Anteprima EMPOLI-VERONA: Partita che più inutile non si potrebbe per gli scaligeri che, come i loro tifosi, non vedono l'ora che finisca questo indegno accanimento terapeutico su un HELLAS retrocesso da tempo (nella testa prima che nelle gambe)


#EmpoliVerona +   -   =

...Anteprima di una partita che più inutile non si può per il VERONA e che non molto di più avrà da dire per i padroni di casa ormai assestatisi da tempo in una tranquilla zona di metà classifica ad un punto dalla fatidica quota 40 che da qualche tempo è stata presa come matematico indice di salvezza (anche se poi le pericolanti della Serie A, assecondando la mediocrità del campionato italiano, hanno saputo abbassare regolarmente la quota).
Nel mentre ZAMPARINI, presidente del PALERMO sempre più a rischio retrocessione, dopo aver avanzato sospetti su un paracadute sostanzioso grazie al quale si scenderebbe in B volentieri, invita chi di dovere ad indagare perchè 'Sul gol del Frosinone i giocatori del Verona si sono girati dall'altra parte' a cui segue per forza di cose la piccata risposta di Via Belgio (nonchè del FROSINONE) attraverso il sito web ufficiale, come si sentisse il bisogno di aggiungere inutili veleni a questa sciagurata stagione.

13 in totale i precedenti tra EMPOLI e VERONA tra campionati e coppe, 5 le vittorie dei toscani contro le 4 degli scaligeri, sostanziale equilibrio anche nei gol fatti che sono 16 divisi esattamente a metà fra le due compagini.
Nell'andata del 6 Dicembre scorso i gialloblù avrebbero meritato i 3 punti ed invece riuscirono a perdere in una delle più belle prestazioni del VERONA targato DELNERI ma ormai è davvero acqua passata!
Finì a reti bianche al Castellani l'ultimo scontro tra EMPOLI e VERONA il 6 Gennaio 2015.
Vittoria dei toscani data quasi per scontata a 1,8 contro i 4,5 con cui è pagato il successo gialloblù. Pareggio quotato a 3,6 alla SNAI.

Empoli 0-0 Verona, 6 Gennaio 2015

QUI EMPOLI
Dopo il turno di riposo all'Olimpico mister GIAMPAOLO ritrova TONELLI e MACCARONE dal primo minuto, out LAURINI per sostituirlo è ballottaggio tra BITTANTE e ZAMBELLI col primo in leggero vantaggio, stagione finita per SKORUPSKI vittima di una borsite.
Probabile il 4-2-3-1 con PELAGOTTI a difendere i pali, ZIELINSKY, PAREDES e CROCE in mediana a far da supporto al trequartista SAPONARA e alla coppia d'attacco MACCARONE-PUCCIARELLI.

Probabile formazione
4-3-1-2 con Pelagotti; Bittante-Tonelli-Costa-Mario Rui; Zielinski-Paredes-Croce; Saponara; Pucciarelli-Maccarone


QUI VERONA
Ancora 4-4-2 o 4-2-3-1? Per quel che può valere probabilmente il mister tornerà al modulo che ha sbancato il Dall'Ara anche perchè se in coppia con PAZZINI la scelta è tra gli attuali TONI e GOMEZ non esiste di certo l'imbarazzo della scelta purtroppo...
HELANDER sotto osservazione per almeno 15 giorni dopo la 'craniata' con PAGANINI, al suo posto potrebbe giocare BIANCHETTI con BIANCHETTI a completare la coppia centrale di difesa e MORAS inizialmente in panchina ma pronto in caso di bisogno.
SOUPRAYEN al rientro in ballottaggio con ALBERTAZZI per la fascia sinistra della difesa? Dalla Primavera aggregato alla prima squadra anche CHECCHIN che potrebbe rappresentare la sorpresa in mediana.

Convocati
Fuori GILBERTO, FURMAN, JANKOVIC e gli infortunati FARES ed HELANDER, dalla Primavera il giovane CHECCHIN.

Portieri: 37. Coppola, 95. Gollini, 88. Marcone
Difensori: 6. Albertazzi, 22. Bianchetti, 18. Moras, 3. Pisano, 4. Samir, 69. Souprayen
Centrocampisti: 97. Checchin, 28. Emanuelson, 19. Greco, 23. Ionita, 8. Marrone, 2. Romulo, 24. Viviani, 13. Wszolek
Attaccanti: 21. Gomez Taleb, 11. Pazzini, 27. Rebic, 16. Siligardi, 9. Toni

Probabile formazione
4-2-3-1 con Gollini; Pisano-Bianchetti-Samir-Souprayen; Viviani-Ionita; Rebic-Gomez-Wszolek; Pazzini

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]



DICONO +   -   =

Mister GIAMPAOLO tecnico dell'EMPOLI «Verona? Provo a mettermi nei panni del loro allenatore e sicuramente avrà detto alla squadra di onorare il campionato. E' giusto così. Sarà una partita complicata, loro fuori casa hanno fatto risultati molto importanti. Esprimono valori molto importanti, sono difficili da affrontare e come tutte le squadre di Del Neri sono organizzati. Dovremo vincere con intelligenza, senza frenesie. La partita d'andata? Hanno avuto molti problemi di infortuni e di mala sorte. Noi stessi all'andata vincemmo senza meritare. A volte le stagioni girano male, ma li ho visti giocare e non mi fido. Tonelli? Il dottore mi ha dato qualche possibilità per la prossima partita, mentre Laurini ha tempi un po' più lunghi» TGGialloBlu.it

Mister DELNERI «Come affrontare il post Frosinone? Non è facile assorbire colpi così, oggi siamo pronti a partire per Empoli. Il calcio ha diverse situazioni e noi dobbiamo cercare di andare fino in fondo dando il meglio di noi stessi. Andremo in campo con intensità e voglia di vincere, con lo stesso atteggiamento avuto a Bologna. Per noi dovrà essere sempre una partita importante, bisogna giocare sempre per vincere, indipendentemente dalla categoria. Affrontiamo i prossimi impegni senza abbassare la guardia, le motivazioni nel calcio le dà la partita. Se rifarei le stesse scelte? Ho fatto delle cose sempre con senso pratico, pensando a ciò che doveva succedere sul campo. Abbiamo avuto delle prestazioni importanti che poi non abbiamo capitalizzato, abbiamo pagato duramente in certe partite dal punto di vista psicologico. I punti fatti sotto la mia gestione non bastano per agganciare gli altri, gli scontri diretti in casa hanno determinato un risultato di questo tipo. Non abbiamo avuto nemmeno tante soluzioni favorevoli, con il Palermo abbiamo fatto qualcosa di buono, ma purtroppo in quella situazione il migliore in campo è stato Sorrentino. Carpi e Frosinone sono soluzioni che si sono create da sè. È stata un'annata molto particolare che cercheremo di onorare fino in fondo, con i nostri pregi e i nostri difetti. Il futuro? Mi sembra opportuno parlare del nostro futuro più prossimo, l'Empoli. Virtualmente si può considerare finita, aritmeticamente no. Andiamo in campo e siamo tutto ogni domenica, per noi stessi e per il pubblico. Se ho mai pensato di dire basta? Siamo sempre stati in corsa per ottenere qualcosa di importante. Uno che lavora deve farlo al massimo delle sue potenzialità, non è nel mio carattere pensare di andare via» HellasVerona.it

...E anche ZAMPARINI dice la sua a 'La politica nel pallone' su Radio24 «Sul gol del Frosinone i giocatori del Verona si sono girati dall'altra parte», non è mancato il piccato invito del sito web ufficiale scaligero al presidente del PALERMO di pensare agli affari suoi... TuttoMercatoWeb.com



ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

VANDALI PRENDONO DI MIRA L'AUTO DI GRECO che è stata 'marchiata' con una scala di Cangrande disegnata con vernice spray e bersagliata da un petardo...

NAZIONALE A VERONA? MEGLIO DI NO... Così Francesco Prando da VVox.it: 'La nazionale a Verona? Meglio di no. Ricordando il precedente dell'89, ecco perché gli urrà della politica locale sono fuori luogo'



IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

MERCATO MOTOGP: Ora è ufficiale! LORENZO alla DUCATI dalla prossima stagione...



RASSEGNA STAMPA +   -   =
19 aprile 2016 at 21:11
Hellas Verona, ora non bisogna pensare al futuro ma solamente a giocare con il massimo impegno
Autore Giorgia Boaselli

La sconfitta con il Frosinone ha spento definitivamente tutte le speranze dei gialloblù. La retrocessione, seppur non matematica, è sempre più vicina

Le poche vittorie arrivate, l’esonero di Mandorlini, l’arrivo di Delneri, i problemi tra società e tifosi, sono la testimonianza di un campionato disastroso e assolutamente da dimenticare. Dopo gli ultimi anni, nessuno si sarebbe aspettato di vedere un Verona così ultimo in classifica e senza la possibilità di lottare per salvarsi, ma purtroppo nel calcio tutto può succedere. Adesso, però, non bisogna abbattersi e continuare a giocare per la maglia dando il massimo, non pensando alla Serie B che verrà. Testa, allora, alla sfida con l’Empoli di domani. Il mister in conferenza stampa, ha dichiarato: “Non è facile andare avanti dopo la sconfitta di domenica, ma noi affronteremo tutte le partite che ci rimangono senza abbassare la guardia e con la massima intensità. Le nostre priorità ora sono gli azzurri, e tutte le squadre prossime da affrontare. Non ho mai detto di voler andare via, non fa parte di me, lavoro ogni giorno per dare il meglio.” Si è, poi, soffermato sulla furia Zamparini di questi ultimi giorni, il quale aveva accusato l’Hellas di essersi scansata al 2-1 dei ciociari: “Le sue parole non le commento. Era il 94', abbiamo corso per tutto il match ed era normale essere stanchi. Quello successo a Greco però non lo accetto, ci può stare l’amarezza dei tifosi, ma gli attacchi di violenza sono una cosa inaudita.”

La squadra, comunque, oggi dopo la rifinitura, basata su una partitella a metà campo e calci piazzati, è partita per la Toscana. Luca Toni è stato convocato e quasi sicuramente partirà dal primo minuto.

PROBABILI FORMAZIONI:
Empoli (4-3-1-2): Pelagotti; Bittante, Cosic, Costa, Mario Rui; Zielinski, Paredes, Croce; Saponara; Pucciarelli, Maccarone
Hellas Verona (4-4-2): Gollini; Pisano, Bianchetti, Moras, Albertazzi; Wszolek, Marrone, Ionita, Rebic; Pazzini, Toni

Giorgia Boaselli
Foto presa da: (www.foxsport.it)

FONTE: PassioneDeCalcio.it


Empoli-Hellas Verona: precedenti, statistiche e curiosità
Scritto da Francesco Cucinotta il 19 aprile 2016 alle 09:00

L’Empoli per il riscatto dopo il 2-0 dell’Olimpico contro la Lazio, l’Hellas per non spegnere quella piccola fiammella di speranza in una salvezza che, onestamente, oggi appare alquanto improbabile. Empoli-Hellas Verona non sarà certo una partita per palati fini. Gli uomini di Giampaolo cercheranno i tre punti per chiudere definitivamente i conti con la permanenza nella massima serie; discorso opposto per i ragazzi di Delneri, che alla retrocessione si sono quasi rassegnati, ma che proveranno a ritardare il più possibile il verdetto matematico.

I PRECEDENTI – Sono soltanto nove i precedenti assoluti fra le due squadre in Toscana. Di questi, tre sono stati giocati in Serie A e sei nel campionato cadetto. Bilancio completamente a favore degli azzurri, che hanno vinto cinque volte al Castellani, contro le due sole affermazioni scaligere. Due i pareggi, l’ultimo proprio nel campionato scorso: 0-0 alla 17/a giornata. Nei tre precedenti in A, però, da segnalare che i veronesi non hanno mai vinto: a parte il pareggio già citato, persero due volte nel 1986-87 (1-0 rete di Vertova) e nel 1987-88 (1-0 gol di Incocciati).
Una curiosità: nell’ultimo precedente in cadetteria segnò anche Saponara. Era il campionato 2012-13, il trequartista empolese portò in vantaggio i suoi con un gran gol, ma Ceccarelli pareggiò i conti al novantacinquesimo.

LE STATISTICHE – Sono soltanto 18 le reti totali messe a segno nei nove precedenti disputati a Empoli: una media piuttosto bassa di due soli centri a partita, che nelle gare disputate in A si abbassa ulteriormente (due 1-0 e uno 0-0, con il Verona che non ha mai segnato al Castellani in Serie A).
In quanto al campionato in corso, da segnalare il ruolino deficitario degli scaligeri in trasferta: una sola vittoria (a Bologna due settimane fa), sette pareggi e otto sconfitte. Viceversa, l’Empoli fra le mura amiche ha vinto cinque volte, pareggiato in altrettante occasioni e perso sei volte.

La vittoria del Verona contro il Bologna qualche giornata fa complica il pronostico di questa partita. Gli scaligeri, infatti, giocheranno con una serenità tale da rendere difficili le previsioni. Allo stesso tempo, l’Empoli dopo la bella vittoria casalinga contro la Fiorentina sembra aver allentato la presa. In ogni caso, propendiamo per il segno 1, magari di misura (1 con handicap). In quanto ai gol, visti i precedenti nella massima serie, doveroso fare un pensierino all’Under 2,5.

Empoli-Hellas Verona, le probabili formazioni
Scritto da Alessandro Rutar il 19 aprile 2016 alle 08:00.

Gara valida per la 34/a giornata del campionato di Serie A, in programma mercoledì 20 aprile 2016, ore 20:45.

QUI EMPOLI – Ballottaggio in difesa vista l’assenza di Laurini: la maglia da titolare dovrebbe andare ad uno tra Zambelli e Bittante. Tonelli potrebbe rientrare ma al momento l’idea è di non affrettare i tempi; chi rientra invece è Zielinski che, scontato il turno di squalifica, torna a occupare il proprio posto a centrocampo. Giocherà dal primo minuto anche Maccarone.

Empoli (4-3-1-2): Pelagotti; Zambelli, Cosic, Costa, Mário Rui; Zielinski, Paredes; Croce; Saponara; Maccarone, Pucciarelli. All.: Giampaolo.

QUI HELLAS VERONA – Rientra Souprayen e sarà probabilmente schierato dall’inizio. Possibile avvicendamento anche in attacco, con Pazzini a occupare la posizione di unico terminale offensivo, mentre sulla trequarti agiranno larghi Wszolek e Rebic.

Hellas Verona (4-2-3-1): Gollini; Pisano, Bianchetti, Helander, Albertazzi; Viviani, Ioni?a; Rebic, Juanito, Wszolek; Pazzini. All.: Delneri.

FONTE: MondoPallone.it


TV | Empoli-Verona … 9/11/86 una pagina storica
in Empoli F.C. 19, aprile, 2016 alle 8:18 am

Empoli-Verona per i tifosi azzurri non potrà mai essere una partita qualsiasi, ed il perchè è scritto nella storia. Il 9 novembre del 1986 infatti è arrivata la prima vittoria storica in serie A degli azzurri al “Castellani”. L’Empoli aveva già vinto in precedente due gare di cui una casalinga, ma quella era arrivata con l’Inter a Firenze.
Dopo l’esordio nello stadio di casa, una settimana prima con la Roma, proprio contro i mastini di Verona arrivo’ quel successo importantissimo per 1-0 grazie al gol messo a segno da Vertova al minuto 51.

Vediamo grazie all’archivio Rai il servizio inerente quello specifico match ben scolpito nelle menti di chi c’era.

FONTE: PianetaEmpoli.it


Empoli-Verona: probabili formazioni e statistiche
Pubblicato on 19/04/2016 at 18:56
Articolo di Enrico Turcato
Empoli e Verona hanno pareggiato solo una volta in Serie A (0-0 nel gennaio 2015): tre successi per parte completano il bilancio

PROBABILI FORMAZIONI
Empoli (4-3-1-2): Pelagotti; Bittante, Cosic, Costa, Mario Rui; Zielinski, Paredes, Croce; Saponara; Pucciarelli, Maccarone. All.: Giampaolo
Squalificati: -
Indisponibili: Skorupski, Laurini

Verona (4-4-2): Gollini; Pisano, Bianchetti, Moras, Souprayen; Wszolek, Ionita, Marrone, Emanuelson; Pazzini, Toni. All.: Delneri
Squalificati: -
Indisponibili: Fares

STATISTICHE OPTA Empoli e Verona hanno pareggiato solo una volta in Serie A (0-0 nel gennaio 2015): tre successi per parte completano il bilancio. Toscani imbattuti nei tre precedenti casalinghi con il Verona nella massima serie: due successi e un pareggio, sempre senza subire gol. I tre match di Serie A tra queste due squadre, giocati al Castellani, hanno prodotto appena due reti. L’Empoli ha vinto solo una delle 14 partite del girone di ritorno, perdendo sette volte nel parziale. Nel girone di ritorno, solo il Palermo (sette) ha ottenuto meno punti dell’Empoli (nove). Nelle ultime sette giornate, il Verona non è mai riuscito a segnare più di una singola rete a partita (quattro gol il totale). Verona (13) ed Empoli (12) sono le due squadre che hanno subito più gol di testa nel campionato in corso. L’Hellas Verona è la formazione meno prolifica della Serie A, 28 reti, ma al tempo stessa è quella che ha realizzato più gol su palla inattiva, 20, Giampaolo Pazzini ha trovato il gol in tre delle cinque sfide contro l’Empoli in Serie A. Federico Viviani è il giocatore che ha fornito più assist vincenti su palla inattiva in questa Serie A, cinque.

FONTE: It.EuroSport.com


ULTIM’ORA
EMPOLI, 20:40
CALCIO, EMPOLI: LAURINI SALTA IL VERONA, TONELLI IN DUBBIO
Dopo il ko dell'Olimpico contro la Lazio l'Empoli di Marco Giampaolo è già tornato questa mattina al lavoro al 'Castellani' dove mercoledì sera affronterà l'Hellas Verona. Il francese Laurini ha accusato un risentimento all'adduttore sinistro nella gara con la Lazio e non sarà a disposizione dopodomani. Pronto uno fra Bittante e Zambelli per sostituirlo. Anche Tonelli è affaticato, ma dovrebbe esserci nel prossimo match. Col Verona rientra anche Zielinski dalla squalifica. Unici assenti Laurini, Skorupski e Livaja.

FONTE: Repubblica.it


Le due facce di Verona: destini e gestioni opposte tra Chievo ed Hellas
Chievo ed Hellas Verona hanno vissuto due annate diametralmente opposte, i primi vicini alla zona Europa, i secondi ormai prossimi al baratro della retrocessione

19 aprile 2016 10:07 - Redazione CalcioWeb
LaPresse/Spada

Il calcio a Verona quest’anno ha vissuto due facce diametralmente opposte, quella del Chievo Verona e quella dell’Hellas Verona. La faccia sorridente è quella del Chievo Verona, stagione fantastica con salvezza acquisita addirittura ad aprile ed a sei punti dal sesto posto, che vorrebbe dire Europa League. La società di Luca Campedelli dall’ottava giornata della stagione scorsa, si è affidata ad un tecnico di sicuro rendimento, Rolando Maran. Ha saputo costruire un giocattolo perfetto che ha continuato a rendere anche dopo la cessione del suo capocannoniere Alberto Paloschi. Il tecnico di Trento ha richiesto e ottenuto i giocatori che voleva, dalla sua precedente esperienza catanese, ossia: Nicolas Spolli e Lucas Castro che si sono aggiunti ai già presenti in rosa Mariano Izco e Albano Bizzarri. Formando un gruppo unito in pochissimo tempo e con ottime individualità come Valter Birsa e Riccardo Meggiorini, oltre ad un ragazzo in rampa di lancio come Roberto Inglese, già ricercato a gennaio dal Napoli. Completamente opposto il discorso per l’Hellas Verona, acquisti sbagliati, doppioni di giocatori già in rosa vedi il caso Pazzini e Toni entrambi prime punte non hanno ingranato per nulla, anche a causa degli scarsi rifornimenti ricevuti. Andrea Mandorlini prima e Luigi Del Neri poi hanno potuto fare veramente poco alla causa dell’Hellas, che pur lottando fino all’ultimo non è mai riuscita veramente a rientrare nella corsa salvezza. Il paracadute della serie B che aspetta l’Hellas potrebbe dar nuova linfa per ricostruire una squadra con una solida base italiana in grado di risalire subito. Mentre il Chievo si goda una bellissima salvezza con uno sguardo magari all’Europa.
Christian Luca Di Benedetto

FONTE: CalcioWeb.eu


La Sfida – L’Hellas Verona è sempre più nel baratro, ma quest’Empoli non deve abbassare la guardia
18 aprile - 15:50

LA RIVALE L’Empoli affronterà l’Hellas Verona nel turno infrasettimanale della 34esima giornata di Serie A. Gli scaligeri sono sempre più ultimi con soltanto 22 punti conquistati sino ad ora e la retrocessione oramai sembra davvero ad un passo. Difficile per gli uomini di Del Neri agguantare il Carpi, che occupa il quart’ultimo posto a +9. I gialloblu arrivano poi dalla sconfitta nello scontro diretto contro il Frosinone che, anche se non matematicamente, ha quasi certamente condannato i veneti.

LA SQUADRA Nonostante l’ultimo posto in classifica già a gennaio sono stati pochi i movimenti del Verona nel mercato di riparazione. Dalla Fiorentina è arrivato in prestito il croato Rebic, mentre tra gli svincolati i veneti hanno pescato Urby Emanuelson. Decisiva anche la cessione di Hallfredsson all’Udinese e di Rafa Marques al Coritiba.

COME GIOCA È il 4-4-1-1 il modulo con cui Luigi Del Neri è solito schierare in campo i suoi uomini. Gollini tra i pali, in difesa Pisano, Moras, Bianchetti e Albertazzi. Centrali di centrocampo Viviani e Ionita, a destra Jankovic e a sinistra Emanuelson. Dietro l’unica punta Toni (o Pazzini) agisce invece Gomez.

PUNTI DEBOLI E DI FORZA Il Verona, come nella gara di andata, ha mostrato una grande fragilità di squadra nonostante in ogni sfida riesca a creare sempre un buon numero di occasioni. I veneti sono molto pericolosi soprattutto sulle situazioni da fermo: Viviani dalla bandierina ha mandato in gol molti compagni, per ultimo l’ex Bianchetti nell’ultimo turno contro il Frosinone. Per i gialloblu però potrebbe essere davvero l’ultimo treno per sperare nel miracolo salvezza e l’Empoli non deve abbassare la guardia.

FONTE: EmpoliChannel.it


17 aprile 2016
Francesco Prando
La nazionale a Verona? Meglio di no
Ricordando il precedente dell'89, ecco perché gli urrà della politica locale sono fuori luogo


La nazionale italiana di calcio torna a Verona. Lo farà lunedì 6 di giugno alle 20.45 per un’amichevole contro la Finlandia. Sarà l’ultimo test prima del campionato europeo in terra di Francia. Alla notizia, in molti, soprattutto i politici e amministratori veronesi, hanno esultato. Diciamo subito, che, visto il precedente di cui diremo, c’è invece di che preoccuparsi.

Il primo ad applaudire è stato l’assessore allo sport Alberto Bozza: «questo risultato è motivo di orgoglio per la città; grazie al concreto di tutto il mondo sportivo veronese, la nostra città avrà l’onore di ospitare la Nazionale italiana, che giocherà al Bentegodi l’ultima amichevole prima della partenza per i campionati europei». Insieme all’applauso, Bozza dovrebbe avere invece un po’ di timore. Gli azzurri non si vedono allo Stadio Bentegodi dal secolo scorso. L’ultima volta fu un sabato di un lontano 22 aprile 1989.

Arrivò in riva all’Adige l’Uruguay. C’era il mite Azeglio Vicini. Finì 1-1, ma ciò che fece notizia e scattare una storica punizione della Federazione per la città e il suo stadio furono gli insulti alla nazionale, i fischi all’inno di Mameli, il disprezzo per i morti di Shieffield durante il minuto di silenzio, l’assenza di pubblico – solo 13.891 spettatori paganti – e una città spaccata nel giudizio su quell’episodio che fece il giro del mondo. Mai più la Nazionale a Verona si disse allora. La città invece, in quell’occasione, come in tante altre, si assolse.

«Quei fischi rientrano nella logica del calcio, sono il prodotto di una cultura e di un sistema» aveva detto l’allora assessore comunale allo sport Graziano Rugiadi. Ci fu anche chi sostenne che il pubblico che paga il biglietto ha tutto il diritto di fischiare, soprattutto se l’incontro è una farsa. E anche questa volta il match ripropone solo un’amichevole. Solo che in quella occasione Palazzo Barbieri, sede del municipio, fu tappezzata di scritte, come lo stadio Bentegodi contro la Nazionale, contro il sud, contro i terroni.

«La gente veneta ha lottato duramente per mandar via dalla propria terra gli austriaci», aveva replicato l’assessore regionale allo sport, il socialista (c’erano ancora il socialismo…) Giancarlo Brunetto, «ora per una minoranza di esaltati la città non deve subire l’onta di una facile strumentalizzazione». E pensare che il Bentegodi non era ancora diventato, come poi è successo, il terreno sul quale tanta parte degli ultras sfogavano le loro vere o presunte frustrazioni. È storia degli anni successivi quando le Brigate Gialloblu sono entrate di diritto nell’elenco degli ultras più scalmanati.

Ci aveva provato anche l’allora Procuratore della Repubblica Guido Papalia a fermarli, con la prima inchiesta in Italia per associazione per delinquere. Anche l’allora presidente Ferdinando Chiampan si era messo alla testa di una crociata contro la violenza, invitando i tifosi a denunciare i responsabili dei disordini. Tutto inutile. Il risultato fu che da allora, nonostante reiterati tentativi, la Nazionale da queste parti non si è più vista. Si vede però che non c’è memoria. E allora siamo qui con il fiato sospeso per vedere quello che accadrà. Dopo un periodo di tranquillità gli ultras dell’Hellas sono tornati a far parlare di loro.

È bastata una trasferta a Napoli, dove sono stati fatti entrare il ritardo allo stadio San Paolo e dove li hanno tenuti “prigionieri” 3 ore dopo il triplice fischio. Risultato: è arrivata la comunicazione del giudice sportivo di una multa di 15 mila euro per avere «intonato cori insultanti per motivi di origine (oggi si dice così) territoriale». Ancora una volta i sostenitori più esagitati dell’Hellas, che oggi naviga in cattive acque ha però trovato il sostegno del club. Allora, visto il precedente e con questi presupposti, valeva la pena riportare qui la Nazionale? Crediamo di no. Il rischio di una nuova brutta figura è sempre alto.

(Ph. da ultimecalcionapoli.it)

FONTE: VVox.it


PROBABILE FORMAZIONE HELLAS
Toni punta centrale
Spazio a Checchin?

20/04/2016 10:01
L'Hellas è ospite ad Empoli con la consapevolezza di disputare la B il prossimo anno. Delneri, come nella maggior parte delle trasferte di quest'anno, molto probabilmente si affiderà a Toni come unica punta. Nel 4-2-3-1 ci sarà Gollini in porta, difesa a quattro con Pisano, Bianchetti, Samir (o Moras) e Souprayen. A centrocampo Viviani e Marrone (ma ci potrebbe essere spazio anche per il giovane Checchin convocato). Sulla trequarti, Wszolek a destra, Ionita al centro (o Gomez) e Siligardi (o Rebic) a sinistra. Pazzini in campo solo con un eventuale 4-4-2.

Verona (4-2-3-1): Gollini; Pisano, Bianchetti, Samir, Souprayen; Viviani, Marrone; Wszolek, Ionita, Siligardi; Toni. All: Delneri
L.VAL.

PROBABILE FORMAZIONE EMPOLI
Maccarone-Pucciarelli con dietro Saponara
20/04/2016 09:58
L'Empoli di Giampaolo perde Tonelli al centro della difesa per la sfida contro il Verona. Il tecnico abruzzese si affiderà al 4-3-1-2 con Pelagotti in porta, difesa con la coppia centrale formata da Costa e Cosic, mentre sugli esterni agiranno Bittante (favorito sull'ex capitano del Brescia, Zambelli) e Mario Rui. In mediana, Paredes in cabina di regia con Croce e Zielinski mezzali. In attacco, Pucciarelli e Maccarone saranno assistiti da Saponara trequartista.

Empoli (4-3-1-2): Pelagotti; Bittante, Cosic, Costa, Mario Rui; Zielinski, Paredes, Croce; Saponara; Pucciarelli, Maccarone. All: Giampaolo.
L.VAL.

LA CONFERENZA DELLA VIGILIA
Giampaolo: All'andata non meritavamo vittoria
19/04/2016 18:03
"Verona? Provo a mettermi nei panni del loro allenatore e sicuramente avrà detto alla squadra di onorare il campionato. E' giusto così. Sarà una partita complicata, loro fuori casa hanno fatto risultati molto importanti. Esprimono valori molto importanti, sono difficili da affrontare e come tutte le squadre di Del Neri sono organizzati. Dovremo vincere con intelligenza, senza frenesie". Così Marco Giampaolo, tecnico dell'Empoli, alla vigilia del match contro il Verona.

L'allenatore dei toscani ha ricordato la partita d'andata, quando la squadra di Delneri perse 1-0 in casa: "Hanno avuto molti problemi di infortuni e di mala sorte. Noi stessi all'andata vincemmo senza meritare. A volte le stagioni girano male, ma li ho visti giocare e non mi fido. Tonelli? Il dottore mi ha dato qualche possibilità per la prossima partita, mentre Laurini ha tempi un po' più lunghi".
L.VAL.

INDAGANO LE FORZE DELL'ORDINE
Greco, auto danneggiata
Solidarietà del club

19/04/2016 13:11
Ignoti la notte scorsa hanno danneggiato l’auto di Leandro Greco, centrocampista dell’Hellas Verona.

Dopo aver fatto esplodere un petardo davanti all’abitazione del giocatore, sulla sua auto con la vernice spray è stata disegnata una scala di Cangrande (simbolo della squadra gialloblù).

Greco ha denunciato il fatto ai Carabinieri di Peschiera che ora indagano.

L’Hellas Verona sul suo sito con una nota ufficiale ha stigmatizzato l’accaduto, “esprimendo solidarietà al proprio tesserato e riponendo fiducia nell'operato delle forze dell'ordine che si stanno occupando dell'increscioso episodio”.

EMPOLI-VERONA, I PRECEDENTI IN SERIE A
Hellas, ad Empoli 3 soli precedenti
19/04/2016 11:18
Empoli-H.Verona non ha una grande tradizione in Serie A. Le due squadre si sono affrontate solo 3 volte e nelle prime due, hanno trionfato i biancoblù toscani. Il risultato è stato sempre lo stesso: 1-0.

Nella stagione 1986/87, ed esattamente il 9 novembre ’86 a far prevalere l’Empoli sull’Hellas fu un gol di Vertova al 51’, mentre nel campionato successivo, il 1° maggio ’88, a far capitolare gli scaligeri fu una rete di Incocciati su rigore allo scadere.

La terza sfida è avvenuta nel corso della passata stagione 2014/15 e si è conclusa a reti inviolate (6 gennaio 2015).

Le due formazioni si ritroveranno di fronte mercoledì prossimo 20 aprile alle ore 20.45, per la 34^ giornata di Campionato. I gialloblù, ultimi in graduatoria ed ormai prossimi alla retrocessione, non hanno più nulla da chiedere al torneo. A breve la sentenza della Serie B sarà matematica. Si spera solo in un finale più onorevole e dignitoso. Per quanto riguarda invece i padroni di casa, fermi a centro-classifica a quota 39, proveranno a rimpinguare il loro bottino di punti e a scalare qualche altra posizione.

PRECEDENTI EMPOLI-H.VERONA IN SERIE A
Partite giocate: 3
Vittorie Empoli: 2
Pareggi: 1
Vittorie H.Verona: 0
Gol fatti Empoli: 2
Gol fatti H.Verona: 0
ANDREA FAEDDA

DICHIARAZIONI PESANTI
Zamparini accusa Hellas "Erano fermi sul gol"
18/04/2016 19:31
Un'accusa davvero pesante e davvero poco velata: "Nel secondo gol del Frosinone i giocatori del Verona si girano dall'altra parte, anzichè andare sulla palla". Il gol partita di Frara in pieno recupero ieri al Bentegodi e che condanna momentaneamente al penultimo posto il classifica il Palermo ha mandato su tutte le furie il presidente rosanero, Maurizio Zamparini che ci è andato oggi giù pesante: "La nostra situazione è disperata - dice Zamparini, ospite de "La politica nel pallone" su Gr Parlamento - ma con la Juventus sapevamo che andava così. Quello che mi fa disperare è vedere il secondo gol del Frosinonee, con i giocatori del Verona che si sono girati dall'altra parte e questo non deve succedere. Basta guardare l'azione e capire cosa succede nel calcio italiano. Guardate il cross dell'ala del Frosinone e guardate il comportamento dei difensori del Verona. Mi auguro che la prova tv qualche volta serva anche per questo - conclude - E' grave che voi giornalisti fate silenzio, impariamo piuttosto dal calcio inglese".

"E' grave quello che dico? E' grave che fate silenzio - rincara Zamparini - dovete smetterla di fare silenzio, queste cose succedono nel calcio italiano da 20 anni. Io non faccio nessuna denuncia, ma io questo ho visto. Sarò un folle ma questo è quello che hanno visto tutti", aggiunge il patron rosanero che poi parla anche dell'infelice stagione della sua squadra: "E' stata un'annata paradossale quella di quest'anno, l'unica cosa di cui mi pento è di aver mandato via Ballardini dopo che un giocatore (Sorrentino, ndr) me lo ha esonerato in diretta tv. Ecco, in quel frangente avrei dovuto prendere una decisione e non l'ho fatto e da lì è crollato tutto. Poi mi ha abbandonato anche Schelotto che è andato al Boca".

FONTE: TGGialloBlu.it


Empoli-Verona: le probabili formazioni

19 aprile alle 12:22
EMPOLI (4-3-1-2): Pelagotti; Bittante, Tonelli, Costa, Mario Rui; Zielinski, Paredes, Croce; Saponara; Pucciarelli, Maccarone. All. Giampaolo.
Indisponibili: Skorupski, Laurini, Livaja.

VERONA (4-4-2): Gollini; Pisano, Bianchetti, Moras, Albertazzi; Wszolek, Ionita, Marrone, Rebic; Pazzini, Toni. All. Delneri.
Indisponibile: Helander, Fares.

Hellasmania: la serie B è quasi certa, ecco le parole dei tifosi

Di: Alessandro Righelli
18 aprile alle 21:24
E' praticamente quasi fatta: l'anno prossimo sarà serie B. La matematica ancora non lo dice ma, dopo la prestazione contro il Frosinone, si è concretizzato l'incubo. Quella di domenica era una partita da dentro o fuori, miseramente fallita. Sì miseramente, perchè la prestazione dell'intera squadra, senza nessun escluso, è stata imbarazzante: giocatori del tutto fuori dal gioco, senza grinta o un briciolo di voglia di provarci. Un buio assoluto, che ha spento ogni singolo lumicino, già alquanto fievole, di speranza per la salvezza. Tutto questo ha provocato non solo la rabbia di quei tifosi che sono rimasti sempre, nel bene e nel male, accanto alla squadra, ma anche l'amarezza di quelle persone che pur non facendo parte della cosiddetta "curva", hanno i colori dell'hellas nel cuore.

L'atteggiamento dell'ultima partita ha davvero colpito gli animi di tutti ed ha ancor più acceso quelle domande che già erano sorte soprattutto durante la seconda parte del campionato. Una delle questioni più forti è sicuramente quella dell'allenatore: Del neri resterà alla guida dell'Hellas anche in serie B? Le opinioni si spaccano. Tra i tifosi c'è chi pensa:"Potrebbe restare ancora un anno e se farà bene, forse anche di più", mentre altri dicono:"No, sicuramente non resterà. Questo anche perchè la società è nello sbando e potrà essere la prima a cacciarlo". Quest'ultimo aspetto è stato il tema della seconda questione posta ai tifosi: la dirigenza cambierà? Ci saranno cambiamenti all'interno della società? Su questo punto invece sembra esserci più una linea comune di pensiero:"E' quasi certo che i cambiamenti ci saranno. Setti è quasi costretto ad effettuare una rivoluzione perchè così non può più andare avanti". Molti puntano il dito contro Bigon invece:" E' quasi sicuro che se ne andrà. Lascia la nave mentre affonda: non è un bel comportamento". Come ultima domanda, si è chiesto ai tifosi: la serie B vedrà un calo dei supporter o si andrà comunque allo stadio? Forse è in questo ultimo frangente però che il grande cuore gialloblù di una città non smette di battere e di farsi sentire:"I colori rimangono indelebili. Se sarà serie B comunque staremo vicini alla squadra, sperando sempre che i giocatori abbiano la voglia di lottare come noi".

Tutte queste domande sono solo una parte di tutte quelle che ora sono al centro dei pensieri di ogni supporter e forse, al di là delle opinioni e dei pareri, non si avrà mai una risposta. Una cosa però è certa: questa città e questi tifosi meritano tutto tranne che una situazione come questa e la dirigenza può e deve capirlo. Ora c'è bisogno prima di ogni altra cosa di ordine e poi, in estate, bisogna avere una linea pronta e organizzata per la stagione 2016/17, in modo tale da tornare subito nella massima serie e a dimostrare ai tifosi ciò che si meritano

Zamparini: 'Il Verona si è fatto da parte contro il Frosinone'

18 aprile alle 19:19
Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, ha parlato ai microfoni di GR Parlamento il giorno dopo la sconfitta con la Juventus accusando il Verona di un atteggiamento morbido contro il Frosinone: "Sul gol del Frosinone i giocatori del Verona si sono girati dall’altra parte. Che vuol dire che dubito sulla buona fede dell’Hellas Verona? Ho già detto tutto. Voi guardatevi la partita. Il presidente Stirpe si può anche offendere. Ma io dico che se esiste la prova tv, che venga usata in questo caso. L’Hellas Verona si è quasi fatta da parte".

FONTE: CalcioMercato.com


Empoli, le ultime di formazione: da Tonelli a Maccarone, le scelte di Giampaolo
Marco Giampaolo - Empoli FC

Guido Barucco 19-04-2016 19:30
Turno infrasettimanale, la Serie A torna in campo. Ed al Castellani, domani, l'Empoli di Giampaolo ospita il Verona di Del Neri. Tra assenze e ritorni, la formazione azzurra è praticamente già fatta. Ancora Pelagotti in porta, in difesa invece mancheranno ancora Tonelli e Laurini: spazio a Cosic e Bittante al fianco di Costa e Mario Rui. A centrocampo torna Zielinski con Paredes e Croce, davanti invece riecco Maccarone che si riprende il posto al fianco di Pucciarelli col solito Saponara a fare da rifinitore dietro le due punte. Pochissimi dubbi per Giampaolo, l'undici anti-Verona è già nella sua mente. Tra assenze e ritorni.

Verona, Delneri: “Il mio futuro è la partita con l’Empoli. Zamparini? Solo illazioni gratuite”
Urby Emanuelson e Luigi Delneri - Hellas Verona (ph. Grigolini)

Redazione19-04-2016 15:32
La sconfitta in casa contro il Frosinone ha piegato i sogni salvezza del Verona di Delneri, che in conferenza stampa ha parlato della partita con l'Empoli di domani e della stagione del Verona: "Il mio futuro è l'Empoli. Fino alla fine della stagione penserò solo alla prossima sfida".

"Le parole di Zamparini? Solo illazioni gratuite verso una società e dei calciatori che si sono dimostrati sempre onesti. Ora dobbiamo andare in campo per vincere, questo diventa il nostro compito da domani e fino alla fine. Abbiamo pagato tanto dal punto di vista psicologico. I punti li abbiamo fatti, ma non sono bastati. Mi dispiace".

FONTE: GianlucaDiMarzio.com


Empoli - Hellas Verona, le probabili formazioni | "Daremo tutto ogni domenica"
Nonostante la retrocessione sembri oramai certa, il tecnico gialloblu vuole onorare questo finale di stagione: "Andremo in campo con intensità e voglia di vincere, con lo stesso atteggiamento avuto a Bologna"


Luca Stoppele Collaboratore Verona
19 aprile 2016 16:36
Nel turno infrasettimanale della trentaquattresima giornata del campionato di serie A, l'Hellas Verona sfida l'Empoli allo stadio Castellani alle 20.45 di mercoledì sera.

Praticamente salva, la squadra di Giampaolo sta cercando di onorare le ultime giornate del campionato che l'ha vista tra le sue più belle sorprese. I toscani nella precedente giornata hanno trovato la sconfitta sul terreno di gioco della Lazio ma il tecnico pretende dai suoi un gran finale per cercare di raggiungere la miglior posizione possibile.
La disfatta casalinga contro il Frosinone ha spento praticamente tutte le speranze dei gialloblu di raggiungere una salvezza che avrebbe avuto del miracoloso. Tecnico e giocatori quindi sono chiamati ad una prova d'orgoglio, per evitare pesanti imbarcate in questo finale di stagione.

I PRECEDENTI - Le due formazioni si sono scontrate nel massimo campionato, allo stadio Castellani, solamente tre volte: Lo 0-0 dello scorso campionato e due vittorie per 1-0 dei padroni di casa arrivate nelle stagioni 1986-87 e 1987-88. All'andata invece fu l'Empoli ad espugnare il Bentegodi grazie alla rete di Costa.

QUI HELLAS VERONA - "Come affrontare il post Frosinone? Non è facile assorbire colpi così, oggi siamo pronti a partire per Empoli. Il calcio ha diverse situazioni e noi dobbiamo cercare di andare fino in fondo dando il meglio di noi stessi. Andremo in campo con intensità e voglia di vincere, con lo stesso atteggiamento avuto a Bologna. Per noi dovrà essere sempre una partita importante, bisogna giocare sempre per vincere, indipendentemente dalla categoria. Affrontiamo i prossimi impegni senza abbassare la guardia, le motivazioni nel calcio le dà la partita. Il futuro? Mi sembra opportuno parlare del nostro futuro più prossimo, l'Empoli. Virtualmente si può considerare finita, aritmeticamente no. Andiamo in campo e diamo tutto ogni domenica, per noi stessi e per il pubblico. Le parole di Zamparini? Non le commento. Quello che è successo a Greco non mi piace molto. Ci può stare l’amarezza, qualche volte c’è stato qualche striscione al campo d'allenamento e dobbiamo essere corretti e accettarli. Ma gli atti di violenza, quelli no". Delneri in conferenza stampa affronta tutti i temi caldi di queste ore, ma fa capire che non vuole vedere una squadra pronta a farsi massacrare dai toscani. Per il match del Castellani il tecnico dovrebbe quindi mandare in campo Toni e Pazzini insieme, in alternativa è pronto Gomez e il 4-2-3-1. In difesa Albertazzi sembra in vantaggio su Souprayen, mentre Helander è stato lasciato a casa in via precauzionale e al fianco di Bianchetti dovrebbe giocare Moras.

QUI EMPOLI - Giampaolo deve fare i conti con le sicure assenze di Skorupski e Laurini, mentre Tonelli e Livaja restano da valutare. Tra i pali quindi dovrebbe esserci ancora Pelagotti, protetto dalla linea a quattro formata da Bittante, Cosic, Costa e Mario Rui. In attacco Saponara agirà alle spalle di Maccarone e Pucciarelli, mentre in mediana ci saranno Zielinski, Paredes e Croce.

ARBITRO - Marco Serra di Torino.


FONTE: VeronaSera.it


08:35 | martedì 19 aprile 2016
Probabili formazioni: Empoli - Hellas Verona
34^ giornata di Serie A 2015/2016: ecco tutte le informazioni utili

di Giuseppe Carotenuto - twitter:@GiuCarotenuto© www.imagephotoagency.it

EMPOLI HELLAS VERONA PROBABILI FORMAZIONI ULTIME - Ultimo turno infrasettimanale per le squadre di Serie A. Questa sera, con l'anticipo che vedrà di fronte Napoli e Bologna, si aprirà il 34^ turno di massima serie. Tutte le altre sfide, ad eccezione del posticipo tra Milan e Carpi di giovedì sera, si disputeranno domani. Un'attenzione particolare al match del Castellani tra Empoli ed Hellas Verona, due squadre partite con l'obiettivo salvezza e che in questo momento occupano posizioni ben diverse. Gli azzurri sono mina vagante del centro classifica con 39 punti, gli scaligeri hanno ormai un piede in Serie B visti i 9 punti che li separano dal Carpi quartultimo.

EMPOLI - HELLAS VERONA, INFORMAZIONI UTILI - Per il match contro i gialloblu Giampaolo dovrà fare a meno di Laurini uscito malconcio dalla sfida contro la Lazio. Al suo posto spazio a Bittante mentre a centrocampo ritornerà Zielinski. Dopo il turnover dell'Olimpico, tra i titolari tornerà anche Maccarone. Risponde Delneri con il tandem offensivo composto da Toni e Pazzini supportati da un centrocampo a quattro. Dopo il turno di squalifica il tecnico ritrova anche Souprayen. In dubbio Helander che però dovrebbe essere comunque convocato.

EMPOLI (4-3-1-2): Pelagotti; Bittante, Tonelli, Costa, Mário Rui; Zielinski, Paredes; Croce; Saponara; Maccarone, Pucciarelli. In panchina: Pugliesi, Meli, Zambelli, Piu, Mchedlidze, Maiello, Diousse, Camporese, Krunic, Ariaudo, Buchel. Allenatore: Giampaolo.

HELLAS VERONA (4-4-2): Gollini; Pisano, Bianchetti, Moras, Souprayen; Wszolek, Viviani, Ionita, Emanuelson; Pazzini, Toni. In panchina: Coppola, Marcone, Samir, Helander, Albertazzi, Gilberto, Greco, Marrone, Siligardi, Romulo, Jankovic, Rebic, Gomez. Allenatore: Delneri.

DIRETTA/STREAMING - Partita che sarà trasmessa in diretta tv a partire dalle ore 20:45 su satellite (Sky Sport), in streaming sulla piattaforme SkyGo.

QUOTE E PRONOSTICO - L'Empoli nelle ultime settimane ha conquistato una sola vittoria battendo in casa la Fiorentina nel derby toscano. La salvezza è ormai in tasca ma non matematica, e i valori tecnici fanno pendere l'ago della bilancia verso gli azzurri. La vittoria dei padroni di casa è quotata a 1,80, il pareggio a 3,60 e il successo degli scaligeri a 4,50. Quote SNAI.

PRECEDENTI E STATISTICHE - Sono solo 13 i precedenti tra le due compagini tra campionato e coppe. Fino ad ora si sono registrate 5 vittorie per l'Empoli, 4 pareggi e altrettanti successi per l'Hellas Verona. Equilibrio anche nelle reti: toscani e scaligeri hanno segnato 8 gol a testa nei precedenti. L'ultima sfida tra le due compagini risale alla gara d'andata giocata al Bentegodi: in quell'occasione gli azzurri si imposero per 1-0 grazie alla rete di Costa.

FONTE: CalcioNews24.com


SERIE A
Verso la 34esima: Empoli-Verona, Maccarone in cerca del record personale
20.04.2016 12.00 di Gaetano Mocciaro Twitter: @gaemocc articolo letto 2052 volte
Verso la 34esima : Empoli-Verona, Maccarone in cerca del record personale
Contro un Verona virtualmente retrocesso, Massimo Maccarone ha la grande occasione per avvicinarsi e magari eguagliare il record di reti in Serie A, quando nella stagione 2007-08 con la maglia del Siena aveva timbrato il cartellino per 13 volte in 35 partite. In questo campionato sono 11 le reti segnate in 32 partite, con un andamento che rispecchia quello dell'Empoli: un grande girone d'andata a cui ha fatto seguito un ritorno non allo stesso ritmo. Solo 3 le reti segnate nella seconda parte di campionato, con l'ultima gioia datata 21 febbraio, nel ko 3-2 contro il Sassuolo. Da allora un digiuno di 6 partite, fino alla panchina contro la Lazio. Con i biancocelesti il capitano è rimasto in panchina per tutta la partita per la prima volta. Una scelta di Giampaolo in nome del turnover e per far tirare il fiato al capitano, per ripresentarlo pronto per questo finale di stagione.

PROBABILI FORMAZIONI
Le probabili formazioni di Empoli-Hellas - C'è Toni, out Tonelli e Laurini
Fischio d'inizio stasera alle 20.45. Diretta testuale, pagelle e voci dei protagonisti su TMW!

20.04.2016 06.35 di Gennaro Di Finizio
É subito Serie A. Il massimo campionato torna per l'ultimo turno infrasettimanale della stagione. Al Castellani si affrontano Empoli e Verona, due compagini che si trovano a gestire situazioni molto diverse. Per l'Hellas sembra mancare soltanto la matematica per salutare la Serie A, e l'ultima sconfitta casalinga contro il Frosinone sembra aver sancito -almeno emozionalmente- la retrocessione degli uomini di Delneri. Dall'altro lato c'è l'Empoli di Giampaolo, che può vantare una posizione di classifica tranquilla. I toscani non possono ancora dirsi certi della permanenza in Serie A, ma già una vittoria domani tra le mura amiche potrebbe garantire un buon cuscinetto in vista delle ultime quattro giornate. Di fatto, con i giusti intrecci di risultati, Maccarone ed i suoi potrebbero festeggiare la permanenza in Serie A già contro gli scaligeri.

COME ARRIVA L'EMPOLI - Una situazione tranquilla, ma che necessità di una spinta finale per potersi dire sicura al 100%. Dopo la caduta all'Olimpico contro la Lazio di Simone Inzaghi, Giampaolo vuole risollevare la squadra e, perchè no, festeggiare la salvezza già contro il Verona. Problemi per l'allenatore dei toscani: Tonelli e Laurini non hanno recuperato e non saranno del match, mentre riesce a recuperare Maccarone. Classico 4-3-1-2 che vedrà Pelagotti tra i pali, difesa composta da Bittante, Cosic, Costa e Mario Rui. Zielinski torna a centrocampo, con Paredes e Croce al suo fianco. Saponara dovrebbe tornare titolare sulla trequarti, con Maccarone e Pucciarelli a comporre il duo offensivo.

COME ARRIVA L'HELLAS - C'è ovviamente tanta delusione in casa scaligera. La sconfitta contro il Frosinone sembra quasi una sentenza per i gialloblu, che non hanno saputo farsi valere in un match che poteva considerarsi ultima spiaggia. La salvezza è ormai un miraggio, anche se Delneri ed i suoi vorranno onorare il campionato fino alla fine. Torna Souprayen dopo aver scontato il turno di squalifica, mentre non riesce a recuperare Helander. Delneri opterà, quindi, per un 4-4-2 con il giovane Gollini tra i pali e la difesa composta da Pisano, Bianchetti, Moras ed Albertazzi. Sugli esterni di centrocampo agiranno Wszolek e Rebic, mentre al centro ci saranno Ionita e Marrone. Attacco che dovrebbe rivedere nuovamente Luca Toni al fianco di Pazzini.

Le probabili formazioni

EMPOLI (4-3-1-2): Pelagotti; Bittante, Cosic, Costa, Mario Rui; Zielinski, Paredes, Croce; Saponara; Pucciarelli, Maccarone. Allenatore: Giampaolo.

HELLAS VERONA (4-4-2): Gollini; Pisano, Bianchetti, Moras, Albertazzi; Wszolek, Marrone, Ionita, Rebic; Pazzini, Toni. Allenatore: Delneri.

SERIE A
Le ultime su Empoli-Verona: Giampaolo con gli uomini contati in difesa
19.04.2016 20.00 di Gaetano Mocciaro Twitter: @gaemocc
Empoli alla ricerca di un dignitoso finale di campionato, Verona reduce dalla terribile batosta contro il Frosinone e virtualmente in B. Questo lo scenario che si presenterà al Castellani.

Empoli: Problemi in difesa per Marco Giampaolo. Tonelli non recupera e nemmeno Laurini, per problemi all'adduttore. Bittante verrà spostato a destra e Cosic giocherà centrale al posto di Costa. Torna a centrocampo Zielinski, così come è pronto a riprendersi la maglia da titolare Massimo Maccarone, fermo contro la Lazio per turnover. Torna così in panchina il giovane Piu.

Probabile formazione (4-3-1-2): Pelagotti; Bittante, Cosic, Costa, Mario Rui; Zielinski, Paredes, Croce; Saponara; Maccarone, Pucciarelli. All. Giampaolo.

Verona: out Helander, non convocato, mentre torna Sourpayen in difesa. Molti dubbi sull'undici iniziale, soprattutto dopo la sconfitta degli scaligeri contro il Frosinone. Fra i ballottaggi Moras-Samir, Albertazzi-Souprayen e Pazzini-Gomez.

Probabile formazione (4-4-2): Gollini; Pisano, Bianchetti, Moras, Albertazzi; Wszolek, Ionita, Marrone, Rebic; Toni, Pazzini. All. Delneri.

RASSEGNA STAMPA
Il Corriere di Verona apre: "Processo all'Hellas degli orrori"
19.04.2016 09.13 di Pietro Lazzerini Twitter: @PietroLazze
Dal mercato alla decisione di confermare Mandorlini anche oltre al tempo necessario, sono tanti i motivi che stanno spingendo il Verona verso la retrocessione in Serie B. Il Corriere di Verona di questa mattina titola: "Processo all'Hellas degli orrori". La sconfitta contro il Frosinone spalanca le porte del baratro, ma la resa della squadra del presidente Setti arriva da molto lontano.

RASSEGNA STAMPA
Ciociaria Oggi: "Le minchiate di Zamparini". Frosinone pronto alla denuncia
19.04.2016 08.58 di Luca Bargellini Twitter: @barge82
Non usa mezzi termini Ciociaria Oggi per analizzare le parole di Maurizio Zamparini di ieri in merito a Verona-Frosinone di domenica. "Le minchiate di Zamparini", è il titolo del quotidiano di Frosinone che poi scrive: "Il presidente del Palermo getta ombre sulla regolarità della vittoria del Frosinone a Verona. Immediata la replica del club che valuta la possibilità di sporgere denuncia per tutelare la propria immagine".

PROBABILI FORMAZIONI
Le probabili formazioni di Empoli-Hellas - Delneri rispolvera Toni
Fischio d'inizio mercoledi alle 20.45. Diretta testuale, pagelle e voci dei protagonisti su TMW!

19.04.2016 06.47 di Gennaro Di Finizio
É subito Serie A. Il massimo campionato torna per l'ultimo turno infrasettimanale della stagione. Al Castellani si affrontano Empoli e Verona, due compagini che si trovano a gestire situazioni molto diverse. Per l'Hellas sembra mancare soltanto la matematica per salutare la Serie A, e l'ultima sconfitta casalinga contro il Frosinone sembra aver sancito -almeno emozionalmente- la retrocessione degli uomini di Delneri. Dall'altro lato c'è l'Empoli di Giampaolo, che può vantare una posizione di classifica tranquilla. I toscani non possono ancora dirsi certi della permanenza in Serie A, ma già una vittoria domani tra le mura amiche potrebbe garantire un buon cuscinetto in vista delle ultime quattro giornate. Di fatto, con i giusti intrecci di risultati, Maccarone ed i suoi potrebbero festeggiare la permanenza in Serie A già contro gli scaligeri.

COME ARRIVA L'EMPOLI - Una situazione tranquilla, ma che necessità di una spinta finale per potersi dire sicura al 100%. Dopo la caduta all'Olimpico contro la Lazio di Simone Inzaghi, Giampaolo vuole risollevare la squadra e, perchè no, festeggiare la salvezza già contro il Verona. L'allenatore dei toscani potrà contare su Tonelli, ed anche Maccarone dovrebbe partire dal primo minuto dopo la panchina nel match contro la Lazio. Oltre a Skorupski vittima di una borsite che ha messo fine alla sua stagione, l'allenatore dei toscani dovrà fare a meno anche di Laurini. Classico 4-3-1-2 che vedrà Pelagotti tra i pali, difesa composta da Bittante, Tonelli, Costa e Mario Rui. Zielinski torna a centrocampo, con Paredes e Croce al suo fianco. Saponara dovrebbe tornare titolare sulla trequarti, con Maccarone e Pucciarelli a comporre il duo offensivo.

COME ARRIVA L'HELLAS - C'è ovviamente tanta delusione in casa scaligera. La sconfitta contro il Frosinone sembra quasi una sentenza per i gialloblu, che non hanno saputo farsi valere in un match che poteva considerarsi ultima spiaggia. La salvezza è ormai un miraggio, anche se Delneri ed i suoi vorranno onorare il campionato fino alla fine. Torna Souprayen dopo aver scontato il turno di squalifica, e dovrebbe essere a disposizione anche Helander. Delneri opterà, quindi, per un 4-4-2 con il giovane Gollini tra i pali e la difesa composta da Pisano, Bianchetti, Moras ed Albertazzi. Sugli esterni di centrocampo agiranno Wszolek e Rebic, mentre al centro ci saranno Ionita e Marrone. Attacco che dovrebbe rivedere nuovamente Luca Toni al fianco di Pazzini.

Le probabili formazioni
EMPOLI (4-3-1-2): Pelagotti; Bittante, Tonelli, Costa, Mario Rui; Zielinski, Paredes, Croce; Saponara; Pucciarelli, Maccarone. Allenatore: Giampaolo.
HELLAS VERONA (4-4-2): Gollini; Pisano, Bianchetti, Moras, Albertazzi; Wszolek, Marrone, Ionita, Rebic; Pazzini, Toni. Allenatore: Delneri.

SERIE A
Il Frosinone risponde a Zamparini: "Ha offeso l'intero movimento calcistico"
18.04.2016 20.00 di Pietro Lazzerini Twitter: @PietroLazze
Dopo la dichiarazione di Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, in seguito alla sconfitta del Verona contro il Frosinone, il club ciociaro ha risposto con un comunicato del presidente Maurizio Stirpe:

"Il Frosinone Calcio S.r.l. ed il suo Presidente, Maurizio Stirpe, preso atto delle dichiarazioni rilasciate in data odierna dal Presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, nel corso di una trasmissione radiofonica nazionale, respingono, con sdegno e fermezza, il contenuto delle stesse, ritenendolo offensivo dell'intero movimento calcistico, della credibilità del giuoco del calcio, della scrivente società, dei propri tesserati e tifosi.

Affermazioni come quelle in commento, a maggior ragione nel momento storico in cui si collocano, alimentano, gratuitamente, sospetti e ombre che il calcio italiano, i suoi dirigenti e tutti gli addetti ai lavori non meritano.

Il Frosinone ed il suo Presidente dicono no a qualsivoglia illazione e strumentalizzazione dei risultati conseguiti sul campo, frutto esclusivamente degli sforzi e del lavoro che con serietà, ogni giorno, la società profonde, invitando il Sig. Zamparini, qualora disponga di prove circa le affermazioni rese, a rivolgersi agli organi interni alla giustizia sportiva, segnatamente la Procura Federale.

Ciò doverosamente chiarito, il Frosinone Calcio S.r.l. ed il suo Presidente, Maurizio Stirpe, comunicano sin d'ora che tuteleranno le proprie ragioni, il buon nome e l'immagine della società e dei tesserati in tutte le sedi, ordinarie, civili e penali, nonché sportive, competenti".

SERIE A
Zamparini accusa: "Il gol del Frosinone? Il Verona si è girato dall'altra parte"
18.04.2016 18.15 di Pietro Lazzerini Twitter: @PietroLazze
Ennesima accusa shock da parte del presidente del Palermo Maurizio Zamparini nei confronti dell'Hellas Verona dopo la sconfitta subita in casa contro il Frosinone, coinvolto nella lotta per non retrocedere insieme ai rosanero: "Sul gol del Frosinone - ha dichiarato a 'La politica nel pallone' su Radio24 - i giocatori del Verona si sono girati dall'altra parte".

SERIE A
ESCLUSIVA TMW - Criscitiello: "Bologna: Donadoni vuole Bigon, Fenucci su Pradè"
18.04.2016 10.46 di Alessio Alaimo Twitter: @alaimotmw
Dopo l'addio a Pantaleo Corvino il Bologna cerca un altro direttore sportivo. Riccardo Bigon attualmente al Verona - secondo quanto appreso dal nostro direttore Michele Criscitiello - è il nome più gradito all'allenatore, Roberto Donadoni. D'altro canto l'amministratore Claudio Fenucci valuterebbe un altro profilo: Daniele Pradè. Valutazioni in corso, il Bologna deve scegliere. Tra Bigon e Pradè...

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


19.04.2016
Zamparin accusa Hellas e Frosinone Setti: «Stucchevole»
Hellas sconsolato dopo il gol del Frosinone

Il giorno dopo la sconfitta del suo Palermo contro la capolista Juventus, Maurizio Zamparini se la prende con Frosinone e Verona con un’accusa davvero pesante: «Nel secondo gol del Frosinone i giocatori del Verona si girano dall’altra parte, anzichè andare sulla palla», l’accusa del presidente dei rosanero ai microfoni de "La politica nel pallone" su Gr Parlamento. Un’accusa pesante respinta al mittente sia dal Verona sia dal Frosinone in serata, con due note sui rispettivi siti ufficiali.
«Alla luce delle stucchevoli dichiarazioni rilasciate dal presidente Zamparini a Gr Parlamento - indica una nota del Verona a firma del presidente Maurizio Setti - il Verona respinge con sdegno le accuse mosse dal patron del Palermo. E lo invita a occuparsi delle problematiche interne al suo Club e a non distogliere l’attenzione da quelle, evitando così di spendere energie in polemiche sterili e fini a se stesse».
Le accuse di Zamparini vengono respinte «con sdegno e fermezza» anche dal Frosinone e dal suo presidente Maurizio Stirpe che nella nota diffusa in serata, sottolineando che il contenuto delle dichiarazioni del n.1 del Palermo sono offensive dell’intero movimento calcistico, della credibilità
del gioco del calcio, della scrivente società, dei propri tesserati e tifosi».
Secondo il Frosinone «affermazioni come quelle in commento, a maggior ragione nel momento storico in cui si collocano, alimentano, gratuitamente, sospetti e ombre che il calcio italiano, i suoi dirigenti e tutti gli addetti ai lavori non meritano». Il Frosinone ed il suo presidente «dicono no a qualsivoglia illazione e strumentalizzazione dei risultati conseguiti sul campo, frutto esclusivamente degli sforzi e del lavoro che con serietà, ogni giorno, la società profonde, invitando il Sig. Zamparini, qualora disponga di prove circa le affermazioni rese, a rivolgersi agli organi interni alla giustizia sportiva, segnatamente la Procura Federale».

19.04.2016
Petardo e vernice contro Greco, giocatore dell’Hellas
Leandro Greco, centrocampista dell'Hellas

Prima un petardo esploso a mezzanotte davanti alla sua villetta a schiera, quindi una scala di Cangrande, simbolo dell’Hellas con la vernice «dipinto» sulla carrozzeria della sua auto, posteggiata davanti a casa. Atto intimidatorio, bravata o altro? Sull’episodio, accaduto la notte scorsa ai danni di Leandro Greco, indagano i carabinieri di Peschiera.
L’Hellas Verona sul suo sito, con una nota ufficiale, ha stigmatizzato l’accaduto, «esprimendo solidarietà al proprio tesserato e riponendo fiducia nell’operato delle forze dell’ordine che si stanno occupando dell’increscioso episodio».
Alessandra Vaccari

FONTE: LArena.it


#EmpoliVerona: 22 convocati
19/APRILE/2016
Verona - Dopo la rifinitura pomeridiana, mister Delneri ha diramato la lista dei convocati per la sfida contro l'Empoli, 34a giornata del campionato Serie A TIM 2015/16 in programma mercoledì 20 aprile (ore 20.45) allo stadio 'Castellani'.

#EMPOLIVERONA
CONVOCATI

Portieri

37. Coppola
95. Gollini
88. Marcone

Difensori

6. Albertazzi
22. Bianchetti
18. Moras
3. Pisano
4. Samir
69. Souprayen

Centrocampisti

97. Checchin
28. Emanuelson
19. Greco
23. Ionita
8. Marrone
2. Romulo
24. Viviani
13. Wszolek

Attaccanti

21. Gomez Taleb
11. Pazzini
27. Rebic
16. Siligardi
9. Toni

Rifinitura ok, squadra diretta in Toscana
19/APRILE/2016
Peschiera - Si è conclusa la preparazione in previsione del match di Empoli. Nessuna sostanziale novità dall'infermeria: Fares ha iniziato i primi approcci con la palla. Tutto l'allenamento odierno si è basato su una partitella nella metà campo del campo 2. A chiudere breve finestra dedicata ai calci piazzati.

Delneri: «Massimo impegno in tutte le prossime gare!»
19/APRILE/2016
Peschiera - Segui su Hellas Verona Channel l'intervista a Luigi Delneri. Le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù, rilasciate durante la conferenza stampa alla vigilia di Empoli-Hellas Verona.

VERSO EMPOLI
«Come affrontare il post Frosinone? Non è facile assorbire colpi così, oggi siamo pronti a partire per Empoli. Il calcio ha diverse situazioni e noi dobbiamo cercare di andare fino in fondo dando il meglio di noi stessi. Andremo in campo con intensità e voglia di vincere, con lo stesso atteggiamento avuto a Bologna. Per noi dovrà essere sempre una partita importante, bisogna giocare sempre per vincere, indipendentemente dalla categoria. Affrontiamo i prossimi impegni senza abbassare la guardia, le motivazioni nel calcio le dà la partita».

TRA PASSATO E FUTURO
«Se rifarei le stesse scelte? Ho fatto delle cose sempre con senso pratico, pensando a ciò che doveva succedere sul campo. Abbiamo avuto delle prestazioni importanti che poi non abbiamo capitalizzato, abbiamo pagato duramente in certe partite dal punto di vista psicologico. I punti fatti sotto la mia gestione non bastano per agganciare gli altri, gli scontri diretti in casa hanno determinato un risultato di questo tipo. Non abbiamo avuto nemmeno tante soluzioni favorevoli, con il Palermo abbiamo fatto qualcosa di buono, ma purtroppo in quella situazione il migliore in campo è stato Sorrentino. Carpi e Frosinone sono soluzioni che si sono create da sè. È stata un'annata molto particolare che cercheremo di onorare fino in fondo, con i nostri pregi e i nostri difetti. Il futuro? Mi sembra opportuno parlare del nostro futuro più prossimo, l'Empoli. Virtualmente si può considerare finita, aritmeticamente no. Andiamo in campo e siamo tutto ogni domenica, per noi stessi e per il pubblico. Se ho mai pensato di dire basta? Siamo sempre stati in corsa per ottenere qualcosa di importante. Uno che lavora deve farlo al massimo delle sue potenzialità, non è nel mio carattere pensare di andare via».

ZAMPARINI E GRECO
«Le parole di Zamparini? Non le commento. Col Frosinone è stata una partita nervosa, sembra che abbia parlato in un momento di sana follia. Il gol subìto contro il Frosinone? Abbiamo corso per 94', ci poteva stare il fatto di essere stanchi. Più stanchi si è, meno il pensiero viaggia veloce. Nel secondo tempo in difesa abbiamo fatto bene. Penso che il tifoso del Verona sia affranto ma abbia rispetto del Verona. Quello che è successo a Greco non mi piace molto. Ci può stare l’amarezza, qualche volte c’è stato qualche striscione al campo d'allenamento e dobbiamo essere corretti e accettarli. Ma gli atti di violenza, quelli no».

Nota Ufficiale
19/APRILE/2016
Verona – L’Hellas Verona FC stigmatizza con forza quanto accaduto nella notte ai danni dell’auto del calciatore Leandro Greco. Il club esprime solidarietà al proprio tesserato e ripone fiducia nell'operato delle forze dell'ordine che si stanno occupando dell'increscioso episodio.

Nota Ufficiale
18/APRILE/2016
Verona – Il Presidente dell’Hellas Verona FC, Maurizio Setti, alla luce delle stucchevoli dichiarazioni rilasciate dal Presidente Zamparini a Gr Parlamento, respinge con sdegno le accuse mosse dal patron del Palermo. E lo invita a occuparsi delle problematiche interne al suo Club e a non distogliere l’attenzione da quelle, evitando così di spendere energie in polemiche sterili e fini a se stesse.

Oggi allenamento di scarico, domani rifinitura pomeridiana
18/APRILE/2016
Peschiera - Ripresa subito l'attività a Peschiera dopo la sfida con il Frosinone. I reduci dalla partita hanno effettuato del lavoro di scarico, in palestra e sul campo, dedicandosi ad esercizi aerobici e a della corsa blanda. Helander a riposo, Fares avanti con il lavoro differenziato, presente in gruppo anche Checchin. Chi non ha preso parte alla gara con i ciociari ha lavorato con Delneri, Conti e Zanchetta. Domani rifinitura a porte chiuse nel primo pomeriggio, poi la partenza in pullman verso la Toscana.

Comunicato medico - Filip Helander
18/APRILE/2016
Verona - Il calciatore Filip Helander è stato dimesso ieri in tarda serata, dopo essere stato sottoposto ad accurati accertamenti. Sarà soggetto a una nuova valutazione neurologica tra 15 giorni. Dovrà comunque osservare un periodo di riposo, come da protocollo quando si incorre in infortuni di questa entità.

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC] +   -   =
MERCATO MOTOGP: Ora è ufficiale! LORENZO alla DUCATI dalla prossima stagione...
Ora è ufficiale, Jorge Lorenzo lascia la Yamaha per la Ducati: contratto di due anni per 25 milioni

di Redazione Sport
Tutto secondo copione, ma da ora in poi in MotoGp di recita a braccio. Con l'ultimo gesto di distensione che probabilmente vedremo da qui alla fine del campionato, Yamaha ha annunciato in modo sostenuto ma formale che Lorenzo abbandonerà la casa di Iwata, che la collaborazione con Jorge «sarà interrotta alla fine della stagione 2016 della MotoGp, quando Lorenzo affronterà nuove sfide». Pochi minuti dopo, nella prassi del politicamente corretto, il team Ducati ha annunciato di avere raggiunto un accordo con il pilota spagnolo per le stagioni 2017 e 2018, un contratto biennale accreditato di un ingaggio complessivo di 25 milioni di euro.

Quindi Jorge lascia, saluta quella Yamaha nella quale, dalla 2008, ha conquistato 41 gare e 99 podi, ovvero i titoli mondiali 2010, 2012 e 2015. Poi la postilla politica e polemica della casa di Iwata: «La Yamaha è estremamente grata a Jorge per il contributo dato ai suoi successi sportivi e non vede l'ora di condividere con lui altri memorabili momenti durante le rimanenti 15 gare della stagione 2016 della MotoGp, la nona insieme ribadendo il pieno sostegno del team nella sua caccia al quarto titolo in MotoGP».

Concilianti le parole del Direttore Sportivo Ducati Corse, Paolo Ciabatti a Sky Sport24 HD: «Chiaramente quest’anno tutti i contratti dei top rider erano in scadenza. Con Lorenzo c’erano stati dei tentativi di approccio già qualche tempo fa, ma credo nel valore della nostra moto, che quest’anno e anche quello passato ha dimostrato di essere molto competitiva, facilitando questo incontro. In realtà il nostro progetto parte qualche anno fa e prevedeva che nel momento in cui Ducati fosse riuscita a mettere in pista una moto competitiva, alla pari di Honda e Yamaha, avremmo cercato di prendere uno dei top rider per riportare a Borgo Panigale il titolo mondiale che manca dal 2010. Anche Marquez era nelle trattative. Ha il contratto in scadenza e abbiamo parlato anche con lui»

Fuori dalla logica e in un mercato piloti partito a razzo alla vigilia appena della quarta gara del campionato, il punto vero è che la stagione ricomincia, con Rossi già confermato dalla Yamaha per il 2017-2018 e dunque una convivenza ormai anche tecnicamente impossibile tra Valentino e Jorge, che consiglierà alla casa giapponese di allontanare lo spagnolo dalle segrete stanze dello sviluppo della moto. Fra i nomi accreditati a sostituirlo c'è Maverick Vinales, attualmente alla Suzuki, ma appunto le quindici gare da qui alla fine del campionato si annunciano una resa dei conti soprattutto rispetto alla "Santa Alleanza" di Valencia 2015. Lorenzo restituirà a Marquez il favore ricevuto sul circuito Riccardo Tormo? Marc scortò Jorge fino al traguardo consegnandogli il titolo mondiale nonostante la grane rimonta di Rossi. La MotoGp si augura che il maiorchino non abbia voglia di ricambiare.

FONTE: Leggo.it

0 commenti:

Posta un commento

Supporta il blog BONDOLA/=\SMARSA!

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


#AtalantaVerona Di Carmine

#AtalantaVerona highlights


Archivio