HELLAS VERONA 2-0 SALERNITANA: Con un gol per tempo i gialloblù si sbarazzano di un'orgogliosa SALERNITANA che ha più volte sfiorato il pari e, anche sul doppio svantaggio, ha giocato alla pari con la capolista e forse avrebbe meritato di più...

Pubblicato da andrea smarso domenica 29 gennaio 2017 21:50, vedi , , , , , , , , , , | Nessun commento


#VeronaSalernitana +   -   =

RECAP & IMPRESSIONI
Gara soporifera fin dalle prime battute con nessuna emozione particolare sino all'improvviso gol di PAZZINI al 22°: BESSA lancia PISANO sulla destra, affondo di Eros che qualche metro prima della linea di fondo pennella al centro per la girata perfetta di testa del capitano, palla imparabile per GOMIS e VERONA in vantaggio.
La gara si accende e di li in poi aumentano anche i tiri verso le porte ma, aldilà di qualche buona occasione da entrambe le parti (ed una leggera supremazia nel possesso palla da parte degli ospiti), i portieri guardano i palloni volare lontano dai pali o sopra le traverse.
Ripresa nella quale la SALERNITANA si avvicina al pari in due occasioni col palo colto da RONALDO e la palla sciupata dal liberissimo DELLA ROCCA ad un passo da NICOLAS poi il VERONA riprende in mano la gara e al 60° raddoppia con LUPPI che sfrutta al meglio l'assist di Bruno ZUCULINI.
A quel punto il tecnico avversario getta alle ortiche ogni prudenza ed inserisce gli attaccanti DONNARUMMA e JOAO SILVA cercando il tutto per tutto ma, col portoghese ex AVELLINO ed il gran tiro dai 30 metri di PERICO alzato sulla traversa dall'ottima risposta di NICOLAS, i campani riescono solo ad impensierire i gialloblù prima dell'occasionissima che capita sui piedi di PAZZINI nel recupero vanificata da un miracolo di GOMIS che para in due tempi.

Clicka qui per vedere l'album di Verona 2-0 Salernitana

Non è un VERONA spietato quello che batte oggi la SALERNITANA ma tant'è: I gialloblù approfittano appieno di due occasioni-gol sulle tre create nitidamente oggi e quindi la concretezza è senz'altro da elogiare.
A preoccupare sono i 'chiari di luna' difensivi di cui l'HELLAS soffre regolarmente e dei cali di tensione che permettono ad avversari tutto sommato modesti di credere fino all'ultimo nel pareggio.
In sostanza, avanti su questa falsariga, mesi di sofferenza fino a Maggio attendono la squadra scaligera aldilà del gioco propositivo di PECCHIA che espone la sua squadra ad inevitabili pericoli anche quando, come oggi, il 4-3-3 vira spesso in un 4-2-3-1 con FOSSATI 'protetto' da Bruno ZUCULINI in mediana e BESSA ad accentrarsi lasciando spesso la fascia destra alle sovrapposizioni di RÔMULO e la sinistra al vero esterno d'attacco LUPPI.
Tattica ed assenze a parte però, sono convinto che le vere chance promozione l'HELLAS se le giocherà dietro dove dovrà imparare a mantenere la guardia sempre alta a cominciare proprio dal prossimo impegno interno col 'rognoso' BENEVENTO, una squadra in zona playoff che ha inflitto agli scaligeri la prima sconfitta del campionato al 'Ciro Vigorito'.

Radiografia del Gol gialloblù 2016/2017
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
PAZZINI01717
BESSA055
LUPPI134
VALOTI033
GANZ123
FOSSATI123
RÔMULO022
PISANO022
GOMEZ011
SILIGARDI011
ZACCAGNI011
BOLDOR011
ZUCULINI101

LA GARA
Consueto 4-3-3 per mister PECCHIA con uomini praticamente contati al centro della difesa dove, con CHERUBIN e ALBERTAZZI ancora ai box ed il titolare BIANCHETTI fermato dal giudice sportivo, trova posto l'inedita coppia di mancini CARACCIOLO-BOLDOR.
In mediana esordio dal primo minuto per Bruno ZUCULINI con BESSA spostato esterno alto con LUPPI dalla parte opposta e capitan PAZZINI al centro dell'attacco.
Prudente 3-5-1-1 per la SALERNITANA di mister BOLLINI che conferma tra i pali il nuovo arrivato GOMIS con VITALE e IMPROTA esterni alti davanti al terzetto di difensori centrali PERICO-TUIA-BERNARDINI e l'ex ROSINA ad agire sulla trequarti qualche metro dietro a bomber CODA capocannoniere granata con 9 gol e match-winner nell'ultima gara all'Arechi contro lo SPEZIA.

Il FROSINONE nell'anticipo ha agganciato l'HELLAS in testa alla classifica e attende di vedere la risposta scaligera dopo lo scivolone di Latina, un migliao circa i tifosi ospiti sugli spalti del Binti, fischietto designato il signor Fabrizio Pasqua della sezione Aia di Tivoli.
Prima dell'inizio della gara minuto di silenzio in memoria delle vittime dell'hotel Rigopiano e dei soccorritori caduti con l'elicottero nelle montagne dell'aquilano.

9° Mischia in area scaligera con un primo tiro che incoccia sulla mano alta di LUPPI, il signor Pasqua lascia proseguire e la seconda conclusione dei granata, oggi in maglia bianca, esce sul fondo tra le proteste ospiti che vorrebbero un calcio d'angolo.
16° BUSELLATO si destreggia al meglio dal vertice destro dell'area scaligera, supera LUPPI e mira sul palo lontano trovando solo il fondo...
22° HELLAS IN VANTAGGIO: BESSA lancia PISANO sulla destra, affondo di Eros che qualche metro prima della linea di fondo pennella al centro per la girata perfetta di testa di PAZZINI, palla imparabile per GOMIS che riesce solo a deviare nella propria porta e VERONA in vantaggio col 17esimo centro stagionale del capitano.
23° Gamba tesa di ZUCULINI su RONALDO: Secondo cartellino giallo in due gare per il fratellino di Franco.
27° BOLDOR cambia tutta da sinistra in cerca di PISANO ma trova l'intercetto di ROSINA che avanza di qualche metro e poi la da a IMPROTA che s'infila in area e poi prova la conclusione sul primo palo: Palla che esce di un metro ma che pericolo!
34° IMPROTA scende ancora sulla destra, cross sul secondo palo per il colpo di testa di DELLA ROCCA che vola alto sopra la traversa difesa da NICOLAS.
35° Cambio subitaneo di fronte e PAZZINI in area la tocca corta per ZUCULINI alla sua destra, Bruno si fionda ma il suo tiro è ribattuto dalla difesa avversaria...
36° Lancio profondo di BESSA in area per il colpo di testa di BOLDOR che non inquadra lo specchio.
37° Ripartenza fulminea di RÔMULO a destra, palla in mezzo per PAZZINI il cui tiro è contrato... Sulla palla che esce dall'area si getta BESSA che di prima intenzione spara alto da invitantissima posizione centrale!
41° RONALDO dalla distanza spara altissimo.
43° IMPROTA da destra cerca DELLA ROCCA in area, pronto il tiro del centrocampista deviato provvidenzialmente sul fondo da BOLDOR!
46° Dopo un minuto di recupero il signor Pasqua termina la prima parte di gara.


ROSINA lascia a RONALDO che, come rapito dal sacro fuoco, lascia FOSSATI con una finta strepitosa e conclude dal limite con una rasoiata pazzesca che, forse grazie ad una piccola deviazione di CARACCIOLO, s'infrange sul palo alla destra di NICOLAS! SALERNITANA vicinissima al pari...
7° Rapido scambio BESSA-LUPPI-BESSA col brasiliano che si presenta quasi a tu per tu con GOMIS sul corridoio di sinistra, il tiro di Daniel è debole fra le braccia del portiere avverso.
RONALDO trattiene RÔMULO che lo supera, il signor Pasqua punisce il giocatore della SALERNITANA col cartellino giallo.
10° Proiezione offensiva di RÔMULO che traversa in area, CODA colpisce indietro di testa ma GOMIS fa buona guardia e raccoglie...
13° Ospiti vicini al pari: CODA in area appoggia dietro per l'accorrente BUSELLATO che dal limite tira su ROSINA appostato sul dischetto del rigore, BOLDOR interviene ma la palla va al liberissimo DELLA ROCCA che ad un paio di metri da NICOLAS spedisce incredibilmente alle stelle!
14° LUPPI salta BUSELLATO ch lo stende: Cartellino giallo anche per il centrocampista ex CITTADELLA.
15° IL VERONA RADDOPPIA: ZUCULINI s'accentra da destra e sull'intervento di un difensore avversario passa a LUPPI che entra in area dal vertice sinistro, prende la mira e poi batte GOMIS sul palo opposto!
16° Primo cambio HELLAS: Bruno ZUCULINI lascia il posto a ZACCAGNI.
18° Calcio d'angolo battuto da destra da RÔMULO per il tuffo di testa di PISANO, tiro debole, facile preda di GOMIS.
19° Calcio di punizione dalla distanza di VITALE, NICOLAS blocca.
20° RÔMULO in percussione da destra, palla a LUPPI che appoggia a PAZZINI murato all'ultimo momento dalla difesa avversaria!
21° Doppio cambio SALERNITANA: Mister BOLLINI tenta il tutto per tutto con due attaccanti. DONNARUMMA lascia il posto a ROSINA, BUSELLATO viene rilevato da JOAO SILVA, la SALERNITANA passa ad un offensivo 4-3-3.
23° Granata pericolosissimi col tiro-cross in area di JOAO SILVA sul quale non riesce ad intervenire per un soffio DONNARUMMA: NICOLAS smanaccia fuori in tuffo!
26° DONNARUMMA conclude con u destro dal limite: Palla facile per NICOLAS che s'inginocchia e para.
29° PECCHIA chiama in panca LUPPI, è il momento di GOMEZ.
36° Ultimo cambio VERONA: TROIANIELLO entra in campo al posto di BESSA. Cambia anche la SALERNITANA: Dentro BITTANTE per IMPROTA.
39° Spettacolare conclusione dai 30 metri di PERICO: NICOLAS vola ad alzare la palla sopra la traversa con un intervento prodigioso!
42° Prova il tiro dalla distanza anche BITTANTE ma spara alle stelle.
46° JOAO SILVA libero di colpire di testa nel cuore dell'area scaligera: Palla a lato di poco!
48° Occasionissima HELLAS: RÔMULO mette un'altra gran palla in mezzo per PAZZINI, grandissima conclusione del capocannoniere della Serie B sulla quale purtroppo anche GOMIS si oppone alla grande in due tempi!
50° Conclusione pericolosa di VITALE sulla quale NICOLAS respinge di pugno... Il signor Pasqua fischia 3 volte.

SouprayenPecchiaLuppi

I VOTI
  • NICOLAS In una gara in cui non vede quasi mai la palla arrivare pericolosamente verso la porta riesce a far vedere la solita uscita a vuoto (32°) ma anche un grande intervento sul siluro da lontano di PERICO: Voto 6
  • PISANO Ottimo assist per il vantaggio di PAZZINI e qualche altro traversone giocato al meglio, limita tantissimo VITALE che dalla sua parte combina poco e prova anche a bucare GOMIS con un tuffo di testa non colpito purtroppo con la forza necessaria: Voto 7
  • CARACCIOLO Non si nota molto ma è al momento il centrale più affidabile e forte di tutto il pacchetto arretrato (BIANCHETTI compreso), speriamo di non dover più rinunciare ad Antonio: Voto 6
  • BOLDOR Parte con un tackle micidiale ma corretto in anticipo su un avversario ma esagera quando, nel tentativo di cambiare fascia, si fida troppo nei suoi mezzi regalando palla a ROSINA in una zona di campo sanguinosa (27°)... Deve imparare a rimanere più concentrato ma è giovane ed il talento ce l'ha, voto 5,5
  • SOUPRAYEN Gara più che sufficiente oggi per il terzino francese che ha spinto molto vincendo quasi sempre il duello con lo 'spinoso' IMPROTA dalla sua parte: Voto 6,5
  • RÔMULO Continua a latitare il giocatore che ad inizio stagione spaccava le gare ma è pur vero che in tante occasioni (come oggi) non gioca propriamente nel suo ruolo, può dare di più ma anche così sa far male... Voto 6
  • FOSSATI Sbaglia poco ed è pressochè insostituibile come playmaker per PECCHIA, la vicinanza di uno come Bruno ZUCULINI gli giova (anche) nell'inedito 4-2-3-1 varato oggi dal mister, Marco appare sempre a suo agio anche quando è pressato dal corposo centrocampo granata: Voto 6,5
  • ZUCULINI B. Due gialli in due partite ma le caratteristiche dell'argentino le conosciamo, per quelle è stato ingaggiato e grazie a quelle PECCHIA oggi cambia modulo. Pregevole l'assist a LUPPI per il secondo gol: Voto 6,5 (al 61° gli da il cambio ZACCAGNI che fa egregiamente il suo in mediana dosando saggiamente sciabola e fioretto, peccato per quella palla svirgolata sul finire di gara che poteva portare l'HELLAS sul 3 a 0 e regalare un'altra gioia personale al giovane centrocampista, voto: 6)
  • LUPPI Anche Davide alterna buone cose a errori di misura però si fa trovare pronto quando è il momento e raddoppia il vantaggio del VERONA dalla sua posizione preferita, voto 6,5 (al 74° gli da il cambio GOMEZ che dimostra purtroppo il piede da ex attaccante proprio sul più bello all'84° a tu per tu con GOMIS, è vero che sta uscendo da una stagione piena di guai fisici ma non è con prestazioni come questa, e quella di Latina, che convincerà PECCHIA a dargli minutaggio, voto 5)
  • PAZZINI 17esimo centro in campionato a -2 dal record personale di 19 nel 2009-10 in Serie A con la SAMP, Gianpaolo con le sue reti ha regalato al VERONA 21 dei 44 punti attuali in classifica e basterebbe questo a capire quanto è importante il capitano per le sorti scaligere ma non è da dimenticare quanto il 'Pazzo' da in fase difensiva e a livello caratteriale. La doppietta è vanificata da un miracolo di GOMIS: Un gigante! Voto 7,5
  • BESSA Liberato da compiti difensivi grazie all'inserimento dal primo minuto di Bruno ZUCULINI, il brasiliano dispensa calcio e fantasia sulla trequarti ma spreca malamente una buonissima occasione dal limite (37°)... Peccato. Voto 6 (al 74° gli da il cambio TROIANIELLO che tanto simpatico, è un amuleto, fa gruppo ma probabilmente è un ex giocatore che dovrebbe liberare un posto ad un esterno d'attacco finalmente degno di questo nome nel gruppo a disposizione del mister... Ingiudicabile)
  • PECCHIA Con un centrocampista interditore finalmente a disposizione dimostra oggi di non essere un talebano del 4-3-3 e vira su un 4-2-3-1 che da buoni frutti (anche grazie ad un pizzico di fortuna che non può mancare mai, nemmeno alle più grandi): Voto 7
[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =

Mister PECCHIA «Vittoria dal valore altissimo, perché trovata contro una squadra forte ed esperta, al termine di una partita difficile. Risultati altalenanti? Tutto passa dalla continuità, vincere è difficle ma più ne avremo e più avremo possibilità di raggiungere i nostri obiettivi. Il pubblico è stato fondamentale, dobbiamo essere bravi ad accenderlo perché sa essere determinante, sappiamo diventare una cosa sola. Bruno Zuculini? Bravo a rimanere sempre lucido, è calciatore di carattere, sono felice della sua prestazione. Pazzini? Sono felicissimo di averlo, ha fatto un grande lavoro per tutta la partita, come sempre. Ma al di là del singolo c'è sempre il gruppo. Ora pensiamo solo alla prossima sfida, il Benevento» HellasVerona.it

Mister BOLLINI tecnico della SALERNITANA «Noi cerchiamo sempre di interpretare al meglio la partita secondo le nostre caratteristiche. Fino al primo gol stavamo facendo molto bene, tenendo bene il campo sia nella fase di non possesso che in quella propositiva. Nella ripresa siamo scesi in campo con grande spregiudicatezza, ma di fronte avevamo un avversario molto forte che in casa aveva vinto quasi sempre. Meritavamo il pari alla fine del primo tempo e lo meritavamo dopo il primo quarto d’ora della ripresa, ma mi è piaciuto il fatto che la squadra non si sia scoraggiata e abbia continuato a fare la propria partita» USSalernitana1919.it

LUPPI autore del secondo gol scaligero «Quella di oggi è stata una vittoria importante e necessaria, siamo molto contenti. Venivamo da una settimana difficile dopo una brutta sconfitta. Abbiamo reagito mettendo in campo le nostre qualità, la compattezza del gruppo e agonismo. Portare a casa i tre punti oggi significa molto dal punto di vista psicologico. Anche quando sei sotto pressione, devi dimostrare di avere le qualità per fare un buon calcio. Souprayen? Sta disputando un buon campionato. Pazzini? Per noi è fondamentale. Giocare in trasferta? In passato abbiamo dimostrato di poter vincere, dobbiamo riprendere la marcia giusta. In casa possiamo giocarcela con chiunque, inoltre c'è il nostro pubblico che ci da sempre una grande mano. Dobbiamo pensare solo a vincere e guadagnare punti. La Serie B è un campionato equilibrato, sappiamo che c'è da lottare contro tutto e tutti e nessuno ti regalerà mai niente. Ora testa al Benevento, ha calciatori di categoria, è un'ottima squadra come del resto stanno dimostrando di esserlo tutte quante» HellasVerona.it

RONALDO POMPEU DA SILVA centrocampista della SALERNITANA «C’è rammarico, ma anche la consapevolezza di aver giocato alla pari contro una squadra fortissima come il Verona. Peccato per il palo, perché credo che in quel momento la partita sarebbe potuta cambiare. Dispiace per la sconfitta, ma ritengo che oggi abbiamo dimostrato di avere ancora ampi margini di miglioramento. L’importante è essere convinti di poter far bene» USSalernitana1919.it

...Buona la gara di SOUPRAYEN «E' stata una partita difficile, era importante vincere dopo la sconfitta di Latina. La Salernitana si è dimostrata un avversario difficile, ma abbiamo vinto e abbiamo consolidato il primo posto, siamo molto contenti, era importante per noi. Siamo entrati in campo con il giusto atteggiamento: durante la gara abbiamo affrontato delle situazioni difficili da gestire, ma ce l'abbiamo fatta lavorando come squadra. Il mio momento? Il campionato è lungo, ci sta di venire criticati qualche volta, al termine di ogni gara rivedo a analizzo sempre la mia prestazione, confrontandomi anche con mister Pecchia che mi indica sempre dove posso migliorare. Sento la fiducia dell'allenatore e per questo mi impegno per fare sempre meglio. Boldor? E' molto giovane, sa che deve lavorare per crescere, mi trovo bene con lui, così come con il resto della squadra. Ora arrivano gare importanti, vedremo dove riusciremo ad arrivare» HellasVerona.it

IMPROTA che duello sulla fascia con SOUPRAYEN «Siamo molto rammaricati per il risultato, che ritengo sia un po’ bugiardo. Abbiamo creato tanto, mettendo in grande difficoltà una delle squadre più forti del campionato. Siamo stati a bravi a reagire sia dopo il primo che dopo il secondo gol, ma nel calcio se non fai gol è chiaro che paghi. Siamo a stati bravi a costruire tante occasioni da gol, meno bravi in fase realizzativa. Noi andiamo sempre in campo per provare a vincere e dobbiamo ripartire dalla grande prestazione di oggi per fare meglio sabato contro il Novara» USSalernitana1919.it


SouprayenPecchiaLuppi

LE ALTRE DI B +   -   =

Nell'anticipo di Venerdì il FROSINONE ha battuto il BRESCIA grazie al gol di ARIAUDO.
Ieri la SPAL ha impattato a Vicenza per 1 a 1 e rimane al terzo posto con il BENEVENTO che segue ad un solo punto dopo la netta vittoria per 3 a 0 al Vigorito contro il CARPI.
TERNANA di misura sul CITTADELLA, colpaccio del TRAPANI a casa della PRO VERCELLI ma i siciliani rimangono ultimi a -4 dalle Fere rossoverdi.
Pareggiano per 2 a 2 in AVELLINO-ENTELLA e CESENA-ASCOLI, 1 a 1 tra NOVARA e PISA, a reti bianche BARI-PERUGIA.
Domani alle 20.30 SPEZIA-LATINA giocheranno nel posticipo.



ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =

LA PRIMAVERA SCALIGERA SBANCA TRAPANI con un gol di STEFANEC al 90esimo così mister Massimo PAVANEL a fine gara «Sapevamo che sarebbe stata difficile, il Trapani è cresciuto tanto. Nel primo tempo siamo stati poco concreti, ma nella ripresa siamo riusciti a concludere di più e abbiamo meritato questa vittoria. L'urlo finale? Una liberazione, questa gara può davvero rappresentare una svolta. Ora ci prepariamo a Milan e Fiorentina con grande serenità» Hellasverona.it



IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =

FOOTBALL NFL: Dopo aver superato abbastanza a sorpresa i COWBOYS a Dallas, i PACKERS non si ripetono ad Atlanta e cedono di schianto ai FALCONS che conquistano il titolo di divisione e accedono al 51° Super Bowl, ad attenderli i 'soliti' PATRIOTS in casa contro gli STEELERS privi di 15 giocatori per vari infortuni devono rinunciare pure all'attaccante migliore BELL dopo poco tempo; NEW ENGLAND vince quindi la AFC e vola a Houston da favorita per il gran finale del 5 Febbraio ma contro il quarterback RYAN ed il wide receiver JONES sarà tutt'altro che facile...

AUSTRALIAN OPEN: La 35enne Serena WILLIAMS batte in finale la sorella Venus e diventa la tennista più vincente di sempre davanti alla tedesca Steffi GRAF! Il titolo maschile va invece a FEDERER a 5 anni dall'ultimo Slam in una emozionante sfida con Rafa NADAL

BASKET SERIE A2: Dopo essere stata sul +11 a Trieste la TEZENIS VERONA viene recuperata e battuta per 66 a 64...



RASSEGNA STAMPA +   -   =
Serie B, Verona-Salernitana 2-0: Pazzini più Luppi per la vetta solitaria
Con un gol per tempo, l'undici di Pecchia sgancia il Frosinone e si riprende il gradino più alto del podio

domenica 29 gennaio 2017
© LaPresse

VERONA - L'Hellas Verona torna da solo in vetta alla classifica di Serie B. Merito del 2-0 messo nell'almanacco contro la Salernitana nel posticipo domenicale del campionato cadetto. Pazzini e Luppi sono gli uomini copertina nell'undici di Pecchia. Adesso il Frosinone, secondo della classe, è sotto di 3 punti. I granata invece restano fermi a quota 27 lunghezze, nella parte medio-bassa della graduatoria.

PAZZINI E LUPPI GOL - Dopo una lunga fase di pressing, il Verona colpisce i granata al minuto 22: cross di Pisano e Pazzini non sbaglia di testa, 1-0. Prima del riposo le chance migliori capitano sui piedi di Zuculini e Bessa. La Salernitana è molto più convinta nella ripresa: al 49' il tiro di Ronaldo si stampa sul palo, di seguito Della Rocca va a un passo dal pari sfiorando la traversa. Nel miglior momento degli ospiti, i veneti trovano il raddoppio a mezz'ora dalla fine: il colpo del ko lo firma Luppi con un tiro a giro che risulta imparabile per Gomis. La porta per i campani resta stregata fino all'ultimo: Nicolas, infatti, dice di no alla botta da fuori di Perico che meritava migliore fortuna, poi in pieno recupero Joao Silva spreca un'occasione d'oro di testa spedendo il pallone sul fondo.

FONTE: TuttoSport.com


HELLAS VERONA-SALERNITANA, le pagelle
30 gennaio 2017
Le pagelle di Verona-Salernitana 2-0

Termina 2 a 0 per i padroni di casa l’attesa sfida tra Verona e Salernitana. Gli scaligeri, guidati dai goal di Pazzini e Luppi (migliori in campo per i gialloblù), regolano una mai doma formazione granata, che, pur centrando anche un palo con Ronaldo, non riesce mai a concretizzare quanto creato, complice anche la giornataccia del tandem d’attacco Rosina–Coda, sostanzialmente non pervenuti al “Bentegodi”.

Ecco quindi le pagelle di SerieB24 per l’incontro:
Hellas Verona: Nicolas 6.5; Pisano 6, Boldor 6, Caracciolo 6,5, Souprayen 6,5; Romulo 6.5, Zuculini B. 6,5 (61′ Zaccagni 6), Fossati 6.5; Bessa 6 (82′ Troianiello s.v.); Pazzini 7, Luppi 7 (75′ Gomez s.v.).

Salernitana: Gomis 6; Perico 5.5, Tuia 5, Bernardini 6; Improta 6 (82′ Bittante s.v.), Della Rocca 5, Ronaldo 6.5, Busellato 6 (67′ Joao Silva 6), Vitale 5.5; Rosina 5 (67′ Donnarumma 5.5), Coda 5.5.

FONTE: SerieB24.com


PRIMO PIANO
GdS, le pagelle di Verona-Salernitana
30.01.2017 14:30 di Giorgia Segala
Fonte: Gazzetta dello Sport
HELLAS VERONA:
Nicolas 6 – Nel primo tempo tiene ordine in area, ma non deve fare parate. Nella ripresa devia sul palo il tiro di Ronaldo e si supera anche sulla cannonata di Perico.

Pisano 6.5 – Quando scende sulla fascia manda in confusione Vitale, mette sulla testolina di Pazzini un cross delizioso che il bomber trasforma in oro.

Caracciolo 6.5 – La sua assenza a Latina si era fatta sentire. Con lui a dirigere la difesa il reparto appare più sicuro. Un paio di salvataggi provvidenziali nel periodo di maggiore pressione della Salernitana.

Boldor 6 – Un po’ troppo rude, ma ci mette gran volontà. Il resto lo fa Caracciolo standogli a fianco.

Souprayen 6 – Improta lo punta spesso, lui tiene la posizione e non va mai in affanno.

B. Zuculini 6.5 – È buona la prima da titolare, è sempre nel vivo del gioco e nella ripresa consegna a Luppi la palla del 2-0. (Zaccagni 6 – Pochi giudiziosi minuti quando la partita è già in discesa.)

Fossati 6.5 – Ecco un altro giocatore che non può mai mancare se si vuole mantenere elevato il livello della qualità. È il cervello della squadra.

Romulo 6 – Sufficiente, ma con qualche dribbling di troppo. Certe volte è meglio la concretezza.

Bessa 6.5 – Messo alle spalle di Pazzini riesce a dare il meglio. Tratta la palla sempre con eleganza, il gol che spacca la partita nasce dai suoi piedi. (Troianiello s.v.)

Luppi 7 – Dalla sua parte l’Hellas produce le giocate migliori e il merito è soprattutto suo. Bello il gol che chiude la partita. (Gomez s.v.)

Pazzini 7 – Lui c’è sempre: segna il 17° gol in campionato che – per scelta di tempo ed esecuzione – è degno dei migliori bomber. Gomis gli nega il raddoppio nel recupero.

All. Pecchia 6.5 – Ha avuto la conferma che la sua squadra non ha bisogno di dominare per vincere. La qualità dei singoli, ma anche delle giocate, c’è e fa sempre la differenza.


SALERNITANA:
Gomis 6 – Non può farci nulla sui gol. Soltanto nel recupero deve fare una parata vera e propria.

Perico 5.5 – Viene messo alla frusta da Luppi, il migliore dell’Hellas. Nel finale impegna Nicolas con una bordata da una trentina di metri, ma non basta a salvare la sua prestazione.

Tuia 5 – Viene fregato da Pazzini alla prima esitazione, è l’errore che compromette la partita.

Bernardini 6 – Il più sicuro della difesa, con lui alle calcagna il Pazzo non ha molte occasioni per farsi vedere.

Vitale 5.5 – Un buon salvataggio al limite dell’area nel primo tempo, ma poi anche tanta sofferenza quando pressato, preso in mezzo da Romulo e dalle avanzate di Pisano.

Busellato 6 – Si butta in attacco spesso e volentieri, il primo pericolo in area veronese lo crea lui. (Joao Silva 6 – Entra a partita segnata ed è subito brillante, sfiora il gol.)

Ronaldo 6.5 – Ha l’ingrato compito di controllare Bessa, zanzarina fastidiosa, e di creare gioco. Se la cava e colpisce anche un palo.

Della Rocca 5 – Bruno Zuculini è frizzante, difficile da arginare. Spara alle stelle un’occasione ghiottissima per l’1-1: un errore imperdonabile.

Improta 6 – Vivace, crea qualche grattacapo a Souprayen e torna sempre a coprire. Un doppio lavoro utile e dispendioso. (Bittante s.v.)

Coda 6 – Troppo isolato in avanti, finisce nella rete di Caracciolo e Boldor, ma si danna l’anima e merita la sufficienza.

Rosina 5 – Un po’ a sinistra, un po’ al centro, sempre alla ricerca della posizione migliore per poter sprigionare il suo estro. Che però non viene mai a galla. (Donnarumma 6 – Entra troppo tardi, sarebbe servito prima e non a gara già compromessa.)

All. Bollini 6 – Tiene testa alla capolista con un atteggiamento tattico e di compattezza di squadra giusti. Forse poteva inserire prima Donnarumma, ma i gol davanti alla porta non li sbaglia lui.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


NEWS
Romulo: “Verona, bella vittoria”
Il jolly via Twitter dopo il 2-0 alla Salernitana: “Ottima prestazione”

di Redazione Hellas1903, 30/01/2017, 08:32

“Bella vittoria e ottima prestazione”.
Con queste parole Romulo, tramite il proprio account Twitter, ha commentato l’affermazione del Verona sulla Salernitana per 2-0 al Bentegodi, con le reti di Pazzini e Luppi.

NEWS
Pagelle Verona: Terminator Pazzini, Luppi inesauribile
Pisano e Zuculini, assist preziosi. Fossati cervello, Nicolas gran parata

di Matteo Fontana, @teofontana 29/01/2017, 20:01

NICOLAS 6,5
Compie un intervento spettacolare per togliere dalla probabile destinazione dell’incrocio un tiro di Perico. Il risultato, in quel momento, è già sul 2-0. La sua parata evita un finale rovente.

PISANO 6,5
Scodella l’assist cesellato per il gol di Pazzini che dà il via alla vittoria gialloblù. Qualche tocco incerto, ma offre una garanzia di combattività sulla fascia destra.

CARACCIOLO 6,5
Rientra lui e la difesa acquista una maggiore sicurezza. Puntuale in alcune chiusure, dirige la veemenza di Boldor e tiene il timone dietro.

BOLDOR 6
Usa metodi vecchio stampo per tenere lontane le insidie dall’area del Verona: spazza senza badare alla forma. L’irruenza lo espone a qualche rischio.

SOUPRAYEN 6
Controlla il binario di sinistra con accortezza, limitando la fase di spinta. Deve contenere Improta, che è motorino che non si ferma, e non incappa in guai.

FOSSATI 6,5
Il ritorno del suo “cervello” era necessario per dare una logica al Verona. A Latina la sua assenza ha contribuito in modo evidente alla figura modesta dell’Hellas. Alleggerito da compiti di interdizione, governa il gioco con intelligenza.

B. ZUCULINI 6
Mediano d’altri tempi, nello stile alla Nereo Rocco da “gamba o balon”, incassa la seconda ammonizione in meno di due partite con l’Hellas. Ha il merito di offrire a Luppi l’appoggio per il 2-0.

ROMULO 6
Tanto veloce nel dettare il ribaltamento di fronte, quanto troppo egoista nella gestione di alcuni palloni. Non sono sporadici i contropiede del Verona che si smorzano perché lui si incaponisce in dribbling. Occorre più concretezza.

BESSA 6,5
Inizia cercando con fatica la posizione. Corre molto a vuoto, ma quando riesce a capire dove collocarsi dai suoi piedi sono scintille. Lancia Pisano nell’azione del vantaggio dell’Hellas, smista palloni mai banali, supporta Pazzini.

LUPPI 7
Fondamentale per l’apporto tattico che assicura: va avanti e corre all’indietro, un trenino che non rallenta e che permette al Verona di non andare mai in apnea. Fissa il risultato accarezzando il pallone con finezza. Inesauribile.

PAZZINI 7
Il Terminator dell’Hellas: fanno 17 in campionato, e l’ultima gemma è un pezzo tratto dal repertorio di un sensazionale centravanti, qual è lui. Taglio sul primo palo, girata aerea potente, gol, giù il cappello. Spiana la strada al successo del Verona.

ZACCAGNI 6
Entra e dà la dovuta sostanza in mediana.

GOMEZ ng

TROIANIELLO ng

PECCHIA 6,5
Sceglie di partire con il 4-2-3-1 e la scelta viene premiata. Passa al 4-3-3 nel secondo tempo, quando il risultato è già fissato. Abile la conduzione tattica della partita, pur tra qualche rischio.

NEWS
Pazzini e Luppi piegano la Salernitana, il Verona resta solo al comando
Vittoria al Bentegodi contro un avversario difficile. Per il Pazzo gol numero 17

di Andrea Spiazzi, @AndreaSpiazzi 29/01/2017, 19:29

Nuovo riscatto dopo una sconfitta. Il ko di Latina è prontamente cancellato dal Verona che supera la Salerinitana per 2-0, torna a sorridere e conserva i tre punti di vantaggio sul Frosinone (44 a 41) in classifica.
Pazzini e Luppi decidono la gara con due reti d’autore. L’Hellas, cinico il giusto, vince una sfida insidiosa e per nulla facile, contro i campani che restano sempre in partita mettendo a rischio, anche in doppio svantaggio, la porta di Nicolas.
Squalificato Bianchetti, Caracciolo e Boldor formano la coppia difensiva. I terzini sono Pisano e Souprayen. In mezzo al campo Bruno Zuculini affianca Fossati, dietro a Pazzini in tre: Romulo Bessa e Luppi.

La Salernitana risponde con Gomis tra i pali, Perico, Tuia e Bernardini i tre centrali, Improta, Busellato, Ronaldo, Della Rocca e Vitale i cinque a centrocampo, Coda e Rosina in avanti.

Al decimo minuto è la Salernitana a farsi viva in area gialloblù, un tiro di Della Rocca è deviato sul fondo. La gara si gioca a centrocampo dove l’Hellas ricompone la parità numerica arretrando con i tre dietro a Pazzini.

Lo spettacolo latita, prevalgono i tatticismi e le palle lunghe. Il terreno di gioco, e non è una novità, non è in buone condizioni. Al 16’ Busellato taglia l’area con un tiro-cross insidioso non raccolto dai compagni. Fossati cerca di illuminare la manovra ma trova marcatissimi i suoi compagni. Ci vuole un guizzo, che arriva al 22’.

PAZZO-GOL! 1-0 VERONA
L’azione, bellissima, che porta al vantaggio del Verona nasce da un pallone recuperato da Pazzini, ceduto a Bessa che lo prolunga per Pisano. Il cross dalla destra è perfetto e il Pazzo, da rapace, insacca di testa nell’angolo alla sinistra di Gomis. E’ la rete numero 17 in campionato per il bomber gialloblù.

La Salernitana risponde al 28’ con un tiro di Improta fuori di poco. Il Verona , acquisito il vantaggio, mostra maggior sicurezza. Zuculini si fa apprezzare per il recupero di alcuni palloni, Fossati ne gioca in quantità. L’Hellas cresce e cerca il secondo gol. Al 37’ Bessa in corsa calcia a lato di poco dopo un contropiede innescato da Caracciolo e proseguito da Romulo e Pazzini. La Salernitana fatica a superare la metà campo, e quando lo fa si inceppa subito. Boldor bada alla sostanza e non esita a spazzare al bisogno qualche palla vagante. Il romeno esce all’ultimo a contrastare un tiro di Della Rocca al 44’.

RIPRESA: PALO DI RONALDO
La ripresa si apre con un buon ritmo, ed è la Salernitana che va vicinissima al pari al 4’ con Ronaldo che calcia dal limite e la palla che scheggia il palo alla destra di Nicolas.

Risposta Hellas: all’8’ Bessa si invola a sinistra ma preferisce calciare da posizione defilata, la palla è tra le braccia di Gomis.

Al 12’ Della Rocca ha sui piedi la palla dell’1 a 1 ma, libero dentro l’area, calcia alle stelle.

LUPPI! 2-0 VERONA
Gol fallito, gol subito. Il Verona raddoppia al 15’. Zuculini riceve palla da destra, vede Luppi libero a sinistra e lo serve. L’esterno se la aggiusta e la piazza alla sinistra di Gomis: 2-0.

L’assist di Zuculini gli vale mezzo voto in più in pagella. Pecchia lo sostituisce perché stanco e con a carico un giallo rimediato nel primo tempo: dentro Zaccagni al 16’. La Salernitana si sbilancia, il Verona parte in contropiede. Romulo sfiora il terzo gol attendendo troppo. Bollini effettua un doppio cambio al 22’: dentro Donnarumma e Joao Pedro per Rosina e Busellato.

E’ il 30’ quando Luppi esce tra gli applausi, a sostituirlo è Gomez. 33’: Romulo è irritante nello sprecare l’ennesimo contropiede senza servire i compagni per voler segnare. Nel basket verrebbe immediatamente fatto sedere in panchina. Gomez incespica su un pallone prezioso offerto da Zaccagni al 35’. Meno male, si è sul 2-0. Entra Troianiello, esce Bessa al 37’. Venerdì si gioca col Benevento, giusto preservare i migliori.

Nicolas salva la porta al 39’ su una bordata da fuori sotto la traversa di Perico, è l’ultimo pericolo, la porta gialloblù resta inviolata. Pazzini sfiora il tre nel recupero, Gomis lo ferma.

Riscossa atto primo, obbiettivo raggiunto. Venerdì la sfida sarà ancora più difficile. Uno scontro diretto per la promozione. Per battere il Benevento servirà il Verona migliore.

FONTE: Hellas1903.it


NEWS
ORDINE PUBBLICO: trasferta tranquilla per i salernitani. Cori razzisti durante la partita
30.01.2017 15:00 di Enrico Volpe
L'attesissimo match del "Bentegodi" tra Verona e Salernitana ha avuto un' attenzione particolare non solo dal parte dei tifosi "emotivamente" coinvolti in quella che è stata da molti vissuta come una sorta di remake di quella che fu la sfida playoff della stagione 2010/11, ma anche da parte delle forze dell'ordine e della lega di B. In ogni caso tutto è filato liscio e non ci sono stati problemi di tafferugli.

A detta di alcuni tifosi l'organizzazione della trasferta è stata fatta in modo egregio, con un controllo nei pressi di Modena per i tifosi provenienti da Salerno e a Verona nord per i club organizzati del settentrione; anche all'interno dello stadio poi non si sono registrati problemi di alcun genere con le forze dell'ordine né con la tifoseria ospite se non con sfottò e battibecchi a suon di cori.

Proprio in questo senso la Procura Federale sta valutando la possibilità di aprire un fascicolo di inchiesta poiché uno sparuto numero di tifosi gialloblu avrebbe offeso con ululati il portiere granata Gomis oltre ad aver rivolto offese di natura discriminatoria nei confronti dei calciatori della Salernitana. Va da sé che questi episodi, come detto, fanno capo ad un numero di tifosi limitato ma che rappresenta ancora un esempio negativo; la società del Verona ha sempre preso ovviamente le distanze dai suddetti atteggiamenti, tuttavia per i fatti qui riportati rischia comunque una significativa multa.

Tutto sommato, dunque, una trasferta tranquilla sebbene amara per i circa 800 tifosi granata che 5 anni dopo subiscono un'altra batosta in quel di Verona pur potendo applaudire in i propri giocatori usciti a testa alta, proprio come quel 12 giugno del 2011.

NEWS
HELLAS VERONA - SALERNITANA: I Top&Flop della debacle in Veneto
30.01.2017 09:00 di Giuseppe Bottone
23^Giornata di Serie B 2016/17. Stadio Marcantonio Bentegodi di Verona, Domenica 29 Gennaio 2017.

HELLAS VERONA – SALERNITANA 2-0. GAME OVER AL BENTEGODI.

TOP:
MARCO FOSSATI (H. VERONA): gioca un primo tempo sontuoso per i suoi. Il centrocampista nativo di Monza è una spina nel fianco per la squadra granata, sempre presente e nel vivo del gioco dei gialloblù. Alterna grandi giocate sia in interdizione che in impostazione. SONTUOSO

ROMULO (H. VERONA): probabilmente il brasiliano è il calciatore con più qualità in campo, e si vede. L'ex Juventus trasforma in oro tutto ciò che tocca, risultando un incontrastato ammazzapartita. Sua la pennellata per l'inzuccata di Pazzini (troppo solo in area) per l'uno a zero. Si “limita” a servire una quantità industriale di palle d'oro ai compagni. RE MIDA

DAVIDE LUPPI (H. VERONA): come all'andata, la punta ex Modena risulta tra i migliori in campo. Riesce a saltare spesso l'uomo di turno con grande facilità, risultando devastante nelle azioni chiave del match. Suo il gol che chiude la contesa con un piattone destro a tu per tu con l'incolpevole Gomis. PUNTA

RONALDO POMPEU DA SILVA (SALERNITANA): brilla in una partita in cui i granata riescono a tenere testa alla capolista, risultando anche la squadra con più possesso palla in campo (53%). Probabilmente la migliore prestazione in granata da quando è sbarcato a Salerno. Lo si vede costantemente anche in fase offensiva, colpendo anche un palo ad inizio ripresa su una splendida azione personale (in cui mostra i crismi del calciatore brasiliano). Probabilmente sia lui che la Salernitana, meritavano miglior sorte. SFORTUNATO

FLOP:
FRANCESCO DELLA ROCCA (SALERNITANA): non disputa una prestazione malvagia, ma in una partita di calcio spesso vengono a crearsi delle dinamiche in cui si può risultare determinanti sul risultato nel bene o nel male. Quest'oggi a Francesco gli è capitato di determinare le sorti dei granata in negativo. Il centrocampista ex Palermo, dopo un'azione confusa dei granata in area di rigore, spreca sparando alto un'occasione sanguinosa solo avanti a Nicolas. Senza alcun dubbio, siglare in quella circostanza il gol del pareggio poteva essere il capovolgimento della partita. SLIDING DOORS

ALESSANDRO TUIA (SALERNITANA): partita sanguinosa del difensore ex Lazio. Dopo la bella prova contro lo Spezia, quest'oggi risulta tra i peggiori in campo, incidendo fortemente sul risultato con errori grossolani. Sul primo gol, rilancia frettolosamente di testa nel vivo del gioc, perdendosi Pazzini in marcatura sulla ripartenza giallablù. Da rivedere anche sul raddoppio veneto, quando anticipa la marcatura sempre sul bomber ex Inter lasciando colpevolmente solo Luppi di battere a rete. MALE MALE

ALESSANDRO ROSINA (SALERNITANA): probabilmente disputa la peggiore partita da quando è a Salerno. Senza alcun dubbio, sulla sua prestazione, incide quel ginocchio tribolante che non gli permette di rendere al meglio. L'impegno c'è e si vede, ma risulta un calciatore a mezzo servizio che non può dare tutto ed innescare giocate che possono travolgere l'equilibrio dell'incontro. PART TIME

NEWS
PAGELLE: Rosina sottotono, Ronaldo bravo ma sfortunato
29.01.2017 20:00 di Simone Gallo
La Salernitana, dopo la vittoria con lo Spezia, cade per 2-0 in casa dell’Hellas Verona. Tra i migliori sicuramente Ronaldo ed Improta, prestazione da dimenticare, invece, per Rosina. Di seguito le pagelle dei granata:

Gomis 6: non ha colpe sui gol incassati, positivo comunque l’aspetto comunicativo con i compagni di reparto.

Perico 5,5: come i suoi colleghi soffre il tridente gialloblù, nel finale prova a farsi vedere anche in avanti.

Tuia 5,5: perde il pallone in occasione dell’azione che dal il via al primo gol scaligero, almeno riesce a mantenere i nervi saldi.

Bernardini 5,5: si poteva fare meglio in copertura su Pazzini, per il resto c’è stato poco da fare.

Improta 6: cerca di velocizzare la manovra sulla fascia, ma predica nel deserto. Dall’82’ Bittante s.v.

Della Rocca 5: non gioca malissimo, ma ha sulla coscienza la ghiotta occasione sprecata in occasione del possibile pareggio.

Ronaldo 6: lo si vede con maggiore continuità in fase offensiva, ad inizio ripresa va vicino al gol ma il palo si mette sulla sua strada, mezzo voto in meno per il giallo rimediato da diffidato.

Busellato 5,5: meno incisivo in copertura rispetto al solito, esce nella ripresa. Dal 67’ Joao Silva 5: non ci aspettavamo di certo che riuscisse a cambiare la gara, obiettivo raggiunto.

Vitale 5,5: qualche traversone sbagliato ma soprattutto una fase difensiva da rivedere.

Rosina 5: gara spenta ed inconcludente, sbaglia tanto anche nel fraseggio. Dal 67’ Donnarumma 5,5: come l’altro attaccante subentrato non riesce a cambiare le sorti del match.

Coda 5,5: i polloni giocabili che gli sono arrivati si contano sulle dita di una mano, non può sempre fare tutto da solo.

Bollini 5,5: passi indietro, soprattutto sotto l’aspetto del gioco espresso. Non ci aspettava di certo una vittoria a Verona, ma la Salernitana non ha di fatto mai inquadrato lo specchio della porta. Il 3-5-2 manifesta ancora una volta tutti i suoi limiti, magari si poteva osare di più.

NEWS
SALERNITANA: a Verona gara brutta ma Hellas più cinico, granata battuti 2-0
HELLAS VERONA - SALERNITANA 2-0

29.01.2017 19:30 di Simone Gallo
Il posticipo tra Hellas Verona e Salernitana si conclude sul 2-0 per i padroni di casa. Gli scaligeri capitalizzano al massimo le occasioni create, mentre i granata non inquadrano praticamente mai il bersaglio.

Dopo un inizio di gara bloccato, con le due squadre molto compatte ed attente a non regalare spazio, è il solito Pazzini ad aprire le marcature al 23’: l’ex Inter sfrutta al meglio un traversone di Pisano e di testa non lascia scampo a Gomis. Dopo il vantaggio i padroni di casa aumentano il ritmo e cercano di trovare subito il raddoppio con Bessa pericoloso a più riprese. I granata tentano di reagire, ma la loro manovra è troppo macchinosa e prevedibile, quindi facilmente arginabile dagli scaligeri.

Nella ripresa la Salernitana prova subito a rimettere in carreggiata la partita, ma il palo nega il gol a Ronaldo, bravo a crearsi spazio per la conclusione dal limite. Poco più tardi è Della Rocca a rendesi pericoloso, ma l’ex Bologna spreca una ghiotta occasione sparando alto da ottima posizione. Nel miglior momento della Salernitana, è l’Hellas a trovare di nuovo la via del gol: Luppi, servito in area da Zuculini, apre il piattone e trova l’angolino alla sinistra di Gomis. Bollini corre ai ripari ed inserisce sia Donnarumma che Joao Silva, ma i padroni di casa continuano a gestire la gara senza troppi affanni. Dopo quattro minuti di recupero termina così la gara, un passo indietro per la truppa di Bollini, soprattutto sotto l’aspetto del gioco espresso. Ora testa al Novara, avversario decisamente più alla portata della Salernitana.

IL TABELLINO:
VERONA (4-3-1-2): Nicolas; Pisano, Caracciolo, Boldor, Souprayen; B. Zuculini (16’st Zaccagni), Fossati, Romulo; Bessa (36’st Troianiello); Pazzini, Luppi (30’st Juanito Gomez). A disp.: Coppola, A. Ferrari, F. Zuculini, Fares, Siligardi, Troianiello, Cappelluzzo. All.: Fabio Pecchia.

SALERNITANA (3-5-2): Gomis; Perico, Tuia, Bernardini; Improta (37’st Bittante), Busellato (22’st Joao Sulva), Ronaldo, Della Rocca, Vitale; Coda, Rosina (22’st Donnarumma). A disp. Terracciano, Luiz Felipe, Schiavi, Mantovani, Minala, Zito. All.: Alberto Bollini.

Arbitro: Pasqua di Tivoli.
Ammoniti: B. Zuculini (HV), Ronaldo (S), Busellato (S).
Marcatori: 23’pt Pazzini (HV), 15’st Luppi (HV).

FONTE: TuttoSalernitana.com


29 GEN 2017
SOFFRO DUNQUE SONO
Va dato merito a Pecchia e ai suoi ragazzi di rialzarsi sempre dopo ogni sconfitta. Il cammino in casa resta eccezionale, il segnale che il Verona manda al campionato è chiaro. Non siamo morti. La gara con la Salernitana non è stata una passeggiata, un po’ di fortuna (finalmente), tanta sofferenza e sprazzi di splendido gioco hanno steso un’avversaria che ha avuto il merito di giocare a calcio, pur farcendolo della giusta dose di agonismo.

La gara con il Latina aveva creato un’ondata di pessimismo che fa parte del dna del tifoso del Verona abituato a vederne di tutti i colori e a pensare sempre in negativo. Pecchia ha ragione quando chiede di stare tutti uniti, ma deve capire che nel nostro vissuto ci sono clamorose retrocessioni all’ultima giornata e traversie di ogni genere, shock collettivi che poi costituiscono l’immaginario collettivo della gente scaligera, difficili se non impossibili da rimuovere. Siamo fatti così con il solo scopo di volere il meglio per la nostra squadra.

Ecco perchè le nostre discussioni e le nostre chat in questi giorni mettono in primo piano il mercato. Per un normale e distaccato osservatore quello dell’Hellas sarà stato un mercato normale se non buono, con due ritocchi di peso e qualità come Bruno Zuculini e Alex Ferrari. Per un tifoso del Verona (e mi ci metto anch’io nella categoria) è un mercato deludente. E’ ovvio che vorresti avere una difesa di ferro e un attacco stellare e non capisci perchè ti costringano a soffrire anche in questa stagione in cui la società ha incassato una specie di premio per la retrocessione. Sono tanti soldi che dovrebbero metterci al riparo, sportivamente parlando, dalla sofferenza. Invece abbiamo capito benissimo che Setti questi soldi o li ha già spesi prima (boh?) o comunque non li spenderà per rafforzare ancora di più una squadra che lui e Fusco ritengono abbastanza forte per andare in serie A. E così ci dobbiamo accontentare, ricordando quando si stava peggio (veramente) e si navigava nei bassifondi della C1, mentre un ds ci raccontava che eravamo la Juve della categoria.

Sarà, insomma, una sofferenza come sempre. L’essenza stessa di un tifoso dell’Hellas. Altrimenti che gusto ci sarebbe? Alla fine magari scopriremo che Setti lo fa per il nostro bene perché ci tiene che non perdiamo il nostro dna…
Gianluca Vighini

FONTE: Blog.Telenuovo.it.it


Improta: “Ripartire dalla prestazione di oggi”
29 gennaio 2017

“Siamo molto rammaricati per il risultato, che ritengo sia un po’ bugiardo. Abbiamo creato tanto, mettendo in grande difficoltà una delle squadre più forti del campionato. Siamo stati a bravi a reagire sia dopo il primo che dopo il secondo gol, ma nel calcio se non fai gol è chiaro che paghi. Siamo a stati bravi a costruire tante occasioni da gol, meno bravi in fase realizzativa”. Questo il pensiero di Riccardo Improta nel post-partita di Hellas Verona – Salernitana.

L’attaccante granata ha quindi concluso: “Noi andiamo sempre in campo per provare a vincere e dobbiamo ripartire dalla grande prestazione di oggi per fare meglio sabato contro il Novara”.

Ronaldo: “Dimostrato di avere ampi margini di miglioramento”
29 gennaio 2017

“C’è rammarico, ma anche la consapevolezza di aver giocato alla pari contro una squadra fortissima come il Verona. Peccato per il palo, perché credo che in quel momento la partita sarebbe potuta cambiare. Dispiace per la sconfitta, ma ritengo che oggi abbiamo dimostrato di avere ancora ampi margini di miglioramento. L’importante è essere convinti di poter far bene”. Così Ronaldo Pompeu da Silva è intervenuto in conferenza stampa al termine di Hellas Verona – Salernitana.

“Sto benissimo alla Salernitana”– ha concluso il centrocampista granata – “La mia volontà è quella di rimanere a Salerno e spero sia la stessa della Società”.

Bollini: “Soddisfatto dell’atteggiamento della squadra”
29 gennaio 2017

“Noi cerchiamo sempre di interpretare al meglio la partita secondo le nostre caratteristiche. Fino al primo gol stavamo facendo molto bene, tenendo bene il campo sia nella fase di non possesso che in quella propositiva. Nella ripresa siamo scesi in campo con grande spregiudicatezza, ma di fronte avevamo un avversario molto forte che in casa aveva vinto quasi sempre. Meritavamo il pari alla fine del primo tempo e lo meritavamo dopo il primo quarto d’ora della ripresa, ma mi è piaciuto il fatto che la squadra non si sia scoraggiata e abbia continuato a fare la propria partita”. Queste le parole del tecnico Alberto Bollini nel post-partita di Hellas Verona – Salernitana.

Infine sul calciomercato: “Mi confronto costantemente con la Società, che sa sicuramente meglio di me se e dove intervenire per rinforzare questa squadra”.

FONTE: USSalernitana1919.it


Home / Press
Verona, Pazzini: "Serie B? Una squadra in A l'avrei trovata, ma non potevo 'scappare'"
Milan

28/01 10:30 | Press | Autore: Redazione
Diciotto presenze e sedici gol per il bomber "illegale" della serie B: stagione stupenda per Giampaolo Pazzini. Che ci fa nella serie cadetta un goleador del genere? A questa e a tante altre domande ha risposto il "Pazzo" nel corso di una lunga intervista concessa a La Gazzetta dello Sport:

"Sono tornato in B invece di scappare perché quella sarebbe stata la strada più semplice: l’avrebbero fatto tutti. Una squadra di A l’avrei trovata, ma non potevo lasciare un ricordo così brutto. Mi è scattata una molla: far ricredere tanta gente e farne tacere altra. Non mi sono mai sentito un giocatore di B, ma sono qui per scelta e non per caso: la B può far bene anche a 32 anni, non solo a 19 come quando debuttai. Allora era una Serie A-2, ora contano di più corsa, agonismo e cattiveria, si gioca in stadi “ignoranti”, ci sono meno telecamere, vale tutto. C’è anche meno qualità, sì: ma il livello tecnico si è abbassato pure in A. Premier? Si parlò di Everton e West Ham, e tornassi indietro magari ci penserei: lì arrivano tanti cross, i difensori sono molto grossi ma io so come si fa a rubare il tempo. E se mi chiamassero dalla Cina? Il denaro è importante, essere contento di più: non puoi fare una cosa solo per guadagno, altrimenti non te la godi. Però oggi loro ricordano l’Italia di trent’anni fa: i soldi spingono sì".

Parole al miele per Cassano: "Antonio? La mia fabbrica di assist. Lui me lo diceva: 'Io godo più a farti segnare che a fare gol'. E io: 'Antò, per me va benissimo così'. I nostri sms nell’agosto 2012? Lui: 'Per farti andare al Milan sono dovuto andare all’Inter'. Io: 'Per farti tornare in prima pagina, hai dovuto essere scambiato con me'. Per i tifosi che si perdono lo spettacolo è un peccato che non giochi da mesi, ma con Cassano è inutile parlare di rimpianti: poteva fare 15 anni nel Real Madrid, eppure il suo bello è stato essere così, nel bene e nel male. E’ un po’ che non lo sento: non so come finirà, ma troppo lontano, tipo in Cina, non ce lo vedo proprio". Tra i momenti memorabili la tripletta di Wembley con l'Under 21, il giorno dell'inaugurazione, il 24 marzo 2007: "E' un ricordo meraviglioso, ma pure un rimpianto. Quando ero all’Inter mi chiamò il museo di Wembley: volevano le scarpe di quella partita, ma siccome sono gelosissimo delle mie cose del calcio dissi no. Avrei dovuto dargliele: magari sono ancora in tempo, cercherò i loro recapiti per rimediare. Di quella partita ricordo una vigilia lunghissima. Tutta la settimana a dirci fra noi: chi segnerà il primo gol? Poi le piccole cose, tipo il nostro pullman che fatica ad entrare perché la porta d’ingresso allo stadio è piccolissima. E noi: “Ma come, è appena inaugurato: farla un po’ più grande no? ".

Pazzini ha vinto troppo poco? "Più che per aver vinto poco, mi spiace non aver avuto tante occasioni per vincere: ho sempre dato tutto ma potevo essere più fortunato, perché se non sei uno di quei 5-6 giocatori top a prescindere da chi li allena, è l’allenatore che ti fa fare la differenza. E nei momenti decisivi della carriera non ho avuto l’aiuto che mi sarebbe servito a crescere e a fare bene. Allenatori? Al primo posto Allegri e lo ribadisco: è quello che ricordo con più piacere. Da toscani ci si intendeva e aveva un’enorme serenità nel gestire lo spogliatoio. Inzaghi mi usava 5’-10’ anche se stavo benissimo e da un centravanti come lui non mi sarei aspettato che giocasse senza punte. Prandelli? Sul campo uno dei più bravi, poi però diceva una cosa in sala stampa e ne faceva un’altra: male, io preferisco un bel 'Non mi piaci, non ti faccio giocare'. Speravo che il feeling si riaggiustasse in Nazionale e invece lì se possibile si comportò anche peggio. Vedere l’Europeo 2012 in tv fu dura: non lo meritavo, e non perché avevo segnato il gol-qualificazione, ma perché ero parte di quel gruppo e avevo fatto sempre il mio dovere. E invece: neanche nei 30, e senza una parola di spiegazione di Prandelli. C’è di più: tre mesi dopo feci una tripletta con il Milan, mi convocò di nuovo, e poi mi mandò in tribuna: da diventare matto. Io non ho mai preso da parte qualcuno per chiedere spiegazioni, non ho mai telefonato a un presidente, a un d.g. o a un d.s.: ne sono orgoglioso ma, tornando indietro, forse avrei dovuto dirgli qualcosa invece di ingoiare, lavorare e basta".

Pazzo e scaramanzia: "La vera scaramanzia in realtà è non fare più foto posate con il gesto delle due dita sotto gli occhi: lo misero in uno spot Fifa, le cose cominciarono ad andare malissimo e mi dissi “Mai più”. La mia mania è più che altro fare cose ripetute, è anche un modo per “preparare” le partite: sempre lo stesso parcheggio, le stesse cose alla stessa ora, finché si vince la stessa camicia bianca, da anni la appendo nell’armadietto come una reliquia e se il collo diventa un po’ nero pazienza. La Smart nera tamarra invece era per ridere: aveva due trombe pazzesche, una meravigliosa con il verso della mucca. Purtroppo non ce l’ho più: l’ha distrutta mio nipote Alessio".

Altro momento memorabile? La doppietta del 25 aprile 2010, che costò lo scudetto alla Roma: "La sera della doppietta alla Roma ero a cena in un ristorante vicino allo stadio. Ad un certo punto vedo il proprietario bianco in faccia: “Vai in hotel di corsa”, e mi fece uscire da dietro. Fuori c’era un po’ di elettricità... Ad ogni ritorno all’Olimpico mi hanno affogato di fischi, tranne che per Lazio-Samp del campionato dopo: la curva mi consegnò una targa con su scritto 'Con riconoscenza0'. E pensare che quella partita non dovevo giocarla: due turni dopo c’era lo scontro diretto per la Champions con il Palermo, la domenica prima avevo segnato al Milan e visto che ero diffidato stavo per togliermi la maglia, ma un compagno me la tirò giù. Toni me lo rinfaccia sempre, invece Ranieri mi disse che lo scudetto l’avevano perso contro il Livorno".

Cosa farà Pazzini da "grande"? "Firmare un contratto che scadrà nel 2020 è stata una scelta che ho fatto non pensando alla categoria, e comunque non sono sicuro di giocare davvero fino ad allora. Ormai sono in questo mondo da quasi quindici anni, credo di aver capito quasi tutto di come funzionano le cose nel calcio: vivendolo dall’interno un po’di cose brutte le vedi anche se non vuoi, un po’ di disamore ti viene per forza e il resto lo fa il fisico, che ogni tanto lancia qualche segnale. Una cosa è sicura: non mi trascinerò fino al 2020 a fare figure meschine solo perché ho un contratto: voglio lasciare con il ricordo di un’annata bella e sarò io a dire basta, non quella firma che ho messo".

FONTE: GianlucaDiMarzio.com


LA CONFERENZA
Bollini: Verona troppo forte
29/01/2017 22:17
“Noi cerchiamo sempre di interpretare al meglio la partita secondo le nostre caratteristiche. Fino al primo gol stavamo facendo molto bene, tenendo bene il campo sia nella fase di non possesso che in quella propositiva. Nella ripresa siamo scesi in campo con grande spregiudicatezza, ma di fronte avevamo un avversario molto forte che in casa aveva vinto quasi sempre. Meritavamo il pari alla fine del primo tempo e lo meritavamo dopo il primo quarto d’ora della ripresa, ma mi è piaciuto il fatto che la squadra non si sia scoraggiata e abbia continuato a fare la propria partita”. Queste le parole di Alberto Bollini nel post-partita di Verona–Salernitana.
L.VAL.

LA CONFERENZA
Pecchia: Mercato? Spero finisca presto

29/01/2017 21:27
"Abbiamo vinto una partita difficilissima. Siamo stati fortunati in alcuni episodi oggi come eravamo stati sfortunati in altri episodi a Latina. La Salernitana è una squadra forte ed esperta, era difficile affrontarla oggi. Tutto passa dalla continuità: vincere è difficile ma più vinceremo e più avremo possibilità di raggiungere i nostri obiettivi. Bessa più alto? Non cambia molto, ho giocatori in grado di ricoprire più ruoli, questo è un valore aggiunto". Così Fabio Pecchia dopo la vittoria al Bentegodi contro la Salernitana.

Il tecnico del Verona ha continuato: "Il pubblico è stato fondamentale, dobbiamo essere bravi ad accenderlo perché sa essere determinante, sappiamo diventare una cosa sola: mantenere la positività nell'ambiente è fondamentale. Bruno Zuculini? Non era semplice oggi per lui, anche perchè l'ammonizione l'ha condizionato. E' stato bravo a rimanere sempre lucido, è calciatore di carattere, sono felice della sua prestazione, si sta inserendo bene, anche grazie al fratello. Pazzini? Sono felicissimo di averlo, ha fatto un grande lavoro per tutta la partita, come sempre. Ma al di là del singolo c'è sempre il gruppo. Ora pensiamo solo alla prossima sfida col Benevento. Ma comunque dovremo affrontarle tutte, pensiamo sempre partita dopo partita".

L'ultimo pensiero è rivolto agli ultimi due giorni di mercato: "Sono strafelice del mio gruppo. Il mercato conta fino ad un certo punto: speriamo che il mercato finisca presto".
L.VAL.

MIXED-ZONE
Souprayen: Critiche? Fanno parte del gioco

29/01/2017 21:14
"E' stata una partita difficile, era importante vincere dopo la sconfitta di Latina. La Salernitana si è dimostrata un avversario difficile, ma abbiamo vinto e abbiamo consolidato il primo posto, siamo molto contenti, era importante per noi. Siamo entrati in campo con il giusto atteggiamento: durante la gara abbiamo affrontato delle situazioni difficili da gestire, ma ce l'abbiamo fatta lavorando come squadra". Queste le dichiarazioni di Samuel Souprayen dopo la vittoria contro la Salernitana.

Il terzino sinistro del Verona ha proseguito: "Il campionato è lungo, ci sta di venire criticati qualche volta, al termine di ogni gara rivedo e analizzo sempre la mia prestazione, confrontandomi anche con mister Pecchia che mi indica sempre dove posso migliorare. Sento la fiducia dell'allenatore e per questo mi impegno per fare sempre meglio. Boldor? E' molto giovane, sa che deve lavorare per crescere, mi trovo bene con lui, così come con il resto della squadra".
L.VAL.

MIXED-ZONE
Luppi: Lottiamo contro tutto e tutti

29/01/2017 21:13
"Quella di oggi è stata una vittoria importante e necessaria, siamo molto contenti. Venivamo da una settimana difficile dopo una brutta sconfitta. Abbiamo reagito mettendo in campo le nostre qualità, la compattezza del gruppo e agonismo. Portare a casa i tre punti oggi significa molto dal punto di vista psicologico. Anche quando sei sotto pressione, devi dimostrare di avere le qualità per fare un buon calcio". Così Davide Luppi dopo il 2-0 contro la Salernitana.

L'attaccante ex Modena ha continuato: "Sono contento di essere tornato dopo qualche problema di troppo al ginocchio. Pazzini per noi è fondamentale. In casa possiamo giocarcela con chiunque, inoltre c'è il nostro pubblico che ci da sempre una grande mano. Dobbiamo pensare solo a vincere e guadagnare punti. La Serie B è un campionato equilibrato, sappiamo che c'è da lottare contro tutto e tutti e nessuno ti regalerà mai niente. Ora testa al Benevento, ha calciatori di categoria, è un'ottima squadra".
L.VAL.

FONTE: TGGialloBlu.it


Serie B: Verona, 2-0 alla Salernitana e più tre sul Frosinone
del 29 gennaio 2017 alle 19:40
Dopo l'anticipo di venerdì e le partite di ieri, in attesa del Monday Night tra Spezia e Latina, è continuata oggi alle 17.30 la 23esima giornata di Serie B, con il posticipo di cartello del Bentegodi tra Verona e Salernitana: gli scaligeri, guidati in attacco dal solito Giampaolo Pazzini, trovano la vittoria per 2-0 tra le mura amiche e si riportano in prima posizione solitaria, distanziando di tre punti il Frosinone, di quattro la Spal e di cinque il Benevento. Decisivi proprio il Pazzo (17 reti in campionato) e Luppi.

Hellas Verona, le pagelle di CM: Luppi e Pazzini super, opaco Romulo

del 29 gennaio 2017 alle 19:30
di Nicola Corona
Hellas Verona-Salernitana 2-0

Nicolas 6,5
Pisano 7
Caracciolo 6
Boldor 6
Souprayen 6
B.Zuculini 6,5 (61' Zaccagni 6)
Fossati 6,5
Bessa 6,5 (81' Troianiello 6,5)
Romulo 5,5
Pazzini 7
Luppi 7 ( 75' Gomez 6)

All. Pecchia 6

FONTE: CalcioMercato.com


Hellas Verona - Salernitana 2-0 | Pazzini e Luppi colpiscono: Gialloblu soli in vetta
Con una rete per tempo, la formazione di Fabio Pecchia supera i granata allo stadio Bentegodi, al termine di una partita comunque complicata. Il club di via Belgio mette così tre lunghezze fra sè e il Frosinone

Luca Stoppele
29 gennaio 2017 16:26

L'approccio alla partita è sembrato quasi timido da parte degli uomini di Pecchia, forse preoccupati dalla possibilità di lasciare troppi spazi agli uomini di Bollini, aggressivi e ben schierati sul terreno di gioco. In questa prima fase, dove entrambe le formazioni si sono studiate, l'Hellas si è spesso affidato al lancio lungo rinunciando al fraseggio a centrocampo, cercando le sponde di Pazzini o la corsa di una delle ali: espediente che però, in buona parte dei casi, non ha dato i frutti sperati. Il primo quarto d'ora quindi è trascorso senza particolari occasioni, con i campani che hanno piano piano preso coraggio, rischiando poi di andare in vantaggio con il tiro-cross di Busellato. Alla prima vera occasione però ci ha pensato il solito Pazzini, bravo a recuperare la sfera sulla trequarti avversaria dopo una corta respinta della difesa e a lanciare l'azione chiusa dal suo colpo di testa. Ma la rete non è bastata a destare gli scaligeri, ancora poco brillanti, mentre gli ospiti hanno provato ad affacciarsi dalle parti di Nicolas senza però ottenere grandi risultati. Negli ultimi dieci minuti della prima frazione il Verona ha alzato il baricentro, cercando anche di colpire in contropiede quando i granata si buttavano in avanti alla ricerca del pareggio. Il risultato però non è cambiato e l'arbitro ha spedito tutti negli spogliatoi.
Più gradevole il secondo tempo, con la Salernitana che ha aumentato l'intesità per cercare di rimettere in equilibrio la partita e i gialloblu che non si sono tirati indietro. Così prima Della Rocca ha sciupato una ghiottissima occasione per firmare la parità e Luppi invece poco dopo non ha sbagliato, siglando il raddoppio con un pregevole tiro a giro sul palo lontano. Un gol che non è bastato a smorzare le velleità di Rosina e soci, con la partita che minuto dopo minuto è diventata sempre più avvincente, grazie ai continui ribaltamenti di fronte e a qualche intervento al limite del regolamento. Nicolas a venti dalla fine è stato chiamato ad un bel intervento per respingere il tiro-cross di João Silva, poi gli errori commessi da una parte e dall'altra hanno limitato il numero di occasioni, mentre i gialloblu cercavano di gestire il possesso e colpire in contropiede una Salernitana arrembante. Nel finale poi è stato ancora il portiere scaligero a prendersi la scena sulla bordata di Perico e sullala conclusione di Vitale, mentre Pazzini ha sparato su Gomis e Romulo sprecato un contropiede interessante.

Finisce 2-0 grazie alla praticità dell'Hellas Verona, in grado di arginare gli avversari e di punirli non appena possibile. I gialloblu tornano quindi soli in testa alla classifica, con tre punti sul Frosinone e quattro sulla Spal, e venerdì sera al Bentegodi arriva il Benevento.

FONTE: VeronaSera.it


SERIE B
Il Mattino: "Salernitana, a Verona non basta l'orgoglio"
30.01.2017 10.42 di Ivan Cardia Twitter: @ivanfcardia
"Salernitana, a Verona non basta l'orgoglio". Il Mattino, in edicola oggi, analizza la sconfitta dei granata contro l'Hellas. Buona prestazione dei ragazzi di Bollini, troppo forti gli scaligeri, trascinati da un Pazzini in versione.

SERIE B
La Gazzetta dello Sport sull'Hellas: "Pazzini e Luppi spietati"
30.01.2017 09.18 di Ivan Cardia Twitter: @ivanfcardia
"Pazzini e Luppi spietati. Il Verona corre in casa". Le pagine de La Gazzetta dello Sport dedicate alla Serie B celebrano il successo ottenuto ieri dall'Hellas sulla Salernitana. Un gol per tempo dei due attaccanti basta a battere i campani autori di una buona prestazione. È ripartita la fuga, chiosa la rosea.

SERIE B
Hellas Verona, Luppi: "Dobbiamo riprendere la marcia in trasferta"
30.01.2017 00.57 di Giacomo Iacobellis Twitter: @giaco_iaco
Queste le principali dichiarazioni dell'attaccante gialloblù Davide Luppi dopo la vittoria del Verona contro la Salernitana: "Questa è stata una vittoria importante e necessaria, siamo molto contenti. Venivamo da una settimana difficile dopo una brutta sconfitta. Abbiamo reagito mettendo in campo le nostre qualità, la compattezza del gruppo e l'agonismo. Souprayen? Sta disputando un buon campionato. Pazzini? Per noi è fondamentale. Giocare in trasferta? In passato abbiamo dimostrato di poter vincere, dobbiamo riprendere la marcia giusta. In casa possiamo giocarcela con chiunque, c'è il nostro pubblico che ci dà sempre una grande mano. Dobbiamo pensare solo a vincere e guadagnare punti. La Serie B è un campionato equilibrato, sappiamo che c'è da lottare contro tutto e tutti e nessuno ti regalerà mai niente. Ora testa al Benevento, che ha calciatori di categoria". Lo riporta il sito ufficiale del Verona.

SERIE B
Salernitana, Improta: "Col Verona risultato bugiardo, bravi a reagire"
30.01.2017 00.52 di Giacomo Iacobellis Twitter: @giaco_iaco
"Siamo molto rammaricati per il risultato, che ritengo un po’ bugiardo. Abbiamo creato tanto, mettendo in grande difficoltà una delle squadre più forti del campionato. Siamo stati a bravi a reagire sia dopo il primo che dopo il secondo gol, ma nel calcio se non segni è chiaro che poi paghi. Questo il pensiero del giocatore granata Riccardo Improta dopo la sconfitta col Verona. Lo riporta il sito ufficiale della Salernitana.

SERIE B
Hellas Verona, Souprayen: "Vittoria importante dopo il ko di Latina"
30.01.2017 00.47 di Giacomo Iacobellis Twitter: @giaco_iaco
Queste le principali dichiarazioni del difensore gialloblù Samuel Souprayen dopo Verona-Salernitana: "E' stata una partita difficile, era importante vincere dopo la sconfitta di Latina. La Salernitana si è dimostrata un avversario ostico, ma abbiamo vinto e abbiamo consolidato il primo posto. Smolto contenti. Il mio momento? Il campionato è lungo, ci sta di venire criticati qualche volta, al termine di ogni gara rivedo a analizzo sempre la mia prestazione, confrontandomi anche con mister Pecchia che mi indica dove posso migliorare. Sento la fiducia dell'allenatore e per questo mi impegno per fare sempre meglio. Boldor? E' molto giovane, sa che deve lavorare per crescere, mi trovo bene con lui, così come con il resto della squadra. Ora arrivano gare importanti, vedremo dove riusciremo ad arrivare". Lo riporta il sito ufficiale dei gialloblù.

SERIE B
Salernitana, Ronaldo non ha dubbi: "Qui sto benissimo, voglio restare"
29.01.2017 22.29 di Giacomo Iacobellis Twitter: @giaco_iaco
"C’è rammarico, ma anche la consapevolezza di aver giocato alla pari contro una squadra fortissima come il Verona. Peccato per il palo, perché credo che in quel momento la partita sarebbe potuta cambiare. Dispiace per la sconfitta, ma ritengo che oggi abbiamo dimostrato di avere ancora ampi margini di miglioramento. L’importante è essere convinti di poter far bene”. Così Ronaldo Pompeu da Silva al termine di Hellas Verona–Salernitana. "Futuro? Sto benissimo qui – ha concluso il centrocampista granata –. La mia volontà è quella di rimanere a Salerno e spero sia la stessa della società". Lo riporta il sito ufficiale della Salernitana.

SERIE B
Verona, Pecchia: "Abbiamo gestito bene, ora testa al Benevento"
29.01.2017 20.25 di Luca Esposito Twitter: @lucesp75
A margine della sfida tra Verona e Salernitana, il tecnico dei veneti Fabio Pecchia è intervenuto ai microfoni di Otto Channel: ”Affrontavamo una squadra di grandi valori, una squadra molto esperta. Dovevamo essere bravi a gestire questa partita e ci siamo riusciti. Avevamo il compito di offrire una prestazione diversa per portare a casa il risultato con un pizzico di fortuna. C’è stata la giusta risposta sul campo, ma ora dobbiamo pensare alla partita col Benevento. Ora abbiamo bisogno di un ambiente positivo per arrivare fino in fondo, non vinceremo solo perché ci chiamiamo Hellas".

SERIE B
Salernitana, Bollini: "Buona prestazione, sul mercato la società sa cosa serve"
29.01.2017 19.59 di Luca Esposito Twitter: @lucesp75
Al termine della sfida tra Verona e Salernitana, il tecnico granata Alberto Bollini è intervenuto ai microfoni di Otto Channel: "Fa piacere ricevere complimenti da avversari così autorevoli per la nostra prestazione, merito del gruppo. Abbiamo pagato gli errori sotto porta e la qualità dell'avversario, bravo a punirci nelle occasioni create. Mercato? Mi confronto sempre con la società, loro sanno di cosa c'è bisogno dato che io sono arrivato da due mesi. Le avversarie hanno rose molte ampie, su questo tasto non possiamo scherzare".

SERIE B
Le pagelle della Salernitana - Improta intraprendente, Tuia sfortunato
Risultato finale: Verona-Salernitana 2-0

29.01.2017 19.36 di Luca Esposito Twitter: @lucesp75
Gomis 5.5- Il Verona tira poco in porta. Non perfetto sul gol di Pazzini, non può nulla invece su quello di Luppi. Nel finale bravo a negare la doppietta a Pazzini.

Perico 5.5- Soffre tremendamente le scorribande di Luppi e soci, sbaglia i pochi cross che prova a far partire. Mezzo voto in più per l’occasione creata nel finale e sventata da Nicolas.

Tuia 5 - Un suo doppio errore permette a Pazzini di sbloccare il risultato. Peccato perché riuscirà poi a compiere diversi interventi positivi nella ripresa.

Bernardini 6- Tiene botta come può controllando bene lo scatenato Pazzini con tutta la sua esperienza.

Improta 6.5 - Il più volenteroso dei suoi, si danna l’anima per novanta minuti in un bel duello con Souprayen. Dall 82’ Bittante sv.

Busellato 6.5- Ripete la buona prestazione offerta contro lo Spezia pur faticando di più e pressando tanto, ma spesso a vuoto. Dal 67’ Joao Silva 6 - La buona volontà non manca, peccato per l’occasione fallita nel finale.

Ronaldo 6.5 - Il palo gli nega la gioia del gol, bravo a portare palla e ad impostare l’azione. Peccato solo per l’ammonizione che gli farà saltare la gara col Novara.

Della Rocca 6 - Il meno brillante a centrocampo, spreca una buona occasione per pareggiare macchiando una prestazione comunque sufficiente.

Vitale 5 - Ancora in affanno, non supera mai Pisano ed è spesso impreso sui calci piazzati.

Coda 6- Nel primo tempo si ritrova a dover fare tutto da solo, meglio nella ripresa con il supporto del centrocampo e soprattutto di Donnarumma.

Rosina 5 - Un fantasma nel primo tempo, nella ripresa serve seppur involontariamente un buon pallone sprecato da Della Rocca ma null’altro. Dal 67’ Donnarumma 6 - Entra con tanta voglia di fare ma non riesce ad incidere.

SERIE B
Hellas Verona-Salernitana 2-0, i gialloblù tornano da soli al comando
29.01.2017 19.35 di Giacomo Iacobellis Twitter: @giaco_iaco
L'Hellas Verona archivia la pratica casalinga con la Salernitana e si riporta in solitaria al primo posto in classifica (a quota 44 punti, +3 sul Frosinone). A decidere l'incontro del Bentegodi, penultimo posticipo della ventitreesima giornata di Serie B, sono le reti di Pazzini (22') e Luppi (61').

SERIE B
Le pagelle del Verona - Pazzini letale, Luppi scatenato
Risultato finale: Verona-Salernitana 2-0

29.01.2017 19.31 di Luca Esposito Twitter: @lucesp75
Nicolas 6.5- Mai chiamato seriamente in causa, si fa trovare pronto in occasione dei pochi tiri che arrivano dalle sue parti come sul tiro di Perico nel finale.

Pisano 6.5 - Devastante nel primo tempo, cala un po’ nella ripresa dove sfiora anche il gol del 3-0.

Caracciolo 6 - Tiene a bada un Coda fin troppo isolato guidando bene la retroguardia gialloblu.

Boldor 6.5 - Una spanna sopra gli altri difensori, bravo sia nel contenere gli attacchi degli avanti granata che ad impostare l’azione con lanci precisi al millimetro.

Souprayen 6.5- Imbastisce una bella sfida con Improta, da applausi quando accelera e si porta in attacco.

B. Zuculini 6.5 - Esordio non brillantissimo, ma prima di uscire confeziona l’assist per la rete di Luppi. Dal 61’ Zaccagni 6 - Prova di grande carattere e determinazione.

Fossati 7 - Un primo tempo sontuoso, tanti recuperi ed altrettanti lanci precisi per i compagni.

Romulo 7 - Assicura tutta la sua qualità fornendo tanti palloni pericolosi ai compagni.

Bessa 6.5 - Bravo nonostante il continuo pressing avversario, riesce spesso ad impostare con precisione le azioni d’attacco. Dall’81’ Troianiello sv.

Pazzini 6.5 - Gli arriva un pallone d’oro e lo deposita in rete con le sue immense qualità da centravanti. Nel finale non è perfetto sull’assist di Romulo e fallisce l’occasione per il raddoppio.

Luppi 7- Una continua spina nel fianco per la Salernitana, salta spesso l’uomo e realizza il gol della tranquillità. Dal 75’ Juanito sv.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


29.01.2017
Pazzini e Luppi riportano l'Hellas solitario in vetta

Sbuffando e sgomitando il Verona batte 2-0 la Salernitana al Bentegodi e si riprende la vetta solitaria salendo a quota 44, a +3 sul Frosinone ma soprattutto a +4 sui play off.
Dopo un inizio al piccolo trotto (da annotare solo un destro sghembo di Rosina e un tiro-cross insidioso di Busellato) a metà primo tempo è il solito Pazzini a spezzare l’equilibrio a favore dei padroni di casa con il 17° centro in campionato. Cross col contagiri di Pisano dalla destra e incornata di prepotenza sul primo palo che piega le mani a Gomis. Gli scaligeri sfiorano il raddoppio prima dell’intervallo con un gran sinistro in sospensione di Bessa.
Nella ripresa la squadra di Bollini va vicina al pari con Ronaldo (palo dopo una grande azione personale) e Della Rocca (che sparacchia in curva da posizione più che favorevole). Ci pensa Luppi a scacciare le paure in casa gialloblù: il pallone filtrante di Romulo premia l’inserimento del neoacquisto Bruno Zuculini (schierato dal primo minuto) che serve l’ex Modena in area, piatto destro sul palo lontano e 2-0. All’84’ Nicolas si supera sul siluro da 35 metri di Perico, poi sono Joao Silva e ancora Pazzini a mancare rispettivamente il 2-1 e il 3-0. Il risultato non cambia più e la squadra di Pecchia prosegue la sua corsa verso la promozione diretta.

IL TABELLINO
VERONA (4-3-3): Nicolas 6.5; Pisano 7, Caracciolo 6.5, Boldor 6, Souprayen 6; Romulo 6.5, B.Zuculini 6.5 (16’st Zaccagni 6.5), Fossati 6; Luppi 6.5 (29’st Gomez sv), Pazzini 7, Bessa 6 (36’st Troianiello sv). In panchina: Coppola, Ferrari, Franco Zuculini, Siligardi, Cappelluzzo, Fares. Allenatore: Pecchia 6.5

SALERNITANA (3-5-2): Gomis 6; Perico 6, Tuia 5.5, Bernardini 5.5; Improta 5.5 (36’st Bittante sv), Busellato 6 (22’st Joao Silva 6), Ronaldo 6.5, Della Rocca 5, Vitale 6; Rosina 6 (22’st Donnarumma 6), Coda 5.5. In panchina: Terraciano, Mantovani, Schiavi, Minala, Zito, Marchi. Allenatore: Bollini 6

ARBITRO: Pasqua di Tivoli 6
RETI: 22’pt Pazzini, 15’st Luppi.
NOTE: terreno in buone condizioni, pomeriggio freddo. Ammoniti Bruno Zuculini, Ronaldo, Busellato.
Angoli 6-4 per la Salernitana. Recupero: 0’; 4’.

29.01.2017
Pecchia fa festa: «Grazie Bentegodi»
La dedica di Luppi

L'esultanza di Pecchia a fine gara (FOTOEXPRESS)

Felice Fabio Pecchia dopo la vittoria per 2-0 sulla Salernitana: «Questa vittoria ha davvero grande valore, ma più saremo bravi a trovare continuità e più riusciremo a perseguire i nostri obiettivi. Il nostro pubblico è troppo importante per noi, per arrivare fino in fondo dovremo essere bravi ad entusiasmarlo per essere una cosa sola. Ora pensiamo solo al Benevento».

Fa festa anche Davide Luppi, che ha realizzato il secondo gol gialloblù: «Quella di oggi è stata una vittoria importante e necessaria, siamo molto contenti. Venivamo da una settimana difficile dopo una brutta sconfitta. Abbiamo reagito mettendo in campo le nostre qualità, la compattezza del gruppo e agonismo. Il gol lo dedico alla mia famiglia e, in particolare, a Franco Zuculini. Tra di noi c'è un rapporto speciale e se lo merita davvero».

FONTE: LArena.it


Pecchia: «Squadra e pubblico, una cosa sola»
29/GENNAIO/2017 - 20:50
Verona - Le principali dichiarazioni del allenatore gialloblù Fabio Pecchia rilasciate al termine di Hellas Verona-Salernitana (2-0), 23a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

«Vittoria dal valore altissimo, perché trovata contro una squadra forte ed esperta, al termine di una partita difficile. Risultati altalenanti? Tutto passa dalla continuità, vincere è difficle ma più ne avremo e più avremo possibilità di raggiungere i nostri obiettivi. Il pubblico è stato fondamentale, dobbiamo essere bravi ad accenderlo perché sa essere determinante, sappiamo diventare una cosa sola. Bruno Zuculini? Bravo a rimanere sempre lucido, è calciatore di carattere, sono felice della sua prestazione. Pazzini? Sono felicissimo di averlo, ha fatto un grande lavoro per tutta la partita, come sempre. Ma al di là del singolo c'è sempre il gruppo. Ora pensiamo solo alla prossima sfida, il Benevento».

Luppi: «Giocato con qualità e agonismo. Il gol? È per Franco Zuculini»
29/GENNAIO/2017 - 20:48
Verona - Le principali dichiarazioni dell'attaccante gialloblù Davide Luppi rilasciate al termine di Hellas Verona-Salernitana (2-0), 23a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

«Quella di oggi è stata una vittoria importante e necessaria, siamo molto contenti. Venivamo da una settimana difficile dopo una brutta sconfitta. Abbiamo reagito mettendo in campo le nostre qualità, la compattezza del gruppo e agonismo. Portare a casa i tre punti oggi significa molto dal punto di vista psicologico. Anche quando sei sotto pressione, devi dimostrare di avere le qualità per fare un buon calcio. Souprayen? Sta disputando un buon campionato. Pazzini? Per noi è fondamentale. Giocare in trasferta? In passato abbiamo dimostrato di poter vincere, dobbiamo riprendere la marcia giusta. In casa possiamo giocarcela con chiunque, inoltre c'è il nostro pubblico che ci da sempre una grande mano. Dobbiamo pensare solo a vincere e guadagnare punti. La Serie B è un campionato equilibrato, sappiamo che c'è da lottare contro tutto e tutti e nessuno ti regalerà mai niente. Ora testa al Benevento, ha calciatori di categoria, è un'ottima squadra come del resto stanno dimostrando di esserlo tutte quante»

Souprayen: «Vittoria importante, grazie al mister per la fiducia»
29/GENNAIO/2017 - 20:45
Verona - Le principali dichiarazioni del difensore gialloblù Samuel Souprayen rilasciate al termine di Hellas Verona-Salernitana (2-0), 23a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

«E' stata una partita difficile, era importante vincere dopo la sconfitta di Latina. La Salernitana si è dimostrata un avversario difficile, ma abbiamo vinto e abbiamo consolidato il primo posto, siamo molto contenti, era importante per noi. Siamo entrati in campo con il giusto atteggiamento: durante la gara abbiamo affrontato delle situazioni difficili da gestire, ma ce l'abbiamo fatta lavorando come squadra. Il mio momento? Il campionato è lungo, ci sta di venire criticati qualche volta, al termine di ogni gara rivedo a analizzo sempre la mia prestazione, confrontandomi anche con mister Pecchia che mi indica sempre dove posso migliorare. Sento la fiducia dell'allenatore e per questo mi impegno per fare sempre meglio. Boldor? E' molto giovane, sa che deve lavorare per crescere, mi trovo bene con lui, così come con il resto della squadra. Ora arrivano gare importanti, vedremo dove riusciremo ad arrivare».

Serie B ConTe.it: Hellas Verona-Salernitana 2-0
29/GENNAIO/2017 - 16:32
Verona - Prima partita dell'anno al Bentegodi e 3 punti conquistati, Hellas Verona-Salernitana finisce 2-0. Partita sentita da entrambe le squadre, i gialloblù scendono in campo con la voglia di capitalizzare il risultato e allungare sulle inseguitrici. Dopo un primo tempo sostanzialmente equilibrato, nel quale le squadre si sono affrontate a viso aperto, il Verona trova il vantaggio al 23' grazie a Pazzini. Al 16' della ripresa ci pensa Luppi, grazie all'assist di Bruno Zuculini, a mettere in cassaforte il risultato. Prossimo impegno di campionato tra 5 giorni, sempre in casa, contro il Benevento.

HELLAS VERONA-SALERNITANA 2-0
Marcatore: 23' pt Pazzini, 16 st Luppi.

HELLAS VERONA (4-3-3): Nicolas; Pisano, Caracciolo, Boldor, Souprayen; Romulo, Fossati, Zuculini B. (dal 16' st Zaccagni); Luppi (dal 30' st Gomez), Pazzini, Bessa (dal 37' st Troianiello).
A disposizione: Coppola, Zuculini F., Fares, Cappelluzzo, Siligardi, Ferrari.
All.: Pecchia.

SALERNITANA (4-3-3): Gomis; Perico, Tuia, Bernardini, Vitale; Busellato (dal 22' st Joao Pedro), Ronaldo, Della Rocca; Improta (dal 37' st Bittante), Coda, Rosina (dal 22' st Donnarumma).
A disposizione: Terraciano, Schiavi, Joao Pedro, Mantovani, Minala, Luiz Felipe, Zito.
All.: Bollini.

Arbitro: sig. Fabrizio Pasqua (sez. Aia Tivoli).
Assistenti: sigg. Marco Zappatore (sez. Aia Taranto) e Tarcisio Villa (sez. Aia Rimini).
NOTE. Spettatori: 14.415 (paganti: 4.217; abbonati: 10.198).

La squadra scaligera, con questa vittoria, sale a quota 44 punti e consolida il primato in classifica. La Salernitana, dopo due vittorie consecutive, si ferma a quota 27 punti e rimane al tredicesimo posto in classifica.

Fine partita di HELLAS VERONA-SALERNITANA: 2-0. La squadra di Pecchia batte 2-0 la Salernitana e raccoglie così tre punti fondamentali per la rincorsa alla promozione diretta in Serie A. Le reti sono state realizzate da Pazzini e Luppi.
90+3Min.
Girata improvvisa in area di rigore di Pazzini dopo un rimpallo. Gomis para a terra la conclusione del centravanti numero 11.
90+1Min.
Punizione sulla trequarti sinistra di Vitale per Joao Silva che sfiora con un gran colpo di testa il palo alla sinistra di Nicolas. Salernitana vicina al gol della speranza.
90Min.
L'arbitro Pasqua concede 4 minuti di recupero.
88Min.
Conclusione velleitaria dai 30 metri di Bittante. Pallone che termina distante dalla porta difesa da Nicolas.
86Min.
In questi ultimi minuti, la squadra di Pecchia gestisce il pallone cercando di rallentare i ritmi di gioco e subire meno possibile le iniziative della Salernitana.
84Min.
Grandissima ed improvvisa conclusione dai 35 metri di Perico. Nicolas si distende ed in tuffo mette in calcio d'angolo.
82Min.
Esce Improta entra Bittante. Terzo ed ultimo cambio per la Salernitana.
81Min.
Esce Bessa entra Troianiello. Terzo ed ultimo cambio per i padroni di casa.
79Min.
Ora le squadre appaiono veramente stanche. Tanti gli errori in fase di impostazione da ambo le parti.
77Min.
Romulo al limite dell'area di rigore campana non serve Pazzini tutto solo in area e si fa anticipare da Bernardini. Occasione sprecata dall'ex laterale della Fiorentina.
75Min.
Esce Luppi entra J.Gomez. Secondo cambio per gli scaligeri.
74Min.
Donnarumma serve Improta al limite dell'area di rigore. Il tiro dell'esterno sinistro di Bollini viene deviato in calcio d'angolo da Caracciolo.
71Min.
Nonostante i cambi, la squadra campana fatica tantissimo a costruire azioni degne di nota in zona offensiva. L'Hellas Verona controlla agevolmente la gara.
69Min.
La squadra di Bollini si schiera ora con un 4-3-3. La squadra campana è alla ricerca della doppia rimonta.
67Min.
Escono Rosina e Busellato. Entrano Donnarumma e Joao Silva. Doppio cambio per Bollini.
66Min.
Luppi, dopo un paio di dribbling, serve Pazzini al centro del'area di rigore. Il centravanti viene anticipato da Tuia prima di poter concludere verso la porta difesa da Gomis.
64Min.
Punizione centrale di Vitale da 30 metri. Nicolas para facilmente.
62Min.
Esce Zuculini entra Zaccagni. Primo cambio per Pecchia.
60Min.
Zuculini controlla il pallone al limite dell'area di rigore e serve l'accorrente Luppi a sinistra. L'attaccante batte l'incolpevole Gomis con un pregievole tiro di destro a giro che finisce nell'angolino alla sinistra del portiere campano.
60Min.
HELLAS VERONA-SALERNITANA: 2-0. Rete dell' Hellas Verona. Gol di Luppi.
59Min.
Ammonito Busellato. Fallo su Luppi a centrocampo.
57Min.
Il pallone,dopo un batti e ribatti al limite dell'area di rigore ed una sponda involontaria di Rosina, termina tra i piedi di Della Rocca che a pochi metri dalla porta non trova la via della rete. La sfera finisce oltre la traversa.
55Min.
Punizione dalla trequarti sinistra di Romulo che dopo una deviazione fortuita di Coda termina tra le braccia di Gomis.
54Min.
Ammonito Ronaldo. Fallo del centrocampista ex Empoli su Romulo.
53Min.
Lancio lungo di Busellato per Improta. L'ex Chievo Verona si fa trovare in fuorigioco. Riparte la squadra scaligera.
51Min.
Punizione dalla fascia sinistra di Vitale che finisce tra le braccia di Nicolas.
49Min.
Ronaldo, dopo un paio di finte, si presenta al limite dell'area di rigore scaligera e lascia partire un tiro che va a colpire il palo alla destra di Nicolas. La Salernitana sfiora il gol del pareggio.
47Min.
Pazzini commette fallo in attacco dopo una serie di rimpalli sulla trequarti campana. La Salernitana riparte con una punizione a proprio favore.
45Min.
Inizio secondo tempo di HELLAS VERONA-SALERNITANA. Nessuna sostituzione nell'intervallo della gara.

La squadra di Pecchia si trova meritamente in vantaggio sulla squadra di Bollini, difensivamente ordinata ma sterile in zona gol. Gli scaligeri conducono trascinati dal solito Giampaolo Pazzini.
Int.
Fine primo tempo di HELLAS VERONA-SALERNITANA: 1-0. La squadra padrona di casa conduce il match per 1-0 grazie alla diciasettesima rete in campionato di Giampaolo Pazzini.
45+1Min.
L'arbitro concede un minuto di recupero.
45Min.
Cross dalla sinistra di Vitale. Pisano devia il pallone in calcio d'angolo.
43Min.
Fallo in attacco di Luppi su Busellato che viene atterrato al limite della propria area di rigore. La squadra ospite riparte con una punizione a favore.
40Min.
In questi ultimi minuti del primo tempo, la squadra di Bollini sta cercando di non subire il secondo gol ma l'Hellas Verona sembra provarci con più convinzione in zona offensiva.
38Min.
Bessa ci prova dai 25 metri dopo un rimpallo tra Pazzini e Tuia al limite dell'area di rigore. Pallone che sfiora il palo alla destra di Gomis.
37Min.
Cross dalla destra di Bessa per l'inserimento di testa di Boldor. Pallone che termina sul fondo.
35Min.
Pazzini lavora il pallone al centro dell'area di rigore e serve sulla destra Zuculini che in scivolata tira ma trova l'opposizione di Bernardini. Hellas vicino al raddoppio.
33Min.
Cross dalla destra di Improta e colpo di testa da centro area di Della Rocca. Pallone che termina sopra la traversa. Gli ospiti stanno cercando di reagire e di trovare il gol dell' 1-1.
32Min.
In questi minuti, la squadra di Pecchia cerca di far girare il pallone alla ricerca del gol del doppio vantaggio.
30Min.
Lancio lungo di Bessa e spizzata di testa di Luppi dal limite dell'area di rigore. Pallone che termina debolmente tra le braccia di Gomis.
28Min.
Busellato serve Improta defilato a destra dentro l'area di rigore veronese. Il tiro dell'esterno sinistro della squadra ospite finisce fuori alla sinistra di Nicolas.
26Min.
Ora la squadra ospite sembra aver subito psicologicamente lo svantaggio. Vedremo se sarà in grado di reagire e trovare il gol del pareggio.
24Min.
Ammonito Zuculini. Fallo a centrocampo dell'ex Rayo Vallecano.
22Min.
Cross preciso di Pisano dalla destra e incornata vincente dal limite dell'area piccola di Giampaolo Pazzini. L'Hellas Verona passa meritamente in vantaggio.
22Min.
HELLAS VERONA-SALERNITANA: 1-0. Gol dell' Hellas Verona. Rete di Pazzini.
20Min.
Pazzini serve Romulo sulla fascia destra e l'esterno ex Juventus crossa di prima intenzione in area di rigore. Bernardini allontana il pallone di testa.
18Min.
Calcio d'angolo dalla sinistra di Romulo che viene allontanato dalla retroguardia campana. Il Verona continua a rendersi pericoloso in avanti.
16Min.
Busellato, entrato in area di rigore da destra, mette al centro il pallone che attraversa tutta l'area piccola di rigore senza che alcun compagno trovi la deviazione vincente. Il pallone termina sul fondo.
14Min.
Ora le due squadre hanno rallentato i ritmi di gioco. L'Hellas cerca gli spazi offensivi per poter far male ai campani. La Salernitana difende in maniera ordinata e riparte.
12Min.
Fallo in attacco di Souprayen. Il terzino sinistro di Pecchia cerca di anticipare Perico ma commette fallo in area di rigore campana.
9Min.
Ora anche la squadra ospite si fa vedere in zona offensiva. Cross di Vitale e torre di testa di Coda per l'accorrente Rosina che dal centro dell'area di rigore non trova la via della rete.
7Min.
Lancio lungo di Boldor per Pazzini che viene anticipato di testa da Tuia. Riparte la squadra di Bollini.
5Min.
Fallo in attacco di Pazzini su Gomis. Il portiere della squadra ospite rimane a terra ma sembra in grado di proseguire la gara.
3Min.
Subito aggressivi i padroni di casa. Cross dalla destra di Pazzini sul quale non arriva l'accorrente Luppi. Improta allontana il pallone dalla propria trequarti.

Inizio primo tempo di HELLAS VERONA-SALERNITANA. Arbitra Pasqua di Tivoli.

Bollini, dopo la vittoria interna contro lo Spezia, sceglie la difesa a 3 con Perico, Bernardini e Tuia. La linea mediana è composta da Busellato, Ronaldo e Della Rocca pronti ad innescare Coda e Rosina. Sugli esterni confermati Improta e Vitale.

Pecchia conferma la difesa a 4 con Boldor e Caracciolo centrali. La linea mediana è composta da Zuculini, Romulo e Fossati pronti a servire Pazzini che guiderà il reparto avanzato, assistito da Luppi e Valoti.

È tutto pronto al “Marcantonio Bentegodi” per Hellas Verona-Salernitana, gara valida per il 23° turno di serie B. I padroni di casa sono a quota 41 punti in classifica, dopo la sconfitta esterna contro il Latina. Gli ospiti hanno conquistato 27 punti e arrivano da due vittorie consecutive in campionato.

Primavera: Stefanec all'ultimo secondo, il Verona vince anche a Trapani
28/GENNAIO/2017 - 12:00
Trapani - Vittoria al cardiopalma della Primavera gialloblù, che al 90' strappa tre punti a Trapani confermandosi capolista del Girone A. Molto tirato il primo tempo, con il Verona a fare il gioco e il Trapani ad attendere. Al 35', nonostante la superiorità dell'Hellas nel possesso, sono i siciliani a portarsi in vantaggio, con Musso ad approfittare di una palla vagante. Il Verona non molla e si presenta in campo nella ripresa più cinico e determinato. Dopo alcune incursioni pericolose, è Lubomir Tupta a firmare il pari, con un diagonale precisissimo da posizione defilata. Tutto resta sospeso fino al novantesimo, quando Buxton si procura un rigore e Stefanec lo realizza col pallonetto. Esplode anche la panchina: è il gol vittoria. Tra una settimana a Vigasio arriva il Milan, e lo si affronterà da primi della classe.

Il commento dell'allenatore della Primavera gialloblù, Massimo Pavanel: «Sapevamo che sarebbe stata difficile, il Trapani è cresciuto tanto. Nel primo tempo siamo stati poco concreti, ma nella ripresa siamo riusciti a concludere di più e abbiamo meritato questa vittoria. L'urlo finale? Una liberazione, questa gara può davvero rappresentare una svolta. Ora ci prepariamo a Milan e Fiorentina con grande serenità». L'intervista completa nella puntata di HV24 di lunedì sera.

TRAPANI-HELLAS VERONA 1-2
Marcatori: 35' pt Musso, 18' st Tupta, 45' st Stefanec (rig.)

Secondo tempo
45' Finisce qui la partita
45' GOL Buxton viene atterrato in area, è rigore. Se ne incarica Stefanec, che non sbaglia
41' Gran girata di Jurj in area, il portiere mette in angolo
37' Bella azione di Stefanec, che serve Pavan al limite: tiro a lato di poco
29' Traversa colpita dal Trapani, con Mulè che intercetta di testa un cross dalla sinistra
26' Violenta punizione di Tupta, il portiere blocca sulla linea di porta
18' GOL Il Verona trova il pari con Tupta, che raccoglie una palla al limite dell'area e trafigge Compagno con un diagonale chirurgico
13' Fallo apparentemente netto su Danzi, che va a terra in piena area. L'arbitro fa proseguire
10' Il Verona ci prova, il Trapani chiude tutti gli spazi
1' Partiti

Primo tempo
45' Finisce qui il primo tempo
35' GOL Gran parata di Tosi sulla punizione di Canino, sulla respinta si avventa Musso che insacca
30' Poco impegnati finora i portieri, il Verona gioca e il Trapani si copre bene
13' Grande azione personale di Tupta che entra in area e mette in mezzo, ma nessun compagno riesce a deviare in rete
10' Buone trame per i gialloblù in questo avvio, che arrivano spesso in area avversaria
1' Partiti

TRAPANI (3-4-1-2): Compagno; Marino P., Mulè, De Santis; Martina, Canino, Palermo, Licari (dal 38' st Valenti); Muratore; Musso, Portovenero (dal 41' st Caradolfo).
A disposizione: Alunni, Ingoglia, Polesano, Garofalo, D'Angelo, Federico, D'Anca, Tornetta, Marino L., Di Maggio.
All.: Longo.

HELLAS VERONA (4-3-1-2): Tosi; Pavan, Casale (dal 42' st Aloisi), Kumbulla, Badan; Danzi (dal 33' st Jurj), Pellacani, Hoxha (dal 14' st Guglielmelli); Stefanec; Tupta, Buxton.
A disposizione.: Carletti, Kyriakopoulos, Baniya, Cherubin, Dentale.
All.: Pavanel.

Arbitro: Raciti di Acireale.
Assistenti: Sangiorgio di Catania e Guddo di Palermo.
NOTE. Ammoniti: Tosi, Marino. Espulso: al 13' st Pavanel per proteste.

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC] +   -   =
FOOTBALL NFL: Dopo aver superato abbastanza a sorpresa i COWBOYS a Dallas, i PACKERS non si ripetono ad Atlanta e cedono di schianto ai FALCONS che conquistano il titolo di divisione e accedono al 51° Super Bowl, ad attenderli i 'soliti' PATRIOTS in casa contro gli STEELERS privi di 15 giocatori per vari infortuni devono rinunciare pure all'attaccante migliore BELL dopo poco tempo; NEW ENGLAND vince quindi la AFC e vola a Houston da favorita per il gran finale del 5 Febbraio ma contro il quarterback RYAN ed il wide receiver JONES sarà tutt'altro che facile...

AUSTRALIAN OPEN: La 35enne Serena WILLIAMS batte in finale la sorella Venus e diventa la tennista più vincente di sempre davanti alla tedesca Steffi GRAF! Il titolo maschile va invece a FEDERER a 5 anni dall'ultimo Slam in una emozionante sfida con Rafa NADAL

BASKET SERIE A2: Dopo essere stata sul +11 a Trieste la TEZENIS VERONA viene recuperata e battuta per 68 a 66...

La finale Super Bowl è Atlanta-New England
Eliminati rispettivamente in semeifinale Green Bay e Pittsburgh


Sarà Atlanta-New England la finale del Super Bowl, che si giocherà il prossimo 5 febbraio (in Italia sarà l'alba di lunedì 6) a Houston.

Agli Atlanta Falcons che erano la prima formazione qualificata battendo i Green Bay Packers per 44-21 nel match giocato al Georgia Dome, si è aggiunta nella notte l'altra squadra che giocherà la finalissima, appunto i New England Patriots usciti nettamente vincitori dalla sfida di semifinale con il Pittsburgh, battuto per 36-17.lunedì, 23 gennaio 2017, ore 10.34

Atlanta Falcons vanno al Super Bowl
Green Bay Packers perdono per 44-21. Ora New England-Pittsburgh


Sono gli Atlanta Falcons la prima squadra qualificata al Super Bowl, la finalissima del campionato Nfl del football americano, che si giocherà domenica 5 febbraio (in Italia sarà l'alba di lunedì 6) a Houston.

I Falcons hanno conquistato l'accesso alla sfida per il titolo battendo i Green Bay Packers per 44-21 nel match giocato al Georgia Dome. A Houston affronteranno la vincente dell'altra semifinale dei playoff, New England Patriots-Pittsburgh Steelers, che si giocherà in nottata.

Atlanta torna a giocare un Super Bowl a 18 anni dall'ultima apparizione.lunedì, 23 gennaio 2017, ore 00.45

FONTE: RaiSport.rai.it


BASKET A2
Tezenis sconfitta nel finale a Trieste (68-66)
29/01/2017 19:56
Dopo le tre vittorie consecutive, la Tezenis cade a Trieste (68-66): gli uomini di Dalmonte restano a 18 punti in classifica. Verona aveva iniziato bene chiudendo in vantaggio il primo quarto (17-23) ma Trieste è riuscita subito a raddrizzare la partita: all'intervallo 40-42 per i gialloblù. Nei minuti finali si è giocato punto a punto: nell'ultimo possesso Verona non è riuscita ad attuare il sorpasso, o almeno l'overtime (tap-in di Pini non è entrato). Trieste porta così a casa i due punti vincendo 68-66, ma la Tezenis è sempre viva. In casa Scaligera da notare la grande prestazione di Frazier: 22 punti al PalaTrieste.
L.VAL.

FONTE: TGGialloBlu.it

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






Daniele VERDE commenta la doppietta contro l'AVELLINO

HELLAS VERONA 3-1 AVELLINO

Wallpapers gallery