Anteprima CAGLIARI-VERONA: Non è già più tempo di piangere sul latte versato a Genova, l'HELLAS deve serrare le fila e ritrovare immediatamente concentrazione e motivazioni nel ritiro di Peschiera perchè in Sardegna sarà durissima contro una squadra che ha fame di punti sopratutto dopo la gara persa con una diretta concorrente a Bologna...

Pubblicato da andrea smarso lunedì 24 marzo 2014 21:30, vedi , , , , , , , , | Nessun commento


CAGLIARI-VERONA +   -   =

Dopo la batosta subita al 'Marassi' all'HELLAS con le ossa rotte non è dato il tempo di riflettere più che tanto, Mercoledì è già ora di una nuova battaglia sul campo di un CAGLIARI affamato di punti a +5 dalle 'pericolanti' e dunque per niente tranquillo in chiave salvezza...
Non bastasse, gli uomini di mister LOPEZ hanno perso su rigore a Bologna nello scontro-salvezza dell'ultima giornata e non intendono lasciare altri punti per strada, servirà una sorta di impresa al VERONA stanco e appagato degli ultimi tempi per non rimetterci le penne anche al Sant'Elia ma servirà altro che un ritiro di un paio di giorni (che magari poteva arrivare prima) per dare una svolta a questo pessimo mese dei gialloblù...

Questione di motivazioni che i sardi avranno di sicuro e gli scaligeri forse no...
'Giunti a quota 40 ci divertiremo' era la frase più in voga per MAIETTA & C. Invece pare che a divertirsi siano solo gli avversari, non certo i butei che, dopo grossi sacrifici per seguire la squadra al 'Binti' ed in trasferta, meriterebbero perlomeno rispetto: C'è modo e modo in tutto, sopratutto nella sconfitta, perdere ci stà (con tutte le partecipanti al torneo di Serie A) quello che mai il pubblico scaligero ha perdonato è stato lo scarso impegno e la difesa di una maglia per la quale in molti hanno sofferto le pene dell'inferno nel passato e vivono in queste settimane giornate davvero tristi...


QUI CAGLIARI
Fuori capitan CONTI e Daniele DESSENA per squalifica nel centrocampo sardo mentre il talentino ex FLAMENGO ADRYAN è ancora alle prese con dei problemi fisici che probabilmente gli faranno saltare anche la prossima gara di campionato contro l'HELLAS...
Mister LOPEZ sembra intenzionato a riproporre il 4-3-1-2 con AVELAR terzino sinistro e la coppia ERIKSSON-EKDAL a sostituire i due squalificati in mediana; sulla trequarti l'ex scaligero COSSU cercherà di innescare la coppia PINILLA-IBARBO al momento favorita su quella formata da SAU e NENÈ

Convocati
Portieri: Avramov e Silvestri
Difensori: Astori, Avelar, Murru, Oikonomou, Perico, Pisano, Rossettini
Centrocampisti: Cabrera, Cossu, Ekdal, Eriksson, Tabanelli, Vecino
Attaccanti: Ibarbo, Ibraimi, Nenè, Pinilla, Sau

Probabile formazione
4-3-1-2 con Avramov; Pisano-Rossettini-Astori-Avelar; Eriksson-Ekdal-Vecino; Cossu; Pinilla-Ibarbo


QUI VERONA
Il giudice sportivo ha fermato il neopapà (per la terza volta!) Marco DONADEL e, visto che DONATI lavora ancora a parte (con GOMEZ) le scelte in mediana sono praticamente certe: CIRIGLIANO agirà davanti alla difesa con HALLFREDSSON alla sua sinistra e ROMULO o SALA alla sua destra; altre novità 'imposte' dal turno infrasettimanale potrebbero riguardare PILLUD sulla fascia destra della difesa dopo l'esordio di Domenica scorsa, RABUSIC al centro dell'attacco e MARTINHO come esterno sinistro la davanti al posto dello 'scarico' JANKOVIC...

Convocati
Portieri: 1 Rafael, 12 Nicolas.
Difensori: 29 Cacciatore, 18 Moras, 25 Marques, 22 Maietta, 3 Albertazzi, 4 Pillud, 23 Gonzalez, 33 Agostini.
Centrocampisti: 7 Marquinho, 17 Donsah, 6 Martinho, 2 Romulo, 14 Cirigliano, 26 Sala, 10 Hallfredsson.
Attaccanti: 8 Cacia, 9 Toni, 15 Iturbe, 11 Jankovic, 19 Rabusic.

Probabile formazione
4-3-3 con Rafael; Pillud-Moras-Maietta-Agostini; Romulo-Cirigliano-Hallfredsson; Martinho-Toni-Iturbe

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]


DICONO +   -   =
Filippo Dispenza questore di Cagliari «La partita tra Cagliari e Verona e' considerata a rischio dall'Osservatorio nazionale, anche per i precedenti tra le due tifoserie, e non saranno tollerati comportamenti violenti, non saranno tollerati regolamenti di conti, chi sara' sorpreso sara' castigato severamente. Il dispositivo di sicurezza che abbiamo predisposto sara' talmente capillare e pressante che non consentira' di muoversi alla due tifoserie» Sport.Repubblica.it

Mister MANDORLINI 'Sono arrabbiato, voglio una reazione!' «Il nostro momento? Pensiamo già alla prossima partita, i periodi negativi ci sono. Abbiamo avuto un calo, non una crisi, ora pensiamo ad alzarci perché non servono altri discorsi. Le mie scelte? Qualcosa cambieremo, ci sono tre partite ravvicinate. Agostini è rientrato in gruppo, mentre Donati e Gomez sono ancora fuori. L'impiego dei nuovi arrivi? Siamo una squadra, non pensiamo ai singoli. Il Cagliari? Sarà una partita difficile, hanno perso a Bologna e corrono il pericolo di entrare nella lotta per non retrocedere. In Serie A non c'è nulla di facile, troveremo un ambiente ostico. Abbiamo subito l'occasione del riscatto, pensiamo a fare meglio determinate cose. La contestazione? Qualcuno le ha vissute quelle vere, noi no. L'Atalanta ha raggiunto i 40 punti domenica, noi forse lo abbiamo fatto troppo presto? Ad inizio anno eravamo dati in zona retrocessione, mentre ci siamo salvati a marzo. Magari qui ci fosse qualche mercenario, forse saremo più cattivi e più figli di p... Cosa cambia nella nostra strategia in queste 9 partite? La nostra ottica futura è solo la partita. Si guarda solo chi è pronto, indipendentemente dal fatto se è giovane o vecchio. Ne abbiamo parlato anche col direttore, guardiamo esclusivamente al presente. Vedo i ragazzi crescere, anche e soprattutto durante l'allenamento settimanale ed un esempio è Sala. Lui è un esempio importante. Magari cambieremo qualcosa, vorremmo farlo anche con i risultati e faremo di tutto per riuscirci. La mia condizione mentale qui a Verona? Io sto bene qui, penso solo all'Hellas e non penso neanche lontanamente ad andarmene. Sono incazzato nero per aver perso una partita, non ci siamo abituati a sconfitte così. Ora pensiamo a parlare un po' più di calcio e a fare meglio certe cose che ora ci riescono male. Non siamo brillanti come prima, stiamo vivendo un brutto periodo, normale durante una stagione lunga. Se abbiamo incontrato squadre con più fame? Abbiamo fatto altre partite del genere, una a Catania. E' normale, se avessimo 25 punti sarebbe diverso. Noi dobbiamo migliorare sempre, ci sono altre 9 partite da giocare, in Serie A ci stanno dei filotti negativi. Troppi gol subiti a distanza ravvicinata? Paghiamo quando subiamo reti in momenti in cui c'è il massimo dispendio di energie. Noi giochiamo di squadra e, in quei momenti, paghiamo qualcosa individualmente. O ripartiamo o le chiudiamo in poco tempo. Le motivazioni del gruppo? Non cambia il nostro modo di essere, ci vuole più equilibrio nel giudicare le prestazioni. Avevamo preparato bene anche la sfida contro la Samp, i ragazzi ci tenevano, ma alcune situazioni hanno cambiato la partita» HellasVerona.it

Mister LOPEZ 'Verona in crisi? Non mi fido...' «Il Verona rimane una squadra forte. E' salva da tempo, la classifica dimostra che ha fatto più di noi. E' vero che domenica ha perso 5-0, ma è stata anche sfortunata, aveva creato molte occasioni per pareggiare. Il Verona si difende con nove giocatori, poi davanti ha Toni che favorisce gli inserimenti. Dovremo fare una grande prestazione. Classifica non del tutto rassicurante? Rispetto a domenica non è cambiata granchè, ma bisogna tornare a fare punti. E per raggiungere quest'obiettivo dobbiamo segnare, che è quello che ci manca al momento. Forse manca un po' di tranquillità, oppure è una questione di scelte, difettiamo nell'ultimo passaggio. Abbiamo sbagliato poche partite, dobbiamo solo essere più concreti. Resto ottimista: i gol arriveranno E' una settimana impegnativa, tre partite sono molte, bisogna dosare le forze. Pensiamo comunque a un impegno per volta. Il tridente? E' da decidere, ci potrebbe stare, ma non si improvvisa niente. L'abbiamo provato in passato in amichevole» CagliariCalcio.net

25 marzo 2014 - Andrea Mandorlini

Il diesse SOGLIANO 'Esprimere critiche si, offendere scrivendo certi cartelli no...' «Voglio fare solo una precisazione, che mi sembra doverosa nei confronti dei calciatori. Qui mercenari non ce ne sono, spero di essere molto chiaro. Hanno dato tanto fino ad ora, quindi non voglio nemmeno dare troppa importanza ad un cartello appeso. Ma visto che è andato sui giornali nazionali penso sia giusto intervenire anche perché reputo talmente intelligenti i tifosi veri del Verona che se devono dire cose alla squadra vengono direttamente al campo. Non mi sta bene vedere certe scritte, è giusto che i tifosi critichino dopo una partita negativa come quella di Genova, però dare dei mercenari a dei calciatori che hanno dato tanto fino ad ora non lo trovo giusto. Non voglio dare importanza a qualcuno che forse è passato dal campo sbagliato. Questa non è una coccola ai giocatori, io sono molto diretto e la società non è stata felice della prestazione di Genova. Siamo in ritiro per capire che partite così non si devono ripetere, stiamo tranquilli perché la squadra sa che deve fornire prestazioni diverse. Certe parole nei confronti di questo gruppo non mi stanno bene perché i ragazzi hanno dato tutto e ci vuole più rispetto per chi fino ad un paio di settimane fa veniva applaudito da tutti i tifosi» HellasVerona.it

L'ex diesse GIBELLINI sul brutto scivolone dell'HELLAS a Genova e la prossima gara contro il CAGLIARI «Indubbiamente è stata una brutta sconfitta, sono cose che succedono quando raggiungi gli obiettivi prefissati. Mi auguro che si riprendano e che finiscano al meglio il campionato; sarebbe un peccato lasciare quello che di buono è stato fatto. Alle neo promosse succede di avere un grande entusiasmo iniziale. Il Verona ha tirato fuori molto e forse ha speso troppa energia. Non avendo un organico ampio come le grandi squadre magari alla lunga la paghi. Domani? Mi auguro che il Verona venga fuori da questa situazione con un successo. In vista c'è anche il derby, quindi i tifosi vogliono fare bene. I giocatori devono trovare le risorse per finire al meglio, glielo auguro, e già domani potrebbe esserci il riscatto dopo la brutta sconfitta di Genova. Sarà una partita complicata perché il Cagliari ha bisogno di punti» TuttoMercatoWeb.com

Antonio DI GENNARO 'faro' in mezzo al campo per il VERONA scudettato «Credo che la squadra stia pagando una sorta di appagamento inconscio dopo una fantastica prima parte di stagione che nessuno, a partire dallo stesso ambiente del Verona, si aspettava. Quella di ieri contro la Samp è stata una sorta di resa, anche se sul primo vantaggio dei blucerchiati la formazione di Mandorlini ha avuto un paio di buone occasioni. Adesso serve ripartire. Verona "diverso" dopo l'addio di Jorginho? La cessione del brasiliano è stata un'opportunità vista della classifica. Con la salvezza già conquistata a gennaio la società e lo stesso giocatore hanno avuto la possibilità di valutare e accettare un'offerta importante arrivata da un club di primo piano del nostro campionato. Se la graduatoria fosse stata diversa il Verona non si sarebbe privato di uno degli artefici della rinascita delle ultime stagioni. Per il futuro c'è Cirigliano, mentre Donati e Donadel sono uomini d'esperienza che possono sopperire nella quotidianità» TuttoMercatoWeb.com

Il difensore ASTORI del CAGLIARI «Oggi era una partita da dentro e fuori, purtroppo abbiamo perso e siamo dentro. Pazienza, e' andata cosi', siamo abituati a lottare... Il Bologna nel secondo tempo era chiamato a fare di piu' ma senza il rigore non avrebbe mai segnato. Poca cattiveria da parte nostra? E' una parola che viene usata spesso a sproposito, certo il fatto che non vinciamo fuori casa ci deve fare riflettere. Dobbiamo ripartire subito, gia' dalla partita in casa contro il Verona. Se le dirette concorrenti vanno piano, non e' un nostro problema: pensiamo a noi stessi e a meritarci la salvezza ottenendo piu' punti possibile» Sport.Repubblica.it

25 marzo 2014 - Sean Sogliano

ALTRE NEWS IN ALLEGATO +   -   =
BENVENUTA ANITA EMILIA! È la terza figlia di Marco DONADEL, congratulazioni al 3 volte papà...

MERCATO: Dopo il brutto scivolone in Europa League (e quello ancora precedente in Champions) e la caduta al 'San Paolo' ad opera di una FIORENTINA non trascendentale, il NAPOLI guarda già al futuro con un forte senso di rinnovamento; al momento l'unica certezza sembra essere il riscatto definitivo di JORGINHO dall'HELLAS mediante il versamento della seconda rata di 5 milioni nelle casse scaligere...

Primavera: Pescara-Hellas Verona 2-1 (21a giornata)

IN BREVE A PIÉ PAGINA +   -   =
SCHERMA: Margherita GRANBASSI dice basta, 'Troppi infortuni...'

CALCIO GERMANIA: Chiusa per un turno la Curva del BAYERN a causa di uno striscione omofobo contro l'ARSENAL...

LA FOOTBALL LEAGUE dichiara CELLINO ineleggibile al LEEDS: &Egrvae; un evasore fiscale!

PAZZIA ULTRÀ A NAPOLI: Tifosi aggrediscono con pistole e spranghe i giocatori della VIRTUS VOLLA

CALCIO ITALIA, PRANDELLI rinnova sarà cittì fino al 2016...

CALCIO SPAGNA: Che 'clasico' al Bernabeu! Il BARÇA va avanti per primo poi subisce la rimonta del REAL ma i blaugrana pareggiano poi vanno ancora sotto ma alla fine la spuntano con un MESSI che mette a segno una tripletta nel 4 a 3 finale per i catalani; ora a 70 punti le merengues sono appaiate all'ATLETICO MADRID con il BARCELLONA indietro di un solo punto!

PARTE LA MOTOGP, in Qatar vince MARQUEZ nonostante le non perfette condizioni fisiche ma che gara per 'Doc' Valentino che parte 10° e arriva 2°! Fuori subito LORENZO...

ECCO LO 'SNIFFER' ANTIPETARDI! Testato con successo in occasione di CHIEVO-ROMA di Sabato ha permesso di individuare tre artifici pirotecnici nascosti nel vano bagagli di due ultrà romanisti ovviamente denunciati...


RASSEGNA STAMPA +   -   =
25/03/2014
Lopez: "Non mi fido del Verona"
Squadra in crisi, il Verona, reduce da quattro sconfitte consecutive, di cui l'ultima rovinosa sul campo della Sampdoria? Meglio non fidarsi. Ne è sicuro il tecnico rossoblù Diego Lopez, che giustamente conserva massimo rispetto per gli scaligeri: "Rimane una squadra forte. E' salva da tempo, la classifica dimostra che ha fatto più di noi. E' vero che domenica ha perso 5-0, ma è stata anche sfortunata, aveva creato molte occasioni per pareggiare. Il Verona si difende con nove giocatori, poi davanti ha Toni che favorisce gli inserimenti. Dovremo fare una grande prestazione".

Anche perchè la classifica non è ancora del tutto rassicurante. "Rispetto a domenica non è cambiata granchè, ma bisogna tornare a fare punti. E per raggiungere quest'obiettivo dobbiamo segnare, che è quello che ci manca al momento. Forse manca un po' di tranquillità, oppure è una questione di scelte, difettiamo nell'ultimo passaggio. Abbiamo sbagliato poche partite, dobbiamo solo essere più concreti. Resto ottimista: i gol arriveranno".

Lopez naturalmente non svela la formazione, ma annuncia che ci sarà qualche cambiamento nell'undici titolare rispetto a Bologna. "E' una settimana impegnativa, tre partite sono molte, bisogna dosare le forze. Pensiamo comunque a un impegno per volta. Il tridente? E' da decidere, ci potrebbe stare, ma non si improvvisa niente. L'abbiamo provato in passato in amichevole".

Ancora una volta lo stadio Sant'Elia sarà aperto a soli 5000 tifosi. "Una brutta storia per la nostra squadra e la nostra città. Quei 5000 però ci hanno sempre sostenuto: dobbiamo essere noi i primi a portarli dalla nostra parte, giocando bene e possibilmente vincendo la partita".

25/03/2014
I convocati
Sono 20 i giocatori convocati per la partita di domani sera contro il Verona.

Questa la lista completa:
Portieri: Avramov e Silvestri
Difensori: Astori, Avelar, Murru, Oikonomou, Perico, Pisano, Rossettini
Centrocampisti: Cabrera, Cossu, Ekdal, Eriksson, Tabanelli, Vecino
Attaccanti: Ibarbo, Ibraimi, Nenè, Pinilla, Sau

FONTE: CagliariCalcio.net


martedì, 25 marzo 2014
Al Sant'Elia arriva il Verona
Obiettivo tre punti per il Cagliari che domani alle 20.45 affronta il Verona reduce da tre sconfitte consecutive. Centrocampo da inventare per mister Lopez, viste le squalifiche di Conti e Dessena e l’infortunio di Adryan. In difesa torna Pisano mentre in attacco l’unico certo di una maglia da titolare è Ibarbo. Tra gli scaligeri torna in gruppo l’ex Agostini.

CAGLIARI - Delusione e amarezza pervadono l’ambiente rossoblù dopo la sconfitta rimediata al Dall’Ara. C’erano due risultati su tre a disposizione e il Cagliari ha steccato. Non una partita giocata male dai rossoblù, anzi, nel primo tempo grazie a Ibarbo i ragazzi di Lopez hanno avuto pure un paio di nitide occasioni per passare in vantaggio. Nel secondo tempo tuttavia gli isolani si sono spenti col passare dei minuti e il Bologna, qualitativamente inferiore, è riuscito a portarsi a casa tre punti fondamentali.

Orgoglio e carattere serviranno domani contro il Verona se non si vorrà essere definitivamente inghiottiti in zona retrocessione. Serviranno i gol degli attaccanti, perché il reparto avanzato rossoblù, considerato uno dei più forti degli ultimi anni, si è dimostrato purtroppo troppe volte inefficace e privo di idee. Ad accendere la luce con le sue sgroppate è il solo Ibarbo, gli altri, a partire da Sau e Pinilla, non sono mai stati continui tra cali di forma, infortuni ed espulsioni. Anche i movimenti di stampo zemaniano che erano stati il punto forte dell’attaccante di Tonara quest’anno sono venuti a mancare in troppe occasioni. A complicare la situazione poi ci pensano i numerosi cambi a centrocampo. Contro la squadra veneta, Lopez dovrà infatti rivoluzionare il reparto. Senza gli squalificati Conti e Dessena e l’infortunato Adryan, Cossu sarà il regista mentre ai lati dovrebbero essere schierati Ekdal e Vecino, soprattutto se il tecnico uruguagio opterà per il tridente in avanti con Ibraimi. Attenzione anche al neoarrivato Tabanelli, convocato domenica scorsa e con doti offensive che potrebbero tornare utili a partita in corso. Torna al completo invece il reparto arretrato con Pisano pronto a riprendersi la fascia destra dopo il turno di squalifica. "Il Verona? Rimane una squadra forte. E' salva da tempo, la classifica dimostra che ha fatto più di noi -dichiara Lopez in conferenza stampa - E' vero che domenica ha perso 5-0, ma è stato anche sfortunato, aveva creato molte occasioni per pareggiare. La squadra di Mandorlini si difende con nove giocatori, poi davanti ha Toni che favorisce gli inserimenti. Dovremo fare una grande prestazione". Sulla sterilità dell’attacco il tecnico è fiducioso: “Forse manca un po' di tranquillità, oppure è una questione di scelte, difettiamo nell'ultimo passaggio. Abbiamo sbagliato poche partite, dobbiamo solo essere più concreti. Resto ottimista: i gol arriveranno".

VERONA. Squadra gialloblù in ritiro e sedute di allenamento a porte chiuse dopo il pesante ko rimediato contro la Sampdoria. L’allenatore Mandorlini ha parlato del momento di crisi in conferenza stampa: “Pensiamo già alla prossima partita, i periodi negativi ci sono. Abbiamo avuto un calo, non una crisi, ora pensiamo ad alzarci perché non servono altri discorsi. Contro la Sampdoria dopo il loro primo gol abbiamo avuto 4-5 occasioni importanti, non abbiamo segnato e loro sono andati sul 2-0. Tante altre volte siamo riusciti a rimontare, ma il 3-0 ha spento le nostre velleità. E' stato un brutto risultato, ma ora c'è un'altra partita per reagire. Sulla formazione qualcosa cambieremo, ci sono tre partite ravvicinate. Agostini è rientrato in gruppo, mentre Donati e Gomez sono ancora fuori. Contro il Cagliari sarà una partita difficile, ha perso a Bologna e corre il pericolo di entrare nella lotta per non retrocedere”. Gli scaligeri hanno subito anche la contestazioni di alcuni tifosi che hanno esposto uno striscione con su scritto "Vergognatevi mercenari senza dignità". Il fatto non è andato giù al direttore sportivo Sean Sogliano che ha rilasciato alcune dichiarazioni a difesa dei calciatori: "Qui mercenari non ce ne sono, spero di essere molto chiaro. Hanno dato tanto fino ad ora, quindi non voglio nemmeno dare troppa importanza ad un cartello appeso. Ma visto che è andato sui giornali nazionali penso sia giusto intervenire anche perché reputo talmente intelligenti i tifosi veri del Verona che se devono dire cose alla squadra vengono direttamente al campo. Non mi sta bene vedere certe scritte, è giusto che i tifosi critichino dopo una partita negativa come quella di Genova, però dare dei mercenari a dei calciatori che hanno dato tanto fino ad ora non lo trovo giusto".
Francesco Drago

FONTE: SardegnaOggi.it


CAGLIARI-HELLAS VERONA, LE PROBABILI FORMAZIONI
Entrambe le squadre cercheranno i 3 punti dopo le sconfitte dello scorso turno
Posted on 24 marzo 2014 by Mauro Bomba
Al Sant’Elia andrà in scena mercoledì sera la sfida tra Cagliari ed Hellas Verona. Il momento è difficile per entrambe le squadre: i sardi vengono dalla sconfitta contro il Bologna nello scontro salvezza del Dall’Ara mentre i gialloblù dopo un girone d’andata da sogno, stanno rallentando, e il 5-0 rimediato al Marassi contro la Sampdoria sarà sicuramente difficile da mandar giù.

CAGLIARI-Dopo la sconfitta di misura col Bologna, il Cagliari vuole riscattarsi. Il mister Lopez, criticato per le ultime scelte tattiche definite ”azzardate”, riparte proprio dalla squalifica del capitano Conti e dagli infortuni di Dessena e Adryan proponendo una mediana composta da tre interni: Vecino, Cossu, Ekdal; dietro la coppia ormai consolidata Ibarbo-Sau agirà Ibraimi. In difesa i quattro saranno, da destra verso sinistra: Pisano, Rossettini, Astori e Avelar a protezione di Avramov.

HELLAS VERONA- L’8′ posto in classifica tranquillizza Mandorlini, che tuttavia se vorrà puntare a traguardi più ambiziosi, dovrà per forza di cose far ritrovare ai suoi giocatori la verve ed i risultati di inizio campionato.
Gialloblù in campo con il solito 4-3-3 rimaneggiato negli interpreti, rispetto all’11 sceso in campo a Genova. Assente per squalifica Donadel, infortunati Gomez e Donati. Possibile l’inserimento a centrocampo di Marquinho con Hallfredsson in cabina di regia mentre in avanti Martinho potrebbe prendere il posto di Jankovic per formare il terzetto titolare insieme a Iturbe e Toni.

LE PROBABILI FORMAZIONI
Cagliari (4-3-1-2): Avramov; Pisano, Rossettini, Astori, Avelar; Eriksson, Ekdal, Vecino; Cossu; Pinilla, Ibarbo.
A disp.: Silvestri, Perico, Cabrera, Murru, Del Fabro, Ibraimi, Sau, Nenè. All.: Lopez

Hellas Verona (4-3-3): Rafael; Cacciatore, Moras, Maietta, Albertazzi; Romulo, Hallfredsson, Marquinho; Iturbe, Toni, Martinho.
A disp.: Nicolas, Marques, Gonzalez, Pillud, Sala, Agostini, Marquinho, Cacia, Jankovic, Donati, Rabusic. All.: Mandorlini

FONTE: StopAndGoal.com


ULTIM’ORA
CAGLIARI, 13:51
CALCIO, CAGLIARI-VERONA; PREFETTO: TOLLERENZA ZERO CONTRO VIOLENTI
Tollerenza zero verso i tifosi violenti. Lo dice il questore di Cagliari Filippo Dispenza, alla vigilia di Cagliari-Verona in programma domani alle 20:45 al Sant'Elia. "La partita di domani e' considerata a rischio dall'Osservatorio nazionale, anche per i precedenti tra le due tifoserie, e non saranno tollerati comportamenti violenti, non saranno tollerati regolamenti di conti, chi sara' sorpreso sara' castigato severamente. Il dispositivo di sicurezza che abbiamo predisposto - ha detto il questore - sara' talmente capillare e pressante che non consentira' di muoversi alla due tifoserie".

Secondo i dati in mano alla Questura di Cagliari e' previsto l'arrivo di almeno 200 tifosi veronesi. Il questore ha poi parlato del problema stadio. "Sarebbe opportuno per evitare problemi futuri risolvere la questione S.Elia - ha evidenziato Dispenza - la Commissione provinciale di vigilanza, la Questura e la Prefettura hanno fatto tantissimo, sarebbe opportuno che adesso gli altri facessero il loro dovere per consentire, rispettando le leggi e le norme di sicurezza di ampliare lo stadio. Una societa' di calcio come il Cagliari non esprime solo valori finanziari, ma anche sociali. L'ideale sarebbe costruire un nuovo stadio quanto prima. La Sardegna e Cagliari non meritano una situazione come questa".

E il Questore rincara la dose. "Se si continua in questo modo il Cagliari rischia di non potersi iscrivere al prossimo campionato. Prefettura e Questura hanno gia' fatto molto, mancano gli altri attori. Che ciascuno si assuma la propria responsabilita', non e' pensabile che una societa' di serie A abbia uno stadio con una capienza di cinquemila persone".

ULTIM’ORA
VERONA, 20:23
CALCIO, VERONA: AGOSTINI HA RECUPERATO, GOMEZ ANCORA OUT
Allenamento pomeridiano a Peschiera per il Verona che dopo la brutta sconfitta di Genova e' in ritiro in vista della sfida di Cagliari. Come previsto Donadel e' stato squalificato (era in diffida e a Genova e' stato ammonito). Mercoledi' sera a Cagliari Mandorlini dovrebbe rilanciare Cirigliano dal primo minuto, visto che Donati non e' in perfette condizioni fisiche. Salgono le quotazioni di Sala e potrebbe essere arrivato il momento di Pillud che ha esordito a Marassi. Ha recuperato pienamente Agostini, mentre Gomez e' ancora out.

ULTIM’ORA
BOLOGNA, 19:27
CALCIO, CAGLIARI; ASTORI: DOBBIAMO RIPARTIRE CONTRO IL VERONA
Mastica amaro il Cagliari, uscito battuto a Bologna su rigore. "Oggi era una partita da dentro e fuori, purtroppo abbiamo perso e siamo dentro - dichiara il difensore Davide Astori -. Pazienza, e' andata cosi', siamo abituati a lottare. Il Bologna nel secondo tempo era chiamato a fare di piu', e' entrato anche Cristaldo, ma senza il rigore non avrebbe mai segnato. Siamo stati poco bravi a sfruttare gli spazi. Poca cattiveria da parte nostra? E' una parola che viene usata spesso a sproposito, certo il fatto che non vinciamo fuori casa ci deve fare riflettere". Anche Astori pensa gia' a mercoledi': "Dobbiamo ripartire subito, gia' dalla partita in casa contro il Verona. Se le dirette concorrenti vanno piano, non e' un nostro problema: pensiamo a noi stessi e a meritarci la salvezza ottenendo piu' punti possibile".

FONTE: Sport.Repubblica.it


09:45 | 26/03
Cagliari, quanti problemi in attacco. E per il rinnovo di Cossu e Conti...
CAGLIARI SERIE A - Una partita da non sbagliare. Forse, in cuor suo, Lopez sperava di affrontare un Verona diverso: salvo lo è già da tempo, ma le cinque 'pappine' di Genova potrebbero aver ferito nell'orgoglio il club scaligero, pronto a battagliare al 'Sant'Elia' per riscattarsi immediatamente.

FORMAZIONE - Il tecnico uruguaiano proverà ad ovviare al problema sottoporta con l'inserimento di Ibraimi in attacco, al fianco di Pinilla e Ibarbo. Altra panchina per Murru che, nonostante la grande fiducia della società, sembra aver perso il feeling - forse mai avuto - con Lopez. Intanto, secondo quanto riferito dal 'Corriere dello Sport', non ci sono ancora novità per quel che concerne il futuro di Conti e Cossu: entrambi aspettano una chiamata dalla società per rinnovare il contratto.
by Giovanni Maffeis

18:15 | 25/03
Cagliari, con il Verona gara a rischio per l'Osservatorio nazionale
Ci sono precedenti tra le due tifoserie, pronte misure di sicurezza

SERIE A CAGLIARI VERONA - E' stata classificata come una gara a rischio quella di domani tra Cagliari ed Hellas Verona, in programma alle 20:45 al Sant'Elia. Il motivo lo spiega il questore di Cagliari, Filippo Dispenza: «Il match di domani è considerato a rischio dall'Osservatorio nazionale, per cui non saranno ammessi atteggiamenti violenti o regolamenti di conti, chi sbaglia sarà punito», che ha cercato fin da subito di prevenire qualsiasi situazione difficile, promettendo provvedimenti e sanzioni.

SICUREZZA CAPILLARE - La gara forse decisiva per mister Lopez, sull'orlo della graticola dopo la sconfitta con il Bologna, e quella del riscatto per l'Hellas Verona di Mandorlini, dopo le 5 sberle di Genova, non saranno però condizionate dall'annuncio dell'Osservatorio nazionale. A ribadirlo è ancora Dispenza: «Le due tifoserie non saranno in grado di muoversi, il sistema di sicurezza sarà capillare e pressante per garantire l'ordine e il normale svolgimento della partita». Con la speranza che sia solo una serata di sport e che i pochi facinorosi e malintenzionati non abbiano la meglio.
by Redazione Calcio News

10:00 | 25/03
Cagliari: Cellino perplesso su cordata USA, Lopez a rischio
CAGLIARI CELLINO – Rientrato ad Assemini dopo aver intuito che sarebbe arrivato il no dalla Federcalcio inglese sull’acquisizione del Leeds, Massimo Cellino si rituffa sul Cagliari. Il presidente rossoblù ha deciso di seguire da vicino la squadra anche per la gara contro l’Hellas Verona. Un risultato positivo scaccerebbe le ombre dell’esonero per Diego Lopez.

GLI AMERICANI - In un quadro di evidente difficoltà si inserisce la trattativa con un gruppo americano guidato in Italia da Luca Silvestrone, che aveva tentato un’operazione simile in Abruzzo, ma a Sulmona non si fece nulla. Difficile, però, secondo “La Gazzetta dello Sport”, che Cellino venda agli americani. Del resto la costruzione del nuovo impianto paventata da Silvestrone deve essere necessariamente legata all’acquisizione del club: bisogna esserne proprietari o avere l’accordo con il club che utilizza l’impianto affinché si giochi nel nuovo stadio.
by Silvana Palazzo

09:54 | 25/03
Hellas Verona, malumore tifosi: «Mercenari senza dignità!»
HELLAS VERONA – Si scatena la tempesta anche in casa dell’Hellas Verona, che si è chiusa in ritiro per preparare la partita contro il Cagliari, in programma domani per il turno infrasettimanale. Filotto negativo della squadra di Andrea Mandorlini, culminato con il 5-0 sul campo della Sampdoria. La difesa, diventata colabrodo, è il terzo reparto della Serie A più perforato con 51 gol subiti: soltanto Sassuolo e Livorno hanno fatto peggio. Non ha prodotto alcun effetto l’intervento di Sean Sogliano, che aveva chiesto risposte e concentrazione alla squadra.

LA DELUSIONE - E cominciano a serpeggiare i malumori della tifoseria: come evidenziato da “La Gazzetta dello Sport”, ieri alla ripresa degli allenamenti, rigorosamente a porte chiuse, sono comparsi dei cartelli: «Vergognatevi mercenari senza dignità!», ma anche «Nessuno di voi merita il nostro rispetto! La maglia è sacra!».
by Silvana Palazzo

20:06 | 24/03
Serie A, 30^ giornata: Cagliari – Hellas Verona, probabili formazioni
SERIE A CAGLIARI HELLAS VERONA PROBABILI FORMAZIONI DIRETTA/STREAMING – Turno infrasettimanale di Serie A quello in programma dal 25 al 27 marzo. Mercoledì 26 marzo alle 20:45, lo stadio "Sant'Elia" sarà il teatro della sfida tra Cagliari ed Hellas Verona, valida per la 30° giornata del massimo campionato italiano. I sardi arrivano dalla sconfitta di misura in casa del Bologna mentre gli scaligeri sono reduci dalla batosta del Ferraris contro la Sampdoria (sconfitta per 5-0).

LE SCELTE - Diego Lopez sembra intenzionato a confermare Avelar sulla fascia sinistra, mentre a centrocampo, vista la doppia squalifica di Conti e Dessena, toccherà a Eriksson, Ekdal e Vecino scendere in campo dal 1' minuto. Trequartista Cossu, infortunato Adryan, in avanti ballottaggio Pinilla-Sau e Ibarbo-Nenè con il cileno e il colombiano favoriti.

Nell'Hellas Verona di Mandorlini invece, assente per squalifica Donadel, infortunati Gomez e Donati valuta diversi cambi di formazione dopo la sconfitta con la Samp. Possibile l'inserimento a centrocampo di Marquinho con Hallfredsson in cabina di regia mentre in avanti Martinho potrebbe prendere il posto di Jankovic.

Cagliari (4-3-1-2): Avramov; Pisano, Rossettini, Astori, Avelar; Eriksson, Ekdal, Vecino; Cossu; Pinilla, Ibarbo.
A disp.: Silvestri, Perico, Cabrera, Murru, Del Fabro, Ibraimi, Sau, Nenè. All.: Lopez

Hellas Verona (4-3-3): Rafael; Cacciatore, Moras, Maietta, Albertazzi; Romulo, Hallfredsson, Marquinho; Iturbe, Toni, Martinho.
A disp.: Nicolas, Marques, Gonzalez, Pillud, Sala, Agostini, Marquinho, Cacia, Jankovic, Donati, Rabusic. All.: Mandorlini

IN TV - La partita sarà trasmessa in diretta a partire dalle 20 e 45 sul digitale terrestre ("Mediaset Premium") e satellite ("Sky Sport"). Diretta streaming su "Sky Go". Rimanete connessi su Calcionews24.com, potrete trovare sia la sintesi che le pagelle e le altre informazioni riguardo al match.
by Antonio Parrotto

18:57 | 24/03
Hellas Verona, ancora differenziato per Juanito Gomez e Donati
CAGLIARI HELLAS VERONA JUANITO GOMEZ DONATI - Dopo la batosta del "Ferraris" contro la Samp (sconfitta per 5-0), il Verona ha deciso di mandare la squadra in ritiro a Peschiera per preparare al meglio il turno infrasettimanale di campionato. Mercoledì sera infatti, l'Hellas di Mandorlini sarà di scena al "Sant'Elia" di Cagliari per la sfida contro i sardi e il club scaligero ha pensato bene di compattare il gruppo mandando la squadra in ritiro a Peschiera.

OUT DONATI E GOMEZ - Il Verona è tornato immediatamente in campo e ha svolto una seduta di allenamento pomeridiano. Mandorlini ha fatto svolgere lavoro atletico e partitella al gruppo mentre, il tecnico dei gialloblù non ha potuto contare su Juanito Gomez Taleb e Massimo Donati: i due sono ancora alle prese con i rispettivi infortuni e hanno svolto una seduta differenziata.
by Antonio Parrotto

18:34 | 24/03
Cagliari, differenziato per Adryan
CAGLIARI VERONA ADRYAN - Nemmeno il tempo di digerire la sconfitta nella sfida contro il Bologna, che il Cagliari è tornato a lavorare ad Assemini per preparare nel migliore dei modi il turno infrasettimanale. Mercoledì sera infatti, alle 20:45 andrà in scena Cagliari-Hellas Verona, match importante per entrambe le compagini: il Cagliari vuole staccare definitivamente la zona retrocessione (ora distante 5 punti), il Verona vuole riprendersi dopo la recente serie di ko, ultimo il 5-0 in casa della Samp.

LE ULTIME - I calciatori che sono scesi in campo ieri al Dall'Ara hanno svolto un allenamento differenziato mentre gli altri hanno disputato una partitella a pressione. Ancora fermo ai box il talento brasiliano Adryan. L'ex Flamengo è ancora alle prese con dei problemi fisici che non gli consentono di allenarsi al gruppo. Lopez per la gara con il Verona dovrà fare a meno di Conti e Dessena, squalificati.
by Antonio Parrotto

10:59 | 23/03
Napoli, si cambia: l'unica certezza è un riscatto
Gli azzurri potrebbero dare vita ad un nuovo centrocampo, verrà riscattato però Jorginho dal Verona


CALCIOMERCATO NAPOLI JORGINHO HELLAS VERONA - Nonostante la tutto sommato positiva stagione fino a questo momento, il Napoli in estate si preparerebbe ad una rivoluzione, soprattutto a centrocampo, dove in molti potrebbero partire. Una sola certezza però resta: la permanenza di Jorginho.

FINCHE' QUALCOSA CAMBIERA' - Secondo quanto scritto oggi da "Il Corriere dello Sport" gli azzurri sarebbero determinati semplicemente a riscattare la seconda metà del cartellino di Jorginho dall'Hellas Verona per 5 milioni di euro. Poi, per il resto, tutto rimane un punto interrogativo, a partire dal capitano Marek Hamsik, parso nelle ultime settimane distrato, appannato e decisamente fuori forma, passando quindi per il ruolo di altri giocatori, ancora da ridisegnare. Insomma, Jorginho sarà il centrocampista del futuro, poi in estate si valuterà la posizione di tutti gli altri giocatori.
by Michele Ruotolo

FONTE: Calcionews24.com


Napoli, cinque milioni all'Hellas per la conferma di Jorginho
I partenopei vogliono il brasiliano a titolo definitivo e sono pronti a rilevare dal Verona la seconda metà del suo cartellino.
postato 1 giorno fa da SPORTAL
Tra tante incognite, il Napoli ha una certezza: Jorginho.
Il flop europeo potrebbe generare un'autentica rivoluzione di mercato nella prossima estate, soprattutto a centrocampo.

Un giocatore però avrebbe la conferma garantita, proprio il brasiliano giunto a gennaio dal Verona e che, secondo il 'Corriere dello Sport', verrà sicuramente acquistato a titolo definitivo dal club di Aurelio De Laurentiis.

Gli scaligeri infatti detengono la seconda metà del suo contratto, che gli azzurri intendono pagare versando 5 milioni di euro al termine del corrente campionato.

FONTE: Sport.Virgilio.it


PROBABILI FORMAZIONI
Le probabili formazioni di Cagliari-Verona - Gomez out, si scalda Sala
26.03.2014 07.15 di Alessandra Stefanelli
Il 30esimo turno di Serie A propone tra le gare in programma anche Cagliari-Verona, sfida tra due formazioni che stanno attraversando un momento particolarmente difficile. I sardi arrivano da due sconfitte di fila, gli scaligeri addirittura da tre. Per la formazione di Diego Lopez l'ultima vittoria risale al 3-0 sull'Udinese dello scorso primo marzo, mentre i ragazzi di Andrea Mandorlini non vincono addirittura dal 3 febbraio (3-2 al Livorno). Insomma, due squadre in difficoltà e bisognose di una vittoria, anche se per motivi diversi. Il Verona, ormai tranquillo, vuole coltivare le ultime speranze di qualificazione alle coppe europee, mentre il Cagliari ha bisogno dei tre punti per allontanare le zone più pericolose della classifica. Addirittura il Verona ha deciso di andare in ritiro nei due giorni precedenti alla sfida, per cui tutto lascia presupporre una tensione ad altissimi livelli.

COME ARRIVA IL CAGLIARI - Diego Lopez dovrà fare a meno di Conti e Dessena, entrambi squalificati, e di Adryan per infortunio. Per il resto, dopo la sconfitta di Bologna, il tecnico dovrebbe far ruotare qualche effettivo. Tanti i ballottaggi: Murru contende una maglia ad Avelar, Eriksson appare in vantaggio su Cabrera mentre la coppia Ibarbo-Pinilla dovrebbe avere la meglio sul duo Nenè-Sau.

COME ARRIVA IL VERONA - Andrea Mandorini non potrà contare sullo squalificato Donadel e sugli infortunati Donati e Gomez. Il tecnico ha provato fino all'ultimo a recuperare l'attaccante, ma l'infiammazione al ginocchio destro l'ha costretto a dare forfait. In difesa Cacciatore e Maietta dovrebbero essere ancora preferiti a Pillud e Marques. A centrocampo Hallfredsson è in vantaggio su Cirigliano, mentre in avanti crescono le quotazioni di Sala.

ALTRE NOTIZIE
ESCLUSIVA TMW - Gibellini: "Il Verona ha speso tanto all'inizio, spero reagisca"
25.03.2014 12.46 di Gianluca Losco Twitter: @MrLosco
Fonte: @RaffaellaBon
Momento nero per il Verona, con l'ultima batosta presa dalla Sampdoria che sicuramente non aiuta per il morale. Per parlare dei temi scaligeri abbiamo contattato l'ex diesse Mauro Gibellini.
"Indubbiamente è stata una brutta sconfitta, sono cose che succedono quando raggiungi gli obiettivi prefissati. Mi auguro che si riprendano e che finiscano al meglio il campionato; sarebbe un peccato lasciare quello che di buono è stato fatto".

Tutti pensavano che il Verona potesse competere per l'Europa League: cosa è successo?
"Alle neo promosse succede di avere un grande entusiasmo iniziale. Il Verona ha tirato fuori molto e forse ha speso troppa energia. Non avendo un organico ampio come le grandi squadre magari alla lunga la paghi".

Come vede la gara di domani?
"Mi auguro che il Verona venga fuori da questa situazione con un successo. In vista c'è anche il derby, quindi i tifosi vogliono fare bene. I giocatori devono trovare le risorse per finire al meglio, glielo auguro, e già domani potrebbe esserci il riscatto dopo la brutta sconfitta di Genova. Sarà una partita complicata perché il Cagliari ha bisogno di punti".

PROBABILI FORMAZIONI
Le probabili formazioni di Cagliari-Verona - Tanto turnover per i due tecnici
25.03.2014 07.15 di Alessandra Stefanelli
Il 30esimo turno di Serie A propone tra le gare in programma anche Cagliari-Verona, sfida tra due formazioni che stanno attraversando un momento particolarmente difficile. I sardi arrivano da due sconfitte di fila, gli scaligeri addirittura da tre. Per la formazione di Diego Lopez l'ultima vittoria risale al 3-0 sull'Udinese dello scorso primo marzo, mentre i ragazzi di Andrea Mandorlini non vincono addirittura dal 3 febbraio (3-2 al Livorno). Insomma, due squadre in difficoltà e bisognose di una vittoria, anche se per motivi diversi. Il Verona, ormai tranquillo, vuole coltivare le ultime speranze di qualificazione alle coppe europee, mentre il Cagliari ha bisogno dei tre punti per allontanare le zone più pericolose della classifica. Addirittura il Verona ha deciso di andare in ritiro nei due giorni precedenti alla sfida, per cui tutto lascia presupporre una tensione ad altissimi livelli.

COME ARRIVA IL CAGLIARI - Diego Lopez dovrà fare a meno di Conti e Dessena, entrambi squalificati, e di Adrian per infortunio. Per il resto, dopo la sconfitta di Bologna, il tecnico dovrebbe far ruotare qualche effettivo. Tanti i ballottaggi: Murru contende una maglia ad Avelar, Eriksson appare in vantaggio su Cabrera mentre la coppia Ibarbo-Pinilla dovrebbe avere la meglio sul duo Nenè-Sau.

COME ARRIVA IL VERONA - Andrea Mandorini non potrà contare sullo squalificato Donadel, mentre Donati e Gomez restano ai margini per infortunio.In difesa Cacciatore e Maietta dovrebbero essere ancora preferiti a Pillud e Marques. A centrocampo Hallfredsson è in vantaggio su Cirigliano, mentre in avanti largo al trio Iturbe-Toni-Jankovic.

SERIE A
A ogni gara il suo... numero! Cifre e curiosità del 30° turno di A
25.03.2014 07.00 di Raimondo De Magistris Twitter: @RaimondoDM
0 - Le sconfitte casalinghe della Roma, l'unica squadra ancora imbattuta tra le mura amiche insieme alla Juventus. Il bilancio in 14 partite è di undici vittorie e tre pareggi. ROMA-CATANIA.

29 - I punti conquistati in casa dall'Atalanta. La squadra di Colantuono è quarta in questa speciale classifica davanti a Fiorentina e Inter. ATALANTA-LIVORNO.

3 - La striscia di ko consecutivi dell'Hellas Verona ancora in corso. Ad approfittare del momento di flessione della squadra guidata da Mandorlini Parma, Inter e Sampdoria. CAGLIARI-VERONA.

37 - I giorni passati dall'ultimo successo del Catania. Dopo la vittoria contro la Lazio i rossoazzurri hanno collezionato quattro sconfitte e un pareggio. CATANIA-NAPOLI.

14 - I punti conquistati in casa dal Chievo Verona. La squadra di Corini è penultima in questa speciale classifica. CHIEVO-BOLOGNA.

15 - I punti di distacco in classifica tra le due squadre. La Fiorentina è quarta con 51 lunghezze, mentre il Milan occupa la dodicesima posizione con 36 punti in 29 giornate. FIORENTINA-MILAN.

36 - I gol subiti da entrambe le squadre nelle prime 29 giornate di Serie A. GENOA-LAZIO.

6 - La striscia di successi consecutivi della Juventus ancora in corso. Dopo il pareggio a Verona contro l'Hellas la compagine guidata da Antonio Conte ha avuto la meglio di Chievo, Torino, Milan, Fiorentina, Genoa e Catania. JUVENTUS-PARMA.

58 - I giorni passati dall'ultimo gol in Serie A di Domenico Berardi, il migliore marcatore del Sassuolo con dodici reti. SASSUOLO-SAMPDORIA.

13 - I gol in questo campionato di Rodrigo Palacio. E' lui il miglior marcatore nerazzurro dopo 29 giornate. INTER-UDINESE.

ALTRE NOTIZIE
Giudice sportivo: un turno per Bergessio e altri sette
24.03.2014 16.33 di Tommaso Maschio
Arrivano le decisioni del Giudice Sportivo sulla 29° giornata di serie A, giocata nel week-end. Squalificati per una giornata i seguenti giocatori:
Gonzalo Bergessio (Catania), Daniele Dessena (Cagliari), Faouzi Ghoulam (Napoli), Dusan Basta (Udinese), Sebastian De Maio (Genoa), Marco Donadel (Hellas Verona), Senad Lulic (Lazio) e Andrea Poli (Milan).

SERIE A
ESCLUSIVA TMW - Di Gennaro: "Hellas rinasci nel derby. Toni al Mondiale? Si può"
24.03.2014 13.29 di Luca Bargellini Twitter: @barge82
Un punto e zero gol segnati nelle ultime quattro giornate di campionato. E' un Verona irriconoscibile quello che in questo scorcio di stagione sta facendo fatica a riproporre il rendimenti d'inizio stagione. Ai microfoni di Tuttomercatoweb.com Antonio Di Gennaro, ex scaligero campione d'Italia 1984/1985, analizza i temi di casa Hellas: "Credo che la squadra stia pagando una sorta di appagamento inconscio dopo una fantastica prima parte di stagione che nessuno, a partire dallo stesso ambiente del Verona, si aspettava. Quella di ieri contro la Samp è stata una sorta di resa, anche se sul primo vantaggio dei blucerchiati la formazione di Mandorlini ha avuto un paio di buone occasioni. Adesso serve ripartire".

Com'è possibile farlo?
"Con il derby. Contro il Chievo potrebbe arrivare la scossa giusta per rialzarsi dopo un momento complicato come quello attuale. All'andata arrivò una sconfitta immeritata e la voglia di rivincita aiuterà".

C'è chi parla di un Verona "diverso" dopo l'addio di Jorginho.
"La cessione del brasiliano è stata un'opportunità vista della classifica. Con la salvezza già conquistata a gennaio la società e lo stesso giocatore hanno avuto la possibilità di valutare e accettare un'offerta importante arrivata da un club di primo piano del nostro campionato. Se la graduatoria fosse stata diversa il Verona non si sarebbe privato di uno degli artefici della rinascita delle ultime stagioni. Per il futuro c'è Cirigliano, mentre Donati e Donadel sono uomini d'esperienza che possono sopperire nella quotidianità".

In prospettiva Mondiale crede che quella di Luca Toni sia una candidatura credibile?
"Per ammissione dello stesso Prandelli ad oggi solo Buffon è certo di andare al Mondiale. In attacco, poi, la Nazionale non ha grandi certezze, vedi il nuovo stop di Giuseppe Rossi e i problemi di Mario Balotelli, per questo nomi come quello di Toni o dello stesso Totti sono da prendere in considerazione. Ancora però è prematuro parlarne, bisognerà capire la loro condizione fisica a fine maggio. Una cosa è certa: la stagione di Toni è stata fantastica".

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


25.03.2014
Cagliari-Hellas, la questura: «Tolleranza zero»
«La partita di domani è considerata a rischio dall’Osservatorio nazionale, anche per i precedenti tra le due tifoserie, e non saranno tollerati comportamenti violenti, non saranno tollerati regolamenti di conti, chi sarà sorpreso sarà castigato severamente». Lo ha detto il questore di Cagliari Filippo Dispenza, alla vigilia di Cagliari-Verona in programma domani alle 20.45 al Sant’Elia. «Il dispositivo di sicurezza che abbiamo predisposto - ha detto il questore - sarà talmente capillare e pressante che non consentirà di muoversi alle due tifoserie». Secondo i dati in mano alla Questura di Cagliari è previsto l’arrivo di almeno 200 tifosi veronesi. Il questore ha poi parlato del problema stadio. «Sarebbe opportuno per evitare problemi futuri risolvere la questione S.Elia - ha evidenziato Dispenza - la Commissione provinciale di vigilanza, la Questura e la Prefettura hanno fatto tantissimo, sarebbe opportuno che adesso gli altri facessero il loro dovere per consentire, rispettando le leggi e le norme di sicurezza di ampliare lo stadio. Una società di calcio come il Cagliari non esprime solo valori finanziari, ma anche sociali. L’ideale sarebbe costruire un nuovo stadio quanto prima. La Sardegna e Cagliari non meritano una situazione come questa». E il Questore rincara la dose. «Se si continua in questo modo il Cagliari rischia di non potersi iscrivere al prossimo campionato. Prefettura e Questura hanno già fatto molto, mancano gli altri attori. Che ciascuno si assuma la propria responsabilità, non è pensabile che una società di serie A abbia uno stadio con una capienza di cinquemila persone».

FONTE: LArena.it


Cagliari-Hellas Verona: numeri e curiosità
Postata il 26/03/2014 alle ore 11:30
Statistiche, numeri e curiosità della partita Cagliari-Hellas Verona, 30a giornata del campionato Serie A TIM 2013-14 ed in programma mercoledì 26 marzo (ore 20.45) allo stadio "Sant'Elia" di Cagliari.

I NUMERI
I precedenti ufficiali a Cagliari fra le due squadre sono 27: in bilancio 15 successi per i padroni di casa, 7 pareggi e 5 vittorie gialloblù
Un solo precedente ufficiale, da allenatori, tra Diego Lopez e Andrea Mandorlini. Risale alla sfida di andata, quando l'Hellas Verona vinse 2-1 (3 novembre 2013)
Sono 8 i precedenti fra Andrea Mandorlini, da allenatore, ed il Cagliari. Questo il bilancio: 3 successi, un pareggio e quattro sconfitte

LE CURIOSITA’
L'Hellas Verona non segna una rete da 405 minuti. L'ultimo gol porta la firma di Toni, al 45' di Livorno-Hellas Verona
Il Cagliari, insieme alla Sampdoria, è la squadra che ha subito più espulsioni in Serie A. Sono ben 7 i cartellini rossi estratti ai danni dei rossoblù
Massimo Donati festeggerà mercoledì 26 marzo il suo trentatreesimo compleanno. Il centrocampista gialloblu è infatti nato il 26 marzo 1981 a San Vito al Tagliamento (Pordenone)
Ufficio Stampa

Cagliari-Hellas Verona: 22 convocati
Postata il 25/03/2014 alle ore 18:50
PESCHIERA DEL GARDA - Dopo la rifinitura mattutina allo Sporting Center "Il Paradiso" di Peschiera del Garda, l'allenatore gialloblù Andrea Mandorlini ha convocato 22 calciatori per la sfida contro il Cagliari, in programma mercoledì 26 marzo (ore 20.45) allo stadio Sant'Elia di Cagliari. Non sono disponibili Massimo Donati, a causa di un problema alla schiena, Juanito Gomez Taleb che continua la fase di recupero dal suo infortunio, e Marco Donadel, squalificato per una giornata.

Ecco, di seguito, l'elenco completo dei convocati.
Portieri: 1 Rafael, 12 Nicolas.
Difensori: 29 Cacciatore, 18 Moras, 25 Marques, 22 Maietta, 3 Albertazzi, 4 Pillud, 23 Gonzalez, 33 Agostini.
Centrocampisti: 7 Marquinho, 17 Donsah, 6 Martinho, 2 Romulo, 14 Cirigliano, 26 Sala, 10 Hallfredsson.
Attaccanti: 8 Cacia, 9 Toni, 15 Iturbe, 11 Jankovic, 19 Rabusic.
Ufficio Stampa

Mandorlini: "Sono arrabbiato, voglio una reazione"
Postata il 25/03/2014 alle ore 16:15
PESCHIERA DEL GARDA - Ecco le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù, Andrea Mandorlini, rilasciate alla vigilia della sfida contro il Cagliari, 30a giornata del campionato Serie A TIM 2013-14: "Il nostro momento? Pensiamo già alla prossima partita, i periodi negativi ci sono. Abbiamo avuto un calo, non una crisi, ora pensiamo ad alzarci perché non servono altri discorsi. La partita contro la Sampdoria? Dopo il loro primo gol abbiamo avuto 4-5 occasioni importanti, non abbiamo segnato e loro sono andati sul 2-0. Tante altre volte siamo riusciti a rimontare, ma il 3-0 ha spento le nostre velleità. E' stato un brutto risultato, ma ora c'è un'altra partita per reagire. In questo momento stiamo facendo fatica. Le mie scelte? Qualcosa cambieremo, ci sono tre partite ravvicinate. Agostini è rientrato in gruppo, mentre Donati e Gomez sono ancora fuori. L'impiego dei nuovi arrivi? Siamo una squadra, non pensiamo ai singoli. Il Cagliari? Sarà una partita difficile, hanno perso a Bologna e corrono il pericolo di entrare nella lotta per non retrocedere. In Serie A non c'è nulla di facile, troveremo un ambiente ostico. Abbiamo subito l'occasione del riscatto, pensiamo a fare meglio determinate cose. La contestazione? Qualcuno le ha vissute quelle vere, noi no. L'Atalanta ha raggiunto i 40 punti domenica, noi forse lo abbiamo fatto troppo presto? Ad inizio anno eravamo dati in zona retrocessione, mentre ci siamo salvati a marzo. Magari qui ci fosse qualche mercenario, forse saremo più cattivi e più figli di p... Cosa cambia nella nostra strategia in queste 9 partite? La nostra ottica futura è solo la partita. Si guarda solo chi è pronto, indipendentemente dal fatto se è giovane o vecchio. Ne abbiamo parlato anche col direttore, guardiamo esclusivamente al presente. Vedo i ragazzi crescere, anche e soprattutto durante l'allenamento settimanale ed un esempio è Sala. Lui è un esempio importante. Magari cambieremo qualcosa, vorremmo farlo anche con i risultati e faremo di tutto per riuscirci. La mia condizione mentale qui a Verona? Io sto bene qui, penso solo all'Hellas e non penso neanche lontanamente ad andarmene. Sono incazzato nero per aver perso una partita, non ci siamo abituati a sconfitte così. Ora pensiamo a parlare un po' più di calcio e a fare meglio certe cose che ora ci riescono male. Non siamo brillanti come prima, stiamo vivendo un brutto periodo, normale durante una stagione lunga. Se abbiamo incontrato squadre con più fame? Abbiamo fatto altre partite del genere, una a Catania. E' normale, se avessimo 25 punti sarebbe diverso. Noi dobbiamo migliorare sempre, ci sono altre 9 partite da giocare, in Serie A ci stanno dei filotti negativi. Troppi gol subiti a distanza ravvicinata? Paghiamo quando subiamo reti in momenti in cui c'è il massimo dispendio di energie. Noi giochiamo di squadra e, in quei momenti, paghiamo qualcosa individualmente. O ripartiamo o le chiudiamo in poco tempo. Le motivazioni del gruppo? Non cambia il nostro modo di essere, ci vuole più equilibrio nel giudicare le prestazioni. Avevamo preparato bene anche la sfida contro la Samp, i ragazzi ci tenevano, ma alcune situazioni hanno cambiato la partita".
Ufficio Stampa

Sogliano: "Chi contesta non è vero tifoso" / VIDEO
Postata il 25/03/2014 alle ore 15:45
PESCHIERA DEL GARDA - Segui su Hellas Verona Channel l'intervista a Sean Sogliano. Ecco le dichiarazioni del direttore sportivo gialloblù, rilasciate alla vigilia della sfida contro il Cagliari, 29a giornata del campionato Serie A TIM 2013-14: "Voglio fare solo una precisazione, che mi sembra doverosa nei confronti dei calciatori. Qui mercenari non ce ne sono, spero di essere molto chiaro. Hanno dato tanto fino ad ora, quindi non voglio nemmeno dare troppa importanza ad un cartello appeso. Ma visto che è andato sui giornali nazionali penso sia giusto intervenire anche perché reputo talmente intelligenti i tifosi veri del Verona che se devono dire cose alla squadra vengono direttamente al campo. Non mi sta bene vedere certe scritte, è giusto che i tifosi critichino dopo una partita negativa come quella di Genova, però dare dei mercenari a dei calciatori che hanno dato tanto fino ad ora non lo trovo giusto. Non voglio dare importanza a qualcuno che forse è passato dal campo sbagliato. Questa non è una coccola ai giocatori, io sono molto diretto e la società non è stata felice della prestazione di Genova. Siamo in ritiro per capire che partite così non si devono ripetere, stiamo tranquilli perché la squadra sa che deve fornire prestazioni diverse. Certe parole nei confronti di questo gruppo non mi stanno bene perché i ragazzi hanno dato tutto e ci vuole più rispetto per chi fino ad un paio di settimane fa veniva applaudito da tutti i tifosi".
Ufficio Stampa

Benvenuta Anita Emilia! Donadel papà per la terza volta
Postata il 24/03/2014 alle ore 17:53
VERONA - Bellissima notizia in casa Donadel. Venerdì 21 marzo il centrocampista gialloblù è diventato papà per la terza volta: dopo Beatrice e Maria, è nata Anita Emilia. Auguri a lui e alla sua compagna Chiara!
Hellas Verona FC

Giudice sportivo: una giornata a Marco Donadel
Postata il 24/03/2014 alle ore 17:34
VERONA - Il Giudice sportivo, Gianpaolo Tosel, ha squalificato per un turno Marco Donadel. Il centrocampista gialloblù, già diffidato, è stato ammonito "per comportamento scorretto nei confronti di un avversario" nella gara contro la Sampdoria e non sarà disponibile per la sfida contro il Cagliari, in programma mercoledì 26 marzo (ore 20.45).
Ufficio Stampa

Peschiera: seduta alle 15.30 a porte chiuse
Postata il 24/03/2014 alle ore 10:00
PESCHIERA DEL GARDA - Variazione nel programma allenamenti. La seduta mattutina in programma lunedì 24 marzo, inizialmente prevista alle ore 10.30, avrà inizio alle ore 15.30 e si svolgerà rigorosamente a porte chiuse.

IL PROGRAMMA
Lunedì: seduta pomeridiana (ore 15.30) a porte chiuse
Martedì: seduta mattutina (ore 10.30) a porte chiuse
Mercoledì: Cagliari-Hellas Verona (ore 20.45)
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it



[OFFTOPIC] +   -   =
SCHERMA: Margherita GRANBASSI dice basta, 'Troppi infortuni...'

CALCIO GERMANIA: Chiusa per un turno la Curva del BAYERN a causa di uno striscione omofobo contro l'ARSENAL...

LA FOOTBALL LEAGUE dichiara CELLINO ineleggibile al LEEDS: &Egrvae; un evasore fiscale!

PAZZIA ULTRÀ A NAPOLI: Tifosi aggrediscono con pistole e spranghe i giocatori della VIRTUS VOLLA

CALCIO ITALIA, PRANDELLI rinnova sarà cittì fino al 2016...

CALCIO SPAGNA: Che 'clasico' al Bernabeu! Il BARÇA va avanti per primo poi subisce la rimonta del REAL ma i blaugrana pareggiano poi vanno ancora sotto ma alla fine la spuntano con un MESSI che mette a segno una tripletta nel 4 a 3 finale per i catalani; ora a 70 punti le merengues sono appaiate all'ATLETICO MADRID con il BARCELLONA indietro di un solo punto!

PARTE LA MOTOGP, in Qatar vince MARQUEZ nonostante le non perfette condizioni fisiche ma che gara per 'Doc' Valentino che parte 10° e arriva 2°! Fuori subito LORENZO...

ECCO LO 'SNIFFER' ANTIPETARDI! Testato con successo in occasione di CHIEVO-ROMA di Sabato ha permesso di individuare tre artifici pirotecnici nascosti nel vano bagagli di due ultrà romanisti ovviamente denunciati...

FOLLIA ULTRÀ A NAPOLI, GIOCATORI AGGREDITI
CON PISTOLE E SPRANGHE

Lunedì 24 Marzo 2014
di Mario Fantaccione
NAPOLI - Da Mugnano arriva purtroppo l’ennesima vergognosa pagina di teppismo legato allo sport. Sul campo erano impegnate Giugliano e Virtus Volla, intente a lottare per tre punti fondamentali per entrambe, in chiave playoff.

L’aggressione
Nulla faceva pensare al peggio, ma al rientro delle squadre negli spogliatoi accade il patatrac: l’attaccante Scippa del Volla prende due ceffoni alle spalle da un tifoso entrato in campo.

Incredulità e rabbia da parte dei giocatori del Volla, ma è solo l’inizio: in un amen una ventina di tifosi del Giugliano scavalcano ed aggrediscono i giocatori del Volla. Sono tre minuti di ordinaria follia: rissa con botte da orbi tra giocatori e tifosi.

Insufficienti le forze dell’ordine presenti (appena tre carabinieri) per una partita dalla posta in palio pesantissima. Il bollettino medico finale parla chiaro: un taglio fondo dietro la testa per il calciatore del Volla Aliyev, colpito da una sedia, un commissario di campo leggermente contuso ed il magazziniere, cardiopatico e invalido al braccio destro, Vincenzo Barrella del Volla colto da malore dopo essere stato colpito dalla furia cieca dei tifosi.

Sconvolti, i genitori dei ragazzi hanno im-commediatamente allertato il 113 e carabinieri in continuazione: i rinforzi (altri due carabinieri) sono arrivati dopo quaranta minuti. Logicamente la gara è stata sospesa.

Patron Sestile in lacrime
Distrutto il presidente gialloblù Sestile, che lascia lo stadio alle 17 in lacrime e fortemente scosso per l’accaduto: «Esprimo solidarietà alla società sportiva Virtus Volla, ai suoi collaboratori, al suo presidente e a tutti i suoi tesserati nonché alla città di Volla.

Oggi è stata scritta una pagina amara per lo sport di Giugliano. Non ci sono parole per definire il vile accaduto. Come uomo di sport mi sento offeso e umiliato nei valori sportivi. Rinnovo con estrema sincerità la mia personale vicinanza insieme ai più stretti collaboratori della società Giugliano e dei cittadini giuglianesi. Mi riservo di fare altre comunicazioni nei prossimi giorni perché in questo calcio non mi identifico».

Le reazioni in casa Volla
Il presidente Urbano commenta la sconfitta odierna dello sport: «Faccio calcio da vent’anni. Credo non fosse mai capitata nella storia del calcio campano una violenza così becera. Il presidente Sestile ha assicurato che la squadra non giocherà più. Hanno picchiato i ragazzini e minacciato con pistole e spranghe». Il calciatore ferito, Aliyev, non sa darsi pace: «Dopo un primo tempo normale i tifosi hanno scavalcato e sono entrati in campo per picchiare la squadra. Questo è anticalcio».

MARGHERITA GRANBASSI, ADDIO ALLA SCHERMA:
"TROPPI INFORTUNI: BASTA CON LE GARE"

Lunedì 24 Marzo 2014
ROMA - L'ultimo infortunio risale a 3 giorni fa, quando Margherita Granbassi ha pianto per il dolore. Da qui la decisione di ritirarsi definitivamente.
La Granbassi, una delle più grandi atlete italiane di sempre, racconta con serenità del suo addio alle gare. «Domani mi ricovero al Rizzoli di Bologna per la settima operazione al ginocchio - dice - Non so che cosa farò nel futuro, prima devo rimettermi in salute. Sono molto dispiaciuta del ritiro, ma non ho rimpianti, ho fatto ciò che volevo, ho vinto tanto» aggiunge la 34enne triestina che oggi vive a Roma.

Con la Granbassi fuori dalla pedana la scherma azzurra perde una delle sue più brillanti interpreti, un'atleta diventata anche personaggio tv, per la sua bellezza unita a una forte personalità, capace di affrontare con coraggio infortuni e polemiche, e anche la pressione dei media e della politica. Nel 2008 fu accolta da feroci critiche la sua presenza al programma tv 'Annozero' di Michele Santoro.

Lei atleta e carabiniere non si scompose, «non faccio nulla di male». «Fui utilizzata e non so ancora perchè. Si creò un caso eccessivo per l'importanza che potevo avere io. Decisi di lasciare l'Arma che pure amavo e continuai con la tv».
Lo sport non è mai stato tutto per questa donna inquieta e curiosa, amante dei viaggi e delle mostre d'arte, appassionata anche di politica. La fiorettista triestina in carriera ha vinto tre titoli mondiali (2004, 2006, 2009), due europei (2001, 2006), due bronzi olimpici (2008), una marea di medaglie in coppa del mondo. Ma ha tenuto sempre un occhio sull' attualità, come fa anche in questi giorni:
Renzi? «mi piace. Letta non mi dispiaceva. Ma Renzi forse è l'uomo giusto, è deciso, equilibrato, giovane, speriamo faccia bene».
La vittoria più bella ? «L'oro di Torino ai mondiali nel 2006. Fu la mia consacrazione mondiale. Indimenticabile».
La sconfitta più cocente ? «Ai Giochi di Atene fui decima, eliminata da una francese, l'unica che non ho mai battuto. Persi un'occasione».
Il dolore più grande in carriera ? «Non fu per una sconfitta, ma per una vittoria. Quella contro Giovanna Trillini a Pechino 2008 per la medaglia di bronzo: Giovanna era il mio idolo da quando ero ragazzina, l'adoravo. Fu un dolore batterla». Con Valentina Vezzali invece erano liti continue, ma Margherita nega: «non sempre andavamo d'accordo, ma è normale in un gruppo. Quello è un ambiente molto competitivo, siamo compagne di squadra ma anche avversarie, può capitare che i rapporti non siano sempre idilliaci, ma niente di grave. Ricordo tutte le ragazze con un affetto incredibile, con loro ho condiviso le emozioni più belle della vita» aggiunge la campionessa, e si commuove.
Il futuro ? «Non lo so. Mi aspettano lunghi mesi di recupero dopo l'operazione. Avrò tempo di pensarci. Il giornalismo mi piace, potrei occuparmi ancora di scherma. Ma niente è deciso, aspetto di tornare in forma, poi valuterò. Sono ancora scossa per quel che è successo venerdì, avevo davanti l'ungherese Katarin Varga, conducevo 19-12 , il dolore al ginocchio sinistro (rottura del tendine rotuleo, ndr), ho capito subito che era finita per sempre. Da allora sono sballottata tra visite e telefonate. Non ho avuto tempo di pensare a nulla».

STRISCIONE OMOFOBO CONTRO L'ARSENAL, CHIUSA
PER UN TURNO LA CURVA DEL BAYERN

Lunedì 24 Marzo 2014
ROMA - Uno striscione omofobo è costato al Bayern Monaco la squalifica della curva per un turno in Champions League. Lo ha annunciato oggi l'Uefa.
Il settore 124 dell'Allianz Arena, lo stadio del Bayern Monaco, è stato chiuso per una gara, mentre è stata inflitta ai bavaresi anche una multa di 10 mila euro. La decisione della commissione disciplinare dell'ente calcistico europeo è stata provocata dal «comportamento discriminatorio» dei tifosi della squadra tedesca e per l'esposizione di uno «striscione illegale», ovvero omofobo, in occasione della gara in casa degli ottavi contro l'Arsenal.

Nel mirino degli ultrà del Bayern c'era in particolare il loro connazionale Ozil, fantasista della squadra londinese al quale era dedicato uno striscione con la scritta «Gay Gunners» e il disegno di un cannone (stemma dell'Arsenal) posizionato in prossimità del sedere scoperto di una caricatura di Ozil.

All'Uefa non è poi piaciuta l'esposizione di un altro striscione, stavolta di carattere politico, quello con la scritta «Diciamo no al razzismo e sì al Kosovo». La squalifica del settore dello stadio verrà scontata nel match di ritorno dei quarti di Champions contro il Manchester United, il prossimo 9 aprile.

INGHILTERRA, CELLINO NON PUÒ PRENDERE IL
LEEDS: "CONDANNATO PER EVASIONE FISCALE"

Lunedì 24 Marzo 2014
ROMA - Massimo Cellino non potrà acquistare il Leeds United. Lo ha stabilito la Football League, la lega che organizza i campionati dalla seconda alla quarta divisione in Inghilterra.

Cellino è stato dichiarato 'ineleggibile' a causa della condanna per violazioni fiscali relative ad una barca acquistata negli Stati Uniti e trasferita poi in Italia. Il patron del Cagliari dovrà anche pagare una multa di 600.000 euro.

«Il Board della Football League -si legge in una nota- ha ritenuto all'unanimità che la decisione adottata dal tribunale italiano costituisca una condizione squalificante». Cellino, che a febbraio ha raggiunto l'accordo per rilevare il 75% delle quote del Leeds United dalla GHF Capital, ha 14 giorni per ricorrere contro la decisione adottata dalla Football League, che si impegna ad accelerare l'iter dell'eventuale appello.

«Nel corso della sua sua riunione di ieri -spiega la Football League- il Board ha preso in considerazione l'eleggibilità di Massimo Cellino in base all'Owners' and Directors' Test. Il Board ha tenuto conto di un dettagliato parere legale in relazione all'applicazione delle regole nel contesto di una decisione assunta nell'ambito delle leggi italiane». «Cellino -evidenzia la FL- è stato recentemente giudicato colpevole oltre ogni ragionevole dubbio da un tribunale in Sardegna per il mancato pagamento di tasse legate all'importazione di una barca».

La condanna «ha portato alla sanzione di 600.000 euro, al pagamento delle spese processuale e al sequestro della barca in questione». Il Board «all'unanimità ha ritenuto che la decisione adottata dal tribunale italiano costituisca una condizione squalificante». Cellino, si evidenzia ancora, «è stato condannato per un reato relativo ad atti che potrebbero ragionevolmente essere considerati disonesti».

PRANDELLI CT DELLA NAZIONALE PER ALTRI DUE ANNI,
FINO A EURO 2016. "ORGOGLIOSO DEL RINNOVO"

Lunedì 24 Marzo 2014
ROMA - Cesare Prandelli e la FIGC sono ad un passo dal rinnovo, e hanno raggiunto un accordo di massima che lega il CT azzurro alla Nazionale Italiana, fino agli Europei del 2016.

Le notizie raccolte dall'Ansa trovano conferma negli uffici della FIGC. Nei giorni scorsi, il presidente Abete (oggi in viaggio per il Kazakistan dove prenderà parte fino a venerdì ai lavori dell'Esecutivo e del Congresso Uefa) e Cesare Prandelli si sono incontrati e hanno raggiunto un accordo che verrà perfezionato nelle prossime settimane. Abete ha condiviso la scelta del rinnovo con il presidente del Club Italia Albertini e con il Direttore generale Valentini e illustrerà termini e portata del contratto al Consiglio federale.

PRANDELLI: ORGOGLIOSO DEL RINNOVO «In questo momento provo una grande soddisfazione: sono orgoglioso del fatto che la Federcalcio mi abbia proposto un rinnovo biennale, a prescindere dal risultato del Mondiale: e per questo io ho dato piena disponibilità». È il commento di Cesare Prandelli.

CONTRATTO DI DUE ANNI Un contratto biennale, per reciproca volontà delle parti: da un lato, garantirà il lavoro di Prandelli fino agli Europei del 2016 a prescindere dal risultato dei prossimi Campionati del Mondo; dall'altro, resterà in vigore fino alla scadenza del mandato presidenziale di Giancarlo Abete.

Con la Federazione e con il Club Italia, Prandelli concorderà il programma tecnico della Nazionale, con l'obiettivo di armonizzare al meglio il calendario di gare ufficiali e amichevoli e più in generale della preparazione della squadra, attraverso una sempre più stretta collaborazione con la Lega di serie A e la Lega di Serie B.

LA VITTORIA AL MONDIALE SCENDE A QUOTA 25,00 Il rinnovo del contratto che confermerà alla guida degli azzurri fino agli Europei 2016 il ct Cesare Prandelli, come si legge su Agipronews, spinge i bookmaker a ritoccare le quote sulla vittoria dell'Italia ai Mondiali in Brasile, che scende da 28,00 a 25,00 sulla lavagna di Paddy Power. In cima al tabellone restano i padroni di casa a 3,00, seguiti dall'Argentina a 5,00. Prima tra le europee la Germania a quota 6,50, con la Spagna a 7,00.

MINACCE AI GIOCATORI DELLA VIRTUS VOLLA: ARRESTATI DUE ULTRÀ, IDENTIFICATI DALLE RIPRESE TV
Lunedì 24 Marzo 2014
NAPOLI - Due ultrà del Giugliano, coinvolti nell'aggressione ai giocatori della Virtus Volla nello stadio di Mugnano, sono stati arrestati dagli uomini del commissariato di Giugliano diretto dal vicequestore Pasquale Trocino.

Si tratta di Salvatore Ronco, 28 anni e Luca Riccio, 23 anni. Sono stati identificati grazie alle riprese televisive e soprattutto ad un'accurata perquisizione effettuata dalla polizia oggi presso le loro abitazioni.

É stato possibile ricostruire le minacce degli ultrà nei confronti dei giocatori della Virtus Volla prima che cominciasse la gara del torneo di Eccellenza, interrotta alla fine del primo tempo per l'aggressione ai calciatori.

TRIPLETTA DI MESSI, IL BARÇA ESPUGNA IL
BERNABEU E TORNA IN CORSA PER LA LIGA

Lunedì 24 Marzo 2014
di Piergiorgio Bruni
ROMA - Gode il Barcellona, si dispera il Real Madrid. Il Super Classico, anche stavolta, regala emozioni interminabili. Sette gol, tre calci di rigore, un cartellino rosso e una serie impressionante di giocate sontuose. Vincono i blaugrana 4-3 al termine di una partita giocata sul filo dei nervi e con grande personalità.

Non è il solito Messi a indicare il cammino ai compagni ma una prova di squadra matura e di grande spessore tattico. Quell'equilibrio venuto meno agli uomini di Ancelotti nei momenti decisivi del match. Non sono bastate le due reti di Benzema e il penalty (inesistente) di Cristiano Ronaldo a tenere a galla la barca madridista. Ogni volta che i padroni di casa hanno cercato di mettere il muso avanti, puntuale, è arrivata la legnata avversaria.

I tre gol di Messi (più lo 0-1 segnato da Iniesta) sono lo specchio di un collettivo che, a conti fatti, ha surclassato le potenti e presuntuose individualità dei blancos. La gara è stata tutto sommato equilibrata fino all'espulsione di Sergio Ramos poi, da quel momento in poi, fra nervosismo e difficoltà nel riconquistare il pallone, il Real Madrid si è sciolto come un ghiacciolo al sole. La partita è praticamente finita lì: troppo forte l'onda d'urto del Barcellona. Il secondo rigore calciato da Messi non ha fatto altro che sancire un risultato che era nell'aria e che consegna al Barca 3 punti meritati.

Tre punti che mandano i ragazzi del Tata Martino a -1 dalla coppia di testa Real-Atletico e rianimano la lotta per la conquista della Liga.

VALENTINO ROSSI, CHE RIMONTA IN QATAR:
PARTE DECIMO, ARRIVA SECONDO

Lunedì 24 Marzo 2014
di Daniele Petroselli
ROMA - Se il buongiorno si vede dal mattino, quello di Valentino Rossi è buonissimo. Spettacolare secondo posto del pesarese della Yamaha nel gran premio d'apertura del Motomondiale 2014.

Sul circuito di Losail (Qatar), il Dottore risorge dopo qualifiche difficili che lo avevano relegato in decima posizione, rimontando posizioni su posizioni fino a prendere la testa della corsa poco prima della metà gara. Poi la lunga battaglia con il campione del mondo Marc Marquez, bravo a tenere testa a Rossi per diversi giri per poi superarlo nelle battute conclusive e mantenere la posizione fino al traguardo dopo una serie di controsorpassi da brividi. Emozionato al traguardo il Dottore: «Gara bellissima. Sono contento soprattutto perché ho fatto una grande rimonta, ho attaccato ma non ho rischiato nulla. Volevo vincere, ma alla fine ero un poco lontano. Spero però di essere così forte sempre».

Contento anche Marquez, che dopo l'infortunio alla gamba che lo ha tenuto fuori per metà inverno, non si aspettava una partenza così con il botto: «Vittoria incredibile, lo scorso anno lottai sempre con Vale ed ebbe la meglio lui, ma quest'anno è più forte e competitivo. E' stato divertente».

Non si è divertito invece Jorge Lorenzo, caduto dopo poche curve dopo aver preso il comando alla partenza. Podio invece per l'altra Honda DI Dani Pedrosa, che ha preceduto la Yamaha Open di Aleix Espargaro, vero spauracchio nel weekend, e le due Ducati di Andrea Dovizioso e Cal Cruthlow. E il 13 aprile a Austin negli Usa si replica.

FONTE: Leggo.it


ALTRE NOTIZIE
Testato a Verona 'sniffer' anti-petardi
In occasione di Chievo-Roma. Denunciati due tifosi giallorossi

24.03.2014 16.35 di Chiara Biondini
Fonte: ANSA
(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Ha fatto il suo debutto per la prima volta in uno stadio, sabato a Verona in occasione di Chievo-Roma, lo 'sniffer', uno strumento tecnologico dotato di sensori per l'individuazione di artifici pirotecnici. L'apparecchio, in dotazione alla Polizia, ha consentito di rinvenire e sequestrare a due tifosi romanisti, fermati all'uscita del casello autostradale di Verona Nord, tre artifici pirotecnici nascosti nel vano bagagli. I due ultrà sono stati denunciati.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#VeronaNapoli RÔMULO

#VeronaNapoli highlights

Wallpapers gallery