VERONA: 11
A.F.

IL PRESIDENTE UMBRO
Santopadre: Voglio tutta Perugia contro l'Hellas
23/04/2017 23:26
"Abbonati e fedelissimi insieme a me fino a martedì sera abbiamo un compito importante da svolgere. In ogni posto, in ogni luogo, in ogni negozio, in ogni supermercato, in ogni piazza a qualunque persona, conoscente o meno, che incontriamo rivolgiamogli la frase 'Ci vediamo martedì sera alle 20.30" e se qualcuno ci chiederà 'Perché? Dove?' la risposta dovrà essere 'Perché gioca il Perugia, perché si sta giocando la Serie A perché ne va del nostro orgoglio, del nostro onore e tutti i perugini, quelli che hanno a cuore la propria terra, ci devono essere. Divulghiamo il messaggio. Se lo faremo lo stadio sarà una bolgia. Il Presidente Massimiliano Santopadre".

Il presidente del Perugia, Massimiliano Santopadre, ha caricato il match di martedì col Verona, attraverso il sito ufficiale della società umbra, con questo comunicato stampa.
L.VAL.

FONTE: TGGialloBlu.it


PROBABILI FORMAZIONI
Le probabili formazioni di Perugia-Hellas Verona - Bucchi senza Di Carmine
25.04.2017 06.52 di Daniele Vitiello
Torna in campo la Serie B in questo martedì 25 aprile. A chiudere il turno infrasettimanale stasera ci sarà Perugia-Hellas Verona, in programma alle 20.30 in contemporanea con Carpi-Trapani. Al Renato Curi scenderanno in campo due squadre alla ricerca di punti importantissimi per continuare a sognare una promozione nella massima serie.

COME ARRIVA IL PERUGIA - La formazione di Bucchi non perde in casa dal 25 ottobre (0-2 contro il Carpi): da allora ha centrato dodici risultati utili interni consecutivi ed è la migliore striscia del campionato. Padroni di casa che dovranno fare a meno di Di Carmine, con Forte e Nicastro pronti a far coppia in avanti.

COME ARRIVA L'HELLAS VERONA - Con venticinque reti messe a segno, quella di Pecchia (squalificato dopo l'espulsione nel match con il Cittadella) è la squadra con il miglior attacco esterno del campionato. Lontano dal Bentegodi gli scaligeri nell'ultimo periodo hanno raccolto tre vittorie e due pareggi. Out Ferrari e Siligardi per squalifica, insieme a Pisano. Non al meglio invece Fossati, che ieri ha lavorato a parte.

Le probabili formazioni
Perugia (4-4-2): Brignoli; Mancini, Gnahoré, Di Chiara, Monaco; Fazzi, Brighi, Acampora, Mustacchio; Nicastro, Forte. All.: Bucchi.
Hellas Verona (4-3-3): Nicolas; Romulo, Bianchetti, Boldor, Souprayen; Valoti; B.Zuculini, Bessa; Luppi, Pazzini, Fares. All.: Pecchia.

SERIE B
Perugia, i convocati di Bucchi: out Di Carmine
25.04.2017 00:40 di Daniel Uccellieri
Sono 20 i convocati dal tecnico Bucchi per la partita di domani contro l'Hellas Verona: PORTIERI: Brignoli, Elezaj; DIFENSORI: Belmonte, Del Prete, Di Chiara, Dossena, Fazzi, Mancini, Monaco; CENTROCAMPISTI: Acampora, Brighi, Dezi, Gnahore, Ricci; ATTACCANTI: Di Nolfo, Forte, Guberti, Mustacchio, Nicastro, Terrani.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Perugia: ultima sgambata prima di #PerugiaVerona
25/APRILE/2017 - 13:00

Perugia - Ultima sgambata per i gialloblù prima di Perugia-Hellas Verona. La squadra, agli ordini di mister Fabio Pecchia, ha svolto riscaldamento, risveglio muscolare ed esercitazioni tattiche per reparto, presso lo stadio comunale 'G. Fioroni'. Lavoro atletico per Siligardi e Alex Ferrari, che non prenderanno parte alla sfida contro il Perugia in quanto squalificati. Il fischio d'inizio della sfida in programma al 'Curi' è fissato alle ore 20.30.

Albertazzi, Gomez e Pisano hanno proseguito il lavoro personalizzato a Peschiera.

Numeri e curiosità sulla trasferta di Perugia
24/APRILE/2017 - 17:30

NUMERI & CURIOSITA'
Scopri i numeri, le statistiche e le curiosità fornite da Opta Sports e Panini Digital di Perugia-Hellas Verona, 38a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17, in programma martedì 25 aprile (ore 20.30) allo stadio 'Curi'.

- Quello di domani al Curi sarà la sfida numero 19 tra le due squadre in Serie B: il Perugia è riuscito a vincere per 7 volte, 8 invece i pareggi. 4 le vittorie del Verona. Nell'ultimo incontro in terra umbra, datato 2004, fu l'Hellas a prevalere 2-0.

- Hellas in trasferta: ottimi numeri per Pazzini e compagni nell'ultimo periodo lontano dal Bentegodi: 3 vittorie e 2 pareggio nelle ultime 5 gare. Inoltre, il Verona è la squadra con il miglior attacco esterno del campionato. 25 le reti messe a segno.

- Con il gol al Bari, Bruno Zuculini diventa il 13° marcatore del Verona in questo campionato. Mentre l'Hellas resta la squadra, assieme al Benevento, ad aver concluso più partite senza subire gol: 16.

- Il Perugia non perde in casa dal 25 ottobre (0-2 contro il Carpi), da allora ha centrato 12 risultati utili interni consecutivi: è la migliore striscia del campionato.

[...]

Pecchia: «Abbiamo carattere, dimostriamolo anche a Perugia»
24/APRILE/2017 - 15:00
Roma - Le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù Fabio Pecchia, rilasciate alla vigilia di Perugia-Hellas Verona, 38a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

«Quella contro il Bari è una partita che deve rafforzare l'autostima del gruppo, perché è una vittoria arrivata contro una squadra forte, esperta, su un campo difficile. Ne usciamo con grande fiducia, ma va subito archiviata per pensare al Perugia. Il ritiro di Roma? Ci ha dato la possibilità di riassorbire qualche colpo subito nella gara contro il Bari e passare del tempo tutti insieme. Ora siamo pronti per un'altra partita importante. Abbiamo perso due calciatori per squalifica, ma dobbiamo riprenderci immediatamente, abbiamo le energie per farlo con tutto il gruppo, al di là delle assenze. La mia squalifica? Mi sembra eccessiva, è la prima volta che mi capita. Ho oltrepassato la linea dell'area tecnica, ma non ho offeso nessuno. Mi dispiace non esserci, ma la quadra è pronta e il mio vice Corrent è in grado di gestire tutte le operazioni, mi lascia tranquillo. Il Perugia? Ogni squadra ha qualcosa da giocarsi, così anche per umbri. Sono una squadra diversa rispetto al Bari, ci fa piacere che l'ambiente si preannunci caldo. In casa non perde da più di quattro mesi, ma questo non deve cambiare il nostro atteggiamento. Voglio vedere la stessa personalità, la stessa voglia di giocare, sappiamo essere una squadra con grande carattere e lo abbiamo dimostrato».

Roma: report seduta mattino
24/APRILE/2017 - 13:30
Roma - Allenamento mattutino per i gialloblù. La squadra, agli ordini dell'allenatore Fabio Pecchia, ha svolto riscaldamento, lavoro di rapidità, esercitazioni tattiche e partitella. Lavoro differenziato sul campo campo per Marco Ezio Fossati.

Questo pomeriggio la squadra si trasferirà a Perugia, dove domani svolgerà la rifinitura mattutina in vista del match in programma alle ore 20.30 allo stadio 'Curi'.

PROGRAMMA ALLENAMENTI*
Martedì 25 aprile: allenamento mattutino (ore 11) a porte chiuse; Perugia-Hellas Verona (20.30)

Bianchetti: «Bari? Vittoria importante e difficile. A Perugia con fiducia»
23/APRILE/2017 - 19:00

Roma - Su Hellas Verona Channel l'intervista esclusiva a Matteo Bianchetti. Le dichiarazioni del difensore gialloblù, rilasciate al termine dell'allenamento mattutino nel ritiro di Roma.

«La vittoria di Bari? Importantissima e di squadra. Restando uniti sono arrivati tre punti fondamentali su un campo molto difficile. Nonostante l'inferiorità numerica potevamo chiudere prima la gara, ripartivamo tutti insieme creando tante occasioni. Siamo padroni del nostro destino, dipende tutto da noi per raggiungere il nostro obiettivo. Le prestazioni della difesa? Merito di tutta la squadra. Se abbiamo l'atteggiamento giusto e giochiamo con umiltà tutto diventa più facile. Se ti difendi in 11 gli avversari fanno fatica a segnare, ma possiamo migliorare ancora perché certi gol presi erano evitabili. Tutti stanno dando il loro contributo, da qui alla fine manca poco e ognuno di noi si deve far trovare pronto. Siamo molto fiduciosi per la partita di martedì contro il Perugia».

Roma: report seduta mattino
23/APRILE/2017 - 15:00

Roma - Allenamento mattutino per i gialloblù. La squadra, agli ordini dell'allenatore Fabio Pecchia, dopo aver svolto esercitazioni tattiche, si è divisa in due: chi ha giocato ieri ha effettuato lavoro defaticante sul campo, chi non è sceso in campo ha svolto circuiti di rapidità, lavoro atletico e partitella.
Lavoro differenziato in palestra per Fossati, a causa del trauma contusivo subito alla coscia sinistra durante Bari-Hellas Verona.

La squadra tornerà in campo domani per un allenamento mattutino (ore 11) a porte chiuse.

PROGRAMMA ALLENAMENTI*

Lunedì 24 aprile: allenamento mattutino (ore 11) a porte chiuse
Martedì 25 aprile: Perugia-Hellas Verona (20.30)

*Gli orari degli allenamenti potrebbero subire variazioni a seconda delle esigenze dello staff tecnico. Per eventuali cambiamenti si prega di consultare il report giornaliero su hellasverona.it

Giudice sportivo: una giornata a Pecchia, Ferrari e Siligardi
23/APRILE/2017 - 13:45
Verona - Il Giudice Sportivo, Emilio Battaglia, ha squalificato per una giornata l'allenatore gialloblù Fabio Pecchia «per avere, al 20° del secondo tempo, contestato platealmente l'operato arbitrale, rivolgendo agli Ufficiali di gara espressioni offensive». Una giornata di squalifica anche per Alex Ferrari, espulso durante Bari-Hellas Verona «per doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario». Infine, squalifica di un turno anche per Luca Siligardi, ammonito «per comportamento scorretto nei confronti di un avversario» (già diffidato, quinta sanzione). Il tecnico e i due calciatori quindi non ci saranno per Perugia-Hellas Verona, 38a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

FONTE: HellasVerona.it

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#VeronaNapoli RÔMULO

#VeronaNapoli highlights

Wallpapers gallery