Le schede di B/=\S: Samuele DALLA BONA (29 anni)

Pubblicato da andrea smarso martedì 16 marzo 2010 19:19, vedi , , , , , , , , , , | Nessun commento

Samuele Dalla Bona
Data di nascita:06/02/81
Luogo di nascita:San Donà di Piave (VE)
Nazionalità:Italiana
Ruolo:Centrocampista
Altezza:185 Cm.
Peso:76 Kg.
Posizione:

Carriera da giocatore:

 SquadraStagionePartiteGoal 
Hellas VeronaGen. 20102 (+2)0 (+1) 
Iraklis2009/201020 
Napoli2006/2009343 
Sampdoria2005/2006290 
Lecce2004/2005366 
Bologna2003/2004193 
Milan2002/200340 
Chelsea1998/2002556 
Atalanta1997/1998-- 

News e curiosità:

Un campione in erba, un talento precoce che a nemmeno vent'anni, nel 1998, si confrontava col CHELSEA di Premier League con gente del calibro di HASSELBAINK, ZOLA e GUDIOHNSON (nel '98 c'era pure VIALLI! Anzi fu proprio l'ex centravanti di DORIA e JUVENTUS a notare il centrocampista all'Europeo Under 16 in Scozia) e trovava pure posto nei Blues guidati da RANIERI...

Il vivaio atalantino, si sa, è da anni il migliore d'Italia ma alcune volte riesce a 'produrre' calciatori che sembrano predestinati (come ha ricordato anche COLOMBO che con Samuele ha giocato nelle giovanili nerazzurre): il MILAN lo nota e lo riporta in Italia nell'estate del 2002 ma fra i rossoneri DALLA BONA non trova spazio (nelle grandi italiane bisognava essere decisivi subito e magari stranieri se sivoleva sfondare e per certi versi poco è cambiato) e, nonostante sia titolare fisso nel centrocampo dell'UNDER 21 azzurra di GENTILE, viene dato in prestito prima al BOLOGNA (19 presenze e 3 gol) poi al LECCE zemaniano (36 gare e 6 gol, record per lui) ed infine alla DORIA che nel 2005 doveva partecipare alla coppa UEFA.

Dopo una stagione tutt'altro che esaltante nelle fila dei blucerchiati, l'anno successivo il suo cartellino viene acquistato dal NAPOLI che prova la scalata alla B ed effettivamente trascina i partenopei in Serie A (con un Eurogol al TREVISO ed uno al 'Bentegodi' fra l'altro) poi viene 'accantonato' improvvisamente dalla società; il problema? Secondo DALLA BONA è l'aver rifiutato il traferimento al BIRMINGHAM che era già dato per fatto dalle due compagini.

Samuele pose il veto e da allora in poi fu 'guerra' fino ad arrivare alla situazione paradossale di un anno fa: Febbraio 2009 Sam stipula con i partenopei una sorta di 'rescissione a tempo' e cioè se entro un mese non riuscirà a trovare una sistemazione il centrocampista verrà reintegrato in rosa col suo precedente contratto. In effetti qualcosa si muove, DALLA BONA si offre a molti (col WEST HAM di ZOLA c'era stato un promettente contatto ma la squadra della PREMIER LEAGUE era già al completo) ma la situazione non si sblocca.

Alla fine il centrocampista trova spazio nella Serie A greca (!!!) all'IRAKLIS ma dopo mezza (travagliata) stagione vuole tornare in Italia dove effettivamente anche squadre di Serie B (su tutte PADOVA e ALBINOLEFFE) lo accoglierebbero a braccia aperte ma Sam vuole solo il VERONA, una squadra che, in piena riscossa lo attrae fatalmente! DALLA BONA sa quanto ci si aspetta da lui e rilancia con entusiasmo, ardore e forza di rivalsa: non vede l'ora di tornare in campo per far vedere al calcio che Sam è tornato e tutti dovranno fare i conti con lui!



[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]

LA CONDANNA
Dalla Bona multato 8mila euro: guidava ubriaco
12/10/2017 09:43
Multa da 8mila euro per Samuele Dalla Bona, ex giocatore di Verona (e anche ex di Chelsea e Napoli) per guida in stato di ebbrezza. L'ex centrocampista di San Donà il 12 ottobre 2013 era stato fermato per un controllo mentre era alla guida della sua Bmw e gli agenti lo trovarono con un tasso alcolemico di 1,21 grammi per litro.

Dalla Bona, su indicazione del giudice, doveva effettuare "lavori di pubblica utilità" ma l'ex centrocampista non avrebbe rispettato questa direttiva e per questo è stato condannato, quattro anni dopo, a pagare 8mila euro di multa.

Il centrocampista giocò nel Verona nella stagione 2009/2010 in Lega Pro nell'anno dell'esonero di Remondina e dei play-off persi col Pescara di Eusebio Di Francesco (sulla panchina gialloblù c'era Vavassori).

FONTE: TGGialloBlu.it


Interviste
Dalla Bona: “Il Napoli si è ormai consolidato, da anni gli azzurri giocano un bel calcio”
VERONA, ITALY - MAY 26: Samuele Dalla Bona of Napoli celebrates after scoring during the Serie B match between Hellas Verona and Napoli on May 26, 2007 at the Stadio Marc Antonio Bentegodi in Verona, Italy. (Photo by New Press/Getty Images)

L’ex centrocampista Samuele Dalla Bona, in un’intervista rilasciata a ItaliaCalcio24.it, ha ripercorso alcune delle tappe più significative della sua carriera, tra cui l’ottima parentesi al Napoli, ed espresso la sua opinione in merito alla forza della Juventus anche in questa edizione del campionato italiano.

In Italia lei ha giocato in diversi club, quali esperienze ricorda con più piacere?
“Mi sono trovato bene a Napoli e a Lecce, dove ho giocato e sono state esperienze positive. Queste sono le squadre nelle quali mi sono trovato meglio”.

Lei ha giocato nel Napoli. Il goal contro il Treviso è il più bello della sua carriera?
“A Napoli mi sono trovato bene, una piazza calorosa anche se era l’anno di B. Ho fatto diversi gol tra i quali quello contro il Treviso, siamo riusciti a salire in A. Il calcio, però, non è sempre facile perché ero felice e contento in una situazione ideale ma poi sono arrivate delle difficoltà. Questo è il calcio e non si può far niente, ma ho ottimi di quegli anni”.

Gli azzurri di Sarri hanno pescato il Real Madrid in Champions…
“Io penso che il Napoli sia ormai consolidato, è una grande squadra. Contro il Real Madrid non è per niente facile, sono stati un po’ sfortunati nel sorteggio però se la possono giocare. Da anni gli azzurri sono forti e giocano un bel calcio, hanno anche il ritorno in casa che può essere un vantaggio poiché ci sarà un pienone di gente. Se la possono giocare”.

Da 5 anni in Serie A è evidente il predominio della Juventus, anche quest’anno la squadra di Allegri trionferà?
“Io sono di fede juventina ma la situazione è diventata anche un po’ ‘noiosa’ poiché vincono loro da 5 anni. Spero che Roma e Napoli tengano il passo così da tenere il campionato un po’ più aperto, in fondo hanno buone possibilità. Il Napoli l’hanno scorso se l’è giocata e poteva anche vincerlo lo scudetto ma perdendo a Torino c’è stato un calo morale che ha condizionato il cammino nei mesi seguenti. Speriamo che sia diverso perché un campionato finito a dicembre non è il massimo”.

In Champions è stato pescato il Porto, sulla carta era più agevole da affrontare. Che ne pensa?
“La Juventus ha trovato un turno più ‘semplice’ ma in campo internazionale dura perché le squadre giocano. Vedi il caso di Juventus-Lione, la mentalità straniera è quella di giocarsi la partita è per questo sarà molto dura. Loro sono costruiti per vincere un po’ dappertutto, speriamo di passare ma sarà dura”.

Fonte: ItaliaCalcio24.it

Foto tratta da internet

FONTE: NapoliSoccer.net


12:10 | venerdì 08 aprile 2016
Dalla Bona cerca lavoro su subito.it
L'ex centrocampista di Chelsea, Milan e Atalanta si rimette in gioco

di Michele Ruotolo - twitter:@michelenews24© www.imagephotoagency.it

DALLA BONA CURRICULUM ANNUNCIO SUBITO.IT - Non gioca una partita ufficiale da circa quattro anni, ma la sua carriera di calciatore non può dirsi finita per sopraggiunti limiti di età. Samuele Dalla Bona vanta un curriculum di tutto rispetto nel mondo del calcio: astro nascente dell'Atalanta, fu uno dei primi baby talenti italiani ad approdare al Chelsea (non ancora milionario) qualche anno fa, quindi il passaggio al Milan e la parabola discendente tra Bologna, Sampdoria, Napoli, Iraklis Salonicco, ancora Atalanta, Hellas Verona e Mantova. Adesso Dalla Bona, per gli amici "Sam", non ha più un lavoro, ma lo vorrebbe: sarà per questa ragione che, senza alcun complesso, l'ex centrocampista, 35 anni, ha messo il proprio curriculum su subito.it, noto sito in cui si vende e si compra, si cerca e si offre lavoro, nella speranza di trovare una occupazione. Così, come un qualsiasi operaio, proprio lui che ha provato l'emozione del debutto in Champions League ed ha vestito in carriera maglie molto più che prestigiose...


«CERCO LAVORO» - Il messaggio di Dalla Bona (che avevamo avvistato in vacanza qualche mese fa) è semplice e lineare, senza fronzoli, essenziale come nello stile del personaggio, da sempre abituato a dire le cose in faccia, senza filtri: «Cerco lavoro in qualche società calcistica italiana e non. Disponibilità da subito, massima serietà. La categoria non mi importa, basta che sia seria la dirigenza alle spalle. Se interessati lasciate nome, società e numero di telefono via mail e verrete ricontattati». All'interno del messaggio non è ben specificato di quale ruolo è alla ricerca Dalla Bona (si parla di calciatore, ma pure allenatore), si presume peròche la sua intenzione principale sia ancora quella di fare calcare i campi, nella posizione in cui meglio riusciva fino a qualche anno fa. L'ex Chelsea si rimette in gioco: lo fa in maniera stramba ma tutto sommato anche intelligente, se qualcuno fosse interessato al curriculum di uno che ha vinto Coppa di Lega inglese e Champions League, già sa...

FONTE: CalcioNews24.com


- DALLA BONA su Wikipedia (fonte: Wikipedia.org)
Samuele Dalla Bona
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Samuele Dalla Bona – detto Sam – (San Donà di Piave, 6 febbraio 1981) è un calciatore italiano, centrocampista svincolato.

Caratteristiche tecniche
Dalla Bona interpreta in campo il ruolo della mezzala, cioè di centrocampista votato al collegamento tra la mediana e l'attacco.

Carriera
- Club
Chelsea
Si fa notare nelle giovanili dell'Atalanta e a 17 anni, dopo che gli è stata consegnata la Targa Pisani come miglior giovane che si è messo in luce durante l'annata, nell'ottobre 1998, è acquistato dal Chelsea, club inglese. Nella stagione 1998-1999 vince la scarpa d'oro del Chelsea segnando 16 goal con la Squadra Riserve e venendo nominato Chelsea's young player dell'anno. Debutta in prima squadra la stagione seguente, nella partita di Champions League contro il Feyenoord mentre l'esordio in Premier League avviene contro il Coventry il 12 aprile 2000 con Gianluca Vialli sulla panchina dei Blues. Con la partenza di due centrocampisti storici della squadra, Dennis Wise e Gustavo Poyet, nel 2001 Dalla Bona conquista la fiducia di Claudio Ranieri e un posto da titolare, totalizzando 32 presenze e 2 gol nel 2001-2002. Il primo lo segna contro l'Everton. Dopo questa importante annata, arriva un'allettante proposta da parte del Venezia di Maurizio Zamparini disposto a pagare 5 milioni di sterline per il talentuoso centrocampista. Samuele però vuole continuare la sua avventura al Chelsea e rifiuta il trasferimento, cosa che gli costa la momentanea esclusione dalla prima squadra e che porta all'acquisto di Frank Lampard. Ranieri però lo reintegra in rosa e Dalla Bona gioca un campionato ad altissimi livelli nonostante la sua giovane età, segnando quattro goal.

The best about Sam Dalla Bona

Il ritorno in Italia
Dopo essersi rifiutato di firmare il rinnovo del contratto, è messo sul mercato e passa al Milan nel luglio 2002, dopo 73 partite ufficiali e 6 gol con il Chelsea. La società rossonera spende un milione di sterline per averlo.
Con i rossoneri vince la Champions League 2002-2003 competizione nella quale colleziona 6 presenze, e la Coppa Italia nella quale segna contro il Chievo Verona, ma non riesce a battere la concorrenza di Gennaro Gattuso, Clarence Seedorf e Andrea Pirlo. Così l'anno dopo si trasferisce in prestito al Bologna. In rossoblu Dalla Bona partecipa attivamente alla salvezza del club segnando il goal decisivo contro il Siena nel finale di campionato. Nell'estate 2004 firma con il Lecce, dove viene impiegato costantemente dall'allenatore Zdeněk Zeman. 36 presenze e 6 goal in campionato più uno in Coppa Italia sono il bilancio di un'annata estremamente positiva per Dalla Bona. Nel 2005 è ceduto in prestito alla Sampdoria dove, nonostante un rendimento fatto di alti e bassi, gioca con regolarità quasi tutta la stagione.

Napoli
Alla fine della stagione torna al Milan e il 10 agosto 2006 è acquistato a titolo definitivo dal Napoli, neopromosso in Serie B, firmando un contratto quadriennale. Durante il campionato colleziona diverse presenze e tre gol, di cui uno spettacolare alla prima giornata di campionato contro il Treviso con un tiro al volo di sinistro da 30 metri. Con il Napoli raggiunge la promozione in Serie A segnando ancora una volta un goal decisivo e fornendo 2 assist vincenti nella partita contro l'Hellas Verona al Bentegodi.
Nella stagione 2007-2008 non trova quasi mai spazio nella squadra. Il direttore Marino ne esalta le doti tecniche e le qualità tattiche davanti ai media e viene riconfermato anche per la stagione successiva ma, a causa di dissapori ed incomprensioni con il tecnico Edy Reja, non viene mai utilizzato in campionato. Le sue presenze in campo si limitano ad una nel preliminare di Coppa UEFA ma nonostante ciò viene riconfermato anche per la stagione successiva. Non viene poi mai utilizzato in campionato e colleziona una sola presenza nel preliminare di Coppa UEFA e una in Coppa Italia segnando contro la Lazio dopo 3 mesi di lontananza dai campi da gioco. Il 4 febbraio 2009 rescinde consensualmente il contratto.[4] Vola nel Regno Unito dove si allena per un mese con il Fulham di Roy Hodgson, ma intoppi burocratici ne impediscono il tesseramento. Stessa sorte con il West Ham guidato dal suo ex compagno Gianfranco Zola. Torna in Italia e si allena con il Domegliara, squadra italiana veronese di Serie D. Non avendo trovato una nuova squadra, il 1º luglio 2009 torna al Napoli.

Eurogol di Dalla Bona in Napoli-Treviso

La breve esperienza in Grecia e il ritorno in Italia
Il 7 agosto 2009 viene ceduto in prestito annuale ai greci dell'Iraklis, dove, a causa di una forte tendinite, totalizza solo due presenze. In seguito ai problemi finanziari del club greco, Dalla Bona il 1º febbraio 2010 si trasferisce in prestito all'Hellas Verona, in Lega Pro Prima Divisione. Segna il suo primo gol con la maglia del Verona contro il Rimini durante la sfida play off (la partita terminerà 1-0 per il Verona). Gli scaligeri, che mancano la promozione, non riscattano il cartellino e, scaduti i termini del prestito, rientra al Napoli.

Il ritorno all'Atalanta e il passaggio al Mantova
Il 31 agosto 2010 ritorna nella società in cui è cresciuto calcisticamente, l'Atalanta, con la formula del prestito con diritto di riscatto. L'esordio avviene il 27 ottobre nella partita di Coppa Italia contro il Livorno giocando tutti i novanta minuti. Non è mai impiegato in campionato per problemi motivazionali e fisici. Durante la primavera 2011 il padre Luigi si ammala gravemente e tornato al Napoli a fine stagione, con contratto in scadenza nel 2013, viene messo fuori rosa e svolge la preparazione a Bergamo.
Per restare il più vicino possibile al genitore in fin di vita, il 31 agosto 2011 rescinde consensualmente con il Napoli e firma per il Mantova neopromosso in Lega Pro Seconda Divisione, club geograficamente più vicino a Portogruaro, città dove vive la sua famiglia. Fa il suo esordio il 26 ottobre durante la partita contro l'Alessandria finita 1-1. Colleziona otto presenze in campionato e a fine stagione, in depressione per la morte del padre, smette.
Ha il patentino di allenatore "Uefa B".

Palmarès
- Club
Competizioni giovanili
- Campionato Primavera: 1 Atalanta: 1997-1998

Competizioni nazionali
- Coppa d'Inghilterra: 1 Chelsea: 1999-2000
- Community Shield: 1 Chelsea: 2000
- Coppa Italia: 1 Milan: 2002-2003
- Campionato italiano di Serie B: 1 Atalanta: 2010-2011

Competizioni internazionali
- UEFA Champions League: 1 Milan: 2002-2003



- Aggregatosi al gruppo, DALLA BONA viene presentato ufficialmente al popolo gialloblù! (fonte: HellasVerona.it - 26 Febbraio 2010)
26/02/2010 - 16:52
Dalla Bona: "Sono qui per il rilancio"
"La squadra deve proseguire su questa strada, voglio raggiungere la forma migliore quanto prima. Molto fiducioso sul futuro"
SANDRA' - Superati gli acciacchi, Sam Dalla Bona si è aggregato al resto della squadra nella giornata di venerdì, per prendere parte alla penultima seduta in preparazione al match di Andria (BA). Prime parole davanti agli organi d'informazione per il centrocampista di scuola atalantina, che presso gli impianti sportivi di Sandrà (VR) ha raccontato le difficoltà degli ultimi periodi e la volontà di vestire un ruolo da protagonista col club di Via Torricelli. Hellasverona.it vi offre le dichiarazioni del centrocampista gialloblù:

Finalmente raggiungi il resto dei compagni.
"Sì, sono arrivato dopo aver superato qualche problema. Ora inizio ad allenarmi, ci vorrà del tempo perchè necessito di lavoro, ma sono fiducioso".
Sei reduce da un periodo trascorso a Cesenatico, dove hai seguito un programma di allenamento personalizzato.
"Avevo una tendinite, sono stato con Chierici un mese e mezzo in modo da superare le difficoltà. Purtroppo sono incappato in due stagioni travagliate, sono qui con lo spirito di chi vuole rilanciarsi e far bene".
Perchè hai scelto l'Hellas Verona?
"E' sempre stata una società importante, di prestigio. Penso che la mia risalita e quella del club possano coincidere. Ho sposato il progetto sperando che tutto vada nel verso giusto, bisogna mantenere questa posizione fino alla fine. Mi auguro di entrare a far parte del gruppo al cento percento".
Anni fa eri considerato una delle stelle nel futuro del calcio italiano, col passare degli anni ti sei un pò perso per strada.
"Dopo bei campionati l'ultimo anno e mezzo è coinciso con diversi problemi. Si riparte, con la voglia e lo spirito di sempre".
Bonato ha raccontato di aver visto in te un giocatore pronto a rimettersi in discussione.
"Penso sia il minimo. Ringrazio il direttore per le sue parole, spero di ripagare la fiducia di tutti con l'impegno. La squadra deve proseguire sui binari giusti, voglio raggiungere la forma migliore quanto prima".
Ufficio Stampa


- Dopo settimane di 'ritiro' a Cesenatico con SELVA, finalmente DALLA BONA è pronto e l'HELLAS lo presenta ufficialmente! (fonte: Goal.com - 26 Febbraio 2010)
L'ex centrocampista del Napoli riparte dalla sua regione.
Finalmente Dalla Bona! Il centrocampista è pronto, il Verona lo presenta UFFICIALMENTE
Questa sera Samuele Dalla Bona verrà presentato dall’Hellas Verona alla stampa. Finalmente partirà quindi l’avventura dell’ex centrocampista del Milan in giallo blu. Per lui fino a questo momento solo attività di recupero a Cesenatico e qualche sporadica apparizione sugli spalti del Bentegodi.

Il calciatore che ha compiuto 29 anni venti giorni fa ci tiene a parlare del suo passato al Napoli “nell’anno della promozione in Serie A andava tutto bene e il posto da titolare non era mai in dubbio. Poi si ruppe qualcosa, e credo sia per il mio no alla cessione del mio cartellino al Birmingham”.

Bando alle ciance però, Napoli è passato e Verona il presente “quando mi ha chiamato Bonato ero davvero felice e ho accettato subito. Son nato in questa regione eppure non ho mai militato in una compagine veneta, per me quest’opportunità significa molto”.

Società e tifosi si aspettano molto da lui, tant’è che la società con lui pare già intenzionata a parlare di qualcosa di più di un solo anno di contratto, egli però frena “non gioco da tanto tempo e devo dimostrare nuovamente quanto valgo a tutti, spero di riuscirci!”.
Giacomo Luigi Uccheddu


- NAPOLI: I perchè di un divorzio... (fonte: NapoliSport.net - 16 Febbraio 2010)
Calciomercato, Sam Dalla Bona passa all'Hellas Verona
DALLA BONA: "A NAPOLI SMISI DI GIOCARE DOPO IL RIFIUTO AL BIRMINGHAM"
autore: Gioia Seminario
Discusso protagonista delle vicende di mercato partenopee, dopo lungo peregrinare, Samuele Dalla Bona ha trovato finalmente spazio in una squadra italiana e, nelle ultime ore del mercato di riparazione del gennaio 2010, è approdato all'Hellas Verona. Dal sito ufficiale di questa squadra, l'ex centrocampista azzurro ha parlato della sua esperienza nel capoluogo partenopeo, iniziata in maniera brillante e finita in maniera deludente, e ha detto: "A Napoli inizialmente le cose andavano alla grande, nell'anno della promozione in Serie A ho sempre giocato ed ero contento. Non ho mai capito bene cosa sia successo, si è rotto qualcosa prima con la società che col mister. Il mio cartellino venne ceduto al Birmingham nelle ultime ore di mercato, ma io posi un veto. Da lì nacque un vero e proprio ridimensionamento delle mie possibilità di giocare".

Il calciatore, protagonista della stagione che ha traghettato il Napoli dalla serie B alla A, già nel 2007/08 inizia a non trovare più spazio tra i titolari. Quando agli inizi del 2009 gli azzurri tentarono di cederlo lui si oppose, e poco dopo firmò un accordo che prevedeva il suo rientro a Napoli se non avesse trovato spazio altrove. Dopo aver lasciato la Campania, ha continuato ad allenarsi nei pressi di Verona e non ha trovato una nuova squadra ma, alla scadenza dell'accordo, non è stato convocato per il ritiro di Lindabrunn. Nel mercato estivo venne ceduto in prestito al club greco Iraklis ma, privo di successo anche lì, è tornato infine a Verona, chiudendo una carriera che sembra ormai segnata in Prima Divisione.


- VERONA piazza ideale per il rilancio di Sam... (fonte: HellasVerona.it - 11 Febbraio 2010)
Dalla Bona: "Grande spirito di rivalsa"
"I presupposti per far bene ci sono, non vedo l'ora di iniziare. Speriamo che la squadra continui così, Verona era l'ideale per il rilancio"
VERONA - Dagli spogliatoi dello Stamford Bridge con Zola, Vialli, Hasselbaink e Gudjohnsen a quelli del "Bentegodi", a pochi minuti di distanza dalla vittoria dei gialloblù contro il Ravenna. Dopo aver compiuto i primi passi da professionista in Inghilterra, dove alzò la Champions League del 2003 col Milan, ne ha fatta di strada Samuele Dalla Bona, che al termine di due anni e mezzo caratterizzati da molte difficoltà ha sposato il progetto stilato da Nereo Bonato e Giovanni Martinelli. Il centrocampista originario di San Donà di Piave (VE) si appresta a concludere il lavoro specifico nel centro di Cesenatico (FC) in cui ha potuto conoscere il compagno Andy Selva, per aggregarsi alla formazione di Remondina in vista del rush finale. Hellasverona.it ha contattato telefonicamente l'ex Napoli per raccogliere alcune dichiarazioni:

Con che ritmi sono scandite le tue giornate in quel di Cesenatico?
"Al mattino trascorro circa un'ora in piscina, mentre nel pomeriggio si lavora in palestra a seconda delle necessità. Attorno alle 16-16:30 vengono effettuati degli impacchi, sempre basati sulle esigenze dell'atleta. Il programma prevede un incremento graduale dei carichi in modo da tornare a disposizione del club nel modo migliore."
Domenica hai assistito alla gara col Ravenna: che impressione ti ha fatto la squadra gialloblù?
"Era la prima volta che vedevo l'Hellas dal vivo, mi è parsa una bella formazione per essere in Prima Divisione, soprattutto rapportando la prestazione alla caratura dell'avversario. Ci sono bei giocatori, sono rimasto contento."
Considerata la corte spietata di altre compagini di cadetteria, cosa ti ha portato a preferire Verona?
"Diversi fattori hanno influito sulla mia scelta. Sono veneto e non ho mai militato in una compagine di questa regione, mi rendeva felice poter vestire questa maglia. Verona è una piazza importante, dove il calcio è vissuto in maniera viscerale. Quando sono venuto a conoscenza dell'interessamento da parte di Bonato non ho potuto nascondere la mia felicità, si tratta di un'opportunità importante. Il posto ideale per un rilancio personale e dei colori gialloblù."
Al "Bentegodi" contro l'Hellas hai segnato tre anni fa, quando indossavi la maglia del Napoli. Sei consapevole di avere qualcosa da farti perdonare...
"Lo stadio veronese mi ha sempre portato bene, in quell'occasione feci un gol e due assist. Spero sia di buon auspicio, cercherò di ripagare la fiducia al cento percento. Gli interrogativi nascono dalle mie poche presenze negli ultimi tempi, sono comunque pronto a rimettermi in moto. I presupposti per far bene ci sono, non vedo l'ora di iniziare. Speriamo che la squadra continui così."
A cosa è dovuta la tua rottura col club partenopeo?
"Inizialmente le cose andavano alla grande, nell'anno della promozione in Serie A ho sempre giocato ed ero contento. Non ho mai capito bene cosa sia successo, si è rotto qualcosa prima con la società che col mister. Il mio cartellino venne ceduto al Birmingham nelle ultime ore di mercato, ma io posi un veto. Da lì nacque un vero e proprio ridimensionamento delle mie possibilità di giocare."
Cosa hai potuto imparare dalle esperienze all'estero, in Inghilterra prima e Grecia poi?
"Gli anni al Chelsea me li porto dentro, sono stati i migliori perchè esistevano i presupposti per crescere sotto ogni punto di vista. La cultura calcistica è totalmente diversa, a vent'anni vestivo la maglia da titolare in una squadra di valore, mentre al Milan non ho quasi mai giocato. All'Iraklis l'approccio era molto disteso, per esempio non esisteva il ritiro pre-gara. Aspetti positivi sotto qualche punto di vista, negativi per altri."
Tra i tuoi più grandi estimatori all'interno del gruppo c'è Colombo, che ti conosce sin dai tempi dell'Atalanta.
"E' un bel giocatore, può dare ancora tanto. Siamo accomunati dal fatto di aver girato l'Italia in lungo e in largo, vanta grande esperienza. Spero di ripagare anche la sua fiducia. L'importante è ripartire nel modo giusto."
Quali sono i punti di forza di Sam Dalla Bona?
"Ho sempre tenuto un comportamento da professionista, dando quanto possibile per le mie capacità. Sotto il punto di vista tecnico lascio giudicare alla gente, le persone si aspettano sempre molto da me."
Con quali prospettive un giocatore del tuo valore scende in una categoria come la Prima Divisione?
"Ho grande spirito di rivalsa, è difficile stare due anni senza scendere in campo. Non nascondo l'enorme voglia di ripartire."
Ufficio Stampa


- La 'ripartenza' di Sam! (fonte: CalcioMercato.com - 2 Febbraio 2010)
Calciomercato, Sam Dalla Bona passa all'Hellas Verona
Dalla Bona Ex Milan riparte da Verona
Grande colpo di mercato dell'Hellas Verona (1a divisione Lega Pro) che ieri nell'ultimo giorno di mercato invernale ha ufficializzato l'ingaggio del centrocampista Samuele Dalla Bona, 29 anni ex Chelsea, Atalanta e Milan, che arriva in prestito con diritto di riscatto dal Napoli dopo aver lasciato i greci dell'Iraklis Salonicco.
C.G.


- Il 'colpaccio' DALLA BONA! (fonte: LArena.it - 2 Febbraio 2010)
Dalla Premier League all'Hellas Anche Dalla Bona in gialloblù
L'ULTIMO COLPO. Tre stagioni in Inghilterra con il Chelsea prima di tornare in Italia e vestire la maglia del Milan Il centrocampista lascia l'Iraklis e passa al club di via Torricelli in prestito con diritto di riscatto Oggi conferenza stampa in sede
Sam Dalla Bona ha scelto l'Hellas. Lascia l'Iraklis, club greco di serie A, e passa al Verona in prestito con diritto di riscatto. Il suo cartellino è sempre del Napoli ma i fratelli D'Amico che seguono gli interessi del centrocampista hanno orchestrato tutta l'operazione per portarlo in riva all'Adige. Nato a San Donà di Piave il 6 febbraio 1981 - fra qualche giorno festeggerà il suo ventinovesimo compleanno - ha giocato con Milan e Sampdoria, Napoli e Lecce ma tutti ricordano Sam Dalla Boma per le sue stagioni in Inghilterra con la maglia del Chelsea. Giovane di belle speranze, la zazzera bionda e tanto «fosforo» in mezzo al campo.

CHE PREMIER! Cinquantacinque partite in tre anni, otto gol in Premier League, una delle promesse del calcio italiano. Nell'estate del 2004 il Milan decide di investire su di lui, lo prende dal Chelsea e lo riporta in Italia, una trattativa da un milione di sterline. Dalla Bona non trova spazio stretto da Gattuso e Ambrosini, alla fine della stagione la società rossonera decide di girarlo al Bologna, sempre in serie A. Gioca 19 partite e segna tre gol, torna alla base in estate ma riparte per Lecce, trentasei gare e sei reti in una stagione da incorniciare. Non basta per restare al Milan, ancora un prestito, questa volta alla Sampdoria.

VEDI NAPOLI...Nell'estate del 2006 «sposa» il progetto Napoli, scende in serie B, colleziona 32 presenze e fa centro tre volte, uno dei grandi protagonisti della promozione in A. L'anno dopo, però, qualcosa si rompe con Pier Paolo Marino, il direttore generale del Napoli, e Dalla Bona finisce ai margini della squadra partenopea. Due campionati nel dimenticatoio poi la scelta di lasciare ancora l'Italia e provare l'avventura in Grecia con la maglia dell'Iraklis. Sei mesi difficili, tante ombre e poche luci. Meglio ripartire, l'Hellas è la grande occasione, la categoria non è un problema. La piazza è importante, Martinelli e Bonato hanno un obiettivo chiaro da raggiungere, Dalla Bona si rimette in gioco.

LA SCELTA DI BONATO. Il diesse gialloblù, chiuso l'accordo con Francesco Di Gennaro e sistemato l'attacco, aveva impostato la trattativa senza dare troppo nell'occhio. «Non escludiamo nulla, se l'operazione è intelligente possiamo prendere Dalla Bona», aveva detto Bonato dopo le prime indiscrezioni. Probabilmente tutti i tasselli sono andati al posto giusto, la settimana scorsa l'accordo era già fatto, società e giocatore dovevano aspettare il transfer della federazione greca. Sabato è arrivato il nulla osta, ieri mattina la società ha ufficializzato l'acquisto del centrocampista. Risolti alcuni problemi logistici per il trasloco dalla Grecia all'Italia, Dalla Bona si metterà a disposizione di Remondina ma è difficile ipotizzare un suo impiego con il Ravenna.

IL BILANCIO. Il mercato gialloblù si chiude così con due soli acquisti - Francesco Di Gennaro e Sam Dalla Bona - ma si tratta di operazioni importanti che spingono in alto una squadra già prima in classifica. Tra i partenti Ignacio Gomez Taleb che ha scelto di passare al Gubbio, in Seconda Divisione, pur di giocare qualche partita in più. Questa mattina, alle undici e mezzo, Bonato terrà una conferenza stampa in sede per un bilancio del mercato di gennaio e illustrare le prospettive della squadra e della società.
Luca Mantovani


- DALLA BONA: Finalmente la firma ufficiale per l'HELLAS. (fonte: TuttoMercatoWeb.com - 1 Febbraio 2010)
LEGA PRO
UFFICIALE: Dalla Bona è del Verona
di Stefano Sica
Fonte: comunicato Hellas Verona
Hellas Verona Football Club rende noto che nella giornata di lunedì è avvenuto il perfezionamento del trasferimento in gialloblù dal Napoli del calciatore Samuele Dalla Bona. Il centrocampista classe '81, che negli ultimi mesi ha militato nell'Iraklis (campionato greco), passa al club di Via Torricelli in prestito con diritto di riscatto.


- La presentazione sul sito ufficiale. (fonte: HellasVerona.it - 1 Febbraio 2010)
Calciomercato, Sam Dalla Bona passa all'Hellas Verona
Il centrocampista classe ’81 si trasferisce dal Napoli alla società di Via Torricelli in prestito con diritto di riscatto
VERONA - Hellas Verona Football Club rende noto che nella giornata di lunedì è avvenuto il perfezionamento del trasferimento in gialloblù dal Napoli del calciatore Samuele Dalla Bona. Il centrocampista classe ’81, che negli ultimi mesi ha militato nell’Iraklis (campionato greco), passa al club di Via Torricelli in prestito con diritto di riscatto.

Di seguito la scheda del nuovo arrivo gialloblù:
Nome: Samuele
Cognome: Dalla Bona
Nato a: San Donà di Piave (VE) il: 06/02/81
Ruolo: centrocampista
Altezza: 1,85 m
Peso: 76 kg


- Con l'HELLAS manca solo la firma... (fonte: TuttoLegaPro.com - 1 Febbraio 2010)
Verona, pochi dettagli e poi si chiude per Dalla Bona
Tra Verona e Samuele Dalla Bona è tutto ok. Lo ha confermato anche il diesse degli scaligeri, Nereo Bonato: "Il Napoli ci ha confermato che è arrivato il transfer, pertanto domani (lunedì ndr) completeremo il tesseramento". In settimana Padova e Albinoleffe sono tornati alla carica con il club campano per avere il biondo centrocampista, ma Dalla Bona ha rifiutato confermando la scelta verso il progetto Verona.


- DALLA BONA vuole solo il VERONA... (fonte: VeronaSera.it - 29 Gennaio 2010)
Samuele Dalla Bona vuole solo l'Hellas
Il mediano crede nel progetto di Martinelli e ne vuole essere protagonista
Duilio Colonna
Manca solo il transfer dalla Grecia per Samuele Dalla Bona, ex centrocampista del Chelsea, all’Hellas Verona. Il centrocampista, che era in prestito dal Napoli all’Iraklis Salonicco, ha risolto il contratto con gli ellenici ed è libero di tornare in tornare in Italia.

Il diesse Bonato ha già strappato il sì del giocatore ed anche il presidente del Napoli De Laurentiis, possessore del cartellino, ha detto che il matrimonio tra il regista e l’Hellas si può fare. Dalla Bona sembra entusiasta del progetto del presidente Martinelli e di Bonato e potrebbe firmare un contratto fino a fine anno con la possibilità, in caso di promozione diretta in Serie B, di un prolungamento per altre tre stagioni.

Al palo, quindi, le altre pretendenti al centrocampista classe 1981, tra le quali l'AlbinoLeffe e il Padova. Sfumato anche l’interessamento dei “cugini” del Chievo. Su tutto sembra prevalere la volontà di Dalla Bona di far parte del gruppo di Remondina e di essere protagonista in un gruppo costruito per vincere questo campionato e per ben figurare anche l'anno prossimo.


- DALLA BONA ad un passo: Manca solo il transfer internazionale... (fonte: LArena.it - 28 Gennaio 2010)
28/01/2010
Concluso l'affare Dalla Bona: manca soltanto il transfer
L'ULTIMO BOTTO. Arriva in prestito con diritto di riscatto
Adesso c'è solo da aspettare qualche giorno. Forse qualche ora. E l'operazione restyling sarà completa.
Dopo Francesco Di Gennaro il direttore sportivo Nereo Bonato ha messo a segno un altro colpo, prelevando dall'Iraklis, via Napoli, il centrocampista Samuele Dalla Bona. L'accordo con il ragazzo c'è da tempo. Bonato ha trovato l'intesa anche con la società azzurra. Il giocatore arriva con la formula del prestito con diritto di riscatto.

PRONTO IL PLURIENNALE. Al termine della stagione a Dalla Bona l'Hellas sottoporrà un contratto pluriennale.
Il club di via Torricelli è in attesa del transfer da parte della federazione greca e poi il nuovo acquisto gialloblù potrà mettersi a disposizione di Gian Marco Remondina.

Dalla Bona ha tanta fame. Nelle ultime due stagioni al Napoli era finito ai margini.
La scelta di passare in prestito all'Iraklis, seconda squadra di Salonicco, era stata dettata dalla voglia di trovare un rilancio lontano dall'Italia.

Sulle sue tracce, però, si è messo il Verona, che non ha avuto dubbi sul valore tecnico del giocatore, destinato a vivere forse una nuova giovinezza in riva all'Adige.

PAROLA DI BONATO. Bonato ne è sicuro: «Dalla Bona può diventare un giocatore importante per il futuro del Verona. Farà parte del nostro progetto. È stata trovata un'intesa che credo possa stimolare tutti. Samuele ha dimostrato grande disponibilità anche quando ci siamo soffermati a trattare l'aspetto economico di questo suo trasferimento a Verona. Adesso lo aspettiamo a braccia aperte».

Durante la trattativa si erano messe sulle tracce del giocatore anche Padova e Albinoleffe. Ma le ragioni dell'Hellas hanno prevalso. Con l'operazione Dalla Bona il mercato in entrata del Verona deve considerasi chiuso.
«Dovremmo restare così», ha ribadito ieri Bonato. Anche in uscita potrebbe non accadere più nulla.
Alla riapertura delle contrattazioni ad inizio gennaio si era parlato di un possibile addio dei centrocampisti Burato e Campisi. Ma nulla in questo senso si è ancora mosso.

Continua intanto l'aggiornamento tra società e Comazzi legato all'offerta di rinnovo avanzata dal Verona al difensore in scadenza. Le parti vanno alla caccia ormai da tempo di un punto d'intesa che tuttavia non è ancora stato trovato.
Simone Antolini


- Anche il 'Ciccio' Vighini dal suo blog esalta il 'colpaccio' DALLA BONA! (fonte: Blog.TeleNuovo.it/Vighini - 27 Gennaio 2010)
MA ALLORA ANCHE I GRANDI GIOCATORI VENGONO IN C...
Samuele Dalla Bona è un giocatore da serie A. Il Verona è ancora più forte. Remondina guida una Ferrari triturbo. Non ci sono nè se nè ma alla conquista della B. Ma non ci dicevano che a Verona in C non voleva venire nessuno? Non eravamo diventati gli "appestati" del calcio italiano?

Pastorello, Arvedi e Cannella non ci hanno innondato tramite i loro meschini megafoni di queste tristezze per anni interi? Come mai adesso i grandi giocatori sono felici di venire a Verona? Forse siamo stati promossi in A e non lo sappiamo? Oppure è cambiato qualcosa, là dove si comanda e avevamo ragione noi quando contestavamo quelle dirigenze?

Complimenti vivissimi a Martinelli, Bonato, Siciliano: la serietà paga sempre. Per fortuna.


- VERONA: Samuele in arrivo... (fonte: TuttoMercatoWeb.com - 25 Gennaio 2010)
Verona, Dalla Bona ad un passo
di Riccardo Mancini
Il Verona sta per piazzare l'ennesimo colpo del proprio calciomercato: Samuele Dalla Bona (28), infatti, di proprietà del Napoli ma attualmente in Grecia con l'Iraklis Salonicco, è vicinissimo all'approdo in gialloblu. Secondo fonti vicine alla società scaligera mancherebbe solamente l'accordo con la squadra greca: per questo gli agenti del ragazzo, i fratelli D'Amico, nei prossimi giorni, cercheranno di sbloccare la trattativa in tutti i modi.


- L'IRAKLIS vuol 'far cassa': tira la corda e complica la trattativa ma noi abbiamo BONATO... (fonte: TGGialloBlu.it - 21 Gennaio 2010)
Dalla Bona, l'Iraklis complica la trattativa. Bonato incontra il Napoli
Il d.s. gialloblù è a Milano per incontrare i dirigenti del Napoli. Obiettivo: trovare l'accordo per il passaggio in gialloblù del centrocampista Sam Dalla Bona, che è dei partenopei ma è in prestito all'Iraklis. Proprio la società greca nelle ultime ore avrebbe complicato la trattativa chiedendo soldi per liberare a gennaio il giocatore. Bonato: "Trattativa possibile, ma c'è da lavorare".

"Non è una trattativa che si può chiudere in uno o due giorni. C'è da lavorarci, ma resto fiducioso". Nereo Bonato da Milano, sede del calciomercato, conferma la volontà del Verona di ingaggiare il centrocampista Samuele Dalla Bona, cartellino di proprietà del Napoli ma in prestito all'Iraklis. "Il ragazzo è entusiasta del nostro progetto, vuole tornare in Italia e ripartire da Verona" aveva detto Bonato nei giorni scorsi, ma la trattativa si sarebbe complicata nelle ultime ore.

L'IRAKLIS BATTE CASSA. L'Iraklis di Salonicco, formazione al quint'ultimo posto del campionato di serie A greco, avrebbe fatto capire che libererà Dalla Bona a gennaio solo in cambio di una contropartita economica. "L'affare si fa solo alle nostre condizioni" ha però ribadito Bonato.

PRESTITO GRATUITO. Il Verona, ma anche il giocatore (assistito dal procuratore Alessandro D'Amico), cercheranno di convincere il Napoli ad accettare una cessione in prestito gratuito sino al termine della stagione con diritto di riscatto ("a cifre molto contenute", ha detto Bonato) in favore dell'Hellas. Poi, verificate nei sei mesi le condizioni del giocatore - una decina di partite all'attivo nelle ultime tre stagioni, il Verona potrebbe investire su Dalla Bona con un contratto pluriennale a cifre molto importanti per la categoria. "Chiaro che il giocatore dovrà rinunciare a qualcosa" ha confermato Bonato "ma l'accordo non dovrebbe essere un problema". Dalla Bona l'anno scorso, alla scadenza del contratto con il Napoli, ha spalmato l'ingaggio dell'ultima stagione in tre anni. Il nuovo contratto scadrà nel 2012.


- Su DALLA BONA PADOVA, ALBINOLEFFE ed HELLAS! (fonte: DataSport.it - 19 Gennaio 2010)
Dalla Bona piace a tre italiane
Il centrocampista, che è in Grecia con l'Iraklis, seguito da Albinoleffe, Padova e Verona
Tre italiane per Samuele Dalla Bona. Il centrocampista, che è di proprietà del Napoli, è stato girato in prestito all'Iraklis di Salonicco, ma già a gennaio potrebbe chiudere la sua esperienza in Grecia per fare ritorno in patria. Ad accoglierlo ci sono pronte due società di serie B, l'AlbinoLeffe e il Padova, e una di Prima Divisione, l'Hellas Verona, che intende rinforzarsi per cercare di approdare in cadetteria. "Trattativa possibile - ha confermato il diesse dell'Hellas, Nereo Bonato, a "L'Arena di Verona" - e operazione intelligente. Da parte del ragazzo non manca la volontà di sposare il nostro progetto. E su di lui potremmo puntare anche in futuro".

Dalla Bona, classe 1981, è cresciuto nelle giovanili dell'Atalanta e ancora minorenne è volato in Inghilterra per difendere i colori del Chelsea. Rientrato dall'avventura londinese è stato ingaggiato dal Milan e successivamente ha militato nel Bologna, nel Lecce e nella Sampdoria prima di trasferirsi al Napoli. Ma con gli azzurri, fatta salva la prima stagione in B, ha sempre trovato poco spazio.


- BONATO parla con DALLA BONA e Sam si proclama felice di venire a Verona (fonte: TuttoMercatoWeb.com - 18 Gennaio 2010)
VERONA su Sam Dalla Bona, ds Bonato: "Sarebbe felice di venire"
Dopo il colpo Di Gennaro, non si ferma il mercato dell´Hellas Verona, che vuole riportare in Italia il centrocampista scuola Milan Samuele Dalla Bona (28), attualmente in prestito all´Iraklis Salonicco dal Napoli. Il direttore sportivo del Verona, Nereo Bonato, intervistato sull´argomento da Tggialloblu.it, ha dichiarato: "Dalla Bona ha fatto anni strepitosi, poi ha avuto qualche problema ma è un giocatore di categoria superiore. Non è un´operazione necessaria, come Di Gennaro, ma stiamo facendo delle valutazioni. Il ragazzo sarebbe contentissimo di venire. Il nostro centrocampo è comunque già forte così com´è. Ma se c´è la possibilità di migliorare ancora, la prendiamo in considerazione".


- Il 'colpo' DALLA BONA prende forma... I primi commenti dei tifosi scaligeri (fonte: TGGialloBlu.it - 16 Gennaio 2010)
Verona, l'ultimo colpo potrebbe essere Dalla Bona
"Se è un'operazione intelligente la facciamo". Così Nereo Bonato a Tggialloblu.it sul possibile arrivo del centrocampista dell'Iraklis Salonicco Samuele Dalla Bona (ex Chelsea, Milan, Bologna, Lecce, Samp e Napoli che ne detiene il cartellino) al Verona. "Non è un'operazione necessaria come quella di Di Gennaro ma stiamo facendo delle valutazioni. Il ragazzo sarebbe contentissimo di venire" ha spiegato Bonato, in contatto da qualche tempo con il giocatore e il suo procuratore.
L'ultimo colpo è quello che trasformerebbe un ottimo mercato in eccellente. Samuele Dalla Bona, 27 anni, centrocampista del Napoli in prestito all'Iraklis di Salonicco, è nel mirino del Verona. L'operazione doveva restare coperta sino agli ultimi giorni di mercato: il d.s. gialloblù Nereo Bonato ha già parlato con il calciatore e con il suo procuratore, Alessandro D'Amico, ricevendo apprezzamenti sul progetto Hellas e la disponibilità a chiudere la trattativa.

SE OPERAZIONE INTELLIGENTE LA FACCIAMO. "Se si tratta di un'operazione intelligente la facciamo" ha detto Bonato a Tggialloblù.it poche ore prima della gara di campionato contro la Cavese. In pratica il Verona chiederà al Napoli il prestito gratuito sino a fine stagione con un diritto di riscatto basso (il centrocampista ha ancora due anni e mezzo di contratto con i partenopei). A giugno la valutazione definitiva della società scaligera e la possibilità di offrire un contratto a lungo termine a Dalla Bona, convintissimo di tornare in Italia e di accettare il Verona nonostante la categoria.

ALTRE OFFERTE. Dalla Bona è nel mirino anche di altre società di B, Albinoleffe in testa. Ad agosto, prima di accettare il prestito in Grecia aveva detto no a Triestina e Padova. "Dalla Bona ha fatto anni strepitosi poi ha avuto qualche problema ma è un giocatore di categoria superiore" ha detto Bonato. "Non è un'operazione necessaria, come Di Gennaro. Il nostro centrocampo è già forte così com'è. Ma se c'è la possibilità di migliorare ancora la prendiamo in considerazione" ha detto il d.s. gialloblù. Dalla Bona, per caratteristiche, sarebbe in grado di essere un'alternativa importante a Russo e Pensalfini nel ruolo di centrale ma anche ad Esposito in cabina di regia.

LA CARRIERA. Cresciuto nell'Atalanta, Sam Dalla Bona è stato acquistato a soli 17 anni dal Chelsea con il quale ha esordito (diciottenne) in Champions (contro il Feyenoord). Con la maglia dei "blues" in Premier ha giocato 55 partite (due anni da titolare) e segnato 6 gol. Il Milan per riportarlo in Italia nel 2003 ha investito un milione di sterline. Poi i prestiti a Bologna, Lecce (con Zeman) e Sampdoria. Arrivato a Napoli nel 2006 Dalla Bona vince da titolare il campionato di B. Poi la rottura con ambiente e società e le ultime due stagioni (e mezza) giocando pochissimo.

Dalla Bona di Jap
16/01/2010 - 04:58
Ne ho sentito parlar bene di questo giocatore...ancora quando giocava al Milan!

mamma mia... di Harlock
16/01/2010 - 05:20
questo è un altro giocatore da serie B alta o serie A bassa....non mi sembra vero...

Magari di Ciotola
16/01/2010 - 05:51
troppo bello sarebbe...

ma si può? di Giancarlo Pajetta
16/01/2010 - 07:17
ma Remondina saprà a questo punto "orientarsi" almeno per quanto riguarda il terreno di gioco? Siamo veramente ROVINATI!

basta polemiche di bri
16/01/2010 - 08:05
pajetta vaghe ti en panchina

Eccezionale veramente di marco
16/01/2010 - 10:57
se veramente arrivasse anche Dalla Bona sarebbe veramente il massimo. Un altro centrocampista serve sicuramente. Speriamo vada in porto tutto. Con questa gente nel giro di 2 anni potresti fare anche il doppio salto. BRAVO BONATO E BRAVISSIMO MARTINELLI!!!!!

.... di fiuto
17/01/2010 - 11:24
Butei è un giocatore finito ma stiamo scherzando!!! non i le vol più nessuno.

dalla bona di mah
17/01/2010 - 11:53
"Dalla Bona, per caratteristiche, sarebbe in grado di essere un'alternativa importante a Russo e Pensalfini nel ruolo di centrale ma anche ad Esposito in cabina di regia" cioè quindi uno che ha giocato nel Napoli e nel Chelsea e ora gioca nella serie A greca verrebbe a fare la panchina in una sequadra di Lega Pro. Il calcio è fantastico, e i giornalisti sono molto bravi a illudere la gente

@fiuto di Signo
17/01/2010 - 11:59
Un giocatore a 27 anni non PUO essere finito... Tra l'altro bonato sta facendo un lavoro STREPITOSO e sono sicuro che se ha interesse a portarlo a Verona è perchè è convinto che possa dare molto a questa squadra, non scherziamo questo è veramente un giocatore da B alta... Finalmente si sta costruendo un progetto non per la B, ma probabilmente anche per la A!

l'operazione intelligente di marino
18/01/2010 - 10:49
La vera operazione intelligente caro Bonato sarebbe trovare un tecnico preparato duttile negli schemi,motivatore,grintoso che fa buon uso del bastone e della carota.Questa si che sarebbe un'operazione intelligente.Altrimenti gli unici ad essere felici di questa situazione sono gli scommettitori di calcio che possono disporre di un risultato sicuro ad ogni concorso e cioe' la x fissa del Verona.


- DALLA BONA 'partente' dalla Grecia nel mercato invernale non attrae solo l'HELLAS... (fonte: ANSA.it - 14 Gennaio 2010)
L'AlbinoLeffe sogna Dalla Bona
Calciomercato - Voci molto vicine alla società seriana parlano di una trattativa ben avviata tra il Napoli, che ne possiede il cartellino, e la società di Andreoletti
L’Albinoleffe pensa in grande. Sembra molto più di un sogno di mezz’inverno: Samuele Dalla Bona potrebbe presto vestire la maglia della Celeste. Centrocampista avanzato dai piedi buoni e piuttosto duttile tatticamente, con la sua grande voglia di rivalsa Dalla Bona potrebbe rappresentare la ciliegina sulla torta di Mondonico.
Voci molto vicine alla società seriana parlano di una trattativa ben avviata tra il Napoli, che attualmente ne possiede il cartellino, e la società di Andreoletti. Si tratterebbe sulla base di un prestto con diritto di riscatto, ma da battere ci sarebbe la concorrenza del Verona.

Per il biondo centrocampista (classe 1981), che attualmente gioca in Grecia nell’Iraklis Salonicco, si tratterebbe di un gradito ritorno in Italia e a Bergamo: dopo aver militato tre anni nel settore giovanile dell’Atalanta fino ad arrivare a un passo dall’esordio in Prima squadra, a 17 anni viene strappato dal Chelsea alla società orobica, nella stessa estate in cui la squadra di Londra soffiò alla Dea anche Luca Percassi. Scatenando così le ire del presidente Ivan Ruggeri per il doppio "scippo" degli inglesi.

Dopo un paio di stagioni a buoni livelli in Prima squadra nella società londinese, nel 2002 Dalla Bona viene acquistato per un milione di sterline dal Milan di Ancelotti col quale vince la Champions League e la Coppa Italia. L'anno successivo si trasferisce in prestito al Bologna e nell'estate 2004 al Lecce, dove trova un buon feeling con Zeman. Dopo un anno in prestito alla Sampdoria, viene acquisito dal Napoli per quattro stagioni, neopromosso in serie B, col quale raggiunge la promozione in A. La scorsa estate passa in prestito alla squadra greca, dove però non riesce a trovare molto spazio. Da qui la voglia di cambiare nuovamente aria e magari di tornare nella “sua” amata Bergamo.
MAURO PALOSCHI


- L'ALBINOLEFFE in serie B si muove per avere Sam... (fonte: TuttoMercatoWeb.com - 12 Gennaio 2010)
ALBINOLEFFE
ALBINOLEFFE: SI PUNTA SAMUELE DALLA BONA
Nelle ultime ore, è emerso un forte interessamento della squadra seriana verso Sam Dalla Bona, attualmente in prestito all'Iraklis in Grecia....


- Sam all'IRAKLIS... (fonte: TuttoMercatoWeb.com - 11 Agosto 2009)
EUROPA
UFFICIALE: Samuele Dalla Bona all'Iraklis
di Alessio Calfapietra
Samuele Dalla Bona (28) passa in prestito ai greci dell'Iraklis. Tra un anno il suo contratto con il Napoli andrà in scadenza, dunque questo trasferimento equivale ad una cessione a titolo definitivo. Queste le prime parole del mediano: "Conosco bene l'Iraklis e voglio aiutare la squadra, so di dover dare tutto per aiutare il club e me stesso. Si tratta di un'altra esperienza per me dopo l'Inghilterra e l'Italia".


- Ufficiale DALLA BONA all'IRAKLIS (fonte: Calciomercato.it - 11 Agosto 2009)
UFFICIALE - Dalla Bona in Grecia
Il centrocampista è passato al Iraklis Salonicco
ATENE (Grecia) - E' arrivata l'ufficialità sulla trattativa che ha portato Samuele Dalla Bona in Grecia. Il centrocampista è stato ceduto dal Napoli in prestito all''Iraklis Salonicco. Un trasferimento che equivale ad una cessione: il contratto del giocatore con gli azzurri scade infatti nel 2010. Il 28enne è entusiasta dell'avvebtura ellenica come ha confidato al portale della Fifa: "Dopo le esperienze in Italia e in Inghilterra, sono pronto per la nuova avventura in Grecia. Sto bene fisicamente e sono pronto a dare il mio contributo all'Iraklis, una squadra che conosco gia' da tempo".
C.Z.


- Dopo Inghilterra ed Italia Samuele sceglie l'esperienza Greca... (fonte: Sportal.tv - 11 Agosto 2009)
Dalla Bona segue Recoba
La Grecia ormai è di moda. Adesso è ufficiale Samuele Dalla Bona, che ha trovato poco spazio nel Napoli di Donadoni, è un giocatore dell'Iraklis. Come si legge sul sito del club ellenico, il giocatore si è trasferito a Salonicco con la formula del prestito, l'anno prossimo andrà in scadenza di contratto con il Napoli.

"Conosco bene l'Iraklis e voglio aiutare la squadra, so di dover dare tutto per aiutare il club e me stesso. Si tratta di un'altra esperienza per me dopo l'Inghilterra e l'Italia". Dalla Bona nell'ultima stagione con la maglia azzurra ha disputato soltanto una partita in Coppa Uefa, si è infatti rivelato al Chelsea.


- DALLA BONA firma per l'IRAKLIS, Serie A Greca... (fonte: DirettaPartite.com - 9 Agosto 2009)
CALCIOMERCATO
Napoli, Dalla Bona saluta, Zalayeta, Navarro e Pazienza quasi!
CALCIOMERCATO NAPOLI - Il Napoli comincia a muoversi sul fronte cessioni, con vari operazione di calciomercato, visto l’esubero di giocatori nella rosa di Donadoni. Il primo a dire addio al club di De Laurentiis è Samuele Dalla Bona, ex “enfant prodige” del calcio italiano, da due anni ai margini della squadra, in aperta contestazione con la società. Giocherà in Grecia. Ha accettato l’offerta dell’Iraklis Salonicco e vuole tornare a sentire le emozioni del campo, di una partita vera, ufficiale...


- DALLA BONA firma all'IRAKLIS, i commenti dei tifosi napoletani. (fonte: CorriereDelloSport.it - 8 Agosto 2009)
CALCIOMERCATO
Napoli, Dalla Bona saluta, Zalayeta, Navarro e Pazienza quasi!
LONDRA (INGHILTERRA), 8 agosto - Good bye, Sam. Il piano di snelli­mento di un organico ab­bondante parte da Samue­le Dalla Bona, separato in casa con il Napoli da due anni. L’ex enfant prodige del Chelsea si rimette in gioco, dopo due stagioni senza veder pallone, a ri­parte dall’Iraklis Salonicco...

COMMENTI
Inviato da: Ros.Modena
09/08/2009 19:06:41
Dietro ogni grande giocatore c'e un grande allenatore e questi ragazzi non hanno avuto la fortuna di essere allenati..
Basta aquisti di giocatori compriamo un allenatore che fa giocare i giocatori nei propri ruoli.
Basta 3-5-2 non siamo in grado di farlo....
Mister Roberto Mancini lui ci vuole al magico Napoli,uno che rischia e fa gioco,non che pensa a difendersi con 8 giocatori..

Inviato da: RASSEGNATO
09/08/2009 17:39:02
So per certo che l'ingaggio di Dalla Bona verrà pagato dal Napoli per 650.000 €uro e solo 200.000 verranno spesi dalla sua nuova squadra. Bravo Marino, così si fa e così farai con tutti gli altri infiniti bidoni ai quali hai elargito stipendi da favola. Col cavolo che ne venderai uno! Sei stato la rovina del Napoli con l'acquisto di giocatori modesti pagati a peso d'oro e che nessuno vuole. L'esterno sx, la punta di peso ed il centrocampista non li hai presi anche se hai speso oltre 200 miliardi

Inviato da: A.DELAURENTIS
09/08/2009 15:56:05
Finalmente via un ingaggio da 750 mila euro,poi criticano gargano ke ne prende 450,come dargli torto.dezerbi 850 ma ki se lo prende,via anke rullo,montervino,pià,pazienza,amodio,grava,zalayeta,rinaudo,denis,e l'anno prossimo direi anke cannavaro,poi prendi un esterno sinistro,un grande centrocampista di forza,e un grande attaccante da 20 gol,anke se la coppia quagliarella-lavezzi efantastica,presidente e fatt 30,mò fà 31,non perdiamoci nelle piccolezze,completiamo per non deludere le aspettative

Inviato da: Fersci
08/08/2009 18:53:23
Grazie Samuele (Lady Oscar... senti Auriemma).
Spero che in Grecia tu possa giocare alla grande tutte le partite.

Un altro talento sprecato dal Napoli, come il grande Calaiò.
p.s. Ma con Lavezzi e Quagliarella non poteva essere il centro boa ideale?
CMQ SEMPRE FORZA NAPOLI!

Inviato da: xgiaguaro
08/08/2009 18:25:59
e' pura illusione sperare nello sfoltimento della rosa ,chi se li prende sti pacchi!!!e come ciliegina rinnovano pure il contratto a Grava ..

Inviato da: argentino
08/08/2009 17:48:13
Vediamo se sono bravi a vendere, ma solo quelli che proprio non sono necessari alle esigenze del Napoli.
Ma vediamo anche un'altra cosa molto importante. Se Donadoni riuscirà a formare una squadra. Il che non si può ancora sapere.
Formare una squadra è compito di allenatori dotati di molte doti. Donadoni le possiede? In quali esperienze anteriori ha dimostrato di averle?


- DALLA BONA vicinissimo all'IRAKLIS... (fonte: TuttoNapoli.net - 7 Agosto 2009)
CALCIOMERCATO
Dalla Bona vicinissimo all'Iraklis Salonicco
di Salvio Passante
Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di TuttoNapoli.net sarebbe giunto al termine il calvario di Samuele Dalla Bona in maglia azzurra. L'ex blues è sbarcato quest'oggi in Grecia per accordarsi con la compagine ellenica dell'Iraklis Salonicco. Prestito gratuito la formula del trasferimento. Dalla Bona guadagnerà circa 200 mila euro. C'è da capire se il Napoli si accollerà parte del gravoso contratto del giocatore che percepisce attualmente 750mila euro ma non è da escludere che Dalla Bona, per non rischiare un altro anno di tribuna, abbia deciso di voltare pagina definitivamente, rinunciando alle sue spettanze. Il contratto di Dalla Bona scade nel giugno 2010. Si attende soltanto l'ufficialità.

AGGIORNAMENTO - Queste le dichiarazioni di Samuele Dalla Bona, riportate dal sito Fifa.com: "Conosco bene l'Iraklis e voglio aiutare questa squadra. So di dover dare tutto sia per me che per la squadra. Questa è l'ennesima scommessa, dopo le esperienze in Inghilterra e in Italia"


- DALLA BONA in orbita PAOK... (fonte: TuttoNapoli.net - 6 Agosto 2009)
CALCIOMERCATO
Dalla Bona nella lista spesa del Paok Salonicco
Il club ellenico sulle tracce del centrocampista azzurro, Samuele Dalla Bona
di Salvio Passante
Secondo quanto riporta l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport, il Paok Salonicco sarebbe seriamente intenzionato ad ingaggiare il centrocampista azzurro Samuele Dalla Bona, finito ai margini della rosa partenopea ormai da diverse stagioni. Nel club ellenico milità già un ex Napoli, Mirko Savini, sbarcato in Grecia durante questa finestra di mercato dal Palermo.


- Quest'estate era stato 'vicino' alla TRIESTINA, poi le sirene greche... (fonte: 9OnLine.it - 5 Agosto 2009)
Dalla Bona richiesto in Grecia
Samuele Dalla Bona potrebbe aver finalmente trovato “casa”. Negli ultimi tempi per l’ex centrocampista di Chelsea, Milan e Lecce si era prospettata la destinazione Trieste, per vestire la maglia alabardata della Triestina e provare a rilanciarsi nella serie cadetta.


- Samuele, nonostante la 'vicenda-Napoli' ha ancora parecchio mercato... (fonte: 9OnLine.it - 27 Luglio 2009)
Amodio e Dalla Bona, non mancano le offerte
I centrocampisti Nicolàs Amodio (26) e Samuele Dalla Bona (28) sono destinati a lasciare Napoli quanto prima. Per loro le offerte non mancao...


- Nel frattempo la situazione al NAPOLI diventa insostenibile... (fonte: DirettaPartite.com - 14 Luglio 2009)
CALCIOMERCATO/ Napoli, Gargano batte cassa, vuole un aumento
Walter Gargano batte cassa. Il centrocampista del Napoli, attraverso il suo manager, ha infatti fatto sapere ai dirigenti partenopei di volere un aumento di stipendio. Rispetto agli altri giocatori azzurri infatti, il centrocampista uriguayano guadagna cifre relativamente basse.

Secondo il quotidiano partenopeo il Roma, che ha riportato la notizia, El Mota ha incassato 350 mila euro il primo anno di contratto e 450 mila il secondo. Samuele Dalla Bona intanto non ha ricevuto la lettera di convocazione: il suo procuratore ha minacciato di ricorrere a vie legali.


- Estate 2009: Ipotesi TRIESTINA per DALLA BONA... (fonte: IlPiccolo - 5 Luglio 2009)
Dalla Bona: l'ostacolo è l'ingaggio
di ANTONELLO RODIO TRIESTE
Samuele Dalla Bona con la maglia alabardata nel prossimo campionato? L'ipotesi, di ora in ora, diventa sempre più concreta. Da Napoli, addirittura, danno l’affare per già concluso. Del resto è vero che la società partenopea è già d’accordo con la Triestina, però manca ancora l’ok del giocatore. Al Napoli del resto un rilancio di Dalla Bona interessa molto, anche se il giocatore dovesse partire dalla serie B, visto che il centrocampista ha un contratto con la società partenonea fino al 2011.

È vero che lo scorso gennaio il contratto era stato rescisso, ma c’era un accordo scritto in base al quale se il giocatore non avesse trovato un’altra squadra entro giugno, sarebbe rientrato nell’organico dei partenopei: una sorta, insomma, di ripresa del contratto. La sospensione, in pratica, era stata decisa solo per risparmiare un bel po’ di soldi, vista l’inutilizzo prolungato del giocatore. Un risparmio non indifferente perché Dalla Bona a Napoli ha un contratto da circa 700mila euro a stagione. L’ingaggio, appunto. Per un giocatore che fra l’altro viene da una così lunga inattività, è uno stipendio improponibile anche per molte squadre di serie A, non solo per la Triestina. Come si risolve un inghippo del genere? È ovvio che le ipotesi sono solo due: o è in programma una riduzione drastica dello stipendio, in accordo col giocatore, oppure il Napoli si prende l’onere di pagare una notevole parte del pattuito. Evidentemente, ci sono da limare ancora alcuni dettagli proprio sotto questo aspetto.

Senza dimenticare che l’Unione non è l’unica società che insegue Dalla Bona. Il centrocampista veneto, 28 anni, vanta una carriera di tutto rispetto avendo giocato con Chelsea, Milan, Bologna, Lecce, Sampdoria e Napoli. Cos’è successo nelle ultime stagioni? Dalla Bona era stato uno dei protagonisti della promozione del Napoli dalla B alla A, ma nella massima serie non è mai stato considerato. Si parla anche di un progressivo deterioramento dei rapporti con Edi Reja, tanto che il giocatore, ora che c'è Donadoni, avrebbe voluto ripartire dal ritiro per giocarsi le sue chances. Il Napoli, però, vista l’inattività, preferisce farlo rientrare gradatamente. Anche perché in questo Napoli non troverebbe ovviamente spazio.


- PASQUALIN, ex procuratore di Sam, ritiene probabile la firma del giocatore con la TRIESTINA... (fonte: NapoliBit.com - 3 Luglio 2009)
Pasqualin (proc. Dalla Bona): “E’ probabile che Samuele firmi per la Triestina in settimana”
Samuele Dalla Bona lascerà Napoli e l’ipotesi più probabile è quella che vede il centrocampista ex Chelsea verso la Triestina. A confermarlo è il procuratore del calciatore Claudio Pasqualin che ammette: “Si quella di andare alla Triestina è una soluzione che stiamo prendendo in esame”. In giornata si era parlato di una probabile ufficializzazione entro tempi brevi di questa ipotesi ma Pasqualin commenta: “Non c’è solo la Triestina sul calciatore, abbiamo altre ipotesi in ballo anche se questa è sicuramente quella più probabile, ci sono da valutare ancora alcuni aspetti”...


- Nella scorsa estate sembra tutto fatto col CESENA appena promosso in serie cadetta... (fonte: NapoliSport.net - 27 Giugno 2009)
CALCIOMERCATO: DALLA BONA E BUCCHI VICINI AL CESENA
Manca ancora l`ufficialità, ma i due giocatori del Napoli sembrano vicini a tornare tra i cadetti.
Stando a quanto annunciato dal giornalista di Sky Sport, Gianluca Di Marzio, nel corso della trasmissione Speciale Calciomercato, il Napoli sarebbe pronto a dar via le prime cessioni di questo calciomercato che fino adesso sta facendo ingolosire tutti i tifosi del Napoli per la caratura dei tanti acquisti già concretizzati.

Dopo le partenze dei diversi Garics, Domizzi, Calaiò e , forse Mannini, a titolo definitivo, ecco che si prospettano anche le partenze di Christian Bucchi e Samuele Dalla Bona in dirittura d’arrivo a Cesena. Non c’è ancora nulla di ufficiale, ma mentre dell’affare Bucchi se ne parlava da un bel po’, l’inserimento del neopromosso Cesena nella trattativa che sembrava portare Sam Dalla Bona ormai alla Triestina è un’autentica sorpresa. Pare infatti che l’ambizioso club romagnolo voglia prendere entrambe i giocatori dal Napoli, in prestito o in comproprietà, per poter puntare ad una salvezza tranquilla tra i cadetti.


- Giovani promesse italiane che trovano fortuna all'estero, non solo DALLA BONA... (fonte: LaRoma24.it - 28 Maggio 2009)
GIOVANI PROMESSE NOSTRANE IN FUGA: perchè?
I giovani più promettenti del calcio italiano lasciano sempre più spesso le proprie squadre per andare a giocare nei grandi club europei, soprattutto inglesi. La fuga dei giovani talenti è problema del calcio italiano che si vede derubato del suo futuro, ma perchè avviene?

Questo fenomeno ha avuto inizio una decina di anni fa. Due esempi illustri sono stati Gennaro Gattuso, che scelse Glasgow scappando da Perugina, e Samuele Dalla Bona, che lasciò Begamo per raggiungere Vialli al Chelsea.
Le risposte all’interrogativo sono molteplici, a cominciare dalla scarsa chiarezza dell'Articolo 19 degli statuti Fifa che regolano i trasferimenti dei minori, il quale recita:
I trasferimenti internazionali dei calciatori sono consentiti solo se il giocatore è al di sopra dei 18 anni.

A questa regola si applicano le seguenti tre eccezioni:
a) I genitori del calciatore si trasferiscono nella nazione dove ha sede il nuovo club per motivi non collegati al calcio;

b) Il trasferimento avviene all'interno del territorio dell'Unione Europea o dell'Area economica europea e il calciatore ha un'età fra i 16 e i 18 anni. In questo caso, il club deve soddisfare questi requisiti minimi:
-Occuparsi dell'allenamento del ragazzo seguendo i più alti standard nazionali
-Occuparsi dell'educazione del ragazzo in modo da fornirgli un'alternativa al mondo del calcio
-Fornire al ragazzo la possibilità di sostenere un ottimo livello di vita in famiglia o presso il club

c) Il calciatore vive a non più di 50 chilometri da un confine nazionale e il club nel quale egli vuole essere tesserato nella federazione confinante si trova anch'esso entro 50 chilometri dal confine. La massima distanza fra il domicilio del calciatore e la sede del club deve essere di 100 chilometri. In tali casi, il calciatore deve continuare a vivere in casa sua e le due federazioni interessate devono dare il loro esplicito consenso.
La responsabilità della fuga dei talenti è legata soprattutto al fatto che le società italiane non puntano sui loro giovani e se li lasciano sfuggire senza opporre l'opportuna resistenza, accettando le proposte dei club più facoltosi , che propongono contratti da “prof” anche a calciatori sotto la maggiore età.

Ecco una lista di alcuni giovani italiani fuggiti all'estero:
• Gennaro Gattuso - Il centrocampista, oggi punto fermo di Milan e Nazionale, ha iniziato la sua carriera professionistica debuttando a 17 anni in serie B con il Perugia, poi raggiunta la promozione in A dopo 8 partite con il contratto in scadenza decise di accettare la proposta dei Rangers di Glasgow, che gli offrirono un quadriennale a due miliardi di lire a stagione. Il Perugia cercò di trattenerlo ma Ringhio non ne volle sapere e decise, addirittura, di scappare dal centro sportivo. Il trasferimento a Glasgow fu abbastanza travagliato perchè la Figc gli concesse il transfer solo due mesi dopo la firma del contratto. La sua avventura in Scozia non andò a buon fine per i problemi che ebbe con l'allenatore Advocat quindi dopo pochi mesi Gennaro torno in Italia alla Salernitana dove proseguì la sua carriera fino a diventare il grande giocatore che è.
Samuele Dalla Bona - Il centrocampista veneziano fu ingaggiato dal Chelsea di Gianluca Vialli all'età di diciotto anni insieme al diciannovenne difensore Luca Percassi, entrambi giocavano nell'Atalanta, Sam era anche il capitano dell'Under 18 azzurra. La decisione di abbandonare Bergamo fu presa a causa del contratto che gli fu proposto al minimo sindacale (2.400.000 lire al mese ). Il suo inizio di carriera al Chelsea fu strepitoso, a 18 anni debbuttò in Champions League, nella stagione '98-'99 vinse la Scarpa d'Oro del Chelsea e a 19 anni si guadagnò un posto da titolare. L'anno seguente con l'addio di Vialli tornò in patria al Milan, attualmente gioca al Napoli
• Enzo Maresca - ha iniziato la sua carriera nel Milan per poi passare alla prima squadra del Cagliari dove non trovò spazio e perciò prese la decisione di andare in Inghilterra al West Bromwich Albion, dove gli fu dato spazio collezionando 47 presenze e 5 gol totali. La sua carriera proseguì alla Juventus da dove iniziò una serie interminabile di prestiti e comproprietà per poi andare a giocare stabilmente in Spagna al Siviglia
• Giuseppe Rossi - L'attuale attaccante di Villareal e della Nazionale ha iniziato la sua carriera a Parma, da dove fu prelevato dal Manchester United . L'esordio con gol in Premier avviene a 18 anni, ma è chiuso dalle tante stelle presenti nei Red Devils, quindi viene mandato in prestito prima al Newcastle e poi al Parma dove iniziò la sua carriera. Attualmente si è affermato con la maglia del Villareal che gli ha regalato la possibilità di giocare in Nazionale, di cui sarà punto fisso ancora per molto tempo
• Arturo Luppoli - Attaccante del vivaio del Parma viene prelevato dall'Arsenal di Wenger dove fa il suo esordio in FA cup a soli 17 anni, poi viene girato in prestito al Derby County dove segna 11 reti. Nel 2007 rifiuta il contratto propostogli dai Gunners e torna in Italia alla Fiorentina dove non gli viene data fiducia e viene rimandato in prestito in Inghilterra. Attualmente gioca allo Sheffield United.
• Federico Macheda - Attaccante del settore giovanile della Lazio, nel 2007 il Manchester United gli offre triennale da 80 mila euro a stagione e un posto di lavoro al papà, così il giocatore se ne vola ad Old Trafford. In questa stagione ha fatto il suo esordio, ha segnato due gol in Premier.
• Davide Petrucci - Da molti cosiderato l'erede naturale di Totti oggi gioca al Manchester United che lo ha prelevato dal settore giovanile della Roma offrendogli un contratto da 120 mila euro, un lavoro per il padre e una sistemazione per tutta la famiglia
• Vincenzo Camilleri - Difensore centrale di 16 anni cresciuto nella Reggina è stato acquistato dal Chelsea a Febbraio di quest'anno. A seguito del trasferimento Lillo Foti presidente della Reggina ha accusato il club londinese di aver rubato il ragazzo...
• Fabio Zamblera - Attaccante di 18 anni trasferitosi l'anno scorso dall'Atalanta al Newcastle
• Fabio Borini - Attaccante di 17 anni dal Bologna è passato al Chelsea
• Vito Mannone - Portiere di 21 anni passato dall'Atalanta all'Arsenal dove ha esordito quest'anno.
• Luca Moscatello - Centrocampista di 18 anni cresciuto nel settore giovanile dell'Inter e poi acquistato dal Fulham
• Marcello Trotta - Attaccante dell'Under 16 italiana passato dalla primavera del Napoli al Manchester City


- ...E dalla perfida Albione si chiedono: "Che fine ha fatto DALLA BONA?" (fonte: CFC.net - 14 Maggio 2009)
WHAT EVER HAPPENED TO SAM DALLA BONA?
By Rob Hobson
In July 2002, the mercurial and talented midfielder Sam Dalla Bona left Chelsea under a cloud. His refusal to sign a contract extension had angered Chelsea, as their statement at the time confirms.”In view of the fact that Sam Dalla Bona has refused to sign an extension to his current contract, stating that he wants to be near his family in Italy, he has now played his last game for Chelsea. He has officially been placed on the transfer list… Chelsea Football Club are somewhat puzzled by Sam’s attitude as we agreed a transfer to Venezia last summer, a club that is very near his family home, which he has made clear is important to him. So we are at a loss to understand why he turned that down but is willing to go to a club in Milan or Rome, a long distance from his family.”

Ouch. No bitterness there, then.

Sam was a product of the Atalanta youth system – one of several players that Chelsea signed from the Italian club in the Vialli – Ranieri years. He was the only one to make a real impact, scoring 6 goals in 73 appearances for the Blues. The one I’m sure we all remember was the spectacular 30-yarder against Ipswich, deciding a humdrum game that had threatened to descend into a stalemate. For that alone, we salute him. But, despite a strong season in 2001-02, interest from Milan was too much of a temptation. Despite a fiercely competitive midfield at the rossonieri, Sam left to test his mettle amongst Serie A’s finest. We’d love to say that this was a fairytale return to Italy for a young man who had captained his country at every level up to Under-21. Sadly, it wasn’t the case. Sam was unable to make an impact on a team featuring the young Pirlo and Gattuso, and with the experience of Seedorf. A miserable season with only 10 appearances, 6 from the bench, culminated in a loan move to Bologna and then sale to Lecce, followed by a further move to Sampdoria last July. He’s been an intermittent feature of the Sampdoria team, with 14 starts in Serie A and a further 4 in the Coppa Italia. Not quite the promised land he might have hoped for.

Just thinking about Sam takes me back to an era that, in these heady days of unlimited expenditure and back-toback titles, already seems a long way off. Remember the frightening season that Eidur and Jimmy had together? Remember Stanic and Petit? And this was less than 5 years ago. What a difference a new owner makes.

Sam first scored for the Blues at Everton in November 2000, with what was to become a trademark fizzer from outside the penalty area. I’m surprised more comparison hasn’t been made with Frank Lampard in recent years: both have a laconic, loping sort of stride on the pitch, and both favour hitting the ball from long range. Fortunately for us, Lampard’s much less likely to go missing when things are tough on the pitch. Sam’s relaxed approach could frustrate. Perhaps it shouldn’t have surprised us: he learned his trade in the slower Italian game. I thought him symptomatic of the attitude under Luca, and carried over into Claudio’s time. We were a cup team – ironically, the very mentality that seems to elude us now – and Sam a cup player: elegant, capable of moments of real class, but ultimately not a title challenger. That’s not to say that we had no affection for him: there are many who still hanker after those days. The sort of side that could thump United one week, and be ground down and beaten by Sunderland the next. Thinking back to the perverse glamour and the inimitable charm of the great Vialli, it’s easy to feel nostalgic.


- La storia di Sam somiglia, per certi versi, a quella di GATTUSO e di tanti altri giovani calciatori italiani meno conosciuti... (fonte: Dire.it - 21 Aprile 2009)
Da Gattuso a Macheda, l'esodo dei talenti italiani
...Giunto in Scozia, Gattuso deve aspettare due mesi prima di cominciare questa nuova avventura (la Figc non gli concede in transfer) durata alla fine solo pochi mesi. Nell'ottobre del 1998, infatti, anche per le incomprensioni col tecnico Advocaat, torna in Italia accettando l'offerta della Salernitana. Mentre Gattuso va, Samuele Dalla Bona arriva, in Inghilterra, precisamente al Chelsea direttamente dall'Atalanta (insieme a Gianluca Percassi, figlio dell'ex presidente della 'Dea'). Anche questa storia nasce in Scozia ma è diversa da quella di Gattuso, perché 'Sam' è ancora un giocatore delle giovanili nerazzurre. 'Andai al Chelsea per colpa di Vialli', dirà Dalla Bona qualche anno dopo. Infatti l'attaccante, allora nei Blues insieme a Zola, lo vede all'Europeo Under 16 in Scozia e gli fa la proposta che il giovane centrocampista accetta subito, per poi pentirsi. L'inizio è positivo: scarpa d'oro del Chelsea nella stagione 1998/99, a 19 anni già un posto nella squadra londinese allenata da Ranieri e una canzoncina inventata dai tifosi tutta per lui. Poi, l'addio di Vialli fa da apripista al suo ritorno in Italia, al Milan nel 2002...


- DALLA BONA insiste: il rifiuto di BIRMINGHAM scatenò tutto! MARINO nega tutto. (fonte: NapoliSoccer.net - 15 Aprile 2009)
Bucchi e Dalla Bona:”Pronti a tornare”
...Sulla stessa linea d'onda anche Samuele Dalla Bona che nello stesso programma ha dichiarato: "Da quando rifiutai il prestito al Birmingham, nell'agosto 2007, sono cominciati i miei problemi a Napoli, il mister ha cominciato a non considerarmi più anche se con lui non ho mai avuto un vero e proprio scontro, non abbiamo mai litigato apertamente. Rifiutai quel trasferimento in Inghilterra perchè dopo la B speravo di poter dare il mio contributo anche in A. Con la società ho un accordo, se non dovessi trovare squadra in estate potrei anche tornare perchè io a Napoli mi trovavo bene". Il Dg Marino, a latere dell'outing del cantrocampista nell'ambito della stessa trasmissione, pur riconoscendogli le doti tecniche, stigmatizza, invece, l'aspetto disciplinare della vicenda, affermando che Reja ha operato nella maniera più opportuna.


- ...Nonostante tutto a NAPOLI tornerebbe e con la dirigenza partenopea c'è un 'contratto fra gentlemen'... (fonte: NapoliSoccer.net - 3 Aprile 2009)
Dalla Bona: “A Napoli tornerei volentieri”
Samuele Dalla Bona, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Sono andato via da Napoli perchè ero esasperato, non volevo buttare altri sei mesi. Reja non mi faceva mai scendere in campo e io avevo bisogno di giocare. Mi sto allenando da solo al Green Sport di Cesenatico, tutti i giorni una doppia seduta come se dovessi scendere in campo la domenica. Col Napoli c'è un patto tra gentiluomini, un accordo con De Laurentiis e Marino. Una stretta di mano che per me vale più di un contratto. Se vorrò a luglio potrò tornare e lo farei ben volentieri. Se Donadoni e la società vorranno io ritornerei con grande piacere".


- Primavera 2009: Viste le 'emergenze' in rosa DALLA BONA viene reintegrato al NAPOLI. (fonte: 9OnLine.it - 16 Marzo 2009)
Il ritorno di Sam Dalla Bona
Vista l’emergenza a centrocampo dati gli infortuni di Maggio e Gargano, la società lo ha rientregato in rosa e si allenerà con il gruppo...


- Alla 'Gazza' confessa che a NAPOLI c'era davvero un brutto clima, anche quando le cose andavano bene... (fonte: Napolipress.it - 26 Febbraio 2009)
Dalla Bona: “Società troppo distante, c’è un clima teso”
Intervistato da “La Gazzetta dello Sport”, l´ex centrocampista del Napoli, Samuele Dalla Bona (ora al Fulham), spiega la situazione attuale del Napoli: “Parlando con qualche mio compagno del Napoli, mi dice che c´è troppa tensione. Mi raccontano dei continui ritiri, della pressione degli ultrà, della difficoltà a tenere la testa libera. Il gruppo ha grandi valori e ci sono bei giocatori, non è sopravvalutato, ma manca di continuità, cosa che hanno solo i grandi campioni.

Società? Era distante dalla squadra anche quando le cose andavano bene, e il mister ha sbagliato a non aver puntato su gente come me, che ora sarebbe stata utile. La svolta? Molti parlano di Lavezzi o Hamsik. Secondo me Blasi è fondamentale per questa squadra. Può dare la svolta”.


- A Febbraio 2009, dopo la rescissione col NAPOLI, Sam si trova in un caso singolare: lui si offre ma nessuno lo vuole! (fonte: QuotidianoNet.IlSole24Ore.com - 9 Febbraio 2009)
CALCIOMERCATO/IL CASO
Dalla Bona si offre, ma nessuno lo vuole
Il centrocampista ex Napoli, ha già bussato alla porta del West Ham di Gianfranco Zola. Invano. La squadra era già al completo. Si era parlato anche di un interessamento dei russi del Rubin Kazan, però non c’è stato nulla di concreto.
di Giulio Mola
HA RESCISSO il contratto col Napoli proprio in coincidenza con la fine della sessione invernale del calciomercato per divergenze con l’allenatore Reja, ma al momento non riesce a trovare una nuova sistemazione. Il centrocampista Samuele Dalla Bona (27), ha già bussato alla porta del West Ham di Gianfranco Zola. Invano.

La squadra era già al completo. Si era parlato anche di un interessamento dei russi del Rubin Kazan, però non c’è stato nulla di concreto. A dire il vero anche il Italia il giocatore ha qualche estimatore, su tutti il Chievo e la Reggina, ma di firme neppure a parlarne. Anche se, probabilmente, chi deve lottare per salvarsi può aver bisogno di un calciatore dai piedi buoni come Samuele.


- Su FaceBook nasce perfino un gruppo che irride il caso-Sam Dalla Bona... (fonte: QuotidianoNet.IlSole24Ore.com - 9 Febbraio 2009)
Aiutiamo Sam Dalla Bona a trovare una squadra che se lo piglia
Informazioni di base
Nome:
Aiutiamo Sam Dalla Bona a trovare una squadra che se lo piglia

Categoria:
Interessi Comuni - Cause e ideali

Descrizione:
Samuele Dalla Bona (San Donà di Piave, 6 febbraio 1981) è un calciatore italiano, centrocampista, attualmente svincolato.

Dalla Bona interpreta in campo il ruolo della mezzala, cioè di centrocampista votato al collegamento tra la mediana e l'attacco. Nonostante la scarsa rapidità riesce a proporsi in avanti con regolarità, sfruttando le sue capacità di inserimento per poi finalizzare grazie alla sua potenza nel tiro. Aggiunge peso al reparto di centrocampo con il suo agonismo.

Si fa notare nelle giovanili dell'Atalanta e a 17 anni, nell'ottobre 1998, è acquistato dal Chelsea, club inglese. Nella stagione 1998-1999 vince la scarpa d'oro del Chelsea, debuttando in prima squadra un anno dopo, nella partita di Champions League contro il Feyenoord. Con la partenza di due centrocampisti storici della squadra, Dennis Wise e Gustavo Poyet, nel 2001 Dalla Bona conquista il posto da titolare, totalizzando 32 presenze e 2 gol nel 2001-2002.

Dopo essersi rifiutato di firmare il rinnovo del contratto, è messo sul mercato e passa al Milan nel luglio 2002, dopo 73 partite ufficiali e 6 gol con il Chelsea. La società rossonera spende un milione di sterline per averlo.

Con i rossoneri vince la Champions League 2002-2003 e la Coppa Italia, ma non riesce a battere la concorrenza di Gennaro Gattuso, Clarence Seedorf e Andrea Pirlo. Così l'anno dopo si trasferisce in prestito al Bologna e nell'estate 2004 al Lecce, dove viene impiegato costantemente dall'allenatore Zdenek Zeman e si esprime su ottimi livelli. Nel 2005 è ceduto in prestito alla Sampdoria.

Alla fine della stagione torna al Milan e il 10 agosto 2006 è acquistato a titolo definitivo dal Napoli, neopromosso in Serie B. Durante la stagione colleziona diverse presenze e tre gol, di cui uno spettacolare alla prima giornata di campionato contro il Treviso con un tiro al volo di sinistro da 30 metri. Con il Napoli raggiunge la promozione in Serie A.

Nella stagione 2007/08 non trova quasi mai spazio nella squadra, ma nonostante ciò viene riconfermato anche per la stagione successiva. La sua situazione, tuttavia, non migliora, tant'è che non viene mai utilizzato in campionato e colleziona una sola presenza nel preliminare di Coppa Uefa. Al termine della sessione invernale del calciomercato, nella quale la società cerca vanamente di cederlo, il calciatore rescinde consensualmente il contratto con il Napoli.
(c) Wikipedia (visualizza meno contenuto)

Samuele Dalla Bona (San Donà di Piave, 6 febbraio 1981) è un calciatore italiano, centrocampista, attualmente svincolato.

Dalla Bona interpreta in campo il ruolo della mezzala, cioè di centrocampista votato al collegamento tra la mediana e l'attacco. Nonostante la scarsa rapidità riesce a proporsi in avanti con regolarità, sfruttando le sue capacità di inserimento per poi finalizzare grazie alla sua potenza nel tiro. Aggiunge peso al reparto di centrocampo con il suo agonismo.
Si fa notare... (visualizza altro)

Tipo di privacy:
Aperto: i contenuti sono visibili a tutti.

...

Notizie recenti
Notizie:
Dalla Bona: a Napoli tornerei volentieri.
Samuele dalla Bona, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha rilasciato e seguenti dichiarazioni: "Sono andato via da Napoli perchè ero esasperato, non volevo buttare altri sei mesi. Reja non mi faceva mai scendere in campo e io avevo bisogno di giocare. Mi sto allenando da solo al Green Sport di Cesenatico : tutti i giorni una doppia seduta come se dovessi scendere in campo la domenica. Col Napoli c'è un patto tra gentiluomini, un accordo con De Laurentiis e Marino. Una stretta di mano che per me vale più di un contratto. Se vorrò a luglio potrò tornare e lo farei ben volentieri. Se Donadoni e la società vorranno io ritornerei con grande piacere".

Dalla Bona, lui si offre ma nessuno lo vuole
Flash News 14:43, 9 Febbraio 2009

Ha rescisso il contratto col Napoli proprio in coincidenza con la fine della sessione invernale del calciomercato per divergenze con l’allenatore Reja, ma al momento non riesce a trovare una nuova sistemazione. Il centrocampista Samuele Dalla Bona (27), ha già bussato alla porta del West Ham di Gianfranco Zola. Invano.

La squadra era già al completo. Si era parlato anche di un interessamento dei russi del Rubin Kazan, però non c’è stato nulla di concreto. A dire il vero anche il Italia il giocatore ha qualche estimatore, su tutti il Chievo e la Reggina, ma di firme neppure a parlarne. Anche se, probabilmente, chi deve lottare per salvarsi può aver bisogno di un calciatore dai piedi buoni come Samuele.
Si vocifera che nel caso Dalla Bona non dovesse trovare squadra sarebbe pronto il suo ritorno a Giugno al Napoli.
Redazione NapoliSoccer.Net - Fonte: QS

Dalla Bona: "C'è troppa tensione. Reja avrebbe dovuto avere più fiducia in me. Blasi può essere decisivo"

C'era un'isola felice sotto il Vesuvio, ora ci sono il fuoco della contestazione e la polvere delle polemiche. A Napoli è il caos, dal quale è uscito appena in tempo Samuele Dalla Bona, che ha rescisso il contratto un mese fa per rimettersi in discussione a Londra, là dove era partita la sua avventura di calciatore. Si allena con il Fulham. «Senza prendere un soldo. Ho rinunciato anche a quelli del Napoli per dimostrare che sono ancora degno di considerazione».

Che cosa sta succedendo al Napoli? «Qui a Londra mi messaggio con qualche vecchio compagno. C'è molta tensione, troppa. Mi raccontano dei continui ritiri, della pressione degli ultrà, della difficoltà a tenere la testa libera».

Squadra sopravvalutata? «No, il valore complessivo è da Champions. Manca, semmai, la continuità. Il gruppo ha grandi valori e ci sono bei giocatori, che però hanno picchi di rendimento molto alti e picchi molto bassi. I campioni, invece, sono quelli che danno continuità alle loro prestazioni».

Chi può dare la svolta? «Tutti parlano di Lavezzi e Hamsik... Ma io penso a Blasi: se riprende a giocare come sa, può essere decisivo».

Club e squadra non sembrano così vicini. «Anche quando le cose andavano bene, sembrava così».

Reja ha colpe? «Forse avrebbe dovuto avere più fiducia in giocatori come me, che ora potrebbero essere utili. Come nell'anno della A».

Lei aveva un ottimo rapporto con i tifosi: lanci un appello. «Lasciate i ragazzi tranquilli, non sono robot, devono poter giocare senza condizionamenti o paure. Sui miei compagni, io li considero ancora tali, non ho dubbi».

E sull'allenatore e la società? «Sui miei compagni non ho dubbi...»
Fonte: La Gazzetta dello Sport


- Sam non trova una squadra che creda in lui... Anche se REGGINA e CHIEVO paiono interessate (fonte: QuotidianoNazionale.it - 5 Febbraio 2009)
Dalla Bona non trova una sistemazione
Anche il Italia il giocatore ha qualche estimatore, su tutti il Chievo e la Reggina, ma di firme neppure a parlarne
Ha rescisso il contratto col Napoli proprio in coincidenza con la fine della sessione invernale del calciomercato per divergenze con l’allenatore Reja, ma al momento non riesce a trovare una nuova sistemazione. Il centrocampista Samuele Dalla Bona (27), ha già bussato alla porta del West Ham di Gianfranco Zola. Invano. La squadra era già al completo. Si era parlato anche di un interessamento dei russi del Rubin Kazan, però non c’è stato nulla di concreto. A dire il vero anche il Italia il giocatore ha qualche estimatore, su tutti il Chievo e la Reggina, ma di firme neppure a parlarne. Anche se, probabilmente, chi deve lottare per salvarsi può aver bisogno di un calciatore dai piedi buoni come Samuele.


- Rescissione consensuale coi partenopei... (fonte: IoAmoLaSerieA.BlogSpot.com - 5 Febbraio 2009)
Due rescissioni di contratto. Firmani rompe con la Juve, mentre Dalla Bona lascia Napoli
Pur di non soffrire più le rispettive situazioni, Fabio Firmani e Samuele Dalla Bona hanno deciso di rescindere i propri accordi con le loro società. Il secondo è da tempo che è alle prese con un ambiente particolare, lui parla di poco feeling con Edy Reja, ma difficilmente il tutto si può riassumere in così poco. Quando i partenopei arrivarono in Serie A, Sam rappresentava uno dei giocatori su cui poter contare e puntare, ma dopo qualche presenza venne messo nel dimenticatoio e mai più utilizzato nemmeno in amichevole. Dalla Bona attendeva una chiamata in vano da Gianfranco Zola, ma il d.s. Nani ha spento sul nascere ogni speranza. Per Fabio Firmani, invece, la situazione è del tutto diversa. Lui, laziale dal profondo del cuore, era l'unico che veniva risparmiato dalle contestazioni, ma non veniva mai impiegato. Il giocatore ha, quindi, preferito lasciare la Lazio pur di non finire per non giocare più. Si prospetta un futuro negli Emirati Arabi.


- Sam parla con ZOLA ed aspetta una chiamata dal suo WEST HAM... (fonte: CorriereDelloSport.it - 4 Febbraio 2009)
Dalla Bona: «Aspetto chiamata da Zola»
Il centrocampista ex Napoli verso il West Ham
NAPOLI, 4 febbraio - Samuele Dalla Bona verso il West Ham. Il centrocampista ha rescisso il contratto con il Napoli e aspetta una chiamata dal tecnico degli hammers, Gianfranco Zola. «Nel Napoli ho trovato pochissimo spazio e onestamente stento ancora a capirne le ragioni- dice il giocatore a Radio Kiss Kiss- Pur giocando bene nel primo anno, avendo contribuito alla promozione in serie A, non ho più avuto le giuste possibilità per dimostrare il mio valore. Evidentemente, con Reja non c'era gran feeling. Ho già parlato con Zola, gli ho detto della rescissione contrattuale. Mi piacerebbe tantissimo tornare a Londra, attendo una risposta di Gianfranco. Spero davvero di poter andare in Inghilterra, dove in passato mi sono espresso alla grande. Ho deciso di ritentare l'avventura a Londra, città nella quale sono sbocciato ed esploso calcisticamente».


- Tra le squadre 'papabili' per Sam c'è il WEST HAM di ZOLA che con lui ha giocato nel CHELSEA... (fonte: DailyMail.co.uk - 4 Febbraio 2009)
Former Chelsea star Dalla Bona hoping to team up with Zola again at West Ham
Former Chelsea midfielder Sam Dalla Bona has approached Gianfranco Zola about the possibility of training with West Ham. The 27-year-old Italian is a free agent after recently leaving Napoli and he has contacted ex-Stamford Bridge team-mate Zola about a return to London.

Dalla Bona - who made 55 appearances for Chelsea between 1999 and 2002 - was approached by Serie B side Triestina on transfer deadline day, but favoured a return to the Premier League. And the 27-year-old has confirmed that he has discussed the possibility of linking up with Zola.

'In the last hours of the transfer window, Triestina did approach me, but I have another idea in mind,' he told Gazzetta dello Sport. 'I spoke with Zola and I asked him about the possibility of training with West Ham because free agents have until March to find a new club. 'Zola told me he will ask the officials. I wait for an answer.'


- Febbraio 2009: Sam rescinde 'a tempo' col NAPOLI... In pratica viene lasciato libero di trovarsi una squadra e, se non succederà entro un mese, i partenopei riporteranno in vita col giocatore il precedente contratto... (fonte: JustNapoli.it - 4 Febbraio 2009)
Dalla Bona rescinde col Napoli
Samuele Dall BonaSamuele Dalla Bona e il Napoli hanno rescisso il contratto. Il centrocampista è libero di trovare una nuova sistemazione entro marzo, se non dovesse riuscirci tornerà in vita il suo precedente accordo con il Napoli. Per ora Dalla Bona tenta la strada della Premier League: “Ho chiesto a Zola se è possibile allenarmi con il West Ham e poi sarà la società a decidere se tesserarmi, mi ha detto che chiederà alla società”. Ha detto Dalla Bona attraverso la “Gazzetta dello Sport” e poi ha aggiunto: “I tifosi non capivano la mia situazione, ma non la capivo nemmeno io. Allenarsi senza giocare è umiliante”.


- Da gioiello in B ad 'esubero' in A col NAPOLI. (fonte: CalcioNapoletano.it - 2 Febbraio 2009)
Mercato: Stasera (ore 19) si chiude. Bogliacino tentato dal Palermo, Dalla Bona verso l’estero
...Nicolas Amodio spera invece di trovar squadrain serie B: Brescia, Triestina ed Ascoli con eventuale opzione sul difensore destro Bellusci le trattative più accreditate. Discorso simile per Sam Dalla Bona che è salito a Milano già nella giornata di venerdì per sondare diverse ipotesi per il suo trasferimento e aspetta di andar via. Spagna ed Inghilterra le mete preferite mentre in Italia restano in piedi le trattative con Chievo e Reggina. Esuberi da sistemare per non correre il rischio di tenere in rosa calciatori scontenti e che ormai non rientrano più nei progetti tecnici di Edy Reja...


- A Gennaio 2009 è rottura definitiva col NAPOLI. (fonte: NapoliSports.BlogSpot.com - 31 Gennaio 2009)
Dalla Bona ha già lasciato Napoli per cercare una squadra
Samuele Dalla Bona ha già lasciato Napoli per cercare una nuova sistemazione. Sam proverà ad accasarsi alla Reggina, qualora saltasse l'affare chiederebbe al Napoli la lista gratuita per poi cercare un contratto da free agent.


- All'inizio del 2009 la società della diga è interessata a DALLA BONA (fonte: VeronaSera.it - 28 Gennaio 2009)
Chievo sulle orme di Dalla Bona e Di Michele
Il Ds Sartori cerca un centrocampista ed una punta da affiancare a Pellissier
Duilio Colonna
Sono ore frenetiche queste per le squadre che intendono effettuare gli ultimi colpi di mercato, mancano solo pochi giorni infatti alla chiusura delle liste. Molto attivo in questi giorni è il Chievo Verona.

I gilloblù stanno sondando il terreno per avere Samuele Dalla Bona in prestito dal Napoli. Il giocatore ha risolto la sua situazione con l’Iraklis Salonicco, dov’era in prestito proprio dai partenopei, e vuole tornare in Italia. In vantaggio sul Chievo, però, ci sono i cugini dell’Hellas, che si sono mossi in largo anticipo e che hanno già fatto un’offerta sia al giocatore, 6 mesi di contratto più 3 anni in caso di promozione, sia al Napoli.

In un primo momento Dalla Bona sembrava già dell’Hellas, anche perché crede nel progetto di Martinelli e Bonato, ma sta anche valutando l’offerta del Chievo soprattutto perché offrirebbe il palcoscenico della Serie A. In alternativa a Dalla Bona la società di Campedelli sta valutando l’ipotesi Alexandros Tziolis, talentuoso centrocampista greco del Panathinaikos.

Il diesse dei clivesi Sartori sta anche cercando una punta da affiancare a Pellissier, vista la scarsa vena realizzativa di Granoche, Bogdani e Abbruscato. In cima alla lista del direttore sportivo c’è David Di Michele, attaccante del Torino in rotta con la società. Se dovesse sfumare la trattativa con l’ex Palermo, potrebbe arrivare Rawez Lawan, attaccante svedese che gioca in Danimarca, nel Nordsjaelland. Punta talentuosa, ex Under 21 della Svezia, che nel 2007 e 2008 è stato votato miglior giovane del suo paese. Il costo dello scandinavo è di un milione di euro circa, una cifra che ha ingolosito anche altri club europei come il Braga in Portogallo, il Getafe e la Sampdoria.


- DALLA BONA continua a fare tribuna a NAPOLI. Viene accostato alla REGGINA... (fonte: NapoliSports.BlogSpot.com - 12 Gennaio 2009)
Calciomercato Reggina: ecco Dalla Bona!
La Reggina non vive un momento felicissimo; i calabresi, nonostante la buona prova di ieri pomeriggio e le due reti segnate, evidenziano molte lacune a centrocampo e in difesa, dove la pecca del goal subito di troppo si sottolinea sempre più. Molti pensano che si debba fare qualcosa subito sul mercato, per far si che la squadra possa almeno giocarsi la retrocessione con le sue rivali.

La squadra calabrese pare intenzionata a prendere un centrocampista che riesca ad assicurare qualità e quantità alla sua linea mediana e l’identikit perfetto pare corrispondere a Samuele Dalla Bona del Napoli, calciatore ormai ai margini della squadra da oltre un anno. Il ds della Reggina, Gabriele Martino, contattato dai microfoni di Tuttomercatoweb, a spiegare come procederanno i calabresi in sede di mercato: “Oggi è in agenda un punto della situazione, anche per la partita di ieri. Sono emerse della lacune, perché quando in casa riesci a fare due gol e non porti un punto, vuol dire che nella fase difensiva ci sono dei problemi. Dalla Bona? Può essere che arrivi, mentre Corradi rimarrà“.

Conferme circa la possibile conclusione positiva dell’affare col club partenopeo arrivano anche dal procuratore del giocatore azzurro, Alessandro D’Amico, che, ai microfoni di Tuttomercatoweb ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Si trova bene a Napoli, però il giocatore vuole giocare. La Reggina? E’ una destinazione gradita, ma non c’è nulla di concreto per ora. Nessuno si è ancora fatto sentire“.


- Samuele è inseguito anche dalla REGGINA. (fonte: Sportal.it - 4 Gennaio 2009)
La Reggina su Dalla Bona
... la pericolante Reggina passa a lavorare sul centrocampo di Pillon. L’obiettivo numero uno è arrivare al cartellino di Samuele Dalla Bona, sempre più separato in casa al Napoli e voglioso di riscatto dopo un lungo periodo nell’ombra. Il quasi ventottenne (è nato il 6 febbraio) di San Donà di Piave cercherebbe il definitivo salto di qualità in Calabria dopo le esperienze con Atalanta, Chelsea, Milan, Bologna, Lecce e Sampdoria.


- Samuele viene inserito in alcuni possibili scambi di mercato (MAURI della LAZIO, PAPA WAIGO della FIORENTINA) del club partenopeo (fonte: NapoliSports.BlogSpot.com - 2 Gennaio 2009)
Napoli e Lazio pensano ad uno scambio Mauri-Dalla Bona
Sono due giocatori in lista di sbarco nelle rispettive squadre e proprio per questo Napoli e Lazio starebbero pensando di scambiarseli. Stiamo parlando dei centrocampisti Stefano Mauri e Samuele Dalla Bona. Il primo ha oramai rotto con l'ambiente laziale e con il tecnico Rossi ed inoltre è in scadenza di contratto, come dichiarato anche ieri dal suo agente Tiziano Gonzaga a Lalaziosiamonoi: "Non c'è nessuna novità riguardante la situazione contrattuale di Stefano.Non c'è nessun appuntamento prossimo, siamo in attesa. Purtroppo la gente, ogni volta che Stefano mette piede in campo, lo fischia o lo prende a parolacce. Non è da escludere, comunque, che la Lazio possa decidere di cedere Stefano. Aspettiamo di capire qual'è la volontà del presidente Lotito".

Ricordiamo che Mauri fu portato all'Udinese anni addietro dall'attuale dg del Napoli Pierpaolo Marino. Piace e non poco a Delio Rossi, invece, Samuele Dalla Bona. Con Mauri, Manfredini e Firmani in partenza, infatti, Dalla Bona potrebbe andare a rimpinguare il centrocampo biancoceleste già da gennaio. Non è da escludere, dunque, questa pista di mercato che col passare dei giorni si fa sempre più calda.

Papa Waigo può essere il nuovo vice Lavezzi
L'attaccante senegalese della Fiorentina Papa Waigo potrebbe essere il nuovo vice-Lavezzi. Con la partenza sicura di Pià e con quella probabile di Russotto, il Napoli si ritroverebbe a dover colmare una lacuna nel parco attaccanti. Il Mattino ipotizza che in cambio della punta di colore, possa essere girato in prestito ai viola Samuele Dalla Bona o Inacio Pià, pupillo di Prandelli ai tempi della Primavera dell'Atalanta.


- DALLA BONA al PORTSMOUTH... Anzi no! (fonte: TuttoMercatoWeb.com - 1 Settembre 2008)
Dalla Bona vicinissimo al Portsmouth
Molti gli estimatori in Inghilterra per il centrocampista ex Milan
Il calciatore del Napoli Dalla Bona potrebbe ritornare Oltremanica. Molti gli estimatori in Inghilterra per il centrocampista ex Milan, tra cui ci sarebbe il Portsmouth, vicinissimo a tesserarlo.

ULTIM´ORA Sembrava che Samuele Dalla Bona fosse vicino a un ritorno in Inghilterra. Il procuratore Andrea D´Amico ai microfoni di TMW ha escluso la possibile trattativa.


- Estate 2008 la LAZIO s'interessa al talento di San Donà di Piave... (fonte: LaLazioSiamoNoi.it - 25 Agosto 2008)
ESCLUSIVE
Alessandro D'Amico: "Dalla Bona alla Lazio? se fosse ne sarebbe onorato..."
di Alessandro Zappulla
La Lazio è in movimento per completare la rosa nel migliore dei modi. Rossi e Lotito si sono incontrati per tracciare una linea comune sul come sferrare gli ultimi colpi di mercato. Il tecnico biancoceleste lamenta un puntello al centrocampo ed un giocatore in attacco. Se per le punte Bogdani resta l’indiziato numero uno, nella zona mediana del campo oltre a Brocchi, l’ultima voce di radiomercato sembra accendere i riflettori su un interesse della Lazio nei confronti di Samuele Dalla Bona. Raggiunto dalla redazione de Lalaziosiamonoi.it Alessandro D’Amico conferma la stima che il giocatore ha della Lazio e non smentisce le voci: “Samuele sarebbe onorato di venire alla Lazio- ha detto l’agente -, Roma è una città bellissima ed una piazza importante. Non ho parlato con nessuno della Lazio e attualmente non so dirvi se ci sono trattative in corso fra Napoli e Lazio, ma noi non le ostacoleremmo se vi fossero”. L’agente poi ha commentato l’ultimo anno di Dalla Bona nella squadra partenopea: “Samuele ha fatto benissimo due anni fa, mentre l’anno scorso non è stato messo in condizione di esprimersi al meglio, per i troppi infortuni e per il suo scarso utilizzo. Dalla Bona dopo l’esperienza al Chelsea e al Napoli si sentirebbe pronto se fosse anche per la Lazio, però a Napoli lui sta bene ed è amato…” La pista dunque resta calda e sull’asse Napoli-Lazio potrebbero spuntare novità negli ultimi giorni di calciomercato.


- DALLA BONA vicino al CHIEVO e a NAPOLI già lo rimpiangono... (fonte: Asterisko.it - 3 Agosto 2008)
ESCLUSIVE
NAPOLI: LE SCONFITTE…
By Walter Luisi
Apprendiamo con rammarico, che purtroppo ormai Samuele Dalla Bona è sempre più vicino al Chievo, il duttile e tenace centrocampista con una passata esperienze anche all’estero abbandonerà i partenopei, nonostante una buona condizione fisica e una gran voglia di dimostrare di meritare di rimanere, dimostrate in questa fase di precampionato. Il Napoli acquista Dalla Bona tre anni fa, al suo ritorno in Serie B, gioca qualche partita ma inspiegabilmente poi Reja lo esclude dalla formazione titolari più volte, e nel corso della passata stagione si è preferito più volte puntare a centrocampo su giocatori diversi e Samuele è più volte rimasto inspiegabilmente ai margini della prima squadra, ma Samuele non è l’unico caso, ricordiamo Calaiò l’eroe che dalla C ci a suon di goal ci ha riconsegnato la A, più di 40 in circa 80 presenze, e pensate un po’ con oltre 65 sostituzioni subite prima del 25esimo del secondo tempo, se questo non è un record poco ci manca! Ricordiamo Fabio Gatti, ormai ceduto a Gennaio, che con la sua presenza in Serie B il Napoli ha trovato equilibrio e dinamismo, ricordiamo Garics ceduto in comproprietà all’Atalanta, risultato uno dei migliori all’ultimo europeo della sua nazionale austriaca, gli oltre 3 milioni di euro investiti su Bucchi, e i quasi 3 milioni di euro investiti su De Zerbi, tutti ottimi calciatori, ma che inspiegabilmente entrati a Napoli nelle “antipatie di qualcuno”. Questo ci dispiace, perché prima di essere calciatori tutti sono uomini, ed è per questi uomini e professionisti che ci dispiace, che forse non hanno potuto dare tutto quanto volevano al Napoli, sbarcati qui con i migliori propositi , ma a volte trattati in malo modo. Siamo d’accordo sul fatto che oggi il Napoli è un’altra realtà europea, ma non dimentichiamo chi tra mille proposte ha accettato la “serie C”, e noi non finiremo mai di ringraziarli. Un grosso in bocca al lupo a tutti!!!


- Estate 2008: Si parla di uno scambio OBINNA-DALLA BONA fra CHIEVO e NAPOLI... (fonte: VideoComunicazioni.com - 14 Giugno 2008)
ESCLUSIVE
SCAMBIO IN VISTA OBINNA-DALLA BONA
pubblicato da Pier Paolo Petino
Il direttore generale del Napoli, Pierpaolo Marino, sembra aver raggiunto un accordo con il Chievo Verona per lo scambio dell’attaccante nigeriano Obinna con il centrocampista Samuele Dalla Bona. Nell’accordo anche una contropartita economica di circa 3milioni di euro. Obinna sarebbe l’attaccante chiesto da Reja per completare l’attacco azzurro. Le sue caratteristiche di velocità e potenza si integrerebbero bene con quelle di Lavezzi, punta di diamante del club


- DALLA BONA e GIANELLO veneti ed ex sampdoriani (poco rimpianti)... (fonte: IlGiornale - 9 Febbraio 2008)
Gianello e Dalla Bona, due meteore blucerchiate
Uno in campo ci sarà di sicuro, a difendere i pali partenopei per via dell’infortunio - con annesso intervento chirurgico - occorso al titolare Iezzo; l’altro, impiegato dall’inizio della stagione in sole due occasioni, scalderà senz’altro qualche poltrona, della tribuna d’onore o di casa sua. Matteo Gianello, veronese di Bovolone, e Samuele Dalla Bona, veneziano di San Donà di Piave, la loro domenica da ex blucerchiati la vivranno agli antipodi, uno da protagonista, l’altro da desaparecido cronico. In comune, però, oltre ai natali nord-orientali, resta una sola annata senza fortune con la maglia della Sampdoria.

Classe 1976, un tempo portiere di belle speranze prodotto dal vivaio del ChievoVerona, Gianello giunse a vestire blucerchiato, in prestito dai clivensi, nella stagione 1994-95, quella - per intenderci - della semifinale di Coppa delle Coppe persa ai rigori contro l’Arsenal. Diciott’anni e un fisico esplosivo permisero al giovane numero uno veneto di conquistarsi la maglia da titolare della Primavera doriana e di comparire nella foto ufficiale della prima squadra, al fianco di Walter Zenga e Giulio Nuciari, rispettivamente titolare e dodicesimo di quel Doria targato Eriksson. Niente di più. Alle spalle dell’Uomo Ragno (sempre presente con 47 presenze totali tra Serie A, Coppa Coppe, Coppa Italia e Supercoppa Italiana) non si aveva affatto vita facile tanto che, a fine stagione, senza nemmeno un gettone racimolato, la riconferma per l’acerbo Gianello non arrivò.

La riconferma - grazie al Cielo - non se la meritò neppure Sam Dalla Bona al termine di un campionato 2005-06 a dir poco disastroso. Lenta, legnosa, impacciata, la bionda mezzala dell’81, prestata dal Milan ma reduce da una discreta esperienza nel Lecce di Zeman, deluse talmente tanto da spazientire non solo Novellino ma persino buona parte del mite pubblico doriano (con qualche tifoso dei Distinti, durante il convulso finale senza vittorie, ci fu anche un pesante battibecco a Sampdoria-Parma in corso). Questione di pelle, questione di un feeling mai sbocciato. Nonostante tutto, però, Dalla Bona riuscì a mettere insieme, tra Serie A, Coppa Uefa e Coppa Italia, ben 38 apparizioni, roba che oggi si sogna nel Napoli di Reja.
Federico Berlingheri


- Sam al NAPOLI s'è sempre trovato a meraviglia, però vorrebbe giocare... (fonte: NapoliSoccer.net 5 Settembre 2008)
D’Amico(proc.Dalla Bona): “Samuele chiede solo una chance”
Il procuratore, tra gli altri, di Samuele Dalla Bona ed Ignazio Abate, Alessandro D’Amico, ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Radio Goal”, sulle frequenze di Kiss Kiss Napoli: “Dalla Bona non è mai voluto andar via da Napoli perché si trova benissimo, sia con la gente partenopea che con la società. Samuele è rimasto in azzurro perché la società così ha voluto e spero che riesca a conquistarsi un po’ di spazio. Ci sarà un’apertura tecnica nei suoi confronti? Sembra che ci sia un riavvicinamento. Dalla Bona nel suo ruolo è uno dei più forti in circolazione, ha tutte le qualità per giocare nel Napoli, magari approfittando anche dell’infortunio di Bogliacino che potrebbe dargli qualche opportunità in più. Tra l’altro quello di interno sinistro è il suo ruolo: a Lecce, con Zeman, ha disputato una delle sue migliori stagioni, realizzando sette reti, proprio in quella posizione”.


- DALLA BONA 'addocchiato' da RANIERI che ora allena in Italia la JUVE (fonte: CorriereDelMezzogiorno.Corriere.it 21 Dicembre 2007)
Mercato e campionato: Samuele Dalla Bona piace a Ranieri (Juve)
Per il Torino già venduti 10 mila biglietti. Si avvicina il momento dell'addio tra il centrocampista e il Napoli. Ma il presidente De Laurentiis vorrebbe tenerlo ancora
NAPOLI - Quattro mesi in tribuna più che in panchina. Mai una polemica, nè una parola fuori posto. Sam Dalla Bona, messo praticamente fuori rosa dal Napoli a fine agosto, quando il dg Marino prima e Reja dopo gli dissero in maniera molto chiara: «Non fai più parte del nostro progetto». Ricorda bene quel discorso, Sam.

Era la vigilia della gara di coppa Italia contro il Pisa. Oggi l'addio si è praticamente consumato e il centrocampista quasi certamente svestirà la maglia azzurra a gennaio. Probabilissima la sua destinazione lontano dall'Italia. «Mi farebbe piacere andare all'estero - aveva detto qualche tempo fa - ormai le ho provate quasi tutte in Italia. Napoli era la piazza che più ambivo e che invece mi sta trattando peggio, almeno quest'anno ». Uno sfogo, il suo. Che dette già allora il segnale di un rapporto da separato in casa. Ma il destino ha voluto premiare Sam Dalla Bona, catapultato in campo dal primo minuto, mercoledì sera, nella gara di andata degli ottavi di finale di Coppa Italia contro la Lazio. «Mica è una squadretta - aveva detto alla vigilia della partita - vedremo cosa so fare».

In realtà tornare in campo dopo tanto tempo non dà tante aspettative. Ma lui non si è fatto prendere dalla foga, dal nervosismo, dal voler fare bene a tutti i costi. Tranquillo, è sceso in campo. Con Reja neanche una parola. Stessa cosa con Marino. Per lui un solo profeta: De Laurentiis. Prima della partita gli aveva detto: «provaci sam, vedrai che farai gol». E' andata proprio così. E lui non ha esultato. «Mi è venuto spontaneo non farlo - ha confidato ad un amico - non mi piace fare polemica. Ma il mio silenzio doveva far capire a tutti quanto sono amareggiato».
Il centrocampista ex Milan, ex Chelsea tanto lodato da Claudio Ranieri si è tolto una personalissima soddisfazione. Un gol importante che non cambierà, però, di una virgola il suo rapporto con il Napoli.

Un peccato per un calciatore qualche anno fa giudicato talentuoso e di grandi potenzialità. Di lui Claudio Ranieri che lo ha avuto al Chelsea - diceva: «Sa stare davanti alla difesa, sa fare l'interno e la mezzala, sa aggredire nella maniera giusta ed inserirsi. E' un centrocampista prezioso. Il Napoli con lui si sentirà davvero da serie A. E' un gran lavoratore, non molla mai e soprattutto ha principi sani». Il Napoli, forse, non la pensa così. Il gol alla Lazio, le parole di De Laurentiis hanno caricato Dalla Bona. Sam ci proverà ancora, se gliene sarà data l'opportunità
Monica Scozzafava


- Al NAPOLI, con REJA, Samuele ha qualche problema ma i tifosi lo difendono... (fonte: BattitoPartenopeo.Splinder.com - 19 Dicembre 2007)
Tim Cup Lazio-Napoli 2-1
NAPOLI BATTUTO ALL'OLIMPICO 2-1
Ancora una volta l'allenatore del Napoli,Reja,con le sue scelte ha condizionato una partita vinta.Il Napoli vinceva grazie ad un gol di Samuele Dalla Bona al 28' del primo tempo.Il Napoli ha fatto poco o niente per meritare la vittoria ma nonostante cio' vinceva.Ed ecco che entra in gioco il mister Reja con le sue scelte completamente errate.La sostituzione di Dalla Bona tra i migliori in campo,Calaio e quella di Rullo per far spazio ad un'appesantito Lavezzi,Hamsik,ed al solito Savini.

Queste sostituzioni hanno dimostrato ancora una volta la volonta' dell'allenatore di emarginare definitivamente questi giocatori,da settembre destinati alla tribuna o se sono fortunati alla panchina.Chiaro,quindi che partiranno.Peccato.Peccato perche' sia Calaio' che Dalla Bona meritavano un posto in questo Napoli.Emanuele Calaio' con i suoi gol ci ha portato dalla serie B alla serie A e non e' stato ripagato.

Il tecnico e' sempre stato scettico nei suoi confronti se lo e' trovato in serie C ma non l'hai mai apprezzatoSamuele Dalla Bona.Dalla Bona ha dimostrato di essere un calciatore di serie A,avendo giocato con la piu' prestigiosa squadra di Londra,il Chelsea e nella serie A italiana nella Sampdoria.Per non parlare del povero Gatti:titolare in serie B e non ha mai visto la panchina azzurra da settembre.Neanche oggi in coppa ha giocato.Partira' anche lui.Ritorno di Coppa Italia il 16 gennaio al San Paolo per ribaltare il risultato sperando in un'altro Napoli:vivo ed assetato di vittoria.


- DALLA BONA scontento a NAPOLI, PASQUALIN ammette un contatto col TOTTENHAM in Premier League... (fonte: DailyMail.co.uk - 12 Novembre 2007)
Tottenham finally close in the Chelsea old boy they have 'rated for years'
Napoli midfielder Samuele Dalla Bona has been linked with a transfer to Tottenham by his agent who insists the Londoners are preparing a move. The former Chelsea player would love to return to the Premier League and his representative, Claudio Pasqualin, has admitted Spurs are an attractive prospect.

"Now Emanuele Blasi is injured but I don't think this will change Samuele's situation," Pasqualin told Guerin Sportivo. "The player remains at his disposal but we will consider his situation as there are clubs interested in him, like Tottenham, who have rated him for several years."


- DALLA BONA passa ufficialmente al club azzurro. (fonte: ANSA - 10 Agosto 2006)
Napoli: acquistato Dalla Bona
Per il centrocampista accordo per un contratto di 4 anni
- NAPOLI, 10 AGO - Il Napoli ha ufficializzato l' acquisto del centrocampista Samuele Dalla Bona. Il club azzurro ha gia' trovato l'accordo con il Milan. Per il giocatore, che stasera siglera' il contratto e che domani sera potrebbe gia' essere in campo in occasione del 'Trofeo Birra Moretti', accordo per un contratto quadriennale. Dalla Bona, che ha giocato anche nel Lecce, ha militato nella scorsa stagione nelle file della Sampdoria.



- E pensare che il NAPOLI lo aveva a lungo inseguito! (fonte: IlNapoliSoccer.MyBlog.it - 10 Agosto 2006)
E ALLA FINE FU DALLA BONA
Tanto c'è voluto, che alla fine viene istintivo parlare di fumata bianca, come se il nuovo centrocampista azzurro fosse atteso come un papa. Il percorso della ricerca spasmodica di Marino si conclude davanti all'uscio del Milan, con il prelievo a titolo definitivo di quel capolavoro (ancora) incompiuto che risponde al nome di Samuele Dalla Bona. Classe '81, il lungo (185 cm) mediano veneto da imberbe veniva considerato un talento puro. Al punto che Vialli lo strappò all'Atalanta appena diciassettenne per portarlo con sé al Chelsea. Ma la consacrazione, attesa con ansia dagli stessi inglesi e poi da Milan, Bologna, Lecce e Sampdoria, non è ancora arrivata e l'interesse per le sue giocate è andato scemando nel tempo. D'altronde è anche vero che gli stimoli che Napoli è capace di procurare ai suoi giocatori, teoricamente lasciano ancora intatta la speranza di veder nascere una stella.

Al di là degli aspetti psicologici, è però necessario soppesare il nuovo acquisto in relazione alle effettive esigenze dell'organico azzurro, anche per aver più chiare le strategie di Marino e della S.S.C. Napoli nel suo insieme. Perché ancora non si è ben capito chi stia facendo la squadra. De Laurentiis, che - con un pizzico di irriconoscenza - ha definito "palloso" il 4-4-2 e ha ordinato il rombo, neanche fosse al ristorante? Reja, che per quieto vivere (e quieto ingaggio) è sempre più lo yesman della dirigenza, confidando probabilmente nelle consolidate doti di spremitore di sangue dalle rape? Oppure Marino, che in mezzo a tante cicale (leggi altri club) finite malamente schiacciate sotto il peso dei propri sprechi, fa la formichina che porta a casa i chicchi di grano che trova, a prescindere dalla forma, tanto poi ci penserà qualcun altro a sistemarli? Ogni riferimento all'ultimo arrivato non è puramente casuale. Dalla Bona è infatti un destro naturale, la cui posizione ideale è centrale o interno destro.

Eppure sembrava che la necessità impellente fosse l'interno sinistro, anche perché lo stesso Reja avrebbe già scartata l'ipotesi di dirottare in quel ruolo Bogliacino, avendo notato che l'uruguagio tende ad accentrarsi rischiando di pestare i piedi a De Zerbi. Conclusione: in assenza di ulteriori interventi sul mercato, il Napoli comincerà il campionato con un regista basso un pò immaturo (Bogliacino) e un mezzo sinistro fuori ruolo (Dalla Bona), oppure con un mezzo sinistro tatticamente indisciplinato (Bogliacino) e un regista basso da recuperare psicologicamente (Dalla Bona). Ma non basta. Reja sta provando il suo (di De Laurentiis) 4-3-1-2 con una difesa buona a metà. Se infatti c'è nulla da eccepire sulla scelta dei centrali (Domizzi e Cannavaro), quella dei terzini sembra dettata dal gioco delle tre carte. "Conosco quello che può dare Grava a destra" ha dichiarato il tecnico di Goriza "perciò voglio provare Maldonado".

Non farebbe una grinza, se non fosse che i meccanismi con i nuovi compagni del pacchetto arretrato e la confidenza con il nuovo modulo di gioco non verranno acquisiti da Grava per grazia ricevuta. Più logico giustificare questa sorta di velato mobbing del difensore campano con possibili contenziosi in essere di natura contrattuale. La priorità delle scelte politico-economiche su quelle tecniche garantiranno a questo Napoli lunga e sana vita societaria, sotto un profilo finanziario, e ai tifosi azzurri la sconsolante visione di qualche giocatore fuori ruolo. Ma a Marino che importa, tanto a sistemare i chicchi di grano ci pensa Reja.
Giodecer


- La presentazione alla corte doriana, c'è anche DONATI e i 2 sono amici... (fonte: Doria.AlterVista.org - Luglio 2005)
Samuele Dalla Bona
E' uno dei talenti di nuova generazione più apprezzati dell'intero panorama nazionale e reduce da una ottima stagione in quel di Lecce, con oltre venticinque partite disputate e sei reti siglate. Mezz'ala classe 1981 di grandi prospettive, "Sam" Dalla Bona è uno dei prodotti del florido vivaio bergamasco dell'Atalanta. Giovanissimo, venne poi acquistato dal Chelsea e qui, il giovane Samuele si mise subito in mostra nella Premier Legue con due stagioni di gran livello condite da ben sei gol in casacca "blues".

Poi il ritorno in Italia e l'approdo in rossonero. Una Champions League conquistata e quindi un paio di stagioni in giro per lo "stivale" tra Bologna e Lecce, a farsi le ossa. E adesso la Samp, con tanto entusiasmo e un nome indimeticato da queste parti a fargli da garante: Vialli.

Presentazione alla Sampdoria (Estate 2005)
E anche per Samuele "Sam" Dalla Bona il gran giorno è arrivato. Questa mattina infatti, presso lo Star Hotel President di Corte Lambruschini, il giovane centrocampista veneto di proprietà del Milan è stato ufficialmente presentato alla stampa. Per lui una stagione in prestito a Genova con un sogno nel cuore: "A fine anno spero di convincere qualcuno a trattenermi qui definitivamente. Genova non la conosco, ma Massimo Donati, un caro amico, mi ha parlato molto bene della città".

Parole subito di grande effetto per uno dei talenti di nuova generazione più apprezzati dell'intero panorama nazionale e reduce da una ottima stagione in quel di Lecce, con oltre venticinque partite disputate e sei reti siglate. "C’è molta differenza tra il campionato italiano è quello inglese. Quello tricolore è un torneo molto più difficile rispetto a quello inglese. Vialli? Ho conosciuto Gianluca quand’ero al Chelsea, lui mi ha sempre parlato molto bene della Samp".


- Dal prestito leccese alla corte di ZEMAN (36 gare 6 gol) al prestito sampdoriano ma la proprietaria del cartellino rimane il MILAN. (fonte: ANSA.it - 1 Luglio 2005)
Arriva Dalla Bona
Il centrocampista giunge in prestito dal Milan; la scorsa stagione si è ben comportato nel Lecce di Zeman.


- Nemmeno nel BOLOGNA il giovane talento riesce a giocare con continuità, a Gennaio sarà 'spostato' al LECCE... (fonte: Repubblica.it - 31 Dicembre 2003)
Il Bari fa i conti con l' austerity Della Bona si avvicina al Lecce
... Sul fronte del Lecce sembrano aumentare le possibilità che a sostituire Piangerelli, passato alla Fiorentina, possa essere Samuele Della Bona. Il 22enne ex centrocampista del Chelsea (attualmente in forza al Bologna) da qualche settimana ha perso il posto da titolare e adesso il Milan, proprietario del suo cartellino, sembrerebbe orientato a trovargli una nuova sistemazione per consentirgli di giocare con più continuità. E il Lecce al momento appare la soluzione più gradita al club rossonero, che girerebbe in prestito Dalla Bona e si riprenderebbe Budel (sulle cui tracce ci sono Genoa, Catania, Ascoli e l' Avellino: gli irpini sono interessati anche a Bovo e Testa)... (e.tamb.-s.vant.)


- Sam deve giocare ma nel MILAN è troppo chiuso, meglio fargli 'fare un po' le ossa' nel BOLOGNA guidato da Carletto MAZZONE con Beppe SIGNORI capitano... (fonte: LaRepubblica.it - 12 luglio 2003)
Andersson non viene più il Bologna avrà Dalla Bona
NON VERRA' , dopo Kennet, l' altro Andersson. Non vestirà rossoblù il Daniel, pure svedese, che non fa gol ma dirige il gioco e s' è già visto in Italia con le maglie di Bari, Venezia, Chievo e Palermo. Doveva essere, da ieri, il nuovo regista rossoblù. L' affare non si fa più. Andersson farà i suoi ciak all' Ancona. E il Bologna? Farà ciak con Dalla Bona, il ragazzo milanista che fin qui era stato l' alternativa del nordico: tornato in corsia di sorpasso, verrà ingaggiato dal club di Gazzoni, probabilmente lunedì.

Mai dire mai, al calciomercato: è lezione vecchia. Così ieri mattina, quando pensavano di incassare la firma di Andersson, dopo che giovedì sera il ragazzo aveva dato la parola, i dirigenti rossoblù hanno ricevuto una chiamata. C' è l' Ancona, è meglio l' Ancona. Dietrofront. Cipollini non c' è rimasto bene e tanto poteva bastare per farlo recedere all' affare. «Non si fa così - se l' è poi presa ieri sera, più con l' Ancona che col giocatore -, trovo questi comportamenti scorretti. Avevamo parlato col Palermo e avevamo già un accordo firmato. L' intesa c' era già, verbalmente, pure col ragazzo, che ora è in Svezia. L' Ancona s' è inserito a questo punto, mentre io credo che, se un giocatore è già stato acquistato da una squadra, non vada più cercato. L' Ancona ha approfittato del fatto che Andersson non era qui: se c' era firmava con noi».

Tutto cestinato, e vada dove vuole Andersson, così come il Bologna andrà a prendersi un altro pezzo. Che, come detto, sarà Samuele Dalla Bona, da San Donà di Piave, 22 anni, di cui solo l' ultimo speso tra i rincalzi del Milan, dopo quattro stagioni al Chelsea. Ci fosse stato Andersson, il fine settimana avrebbe degnamente completato la forte accelerazione dello staff rossoblù. Che però, egualmente, tre pezzi li ha portati a casa: inoltre, preso Rossini dall' Atalanta, presi Juarez e Pecchia dal Como, oggi potrebbe finalmente chiudersi lo scambio col Napoli Olive-Troise, dopo una trattativa prolungata e in certi momenti anche spinosa. Cipollini avrebbe avuto il colloquio decisivo col centrocampista, cui oltretutto Napoli offre eccellenti condizioni contrattuali.

La fumata è imminente. Il bilancio fra uomini in entrata e in uscita è oggi più equilibrato e induce a qualche ottimismo, anche se la tifoseria s' interroga sul destino di Cruz. Rossini è un giovanotto di peso e talento, ma non fa troppi gol, e ancora non s' è capito se verrà affiancato all' argentino o dovrà invece rimpiazzarne un' eventuale partenza. Il Bologna s' è preso qualche giorno anche per sistemare la questione dell' esterno.

Non ha mollato Vanoli, che ha avuto un contatto proprio con l' Ancona, poi lasciato cadere, e si presume che l' ex parmense resti favorito per il ruolo di esterno, anche se ci sono altri sondaggi aperti. Capitolo abbonamenti. Ieri s' è chiusa la fase dei rinnovi, con 1.520 tessere sottoscritte in giornata. Il totale ascende a 6.708, che sono 2.166 in meno d' un anno fa. Vale quel che vale, perché la squadra sta nascendo adesso. Si passerà al 21 luglio, allora, per l' acquisto aperto a tutti: lì la febbre, se ce n' è, si potrà misurare meglio.
FERNANDO PELLERANO


- Nel MILAN non è titolare ma nonostante ciò diventa un perno fisso in mediana nell'UNDER 21 azzurra guidata da Claudio GENTILE... (fonte: Sport.it - 12 Febbraio 2003)
LEGA PRO
Milan, Dalla Bona: "Sempre pronto"
Il giovane centrocampista del Milan ha raggiunto oggi la squadra dopo aver disputato l'amichevole della Nazionale Under 21 contro l'Inghilterra. "Ieri sera ho giocato dall'inizio, non era facile partire titolare perchè non lo faccio spesso e la condizione può risentirne, penso però di aver fatto il mio dovere. Poi Marco Borriello ha fatto un gran gol, abbiamo vinto e siamo tutti contenti". Ha detto Dalla Bona.

Ormai titolare fisso nel centrocampo di Claudio Gentile, Dalla Bona è tornato con la testa alla sua squadra di club: "Qui al Milan devo pensare a farmi trovare pronto in caso di necessità. Domani torneranno tutti i miei compagni impegnati con le nazionali e inizieremo a lavorare per tornare a giocare come facevamo prima e per tornare soprattutto in testa alla classifica".


- Dal CHELSEA stellare di ZOLA, LAMPARD, GUDJOHNSEN, HASSELBAINK e compagnia bella guidata da mister RANIERI al MILAN ancellottiano di prima maniera a competere con gente del calibro di RUI COSTA, KAKA e PIRLO in mezzo al campo! (fonte: Sport.it - 8 Luglio 2002)
LEGA PRO
Roberto Baggio si ferma a Brescia. Il presidente del Brescia Corioni trova l'accordo con Roby Baggio, che resta con Mazzone. Il Milan aquista Samuele Dalla Bona dal Chelsea. Per il resto giornata di mercato interlocutoria.
Gianluca Farina
...Il Milan ha ufficializzato l'acquisto dal Chelsea di Samuele Dalla Bona. Contratto fino al 30 giugno 2007 per il ventunenne centrocampista, cresciuto nel vivaio dell'Atalanta per poi trovare il suo primo contratto professionistico in Premier League. Dalla Bona sarà a disposizione di Ancelotti fin da domani...


- Dopo 4 stagioni, 73 presenze nel CHELSEA, andando in scadenza nel 2003 Samuele non vuole rinnovare e viene messo sul mercato dalla società londinese che però accetterà solo contanti per il 'gioiellino' italiano... (fonte: ThisIsLondon.co.uk - 24 Maggio 2002)
Chelsea to sell Dalla Bona
Chelsea midfielder Sam Dalla Bona has been placed on the transfer list after the 21-year-old Italian refused to sign an extension to his contract, which has one year left to run. Dalla Bona signed for Chelsea in 1998 on a free from Atalanta and has since appeared 73 times.

He is now keen to go home, but the club is unimpressed with his stance after he rejected a move to Venezia last year. Chelsea say they will accept cash-only offers and will force him to see out his contract in the reserves if the right deal does not come along. A club statement said: "Sam Dalla Bona has played his last game for Chelsea. One Italian club is interested, but they are trying to off-load an over-aged, over-paid player in part exchange. We are not interested."


- Fine 2001 si comincia a parlare di Samuele in rossonero... (fonte: IlTirreno.Gelocal.it - 28 Dicembre 2001)
... Dalla Bona approda al Milan?
...Pasqualin, parlando in una trasmissione dell'emittente romana Radio Radio ha dato per certo il passaggio di Muzzi alla Juve. L'avvocato veneto ha poi rivelato che il suo assistito Samuele Dalla Bona, centrocampista italiano del Chelsea, non ha firmato la proposta di rinnovo quinquennale sottopostagli dal club londinese, ritenuta insoddisfacente dal punto di vista economico. Dietro il rifiuto di Dalla Bona ci sarebbe il Milan, desideroso di mettere le mani sull'ex `gemello' di Massimo Donati nel centrocampo di un'Atalanta primavera plurivittoriosa.


- Scoperto da VIALLI ad un torneo under 16 in Scozia! (fonte: Corriere della Sera - 6 Gennaio 2001)
IL PERSONAGGIO
Passato a 18 anni dall' Atalanta al Chelsea, il giovane centrocampista racconta la propria esperienza
«Io, Dalla Bona, emigrato per colpa di Vialli» «Non potevo dirgli di no, ero un tifoso della Juve. Ma in Inghilterra c' è tanta approssimazione» «Ho visto campioni come Desailly allenarsi su un campetto: tanto vale farlo in Hyde Park»
IL PERSONAGGIO / Passato a 18 anni dall' Atalanta al Chelsea, il giovane centrocampista racconta la propria esperienza «Io, Dalla Bona, emigrato per colpa di Vialli» «Non potevo dirgli di no, ero un tifoso della Juve. Ma in Inghilterra c' è tanta approssimazione» LONDRA - Dalla Bona: di nome fa Samuele, a Londra inglesizzato in Sam. È la rivelazione del Chelsea. A 19 anni, il centrocampista italiano si è ritagliato un posto nella squadra di Claudio Ranieri. A riprova del suo successo, i tifosi dei «blues» londinesi hanno già inventato una canzoncina tutta per lui. Il segno, in Inghilterra, che un giocatore è arrivato. Lei viene considerato una potenziale stella del calcio italiano di domani. È una definizione che le piace? «Non può che fare piacere, anche se mi stupisce molto. Mi sembra che le stelle in Italia siano altre: Cassano, Maresca, Totti». Come ha deciso di trasferirsi a Londra e al Chelsea?

«Era il ' 98, stavo disputando l' Europeo con la under 16 in Scozia. Vialli è venuto a vedermi un paio di volte. Dopo l' ultima partita mi si è avvicinato e mi ha fatto i complimenti. Mi ha detto: ' ' Sei bravo, mi piaci. Vuoi venire a provare come si sta da noi?' ' . Non mi sembrava vero. In Italia giocavo con la primavera dell' Atalanta. E all' improvviso avevo davanti un campione come Vialli. Gianluca è sempre stato un mio eroe perché da piccolo ero juventino. Anzi, lo sono ancora. Così mi è sembrata un' occasione da non perdere e sono andato a provare». Come è stato l' impatto? «Mi ha stupito la mancanza di strutture, di impianti e di preparazione. Quando sono arrivato e ho visto fuoriclasse come Desailly e Vialli che si allenavano su un campetto come tanti vicino a Heathrow ho pensato che quasi quasi ci conveniva andare a giocare a Hyde Park. Per me è stato difficile soprattutto perché con l' Atalanta la situazione era molto diversa. A Zingonia c' è tutto. Certo, se fosse stata un' altra squadra inglese a cercarmi - senza italiani e senza Vialli - probabilmente non sarei andato. In Italia siamo eccessivamente meticolosi, ma qui sono troppo approssimativi. Bisognerebbe trovare una via di mezzo». Quando Vialli è andato via ha avuto paura per la sua carriera? «Gianluca mi aveva fatto delle promesse. Mi aveva detto che quest' anno sarebbe stato il mio anno.

Quando è stato licenziato ho temuto che sarei rimasto per sempre in tribuna. Invece Ranieri è venuto già il primo giorno a vedere la partita delle riserve nella quale giocavo anch' io. Alla fine mi ha fatto i complimenti e mi ha detto di tenermi pronto a debuttare tra i grandi. E così è stato». Con Ranieri l' atmosfera negli spogliatoi è migliorata? «Gli ultimi tempi con Vialli non andava bene. Luca aveva qualche problema con i giocatori. La squadra ha deciso di licenziare lui invece di perdere sei o sette elementi, ma non meritava di essere cacciato. Con mister Ranieri ci troviamo bene, anche se con Luca si poteva ridere e scherzare, con lui un po' meno. Ha ancora qualche difficoltà con la lingua. Negli spogliatoi parla spagnolo e Poyet traduce in inglese. A volte prova a parlare inglese lui. È migliorato: dalla panchina riesce già a gridare ordini senza traduttore». Quando vede l' Atalanta così in alto nella classifica si pente di essere andato via? «No, qui mi trovo bene. Ho cominciato la mia carriera da professionista e sono contento. E poi non potevo sapere che le cose sarebbero andate così e che la squadra avrebbe puntato tanto sui giovani.

Qual è il segreto del successo dell' Atalanta? «Senz' altro l' importanza che dà alla preparazione dei giovani. Io ho avuto allenatori eccellenti. Ti formano prima come uomo e poi come calciatore. Niente è lasciato al caso. Ma è in tutta l' Italia che i giovani vengono trattati bene. Qui in Inghilterra invece mancano proprio le scuole di calcio». Ha intenzione di tornare in Italia? «Ho un contratto sino alla fine della stagione 2002-03, ma mi piacerebbe tornare in Italia, anche se in Inghilterra sto bene, ho imparato l' inglese e ho un bel giro d' amici. Chissà, magari potrei tornare qui più avanti, dopo i 25 anni». Paola De Carolis

LA SCHEDA
CHI È Samuele Dalla Bona è nato a Venezia il 6 febbraio 1981. Centrocampista, è alto 185 cm e pesa 76 kg

LA CARRIERA
Scoperto da Mino Favini, è cresciuto nel vivaio dell' Atalanta. È stato capitano delle nazionali under 16 e under 18

CASO DIPLOMATICO
L' ingaggio di Dalla Bona e Percassi da parte del Chelsea nel 1998 ha causato un incidente diplomatico con l' Atalanta, perché i due sono passati al club londinese a un prezzo bassissimo in quanto non ancora professionisti Nei «blues» è passata una colonia di 16 «italiani» PETRESCU Ex Bologna, era arrivato al Chelsea prima di tutti gli altri «italiani» GULLIT È stato il primo vero «italiano» a passare al Chelsea nel ' 96. Ha aperto la strada agli altri. VIALLI Chiamato da Gullit nel luglio ' 96, nel febbraio ' 98 ne prese il posto in panchina vincendo fra l' altro la Coppa Coppe. DI MATTEO È arrivato al Chelsea dalla Lazio nel ' 96 ZOLA Acquistato dal Parma nel novembre ' 96, è stato votato come giocatore inglese dell' anno. Suo il gol decisivo nella finale di Coppa Coppe DALLA BONA Acquistato dalle giovanili dell' Atalanta nel ' 98 PERCASSI Figlio dell' ex presidente dell' Atalanta, anche lui al Chelsea dal ' 98 DESAILLY Arrivato ai «bleus» dal Milan nella stagione 1998-99 CUDICINI Portiere figlio d' arte, ingaggiato dal Castel di Sangro nel ' 99 DESCHAMPS Lo chiamò l' amico Vialli dalla Juve nel giugno ' 99 AMBROSETTI Acquistato dal Vicenza nel ' 99 WEAH Arrivato dal Milan nel gennaio 2000, ha esordito con un gol STANIC Acquistato dal Parma nell' estate scorsa PANUCCI Ceduto dall' Inter al Chelsea nel 2000 BOGARDE Ex Milan, è arrivato dal Barcellona la scorsa estate RANIERI Ha sostituito in panchina Vialli a metà stagione
De Carolis Paola


- Il 19enne DALLA BONA va in gol per il CHELSEA di RANIERI: Una carriera in ascesa vertiginosa! (fonte: RaiSport.RAI.it - 25 Novembre 2000)
Premier League / 15ª giornata. Gol per Dalla Bona
Il giovane centrocampista segna all'Everton, ma il Chelsea perde
E' sempre piu' Samuele Dalla Bona l'uomo nuovo del Chelsea. Il 19enne centrocampista cresciuto nel vivaio dell'Atalanta ed 'emigrato' gia' da due anni a Londra e' stato anche oggi uno dei migliori della squadra di Claudio Ranieri, andando perfino in gol. La sua rete non e' pero' servita ai Blues per evitare la sconfitta contro l'Everton.

Di sicuro, e vista anche l'autorevolezza con cui gioca, Dalla Bona se continuera' cosi' si propone per un posto non solo nell'under 21 del ct Claudio Gentile ma anche nella nazionale maggiore di Giovanni Trapattoni, per sua stessa ammissione a caccia di nuovi centrocampisti per la squadra azzurra.

Nel turno odierno della Premier League e' andato a rete anche Benito Carbone, nella partita che il suo Bradford ha pareggiato per 2-2 a Middlesbrough (gol del pari di Ince al 90'), mentre il Manchester United ha allungato la sua serie positiva battendo per 3-0 il Derby (Sheringam, Butt e Yorke). Il Leeds, avversario di Champions League della Lazio, giochera' domani nel posticipo contro l'Arsenal.

I risultati della 15ª giornata:
# Charlton-Sunderland 0-1
# Coventry-Aston Villa 1-1
# Derby-Manchester Utd. 0-3
# Everton-Chelsea 2-1
# Manchester City-Ipswich 2-3
# Middlesbrough-Bradford 2-2
# Southampton-West Ham 2-3
# Tottenham-Leicester 3-0
# Leeds-Arsenal domani
# Newcastle-Liverpool domani

Classifica:
Manchester United 36; Arsenal 28; Ipswich 27; Leicester 25; Liverpool 24; Aston Villa, Tottenham e Sunderland 23; West Ham, Charlton e Everton 21; Newcastle 20; Leeds 19; Southampton e Chelsea 17; Manchester City 14; Coventry 12; Middlesbrough 11; Derby 10; Bradford 8.

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#MilanVerona Pecchia

#MilanVerona Fossati


Wallpapers gallery