HELLAS VERONA 3-2 VICENZA: ESPOSITO con una manata in faccia a SILIGARDI stava per decidere il derby in maniera truffaldina ma la reazione rabbiosa dei gialloblù nel finale ribalta il risultato con i fantastici gol brailiani di BESSA e ROMULO! Dopo i 3 fischi saltano i nervi un po' a tutti, ne fanno le spese PUCINO e VALOTI entrambi espulsi.

Pubblicato da andrea smarso lunedì 1 maggio 2017 19:32, vedi , , , , , , , , , , , , , | Nessun commento


#VeronaVicenza +   -   =

RECAP & IMPRESSIONI
Primo tempo spesso spezzettato dai vari interventi del signor Abbattista a causa dei numerosi falli dei 22 in campo.
È il VERONA il primo a passare con SILIGARDI che al 20°, ha seguito di un'mperiosa discesa centrale, supera in agilità ADEJO e, leggermente spostatosi a sinistra, scaglia un tiro dal limite sul palo opposto battendo il portiere ospite a fil di palo.
Il VICENZA giunge al pari al 33° grazie ad un perfetto tiro a giro di BELLOMO pescato liberissimo di prendere la mira e concludere dal vertice sinistro: Inutile il tuffo disperato di NICOLAS...
I gialloblù potrebbero andare di nuovo in vantaggio con BESSA che, dalla stessa posizione che aveva favorito il primo gol di SILIGARDI, coglie un palo clamoroso a VIGORITO battuto! Inutile il ribadire in gol da PAZZINI in evidente posizione di off-side.
La ripresa si apre con un paio di leggerezze difensive dell'HELLAS che fanno presagire il peggio e il peggio infatti arriva al 59°: ESPOSITO con una manata in faccia stende SILIGARDI e, anticipando CARACCIOLO, incorna a rete un gol viziato in partenza da un fallo evidente! Come con NOVARA e LATINA il signor Abbattista e la sua terna si tappano entrambi gli occhi e gli scaligeri vanno sotto.
Da li in poi il VERONA è impreciso e confuso, la pressione dei 20mila si fa sentire e i gialloblù sbagliano le cose più facili... Nel finale la squadra scaligera gioca solo di nervi e all'89° la staffilata di BESSA rimette le cose a posto ma non è finita.
L'HELLAS continua ad attaccare a testa bassa spinto dai propri tifosi e mentre le lancette del cronometro scandiscono gli ultimi secondi di recupero ecco la foto che entra nella storia: FERRARI crossa alla cieca da destra sul secondo palo dove RÔMULO, come invasato da una forza superiore, si coordina alla perfezione e incrocia al volo di destro sul palo lontano mandando in delirio il Binti!

Clicka qui per vedere l'album di Verona 3-2 Vicenza


Con una manata in faccia a SILIGARDI, ESPOSITO si libera del suo diretto marcatore ed incorna a rete quello che poteva essere il gol partita per un VICENZA inguaiato e determinato a strappare punti in un Bentegodi stracolmo di entusiasmo e voglia di promozione.
Dall'ennesimo e grossolano errore di Abbattista e la sua terna (che dopo VERONA-NOVARA e LATINA-VERONA continua diabolicamente nel commettere errori a senso unico) parte la reazione rabbiosa di PECCHIA e del suo VERONA che solo nel finale vede concretizzarsi una vittoria magari fortunosa (il gioco s'è visto poco ed il risultato è frutto di perle tecniche individuali) ma sicuramente esaltante e da ascriversi fra quelle che da 114 anni contribuiscono a costruire la storia scaligera.
Molto agonismo e tanti falli da parte delle due squadre che arrivano al vantaggio alla prima vera occasione nei primi 45 minuti, mentre il secondo tempo si apre con due leggerezze difensive dei gialloblù che fanno presagire il peggio, poi il 'truffaldino' sorpasso vicentino con la terna che chiude entrambi gli occhi e un epico finale con il pari di (un gran) BESSA all'89° e l'incredibile sorpasso di RÔMULO con una volèe di destro che fa crollare il Bentegodi!
Oggi non ci siamo davvero fatti mancare nulla in un derby che sembra essere stato scritto da uno sceneggiatore di kollosal, vittoria fondamentale che avvicina sensibilmente l'HELLAS all'agognato obiettivo stagionale.


LA GARA
Nonostante il rientro, PISANO rimane in panchina con RÔMULO confermato terzino destro nel 4-3-3 che vede invece il ritorno di CARACCIOLO dal primo minuto sul centrosinistra della difesa al fianco di Alex FERRARI, al centrocampo è il turno di FOSSATI che giocherà da mezzodestro con BESSA
dalla parte opposta e Bruno ZUCULINI a fare da play-diga tra loro.
Capitan PAZZINI e LUPPI saranno coadiuvati in attacco da SILIGARDI al rientro dopo aver scontato la giornata di squalifica.
Modulo speculare a quello gialloblù anche per il LANEROSSI di TORRENTE: Smaltiti i rispettivi infortuni rientrano dal primo minuto i terzini D'ELIA e PUCINO mentre EBAGUA, non ancora al meglio della condizione, inizierà il match dalla panchina mentre il trio iniziale d'attacco sarà composto dagli esterni ORLANDO e Capitan GIACOMELLI con DE LUCA, alla 200esima gara da Pro, tra loro.

1.750 i tifosi berici che hanno seguito il LANEROSSI in trasferta, pioggia e vento al Binti dai cui spalti piovono palloncini gialli e blu, ad arbitrare la gara è stato designato il signor Eugenio Abbattista della sezione Aia di Molfetta.

14° Calcio di punzione di BESSA dalla trequarti destra direttamente in porta: Il tiro rasoterra teso impegna VIGORITO che non trattiene poi recupera in extremis sui piedi di PAZZINI
16° FOSSATI suggerisce per SILIGARDI che da destra, circondato da 4 avversari, li salta come birilli e dal cuore dell'area prova il tiro a giro sul palo sinistro ma la palla, deviata da un avversario, vola all'esterno dell'incrocio.
20° VERONA AVANTI: BESSA la da in mezzo a SILIGARDI in percussione centrale, Luca si sposta verso il centrosinistra, supera in velocità il macchinoso ADEJO e scaglia un tiro a incrociare sul palo opposto con palla che s'infila nel sacco a filo del palo a sinistra di VIGORITO!
30° RÔMULO in verticale dentro per PAZZINI, ADEJO col fisico protegge l'uscita del proprio portiere...
33° PARI DEL VICENZA: PUCINO da destra pennella un traversone perfetto sul vertice sinistro dell'area dove BELLOMO, blandamente controllato da RÔMULO, ha il tempo di aggiustare la palla ed effettuare un perfetto tiro a giro sul palo lontano! Inutile il protendersi in tuffo di NICOLAS!
41° BESSA da tergo su GIACOMELLI: Abbattista estrae il cartellino giallo.
42° BESSA con un sinistro improvviso ad incrociare coglie un palo clamoroso! PAZZINI insacca sul rimpallo ma è partito in evidente posizione di off-side.
45° PAZZINI appoggia al centro per LUPPI il cui tiro è murato!
46° LUPPI da sinistra traversa sul secondo palo dove RÔMULO prova la rovesciata ma è anticipato da un avversario che difende palla e riparte...
48° Dopo tre minuti di recupero il signor Abbattista termina la prima parte di gara.


ORLANDO scappa a SOUPRAYEN che lo trattiene in maniera evidente! Il signor Abbattista propende per il giallo ignorando le proteste di ORLANDO che invoca il rosso in quanto il fallo del francese è stato compiuto dall'ultimo uomo durante una chiara occasione da gol e... Non ha tutti i torti.
4° Calcio di punizione di ORLANDO che pesca DE LUCA sul filo del fuorigioco, l'attaccante ex BARI si presenta a tu per tu con NICOLAS che gli mura lo specchio ed evita il peggio!
6° Percussione centrale di SILIGARDI che va alla conclusione violenta murata dalla difesa avversaria, sul rimpallo va BESSA che scarica a rete ma VIGORITO respinge d'istinto!
RÔMULO crossa da destra in mezzo all'area dove ESPOSITO anticipa PAZZINI e mette in angolo; alla battuta va lo stesso brasiliano che scodella nel cuore dell'area per l'incornata di CARACCIOLO che apre troppo e LUPPI è in leggero ritardo, la palla si spegne sul fondo...
11° SILIGARDI cerca la porta dal vertice sinistro, intercetta ADEJO che devia in corner.
13° Primo cambio HELLAS: LUPPI lascia il posto a VALOTI.
14° SORPASSO VICENZA: Sul calcio d'angolo a favore ESPOSITO al limite dell'area abbatte SILIGARDI con una manata in faccia e va a saltare su CARACCIOLO, l'incornata è precisa e buca NICOLAS... Che frittata! Ma l'azione vicentina è viziata da un chiaro fallo in partenza del centrale difensivo.
16° Grande chiusura di Alex FERRARI su DE LUCA che in contropiede si stava presentando a tu per tu con NICOLAS!
18° Bruno ZUCULINI duro su ORLANDO, il signor Abbattista estrae il cartellino giallo in faccia al mediano argentino.
19° Primo cambio anche per il VICENZA: SIEGA sostituisce ORLANDO.
23° Cambia ancora TORRENTE: Dentro RIZZO fuori BELLOMO.
26° DE LUCA da tergo con un fallo gratuito su FERRARI: Cartellino giallo (arancione) all'attaccante del LANEROSSI.
29° BESSA con una botta all'improvviso dalla trequarti sinistra: VIGORITO vola a salvare la porta!
30° DE LUCA lascia il campo a EBAGUA nelle fila del VICENZA. Cambia anche PECCHIA: GANZ entra al posto di Bruno ZUCULINI.
40° SILIGARDI appena entrato in area da sinistra prova un tiro-cross che per poco non batte VIGORITO dalla parte opposta. Ultimo cambio HELLAS: CARACCIOLO fa spazio a TROIANIELLO.
42° EBAGUA protegge palla col fisico poi serve GIACOMELLI che s'invola in contropiede e giunto al limito prova il missile: Altissimo!
43° Doppia occasione HELLAS: BESSA dal limite spara una botta sulla destra di VIGORITO che respinge di pugno, sul rimpallo va PAZZINI che vicino al fondo evita con una finta i difensori avversari e a non più di 3 metri dalla porta tira con violenza ma VIGORITO si oppone alla grande una volta ancora!
44° PARI HELLAS: All'ennesimo tentativo BESSA fa centro con una staffilata di destro dai 20 metri che non lascia scampo al pur bravo portiere ospite!
46° SILIGARDI ruba palla con determinazione sulla fascia destra d'offesa, palla a TROIANIELLO che mette in mezzo ma il colpo di testa di VALOTI è fuori misura!
48° Sponda perfetta di PAZZINI per GANZ che da buonissima posizione esplode un destro che vola altissimo a non più di un paio di metri da VIGORITO!
50° HELLAS IN VANTAGGIO, CROLLA IL BINTI: Da destra Alex FERRARI mette in mezzo in un cieco arrembaggio, sul secondo palo in posizione perfetta c'è RÔMULO che col piede amico non ci pensa due volte e batte al volo uccellando VIGORITO sul palo opposto! Crolla il Bentegodi in una bolgia infernale che esalta uno dei derby più avvincenti di sempre!
Dopo i tre fischi si accende un parapiglia tra i giocatori, quelli del VICENZA dicono di essere stati pesantemente provocati e quelli del VERONA si difendono in maniera altrettanto vibrante, PAZZINI allontana i compagni ma PUCINO e VALOTI, individuati dal direttore di gara tra tutti, ricevono il cartellino rosso!

Radiografia del Gol gialloblù 2016/2017
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
PAZZINI02323
BESSA077
LUPPI167
SILIGARDI055
RÔMULO044
GANZ134
VALOTI033
FOSSATI123
PISANO022
ZACCAGNI022
GOMEZ011
BOLDOR011
ZUCULINI B.011
ZUCULINI F.101

I VOTI
  • NICOLAS Grande uscita su DE LUCA in apertura di ripresa, sui due gol dei biancorossi non sembra avere particolari colpe... Voto 6,5
  • RÔMULO Da terzino destro, lo ha ribadito a fine gara, non è completamente a suo agio ma avere tanti metri di campo ne esalta comunque le caratteristiche, le colpe sul pari avversario (non marca GIACOMELLI con la necessaria determinazione) vengono totalmente cancellate dallo stupendo gol che regala i 3 punti al VERONA in un derby davvero epico! Voto 7,5
  • FERRARI Alex parte con una doppia grave indecisione al 3° minuto quando per poco non è anticipato da un avversario e poi non riesce a districarsi sulla pressione dello stesso, grande la chiusura su DE LUCA che in contropiede si stava presentando a tu per tu con NICOLAS al 51°, suo l'assist per il gol vittoria: Voto 6,5
  • CARACCIOLO Qualche indecisione di troppo nel comandare la linea difensiva come al 49° quando DE LUCA si presenta a tu per tu con NICOLAS, viene sovrastato da ESPOSITO in occasione del secondo gol ospite, voto 5,5 (gli da il cambio all'85° TROIANIELLO: La mascotte-promozione viene chiamato in causa ancora una volta nei minuti finali e lui scodella un paio di palle interessanti, di più non gli si può chiedere dato il minutaggio a disposizione, ingiudicabile)
  • SOUPRAYEN Non ha la solita gamba nelle ripartenze ed è fortunato a beccare solo il cartellino giallo al 48°, un'ammonizione che comunque lo costringerà a saltare la prossima trasferta in Liguria, voto 6
  • FOSSATI Disputa una gara d'ordine ma i suoi lanci sono meno precisi del solito: Che stia pagando l'essere stato scvalcato nelle gerarchie di PECCHIA? Voto 5,5
  • ZUCULINI Altra gara di spessore per Bruno che da mediano vero interdisce in maniera efficace e fa un gran filtro in mezzo al campo, negli utlimi tempi tira fuori anche una garra che credavamo fosse ad esclusivo uso del fratello, voto 6 (gli da il cambio al 75° GANZ che ha sul destro la palla d'oro servitagli da PAZZINI al 48° ma ad un paio di passi da VIGORITO spara in curva! Gravissimo errore per uno come lui... Voto: 5)
  • BESSA Quante palle giocate! Quanti tiri! Che gara e che precisione nelle conclusioni! Daniel è indemoniato oggi e trascina i suoi alla vittoria dando il là col suo stupendo gol! La migliore gara in maglia scaligera... Voto 8
  • SILIGARDI Gran gol in occasione del vantaggio ma in generale la Primavera sembra aver risvegliato in Luca l'estro dei tempi migliori con giocate e cocnlusioni che per poco gli negano la doppietta, voto 7
  • PAZZINI È sempre pericoloso sottoporta ma oggi non è in giornata anche se ci prova in tutti i modi, nel finale il gol gli è negato da un grande intervento di VIGORITO poi regala a GANZ la palla del possibile sorpasso ma il compagno spreca malamente, voto 6
  • LUPPINel finale di primo tempo la sua conclusione è murata poi serve da sinistra una gran palla a ROMULO sul secondo palo, arriva con un pizzico di ritardo al 52° sull'incornata di CARACCIOLO e sei minuti più tardi il mister lo richiama in panchina... Gara sufficiente per l'ex MODENA che ha disputato però anche gare migliori di quella odierna, voto 6 (gli da il cambio al 58° VALOTI: Del suo match si salva un colpo di testa fuori misura al 91°, nel concitato finale viene espulso dopo i 3 fischi dell'arbitro! Una grave ingenuità che lo esclude dalla prossima gara a Chiavari, voto 4,5)
  • PECCHIA Come al solito butta dentro tutti gli attaccanti che ha quando le cose volgono al peggio ma stavolta gli va (e ci va) bene, in questo momento il VERONA non gioca molto da squadra e soffre sempre in difesa soprattutto nelle palle da fermo però finchè si vince... Va bene così! Voto 6


[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]

DICONO +   -   =

Mister PECCHIA «E’ stato un derby emozionante e amaro, il Vicenza all’88’ era in vantaggio. Una beffa atroce, che ha portato tanto nervosismo tra giocatori a fine gara. Ancora una volta gli ultimi minuti sono stati fatali per noi, come era già successo a Brescia, a Bari, con la Spal, a Perugia.”
Continua il ds: “Perdere così fa veramente male perché ormai cominciavamo a sperare in un risultato positivo, che avremmo anche meritato. Purtroppo però ancora una volta i minuti finali ci hanno punito oltre i nostri demeriti. Ma questo è il calcio è l’unica cosa da fare ora è guardare avanti.
» HellasVerona.it

Mister TORRENTE tecnico del VICENZA «Non meritavamo assolutamente di perdere. Abbiamo avuto due occasioni per chiudere la partita e invece l’abbiamo persa e c’è molto dispiacere per i nostri tifosi. Prestazione ottima ma dovevamo essere più cattivi sotto porta. Loro hanno giocatori di Serie A e quindi ci hanno colpito anche se sul 3-2 c’è un blocco irregolare su Siega. Le occasioni di Giacomelli ed Ebagua sono opportunità da non fallire perché poi le paghi. Rimane la prestazione e giriamo pagina pensando alla partita fondamentale contro la Ternana. Penso che sarà una mazzata che ci colpirà per un giorno, poi penseremo alla salvezza che passa per la gara decisiva di sabato. Ebagua? E’ da mesi che non sta bene, questa settimana ancora di più. Ho preferito giocare con tre piccoli per attaccare la profondità. Poi ho dovuto effettuare tre cambi forzati per chi ha dato tutto e quindi ho dovuto inserire anche Ebagua che ha avuto un’occasione che da sano avrebbe concretizzato. La squadra è viva ed ha dimostrato nelle ultime tre partite che è forte e può farcela. I ragazzi faranno di tutto per centrare l’obiettivo» TGGialloBlu.it

Antonio TESORO diesse del VICENZA «E’ stato un derby emozionante e amaro, il Vicenza all’88’ era in vantaggio. Una beffa atroce, che ha portato tanto nervosismo tra giocatori a fine gara. Ancora una volta gli ultimi minuti sono stati fatali per noi, come era già successo a Brescia, a Bari, con la Spal, a Perugia.. Perdere così fa veramente male perché ormai cominciavamo a sperare in un risultato positivo, che avremmo anche meritato. Purtroppo però ancora una volta i minuti finali ci hanno punito oltre i nostri demeriti. Ma questo è il calcio è l’unica cosa da fare ora è guardare avanti.» Hellas1903.it

BELLOMO del VICENZA ha agguantato l'1 a 1 «Nel secondo tempo potevamo chiudere la partita, è colpa nostra. Nel calcio si sa, se sbagli si gira tutto contro. Al Vicenza sarebbe andato bene il pareggio, con il gol subito quasi alla fine. Per me doppio derby? Sì, sono di proprietà del Chievo. Davanti i giochi sono fatti, se la giocano, forse, Verona e Frosinone. Dietro può succedere di tutto. La rissa finale? Sono venuti ad esultare sotto di noi. Ci hanno provocato dopo terzo gol. Chi provoca così è solo un ignorante» TGGialloBlu.it

Il match-winner RÔMULO «Il gol? Segnare in un derby, all'ultimo minuto, è sempre un'emozione inspiegabile. Questa giornata mi rimarrà dentro come una grande gioia. Contro il Vicenza è stata una vittoria importante, ora vediamo cosa succede negli altri campi. Come mi sento? Quest'anno sono sempre riuscito ad avere continuità e giocare 40 partite; sono molto contento della mia continuità. Sto molto bene qui a Verona, ho ancora due anni di contratto e ho preso casa. I tifosi oggi ci hanno spinto fino alla fine, si meritano davvero questa vittoria. Bessa? Sta facendo il suo grande percorso, sono sicuro diventerà un top player. Appena è finita la partita ci siamo subito abbracciati tutti quanti, c'è veramente tanta gioia. Questa è una vittoria da squadra vera, continuiamo così nelle prossime tre gare» HellasVerona.it

La mascotte-promozione TROIANIELLO «Sono felicissimo per questa vittoria, l'abbiamo cercata in tutti i modi. Grazie ai tifosi, ci sostengono sempre e oggi ci hanno dato quel qualcosa in più. Ci hanno creduto, forse anche più di noi. Le mie emozioni? Quando sono entrato ho pensato che sarebbe stata durissima, ma il calcio è bello per questo, ti fa vivere emozioni molto belle. Questa è la vittoria del gruppo, da dedicare ai nostri supportes: non meritano questa categoria e non è una frase fatta. Pecchia mi ha chiesto di spingere molto sulla fascia, voleva vincere la partita. In questo momento mi sento bene, sono contento di dare il mio contrubito alla causa dei gialloblù, sento la fiducia dei miei compagni e del mister. Se punto alla 5 promozione in carriera? Penso a lavorare per il Verona, la strada è sempre la stessa: profilo basso e puntare all'obiettivo, partita dopo partita» HellasVerona.it


RomuloPecchiaTroianiello

LE ALTRE DI B +   -   =
Sabato lo SPEZIA è riuscito nell'impresa di frenare la SPAL: Al Picco finisce a reti bianche ma la promozione è solo rimandata per i ferraresi.
Colpo esterno del PERUGIA di misura sul campo della PRO VERCELLI ma anche il CESENA è corsaro al 'Tombolato', i romagnoli battono il CITTADELLA per 3 a 2.
2 a 0 del TRAPANI sull'ENTELLA, a reti inviolate anche BARI-PISA, TERNANA-CARPI e LATINA-ASCOLI.
Ieri scoppiettante partita anche a Novara dove il sorprendente BRESCIA ha battuto i piemontesi per 3 a 2.
Nel lunch-match di oggi il BENEVENTO è finalmente tornato a vincere battendo l'AVELLINO per 2 a 1 nel derby tutto campano tra le Streghe e Lupi.
In serata SALERNITANA 1-3 FROSINONE.

RomuloPecchiaTroianiello

ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =
PRIMA DELLA GARA IL PULMANN DEL VERONA FATTO OGGETTO DI UNA SASSAIOLA dai 'tifosi' ospiti, è stato centrato da una sassata che ha colpito il vetro a fianco di BOLDOR e Alex FERRARI! Per i due teserati scaligeri solo uno spavento perchè, fortunatamente, il cristallo dell'autobus ha retto l'urto!

LA PRIMAVERA SCALIGERA IMPATTA A CESENA ed è attualmente la seconda miglior quinta dei tre gironi così mister PAVANEL su HellasVerona.it «E' stata la gara che ci aspettavamo, il Cesena è una squadra forte e muscolare, che anche all'andata ci aveva costretto al pari. Dispiace solo per le occasioni sbagliate e per aver concesso gol nell'unica chance lasciata agli avversari nel secondo tempo. Avevo detto ai ragazzi che ci saremmo giocati tutto all'ultimo minuto dell'ultima giornata: così sarà. Dobbiamo prepararla al meglio»


IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =
VITA DA EX: Federico VIVIANI e il futuro da decidersi in 5 partite.

SERIE B: Salta anche BREDA! Il tecnico che era stato sulla panchina della VIRTUS ENTELLA (prossimo avversario dell'HELLAS) fino a ieri è stato esonerato, al suo posto CASTORINA allenatore della primavera di Chiavari...

FORMULA 1: Nel GP di Russia BOTTAS sorprende le FERRARI di VETTEL e RAIKKONEN tenedole dietro fino alla fine! Prima vittoria in carriera per il finlandese della MERCEDES, quarto un HAMILTON in difficoltà per lunghi tratti di gara.

PLAYOFF NBA: Ad OKC non basta il probabile MVP di fine stagione Russel WESTBROOK (quasi una tripla doppia a partita di media in Regular Season) contro i ROCKETS del 'Barba' HARDEN finisce 1 a 3 con HOUSTON che accede alle semifinali come CLEVELAND e GOLDEN STATE, finalisti della scorsa stagione, che rispettivamente contro PACERS e TRAIL BLAZERS piazzano un capotto! 4 a 2 degli SPURS sui GRIZZLIES che al Fedex Forum hannno battagliato sino al quarto quarto con SAN ANTONIO, poi per i neroargento s'è acceso LEONARD e per la squadra di casa s'è spenta la luce! Ora derby texano ROCKETS-SPURS nella prossima serie. 4 a 2 anche per TORONTO MILWAUKEE ma ora per i canadesi arriva lo scoglio Lebron JAMES ed i suoi CAVALIERS campioni uscenti NBA. Nonostante i primi 2 KO in casa BOSTON risorge e batte i BULLS allo United Center per 4 a 2 scavando un vantaggio cospicuo già alla fine del primo tempo grazie ai tiri da 3; per i CELTICS ora in tabellone la semifinale coi WIZARDS.


RASSEGNA STAMPA +   -   =
FOCUS
Il giorno dopo il derby: Verona in delirio per la vittoria gialloblù
02.05.2017 13:00 di Anna Vuerich
Il Bentegodi è stato scosso per alcuni minuti dalle urla di gioia dei tifosi gialloblù. Il gol di Romulo allo scadere dei minuti di recupero del secondo tempo ha regalato la vittoria ai veronesi in una partita al cardiopalma.

Ha aperto le danze la rete di Siligardi al ventesimo minuto, seguito dal pareggio di Bellomo poco più di dieci minuti dopo.
Nel secondo tempo, i vicentini sono passati in vantaggio con Esposito, lasciando l'amaro in bocca alla squadra di Pecchia e facendo tremare le gambe ai tifosi di casa.
Quando tutto ormai sembrava perduto, Bessa ha pareggiato i conti e riacceso la speranza nei cuori di tutti con un tiro potentissimo dritto nella rete avversaria.
Poi, sorprendentemente, la vittoria al 90': la fortuna accompagna il tiro di Romulo che passa tra le mani di Vigorito ed è gol.
I padroni di casa vincono 3-2 e tengono aperta la porta della A.

"L'Arena" di oggi apre titolando: "Derby incredibile, l'Hellas avvicina la A". Dall'altra parte, "Il Giornale di Vicenza" scrive: "Un derby amaro, Vicenza beffato all'ultimo respiro".
La partita di ieri è stata un successo tutto gialloblù, sia per gli uomini in campo che ci hanno creduto fino alla fine sia per la gioia trasparita dal viso di Luca Toni al fischio finale, ma soprattutto per i tifosi che hanno riempito il Bentegodi con i colori della città e hanno cantato fino alla fine per sostenere la loro squadra e portarla alla vittoria.

FONTE: TuttoHellasVerona.it


Le pagelle di Verona-Vicenza
By Federico Messini - 2 maggio 2017

NICOLAS 6: Incolpevole sui gol, per il resto il Vicenza non si rende molto pericoloso e lui amministra i palloni che passano dalla sue parti, potrebbe essere più preciso su qualche rinvio.

SOUPRAYEN 7: Sempre una spina nel fianco degli avversari sulla fascia, dove si impegna e corre come un forsennato, qualche imprecisione in fase difensiva, nulla di nuovo.

FERRARI 7: Determinante in un paio di recuperi su contropiedi del Vicenza nel secondo tempo, è anche autore dell’assist per il gol di Romulo. In continua crescita.

CARACCIOLO 6,5: Partita di grinta e sostanza. Non ha colpe sui due gol ospiti, una prodezza il primo, viziato da un evidente fallo il secondo.

ROMULO 8: El “hombre del partido”, gelido e devastante. Il suo gol, per importanza e coefficiente di difficoltà, vale da solo il voto. Ma la sua partita è fatta anche di tanta sostanza. Finalmente decisivo.

B. ZUCULINI 7: Morde le caviglie avversarie come il miglior Gattuso ed è autore di una marea di recuperi. Inoltre fa sempre la cosa giusta in fase di impostazione. Indispensabile.

FOSSATI 6: Nel primo tempo potrebbe azzardare di più in fase di impostazione nei momenti in cui bisogna cercare il passaggio filtrante. Meglio nel secondo tempo, quando diventa importante la sua presenza in fase di interdizione.

BESSA 8: La qualità al potere. Finalmente un giocatore che quando tira in porta è sempre pericoloso. Se gioca sempre così fa la differenza anche in serie A. Il gol del pareggio è da cineteca.

LUPPI 6: Non è mai incisivo come ci si aspetterebbe e gli manca spesso il guizzo giusto, apporto di sostanza più che di qualità.

PAZZINI 6: Da manuale l’assist di testa per la conclusione a rete di Ganz sul 2-2. Per il resto fatica a rendersi pericoloso. È vero anche che non sempre viene servito in maniera precisa.

SILIGARDI 7: Si vede che è molto più in palla rispetto a molte altre giornate. Bellissimo il gol, nell’occasione si beve agevolmente Adejo e sfrutta finalmente il suo sinistro.

GANZ 5,5: È vero, Pecchia lo mette in campo come ala e lui appare spaesato, ma l’occasione servitagli dal Pazzo in cui si trova davanti al portiere e spara alto sopra la traversa grida vendetta. Per fortuna ha risolto Romulo.

VALOTI 6: Entra in campo nel momento più difficile della partita faticando a trovare la posizione, migliora con il passare dei minuti. Manda alto di testa sprecando una ghiotta occasione da goal.

TROIANIELLO 6,5: L’amuleto delle promozioni in serie A entra subito in partita, mettendoci grinta ed entusiasmo, dà il via all’azione del goal vittoria.

PECCHIA 6,5: Gli vanno riconosciuti i meriti di una squadra che non molla mai fino alla fine e che sputa sangue per ottenere la vittoria. Ok, il calcio champagne di inizio stagione è un lontano ricordo però in serie B si rivela più vincente la concretezza che si è vista nelle ultime giornate. A tre giornate dalla fine il Verona c’è, e questa è una bella notizia.

Riccardo Pinamonte

FONTE: HellasNews.it


HELLAS VERONA-VICENZA 3-2. ROMULO DECIDE ALL’ULTIMO SECONDO
0 COMMENT 03 MAG 2017 POSTED BY IL MOSTARDINO

Una rete del centrocampista regala all’ Hellas Verona tre punti d’ oro per la corsa alla promozione in Serie A

Marcatori: 20' Siligardi (Vr), 33' Bellomo (Vi), 59' Esposito (Vi), 88' Bessa (Vr), 95' Romulo (Vr)

Hellas Verona (4-3-3): Nicolas; Romulo, Ferrari, Caracciolo (86' Troianiello), Souprayen; Fossati, B.Zuculini (76' Ganz), Bessa; Siligardi, Pazzini, Luppi (59' Valoti). All. Pecchia.

Vicenza (4-3-3): Vigorito; Pucino, Adejo, Esposito, D’Elia; Signori, Gucher, Bellomo (69' Rizzo); Orlando (65' Siega), De Luca (75' Ebagua), Giacomelli. All. Torrente.

Arbitro: sig. Abbattista di Molfetta

Verona – L’ Hellas Verona vince per 3-2 il derby veneto contro il Vicenza davanti ad oltre ventimila spettatori. Partita a ritmi alti giocata in modo combattuto da entrambe le parti. Al 20' l’ Hellas passa con Siligardi che riceve palla sulla trequarti, si accentra e poi fulmina Vigorito dal limite dell’ area. Tredici minuti dopo arriva il pari del Vicenza con Bellomo che lasciato colpevolmente solo in area, con un gran tiro a giro batte Nicolas. Al 43' Bessa ci prova dal limite colpendo in pieno il palo, sulla sfera si piomba Pazzini che mette in rete, ma il tutto viene annullato per fuorigioco dell’ attaccante veronese.

La ripresa inizia forte con gli ospiti che dopo cinque minuti hanno subito una buona occasione con De Luca che prova lo schema su punizione, senza preoccupare pero’ Nicolas. Al 15' il Vicenza in rimonta si porta in vantaggio con Esposito che batte Nicolas con un preciso tocco di testa su cross di Bellomo. Qualche dubbio pero’ per una spinta proprio dell’ autore della rete ai danni di Siligardi. L’ Hellas entra in confusione per qualche minuto poi riprende ad attaccare anche se con qualche difficolta’. Al 74' altro show di Bessa che lascia partire un gran destro dalla lunga distanza, che costringe Vigorito ad una parata incredibile per togliere la palla dall’ incrocio. All’ 85' uno straordinario recupero di Souprayen impedisce ad Ebagua di chiudere il confronto. Poco dopo ci provano per l’ Hellas Siligardi e Pazzini, ma entrambi senza fortuna. All’ 89' arriva pero’ il solito Bessa, autore di una prova maiuscola, con un gol che fa impazzire il Bentegodi: conclusione potentissima dal limite dell’ area e palla che non lascia scampo a Vigorito. Gli ultimi minuti si giocano in una bolgia e l’ Hellas ci prova prima con Valoti, poi Ganz ed infine con Pazzini, ma la palla non entra. Ma all’ ultimo minuto di recupero ecco il capolavoro di Romulo che al volo, trova l’ angolino alla sinistra di Vigorito. E’ la rete del 3-2 che fa esplodere il Bentegodi e che consegna al Verona tre punti d’ oro per la corsa alla promozione.
Articolo di Mirko Mazzali

FONTE: IlMostardino.it


Cronaca
Verona-Vicenza, "Decine di lacrimogeni contro noi biancorossi"
Un lettore racconta la paura vissuta fuori dal Bentegodi, al termine del derby. Il video

Redazione
02 maggio 2017 16:30

"Siamo stati bersagliati da decine di lacrimogeni sparati dalle forze dell'ordine nel parcheggio Ospiti".
Non c'è solo la delusione per la sconfitta maturata allo scadere: nelle parle dei tifosi biancorossi, c'è anche la rabbia per essere stati accusati di aver danneggiato il pullman del Verona quando, secondo il loro racconto, sono stati vittime di "un'azione ingiustificata da parte della polizia".
Secondo quanto ci ha riferito un nostro lettore, che ha confermato il lancio di una bottiglia verso il mezzo della squadra gialloblù - "ma non certo bulloni o altri oggetti pesanti" -, quello che era stato un derby piuttosto tranquillo dal punto di vista dell'ordine pubblico all'interno dello stadio, si è trasfromato in un infermo all'uscita. "Con altre decine di persone avevamo appena raggiunto le nostre auto quando è iniziata una pioggia di decine di lacrimogeni - racconta - Alcuni si sono sentiti male e molti, soprattutto i meno abituati, si sono spaventati".
"E' stata una cosa inspiegabile - prosegue - visto che il deflusso si stava svolgendo senza tensioni particolari. Non solo, una macchina di giovani butei era capitata, prima della partita, nel nostro settore e ne sono usciti senza alcun problema". "Un brutto episodio -conclude - sul quale spero di faccia chiarezza".

Cronaca
Verona-Vicenza, disordini durante il derby: si cercano i responsabili
In visione le registrazioni delle telecamere per l'attacco al pullman del Verona e per il lancio di bottiglie dal settore ospiti. I lacrimogeni avrebbero colpito anche vicentini estranei ai fatti

Redazione
02 maggio 2017 14:43
Il pulmann del Verona. Fonte (www.hellas1903.it)

Il derby Verona-Vicenza al Bentegodi è iniziato e si è concluso con alcuni episodi di violenza che per fortuna non hanno avuto delle gravi conseguenze. Un contatto indiretto tra la polizia e i tifosi biancorossi sembra si avvenuto anche durante la partita.
Un gruppo di ultras biancorossi avrebbe tirato delle biglie o dei bulloni al pullman della squadra dell'hellas in arrivo al Bentegodi. Il lancio ha provocato il danneggiamento di un vetro del mezzo vicino al posto dov’erano seduti i giocatori Boldor e Ferrari.
A fine partita, invece, alcuni tifosi del Verona hanno trovato i finestrini rotti delle macchine che avevano parcheggiato all'uscita della tangenziale. La polizia ha poi risposto con il lancio di lacrimogeni e con una carica di alleggerimento vicino al parcheggio della tifoseria vicentina, a quanto sembra per un tentativo di contatto dei biancorossi con i veronesi.
Dalle prime informazioni la Digos della questura di Verona sarebbe al lavoro per individuare anche i responsabili del lancio di bottiglie e pietre addosso alla polizia nel settore ospiti dove si trovavano i supporter del Vicenza.
La reazione delle forze dell'ordine sarebbe avvenuta sparando altri lacrimogeni che avrebbero colpito anche persone estranee alla vicenda. Le registrazioni delle telecamere di sorveglianza del Bentegodi sono attualmente in visione da parte degli inquirenti.

FONTE: VicenzaToday.it


HELLAS VERONA-VICENZA, le pagelle
Verona-Vicenza 3-2: le pagelle

Va al Verona, seppur in extremis, il derby contro un Vicenza comunque in grado di tenere sotto scacco fino all’88’ i più quotati cugini. Per quanto l’eroe di giornata sia ovviamente Romulo, il vero trascinatore dei gialloblù è Bessa, autore della rete del pareggio ma soprattutto di una gara sontuosa. Dall’altra parte i migliori sono invece Vigorito, miracoloso in un paio di occasioni, e Bellomo, che, oltre a segnare il goal del momentaneo pareggio ospite con un fantastico tiro a giro, disputa una partita di altissimo livello.

Ecco quindi le pagelle di SerieB24 per il derby:
Hellas Verona: Nicolas 5.5; Souprayen 5.5, Ferrari 6, Caracciolo 5.5 (86′ Troianiello 6), Romulo 6.5; Bessa 8, Fossati 6, Zuculini 6 (76′ Ganz 5.5); Luppi 5.5 (58′ Valoti 5.5), Pazzini 6, Siligardi 6.5.

Vicenza: Vigorito 7; Pucino 6, D’Elia 6, Esposito 6.5, Adejo 5.5; Signori 6, Gucher 6, Bellomo 7 (68′ Rizzo 6); Orlando 6.5 (64′ Siega 6), Giacomelli 5.5, De Luca 6 (76′ Ebagua 6).

Un Verona “tutto matto” ribalta il derby nel recupero: col Vicenza è 3 a 2
www.corrieredellosport.it

Termina 3 a 2 per il Verona un derby al cardiopalma: ai goal di Bellomo ed Esposito (viziato da un evidente fallo) rispondono le reti di Siligardi, Bessa e, in extremis, Romulo. Al termine della partita accenno di rissa tra i giocatori e conseguenti espulsioni per Pucino e Valoti, i quali rischiano una pesante squalifica.

PRIMO TEMPO – Primi 15 minuti di partita equilibrati, con il Verona che prova a proporsi in avanti e gli ospiti che invece, pur con qualche rischio, si difendono ordinatamente. Al 20', però, Siligardi la sblocca: grande azione dell’esterno gialloblù, il quale riceve palla da Bessa sulla trequarti, salta Adejo e dal limite sinistro dell’area lascia partire un diagonale chirurgico su cui Vigorito non può arrivare. Il vantaggio scaligero, tuttavia, non dura nemmeno un quarto d’ora, poichè alla prima vera occasione creata il Vicenza ristabilisce la parità grazie al bellissimo goal di Bellomo, che da appena dentro l’area si inventa un tiro “alla Del Piero” imprendibile per Nicolas. La rete del pareggio sembra quindi risvegliare i padroni di casa, i quali tornano spingere e a segnare con Pazzini (43'), il cui goal viene però giustamente annullato per fuorigioco.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa partono subito forte gli ospiti, che al 14' sugli sviluppi di un calcio d’angolo passano clamorosamente in vantaggio con l’incornata di Esposito. Sull’azione pesa però un grave errore del signor Abbattista, il quale non ravvisa lo spintone con cui il difensore biancorosso si era precedentemente liberato del diretto marcatore prima di impattare di testa il pallone. Incassato lo svantaggio, comunque, tocca al Verona riversarsi in avanti, e così un quarto d’ora dopo Vigorito deve superarsi sulla gran botta da fuori di Bessa. La ricerca del pari da parte degli uomini di Pecchia, ovviamente, regala ampi spazi al Vicenza, che tuttavia non riesce a mettere al sicuro la vittoria nonostante le clamorose occasioni di Ebagua (84') e Giacomelli (87'), i quali sprecano malamente l’occasione di chiudere il match. Il mancato colpo del K.O. dà però fiducia agli scaligeri, e quindi dal 42' inizia un vero e proprio assedio gialloblù alla porta di Vigorito, bravissimo a opporsi per due volte in pochissimi secondi prima a un altro gran tiro da fuori di Bessa e poi alla conclusione ravvicinata di Pazzini, ma costretto un minuto dopo a capitolare sull’ennesima sassata da fuori dell’italo-brasiliano, che questa volta non gli lascia scampo. Il pareggio tuttavia non basta alla squadra di Pecchia, la quale continua perciò ad attaccare e a sfiorare ripetutamente il goal-vittoria fino al 95', momento in cui le barricate biancorosse cedono di schianto: cross dalla destra di Ferrari per Romulo, volée fantastica del numero 2 gialloblù e palla all’angolino basso per il delirio del Bentegodi, che esplode in un boato assordante.

HELLAS VERONA – VICENZA 3-2
Hellas Verona (4-3-3): Nicolas; Souprayen, Ferrari A., Caracciolo (86' Troianiello), Romulo; Bessa, Fossati, Zuculini B. (76' Ganz); Luppi (58' Valoti), Pazzini, Siligardi. A disposizione: Coppola, Boldor, Pisano, Valoti, Zaccagni, Fares, Troianiello, Cappelluzzo, Ganz. Allenatore: Pecchia

Vicenza (4-3-3) Vigorito; Pucino, Adejo, Esposito, D’Elia; Signori, Gucher, Bellomo (68' Rizzo); Orlando (64' Siega), De Luca (76' Ebagua), Giacomelli. A disposizione: Costa, Bogdan, Bianchi, Zivkov, Rizzo, Siega, Doumbia, Cernigoi, Ebagua. Allenatore: Torrente

Arbitro: Abbattista Assistenti: Gori, Santoro Quarto uomo: Pezzuto
Marcatori: 20' Siligardi (Vr), 33' Bellomo (Vi), 58' Esposito (Vi), 88' Bessa (Ve), 95' Romulo (Ve)
Note – Ammoniti: Bessa (Vr), Souprayen (Vr), Zuculini B. (Ve), De Luca (Vi)
Espulsi: Pucino (Vi), Valoti (Ve)

FONTE: SerieB24.com


1 Maggio 2017 - 18.27
Elogio alla follia. Il Vicenza perde il derby all’ultimo secondo

HELLAS VERONA-VICENZA 3-2
HELLAS VERONA: Nicolas, Souprayen, Ferrari, Caracciolo (85′ Troianiello), Romulo, Fossati, Bessa, Zuculini (75′ Ganz), Luppi (59′ Valoti), Pazzini, Siligardi. All. Pecchia.
A disposizione: Coppola, Pisano, Boldor, Zaccagni, Cappelluzzo, Fares.

VICENZA: Vigorito, Pucino, Adejo, Esposito, D’Elia, Signori, Gucher, Bellomo (68′ Rizzo), Orlando (64′ Siega), De Luca (75′ Ebagua), Giacomelli. All. Torrente.
A disposizione: Costa, Bogdan, Bianchi, Doumbia, Zivkov, Cernigoi.

Arbitro: Abbattista della sezione di Molfetta
(assistenti Gori-Santoro, quarto ufficiale Pezzuto).

Reti: 20′ Siligardi (H), 33′ Bellomo (V), 59′ Esposito (V), 88′ Bessa (H), 95′ Romulo (H)

Note: tempo piovoso, temperatura di 14º, terreno di gioco in buone condizioni.
Angoli: 3-5
Ammoniti: Bessa (H), Souprayen (H), Zuculini (H), De Luca (V)
Dopo il fischio finale espulsi Pucino (V) e Valoti (H).
Recupero: 2′ primo tempo; 5′ secondo tempo.
Spettatori paganti: 10.650; abbonati: 10.198; totale presenze: 20.848.
Incasso totale: 206.277,47€.

Da un lato l’Hellas Verona con in testa l’obiettivo della promozione, dall’altro il Vicenza alla disperata ricerca di punti per salvarsi. Il tutto nel clima derby. Sotto il diluvio del Bentegodi, il match odierno si è rivelato un elogio alla follia. Non solo per il risultato rocambolesco ma anche e soprattutto per la poca lucidità con cui i biancorossi hanno prima assaporato e poi gettato alle ortiche un successo, sfiorato in rimonta, che sembrava ormai vicino. I padroni di casa, spinti dal caloroso pubblico gialloblù, nelle battute conclusive hanno dimostrato di crederci di più. E alla fine, rimontando a loro volta, hanno messo nel sacco utili alla corsa verso la serie A. Di 3-2 il risultato finale, a decidere il gol di Romulo a tempo scaduto. Un vero e proprio peccato per la squadra di mister Torrente che, nell’economia complessiva della gara, ha dimostrato di sapersi difendere e attaccare in modo incisivo contro una formazione costruita per il salto di categoria. Della serie, che solo con gli ingaggi di Pazzini e Romulo ti compri trequarti squadra biancorossa. Ma questa riflessione trova ormai il tempo che trova. Vediamo quali sono state le azioni salienti della sfida.

Al 14′ brivido lungo la schiena dei biancorossi quando la punizione a filo d’erba di Bessa dalla trequarti, complice il manto reso scivoloso dalla pioggia, viene bloccato in due due tempi da Vigorito prima dell’avvento di Pazzini. Al 16′ Siligardi si invola sulla destra, sguscia in serpentina in mezzo a due difensori del Vicenza e da pochi passi dentro l’area calcia fuori. Al 20′ padroni di casa in vantaggio con la grande conclusione rasoterra dai venti metri di Siligardi, che prima di insaccarsi bacia il palo alla sinistra di Vigorito: è l’1-0. I biancorossi non stanno a guardare e al 34′ trovano la rete del pareggio con la prodezza di Bellomo che, liberato da Orlando, controlla e segna con un destro a giro sul palo lungo: 1-1 e palla al centro. Al 43′ la difesa del Vicenza concede l’opportunità a Bessa di calciare da fuori area con la sfera che coglie il palo e viene ribadita in rete da Pazzini. Ma è fuorigioco e il risultato non cambia.

Al 51′, sugli sviluppi di un’incursione offensiva del Verona, la palla finisce sui piedi di Bessa che conclude debolmente tra le braccia di Vigorito. Al 56′ Bessa serve dalla sinistra Siligardi che lascia partire un sinistro deviato provvidenzialmente in corner da Adejo. Al 59′, da calcio d’angolo sulla sinistra, Giacomelli fraseggia con Orlando e scodella un traversone per la puntuale incornata di Esposito che batte Nicolas, siglando la rete del sorpasso. Al 74′ Vigorito compie un autentico miracolo, smanacciando in corrner sull’insidioso sinistro dalla distanza di Bessa. All’86’, con un Verona sbilanciato in avanti, Giacomelli lanciato a rete da Ebagua ha sui piedi l’occasione per chiuderla ma a tu per tu con l’estremo difensore avversario calcia sopra la traversa. La compagine di Pecchia ci crede e all’88’ Bessa lascia partire una staffilata dai venticinque metri che si insacca all’angolino e regola i conti. Non finisce qui: al 95′ Ferrari mette in mezzo un cross dalla destra per la volée di Romulo che batte il portiere del Vicenza e regala i tre punti ai gialloblù.
Nel finale nota stonata il parapiglia al centro del campo con le espulsioni di Pucino e Valoti.

Sabato 6 maggio, alle 15, i biancorossi riceveranno al Menti la Ternana nello scontro diretto. A 270′ minuti dal termine della stagione non sono più concessi passi falsi. Vincere o morire.
Alessandro Benigno

FONTE: TViWeb.it


SERIE B, HELLAS VERONA - VICENZA 3-2
Maggio 1, 2017 Scritto da Redazione

Marcatori: 20' pt Siligardi, 34' pt Bellomo, 14' st Esposito, 44' st Bessa, 48' st Romulo.

HELLAS VERONA (4-3-3): Nicolas; Romulo, Ferrari, Caracciolo (dal 41' st Troianiello), Souprayen; Zuculini B. (dal 31' st Ganz), Fossati, Bessa; Siligardi, Pazzini, Luppi (dal 13' st Valoti).
A disposizione: Coppola, Pisano, Boldor,Zaccagni, Fares, Cappelluzzo.
All.: Pecchia.

VICENZA (4-3-3): Vigorito; Pucino, Esposito, Adejo, D'Elia; Signori, Gucher, Bellomo (dal 24' st Rizzo); Orlando (dal 20' st Siega), De Luca (dal 31' st Ebagua), Giacomelli
A disposizione: Costa, Bogdan, Doumbia, Bianchi, Zivkov, Cernigoi.
All.: Torrente.

Arbitro: sig. Eugenio Abbattista (sez. Aia Molfetta).
Assistenti: sigg. Lorenzo Gori (sez. Aia Arezzo) e Antonino Santoro (sez. Aia Catania).

NOTE. Ammoniti: Bessa, Souprayen, Zuculini B., De Luca. Espulsi: Valoti e Pucino (dopo il triplice fischio finale). vSpettatori: 20.848 (paganti: 10.650; abbonati: 10.198).
Derby da ricordare, soprattutto per l'Hellas Verona che dopo la vittoria soffertissima di oggi aspetta il risultato del Frosinone di questa sera forte di un +4 sui ciociari. Sono Bessa e Romulo gli eroi di giornata, dai loro piedi i gol che hanno ribaltato un risultato che fino all'89' era nelle mani del Vicenza. Derby molto intenso finito con un parapiglia fra le due squadre nel quale hanno fatto le spese Pucino e Valoti, espulsi.

La cronaca. Al 20' Verona in vantaggio: Siligardi fa tutto da solo e da fuori area fa partire una rasoiata di sinistro che termina la sua corsa a fil di palo nonostante il tentativo di opposizione di Adejo. 10 minuti dopo il pareggio di Bellomo: Orlando si accentra e pesca l'ex B Italia sul vertice sinistro dell’area di rigore, tiro a giro che trova il lato opposto e batte Nicolas. Al 59' del secondo tempo vantaggio del Vicenza con Esposito (gol contestato dall'Hellas Verona per un fallo dello stesso difensore biancorosso) di testa su angolo sempre di Bellomo. Al 74? Bessa fa le prove generali del gol: sventola diretta all’incrocio dei pali, vola Vigorito a togliere la palla dal sette. All'85? è Ebagua a divorarsi il colpo del ko dopo aver saltato Nicolas sbagliando però il controllo finale. Il pareggio arriva all'89' con un altro bolide dalla distanza di Bessa che termina all’angolino. Nell'ultimo minuto di recupero il Verona fa sua la partita con Romulo che trova la conclusione vincente.

FONTE: ZonaCalcioFaiDaTe.it


Quando Bessa segna, l’Hellas Verona vince
maggio 3, 2017

Nel derby contro il Vicenza, il centrocampista Daniel Bessa si è prima reso protagonista con l’assist per il vantaggio firmato da Siligardi e poi ha regalato ai tifosi gialloblù la splendida rete del 2-2, toccando così quota 7 gol in campionato. Numeri e statistiche confermano che in tutte le partite in cui Daniel Bessa ha segnato, l’Hellas Verona ha anche vinto la partita.

Hellas Verona-Vicenza, 20848 spettatori. È record stagionale al Bentegodi
maggio 1, 2017

Per Hellas Verona-Vicenza, incontro valido per la 39ª giornata del campionato di serie B, sono presenti allo stadio Bentegodi 20.848 spettatori. È record stagionale per il club del presidente Maurizio Setti.

FONTE: HellasLive.it


Verona all'ultimo respiro, Vicenza ko al 95'. Sassate al pullman gialloblù

VERONA - Grandi emozioni nel derby del 1. Maggio al Bentegodi: il Verona batte il Vicenza per 3-2 all’ultimo di recupero, in rimonta. Hellas secondo in classifica braccato dal Frosinone vincitore a Salerno in serata a tre giornate dalla fine del campionato. Il Vicenza, invece, vede il rischio retrocessione in Lega Pro: decisivo il match interno di sabato aconla Ternana.

I gol del match finito 3-2: al 20' passa il Verona con Siligardi. Poco meno di un quarto d'ora dopo Bellomo sigla la parità. Nella ripresa il Vicenza s'illude: Esposito al 14' con un gran colpo di testa porta avanti i biancorossi. Il pari è a due minuti dalla fine dei tempi regolamentari, autore Bessa. Poi all'ultimo di recupero, è il 50', Romulo esalta il Bentegodi e gela i vicentini.

Nel pre-gara dalla zona della curva nord del Bentegodi, un sasso contro il pullman del Verona che poteva provocare feriti. Un gruppetto di tifosi biancorossi ha tirato dei sassi contro il pullman dei gialloblù, spaccando un vetro: nessuna conseguenza per i giocatori veronesi.

Scoppiata una brutta rissa nel finale anche in campo: espulsi Pucino e Valoti.

FONTE: SportIlGazzettino.it


01 maggio 2017
Hellas Verona, Pecchia: "Che emozione vincere così: derby memorabile"
Fabio Pecchia, allenatore dell'Hellas Verona (lapresse)

L'allenatore gialloblu festeggia dopo l'incredibile rimonta contro il Vicenza: "Una partita che rimarrà negli occhi e nel cuore dei nostri tifosi. Mai visto così il Bentegodi, è stata un'emozione". Romulo: "Uno dei gol più belli della mia carriera"

Derby vinto 3-2 e mani salde sul secondo posto. È un pomeriggio di festa per l’Hellas Verona, capace di piegare solo allo scadere il Vicenza: “Grande emozione vincere un derby così, una partita che rimarrà negli occhi e nel cuore dei nostri tifosi”, ha detto Fabio Pecchia al termine della gara. “Alla fine però sono tre punti importanti, arrivati in modo rocambolesco ma tutto sommato meritati, anche se abbiamo rischiato. È stata una prova di forza e di volontà di una squadra che quando era alle corde è riuscita a tenersi a galla e a prendersi tre punti importantissimi. Ma adesso già testa all’Entella. Cosa è successo nel finale? È la cosa che più mi dispiace di oggi. Non ho visto bene, attendiamo adesso gli sviluppi di questo finale di gara”. Sui 20 mila del Bentegodi: “Mai visto così, uno stadio bello ed emozionante. Di fronte avevamo una squadra che si è difesa bene, abbiamo creato tanto e i gol sono venuti con tiri da fuori. Non abbiamo un grande vantaggio sul Frosinone, può aumentare dopo stasera o rimanere uguale, ma cambia poco,:dobbiamo fare il nostro percorso. Il campionato è così equilibrato che può succedere di tutto, questa è la Serie B: abbiamo inciampato troppe volte nella parte iniziale del girone di ritorno, dobbiamo guardare avanti".

Romulo: "Uno dei gol più belli della mia carriera"
Il brasiliano decisivo con un gol allo scadere: “Se è stato il gol più importante della mia carriera? Di sicuro uno dei gol più belli che ho mai segnato e quello più importante con la maglia gialloblu. Che gioia”, ha detto nel post. “Ringrazio dio e dedico questo gol a mia moglie che mi è sempre stata vicina e anche oggi era presente in tribuna. Il pubblico del Bentegodi? Una buona parte di questa vittoria è merito loro. Questo è il tifo dell’Hellas che conosco. Un anno fa tanti dottori mi hanno detto che non avrei potuto più giocare, mentre oggi il campo sta dicendo il contrario. Nulla è impossibile. Bessa può diventare un top player”. Anche Troianiello è intervenuto a fine gara: “Oggi è andata davvero bene, appena il mister mi ha detto di andare in campo ho dato il massimo cercando di dare il mio contributo. All’ultimo minuto è arrivata la vittoria ma era davvero difficile per come si era messo il derby. Questa è la vittoria del gruppo e questo stadio non merita la serie B. Quinta promozione per me? Mi tocco (ride, ndr) ma in queste ultime tre gare daremo il massimo per centrare il nostro obiettivo. L’agguato dei tifosi del Vicenza? Boldor e Ferrari erano vicini al vetro e per fortuna non abbiamo accusato il colpo”.

01 maggio 2017
Serie B, l'Hellas vince il derby: 3-2 al Vicenza. Decide Romulo al 95'
La Presse

La squadra di Pecchia sale a 69 punti e si consolida in 2^ posizione. Il Vicenza perde l'occasione di fare punti per la lotta salvezza. Importante balzo in classifica verso la zona Playoff del Benevento, che con i gol di Ceravolo e Falco si impone nella 39esima giornata di Serie B. L'Avellino crolla nella ripresa nell'arco di 15', inutile il gol di Eusepi al 70'. Espulso Novellino

HELLAS VERONA-VICENZA 3-2
20’ Siligardi (H), 34’ Bellomo (V), 59' Esposito (V), 88' Bessa (H), 90'+5' Romulo (H)

L'Hellas Verona vince il derby del Veneto grazie al gol di Romulo al '95. Tre punti importantissimi per la promozione in Serie A: la squadra di Pecchia sale a 69 punti e si consolida in 2^ posizione. Una brutta sconfitta per il Vicenza, impegnata nella lotta salvezza, che rimane al 19° posto con 41 punti a -4 dall'Avellino (17°).

Bessa pareggia, Romulo segna il gol vittoria
Il Verona parte forte ma il primo gol arriva solo dopo 20 minuti con Siligardi che sblocca la partita con un gran tiro di sinistro da fuori area. Nulla da fare per Vigorito che intuisce la direzione della palla ma non ci arriva: 1-0 per il Verona. Vantaggio che dura poco: al 34’ Bellomo pareggia con un tiro a giro sul secondo palo e segna il suo 5° gol stagionale. Nei minuti finali, Pazzini ha la palla del 2-1: sfrutta il rimbalzo sul palo dopo il tiro di Bessa e la mette dentro ma l’arbitro ferma tutto per fuorigioco. Nel secondo tempo, il sorpasso: al 59' il Vicenza raddoppia con un gol di testa di Andrea Esposito su cross di Bellomo. Il Verona prova a pareggiare: al 74' Bessa tira dalla distanza ma Vigorito non si lascia sorprendere e devia in calcio d'angolo. Ci riesce all'88': dal limite dell'area di rigore, il giocatore brasiliano segna con un gran tiro. Ma la partita non è finita: al 95' Romulo regala la vittoria alla squadra di Pecchia. Il derby finisce 3-2.

[...]

01 maggio 2017
Verona, pullman preso a sassate dai tifosi del Vicenza

Caos e tanta paura al Bentegodi, a meno di un'ora dal match della 39esima giornata di Serie B: il pullman dell'Hellas è stato attaccato dai tifosi del Vicenza

Momenti di paura nei pressi dello stadio del Verona, dove alle 15 è in programma il derby della 39esima giornata di Serie B: i tifosi del Vicenza hanno preso a sassate il pullman dei padroni di casa, che, scortato dalla polizia, una volta passato davanti al settore ospiti è stato assaltato. Un vetro crepato e tanta paura da parte dei ragazzi di Fabio Pecchia.


FONTE: Sport.Sky.it


Serie B, Verona-Vicenza 3-2: Romulo decide il derby al 95'
Una rete dell'ex juventino permette alla squadra di Pecchia di vincere in rimonta: il Frosinone resta a -4

© LaPresse/Spada

lunedì 1 maggio 2017
VERONA - Gol ed emozioni nel derby veneto tra Verona e Vicenza: al Bentegodi finisce 3-2, con la squadra di Pecchia che riesce a strappare pari e vittoria nel finale con un gran gol di Romulo. L'Hellas passa in vantaggio al 20': percussione centrale di Siligardi, Adejo aggirato, sinistro da fuori e palla nell'angolino basso. Il pari del Vicenza arriva al 33' con un gran destro a giro di Bellomo. Nella ripresa gli ospiti passano in vantaggio al 59' sugli sviluppi di un corner: Esposito stacca più alto di tutti, ma l'arbitro Abbattista non vede una evidente spinta del difensore ai danni di Siligardi.

GIACOMELLI, CHE OCCASIONE! - Vigorito tiene a galla i suoi con una gran parata su Bessa, mentre sul fronte opposto Giacomelli spreca incredibilmente il contropiede del possibile 1-3 ignorando totalmente Signori, tutto libero in area di rigore.

BESSA-ROMULO - Torrente in panchina è una furia e ha ragione, perché il Verona non muore mai: dopo un altro paio di prodigi, Vigorito deve capitolare sul bolide di Bessa all'88' e - al 95' - sul piattone volante di Romulo, una perla che regala la vittoria nel derby al Verona, ora a +4 sul Frosinone. Il Vicenza, invece, perde una ghiotta occasione per staccarsi dalla zona retrocessione. Al momento la squadra di Torrente affronterebbe il playout con il Trapani.

FONTE: TuttoSport.com


VERONA-VICENZA: LE PAGELLE

ARTICOLO PUBBLICATO: 2 MAGGIO 2017 – 14:57
QUESTO POST È STATO SCRITTO DA REDAZIONE
Vigorito 6,5 – Forse non impeccabile sulla rete di Siligardi, ma poi si riscatta su Bessa e Pazzini. Poco può sugli altri due gol del Verona

Pucino 5 – Gioca una buona partita fino a dieci dal termine quando va in chiara difficoltà su Romulo. Si fa espellere nel dopo gara e questo non è accettabile nonostante le provocazioni di Valoti.

Esposito 7 – Trova finalmente il gol che purtroppo però non porta punti. La sua prova è comunque più che positiva anche in marcatura su Pazzini

Adejo 6 – Meno bene di altre volte con qualche disimpegno errato . Si fa sorprendere da Siligardi nel primo gol del Verona, ma è bravo su Pazzini a cui concede pochissimo

D’Elia 5,5 – Prova macchiata dal calo vistoso nel finale di gara quando il Verona sfonda a destra con Troianiello. Nulla da dire sull’impegno, ma dopo tanti infortuni non può essere al top

Signori 6,5 – Tieni in piedi la baracca nel primo tempo facendo legna e cominciando spesso l’azione biancorossa. Potrebbe decidere il match se Giacomelli gli servisse quel pallone che invece finisce in curva del Verona.

Gucher 6 – Fatica nel primo tempo, ma cresce nella ripresa dove recupera e riparte con profitto. Nel finale fa da muro davanti alla difesa, ma i compagni lo assecondano poco

Bellomo 6,5 – Segna un gran gol dimostrando che ha tecnica importante. Finchè ha fiato e gambe fa ripartire bene la squadra, all’ora di gioco deve uscire perché non ne ha più (dal 69′ Rizzo 5,5 – Torrente lo inserisce contando sul suo spirito da battaglia, ma il mediano biancorosso non riesce a dare quel rendimento che probabilmente il tecnico del Vicenza si aspettava)

Orlando 6 – Fino alla mezz’ora si vede poco, poi avvia e serve l’assist nell’azione del pareggio di Bellomo. Nella ripresa sfonda a destra ma i difensori del Verona lo fanno fuori prendendolo a calci (dal 65′ Siega 5,5 – Entra con buon piglio ma si fa sorprendere nelle azioni decisive del match. Perde Romulo nell’azione del 3 a 2 e in precedenza riparte poche volte con profitto)

De Luca 6 – Corre dappertutto, non molla un pallone anche se non riesce ad essere pericoloso. Nel primo tempo gli arrivano troppi palloni alti che per stazza e centimetri non può controllare (dal 76′ Ebagua 5 – Non stava bene e si è visto. Non segna il 3° 1 solo davanti al portiere avversario e non chiude su Bessa nell’azione del 2 a 2)

Giacomelli 5 – Prestazione positiva macchiata da quell’errore di egoismo che toglie al Vicenza un’occasione da rete che era ghiottissima. Signori era tutto solo davanti a Nicolas e non servirlo è stato delittuoso

Torrente 6,5 – Il Vicenza gioca un’ottima partita sfiorando il colpaccio che avrebbe avuto del clamoroso. Il Verona nel finale trova due reti in cui c’è anche molta abilità degli avversari, ma resta il rammarico per non aver chiuso il match nei contropiedi di Ebagua e Giacomelli. La squadra è comunque viva e, se non risentirà del contraccolpo psicologico della sconfitta, lotterà fino alla fine per la salvezza.

FONTE: BiancoRossi.net


02.05.2017
Derby, fumogeni contro i vicentini
Rabbia dei tifosi

VERONA. Non bastava la sconfitta beffa subita sul campo dal Vicenza. All'esterno del Bentegodi si sono vissuti attimi di tensione nel parcheggio dove si trovavano i quasi 2mila tifosi biancorossi arrivati a Verona.
Terminata la partita, infatti, i vicentini stavano attendendo il via libera per uscire e far ritorno a casa quando, dall'entrata posteriore è iniziato un fitto lancio di lacrimogeni da parte delle forze dell'ordine.
Un lancio «inspiegabile», contro «gente tranquilla e famiglie che stavano solo aspettando di poter uscire», stando a quanto si legge sui social e alle varie segnalazioni arrivate anche alla nostra redazione. C'è chi racconta di persone che si sono sentite male, altri di tifosi colpiti da lacrimogeni «lanciati ad altezza uomo». Il tenore delle segnalazioni è comune: «Eravamo vicino al parcheggio riservato ai tifosi in trasferta, pronti per partire, ed una pioggia di lacrimogeni ci è arrivata dal cielo», e ancora, «Eravamo tranquilli vicino alla nostra auto quando in modo inspiegabile la polizia ha cominciato il lancio». Stando a fonti della questura veronese, invece, le forze dell'ordine avrebbero risposto ad un lancio di bottiglie da parte di un gruppo di tifosi biancorossi.
Quel che è certo è che si sono vissuti una decina di minuti di caos e rabbia, con i poliziotti in assetto antisommossa che sono avanzati verso i vicentini che chiedevano spiegazioni. Poi la situazione è lentamente ritornata alla normalità, con i tifosi berici che sono finalmente potuti ripartire alla volta di Vicenza.

Tensione anche prima della gara: una grossa biglia lanciata da un gruppetto di tifosi biancorossi ha infatti mandato in frantumi il vetro del pullman che stava portando i giocatori dell'Hellas Verona allo stadio. Sull'episodio sta indagando la Digos veronese.

01.05.2017
Un derby amaro
Vicenza beffato all'ultimo respiro

Verona-Vicenza (Lapresse)

VERONA (4-3-3): Nicolas; Romulo, Caracciolo (40' st Troianiello), Ferrari, Souprayen; Bessa, B. Zuculini (31' st Ganz), Fossati; Luppi (13' st Valoti), Pazzini, Siligardi.
A disposizione: Coppola, Pisano, Boldor, Zaccagni, Fares, Cappelluzzo. All.: Pecchia.

VICENZA (4-3-3): Vigorito; Pucino, Adejo, Esposito, D'Elia; Signori, Gucher, Bellomo (23' st Rizzo); Orlando (19' st Siega), De Luca (30' st Ebagua), Giacomelli.
A disposizione: Costa, Bogdan, Doumbia, Bianchi, Zivkov, Cernigoi. All.: Torrente

ARBITRO: Abbattista di Molfetta (Gori, Santoro, Pezzuto quarto ufficiale)
RETI: 20' pt Siligardi (H), 34' pt Bellomo (V); 14' st Esposito (V), 43' st Bessa (H), 50' st Romulo (H)
NOTE: espulsi Pucino e Valoti dopo il fischio finale. Ammoniti Bessa, Souprayen, B. Zuculini (H), De Luca (V)

SECONDO TEMPO
Con questa sconfitta i biancorossi restano a quota 41 e a questo punto la gara di sabato al Menti, con la Ternana, è davvero l'ultimo spiaggia. Dopo il triplice fischio rissa sfiorata in campo tra biancorossi e gialloblù: alla fine l'arbitro mostra il cartellino rosso a Pucino e Valoti.

Epilogo triste per il Vicenza che perde il derby al 95' (il gol del 3-2 è di Romulo) dopo aver rimontato e respirato il successo, prima del pareggio di Bessa e quindi la rete decisiva di Romulo. Sull'1-2, il grave errore di Giacomelli a tu per tu con Nicolas; il capitano del Vicenza avrebbe potuto chiudere i conti.

50' GOL VERONA ROMULO. All'ultimo assalto il Verona trova il gol vittoria con una conclusione al volo di Romulo che raccoglie un lungo traversone dalla destra.

Sono 5 i minuti di recupero

43' GOL VERONA BESSA Il muro difensivo del Vicenza tiene fino al 43' quando Bessa tira una legnata col destro dalla distanza e batte Vigorito, bravissimo poco prima proprio su Bessa e Pazzini. Il Vicenza però deve recriminare per la grande occasione avuta in contropiede con Giacomelli che poteva chiudere la gara.

40' Ultimo cambio Verona: Troianiello per Caracciolo

A 10' dalla fine il Vicenza conduce sempre grazie al gol di Esposito e al miracolo di Vigorito che al 29' ha deviato in angolo una conclusione molto velenosa di Bessa.

30' st Nel Vicenza fuori uno stremato De Luca per Ebagua; nel Verona esce Zuculini ed entra Ganz

26' ammonito De Luca

23' esce Bellomo, entra Rizzo

19' primo cambio anche per Torrente, Siega per Orlando

18' ammonito B. Zuculini per un brutto fallo su Orlando

Il Vicenza spinge ancora (intanto è rientrato Esposito che segnando si era fatto male) e un minuto dopo è ancora pericoloso con De Luca in contropiede

14' GOL VICENZA ESPOSITO!!! Il difensore salta più in alto di tutti sul cross dalla sinistra di Bellomo e infila Nicolas per l'1-2

13' primo cambio per Pecchia, esce Luppi entra Valoti

4' ammonito Souprayen per un fallo su Orlando

Al via il secondo tempo, nessun cambio né per l'Hellas né per il Vicenza

PRIMO TEMPO
È finito il primo tempo, 1-1 al Bentegodi tra Verona e Vicenza sotto la pioggia battente. I biancorossi, che hanno pareggiato al 34' con un grandissimo gol di Bellomo, hanno chiuso in attacco la prima frazione e stanno onorando questo derby, davanti a duemila tifosi del Lane.

43' palo di Bessa e gol di Pazzini sulla respinta, ma annullato per fuorigioco.

41' ammonito Bessa

34' GOL VICENZA BELLOMO!!! Pareggio del Vicenza con una rete strepitosa di Bellomo. Orlando lavora il pallone sulla destra e taglia l'area con un passaggio rasoterra. Bellomo riceve, controlla ed effettua un destro a giro che si insacca all'incrocio

20' GOL VERONA SILIGARDI. Dopo venti minuti il derby si sblocca, segna l'Hellas con Siligardi che si porta a spasso metà difesa e da posizione centrale, circa 20 metri dalla porta, batte Vigorito con un diagonale preciso

15' del primo tempo, ancora 0-0 al Bentegodi e nessuna occasione da segnalare, se non una punizione tesa di Bessa, diretta in porta, parata in due tempi da Vigorito

È partito il derby, il Vicenza attacca col 4-3-3 da destra a sinistra e si affida davanti a Orlando, De Luca, Giacomelli. Ebagua è in panchina

VERONA. Tensione allo stadio Bentegodi prima del derby tra Verona e Vicenza. Un gruppo di tifosi biancorossi ha preso a sassate il pullman che trasportava i giocatori gialloblù. Un vetro è andato in frantumi, ma non si sono registrate conseguenze per i calciatori dell'Hellas.
Marta Benedetti

FONTE: IlGiornaleDiVicenza.it


02 MAG 2017
L’EPICA CHE MANCAVA
Vedi pure un arcobaleno sulla strada verso casa. C’è un raggio di pallido sole a illuminare la ricerca di quiete dei propri pensieri. La tempesta è finita. Tempesta di pioggia e di ormoni, di vento ed emozioni coronariche. Provaci tu a raccontare quello che è successo al Bentegodi tra l’88′ e il 95′. Sette minuti come le 9 settimane e 1/2 di Kim Basinger e Mickey Rourke. Spengo la musica, tanto non la sento: guidare porta a pensare e allora rivedi la classe di Bessa, dieci d’antan, efficace bellezza; la folle anarchia di Romulo, che s’eclissa e si illumina, si concede e svanisce, lo maledici e lo abbracci; la metamorfosi di Troianiello, lui l’incredibile Hulk sguaiato che si strappava le camicie e che ora da docile padre invita al basso profilo.

Rivedi e rivivi lo stadio, la curva, la bolgia, i colori, il turbinio di emozioni di cui non puoi scrivere perché non le puoi descrivere: ci dovevi essere e basta. Scorrono gli abbracci e le urla pure in tribuna stampa, perché ok la professione, ma il Verona batterà sempre il disincanto e certe giornate prendono a pugni qualsivoglia razionalità. Ecco allora che ribalti i tavoli, ci salti sopra, c’è la gioia in quei gesti, ma anche la frustrazione repressa di tanti minuti: frustrazione e gioia, i contrasti emotivi rendono l’essere umano così affascinante. E poi tutto quello che era ammassato lì – carte, file word, parole, righe, pensieri – non conta più. La storia scritta fino ad allora è vecchia, il mondo è cambiato in sette minuti. C’è chi piange attorno a me: cazzo vuoi parlare di tattica, cambi, ripartenze e amenità? Siamo in ventimila a cui è cambiata la giornata, forse pure il senso di una stagione vissuta fianco a fianco a un Verona indiscutibilmente forte, a volte pure bello, molte altre assente, ma sempre e costantemente anonimo, anemico, in assenza di carisma, come quella ragazza che passa due ore a scegliersi le scarpe perfette, ma è priva di sguardo, femminilità, malizia.

Abbiamo convissuto un’annata con un ds dall’idealismo fin troppo accademico, un allenatore dall’animo nobile ma impalpabile e un gruppo di ragazzi troppo perbene, ma in campo ci è mancato un qualcuno o un qualcosa, una partita, o anche solo un episodio capace di trasportarci, di farci battere il cuore, di immergerci nella lisergica via del pathos. Non c’è mai stato un vero motivo per buttarci nel fuoco e non c’entra la tecnica, la tattica, il gioco che non c’è. E’ questione di feeling, che quest’anno non è mai scattato.

Ecco, credo sia stata l’epica la grande assente. Oggi improvvisamente si è presentata in quei sette minuti. Pioveva, magicamente ha smesso. E io sulla strada di casa ho spento la musica (che tanto non si sentiva): volevo assaporare la lievità dei miei pensieri: l’Hellas Verona, lo stadio, la curva, chi piangeva attorno a me, la felicità. Che bello.
Francesco Barana

01 MAG 2017
VITTORIA LEGGENDARIA
Una vittoria epica, la prima dell’era Pecchia. Una vittoria che finirà nella storia del Verona quando andremo a leggere l’infinita sfida con il Vicenza.
Bello, bellissimo semplicemente perfetto. Ognuno di noi avrà sognato di vincere così il derby, in rimonta, al cinquantesimo.
Ogni considerazione tecnico-tattica passa inevitabilmente in secondo piano
Ho detto più volte che quando il Verona e Verona uniscono i loro sentimenti nulla è impossibile. Non è un caso che quando questa alchimia si riesce a creare Verona diventi la “fatal Verona”.
Forse solo oggi questa squadra ha capito che cosa è il Bentegodi e i suoi fantastici tifosi.
Poi non si può non parlare di Bessa, Romulo e Siligardi. Il primo un campioncino che il Verona ha già pagato all’Inter e che può davvero essere il futuro.
Gli altri due tra i giocatori più criticati. Non a caso. Sapendo il loro valore, non era tollerabile vederli addirittura diventare pesi morti. Finalmente, magari in ritardo, i due hanno affermato la loro classe.
Chiudo, stremato da un pomeriggio esaltante come non accadeva da anni. Sapete già cosa sogneremo stanotte…
Gianluca Vighini


01 MAG 2017
DERBY PAZZESCO!
Le cifre dicono che il Verona ha meritato la vittoria. Ma le cifre nel calcio non sono tutto. Per vincere bisogna segnare. Il numero di tiri, di calci d’angolo, di occasioni, di parate ecc… possono dare un’idea sull’andamento del match, ma alla fine contano i gol. E quando a cinque minuti dal 90′ il Vicenza ha fallito clamorosamente il terzo gol, stavo già pensando a come impostare questo articolo. Ripassavo le mosse di Pecchia, le prestazioni dei gialloblù, gli errori più gravi, alla ricerca delle principali responsabilità per un ko che avrebbe quasi sicuramente spedito l’Hellas ai playoff. Poi il lampo di Bessa e all’ultimo minuto la magia di Romulo hanno ribaltato ogni giudizio e considerazione. Il risultato è che, in partite così tese, combattute e per certi versi molto bloccate, la differenza la devono fare i giocatori di maggior qualità. Così è stato. La magia di Siligardi nel primo tempo, la stoccata dalla distanza di Bessa e infine la prodezza al volo di Romulo: perle che riescono solo a chi possiede determinate capacità.

Un derby pazzesco, emozionante, straordinario per intensità e colpi di scena. Un derby che ha confermato l’equilibrio di questa pazza serie B, dove l’ultima può vincere sul campo della prima, dove i pronostici vengono spesso ribaltati. Il Vicenza è andato vicinissimo all’impresa, il Verona ad un passo dal baratro. Poi in un attimo è cambiato tutto. Un vortice di emozioni che al Bentegodi non si vivevano da tempo. Un successo che mi ha ricordato alcune vittorie al fotofinish centrate da Mandorlini, anche se il derby è una partita diversa, unica e qualsiasi paragone con altre rimonte messe a segno dall’Hellas risulterebbe un po’ troppo “tirato”.

La vittoria del Verona manda in secondo piano l’ennesimo arbitraggio mediocre di questo campionato. Abbattista ha l’atteggiamento del grande arbitro, ma sbaglia come tanti suoi colleghi. Non vede un fallo di Esposito su Siligardi nell’azione del secondo gol biancorosso e non vede tante altre cose. Errori clamorosi per un fischietto che dovrebbe essere il meglio di questa serie B.
Luca Fioravanti

FONTE: Blog.Telenuovo.it


NEWS
Vicenza, Tesoro: “Quanto fa male perdere così il derby”
Il direttore sportivo biancorosso: “Una beffa atroce, ultimi minuti fatali”

di Redazione Hellas1903, 03/05/2017, 14:37

Il direttore sportivo del Vicenza, Antonio Tesoro, ha commentato la sconfitta nel derby contro il Verona al Corriere del Veneto.
“E’ stato un derby emozionante e amaro, il Vicenza all’88’ era in vantaggio. Una beffa atroce, che ha portato tanto nervosismo tra giocatori a fine gara. Ancora una volta gli ultimi minuti sono stati fatali per noi, come era già successo a Brescia, a Bari, con la Spal, a Perugia.”
Continua il ds: “Perdere così fa veramente male perché ormai cominciavamo a sperare in un risultato positivo, che avremmo anche meritato. Purtroppo però ancora una volta i minuti finali ci hanno punito oltre i nostri demeriti. Ma questo è il calcio è l’unica cosa da fare ora è guardare avanti.”

EX VERONA
Penzo su Bessa: “Al posto giusto è sempre decisivo”
L’ex gialloblù: “Rimesso nel ruolo che più gli si addice è tornato a livelli eccezionali”

di Redazione Hellas1903, 03/05/2017, 10:54

Domenico Penzo, ex attaccante del Verona e ora presidente dei veterani dell’Hellas, commenta il contributo dato ai gialloblù da Daniel Bessa.
Interpellato dal “Corriere di Verona” oggi in edicola, Penzo dice: “È dall’inizio della stagione che si esprime su dei livelli eccezionali. Qualche volta non è riuscito a incidere, anche perché lo si è visto impiegato in una posizione più defilata: ha dovuto partire sulla fascia, da esterno, e in quel ruolo le sue qualità si offuscavano. Riportato nella zona in cui si sente maggiormente a proprio agio il suo rendimento è tornato a essere decisivo”.

NEWS
Hellas, le statistiche del derby
Partita col Vicenza dominata dai gialloblù

di Redazione Hellas1903, 02/05/2017, 18:08
Foto legab.it

L’allenatore del Vicenza, Vincenzo Torrente, a fine gara aveva detto: “Non meritavamo di perdere il derby, ma abbiamo subito la qualità del Verona.” Il sito ufficiale dell’Hellas, oggi, ha pubblicato le statistiche ufficiali della gara, dalle quali si evidenzia la netta superiorità dei gialloblù in campo.
In primis il possesso palla: 63% per la squadra di Pecchia, con 665 palloni giocati contro i 365 del Vicenza. A questi bisogna aggiungere i 439 passaggi del Verona, il triplo degli avversari (146), e l’Indice Valutazione Squadra (che rispecchia la prestazione complessiva) di Panini Digital che premia l’Hellas 68 a 32.
Le statistiche parlano anche di Daniel Bessa, autore della rete del 2-2, vero e proprio portafortuna del Verona. Quando segna lui, e ne ha già fatti 7, l’Hellas vince la partita.

NEWS
Derby, record stagionale di spettatori al Bentegodi
Erano 20.848 i tifosi sugli spalti dello stadio gialloblù, meglio solo il Bari

di Redazione Hellas1903, 02/05/2017, 17:40
Foto legab.it

Lo stadio Marcantonio Bentegodi ha registrato il record di spettatori stagionale durante il derby vinto in rimonta dal Verona contro il Vicenza.
In totale, i tifosi sugli spalti erano 20.848, di cui 1781 a seguito della squadra avversaria. Una cifra importante per il campionato di Serie B, che posiziona il derby al secondo posto tra le partite con più spettatori di questa stagione, subito dietro Bari-Brescia (22671 tifosi al San Nicola).

VISTO DA NOI
Stay hungry, stay foolish: è la magia del derby
Il Verona vince una partita epica e rende gloria alla bellezza del calcio

di Lorenzo Fabiano, @lollofab 02/05/2017, 10:20

Il mio cuore sta bene. Non c’è elettrocardiogramma che tenga se le coronarie hanno resistito agli scossoni subiti ieri pomeriggio. Meglio così: con tutto il rispetto per le categorie, i medici sono un po’ come la guardia di finanza, qualcosa che non va alla fine riescono sempre a scovarlo. “Stay hungry, stay foolish” è il testamento che un genio visionario come Steve Jobs ha lasciato alle giovani generazioni. Nella tempesta emotiva del dopo partita ho pensato a quelle parole. Il calcio è lo sport più affascinante del mondo perché vive e si alimenta d’imponderabilità. Fame e follia ne sono i cardini, i pilastri su cui poggia la forza di un gruppo rispetto ad un altro.

Il pazzo derby di ieri ne è stato l’ennesima prova. Il Vicenza ha disputato una prova gagliarda, tosta, e coraggiosa. Con la sua organizzazione ci ha messo in grande difficoltà. La squadra di Torrente ha adottato un “tutti per uno e uno per tutti” che ha tenuto in scacco l’Hellas fino all’89’. Gli va dato l’onore delle armi. Meno al signor Bellomo, la cui sciocca e gratuita esultanza, questa è purtroppo la moda in voga oggi, al momento del gol dell’1-1 più che un elogio della follia, è stata un’offesa all’intelligenza. Lasciamo perdere, visto che il campo ieri è stato come il tempo, vale a dire galantuomo. Fame e follia, si diceva. Di fame il Vicenza ne aveva e si è pure visto. La follia invece non gli appartiene. Questa scorre nelle vene dei geni. E’ qualcosa che sta nelle corde degli artisti, delle anime fantasiose e creative che sanno esprimere il meglio di sé attraverso intermittenti lampi d’illuminazione.

Il Vicenza era solo coraggio e raziocinio, che però in un derby schizoide come quello di ieri non basta. Ci vuole qualcosa di più. Serve la follia, appunto. Il Verona l’ha estratta dal proprio inconscio in quegli ultimi indimenticabili cinque minuti, quando ormai stava con un piede nel baratro. Raggiunto il disperato pareggio all’ultimo giro di lancetta grazie a una magia del sublime Bessa, si sarebbe anche potuto accontentare vista la piega avevano preso le cose. Chissà quante altre squadre lo avrebbero fatto, dopo aver rischiato ripetutamente il tracollo in contropiede. Invece no.
I ragazzi di Pecchia si sono messi a spingere a testa bassa sostenuti dall’irrefrenabile vigore di una sana pazzia. Il piattone di Romulo ha completato un capolavoro dell’irrazionalità da tramandare ai posteri. Ha vinto il Verona, perché oltre alla fame ha messo in campo quella dose di follia che la sua gente ha contribuito a trasmettergli. Non esistono mezze misure in proposito: o ce l’hai o non ce l’hai. Noi si, loro no. La differenza sta tutta qui. Stay hungry, stay foolish. Il calcio è davvero una cosa meravigliosa.

NEWS
Spettacolo derby, l’entusiasmo di Setti
L’abbraccio del presidente a Luca Toni al gol del 3-2 di Romulo

di Redazione Hellas1903, 01/05/2017, 23:29

Grande festa anche in tribuna VIP al gol di Romulo, decisivo per il 3-2 dell’Hellas con cui il Verona ha battuto il Vicenza oggi pomeriggio.
Nell’immagine, Maurizio Setti, presidente gialloblù, di solito imperturbabile, si lascia andare a un’esultanza scatenata, abbracciando Luca Toni.
Mancano tre partite alla fine del campionato, il derby ha esaltato il Verona, ma mancano ancora 270′ per farcela.

NEWS
Derby: festa Verona, la foto negli spogliatoi
Grande soddisfazione tra compagni di squadra dopo il 3-2 sul Vicenza

di Redazione Hellas1903, 01/05/2017, 19:07

La gioia della vittoria all’ultimo soffio nel derby si è protratta, per i ragazzi di Pecchia, negli spogliatoi.
L’esultanza dei gialloblù, immortalati al massimo della felicità, è ritratta nella foto postata sulla pagina ufficiale facebook dell’Hellas Verona, che l’ha condivisa dalla pagina di Giampaolo Pazzini, che così la commenta: “Una grande vittoria in rimonta… Un grande gruppo!”

NEWS
Vicenza, Torrente: “Non meritavamo di perdere”
L’allenatore del Vicenza: “Gol nel finale da annullare per un blocco su Siega”

di Redazione Hellas1903, 01/05/2017, 18:14

Vincenzo Torrente, tecnico biancorosso, è stato raggiunto dai microfoni di Radio Verona al termine della gara persa al Bentegodi.
“Abbiamo fatto un’ottima prestazione e ci sono state anche due occasioni per chiudere la gara. Contro il Verona si rischia sempre di subire la qualità dei singoli, ma non meritavamo di perdere, da quanto si è visto in campo.”
Continua l’allenatore: “Si poteva chiuderla ma l’abbiamo persa per le giocate di giocatori da Serie A, pericolosi in qualsiasi momento della partita. Il Verona è costruito per stravincere, ha qualità in tutti i reparti e oggi si è visto.”

Sull’arbitro: “Sul terzo gol del Verona c’era un blocco netto su Siega, era da annullare. Forse avrebbe dovuto estrarre anche qualche cartellino in più e gestire meglio la partita. La tensione nel finale è una cosa normale nei derby.”

NEWS
Romulo: “Gol? Un’emozione difficile da spiegare”
L’italo-brasiliano a fine gara: “Un passo importante verso la Serie A”

di Redazione Hellas1903, 01/05/2017, 18:07

Romulo, autore del gol vincente del Verona contro il Vicenza, ha parlato a Radio Verona al termine del derby.
“È un’emozione incredibile. Segnare all’ultimo minuto in un momento delicato della stagione è una sensazione difficile da spiegare a parole. Abbiamo vinto e portato a casa i tre punti ed è un passo importantissimo per il nostro obiettivo, la Serie A.”
Sulla Serie B: “Mancano ancora tre finali. Certo, se il Frosinone perdesse stasera allora il nostro obiettivo diverrebbe un po’ più vicino, ma pensiamo a noi stessi.”

Sulla sua condizione: “In queste ultime gare sto spingendo tanto e sto bene. Mi piacerebbe più giocare giocare mezzala destra, il mio ruolo, ma sto facendo sacrifici dall’inizio della stagione per il bene della squadra. Mi manca solo da fare il portiere (ride, ndr).”

Una dedica? “Ringrazio Dio e mia moglie, che mi ha sempre sostenuto in questi anni.”

NEWS
Pagelle Verona, Bessa è un genio, Romulo ribalta il derby
Caracciolo e Souprayen in sofferenza. Fossati dà ordine, Troianiello ingresso okay. Bene Ferrari

di Matteo Fontana, @teofontana 01/05/2017, 18:00

NICOLAS 5,5
Sorpreso dal colpo di testa di Esposito, dopo che nulla aveva potuto fare sulla perla di Bellomo nel primo tempo. Molti rilanci errati e poca sicurezza.

ROMULO 7
Fino al 94’ la sua era stata una partita da 5: tanti palloni sbagliati e, soprattutto, continue distrazioni difensive, compresa quella che dà via libera a Bellomo nell’azione dell’1-1, in cui è sì bravissimo il giocatore del Vicenza, ma c’è una grave complicità del terzino gialloblù. Poi il suo gol è un biglietto per i sogni, una fiaba che i padri racconteranno ai figli per generazioni e generazioni.

FERRARI 6,5
Quando la difesa del Verona sbanda è lui a metterci il cemento per non farla franare. E diventa un’ala aggiunta nel finale, con l’Hellas all’assalto per riprendersi il destino. Il suo assist per il gol di Romulo è un tracciante calibrato, preciso e visionario.

CARACCIOLO 5,5
Va in difficoltà nel secondo tempo. Si perde Esposito (che si fa largo in modo molto dubbio in area, spingendo Siligardi) sulla rete del sorpasso del Vicenza. E poi va in sofferenza finché non esce ammaccato.

SOUPRAYEN 5,5
Sulla sua fascia si apre qualche varco in eccesso. Rischia grosso in alcune chiusure. Ammonito, salterà sabato la prima partita del suo campionato, out per squalifica con l’Entella, visto che era in diffida. Giornata incerta.

FOSSATI 6
Nel momento in cui il Verona si sfalda è lui a incollarne i pezzi, con un lavoro di cucitura attento, meticoloso, equilibrato. Non sempre riesce a cambiare passo alla manovra.

ZUCULINI 6
Esalta il Bentegodi con un paio di recuperi da mediano vecchio stampa, giù in tackle senza tirare indietro la gamba. Per 45′ dà anche una buona quadratura al centrocampo gialloblù, mentre nella ripresa accusa un calo

BESSA 9
Amici sportivi veronesi, eccovi servito il nuovo Dirceu. Si carica sulle spalle l’Hellas, lo rialza, lo spinge, lo trascina. Una volta è il palo a togliergli il gol, dopo Vigorito fa un miracolo. Poi lo batte con un destro poderoso, una folgore rovente, un tiro che fa sussultare il Bentegodi come ai tempi in cui il re era il leggendario Formiquinha. Ed è il suggello a una partita mostruosa, epocale, tumultuosa dal 1’ al 95’. Genio.

SILIGARDI 6,5
Apre la santabarbara del derby con una conclusione che si costruisce con tenacia e che cesella abbinando precisione e potenza. Ci prova ancora, pennella in mezzo pure dei traversoni invitanti, la magia gli resta lì impigliata, ma si fa notare anche nel finale di fuoco.

PAZZINI 6
Sufficienza di stima, perché in realtà la sua è una prestazione titubante. Gli annullano un gol per fuorigioco, che c’è, e da lì in avanti il Vicenza gli stringe attorno la tagliola. Si rivede nel forcing per il pari, con Vigorito che gli respinge una botta dalla breve distanza in pieno traffico. Ma il suo carisma è sempre un’infinita risorsa per l’Hellas.

LUPPI 5,5
Gli si incollano addosso, Pucino gli fa sentire il morso e lo limita. I suoi tentativi di divincolarsi svaniscono presto e Pecchia lo toglie un attimo prima del gol del 2-1 del Vicenza.

VALOTI 6
Punzecchiato di continuo dagli avversari, non sempre lucido, ma la sua tecnica aiuta il Verona a uscire dai grovigli. Alza di testa un pallone che varrebbe il sorpasso, prima della folle stoccata di Romulo. Nella rissa finale viene espulso, così con l’Entella non ci sarà.

GANZ 5,5
Arruffone. Spara alto la chance del 3-2. Poi ci pensa Romulo, per fortuna.

TROIANIELLO 6
Entra lui e il Verona si rovescia di là. Ci mette tanta corsa. L’Hellas vince.

PECCHIA 7
I complimenti gli vanno fatti anche per la capacità di recuperare un impeccabile aplomb nel giro di pochi minuti: si presenta in sala stampa con la quiete di un asceta. Viene premiato il suo coraggio, la forza (della disperazione, si potrebbe dire, ma va bene anche quella, visto l’esito finale) di osare gettando la pallina nella roulette con tutti gli attaccanti in campo. Poteva essere un pomeriggio sciagurato, è diventato un copione da Oscar.

NEWS
Troianiello: “Grande rimonta, tifosi arma in più”
L’esterno gialloblù: “Pubblico del Bentegodi di un’altra categoria”

di Redazione Hellas1903, 01/05/2017, 17:53

Anche Gennaro Troianiello, entrato nel secondo tempo del derby col Vicenza, ha parlato ai microfoni di Radio Verona.
“Sono felicissimo, una vittoria che volevano raggiungere in tutti i modi e l’abbiamo ottenuta.”
Sui tifosi gialloblù: “Sono stati l’arma in più e ci hanno sostenuto fino alla fine. Un pubblico di un’altra categoria: sembra una frase fatta, ma è la verità.”

Sulla rimonta: “Il calcio è bello perchè è così, ti fa vivere momenti bellissimi come questa rimonta negli ultimi minuti del derby.”

NEWS
Bellomo: “La rissa finale? Hanno esultato davanti a noi…”
Il centrocampista del Vicenza: “Follia pura perdere così”

di Redazione Hellas1903, 01/05/2017, 17:46

Nicola Bellomo, centrocampista del Vicenza, ha parlato nel post gara della sconfitta della squadra di Torrente contro l’Hellas.
Così giocatore biancorosso, autore del momentaneo 1-1: “Avevamo la partita in pugno, è follia pura perdere così, ormai è andata. Pensiamo subito alla Ternana. La rissa finale? Non tocca a me commentare, del resto sono venuti a esultare sotto di noi… È una cosa che non riguarda il calcio”.
Prosegue Bellomo: “È stata colpa nostra non chiuderla. Se sbagli poi ti gira tutto contro”.

NEWS
Pecchia: “Derby che rimarrà nel cuore della gente”
Il tecnico del Verona: “Frosinone? Cambia poco, mancano ancora tre gare”

di Redazione Hellas1903, 01/05/2017, 17:25

Fabio Pecchia, allenatore del Verona, ha parlato al termine della gara vinta in extremis contro il Vicenza allo stadio Bentegodi.
“Oggi l’importante era vincere. È stata una partita emozionante, loro si sono difesi bene e hanno sfruttato le ripartenze, noi siamo stati freddi e lucidi nel portarla a casa.”
Continua Pecchia: “Il Vicenza si è difeso bene e trovare il varco giusto non è stato facile, infatti abbiamo trovato il gol con tiri da fuori, non c’erano spazi. Sicuramente è stata una partita che rimarrà nel cuore dei giocatori e della nostra gente.”

Stasera gioca il Frosinone: “Penso alla mia squadra e al nostro percorso. Non abbiamo un grande vantaggio e il risultato di questa sera cambia poco. Ci mancano tre partite alla fine, dobbiamo rincorrere.”

NEWS
Delirio gialloblù!! Il Verona schianta in rimonta il Vicenza al 96′
Pazza festa al Bentegodi, 3-2 finale coi gol di Siligardi, Bessa e Romulo

di Andrea Spiazzi, @AndreaSpiazzi 01/05/2017, 17:22

Una vittoria epica. Perché arriva all’ultimo respiro, in rimonta, contro il Vicenza, e perché vale oro per la corsa alla promozione diretta. Fino all’83’ il Verona è sotto per 1-2 perché al vantaggio di Siligardi hanno risposto prima Bellomo e poi Esposito. All’87’ Bessa pareggia, ma è al 96’ che Romulo decide di trasformare la gioia in delirio collettivo.
Il Verona vince per 3-2, scappa a più quattro sul Frosinone che stasera gioca a Salerno. E’ un trionfo, con gli acerrimi rivali vicentini, che profuma di serie A.
4-3-3 per Pecchia con Romulo a destra e Souprayen a sinistra, Ferrari e Caracciolo i centrali. In mezzo al campo Bruno Zuculini, Fossati e Bessa, in avanti Siligardi, Pazzini e Luppi.

Uguale la disposizione scelta da Torrente : Vigorito in porta, Pucino, Esposito, Adejo e D’Elia dietro, Signori, Gucher e Bellomo a centrocampo, Orlando, De Luca e Giacomelli in attacco

Una leggera pioggia ha iniziato a scendere un’ora prima della gara e tira vento. Lo spettacolo è anzitutto sugli spalti dove siedono 20 mila spettatori che sventolano, all’ingresso delle squadre, migliaia di palloncini gialloblù. La sud alza i decibel, fanno rumore anche i 1800 vicentini. Tra loro qualche idiota ha centrato con dei sassi il pullman del Verona in arrivo allo stadio. Un vetro rotto ma nulla più.

PRIMO TEMPO, GARA BLOCCATA PER 20’
Dalle prime battute si capisce che il terreno è scivoloso e che a patirne potrebbe essere la squadra più tecnica, il Verona. I gialloblù cercano di muoversi subito con gli esterni. Più guardingo il Vicenza, che però tiene la linea d’attacco piuttosto alta. Al 9’ Romulo si fa 40 metri sulla fascia superando due avversari ma anche i compagni che arrivano tardi per il cross.

E’ un Hellas che fatica a costruire, vuoi per il muro vicentino, vuoi per la mania di dribblare troppo di Romulo e Siligardi. Abbattista fischia quasi tutto, i biancorossi vanno sul pesante, ma anche Caracciolo non scherza, la palla appena sbatte a terra schizza via e potrebbe giocare brutti scherzi. In compenso la terna arbitrale e cieca nel non vedere una deviazione netta su un tiro di Siligardi che va sul fondo al 17’. Luppi è frettoloso nel servire Pazzini in verticale al 18’.

LA FRECCIATA DI SILIGARDI: 1-0
Al 20’ il Verona passa. L’azione personale, e il gol, sono bellissimi. Il protagonista è Luca Siligardi che da destra parte in orizzontale verso sinistra seminando i difensori biancorossi prima di calciare di sinistro dal limite un diagonale che si infila nell’angolo opposto. Il boato è assordante e liberatorio.

Il Vicenza mostra una parvenza di reazione al 27’ quando guadagna il fondo a sinistra ma prima Zuculini e poi Fossati spazzano con vigore. Luppi, poco presente, spreca a sinistra in contropiede con un cross sbilenco. L’Hellas, però, fa troppo poco per cercare il raddoppio.

ROMULO DORME, IL VICENZA PAREGGIA
Romulo è bravo nelle galoppate offensive, ma quando si tratta di tenere la posizione di difesa, da terzino, è spesso un disastro. Proprio da una sua dormita nasce il pareggio. La palla da destra giunge a Bellomo che, a sinistra, ha tutto il tempo di fare un passo e calciare a giro per l’1-1.

Al 43’ il Verona va vicinissimo al 2-1. Bessa va in verticale e dal limite calcia, la palla sbatte sul palo. Pazzini è velocissimo a fiondarsi e mettere in rete, ma è in fuorigioco, seppur di poco, sul tiro di Bessa. Luppi spreca ancora nel recupero dopo una bella azione corale, poi Romulo non arriva sulla sfera in rovesciata e finisce il tempo.

SECONDO TEMPO, VERONA ALL’ATTACCO MA ARRIVA L’1-2 SU AZIONE IRREGOLARE
Nell’intervallo la pioggia si fa battente. Al 3’ Souprayen trattiene vistosamente Orlando e prende il giallo. Diffidato, salterà la partita con l’Entella. Parte meglio il Vicenza, l’Hellas si salva in un paio di occasioni con un certo affanno. Poi Bessa al 7’ ha un buon pallone poco dentro l’area ma il tiro è debole e centrale. Al minuto otto Caracciolo colpisce di testa da corner, la palla va sul fondo. Il Verona attacca, un tiro di Siligardi è deviato provvidenzialmente da Adejo.

Primo cambio Hellas: al 13’ entra Valoti al posto di un poco ispirato Luppi al 14’. Nello stesso minuto parte un corner da sinistra sul quale di testa stacca Esposito che segna, ma c’è un fallo netto non ravvisato all’inizio dell’azione dello stesso Esposito su Siligardi.

Il Verona va in bambola e Ferrari chiude all’ultimo istante su De Luca lanciato verso la porta. Zuculini entra duro su al 18’: ammonito. Tutto sembra girare storto. Nel Vicenza entrano Rizzo e Siega al posto di Orlando e Bellomo. De Luca entra in scivolata su Ferrari e viene ammonito.

I gialloblù ci provano ma sono poco lucidi. Affiora la stanchezza, si scaldano Zaccagni e Ganz.

Al 29’ Bessa lascia partire un destro che Vigorito smanaccia in corner. Al 30’ entra Ganz al posto di Zuculini e nel Vicenza Ebagua per De Luca. I minuti scorrono senza che l’Hellas riesca ad incidere, la sconfitta sembra prendere forma impietosamente. Entra Troianiello per Caracciolo.

E’ il 43’ quando Vigorito salva prima su Bessa e poi su Pazzini, ancora non va.

BOMBA DI BESSA, 2-2!!
E’ una meraviglia di Bessa, al 44’ a regalare il pari. Il brasiliano riceve da Romulo e lascia partire dal limite un missile che spacca la porta di Vigorito. Lo stadio esulta.

Non è finita, il Verona ha la palla per vincere nei cinque di recupero. Pazzini spizza per Ganz che al volo calcia alto.

45’ PIU’ 6: E’ QUI LA FESTA!!!
Parte un cross dalla destra, è l’ultima occasione. La palla taglia l’area e supera i vicentini. Romulo ci arriva e spara al volo di destro: la palla si spegne in porta. Il delirio collettivo che ne segue è uno dei momenti di pura irrazionalità festosa che solo il calcio può dare, che solo una vittoria all’ultimo respiro della tua squadra del cuore può regalare.

NEWS
Agguato al pullman del Verona, vetro danneggiato da un sasso
L’episodio è avvenuto nelle vicinanze del Bentegodi: scagliate delle pietre da tifosi del Vicenza

di Redazione Hellas1903, 01/05/2017, 14:04

Atto teppistico nel prepartita di Verona-Vicenza.
Il pullman dell’Hellas è stato colpito da dei sassi mentre era in arrivo al Bentegodi.
A lanciare le pietre, secondo le prime indicazioni, sono stati dei tifosi ospiti che si trovavano nelle zona della curva nord di Piazzale Olimpia.

Un vetro del mezzo è stato fortemente danneggiato.

FONTE: Hellas1903.it


PAROLA AI NUMERI
Le cifre del derby: Bessa risolutore
02/05/2017 17:27
Grazie alle statistiche elaborate da Opta e Panini Digital, è possibile riconoscere anche in tutti gli altri numeri (e non solo nel punteggio finale), la legittima vittoria dell’Hellas sul Vicenza per 3-2. I gialloblù infatti non si sono imposti solo nel risultato, ma anche in altre performance. Tanto per cominciare, il possesso palla evidenzia la schiacciante superiorità del team di casa col 63% a favore contro il 37 dei biancorossi e per quanto riguarda le palle giocate, sono 665 quelle scaligere e 365 quelle degli uomini di Torrente.

Hellas molto meglio anche nei passaggi: 439 a 146; mentre l'Indice Valutazione Squadra (valutazione complessiva di una prestazione) fa valere i veronesi 68 a 32.

Ancora una volta Daniel Bessa è stato risolutivo. Il nr 24 ha realizzato il momentaneo 2-2 ed è stato autore dell’assist per Siligardi nell’azione dell’1-0. Ogni volta che Bessa segna, il Verona vince il match.

Dando uno sguardo invece alle ultime sfide, l’Hellas ha incassato un ko in 12 gare e ha ottenuto 11 punti negli ultimi 5 incontri. Infine, sono 4 i suoi giocatori con almeno 5 gol in Campionato ed in questo è la seconda squadra della cadetteria ad averne di più, dopo il Cittadella.
A.F.

SERIE B
Frosinone, incollati ma con gli aiutini
02/05/2017 17:24
Spal, Verona e Frosinone. La volata promozione continua. Il Verona batte il Vicenza nel derby, il Frosinone risponde fuori casa con la Salernitana. Vittoria netta per 3-1 quella dei ciociari, ma chi ha visto la partita e gli episodi che l'hanno condizionata non può non avere pensato agli aiuti dell'arbitro Pasqua che ha fatto inferocire l'Arechi dove la Salernitana si giocava l'accesso ai play-off.

Prima l'espulsione di Mandala, poi il rigore su Ciofani gli errori dell'arbitro sono evidenti. E non è la prima volta. Troppo spesso quest'anno il Frosinone è stato aiutato dagli arbitri, mentre anche ieri il Verona in corsa per la serie A, è stato penalizzato da Abbatista che non aveva visto il plateale fallo di Esposito ai danni di Siligardi in occasione del secondo gol del Vicenza.

L'ACCUSA
Bellomo:Giocatori Verona provocatori e ignoranti
01/05/2017 19:37
"Nel secondo tempo potevamo chiudere la partita, è colpa nostra. Nel calcio si sa, se sbagli si gira tutto contro. Al Vicenza sarebbe andato bene il pareggio, con il gol subito quasi alla fine. Per me doppio derby? Sì, sono di proprietà del Chievo. Davanti i giochi sono fatti, se la giocano, forse, Verona e Frosinone. Dietro può succedere di tutto". Nicola Bellomo, centrocampista del Vicenza, interviene in mixed-zone dopo Verona-Vicenza 3-2.

Poi il giocatore di proprietà del Chievo attacca i giocatori del Verona: "La rissa finale? Sono venuti ad esultare sotto di noi. Ci hanno provocato dopo terzo gol. Chi provoca così è solo un ignorante".
L.VAL.

IL MISTER BIANCOROSSO
Torrente: Verona ha vinto con gol irregolare
01/05/2017 19:22
"Non meritavamo assolutamente di perdere. Abbiamo avuto due occasioni per chiudere la partita e invece l’abbiamo persa e c’è molto dispiacere per i nostri tifosi. Prestazione ottima ma dovevamo essere più cattivi sotto porta. Loro hanno giocatori di Serie A e quindi ci hanno colpito anche se sul 3-2 c’è un blocco irregolare su Siega. Le occasioni di Giacomelli ed Ebagua sono opportunità da non fallire perché poi le paghi. Rimane la prestazione e giriamo pagina pensando alla partita fondamentale contro la Ternana. Penso che sarà una mazzata che ci colpirà per un giorno, poi penseremo alla salvezza che passa per la gara decisiva di sabato." Vincenzo Torrente, tecnico del Vicenza, parla alla fine del derby perso col Verona.

L'ex Gubbio e Bari ha concluso: "Ebagua? E’ da mesi che non sta bene, questa settimana ancora di più. Ho preferito giocare con tre piccoli per attaccare la profondità. Poi ho dovuto effettuare tre cambi forzati per chi ha dato tutto e quindi ho dovuto inserire anche Ebagua che ha avuto un’occasione che da sano avrebbe concretizzato. La squadra è viva ed ha dimostrato nelle ultime tre partite che è forte e può farcela. I ragazzi faranno di tutto per centrare l’obiettivo".
L.VAL.

DERBY
Post derby agitato
Vetri rotti e cariche

01/05/2017 18:42
Come il pre, anche il dopo. Tensione e atti di vandalismo anche alla fine del derby vinto all’ultimo secondo 3-2 dal Verona. Brutta sorpresa all’uscita dallo stadio per diversi tifosi del Verona che avevano lasciato l’auto nel parcheggio subito fuori la tangenziale, che dopo i festeggiamenti dentro al Bentegodi si sono trovati i finestrini rotti. Diverse le auto danneggiate.

Lancio di lacrimogeni, almeno una decina, e una carica di alleggerimento della Polizia in via Sogare, nei pressi del parcheggio riservato ai tifosi del Vicenza, per un tentativo di contatto con la tifoseria gialloblù. Macchine e pullman della carovana biancorossa hanno lasciato l’area dello stadio solo intorno alle 18.30.

Nel pre gara tifosi del Vicenza avevano prima tentato di arrivare a contatto con i tifosi del Verona e poi preso a sassate il pullman dell’Hellas, danneggiando il finestrino vicino al posto dov’erano seduti Boldor e Ferrari che se la sono fortunatamente cavata con un grande spavento.

MIXED-ZONE
Romulo: Questo gol rimarrà nella storia

01/05/2017 18:43
"E' il gol più importante che ho fatto qui a Verona. Questo gol rimarrà nella storia di questa società. Ho provato una gioia inspiegabile: segnare all'ultimo secondo è una cosa fantastica. Ringrazio Dio e la mia la compagna Pamela che mi è sempre stata vicina. Il pubblico del Bentegodi? Una buona parte di questa vittoria è merito loro. Questo è il tifo dell’Hellas che conosco". Romulo interviene così a Telenuovo dopo il derby vinto col Vicenza grazie al suo gol all'ultimo secondo.

Il centrocampista italo-brasiliano ha concluso: "Segnare in un derby, all'ultimo minuto, è sempre un'emozione inspiegabile. Abbiamo fatto un gran lavoro, soprattutto nel primo tempo, e alla fine siamo stati bravi a rimontare. Questa è una vittoria da squadra vera, continuiamo così nelle prossime tre gare. Bessa? Ha le potenzialità per diventare un grandissimo giocatore".
L.VAL.

LA CONFERENZA
Pecchia: Un derby vinto col cuore

01/05/2017 18:04
"Che bello vincere il derby così. Nel secondo tempo abbiamo rischiato anche di perderla con un passivo peggiore ma siamo stati bravi a crederci fino alla fine e a rimontare. Bessa? Non stava bene ma per fortuna ha tenuto per tutti i 90 minuti. Questa vittoria è un bel regalo per i nostri tifosi, anche se giustamente loro si aspettano un regalo ancor più grande da noi (La Serie A, ndr). Questa vittoria di cuore racchiude un po' tutta la nostra stagione". Fabio Pecchia parla alla fine del derby vinto in rimonta sul Vicenza (3-2).

Il tecnico del Verona ha continuato. "Il merito di questa vittoria va dato a tutto questo gruppo. Siamo contenti ma noi dobbiamo pensare alla prossima partita: la Spal, non dimentichiamoci, è ancora davanti. Adesso testa all'Entella. Valoti, Bruno Zuculini e Souprayen non ci saranno a Chiavari? Spero non ci saranno altre squalifiche, abbiamo bisogno di tutti. Troianiello amuleto per il Verona? Ha speso poco rispetto agli altri in questa stagione, può darci qualcosa di importante in questo finale. Frosinone stasera a Salerno? Adesso vado a casa dalle mie bambine e da mia moglie poi forse accenderò la televisione...".
L.VAL.

MIXED-ZONE
Troianiello: Le sassate non ci hanno spaventato

01/05/2017 17:57
"Sono entrato nel momento più bello per noi: sono contentissimo per la vittoria, Sono più fresco degli altri adesso? Ce l'ho messa tutta, sono felice di aver contribuito a questa vittoria. Non ci aspettavamo di vincere all'ultimo minuto e naturalmente siamo esplosi dalla gioia insieme a tutto lo stadio. Questa è una vittoria di tutto il gruppo". Gennaro Troianiello parla alla fine dell'incredibile derby vinto 3-2 col Vicenza.

L'attaccante gialloblù ha continuato: "Adesso speriamo che il Frosinone non vinca a Salerno. La città di Verona? Questa tifoseria è fantastica, oggi era uno stadio bellissimo da Serie A. Adesso dobbiamo pensare solo al nostro obiettivo che è la promozione. A livello personale ho giocato poco ma ora mi sento bene. Ci hanno buttato dei sassi sul pullman che ha colpito il vetro vicino a Boldor e Ferrari. Ma non ci siamo spaventati: questo è un gruppo vivo e oggi l'ha dimostrato".
L.VAL.

SERIE B
Derby all'ultimo respiro Verona batte Vicenza 3-2
01/05/2017 14:54
1 maggio 2017: una data che può fare la storia dell'Hellas. Il Verona batte 3-2 il Vicenza conquistando il derby all'ultimo secondo rimontando due gol nei minuti finali. Il Verona era passato in vantaggio con un gran gol di Siligardi ma era stato rimontato dai gol di Bellomo ed Esposito. Quando tutto sembrava perduto arriva la gioia che fa esplodere il Bentegodi: al 89' Bessa si inventa un altro bellissimo gol dalla distanza ed è 2-2. Ma la vera festa arriva al 96': Romulo, con un tiro al volo, trova lo splendido 3-2 che porta i tre punti all'Hellas. Il Verona adesso vola al secondo posto a 69 punti a +4 dal Frosinione che gioca stasera a Salerno. La Serie A è più vicina. A Chiavari sabato contro l'Entella però non ci saranno Bruno Zuculini, Souprayen (diffidati e ammoniti) e Valoti (espulso).

[...]

DERBY
Duecento da Vicenza senza biglietto
01/05/2017 14:06
Pre-derby ad altissima tensione al Bentegodi. Oltre duemila i tifosi vicentini che sono arrivati allo stadio con pullman e mezzi privati. Oltre ai 1.826 annunciati ce ne sarebbero oltre duecento sprovvisti di biglietto. A quanto si è appreso un problema che sarebbe dovuto ad un problema di stampa dei tagliandi da parte della società biancorossa.

Intanto si è appreso che già prima della sassaiola contro il pullman del Verona, che si stava dirigendo alla stadio, i tifosi del Vicenza si sono resi protagonisti di un altro episodio. Un corteo con una ventina di macchine si è fermato in tangenziale nei pressi del Bar Nilla, abituale ritrovo dei tifosi dell'Hellas, cercando un contatto. Immediata la risposta della Polizia che ha effettuato un paio di cariche di alleggerimento.

CAMPIONATO PRIMAVERA
Hellas pareggio a Cesena sarà decisiva con Napoli
29/04/2017 17:22
Pareggia 1-1 a Cesena la Primavera del Verona, al termine di una gara fisica e combattuta, e visti i risultati degli altri campi la squadra di Massimo Pavanel si trova all’ultima giornata padrona del proprio destino, attualmente qualificata come seconda miglior quinta classificata nei tre gironi (Verona quinta a 48 punti nel Girone A, Empoli quinta a 49 punti nel Girone B, Genoa quinta a 48 nel Girone C, differenza gol a favore del Verona).

CRONACA. Il primo tempo è piacevole ma quasi privo di occasioni: pressing alto di entrambe le squadre e poca voglia di scoprirsi. La ripresa, invece, è un’altra storia. Dopo pochi secondi dall’inizio, il solito Buxton si procura un rigore al limite dell’area, che Stefanec trasforma con la consueta freddezza. Passano pochi minuti e il Cesena trova il pari, con Farabegoli che raccoglie un cross al termine di un’azione insistita di bianconeri. Nell’ultima mezz’ora i gialloblù producono il massimo sforzo, tirando spesso e volentieri verso la porta romagnola, in particolare con Tupta che spreca una grande occasione. Finisce così 1-1: tutto si deciderà il 13 maggio a Vigasio contro il Napoli.

Questo il commento dell'allenatore della Primavera gialloblù Massimo Pavanel: "E' stata la gara che ci aspettavamo, il Cesena è una squadra forte e muscolare, che anche all'andata ci aveva costretto al pari. Dispiace solo per le occasioni sbagliate e per aver concesso gol nell'unica chance lasciata agli avversari nel secondo tempo. Avevo detto ai ragazzi che ci saremmo giocati tutto all'ultimo minuto dell'ultima giornata: così sarà. Dobbiamo prepararla al meglio".

CESENA-HELLAS VERONA 1-1
Marcatori: 2' st Stefanec (rig.), 11' st Farabegoli.

CESENA (4-3-3): Bianchini; Dondini, Ceccacci, Farabegoli, Carnicelli (dal 15' st Maretti); Dhamo, Conti, Gasperi (dal 9' st Andreoli); Soumain, Akammadu, Gasperoni (dal 36' st Maleh). A disposizione: Vitiello, Salcuni, Urso, Felli. All.: Angelini.

HELLAS VERONA (4-3-1-2): Tosi; Pavan, Baniya, Kumbulla, Badan; Danzi (dal 21' st Cherubin), Guglielmelli (dal 16' st Jurj), Hoxha (dal 35' st Aloisi); Stefanec; Tupta, Buxton. A disposizione: Carletti, Nigretti, Pettinà, Dall'Agnola, Kyriakopoulos, Dentale, Gecchele, Forgia. All.: Pavanel.
L.VAL.

FONTE: TGGialloBlu.it


Verona, Troianiello: 'I tifosi ci hanno creduto più di noi'
del 01 maggio 2017 alle 20:09

Gennario Troianiello, esterno del Verona, parla a Sky Sport dopo il derby col Vicenza: "Sono felice perché oggi è andata veramente bene e sono contentissimo per la vittoria. Prima di farmi entrare, il mister mi ha detto che dovevo entrare e fare qualcosa in più. Il mio ingresso è andato anche bene, perché Siligardi mi ha passato diversi palloni buoni, sono felice di aver contribuito sul campo. Non ci aspettavamo un ribaltone all’ultimo minuto, ma ci abbiamo creduto fino alla fine. Si sentiva che i tifosi ci credevano, forse anche più di noi, e questo ci ha dato una carica pazzesca. Siamo un bel gruppo, è stata una vittoria di tutti noi".

Verona, Pecchia: 'Una giornata da ricordare!'
del 01 maggio 2017 alle 17:33

Fabio Pecchia, tecnico del Verona, parla a Sky Sport dopo il derby, vinto, contro il Vicenza: "Di fronte avevamo una squadra che si è difesa bene, abbiamo creato tanto e i gol sono venuti con tiri da fuori. Andare a trovare qualcosa di negativo oggi è difficile, una giornata da ricordare. Non abbiamo un grande vantaggio, può aumentare dopo stasera o rimanere uguale, ma cambia poco, dobbiamo fare il nostro percorso. Il campionato è così equilibrato che può succedere di tutto, questa è la Serie B: abbiamo inciampato troppe volte nella parte iniziale del girone di ritorno, dobbiamo guardare avanti".

Hellas Verona, le pagelle di CM: bene Siligardi e Bessa. Romulo decisivo
del 01 maggio 2017 alle 17:08
di Nicola Corona

Hellas Verona-Vicenza 3-2

Nicolas 6
Romulo 6,5
Ferrari 6
Caracciolo 5,5 (86' Troianiello 6,5)
Souprayen 6,5
Fossati 6,5
B.Zuculini 6,5 (76' Ganz 6)
Bessa 7
Siligardi 7
Pazzini 6,5
Luppi 6 (59' Valoti 6)

All. Pecchia 6,5

FONTE: CalcioMercato.com


Momenti di tensione prima e dopo Verona-Vicenza: la polizia evita gli scontri
Oltre al lancio di oggetti verso il pullman dell'Hellas, sono state danneggiate le auto di alcuni tifosi e le forze dell'ordine hanno dovuto sedare gli animi più "caldi" delle due fazioni

La Redazione
02 maggio 2017 17:06

Il derby disputatosi lunedì pomeriggio al Bentegodi tra Hellas Verona e Vicenza potrebbe portare a future conseguenze per alcuni ultras, protagonisti di episodi che con il mondo dello sport non dovrebbero avere niente a che fare.
Il primo è quello che ha visto il pullman della squadra gialloblu finire nel mirino del lancio di oggetti da parte dei tifosi ospiti: nell'occasione è stato danneggiato il vetro dove sarebbero stati seduti Boldor e Ferrari, senza nessuna conseguenza però per giocatori e staff.
Secondo VicenzaToday inoltre, la Digos scaligera sarebbe al lavoro per individuare anche i responsabili del lancio di bottiglie e pietre addosso alla polizia nel settore ospiti dove si trovavano i supporter del Vicenza, a cui le forze dell'ordine avrebbero risposto con un lancio di lacrimogeni: in questo caso saranno quindi valutate le telecamere di sorveglianza del Bentegodi.

I momenti di tensione però sarebbero proseguiti anche al termine del triplice fischio, con alcuni tifosi scaligeri che avrebbero trovato le proprie auto, parcheggiate all'uscita della tangenziale, con i finistrini rotti. La polizia invece è dovuta intervenire per sedare gli animi nei pressi dello stadio, dove si trovavano alcuni irrequieti sostenitori scaligeri, e nella zona di via Sogare, dove si trova il parcheggio riservato agli ospiti. Le forze dell'ordine però hanno fatto sapere che nessuno scontro sarebbe avvenuto.

Hellas Verona - Vicenza 3-2 | Romulo allo scadere decide un pazzo derby veneto
Una rete del centrocampista brasiliano regala ai gialloblu la vittoria e la certezza del secondo posto, dopo che i berici avevano rimontato la rete di Siligardi con Bellomo ed Esposito, ed essere raggiunti da Bessa

Luca Stoppele
01 maggio 2017 12:40

L'Hellas Verona si aggiudica per 3-2 il derby veneto contro il Vicenza, andato in scena allo stadio Bentegodi e valido per la trentanovesima giornata di Serie B.

Non è stata una partita per deboli di cuore quella disputata sul terreno di gioco scaligero nel pomeriggio della Festa dei Lavoratori: ritimi alti, battaglia a tutto campo, belle giocate ma anche numerosi errori, hanno tenuto col fiato sospeso i tifosi di ambedue le fazioni fino al triplice fischio, dopo il quale si è scatenato un piccolo parapiglia che ha portato alle espulsioni di Pucino e Valoti.
Il match si è aperto con i padroni di casa impegnati a fare la partita, con gli avversari pronti ad aggredirli in tutte le zone del campo per non concedere un facile fraseggio. La spinta del Bentegodi però si è fatta sentire: Romulo a destra ha provato a spingere fin da subito, ma è stato Pazzini al 14' a rischiare di soffiare la sfera dalle mani di Vigorito, dopo un'insidiosa punizione di Bessa. Al 16' Siligardi ha dato un primo assaggio delle sue possibilità, destreggiandosi in mezzo a tre uomini sulla destra, prima accentrarsi e lasciar andare il sinistro, deviato in angolo da Adejo. Quattro minuti dopo infatti, lo stesso esterno ha ricevuto palla sulla trequarti, prima di accentrarsi evitando la marcatura e fulminare Vigorito dal limite dell'area. Sotto di una rete in un match continuamente spezzettato dai falli, il Vicenza allora ha provato ad alzare il baricentro, senza creare particolari pericoli, mentre i gialloblu hanno provato a far girare la palla alla ricerca del giusto varco. Al 33' però Bellomo, lasciato libero sulla parte sinistra del limite dell'area, ha ricevuto palla da Orlando e con un gran tiro a giro ha rimesso il risultato in equlibrio. Sugli spalti e in campo gli animi hanno iniziato a scaldarsi sempre di più: al 43' Bessa ci ha provato dal limite cogliendo il palo, sulla sfera è piombato Pazzini che ha ribadito in rete, ma Abbattista ha annulato tutto per il fuorigioco dell'attaccante. Nel recupero di un primo tempo molto agonistico, prima Luppi ha visto Esposito respingere con il corpo la sua potente conclusione e poi Romulo ha cercato la rovesciata dopo l'uscita a vuoto dell'estremo difensore berico, venendo però ostacolato da una gamba tesa (non segnalata) di un difensore.

La ripresa è iniziata ancora su ritmi molto alti, con gli ospiti che dopo 5 minuti hanno avuto subito una buona occasione con De Luca, ma lo schema su punizione è stato neutralizzato dalla pronta uscita di Nicolas. La buona partenza del Vicenza ha trovato poi la riposta dei gialloblu, con Bessa che pochi minuti dopo ha ricevuto palla in seguito ad una percussione di Siligardi, ma dal limite non è riuscito ad angolare con il destro. Al 54' è stato invece Caraccolo a colpire di testa senza trovare la porta, con Luppi bene appostato che non è riuscito a ribadire in rete. Siligardi invece, due minuti dopo, ha proseguito il suo personale show, ma il suo tiro di sinistro ha trovato il piedone di Adejo. Il Vicenza però è sempre rimasto in agguato e a mezzora dal termine, Bellomo dalla bandierina ha trovato la testa di Esposito che non ha lasciato scampo a Nicolas: un gol a dire il vero irregolare, visto che il difensore si è liberato con un vistosa spinta di Siligardi, incredibilmente non ravvisata dall'arbitro e dai suoi collaboratori. Pochi minuti prima, Pecchia aveva tolto Luppi per inserire Valoti, privandosi così di un esterno d'attacco "di professione" per avere qualcosa in più in termini di inserimento. I primi ad avere una nuova palla gol però sono stati i ragazzi di Torrente, con la provvidenziale chiusura di Ferrari che ha impedito a De Luca di arrivare in porta. Dopo qualche momento di confusione per i gialloblu, con Abbattista in chiara difficoltà nel gestire la tensione che si stava creando sul terreno di gioco (tra l'altro dopo qualche errore di valutazione), l'undici di Pecchia ha iniziato ad attaccare a pieno organico, faticando però a trovare varchi nella difesa berica e lasciando spazi al contropiede avversario. Al 74' allora Bessa si è messo in proprio, lasciando partire un gran destro da distanza siderale, che ha costretto Vigorito ad un'eccezionale parata per toglierlo dall'incrocio. Ma, come detto in precedenza, tutti questi assalti hanno lasciato anche varchi per le ripartenze biancorosse e all'85' solo il recupero di Souprayen ha impedito ad Ebagua di mettere la parola fine al match, dopo che l'attaccante nigriano si era già liberato con un pallonetto di Nicolas. Sull'immediato ribaltamento di fronte il tocco morbido di Siligardi ha trovato il fondo, mentre il successivo tiro di Giacomelli invece è terminato alto. I vicentini nel finale hanno provato ad aggrapparsi al loro portiere, che prima ha detto di no all'ennesimo tentativo del numero 26 e poi anche a Pazzini, che aveva raccolto la sua respinta. Un missile di Bessa all'89' però non ha lasciato all'estremo difensore e dato il via ad un finale di fuoco: subito dopo i gialloblu hanno protestato per un mani di Ebagua in area, poi Valoti non ha trovato la porta con un colpo di testa e Ganz, servito da Pazzini, ha sparato alto al 94'. Ma all'ultimo minuto di recupero Romulo al volo, ha trovato l'angolino alla sinistra di Vigorito, facendo esplodere il Bentegodi.

Sono tre punti fondamentali per i gialloblu, che si riportano a cinque lunghezze di distanza dalla capolista Spal e tengono a debita distanza il Frosinone. Punti che sono arrivati al termine di un match molto bello dal punto di vista agonistico e dei ritmi, ma anche ricco di errori in fase d'impostazione e di fraseggio. Discutibili anche alcuni cambi di Pecchia, come quello che ha visto Luppi uscire dal terreno di gioco con il risultato ancora in parità e Pazzini ancora una volta non servito nel modo adeguato nel corso della gara. Il Verona però ha dimostrato di avere la voglia e la grinta necessari a provare lo sprint finale verso la Serie A: prossima tappa, la sfida di sabato in casa dell'Entella, alla quale non potranno partecipare gli squalificati Bruno Zuculini e Souprayen.

FONTE: VeronaSera.it


SERIE B
Corriere di Verona: "Bessa uomo derby. L'Hellas ha il suo re"
03.05.2017 10.57 di Luca Bargellini Twitter: @barge82
Corriere di Verona: "Bessa uomo derby. L'Hellas ha il suo re"
Dopo la vittoria nel derby contro il Vicenza il Corriere di Verona propone quest'oggi un pezzo su Daniel Bessa, il giovane centrocampista italo-brasiliano che con il suo gol ha rimesso in pari la bilancia del risultato prima del gol vittoria di Romulo. "Bessa uomo derby" titola il quotidiano: "L'Hellas ha il suo re. Il brasiliano vero trascinatore dell'epica serata al Bentegodi".

SERIE B
Vicenza, Torrente: "Sconfitta immeritata, il gol del 3-2 è irregolare"
01.05.2017 20.34 di Simone Lorini Twitter: @Simone_Lorini
Vincenzo Torrente, tecnico del Vicenza, parla così in conferenza stampa dopo il pesante ko ottenuto contro il Verona: “Non meritavamo assolutamente di perdere. Abbiamo avuto due occasioni per chiudere la partita e invece l’abbiamo persa e c’è molto dispiacere per i nostri tifosi. Prestazione ottima ma dovevamo essere più cattivi sotto porta. Loro hanno giocatori di Serie A e quindi ci hanno colpito anche se sul 3-2 c’è un blocco irregolare su Siega. Le occasioni di Giacomelli ed Ebagua sono opportunità da non fallire perché poi le paghi. Rimane la prestazione e giriamo pagina pensando alla partita fondamentale contro la Ternana. - le parole raccolte da biancorossi.net - Penso che sarà una mazzata che ci colpirà per un giorno, poi penseremo alla salvezza che passa per la gara decisiva di sabato. Ebagua? E’ da mesi che non sta bene, questa settimana ancora di più. Ho preferito giocare con tre piccoli per attaccare la profondità. Poi ho dovuto effettuare tre cambi forzati per chi ha dato tutto e quindi ho dovuto inserire anche Ebagua che ha avuto un’occasione che da sano avrebbe concretizzato. La squadra è viva ed ha dimostrato nelle ultime tre partite che è forte e può farcela. I ragazzi faranno di tutto per centrare l’obiettivo”.

SERIE B
Hellas Verona, Troianiello: "Oggi è andata veramente bene"
01.05.2017 20.04 di Simone Lorini Twitter: @Simone_Lorini
Gennaro Troianiello, centrocampista dell'Hellas, parla così al termine della sfida al Vicenza, finita 3-2 per gli scaligeri: “Sono felice perché oggi è andata veramente bene e sono contentissimo per la vittoria. Prima di farmi entrare, il mister mi ha detto che dovevo entrare e fare qualcosa in più. Il mio ingresso è andato anche bene, perché Siligardi mi ha passato diversi palloni buoni, sono felice di aver contribuito sul campo. Non ci aspettavamo un ribaltone all’ultimo minuto, ma ci abbiamo creduto fino alla fine. Si sentiva che i tifosi ci credevano, forse anche più di noi, e questo ci ha dato una carica pazzesca. Siamo un bel gruppo, è stata una vittoria di tutti noi", le parole raccolte da tuttohellasverona.it.

SERIE B
Hellas Verona, Romulo: "Tornare in Nazionale sarebbe bellissimo"
01.05.2017 18.53 di Simone Lorini Twitter: @Simone_Lorini
Il centrocampista dell'Hellas Verona Romulo, parla al termine di Verona-Vicenza, finita 3-2: “Giocare in Nazionale sarebbe una delle cose più belle della mia vita, l’ho dovuta abbandonare per un problema che non avrei mai pensato". Tornando sulla gara invece: "Abbiamo festeggiato fino ad ora, abbiamo abbracciato anche il presidente quando è entrato in spogliatoio, così come il ds, il mister, tutti. Abbiamo vissuto dei momenti difficili in questi mesi ma proseguiamo sempre tutti uniti, è la nostra forza".

EUROPA
Hellas Verona, Pecchia: "Una giornata da ricordare, creato tanto"
01.05.2017 17.23 di Simone Lorini Twitter: @Simone_Lorini
Fabio Pecchia, tecnico dell'Hellas Verona, parla così ai microfoni di Sky dopo il successo colto contro il Vicenza: "Di fronte avevamo una squadra che si è difesa bene, abbiamo creato tanto e i gol sono venuti con tiri da fuori. Andare a trovare qualcosa di negativo oggi è difficile, una giornata da ricordare. Non abbiamo un grande vantaggio, può aumentare dopo stasera o rimanere uguale, ma cambia poco, dobbiamo fare il nostro percorso. Il campionato è così equilibrato che può succedere di tutto, questa è la Serie B: abbiamo inciampato troppe volte nella parte iniziale del girone di ritorno, dobbiamo guardare avanti".

ALTRE NOTIZIE
Le pagelle del Verona - Bessa da fantascienza, Romulo all'ultimo istante
Verona - Vicenza 3-2

01.05.2017 17.08 di Dimitri Conti Twitter: @dimitri_conti
Nicolas 5,5 - Di fatto cade al primo tiro in porta: Bellomo inventa una traiettoria davvero imparabile. Meno reattivo invece nel respingere l'incornata di Esposito, che manda oltre la linea.

Romulo 7 - Partita a due facce: si scorda di difendere sul gol del pareggio di Bellomo, ma sistema le cose all'ultimo istante con un ottimo destro al volo che regala il derby ai suoi.

Ferrari 6 - Puntuale nelle letture, si affida spesso e volentieri al gioco d'anticipo. E nel finale di arrembaggio scaligero è di fatto l'ultimo vero difensore rimasto sul terreno di gioco per gli ultimi minuti.

Caracciolo 5,5 - Nel primo tempo è generalmente molto presente, chiudendo le iniziative vincentine. Ma nella ripresa è più distratto: Esposito gli stacca sopra e va ad insaccare in rete.

Souprayen 5,5 - Poca incidenza nella manovra dei suoi. Quando i veronesi attaccano sul suo lato non ottengono i riscontri sperati: i suoi cross non arrivano quasi mai. E su Orlando soffre spesso.

Zuculini 5,5 - Offre poco alla manovra veronese. Si muove sul fronte di centrocampo, ma non sa mai liberarsi per tentare l'iniziativa. Autore di molte scintille con Orlando, prima della sua uscita. (dal 76' Ganz s.v.)

Fossati 6 - Posizionato nel mezzo tra i tre centrocampisti da Pecchia, ha il compito di schermare e far ripartire i suoi. È tra i più carichi nel finale dei suoi, dove ferma Siega in tackle.

Bessa 7,5 - Devastante. La sua discesa nel primo tempo si conclude con un palo, ma si rifà nella ripresa, andando a segnare un gol da fantascienza. Prima aveva chiamato Vigorito al miracolo.

Siligardi 7 - Sblocca il pomeriggio del Bentegodi con un bel sinistro ad incrociare dopo un'iniziativa personale. Anche nella ripresa è nel vivo della manovra, anche se fa meno male.

Pazzini 6 - Esposito lo marca con una certa attenzione, e non sempre riesce a divincolarsi. In gol nel primo tempo, ma è in fuorigioco. Nella ripresa più sponde che tentativi personali.

Luppi 5,5 - Resta in campo per poco meno di un'ora, nella quale non si fa notare particolarmente per aver inciso sulle sorti della partita. Prova a far male ma gli manca la lucidità (dal 58' Valoti 5,5 - Non entra subito in partita. Sfortunato anche perché nell'azione dopo il suo ingresso gli ospiti vanno a segno. Potrebbe colpire nel finale, ma manda alto di testa da buona posizione).

SERIE B
Romulo regala il successo all'Hellas: Vicenza ko al 95'
01.05.2017 17.04 di Marco Frattino Twitter: @MFrattino
Il Verona vince in extremis ed è certo della seconda posizione in Serie B, almeno per una settimana. 3-2 il risultato finale nel derby veneto tra l'Hellas di Fabio Pecchia e il Vicenza di Vincenzo Torrente, che ha sperato di conquistare l'intera posta in palio. I biancorossi, infatti, erano riusciti a rimontare l'iniziale svantaggio (gol di Luca Siligardi al 20') con le marcature di Nicola Bellomo al 33' e Andrea Esposito al 59'. Nel finale, invece, il controsorpasso dell'Hellas: Daniel Bessa ha pareggiato al minuto 88, poi Romulo ha segnato al 95'. I veronesi arrivano a quota 69 punti dopo 39 giornate, il Vicenza resta in zona playout con 41 punti.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


01.05.2017
Derby incredibile
All'ultimo respiro l'Hellas avvicina la A


Trionfo con il Vicenza al Bentegodi: l'Hellas vince con una pazzesca rimonta, completata all'ultimo minuto, e continua la corsa verso la Serie A al termine di uno dei derby più incredibili della storia. Prima del match attacco dei tifosi ospiti al pullman gialloblù. Spettacolare la coreografia prima del fischio d'inizio: ventimila palloncini colorati di giallo e di blu volano in cielo all'ingresso delle squadre.

I gialloblù passano in vantaggio con un Siligardi scatenato, che dopo venti minuti batte Vigorito con un gran sinistro da fuori. I biancorossi sembrano in difficoltà ma l'ex Chievo Bellomo, con un bellissimo destro a giro, pareggia i conti poco dopo la mezz'ora.
Nella ripresa il Vicenza passa: gol di Esposito sugli sviluppi di un calcio d'angolo, ma l'azione è viziata da un'evidente spinta del vicentino su Siligardi. Gol da annullare, ma Abbattista conferma la tradizione sfavorevole con i gialloblù.
Pecchia butta dentro tutte le punte, e negli ultimi minuti, dopo che il Vicenza spreca il 3-1, si concretizza l'incredibile: all'88esimo Bessa da fuori batte Vigorito, che aveva inanellato un miracolo dopo l'altro. Dopo un rigore negato all'Hellas per un fallo di mano di Ebagua, al quarto minuto di recupero, su un cross dalla destra, Romulo trova l'angolino.

Il Bentegodi eplode, tensione finale fra le due squadre con espulsione di Pucino e Valoti.

Le formazioni
HELLAS VERONA (4-3-3): Nicolas; Romulo, Ferrari, Caracciolo (40' Troianiello), Souprayen; Zuculini B. (75' Ganz), Fossati, Bessa; Siligardi, Pazzini, Luppi (57' Valoti).
A disposizione: Coppola, Pisano, Boldor, Zaccagni, Fares, Cappelluzzo. All.: Pecchia.

VICENZA (4-3-3): Vigorito; Pucino, Esposito, Adejo, D'Elia; Signori, Gucher, Bellomo (68' Rizzo); Orlando (62' Siega), De Luca (75' De Luca), Giacomelli
A disposizione: Costa, Bogdan, Doumbia, Bianchi, Zivkov, Cernigoi. All.: Torrente.

Arbitro: sig. Eugenio Abbattista (sez. Aia Molfetta). Assistenti: sigg. Lorenzo Gori (sez. Aia Arezzo) e Antonino Santoro (sez. Aia Catania).

I marcatori
19' Siligardi 33' Bellomo 57' Esposito 88' Bessa 94' Romulo

La cronaca del primo tempo
10' Grande equilibrio in avvio di match e nessuna occasione da gol per le due squadre
13' Botta rasoterra su punizione di Bessa, Vigorito non trattiene e per poco non ne approfitta Pazzini
16' Gran numero di Siligardi che dopo aver saltato tre avversari calcia a giro troppo alto
19' GOL DEL VERONA! Siligardi scatenato supera un avversario e di sinistro dal limite batte Vigorito!
33' GOL DEL VICENZA. Palla per Bellomo appena dentro l'area, che fa partire un destro a giro imparabile per Nicolas
42' Azione fotocopia del gol di Siligardi da parte di Bessa, ma il suo pallone termina sul palo e Pazzini segna ma in fuorigioco
46' Cross di Fossati, Vigorito a vuoto, Romulo tenta la rovesciata ma il suo tentativo viene intercettato

La cronaca del secondo tempo
4' De Luca a tu per tu con Nicolas, ma il portiere riesce a farlo allargare e l'occasione per gli ospiti sfuma
6' Occasionissima dal limite dopo un rimpallo per Bessa, che calcia troppo debole e centrale addosso a Vigorito
11' Gran botta di Siligardi, pallone deviato da un difensore in angolo
13' GOL DEL VICENZA. Esposito su un corner stacca e supera Nicolas. Ma prima di colpire aveva nettamente spinto Siligardi.
29' Conclusione all'incrocio dei pali di Bessa, miracolo di Vigorito
40' Siligardi sfiora il palo con un pallonetto che lacia immobile Vigorito
42' Doppio miracolo di Vigorito, prima su Siligardi e poi su Pazzini. Porta stregata
43' GOL DEL VERONA!!!! Gran botta di Bessa da fuori, stavolta Vigorito non può nulla
44' Mano di Ebagua in area, Abbattista non fischia e l'Hellas protesta
48' Sponda di Pazzini, Ganz da ottima posizione la mette alta
49' ROMULO!!!!!!!!!!!! All'ultimo secondo su un cross dalla destra il brasiliano la mette dentro!!!
51' Tensione dopo il fischio finale, espulsi Valoti e Pucino

01.05.2017
Rimonta epica Pecchia esulta «Ma non è finita»
«Una vittoria che dedichiamo ai nostri tifosi, sono stati incredibili. Io una partita così non l'ho mai vissuta nemmeno da giocatore. È una partita che resterà nel nostro cuore». Dopo l'incredibile rimonta contro il Vicenza, l'allentatore del Verona Fabio Pecchia ringrazia «lo spirito e la determinazione dei miei ragazzi. Una vittoria che ci dà una carica e una determinazione incredibile».
Il tecnico gialloblù rende merito all'ingresso decisivo di Troianiello (che in sala stampa ha detto: «Uno stadio così non esiste da nessuna parte»), ma non si monta la testa: «Ci sono ancora nove punti in palio, il campionato è ancora lungo e dobbiamo continuare così». A Chiavari, contro la Virtus Entella, mancheranno gli squalificati Valoti, Souprayen e Bruno Zuculini.

01.05.2017
Derby, pullman del Verona preso a sassate

Tensione allo stadio a Bentegodi prima del derby tra l'Hellas e il Vicenza. Un gruppo di tifosi biancorossi ha preso a sassate il pullman che trasportava i giocatori del Verona. Tanta paura, nessun danno alle persone ma botte alla carrozzeria esterna e vetro scheggiato.
I lanci sono stati fatti quando il pulman stava lasciando la tangenziale per salire verso lo Stadio, quindi probabilmente dal parcheggio accanto al palazzetto dove ci sono i tifosi ospiti.
Luca Mantovani

FONTE: LArena.it


Pecchia: «Partita che rimarrà nel nostro cuore, continuiamo a correre...»
01/MAGGIO/2017 - 18:30
Verona - Le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù Fabio Pecchia, rilasciate al termine di Hellas Verona-Vicenza (3-2), 39a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

«Una partita emozionante, una vittoria sofferta e meritata. Il Vicenza si è difeso bene, hanno elementi di qualità. Dopo lo svantaggio ci siamo dovuti esporre, siamo rimasti freddi e lucidi per riuscire a portarla a casa. Non era facile trovare il varco giusto, abbiamo creato molto, tante situazioni, tanti tiri. E' una partita che rimarrà nel cuore dei miei giocatori, nel cuore della gente. La classifica? Cambia poco, dobbiamo continuare per la nostra strada. Mancano tre gare, c'è da rincorrere. Ora c'è l'Entella, una squadra che lotta per i playoff, ogni partita ha le sue difficoltà, la testa è già là. Recuperiamo tutte le forze necessarie, usando le energie positive che regala una vittoria come questa».

Romulo: «Gol emozione inspiegabile. Che gioia, ora guardiamo avanti»
01/MAGGIO/2017 - 18:25
Verona - Le dichiarazioni del centrocampista gialloblù Romulo, rilasciate al termine di Hellas Verona-Vicenza (3-2), 39a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

«Il gol? Segnare in un derby, all'ultimo minuto, è sempre un'emozione inspiegabile. Questa giornata mi rimarrà dentro come una grande gioia. Contro il Vicenza è stata una vittoria importante, ora vediamo cosa succede negli altri campi. Come mi sento? Quest'anno sono sempre riuscito ad avere continuità e giocare 40 partite; sono molto contento della mia continuità. Sto molto bene qui a Verona, ho ancora due anni di contratto e ho preso casa. I tifosi oggi ci hanno spinto fino alla fine, si meritano davvero questa vittoria. Bessa? Sta facendo il suo grande percorso, sono sicuro diventerà un top player. Appena è finita la partita ci siamo subito abbracciati tutti quanti, c'è veramente tanta gioia. Questa è una vittoria da squadra vera, continuiamo così nelle prossime tre gare»

Troianiello: «Vittoria del gruppo, a testa bassa per raggiungere l'obiettivo»
01/MAGGIO/2017 - 18:20
Verona - Le dichiarazioni dell'attaccante gialloblù Gennaro Troianiello, rilasciate al termine di Hellas Verona-Vicenza (3-2), 39a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

«Sono felicissimo per questa vittoria, l'abbiamo cercata in tutti i modi. Grazie ai tifosi, ci sostengono sempre e oggi ci hanno dato quel qualcosa in più. Ci hanno creduto, forse anche più di noi. Le mie emozioni? Quando sono entrato ho pensato che sarebbe stata durissima, ma il calcio è bello per questo, ti fa vivere emozioni molto belle. Questa è la vittoria del gruppo, da dedicare ai nostri supportes: non meritano questa categoria e non è una frase fatta. Pecchia mi ha chiesto di spingere molto sulla fascia, voleva vincere la partita. In questo momento mi sento bene, sono contento di dare il mio contrubito alla causa dei gialloblù, sento la fiducia dei miei compagni e del mister. Se punto alla 5 promozione in carriera? Penso a lavorare per il Verona, la strada è sempre la stessa: profilo basso e puntare all'obiettivo, partita dopo partita»

Serie B ConTe.it: Hellas Verona-Vicenza 3-2
01/MAGGIO/2017 - 13:50
Verona - Che rimonta e che cuore gialloblù al Bentegodi! Il Verona si porta a casa il derby col Vicenza conquistando 3 punti importanti in chiave promozione. Nel primo tempo Siligardi porta in vantaggio i gialloblù al 20, poi Bellomo pareggia al 34'. Nella ripresa gli ospiti vanno in vantaggio al 14' con Esposito. I gialloblù, spinti dal pubblico di casa, trovano prima il pareggio con Bessa e poi il gol della vittoria negli istanti finali grazie alla rete di Romulo.

HELLAS VERONA-VICENZA 2-2
Marcatori: 20' pt Siligardi, 34' pt Bellomo, 14' st Esposito, 44' st Bessa, 48' st Romulo.

HELLAS VERONA (4-3-3): Nicolas; Romulo, Ferrari, Caracciolo (dal 41' st Troianiello), Souprayen; Zuculini B. (dal 31' st Ganz), Fossati, Bessa; Siligardi, Pazzini, Luppi (dal 13' st Valoti).
A disposizione: Coppola, Pisano, Boldor,Zaccagni, Fares, Cappelluzzo.
All.: Pecchia.

VICENZA (4-3-3): Vigorito; Pucino, Esposito, Adejo, D'Elia; Signori, Gucher, Bellomo (dal 24' st Rizzo); Orlando (dal 20' st Siega), De Luca (dal 31' st Ebagua), Giacomelli
A disposizione: Costa, Bogdan, Doumbia, Bianchi, Zivkov, Cernigoi.
All.: Torrente.

Arbitro: sig. Eugenio Abbattista (sez. Aia Molfetta).
Assistenti: sigg. Lorenzo Gori (sez. Aia Arezzo) e Antonino Santoro (sez. Aia Catania).

NOTE. Ammoniti: Bessa, Souprayen, Zuculini B., De Luca. Espulsi: Valoti e Pucino (dopo il triplice fischio finale). vSpettatori: 20.848 (paganti: 10.650; abbonati: 10.198).

Verona che trova la vittoria all'ultimo minuto con Romulo, che segna il gol del 3-2 dopo che il Vicenza era anche andato in vantaggio nel secondo tempo con Esposito: dopo il triplice fischio brutto parapiglia che coinvolge più giocatori, con Abbattista che fatica a riportare la calma.
90+7Min.
ESPULI PUCINO E VALOTI. Dopo il triplice fischio, parapiglia in campo tra le due squadre. Abbattista punisce con il rosso questi due giocatori.

FINISCE HELLAS VERONA - VICENZA! 3.2 il risultato finale, decide il gol al 95' di Romulo.
90+6Min.
VERONA CHE TROVA IL GOL VITTORIA! Cross dalla destra, Romulo con una splendida girata sul secondo palo batte Vigorito! Che beffa per il Vicenza!
90+5Min.
Hellas Verona - Vicenza 3-2, Gol dell'Hellas Verona. Rete di Romulo.
90+4Min.
GANZ! Sponda di Pazzini per il compagno che di sinistro, da dentro l'area, manda di poco alto! Che finale di partita!
90+3Min.
Giacomelli calcia sulla barriera, il numero 10 ci riprova ma la sua conclusione è deviata in angolo da Fossati.
90+2Min.
Giacomelli fermato con un fallo al limite dell'area: occasione per il Vicenza che avrà una punizione da buonissima posizione.
90+1Min.
VALOTI! Cross di Siligardi, colpo di testa del centrocampista che termina di poco alto.
90Min.
Cinque i minuti di recupero.
90Min.
Angolo per il Verona: palla respinta, conclusione ancora di Bessa che reclama un tocco di mano di Ebagua in area.
89Min.
PAREGGIO DI BESSA! Botta incredibile dal limite del brasiliano, pallone che termina a fil di palo con Vigorito che non può nulla.
88Min.
Hellas Verona - Vicenza 2-2, Gol dell'Hellas Verona. Rete di Bessa.
88Min.
DOPPIA OCCASIONE PER IL VERONA! Conclusione di Bessa respinta dal portiere, sul tap in calcio potentissimo di Pazzini che il portiere mette in angolo.
87Min.
GIACOMELLI! Contropiede del Vicenza, la punta calcia a lato ignorando un solissimo Signori liberissimo al suo lato!
86Min.
Cambio per il VERONA: esce Caracciolo, entra Troianiello.
85Min.
SILIGARDI! Tiro cross dell'esterno, palla che taglia tutta l'area piccola e termina per pochi centimetri a lato.
85Min.
CHE RISCHIO PER IL VERONA! Palla corta di Caracciolo per Nicolas, Ebagua con un tocco supera Nicolas in uscita ma Souprayen sul secondo palo allontana.
84Min.
Ebagua in pressing ingaggia un corpo a corpo con Caracciolo: alla fine rimane a terra il difensore che però sembra in grado di continuare la partita.
82Min.
Cross di Siligardi che taglia tutta l'area e termina sul fondo: poco movimento ma soprattutto poche idee per gli scaligeri in attacco.
81Min.
Molto teso Torrente in questo finale, per il Vicenza sarebbero tre punti fondamentali per la lotta alla salvezza.
80Min.
Fossati cerca il passaggio in profondità per Ganz che non capisce le intenzioni del compagno: Vigorito può stoppare e guadagnare qualche secondo prima di prendere con le mani il pallone.
79Min.
Tocco di Pazzini per Souprayen, cross del francese troppo facile per Vigorito. Verona che fatica a creare occasioni pericolose.
77Min.
Colpo di testa di Pazzini che manda a lato: adesso il Verona schiera tutto il suo potenziale offensivo, con due prime punte e tre trequartisti.
76Min.
Cambio nel VERONA: esce Zuculini, entra Ganz.
76Min.
Cambio per il VICENZA: esce De Luca, entra Ebagua.
74Min.
CHE PARATA DI VIGORITO! Conclusione di Bessa diretta sotto il sette, gran intervento del portiere che mette in angolo!
73Min.
Azione personale di Romulo che crossa troppo lungo per Pazzini, controcross di Souprayen che sbaglia anche lui la misura del traversone.
72Min.
Grandi spazi ora per il Vicenza, Giacomelli cerca De Luca ma il pallone è lungo, la Zanzara riesce solo a crossare con Nicolas che blocca.
71Min.
AMMONITO DE LUCA. Giallo per la Zanzara che in scivolata colpisce Ferrari senza trovare il pallone.
69Min.
Cambio per il VICENZA: esce Bellomo, entra Rizzo.
68Min.
Ci prova due volte Siligardi: la prima conclusione è respinta da Adejo, la seconda termina ampiamente a lato.
67Min.
Forcing ora del Verona, Vicenza tutto chiuso nella sua metà campo per difendere il risultato.
66Min.
Punizione per il Verona per un fallo di Adejo su Pazzini: ad ogni fischio di Abbattista proteste per entrambe le formazioni.
65Min.
Cambio per il VICENZA: esce Orlando, entra Siega.
64Min.
Molta tensione ora in campo, entra in campo anche Torrente per fermare Pucino che era faccia a faccia con Bessa.
63Min.
AMMONITO ZUCULINI. Giallo all'argentino per un intervento in ritardo su Orlando.
62Min.
CHE CHIUSURA DI FERRARI! Contropiede del Vicenza, De Luca è pronto per l'ingresso in area ma il difensore, in scivolata, riesce ad allontanare.
61Min.
Verona momentaneamente anche in dieci perché Caracciolo è dovuto uscire per farsi chiudere un taglio in testa, dovuto allo scontro con Esposito nel momento del gol.
60Min.
VANTAGGIO VICENZA! Schema su corner del Vicenza con cross di Bellomo per Esposito, colpo di testa vincente del difensore che poi rimane a terra per un contatto nel salto con Caracciolo.
59Min.
Hellas Verona - Vicenza 1-2, Gol del Vicenza. Rete di Esposito.
58Min.
Cambio nel VERONA: esce Luppi, entra Valoti.
56Min.
SILIGARDI! Cross di Bessa basso per per il compagno, controllo e sinistro potente: Adejo con il piede devia in angolo.
55Min.
Luppi che si è spostato sulla destra in questo secondo tempo, con Siligardi centrale e Bessa che si muove sulla sinistra.
54Min.
CARACCIOLO! Colpo di testa del difensore che si avvita a centro area, palla che termina di poco a lato.
53Min.
Cross pericoloso di Romulo con Esposito che anticipa all'ultimo Pazzini. Sembra essersi ripreso il Verona dopo i primi cinque minuti di sofferenza.
52Min.
BESSA! Bella azione di Siligardi che viene fermato al limite dell'area: la palla finisce sul brasiliano che conclude di prima intenzione, blocca a terra Vigorito.
50Min.
Buon inizio di secondo tempo del Vicenza, Verona invece che sembra subire troppo le iniziative dei biancorossi.
49Min.
DE LUCA! Schema del Vicenza con un tocco che mette la "Zanzara" dolo davanti a Nicolas: il portiere è attento in uscita a non farsi superare dal tocco dell'ex Bari.
48Min.
AMMONITO SOUPRAYEN. Lancio di Bellomo per Orlando, trattenuta del francese che si becca il giallo. Proteste del Vicenza che chiedeva il rosso perché l'esterno biancorosso era diretto in porta.
47Min.
Azione del Vicenza: Orlando arriva sul fondo e crossa al centro un pallone troppo alto per Bellomo che non riesce nella deviazione di testa.
46Min.
INIZIA IL SECONDO TEMPO DI HELLAS VERONA - VICENZA! Si riparte dal 1-1 della prima frazione.

Primo tempo ricco di emozioni al Bentegodi, nel derby tra Verona e Vicenza: scaligeri in vantaggio con un diagonale da fuori area di Siligardi, risponde Bellomo con una perfetta conclusione da giro che si infila sul secondo palo. Nel finale Hellas vicino al vantaggio e gol annullato a Pazzini.
Int.
FINISCE IL PRIMO TEMPO DI HELLAS VERONA - VICENZA! 1-1 il risultato parziale, al gol di Siligardi ha risposto Bellomo.
45+2Min.
ROMULO! Cross dalla sinistra, Vigorito non blocca il pallone che si alza, l'italobrasiliano prova una splendida rovesciata ma D'Elia allontana la sfera.
45+1Min.
LUPPI! Pazzini scarica sul Pirata che conclude di potenza da dentro l'area: Esposito con il corpo respinge il tiro che sembrava destinato in porta.
45+1Min.
Due i minuti di recupero.
45Min.
Schema su angolo per il Vicenza, palla che torna a Bellomo che crossa sul secondo palo: ancora attento Nicolas che blocca il pallone.
44Min.
Nicolas fuori equilibrio riesce comunque a bloccare un pallone destinato a De Luca: gara che vive di continue fiammate da parte di entrambe le formazioni.
43Min.
ANNULLATO IL GOL A PAZZINI! Gran azione di Bessa, conclusione che si stampa sul palo con il "Pazzo" a realizzare il semplice tap in. Abbattista però segnala la posizione di fuorigioco della punta ex Inter e Milan.
41Min.
AMMONITO BESSA. Intervento in ritardo dell'ex Bologna su Giacomelli.
40Min.
Giacomelli cerca il grandissimo gol con una conclusione di prima intenzione dai 40 metri: palla che termina altissima sopra la traversa.
39Min.
Clima infuocato ora al Bentegodi, con entrambe le tifoserie che protestano ad ogni fischio di Abbattista.
38Min.
Incredibile colpo di tacco volante di Giacomelli che salva così un corner per il Verona, dopo l'anticipo di Esposito su Pazzini.
37Min.
De Luca sta correndo moltissimo in questo inizio gara, un suo pressing costringe in due occasioni Nicolas a calciare in fallo laterale.
35Min.
Scontro tra Bessa e Gucher, i due non se le mandano a dire con Abbattista che deve fermare il gioco e chiamare a sé i due giocatori per chiedere che si calmino.
34Min.
PAREGGIO DEL VICENZA! Bellomo stoppa in area e lascia partire un destro a giro imprendibile per Nicolas, che gol per il numero 16 biancorosso!
33Min.
Hellas Verona - Vicenza 1-1, Gol del Vicenza. Rete di Bellomo.
32Min.
Conclusione al volo di Giacomelli dal limite, Zuculini con il corpo allontana: l'argentino uomo ovunque di questo Verona.
31Min.
Lancio di Bellomo per Giacomelli, l'esterno prova un gran controllo con il destro ma non riesce a stoppare il pallone. Si lamenta il numero 10 che chiedeva un pallone meno profondo.
30Min.
Verona che sembra essere tornato in possesso dei ritmi di gioco, palla in profondità di Bessa per Pazzini ma chiusura con il corpo di Adejo che permette l'uscita di Vigorito.
29Min.
Contropiede del Verona con Siligardi che serve Luppi sulla sinistra: cross del Pirata per Pazzini, pallone troppo lungo che diventa preda di Vigorito.
27Min.
Tanti contrasti in campo, Vicenza che prova a reagire attaccando soprattutto dalla sinistra, ma non concede spazio la difesa del Verona.
26Min.
Punizione di Bessa sul secondo palo Ferrari cerca di anticipare tutti ma prima di lui arriva Vigorito, che blocca il pallone.
25Min.
Altro contrasto che vede protagonista Esposito, con Pazzini che lamenta un colpo al viso in uno scontro aereo: Abbattista chiama a sé i capitani per chiedere calma.
24Min.
Ritorna in campo Nicolas, si riparte da una punizione per il Verona, con Abbattista che fa segno che si recupererà il tempo perso.
23Min.
Ancora a terra il portiere del Verona Nicolas: entra in campo lo staff medico dei gialloblu.
22Min.
Punizione per il Vicenza: Bellomo mette al centro, Nicolas allontana con i pugni prima di essere travolto da Esposito. Rimane a terra il portiere del Verona.
21Min.
VERONA IN VANTAGGIO! Tocco di Bessa che libera Siligardi sulla trequarti, l'esterno si sposta il pallone sul sinistro e calcia un diagonale dal limite imprendibile per Vigorito.
20Min.
Hellas Verona - Vicenza 1-0, Gol dell'Hellas Verona. Rete di Siligardi.
19Min.
Posizione praticamente di seconda punta per Bellomo, che gioca in linea con De Luca: molto più vicini al centrocampo Giacomelli e Orlando, nel ruolo di esterni.
18Min.
Luppi centra l'imbucata per Pazzini, buona l'idea del Pirata ma pallone troppo lungo per il compagno con Vigorito che blocca la sfera in uscita bassa.
16Min.
SILIGARDI! L'ex Livorno si accentra palla al piede e calcia a giro: palla che termina alta, si lamenta l'esterno che chiedeva una deviazione di Adejo.
15Min.
Verona sicuramente più propositivo ma molto impreciso: tanti i palloni persi dai gialloblu per passaggi troppo lunghi o semplicemente sbagliati.
14Min.
BESSA! Punizione del centrocampista che calcia direttamente in porta, cercando di sfruttare il campo bagnato: la palla rimbalza davanti a Vigorito, il portiere non controlla ma è bravo a bloccare il pallone con un secondo intervento.
13Min.
Intervento di Caracciolo che colpisce De Luca, con la "Zanzara" che si era allungato per prendere il pallone: tanti i fischi dell'arbitro in questo primo quarto d'ora di partita.
12Min.
Lancio lungo per D'Elia, scontro con Romulo on Abbattista che fischia fallo in favore dell'italobrasiliano: protesta l'ex Venezia che era riuscito, a suo dire, a guadagnare un angolo.
11Min.
Primi minuti di partita che vede il Verona a gestire il gioco, Vicenza che cerca di difendersi e ripartire in contropiede.
9Min.
Rischia Nicolas sul pressing di De Luca, il portiere è abile con i piedi a rilanciare lungo evitando l'intervento dell'avversario.
8Min.
Bella discesa di Romulo che arriva sul fondo e crossa di potenza: pallone troppo teso per Pazzini che non ci arriva, si lamenta il Pazzo che chiedeva un pallone meno forte.
7Min.
Chiusura di Giacomelli che alza un campanile in area: ci pensa Vigorito a fermare il pallone con un'uscita alta.
6Min.
Abbattista vuole mantenere la partita calma e per evitare ogni tensione si ferma per parlare con Fossati e Bellomo, che si erano scontrati a centrocampo.
5Min.
Partita iniziata ad alti ritmi, Verona che cerca di servire Pazzini con un cross di Bessa, palla che termina però sul fondo.
4Min.
Bellomo mette al centro un pallone teso: Nicolas in uscita non trova il pallone, ci pensa Caracciolo di testa ad allontanare.
4Min.
Si addormenta due volte Ferrari, che si fa soffiare in due occasioni il pallone da Bellomo: alla fine l'ex Bari guadagna un corner.
3Min.
Subito un pressing molto alto del Vicenza, che non vuole far giocare il Verona: tanta qualità però per i giocatori di casa, bravi a far girare il pallone.
1Min.
Verona con la classica divisa gialloblu a righe orizzontali, Vicenza in biancorosso. Clima infuocato al Bentegodi.
1Min.
INIZIA HELLAS VERONA - VICENZA! Dirige il match l'arbitro Abbattista della sezione di Molfetta.

Formazione VICENZA: 4 3 3 anche per Torrente, che si affida ai suoi giocatori di fantasia e velocità. Prima punta "la Zanzara" De Luca, Giacomelli e Orlando sugli esterni. In mediana Gucher davanti alla difesa, Signori e Bellomo mezzali. Vigorito in porta, Pucino, Esposito, Adejo e D'Elia come linea difensiva.

Formazione HELLAS VERONA: 4 3 3 per Pecchia che schiera una formazione ultraoffensiva. In attacco Pazzini con Luppi e Siligardi, a centrocampo Fossati, Zuculini e Bessa. In difesa Romulo terzino, Caracciolo e Ferrari centrali, Souprayen sulla sinistra. Confermato tra i pali Nicolas.

Partita importantissima per le due compagini non solo per l'avversario di giornata, ma anche per la classifica: il Verona cerca punti per la Promozione diretta in Serie A, il Vicenza per allontanarsi dalle zone calde della retrocessione in Lega Pro.

Dopo Benevento - Avellino, altre grande e sentito derby in questo Primo Maggio di Serie B: l'Hellas Verona ospita il Vicenza in una delle rivalità più importanti nel Veneto del calcio.

Primavera: a Cesena finisce 1-1, si decide tutto contro il Napoli
29/APRILE/2017 - 15:00


Cesena - Pareggia 1-1 a Cesena la Primavera gialloblù, al termine di una gara fisica e combattuta, e visti i risultati degli altri campi la squadra di Massimo Pavanel si trova all’ultima giornata padrona del proprio destino, attualmente qualificata come seconda miglior quinta classificata nei tre gironi. Il primo tempo è piacevole ma quasi privo di occasioni: pressing alto di entrambe le squadre e poca voglia di scoprirsi. La ripresa, invece, è un’altra storia. Dopo pochi secondi dall’inizio, il solito Buxton si procura un rigore al limite dell’area, che Stefanec trasforma con la consueta freddezza. Passano pochi minuti e il Cesena trova il pari, con Farabegoli che raccoglie un cross al termine di un’azione insistita di bianconeri. Nell’ultima mezz’ora i gialloblù producono il massimo sforzo, tirando spesso e volentieri verso la porta romagnola, in particolare con Tupta che spreca una grande occasione. Finisce così 1-1: tutto si deciderà il 13 maggio a Vigasio contro il Napoli.

Il commento dell'allenatore della Primavera gialloblù Massimo Pavanel: «E' stata la gara che ci aspettavamo, il Cesena è una squadra forte e muscolare, che anche all'andata ci aveva costretto al pari. Dispiace solo per le occasioni sbagliate e per aver concesso gol nell'unica chance lasciata agli avversari nel secondo tempo. Avevo detto ai ragazzi che ci saremmo giocati tutto all'ultimo minuto dell'ultima giornata: così sarà. Dobbiamo prepararla al meglio». L'intervista completa nella puntata di HV24 di lunedì.

CESENA-HELLAS VERONA 1-1
Marcatori: 2' st Stefanec (rig.), 11' st Farabegoli.

Secondo tempo
48' Termina qui la partita
44' Il nuovo entrato Aloisi va vicinissimo al gol, tiro potente e palla a lato di un soffio
35' Sempre Tupta! Tiro da ottima posizione deviato in uscita dal portiere
24' Tiro defilato di Maretti, Tosi para a terra
20' Tentativo di Tupta Tupta, che costringe Bianchini a una gran parata
19' Altra occasione per il Verona con Stefaec, che incrocia e manda a lato di poco
16' Ancora Tupta, che punta la difesa e cerca il palo lontano, sfiorato
14' Grande occasione per il Verona da calcio d'angolo con Tupta, alta di un soffio
11' GOL Il Cesena trova il pari con Farabegoli, che segna su cross
2' GOL! Buxton, velocissimo, si procura un rigore al limite dell'area, trasformato da Stefanec
1' Partiti

Primo tempo
45' Si chiude senza grandi sussulti il primo tempo a Cesena
44' Punizione di Gasperoni di poco alta sull'incrocio dei pali
42' Cross dalla sinistra di Gasperi, Tosi esce e fa suo il pallone
33' Tentativo di Danzi, Bianchini blocca senza problemi
25' Tiro-cross di Pavan che impegna Bianchini, che devia sopra alla traversa
15' Occasione per il Cesena, con Akammadu che viene murato al momento del tiro
6' Sgroppata di Badan: servito Tupta, che non riesce a concludere
1' Partiti

CESENA (4-3-3): Bianchini; Dondini, Ceccacci, Farabegoli, Carnicelli (dal 15' st Maretti); Dhamo, Conti, Gasperi (dal 9' st Andreoli); Soumain, Akammadu, Gasperoni (dal 36' st Maleh).
A disposizione: Vitiello, Salcuni, Urso, Felli.
All.: Angelini.

HELLAS VERONA (4-3-1-2): Tosi; Pavan, Baniya, Kumbulla, Badan; Danzi (dal 21' st Cherubin), Guglielmelli (dal 16' st Jurj), Hoxha (dal 35' st Aloisi); Stefanec; Tupta, Buxton.
A disposizione: Carletti, Nigretti, Pettinà, Dall'Agnola, Kyriakopoulos, Dentale, Gecchele, Forgia.
All.: Pavanel.

Arbitro: Guarieri di Empoli.
Assistenti: Marchi di Bologna e Saccenti di Modena.

NOTE. Ammoniti: Danzi, Baniya, Andreoli, Akammadu, Ceccacci.

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC] +   -   =
VITA DA EX: Federico VIVIANI e il futuro da decidersi in 5 partite.

SERIE B: Salta anche BREDA! Il tecnico che era stato sulla panchina della VIRTUS ENTELLA (prossimo avversario dell'HELLAS) fino a ieri è stato esonerato, al suo posto CASTORINA allenatore della primavera di Chiavari...

FORMULA 1: Nel GP di Russia BOTTAS sorprende le FERRARI di VETTEL e RAIKKONEN tenedole dietro fino alla fine! Prima vittoria in carriera per il finlandese della MERCEDES, quarto un HAMILTON in difficoltà per lunghi tratti di gara.

PLAYOFF NBA: Ad OKC non basta il probabile MVP di fine stagione Russel WESTBROOK (quasi una tripla doppia a partita di media in Regular Season) contro i ROCKETS del 'Barba' HARDEN finisce 1 a 3 con HOUSTON che accede alle semifinali come CLEVELAND e GOLDEN STATE, finalisti della scorsa stagione, che rispettivamente contro PACERS e TRAIL BLAZERS piazzano un capotto! 4 a 2 degli SPURS sui GRIZZLIES che al Fedex Forum hannno battagliato sino al quarto quarto con SAN ANTONIO, poi per i neroargento s'è acceso LEONARD e per la squadra di casa s'è spenta la luce! Ora derby texano ROCKETS-SPURS nella prossima serie. 4 a 2 anche per TORONTO MILWAUKEE ma ora per i canadesi arriva lo scoglio Lebron JAMES ed i suoi CAVALIERS campioni uscenti NBA. Nonostante i primi 2 KO in casa BOSTON risorge e batte i BULLS allo United Center per 4 a 2 scavando un vantaggio cospicuo già alla fine del primo tempo grazie ai tiri da 3; per i CELTICS ora in tabellone la semifinale coi WIZARDS.

SERIE B
Verso match con l'Hellas
Entella caccia Breda

30/04/2017 17:01
Roberto Breda non è più l'allenatore della Virtus Entella, prossimo avversario del Verona. La società di Chiavari ha deciso di esonerare il tecnico veneto dopo la sconfitta per 2-0 a Trapani, la terza consecutiva e la quarta nelle ultime cinque partite.

Al posto di Breda promosso Gianpaolo Castorina, 40 anni, allenatore della Primavera dei liguri.
L.VAL.

FONTE: TGGialloBlu.it


Viviani, il futuro in 5 partite: proverà a convincere il Bologna a riscattarlo
Di Francesco Toscano - 28 aprile 2017

© foto www.imagephotoagency.it

Il futuro di Federico Viviani sarà deciso in queste ultime 5 partite: il centrocampista non ha ancora convinto il Bologna a riscattarlo dall’Hellas Verona

Il Bologna di Roberto Donadoni domenica alle 15 ospiterà l’Udinese nel match valido per la 34ª giornata di Serie A Tim. Quello del Dall’Ara sarà un match molto importante per Federico Viviani, centrocampista ex talento della Primavera della Roma, che in queste ultime giornate di campionato si gioca il futuro. Il giocatore, infatti, è arrivato a Bologna la scorsa estate in prestito dal Verona: il riscatto è fissato a 5 milioni, ma non è ancora chiaro se la dirigenza rossoblù deciderà di esercitarlo. Il centrocampista ha giocato un campionato di alti e bassi, non convincendo del tutto Donadoni. L’intenzione del club di Joey Saputo, però, è quella di provarci, magari trattando sulla cifra con l’Hellas.

FONTE: CalcioNews24.com


F1:Mercedes Bottas vince il Gp di Russia
Seconda la Ferrari di Vettel, terzo Raikkonen davanti a Hamilton

domenica 30 aprile 2017
(ANSA) - ROMA, 30 APR - La Mercedes di Valtteri Bottas ha vinto il Gran Premio di Russia. Seconda posizione per la Ferrari di Sebastian Vettel davanti alla Rossa del compagno di squadra Kimi Raikkonen ed alla Stella d'Argento di Lewis Hamilton. Quinta posizione nel Gran Premio di Russia per la Red Bull di Verstappen davanti alle Force India di Perez e Ocon ed alla Renault di Hulkenberg. Nona posizione per Williams di Massa che ha preceduto la Toro Rosso di Sainz Junior.

F1 Russia, Bottas: «Prima vittoria? È valsa la pena aspettare»
Il pilota della Mercedes commenta sul podio il successo sul circuito di Sochi

domenica 30 aprile 2017

© EPA

SOCHI - «È fantastico, ho avuto un’opportunità grazie a questo team e ne sono grato». Valtteri Bottas festeggia dal podio di Sochi la prima vittoria in Formula 1, nel Gp di Russia. Il pilota della Mercedes, partito dalla terza posizione, è riuscito a prendere il comando subito dopo il via, gestendo poi con grande lucidità il vantaggio accumulato nella prima parte della gara.

A TESTA BASSA «Ci è voluto un po’ di tempo, ma è valsa la pena aspettare la prima vittoria - continua il finlandese - L’inizio del campionato non è stato facile e anche oggi c’è stata lotta serrata con la Ferrari, abbiamo dovuto spingere fino in fondo. Non possiamo pensare di realizzare sempre una doppietta sul podio, dobbiamo combattere». Sullo spunto vincente al via, Bottas spiega: «Sono andato meglio degli altri, ho preso la scia di Vettel e sono riuscito a sorpassarlo».

HAMILTON A Bottas arrivano anche i complimenti di Lewis Hamilton: «Un risultato fantastico per lui e per il team, soprattutto vista la prima fila della Ferrari. È stato grandioso». Sulla sua gara il britannico dice: «Non ho avuto problemi con il ritmo, ma le temperature alte del motore mi hanno costretto a rallentare. Non conosco ancora la soluzione, sicuramente l’assetto è stato sbagliato. Dobbiamo lavorare tutti insieme per risolvere».

F1 Russia: Vettel si arrabbia con Massa, poi minimizza
Il tedesco, ostacolato involontariamente durante un doppiaggio, ha rivolto un brutto gesto dei confronti dell'ex ferrarista

domenica 30 aprile 2017
© lapresse

SOCHI - Adrenalina e un po' di nervosismo per Sebastian Vettel nel finale del Gp di Russia, mentre era in lotta con la Mercedes di Bottas. Impegnato in un doppiaggio nei confronti dell'ex ferrarista Felipe Massa, il tedesco è stato involontariamente ostacolato: dalle immagini tv di Sky, si vede il pilota della Ferrari dall'interno del suo abitacolo mostrare il dito medio verso il brasiliano, in segno di disappunto. Un episodio, però, minimizzato da Vettel durante la festa sul podio. «All'ultimo stavo dando tutto per prendere Bottas, Massa forse non ha capito cosa fare, ma non importa, forse non ce l'avrei fatta lo stesso». Un gesto quello del dito medio mostrato ad un avversario che non è nuovo per Vettel che aveva fatto lo stesso ai tempi della Red Bull nei confronti di Narain Karthikeyan dopo la loro collisione a Sepang nel 2012.

MASSA A spiegare l’accaduto è stato anche il brasiliano: «Non c’è stata incomprensione. Ho fatto passare Bottas alla fine del rettilineo, quindi per Vettel non era il momento. Ho affrontato la curva a sinistra ho lasciato lo spazio a destra ma lui non è andato. Forse pensava che non lo guardassi, ma l’avevo fatto e gli avevo dato tutto il lato. Non è successo niente di strano, non penso abbia perso la gara a causa mia».

FONTE: TuttoSport.com

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#VeronaBenevento Romulo

#VeronaBenevento highlights


Wallpapers gallery