REAL MARCIANISE 1-0 HELLAS VERONA: Sconfitta meritata per gli scaligeri tatticamente malmessi e atleticamente 'alla frutta', PORTO e PESCARA a -2!

Pubblicato da andrea smarso sabato 3 aprile 2010 17:53, vedi , , , , , , , , | Nessun commento



Un VERONA tatticamente maldisposto e atleticamente alla frutta lascia posta piena al 'Progreditur' dove il REAL MARCIANISE, tecnicamente più modesto ma con grinta e motivazioni da vendere, mette sotto i gialloblù anche nel gioco e solo per pura fortuna non riesce a segnare il secondo ed il terzo gol! L'HELLAS paga ancora dazio dopo una sosta che ancora una volta era stata benedetta e che invece è stata perlomeno deludente: solo in un'occasione, con SELVA, gli scaligeri sono andati vicini al gol (non si può parlare di rete annullata a COLOMBO perchè l'arbitro, a quanto pare, aveva già fermato l'azione) ma se pensiamo a quanto si sono 'divorati' gli avversari c'è poco da stare allegri. VERONA irriconoscibile! ANSELMI autore di errori clamorosi (ma dov'è COMAZZI!), PENSALFINI praticamente inguardabile, RUSSO palesemente stanco, FARIAS ininfluente e DI GENNARO (peraltro malservito dai compagni) a lottare contro i mulini a vento... Nemmeno i sostituti (SELVA per DI GENNARO, BERRETTONI per FARIAS e CIOTOLA per RUSSO) sono stati all'altezza nelle discutibili scelte di mister REMONDINA ed ora ci si chiede in quale stato l'HELLAS giocherà Domenica prossima al 'Binti' contro il PESCARA (travolgente a TARANTO) in una partita da vincere per forza dato che i biancazzurri, al pari del PORTOSUMMAGA, si trovano ora a -2! Ancora una volta saranno decisivi i butèi che sicuramente numerosissimi spingeranno ancora una volta i gialloblù con i loro canti, le loro bandiere, ed i loro incitamenti ma che delusione questo VERONA a MARCIANISE! Se solo i giocatori in campo avessero la metà della grinta e dell'amore che i tifosi scaligeri hanno nei confronti della maglia... [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]

CONTINUA IL 'PASTICCIACCIO POTENZA': La squadra lucana sarà retrocessa in parziale riforma dell'impugnata decisione della Corte di Giustizia Federale della F.I.G.C., retrocede Potenza Sport all'ultimo posto in classifica del campionato di Prima Divisione 2009/2010 (CONI.it) però dovrà giocare tutte le partite dalla prossima contro la REGGIANA e fino alla fine recuperando quella che era stata persa a tavolino contro il FOGGIA! Ok ma la domanda è: PERCHÈ? Con che spirito i giocatori affronteranno le partite sapendo che tanto saranno comunque retrocessi? Che succederà se i rossoblù si salveranno sul campo? Faranno ricorso ancora? O citeranno la giustizia sportiva per danno morale? Boh... L'impressione è che questa parziale riforma della prima decisione non faccia altro che aggiungere benzina al fuoco! Di sicuro il campionato, a mio modo di vedere, rimarrà falsato, il resto si vedrà! [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]

[DICONO]
Il patròn MARTINELLI intervistato dalla 'rosa': «Da presidenti si ragiona in modo diverso da quando si è 'semplici' tifosi: si cerca di raggiungere un equilibrio economico e se non ci si riesce si deve passare la mano... Stò lavorando per raggiungere questo equilibrio; ci sono persone che mi hanno chiesto la società, anche qualcuno che è già stato qui (PASTORELLO? n.d.S.) perchè senza debiti, con un bilancio sano e 13.500 spettatori di media al 'Bentegodi', facciamo gola ma non l'ho preso in considerazione: vado avanti io. Ma se qualche veronese mi vuole affiancare lo accolgo a braccia aperte!». Per i tifosi dell'HELLAS lei è il salvatore della patria! «Il VERONA, quando l'ho preso, stava fallendo. Era questione di ore. Mi sono sentito dentro che dovevo fare qualcosa e sono contento di averlo fatto. E' costato molto, certo: con il fallimento avrei speso un quinto. Un imprenditore puro avrebbe aspettato, ma io sono anche tifoso e ho preferito così, facendo in modo che tanta gente non rimanesse fregata». (Gazzetta dello Sport) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]
Gianluca FALSINI due anni di HELLAS (ora a fine carriera al LEGANGO) a partire dal '98-'99 con la vittoria del campionato di B ed il 7° posto in Serie A nell'anno successivo dove con PRANDELLI, se non erro, non perdemmo una partita nel girone di ritorno! «Ho dei ricordi meravigliosi che mi legano alla città di Verona e alla tifoseria. Eravamo una squadra molto giovane e piena di entusiasmo e riuscimmo a conquistare la promozione in serie A e l'anno successivo addirittura il nono posto. Degli ultimi dieci anni è stato il miglior Hellas anche se non va dimenticata la prima parte di stagione dell'era Malesani. Auguro alla squadra una risalita immediata in B e poi un passo alla volta anche in A. Pugliese? Giochiamo nello stesso ruolo è vero, lui è un generoso uno di quelli che dà l'anima in campo. L'unica cosa che mi sento di dirgli è di continuare su questa strada dato che sta facendo molto bene». (TGGialloBlu.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]

[ALTRE NEWS]
VERONA-PESCARA, IL CASMS INTERVIENE: Vendita di un solo biglietto per spettatore ospite, nel giorno della gara acquisto ai soli residenti in Veneto ed incedibilità del tagliando (HellasVerona.it) Vediamo quanto ci metterà il sindaco dei pescaresi a farsi sentire... [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]


IL 'CUCCHIAIO'? NON SOLO NEL CALCIO! Guardate come questo giocatore di hockey su ghiaccio beffa il portiere avversario...

[IN BREVE]
VITA DA EX: ADAILTON mai così in forma in Italia stà facendo le fortune del BOLOGNA (alla cui guida si trova un altro ex scaligero: mister COLOMBA) con 10 gol di cui 4 su punizione «... Ma il più bello», dice alla Gazzetta dello Sport, «rimane quello segnato al VENEZIA con la maglia dell'HELLAS in Serie A». MUTU rischia 'solo' un anno: fortunatamente per lui la PNA (Procura Nazionale Antidoping) non gli ha contestato la recidiva! Dopo GUIDOLIN FOSCHI! Anche l'ex DS è stato accostato al club gialloblù in caso di promozione ma l'interessato nega tutto...
CHAMPIONS LEAGUE: A Londra il BARÇA con IBRA ne fa 2 ma l'ARSENAL rinviene e pareggia. L'INTER vince col solito MILITO ma spreca l'impossibile contro il CSKA.
LIGA SPAGNOLA: Debiti e niente stipendi anche nel 'nuovo' campionato più bello del mondo! L'AFE (l'associazione dei calciatori spagnola) minaccia scioperi... VOLLEY: Terzo KO per la MARMI LANZA contro TRENTO, addio ai playoff ma con onore!
LEGA PRO: La PRO SESTO fallisce ma in Seconda Divisione rischiano anche OLBIA, LEGANO e VERCELLI...
IL 'CUCCHIAIO'? NON SOLO NEL CALCIO! Guardate come questo giocatore di hockey su ghiaccio beffa il portiere avversario...
EUROPA LEAGUE: Il LIVERPOOL passa in vantaggio ma poi si fa sorprendere dal BENFICA che recupera e vince 2 a 1!
RANKIG FIFA: L'ITALIA Campione del Mondo perde una posozione e scivola al 5° posto superata anche dal PORTOGALLO...
GOLF: Altro alloro mondiale per MANASSERO, veronese non ancora 17enne novello Tiger WOOD; è trionfo nella Georgia Cup!
LUTTO NEL GIORNALISMO SPORTIVO: È morto Maurizio MOSCA, il famosissimo conduttore/ospite di tantissimo calcio in TV...
FORMULA 1: RED BULL ancora in pole! In Malesia partiranno dalla seconda posizione la MEWRCEDES poi un'altra RED BULL, malissimo le FERRARI che partiranno dalla 19^ e dalla 21^ piazzola... [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]

GIOCO PRONOSTICI:
Portì pasiensa butèi ma me capirì se non g'ho oja de comentar più che tanto...
Comunque campion l'è Bruni, sfigadoni Ale90HVr, Gede e Lucky, ammonio Gabri.
Alla prox. contro el PESCARA se vinse! Intanto a tutti Bona Pasqua...

P.S: Ribadisco che ho fatto i conti considerando, come vi avevo ampiamente annunciato, POTENZA 0-3 REGGIANA...

CLASSIFICA DI GIORNATA
8 - Bruni
6 - Barnaba
5 - Black, Bridget, Mister Loyal, Pose, Smarso
4 - Martino
3 - Ale90hvr, Gede, Lucky


CLASSIFICA GENERALE
133 - Martino
124 - Mister Loyal
120 - Pose, Smarso
117 - Ale90hvr, Bridget
115 - Bruni
105 - Black, Lucky
102 - Gabri
100 - Barnaba
097 - Gede


CLASSIFICA PRECEDENTE
129 - Martino
119 - Mister Loyal
115 - Pose, Smarso
114 - Ale90hvr
112 - Bridget
107 - Bruni
102 - Gabri, Lucky
100 - Black
094 - Gede e Barnaba

ALBO D'ORO CAMPIONI
2008/2009 RobRoy
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)



Prima Divisione, Girone B: risultati e marcatori di oggi [29^ giornata]
Cliccare per il dettaglio dell'immagine 03/04/2010 - h. 17:01 - Risultato storico per il Marcianise che sconfigge di misura il Verona. Colpo esterno del Foggia a Rimini. Taranto sconfitto a Cava in pieno recupero. Altinier decide il match per il Portogruaro sulla Spal.

Risultati:
Cavese-Taranto 1-0 93´ Bernardo. Radi (C) sbaglia un rigore al 13´
Giulianova-Andria 1-1 60´ Carbonaro (G), 90´ Sibilano (A)
Marcianise-Verona 1-0 10´ Poziello
Pescara-Cosenza 3-1 69´ Ganci (P), 78´ Sansovini (P) 80´ Bonanni (P), 87´ Biancolino (C)
Pescina-Ravenna 2-1 50´ su rig. Cesar (P), 83´ Dell´Acqua (P), 91´ rig. Piovaccari (R)
Portogruaro-Spal 1-0 68´ Altinier
Rimini-Foggia 0-1 19´ Ceccarelli
Ternana-Lanciano 1-1 57´ Turchi (L), 89´ Lacheheb (T)
Potenza-Reggiana mercoledì 14 aprile ore 15.00

Classifica, dopo 29 giornate:
Verona 50,
Portogruaro e Pescara 48,
Reggiana e Ternana 42,
Cosenza 40,
Rimini 39,
Taranto 38,
Cavese e Ravenna 37,
Lanciano 36,
Spal e Andria 35,
Marcianise 33,
Pescina e Foggia 31,
Giulianova 29,
Potenza 26

Prossimo turno (domenica 11 aprile): Potenza-Cavese, Reggiana-Giulianova, Hellas Verona-Pescara D., Foggia-Pescina VG, Taranto-Portogruaro Summaga, Andria Bat-Real Marcianise, Cosenza-Rimini, Virtus Lanciano-Spal, Ravenna-Ternana
Andrea Zalamena

FONTE: TuttoLegaPro.com


IL TNAS RIAMMETTE IL POTENZA
Ribaltone nel girone dell’Hellas>> Lucani retrocessi, ma giocheranno le ultime gare. Una decisione più equa. Piccolo vantaggio per il Verona Le rivali per la promozione non avranno 3 punti a tavolino quando lo affronteranno
Il Potenza è stato riammesso al campionato di Lega Pro nel girone B della Prima Divisione, ma comunque retrocederà come ultima in classifica alla fine della stagione. Dopo cinque ore di dibattimento, il Tnas ha deciso ieri di modificare in parte la decisione della Corte di giustizia federale, che, al termine del processo-bis per il presunto illecito sportivo verificatosi in una partita contro la Salernitana nella stagione 2007-2008, aveva disposto l'esclusione del Potenza dal campionato in corso e una penalizzazione di sei punti da infliggere alla squadra campana nell’attuale campionato di Serie B. La conseguenza è quella di un’evidente soddisfazione del club potentino, che l’anno prossimo, per la gioia dei suoi tifosi (ieri un centinaio di supporters ha atteso la decisione del Tnas nei pressi dello stadio Olimpico di Roma) potrà ripartire dalla Seconda Divisione e non dalla Prima Categoria. Inoltre, alla luce di questa decisione, le gare Foggia-Potenza e Potenza-Reggiana di sabato prossimo si dovranno giocare regolarmente.

Cosa cambia per l'Hellas? Non moltissimo, in realtà. Essendo già retrocesso, il Potenza non sarà un ostacolo particolarmente duro per le squadre che dovranno affrontarla e che inseguono i gialloblù: Reggiana, Pescara e Portogruaro. Starà al loro orgoglio e al loro senso del dovere non far diventare delle partite farsa le sette gare che le restano da giocare (recupero col Foggia compreso), ma in ogni caso si tratta di una decisione più equa rispetto a quella che avrebbe consentito ad alune squadre di incamerare tre punti a tavolino, senza giocare, laddove, ad esempio, il Verona era stato costretto a sudare fino al 92’ per conquistare un misero punto al Bentegodi contro i lucani. In ogni caso i gialloblù faranno bene a pensare a se stessi e a gestire al meglio i cinque punti di vantaggio a cominciare dalla trasferta di domani a Marcianise.

FONTE: DNews.it


2 Aprile 2010
Calcio Iª Div. B - 29ª giornata: presentazione
di Marco Magli
Riprende il Campionato dopo la sosta, con le partite in programma di Sabato, vigilia di Pasqua. Si è chiuso il ‘Caso Potenza’, con la squadra lucana retrocessa, ma per la regolarità del campionato dovrà comunque disputare le gare da qui alla fine del torneo, nonché recuperare la gara persa a tavolino contro il Foggia. Mancano sei giornate al termine della stagione regolare, il ventinovesimo turno presenta due scontri diretti molto importanti, si tratta di: Pescara- Cosenza, per i piani alti della classifica, e Giulianova- Andria, per la lotta salvezza. La capolista Verona attesa a Marcianise mentre l’altra inseguitrice, a pari punti col Pescara, Portogruaro, ospiterà la Spal.

CAVESE- TARANTO: Partita molto interessante al ‘Lamberti’. Metelliani che grazie ad uno splendido Girone di ritorno, ben diciannove punti, ospiteranno un Taranto che viene dalla sconfitta interna subita contro il Pescara, un deludente esordio per il tecnico Passiatore che ha coinciso con la fine della striscia positiva di Dellisanti (sette risultati utili di fila senza subire rete!). Ionici che in trasferta non vincono dalla settima giornata, 0-2 sul Pescina, unico colpo esterno della stagione! Per i pugliesi la trasferta di Cava dè Tirreni rappresenta l'ultima chiamata per i play off. Si attendono diverse novità da parte di Mister Passiatore nel 4-4-2: considerate le squalifiche di Calori e Prosperi nel pacchetto arretrato, oltre l’indisponibilità di Panarelli, probabile spazio dall’inizio per Imparato e lo svedese Magnusson; in mediana Giorgino dovrebbe rientrare al posto del finlandese Taulo, l’infortunio di Scarpa, causa tendinite, dovrebbe dar spazio a Triarico, che occuperebbe la fascia sinistra. In avanti ballottaggio tra Corona e Innocenti per affiancare la giovane promessa Russo. Pare fuori dai giochi l’indisciplinato Ferraro, almeno per quanto concerne un suo utilizzo dal primo minuto. L'ex bomber della Salernitana ha palesato segni di nervosismo durante l’amichevole infrasettimanale. La Cavese non ha mai perso nei sei precedenti interni contro gli ionici, collezionando cinque vittorie e un solo pareggio; per il tecnico degli ‘aquilotti’ Stringara gara da ex, l’ex giocatore di Bologna e Inter recupererà Favasuli e Cipriani, dopo la squalifica, e Spinelli che rientra da un infortunio pur non essendo al meglio. Fuori per squalifica Bacchiocchi, mentre Rapino non è ancora a disposizione per un guaio muscolare. Gara dove nessuna delle due compagini può permettersi passi falsi, non è da escludere che possa terminare in parità.

GIULIANOVA- ANDRIA: Per i giovani ragazzi di Bitetto solo un risultato a disposizione, la vittoria, specialmente contro la sest’ultima della classe per poter alimentare speranze di salvezza. Compito difficile per i giallorossi, al ‘Fadini’ si presenterà l’Andria, in grande spolvero, con quattro risultati positivi consecutivi. Seconda gara esterna di fila per gli uomini di Papagni, l’unica vittoria fuori casa della squadra pugliese risale alla 20°giornata, 0-2 a Foggia. Giulianova senza vittoria dal 7 Febbraio, 23° giornata, 2-1 sul Portogruaro. Gara aperta ad ogni risultato, locali col maggior numero di pareggi interni di tutta la Prima Divisione, ben nove.

PESCARA- COSENZA: La gara più affascinante della giornata. Il Pescara sta trovando continuità e le due vittorie di fila, contro Spal e Taranto, hanno permesso agli uomini di Di Francesco di riportarsi sulla scia del Verona; mentre il Cosenza ha raccolto solo due punti nelle ultime tre partite, risultati che hanno fatto traballare la panchina di Toscano. Per i silani Pescara è una tappa fondamentale per poter continuare a credere nei play off. Partita tutta da seguire, pronostico in bilico.

PESCINA- RAVENNA: Partita molto delicata per i marsicani, in serie positiva da quattro turni, con il chiaro intento di centrare il successo per continuare a sperare, ma il Ravenna, con il nuovo tecnico Soda in panchina, può ancora credere nei play off se subito ci sarà una reazione, se questo avverrà, allora potrà fare anche l’impresa, ma se giocherà con la paura delle ultime gare, pensare ai play off sarà solo utopia. Bizantini senza vittoria da otto incontri, ultima vittoria 2-1 contro il Potenza alla 20°giornata.

PORTOGRUARO –SPAL: Nel Girone di ritorno i veneti, tra le mura amiche, hanno battuto solo il Rimini, ma undici punti negli ultimi cinque incontri hanno fatto volare i granata e in riva al Lemene c’è la consapevolezza di poter centrare un incredibile ed inaspettato, ad inizio stagione, risultato. Al ‘Mecchia’ sarà ospite la Spal, compagine in cerca di punti che garantiscano la salvezza certa. All’andata s’imposero gli estensi per 2-1, veneti favoriti.

REAL MARCIANISE- VERONA: Gara inedita al‘Progreditur’, trasferta insidiosa per la capolista scaligera che non deve subire cali di concentrazione, soprattutto su un campo dove i campani, nelle ultime due partite, hanno messo sotto Rimini e Cosenza raccogliendo però solo due pareggi. Verona imbattuto lontano dal ‘Bentegodi’ e solo una rete incassata, dal Pescina nell’ultima trasferta. Real in cerca dell’impresa storica. Hellas favorito ma, come detto, guai ad abbassare la guardia.
RIMINI- FOGGIA: Al ‘Neri’ si prospetta una gara emozionante tra due compagini in cerca di continuità; i romagnoli si sono rilanciati grazie alla vittoria esterna nel derby romagnolo contro il Ravenna, e si giocano importanti chance per agguantare i play off, mentre il Foggia, che dovrà recuperare la gara col Potenza, è reduce dal convincente successo contro la Reggiana. Ultimo incontro al "Neri" fu nel 2005, quando i biancorossi conquistarono una gloriosa promozione in serie cadetta, e si imposero sui ‘satanelli’ per 2-0. Biancorossi favoriti.

TERNANA- LANCIANO: Seconda gara interna di fila per gli umbri, dall’avvento di Giorgini alla guida tecnica la Ternana ha raccolto due pareggi ma sabato occorrono i tre punti per non rischiare di essere scavalcati in classifica, le inseguitrici per un posto nei play off fanno sentire il fiato sul collo. Al ‘Liberati’ sarà ospite il Lanciano, che viene da due sconfitte consecutive e che in trasferta si trova a suo agio, solo una sconfitta, peraltro rimediata proprio nell’ultima gara lontano dal ‘Biondi’, ad Andria per 2-0. Pronostico in bilico.

POTENZA- REGGIANA: La Lega ha comunicato che Potenza - Reggiana sarà recuperata Mercoledì 14 aprire 2010 alle ore 15,00.

FONTE: RealSports.it


Calcio Prima Div. Il Real prova a sgambettare la capolista
(2 aprile). Una sfida che vale una stagione. Atmosfera da autentica finale domani pomeriggio per la gara tra Marcianise e Verona. Un match delicato che potrebbe alterare parecchio gli equilibri del campionato. Dal ‘Progreditur’ passeranno gli esiti del campionato di Prima Divisione. Il testa coda in programma oggi a Marcianise sarà un match importante sia per la parte alta della classifica che per la lotta salvezza. Insomma non mancheranno di certo le motivazioni ed anche per questo la vigilia del match in casa gialloverde è stata vissuta con una certa tensione.

Insomma un appuntamente atteso, di quelli che fanno viaggiare l’adrenalina a mille e che senza dubbio creano pressioni forti su tutto l’ambiente. La squadra è reduce da un momento positivo, il morale è alto e la sensazione di poter giocarsi la volata salvezza nelle ultime sei gare ha aumentato motivazioni e voglia di fare nelle fila della formazione. Tuttavia di fronte non ci sarà una squadra qualunque ma un avversario decisamente ingombrante sia per il blasone che per il valore. Quello che è certo è che la gara con il Verona sarà di quelle che rimarranno negli annali del calcio di Terra di lavoro, con gli scaligeri che verranno a giocarsi al ‘Progreditur’ una fetta importante delle loro ambizioni di serie B. Boccolini ha lavorato per due lunghe settimane alla gara di domani, cercando di portare la squadra alla migliore condizione dal punto di vista psicofisico e lavorando sulle soluzioni tattiche da adottare contro i veronesi. Probabilmente non sarà un Marcianise rinunciatario quello che andrà in campo domani, visto che i gialloverdi dovranno scontare una piccola emergenza in difesa dove mancheranno elementi importanti. Su tutti lo squalificato Murolo, la cui assenza peserà non poco negli equilibri difensivi della disposizione tattica di mister Boccolini. Per questo con tutta probabilità Boccolini punterà su una squadra arrembante per cercare di spaventare il Verona, che dalla sua avrà un potenziale tecnico nettamente superiore. Il compito di scardinare la difesa degli scaligeri sarà affidato ancora una volta all’estro di Poziello ed alla vena realizzativa di Tedesco, che si è già rilevato elemento più che prezioso nell’economia del gioco. La differenza potrebbe farla il fattore pubblico, per questo il tecnico ha chiamato ancora una volta a raccolta i supporters gialloverdi sperando in un ‘progreditur’ pieno e caldo come una volta. Chissà che la ritrovata passione della piazza non possa far tornare nella dirigenza la voglia di andare avanti nell’avventura calcistica.

FONTE: LunaSet.it


17:35 del 01 aprile
Lega Pro: Potenza riammesso ma retrocesso
Il Tribunale Nazionale di Arbitrato dello Sport del Coni ha riammesso al campionato di Prima Divisione Lega Pro il Potenza, che però è da considerarsi già retrocesso ai sensi dell'articolo 18 lettera H del codice di giustizia sportiva.
C.G.

11:24 del 01 aprile
Hellas Verona Martinelli: 'Non vendo il club'
Parla Giovanni Martinelli, presidente dell'Hellas Verona, capolista del girone B della Prima Divisione di Lega Pro: "Il campionato è falsato dal caso Potenza e si deciderà all'ultimo. Siamo in testa dall'inizio, come si fa a discutere un allenatore come Remondina?".

Il futuro: "Il club fa gola, qualcuno me l'ha chiesto, ma non vendo, apro solo a soci veronesi. E niente fusione col Chievo. Da tifoso a presidente, speso di guidare a lungo questo club".
(La Gazzetta dello Sport)

FONTE: CalcioMercato.it


03/04/2010
Verona, avanti tutta nel fortino Real
MISSIONE IN CAMPANIA. Gialloblù determinati a vincere la sesta gara lontano dal Bentegodi per consolidare il primato e avvicinare ulteriormente la promozione
A Marcianise Remondina solleticato dal tridente Debutta tra i convocati Sam Dalla Bona mentre l'attacco ritrova bomber Selva, almeno in panchina

L'ordine di Remondina è quello di sempre: scatenate l'inferno. Oggi più che mai a Marcianise, provincia di Caserta, a un tiro di schioppo dal capoluogo, dove il Verona proverà ad allungare ulteriormente il passo in classifica nel fortino del Real, reso incandescente dalle annunciate condizioni meteo ma soprattutto dal valore dei punti in palio, con i padroni di casa a giocarsi una bella porzione di salvezza.

SENZA PAURA. L'Hellas non ha paura. È partito alla volta della Campania determinatissimo a far valere in pieno la supremazia tecnica così ben definita dalle distanze in graduatoria (50 punti contro 30).
Nessuna compassione dunque, e nessuna comprensione per la pericolante condizione degli avversari.
Tanto più che la corazzata gialloblù scatterà dai blocchi ricompattata e rigenerata dalla sosta del campionato («il gruppo non è mai stato così unito», aveva annunciato alcuni giorni fa il tecnico in seconda Tedeschi) e convinta di dover rischiare qualcosa più del solito per avvicinare l'obiettivo della promozione diretta e dare un avvertimento alla concorrenza, costretta per l'ennesima volta a gufare.
Non va del resto dimenticato che il Bentegodi, nelle ultime tre sfide del campionato, ospiterà nell'ordine Pescara, Taranto e Portogruaro. Ovvero almeno due scontri diretti ad altissimo tasso di pericolosità.
Meglio allora preoccuparsi di allungare - o almeno di tenere a debita distanza - le altre pretendenti alla B.

RITORNI & DEBUTTI. E se l'allenatore rivale, Luigi Boccolini, ha annunciato battaglia, Remondina ha fatto capire di voler vedere da subito le carte dei campani.
E sceglierà, con ogni probabilità, un assetto decisamente offensivo, affidando a Berrettoni, Di Gennaro e Farias il compito di far saltare il bunker del Real. Fermo restando che alle loro spalle reclama visibilità Corrado Colombo.
E che, a distanza di mesi dall'ultima chiamata, è rientrato pienamente nei ranghi, a totale disposizione, pure Andy Selva, a sua volta smanioso di recuperare il tempo perduto.
Dietro di loro, coperti dai soliti quattro (Cangi, Ceccarelli, Anselmi e Pugliese) a presidiare la porta di Rafael, agiranno Russo, Esposito e Pensalfini, una bella miscela di muscoli e piedi sopraffini a guidare l'assalto gialloblù.
Ma la notizia è che per la prima volta in stagione, superati gli acciacchi che ne hanno finora ostacolato il debutto, Remondina ha convocato anche Sam Dalla Bona, ulteriore valore aggiunto del Verona nel volatone finale.

FATTORE TRASFERTA. La formula di Remondina, in sostanza, assomiglia a quella di sempre.
Quella che ha permesso di uscire sempre imbattuti dalle quattordici precedenti trasferte subendo appena un gol e vincendo cinque volte.
C'è però la consapevolezza che il sesto exploit potrebbe assestare un colpo quasi mortifero alle residue ambizioni di rimonta di Pescara e Portogruaro, il che ha convinto l'allenatore gialloblù a spostare più in avanti il baricentro irrobustendo la fase di aggressione agli avversari. I quali, per inciso, a dispetto delle particolarità del «Progreditur», il campo di casa, di ridotte dimensioni, si sono finora dimostrati tutt'altro che insuperabili davanti ai loro supporters, vincendo appena tre gare, pareggiandone cinque e perdendone sei, incassando in media più di una rete a partita.

IN CONDIZIONE. A far da contraltare la buona condizione dimostrata prima della pausa - al di là dei due jellatissimi pareggi imposti ai campani da Rimini (al 91') e Cosenza (addirittura al 96') - esaltata dalla limpida vittoria colta un paio di settimane fa sul campo del Lanciano.

IN 150 AL SEGUITO. Una buona notizia infine per i tifosi gialloblù (in viaggio per la Campania sono in 150): quello di Marcianise è l'ultimo trasferimento-monstre di questo campionato, poco più di 680 chilometri da percorrere sul filo della passione in attesa dei prossimi appuntamenti esterni (a Ferrara e a Rimini) che potrebbero trasformarsi in esodi dai contorni magari irripetibili.
Francesco Arioli

03/04/2010
Boccolini: «Chiedo una prova d'orgoglio»
GLI AVVERSARI. Atmosfera carica in casa gialloverde Il tecnico: «Il loro blasone non ci deve spaventare»

03/04/2010
Inseguitrici in casa con l'obbligo dei tre punti
LA GIORNATA. La Ternana col Lanciano, in coda c'è Giulianova-Andria
Nel posticipo di mercoledì la Reggiana, quarta forza del torneo, va a far visita al «resuscitato» Potenza

Pescara e Portogruaro non possono più sbagliare. Le due principali rivali del Verona nella corsa promozione oggi favoriranno entrambe dell'impegno casalingo. Gli abruzzesi ospitano il Cosenza, in un confronto davvero molto delicato. La squadra di Calori, invece, dovrà cercare di fare bottino pieno contro la Spal.
La Ternana cerca di tenere il passo delle prima affrontano al Liberati il Lanciano. Il Potenza, riammesso al campionato, ospita al Viviani (mercoledì 14 aprile) la Reggiana, altra squadra che non ha perso del tutto la speranza di giocare un brutto scherzo all'Hellas. Proprio ieri infatti la Lega Pro - preso atto della delibera del Collegio arbitrale del Coni relativa al destino dei lucani - ha disposto che mercoledì 7 (inizio alle 15) venga invece recuperata Foggia-Potenza, stavolta sul campo dei «satanelli».

IL PROGRAMMA. Questo comunque il programma completo della ventinovesima giornata: Cavese-Taranto, Giulianova-Andria, Marcianise-Verona, Pescara-Cosenza, Pescina-Ravenna, Portogruaro-Spal, Rimini-Foggia, Ternana-Lanciano, Potenza-Reggiana (mercoledì 14 aprile). La classifica: Verona punti 50, Pescara e Portogruaro 45, Reggiana 42, Ternana 41, Cosenza 40, Rimini 39, Taranto 38, Ravenna 37, Spal e Lanciano 35, Cavese e Andria 34, Marcianise (-1) 30, Giulianova, Pescina e Foggia (-1) 28, Potenza 26. S.A.

02/04/2010
Paradosso Potenza: riammesso al torneo ma già retrocesso
IL CASO. Singolare pronuncia del Tribunale dell'arbitrato del Coni
Il Potenza è stato riammesso ieri al campionato di Prima Divisione. Così ha deciso il Tribunale Nazionale di Arbitrato dello Sport del Coni. La squadra allenata da Eziolino Capuano, quindi, sarà regolarmente in campo nel prossimo turno contro la Reggiana.

Il Potenza è da considerarsi, tuttavia, retrocesso ai sensi dell'articolo 18 lettera H del codice di giustizia sportiva, ma per la regolarità del campionato di Lega Pro disputerà le gare da qui alla fine del torneo.
La norma prevede «la retrocessione all'ultimo posto in classifica del campionato di competenza o di qualsiasi altra competizione agonistica obbligatoria; in base al principio della afflittività della sanzione, la retrocessione all'ultimo posto comporta sempre il passaggio alla categoria inferiore». Inoltre, i rossoblù recupereranno la gara già data persa a tavolino in campionato contro il Foggia.
Per l'Hellas di Remondina alla caccia della promozione diretta, ma anche per le squadre coinvolte nella lotta per non retrocedere cambia qualcosa nella sostanza.

Foggia, Reggiana. Pescara, Portogruaro, Cavese e Pescina (che fino a ieri erano sicure di portare a casa la vittoria a tavolino contro i lucani) per aggiudicarsi i tre punti dovranno comunque scendere in campo contro un avversario che nonostante la certezza della retrocessione potrebbe far parlare l'orgoglio sino al termine della stagione regolare.

«Per noi cambia poco», ha spiegato al proposito Nereo Bonato, direttore sportivo del Verona. «Già quando il Potenza era stato escluso dal campionato eravamo stati chiari nel dire che non avevamo alibi. Dovremo andare per la nostra strada. Certo, adesso chi affronta il Potenza dovrà comunque scendere in campo e guadagnarsi la vittoria. La squadra lucana a fine stagione retrocederà comunque, ma io penso che i giocatori del Potenza avranno lo stesso voglia di dimostrare qualcosa da qui al termine della stagione». Poi «saranno le carte bollate a decretare il passaggio in Seconda, ma sul campo i ragazzi del Potenza potrebbero cercare una sorta di riscatto».
Il diesse gialloblù è convinto che, con la decisione di estromettere la squadra di Capuano dal campionato, fossero stati penalizzati, invece, «in maniera evidente» molti interpreti di questo torneo.
Così «credo che con la decisione del Tnas si sia voluto rimediare a un'ingiustizia. Ripeto: il Verona prende atto, ma fila dritto per la propria strada. Noi abbiamo il dovere di fare comunque il massimo per centrare l'obiettivo che ci eravamo prefissati ad inizio stagione». S.A.

02/04/2010
Ecco Punto Hellas: Vigo accende la festa gialloblù
C'era grande entusiasmo e presenza di club gialloblù al ristorante Zonaro di Vigo per la tradizionale festa dello sportivo organizzata dal Gruppo sportivo parrocchiale di Vigo, nella quale era prevista la presenza del presidente del Verona Giovanni Martinelli per festeggiare la società della frazione legnaghese diventata «Punto Hellas»: Martinelli in una lettera al presidente del Vigo Raimondo De Angeli ha giustificato la sua assenza ma in rappresentanza dell'Hellas c'erano Luca Monese, responsabile dell'attività di base del club, e Davide Meneghello, osservatore di zona. A.N.

SANDRÀ APPLAUDE MARTINELLI. Da quando,circa due anni fA, Giovanni Martinelli ha acquisito la proprietà dell'Hellas Verona, nella tifoseria organizzata c'è stato un vero e proprio risveglio di passioni mai dimenticate, ma solo rimosse dalle deludenti stagioni che avevano preceduto il suo ingresso nella società. È chiaro che tra questi sodalizi sicuramente il calcio club di Sandrà ha beneficiato doppiamente di tale rinnovata situazione, essendo il paese di nascita e di residenza del patron scaligero.

E anche quest'anno Martinelli non ha naturalmente voluto mancare all'appuntamento con i propri compaesani in occasione dell'annuale cena sociale, che ha riunito un centinaio di soci in sede, il ristorante La Meridiana.
Una serata arricchita inoltre dalla presenza del direttore sportivo Nereo Bonato e del team manager Stefano Fattori assieme ai calciatori Dario Campagna, Andy Selva e Alberto Comazzi.

Tra i commensali anche la segretaria, Elena Fraccaroli, e, provenienti da Roma, Udilla Caliari con Ruth Elisa Broglia, che da molti anni hanno trasferito la loro residenza da Sandrà alla capitale.
Pienamente soddisfatto per l'ottima riuscita della serata il presidente del club Stefano Salaorni, anche se a strappare il più caloroso degli applausi è stata la piccola Elisa Marotti che, con piglio da attrice consumata, ha recitato in vernacolo una splendida poesia dedicata al presidente Martinelli e all'intera squadra, a sprone dell'esito finale di questa stagione. C.R.

FONTE: LArena.it


03/04/2010 - 16:18
Real Marcianise-Hellas Verona 1-0
Al "Progreditur" decide una rete di Poziello, abile a concretizzare con un diagonale un'azione di contropiede al 10'
MARCIANISE - Per la 29a gara di campionato Remondina si affida al trio offensivo Farias-Di Gennaro-Colombo: Berrettoni si accomoda in panchina assieme a Selva. Dalla Bona, alla prima convocazione dal suo arrivo in gialloblù, va in tribuna. Boccolini, che non vince tra le mura amiche dalla 22a (3-0 al Potenza), è costretto a rinunciare al difensore Murolo, appiedato dal Giudice Sportivo.

Contropiede condotto da Manco al 3': il centrocampista serve sul lato opposto Romano che di testa non trova la porta. Punizione dalla trequarti di Esposito (8') indirizzata verso il secondo palo, Fumagalli manca la presa e smanaccia in corner. Al 10' padroni di casa in vantaggio con Poziello, che concretizza una ripartenza campana con un diagonale preciso sul secondo palo. Salvataggio in scivolata di Porpora al 13' su conclusione di Di Gennaro, smarcato in area da un colpo di testa di Colombo.

L'Hellas giostra il gioco sulla destra con Farias, bravo a superare Tomi ed appoggiare dietro per Pensalfini, il cui destro è debole e termina sul fondo. Al 25' Di Gennaro protegge palla e serve dietro Pugliese, il cross dell'esterno mancino è preda di Tomi, in anticipo su Russo. Su ribaltamento di fronte Poziello conclude da posizione defilata, Anselmi respinge sulla linea di porta. Poziello controlla al limite dell'area al 35' e tenta la battuta verso il secondo palo, Ceccarelli devia in angolo. Discesa laterale di Pugliese al 41', Pensalfini va col mancino da dentro l'area, Porpora devia con la schiena oltre la linea.

Triangolazione Colombo-Farias al 49' con la punta lombarda che arriva al tiro da appena dentro l'area, Fumagalli fa sua la sfera. Real Marcianise vicino al raddoppio al 52': traversone dalla sinistra di Tomi, incornata ravvicinata di Manco che finisce debolmente tra le braccia di Rafael. Lancio lungo di Ceccarelli dalle retrovie spizzato da Colombo (57'), Selva in corsa manda alto sopra la traversa. Cross basso dalla destra di Cangi al 66', velo di Colombo ma Filosa spazza via.

Palla per l'ex Bari ancora al 68', su servizio di Berrettoni, nuovamente Filosa respinge dal primo palo. Al 69' palla-gol sciupata da Alfano, sugli sviluppi di un cross dalla sinistra di Tomi. Il centrocampista campano impatta di testa senza inquadrare lo specchio della porta. Al 78' botta di Berrettoni dal limite, Fumagalli in due tempi fa la sua palla allungandosi sulla propria destra. Dal lato corto dell'area di rigore Manco trova Tedesco, il piatto destro è sbilenco e termina alto (91').

La partita termina dopo 6' di recupero, primo ko esterno stagionale per la formazione scaligera, ora a +2 da Portogruaro e Pescara

Il tabellino
REAL MARCIANISE CALCIO - HELLAS VERONA F.C. 1-0 (1-0)
Reti: 10' Poziello

REAL MARCIANISE CALCIO
Fumagalli; Ciano, Filosa, Porpora, Tomi; Manco, Alfano, D'Ambrosio; Romano; Galizia, Poziello (86' Tedesco). (Mezzacapo, D'Apice, Di Napoli, Della Ventura, Alvino, Montanari). All. Boccolini

HELLAS VERONA F.C.
Rafael; Cangi, Ceccarelli, Anselmi, Pugliese; Russo (76' Ciotola), Esposito, Pensalfini; Farias (53' Berrettoni), Di Gennaro (50' Selva), Colombo. (Ingrassia, Comazzi, Campagna, Garzon). All. Remondina

Arbitro: Bagalini di Fermo
Assistenti: Paglione, Drago
Ammoniti: Porpora, Poziello, Ceccarelli, Esposito, Anselmi, D'Ambrosio
Espulsi: -
Recupero: 3' - 6'
Spettatori: 500 circa
Ufficio Stampa

03/04/2010 - 13:51
Real Marcianise-Hellas Verona: le formazioni ufficiali
I ventidue in campo per la sfida in programma allo stadio "Progreditur" (fischio d'inizio alle ore 15:00)
MARCIANISE - Le formazioni ufficiali di Real Marcianise-Hellas Verona, partita valida per la 29a giornata di Prima Divisione - Girone B (fischio d'inizio alle ore 15:00):

REAL MARCIANISE CALCIO
Fumagalli; Ciano, Filosa, Porpora; Manco, Alfano, D'Ambrosio, Tomi; Romano; Galizia, Poziello. (Mezzacapo, D'Apice, Di Napoli, Della Ventura, Alvino, Montanari, Tedesco). All. Boccolini

HELLAS VERONA F.C.
Rafael; Cangi, Ceccarelli, Anselmi, Pugliese; Russo, Esposito, Pensalfini; Farias, Di Gennaro, Colombo. (Ingrassia, Comazzi, Campagna, Garzon, Berrettoni, Ciotola, Selva). All. Remondina

Arbitro: Bagalini di Fermo
Ufficio Stampa

03/04/2010 - 09:38
Inaugurata giovedì sera la sede del C.C.C.H.V.
Presenti nell'occasione il presidente dell'Hellas Verona Giovanni Martinelli ed il direttore sportivo Nereo Bonato

01/04/2010 - 15:03
Hellas Verona-Pescara, le disposizioni del Casms
Vendita di un solo biglietto per spettatore ospite, nel giorno della gara acquisto ai soli residenti in Veneto ed incedibilità del tagliando

FONTE: HellasVerona.it


03/04/2010 16:53
L'Hellas cade a Marcianise: decide Poziello. Pescara e Portogruaro a meno due
Brutta sconfitta per l'Hellas che allo stadio Progreditur cede contro un modesto ma grintoso Real Marcianise capace di portarsi in vantaggio dopo solo nove minuti ma in grado di gestire per tutto il resto della gara sfiorando ripetutamente il raddoppio. Per la squadra gialloblù l'occasione più favorevole con Selva, che ben servito da Colombo, manda alto da buona posizione.

01/04/2010 18:48
Incredibile: Potenza riammesso, ma sarà comunque retrocesso
Il Tnas ribalta in parte la precedente sentenza. Il Potenza giocherà le ultime gare della stagione ma sarà comunque retrocesso in Seconda Divisione. I punti conquistati dunque non avranno significato per la classifica dei lucani ma solo per quella degli avversari. Bonato commenta: "E' comunque un piccolo vantaggio rispetto a prima. Contiamo molto sulla voglia dei ragazzi del Potenza di mettersi in mostra e sulla grinta di Capuano".

01/04/2010 15:53
Falsini: A Verona ricordi indimenticabili
Gianluca Falsini ha ritrovato l'Hellas da avversario nell'amichevole di giovedì che i gialloblù hanno giocato a Legnago. Non era la prima volta che il terzino sinistro aretino incrociava le armi con il Verona ma i ricordi delle due stagioni passate al Bentegodi sono ancora indelebili: "Eravamo una squadra molto giovane e piena di entusiasmo. In due anni abbiamo compiuto delle vere e proprie imprese. Ho un ricordo straordinario e auguro all'Hellas di tornare al più presto dove merita".
Da tanti anni ha lasciato Verona Gianluca Falsini, ma il ricordo che lo lega alla città e ai colori gialloblù è ancora molto forte. Era il 1998 quando, dopo una parentesi al Padova, il Parma lo gira all'Hellas, che in panchina aveva da poco ingaggiato Cesare Prandelli. Il tecnico di Orzinuovi lo schiera come titolare sin dalle prime giornate e quella squadra fece capire da subito l'intenzione di vincere il campionato: e così infatti avvenne. L'anno successivo in serie A venne confermato ancora Falsini che disputò una stagione esemplare segnando anche un gol da antologia a Cagliari: l'Hellas conquistò la qualificazione all'Intertoto a cui poi per scelta non prese parte. "Ho dei ricordi meravigliosi che mi legano alla città di Verona e alla tifoseria. Eravamo una squadra molto giovane e piena di entusiasmo e riuscimmo a conquistare la promozione in serie A e l'anno successivo addirittura il nono posto. Degli ultimi dieci anni è stato il miglior Hellas anche se non va dimenticata la prima parte di stagione dell'era Malesani. Auguro alla squadra una risalita immediata in B e poi un passo alla volta anche in A. Pugliese? Giochiamo nello stesso ruolo è vero, lui è un generoso uno di quelli che dà l'anima in campo. L'unica cosa che mi sento di dirgli è di continuare su questa strada dato che sta facendo molto bene". (A.B.)

01/04/2010 11:54
Martinelli: Resterò presidente del Verona per tanti anni
In un'intervista alla Gazzetta dello Sport il presidente del Verona parla del futuro della società: "Voci di cessione? Ci sono persone che mi hanno chiesto il Verona, anche qualcuno che è già stato qui, e non l'ho preso in considerazione: vado avanti io". "Un imprenditore puro avrebbe aspettato il fallimento, ma io sono anche tifoso e ho preferito così, facendo in modo che tanta gente non rimanesse fregata". "Con il Chievo si convive: ogni tanto salta fuori la storia della fusione, ma fino a quando io sarò qui, non credo che se ne riparlerà".

FONTE: TGGialloblu.it




[OFFTOPIC]
Foto di Leggo.it
VITA DA EX: ADAILTON mai così in forma in Italia stà facendo le fortune del BOLOGNA (alla cui guida si trova un altro ex scaligero: mister COLOMBA) con 10 gol di cui 4 su punizione «... Ma il più bello», dice alla Gazzetta dello Sport, «rimane quello segnato al VENEZIA con la maglia dell'HELLAS in Serie A». MUTU rischia 'solo' un anno: fortunatamente per lui la PNA (Procura Nazionale Antidoping) non gli ha contestato la recidiva! Dopo GUIDOLIN FOSCHI! Anche l'ex DS è stato accostato al club gialloblù in caso di promozione ma l'interessato nega tutto...CHAMPIONS LEAGUE: A Londra il BARÇA con IBRA ne fa 2 ma l'ARSENAL rinviene e pareggia. L'INTER vince col solito MILITO ma spreca l'impossibile contro il CSKA. LIGA SPAGNOLA: Debiti e niente stipendi anche nel 'nuovo' campionato più bello del mondo! L'AFE (l'associazione dei calciatori spagnola) minaccia scioperi... VOLLEY: Terzo KO per la MARMI LANZA contro TRENTO, addio ai playoff ma con onore! LEGA PRO: La PRO SESTO fallisce ma in Seconda Divisione rischiano anche OLBIA, LEGANO e VERCELLI... IL 'CUCCHIAIO'? NON SOLO NEL CALCIO! Guardate come questo giocatore di hockey su ghiaccio beffa il portiere avversario... EUROPA LEAGUE: Il LIVERPOOL passa in vantaggio ma poi si fa sorprendere dal BENFICA che recupera e vince 2 a 1! RANKIG FIFA: L'ITALIA Campione del Mondo perde una posozione e scivola al 5° posto superata anche dal PORTOGALLO... GOLF: Altro alloro mondiale per MANASSERO, veronese non ancora 17enne novello Tiger WOOD; è trionfo nella Georgia Cup! LUTTO NEL GIORNALISMO SPORTIVO: È morto Maurizio MOSCA, il famosissimo conduttore/ospite di tantissimo calcio in TV... FORMULA 1: RED BULL ancora in pole! In Malesia partiranno dalla seconda posizione la MEWRCEDES poi un'altra RED BULL, malissimo le FERRARI che partiranno dalla 19^ e dalla 21^ piazzola...


IL 'CUCCHIAIO'? NON SOLO NEL CALCIO! Guardate come questo giocatore di hockey su ghiaccio beffa il portiere avversario...

È MORTO MAURIZIO MOSCA: BISCARDI COMMOSSO IN TVhttp://www.leggo.it/LeggoNews/HIGH/20100403_mosca.jpg
È morto oggi Maurizio Mosca. Nato nel 1940, il giornalista è deceduto all'ospedale San Matteo di Pavia. Mosca, da tempo malato, faceva parte dello staff della trasmissione 'Guida al campionato'. Aveva lavorato sino all'ultimo: sul blog del programma, ieri aveva pubblicato l'ultimo articolo prendendo posizione sul complicato rapporto tra Josè Mourinho, allenatore dell'Inter, e Mario Balotelli, giovane attaccante nerazzurro.

WEBBER, POLE CON DILUVIO LE FERRARI SUBITO FUORI
La Red Bull di Mark Webber partirà in pole position (in una qualifica condizionata dalla forte pioggia caduta sul tracciato) domani nel gp della Malaysia, terza prova del mondiale di Formula 1. Seconda la Mercedes del tedesco Nico Rosberg. Terza piazza per l'altra Red Bull di Sebastian Vettel davanti alla Force India di Adrian Sutil nella griglia di partenza del Gran Premio della Malaysia. Quinto Nico Hulkenberg su Williams che ha preceduto la Renault di Robert Kubica. Settimo posto per l'altra Williams di Rubens Barrichello davanti alla Mercedes di Michael Schumacher ed alla Sauber di Kamui Kobayashi. Decima piazza per la Force India dell'italiano Vitantonio Liuzzi. L'altro italiano Jarno Trulli su Lotus eliminato nella Q1 partirà invece dalla diciottesima posizione.

GRIGLIA DI PARTENZA
1. Mark Webber (Aus) Red Bull 1'49«327;
2. Nico Rosberg (Ger) Mercedes 1'50»673;
3. Sebastian Vettel (Ger) Red Bull 1'50«789;
4. Adrian Sutil (Ger) Force India 1'50»914;
5. Nico Hulkenberg (Ger) Williams 1'51«001;
6. Robert Kubica (Pol) Renault 1'51»051;
7. Rubens Barrichello (Bra) Williams 1'51«511;
8. Michael Schumacher (Ger) Mercedes 1'51»717;
9. Kamui Kobayashi (Jap) Sauber 1'51«767;
10. Vitantonio Liuzzi (Ita) Force India 1'52»254;
11. Vitali Petrov (Rus) Renault 1'48«760;
12. Pedro De la Rosa (Spa) Sauber 1'48»771;
13. Sebastien Buemi (Svi) Toro Rosso 1'49«207;
14. Jaime Alguersuari (Spa) Toro Rosso 1'49»464;
15. Heikki Kovalainen (Fin) Lotus 1'52«270;
16. Timo Glock (Ger) Virgin 1'52»520;
17. Jenson Button (Ing) McLaren-Mercedes senza tempo;
18. Jarno Trulli (Ita) Lotus 1'52«884;
19. Fernando Alonso (Spa) Ferrari 1'53»044;
20. Lewis Hamilton (Ing) McLaren-Mercedes 1'53«050;
21. Felipe Massa (Bra) Ferrari 1'53»283;
22. Karun Chandhok (Ind) Hispania 1'56«299;
23. Bruno Senna (Bra) Hispania 1'57»269;
24. Lucas Di Grassi (Bra) Virgin 1'59«977

EUROPA LEAGUE: LIVERPOOL KO CON IL BENFICA PER 2-1
Nell'andata dei quarti di finale di Europa League, il Liverpool esce sconfitto dalla battaglia di Lisbona per 2-1 contro il Benfica. ‘Reds’ avanti con Agger poi restano in 10 per il ‘rosso’ a Babel e subiscono la rimonta portoghese grazie a due rigori trasformati da Cardozo. Negli altri incontri, Il Fulham continua la sua marcia europea battendo in casa 2-1 il Wolfsburg: i gol tutti nella ripresa con l'uno-due di Zamora al 14’ e Duff al 17’. La rete della speranza tedesca in vista del ritorno la segna il centrale di difesa Madlung con un gran colpo di testa al 43’. L’altra squadra tedesca in corsa, l’Amburgo, batte 2-1 lo Standard Liegi: al vantaggio belga di Mbokani al 30' del primo tempo, risponde il rigore di Petric al 42' e Van Nistelrooy due minuti dopo.
Discorso qualificazione comunque apertissimo. 2-2 nel derby spagnolo tra Valencia e Atletico Madrid: al ‘Mestalla’ un contropiede ben condotto da Aguero e finalizzato da Forlan porta in vantaggio i colchoneros al 14’. La reazione valenciana non si fa attendere e arriva con un gran destro da fuori di Fernandes al 21’. Atletico nuovamente in vantaggio con un gol di testa del capitano Antonio Lopez al 26’. Definitivo pareggio del Valencia al 36’ con la rete di David Villa.

OMARK COME TOTTI: "MO JE FACCIO ER CUCCHIAIO"
Linus Omark come Francesco Totti. Questo ragazzo ha beffato il portiere avversario facendo il famoso ‘cucchiaio’ del capitano giallorosso: la particolarità è che Omark è un giocatore di hockey… Totti ha diffuso nel calcio questa mania che ormai è entrata nel repertorio di diversi giocatori, che tentano così di eludere il portiere soprattutto dal dischetto. Anche in queste immagini è presente un dischetto, colpito con assoluta maestria. Il risultato è un gol incredibile premiato con una standing ovation del pubblico.

BARCA, NIENTE PIU' DUBBI: IBRA E' "IBRACADABRA"
Una doppietta all'Arsenal ieri sera nell'andata dei quarti di Champions, ed ecco che per la Spagna vengono spazzati via dubbi e critiche degli ultimi tre mesi sul basso rendimento dello svedese ed i paragoni graffianti con Samuel Etòo, emigrato a Milano nello 'scambiò con l'Inter. «È super-Ibra», proclama oggi Sport, il quotidiano sportivo catalano, sopra una fotografia a tutta prima pagina di Zlatan Ibrahimovic mentre segna il primo gol agli inglesi. «Ibracadabra!» titola Mundo Deportivo. Nonostante un primo tempo spumeggiante, il Barca ieri sera si è fatto rimontare dai gunners di Rafa Benitez, fra l'altro, come segnala El Pais, «dopo la sostituzione di Ibra con Henry». «Magnifico all'inizio, il Barca non ha saputo chiudere la partita», nonostante i due «golazos» di Ibra, rileva il giornale. Per Sport quello visto ieri nel primo tempo è stato «il miglior Barca della stagione». «Un gran Barca, commenta Marca, ha lasciato uscire vivo l'Arsenal» dalla partita.

Giovedì 01 Aprile 2010
Champions.
Un gran gol del Principe abbatte il Cska Mosca: 1-0 a San Siro. Raffica di occasioni sprecate

DEBITI E NIENTE STIPENDI SPAGNA: IL PALLONE IN CRISI
Non è tutto oro quello che luccica. Dopo il quasi fallimento del Portsmouth, i debiti del Manchester United e le difficoltà di molti club in Premier League, il campanello d'allarme ora suona in Spagna, con i conti delle società sempre più in rosso e i calciatori sul piede di guerra. I due campionati più ricchi, quelli che avevano tolto alla nostra Serie A il primato tecnico e morale di 'campionato più bello del mondò, sono nei fatti sull'orlo del fallimento. Tanto che in Spagna l'assocalciatori (Afe) già minaccia uno sciopero per l'11 aprile, giornata in cui si giocherà Real Madrid-Barcellona, nel caso in cui da Lega e federcalcio spagnola non dovessero arrivare le dovute garanzie sul pagamento degli stipendi da parte dei club. In tutto il calcio professionistico iberico infatti solo il 15% delle società è in regola con gli stipendi dei calciatori. Una situazione determinata da un quadro economico preoccupante: solo tra Liga e seconda divisione i debiti ammontano a 3.300 milioni di euro e 12 club rischiano l'applicazione della 'Ley Concursal', ovvero l'avvio di un procedimento fallimentare. Per Xerez e Mallorca il provvedimento dovrebbe essere ormai imminente.

A rappresentare bene lo scenario sono due riunioni svoltesi quasi in contemporanea lunedì scorso. In un albergo di Madrid 80 capitani di tutte le serie professionistiche spagnole, si sono riuniti per valutare l'ipotesi di soluzioni drastiche, come lo sciopero in Real-Barca. In un altro albergo a non molta distanza erano invece riuniti i rappresentanti di 13 club di prima e seconda divisione, tutti appartenenti ad un'organizzazione che raccoglie 30 società calcistiche medio-piccole, che minacciano di rinunciare ai diritti tv se le grandi non accetteranno la negoziazione collettiva. Una situazione che diventa sempre più disperata per molte squadre, anche perchè il salvacondotto per pagare solo la metà dei debiti non sembra un'ipotesi possibile. La Lega Calcio spagnola, lamentando scarsa liquidità, annuncia infatti di non poter garantire il pagamento degli stipendi dei calciatori delle società che dovranno ricorrere alla 'Ley Concursal'. L'ipotesi di uno sciopero dei calciatori non sembra così lontana.

FONTE: Leggo.it


09:48 del 02 aprile
Verona Anche Foschi
I veneti, vicini alla promozione in B, progettano il rilancio. Col direttore sportivo attiverebbe Guidolin come allenatore. Per la panchina del Parma è già pronto Marino. (Tuttosport)

FONTE: CalcioMercato.com


02.04.2010 11.05
ESCLUSIVA TMW - Foschi: "Basta accostarmi a chi è occupato!"
di Gianluigi Longari
Fonte: intervista di raffaella bon

Abbiamo contattato Rino Foschi, direttore sportivo di grande esperienza, attualmente libero da vincoli dopo il suo addio al Torino. Sono numerose le voci che lo vogliono vicino ad un ritorno in pista, in particolare si è parlato di Verona e Palermo. Vediamo cosa ne pensa il diretto interessato:
"Io vedo poche possibilità di un mio ritorno, assolutamente non capisco le voci che mi danno vicino al Verona: è una buona società che sta facendo un buon lavoro, ed ha un suo direttore sportivo. Tutte le società sono occupate, e dove c'è un direttore sportivo io non vedo cambiamenti, ho voglia di parlare con società che hanno posto vacante, altrimenti incorro in esperienze terribili come mi è già successo".

Quando dice esperienze terribili si riferisce a quando gli hanno affiancato Petrachi a Torino?
"No, ho afficancato anch'io direttori sportivi. Io dico solo che a una società dove già un ds non voglio essere nemmeno accostato. Per questo mi da' fastidio essere accostato al Verona che ha già coperto il mio ruolo da una persona che mi risulta essere anche molto brava".

Pensa a ricoprire la posizione di direttore generale?
"Io faccio il direttore sportivo, poi dopo uno può anche scegliere ma si può anche lavorare in sintonia, ora comunque non vedo società che hanno bisogno di un Foschi; sono quasi tutte coperte".

Anche Sabatini a Palermo?
"Io non credo che Sabatini vada via da Palermo: sta facendo molto bene, sta completando il lavoro che ho inziato io. So cosa vuol dire lavorare a Palermo, io ci sono stato molto bene, ho lavorato alla grande con Zamparini. Credo che si tratti solo di voci e non ne capisco nemmeno il perchè, visto che disturbano e basta".

02.04.2010 08.54
RASSEGNA STAMPA
Verona, si pensa all'accoppiata Foschi-Guidolin
di Marco Gori
Fonte: Tuttosport
Secondo l'edizione odierna di Tuttosport, il Verona, in caso di promozione in Serie B, vorrebbe ricreare nel capoluogo veneto l'accoppiata Foschi-Guidolin, protagonista nella stagione 2003-2004 della promozione in Serie A del Palermo.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Spagna
RISCHIO SCIOPERO CRISI ECONOMICA PER DODICI CLUB
Crisi economica per il calcio spagnolo. Dodici società sono sull’orlo del fallimento (3.300 milioni di euro di debiti totali) e quasi tutte sono in ritardo nei pagamenti degli stipendi. I giocatori minacciano uno sciopero per l’11 aprile.

GOLF
BATTUTO IL COREANO BYEONG-HUN AN
Capolavoro di Manassero trionfa nella “Georgia Cup”

Ranking Fifa
L’ITALIA PERDE UNA POSIZIONE E ORA È QUINTA
L’Italia campione del mondo continua a perdere posizioni nel ranking Fifa. Gli azzurri scivolano infatti dal quarto al quinto posto, sorpassati anche dal Portogallo. Invariate le prime tre posizioni, occupate da Spagna, Brasile e Olanda.

FONTE: DNews.it


Foschi allontana le voci: “Non vado al Verona”
Foschi allontana le voci: Non vado al Verona Da tempo si parla del ritorno di Rino Foschi nel mondo del calcio, ma ancora l’ex d.s. di Torino e Palermo non si è accordato con alcun club e smentisce categoricamente le voci che lo vorrebbero prossimo ad un passaggio al Verona: “Io vedo poche possibilità di un mio ritorno, assolutamente non capisco le voci che mi danno vicino al Verona: è una buona società che sta facendo un buon lavoro, ed ha un suo direttore sportivo. Tutte le società sono occupate, e dove c’è un direttore sportivo io non vedo cambiamenti, ho voglia di parlare con società che hanno posto vacante, altrimenti incorro in esperienze terribili come mi è già successo”, ha rivelato a tmw.
Brando de Leonardis

FONTE: CalcioNews24.com


31/03/2010 23:43
Il sogno finisce. La Marmi Lanza perde a Trento e saluta i play-off
Non c'era nulla da perdere in gara-3 contro Trento dopo che la serie play-off vedeva avanti i campioni trentini per 2-0. La Marmi Lanza ha giocato la sua partita in maniera dignitosa e provando a mettere anche in difficoltà Juantorena e compagni ma il risultato del campo ha detto 3-0. Si chiude così una stagione fantastica per i gialloblù, capaci di tornare a giocarsi dopo quattro anni le finali scudetto.

FONTE: TGGialloBlu.it


02/04/2010
Crac: Pro Sesto fuori dai giochi La Lega Pro lancia l'allarme... rosso
SECONDA DIVISIONE. La crisi minaccia anche Olbia, Legnano e Vercelli
Sul campo è lotta serrata per il primato in campionato e per non venire invischiati nella zona play out. Fuori, nelle stanze dei bottoni, è una battaglia per non fallire. Nel girone A di Seconda Divisione non passa settimana che non scricchioli il castello di qualche società.

Ed è delle ultime ore il fallimento della Pro Sesto, ultima in classifica già sul rettangolo verde e destinata alla retrocessione. Il tribunale di Monza ha messo la parola fine e il club biancoceleste passa ora nelle mani dei curatori fallimentari Maurizio Oggioni e Pino Sorrentino, già incaricati qualche anno fa di seguire il fallimento del Monza calcio. Dopo tutte le procedure del caso la Pro Sesto - ricordiamo che solo un anno fa era a lottare con il Verona in Prima Divisione - verrà messa all'asta.

Situazione non certo migliore si respirava fino poco tempo fa a Olbia dove a gennaio sono stati piazzati tutti o quasi i prezzi pregiati per l'impossibilità di far fronte agli impegni finanziari. Il successivo impegno di patron Franco Rusconi pare aver risolto, almeno per ora, il problema anche se ancora ai primi di marzo i giocatori avevano indetto una giornata di sciopero.

Dalle isole al fiorente triangolo lombardo le cose non mutano con i giocatori del Legnano da tempo a muso duro con i dirigenti per il mancato pagamento delle mensilità. Nubi diradate negli ultimi giorni in seguito all'importante cambio di quote proprietarie del club col passaggio delle azioni da Sobrino a Giacomo Tarabbia.
Non va meglio nemmeno in casa della gloriosa Pro Vercelli dove i giocatori, dopo aver scioperato per la seconda volta, sono andati a protestare dal sindaco. Vogliono i loro soldi col rischio che si avvicini la messa in mora dell'ultracentenario sodalizio. E alle porte di Torino, in casa Canavese, non sono mancati i venti di protesta per il ritardo nei pagamenti degli stipendi mentre nel Bresciano il presidente del Rodengo Saiano non ha mai nascosto i problemi di budget. Non è un caso se a gennaio la rosa è stata ridotta e mister Braghin se ne è andato senza tante spiegazioni. E la Sambo? Difficile avere risposte visto il perdurare del silenzio stampa ma stando ai soliti bene informati la situazione è fluida con gli stipendi pagati fino al termine di gennaio. Di questi tempi un quadro più che soddisfacente.
Stefano Joppi

01/04/2010
Assedio Inter, Milito fa breccia nel bunker Cska
CHAMPIONS LEAGUE/I QUARTI. A Mosca con una rete di vantaggio
Servito da Sneijder, il Principe va a segno al 20' della ripresa. Inutile l'arrembaggio finale dei nerazzurri. E Julio Cesar evita la beffa al 43' su Necid

01/04/2010
CALCIO & DOPING
Mutu rischia di restare fuori campo per un anno

FONTE: LArena.it
Vota questo articolo:
Vota su WikioVota su Fai InformazioneVota su ziczacVota questa notizia su Cronaca24Vota questa notizia su SurfPeopleVota su OkNOtizieVota questa notizia su PubblicaNewsVota questa news su Faves.com

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#VeronaMilan Caracciolo

#VeronaMilan Bessa


Wallpapers gallery