#VeronaCarpi in anteprima: Gara inedita al Bentegodi in cadetteria mentre l'ultima partita in Serie A con gli emiliani affondò le ultime speranze di salvezza (almeno per chi ci credeva ancora). L'appello di Via Belgio contro la chiusura della Sud ha indotto ad una sospensione che permetterà a tutti i butei di partecipare all'ultima gara della regular season al Binti.

Pubblicato da andrea smarso venerdì 12 maggio 2017 00:44, vedi , , , , , , , , | Nessun commento


#VeronaCarpi +   -   =

...Per l'HELLAS ennesimo crocevia che vale una stagione dopo le ultime fantastiche (sotto il profilo della determinazione e del carattere sicuro se non pienamente nel gioco espresso) gare con i gialloblù in serie positiva da 6 gare consecutive condite da 4 vittorie.
Ma il CARPI è lì in piena bagarre playoff (nonostante il +5 da NOVARA e BARI al momento settime) e ha ottenuto ben 14 punti nelle ultime 8 partite, 2 soli punti in meno degli scaligeri nello stesso lasso di tempo.
Partita da tripla che, anche a seconda dei risultati sugli altri campi (il FROSINONE sarà impegnato nella non facile trasferta sul campo del BENEVENTO mentre la SPAL ormai quasi certa della promozione avrà un altro match point in quel di Terni) potrebbe regalare agli scaligeri la Serie A anche al prossimo turno ma di certo, contro gli ostici emiliani, sarà una dura battaglia!

Precedenti
Sfida inedita in cadetteria al Binti tra CARPI e VERONA mentre l'andata al Cabassi terminò 1 a 1 con i gol di LASAGNA e PAZZINI.
Altre due gare si disputarono in massima serie: A Novembre 2015 il primo match in Emilia finì senza gol (ma con un HELLAS probabilmente già retrocesso nella testa se non sul campo) mentre nel ritorno a Verona IONITA pareggiò il vantaggio di DI GAUDIO ma poi LASAGNA punì una squadra allo sbando...

A dirigere la prossima partita è stato designato il signor Fabrizio Pasqua della sezione AIA di Tivoli.


QUI VERONA
Fuori i 'lungodegenti' GOMEZ e Franco ZUCULINI (per lui stagione finita da un po' purtroppo), anche Deian BOLDOR è in dubbio.

Convocati
Torna Juani GOMEZ...

Portieri: Coppola, Ferrari L., Nicolas.
Difensori: Bianchetti, Caracciolo, Ferrari A., Pisano, Souprayen.
Centrocampisti: Bessa, Fossati, Romulo, Valoti, Zaccagni, Zuculini B.
Attaccanti: Cappelluzzo, Fares, Ganz, Juanito Gomez, Luppi, Pazzini, Siligardi, Troianiello.

Probabile formazione
Scontata la squalifica tornano a disposizione SOUPRAYEN e VALOTI.

4-3-3 con Nicolas; Pisano-Ferrari-Bianchetti-Souprayen; Romulo-B. Zuculini-Bessa; Luppi-Pazzini-Siligardi


QUI CARPI
Tornano a disposizione di mister CASTORI sia il difensore GAGLIOLO che SABBIONE, il primo dovrebbe essere in campo al Binti al posto del collega POLI che lo ha sostituito fin'ora mentre il seconda rimane in pole position in caso di forfait dello sloveno STRUNA che ha lavorato a parte in settimana ed appare assolutamente in dubbio per la gara di Sabato.

Convocati
Portieri: 1 Colombi, 12 Belec, 22 Petkovic
Difensori: 3 Letizia, 5 Struna, 6 Gagliolo, 13 Poli, 17 Seck, 21 Romagnoli, 32 Lasicki
Centrocampisti: 4 Sabbione, 7 Concas, 8 Bianco, 19 Pasciuti, 20 Lollo, 23 D’Urso, 24 Mbaye, 34 Jelenic
Attaccanti: 9 Beretta, 10 Mbakogu, 11 Di Gaudio, 15 Lasagna, 18 Carletti, 28 Fedato, 33 Forte

Probabile formazione
Davanti la coppia LASAGNA-MBAKOGU?

4-4-2 con Belec; Struna-Gagliolo-Romagnoli-Letizia; Jelenic-Lollo-Bianco-Di Gaudio; Lasagna-Mbakogu

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =

Mister PECCHIA nella conferenza stampa pregara «Siamo determinati e abbiamo grande concentrazione per questa gara. Vorrei una squadra consapevole: ora dobbiamo portare il nostro lavoro quotidiano sul campo. Abbiamo in mano il nostro destino. La Curva Sud aperta? E' bellissimo avere tutti i nostri tifosi. Io personalmente ho vissuto momenti di alti e bassi, fa parte della stagione. Io penso sempre a guardare avanti. Quando alzeremo la testa vedremo cosa è successo. La mia squadra sa giocare a calcio: voglio che lo faccia ancora di più con convinzione e voglia contro il Carpi. La squadra di Castori gioca un calcio verticale, è una squadra temibile: ma ho grandissima fiducia nei miei giocatori. Avere tutti a disposizione non è una cosa da poco: sono felice che sia tornato Juanito Gomez, che ritorna dopo tanto tempo. La Serie A è vicina? Non dobbiamo fare calcoli: dobbiamo pensare solo al Carpi. Sarà una partita dura» TGGialloBlu.it

Patròn BONACINI presidente del CARPI al 'Resto del Carlino' «Verona? Il mio pensiero è che il libro sia già scritto... Noi abbiamo però l’obbligo di provare a riscrivere questo finale. E sono abbastanza fiducioso perché siamo in una buona condizione. Il Carpi delle ultime 8 gare ha fatto meno punti solo di Verona e Spal. E’ un buon momento per noi, coinciso con il rientro di tanti titolari. La classifica ci obbliga anche a tifare Perugia. L’ultima giornata credo non cambierà i verdetti: se Verona e Frosinone vincono sarà inutile anche un eventuale successo del Perugia» TGGialloBlu.it

Capitan PAZZINI a 'Radio Verona' «Siamo alla fine del torneo e il match con il Carpi potrebbe essere decisivo, è normale che nell’aria ci sia maggiore elettricità. Sono convinto che il Bentegodi ci trascinerà, noi pensiamo a prepararci per giocare come appiamo. Gli emiliani saranno aggressivi, li abbiamo già affrontati anche in Serie A e li conosciamo. Non serve fare calcoli e guardare gli eventuali incroci, siamo noi davanti e se vinciamo non dovremo dare retta a nessuno. Il ricorso per la riapertura della Curva Sud? Spero che il ricorso venga accolto. Trovo la decisione ingiusta, nessuno dal campo ha sentito niente e per noi è stata una cosa inaspettata. Un mio bilancio a livello personale? Contro il Novara ho realizzato la mia rete più pesante. Da lì è iniziato un filotto di partite difficili: penso al Bari, al Cittadella e all’Entella. Ho vinto la mia scommessa? No, la mia scommessa è quella di raggiungere l’obiettivo» Hellas1903.it

Mister BAGNOLI a 'La Gazzetta dello Sport' «Come affronta l’ultima parte di campionato il Verona? Anche lui con qualche dolorino di pancia dopo la scorpacciata di metà stagione. Adesso è lì che deve stare attento a fare gli ultimi punti. Come si affronta una gara come quella con il Carpi? Ai ragazzi nello spogliatoio dicevo sempre di non aver paura , di fare la partita cercando di vincere. Quando giocavo io, era lì che mi cresceva la voglia di segnare, di tirare sberle. Le sberle, nella mia filosofia, sono i gol» Hellas1903.it

Gaetano LETIZIA esterno del CARPI «A Verona ci giochiamo tanto, dobbiamo fare la nostra partita come nelle predenti e sperare di disputare i playoff. I calcoli non li facciamo, sappiamo che non dipende solo da noi ma andiamo lì solo per vincere. Le somme si tireranno dopo l’ultima giornata. Il mio ruolo é sempre stato il terzino, mi sono adattato altrove per necessità con con piacere, do sempre il massimo dove serve alla squadra. Con Di Gaudio? Abbiamo una grandissima intesa sulla fascia sinistra. La differenze tra noi e Verona e Frosinone? Scendere dalla Serie A non significa risalire subito, anzi, serve uno sforzo maggiore. Quindi faccio i miei complimenti a Verona e Frosinone che al momento lottano per la promozione diretta”.
“I punti forti del Verona? Sono una squadra tutta molto forte, davanti hanno giocatori sicuramente importanti a cui stare molto attenti. Ma anche loro dovranno temere il nostro reparto offensivo
» CarpiFC.com

Nereo BONATO, diesse al VERONA nel 2009-10, a TuttoMercatoWeb.com parlando dell'HELLAS «Le difficoltà in B ci sono sempre… Hanno avuto un avvio importante, poi hanno accusato qualche battuta a vuoto. Detto questo, ritengo che la vittoria nel derby con il Vicenza abbia dato ai gialloblù quella spinta in più per chiudere la stagione nel migliore dei modi. Molto importante è anche la ritrovata sinergia fra pubblico e squadra. Vincere sabato contro il Carpi potrebbe significare Serie A…» Hellas1903.it

Antonio MARASCO, medianone gialloblù dal '98 al 2000, ricorda al Corriere di Verona il gol promozione del '99 «Martino Melis mi passa la palla, io tiro di destro, botta secca, gol: siamo in Serie A. Cosa significa essere promossi al Bentegodi? Una gioia che non si può descrivere. Erano altri tempi. Già prima del fischio finale c’era parecchia gente attorno al campo. Quando la partita terminò mi trovai circondando da centinaia di tifosi in estasi. Prandelli fu portato in trionfo. Gli abbracci, i sorrisi, tutto quanto è scolpito nella memoria adesso come allora. Cerchiamo di chiuderla qua, perché dopo, se arrivi alla fine, non sai mai che cosa possa succedere. Il Verona ha una bella occasione, davanti al proprio pubblico, auspicando che la Curva Sud venga riaperta: vinca e basta» Hellas1903.it

Antonio CALIENDO patròn del PARMA parla della cessione di LUPPI agli scaligeri l'estate scorsa «Sono stato obbligato a cederlo all’Hellas Verona, ma allo stesso tempo ho cancellato Setti dalla mia agenda. Fusco ha addirittura inscenato una telefonata fasulla con Luppi e nella trattativa hanno inserito Salifu e Ravasi» TuttoMercatoWeb.com



ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

CONGRATULAZIONI A PAPÀ CORRENT! Valentina, compagna dell’allenatore in seconda gialloblù, ha dato alla luce il piccolo Brando presso l'ospedale di Borgo Trento (Verona).

MONTE INGAGGI SERIE B: VERONA al primo posto secondo una ricerca del portale CalcioDipendenza.com e ripresa da TGGialloBlu.it

A PESCHIERA LEANDRO BARBOSA STELLA NBA DEI SUNS è andato a far visita ai suoi connazionali BESSA, ROMULO e NICOLAS...

CALCIOMERCATO: In caso di promozione, ci sarebbe anche il VERONA su Luca CIGARINI 30enne centrocampista in uscita dalla SAMP. Col VERONA in A potrebbe ricomporsi la catena di destra RÔMULO-ITURBE che tanto bene fece in massima serie nel 2013-14, il talentuoso argentino non ha fatto benissimo nemmeno nel prestito al TORINO e la ROMA, considerati anche i buoni rapporti con gli scaligeri, potrebbe dirottare ancora in gialloblù Juan Manuel e dargli un'altra possibilità di risorgere... Nuove conferme sui rumors che danno Antonio CASSANO all'HELLAS in caso di promozione, secondo CalcioMercato.com Luca TONI lo cercò già a Gennaio ma 'FantAntonio' rifiutò gli scaligeri a causa della categoria.



IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

CHAMPIONS LEAGUE: La finale di Cardiff vedrà scontrarsi la JUVENTUS e il REAL MADRID.

BASKET A2: La TEZENIS rimonta BIELLA (che s'era portata sul 2 a 0 nella serie) e va ai quarti di finale playoff!

MOTOGP: Trio spagnolo a Jerez de la frontera con PEDROSA che batte MARQUEZ ed un ottimo LORENZO, ROSSI decimo e... Polemico!

SCHERMA: Ai Mondiali di Fioretto maschile a San Pietroburgo è derby azzurro con GAROZZO che batte CASSARÀ in finale mentre la squadra di Spada femminile conquista l'oro nella rassegna iridata a Rio de Janeiro...



RASSEGNA STAMPA +   -   =
Altre Squadre
VERONA-CARPI, PROBABILI FORMAZIONI (SERIE B 2016-2017)
Verona a caccia del successo per la matematica promozione in Serie A, Carpi in piena zona Play-Off, qualora si disputassero

di Alfonso Parisi - 11 maggio 2017

Verona-Carpi è una delle gare in programma della 41° e penultima giornata del Campionato di Serie B. La sfida andrà in scena sabato 13 maggio alle ore 15:00, allo Stadio “Marcantonio Bentegodi”. La formazione veneta a caccia della promozione diretta in Serie A dopo una stagione, mentre i romagnoli sono in piena zona Play-Off, qualora vengano svolti perchè il distacco tra la terza e la quarta classificata, al momento è di dieci punti.

VERONA: La formazione veneta, guidata da Fabio Pecchia, arriva a questo match reduce dal successo, al “Comunale” di Chiavari, per 2-1 sulla Virtus Entella. Ottiene così il sesto risultato utile consecutivo, frutto di quattro vittorie e due pareggi, continuando la sua corsa verso la promozione in Serie A.
Gli “Scaligeri”, infatti, sono al secondo posto in classifica a quota 72 punti, ad un punto di vantaggio dalla terza, ovvero il Frosinone (ospite del Benevento), e a soli tre di svantaggio dalla capolista, la SPAL (ospite della Ternana).
Nessun giocatore figura tra gli squalificati. In dubbio per questa sfida Boldor, il quale sta svolgendo lavoro differenziato.

CARPI: La formazione romagnola, guidata da Fabrizio Castori, dopo il pesantissimo 4-1 subito in trasferta contro il Cittadella, ha collezionato tre risultati utili consecutivi, frutto di due vittorie (contro Trapani e Salernitana 2-0) e un pareggio (Ternana per 0-0).
Attualmente si trova al settimo posto in classifica a quota 58 punti, a cinque punti di vantaggio dal Novara (che ospiterà la Virtus Entella), appena fuori dalla zona Play-Off, e a ben 13 di svantaggio dal Frosinone, terzo.
Così come gli avversari, anche nella squadra di Castori non figurano squalificati. Tra i diffidati c’è Simone Romagnoli, al quale con un altro cartellino giallo, salterà l’ultima giornata contro il Novara. Non sarà a disposizione Bifulco, impegnato con la Nazionale Under 20 per i mondiali in Corea del Sud.

Ecco le probabili formazioni di Verona e Carpi:
VERONA (4-3-3): Nicolas; Pisano, Caracciolo, Souprayen, Romulo; Bessa, Valoti, Fossati; Luppi, Pazzini, Siligardi. Allenatore: Fabio Pecchia.

CARPI (4-4-2): Belec; Sabbione, Struna, Romagnoli, Poli; Letizia, Lollo, Bianco, Di Gaudio; Mbakogu, Lasagna. Allenatore: Fabrizio Castori.

Ad arbitrare l’incontro sarà il signor Pasqua, i guardalinee Bottegoni e Rocca, il quarto uomo sarà il signor Mastrodonato.

FONTE: Avellino-Calcio.it


Primo Piano
Verona-Carpi, ultime dai campi e probabili formazioni del match
By Marco Orrù - 12/05/2017

PROBABILI FORMAZIONI – Ecco le ultime dai campi e le probabili formazioni di Verona-Carpi, match valevole per la 41^giornata del campionato di Serie B, in programma domani alle ore 15.

Verona-Carpi, ecco le probabili formazioni del match

Queste le ultime dai campi e le probabili formazioni di Verona-Carpi:
VERONA: Pecchia ha ancora qualche dubbio. Boldor e B.Zuculini sono ancora incerti. Tornano Souprayen e Valoti.
CARPI: Struna in dubbio, si deciderà domani. Lasagna-Mbakogu davanti.

Ecco le probabili formazioni del match:
VERONA (4-3-3): Nicolas; Pisano, Ferrari, Caracciolo, Souprayen; Romulo, Fossati, Bessa; Luppi, Pazzini, Siligardi. A disp.: Coppola, Bianchetti, Zaccagni, B.Zuculini, Troianiello, Ganz, Fares, Cappelluzzo, Valoti. All.: Pecchia.

CARPI (4-4-2): Belec; Struna, Gagliolo, Romagnoli, Letizia; Jelenic, Lollo, Bianco, Di Gaudio; Lasagna, Mbakogu. A disp.: Petkovic, Lasicki, Poli, Sabbione, Mbaye, Concas, Fedato, Beretta, Pasciuti. All. Castori.

FONTE: SerieBNews.com


11 MAG 2017
UNA BOLGIA
La Curva Sud riapre con uno di quei provvedimenti in cui i legulei italici sono maestri. Sospensione della sanzione in attesa di approfondimenti. Diciamo che visto l’andazzo è una grande vittoria del Verona e del suo legale, Stefano Fanini, ormai espertissimo dentro al Palazzo. Non lesiniamo critiche quando la società se lo merita ed è quindi giusto anche sottolineare i meriti e il buon lavoro in occasioni come queste.

Ora ci possiamo concentrare su quello che è il vero obiettivo. Sostenere il Verona in questa determinante partita contro l’ostico Carpi, formazione brutta quanto concreta che verrà a Verona per giocare a calci più che a calcio.

Una volta di più, il Verona dovrà essere una bolgia infernale, per creare quella magica simbiosi che spesso rende il Bentegodi uno stadio fatale.

Non sarà sfuggito che l’arbitro è il signor Pasqua di Tivoli, lo stesso che ha generosamente regalato la partita al Frosinone contro la Salernitana. Chissà mai che cosa passa nella testa del designatore (Farina) quando decide queste designazioni. Ancora una volta cercheremo di scacciare dalla testa l’idea di complotti o di disegni squallidi. Sperando che basti il campo per decretare chi merita di andare in serie A.
Gianluca Vighini

FONTE: Blog.Telenuovo.it


Il Verona progetta la prossima stagione: due colpi nel mirino
Pubblicato il 10 maggio 2017 di Fabio Iacono

L'Hellas Verona è sempre più vicino al ritorno in Serie A per la prossima stagione gli scaligeri vogliono fare le cose in grande con il Presidente Maurizio Setti e il ds Fusco pronti a cogliere le occasioni che il mercato offre.

In quest'ottica, secondo quanto riportato da calciomercato.com si sta lavorando ad un possibile tentativo per riportare in gialloblu Cesare Prandelli. Oltre ad essere un gradito ritorno, sarebbe l'uomo d'esperienza richiesto dalla piazza per permettere di raggiungere il prima possibile la salvezza. Ma le novità non riguardano solo la panchina. per quanto riguarda il mercato in entrata si cerca il colpo ad effetto da regalare ai tifosi: Cassano è il nome caldo. Il talento di Bari ha infatti confidato di sentirsi bene fisicamente e pronto per rimettersi in gioco. Fondamentale la volontà di Luca Toni che lo aveva cercato a gennaio, incassando un no per via della categoria. Con la serie A ad un passo, Antonio Cassano è pronto a dire sì per ricomporre la coppia con il suo amico Giampaolo Pazzini. Un altro nome caldo nelle ultime ore è quello di Manuel Iturbe. L'attaccante, in prestito dalla Roma al Torino, potrebbe ritornare in Veneto per rilanciarsi. Qualora l'affare Cassano non andasse in porto, il ds Fusco opterà per l'argentino. Tutto dipenderà dalle rchieste del club giallorosso.

FONTE: BZona.it


Sampdoria, poker di squadre su Cigarini
Di Matteo Lo Giudice - maggio 11, 201

Manca più di un mese all’apertura del calciomercato, ma già da qualche settimana molte società stanno ponendo le basi per varie trattative.
Secondo Calciomercato.it al centro delle prime voci di mercato vi è Luca Cigarini, 30enne centrocampista attualmente in forza alla Sampdoria.

CIGARINI AL CENTRO DI UN VORTICE DI CALCIOMERCATO
Arrivato nella scorsa sessione estiva alla corte di Giampaolo, non ha decisamente convinto la società Genovese, anche perché oscurato dalle pregevoli prestazioni del giovanissimo Lucas Torreira.
Quattro sono le società che sono sulle traccie del regista di Montecchio: Bologna, Cagliari (società che fu molto vicina all’acquisto del centrocampista a Gennaio) Udinese ed Hellas Verona (in caso di promozione in Serie A). Si prospetta un’ avvincente sfida di mercato a fine stagione, ma il tutto è subordinato alle decisioni del centrocampista Doriano che ha un contratto fino al 2019.

FONTE: OkCalcioMercato.it


09 maggio 2017
Hellas Verona, profumo di Serie A. In due out verso il Carpi
Vincendo contro gli emiliani, la squadra di Pecchia potrebbe festeggiare (Frosinone permettendo) la promozione in Serie A. Quasi tutti a disposizione in vista della gara di sabato: a parte, nella seduta odierna, solo Juanito Gomez e Boldor

L'esultanza dell'Hellas Verona (lapresse)

L’Hellas Verona strizza l’occhio alla Serie A. La squadra di Fabio Pecchia ha finalmente ingranato la marcia e ha trovato la giusta continuità in campionato: nonostante ciò, il +1 dal Frosinone terzo non lascia ancora alcuna certezza sul secondo posto; con le giuste combinazioni, però, sabato potrebbe già arrivare la promozione aritmetica. Nel caso in cui, infatti, la squadra di Marino non dovesse vincere a Benevento, e l’Hellas dovesse invece fare tre punti contro il Carpi, il Bentegodi potrebbe già festeggiare il ritorno nel massimo campionato italiano. Non tutto però passa dal Frosinone: qualora infatti il Perugia, quarto, non dovesse fare punti con il Latina (già retrocesso) e dovessero invece farne tre il Frosinone stesso e il Verona, la Serie A sarebbe realtà per tutte le prime tre della classifica. A due dalla fine può comunque ancora cambiare tutto.

Out Boldor e Gomez
Il 2-1 maturato a Chiavari ha lasciato il sorriso sui volti dei giocatori dell’Hellas Verona, che non assaporano la sconfitta da ormai più di un mese (l’ultimo ko il 4 aprile, in casa contro lo Spezia). La prova di forza contro l’Entella ha preparato al meglio la squadra di Pecchia la rush finale della stagione: sabato, come detto, arriverà al Bentegodi il Carpi, in piena corsa per i playoff. Ripresi nella giornata di oggi gli allenamenti a Peschiera del Garda, con solo due giocatori a parte: Juanito Gomez, fuori ormai da febbraio, e Deian Boldor, quasi mai comunque stato tra le prime scelte del suo allenatore. Quasi tutti a disposizione di Pecchia, dunque, per preparare quella che è a tutti gli effetti la partita clou della stagione. È stato un martedì importante anche in funzione stadio: alla luce della squalifica inflitta alla curva gialloblu dopo i presunti cori razzisti ai danni di alcuni giocatori del Vicenza, infatti, è stato depositato il ricorso ufficiale da parte dell’Hellas Verona. La decisione definitiva sulla chiusura o meno del settore del Bentegodi sarà presa non prima di giovedì.

FONTE: Sport.Sky.it


CARPI AL LAVORO PER LA SFIDA DI VERONA CHE PUO’ SALVARE I PLAY OFF
09/05/2017

E’ una settimana importante questa per il Carpi di Fabrizio Castori. La sfida di sabato 13 maggio al Bentegodi contro il Verona infatti è molto di più di una semplice sfida di alta classifica tra due squadre guidate entrambe da presidenti carpigiani. In palio infatti c’è una parte importante dei Play Off che, dopo i risultati della scorsa settimana e a due giornate dal termine rischiano seriamente di non giocarsi. Se i biancorossi riuscissero a fermare i veneti e i Perugia, come è probabile, vincesse a Latina i punti tra la terza e la quarta si ridurrebbero a nove anche in caso di vittoria (non facile) del Frosinone a Benevento.

Oggi, martedì 9, la squadra di Castori si è allenata in mattinata sotto la pioggia. Dopo esercitazioni sulla forza in palestra, il gruppo si è spostato all’antistadio per trasformazioni sul campo a cui sono seguite esercitazioni tattiche e partitelle nello stretto.

Assenti Bifulco e D’Urso, impegnati a Coverciano con la Nazionale Under 20, mentre Struna ha proseguita il lavoro di terapie e palestra. Domani, mercoledì 10, seduta di allenamento pomeridiana con inizio alle 15.

FONTE: ModenaSportiva.it


Letizia: “A Verona per fare la nostra gara, i conti solo alla fine”

CARPI – Prima dell’allenamento pomeridiano, Gaetano Letizia ha incontrato la stampa. Ecco le sue parole in vista di Verona-Carpi:
“A Verona ci giochiamo tanto, dobbiamo fare la nostra partita come nelle predenti e sperare di disputare i playoff. I calcoli non li facciamo, sappiamo che non dipende solo da noi ma andiamo lì solo per vincere. Le somme si tireranno dopo l’ultima giornata”.

“Il mio ruolo é sempre stato il terzino, mi sono adattato altrove per necessità con con piacere, do sempre il massimo dove serve alla squadra. Con Di Gaudio? Abbiamo una grandissima intesa sulla fascia sinistra”.

“La differenze tra noi e Verona e Frosinone? Scendere dalla Serie A non significa risalire subito, anzi, serve uno sforzo maggiore. Quindi faccio i miei complimenti a Verona e Frosinone che al momento lottano per la promozione diretta”.
“I punti forti del Verona? Sono una squadra tutta molto forte, davanti hanno giocatori sicuramente importanti a cui stare molto attenti. Ma anche loro dovranno temere il nostro reparto offensivo”.

FONTE: CarpiFC.com


Cassano ha voglia di tornare protagonista: l'Hellas Verona sulle sue tracce
Niccolò Mariotto
07 MAY 2017

L'Hellas Verona con la vittoria per 2-1 di ieri pomeriggio sul campo della Virtus Entella ?è ad un passo dal ritorno in Serie A. I gialloblu in vista della prossima stagione puntano ad un campionato relativamente tranquillo con la dirigenza che è pronta a mettere a segno alcuni importanti colpi di mercato in entrata: uno di questi potrebbe riguardare anche l'allenatore con l'attuale mister Fabio Pecchia che potrebbe essere sostituito da Cesare Prandelli, tecnico che in passato ha già allenato il Verona.


Secondo le ultime indiscrezioni però anche in attacco sarà presumibilmente messo a segno un colpo importante. Il nome in cima alla lista dei desideri della squadra mercato gialloblu è quello di Antonio Cassano, attualmente svincolato a seguito della rescissione di contratto con la Samp. Fantantonio ha confidato di sentirsi bene fisicamente e di essere pronto a rimettersi in gioco dopo mesi di inattività: in caso di trasferimento al Verona il fantasista barese ritroverebbe il suo grande amico nonché gemello del gol Giampaolo Pazzini, con il quale ha letteralmente fatto sognare i tifosi della Sampdoria nella stagione 2008/2009.

Il fatto di ritrovare Pazzini in squadra potrebbe essere un fattore determinante per la buona riuscita dell'affare: Cassano a 34 anni suonati è pronto a rimettersi in gioco e a tornare protagonista. Sarà Verona la sua prossima casa? Staremo a vedere.

FONTE: 90Min.com


Hellas Verona Campione d’Italia
maggio 12, 2017

“Un’impresa per pochi, nata a capodanno. Fu Fanna a parlare per primo di scudetto tra un brindisi e l’altro. La rosa del Verona era ristretta, 17-18 giocatori, tra i quali Donà e Turchetta. Garella, il portiere, era un ragazzo fatto alla sua maniera, io lo chiamavo Ciccio. Gli parlai deciso prima della partita col Milan a San Siro, gli dissi che doveva sempre uscire sui cross, perché loro erano forti di testa: disputò una grande gara. Ferroni era un marcatore veloce, il nostro Gentile. Marangon faceva la fascia sinistra, spingeva, amava la vita notturna, ma a me interessava che si allenasse. Una sera ricevetti la telefonata di uno che mi diceva di averlo visto in discoteca. Beh, Luciano era lì con me, questo per spiegare che la gente spesso racconta balle, ingigantisce. Tricella era il nostro Scirea. Fontolan lo stopper alla vecchia maniera, bravo di testa. Briegel pareva un carroarmato, quell’anno segnò nove gol. Fanna aveva potenzialità enormi, in altre società si era sentito limitato dai troppi compiti, lo lasciai libero di esprimersi – racconta lo storico allenatore dell’Hellas Verona, Osvaldo Bagnoli – Volpati in spogliatoio era fondamentale ed in campo ricopriva qualsiasi ruolo. Galderisi attaccante piccolo e svelto, perché per me davanti devi avere uno grande e grosso che faccia da sponda per uno basso e agile. La palla alta per Elkjaer che la smistava a Galderisi era una delle giocate più frequenti. Di Gennaro il regista d’attacco, un numero 10 completo, bravo anche a difendere: in Nazionale avrebbe meritato più fortuna. Elkjaer un falso matto, quando c’era da essere seri era il primo a esserlo. Sacchetti aveva grandi duttilità. Bruni risolveva tanti problemi. Se oggi il Verona ’85 rivincerebbe lo scudetto? Il mondo è cambiato e forse è cambiato in male”. 12 Maggio 1985, stadio Atleti Azzurri d’Italia, grazie al pareggio per 1-1 contro l’Atalanta, l’Hellas Verona conquista lo storico tricolore. Atalanta: Piotti, Osti, Gentile, Perico, Rossi, Magnacavallo, Donadoni, Vella, Magrin, Agostinelli, Pacione. Verona: Garella (81′ Spuri), Volpati (77′ Ferroni), Marangon I, Tricella, Fontolan, Briegel, Fanna, Sacchetti, Galderisi, Di Gennaro, Elkjaer. Arbitro: Boschi di Parma. Reti: 43′ Perico, 51′ Elkjaer. Foto: gazzetta

Le combinazioni per conquistare sabato la Serie A per Spal, Hellas Verona e Frosinone
maggio 8, 2017

A due giornate dalla chiusura della stagione regolare cadetta, la Spal si conferma capolista con 75 punti, Hellas Verona 73, Frosinone 71, Perugia 61, Benevento 59, Carpi 58 e Cittadella (che gioca stasera a Pisa) 57. I playoff saltano se tra la terza e la quarta ci sono dieci punti o più di distacco. Ecco cosa devono fare le prime tre per essere promosse nel prossimo turno:

– Spal: Sabato la Spal va a Terni e poi chiuderà in casa con il Bari. La promozione sarà sicura in caso di vittoria, ma anche in caso di pareggio. E, contemporaneamente il Verona dovrebbe perdere (scenderebbe a -4 della Spal) oppure se una tra Frosinone e Perugia (che gioca a Latina) non vince: nel primo caso la Spal resterebbe a +5 sul terzo posto (o +6, con il Benevento comunque a -14), nel secondo sarebbe a +14 (o+15) sul quarto posto. La Spal in teoria può essere promossa sabato anche se dovesse perdere: in questo caso però è fondamentale che il Perugia non vinca (se pareggia andrebbe a -13).

– Hellas Verona: sabato i gialloblù ricevono il Carpi e all’ultima andranno a Cesena. Per essere promossi al Bentegodi devono vincere e sperare che una tra Frosinone e Perugia non vincano: nel primo caso il secondo posto sarebbe aritmeticamente dell’Hellas Verona (anche per il vantaggio nello scontro diretto), nel secondo potrebbe arrivare anche terzo, ma facendo saltare i playoff, essendo a +13 sul quarto posto; se però stasera vince il Cittadella, i gialloblù devono sperare che anche il club patavino non vinca sabato.

– Frosinone: sabato gioca a Benevento e finirà in casa con la Pro Vercelli. Per fare festa nel prossimo turno il Frosinone deve vincere e sperare che il Perugia perda: anche in questo caso sarebbe in A perché il vantaggio sul quarto posto sarebbe di 13 punti. Sempre che il Cittadella non vinca stasera: in tal caso i veneti non devono vincere sabato. Fonte: La Gazzetta dello Sport

FONTE: HellasLive.it


Se il Verona torna in A mette il Turbo
By Redazione - 7 maggio 2017

Serie A significa riabbracciare Iturbe. L’eventuale matricola Verona è la piazza ideale per Juan Manuel, reduce dal fallimento di Torino.
Gli ottimi rapporti tra la dirigenza gialloblù e quella romanista spingono nella direzione di un prestito sulle rive dell’Adige, per rilanciare il valore del cartellino del ragazzo.
Iturbe, in prestito con diritto di riscatto al Torino, il 1 luglio farà ritorno nella capitale ma non resterà. Il suo procuratore è già all’opera per sistemare il suo assistito e Verona è l’opzione più accreditata.

FONTE: HellasNews.it


EDITORIALE
Il punto sul Verona: una volata finale con incognita playoff
07.05.2017 12:30 di Giorgia Segala
Mancano solo due partite al termine del campionato, dove ci si deve giocare il tutto per tutto. L’ipotesi che non si disputino i playoff si fa più consistente: la regola dice, infatti, che non si giocherebbero i playoff nel caso in cui il distacco fra la terza e la quarta in classifica fosse uguale o maggiore a 10 punti; in quel caso, verrebbero promosse direttamente le prime tre.

La situazione ad oggi è estremamente in bilico: la SPAL (che ha una partita in meno: giocherà infatti oggi pomeriggio, alle 17.30, contro la Pro Vercelli) è salda al primo posto a 74 punti. Il Verona e il Frosinone, con le rispettive vittorie di ieri contro Virtus Entella e Trapani, confermano il secondo ed il terzo posto a 72 e 71 punti.

Ma dietro, la situazione qual è? Il Perugia, quarto, è a 61 punti: non è riuscito a sfruttare al meglio la gara di venerdì sera contro lo Spezia, finita a reti inviolate. Benevento e Carpi sono a 59 e 58 e il Cittadella, settimo, ha 57 punti ma anche una partita in meno, che giocherà domani sera contro il Pisa di Gattuso. Per i veneti, dunque, c’è ancora una possibilità di agganciare il quinto posto.

A questo punto i giochi sono quasi fatti, il nodo playoff è effettivamente il punto di domanda più grande.

Il Verona sabato prossimo si scontrerà col Carpi nell’ultima giornata in casa del campionato: se i gialloblù dovessero vincere, potrebbero contare su determinate situazioni per poter festeggiare, eventualmente, la promozione già al Bentegodi. Infatti, in caso di vittoria contro il Carpi, il Verona dovrebbe sperare che una tra Frosinone e Perugia non vinca, per avere la certezza matematica di venire promosso in Serie A.

Ma in fondo sono calcoli inutili. Bisognerebbe concentrarsi sulla prima parte dell’ipotesi: se i gialloblù dovessero vincere.

È solo ed unicamente a questo, a cui bisogna pensare. Questo Verona ha mostrato molti limiti, molte fragilità, ma ha dimostrato di essere in grado di spaccare le partite, se stimolato a dovere. I calcoli si possono fare, certamente, ma lasciamoli ad altri: bisogna solo pensare a fare bene il proprio lavoro, senza guardare i risultati altrui.

Se il Verona vince, col Carpi, ma anche a Cesena, la Serie A è automatica. Questo, deve essere l’obiettivo. Dare il 100% e fare il massimo per questi due ultimi, intensissimi turni. Il Verona è l’unico artefice del proprio destino, nel bene e nel male. Se i risultati altrui aiuteranno, bene, ma è meglio pensare esclusivamente al proprio percorso: se non si commettono passi falsi in queste ultime due giornate di campionato, il traguardo è raggiungibile con le proprie forze.

FONTE: TuttoHellasVerona.it


NEWS
Verona-Carpi, vicina quota 18000
Aperto anche il settore di Tribuna Superiore Est con ingresso a 5 euro

di Redazione Hellas1903, 12/05/2017, 14:32

Continua la corsa al biglietto per Verona-Carpi di domani al Bentegodi.
Questo quanto reso noto dall’Hellas tramite il proprio sito web: “Si comunica che è stato aperto anche il settore di Tribuna Superiore Est, al prezzo promozionale di 5 euro per gli adulti e di 0,50 euro per i minori di anni 14. Ad ora gli spettatori complessivi sono oltre 17.500, in continuo aumento”.

NEWS
Pecchia: “Curva Sud? Tifosi fondamentali per noi”
Il tecnico dell’Hellas: “Zero calcoli, pensiamo a quello che succede sul campo”

di Redazione Hellas1903, 12/05/2017, 13:40

Fabio Pecchia, allenatore del Verona, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara interna contro il Carpi. Di seguito i passaggi più importanti.
Sulla disponibilità della Curva Sud: “È stata una bella notizia per noi, per la città e per i tifosi, fondamentali in una partita così importante”.
Sul Carpi: “Squadra con valori e di qualità. Dobbiamo pensare e rimanere concentrati solamente a quello che succede sul campo.”
Continua Pecchia: “Zero calcoli, testa bassa e pedalare. Giochiamo con personalità e determinazione per fare una grandissima partita.”

NEWS
Bonacini: “Finale già scritto, ma il Carpi…”
Il presidente del club emiliano: “Non ci saranno i playoff, però noi proveremo a cambiare la storia”

di Redazione Hellas1903, 12/05/2017, 17:01

Stefano Bonacini, presidente del Carpi, parla della sfida con il Verona di domani al Bentegodi e delle ultime fasi del campionato di Serie B.
Dice, intervistato dal “Resto del Carlino”: “Il mio pensiero è che il libro sia già scritto… Noi abbiamo però l’obbligo di provare a riscrivere questo finale. E sono abbastanza fiducioso perché siamo in una buona condizione”.
Aggiunge Bonacini: “Io sono convinto che la classifica che si svilupperò sabato alle 17 sarà quella definitiva, l’ultima giornata non cambierà i verdetti: se Verona e Frosinone vincono sarà inutile anche un eventuale successo del Perugia”.

NEWS
Corsa al biglietto, un Bentegodi da 20000
Si annuncia una grande presenza di pubblico per la partita con il Carpi

di Redazione Hellas1903, 12/05/2017, 10:53
Foto legab.it

Un Bentegodi da 20000 spettatori: questo il numero che potrebbe essere raggiunto per la gara di domani tra Verona e Carpi.
La prevendita prosegue a ritmo sostenuto.
Esaurito il settore di Poltrone Est, la riapertura porterà al “sold out” della Curva Sud già in questi minuti.
Lo stadio si annuncia, dunque, affollatissimo per la fondamentale partita che aspetta l’Hellas.

NEWS
Hellas, Fanini: “Abbiamo riportato i nostri tifosi dove è giusto che siano”
L’avvocato dell’Hellas: “Grande soddisfazione, obbiettivo raggiunto col lavoro di tutta la società”

di Redazione Hellas1903, 11/05/2017, 20:51
“Abbiamo fatto tutto il possibile, è stato un lavoro in sinergia con le varie componenti societarie. Avere i tifosi della curva alla partita col Carpi è motivo di grande soddisfazione, è stato impedito che venisse adottata una decisione profondamente ingiusta”.
È raggiante Stefano Fanini, l’avvocato dell’Hellas, ai microfoni di Radio Verona dopo la decisione della Corte Sportiva d’Appello Nazionale di sospendere la sanzione di chiusura della Curva Sud. E ne ha motivo, dato che per la medesima sanzione sono stati respinti i ricorsi di Lazio ed Inter, mentre è stata accolto quello del club gialloblù.
“L’obiettivo è stato raggiunto – prosegue Fanini – volevamo riportare i nostri tifosi dove è giusto che siano ovvero in Curva Sud a tifare Hellas. Sabato sarà una partita fondamentale per la nostra stagione e loro sono la nostra forza. Era complicato fare breccia nei membri della Corte stante il referto dei collaboratori della Procura Federale ma i motivi del nostro reclamo erano molto dettagliati ed abbiamo allegato diversa documentazione a supporto. Visto l’esito la nostra linea difensiva ha insinuato il dubbio su quanto affermato dagli unici due soggetti che hanno percepito quel coro”.

Per la medesima sanzione sono stati respinti i ricorsi di Lazio ed Inter. “Reputo inopportuno – dice l’avvocato – guardare in casa d’altri. A noi interessava il nostro risultato e l’abbiamo ottenuto con grande sforzo e determinazione . Indirettamente significa che anche un provvedimento interlocutorio come quello ottenuto non è affatto semplice da conquistare. E per questo per la società è una grande soddisfazione. Voglio ringraziare tutte le componenti societarie con cui ho lavorato giorno e notte in questi giorni, in particolare il Direttore Barresi, il segretario Marconato, Matteo Viscione, Alberto Pecchio, Moris Rigodanze e gli altri collaboratori”.

NEWS
Pazzini: “Col Carpi il Bentegodi ci trascinerà”
Il bomber dell’Hellas: “A Novara ho segnato il mio gol più importante”

di Redazione Hellas1903, 10/05/2017, 21:19

Intervenuto ai microfoni di “Radio Verona”, Giampaolo Pazzini ha analizzato questo fondamentale momento del campionato dell’Hellas, focalizzando l’attenzione sulla prossima gara contro il Carpi.
Così Pazzini: “Siamo alla fine del torneo e il match con il Carpi potrebbe essere decisivo, è normale che nell’aria ci sia maggiore elettricità. Sono convinto che il Bentegodi ci trascinerà, noi pensiamo a prepararci per giocare come sappiamo. Gli emiliani saranno aggressivi, li abbiamo già affrontati anche in Serie A e li conosciamo. Non serve fare calcoli e guardare gli eventuali incroci, siamo noi davanti e se vinciamo non dovremo dare retta a nessuno”.
L’attaccante confida nell’accoglimento del ricorso per la riapertura della Curva Sud: “Spero che il ricorso venga accolto. Trovo la decisione ingiusta, nessuno dal campo ha sentito niente e per noi è stata una cosa inaspettata”.

Infine, il ‘Pazzo’ traccia un mini bilancio di questa stagione anche a livello personale: “Contro il Novara ho realizzato la mia rete più pesante. Da lì è iniziato un filotto di partite difficili: penso al Bari, al Cittadella e all’Entella. Ho vinto la mia scommessa? No, la mia scommessa è quella di raggiungere l’obiettivo”.

NEWS
Ex Verona, Bonato: “Dalla vittoria del derby la spinta per la Serie A”
Il ds dell’Udinese: “Sempre difficile la B, col Carpi per la promozione”

di Redazione Hellas1903, 10/05/2017, 11:10

Nereo Bonato, ex dg del Verona nella stagione 2009/10 e attuale direttore sportivo dell’Udinese, è stato intervistato da tuttomercatoweb.com.
Tra i vari temi toccati, il dirigente dei friulani ha parlato anche dell’Hellas e dei problemi che ha incontrato durante il campionato:
“Le difficoltà in B ci sono sempre… Hanno avuto un avvio importante, poi hanno accusato qualche battuta a vuoto. Detto questo, ritengo che la vittoria nel derby con il Vicenza abbia dato ai gialloblù quella spinta in più per chiudere la stagione nel migliore dei modi. Molto importante è anche la ritrovata sinergia fra pubblico e squadra. Vincere sabato contro il Carpi potrebbe significare Serie A…”.

NEWS
Bagnoli: “Verona, prenditi i punti decisivi”
Il Mister: “Servono gli ultimi risultati. Con il Carpi l’Hellas parta per segnare subito”

di Redazione Hellas1903, 10/05/2017, 10:30

Osvaldo Bagnoli, il Mister della storia gialloblù, che da giocatore ha vestito la maglia del Verona, parla del finale di campionato in un’intervista rilasciata a “La Gazzetta dello Sport”.
Dice: “Come affronta l’ultima parte di campionato il Verona? Anche lui con qualche dolorino di pancia dopo la scorpacciata di metà stagione. Adesso è lì che deve stare attento a fare gli ultimi punti”.
Continua: “Come si affronta una gara come quella con il Carpi? Ai ragazzi nello spogliatoio dicevo sempre di non aver paura , di fare la partita cercando di vincere. Quando giocavo io, era lì che mi cresceva la voglia di segnare, di tirare sberle. Le sberle, nella mia filosofia, sono i gol”.

NEWS
Corteo Curva Sud, c’è l’okay della questura
Autorizzata la manifestazione dei tifosi gialloblù di sabato

di Redazione Hellas1903, 10/05/2017, 10:23

Via libera da parte della questura: la manifestazione della Curva Sud di sabato è stata autorizzata.
Tutto okay, dunque, per l’iniziativa dei tifosi, in programma con un ritrovo alle 13 a Porta Palio, prima della partita con il Carpi, fondamentale per l’Hellas per andare in Serie A.
Questo, in attesa del verdetto sulla chiusura del settore decretata la settimana scorsa dal giudice sportivo.

NEWS
Marasco: “Hellas, segna il gol per la A come feci io”
L’ex mediano gialloblù: “Nel 1999 la mia rete decisiva. Vai, Verona”

di Redazione Hellas1903, 10/05/2017, 10:16

Antonio Marasco, mediano del Verona dal 1998 al 2000, trascinatore a centrocampo dell’Hellas allenato da Cesare Prandelli, segnò nel 1999 il gol che portò i gialloblù matematicamente in A, decidendo la gara vinta per 1-0 al Bentegodi col Napoli.
Intervistato dal “Corriere di Verona” oggi in edicola, Marasco ricorda: “Martino Melis mi passa la palla, io tiro di destro, botta secca, gol: siamo in Serie A”.
Prosegue: “Cosa significa essere promossi al Bentegodi? Una gioia che non si può descrivere. Erano altri tempi. Già prima del fischio finale c’era parecchia gente attorno al campo. Quando la partita terminò mi trovai circondando da centinaia di tifosi in estasi. Prandelli fu portato in trionfo. Gli abbracci, i sorrisi, tutto quanto è scolpito nella memoria adesso come allora”.

Quanto a oggi, Marasco commenta: “Cerchiamo di chiuderla qua, perché dopo, se arrivi alla fine, non sai mai che cosa possa succedere. Il Verona ha una bella occasione, davanti al proprio pubblico, auspicando che la Curva Sud venga riaperta: vinca e basta”.

NEWS
Pazzini-Bessa, 43 punti in due
I due giocatori del Verona sono i più decisivi del campionato

di Redazione Hellas1903, 09/05/2017, 18:21

Giampaolo Pazzini e Daniel Bessa, secondo quanto pubblicato da Football Data, sono i giocatori più decisivi del campionato di Serie B.
I due calciatori, infatti, hanno permesso al Verona di conquistare ben 43 punti grazie alle loro determinanti prestazioni in campo.
Subito dietro i gialloblù, si posizionano le coppie delle altre due squadre sul podio della B, con Antenucci-Zigoni (Spal) e Ciofani-Dionisi (Frosinone), che hanno portato in dote 40 punti ai rispettivi club.

NEWS
Carpi, col Verona rientrano Gagliolo e Sabbione
Castori per sabato ritrova due pedine importanti

di Redazione Hellas1903, 09/05/2017, 18:06

Contro il Verona Castori potrà nuovamente contare su Riccardo Gagliolo e Alessio Sabbione.
Come riporta carpicalcionews.it Gagliolo dovrebbe rientrare titolare al posto di Fabrizio Poli, mentre Sabbione sarà disponibile in caso di forfait di Aljaz Struna che sta ancora recuperando da un infortunio.

NEWS
Curva Sud, il legale del Verona: “Grande impegno per la riapertura”
L’avvocato Fanini: “Stiamo lavorando insieme a tutte le componenti societarie”

di Redazione Hellas1903, 09/05/2017, 14:09

“Siamo impegnati, insieme a tutte le componenti societarie, affinché sia riconosciuta la correttezza delle nostre ragioni. L’obiettivo è che si consenta la presenza dei tifosi in Curva Sud in una partita tanto delicata”.
Queste le dichiarazioni rilasciata dall’avvocato Stefano Fanini, legale del Verona, a “La Gazzetta dello Sport”, riguardo al ricorso che sarà presentato nelle prossime ore alla Corte Sportiva d’Appello Nazionale per ottenere la riapertura della Curva Sud del Bentegodi per la gara di sabato con il Carpi.

NEWS
La Curva Sud: “Tutti uniti!”
La spinta gialloblù: “Sabato alle 13 ritrovo a Porta Palio, poi tutti allo stadio”

di Redazione Hellas1903, 08/05/2017, 20:07

In vista della gara di sabato con il Carpi, la Curva Sud ha diffuso un messaggio che chiama tutti i tifosi dell’Hellas a esserci, al di là della chiusura del settore. Lo riportiamo integralmente.
“Ore 13 Porta Palio… in marcia verso la Curva.
Sabato saremo dove siamo sempre stati e dove abbiamo il diritto e dovere di essere: allo Stadio!
Non subiremo a testa bassa, chiediamo la partecipazione di tutti, abbonati di Curva e non.
Ora più che mai la tifoseria deve essere unita, CONTRO TUTTI!
Curva Sud Verona”

NEWS
Il Carpi viaggia, solo Spal e Verona stanno facendo meglio
Momento di ottima forma per la squadra di Castori che sabato arriva al Bentegodi

di Redazione Hellas1903, 08/05/2017, 18:10
CARPI, ITALY - DECEMBER 24: Gaetano Letizia of Carpi FC and Luca Siligardi of Hellas Verona FC in action during the Serie B match between Carpi FC and Hellas Verona FC at Stadio Sandro Cabassi on December 24, 2016 in Carpi, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

14 punti nelle ultime otto giornate, solo Verona e Spal hanno fatto meglio (l’Hellas ne ha fatti 16 nelle ultime sei).
Il Carpi sta vivendo un momento di ottima forma e si è rilanciato, dopo alcuni mesi di anonimato e di prestazioni al di sotto delle aspettative.
Gli emiliani si trovano al sesto posto a 58 punti, a più cinque da Novara e Bari, le prime escluse, attualmente, dagli spareggi promozione. Una distanza che non garantisce ancora l’accesso matematico. Motivo in più, per il Carpi, per affrontare la gara col Verona al di sabato al massimo della concentrazione.

VISTO DA NOI
Così vicinA, così lontanA
Cresce l’attesa per sabato, col Verona a caccia del grande obbiettivo

di Andrea Spiazzi, @AndreaSpiazzi 08/05/2017, 19:17

Viviamo giornate di attesa, che si farà sempre più frenetica con l’avvicinarsi di sabato, ore 15 al Bentegodi. Non possiamo immaginare lo stadio, in quella gara, senza la Curva. Per questo speriamo che il ricorso del Verona abbia esito positivo, che prevalga il buonsenso, fosse anche la decisione di effettuare maggiori indagini e, nel frattempo, sospendere il provvedimento di chiusura.

Si avverte tra la gente molta precauzione nel credere che la promozione possa arrivare già sabato. Eppure non è così impossibile. Il Verona che batte il Carpi e il Frosinone che non vince a Benevento. C’è della sana scaramanzia, in tutto ciò, è chiaro. Ognuno sembra custodire nel più segreto dei meandri del cuore ciò che ritiene più realistico possa accadere: sabato in A, no, a Cesena, no, nemmeno a Cesena!

Così, mentre i tifosi aguzzano l’ingegno a caccia di tutte le possibilità favorevoli e sfavorevoli, l’unica cosa che conta è che la squadra sia concentrata e che questi conti non li faccia. Né il problema della Curva, né quello dei tifosi a Cesena deve inoltre dare adito ai calciatori di sentirsi vittime del sistema. Perché solo loro, sul campo, possono fugare qualsiasi dubbio. Nessuno dice che sia facile, ma basta non fallire sabato, e poi, eventualmente, giovedì 18 maggio. Roberto Puliero direbbe: “Si può farcela!”.

NEWS
Hellas, 14 punti in 6 turni per la scalata alla A
Il Verona si è trasformato e ora insegue il coronamento definitivo

di Redazione Hellas1903, 07/05/2017, 16:04

Dopo la sconfitta con lo Spezia al Bentegodi il Verona pareva essere in piena crisi.
I gialloblù hanno invece invertito la marcia. Prima più blandamente, poi in modo deciso. E che, ora, potrebbe essere determinante per centrare la promozione in Serie A.
Nelle ultime sei partite l’Hellas ha vinto quattro volte, pareggiando in due occasioni.

I gialloblù, impattata agli sgoccioli del recupero la gara di Novara, chiusa sul 2-2, hanno sconfitto per 2-0 il Cittadella e, in trasferta, il Bari.

Poi c’è stato l’1-1 con il Perugia e, di seguito, la spettacolare vittoria per 3-2 al Bentegodi con il Vicenza, seguita dal 2-1 con l’Entella fuori casa.

Con 14 punti in 6 giornate il Verona è scattato. Adesso cerca il coronamento alla propria scalata, con due partite da disputare, a cominciare da quella di sabato con il Carpi.

NEWS
Curva Sud, il Verona pronto per il ricorso
A metà settimana la discussione dell’appello del club gialloblù

di Redazione Hellas1903, 07/05/2017, 15:23

Tutti in bilico per il caso della chiusura della Curva Sud del Bentegodi, decretata nei giorni scorsi dal giudice sportivo per presunti cori razzisti indirizzati ai giocatori del Vicenza Adejo ed Ebagua.
I legali del Verona stanno ultimando il ricorso che sarà discusso davanti alla Corte Sportiva d’Appello.
A metà settimana è atteso il verdetto.

Se l’istanza dovesse essere respinta, l’Hellas giocherebbe senza il supporto di circa 5000 tifosi la decisiva sfida per la promozione in Serie A con il Carpi, in programma sabato prossimo alle 15 al Bentegodi.

NEWS
Castori: “Playoff? I conti si fanno alla fine”
Il tecnico del Carpi: “Dobbiamo fare più punti possibile nelle prossime due gare”

di Redazione Hellas1903, 07/05/2017, 15:07

Fabrizio Castori, dopo il successo per 2-0 contro la Salernitana, ha parlato delle chance del Carpi, prossimo avversario del Verona, di giocare i playoff di Serie B, che attualmente non si disputerebbero per il distacco di 10 punti tra Frosinone e Perugia.
Dice il tecnico: “I playoff non si faranno? Non mi sbilancio – riporta il sito ufficiale del Carpi – dico solo che i conti si fanno alla fine. Noi dobbiamo fare più punti possibile nelle ultime due partite, poi tireremo le somme”.
In attesa della gara tra Pisa e Cittadella di domani sera, gli emiliani in questo momento sono sesti in classifica con 58 punti.

NEWS
Verso il Carpi, nell’Hellas tornano in tre
Souprayen, Zuculini e Valoti rientrano dopo un turno di squalifica

di Redazione Hellas1903, 07/05/2017, 11:16

Tre rientri nel Verona nella fondamentale sfida di sabato col Carpi.
I gialloblù torneranno a contare su Souprayen, Bruno Zuculini e Valoti, assente con l’Entella perché squalificati dopo la gara con il Vicenza.
Scelte ampliate, dunque, per Fabio Pecchia in vista della partita del Bentegodi.

FONTE: Hellas1903.it


SERIE B
Castori: A Verona sarà una battaglia
12/05/2017 17:00
"Conosciamo tutti il valore dell’avversario che ci attende al Bentegodi. Ma la mia squadra ha lavorato al massimo in settimana, saremo pronti per la battaglia che ci attende". Fabrizio Castori non parla in conferenza stampa prima della partita col Carpi. Gli emiliani sono in ritiro da giovedì e il tecnico marchigiano ha espresso il suo pensiero sulla trasferta di Verona attraverso il sito ufficiale della squadra biancorossa.
L.VAL.

IL PRESIDENTE DEL CARPI
Bonacini: Verona? Finale già scritto...
12/05/2017 16:43
"Verona? Il mio pensiero è che il libro sia già scritto... Noi abbiamo però l’obbligo di provare a riscrivere questo finale. E sono abbastanza fiducioso perché siamo in una buona condizione". Stefano Bonacini, patron del Carpi parla al Resto del Carlino, forse ancora scosso per il finale di stagione dell'anno scorso quando il Carpi retrocedette a 38 punti a causa della vittoria del Palermo all'ultima giornata col Verona (e le polemiche che precedettero quella settimana).

L'ex socio di Setti ha continuato: "Il Carpi delle ultime 8 gare ha fatto meno punti solo di Verona e Spal. E’ un buon momento per noi, coinciso con il rientro di tanti titolari. La classifica ci obbliga anche a tifare Perugia. L’ultima giornata credo non cambierà i verdetti: se Verona e Frosinone vincono sarà inutile anche un eventuale successo del Perugia".
L.VAL.

VERONA
Pecchia: Nessun calcolo per la A, testa al Carpi
12/05/2017 13:46
E' la gara più importante della stagione per il Verona. Una partita che potrebbe valere anche la promozione in Serie A. Fabio Pecchia parla in conferenza stampa alla vigilia della sfida col Carpi: "Siamo determinati e abbiamo grande concentrazione per questa gara. Vorrei una squadra consapevole: ora dobbiamo portare il nostro lavoro quotidiano sul campo. Abbiamo in mano il nostro destino. La Curva Sud aperta? E' bellissimo avere tutti i nostri tifosi".

L'allenatore del Verona ha continuato: "Io personalmente ho vissuto momenti di alti e bassi, fa parte della stagione. Io penso sempre a guardare avanti. Quando alzeremo la testa vedremo cosa è successo. La mia squadra sa giocare a calcio: voglio che lo faccia ancora di più con convinzione e voglia contro il Carpi. La squadra di Castori gioca un calcio verticale, è una squadra temibile: ma ho grandissima fiducia nei miei giocatori".

Il tecnico pontino ha concluso parlando della forma fisica della squadra: "Avere tutti a disposizione non è una cosa da poco: sono felice che sia tornato Juanito Gomez, che ritorna dopo tanto tempo. La Serie A è vicina? Non dobbiamo fare calcoli: dobbiamo pensare solo al Carpi. Sarà una partita dura".
L.VAL.

VERONA-CARPI
Febbre Hellas 7000 biglietti venduti
12/05/2017 13:04
Tutto pronto per Verona-Carpi: una partita che può valere la Serie A. Si annuncia uno stadio strapieno. Ad ora sono stati venduti 7mila biglietti (naturalmente poi ci sono da contare anche più di 10mila abbonati). Con la Curva Sud riaperta si attende quasi il tutto esaurito.
L.VAL.

ANNIVERSARIO
12 maggio 1985 Verona campione
12/05/2017 09:39
Il 12 maggio non è una data qualunque. A Verona è il giorno in cui l'Hellas vinse lo scudetto.

Era il 1985 e pareggiando sul campo di Bergamo contro l'Atalanta, il Verona di Osvaldo Bagnoli conquistò il tricolore con una giornata d'anticipo.

Una data storica per la più grande provinciale del calcio mondiale. Solo il Leicester di Ranieri, nella scorsa stagione, riuscì a compiere un'impresa sportiva di tale portata.

TUTTE LE COMBINAZIONI
Il Verona vola già in A se...
12/05/2017 24:06
Manca pochissimo alla fine della stagione: il Verona vede sempre più vicino l'obiettivo della Serie A. L'Hellas potrebbe essere già promosso questo sabato contro il Carpi nella cornice del Bentegodi che sarà colorato tutto di gialloblù anche con la presenza, adesso ufficiale, della Curva Sud. In quali casi il Verona verrebbe promosso già in A questo sabato?

Ci sono due opzioni:
- Il Verona vince col Carpi e il Frosinone non batte il Benevento (pareggia o perde). Cittadella e Perugia possono anche vincere. Classifica: Verona 75 (scontri diretti a favore con i ciociari), Frosinone 72/71, Perugia 64, Cittadella 63.

- Il Verona batte il Carpi, il Frosinone batte il Benevento ma contemporaneamente Perugia e Cittadella non vincono (pareggio o sconfitta). Classifica: Verona 75, Frosinone 74, Perugia 62/61, Cittadella 61/60 (13 punti sul Perugia ad una giornata alla fine significa promozione matematica in virtù dei 10 punti di differenza necessari per non fare i play-off).
L.VAL.

SERIE B
Le otto meraviglie di Daniel Bessa

11/05/2017 13:10
Dietro al bomber Pazzini, adesso c'è lui: Daniel Bessa è il secondo miglior marcatore del Verona. Otto reti (guarda il video) che sono un pesantissimo bottino per la conquista del grande obiettivo della serie A. Gol determinanti che hanno sbloccato gare complicate (Cittadella) e raddrizzato altre partite che stavano scivolando via. Daniel Bessa (vedi intervista a Entella) è diventato uno dei top player del Verona, un'operazione di mercato perfetta da parte di Fusco che ha acquistato il giocatore dall'Inter. Un milione e duecentomila euro il ricatto che il Verona ha già pagato ai nerazzurri a gennaio.

VERONA-CARPI, I PRECEDENTI
Col Carpi, match inedito in Serie B
11/05/2017 12:10
In riva all'Adige, Verona e Carpi non si sono mai sfidate in Serie B. Fra le due squadre esistono solo 3 precedenti: nella massima serie ricordiamo i due match (andata e ritorno) dell’anno scorso (2015/16); mentre in cadetteria esiste l'incontro d’andata di questa stagione, giocato al Cabassi. In A, il 1° novembre 2015, finì 0-0 in terra modenese ed il 20 marzo 2016, vittoria ospite al Bentegodi per 1-2 (Di Gaudio al 42’ per il Carpi, momentaneo pareggio veneto di Ionita al 63’ e rete definitiva biancorossa firmata da Lasagna al 67’). Il confronto diretto nell’attuale torneo, giocatosi il 24 dicembre 2016, s’è concluso 1-1 (a Lasagna al 13’, ha risposto Pazzini al 48’).
A.F.

VERONA
Ufficiale: Sì alla trasferta di Cesena
11/05/2017 11:08
Ora è ufficiale: i tifosi dell'Hellas potranno seguire il Verona a Cesena per l’ultima partita del campionato di B, in programma giovedì sera 18 maggio, ore 20.30, al Manuzzi.
Lo ha reso noto l’Osservatorio Nazionale per le Manifestazioni Sportive: inizialmente la traferta era stata sospesa, ma, come anticipato da tggialloblu.it, la trasferta in Romagna non sarà vietata.
L.VAL.

ULTIMA AL BENTEGODI
Verso Verona-Carpi
Poltrone Est esaurite

11/05/2017 24:19
Grande attesa per l'ultima partita dell'Hellas tra le mura amiche. Sono esauriti i tagliandi del settore Poltrone Est in vista di Verona-Carpi.
Già più di 3.400 i biglietti venduti per il match di sabato pomeriggio (ore 15), con la prevendita che continua per colorare il 'Bentegodi' di gialloblù in vista di una partita importante da giocare tutti insieme.
L.VAL.

HELLAS VERONA
Cinque uomini che fanno la differenza
10/05/2017 20:26
Non si scherza più. Il Verona deve vincere, Carpi è l'ultimo ostacolo. Ma l'Hellas ha cinque carte per cardinare la squadra di Castori.

1) FABIO PECCHIA. Il suo calcio propositivo e offensivo contro il catenaccio di Castori. Ha incantato all'inizio, si è incartato a metà, ha imparato e si è evoluto alla fine. Ora è diventato più cinico, meno bello, più cattivo. E sembra avere il tocco magico.

2) DANIEL BESSA. E' in uno stato di grazia. Tira e costringe il portiere avversario ad un miracolo, ritira e segna. E' ovunque, chiede il pallone, ed è come metterlo in una banca delle Virgin's Island. I suoi colpi stanno portando il Verona in A.

3) GIAMPAOLO PAZZINI. Ha il fiato un po' corto, non è in formissima, il campionato lungo e logorante gli ha corroso il fisico. Ma lui è Pazzini Giampaolo, mica un Morante qualsiasi. E quindi è pronto a sparare ancora.

4) LUCA SILIGARDI. Accidenti a lui. Accidenti... Si perchè quando uno ha le sue doti e non le mette in campo è come andare in pasticceria e fare la dieta. Pare ispirato e questa è una buonissima notizia.

5) ROMULO. Un po' come Siligardi. Con l'aggravante che la sua pasticceria non sai mai quando apre. Ma quando apre, è come essere in paradiso.
GIANLUCA VIGHINI

L'EX DIRETTORE GENERALE
E all'Inter è sparito il cardinal Gardini...
10/05/2017 17:36
Che fine ha fatto il "cardinal" Gardini, ex direttore generale del Verona, mentre l'Inter affonda? Sparito dai radar, non pervenuto, mimetizzato in qualche ufficio, forse in attesa che (l'ennesima) bufera passi. L'Inter assomiglia in questi mesi ad una specie di stazione in cui ogni giorno qualcuno parte e qualcuno arriva. Arrivato a Milano per l'amicizia di Mancini, Gardini ha assunto la pomposa carica di Chief Football Administrator. Le cronache raccontano che martedì assieme a Zanetti e a Ausilio avrebbe dato una strigliata esemplare alla squadra. Risultato? Ieri sera il proprietario Suning ha esonerato Pioli, scelto dalla dirigenza italiana e praticamente assunto l'ex ds della Roma Sabatini. Cosa accadrà ora a Gardini e a Ausilio non si sa. L'Inter è sempre più un porto delle nebbie, e Gardini che a Verona se n'è andato con la squadra che stava sprofondando verso la B, rischia un nuovo naufragio.

SORPRESA ALL'ALLENAMENTO
E a Peschiera arriva una stella NBA...
10/05/2017 17:02
Un campione NBA a Peschiera dall'Hellas. Leandro Barbosa, cestista brasiliano dei Phoenix Suns, campione NBA 2014/15 con i Golden State Warriors e sesto uomo dell'anno 2006/07, è andato a trovare i calciatori del Verona. Il campione NBA, dopo aver salutato i connazionali Bessa, Nicolas e Romulo (foto di Grigolini) che lo hanno omaggiato con la loro maglia, ha fatto la conoscenza dei gialloblù e augurato in bocca al lupo alla squadra in vista degli ultimi impegni di campionato.
L.VAL.

HELLAS VERONA
Il futuro di Pecchia è ancora da scrivere
10/05/2017 15:47
In A con il Verona? Il futuro di Fabio Pecchia è ancora tutto da scrivere. Così come la sua riconferma. L’allenatore farà le sue valutazioni, altre ne farà la società. E’ ovvio che tutto è subordinato alla promozione. Pecchia, i giocatori, Fusco e lo stesso Setti, in questo momento sono fortemente tesi verso l’obiettivo.

Ma il pensiero a quello che sarà il domani del Verona c’è, anche se sottotraccia. Pecchia è un tecnico che Setti ha difeso strenuamente anche nel momento più duro della stagione. E questo ha cementato il loro rapporto. La fiducia incassata nei momenti di crisi è merce rara nel calcio di oggi. E Pecchia ha sicuramente apprezzato anche se magari non tutte le componenti erano così solide al fianco del tecnico. Setti ha difeso Pecchia ma si è posto sicuramente anche qualche domanda.

Pecchia ha fatto solo il suo dovere pilotando uno “squadrone” verso la serie A o ha anche messo farina del suo sacco in questa impresa? E soprattutto: Pecchia è in grado di navigare anche in serie A quando il livello qualitativo della squadra inevitabilmente calerà?

Setti riflette, Fusco non ha dubbi. Per lui, Pecchia è un cavallo di razza, un ottimo allenatore destinato prima o poi ad una grande, e come tale il Verona deve tenerselo e preservarlo.

Dal canto suo Pecchia, aziendalista fino al midollo (mai una dichiarazione fuori posto, mai una polemica, mai neanche un gesto di nervosismo), ha rischiato di restare con il cerino in mano dopo il mancato mercato di gennaio e, probabilmente, in sede di campagna acquisti, vorrà il prossimo anno avere più voce in capitolo.

Attenzione poi, perchè c’è l'argomento Toni. Il bomber ha “studiato” da ds, un ruolo molto operativo che non lo potrà vedere a lungo nel ruolo di consigliere del presidente e/o di braccio destro di Setti. Il rischio di creare doppioni o equivoci è dietro l'angolo e ciò non gioverebbe alla squadra che potrebbe risentirne pesantemente.

Il futuro del Verona dipenderà anche da che ruolo avrà Luca Toni.
GIANLUCA VIGHINI

VOLATA PROMOZIONE
Hellas, c'è sempre l'ostacolo Carpi per A
10/05/2017 12:07
C'è ancora il Carpi sulla strada del Verona per la A: con un gol di Kevin Lasagna contro l'Empoli, l'anno scorso (il 25 aprile 2016), l'Hellas retrocesse matematicamente in Serie B, nonostante la bella vittoria contro il Milan all'ultimo secondo con una punizione di Siligardi. Poche settimane prima (Il 20 marzo) il Verona di Delneri perse al Bentegodi per 1-2 a causa dei gol di Antonio Di Gaudio e del solito Lasagna, con un'incredibile punizione da trenta metri. Quella sconfitta fece cadere definitivamente il Verona nel vortice della B, dopo un campionato passato sempre in coda.

DA CASTORI A CASTORI. Sulla panchina è rimasto sempre lui: Fabrizio Castori. Il Carpi gioca un calcio vecchio stile fatto di catenaccio e contropiede e che non risparmia contrasti duri. La squadra emiliana è in forma: dopo la brutta sconfitta per 4-1 a Cittadella sono arrivate le vittorie con Trapani e Salernitana, oltre che il pareggio con la Ternana. Il Carpi ora è settimo in classifica a 58 punti in piena lotta per i play-off: farà di tutto per fermare il Verona e cercare di tenere vivi i play-off (al momento ci sono più di 10 punti di differenza fra la terza e la quarta, quindi non si farebbero). Il Carpi è di nuovo un ostacolo sul cammino per la A: l'Hellas, tra le mura amiche, è pronto per la volata finale.
L.VAL.

LE CIFRE
Monte ingaggi di B, comanda il Verona
09/05/2017 14:08
L'Hellas Verona è la regina dei monte ingaggi, per quanto riguarda la serie cadetta. E' questo che emerge nella speciale graduatoria effettuata dal portale calciodipendenza.com. Ai primi 3 posti della lista, figurano le 3 compagini che l'anno scorso sono retrocesse dalla A e quindi sotto al club scaligero (1° con 14,8 mln di euro, comprensivo degli ingaggi di tre giocatori come Pazzini, Romulo e Gomez e gli stipendi dell'ex tecnico Mandorlini e del suo staff) abbiamo il Frosinone (7,3 mln) e poi il Carpi (6,7 mln). In 4^ posizione, ecco lo Spezia (6,3 mln di euro) ed in 5^, la neopromossa dalla Lega Pro, Benevento (5,9 mln). La sorpresa Spal, prossima al traguardo Serie A, è quintultima (3,3 mln), mentre a chiudere c'è il Cittadella (2,1 mln). I padovani ad inizio torneo sembravano prevalere, ma poi col passare delle giornate si sono attestati nella lotta per i playoff. I dati forniti sono abbastanza significativi. Non è detto infatti che a una grande o contenuta spesa, corrisponda poi una grande e/o sufficiente stagione. In chiave retrocessione, anche gli esempi di Latina e Pisa, fanno riflettere. Questa la classifica al completo:

01) Verona 14,8 milioni di euro

02) Frosinone 7,3 milioni di euro

03) Carpi 6,7 milioni di euro

04) Spezia 6,3 milioni di euro

05) Benevento 5,9 milioni di euro

06) Bari 5,6 milioni di euro

07) Cesena 5,5 milioni di euro

08) Novara 5,4 milioni di euro

09) Pisa 4,7 milioni di euro

10) Salernitana 4,6 milioni di euro

11) Avellino 4,5 milioni di euro

12) Ascoli poco meno di 4,5 milioni di euro

13) Latina 4,4 milioni di euro

14) Virtus Entella 4,1 milioni di euro

15) Trapani 3,5 milioni di euro

16) Brescia 3,4 milioni di euro

17) Vicenza 3,4 milioni di euro

18) Spal 3,3 milioni di euro

19) Ternana 3,2 milioni di euro

20) Perugia 3,2 milioni di euro

21) Pro Vercelli 3,1 milioni di euro

22) Cittadella 2,1 milioni di euro
A.F.

LA CHIUSURA DOPO IL DERBY
Ricorso Curva Sud
Ecco la situazione

08/05/2017 20:18
L'avvocato dell'Hellas Verona Stefano Fanini è al lavoro per preparare il ricorso d'urgenza contro il provvedimento di chiusura della Curva Sud.

Ancora non c'è una data ufficiale per la discussione del ricorso ma informalmente la società ha appreso che sarà giovedì prossimo.

Fanini sta raccogliendo una serie di testimonianze da portare alla Corte sportiva appello nazionale Figc che dimostrano chiaramente che gli ululati sono stati pochissimi e subissati dai fischi. Così pochi che nessuno se n'è accorto se non le orecchie solerti dei commissari, pare allertati da alcuni dirigenti del Vicenza. Anche questa una circostanza che, se provata, darebbe argomenti difensivi al Verona, visto che la segnalazione sarebbe stata, per così dire, "sollecitata".

Il giudice sportivo parla di due momenti in particolare: il 30 del primo tempo quando Adejo, sotto la curva sud tira una palese gomitata a Pazzini. In effetti si sente qualche ululato, ma immediatamente subissati dai fischi di tutto lo stadio.

Nel comunicato del giudice viene poi analizzato il 30 del secondo tempo, quando De Luca lascia il campo a favore di Ebagua.

De Luca si allontana lentamente dal terreno di gioco, tanto che Fossati lo spinge fuori. A questo punto tutto lo stadio si arrabbia contro De Luca e contro l'arbitro che invece di velocizzare l'azione dell'attaccante vicentino, se la prende con Fossati.

Ebagua nel frattempo attende a bordo campo e non vi è nessun ululato. Nel momento in cui l'attaccante entra in campo, si sentono moltissimi fischi e se vi sono degli ululati sono veramente pochi. Sicuramente non i tre quarti di curva Sud che sarebbero stati indicati dai due commissari.

Tra l'altro, successivamente, Ebagua tocca il pallone altre sei sette volte e mai si avverte un ululato. Nemmeno quando Caracciolo sbaglia a servire all'indietro Nicolas e l'attaccante del Vicenza stava per segnare il terzo gol. Se ci fosse stato un intento razzista nei confronti di Ebagua o di Adejo, evidentemente, gli ululati sarebbero stati continui e non estemporanei.

Con queste argomentazioni, partendo svantaggiato nei confronti dell'accusa, l'avvocato Fanini cercherà di cambiare il parere della Corte, come già gli successe in occasione dei cori contro Muntari, quando la chiusura venne scongiurata. Fanini potrebbe ottenere anche un approfondimento delle indagini e in questo caso la sanzione sarebbe temporaneamente sospesa in attesa del giudizio.

In questo caso il Verona potrebbe giocare contro il Carpi con il sostegno dei propri tifosi.

Attenzione però: dovesse essere confermata la sanzione, la Curva Sud sarebbe chiusa non per una ma per due partite, visto che era pendente e sospesa la chiusura per i cori contro Cuadrado della Juventus.
GIANLUCA VIGHINI

FONTE: TGGialloBlu.it


Il Verona prova il colpo Cassano
del 06 maggio 2017 alle 22:50
di Daniele Longo

L'Hellas Verona, con la vittoria ottenuta oggi sul campo dell'Entella, è sempre più vicina al ritorno nella massima serie. Per la prossima stagione gli scaligeri vogliono fare le cose in grande, tanto che ci sono spifferi su un possibile tentativo per riportare in gialloblu Cesare Prandelli. Ma non solo, il Presidente Maurizio Setti sta lavorando ad un grande colpo per l'attacco.

COLPO CASSANO - Alla Sampdoria hanno fatto sognare i tifosi nella stagione 2008/2009, trascinando la squadra fino alla finale di coppa Italia persa ai rigori contro la Lazio. Giampaolo Pazzini e Antonio Cassano, i gemelli del gol ancora insieme. E' questa l'idea dell'Hellas che, da qualche settimana, sta lavorando sottotraccia questa idea. Contatti in corso, l'intesa è vicina: contratto annuale con opzione per la seconda stagione.

CASSANO SPINGE, TONI ASCOLTA - Fantantonio ha confidato di sentirsi bene fisicamente e pronto per rimettersi in gioco. Fondamentale la volontà di Luca Toni che lo aveva cercato a gennaio, incassando un no per via della categoria. Con la serie A ad un passo, Antonio Cassano è pronto a dire sì per ricomporre la coppia con il suo amico Giampaolo Pazzini.

FONTE: CalcioMercato.com


Hellas Verona - Carpi Le probabili formazioni | Pecchia: "Niente calcoli"
L'allenatore gialloblu chiede ai suoi una concentrazione straordinaria per queste ultime partite di campionato che valgono la promozione diretta in Serie A

La Redazione
12 maggio 2017 17:15

Dopo il successo con la Virtus Entella, la speranza dell'Hellas Verona era di poter giocare la sfida decisiva di domani, 13 maggio, contro il Carpi con tutto il supporto del pubblico. Speranza ripagata dalla corte sportiva d'appello che ha sospeso la chiusura della Curva Sud. Quindi domani alle 15 tutto il Bentegodi potra spingere i gialloblu in questo tratto finale della corsa verso la Serie A.

È la penultima giornata del campionato di Serie B e la musica per l'Hellas Verona non può cambiare. Per cogliere una promozione senza passare dai playoff i gialloblu hanno un solo risultato a disposizione: la vittoria. Al resto l'allenatore dei veronesi Fabio Pecchia non vuole neanche pensarci. "Dobbiamo focalizzarci esclusivamente al rettangolo di gioco e ai 180 minuti che restano da giocare - ha detto il tecnico in questa vigilia del match contro il Carpi - Non dobbiamo fare calcoli, ma restare a testa bassa e pedalare. Io ho molta fiducia, ho visto che la squadra è molto consapevole del momento". Fiducia e consapevolezza saranno utili domani, ma ai suoi giocatori Pecchia ha chiesto anche una concentrazione straordinaria per avere la meglio su un avversario "con valori e qualità, che scenderà in campo con personalità e determinazione per fare una grande partita".

Sei i risultati utili consecutivi dell'Hellas in questo momento della stagione, tre quelli del Carpi che arriverà agguerrito al Bentegodi. "Conosciamo tutti il valore dell’avversario, ma la mia squadra ha lavorato al massimo in settimana e siamo pronti per la battaglia che ci attende", ha dichiarato l'allenatore biancorosso Fabrizio Castori.

In settimana sembrava che anche Ganz potesse far parte del gruppo degli indisponibili dell'Hellas insieme a Boldor. L'attaccante gialloblu ha invece recuperato e figura nella lista dei convocati da Pecchia. Difficile però che lo si potrà vedere in campo dal primo minuto. 22 i nomi nella lista di Pecchia, che non ha squalificati e a parte gli infortunati gravi, ha recuperato tutti i suoi atleti. Anche Castori potrà mettere in campo il suo 11 migliori, non avendo grosse defezioni nella sua rosa, a parte Bifulco impegnato con la nazionale Under 20.

Arbitra Fabrizio Pasqua di Tivoli. Queste le probabili formazioni:

Hellas, sabato la marcia per la chiusura della Curva Sud: attesi 2mila tifosi
I supporters gialloblu si sono dati appuntamento a Porta Palio alle 13 e da lì partiranno alla volta del Bentegodi, tutto sotto l'occhio vigile degli uomini della questura di Verona

La Redazione
09 maggio 2017 16:16

Partirà alle ore 13 la marcia dei tifosi dell'Hellas Verona da Porta Palio in direzione del Bentegodi, come forma di protesta per la chiusura di un turno della Curva Sud, per i presunti cori razzisti nel derby contro il Vicenza, e per l'intenzione dell'Osservatorio Nazionale per le Manifestazioni Sportive di vietare loro anche la trasferta di Cesena. Provvedimenti che hanno scatenato le reazioni di Maurizio Setti e anche del presidente Amia Andrea Miglioranzi.

La manifestazione vedrà anche la presenza degli uomini della questura di Verona, i quali si aspettano la presenza di circa 2mila persone che percorreranno prima via Albere e poi via Palladio, prima di giungere in piazzale Olimpia. La polizia si accerterà che il tutto avvenga in maniera pacifica, prevedendo che la protesta si esaurisca intorno alle ore 15.

La società di via Belgio intanto è al lavoro per preparare il ricorso da presentare alla Lega e provare così a far cambiare idea alla Corte Sportiva d'Appello Nazionale. A tal proposito si è espresso sulle pagine della Gazzetta dello Sport l'avvocato del club gialloblu, Stefano Fanini, che sta lavorando sulla questione: "Siamo impegnati, insieme a tutte le componenti societarie, affinché sia riconosciuta la correttezza delle nostre ragioni. L’obiettivo è che si consenta la presenza dei tifosi in Curva Sud in una partita tanto delicata".

FONTE: VeronaSera.it


CARPI
Carpi: i convocati contro l'Hellas Verona
12.05.2017 21:30 di Christian Pravatà per tuttob.com
Fonte: www.carpifc.com

Sono 25 i biancorossi convocati da mister Castori per la trasferta di domani sul campo del Verona. Assente il solo Bifulco, già a disposizione del Ct dell’Under 20 azzurra Evani per i Mondiali di categoria.
PORTIERI
1 Colombi, 12 Belec, 22 Petkovic
DIFENSORI
3 Letizia, 5 Struna, 6 Gagliolo, 13 Poli, 17 Seck, 21 Romagnoli, 32 Lasicki
CENTROCAMPISTI
4 Sabbione, 7 Concas, 8 Bianco, 19 Pasciuti, 20 Lollo, 23 D’Urso, 24 Mbaye, 34 Jelenic
ATTACCANTI
9 Beretta, 10 Mbakogu, 11 Di Gaudio, 15 Lasagna, 18 Carletti, 28 Fedato, 33 Forte

SERIE B
SPAL, Verona e Frosinone: in A alla penultima? Tutti gli scenari
11.05.2017 09.15 di Ivan Cardia Twitter: @ivanfcardia
Serie A per tre? Il podio della classifica di Serie B spera, in gruppo. SPAL, Verona e Frosinone: finisse ora la stagione, questi tre club tornerebbero nel massimo campionato senza playoff, anche i ciociari terzi visti i 10 punti di vantaggio sul Perugia quarto. E la prossima giornata potrebbe essere già quella decisiva, per tutte e tre.

Anzitutto, la SPAL. I ragazzi di Leonardo Semplici stanno per coronare una stagione da favola; la prossima giornata li vedrà impegnati sul campo della Ternana. In caso di vittoria, nessun "se": con i tre punti sarà Serie A diretta. La promozione, però, potrebbe arrivare anche in caso di pareggio con le Fere o addirittura di una sconfitta. In uno di questi due casi, infatti, basterà che il Frosinone non vinca a Benevento (per il distacco dal terzo posto) o che il Perugia non vinca a Latina (perché nel peggiore dei casi finirebbe al terzo posto). I risultati in favore degli estensi, in sostanza, sono tantissimi.

Un po' meno, quelli per il Verona secondo a 72 punti (-3 dalla SPAL). Per andare in A, infatti gli scaligeri devono battere il Carpi. Oltre a questo, però, devono anche sperare nella non vittoria del Frosinone a Benevento, oppure nelle mancate vittorie di Perugia e Cittadella. Chiude il Frosinone, terzo a 71 punti: i ciociari, arbitri dei playoff, per festeggiare con una giornata di anticipo devono infatti battere il Benevento e tifare perché il Latina superi il Perugia.

SERIE B
Hellas, Luppi: "Cori col Vicenza? Non ho sentito nulla. Carpi rognoso"
09.05.2017 00.05 di Ivan Cardia Twitter: @ivanfcardia
"Contro l'Entella siamo riusciti a giocare bene su un campo difficile, gestendo il risultato nel secondo tempo". Ospite di TeleArena, l'attaccante del Verona Davide Luppi ha commentato il momento degli scaligeri, come riportato dal club via Twitter: "Cori contro il Vicenza? Non ho sentito nulla. Inoltre nessun calciatore avversario si è lamentato in campo.

Sabato (contro il Carpi, ndr) può succedere di tutto, la Serie B insegna. Dipende da noi, siamo troppo concentrati sul nostro obiettivo. Affronteremo una squadra fisica e rognosa, dovremo essere attenti e rischiare il meno possibile perché non mollano mai".

LEGA PRO
Caliendo: "Non voglio che il Modena finisca in mano a parassiti"
06.05.2017 10.53 di Tommaso Maschio
[...]

Cessione Luppi? Sono stato obbligato a cederlo all’Hellas Verona, ma allo stesso tempo ho cancellato Setti dalla mia agenda. Fusco ha addirittura inscenato una telefonata fasulla con Luppi e nella trattativa hanno inserito Salifu e Ravasi.

[...]

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


#VeronaCarpi: vivila con noi e scopri numeri e curiosità
12/MAGGIO/2017 - 16:50

NUMERI & CURIOSITA'
Scopri i numeri, le statistiche e le curiosità fornite da Opta Sports e Panini Digital di Hellas Verona-Carpi, 41a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17, in programma sabato 13 maggio (ore 15) allo stadio 'Bentegodi'.

- Solo un confronto tra Verona e Carpi in Serie B: la gara di andata finita con un pareggio, 1-1.

- Il Verona è la squadra che ha segnato più reti nei primi 30 minuti di gioco nel campionato di B in corso (21). I gialloblù sono anche la formazione che ha segnato il maggior numero di gol su azione in questa stagione (46).

- Il Carpi ha mantenuto la porta inviolata nelle ultime due gare: in questo campionato è già arrivato a tre clean sheets di fila a marzo.

[...]

Pecchia: «Concentrati sul campo e determinati contro una squadra di valore»
12/MAGGIO/2017 - 13:15
Peschiera - Le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù Fabio Pecchia, rilasciate in vista di Hellas Verona-Carpi, 41a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

CONCENTRAZIONE E DETERMINAZIONE CONTRO IL CARPI
«Il Carpi? E’ una squadra con valori e di qualità. Come atteggiamento cercano spesso la verticalizzazione, sanno fare molto bene il loro gioco, ma noi non siamo da meno. Scenderemo in campo con personalità e determinazione per fare una grandissima partita, servirà una concentrazione straordinaria e in settimana ho visto una squadra molto consapevole del momento. Dobbiamo focalizzarci esclusivamente al rettangolo di gioco e ai 180 minuti che restano da giocare, perciò zero calcoli, testa bassa e pedalare. Vediamo cosa succederà domani, ho molta fiducia nei miei».

COI TIFOSI AL NOSTRO FIANCO
«La riapertura della Curva Sud è stata una bella notizia per noi, per la città e per i tifosi, fondamentali in una partita così importante, in cui sarà determinante avere tutto lo stadio a spingerci. Il mio ricordo dello Scudetto? Ero molto piccolo, ma ricordo che fu qualcosa di straordinario, speriamo che la data sia di buon auspicio in vista della partita di domani».

IN UN GRUPPO SANO, IL SINGOLO…
«La squadra nel complesso sta bene, sono contento di avere praticamente tutti a disposizione per questa partita. Dopo molte partite ravvicinate abbiamo potuto lavorare nella nostra settimana tipo, abbiamo recuperato bene e la squadra ha lavorato con grande concentrazione. Viene sempre prima il gruppo: è all’interno di una squadra sana che il singolo può esaltarsi. Prima è stato il momento di Pazzini, ora è il momento di Bessa. Gomez? La sua convocazione è un premio, non è stato facile per lui stare fuori tanto tempo. Si è allenato con noi e siamo contenti di averlo. Franco Zuculini? So che è in possesso delle energie per superare questo momento, come uomo e come calciatore».

PRIMAVERA, IN BOCCA AL LUPO!
«Desidero fare un grande in bocca al lupo a Massimo Pavanel e a tutti i ragazzi della Primavera, spesso alcuni lavorano con noi e domani si giocano l’accesso ai play off con il Napoli».

#VeronaCarpi: ecco i 22 gialloblù convocati
12/MAGGIO/2017 - 13:00
Peschiera - Dopo la rifinitura, in cui la squadra ha svolto riscaldamento, esercitazioni tattiche e partita, è stata diramata la lista dei 22 convocati per la sfida contro il Carpi, 21a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17, in programma sabato 13 maggio allo stadio 'Bentegodi' (ore 15).

#VERONACARPI
CONVOCATI

Portieri

12. Coppola
31. Ferrari L.
1. Nicolas

Difensori

4. Bianchetti
30. Caracciolo
28. Ferrari A.
3. Pisano
18. Souprayen

Centrocampisti

24. Bessa
8. Fossati
2. Romulo
27. Valoti
20. Zaccagni
33. Zuculini B.

Attaccanti

25. Cappelluzzo
23. Fares
9. Ganz
21. Gomez
10. Luppi
11. Pazzini
26. Siligardi
7. Troianiello

Sospensione chiusura Curva Sud / Setti: «Siamo soddisfatti, adesso tutti al Bentegodi!»
11/MAGGIO/2017 - 16:45
Verona - Le dichiarazioni del presidente Maurizio Setti, riguardo la sospensione da parte della Corte Sportiva d'Appello Nazionale della chiusura della Curva Sud.

«Siamo soddisfatti perché la nostra difesa ha messo la Corte Sportiva d’Appello Nazionale nelle condizioni di voler approfondire quanto accaduto, non basandosi esclusivamente sulla relazione dei collaboratori della Procura Federale. Il nostro obiettivo era, infatti, quello di avere la curva piena sabato contro il Carpi, una sfida che si prospettava molto difficile ma che abbiamo voluto condurre con forza soprattutto per i nostri tifosi, anima e sostegno del Verona verso una partita importante. Porteremo avanti la nostra tesi fino alla fine per avere giustizia. Grazie a chi ha lavorato duramente in questi giorni, per ottenere un importante risultato. Adesso dobbiamo concentrarci solo sulla prossima sfida con il Carpi. La presenza della Curva può darci una grossa spinta verso il raggiungimento del nostro obiettivo, ma il mio invito è quello di riempire lo stadio: tutti al Bentegodi per spingerci e sostenerci dall'inizio alla fine, come solo il popolo del Verona sa fare».

Chiusura Curva Sud - Ottenuta la sospensione
11/MAGGIO/2017 - 16:20
Verona - La Corte Sportiva d'Appello Nazionale, in relazione alla decisione del Giudice Sportivo di chiudere la Curva Sud in occasione di Hellas Verona-Carpi, preso atto delle motivazioni descritte nel reclamo presentato dalla società Hellas Verona FC, ha 'disposto un supplemento di indagine, sospendendo in attesa dell’espletamento la sanzione'. Questo consentirà la presenza dei tifosi anche in Curva Sud per la partita di sabato. Sarà quindi possibile per tutti, nessuno escluso, assistere ad una gara così importante.

Ora più che mai, tutti al 'Bentegodi'. Un'altra grande sfida ci attende, da giocare insieme a voi!

Peschiera: report seduta mattino
11/MAGGIO/2017 - 13:20
Peschiera - Allenamento mattutino per i gialloblù presso lo Sporting Center 'Il Paradiso' di Peschiera. La squadra, agli ordini dell'allenatore Fabio Pecchia, ha svolto riscaldamento, torelli, possesso palla ed esercitazioni tattiche. Deian Boldor prosegue nel lavoro differenziato.

La squadra tornerà in campo domani per una seduta di allenamento a porte chiuse, con inizio alle ore 11.

PESCHIERA - PROGRAMMA ALLENAMENTI*

Venerdì 12 maggio: allenamento mattutino (ore 11) a porte chiuse
Sabato 13 maggio: Hellas Verona-Carpi (ore 15)

*Gli orari degli allenamenti potrebbero subire variazioni a seconda delle esigenze dello staff tecnico. Per eventuali cambiamenti si prega di consultare il report giornaliero su hellasverona.it

Pazzini: «Pensiamo solo al Carpi, il 'Bentegodi' ci trascinerà»
10/MAGGIO/2017 - 20:40
Verona - Le principali dichiarazioni dell'attaccante gialloblù Giampaolo Pazzini, rilasciate durante la trasmissione 'Fuorigioco', in onda sulla official radio, Radio Verona, in vista di Hellas Verona-Carpi, 41a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

CONCENTRATI SUL CARPI, PENSIAMO A NOI STESSI
«La partita con il Carpi? Siamo alla fine del campionato e potrebbe essere una sfida decisiva. E' bello preparare e giocare queste gare, è normale ci sia più elettricità nell'aria. Sono convinto che il Bentegodi ci trascinerà, noi dobbiamo pensare a prepararci per giocare come sappiamo. La squadra allenata da Castori sarà aggressiva, l'abbiamo affrontata anche in Serie A e la conosciamo. Non vogliamo fare calcoli e guardare gli eventuali incroci, siamo noi davanti e se vinciamo non dovremo dare retta a nessuno. Ogni ragionamento andrà fatto a fine partita. Quanta voglia ho di segnare? Siamo arrivati nelle settimane decisive, viene prima la squadra e conta vincere per cercare di raggiungere il nostro obiettivo».

RICORSO? SPERO IN UN ESITO FAVOREVOLE
«Ricorso? Spero in un esito favorevole. Ho trovato la sentenza un po' ingiusta, nessuno dal campo ha sentito niente e per noi è stato come un fulmine a ciel sereno. Sono sicuro che anche il resto dello stadio darà un apporto molto importante. Penso alla partita con il Vicenza, nel momento di difficoltà i nostri tifosi ci hanno trascinato e ci hanno spinto a rimontare. Sono una nostra risorsa e dobbiamo sfruttarla, speriamo di farlo tutti insieme».

DA NOVARA AD OGGI
«Il mio gol più pesante? Quello col Novara: un punto che ci permette ad oggi di essere davanti, quella partita forse rappresenta il punto di svolta. Da lì cominciava un filotto di partite difficili: vincere a Bari non è stato facile, i tre punti conquistati con il Cittadella sono stati importanti compresi quelli di Chiavari. Se ho già vinto la mia scommessa? No, la mia scommessa è quella di raggiungere l'obiettivo. C'è da concludere questa missione, lo meritiamo noi, lo merita la gente e lo merita la società. Rimaniamo concentrati, tutti insieme dobbiamo fare l'ultimo passo e stare sul pezzo».

Che sorpresa a Peschiera! Leandro Barbosa in visita ai gialloblù
10/MAGGIO/2017 - 16:40

Peschiera - Un saluto a tutti i tifosi al grido di «Forza Verona!». Certo non se lo aspettavano, i gialloblù, di ricevere una visita così, questa mattina a Peschiera. Leandro Barbosa, cestista dei Phoenix Suns, campione NBA 2014/15 coni Golden State Warriors e sesto uomo dell'anno 2006/07 con i Suns, è andato a trovare i calciatori del Verona. Il campione NBA - dopo aver salutato i connazionali Bessa, Nicolas e Romulo che lo hanno omaggiato con la loro maglia - ha fatto la conoscenza dei gialloblù e augurato in bocca al lupo alla squadra in vista degli ultimi impegni di campionato.

Benvenuto Brando Corrent!
10/MAGGIO/2017 - 15:00
Verona - Fiocco azzurro in casa Corrent. Questa mattina, alle ore 11.50, Valentina, compagna dell’allenatore in seconda gialloblù, ha dato alla luce il piccolo Brando presso l'ospedale di Borgo Trento (Verona). Il bimbo e la sua mamma godono di ottima salute.

E allora, da tutto l’Hellas Verona FC, le più sentite congratulazioni a Nicola e famiglia!

Peschiera: report seduta mattino. Gomez torna in gruppo
10/MAGGIO/2017 - 14:45
Peschiera - Allenamento mattutino per i gialloblù presso lo Sporting Center 'Il Paradiso' di Peschiera. La squadra, agli ordini dell'allenatore Fabio Pecchia, ha svolto riscaldamento, circuiti di forza e trasformazione sul campo, possesso palla e partita. È tornato ad allenarsi con il gruppo Juanito Gomez. Deian Boldor prosegue nel lavoro differenziato.

Variazione di programma: la seduta di allenamento di domani, inizialmente prevista per le ore 11 a porte chiuse, si svolgerà invece a porte aperte.

PESCHIERA - PROGRAMMA ALLENAMENTI*

Giovedì 11 maggio: allenamento mattutino (ore 11)
Venerdì 12 maggio: allenamento mattutino (ore 11) a porte chiuse
Sabato 13 maggio: Hellas Verona-Carpi (ore 15)

*Gli orari degli allenamenti potrebbero subire variazioni a seconda delle esigenze dello staff tecnico. Per eventuali cambiamenti si prega di consultare il report giornaliero su hellasverona.it

Peschiera: report seduta mattino
09/MAGGIO/2017 - 13:25
Peschiera - Allenamento mattutino per i gialloblù presso lo Sporting Center 'Il Paradiso' di Peschiera. La squadra, agli ordini dell'allenatore Fabio Pecchia, ha svolto riscaldamento, lavoro atletico, possesso palla e partita. Boldor e Gomez proseguono il lavoro differenziato.

Domani i gialloblù torneranno in campo per una seduta mattutina (porte aperte) alle ore 11.

PESCHIERA - PROGRAMMA ALLENAMENTI*

Mercoledì 10 maggio: allenamento mattutino (ore 11)
Giovedì 11 maggio: allenamento mattutino (ore 11) a porte chiuse
Venerdì 12 maggio: allenamento mattutino (ore 11) a porte chiuse
Sabato 13 maggio: Hellas Verona-Carpi (ore 15)

*Gli orari degli allenamenti potrebbero subire variazioni a seconda delle esigenze dello staff tecnico. Per eventuali cambiamenti si prega di consultare il report giornaliero su hellasverona.it

Peschiera: report seduta mattino
07/MAGGIO/2017 - 12:25
Peschiera - Allenamento mattutino per i gialloblù presso lo Sporting Center 'Il Paradiso' di Peschiera. La squadra, agli ordini dell'allenatore Fabio Pecchia, è stata divisa in due gruppi: chi ha giocato contro la Virtus Entella ha svolto lavoro defaticante, mentre chi non è sceso in campo ha effettuato riscaldamento, possesso palla, lavoro atletico e partita. Lavoro differenziato per Deian Boldor e Juanito Gomez.

Martedì 9 maggio i gialloblù torneranno in campo per una seduta mattutina (porte aperte) alle ore 11.

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC] +   -   =
CHAMPIONS LEAGUE: La finale di Cardiff vedrà scontrarsi la JUVENTUS e il REAL MADRID.

BASKET A2: La TEZENIS rimonta BIELLA (che s'era portata sul 2 a 0 nella serie) e va ai quarti di finale playoff!

MOTOGP: Trio spagnolo a Jerez de la frontera con PEDROSA che batte MARQUEZ ed un ottimo LORENZO, ROSSI decimo e... Polemico!

SCHERMA: Ai Mondiali di Fioretto maschile a San Pietroburgo è derby azzurro con GAROZZO che batte CASSARÀ in finale mentre la squadra di Spada femminile conquista l'oro nella rassegna iridata a Rio de Janeiro...

PLAY-OFF BASKET A2
Tezenis storica, rimonta Biella e va ai quarti!
10/05/2017 22:41
Una straordinaria Tezenis vola ai quarti di finale play-off A2 grazie alla vittoria in gara-5 su Biella per 75-84. Un'impresa storica: la più forte squadra della stagione, Biella, viene rimontata dall'0-2 e messa al tappeto nella "bella" al Biella Forum dopo un tempo supplementare. La Scaligera aveva dimostrato subito tutta la sua forza tanto che all'intervallo era finita 28-39 per i giganti di Dalmonte. Dopo la rimonta di Biella, decisivo nell'overtime un super-Frazier che ha chiuso il match con 32 punti. Ora la Tezenis si ritrova ai quarti Ravenna, che ha battuto la Virtus Roma per 3-1 nella serie. Gara-1 a Faenza, perchè il palazzetto è occupato, domenica alle 18, gara-2 invece sarà martedì alle 20.30, sempre in Emilia-Romagna. A Verona si tornerà venerdì 19 maggio per gara-3.

OVERTIME. Ferguson allunga ma poi Frazier accorcia (75-74). Amato va in lunetta e sbaglia due liberi però dopo si riscatta alla grande con una bomba da fuori e poi Frazier fa impazzire di gioia i tifosi gialloblù con una bomda da fuori (75-79). Ma non finisce qui: De Vico sbaglia e ancora Frazier spara un'altra tripla decisiva (75-82) ad un minuto dalla fine. E' fatta: Frazier realizza un altro canestro e finisce 75-84! Verona vola ai quarti! Nervosismo nel finale con Robinson espulso (che stuzzica il pubblico biellese) assieme a Venuto e un fallo tecnico a DiLiegro.

ULTIMO QUARTO. Hall subito accorcia sul -1 (56-57) e poi Biella supera con una tripla di Udom. Robinson riporta avanti Verona con una bomba da fuori ma un nuovo tiro da tre di Venuto segna il controsorpasso Biella (64-62). Portannese pareggia dalla lunetta a 3'40" dalla fine. Ancora Venuto spara una bomba da fuori e poi DiLiegro accorcia (67-66). A 2' dalla fine Brkic tenta il suo primo tiro da fuori della partita e lo mette ma subito dopo Ferguson pareggia (69-69). Portannese illude Verona con una grande tripla ma De Vico pareggia di nuovo, ancora da fuori, sul 72-72. Sulla sirena Portannese segna ancora ma i 24 secondi erano scaduti. E' overtime!

TERZO QUARTO. Biella si sblocca da fuori con la tripla di Ferguson ma poi Frazier e DiLiegro allungano (31-43). De Vico mette un'altra tripla ma poi Verona scappa con Portannese e Frazier 35-48. Ferguson (con tripla) e Venuto ricuciono lo strappo e poi si scatena Udom costringendo Dalmonte a chiamare il time-out: perchè Biella arriva al -4 con un parziale di 9-0 (44-48). Brkic sblocca Verona dalla lunetta (2/2) ma Biella con un doppio Ferguson, che ruba anche palla ad Amato, si arrampica fino al 48-50. Verona però non molla: Pini allunga sul 49-54. Ma Biella non molla e con Pollone mette una tripla sanguinosa per i gialloblù. Ferguson pareggia con i liberi ma in chiusura arriva un triplone di Frazier che porta di nuovo avanti Verona (54-57).

SECONDO QUARTO. La Tezenis parte a razzo e piazza un parziale da 0-8 con Amato e Portannese. Venuto accorcia ma ancora uno strepitoso Amato mette una tripla importantissima dall'angolo (18-29). Pini, con i liberi, aumenta ancor di più il divario ma poi Tessitori e Hall accorciano. DiLiegro realizza tre canestri in fila ed è 26-37 per la Tezenis. De Vico, a cronometro fermo, realizza il -9 (28-37) e poi a 17" dalla fine capitan Boscagin fa 2/2 dalla lunetta. Sulla sirena De Vico sbaglia ancora la tripla (0 per Biella in tutto il primo empo) e all'intervallo è 28-39 per Verona!

PRIMO QUARTO. Per la decisiva "bella" a Biella, Dalmonte parte con il solito quintetto base formato dal play Robinson, la guardia Portannese, Frazier ala piccola, Totè ala grande e DiLiegro centro (che recupera in extremis dopo il risentimento muscolare). Michele Carrea risponde con Marco Venuto in regia, "Jazz" Ferguson guardia, De Vico ala piccola, l'ex gialloblù Mike Hall ala grande e Tessitori centro. Portannese e Frazier inaugurano il match ed è subito 0-4 per la Tezenis ma Biella non ci sta e con un parziale di 7-0 sorpassa Verona con Ferguson protagonista. Portannese impatta il match con un'importante tripla ma Biella scappa ancora. Frazier riacciuffa di nuovo i piemontesi sul 12-12 e ancora lo stesso americano in grande forma realizza il sorpasso: alla sirena è 16-18 per Verona!
L.VAL.

FONTE: TGGialloBlu.it


SPORT
Motomondiale, Vale: “Meglio con una moto da museo”
MotoGP ritrova Pedrosa. Rossi 10°, polemico in un’intervista a un quotidiano. Bene la Ducati


Un weekend di motori nel segno di Pedrosa. Prima il miglior tempo nelle libere e delle qualifiche, poi il primo posto sul podio di Jerez. Un successo che arriva proprio davanti al suo pubblico, tra lacrime e commozione. Marquez si “accontenta”, invece, del secondo posto. Bene anche la Ducati di Lorenzo, al primo podio con il suo nuovo team. Sesto Vinales, solo decimo Rossi, che resta leader del Mondiale a +2 sul compagno di scuderia.

Pedrosa: “Vittoria bestiale”
Pedrosa racconta così il weekend perfetto del GP di Spagna: «È stata una vittoria bestiale, vincere qui davanti ai miei tifosi è bellissimo. Mi sono concentrato molto e sono partito bene. Anche il resto della gara è stato perfetto. La gomma davanti scivolava molto, era facile sbagliare, ma sono riuscito a tenere dietro Marquez. A Jerez neanche il campione del mondo in carica è riuscito a superare Pedrosa. Marc Marquez si "accontenta" del secondo posto, come spiega lui stesso: «Sapevo che avrei fatto fatica con la gomma davanti, Pedrosa è stato bravo perché è riuscito ad andare veloce per tutta la gara, spingeva tanto, ho provato ad accelerare, ma dopo aver rischiato di cadere ho pensato che in fondo per la classifica del Mondiale fosse buono anche il secondo posto».

Vale polemico: “Meglio con la mia vecchia moto pronta per un museo”
Fin dalle prime libere il Dottore era stato lontano dalle due Honda. Valentino non nasconde la propria delusione: «È stato un weekend molto difficile, ci aspettavamo di essere più competitivi. Abbiamo sempre avuto un problema con la velocità in accelerazione ed eravamo preoccupati per la durata delle medie perché per noi usare la dura era impossibile». Ora Rossi continua comandare a quota 62 punti in classifica, con 2 punti di vantaggio su Vinales, 4 su Marquez e 10 su Pedrosa, la lotta al titolo è apertissima: «Non bisogna guardare solo oggi, ma le quattro gare: siamo quattro piloti raccolti in dieci punti, quest'anno Pedrosa è molto in forma e io l'ho sempre messo tra i candidati al titolo». Intanto, in un’intervista al quotidiano Repubblica, Valentino commenta con amarezza la gara. Alla domanda su come sarebbe andata con la sua M1 del 2016, Vale ha risposto: «In effetti, Zarco e Folger sono andati più forte di me. Ma credo che la mia vecchia moto - quella con cui avevo dominato un anno fa su questa pista - ormai sia ad Iwata, pronta per il museo. E poi, la nuova M1 funziona. Tranne in questi giorni».

FONTE: Sky.it


07 Maggio 2017
COPPA DEL MONDO - SPADA FEMMINILE - L'ITALIA TRIONFA NELLA GARA A SQUADRE DI RIO DE JANEIRO

RIO DE JANEIRO - Trionfo azzurro a Rio De Janeiro. L'Italia di spada femminile vince la gara a squadre che conclude la tappa brasiliana del circuito di Coppa del Mondo.
Non poteva esserci verdetto migliore per le azzurre nell'ultima gara della regular season prima di Europei e Mondiali. Dopo tre sesti posti ed un nono piazzamento nella prova d'esordio stagionale, il quartetto italiano composto da Rossella Fiamingo, Giulia Rizzi, Mara Navarria ed Alberta Santuccio, riporta il tricolore sul gradino più alto del podio in una gara di Coppa del Mondo di spada femminile, da cui mancava dal 15 febbraio del 2015 quando l'inno di Mameli risuonò a Buenos Aires.

Le azzurre del CT Sandro Cuomo strappano gli applausi al termine della fine contro la sempre temibile Russia, superata grazie alla zampata decisiva di Rossella Fiamingo che piazza la stoccata del definitivo 29-28, concludendo così una rimonta iniziata da un passivo di 5 punti, quando il tabellone segnava il 12-7 in favore delle russe.
Poi il lavoro attento di Mara Navarria e Giulia Rizzi, con quest'ultima che cede il testimone per il nono e finale match all'argento olimpico col punteggio di 23-24. Il 6-4 del parziale da parte di Rossella Fiamingo permette a tutto il gruppo azzurro di festeggiare il successo ed intonare l'inno di Mameli al cielo brasiliano.
La formazione italiana conclude nel migliore dei modi una giornata che aveva visto l'esordio vincente, nel turno dei 16, per 24-23 l'Ungheria. Poi si era proseguito col successo ai quarti per 41-35 contro l'Estonia, numero 2 del ranking mondiale, prima di avere avuto ragione nettamente in semifinale dell'Ucraina per 33-18.

06 Maggio 2017
CdM FIORETTO MASCHILE - A SAN PIETROBURGO DOPPIETTA AZZURRA: DANIELE GAROZZO VINCE IL DERBY CONTRO ANDREA CASSARA'

SAN PIETROBURGO - Doppietta azzurra a San Pietroburgo. Daniele Garozzo trionfa sulle pedane russe aggiudicandosi il derby di finale su Andrea Cassarà per 15-13 e mettendo in bacheca, accanto all'oro olimpico, il primo successo in carriera in una prova di Coppa del Mondo.
L'olimpionico azzurro era giunto in finale dopo aver sconfitto ai quarti per 15-9 il sudcoreano Son Young Ki e poi in semifinale il portacolori di Hong Kong, Cheung Ka Long col punteggio di 15-12.
Andrea Cassarà, dal canto suo, torna sul podio in Coppa del Mondo grazie ad un percorso di gara che lo ha visto ai quarti avere ragione dello staunitense ed iridato 2013 Miles Chamley-Watson per 15-9 e poi in semifinale sconfiggere il russo Timur Safin, bronzo olimpico individuale a Rio2016, col punteggio di 15-13.
Per entrambi si sono quindi aperte le porte di una finale tutta azzurra che, in Coppa del Mondo di fioretto maschile, non si verificava dal 22 marzo 2013 quando a Bonn si sfidarono Andrea Cassarà ed Andrea Baldini. Fu un derby finale anche ad assegnare il titolo continentale ai Campionati Europei di Montreux 2015 quando a sfidarsi furono proprio Cassarà e Garozzo, col risultato però inverso rispetto a quello maturato sulle pedane russe.

Si ferma ai piedi del podio, tra gli applausi, invece, Alessandro Paroli. L'azzurro dopo una lunga cavalcata iniziata dalla fase a gironi, è stato superato solo ai quarti di finale dal russo Timur Safin col punteggio di 15-6.

E' uscito di scena invece nel turno dei 16 Lorenzo Nista, sconfitto nel derby azzurro da Daniele Garozzo per 15-7.
Un altro derby aveva fermato Edoardo Luperi nel turno dei 32. Era stato infatti Andrea Cassarà ad interrompere l'avanzata del livornese col punteggio di 15-10.
Stop nel turno dei 32 anche per Giorgio Avola, sconfitto per 15-7 dal giapponese Matsuyama, così come Andrea Baldini, superato 14-13 dall'americano Race Imboden, e Francesco Trani eliminato per mano del russo Safin col punteggio di 15-13.
Il primo turno di giornata invece era stato "fatale" per Alessio Foconi, sconfitto 15-13 nel derby fratricida contro Alessio Paroli, e per Valerio Aspromonte, eliminato dal russo Arslanov col punteggio di 15-9.
L'unico azzurro ad uscire di scena nella prima giornata era stato Damiano Rosatelli. Per l'atleta italiano la sconfitta era giunta nell'assalto valido per approdare al main draw, contro lo statunitense Mathieu che ha fermato la corsa di Rosatelli col punteggio di 15-10.

FONTE: FederScherma.it

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#VeronaBenevento Romulo

#VeronaBenevento Caracciolo


Wallpapers gallery